Navigation – Plan du site

AccueilNuméros131-2Fac-simile 1: le collezioni di do...Collezioni di materiali a stampa,...Adolfo Ajelli, pittore tarquiniese

Fac-simile 1: le collezioni di documentazione grafica sulla pittura etrusca
Collezioni di materiali a stampa, disegni e acquerelli

Adolfo Ajelli, pittore tarquiniese

Maria Cataldi

Résumés

Adolfo Ajelli nacque a Tarquinia-Corneto nel 1886 e vi morì nel 1963. Di professione agrimensore ma pittore per passione, negli anni Trenta del secolo scorso riprodusse su cartoncini di piccole dimensioni e con tecnica mista (china, acquerello, tempera e pastello) i dipinti delle 26 tombe tarquiniesi all’epoca accessibili. Il lavoro di Ajelli si inserisce nella fase finale di quel lungo percorso che vide, nel periodo del Grand Tour, l’attività di artisti italiani e stranieri nella preziosa riproduzione delle pitture funerarie etrusche. Le tavole di Ajelli, che invano Antonio Minto provò ad acquisire per il Museo Archeologico di Firenze, rimasero nella disponibilità degli eredi e solo nel 2015 la ex Soprintendenza Archeologia del Lazio e dell’Etruria Meridionale le ha acquistate per il Museo Archeologico di Tarquinia.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 ASAEM, prot. 1891 del 13.06.1931.

Tarquinia, 1 giugno 1931-IX
Illmo Sig. Direttore del R. Museo Etrusco di Tarquinia
Il sottoscritto si onora di chiedere alla V.S. Illma il permesso di volere accedere alle tombe della necropoli etrusca allo scopo di poter riprendere le scene che vi sono dipinte. Nella fiducia che V.S. vorrà compiacersi accogliere la presente richiesta, il sottoscritto ringrazia ed ossequia.
Adolfo Ajelli1

  • 2 Per serie completa si intende la riproduzione di tutte le tombe dipinte accessibili al momento del (...)

1Così ha inizio la storia della più recente delle serie complete2 di riproduzioni grafiche delle tombe dipinte tarquiniesi, prima che la fotografia a colori ne rendesse vana la riproposizione.

  • 3 Le notizie sulla vita e l’attività del pittore sono tratte da Blasi (1994) e dalle carte conservat (...)

2Adolfo Ajelli (fig. 1) nacque a Tarquinia-Corneto nel 1886 e vi morì nel 1963.3 Agrimensore di professione ma pittore per passione si accinse dunque nell’estate del 1931 a riprodurre tutte le tombe dipinte allora accessibili a Tarquinia con il supporto di riprese fotografiche da lui stesso eseguite:

  • 4 Blasi 1994.

Avevamo da portare a mano una monumentale macchina fotografica a treppiedi, due specchiere ed una scatola di lastre da posa. Non appena il sor Adolfo Ajelli […] ebbe piantato nel bel mezzo della tomba il trabiccolo, ci collocò a me [Bruno Blasi] e Federico [figlio di Ajelli] su due piani diversi: uno sull’apertura in piena luce, l’altro a metà scalinata, per passarci l’un l’altro, con le specchiere a mano, i raggi solari sventagliandoli più volte sulle pareti in modo da impressionare efficacemente la lastra fotografica.4

Fig. 1 – Autoritratto di Adolfo Ajelli.

Fig. 1 – Autoritratto di Adolfo Ajelli.

© collezione privata.

  • 5 Secondo Blasi (1994) gli acquerelli sarebbero stati realizzati su fogli di carta Fabriano. In effe (...)
  • 6 Il dattiloscritto doveva servire da prefazione al libro da pubblicarsi – con la collaborazione di (...)

3Le fotografie gli servirono da modello per la realizzazione degli acquerelli su fogli di cartoncino.5 In un dattiloscritto datato Maggio 1935 ma integrato nel 19616 e conservato in casa degli eredi del pittore, l’Ajelli ripercorre le tappe della sua impresa:

Avevo in mente, quando iniziai questo lavoro di eseguire soltanto qualche tavola ad acquerello. Non pensavo affatto, e non era nelle mie intenzioni, di riprodurre tutte le tombe. Ma feci i conti senza la bellezza degli originali e la passione intensa che mi prese man mano che procedevo. Dopo aver eseguito alcuni soggetti mi avvidi che non avrei potuto smettere senza provare il rammarico che si soffre per una bella opera incompiuta. Quel genere di pittura mi avvinceva irresistibilmente: decisi allora di dedicarmici completamente. Sapevo che non era un’impresa semplice, che bisognava lavorare come un negro e in difficili condizioni di ambiente; ma il lavoro mi seduceva e mi misi all’opera, che ha durato circa dieci anni, incoraggiato costantemente dalla brava guida Enrico Rastelli ora deceduto, che mi ha sempre assistito come un fratello.

  • 7 Maggiani 1987. Nel carteggio si parla di circa 50 acquerelli, probabilmente quelli realizzati all’ (...)

4Presso l’archivio storico della ex Soprintendenza Archeologia della Toscana è conservata un’abbondante documentazione attestante come – tra la fine del 1931 e la fine del 1934 – il museo di Firenze fosse interessato all’acquisto di un corposo numero di acquerelli di Ajelli.7 Così scrive il Soprintendente Antonio Minto al Ministero nel dicembre 1931:

  • 8 ASAT, prot. 1326 del 19.12.1931.

La galleria in fac-simile della pittura etrusca, esistente presso il R. Museo Archeologico di Firenze comprende – come è noto – i saggi più cospicui per soggetto e stile delle tombe dipinte etrusche. Per il territorio di Tarquinia, dato il numero rilevante delle tombe, furono riprodotte [da Augusto Guido Gatti] soltanto le pitture delle tombe dei Tori, della Caccia e Pesca, dei Vasi Dipinti e dell’Orco con l’intendimento di completare la serie con riproduzioni ad acquerello. Avendo appreso che l’ing Adolfo Aielli di Tarquinia possiede una serie di una cinquantina di acquerelli (cm 26 × 16) delle pitture delle tombe tarquiniesi, sulla bontà dei quali mi hanno riferito il Prof. Ducati della R. Università di Bologna ed il Prof. Romanelli, direttore del Museo di Tarquinia […] prego codesto on. Ministero di volermi autorizzare ad entrare in trattative con l’ing. Aielli per l’acquisto di detti acquerelli.8

5Nonostante la disponibilità mostrata dal Ministero la cosa si concluse però con un nulla di fatto.

  • 9 Da una lettera di Ajelli a Minto del dicembre 1934: «non so se il prof. Ducati l’ha messa al corre (...)
  • 10 Weege 1921. Nelle carte conservate dagli eredi Ajelli vi è una lettera del 9 ottobre 1941 su carta (...)
  • 11 Cfr. nota 13.
  • 12 Numerosa è la corrispondenza tra l’Ajelli, Ludovico Magrini, direttore di Archeologia, e la EIOT r (...)
  • 13 La proposta del contratto, dattiloscritta e stilata nel settembre 1963, è tra le carte conservate (...)

6Tutti senza esito furono anche i numerosi tentativi intrapresi dallo stesso Ajelli per pubblicare i suoi acquerelli. Agli anni 1934-1935 sembra riferirsi il progetto del loro utilizzo per illustrare un volume di Pericle Ducati sulla pittura etrusca edito dal Poligrafico dello Stato9 e nel 1941 la casa editrice Anton Schroll di Vienna si dichiarò interessata a otto delle sue tavole che avrebbero dovuto corredare una pubblicazione sulla pittura etrusca del «professore Wege di Breslau»: evidentemente Fritz Weege era all’epoca intenzionato a pubblicare un’edizione aggiornata del suo importante lavoro sulla pittura etrusca.10 Tali progetti non giunsero mai a buon esito con grande rincrescimento del pittore11 che avviò ancora, nel 1961, la redazione di un libro da pubblicarsi nelle edizioni dell’Ente Italiano Organizzazioni Turistiche (EIOT)12 e che nel 1963 infine – sfumato anche quest’ultimo progetto – stilò una bozza di contratto, mai anche questo giunto a definizione, con la rivista Archeologia.13

  • 14 ASAT, prot. 425 del 29.04.1932.
  • 15 Blasi 1994.

7L’opera di Ajelli rimase quindi praticamente sconosciuta e sostanzialmente ignorata dalla bibliografia scientifica. Da una lettera del pittore ad Antonio Minto del 27 aprile 1932 risulta che il 5 maggio dello stesso anno avrebbe dovuto inaugurarsene una mostra a cura dell’Associazione Nazionale Combattenti, sezione di Tarquinia14, ma non sappiamo se l’evento ebbe poi seguito. Nell’estate del 1994 gli acquerelli furono comunque esposti, ancora a Tarquinia, nel Palazzo dei Priori sede della Società Tarquiniense di Arte e Storia: il breve catalogo della mostra riproduce però solo 11 delle 82 tavole realizzate.15

  • 16 La schedatura è stata eseguita da Giovanna Verde con documentazione fotografica di Mauro Benedetti (...)
  • 17 Per l’occasione è stato stampato un opuscolo con la riproduzione di una trentina di tavole: Russo (...)

8Fallito – per la consueta carenza di fondi – un tentativo di acquisto avviato da chi scrive negli anni Novanta del secolo scorso nell’ambito dell’allora Soprintendenza Archeologica per l’Etruria Meridionale, nel 1998 si procedette alla schedatura e catalogazione degli acquerelli grazie alla cortese disponibilità del nipote del pittore e proprietario delle opere, Romeo Ajelli.16 Nel 2015 la Soprintendenza – su input dell’Associazione amici delle tombe dipinte di Tarquinia – ha acquisito gli acquerelli e nel dicembre dello stesso anno una trentina di tavole sono state temporaneamente esposte al Museo di Tarquinia.17

  • 18 D’Angelo 2012.
  • 19 Olin 2017 e Capoferro in questo dossier.
  • 20 Cataldi 2005: l’acquerello di Ajelli è riprodotto alla fig. 8.

9Gli acquerelli di Ajelli costituiscono in sintesi l’ultima esaustiva testimonianza in senso cronologico (gli acquerelli dello studioso americano Prentice Duell, realizzati tra il 1924 e il 1930, si riferiscono infatti a solo 2 tombe18 mentre 7 sono gli ipogei raffigurati negli acquerelli realizzati nel 1938-1939 dall’architetto svedese Ferdinand Boberg19) di quel lungo itinerario che vide numerosi artisti italiani e stranieri cimentarsi nella faticosa riproduzione delle pitture funerarie, costretti a lavorare in condizioni ambientali disagiate, negli ipogei umidi e freddi alla incerta luce delle lampade ad acetilene e carburo. L’importanza di queste ultime copie, a prescindere dal loro indubbio valore artistico, resta comunque fondamentale: le riprese fotografiche di quegli anni non sempre ci sono pervenute e la tecnica a colori non era ancora stata messa a punto; l’era della fotografia a colori moderna inizia infatti non prima del 1935. Gli acquerelli conservano pertanto un valore documentario insostituibile ai fini dello studio degli ipogei tarquiniesi ed esemplificativo in tal senso è il caso della Tomba del Tifone: in occasione della pubblicazione del restauro dell’ipogeo (1994-1998) la tavola di Ajelli riproducente il grande fregio figurato sulla parete destra (fig. 2) si rivelò infatti particolarmente utile ai fini dell’esatta e puntuale lettura della scena dipinta.20

Fig. 2 – Acquerello di A. Ajelli, 1932, Tomba del Tifone, parete destra.

Fig. 2 – Acquerello di A. Ajelli, 1932, Tomba del Tifone, parete destra.

© MiBAC. Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia; foto Mauro Benedetti.

10L’attenta riproduzione, nelle tavole, degli esiti del degrado delle pitture – cadute del supporto roccioso (fig. 3), lacune dell’intonaco (fig. 4), bianche efflorescenze saline, stuccature con malta cementizia grigia (fig. 5) – costituisce poi un dato prezioso per la storia della conservazione delle tombe tarquiniesi. In tal senso – e a titolo esemplificativo – negli acquerelli raffiguranti la Tomba del Morto eseguiti dai pittori di Helbig le stuccature di cemento ancora non compaiono mentre sono evidenti in quelli di Ajelli. Ugualmente l’unica tavola di Ajelli relativa alla Tomba del Morente (fig. 6), raffigurante il danzatore dipinto sulla parete sinistra, evidenzia il degrado progressivo delle pitture se confrontata con quella realizzata qualche decennio prima dai pittori di Helbig, dove alcuni dettagli sono chiaramente più leggibili ed i colori appaiono decisamente meglio conservati e più brillanti (fig. 7). La tomba purtroppo oggi non è più accessibile e pertanto l’acquerello di Ajelli ne costituisce la documentazione più recente.

Fig. 3 – Acquerello di A. Ajelli, 1932, Tomba della Caccia e Pesca, prima camera, parete destra.

Fig. 3 – Acquerello di A. Ajelli, 1932, Tomba della Caccia e Pesca, prima camera, parete destra.

© MiBAC. Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia; foto Mauro Benedetti.

Fig. 4 – Acquerello di A. Ajelli, 1931, Tomba dell’Orco II.

Fig. 4 – Acquerello di A. Ajelli, 1931, Tomba dell’Orco II.

© MiBAC. Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia; foto Mauro Benedetti.

Fig. 5 – Acquerello di A. Ajelli, 1931, Tomba del Triclinio, parete destra.

Fig. 5 – Acquerello di A. Ajelli, 1931, Tomba del Triclinio, parete destra.

© MiBAC. Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia; foto Mauro Benedetti.

Fig. 6 – Acquerello di A. Ajelli, 1931, Tomba del Morente, parete sinistra.

Fig. 6 – Acquerello di A. Ajelli, 1931, Tomba del Morente, parete sinistra.

© MiBAC. Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia; foto Mauro Benedetti.

Fig. 7 – Acquerello di Alessandro Morani, 1903, Tomba del Morente, parete sinistra. Inv. MOR SK 094.

Fig. 7 – Acquerello di Alessandro Morani, 1903, Tomba del Morente, parete sinistra. Inv. MOR SK 094.

© Istituto Svedese di Studi Classici a Roma.

  • 21 Nella planimetria non compaiono oltre alle tombe della Nave e delle Olimpiadi anche le tombe Taran (...)

11Il complesso delle riproduzioni consiste in 113 tavole realizzate su cartoncini misuranti 19 × 29 cm; 82 tavole raffigurano (su cartoncini ruvidi) i dipinti mentre le restanti 31 (su cartoncini lisci) riportano planimetrie e sezioni degli ipogei in scala 1:100. Una tavola (28 × 90 cm, su cartoncino ruvido) consistente in due fogli assemblati, raffigura la planimetria della necropoli con posizionate le tombe21. In una lettera a Lodovico Magrini del 3 febbraio 1961, conservata dagli eredi, Ajelli così scrive:

ti spedirò le planimetrie della zona archeologica con l’ubicazione delle tombe che ho riprodotto, perché le ultime ritrovate [tombe delle Olimpiadi e della Nave] per il momento sono tabù […] delle due piante sceglierai quella che crederai più opportuno ma non dubito che preferirai quella fatta su carta lucida [di cui oggi si è persa traccia], redatta in questi giorni, più aggiornata. L’altra la feci una venticinquina d’anni fa, eppoi è meno esatta perché ripresa dal vecchio catasto.

  • 22 Tutte le tavole datate si riferiscono agli anni 1931-1935 in accordo, per la data iniziale, con la (...)

12Le 82 tavole dei dipinti sono realizzate con tecnica mista a china, acquerello, tempera e pastello mentre le restanti 32 sono eseguite a china e acquerello. La firma del pittore è sempre riportata nell’angolo inferiore destro del foglio mentre la data, quando compare, è scritta a matita nell’angolo superiore destro e da queste ultime risulta che l’intera opera fu realizzata in un arco di tempo di 5 anni (1930-1935).22 Fanno eccezione le riproduzioni delle tombe della Nave e delle Olimpiadi scoperte nel 1958 e le cui pitture furono staccate nello stesso anno dai tecnici dell’Istituto Centrale del Restauro: Ajelli realizzò gli acquerelli a distacco avvenuto. Non tutte le superfici dipinte degli ipogei vengono riprodotte: il pittore privilegia le pareti più significative e si sofferma spesso su alcuni dettagli che probabilmente lo colpirono in modo particolare. Evidente in alcune tavole il riferimento alle foto che gli servirono di supporto, lì ad esempio dove le pareti sono raffigurate di scorcio (fig. 8) o dove viene riprodotto, in prospettiva, anche il dromos di accesso alla camera dipinta (fig. 9).

Fig. 8 – Acquerello di A. Ajelli, 1931, Tomba degli Scudi, camera principale, angolo tra la parete di fondo e la parete destra.

Fig. 8 – Acquerello di A. Ajelli, 1931, Tomba degli Scudi, camera principale, angolo tra la parete di fondo e la parete destra.

© MiBAC. Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia; foto Mauro Benedetti.

Fig. 9 – Acquerello di A. Ajelli, 1931-35, Tomba dei Festoni, parete di ingresso.

Fig. 9 – Acquerello di A. Ajelli, 1931-35, Tomba dei Festoni, parete di ingresso.

© MiBAC. Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia; foto Mauro Benedetti.

13Le tombe riprodotte sono 28: Auguri, Baccanti, Caccia e Pesca, Cardinale, Cinghiale (Querciola), Corsa delle Bighe (Stackelberg), Corsa dei Cavalli (Barone), Due Bighe (Francesca Giustiniani), Festoni, Leonesse, Leopardi, Letto Funebre, Morente, Morto, Nave, Olimpiadi, Orco, Porta di Bronzo, Pulcella, Pulcinella, Scudi, Tifone, Tori, Triclinio,Vasi Dipinti e Vecchio; furono riprodotti anche i due frammenti dei dipinti staccati ed incorniciati della Tomba Bruschi (distacco del 1864) nonché il frontoncino della Tomba Tarantola, anch’esso con la sua spessa cornice di legno e oggi conservato al Museo Archeologico di Firenze (distacco del 1904). Come si è già detto, le pitture delle tombe delle Olimpiadi e della Nave furono riprodotte a distacco avvenuto.

  • 23 Lettera di Ajelli a Magrini datata 3 febbraio 1961, conservata dagli eredi Ajelli.

14Delle tombe delle Iscrizioni e del Mare sono presenti solo le tavole con pianta e sezione: il pittore rinunziò infatti a riprodurne le pitture, all’epoca ormai già quasi illeggibili.23

15In conclusione è possibile sottolineare che le tombe dipinte da Ajelli coincidono con quelle riprodotte dai pittori di Helbig ad eccezione della Tomba delle Iscrizioni che negli anni Trenta del secolo scorso, quando lui lavorava, era ormai quasi del tutto svanita. Ajelli riprodusse invece la Tomba della Porta di Bronzo – inaccessibile negli anni in cui operavano i pittori di Helbig – e altri ipogei la cui scoperta avvenne in età successiva a quella in cui questi operarono.

16Della produzione artistica del pittore, oltre agli acquerelli, non vanno dimenticati gli olii (ritratti) e le chine molto raffinate: tra quelle che la famiglia conserva si ricordano quelle riproducenti il Palazzo Vitelleschi e il sarcofago dell’Obeso.

Haut de page

Bibliographie

Archivi

ASAT = Archivio Storico della ex Soprintendenza Archeologia della Toscana, Firenze

ASAEM = Archivio Storico della ex Soprintendenza Archeologia del Lazio e dell’Etruria Meridionale, Roma

Bibliografia

Blasi 1994 = B. Blasi, Adolfo Ajelli, in A. Mandolesi (a cura di), Le Tombe Etrusche negli Acquarelli di Adolfo Ajelli (1931). Catalogo della mostra, Tarquinia, 1994, Tarquinia, 1994.

Cataldi 2005 = M. Cataldi, La tomba del Tifone restaurata, in B. Adembri (a cura di), AEIMNHΣTOΣ Miscellanea di Studi per Mauro Cristofani, Firenze, 2005, vol. II, p. 668-675.

Cecchini 2012 = A. Cecchini, Le tombe dipinte di Tarquinia. Vicenda conservativa, restauri, tecnica di esecuzione, Firenze, 2012.

D’Angelo 2012 = T. D’Angelo, Etruscan colors in the XX century: the Tarquinian tombs and the Duell Collection, in M. Harari, S. Paltineri (a cura di), Segni e colore. Dialoghi sulla pittura tardoclassica ed ellenistica, Roma, 2012, p. 61-68.

Ducati 1937 = P. Ducati, Le Pitture delle tombe delle Leonesse e dei Vasi Dipinti. Monumenti della Pittura Antica scoperti in Italia. Sezione I. La pittura etrusca, Roma, 1937.

Maggiani 1987 = A. Maggiani, Le copie Gatti del Museo Archeologico di Firenze, in F. Buranelli (a cura di), La tomba François di Vulci. Catalogo della mostra, Città del Vaticano, 1987, Città del Vaticano, 1987, p. 185-187.

Olin 2017 = M. Olin, Gli acquerelli di Tarquinia di Ferdinand Boberg, in A. Capoferro, S. Renzetti (a cura di), L’Etruria di Alessandro Morani. Riproduzioni di pitture etrusche dalle collezioni dell’Istituto Svedese di Studi Classici a Roma, Firenze, 2017, p. 161-176.

Pallottino 1937 = M. Pallottino, Tarquinia, in MonAnt, 36, 1937.

Russo 2016 = A. Russo, Tarquinia etrusca nell’arte di Adolfo Ajelli, Roma, 2016.

Weege 1921 = F. Weege, Etruskische Malerei, Halle, 1921.

Haut de page

Notes

1 ASAEM, prot. 1891 del 13.06.1931.

2 Per serie completa si intende la riproduzione di tutte le tombe dipinte accessibili al momento della loro realizzazione.

3 Le notizie sulla vita e l’attività del pittore sono tratte da Blasi (1994) e dalle carte conservate dagli eredi del pittore, generosamente messe a disposizione.

4 Blasi 1994.

5 Secondo Blasi (1994) gli acquerelli sarebbero stati realizzati su fogli di carta Fabriano. In effetti i cartoncini con le pitture non sono marcati e sui cartoncini con le piante e le sezioni si legge in filigrana il marchio CM, verosimilmente riferibile appunto alle Cartiere Miliani di Fabriano.

6 Il dattiloscritto doveva servire da prefazione al libro da pubblicarsi – con la collaborazione di Ludovico Magrini – prima con le edizioni EIOT e successivamente per la rivista Archeologia.

7 Maggiani 1987. Nel carteggio si parla di circa 50 acquerelli, probabilmente quelli realizzati all’epoca, dato che il lavoro di Ajelli si concluse verosimilmente alla metà degli anni Trenta (cfr. nota 22).

8 ASAT, prot. 1326 del 19.12.1931.

9 Da una lettera di Ajelli a Minto del dicembre 1934: «non so se il prof. Ducati l’ha messa al corrente che finalmente è stata approvata la pubblicazione del volume da parte del Poligrafico sulle pitture delle tombe etrusche» (ASAT, prot. 1224 del 14.12.1934). In una minuta non protocollata datata 6 aprile 1935, il Minto comunica poi a tale dott. Gino Ginameschi che «l’intero Corpus delle pitture tarquiniesi sta per essere pubblicato (con riproduzioni da acquerelli dell’Ajelli) dal prof. Ducati, pubblicazione edita dal Poligrafico dello Stato». Tale volume non vide mai la luce, né d’altronde gli acquerelli di Ajelli vengono utilizzati e/o citati dal Ducati nel volume edito dal Poligrafico ma dedicato alle sole pitture delle tombe delle Leonesse e dei Vasi Dipinti (Ducati 1937).

10 Weege 1921. Nelle carte conservate dagli eredi Ajelli vi è una lettera del 9 ottobre 1941 su carta intestata dell’Istituto Germanico di storia dell’arte (Biblioteca Hertziana) firmata da Fritz Meyer, direttore della casa editrice Anton Schroll & Co. di Vienna, indirizzata all’Ajelli che così recita: «Codesta [casa editrice] intende una pubblicazione completa della pittura etrusca, di cui autore sarà il Professore Wege di Breslau […] Avremmo molto piacere di pubblicare a colori in questa opera 8 vostri acquarelli».

11 Cfr. nota 13.

12 Numerosa è la corrispondenza tra l’Ajelli, Ludovico Magrini, direttore di Archeologia, e la EIOT relativa a tale progetto conservata dagli eredi Ajelli e tutta datata al 1961.

13 La proposta del contratto, dattiloscritta e stilata nel settembre 1963, è tra le carte conservate dagli eredi Ajelli. Nel dattiloscritto, citato anche alla nota 6, l’Ajelli, con riferimento al volume in preparazione puntualizza: «la pubblicazione oggi attuata [!] fu molti anni fa oggetto di edizione con testo del compianto prof. Pericle Ducati, da parte del Poligrafico dello Stato e della casa Editrice Anton Schroll di Vienna, ma gli eventi bellici e altre ragioni che qui non è il caso di riportare, la resero inattuabile».

14 ASAT, prot. 425 del 29.04.1932.

15 Blasi 1994.

16 La schedatura è stata eseguita da Giovanna Verde con documentazione fotografica di Mauro Benedetti (ASAEM).

17 Per l’occasione è stato stampato un opuscolo con la riproduzione di una trentina di tavole: Russo 2016.

18 D’Angelo 2012.

19 Olin 2017 e Capoferro in questo dossier.

20 Cataldi 2005: l’acquerello di Ajelli è riprodotto alla fig. 8.

21 Nella planimetria non compaiono oltre alle tombe della Nave e delle Olimpiadi anche le tombe Tarantola e Bruschi, i cui affreschi erano stati staccati molti anni prima e che al momento della redazione della pianta (alla metà degli anni Trenta) non erano già più identificabili sul terreno. Manca invece inspiegabilmente la Tomba della Porta di Bronzo. La base catastale utilizzata da Ajelli è la stessa della planimetria redatta da G. Carafa pubblicata da M. Pallottino (1937, tav. IV-VI) ed anche qui manca la Tomba della Porta di Bronzo che appare invece nella planimetria – con stessa base catastale delle due precedenti – allegata alla relazione di Leonida Marchese del 30.12.1939 conservata in ASAEM (Cecchini 2012, p. 65, fig. 22).

22 Tutte le tavole datate si riferiscono agli anni 1931-1935 in accordo, per la data iniziale, con la richiesta di accesso alle tombe del giugno 1931 di cui alla nota 1. Una sola tavola, riproducente la parete di ingresso della Tomba del Letto Funebre, è datata giugno 1930 ma trattasi forse di un errore dato che le altre tavole della tomba o non sono datate o risalgono al 1932. L’Ajelli nel dattiloscritto richiamato, alla pagina 2, dichiara di aver eseguito il lavoro in circa 10 anni. Nel dicembre del 1931 aveva comunque realizzato già una cinquantina di tavole come risulta dalla lettera di Antonio Minto. In contraddizione invece con le date riportate sulle tavole, Ajelli in una lettera a Minto del 27 aprile 1932 comunica di aver ultimato il lavoro (ASAT, prot. 425 del 29.04.1932).

23 Lettera di Ajelli a Magrini datata 3 febbraio 1961, conservata dagli eredi Ajelli.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Autoritratto di Adolfo Ajelli.
Crédits © collezione privata.
Titre Fig. 2 – Acquerello di A. Ajelli, 1932, Tomba del Tifone, parete destra.
Crédits © MiBAC. Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia; foto Mauro Benedetti.
Titre Fig. 3 – Acquerello di A. Ajelli, 1932, Tomba della Caccia e Pesca, prima camera, parete destra.
Crédits © MiBAC. Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia; foto Mauro Benedetti.
Titre Fig. 4 – Acquerello di A. Ajelli, 1931, Tomba dell’Orco II.
Crédits © MiBAC. Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia; foto Mauro Benedetti.
Titre Fig. 5 – Acquerello di A. Ajelli, 1931, Tomba del Triclinio, parete destra.
Crédits © MiBAC. Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia; foto Mauro Benedetti.
Titre Fig. 6 – Acquerello di A. Ajelli, 1931, Tomba del Morente, parete sinistra.
Crédits © MiBAC. Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia; foto Mauro Benedetti.
Titre Fig. 7 – Acquerello di Alessandro Morani, 1903, Tomba del Morente, parete sinistra. Inv. MOR SK 094.
Crédits © Istituto Svedese di Studi Classici a Roma.
Titre Fig. 8 – Acquerello di A. Ajelli, 1931, Tomba degli Scudi, camera principale, angolo tra la parete di fondo e la parete destra.
Crédits © MiBAC. Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia; foto Mauro Benedetti.
Titre Fig. 9 – Acquerello di A. Ajelli, 1931-35, Tomba dei Festoni, parete di ingresso.
Crédits © MiBAC. Museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia; foto Mauro Benedetti.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Maria Cataldi, « Adolfo Ajelli, pittore tarquiniese », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 131-2 | 2019, mis en ligne le 22 avril 2020, consulté le 20 juin 2021. URL : http://journals.openedition.org/mefra/8772 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefra.8772

Haut de page

Auteur

Maria Cataldi

Già Soprintendenza per i Beni Archeologici dell’Etruria Meridionale

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search