Navigation – Plan du site
Varia

Vetri tardo antichi da Villa Medici

Marco Rossi
p. 217-257

Résumés

Il testo documenta una selezione di vetri di età tardo antica provenienti dagli scavi archeologici di Villa Medici: i reperti sono datati tra la metà del IV e la prima metà del V sec. d.C. e si presentano suddivisi in vasi decorati ad incisione e/o abrasione, vasi decorati con applicazione di foglia d’oro o di gocce di vetro colorato. L’analisi si apre con un esemplare di coppa/lucerna con decorazione incisa ed excisa di tipo complesso: il vaso viene attribuito al gruppo del piatto con scene di vita marina e mostra campi circolari con cavalieri e riquadri rettangolari con scene dell’infanzia e dell’educazione di Achille presso il centauro Chirone. Un secondo esemplare analizzato approfonditamente è costituito da un calice decorato con lamina aurea che presenta un motto augurale in latino. Un ampio gruppo di frammenti è costituito da vasi incisi riconducibili al gruppo con incisioni lineari e abrasioni. Tra i ritrovamenti sono documentate anche lucerne con decorazione abrasa e orlo molato e coppe con applicazioni a goccia.

Haut de page

Plan

Haut de page

Texte intégral

Avertissement

1Henri Broise et Vincent Jolivet

 

  • 1 Broise – Jolivet 2015.

2Le mobilier des fouilles menées par l’École française de Rome et la Soprintendenza archeologica di Roma sur le piazzale de la Villa Médicis en 1999 a fait l’objet de plusieurs études ponctuelles qui auraient dû confluer, avec l’étude des vestiges archéologiques du palais impérial mis au jour, dans un volume de la collection Roma Antiqua : le deuxième après Pincio 1. Réinvestir un site antique, paru en 2009. Notre plan de publication prévoyait deux autres volumes, le troisième concernant le nymphée monumental de la Trinité-des-Monts, tandis que le dernier, consacré à la topographie générale du site, aurait vocation à rassembler les données des multiples fouilles préventives menées sur la colline depuis 1990. Pour contextualiser l’ensemble de ces travaux, on se reportera à l’article publié en 2015 dans le Bollettino di archeologia online1.

3Sans doute n’avions-nous pas bien mesuré la charge de travail et les problèmes économiques et logistiques qu’allait poser, dans le cadre qui était le nôtre, la publication d’un mobilier aussi abondant. Quelques années après la fouille, les travaux engagés dans l’immeuble de l’École française de Rome sur la place Navone, en entraînant le déplacement de l’ensemble du mobilier de ces fouilles dans des réserves malaisément accessibles de la Villa Médicis et du couvent de la Trinité-des-Monts, ont suscité de nouvelles difficultés d’accès aux objets, qui perdurent aujourd’hui.

  • 2 Jolivet – Sotinel 2012.
  • 3 Bruno 2005.

4Compte tenu de ces obstacles, et des retards qu’ils ont entraînés, il était évidemment légitime de porter à la connaissance des chercheurs certains résultats d’ores et déjà acquis : ainsi, le cadre historique a-t-il été résumé par Cl. Sotinel et V. Jolivet2, tandis que les marbres ont fait l’objet d’une étude préliminaire3.
 L’étude des principaux fragments de verre trouvés dans la fouille, achevée par Marco Rossi depuis plusieurs années, s’inscrit logiquement dans ce contexte de publication encore incertain. Mais tout sera fait au cours des prochaines années pour que ces contributions puissent être finalement pleinement replacées dans le cadre topographique et stratigraphique qui est le leur.

Introduzione

  • 4 Broise – Jolivet 2009; Broise – Dewailly – Jolivet 1999-2000; Broise – Dewailly – Jolivet 2000a.
  • 5 Jolivet – Sotinel 2012.

5Lo studio di un gruppo specifico di vetri di epoca tardo antica provenienti da Roma scaturisce dalle prolungate indagini archeologiche svolte dall’École française de Rome sulla collina del Pincio4, in un’area un tempo occupata dagli Horti Luculliani, poi dalla domus Pinciana5, ed attualmente corrispondente al piazzale interno della Villa del cardinale Ferdinando de’ Medici. Il gruppo selezionato di frammenti di vetro costituisce un lotto di materiali esemplificativi della varietà tipologica del materiale ritrovato nei diversi settori indagati di un lussuoso edificio tardo antico (fig. 1). Nonostante la frammentarietà dei reperti, il loro interesse scientifico nell’ambito degli studi di questa fase della storia della città giustifica lo sforzo di un’edizione, seppur non integrale, di questa classe di materiale.

Fig. 1 – Pianta schematica dello scavo del piazzale interno di Villa Medici: settori relativi ai rinvenimenti.

Fig. 1 – Pianta schematica dello scavo del piazzale interno di Villa Medici: settori relativi ai rinvenimenti.

Dis. M. Rossi sulla base del rilievo dell’arch. H. Broise.

6I reperti presentati attestano l’uso diversamente combinato di tecniche decorative utilizzate in quest’epoca, quali l’incisione profonda derivata da una punta sottile o di una rotina, l’incisione superficiale a graffio eseguita con l’ausilio di un tornio, l’excisione della superficie con asportazione della massa vetrosa, l’abrasione superficiale di aree o motivi decorativi, l’applicazione di gocce di vetro colorato o l’applicazione di lamina d’oro ritagliata.

Coppa/lucerna di vetro inciso con storie dell’infanzia di Achille (n. 1)

  • 6 I frammenti VL 12401003.1 e VL 12404014.
  • 7 Vetro intagliato VL 12401003.1 (equivalente a n. di scavo VL.92.MX.103.1, ritrovamento dell’11-XI- (...)

7Durante le indagini sono stati recuperati due frammenti6 appartenenti ad un medesimo manufatto in vetro. Il rinvenimento del frammento maggiore (A7, fig. 2-3) che conserva resti dell’orlo risale al 1992: il vetro proviene da un riempimento di una fossa connessa con il muro perimetrale nord-occidentale della residenza che occupa l’area del piazzale. La presenza evidente di un’incisione superficiale con uno schema compositivo di tipo geometrico, unita alla estrema instabilità della patina superficiale del vetro, hanno condotto durante l’iniziale trattamento del materiale ad una immediata operazione di consolidamento, effettuata per stabilizzare la materia vitrea ed evitare la sua esfoliazione.

Fig. 2-3 – Esemplare n. 1, frammento A.

Fig. 2-3 – Esemplare n. 1, frammento A.

Foto e dis. M. Rossi.

  • 8 Vetro intagliato VL 12404014 (equivalente a n. di scavo VL. 99.MX.414, ritrovamento del 17-III-99) (...)

8Dopo una lunga pausa delle ricerche, alla ripresa delle operazioni di scavo nel 1999, è stato ritrovato un secondo frammento dello stesso vaso (B8, fig. 4-5) in un riempimento superficiale di rimaneggiamento dell’area porticata tardo antica: questo frammento di parete costituisce una parte solidale col primo frammento ritrovato e si è mostrato essenziale per la ricomposizione ed interpretazione della raffigurazione incisa.

Fig. 4-5 – Esemplare n. 1, frammento B.

Fig. 4-5 – Esemplare n. 1, frammento B.

Foto e dis. M. Rossi.

Il contesto di ritrovamento

  • 9 Broise – Dewailly – Jolivet 2000b, p. 114.

9Il ritrovamento del primo frammento, come già accennato, va messo in relazione con una trincea di fondazione dell’edificio porticato tardo antico, mentre il secondo è connesso ad un riempimento rinascimentale di materiali disomogenei. Dal riempimento della trincea di fondazione provengono alcune monete la più recente delle quali risale a Valentiniano I (364-375). Le strutture dell’edificio, interpretate dagli scopritori come un padiglione con funzioni di rappresentanza, sono state datate agli inizi del V sec. d.C. sulla base dell’utilizzo di bipedales timbrati con il bollo laterizio REI PVBL[ICAE], in uso a Roma all’epoca dell’imperatore Onorio9 (395-423).

10In particolare il padiglione – dotato di uno scenografico porticato e di un raffinato sistema di riscaldamento dei vani – è stato messo in relazione ad una visita di questo imperatore a Roma dopo il sacco di Alarico del 410 d.C. ed alle vicende di un personaggio di spicco della corte romana, Prisco Attalo, di origine greca d’Asia. Questo aristocratico di fede pagana poi convertitosi, cercò ripetutamente (nel 409-410 e nel 414-415), con l’appoggio di Alarico, di usurpare il potere; sconfitto e mutilato partecipò al trionfo di Onorio a Roma celebrato nel 416 d.C.

11Sulla base dei confronti ed in conformità con il contesto di provenienza la datazione del reperto può essere fatta risalire ai decenni centrali del IV sec. d.C.

Il manufatto e la sua decorazione

  • 10 I due cerchi di dimensione simile misurano 1,8/2 cm di diametro.

12I due frammenti combacianti presentano l’orlo e parzialmente la parete di un contenitore dal profilo troncoconico svasato e superiormente piatto: la forma appartiene ad un tipo di coppa e si ignora l’andamento del profilo del fondo. La coppa di vetro incolore risulta decorata all’esterno con motivi geometrici e figurati ad incisione con tagli modulati di diverso spessore (fig. 6). La superficie si presenta completamente lavorata ed è estesamente excisa: il vaso presentava originariamente un orlo ispessito di sagoma squadrata ed un profilo con andamento lineare piuttosto regolare. L’esecuzione della decorazione ha comportato la rimozione mirata di parte della massa vetrosa della parete da cui è derivato il profilo discontinuo dell’orlo con una forte depressione concava alla base: la coppa mostra infatti un orlo ispessito ed appiattito superiormente con un profondo solco orizzontale esterno (fig. 7). Il corpo ha una sagoma vagamente troncoconica e si sviluppa verso il basso con una serie di campiture rilevate intagliate secondo uno schema geometrico complesso: la superficie è limitata in alto da due bande orizzontali parallele, suddivise da una banda verticale in due parti, in cui si dispongono riquadri rettangolari racchiusi entro larghe cornici incise fittamente a graticcio; il punto di incrocio tra la banda verticale e le bande orizzontali è sottolineato da medaglioni circolari intagliati (di cui due sono conservati)10.

Fig. 6 – Esemplare n. 1, disegno dei frammenti ricongiunti.

Fig. 6 – Esemplare n. 1, disegno dei frammenti ricongiunti.

Foto e dis. M. Rossi.

Fig. 7 – Esemplare n. 1, disegno della coppa/lucerna.

Fig. 7 – Esemplare n. 1, disegno della coppa/lucerna.

Dis. M. Rossi.

13La decorazione incisa è limitata da bande rettangolari e campi figurativi: le bande rilevate che suddividono il vaso secondo partizioni geometriche regolari sono campite da una fitta incisione con un disegno a graticcio ortogonale a scacchiera alternato ad un motivo a losanghe eseguite con una doppia incisione. Le cornici dei campi figurati rettangolari sono state invece campite da un fitto tratteggio a graticcio obliquo a steccato. I due tondi intagliati conservati presentano il tema del cavaliere sul cavallo impennato in corsa, mentre l’immagine figurata del riquadro rettangolare di destra, maggiormente conservato, presenta una scena di combattimento.

Fasce decorative e partizioni geometriche

  • 11 Il disegno apparentemente grossolano del cerchio presenta esternamente i segni irregolari dei tagl (...)

14Le fasce decorative parallele orizzontali e quella verticale sono decorate in modo omogeneo da incisioni lineari a graticcio ortogonale (a scacchiera) alternate a losanghe formate da intagli profondi e accurati; le cornici dei campi figurati rettangolari sono incise con un graticcio orientato in modo obliquo (a tratteggio obliquo incrociato), mentre il contorno dei campi a medaglione circolare è stato eseguito tramite un largo solco exciso di aspetto irregolare perché ottenuto da una serie di profondi tagli obliqui consecutivi11.

Tondo superiore (fig. 8)

Fig. 8 – Dettagli dell’esemplare n. 1, intaglio figurativo del tondo superiore.

Fig. 8 – Dettagli dell’esemplare n. 1, intaglio figurativo del tondo superiore.

Dis. M. Rossi.

15All’interno del medaglione circolare superiore compare la figura di un cavaliere a cavallo rivolto verso destra con una corta veste che copre solo il busto dalle spalle ai fianchi; il cavaliere volge lo sguardo in alto verso destra accompagnando l’incedere della cavalcatura. Il cavallo è raffigurato in moto al galoppo veloce verso destra come indicano le zampe anteriori levate e le zampe posteriori divaricate in una larga falcata con la coda alta e svolazzante; la zampa posteriore sinistra risulta parzialmente mancante trovandosi tagliata fuori dal limite del campo circolare della decorazione.

Tondo inferiore

16Il medaglione circolare inferiore conserva la testa di una figura maschile rivolta a destra e le orecchie di un quadrupede: il disegno corrisponde perfettamente alla raffigurazione del cavaliere incedente al galoppo del tondo superiore.

Campo rettangolare destro (fig. 9)

Fig. 9 – Dettagli dell’esemplare n. 1, intaglio figurativo del campo rettangolare destro.

Fig. 9 – Dettagli dell’esemplare n. 1, intaglio figurativo del campo rettangolare destro.

Dis. M. Rossi.

17Il riquadro rettangolare destro presenta a sinistra una figura maschile stante su una linea di fondo, con il braccio destro levato nel gesto di scagliare una corta lancia raffigurata già saettante sullo sfondo; la figura reca un mantello sul fianco destro che ricopre anche il braccio e la spalla e si tende svolazzando ad accompagnare il gesto di attacco del personaggio che si mostra teso sulla gamba sinistra ed in appoggio sulla gamba destra flessa e piegata.

18Sulla destra compare un antagonista costituito da un centauro conservato solo parzialmente: l’essere mitologico è raffigurato incedente sulla linea del piano mentre tiene la mano sinistra sul fianco e solleva la destra con un gesto che si lega alla posizione della testa ripiegata all’indietro a seguire la traiettoria della punta scagliata in aria.

Campo rettangolare sinistro

19Il riquadro rettangolare sinistro è limitatamente conservato e non permette una piena comprensione della raffigurazione in cui si distingue comunque – in basso – la parte posteriore di un quadrupede (verosimilmente felino o equide) di cui si intravede la coda lunga e sottile: l’animale è rappresentato sdraiato a terra, mentre in alto è sospeso un tendaggio trattenuto aperto e sollevato.

Tecnica di esecuzione e dettagli

  • 12 Si tratta di una specifica esecuzione con ritaglio della massa vetrosa ed incisione dei dettagli a (...)

20A seguito di una accurata osservazione della complessità e varietà dei tagli eseguiti sulla coppa sono apparsi evidenti alcuni elementi di omogeneità: i particolari minuti della decorazione sono resi con tagli poco profondi e dal perimetro arrotondato, tramite tagli angolati eseguiti con un solco sottile a ruota, come riscontrabile ad esempio nei dettagli della veste e delle chiome delle figure; invece altri elementi del disegno sono suggeriti con la rimozione di materiale o con la modulazione del piano di fondo tramite tagli ampli, quasi paralleli alla superficie, come ad esempio nel volume dei corpi e nell’articolazione plastica delle masse muscolari delle figure12. Risulta evidente che questo tipo di taglio per asportazione di porzioni di vetro (excisione) è stato applicato anche nella esecuzione del campo di fondo non decorato ed esterno alla decorazione geometrica.

21È lecito immaginare che l’esecuzione del disegno abbia comportato una prima operazione di taglio schematico, tramite l’asportazione di spesse porzioni di materiale, seguita successivamente da un’operazione di definizione dei dettagli tramite solchi angolati ed orientati in modo mirato; si osserva peraltro che la particolare resa con piani sfumati per i volumi e solchi angolati per i dettagli sia analoga a quella della glittica in pietra dura.

22Le decorazioni figurative sono racchiuse in campi rettangolari incorniciati da incisioni a motivi geometrici semplificati, oppure in campi circolari delimitati da un profondo solco lineare: da un punto di vista semiotico la trasmissione del messaggio avviene tramite l’evidenziazione del disegno figurato che emerge dalle campiture lisce del fondo tramite fasce di raccordo con decorazioni geometriche in un ritmo compositivo complesso; le fasce orizzontali e verticali risultano maggiormente evidenziate per il distacco fisico dal fondo dovuto al marcato ritaglio in sottosquadro della superficie non decorata del vaso.

23Tale particolare circostanza potrebbe essere collegata con la tecnica di esecuzione in quanto poteva facilitare l’eventuale correzione di errori nell’esecuzione dei raccordi geometrici tra i vari campi disegnati: le incertezze o le incorrettezze della resa potevano venire rettificate durante l’excisione del campo di fondo con l’eliminazione del materiale superfluo.

24Nonostante la straordinaria capacità tecnica degli antichi artefici dei vetri diatreti, la possibilità di imprecisioni nell’esecuzione risulta confermata dall’orientamento di una delle fasce orizzontali del vaso allineata irregolarmente rispetto all’ordine geometrico.

Tecnica di lavorazione a rotina

  • 13 Attualmente si effettua una operazione conclusiva di lucidatura con una rotina di sughero.

25I caratteri della lavorazione di questo vaso riconducono all’utilizzo della tecnica della rotina (o mola) per la decorazione del vetro, una modalità che evidentemente si ricollega all’incisione in uso sui materiali in pietra dura, documentata fin da epoca remota. Analizzando l’analogia con la tecnica tuttora in uso è possibile farsi un’idea della metodologia dell’incisione antica: lo strumento era costituito da una rotella verticale di metallo (di rame come quella utilizzata attualmente, o più verosimilmente di bronzo in epoca antica), variabile per la dimensione del diametro e dello spessore; la rotella era applicata tramite una barretta cilindrica ad un tornio che permetteva di imprimere un movimento rotatorio. Il taglio del vetro doveva avvenire tramite una sospensione oleosa di polvere abrasiva applicata sulla rotella usata come una lama rotante, in modo da incidere progressivamente la superficie del materiale da intagliare, che a fine operazioni veniva anche lucidata in modo omogeneo13.

Proposta di ricostruzione dell’apparato figurativo a campi regolari

26La decorazione originaria del vaso è ricostruibile sulla base degli elementi conservati: la parte figurativa/narrativa dell’incisione comprende riquadri geometrici rettangolari con scene complesse (una scena di combattimento ed una scena con un animale accosciato), i campi figurati sono integrati in una griglia geometrica di tipo modulare (fig. 10) articolata tramite bande decorative orizzontali e verticali mentre nei punti di snodo ed incrocio tra le bande compaiono campi circolari con decorazione omogenea di cavalieri al galoppo. La ricostruzione possibile dell’aspetto formale di questa larga coppa profonda si basa su un rigido sistema geometrico a fasce verticali e bande orizzontali, arricchito dalla presenza di medaglioni circolari con la ripetuta raffigurazione di cavalieri (clipei che ricordano le falere decorative in vetro di analoghe dimensioni), mentre negli spazi risparmiati sono riprodotti riquadri rettangolari con scene figurate diversificate (fig. 11).

Fig. 10 – Dettagli dell’esemplare n. 1, ricostruzione della composizione geometrica excisa.

Fig. 10 – Dettagli dell’esemplare n. 1, ricostruzione della composizione geometrica excisa.

Dis. M. Rossi.

Fig. 11 – Esemplare n. 1, ricostruzione della decorazione incisa ed excisa.

Fig. 11 – Esemplare n. 1, ricostruzione della decorazione incisa ed excisa.

Dis. M. Rossi.

Analisi funzionale del tipo: lucerna vitrea

  • 14 Isings 1957, p. 113-116, forma 96.
  • 15 Crowfoot – Harden 1931, fig. 1-3.
  • 16 Si segnala che tra i reperti metallici ritrovati nello scavo del settore 10300 (ed ancora in corso (...)
  • 17 Sternini 1989a, fig. 4:14-7:41.
  • 18 Pauli Silentiarii descriptio ecclesiae Sanctae Sophiae et amboni, vs. 823-826; Bekker 1837, p. 39; (...)

27La forma del recipiente è quella di una coppa larga e profonda, con la parete del corpo conservato che mostra un profilo lineare teso e quasi verticale: il tipo è ampiamente documentato a Roma anche se non sembra una forma caratterizzata da una frequente presenza di decorazione figurata. In genere nel repertorio formale in vetro del periodo tardo antico gli esemplari decorati più frequenti sono le coppe emisferiche spesso larghe e profonde o i piatti: si distinguono anche bicchieri di piccole dimensioni che presentano una parete particolarmente sottile, la cui decorazione ad incisione risulta poco profonda e nella cui produzione l’uso della rotina viene finalizzato ad un’abrasione e ad una campitura delle superfici (lo strumento metallico viene utilizzato come una mola rotante per abradere la superficie ed opacizzare settori limitati del vaso). Nel caso della coppa da Villa Medici la forma particolarmente slanciata, a corpo troncoconico con parete quasi verticale ed un orlo squadrato, ricorda vagamente la forma 96 b della classificazione Isings14 (che richiama la forma Crowfoot-Harden XVIII15); le tracce della rifinitura dell’orlo, tagliato e molato sulla larga imboccatura del vaso, riportano ad un particolare utilizzo del contenitore vitreo quale lucerna, tipico del periodo16. Si tratta di un raffronto quindi con un tipo di lucerna vitrea che nel IV e nel V secolo d.C. costituisce il gruppo più cospicuo tra le varie forme vitree documentate dai ritrovamenti archeologici17: questa tipologia vascolare vitrea è peraltro rievocata letterariamente da un passo della lunga descrizione di Paolo Silenziario18 scritta in occasione della riapertura della chiesa di Santa Sofia di Costantinopoli nel 563 d.C. in cui si sottolinea il fastoso uso di lampade vitree a sospensione.

Analisi della decorazione: interpretazione e paralleli

  • 19 Paolucci 1997, p. 42, fig. 10.
  • 20 Sul tema iconografico di Achille e sulla sua evoluzione nel tempo vedi Ghedini 1994 e più recentem (...)
  • 21 Sui differenti temi iconografici nei generi artistici cfr. LIMC; sul rapporto iconografico tra l’a (...)

28Nonostante la limitatezza della superficie conservata della coppa sembra utile soffermarsi ulteriormente sull’analisi iconografica. La scena maggiormente conservata raffigura un episodio mitologico con un eroe ed un centauro19, una tematica identificabile che in epoca tardo antica sembra doversi ricercare in un ambito riferibile alle figure di Ercole o Achille20, come suggerito dalla documentazione di pitture, mosaici, argenterie, rilievo e ceramica sigillata tarda21.

Scena mitologica

  • 22 Borda 1958, p. 204, fig. a p. 201.
  • 23 Stefani 2006, p. 198-199, fig. 280: in basso.

29Occorre premettere che non risulta un esatto confronto di questa raffigurazione su altri esemplari di vetro inciso. Per i confronti possibili in epoca imperiale all’interno del repertorio di ambito erculeo è documentato in pittura l’episodio della punizione del centauro, reo di oltraggio nei confronti di Deianira. In un esemplare di pittura dalla casa del centauro di Pompei attualmente conservato al Museo archeologico Nazionale di Napoli22, alla corretta interpretazione della raffigurazione concorre la presenza della giovane donna e degli attributi dell’eroe semidivino assenti dall’immagine in vetro. Per quanto riguarda le attestazioni nella toreutica della raffigurazione delle gesta di Ercole va segnalata la coppia di skyphoi d’argento con imprese di Ercole del tesoro del Menandro ritrovato a Pompei: una delle coppe presenta la scena della lotta tra un Ercole maturo (barbato) ed il centauro Pholos23.

  • 24 Bianchi Bandinelli 1970, fig. 197; Pirzio Biroli Stefanelli 1991, p. 290, cat. 149, fig. 69.

30Un generico ma interessante parallelo è documentato da una decorazione con centauri assaliti da animali selvaggi sul coperchio di una coppa d’argento datata nella seconda metà del IV sec. d.C. La coppa con coperchio fa parte di un tesoro rinvenuto a West Row, località presso Mildenhall nel Suffolk ed attualmente conservato al British Museum di Londra24: sebbene con uno stile naturalistico classicheggiante, alcuni dettagli come la capigliatura a coste o alcuni panneggi che coprono il braccio e sono mossi dal vento ricordano la resa a tratti paralleli della capigliatura del centauro ed il manto svolazzante dell’eroe della coppa di Villa Medici.

  • 25 Pirzio Biroli Stefanelli 1991, p. 295-296, cat. 163, fig. 234-237.

31Un secondo possibile confronto per questa scena è costituito da un piatto ottagonale d’argento con scene della vita di Achille datato alla prima metà del IV sec. d.C.: il grande piatto fa parte del tesoro ritrovato a Kaiseraugst (Augusta Raurica) ed è attualmente conservato al Römermuseum di Augst, presso Basilea25.

  • 26 Ibid., p. 310, cat. 204, fig. 249.
  • 27 Del Moro 2000a.

32La raffigurazione delle vicende dell’eroe greco non sembra unica in questa fase, come dimostra la presenza nel tesoro di Seuso di un grande piatto d’argento con scene della vita di Achille26, datato verosimilmente alla seconda metà del IV sec. d.C. Anche nel repertorio decorativo della ceramica sigillata africana della seconda metà del IV-inizio del V sec. d.C. compare l’eroe greco: su alcuni esemplari di vassoi, analoghi morfologicamente agli esemplari metallici, compare sul bordo un fregio con episodi dettagliati della vita di Achille27.

  • 28 L’abbigliamento è quello del giovane Alessandro visibile sul mosaico di Pella con la caccia al leo (...)

33Nell’esemplare argenteo ritrovato a Kaiseraugst il medaglione centrale presenta la famosa scena del riconoscimento di Achille a Sciro, mentre la tesa del piatto presenta un lungo registro con dieci scene della sua vita, tra cui diverse immagini relative alla sua educazione presso il centauro Chirone costituite da lezioni di caccia, di lettura e di lancio del disco (fig. 12). Quest’ultimo episodio risulta particolarmente interessante per un confronto: Chirone viene raffigurato mentre tiene la mano levata per dare l’avvio alla prova, e la scena permette di chiarire il gesto del centauro della coppa vitrea, inoltre, il giovane eroe imberbe nel piatto argenteo è raffigurato con il braccio sinistro avvolto da un corto mantello come nella raffigurazione della coppa di Villa Medici. Il dettaglio del mantello corto è legato ai vari episodi relativi all’adolescenza dell’eroe e rappresenta di regola il suo unico abbigliamento28.

Fig. 12 – Disegno schematico fuori scala, episodi della vita di Achille tratti dal piatto ottagonale di Kaiseraugst.

Fig. 12 – Disegno schematico fuori scala, episodi della vita di Achille tratti dal piatto ottagonale di Kaiseraugst.

Dis. M. Rossi.

  • 29 Sul tema iconografico della paideia di Achille vedi Ghedini 2009, p. 67-77.
  • 30 Albertoni 2000.

34La mantellina non sembra comparire figurativamente negli episodi relativi alle vicende di Ercole e questo indizio permette di interpretare le scene della coppa come episodi della vita di Achille. La scena del campo rettangolare destro va interpretata come un episodio dell’adolescenza di Achille29, identificabile in una lezione di lancio impartita da Chirone. Un secondo motivo figurativo che trova elementi di confronto è il tendaggio aperto presente nel campo rettangolare sinistro della stessa coppa, che mostra analogie con alcuni episodi raffigurati nel piatto di Kaiseraugst in cui i campi rettangolari dei diversi episodi sono separati da colonne: il tendaggio (o cortina pendente) indica frequentemente l’ambientazione di una scena figurativa in un interno e si riscontra in altre categorie di materiali tra cui ad es. anche l’osso lavorato30. Si nota infatti che sul piatto argenteo gli episodi che riguardano ogni vicenda urbana della vita giovanile dell’eroe (si tratta di varie scene: la nascita di Achille, Teti che affida Achille al centauro Chirone, Chirone che riconsegna Achille a Teti, Teti che affida Achille al re Licomede, Achille che trascorre le giornate a Sciro travestito da donna con le figlie del re Licomede) sono limitati da un tendaggio aperto al margine della scena, che risulta assente negli episodi ambientati all’aperto, come nella scena dell’immersione nelle acque dello Stige e negli episodi della fase di vita dell’eroe sul monte Pelio presso Chirone.

  • 31 Cima 2000, p. 608.

35Nella coppa di Villa Medici la scena di sinistra, per una questione di logica strutturale di un reperto figurativamente così complesso, deve riguardare un avvenimento cronologicamente prossimo all’episodio dell’educazione presso il centauro: potendosi riconoscere parte del corpo di un quadrupede accosciato (che è verosimile interpretare come il centauro), la scena potrebbe raffigurare l’affidamento del neonato al suo istruttore oppure la riconsegna dell’adolescente alla madre. Un confronto estremamente illuminante ai fini di una ulteriore puntualizzazione si ritrova in un altro manufatto di epoca tardo antica, la mensa con scene della vita di Achille del Palazzo dei Conservatori, riutilizzata nel Medioevo come pannello nell’ambone della basilica di S. Maria in Aracoeli e dal XVIII secolo conservata nelle collezioni dei Musei Capitolini. Il fregio esterno della mensa circolare marmorea, che risale al IV sec. d.C., raffigura episodi della vita di Achille di cui cinque illustrano le vicende che precedettero la guerra di Troia; l’episodio dell’affidamento a Chirone mostra chiaramente una posa accosciata del centauro che accoglie il piccolo eroe31 (fig. 13: l’episodio compare a sinistra dell’albero centrale che separa le scene evidenziate dal disegno). Sulla base di questo riscontro la soluzione qui ipotizzata per la coppa di Villa Medici prevede uno sviluppo ricostruibile degli episodi raffigurati sul corpo del vaso in senso orario: in un campo l’affidamento di Achille al centauro e di seguito la sua educazione sportiva presso Chirone (la corta lancia scagliata dall’eroe incisa nel vetro è morfologicamente simile alla freccia tenuta dall’eroe nell’episodio della caccia al leone come si osserva sulla mensa dei Musei Capitolini; fig. 13: l’episodio si sviluppa tra l’albero ed il pilastro che separa dalla scena successiva tagliata dal disegno schematico).

Fig. 13 – Disegno schematico fuori scala, porzione di mensa marmorea con scene della vita di Achille dei Musei Capitolini.

Fig. 13 – Disegno schematico fuori scala, porzione di mensa marmorea con scene della vita di Achille dei Musei Capitolini.

Dis. M. Rossi.

Medaglioni con cavaliere a cavallo

  • 32 Paolucci 2002, p. 17.
  • 33 Pirzio Biroli Stefanelli 1991, p. 285, cat. 135, fig. 73, 285.
  • 34 Albarello 2000.

36Motivi figurativi secondari compaiono sulla coppa vitrea nei medaglioni circolari. Nella decorazione dei vetri incisi le composizioni con medaglioni sono spesso presenti e talvolta vengono convenzionalmente denominati clipei, in questo esemplare si alternano ordinatamente ai campi rettangolari e sono uniti tra loro tramite bande ad incrocio ortogonale: è stata sottolineata da tempo l’origine di queste composizioni geometriche da prototipi metallici32, anche se in realtà il confronto con le argenterie tardo antiche mostra una certa derivazione dai motivi tessili modulari con medaglioni circolari (è stato osservato infatti come il motivo a medaglione sul vassoio d’argento da Mâcon sembri adattato alla forma metallica e conseguentemente risulta tagliato)33. In alcune raffigurazioni molto dettagliate sono visibili tessuti che associano campi rettangolari e circolari (rotae) su un fondo scandito da medaglioni: ad esempio la copia di un cronografo del 354 d.C. mostra Costanzo II che indossa una sontuosa veste gemmata che presenta grandi analogie compositive con lo schema in questione34.

  • 35 Grabar 1967, p. 82-89.
  • 36 Dorigo 1966, fig. 132, 140.

37Simili soluzioni sono peraltro adottate anche nel ritmo compositivo utilizzato nelle pitture delle volte di epoca romana avanzata: lo spazio viene definito da un motivo centrale intorno al quale viene tessuta una rete di tratti con qualche figura o gruppo di figure, dipinti all’interno di cornici a tratti semplici35; schemi certamente comuni nell’origine con le realizzazioni geometriche complesse a medaglioni e pannelli dei pavimenti musivi di epoca tarda36. L’ovvia evidenza che deriva da questi peraltro generici accostamenti è che l’adozione di linguaggi figurativi simili nei vari generi è dovuta semplicemente all’appartenenza allo stesso orizzonte culturale/artistico ed alla circolazione delle immagini (tramite fonti iconografiche o cartoni comuni).

  • 37 Per una efficace raffigurazione del tipo di abbigliamento militare di un ufficiale di epoca tarda (...)

38Si può osservare come la figura del cavaliere a cavallo della coppa sia stata inserita nel medaglione tagliando una zampa dell’animale, mostrando un’operazione di adattamento di un’immagine di diversa origine. Il cavaliere mostra una particolare raffigurazione dell’abbigliamento: il suo busto è reso con un tratteggio verticale a lunghi tagli orientati che assume l’aspetto di una veste corta. L’insolito indumento potrebbe corrispondere ad una specie di corsaletto militare37 o ad un corpetto sportivo, come un corazzino a squame od un abbigliamento da auriga/fantino di cui esistono varie attestazioni.

  • 38 Del Moro 2000b; Metzgen 2000; Schwinden 2000.
  • 39 Paris 1990, p. 149, fig. 123; Sapelli 2000.
  • 40 Due frammenti di medaglioni circolari con cavalieri a cavallo rivolti verso destra sono segnalati (...)

39L’immagine dell’auriga, oltre che nei mosaici e nelle ceramiche di produzione africana, ricorre frequentemente nei vasi vitrei incisi in cui compare il tema della corsa nel circo ma anche in rare altre tipologie materiali come le pedine da gioco in osso, le placche metalliche38 e le decorazioni marmoree ad opus sectile39: di regola queste figure di sportivi indossano una tunica corta molto riconoscibile per la presenza di stringhe di cuoio protettive che rivestono il torace, ma che sono assenti nella resa caratterizzata della coppa vitrea di Villa Medici. L’immagine del vaso sembra piuttosto riferirsi genericamente ad una tipologia ideale di cavaliere/eroe che si lega con la tematica dei riquadri con la vita di Achille; il motivo del cavaliere non sembra comunque isolato ma è documentato proprio come motivo decorativo di medaglioni circolari su altri esemplari di coppe di vetro intagliate40.

  • 41 Smith 2003, p. 69-70, fig. 4; Smith 2014, p. 130, cat. 62, fig. 172g. Ringrazio sentitamente Lucia (...)

40A proposito dei raffronti possibili è doveroso segnalare la forte analogia decorativa con un frammento di coppa emisferica incisa con medaglioni circolari e campi rettangolari proveniente dallo scavo delle pendici nord-orientali del Palatino41: il frammento mostra nel tondo un cavaliere rivolto verso destra mentre nel campo rettangolare compare una scena di commiato tra un cavaliere e una figura femminile. Questo particolare esemplare rappresenta il confronto più stringente con il frammento di Villa Medici perché oltre alla presenza del motivo del clipeo con cavaliere in esso è possibile riscontrare anche un equivalente ritmo compositivo dell’incisione: in entrambi i casi compaiono una simile tessitura geometrica e un’analoga distribuzione spaziale dei motivi decorativi mentre al contrario le coppe si diversificano per la morfologia, per le dimensioni ed il rispettivo rapporto tra gli elementi incisi come è visibile nella differente altezza della fascia modanata sotto l’orlo e nell’ampiezza del registro rettangolare che nel frammento dal Palatino si estende fino a toccare il tondo figurato.

Pertinenza della lucerna con scene figurate ad un gruppo di produzione romano

  • 42 De Tommaso 1989; Saguì 1993; Paolucci 2002.
  • 43 Questo gruppo è stato anche definito Gruppo a clipei (Paolucci 2002, p. 17-20) ma in merito alla s (...)
  • 44 De Tommaso 1989, p. 99-101.

41Sulla base degli studi recenti sulla produzione vetraria romana in epoca tardo antica42 è agevole ricondurre la produzione della lucerna incisa con le storie di Achille da Villa Medici ad un atelier di produzione di ambito romano. L’esemplare rientra nel gruppo identificato sulla base del Piatto con scene di vita marina conservato al Museo Nazionale Romano e proveniente dal Museo Kircheriano43: il gruppo è facilmente distinguibile perché caratterizzato da una composizione a campi geometrici con spesse incorniciature incise (medaglioni circolari, rettangoli e quadrati con cornici fittamente decorate con motivi di riempimento). Il criterio distintivo più evidente risiede quindi nella suddivisione della superficie con una struttura rigida e complessa con decorazioni figurate limitate ad una singola immagine nei campi minori ed ampliata ad un numero superiore nei campi maggiori44.

  • 45 Saguì 1993, p. 124.

42La costruzione geometrica della decorazione utilizzata in questo gruppo si avvale di una tecnica particolarmente laboriosa: si osserva un’estesa rimozione della massa vetrosa (excisione) su larghe superfici del fondo che si presentano di conseguenza leggermente ribassate rispetto ai campi figurati, in combinazione si notano la decorazione ad intaglio delle masse plastiche dei personaggi e l’incisione dei dettagli interni e dei motivi delle cornici delle raffigurazioni resa con tratti lineari. È già stato puntualizzato come in questo gruppo romano l’uso delle lame riesca a rendere gli effetti plastici della decorazione tramite sfaccettature diversamente angolate e sovrapposte45. La descrizione di tali particolari trova un pieno riscontro nella resa della profondità plastica effettuata con tagli sovrapposti a scaglie rilevati nella coppa di Villa Medici.

  • 46 Nel più recente lavoro sulle botteghe diatretarie di IV sec. Paolucci ha riconosciuto almeno cinqu (...)
  • 47 Ibid., p. 17-19, fig. 9-13, 17-20.
  • 48 Fremersdorf 1975, p. 86-87, n. 826, tav. 46.

43Questo ambito di produzione romano sembra annoverare vari manufatti attribuiti verosimilmente ad officine diverse sulla base dei dettagli esecutivi e della scelta tematica cristiana e/o pagana46. La produzione dell’atelier del Piatto con scene di vita marina è assegnata ai decenni centrali del IV sec. d.C. ed il suo repertorio vascolare comprende principalmente un piatto (coppa larga e poco profonda) tipo Isings 11647 oltre ad una coppa emisferica del Museo Vaticano proveniente dalle catacombe romane che rientra nel tipo Isings 96b48.

  • 49 Anche alcuni esemplari di coppe rinvenute in territorio francese mostrano tale caratteristica dell (...)
  • 50 Smith 2003, p. 69-70, fig. 4; Smith 2014, p. 130, cat. 62, fig. 172g.
  • 51 Wulff 1913-1914, p. 31, fig. 14.
  • 52 Ad un simile confronto ha ricondotto anche la ricerca iconografica per il medaglione con cavaliere (...)

44Questo nuovo esemplare ritrovato a Villa Medici può rientrare nel tipo Isings 96b anche se la sua destinazione funzionale era molto verosimilmente quella della lucerna, anche in ragione dell’indizio della apposita rifinitura visibile sull’orlo dell’imboccatura, che ad un’osservazione ravvicinata appare tagliato e molato. La sua riconduzione al gruppo romano del Piatto con scene di vita marina sembra giustificata per i suoi caratteri relativi alla morfologia, alla composizione ed alla tecnica di taglio: tuttavia occorre notare come nessun esemplare del gruppo presenti una composizione a moduli collegati da una tessitura geometrica complessa come in questo vaso49; solo due frammenti isolati, quello delle pendici nord-orientali del Palatino50 e quello del Kaiser-Friedrich-Museum/Bode Museum di Berlino51 presentano una composizione a medaglioni unificata da fasce geometriche decorate ad incisioni e sembrano corrispondere nella composizione al nuovo esemplare con storie della vita di Achille52.

Tematica iconografica, produzione e committenza

  • 53 Huskinson 1974, p. 85-90.

45Una nota conclusiva scaturisce dalla particolare tematica di origine mitologica presente sui frammenti ritrovati. Dagli studi dedicati alle arti suntuarie del periodo tardo antico emergono molti dati riguardo all’utilizzo ed alla diffusione di immagini mitologiche: alcune figure come Bellerofonte, Ercole, Orfeo, Sol ed Ulisse vengono spesso citati ed analizzati dagli studiosi riguardo alla loro particolare valenza nel contesto culturale e sociale di epoca tarda, contrassegnata da una commistione di tematiche pagane e cristiane53.

  • 54 Cima 2000, p. 609.
  • 55 Pavloskis 1965.
  • 56 La figura di Achille è documentata su rilievi marmorei, argenterie, ceramica sigillata e vetro dec (...)
  • 57 Weitzmann 1951, p. 20, 166, 209, fig. 16; Weitzmann 1959, p. 55, 59, fig. 63 a-b.
  • 58 Pirzio Biroli Stefanelli 1991, p. 296.

46La figura di Achille, eroe positivo per eccellenza della tradizione epica greca antica, in età tardo antica sembra mantenere la sua popolarità come esempio eroico: il suo percorso per il raggiungimento di un destino eroico viene illustrato figurativamente attraverso scene della sua vita, con un particolare accento riferito all’infanzia54. Il racconto delle sue vicende terrene rimane in età pienamente cristiana un exemplum da cui trarre ispirazione nel perseguire un ideale di virtù tradizionale e per questa ragione gli episodi relativi alla sua formazione ed alla sua educazione sul monte Pelio55 divengono particolarmente ricorrenti nelle raffigurazioni ispirate all’eroe. La presenza delle immagini dell’eroe greco nel repertorio figurativo di vari generi artistici56 lascia intendere l’eco di una comune ispirazione attribuita ad un testo letterario: è stato anche ipotizzato che la trasmissione dei modelli iconografici sia stata resa possibile tramite la circolazione di manoscritti illustrati con la vita dell’eroe57. All’interno delle varie attestazioni, il piatto argenteo di Kaiseraugst assume un particolare significato in quanto riporta un’iscrizione che ci informa sul creatore del ciclo figurativo, Pausylipos di Tessalonica58. La città orientale, una delle sedi imperiali tardo antiche, fu certamente il luogo di produzione del manufatto ma potrebbe anche coincidere con il luogo di creazione del ciclo figurativo.

47I modelli figurativi della coppa/lucerna vitrea di Villa Medici possono aver tratto ispirazione da queste raffigurazioni sotto la forma di repertorio iconografico a disposizione degli artigiani e facilmente circolante se, come supposto da alcuni studiosi, l’origine deriva da manoscritti illustrati.

  • 59 De Tommaso 1986, p. 115-116.
  • 60 Painter 1989, p. 92-93.
  • 61 Cima 2000, p. 609.

48In questa particolare fase l’uso frequente di tematiche pagane viene messo in relazione all’ambito di una produzione di lusso59, ristretta ma indirizzata all’élite romana dirigente60, nel cerchio della quale in seno a potenti famiglie aristocratiche romane – nel caso specifico, quella degli Anicii – si cerca ancora di mantenere viva una tradizione passata, con finalità di potere e di propaganda. Nel caso dell’utilizzo del repertorio iconografico dell’eroe greco è stato anche sottolineato come il legame con il mondo pagano non implichi necessariamente un coinvolgimento anti-cristiano della committenza in ragione del messaggio universale di cui sarebbe portatore l’eroe61.

  • 62 De Tommaso 1989, p. 101.
  • 63 De Tommaso 1994, p. 625.
  • 64 Ibid., p. 627; Saguì 1996, p. 355.

49In merito alla produzione vetraria gli studi hanno mostrato come nel repertorio decorativo utilizzato nei decenni centrali del IV sec. d.C. l’importanza dei significati pagani raffigurati risulti ancora marcatamente evidente62 mentre nel corso della seconda metà del IV secolo la committenza senatoria pagana sia stata affiancata da un’emergente aristocrazia cristiana con una conseguente diversificazione delle tematiche attestate63. La selezione di temi chiaramente cristiani come veicolo di iconografie ed ideologie corrisponde all’adozione del vetro come materiale di lusso per l’apparato rituale-liturgico (ruolo svolto di consueto dai manufatti in metallo prezioso e pietre dure). Un ulteriore dato scaturito dagli studi riguarda l’osservazione che anche lo stile dell’intaglio sembra cambiare nel tempo64, passando dai volumi corposi e plastici delle figure raffigurate sui prodotti di ambito romano della metà del IV sec. d.C. fino al tratto lineare delle figure dei manufatti degli inizi del V sec. d.C., un elemento che ha permesso di contribuire alla puntualizzazione della datazione di alcune produzioni.

Bicchiere di vetro decorato a foglia d’oro (n. 2)

50Nei livelli archeologici superficiali dello scavo è stato rinvenuto un bicchiere a calice frammentario decorato con l’applicazione di lamina aurea all’esterno.

Descrizione

  • 65 I frammenti VL 12400001 e VL 12431005.1.

51Il vaso risulta ricomposto da due frammenti di orlo di dimensioni limitate65: i frammenti sono stati sottoposti a restauro per stabilizzare la lamina applicata che risulta ancora conservata su una delle due parti (fig. 14-15). Si tratta di un bicchiere con orlo arrotondato ed ispessito, svasato verso l’esterno ed un corpo a parete sottile con strozzatura alla base dell’orlo (fig. 16).

Fig. 14-15 – Esemplare n. 2, frammenti di bicchiere decorato a foglia d’oro.

Fig. 14-15 – Esemplare n. 2, frammenti di bicchiere decorato a foglia d’oro.

Dis. M. Rossi.

Fig. 16 – Esemplare n. 2, disegno dei frammenti ricongiunti.

Fig. 16 – Esemplare n. 2, disegno dei frammenti ricongiunti.

Dis. M. Rossi.

  • 66 Frammento VL 12431005.1 (ritrovamento nel settore delle canalizzazioni): frammento di vetro con sf (...)
  • 67 Frammento VL 12400001 (ritrovamento a seguito del décapage della superficie del piazzale interno t (...)

52Sul frammento minore66 è visibile l’impronta lasciata dall’applicazione sulla superficie della lettera N mentre sul frammento maggiore67 sono ancora conservate tre lettere applicate: risultano completamente leggibili le lettere D ed E, mentre la parte superiore di una terza lettera parzialmente conservata è integrabile come una O.
L’iscrizione completa sulla base di numerose analogie è verosimilmente [I]N DEO [VIVAS/GAVDIAS].

La tecnica decorativa

53La tecnica dell’uso di foglia d’oro applicata sulla superficie esterna del vetro risulta attestata ed alquanto diffusa nei rinvenimenti di epoca tardo romana. Tale decorazione non deve essere confusa con quella meglio nota utilizzata nei fondi d’oro paleocristiani, tecnicamente simili per l’analogia del materiale impiegato anche se diversificati per l’applicazione della lamina tra due strati di vetro tramite una procedura più complessa.

  • 68 Painter 1988a, p. 262-269.
  • 69 Hellenkemper 1988a, p. 27.

54La tecnica che prevede l’uso di lamina aurea per la decorazione del vetro è di antica origine e si afferma particolarmente in epoca ellenistica. In età imperiale avanzata, solo a partire dalla fine del III-IV sec. d.C. è documentato un gran numero di vetri aurei di alto livello tecnico: di questa produzione tarda sono stati chiaramente identificati alcuni centri produttivi di cui uno localizzato certamente nella regione renana ed uno a Roma68. Il gruppo di produzione renano differisce da quello romano per il prevalente utilizzo di una lamina sottile applicata all’esterno della superficie del vaso69 mentre nella produzione romana la lamina risulta protetta da un secondo strato di vetro trasparente, motivo per cui quest’ultima tecnica viene definita a sandwich.

  • 70 Painter 1988a, p. 264.

55Il ritrovamento del bicchiere da Villa Medici rientra nel gruppo di esemplari decorati con l’applicazione esterna senza la presenza di strati di protezione: in genere questo tipo di manufatti a causa della loro intrinseca delicatezza hanno subito il distacco e la perdita della lamina aurea. Sulla superficie di questi esemplari si possono comunque osservare le impronte lasciate dal contatto con la lamina d’oro (anche se non sempre sono chiaramente distinguibili): tali impronte sono determinate dall’operazione di surriscaldamento secondario subita dai vasi alla fine della lavorazione ed effettuata al fine di stabilizzare la delicata decorazione applicata70.

  • 71 Hellenkemper 1988a, p. 26.
  • 72 Fremersdorf 1930, p. 291-298.
  • 73 Doppelfeld 1966, p. 68. Pochi studiosi si sono dichiarati scettici a proposito del surriscaldament (...)

56Sulla procedura tecnica si è molto discusso in ambito scientifico in merito alla presenza di un collante tra la lamina e la superficie del contenitore ed in merito alla decorazione della lamina a ritaglio ed incisione a graffito tramite una punta sottile71: Fremersdorf inizialmente descrisse la procedura decorativa ipotizzando che all’applicazione della lamina seguisse la definizione del contorno e dei dettagli, successivamente il vaso sarebbe stato sottoposto al calore causando l’instabilità nella lamina che avrebbe potuto determinare il suo successivo distacco72. Solo con l’approfondimento degli studi fu chiarita la necessità della presenza di un legante organico tra la lamina e la superficie vitrea. Doppelfeld ha descritto una procedura che prende avvio dalla stesura di uno strato di collante (verosimilmente a base di chiara d’uovo) nelle zone destinate alla decorazione, su questo materiale veniva effettuata l’incisione dei dettagli che precede l’applicazione della lamina ed il surriscaldamento del vaso, solo con un ulteriore intervento venivano rimosse parti della lamina dalle zone non occupate dalla figurazione da realizzare73.

57In sintesi con questa tecnica decorativa la sottile lamina aurea, ridotta allo spessore di centesimi di millimetro, veniva applicata, come avviene nella pratica orafa moderna, grazie all’uso di un fondente liquido spalmato sulla superficie su cui si intendeva adattare la decorazione. Dopo aver eseguito l’operazione di applicazione della lamina, il motivo decorativo veniva realizzato ritagliando ed asportando minime porzioni auree utilizzando una punta acuminata in osso; a seguito di questo delicato processo il vaso era sottoposto ad un rapido surriscaldamento che agiva sul collante in modo da fissare maggiormente la foglia d’oro al vetro.

Alcune osservazioni sul bicchiere dorato da Villa Medici

58La superficie conservata del bicchiere è limitata rispetto alla dimensione del contenitore originario, si leggono chiaramente le lettere con la lamina aurea ancora applicata e si distingue una lettera abrasa sulla superficie del frammento minore: la parete del vaso è leggermente rigonfia e conformata a caldo con la sagoma della lettera, identificando in modo evidente anche nel secondo frammento l’area su cui aderiva la lamina non più conservata.

  • 74 Fünfschilling 1999, p. 470, 510; fig. 8: cat. 204-206; fig. 18: cat. 657.

59L’esemplare rientra nell’ampia produzione di bicchieri (una variante della forma Isings 106) con orlo arrotondato variamente estroflesso e strozzatura del corpo alla base, documentati ad es. a Cartagine74 e datati tra il IV ed il V sec. d.C.

  • 75 Espressioni anche greche sono formulate in caratteri capitali latini, più raramente con caratteri (...)
  • 76 Painter 1988a, p. 269.
  • 77 Mollo Mezzena 1990, p. 292, fig. 4e.4e.2c.
  • 78 Harden et al. 1988, p. 287-288, cat. 160-161.
  • 79 Più frequentemente sui piatti incisi (id., p. 226-230, cat. 126-128) ma anche su altre forme come (...)
  • 80 Harden et al. 1988, p. 238-241, cat. 134-135.

60L’iscrizione aurea recita un motto augurale in caratteri latini75 caratteristico di alcuni esemplari di questa classe di vetri76: motti con esortazioni ed auguri di buona vita, ma anche di appagamento conviviale compaiono spesso nella produzione vitrea di questo periodo oltre che nelle lamine applicate sui vetri senza protezione77, anche nei fondi aurei dei vetri a sandwich78, nei vetri incisi a rotina79 e nelle coppe a gabbia diatreta note come cage-cups80.

61Il motto del bicchiere di Villa Medici (fig. 17), «Possa tu vivere/gioire in Dio» (In deo vivas/gaudias), rientra in questa serie di acclamazioni esortative destinate ad una classe di consumatori che a Roma tra la fine del IV e la prima metà del V sec. d.C. sono rappresentati da una élite aristocratica di tradizione pagana che circonda la corte, per la quale si realizzano preziosi manufatti decorati anche con tematiche cristiane.

Fig. 17 – Disegni con iscrizioni su vetro, ricostruzione parziale dell’esemplare n. 2.

Fig. 17 – Disegni con iscrizioni su vetro, ricostruzione parziale dell’esemplare n. 2.

Dis. M. Rossi.

62La forma del bicchiere è estremamente lacunosa ed i confronti possibili non consentono una significativa puntualizzazione. Rimane tuttavia possibile confrontare la sagoma delle lettere conservate con analoghe iscrizioni per ricavare indizi utili: altri esemplari vitrei risalenti alla seconda metà del IV sec. d.C. con lamina applicata e con lettere incise mostrano una omogeneità nella esecuzione di lettere maiuscole/capitali latine apicate, diligentemente disegnate con terminazioni alle estremità dei caratteri marcate da tratti appuntiti (fig. 18-19).

Fig. 18 – Disegni con iscrizioni su vetro, bicchiere con teoria di santi e apostoli da Aosta (SM/E 991).

Fig. 18 – Disegni con iscrizioni su vetro, bicchiere con teoria di santi e apostoli da Aosta (SM/E 991).

Dis. M. Rossi.

Fig. 19 – Disegni con iscrizioni su vetro, coppa con Adamo ed Eva del Römisch-Germanisches Museum di Köln (RGM 340).

Fig. 19 – Disegni con iscrizioni su vetro, coppa con Adamo ed Eva del Römisch-Germanisches Museum di Köln (RGM 340).

Dis. M. Rossi.

63Rispetto ai confronti possibili per questo motto frammentario si ravvede invece una corsività di realizzazione nel manufatto di Villa Medici, che mostra tratti più tondeggianti e meno definiti, che potrebbero implicare una minore tensione formale e testimoniare una probabile datazione attardata alla fine del IV-prima metà del V sec. d.C.

  • 81 Faedo 1978.

64L’attenzione degli studiosi mirata all’analisi stilistica dei vetri dorati ha consentito peraltro di valutare la partecipazione di questa classe produttiva al fenomeno artistico del cosiddetto rinascimento teodosiano81, un periodo artisticamente caratterizzato dal ritorno ad un classicismo tradizionale che si inaugura sotto Teodosio I (379-395) e sembra esaurirsi sotto Teodosio II (408-450) entro la metà del V sec. d.C.

Vetri decorati con incisioni o abrasioni

65Un ampio gruppo di vetri tardo antichi, tra quelli complessivamente rinvenuti negli scavi, risulta decorato con l’uso della rotina e può essere suddiviso internamente in base a dettagli tecnici relativi all’esecuzione dei motivi decorativi per la presenza di incisioni o/e abrasioni della superficie. Questo variegato nucleo rappresenta il maggiore raggruppamento di frammenti vitrei ritrovati e comprende vetri intagliati a motivi decorativi complessi, vetri intagliati ed abrasi a motivi decorativi semplici ed un esiguo ma specifico gruppo di lucerne ad orlo molato.

Vetri intagliati a motivi complessi (n. 3-8)

  • 82 I frammenti n. 3-8 corrispondono ai reperti VL 12438059.1; VL 12438033.2; VL 12438035.1; VL 124330 (...)

66Tra i frammenti incisi compaiono alcuni esemplari di vetro trasparente incolore decorati a rotina con un intaglio netto della superficie per realizzare composizioni complesse82: questi reperti sono estremamente frammentari ma consentono di ricostruire parzialmente i motivi incisi. Tra di essi si annoverano tre frammenti di parete dal profilo appiattito (n. 3, 7-8), interpretabili come fondi di coppe poco profonde/piatti di una forma attribuibile al tipo Isings 116b; tre esemplari accomunati da caratteri decorativi simili riconducono inoltre ad un medesimo ambito esecutivo (n. 3-5).

Frammento di coppa intagliata (n. 3)

  • 83 VL 12438059.1 è un frammento di orlo e parete di coppa intagliata di vetro incolore, dim.: Ø 20 cm (...)

67Il frammento83 appartiene ad una coppa con orlo assottigliato, larga e poco profonda, del tipo Isings 116B; presenta una decorazione incisa a motivi complessi con alcuni dettagli abrasi (fig. 20). L’esemplare è di dimensioni estremamente limitate ma i dettagli della sua incisione ad intaglio netto permettono la ricostruzione di un motivo a tralcio vegetale ondulato: nel campo decorativo spicca una grande foglia frastagliata con venature interne disegnate tramite solchi lineari formati da una successione di piccoli tagli netti ed angolati; intorno alla foglia si avvolge un elemento vegetale reso con tratti a spina di pesce di cui nella ricostruzione si propone un legame diretto con il tralcio principale.

Fig. 20 – Esemplare n. 3, piatto inciso; fig. 21, ipotesi di ricostruzione con motivo a tralcio vegetale.

Fig. 20 – Esemplare n. 3, piatto inciso; fig. 21, ipotesi di ricostruzione con motivo a tralcio vegetale.

Dis. M. Rossi.

68Il motivo del tralcio è affiancato da un motivo secondario formato da molteplici solchi radiali interpretabile come un frutto od una infiorescenza; nel campo compaiono anche due motivi geometrici incisi a reticolato obliquo, uno a losanga e l’altro a motivo quadrangolare; un ultimo elemento visibile disegnato nello spazio libero tra i motivi incisi ha una sagoma rotondeggiante ed è eseguito ad abrasione (fig. 21).

Fig. 21 – Esemplare n. 3, ipotesi di ricostruzione con motivo a tralcio vegetale.

Fig. 21 – Esemplare n. 3, ipotesi di ricostruzione con motivo a tralcio vegetale.

Dis. M. Rossi.

69Il campo decorativo principale è limitato da due cerchi concentrici formati anch’essi da un solco lineare costituito da una successione di piccoli tagli eseguiti consecutivamente: del medaglione centrale inferiore non rimane alcun elemento utilizzabile per una ricostruzione, mentre il bordo della coppa mostra una fascia decorata da una fila di losanghe eseguite con un unico tratto e campite con un motivo a reticolato obliquo.

  • 84 Paolucci 1997, p. 141-142, note 264 e 270.
  • 85 Dischi abrasi sono visibili in Harden et al. 1988, p. 230-237, cat. 129-133; Saguì 1996, fig. 7 a- (...)

70Alcuni dettagli di questa decorazione risultano di agevole confronto, come ad esempio la fascia a losanghe campite con tratteggio obliquo attestata ampiamente ed assai diffusamente ad es. nella produzione delle botteghe diatretarie renane84, o come isolati motivi secondari quale il disco circolare abraso documentato su coppe, bicchieri ed ampolle in quanto semplice riempitivo oppure inteso come bacca o fiore85. Il motivo del tralcio vegetale non trova precisi riscontri nel repertorio figurativo ricorrente sui vetri incisi, seppure la tematica non sia del tutto assente: soggetti di ambito dionisiaco sono in effetti raffigurati con frequenza ed i tralci di vite sono spesso attestati come motivo accessorio.

  • 86 Pirzio Biroli Stefanelli 1991, p. 64, 254-255, cat. 15, fig. 8.
  • 87 L’elencazione non intende essere esaustiva in quanto compaiono spesso anche altri vegetali come ad (...)
  • 88 Ibid., p. 255, cat. 16, 18-19.

71L’associazione tra vasi potori ed i tralci vegetali rimonta indietro nel tempo e, come è noto, tali motivi sono realizzati a rilievo e/o incisione su preziose stoviglie metalliche di tradizione tardo-ellenistica particolarmente in voga nella prima età imperiale86: sulle coppe compaiono spesso a rilievo tralci di vite e tralci di edera e corimbi87 considerati motivi di ambito bacchico88.

  • 89 Esemplare conservato nell’Antiquarium Comunale n. 279; Pirzio Biroli Stefanelli 1988a.
  • 90 Esemplare conservato nel Museo di Colonia (RGM 68.59.16); Hellenkemper 1988b.

72Esemplari di questi vasi potori con motivi a rilievo sono documentati fino al periodo tardo antico anche da preziosi manufatti in pietra dura, da produzioni in ceramica e raramente in vetro (fig. 22-26). Ad esempio dagli sterri ottocenteschi dell’Esquilino proviene un bicchiere frammentario in vetro con tralcio vegetale a rilievo89 datato alla fine del I sec. d.C., mentre alla fine del III sec. d.C. risale un esemplare di coppa biansata in vetro incolore, inciso a rilievo con un tralcio di vite e ritrovato in un cimitero extra-urbano di Colonia90. L’esemplare da Villa Medici documenta una tematica decorativa simile nel vetro inciso.

Fig. 22-24 – Disegni con dettagli decorativi a motivi vegetali: tralci su argenti da Boscoreale, Ercolano e Pompei con foglie di platano, di edera e corimbi, di vite e uva.

Fig. 22-24 – Disegni con dettagli decorativi a motivi vegetali: tralci su argenti da Boscoreale, Ercolano e Pompei con foglie di platano, di edera e corimbi, di vite e uva.

Dis. M. Rossi, da Pirzio Biroli Stefanelli 1991, fig. 107, 15-16, 92.

Fig. 25 – Disegni con dettagli decorativi a motivi vegetali: motivi a foglie su ceramica aretina.

Fig. 25 – Disegni con dettagli decorativi a motivi vegetali: motivi a foglie su ceramica aretina.

Dis. M. Rossi, da Vannini 1988, tav. IX: 91, 93; vite tipo 91, edera tipo 93

Fig. 26 – Disegni con dettagli decorativi a motivi vegetali: motivi a foglie su ceramica tardo-italica.

Fig. 26 – Disegni con dettagli decorativi a motivi vegetali: motivi a foglie su ceramica tardo-italica.

Dis. M. Rossi, da Rossetti Tella 1996, p. 144, tipo 312 (foglia di vite); p. 151, tipo 338 (foglia di platano).

  • 91 Painter 1988b.
  • 92 Painter 1988c.

73La sagoma della foglia risulta realizzata con incisioni a brevi tratti allineate e la sua resa trova confronti in un esemplare con una particolare stilizzazione dei tessuti svolazzanti di menadi su una coppa con figure danzanti91 acquisita ad Amiens (GR 1886.5-12.3), mentre l’elemento vegetale disegnato a spina di pesce ha corrispondenza nei vegetali che ricorrono in un’ampolla decorata con figure e pesci92 di medesima provenienza (GR 1886.5-12.3).

74La frammentarietà del manufatto e la particolare resa stilistica non permettono comunque una identificazione conclusiva del vegetale raffigurato, anche se il disegno della foglia palminervia riconduce ad una vite più verosimilmente che ad un’edera (o al platano); il motivo del tralcio di vite compare spesso come tema decorativo secondario ancora in epoca tarda (fig. 27-28).

Fig. 27 – Disegni con dettagli decorativi a motivi vegetali: tralcio con edera e vite sulla patera da Chatuzange (III sec. d.C.).

Fig. 27 – Disegni con dettagli decorativi a motivi vegetali: tralcio con edera e vite sulla patera da Chatuzange (III sec. d.C.).

Dis. M. Rossi, da Pirzio Biroli Stefanelli 1991, fig. 218-219.

Fig. 28 – Disegni con dettagli decorativi a motivi vegetali: tralcio con vite sulla lanx da Corbridge (fine IV sec. d.C.).

Fig. 28 – Disegni con dettagli decorativi a motivi vegetali: tralcio con vite sulla lanx da Corbridge (fine IV sec. d.C.).

Dis. M. Rossi, da Pirzio Biroli Stefanelli 1991, fig. 244.

Frammento di parete di flacone intagliato ed abraso (n. 4)

  • 93 VL 12438033.2 è un frammento di parete di vetro incolore intagliato ed abraso, dim.: Ø 8,3 cm, sp. (...)

75Il frammento93 appartiene al corpo di una bottiglia o flacone di sagoma piriforme allungata. Il motivo decorativo risulta estremamente lacunoso: una parte ricorda un pesce preso in una rete mentre di fianco compare un motivo circolare decorato internamente ad incisione ed abrasione (fig. 29). Il motivo circolare è formato da cerchi concentrici che racchiudono uno spazio con tratteggio obliquo a graticcio al centro del quale è raffigurato un motivo quadrangolare con una croce iscritta; l’intero disco circolare presenta una superficie satinata per abrasione.

Fig. 29 – Vetri incisi e abrasi a motivi complessi, esemplare n. 4.

Fig. 29 – Vetri incisi e abrasi a motivi complessi, esemplare n. 4.

Dis. M. Rossi.

  • 94 Painter 1988b; Painter 1988c.
  • 95 Il bicchiere è attualmente conservato al Römisch-Germanisches Museum di Köln (RGM N 326); Hellenke (...)
  • 96 Saguì 1996; Paolucci 2002, p. 65-77.

76Questo disegno abraso, estremamente decorativo, mostra una vaga rassomiglianza compositiva con i tumuli a coronamento circolare della coppa con figure danzanti e dell’ampolla con figure e pesci da Amiens già ricordata94. Esso non mostra precisi confronti, ma ricorda il disegno decorativo degli scudi militari raffigurati su un bicchiere con guardie e stendardi ritrovato probabilmente a Bonn95. Questo bicchiere, datato al secondo terzo del IV sec. d.C., mostra il disegno di uno scudo ovale delineato con una doppia serie di piccoli tratti incisi ed un’abrasione dello spazio interno su cui campeggia un motivo romboidale con tratteggio obliquo a graticcio: lo scudo è simile al disco del frammento di Villa Medici per analoga composizione del disegno e per il tipo di realizzazione tecnica (ad incisione associata con l’abrasione).
Il motivo del pesce e della rete risulta peraltro attestato ampiamente: compare sui vetri citati di Amiens e contraddistingue il cosiddetto gruppo decorato a incisioni e abrasioni di ambito romano96.

Frammento di parete di coppa emisferica intagliata (n. 5)

  • 97 VL 12438035.1 è un frammento di parete intagliata di vetro incolore, dim.: Ø 11,6 cm, sp. 1-2 mm.
  • 98 Il motivo vegetale a spina di pesce rammenta la resa lineare delle foglie di palma presenti nelle (...)
  • 99 Una losanga molto simile compare come cornice del medaglione centrale su una coppa con scene di vi (...)
  • 100 Il disegno ricorda la sagoma di un tridente come in alcune scene di contesto marino ma si discosta (...)

77Il terzo frammento di parete97 (fig. 30) appartiene probabilmente ad una coppa emisferica (tipo Isings 96 b). Le incisioni raffigurano motivi distinguibili come un elemento vegetale a spina di pesce (foglia di palma)98 ed una grande losanga campita da un fitto reticolato obliquo all’interno99, assieme ad un motivo geometrico costituito da una serie di linee con incisioni parallele unite ad incisioni divergenti100. Si conservano anche tre piccoli motivi a tratti affiancati come riempitivo.

Fig. 30 – Vetri incisi e abrasi a motivi complessi, esemplare n. 5.

Fig. 30 – Vetri incisi e abrasi a motivi complessi, esemplare n. 5.

Dis. M. Rossi.

  • 101 Anche se i confronti diretti citati indirizzano verso vetri incisi del medesimo gruppo di produzio (...)
  • 102 Saguì 1996, p. 343.
  • 103 Ibid.; Paolucci 2002, p. 65-77.

78I confronti per i singoli motivi decorativi risultano significativi ma non determinanti101, mentre la densità della loro combinata raffigurazione presenta un carattere di horror vacui che caratterizza un gruppo specifico di manufatti102 ricondotti ad una bottega di ambito urbano operante nella seconda metà del IV sec. d.C. e definito gruppo con incisioni e abrasioni citato a proposito del frammento precedente103.

Bottiglia/coppa a fondo concavo (n. 6)

  • 104 VL 12433006_f è un frammento di fondo intagliato di vetro incolore, dim.: Ø 6,8 cm, sp. 0,7-1 mm.
  • 105 La bottiglia, un tempo parte della collezione di Elisa Bonaparte Baciocchi ed attualmente conserva (...)

79Questo esemplare104 è un frammento di fondo leggermente rientrante di un vaso con corpo rotondeggiante (fig. 31). La forma è riconducibile ad un tipo di vaso globulare con collo cilindrico che trova attestazioni in bottiglie ed ampolle con il fondo leggermente rientrante e, sebbene meno frequentemente, in coppe emisferiche. Tra le forme di confronto possibile compaiono bottiglie a collo stretto, ad imboccatura larga e a collo svasato all’esterno. Spesso compaiono decorazioni ad abrasione sul corpo mentre il fondo non presenta decorazioni, come nel caso della bottiglia globulare di Populonia105.

Fig. 31 – Vetri incisi e abrasi a motivi complessi, esemplare n. 6.

Fig. 31 – Vetri incisi e abrasi a motivi complessi, esemplare n. 6.

Dis. M. Rossi.

  • 106  CMG 55.1.1.
  • 107 Whitehouse 1988a.
  • 108 GR 1886.5-12.2.
  • 109 Painter 1988c.
  • 110 Hellenkemper 1988e.

80La decorazione sul fondo di bottiglie globulari decorate ad abrasione e/o incisione sul corpo è attestata in alcune produzioni settentrionali della regione renana e della Francia settentrionale: un vaso con scena di caccia ai cervi della fine del III-inizi del IV sec. d.C. conservato a Corning106 è decorato con un motivo a rosacea entro due cerchi concentrici sul fondo rientrante107; un’ampolla globulare con collo svasato datata alla prima metà del IV sec. d.C. proviene dalla Francia settentrionale ed è conservata al British Museum108, presenta una decorazione complessa a scene figurate sul corpo e sul fondo109. Un’incisione ad intaglio di un fondo con il motivo di una stella a otto raggi è attestata invece in una coppa della seconda metà del IV sec. d.C. rinvenuta a Colonia e decorata ad intaglio ed abrasione con scene di danzatori110.

Frammento di parete piana (n. 7)

  • 111 Il frammento VL 12431007_a è una parete incisa di una coppa di vetro incolore, dim.: Ø corona circ (...)

81Un frammento di parete111 appartiene probabilmente ad una coppa dal profilo molto appiattito con una fascia circolare decorata ad intaglio con motivo a losanghe delineate a doppio tratto entro due cerchi concentrici incisi: il cerchio esterno è costituito da una linea ondulata mentre quello interno è formato da una stilizzazione corsiva di un motivo a onda continua resa con una serie di S allungate e parzialmente sovrapposte (fig. 32). La decorazione di bande o corone circolari con il motivo della losanga disegnata con uno o due tratti è un tema estremamente diffuso nel repertorio figurativo dei vetri incisi.

Fig. 32 – Vetri incisi e abrasi a motivi complessi, esemplare n. 7.

Fig. 32 – Vetri incisi e abrasi a motivi complessi, esemplare n. 7.

Dis. M. Rossi.

Frammento di parete piana (n. 8)

  • 112 Il frammento VL 12438047 è una parete incisa di una coppa di vetro incolore, dim.: Ø 21 cm, sp. 1  (...)

82Un frammento di parete112 appartiene probabilmente al fondo di una coppa dal profilo molto appiattito e presenta un motivo complesso inciso con intaglio netto (fig. 33). Sono conservati due tratti lineari convergenti nella parte centrale, sulla destra si conserva un motivo con nove tratti paralleli ed affiancati che terminano in basso con un tratto ortogonale agli altri, in alto è visibile un frammento di un cerchio formato da solchi incisi consecutivi mentre sul margine del frammento si intravede la parte inferiore di un motivo lineare spezzato ed angolato. La ricostruzione ipotizzata è basata su una simmetria radiale e permette di riconoscere nella fascia esterna una decorazione ad intaglio con motivo geometrico sopra un solco circolare: all’interno del cerchio si riconosce un motivo a stella a più punte con elementi geometrici tra i raggi.

Fig. 33 – Vetri incisi e abrasi a motivi complessi, esemplare n. 8.

Fig. 33 – Vetri incisi e abrasi a motivi complessi, esemplare n. 8.

Dis. M. Rossi.

  • 113 Inv. cm 98/1+CM 1007/1.
  • 114 Inv. PFR 95A, RC-GE 84897.
  • 115 Paolucci 1997, p. 140-142.
  • 116 Paolucci 1997, PFR 95A, RC-GE 84897; Hellenkemper 1988f.
  • 117 Iliffe 1933, p. 88, fig. 17.
  • 118 Saguì 2006, p. 79, cat. I.44.

83Coppe poco profonde con motivi interamente geometrici a simmetria radiale non sono molto frequenti ma sono comunque documentate: a titolo di esempio si vedano i frammenti di coppe del IV sec. d.C. dall’area del foro di Luni113 e dai fondali di Portofranco-Genova114, attribuite da Paolucci ad una produzione renana115. Il motivo della stella a più punte come singolo motivo decorativo è presente nel repertorio dei temi incisi od abrasi116 ma si dimostra particolarmente calzante il confronto con una coppa vitrea rinvenuta ad El-Bassa nell’antica Palestina117: una fascia incisa a medaglione circolare circoscrive un motivo a stella con varie punte che racchiude una grande croce di tipo latino (fig. 34). La coppa vitrea rinvenuta in un contesto funerario è datata precisamente all’ultimo decennio del IV sec. d.C. e documenta sui vetri diatreti un motivo iconografico cristiano enfatizzato da una composizione concentrica come in un frammento inciso dalle pendici orientali del Palatino con monogramma cristologico118. Riguardo alla tecnica di esecuzione del frammento n. 8 si osserva che nella realizzazione del disegno dei raggi l’incisione è stata eseguita con un tratto lineare unico, mentre il disegno del cerchio esterno è stato visibilmente ottenuto con l’intaglio ripetuto di brevi tratti orientati obliquamente.

Fig. 34 – Disegno schematico fuori scala, coppa da El-Bassa.

Fig. 34 – Disegno schematico fuori scala, coppa da El-Bassa.

Dis. M. Rossi.

Vetri intagliati e abrasi a mola con motivi geometrici semplici

84Un ulteriore nucleo di frammenti di vetro trasparente incolore appartiene ad un gruppo di vasi incisi ed abrasi a mola con decorazione a motivi geometrici semplici.

Vasi incisi a cerchi (n. 9-11)

85Nel variegato insieme dei vetri incisi a rotina sono stati documentati anche alcuni esemplari frammentari di vasi globulari incisi con decorazioni a medaglioni circolari concentrici e/o secanti corrispondenti a forme ampiamente diffuse come bottiglie tipo Isings 103 o coppe tipo Isings 96 b.

  • 119 I frammenti n. 9 e n. 10 (VL 12431007.1 e VL 12433007_e) sono pareti incise di coppe con decorazio (...)
  • 120 Il n. 11 (VL 12433007+009) è un frammento di orlo e parete di una coppa incisa con decorazione a c (...)

86Tre frammenti di vetro trasparente sono relativi a vasi incisi di cui due119, possono ricondurre sia alla forma della bottiglia globulare (ampolla) che alla coppa arrotondata (fig. 35), mentre il terzo (fig. 36)120, permette una ricostruzione completa del profilo di una coppa emisferica ad orlo rientrante di tipo Isings 96 b.

Fig. 35 – Vetri incisi con decorazione a cerchi, esemplari n. 9 e 10.

Fig. 35 – Vetri incisi con decorazione a cerchi, esemplari n. 9 e 10.

Dis. M. Rossi.

Fig. 36 – Vetri incisi con decorazione a cerchi, coppa n. 11.

Fig. 36 – Vetri incisi con decorazione a cerchi, coppa n. 11.

Dis. M. Rossi.

  • 121 Paolucci 1997, p. 115, nota 105.
  • 122 Fremersdorf 1975, p. 85, n. 819.
  • 123 Ibid., p. 85, n. 820.
  • 124 Paolucci 1997, p. 119.

87La decorazione presenta medaglioni eseguiti con solchi profondi, incisi con una punta usata come un compasso per realizzare accuratamente disegni circolari concentrici: il motivo decorativo rientra in un repertorio caratteristico di una serie di bottiglie globulari a fondo rientrante con collo cilindrico121, datate entro un lungo periodo dalla fine del II al IV sec. d.C. Si osserva che questo repertorio risulta applicato realizzando delle fasce circolari fittamente incise con solchi concentrici sulle bottiglie122 mentre una decorazione variante si basa sulla ripetizione del semplice motivo geometrico a cerchi123 e ricorre su esemplari di coppe emisferiche con orlo rientrante124.

  • 125 Hellenkemper 1988a; Hellenkemper 2000.
  • 126 Coppe di vetro inciso del IV-inizi del V sec. d.C. con questo tipo di decorazione sono note da Tri (...)

88L’esemplare n. 11 trova un confronto diretto con la coppa con scene del Vecchio Testamento da Colonia125 datata alla prima metà del IV sec. d.C.: la coppa presenta una forma ed uno schema decorativo simile, sebbene oltre all’incisione fosse in origine anche arricchita con l’applicazione di raffigurazioni in lamina aurea. Sulla base dei confronti126 ed in conformità con i contesti tardi di ritrovamento sembra di poter ascrivere plausibilmente anche i due frammenti di vasi presentati ad esemplari di coppe della metà del IV sec. d.C.

Coppe incise e abrase a bande parallele (n. 12-13)

  • 127 L’esemplare n. 12 (VL 12433011+012+015_b) è un frammento di coppa emisferica di vetro trasparente (...)
  • 128 Fünfschilling 2000, fig. 4.

89Nell’ampio raggruppamento di vetri incisi con motivi geometrici semplici rientrano due esemplari127 di grandi coppe emisferiche incise a bande parallele (fig. 37). La forma di queste coppe con orlo verticale e fondo leggermente rientrante presenta precise corrispondenze con esemplari di coppe128 da Augusta Raurica (tipo AR 57) e Trier (tipo T 49b) datate al IV-inizi V sec. d.C.

Fig. 37 – Vetri incisi e/o abrasi a bande parallele, coppe incise e abrase n. 12 e 13.

Fig. 37 – Vetri incisi e/o abrasi a bande parallele, coppe incise e abrase n. 12 e 13.

Dis. M. Rossi.

90I due esemplari di vetro con leggera sfumatura verde presentano larghe e profonde incisioni parallele con excisione di materiale vetroso e sottili bande abrase che sottolineano la morfologia della coppa.

Coppe abrase a bande parallele (n. 14-15)

  • 129 L’esemplare n. 14 (VL 12433006_d) è un orlo di coppa di vetro trasparente incolore, dim.: Ø 7 cm, (...)

91Due frammenti129 affini ai precedenti appartengono a coppe arrotondate con un disegno abraso a bande parallele (fig. 38). La decorazione presenta bande regolari di vetro satinato tramite una precisa abrasione superficiale associata alla molatura dell’imboccatura dell’orlo (che a mio avviso potrebbe essere determinata dalla funzione d’uso del contenitore perché questo trattamento non sembra sistematicamente documentato su tutte le forme del repertorio).

Fig. 38 – Vetri incisi e/o abrasi a bande parallele, coppe abrase n. 14 e 15.

Fig. 38 – Vetri incisi e/o abrasi a bande parallele, coppe abrase n. 14 e 15.

Dis. M. Rossi.

  • 130 Sternini 1989b, p. 33, tav. 5.28.

92Sul frammento n. 15 si notano alcuni sottili solchi lineari incompleti, da interpretare come tracce determinate dal procedimento tecnico. La sua forma, come già segnalato, è annoverabile nel tipo di coppe emisferiche ad orlo rientrante datate al IV-inizi V sec. d.C. diffuse ad Augusta Raurica (tipo AR 56) e Trier (tipo T 27b). L’esemplare n. 14 presenta diretti confronti con esemplari da Roma datati alla fine IV-inizio V sec. d.C., provenienti da Lungotevere Testaccio ed interpretati come un tipo di bicchiere/lampada dalla Sternini130.

Bicchieri incisi e/o abrasi

  • 131 Fünfschilling 1999, p. 470, 510; fig. 8: cat. 204-206; fig. 18: cat. 657.
  • 132 Pirzio Biroli Stefanelli 1988b; cfr. bicchiere da Colonia con scena di vendemmia morfologicamente (...)
  • 133 Stella 1990.
  • 134 Sternini 1989b, p. 33, tav. 5.27.

93Nel gruppo si riscontrano numerosi frammenti minuti appartenenti a diversi esemplari di bicchieri soffiati con parete sottile, decorati ad incisione e/o abrasione. Questi bicchieri rientrano, come già visto per l’esemplare decorato con lamina aurea, nell’ampia produzione di bicchieri di epoca tardo antica (una variante della forma Isings 106), caratterizzati da un orlo arrotondato verticale o estroflesso con una strozzatura del corpo alla base: questo tipo di bicchieri, lisci o incisi, è noto tra la metà del IV ed il V sec. d.C. dai rinvenimenti di Cartagine131, dalla Francia e dalla regione renana132, ma sono documentati ampiamente tra il IV ed il V sec. d.C. anche in Italia settentrionale ad Aquileia133 e a Roma ad es. dagli scavi di Lungotevere Testaccio134.

Bicchieri incisi e/o abrasi con motivi ripetuti (grani di riso/cane corrente) e reticolato obliquo (n. 16-19)

  • 135 Questi frammenti sono di vetro trasparente incolore: l’esemplare n. 16 (VL 12433006_c) è un orlo d (...)

94Un insieme di quattro frammenti135 (fig. 39) appartiene a questo tipo di bicchiere soffiato con orlo ispessito la cui decorazione diversificata risulta incisa o abrasa sul corpo a partire dalla zona sotto la strozzatura dell’orlo: le bande incise sono costituite da tratti obliqui mentre i motivi abrasi compaiono entro bande di motivi a S oblique (cane corrente/onda continua stilizzata) disposte sopra ad un’estesa superficie decorata con un motivo reticolato a graticcio obliquo; alcuni esemplari presentano sull’orlo e nell’area della strozzatura del corpo una decorazione abrasa con una molatura satinata a banda irregolare.

Fig. 39 – Vetri incisi e/o abrasi a motivi semplici: bicchieri n. 16-19.

Fig. 39 – Vetri incisi e/o abrasi a motivi semplici: bicchieri n. 16-19.

Dis. M. Rossi.

Bicchieri abrasi e/o incisi a graffio con motivi ripetuti (cane corrente e motivo complesso con spirali e dischi) (n. 20-23)

  • 136 Questi frammenti sono di vetro trasparente incolore: l’esemplare n. 20 (VL 12431007_b) è un orlo d (...)

95Un altro gruppo di frammenti136 annovera quattro vetri con decorazione affine, eseguita con la satinatura della superficie per abrasione o con una precisa incisione a graffio (fig. 40). Il frammento n. 20 appartiene ad un piccolo bicchiere decorato con incisioni a graffio sull’orlo con motivi semplici ripetuti (a tratti allungati) ed abraso sul corpo con un motivo a S oblique ed un motivo complesso formato da tratti e spirali; un motivo a disco circolare eseguito a graffio è inserito nella decorazione. Sui tre piccoli frammenti n. 21-23 compaiono decorazioni diversificate abrase sul corpo a partire dalla zona sotto la strozzatura dell’orlo: il disegno è costituito da tratti obliqui con motivi a spirali o ad onde intrecciate.

Fig. 40 – Vetri incisi e/o abrasi a motivi semplici: bicchieri n. 20-23.

Fig. 40 – Vetri incisi e/o abrasi a motivi semplici: bicchieri n. 20-23.

Dis. M. Rossi.

Bicchieri incisi a losanghe e abrasi a bande parallele (n. 24-27)

  • 137 Questi quattro frammenti sono pareti di bicchieri di vetro trasparente incolore incisi a losanghe (...)

96Quattro frammenti di parete137 documentano forme di piccoli bicchieri con pareti di spessore medio decorate con la tecnica dell’incisione profonda e dell’abrasione superficiale (fig. 41). Questi esemplari conservano unicamente la parte inferiore rotondeggiante del corpo, decorata in basso con una banda regolare abrasa che reca i segni dei solchi eseguiti con una punta sottile tramite l’ausilio di un tornio. Nella parte superiore dei frammenti compaiono invece motivi ripetuti a losanga semplice, a ovale allungato o a tratti lineari formati da incisioni affiancate.

Fig. 41 – Vetri incisi e/o abrasi a motivi semplici: bicchieri n. 24-27.

Fig. 41 – Vetri incisi e/o abrasi a motivi semplici: bicchieri n. 24-27.

Dis. M. Rossi.

Vasi incisi e abrasi (bicchieri, ampolle)

97Un ulteriore raggruppamento riunisce frammenti con decorazione affine ma non chiaramente assegnabili alla forma della coppetta-bicchiere e quindi riuniti in due serie esclusivamente sulla base dei motivi decorativi visibili.

Vasi abrasi (bicchieri, ampolle) a linea ondulata e dischi tra bande parallele (n. 28-31)

  • 138 Questi frammenti appartengono a vasi di vetro trasparente incolore abrasi a linea ondulata e disch (...)
  • 139 L’esemplare n. 28 (VL 12433005+006_f) è un frammento di parete di bicchiere di vetro trasparente i (...)
  • 140 Painter 1988d; Saguì 1996, fig. 2a-b, 7a-c; Paolucci 2002, fig. 32, 44, 53, 57, 63, 66-67, 85.

98Un piccolo gruppo è formato da tre frammenti138 decorati a graffio ed abrasione a bande parallele entro cui compare una linea ondulata alternata a motivi circolari, mentre un quarto frammento139 presenta una decorazione consistente unicamente in una banda orizzontale (fig. 42). I frammenti si distinguono in tre esemplari di pareti pertinenti a piccoli bicchieri mentre un esemplare appartiene ad un fondo appiattito leggermente rientrante di una coppetta o ad ampolla rotondeggiante a parete sottile. Quest’ultimo esemplare (n. 31) conserva un tratto esteso di decorazione che permette di riconoscere un motivo stilizzato a linea ondulata e dischi tra bande, che ricorda il tralcio ondulato che alterna foglie e frutti/fiori menzionato a proposito della coppa incisa n. 3. Il motivo decorativo a linea ondulata alternata ad elementi circolari e disposta tra bande parallele presenta confronti nel tema diffuso della linea ondulata (tralcio) alternata con motivi a stella/rosacea documentato ampiamente e variamente tra i motivi decorativi secondari utilizzati dalle botteghe vetrarie di ambito romano140.

Fig. 42 – Vetri incisi e/o abrasi a motivi semplici, esemplari n. 28-31.

Fig. 42 – Vetri incisi e/o abrasi a motivi semplici, esemplari n. 28-31.

Dis. M. Rossi.

Vasi (bicchieri, ampolle) incisi e/o abrasi con motivi a losanga, ad onda continua, a bande orizzontali, a cane corrente (n. 32-34).

  • 141 L’esemplare VL 12433006_b è un frammento di parete di bicchiere di vetro trasparente incolore, dim (...)
  • 142 L’esemplare VL 12431006_a è un frammento di parete di bicchiere di vetro trasparente incolore, dim (...)
  • 143 L’esemplare VL 12431006_b è un frammento di parete di bicchiere di vetro trasparente incolore, dim (...)
  • 144 A proposito del motivo a onda continua sinistrorsa abraso sull’orlo della coppa di Linceo vedi Hel (...)
  • 145 Hellenkemper 1988c.
  • 146 Saguì 2006, p. 79, fig. I.43.
  • 147 Paolucci 1997, p. 145-146.

99Un altro insieme è formato da tre frammenti decorati ad incisione ed abrasione su pareti sottili (fig. 43). Il frammento n. 32141 risulta inciso con un motivo che, seppure incompleto, dovrebbe riferirsi ad una serie di losanghe ed abraso con un motivo a onda continua spiraliforme rivolta a destra tra bande orizzontali parallele; il frammento n. 33142 è decorato ad abrasione con un motivo a linea ondulata spiraliforme rivolta a destra; il frammento n. 34143 presenta pareti estremamente sottili e risulta abraso con un motivo stilizzato ad S oblique (cane corrente). Il ritmo e lo stile esecutivo del disegno abraso a onda continua spiraliforme di questi frammenti è insolito, sebbene il motivo decorativo risulti altrimenti attestato come elemento ornamentale secondario144 della bottega del Linkeus Group su esemplari di coppe e bicchieri rinvenuti in Germania145 e nel caso di una piccola bottiglia della seconda metà del IV sec. d.C. recentemente ritrovata a Roma nello scavo delle pendici nord-orientali del Palatino146. Il motivo ad S oblique che ricorre spesso sui frammenti ritrovati in questo gruppo compare tra i motivi utilizzati a concludere inferiormente le decorazioni ad abrasione di un piccolo bicchiere con scena di vendemmia da Augsburg147 datato entro la prima metà del IV sec. d.C.

Fig. 43 – Vetri incisi e/o abrasi a motivi semplici, esemplari n. 32-34.

Fig. 43 – Vetri incisi e/o abrasi a motivi semplici, esemplari n. 32-34.

Dis. M. Rossi.

Bicchieri/Lucerne ad orlo molato

100Un limitato gruppo di frammenti di vetro trasparente incolore attesta diverse varianti della forma del bicchiere/lucerna diffusa in età tardo antica e caratterizzata funzionalmente da una apposita molatura dell’orlo. La presenza di una decorazione superficiale ed il differente orientamento dell’orlo permettono di suddividere le lucerne nei tre seguenti raggruppamenti.

Lucerne incise e/o abrase ad orlo rientrante (n. 35-36)

  • 148 L’esemplare n. 35 (VL 12431002_a) è un frammento di vetro incolore con un orlo rientrante di lucer (...)
  • 149 Donati 1990, fig. 4e.1b.1.
  • 150 Fünfschilling 2000, fig. 2.
  • 151 Sternini 1989b, p. 33, tav. 5. 28.

101Due frammenti148 (fig. 44) documentano un tipo di lucerna a coppa profonda dal corpo allungato con un orlo rientrante tagliato obliquamente verso l’interno: la superficie esterna presenta una decorazione a bande orizzontali parallele fatta tramite incisione sottile a graffio e/o leggera abrasione, eseguita accuratamente. Questo tipo di orlo pertinente a bicchieri troncoconici è noto come una variante della forma Isings 106c2 dalle necropoli dell’area lombarda del Canton Ticino149; documentata ad Augusta Raurica da bicchieri/lucerne150 datati al IV-inizi del V sec. d.C. con varianti ad orlo rientrante (tipo AR 66.1) o con bordo arrotondato (tipo AR 73). Il tipo di bicchiere con profilo convesso ed orlo rientrante è altrimenti noto a Roma dagli scavi di Lungotevere Testaccio con esemplari datati alla fine del IV-primi anni del V sec. d.C.151

Fig. 44 – Lucerne ad orlo molato, esemplari incisi e abrasi n. 35-36.

Fig. 44 – Lucerne ad orlo molato, esemplari incisi e abrasi n. 35-36.

Dis. M. Rossi.

Lucerne incise e abrase ad orlo svasato (n. 37-38)

  • 152 Gli esemplari n. 37 e 38 sono frammenti di lucerne incise ed abrase a bande parallele di vetro tra (...)

102Due frammenti152 (fig. 45) documentano un tipo di lucerna a coppa conica dal corpo allungato ed un orlo svasato tagliato di netto superiormente: la superficie esterna presenta una decorazione a linee orizzontali parallele eseguita tramite incisione profonda alla rotina associata ad una leggera abrasione di fasce sottili sul corpo e di una banda estesa in corrispondenza dell’orlo. Anche in questo raggruppamento si nota la cura per la realizzazione del semplice disegno geometrico.

Fig. 45 – Lucerne ad orlo molato, esemplari incisi e abrasi n. 37 e 38.

Fig. 45 – Lucerne ad orlo molato, esemplari incisi e abrasi n. 37 e 38.

Dis. M. Rossi.

  • 153 Fünfschilling 2000, fig. 2.
  • 154 Sternini 1989b, p. 28-31, tav. 4. 16-21.

103La forma di questo tipo di vaso è quella documentata ad Augusta Raurica (tipo AR 69)153 da bicchieri datati al IV-inizi del V sec. d.C.; questo tipo è documentato con analoga datazione a Roma dai vetri datati alla fine IV-inizi V sec. d.C. dell’immondezzaio dell’ambiente U di Lungotevere Testaccio154.

Coppa/lucerna ad orlo verticale molato (n. 39)

  • 155 L’esemplare n. 39 (VL 12431005) è un frammento di vetro incolore con un orlo verticale di lucerna (...)
  • 156 Fünfschilling 2000, fig. 4: s.n. in alto a destra.

104Un altro frammento155 (fig. 46) documenta un tipo di lucerna a coppa conica con un orlo verticale leggermente ripiegato, tagliato obliquo internamente: la superficie esterna non presenta alcuna decorazione ad eccezione di una abrasione superficiale della superficie intorno all’orlo eseguita verosimilmente con la molatura del taglio. Questo esemplare rientra nel tipo Isings 116 con un profilo che ricorda la forma di una coppa156 da Castrum Rauracense datata al IV-inizi del V sec. d.C.

Fig. 46 – Lucerne ad orlo molato, esemplare n. 39.

Fig. 46 – Lucerne ad orlo molato, esemplare n. 39.

Dis. M. Rossi.

Bicchieri con decorazione a goccia (Nuppenbecher, n. 40-42)

  • 157 Fremersdorf 1938, p. 116-121.
  • 158 Le gocce applicate compaiono in età tarda su varie forme di vasi vitrei tra cui coppe, bottiglie, (...)
  • 159 L’esemplare n. 40 (VL 12431003) è un frammento di parete di bicchiere di colore verde intenso deco (...)
  • 160 Una breve sintesi introduttiva sui vetri decorati a gocce e a spruzzo è in Harden 1988, p. 101-103

105Si deve a Fremersdorf la prima ricerca approfondita sui cosiddetti Nuppengläser157, i vetri soffiati decorati con applicazioni di vetro in frammenti, grani o gocce. Delle differenti e numerose varietà di prodotti158 che appartengono a questa tipologia è documentato in numero limitato159 (fig. 47) un tipo di piccolo boccale con decorazione a gocce monocrome di colore blu scuro160.

Fig. 47 – Nuppenbecher, esemplari n. 40-42.

Fig. 47 – Nuppenbecher, esemplari n. 40-42.

Dis. M. Rossi.

  • 161 Fünfschilling 2000, fig. 2.
  • 162 Naumann-Steckner 1990, fig. 5d. 8c(sic!), 5d. 8f.
  • 163 Calvani Marini 1990, fig. 3g.3a-b.
  • 164 Roffia 1990, 5d.8a.1. Bicchiere, p. 398.
  • 165 Bertacchi 1990, 3f.5g. Bicchiere in vetro, p. 223.
  • 166 Isings 1957, p. 126.

106Questo tipo di bicchiere corrispondente alla forma Isings 106c2 (noto ad Augusta Raurica nelle varianti di tipo AR 65 e AR 66.2)161 risulta ampiamente documentato tra i vetri renani e nord-italici di IV-V sec. d.C.162 Nel nord-Italia produzioni locali del IV sec. d.C. di bicchieri di vetro verde con applicazioni di gocce monocrome blu sono state documentate da tempo nella regione di Ravenna a Classe163, nella zona di Mantova dalla necropoli di Ostiglia164 e dagli scavi di Aquileia165. I bicchieri di Villa Medici presentano un corpo cilindrico allungato ed un orlo verticale con una forte strozzatura alla base; il vetro di colore verde (tendente al verde-giallo luminoso o al verde intenso) è soffiato e mostra sulla superficie i segni della rotazione del vaso durante la soffiatura, determinati dall’impurità e dalla viscosità dell’impasto. L’orlo è conservato nel solo esemplare n. 42 e risulta tagliato superiormente come negli esemplari di Aquileia per i quali è stato suggerito un utilizzo funzionale come lucerna sulla base di un’ipotesi avanzata per questa forma già dalla Isings166.

Considerazioni preliminari sul gruppo di vetri selezionati

Vetro diatreto inciso ed exciso Vetri con motivi geometrici e figurati Lucerna con storie di Achille 1-VL 12401003.1 + 12404014
Vetro decorato a foglia d’oro graffita Bicchiere con iscrizione 2-VL 12400001 + 12431005.1
Vetro decorato con incisioni o abrasioni Vetri intagliati a motivi complessi Bottiglie/coppe 6-VL 12433006_f 4-VL 12438033.2 5-VL 12438035.1
Coppe larghe e poco profonde 7-VL 12431007_a 8-VL 12438047 3-VL 12438059.1
Vetri intagliati e abrasi con motivi semplici Vasi incisi a cerchi 9-VL 12431007.1 10-VL 12433007_e 11-VL 12433007+009
Coppe incise e/o abrase Coppe incise e abrase a bande parallele 12-VL 12433011+012+015_b 13-VL 12433011+012+015_a
Coppe abrase a bande parallele 14-VL 12433006_d 15-VL 12433006_e
Bicchieri incisi e/o abrasi Bicchieri incisi e/o abrasi con motivi ripetuti (grani di riso/cane corrente) e reticolato obliquo 16-VL 12433006_c 17-VL 12433009 18-VL 12433007_a 19-VL 12433006+007+009+010
Bicchieri abrasi e/o incisi a graffio con motivi ripetuti (cane corrente e motivo complesso con spirali e dischi) 20-VL 12431007_b 21-VL 12433007_b 22-VL 12433005+006_h 23-VL 12433005+006_i
Bicchieri incisi a losanghe e abrasi a bande parallele 24-VL 12433005+006_a 25-VL 12433005+006_b 26-VL 12433005+006_c 27-VL 12433005+006_d
Vasi incisi e/o abrasi Vasi (bicchieri, ampolle) abrasi a linea ondulata e dischi tra bande parallele 28-VL 12433005+006_f 29-VL 12433006_a 30-VL 12433005+006_g 31-VL 12433005+006_e
Vasi (bicchieri, ampolle) incisi e/o abrasi con motivi a losanga, ad onda continua, a bande orizzontali, a cane corrente 32-VL 12433006_b 33-VL 12431006_a 34-VL 12431006_b
Lucerne ad orlo molato lucerne incise e/o abrase ad orlo rientrante 35-VL 12431002_a 36-VL 12431007_c
lucerne incise e abrase ad orlo svasato 37-VL 12433007_c 38-VL 12433007_d
lucerna ad orlo verticale molato 39-VL 12431005
Vetro decorato a gocce Nuppenbecher 40-VL 12431003 41-VL 12431002_b 42-VL 12438002.28

Tipologie formali

107Riprendendo in esame i vetri presentati si osserva che le forme attestate non sembrano molto diversificate. Numericamente risultano prevalenti le coppe ed i bicchieri: sono documentate varie coppe emisferiche/poco profonde e numerosi esemplari di bicchieri dalla sagoma allungata scampanata/cilindrica/conica. In genere le decorazioni ad incisione sono realizzate più spesso su coppe – emisferiche/poco profonde/piatti –, mentre tra i raggruppamenti qui presentati spicca la presenza di bicchieri di piccole dimensioni con pareti molto sottili. La forma del bicchiere sembra piuttosto diffusa a Roma, ma non sembra caratterizzata da una frequente presenza di decorazione figurata, come invece accade in questo gruppo di esemplari.

Tecnica di esecuzione

  • 167 L’uso di vetro al piombo per l’intaglio in età moderna consente tagli più nitidi e precisi.

108Considerando i frammenti da un punto di vista tecnologico, si distinguono tre tipologie: vetri con decorazione ad incisione/abrasione, con applicazione di lamina aurea o con applicazione di gocce di vetro colorato. In merito alle differenti tipologie decorative una considerazione piuttosto ovvia porta ad associare una decorazione con intaglio profondo ad un tipo di vetro che possieda una consistenza di spessore adeguato, e ad associare un’abrasione leggera e superficiale ad un vetro soffiato di spessore sottile. In realtà gli studi sulla glittica (una classe artistica che presenta forti analogie tecnologiche con l’incisione sul vetro), hanno dimostrato come le differenti caratteristiche dei materiali possano condizionare la resa dell’incisione stessa, che rimane strettamente legata alla durezza ed alla porosità intrinseca del materiale. Una doverosa riflessione dovrebbe quindi valutare l’esistenza di un rapporto condizionante tra le caratteristiche intrinseche e lo spessore del vetro prodotto ed il modo di utilizzare gli strumenti per realizzare le decorazioni. Dal punto di vista artistico un disegno nitido e preciso richiede un vetro particolarmente duro e consistente167 in grado di subire un intaglio profondo che metta in luce contorno e dettagli della raffigurazione, mentre un disegno sfumato è realizzabile anche su pareti soffiate di minimo spessore ma che assume un aspetto diafano e quasi evanescente su uno sfondo luminoso come quello costituito dal vetro. Tali considerazioni intendono fornire uno spunto per formulare un’ipotesi sulla possibile esistenza di volute diversificazioni di produzioni destinate ai differenti effetti decorativi desiderati. L’analisi del modo di applicazione delle diverse tecniche decorative si è mostrata di grande ausilio nell’enucleazione di gruppi di produzione tra i vetri tardo antichi ritrovati.

109Nel gruppo presentato è possibile rimarcare ad esempio come le abrasioni presenti sui frammenti dei bicchieri e dei vasi incisi e/o abrasi (§ 93-99; fig. 39-43) abbiano dei caratteri comuni: esse collaborano a mettere in evidenza i dettagli dell’incisione eseguita utilizzando la rotina obliquamente e causando degli intagli sagomati a chicco di riso presenti ripetutamente in bande sul corpo di questi vasi. L’abrasione superficiale su questi frammenti è stata applicata delineando motivi decorativi molto sottili, appena percepibili ad occhio nudo e visibili chiaramente solo attraverso l’orientamento del vaso alla luce riflessa, in quest’ultimo caso piccoli tratti geometrici ripetuti vengono composti in un quadro generale piuttosto articolato.

110Se si analizza invece l’uso dell’abrasione sull’esemplare n. 4 (§ 75-76; fig. 29) si nota come essa abbia prodotto zone satinate omogenee di sfondo, delineate sui margini tramite incisioni intagliate profondamente. Il confronto tra questi differenti risultati mette in luce come il diverso uso della stessa tecnica corrisponda ad un aspetto relativo al metodo operativo della bottega di produzione dei vetri e suggerisca una comune origine del gruppo di bicchieri e vasi abrasi e/o incisi provenienti da Villa Medici. È verosimile ipotizzare che l’insieme di vetri abrasi ed incisi con motivi decorativi ripetitivi siano da ascrivere all’ambito di un’unica bottega romana operante tra la seconda metà inoltrata del IV sec. d.C. e gli inizi del V sec. d.C. Oltre ai menzionati caratteri unificanti relativi alla tecnica esecutiva si segnala una coerente produzione di forme vascolari articolata tra coppe/coppette, bicchieri e lucerne.

111Sulla tecnica della decorazione a rotina su vetro si è invece accennato in precedenza, ma riguardo l’utilizzo dello strumento in questo insieme di frammenti è possibile notare in conclusione che esso viene usato in modo diversificato: i tagli precisi e profondi risultano eseguiti operando con ruote angolate sulla superficie dei vasi (ad esempio nel gruppo di frammenti incisi a motivi complessi, § 66-68, 94-99, fig. 20-21, 29-33); la semplice abrasione superficiale è stata realizzata con una fitta serie di graffiature sottili affiancate, che danno luogo a disegni lineari dalla superficie patinata (ad esempio nel gruppo di frammenti incisi e abrasi, 89-99, fig. 37-43); inoltre la mola rotante è stata usata superficialmente in modo sfumato per creare estesi campi opachi con tracce leggere di rade scalfitture (ad esempio nel motivo a bande parallele sulle lucerne, 101-103, fig. 44-45, e sulle coppe arrotondate, 89-92, fig. 37-38).

Gruppi di appartenenza

112Le decorazioni dei vetri ritrovati orientano verso confronti con vetri attribuiti a botteghe di ambito romano: la lucerna con scene della vita di Achille è riconducibile al noto gruppo del piatto con scene di vita marina, mentre per diversi altri esemplari i confronti riconducono al cosiddetto gruppo con incisioni lineari e abrasioni.

Datazione dell’insieme dei frammenti

113L’analisi della tipologia formale relativa ai vasi cui appartengono questi frammenti non consente di fornire delle datazioni puntuali per questo gruppo di vetri. Sulla base dei confronti relativi alla decorazione è stato comunque possibile restringere le datazioni entro un arco cronologico che non sembra risalire prima dei decenni centrali del IV sec. d.C. (nel caso specifico della lucerna con scene della vita di Achille) e sembra concludersi all’incirca nel primo terzo del V sec. d.C.

Lucerna con storie di Achille Gruppo del Piatto con scene di vita marina Decenni centrali del IV sec.
Bicchiere decorato a foglia d’oro Fine IV-prima metà V sec.
Vetri intagliati a motivi complessi Bottiglie/coppe Gruppo con incisioni e abrasioni Seconda metà IV sec. Secondo terzo del IV sec.
Coppe larghe e poco profonde Ultimo decennio IV sec.
Vetri intagliati e abrasi a motivi semplici Vasi incisi a cerchi Metà IV sec.
Coppe incise e/o abrase Fine IV-inizi V sec.
Bicchieri incisi e/o abrasi Metà IV-inizi V sec.
Vasi incisi e/o abrasi Metà IV-inizi V sec.
Lucerne ad orlo molato Fine IV-inizi V sec.
Nuppenbecher IV sec.

Considerazioni conclusive

114Le datazioni fornite dal complesso delle informazioni raccolte convergono intorno al periodo finale del IV e la prima metà del V sec. d.C., periodo caratterizzato per il sito dal passaggio della domus Pinciana degli Anicii al demanio imperiale, successivamente al sacco di Alarico del 410 d.C.

115La lucerna con scene della vita di Achille, come già ripetutamente sottolineato, è un elemento residuale nelle stratificazioni archeologiche dell’edificio tardo antico, in quanto proviene da un interro relato ad una trincea di fondazione (del vano 12401 al margine occidentale della costruzione); il resto dei vetri proviene da livelli connessi con canalizzazioni e riserve idriche (gli esemplari dai settori 12431, 12433 e 12438) e documenta interri rimescolati di abbandono di cui questi vetri non sembrano tuttavia fornire il dato cronologico più recente.

116È interessante osservare che l’attribuzione a differenti gruppi di produzione permette di cogliere una corrispondenza con le relative provenienze. Il prodotto che risale più indietro nel tempo intorno alla metà del IV sec. d.C. fa parte delle opere realizzate da una nota bottega romana, ma risulta residuale nel momento in cui viene costruito l’edificio tardo antico entro il primo quarto del V sec. d.C. I frammenti attribuiti al gruppo con incisioni e abrasioni ed il gruppo di bicchieri e vasi abrasi e incisi provengono invece dai settori di servizio della struttura e la loro datazione tra la metà del IV ed il primo terzo del V sec. d.C. sembra corrispondere ad una loro funzione nell’ambito di utilizzo precoce delle strutture del padiglione porticato sul principio del secolo.

  • 168 Faedo 1978.

117La presenza della lucerna con storie della vita di Achille getta uno spiraglio sull’alto livello qualitativo dei prodotti utilizzati nell’area della domus Pinciana anche prima dell’edificazione del monumentale edificio tardo antico. Nel periodo successivo, durante la fase di utilizzo delle strutture di rappresentanza, solo la presenza di un prodotto appartenente alla classe dei vetri dorati si ricollega direttamente al fermento artistico del periodo teodosiano168, caratterizzato dal ritorno ad un posato ed aulico classicismo tra la fine del IV e la metà del V sec. d.C.

118In conclusione si ribadisce nuovamente di aver inteso fare, con questa analisi, una presentazione limitata ad un circoscritto insieme di vetri di meditata selezione con l’auspicio che questo isolato sforzo di affrontare materiali provenienti da un complesso archeologico di rilevante interesse per complessità e ricchezza stratigrafica sia di ausilio e conforto per ulteriori studi ed approfondimenti.

Haut de page

Bibliographie

Albarello 2000 = C. Albarello, 257. Cronografo del 354, in Ensoli – La Rocca 2000, p. 574-575.

Albertoni 2000 = M. Albertoni, 76. Lastrina con figura femminile, in Ensoli – La Rocca 2000, p. 471-472.

Bekker 1837 = I. Bekker, P. Silentiarii, Descriptio S. Sophiae et ambonis ex ricognitione Immanuelis Bekkeri, Bonn, 1837.

Bertacchi 1990 = L. Bertacchi, 3f. 5. Aquileia. Manufatti diversi, in Milano capitale 1990, p. 221-226.

Bianchi Bandinelli 1970 = R. Bianchi Bandinelli, Roma. La fine dell’arte antica. L’arte dell’impero romano da Settimio Severo a Teodosio I, Milano, 1970 (Il mondo della figura).

Borda 1958 = M. Borda, La pittura romana, Milano, 1958 (Le grandi civiltà pittoriche).

Broise – Dewailly – Jolivet 2000a = H. Broise, M. Dewailly, V. Jolivet, La fouille du Piazzale de la Villa Médicis à Rome, in CRAI, 144-2, 2000, p. 729-750.

Broise – Dewailly – Jolivet 2000b = H. Broise, M. Dewailly, V. Jolivet, Horti Luculliani: un palazzo tardoantico a Villa Medici, in Ensoli – La Rocca 2000, p. 113-115.

Broise – Jolivet 2009 = H. Broise, V. Jolivet (a cura di), Pincio 1. La Villa Médicis et le couvent de la Trinité-des-Monts à Rome. Réinvestir un site antique, Roma, 2009 (Roma Antiqua, 7).

Broise – Jolivet 2015 = H. Broise, V. Jolivet, Les fouilles de l’École française de Rome sur le Pincio: Trinité-des-Monts, Villa Médicis, in Bollettino di archeologia online, 6, 2015, p. 71-80.

Bruno 2005 = M. Bruno, Rivestimenti marmorei dalla domus pinciana a Roma, in H. Morlier (a cura di), La mosaïque gréco-romaine. IX, Roma, 2005, p. 603-628.

Calvani Marini 1990 = M. Calvani Marini, 3g. 3. Vetri da Classe, in Milano capitale 1990, p. 230, fig. 3g. 3a-b.

Cima 2000 = M. Cima, 310. Mensa con scene della vita di Achille, in Ensoli – La Rocca 2000, p. 608-610.

Crowfoot – Harden 1931 = G.M. Crowfoot, D.B. Harden, Early Byzantine and later glass lamps, in Journal Egyptian Archaeology, 17, 1931, p. 196-208.

Del Moro 2000a = M.P. Del Moro, 104. Vassoio con scene della vita di Achille, in Ensoli – La Rocca 2000, p. 484-485.

Del Moro 2000b = M.P. Del Moro, 36. Coppa con scene di auriga vincitore, in Ensoli – La Rocca 2000, p. 448-449.

De Tommaso 1986 = G. De Tommaso, Ipotesi sulla produzione di vasellame vitreo in Italia tra III e IV secolo, in Opus, 5, 1986, p. 111-125.

De Tommaso 1989 = G. De Tommaso, Vetri incisi dalle collezioni del Museo Nazionale Romano di Roma, in Kölner Jahrbuch für Vor- und Frühgeschichte, 22, 1989, p. 99-104.

De Tommaso 1994 = G. De Tommaso, Lucca tardoantica e altomedievale II. Scavi 1990-1991. Appendice II: Un frammento di vetro inciso dalla US 61 di Palazzo Bernardi (oggi Ansaldi), in Archeologia Medievale, 21, 1994, p. 622-627.

Donati 1990 = P. Donati, 4e.1. L’area del Canton Ticino, in Milano capitale 1990, p. 269-271.

Doppelfeld 1966 = O. Doppelfeld, Römisches und Fränkisches Glass in Köln, Colonia, 1966.

Dorigo 1966 = W. Dorigo, Pittura tardoromana, Milano, 1966.

Ensoli – La Rocca 2000 = S. Ensoli, E. La Rocca (a cura di), Aurea Roma. Dalla città pagana alla città cristiana, Roma, 2000.

Faedo 1978 = L. Faedo, Per una classificazione preliminare dei vetri dorati tardo romani, in Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, ser. 3, 8-3, 1978, p. 1025-1070.

Fobelli 2005 = M.L. Fobelli, Un tempio per Giustiniano. Santa Sofia di Costantinopoli e la Descrizione di Paolo Silenziario, Roma, 2005.

Foy – Nenna 2001 = D. Foy, M.-D. Nenna, Tout feu, tout sable. Mille ans de verre antique dans le Midi de la France (Musée d’Histoire de Marseille), Aix-en-Provence, 2001.

Fremersdorf 1930 = F. Fremersdorf, Ein bisher verkanntes römisches Goldglas mit christlichen Wunderszenen in der Römischen Abteilung des Wallraf-Richartz-Museums Köln, in Wallraf-Richartz-Jahrbuch, n. F. 1, 1930, p. 282-304.

Fremersdorf 1938 = F. Fremersdorf, Römische Gläser mit buntgefleckter Oberfläche, in H. von Petrikovits, A. Steeger (a cura di), Festschrift für August Oxé zum 75. Geburtstag 23. Juli 1938, Darmstad, 1938, p. 116-121.

Fremersdorf 1975 = F. Fremersdorf, Antikes, Islamisches und Mittelalterliches Glas sowie kleinere Arbeiten aus Stein, Gagat und verwandten Stoffen in den Vatikanischen Sammlungen Roms, Roma/Città del Vaticano, 1975 (Catalogo del Museo Sacro, 5).

Fünfschilling 1999 = S. Fünfschilling, Gläser aus den Grabungen des Deutschen Archäologischen Instituts in Karthago. Die Grabungen «Quartier Magon» und Rue Ibn Chabâat sowie kleinere sondagen, in F. Rakob (a cura di), Karthago III. Die Deutschen Ausgrabungen in Karthago, Magonza, 1999, p. 435-529.

Fünfschilling 2000 = S. Fünfschilling, Form und Funktion spätrömischen Glases im Castrum Rauracense (Kaiseraugst/AG), in Annales du 14e Congrès de l’Association Internationale pour l’Histoire du Verre, Venezia-Milano 1998, Lochem, 2000, p. 163-167.

Ghedini 1994 = F. Ghedini, La fortuna del mito di Achille nella propaganda tardo repubblicana ed imperiale, in Latomus, 53, 1994, p. 297-316.

Ghedini 2009 = F. Ghedini, Il carro dei Musei Capitolini. Epos e mito nella società tardo antica, Roma, 2009 (Antenor Quaderni, 13).

Grabar 1967 = A. Grabar, L’arte paleocristiana (200-395), Milano, 1967 (Il mondo della figura).

Harden 1988 = D.B. Harden, Gruppi D e E: Introduzione, in Harden et al. 1988, p. 101-108.

Harden et al. 1988 = D.B. Harden et al., Vetri dei Cesari, Milano, 1988.

Hellenkemper 1988a = H. Hellenkemper, 5. Coppa con scene del Vecchio Testamento, in Harden et al. 1988, p. 25-27.

Hellenkemper 1988b = H. Hellenkemper, 99. Coppa biansata, in Harden et al. 1988, p. 189.

Hellenkemper 1988c = H. Hellenkemper, 131. Bicchiere, in Harden et al. 1988, p. 234-235.

Hellenkemper 1988d = H. Hellenkemper, 117. Piatto con scene di circo, in Harden et al. 1988, p. 210-212.

Hellenkemper 1988e = H. Hellenkemper, 133. Coppa con danzatori, in Harden et al. 1988, p. 236-237.

Hellenkemper 1988f = H. Hellenkemper, 112. Coppa con iscrizione greca, in Harden et al. 1988, p. 203-204.

Hellenkemper 1988g = H. Hellenkemper, 108. Coppa di Linceo, in Harden et al. 1988, p. 198-199.

Hellenkemper 2000 = H. Hellenkemper, 321. Coppa con scene veterotestamentarie, in Ensoli – La Rocca 2000, p. 618.

Huskinson 1974 = J. Huskinson, Some pagan mythological figures and their significance in Early Christian Art, in PBSR, 42, 1974, p. 68-97.

Iliffe 1933 = J.H. Iliffe, A tomb at El Bassa c. A.D. 396, in Quarterly of the Department of Antiquities in Palestine, 3-2, 1933, p. 81-91.

Isings 1957 = C. Isings, Roman glass from dated finds, Groningen-Djakarta, 1957.

Jolivet – Sotinel 2012 = V. Jolivet, C. Sotinel, Die Domus Pinciana. Eine kaiserliche Residenz in Rom, in T. Fuhrer (a cura di), Rom und Mailand in der Spätantike. Repräsentationen städtischer Räume in Literatur, Architektur und Kunst, Berlino-Boston, 2012, p. 137-160.

LIMC = Lexicon Iconographicum Mythologiae Classicae, Monaco-Zurigo, 1981-.

Lusuardi Siena 1990 = S. Lusuardi Siena, 1e.7. L’uniforme dell’ufficiale, in Milano capitale 1990, p. 60-61.

Metzgen 2000 = C. Metzgen, 35. Placca con auriga, in Ensoli – La Rocca 2000, p. 448.

Milano capitale 1990 = G. Sena Chiesa, E.A. Arslan (a cura di), Milano, capitale dell’impero romano (286-402 d.C.), Mostra Milano-Palazzo Reale 24 gennaio-22 aprile 1990, Milano, 1990.

Mollo Mezzena 1990 = R. Mollo Mezzena, 4e.4e.2. Corredo della tomba 17, in Milano capitale 1990, p. 291-292.

Naumann-Steckner 1990 = F. Naumann-Steckner, 5d.8e,f. Due coppe con decorazione a goccia, in Milano capitale 1990, p. 400-401.

Painter 1988a = K.S. Painter, Gruppi J e K: introduzione, in Harden et al. 1988, p. 259-269.

Painter 1988b = K.S. Painter, 129. Coppe con figure danzanti, in Harden et al. 1988, p. 230-231.

Painter 1988c = K.S. Painter, 132. Ampolla decorata con figure e pesci, in Harden et al. 1988, p. 235-236. 

Painter 1988d = K.S. Painter, 121. Piatto con Bellerofonte e Pegaso, in Harden et al. 1988, p. 218-219.

Painter 1989 = K. Painter, A fragment of a glass dish in the Antiquarium Comunale, Rome, in Kölner Jahrbuch für Vor- und Frühgeschichte, 22, 1989, p. 87-98.

Paolucci 1997 = F. Paolucci, I vetri incisi dall’Italia settentrionale e dalla Rezia nel periodo medio e tardo imperiale, Firenze, 1997.

Paolucci 2002 = F. Paolucci, L’arte del vetro inciso a Roma nel IV secolo d.C., Firenze, 2002.

Paris 1990 = R. Paris, Le tarsie di Giunio Basso, in M.R. Di Mino, M. Bertinetti (a cura di), Archeologia a Roma. La materia e la tecnica nell’arte antica, Roma, p. 147-150.

Pavloskis 1965 = Z. Pavloskis, The education of Achilles, as treated in the literature of Late Antiquity, in PP, 20, 1965, p. 281-297.

Pirzio Biroli Stefanelli 1988a = L. Pirzio Biroli Stefanelli, 100. Bicchiere con decorazione vegetale, in Harden et al. 1988, p. 190.

Pirzio Biroli Stefanelli 1988b = L. Pirzio Biroli Stefanelli, 125. Coppa con decorazione intagliata, in Harden et al. 1988, p. 225.

Pirzio Biroli Stefanelli 1991 = L. Pirzio Biroli Stefanelli, L’argento dei Romani. Vasellame da tavola e d’apparato, Roma, 1991 (Il metallo: mito e fortuna nel mondo antico).

Roffia 1990 = E. Roffia, 5d. 8. Il vetro, in Milano capitale 1990, p. 398-400.

Rossetti Tella 1996 = C. Rossetti Tella, La terra sigillata tardo-italica decorata del Museo Nazionale Romano, Roma, 1996 (Studia Archaeologica, 83).

Saguì 1993 = L. Saguì, Produzioni vetrarie a Roma tra tardo-antico e alto medioevo, in L. Paroli, P. Delogu (a cura di), La storia economica di Roma nell’alto Medioevo alla luce dei recenti scavi archeologici. Atti del Seminario di Roma 2-3 aprile 1992, Firenze, 1993, p. 113-136.

Saguì 1996 = L. Saguì, Un piatto di vetro inciso da Roma: contributo ad un inquadramento delle officine vetrarie tardoantiche, in M.G. Picozzi, F. Carinci (a cura di), Studi in memoria di Lucia Guerrini, Roma, 1996 (Studi Miscellanei, 30), p. 337-358.

Saguì 2006 = L. Saguì, Scavo delle pendici nord-orientali del Palatino (Regio X). Il vetro inciso, in M.A. Tomei (a cura di), Roma. Memorie dal sottosuolo. Ritrovamenti archeologici 1980/2006, Roma, Olearie Papali 2 dicembre 2006-9 aprile 2007, Milano, 2006, p. 79-82.

Sapelli 2000 = M. Sapelli, 178. Pannello in opus sectile con pompa circensis, in Ensoli – La Rocca 2000, p. 536.

Schwinden 2000 = L. Schwinden, 37. Pedina da gioco con auriga (agitator), in Ensoli – La Rocca 2000, p. 449.

Smith 2003 = S. Smith, Glass finds from the north-eastern slope of the Palatine, in Annales du 15e Congrès de l’Association Internationale pour l’Histoire du Verre (New York-Corning 2001), Nottingham, 2003, p. 68-72.

Smith 2014 = S. Smith, Glass, in A. St. Clair (a cura di), Palatine east excavations. II. The finds, Roma, 2014, p. 117-168.

Stefani 2006 = G. Stefani, Casa del Menandro (I, 10), in P.G. Guzzo (a cura di), Argenti a Pompei, Milano, p. 191-223.

Stella 1990 = C. Stella, 5d.8u. Bicchiere, in Milano capitale 1990, p. 405.

Sternini 1989a = M. Sternini, A glass workshop in Rome (IVth-Vth century A.D.), in Kölner Jahrbuch für Vor- und Frühgeschichte, 22, 1989, p. 105-114.

Sternini 1989b = M. Sternini, Una manifattura vetraria di V secolo a Roma, Firenze, 1989 (Quaderni del dipartimento di archeologia e storia delle arti -sezione archeologica- Università di Siena, 16).

Vannini 1988 = A. Vannini, Matrici di ceramica aretina decorata, Roma, 1988 (Catalogo Museo Nazionale Romano. Le ceramiche, 5, 2).

Weitzmann 1951 = K. Weitzmann, Greek mythology in Byzantine art, Princeton, 1951.

Weitzmann 1959 = K. Weitzmann, Ancient book illumination, Cambridge, 1959.

Whitehouse 1988a = D.B. Whitehouse, 115. Vaso con l’iscrizione «Vita Bona», in Harden et al. 1988, p. 207.

Whitehouse 1988b = D.B. Whitehouse, 116. Bottiglia di Populonia, in Harden et al. 1988, p. 208-209.

Wulff 1913-1914 = O. Wulff, Kaiser-Friedrich-Museum. Neuerwerbungen der Altchristlichen Sammlung Seit 1912, in Amtliche Berichte aus den Königlichen Kunstsammlungen, 35, 1913-1914, p. 29-44.

 

Haut de page

Notes

1 Broise – Jolivet 2015.

2 Jolivet – Sotinel 2012.

3 Bruno 2005.

4 Broise – Jolivet 2009; Broise – Dewailly – Jolivet 1999-2000; Broise – Dewailly – Jolivet 2000a.

5 Jolivet – Sotinel 2012.

6 I frammenti VL 12401003.1 e VL 12404014.

7 Vetro intagliato VL 12401003.1 (equivalente a n. di scavo VL.92.MX.103.1, ritrovamento dell’11-XI-92): frammento di orlo di coppa profonda di vetro incolore trasparente con corpo cilindrico. Dim.: ingombro di 6,1 × 6 cm, spessore orlo 0,25 cm, spessore medio parete 0,08/0,2 cm, raggio di circa 7 cm per un Ø originario di circa 14 cm.

8 Vetro intagliato VL 12404014 (equivalente a n. di scavo VL. 99.MX.414, ritrovamento del 17-III-99): frammento di parete di coppa profonda di vetro incolore trasparente con corpo cilindrico. Dim.: ingombro di 4,2 × 2 cm, spessore medio parete 0,1/0,2 cm.

9 Broise – Dewailly – Jolivet 2000b, p. 114.

10 I due cerchi di dimensione simile misurano 1,8/2 cm di diametro.

11 Il disegno apparentemente grossolano del cerchio presenta esternamente i segni irregolari dei tagli rettilinei orientati obliquamente con angoli progressivamente accentuati.

12 Si tratta di una specifica esecuzione con ritaglio della massa vetrosa ed incisione dei dettagli ampiamente descritta dagli studiosi; De Tommaso 1994, p. 623-624.

13 Attualmente si effettua una operazione conclusiva di lucidatura con una rotina di sughero.

14 Isings 1957, p. 113-116, forma 96.

15 Crowfoot – Harden 1931, fig. 1-3.

16 Si segnala che tra i reperti metallici ritrovati nello scavo del settore 10300 (ed ancora in corso di studio) compare un frammento di bronzo appartenente verosimilmente alla struttura di un polikandylon.

17 Sternini 1989a, fig. 4:14-7:41.

18 Pauli Silentiarii descriptio ecclesiae Sanctae Sophiae et amboni, vs. 823-826; Bekker 1837, p. 39; Fobelli 2005.

19 Paolucci 1997, p. 42, fig. 10.

20 Sul tema iconografico di Achille e sulla sua evoluzione nel tempo vedi Ghedini 1994 e più recentemente Ghedini 2009.

21 Sui differenti temi iconografici nei generi artistici cfr. LIMC; sul rapporto iconografico tra l’arte vetraria ed altre categorie artigianali dell’antichità vedi Paolucci 1997, p. 63-79.

22 Borda 1958, p. 204, fig. a p. 201.

23 Stefani 2006, p. 198-199, fig. 280: in basso.

24 Bianchi Bandinelli 1970, fig. 197; Pirzio Biroli Stefanelli 1991, p. 290, cat. 149, fig. 69.

25 Pirzio Biroli Stefanelli 1991, p. 295-296, cat. 163, fig. 234-237.

26 Ibid., p. 310, cat. 204, fig. 249.

27 Del Moro 2000a.

28 L’abbigliamento è quello del giovane Alessandro visibile sul mosaico di Pella con la caccia al leone.

29 Sul tema iconografico della paideia di Achille vedi Ghedini 2009, p. 67-77.

30 Albertoni 2000.

31 Cima 2000, p. 608.

32 Paolucci 2002, p. 17.

33 Pirzio Biroli Stefanelli 1991, p. 285, cat. 135, fig. 73, 285.

34 Albarello 2000.

35 Grabar 1967, p. 82-89.

36 Dorigo 1966, fig. 132, 140.

37 Per una efficace raffigurazione del tipo di abbigliamento militare di un ufficiale di epoca tarda vedi Lusuardi Siena 1990, fig. 1e.7.

38 Del Moro 2000b; Metzgen 2000; Schwinden 2000.

39 Paris 1990, p. 149, fig. 123; Sapelli 2000.

40 Due frammenti di medaglioni circolari con cavalieri a cavallo rivolti verso destra sono segnalati già da Wulff 1913-1914, p. 31, fig. 14.

41 Smith 2003, p. 69-70, fig. 4; Smith 2014, p. 130, cat. 62, fig. 172g. Ringrazio sentitamente Lucia Saguì per la segnalazione.

42 De Tommaso 1989; Saguì 1993; Paolucci 2002.

43 Questo gruppo è stato anche definito Gruppo a clipei (Paolucci 2002, p. 17-20) ma in merito alla sua denominazione si osserva come, sebbene una definizione stringata possa essere di ausilio, la presenza dei tondi figurativi sia comune anche ad altri gruppi e non sia quindi l’elemento che contraddistingue questa produzione in modo tale da poterlo caratterizzare sinteticamente.

44 De Tommaso 1989, p. 99-101.

45 Saguì 1993, p. 124.

46 Nel più recente lavoro sulle botteghe diatretarie di IV sec. Paolucci ha riconosciuto almeno cinque diversi gruppi; Paolucci 2002, p. 80-81.

47 Ibid., p. 17-19, fig. 9-13, 17-20.

48 Fremersdorf 1975, p. 86-87, n. 826, tav. 46.

49 Anche alcuni esemplari di coppe rinvenute in territorio francese mostrano tale caratteristica dell’assenza di una connessione a intelaiatura geometrica tra i campi figurati; Foy – Nenna 2001, coppa da Hyères-sur-Amby (Larina) p. 224, cat. 402-3; coppa da Vienne p. 227, cat. 409.

50 Smith 2003, p. 69-70, fig. 4; Smith 2014, p. 130, cat. 62, fig. 172g.

51 Wulff 1913-1914, p. 31, fig. 14.

52 Ad un simile confronto ha ricondotto anche la ricerca iconografica per il medaglione con cavaliere; vedi sopra.

53 Huskinson 1974, p. 85-90.

54 Cima 2000, p. 609.

55 Pavloskis 1965.

56 La figura di Achille è documentata su rilievi marmorei, argenterie, ceramica sigillata e vetro decorato; su questo tema iconografico vedi Ghedini 1994; Ghedini 2009.

57 Weitzmann 1951, p. 20, 166, 209, fig. 16; Weitzmann 1959, p. 55, 59, fig. 63 a-b.

58 Pirzio Biroli Stefanelli 1991, p. 296.

59 De Tommaso 1986, p. 115-116.

60 Painter 1989, p. 92-93.

61 Cima 2000, p. 609.

62 De Tommaso 1989, p. 101.

63 De Tommaso 1994, p. 625.

64 Ibid., p. 627; Saguì 1996, p. 355.

65 I frammenti VL 12400001 e VL 12431005.1.

66 Frammento VL 12431005.1 (ritrovamento nel settore delle canalizzazioni): frammento di vetro con sfumature di colore verde giallastro trasparente di bicchiere con orlo svasato originariamente con lamina aurea applicata. Dim.: spessore orlo 0,2 cm, spessore medio parete 0,1 cm, Ø originario di circa 5,8 cm.

67 Frammento VL 12400001 (ritrovamento a seguito del décapage della superficie del piazzale interno tra la Villa e la fontana): frammento di vetro con sfumature di colore verde giallastro trasparente di bicchiere con orlo svasato con lamina aurea applicata. Dim.: spessore orlo 0,2 cm, spessore medio parete 0,1 cm, Ø originario di circa 5,8 cm.

68 Painter 1988a, p. 262-269.

69 Hellenkemper 1988a, p. 27.

70 Painter 1988a, p. 264.

71 Hellenkemper 1988a, p. 26.

72 Fremersdorf 1930, p. 291-298.

73 Doppelfeld 1966, p. 68. Pochi studiosi si sono dichiarati scettici a proposito del surriscaldamento dei vasi per il definitivo fissaggio della decorazione aurea; Paolucci 1997, p. 178, nota 494.

74 Fünfschilling 1999, p. 470, 510; fig. 8: cat. 204-206; fig. 18: cat. 657.

75 Espressioni anche greche sono formulate in caratteri capitali latini, più raramente con caratteri greci.

76 Painter 1988a, p. 269.

77 Mollo Mezzena 1990, p. 292, fig. 4e.4e.2c.

78 Harden et al. 1988, p. 287-288, cat. 160-161.

79 Più frequentemente sui piatti incisi (id., p. 226-230, cat. 126-128) ma anche su altre forme come le bottiglie (Whitehouse 1988a).

80 Harden et al. 1988, p. 238-241, cat. 134-135.

81 Faedo 1978.

82 I frammenti n. 3-8 corrispondono ai reperti VL 12438059.1; VL 12438033.2; VL 12438035.1; VL 12433006_f; VL 12431007_a; VL 12438047.

83 VL 12438059.1 è un frammento di orlo e parete di coppa intagliata di vetro incolore, dim.: Ø 20 cm, sp. 1 mm.

84 Paolucci 1997, p. 141-142, note 264 e 270.

85 Dischi abrasi sono visibili in Harden et al. 1988, p. 230-237, cat. 129-133; Saguì 1996, fig. 7 a-c.

86 Pirzio Biroli Stefanelli 1991, p. 64, 254-255, cat. 15, fig. 8.

87 L’elencazione non intende essere esaustiva in quanto compaiono spesso anche altri vegetali come ad esempio il platano, il mirto, l’olivo e l’acanto; Pirzio Biroli Stefanelli 1991, passim.

88 Ibid., p. 255, cat. 16, 18-19.

89 Esemplare conservato nell’Antiquarium Comunale n. 279; Pirzio Biroli Stefanelli 1988a.

90 Esemplare conservato nel Museo di Colonia (RGM 68.59.16); Hellenkemper 1988b.

91 Painter 1988b.

92 Painter 1988c.

93 VL 12438033.2 è un frammento di parete di vetro incolore intagliato ed abraso, dim.: Ø 8,3 cm, sp. 0,5-0,8 mm.

94 Painter 1988b; Painter 1988c.

95 Il bicchiere è attualmente conservato al Römisch-Germanisches Museum di Köln (RGM N 326); Hellenkemper 1988c.

96 Saguì 1996; Paolucci 2002, p. 65-77.

97 VL 12438035.1 è un frammento di parete intagliata di vetro incolore, dim.: Ø 11,6 cm, sp. 1-2 mm.

98 Il motivo vegetale a spina di pesce rammenta la resa lineare delle foglie di palma presenti nelle raffigurazioni con atleti vincitori come nelle coppe dal Palatino o nelle scene di corsa con i carri nel circo come nel piatto con Sol Invictus da Colonia; Paolucci 2002, fig. 66-67; Hellenkemper 1988d.

99 Una losanga molto simile compare come cornice del medaglione centrale su una coppa con scene di vita marina dal Celio; Saguì 1996, fig. 8.

100 Il disegno ricorda la sagoma di un tridente come in alcune scene di contesto marino ma si discosta nei dettagli dai confronti noti.

101 Anche se i confronti diretti citati indirizzano verso vetri incisi del medesimo gruppo di produzione.

102 Saguì 1996, p. 343.

103 Ibid.; Paolucci 2002, p. 65-77.

104 VL 12433006_f è un frammento di fondo intagliato di vetro incolore, dim.: Ø 6,8 cm, sp. 0,7-1 mm.

105 La bottiglia, un tempo parte della collezione di Elisa Bonaparte Baciocchi ed attualmente conservata al Corning Museum of Glass (CMG 62.1.31), è datata alla fine del III-inizi del IV sec. d.C. e mostra una complessa decorazione ad abrasione sul corpo ma non inferiormente; Whitehouse 1988b.

106  CMG 55.1.1.

107 Whitehouse 1988a.

108 GR 1886.5-12.2.

109 Painter 1988c.

110 Hellenkemper 1988e.

111 Il frammento VL 12431007_a è una parete incisa di una coppa di vetro incolore, dim.: Ø corona circolare 24/26,5 cm, sp. 1-2 mm.

112 Il frammento VL 12438047 è una parete incisa di una coppa di vetro incolore, dim.: Ø >21 cm, sp. 1 mm.

113 Inv. cm 98/1+CM 1007/1.

114 Inv. PFR 95A, RC-GE 84897.

115 Paolucci 1997, p. 140-142.

116 Paolucci 1997, PFR 95A, RC-GE 84897; Hellenkemper 1988f.

117 Iliffe 1933, p. 88, fig. 17.

118 Saguì 2006, p. 79, cat. I.44.

119 I frammenti n. 9 e n. 10 (VL 12431007.1 e VL 12433007_e) sono pareti incise di coppe con decorazione a cerchi di vetro trasparente con leggera sfumatura verde, dim. rispettive: (frammento n. 9) Ø 7,8 cm, sp. 1-1,5 mm; (frammento n. 10) Ø 9,25 cm, sp. 0,7-1 mm.

120 Il n. 11 (VL 12433007+009) è un frammento di orlo e parete di una coppa incisa con decorazione a cerchi di vetro trasparente con leggera sfumatura blu, dim.: Ø 11,2 cm, sp. 1 mm.

121 Paolucci 1997, p. 115, nota 105.

122 Fremersdorf 1975, p. 85, n. 819.

123 Ibid., p. 85, n. 820.

124 Paolucci 1997, p. 119.

125 Hellenkemper 1988a; Hellenkemper 2000.

126 Coppe di vetro inciso del IV-inizi del V sec. d.C. con questo tipo di decorazione sono note da Trier (tipo T 27b) ed Augusta Raurica (tipo AR 56); Fünfschilling 2000, fig. 4.

127 L’esemplare n. 12 (VL 12433011+012+015_b) è un frammento di coppa emisferica di vetro trasparente di colore verde, dim.: Ø 7,2 cm, sp. 1,5 mm. L’esemplare n. 13 (VL 12433011+012+015_a) è un frammento di orlo di coppa emisferica di vetro trasparente di colore verde, dim.: Ø 9,5 cm, sp. 1 mm.

128 Fünfschilling 2000, fig. 4.

129 L’esemplare n. 14 (VL 12433006_d) è un orlo di coppa di vetro trasparente incolore, dim.: Ø 7 cm, sp. 1,3-2 mm. L’esemplare n. 15 (VL 12433006_e) è un orlo di coppa di vetro trasparente incolore, dim.: Ø 8 cm, sp. 0,8 mm.

130 Sternini 1989b, p. 33, tav. 5.28.

131 Fünfschilling 1999, p. 470, 510; fig. 8: cat. 204-206; fig. 18: cat. 657.

132 Pirzio Biroli Stefanelli 1988b; cfr. bicchiere da Colonia con scena di vendemmia morfologicamente simile, Paolucci 1997, p. 145-146.

133 Stella 1990.

134 Sternini 1989b, p. 33, tav. 5.27.

135 Questi frammenti sono di vetro trasparente incolore: l’esemplare n. 16 (VL 12433006_c) è un orlo di bicchiere con decorazione incisa a tratti obliqui, dim.: Ø 6 cm, sp. 0,2-1 mm. L’esemplare n. 17 (VL 12433009) è un orlo di bicchiere con decorazione abrasa a S oblique, bande e reticolato obliquo a graticcio, dim.: Ø 6,5 cm, sp. 0,6-1,5 mm. L’esemplare n. 18 (12433007_a) è un orlo di bicchiere con decorazione abrasa a S oblique e reticolato obliquo a graticcio, dim.: Ø 6,8 cm, sp. 0,37-1,5 mm. L’esemplare n. 19 (VL 12433006+007+009+010) è un orlo di bicchiere con decorazione incisa e abrasa con motivo a S oblique e reticolato obliquo a graticcio; ricomposto da numerosi frammenti, dim.: Ø 9,3 cm, sp. 0,2-2 mm.

136 Questi frammenti sono di vetro trasparente incolore: l’esemplare n. 20 (VL 12431007_b) è un orlo di bicchiere con decorazione abrasa con S oblique e motivo complesso con spirale e dischi circolari, dim.: Ø 6 cm, sp. 1,5 mm. L’esemplare n. 21 (VL 12433007_b) è un frammento di parete di bicchiere con decorazione abrasa a spirali, dim.: sp. 0,3 mm. L’esemplare n. 22 (12433005+006_h) è un frammento di parete di bicchiere con decorazione abrasa a spirali, dimensioni: Ø 9 cm, sp. 0,7-1 mm. L’esemplare n. 23 (VL 12433005+006_i) è un frammento di parete di bicchiere con decorazione abrasa a tratti e spirali, dim.: Ø 9 cm, sp. 0,8-1 mm.

137 Questi quattro frammenti sono pareti di bicchieri di vetro trasparente incolore incisi a losanghe e abrasi a bande: l’esemplare n. 24 (VL 12433005+006_a), dim.: sp. 1 mm. L’esemplare n. 25 (VL 12433005+006_b), dim.: sp. 0,7 mm. L’esemplare n. 26 (VL 12433005+006_c), dim.: sp. 1 mm. L’esemplare n. 27 (VL 12433005+006_d), dim.: Ø 4,8 cm, sp. 0,8-1 mm.

138 Questi frammenti appartengono a vasi di vetro trasparente incolore abrasi a linea ondulata e dischi tra bande: l’esemplare n. 29 (VL 12433006_a) è un frammento di parete di bicchiere, dim.: Ø 6,3 cm, sp. 1 mm. L’esemplare n. 30 (VL 12433005+006_g) è un frammento di parete di bicchiere, dim.: Ø 9 cm, sp. 0,6-0,8 mm. L’esemplare n. 31 (VL 12433005+006_e) è un frammento di fondo di bicchiere/coppetta/ampolla, dim.: Ø 9,8 cm, sp. 0,5-1,5 mm.

139 L’esemplare n. 28 (VL 12433005+006_f) è un frammento di parete di bicchiere di vetro trasparente incolore abraso a bande, dim.: Ø 5 cm, sp. 0,8-1 mm.

140 Painter 1988d; Saguì 1996, fig. 2a-b, 7a-c; Paolucci 2002, fig. 32, 44, 53, 57, 63, 66-67, 85.

141 L’esemplare VL 12433006_b è un frammento di parete di bicchiere di vetro trasparente incolore, dim.: Ø 6,3 cm, sp. 1 mm.

142 L’esemplare VL 12431006_a è un frammento di parete di bicchiere di vetro trasparente incolore, dim.: Ø 7,5 cm, sp. 0,5 mm.

143 L’esemplare VL 12431006_b è un frammento di parete di bicchiere di vetro trasparente incolore, dim.: Ø 7,5 cm, sp. 0,2 mm.

144 A proposito del motivo a onda continua sinistrorsa abraso sull’orlo della coppa di Linceo vedi Hellenkemper 1988g.

145 Hellenkemper 1988c.

146 Saguì 2006, p. 79, fig. I.43.

147 Paolucci 1997, p. 145-146.

148 L’esemplare n. 35 (VL 12431002_a) è un frammento di vetro incolore con un orlo rientrante di lucerna incisa a graffio ed abrasa a bande parallele, dim.: Ø 11 cm, sp. 1 mm. L’esemplare n. 36 (VL 12431007_c) è un frammento di orlo rientrante di lucerna abrasa a bande parallele di vetro trasparente di colore verde, dim.: Ø 11 cm, sp. 1 mm.

149 Donati 1990, fig. 4e.1b.1.

150 Fünfschilling 2000, fig. 2.

151 Sternini 1989b, p. 33, tav. 5. 28.

152 Gli esemplari n. 37 e 38 sono frammenti di lucerne incise ed abrase a bande parallele di vetro trasparente incolore, rispettivamente: l’esemplare n. 37 (VL 12433007_c) è un orlo svasato, dim.: Ø 10 cm, sp. 1,5 mm. L’esemplare n. 38 (VL 12433007_d) è un frammento di orlo svasato, dim.: Ø 10 cm, sp. 0,7-1,5 mm.

153 Fünfschilling 2000, fig. 2.

154 Sternini 1989b, p. 28-31, tav. 4. 16-21.

155 L’esemplare n. 39 (VL 12431005) è un frammento di vetro incolore con un orlo verticale di lucerna con orlo molato, dim.: Ø 11 cm, sp. 0,5-1 mm.

156 Fünfschilling 2000, fig. 4: s.n. in alto a destra.

157 Fremersdorf 1938, p. 116-121.

158 Le gocce applicate compaiono in età tarda su varie forme di vasi vitrei tra cui coppe, bottiglie, piatti e corni potori; Harden et al. 1988, p. 113-117, cat. 46-49.

159 L’esemplare n. 40 (VL 12431003) è un frammento di parete di bicchiere di colore verde intenso decorata con applicazioni di vetro blu, dim.: Ø 7 cm, sp. 0,8-1,5 mm. L’esemplare n. 41 (VL 12431002_b) è una parete di vetro verde giallastro di bicchiere decorato con applicazioni di vetro blu, dim.: Ø 7,1 cm, sp. 0,8-1,2 mm. L’esemplare n. 42 (VL 12438002.28) è un orlo di colore verde giallastro di bicchiere decorato con applicazioni di vetro blu, dim.: Ø 7 cm, sp. 1 mm.

160 Una breve sintesi introduttiva sui vetri decorati a gocce e a spruzzo è in Harden 1988, p. 101-103.

161 Fünfschilling 2000, fig. 2.

162 Naumann-Steckner 1990, fig. 5d. 8c(sic!), 5d. 8f.

163 Calvani Marini 1990, fig. 3g.3a-b.

164 Roffia 1990, 5d.8a.1. Bicchiere, p. 398.

165 Bertacchi 1990, 3f.5g. Bicchiere in vetro, p. 223.

166 Isings 1957, p. 126.

167 L’uso di vetro al piombo per l’intaglio in età moderna consente tagli più nitidi e precisi.

168 Faedo 1978.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Pianta schematica dello scavo del piazzale interno di Villa Medici: settori relativi ai rinvenimenti.
Crédits Dis. M. Rossi sulla base del rilievo dell’arch. H. Broise.
Titre Fig. 2-3 – Esemplare n. 1, frammento A.
Crédits Foto e dis. M. Rossi.
Titre Fig. 4-5 – Esemplare n. 1, frammento B.
Crédits Foto e dis. M. Rossi.
Titre Fig. 6 – Esemplare n. 1, disegno dei frammenti ricongiunti.
Crédits Foto e dis. M. Rossi.
Titre Fig. 7 – Esemplare n. 1, disegno della coppa/lucerna.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 8 – Dettagli dell’esemplare n. 1, intaglio figurativo del tondo superiore.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 9 – Dettagli dell’esemplare n. 1, intaglio figurativo del campo rettangolare destro.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 10 – Dettagli dell’esemplare n. 1, ricostruzione della composizione geometrica excisa.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 11 – Esemplare n. 1, ricostruzione della decorazione incisa ed excisa.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 12 – Disegno schematico fuori scala, episodi della vita di Achille tratti dal piatto ottagonale di Kaiseraugst.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 13 – Disegno schematico fuori scala, porzione di mensa marmorea con scene della vita di Achille dei Musei Capitolini.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 14-15 – Esemplare n. 2, frammenti di bicchiere decorato a foglia d’oro.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 16 – Esemplare n. 2, disegno dei frammenti ricongiunti.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 17 – Disegni con iscrizioni su vetro, ricostruzione parziale dell’esemplare n. 2.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 18 – Disegni con iscrizioni su vetro, bicchiere con teoria di santi e apostoli da Aosta (SM/E 991).
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 19 – Disegni con iscrizioni su vetro, coppa con Adamo ed Eva del Römisch-Germanisches Museum di Köln (RGM 340).
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 20 – Esemplare n. 3, piatto inciso; fig. 21, ipotesi di ricostruzione con motivo a tralcio vegetale.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 21 – Esemplare n. 3, ipotesi di ricostruzione con motivo a tralcio vegetale.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 22-24 – Disegni con dettagli decorativi a motivi vegetali: tralci su argenti da Boscoreale, Ercolano e Pompei con foglie di platano, di edera e corimbi, di vite e uva.
Crédits Dis. M. Rossi, da Pirzio Biroli Stefanelli 1991, fig. 107, 15-16, 92.
Titre Fig. 25 – Disegni con dettagli decorativi a motivi vegetali: motivi a foglie su ceramica aretina.
Crédits Dis. M. Rossi, da Vannini 1988, tav. IX: 91, 93; vite tipo 91, edera tipo 93
Titre Fig. 26 – Disegni con dettagli decorativi a motivi vegetali: motivi a foglie su ceramica tardo-italica.
Crédits Dis. M. Rossi, da Rossetti Tella 1996, p. 144, tipo 312 (foglia di vite); p. 151, tipo 338 (foglia di platano).
Titre Fig. 27 – Disegni con dettagli decorativi a motivi vegetali: tralcio con edera e vite sulla patera da Chatuzange (III sec. d.C.).
Crédits Dis. M. Rossi, da Pirzio Biroli Stefanelli 1991, fig. 218-219.
Titre Fig. 28 – Disegni con dettagli decorativi a motivi vegetali: tralcio con vite sulla lanx da Corbridge (fine IV sec. d.C.).
Crédits Dis. M. Rossi, da Pirzio Biroli Stefanelli 1991, fig. 244.
Titre Fig. 29 – Vetri incisi e abrasi a motivi complessi, esemplare n. 4.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 30 – Vetri incisi e abrasi a motivi complessi, esemplare n. 5.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 31 – Vetri incisi e abrasi a motivi complessi, esemplare n. 6.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 32 – Vetri incisi e abrasi a motivi complessi, esemplare n. 7.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 33 – Vetri incisi e abrasi a motivi complessi, esemplare n. 8.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 34 – Disegno schematico fuori scala, coppa da El-Bassa.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 35 – Vetri incisi con decorazione a cerchi, esemplari n. 9 e 10.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 36 – Vetri incisi con decorazione a cerchi, coppa n. 11.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 37 – Vetri incisi e/o abrasi a bande parallele, coppe incise e abrase n. 12 e 13.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 38 – Vetri incisi e/o abrasi a bande parallele, coppe abrase n. 14 e 15.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 39 – Vetri incisi e/o abrasi a motivi semplici: bicchieri n. 16-19.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 40 – Vetri incisi e/o abrasi a motivi semplici: bicchieri n. 20-23.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 41 – Vetri incisi e/o abrasi a motivi semplici: bicchieri n. 24-27.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 42 – Vetri incisi e/o abrasi a motivi semplici, esemplari n. 28-31.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 43 – Vetri incisi e/o abrasi a motivi semplici, esemplari n. 32-34.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 44 – Lucerne ad orlo molato, esemplari incisi e abrasi n. 35-36.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 45 – Lucerne ad orlo molato, esemplari incisi e abrasi n. 37 e 38.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 46 – Lucerne ad orlo molato, esemplare n. 39.
Crédits Dis. M. Rossi.
Titre Fig. 47 – Nuppenbecher, esemplari n. 40-42.
Crédits Dis. M. Rossi.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Marco Rossi, « Vetri tardo antichi da Villa Medici », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 131-1 | -1, 217-257.

Référence électronique

Marco Rossi, « Vetri tardo antichi da Villa Medici », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 131-1 | 2019, mis en ligne le 30 juin 2019, consulté le 19 février 2020. URL : http://journals.openedition.org/mefra/7680 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefra.7680

Haut de page

Auteur

Marco Rossi

Università di Roma Tre – marco.rossi@uniroma3.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals