Navigation – Plan du site

AccueilNuméros131-2Fac-simile 1: le collezioni di do...Collezioni di materiali a stampa,...La finta tomba etrusca dipinta de...

Fac-simile 1: le collezioni di documentazione grafica sulla pittura etrusca
Collezioni di materiali a stampa, disegni e acquerelli

La finta tomba etrusca dipinta del fondo Terrosi

Giulio Paolucci

Résumés

È stato possibile identificare una tomba a camera etrusca con un fregio dipinto nell’Ottocento, descritta soltanto dalla viaggiatrice inglese Mrs Westropp in visita alle proprietà della famiglia Terrosi di Cetona nel 1854. Si tratta di riproduzioni di temi etruschi rielaborati secondo il gusto romantico dell’epoca all’interno di un monumento antico. L’amore per le antichità ha caratterizzato la famiglia Terrosi a lungo, tanto che Giulio Terrosi, seguendo le orme del padre, fece ricostruire nel parco della villa anche la Tomba della Pania, scoperta in un suo possedimento nel 1873.

Haut de page

Entrées d’index

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Westropp 1856, p. 233-234.

I was most interested with a model of the tomb from which the sarcophagi in the museum had been taken. This tomb was discovered in the Signor’s territories five miles off, about ten years since, and consisted of one chamber with a painted frieze in the usual style, and a ledge, upon which were the three sarcophagi and various pottery vases. All this very well imitated, only the colours were a little too bright to be natural.1

1Con queste parole Mrs. Westropp, in visita alle antichità etrusche raccolte dalla famiglia Terrosi di Cetona, nel 1854 segnala un ambiente ipogeo adornato con pitture alle pareti. Anche se deteriorati, i dipinti, menzionati unicamente dalla viaggiatrice inglese, sono ancora conservati in situ. Tuttavia, non si tratta di una decorazione antica, ma di riproduzioni rielaborate ed arricchite secondo il gusto romantico dell’epoca: una camera di modeste dimensioni con tetto a doppio spiovente (fig. 1) dipinto di bianco e alla sommità in rosso. Lungo tre pareti della cella è una banchina e su quella di fondo è stata collocata un’urna di alabastro (fig. 2).

Fig. 1 – Finta tomba etrusca di Chiusi, decorazione di autore ottocentesco, la piccola camera con tetto a doppio spiovente.

Fig. 1 – Finta tomba etrusca di Chiusi, decorazione di autore ottocentesco, la piccola camera con tetto a doppio spiovente.

© collezione privata.

Fig. 2 – Finta tomba etrusca di Chiusi, decorazione di autore ottocentesco, parete di fondo con urna in alabastro.

Fig. 2 – Finta tomba etrusca di Chiusi, decorazione di autore ottocentesco, parete di fondo con urna in alabastro.

© collezione privata.

2Alle pareti sono scene figurate delimitate in alto da un fascio di linee blu e rosse, una doppia linea bruna, all’attacco della banchina corre una linea rossa soprastante una fascia. Al centro della parete sinistra è la raffigurazione di un armato con lancia e scudo poggiato a terra, di fronte è una figura femminile con torace semi-scoperto che poggia il piede sinistro su una roccia e sorregge con la mano sinistra una base con infisse piccole figure, più oltre un arbusto (fig. 3). Una raffigurazione simile, ma ormai quasi illeggibile, era sulla parete di fronte (fig. 4), mentre quella di fondo recava poco distante dagli angoli una figura femminile con testa coperta da un velo (fig. 5), contrapposta ad un'altra quasi del tutto perduta (fig. 6).

Fig. 3 – Finta tomba etrusca di Chiusi, decorazione di autore ottocentesco, parete sinistra.

Fig. 3 – Finta tomba etrusca di Chiusi, decorazione di autore ottocentesco, parete sinistra.

© collezione privata.

Fig. 4 – Finta tomba etrusca di Chiusi, decorazione di autore ottocentesco, parete destra.

Fig. 4 – Finta tomba etrusca di Chiusi, decorazione di autore ottocentesco, parete destra.

© collezione privata.

Fig. 5 – Finta tomba etrusca di Chiusi, decorazione di autore ottocentesco, parete di fondo.

Fig. 5 – Finta tomba etrusca di Chiusi, decorazione di autore ottocentesco, parete di fondo.

© collezione privata.

Fig. 6 – Finta tomba etrusca di Chiusi, decorazione di autore ottocentesco, pareti di fondo e destra.

Fig. 6 – Finta tomba etrusca di Chiusi, decorazione di autore ottocentesco, pareti di fondo e destra.

© collezione privata.

3Per completare il pastiche era stata graffita anche un’iscrizione in caratteri etruschi della quale si conserva solo la sequenza --]mate[-- al centro della parete di fondo (fig. 7). L’ambiente antistante l’ingresso della tomba, come ricordato dalla viaggiatrice inglese, era stato realizzato con massi di travertino a ricordare l’ambiente e gli anfratti del Monte di Cetona (fig. 8).

Fig. 7 – Finta tomba etrusca di Chiusi, decorazione di autore ottocentesco, parete di fondo, particolare dell’iscrizione graffita.

Fig. 7 – Finta tomba etrusca di Chiusi, decorazione di autore ottocentesco, parete di fondo, particolare dell’iscrizione graffita.

© collezione privata.

Fig. 8 – Finta tomba etrusca di Chiusi, ambiente antistante l’ingresso della tomba.

Fig. 8 – Finta tomba etrusca di Chiusi, ambiente antistante l’ingresso della tomba.

© collezione privata.

4Tra i collezionisti della zona chiusina i Terrosi appaiono fra i più colti e dovettero subire costantemente il fascino dei monumenti antichi al punto da abbellire il parco annesso alla loro villa con una predilezione particolare per quelli etruschi. Oltre alla camera dipinta infatti fecero costruire anche un edificio in blocchi di travertino, pinnacoli agli angoli e falsa iscrizione sopra la porta di accesso.

  • 2 Minetti 1998, p. 27.

5Il gusto raffinato e l’amore per i monumenti e gli oggetti della loro collezione caratterizzeranno la famiglia Terrosi per alcune generazioni, tanto che Giulio Terrosi, seguendo le orme del padre, farà ricostruire nel parco della villa anche la Tomba della Pania, scoperta in un suo possedimento nel 1873,2 mentre i ricchi corredi verranno conservati nel proprio museo fino alla loro alienazione.

6Attraverso queste libere realizzazioni i proprietari intendevano sottolineare il prestigio, l’atmosfera e il fascino delle antiche residenze delle ricche famiglie romane o fiorentine: l’antico, con le sue rovine artificiali, intendeva esaltare la bellezza e l’emozionalità dei luoghi, dove erano anche collocate urne cinerarie, sarcofagi e statue.

  • 3 Dennis 1848, p. 402-404. Per la collezione Terrosi, vedi Paolucci 1991.

7La camera dipinta di Parco Terrosi riproduceva la tomba etrusca scoperta nei terreni di proprietà della famiglia in località Cardete, nel 1841, nella quale erano anche due urne cinerarie in alabastro di mirabile fattura conservate al momento della visita della signora inglese in una stanza della villa adibita a museo insieme a numerosi altri oggetti rinvenuti negli stessi scavi, su cui si era soffermato anche il Dennis.3

  • 4 Sozzi 1842, p. 17-21.

8La scoperta della tomba era stata resa nota da Federigo Sozzi4 seppure con alcune inesattezze; tuttavia doveva trattarsi comunque di uno dei maggiori complessi rinvenuti in quegli anni tanto che l’erudito aveva fatto riprodurre il complesso funerario per la sua raccolta di modelli di sepolcri etruschi scavati nel territorio chiusino ed esposti nella propria abitazione.

  • 5 De Varannes 1863, p. 14-15.

9Il plastico, insieme a numerosi altri, venne acquistato nel 1862 da Des Varannes,5 al quale si deve questa descrizione:

  • 6 Paolucci 2015-2016, p. 124.

Sépulcre étrusque, découvert en 1841 dans un lieu appelé le Cardételle, appartenant à la famille Terrosi de Cetona, à trois milles au Sud de la Ville de Chiusi. L’hypogée dont nous donnons ici une très fidèle copie se compose de trois cellules. La première qui donnait accès aux deux autres ne contenait qu’un grand sarcophage de terre cuite sans hiéroglyphes ; les autres étaient destinées à deux personnages importans, sans doute mariés. Il est facile de s’en persuader par la richesse des urnes cinéraires, et par la copie des précieux vases, ustensiles, etc. qu’elle contenait. […] Chemin qui conduit à l’Hypogée dont l’entrée était formée de trois grandes pierres de travertin, bien taillées, représentées ici dans leur propre forme.6

  • 7 Micali 1844, p. 308-311, tav. XLIX.
  • 8 Braun 1842, p. 47-49.

10Le fonti concordano sulla bellezza di due urne e sulla presenza di vasellame di bucchero, dipinto e di bronzo, in parte edito nell’opera del Micali,7 mentre il Braun dedicò agli ossuari un articolo apparso negli Annali dell’Instituto.8

11Dello scavo per mettere in luce la tomba aveva fornito una relazione, rimasta finora inedita, anche Giovan Battista Terrosi redatta in occasione del tentativo di vendita alle Gallerie Granducali di Firenze:

  • 9 La località Cardetelle faceva parte del podere delle Cardete.
  • 10 Lettera di G.B. Terrosi al Direttore delle Gallerie Granducali del 16 settembre 1841.

In più tempi ho fatto tentativi per rintracciare avanzi delle venerande antichità, ma con poco frutto; finalmente nel passato agosto in un mio podere detto le Cardete9, a est di Cetona, comunità di questo nome, da essa due miglia distante, trovammo le murata via d’un ipogeo, che prolungandosi discendendo a 14 braccia d’altezza c’introdusse in piccola tomba laterale con vasi di bucchero e di bronzo ben conservati, e con urna di pario marmo, cui fa copertura recumbente figura con diadema in testa […]. Giunti alla tomba principale, cavata come l’altra nel tufo, altre due grandi casse ordinarie ripiene d’umano ossame, trovammo altro sarcofago o urna molto della prima più bella. Rappresenta la statua semigiacente sul coperchio uomo di 50 anni di marcata fisionomia, real serto in testa, torque al collo […]. Ho trovato molti vasi in bucchero, e dipinti, ma infranti che vado restaurando. Tre però sono in ottima conservazione; uno pregevol molto per la sua forma, unica tra i fin qui ritrovati, altro offre grande e svelto ornato di tori, altro di fondo rosso con figure dipinte in neo e bianco, le principali sono Apollo che si ricrea con la lira, Giove con capelli ricciuti e diadema in questo e da rimarcarsi che il foro auricolare è al livello dell’angolo esterno dell’occhio. Winkeleman ed altri posero quest’alzata di orecchi per bizzaria pittorica, ma il fu Campollion le Jeune, mi fe notare questo fenomeno sulle mummie venute dall’alto Egitto, da che rilevasi, che gli etruschi artisti copiavano dal vero; e che esisteva una razza di uomini cui tale elevatezza di orecchi era naturale. La privazione di piogge per tanti mesi ha si indurato la crosta della terra, che nell’altro poi ho trovato, che altra urna dello stesso pario, ingiuriatissima, mentre l’altre sono nel più perfetto stato di conservazione. Piovute appena seguiterò negli scavi con quella perseveranza che mi è propria. Molto amerei che questi oggetti unici nel loro genere decorassero il patrio real museo di Firenze, e di sollecitamente conoscere questo mio voto e ascoltato; che ivi ai prodigi dello scalpello greco ben si accorderebbe quelli molto più antichi dello scalpello etrusco.10

Haut de page

Bibliographie

Agati 2005 = A. Agati, Una finta tomba etrusca a villa Torlonia, in P. Roccasecca (a cura di), Tracce di lavorazione: segni materiali del processo di costruzione dell’immagine nelle opere d’arte, in Ricerche Storiche dell’Arte, 87, 2005, p. 85-98.

Braun 1842 = E. Braun, Ulisse presso Circe e reduce alla casa paterna: due urne sepolcrali etrusche, in AnnInst, 11, 1842, p. 47-49.

De Angelis 2015 = F. De Angelis, Miti greci in tombe etrusche: le urne cinerarie di Chiusi, Roma, 2015.

Dennis 1848 = G. Dennis, The cities and cemeteries of Etruria, Londra, 1848.

Des Varannes 1863 = E. Des Varannes, Galerie Étrusque, Grecque et du Moyen-age, Monaco, 1863.

Micali 1844 = G. Micali, Monumenti inediti a illustrazione della storia degli antichi popoli italiani, Firenze, 1844.

Minetti 1998 = A. Minetti, La tomba della Pania: corredo e rituale funerario, in AION ArchStAnt, n.s. 5, 1998, p. 27-56.

Paolucci 1991 = G. Paolucci (a cura di), La collezione Terrosi nel Museo Civico di Chianciano Terme, Chianciano Terme, 1991.

Paolucci 2015-2016 = G. Paolucci, La Galerie Étrusque del Conte Des Varannes e le riproduzioni delle tombe di Chiusi, in Mediterranea, 12-13, 2015-2016, p. 109-130.

Sozzi 1842 = F. Sozzi, Scavi cetonesi del 1841, in BullInst, 14, 1842, p. 17-22.

Steingräber 1985 = S. Steingräber, Catalogo ragionato della pittura etrusca, Milano, 1985.

Westropp 1856 = J.E. Westropp, Summer experiences of Rome, Perugia, and Siena, in 1854, Londra, 1856.

Haut de page

Notes

1 Westropp 1856, p. 233-234.

2 Minetti 1998, p. 27.

3 Dennis 1848, p. 402-404. Per la collezione Terrosi, vedi Paolucci 1991.

4 Sozzi 1842, p. 17-21.

5 De Varannes 1863, p. 14-15.

6 Paolucci 2015-2016, p. 124.

7 Micali 1844, p. 308-311, tav. XLIX.

8 Braun 1842, p. 47-49.

9 La località Cardetelle faceva parte del podere delle Cardete.

10 Lettera di G.B. Terrosi al Direttore delle Gallerie Granducali del 16 settembre 1841.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Finta tomba etrusca di Chiusi, decorazione di autore ottocentesco, la piccola camera con tetto a doppio spiovente.
Crédits © collezione privata.
Titre Fig. 2 – Finta tomba etrusca di Chiusi, decorazione di autore ottocentesco, parete di fondo con urna in alabastro.
Crédits © collezione privata.
Titre Fig. 3 – Finta tomba etrusca di Chiusi, decorazione di autore ottocentesco, parete sinistra.
Crédits © collezione privata.
Titre Fig. 4 – Finta tomba etrusca di Chiusi, decorazione di autore ottocentesco, parete destra.
Crédits © collezione privata.
Titre Fig. 5 – Finta tomba etrusca di Chiusi, decorazione di autore ottocentesco, parete di fondo.
Crédits © collezione privata.
Titre Fig. 6 – Finta tomba etrusca di Chiusi, decorazione di autore ottocentesco, pareti di fondo e destra.
Crédits © collezione privata.
Titre Fig. 7 – Finta tomba etrusca di Chiusi, decorazione di autore ottocentesco, parete di fondo, particolare dell’iscrizione graffita.
Crédits © collezione privata.
Titre Fig. 8 – Finta tomba etrusca di Chiusi, ambiente antistante l’ingresso della tomba.
Crédits © collezione privata.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Giulio Paolucci, « La finta tomba etrusca dipinta del fondo Terrosi », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 131-2 | 2019, mis en ligne le 22 avril 2020, consulté le 20 juin 2021. URL : http://journals.openedition.org/mefra/8801 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefra.8801

Haut de page

Auteur

Giulio Paolucci

Museo Civico Archeologico Chianciano Terme – giulio.paolucci@comune.chianciano-terme.si.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search