Navigation – Plan du site

AccueilNuméros132-1VariaUna prima schola dei dendrofori d...

Varia

Una prima schola dei dendrofori di Roma sul Celio?

Carlo Pavolini
p. 195-214

Résumés

Nel 2013 è stata pubblicata l’edizione definitiva degli scavi eseguiti dalla Soprintendenza Archeologica di Roma nell’Ospedale Militare del Celio, riguardanti soprattutto la Basilica Hilariana. Un approfondimento dei problemi che la ricerca aveva sollevato ha portato ora ad alcune nuove ipotesi. Una fase edilizia probabilmente attribuibile all’età di Claudio, sottostante la Basilica della metà del II sec. d. C., è scarsamente conservata, ma può trovare confronti con monumenti come l’Edificio di Eumachia a Pompei, la cd. «Basilica» di Ercolano e la presunta schola collegiale dei medici di Velia. L’edificio claudiano del Celio potrebbe quindi essere la prima sede associativa che i dendrophori (addetti al culto del dio frigio Attis, paredro di Cibele) costruirono a Roma. La completa ricostruzione della schola nel periodo di Antonino Pio, con un cambio di orientamento di 90° e con una riduzione delle dimensioni, si spiega con un intervento urbanistico che può aver portato alla creazione di una nuova strada, destinata a collegare la sommità del Celio con il vicus Capitis Africae.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Palazzo – Pavolini 2013.
  • 2 Ma ve ne sono stati di notevolissimi all’esterno, nell’area di Piazza Celimontana, nel corso del s (...)
  • 3 Tant’è vero che uno dei paragrafi del capitolo conclusivo del libro si intitolava già «Claudio e A (...)

1A qualche anno di distanza dall’edizione definitiva degli scavi della Soprintendenza Archeologica nell’Ospedale Militare del Celio1 sembra opportuno riprendere l’argomento, poiché – anche in assenza di nuovi rinvenimenti di rilievo entro il perimetro del nosocomio2 – si può continuare a riflettere sulla topografia antica della zona, con speciale riguardo alla Basilica Hilariana e all’area immediatamente circostante, formulando alcune ulteriori ipotesi che, peraltro, si limitano a sviluppare (e forse a chiarire) certi aspetti già indagati nel volume del 20133, soprattutto riguardo alle fasi di prima età imperiale del sito: lo stesso che sarebbe stato poi occupato – in età antonina – dalla Basilica Hilariana, sede collegiale dei dendrofori di Attis.

  • 4 Palazzo – Pavolini 2013, p. 426-436 (C. Pavolini) e per la «narrazione» stratigrafica riguardante (...)
  • 5 V. anche infra, nota 8.
  • 6 La letteratura sui dendrofori è ampia e ben nota, e vi si sono aggiunte, di recente, le precisazio (...)

2Nel capitolo conclusivo de Gli dèi propizi tali argomenti occupavano un paragrafo abbastanza esteso4, e quindi non c’è motivo per dilungarsi di nuovo, in questa sede, sulla politica religiosa dell’imperatore Claudio in materia di culti anatolici, sui motivi che verosimilmente lo guidarono nell’elevare la figura di Attis – fino ad allora guardata, a Roma, con un certo sospetto – alla dignità di una venerazione «pubblica»5, e infine sulla creazione del collegio dei dendrofori, nella forma di una congregazione religiosa6 adibita specificamente, sempre per volere imperiale, a curare i riti del giovane dio-pastore frigio.

  • 7 Palazzo – Pavolini 2013, p. 431.
  • 8 Lyd., Mens., 4, 59: «il 22 marzo un albero di pino viene trasportato dai dendrofori sul Palatino. (...)
  • 9 I riferimenti sono in Palazzo – Pavolini 2013, p. 429.
  • 10 Che non era sfuggito all’attenta analisi di B. Bollmann (Bollmann 1998, p. 242 nota 27), la quale, (...)
  • 11 Su tale cronologia, intuita già nel corso delle circoscritte indagini di fine ‘800 e confermata co (...)

3C’è tuttavia un punto sul quale la riflessione successiva all’uscita del libro Gli dèi propizi può comportare delle integrazioni importanti (anche sul piano della topografia), sebbene si tratti pur sempre di ipotesi, derivanti dai dati di scavo, sì, ma per ora indimostrabili. Tutta l’analisi riguardante l’istituzione e la storia più antica del corpus dei dendrofori sfocia infatti in una domanda7: quale spazio fisico venne assegnato da Claudio ai dendrofori di nuova creazione? Non ce lo dicono né l’unica, cruciale fonte letteraria che pone in rapporto questo imperatore con la fondazione del collegio8, né l’evidenza epigrafica, tutta successiva (di età flavia, quanto meno9), né l’archeologia. O meglio: relativamente all’archeologia, questo è ciò che si pensava fino agli scavi del 1987-2000 nella Basilica Hilariana e nei livelli sottostanti. In definitiva, il paradosso10 sembrava essere il seguente: sul piano storico, grazie alle testimonianze epigrafiche, c’erano fondati motivi per pensare che i dendrofori esistessero a Roma almeno dall’epoca flavia, come si è appena detto, mentre sul piano archeologico l’unico edificio di ambito urbano che si potesse assegnare loro con sicurezza era la Basilica Hilariana della fase risalente ad Antonino Pio11.

  • 12 Situato fra i Padiglioni 15 e 17 dell’Ospedale Militare (cfr. la fig. 2).
  • 13 Sullo scavo del Saggio II v. i cenni in Palazzo – Pavolini 2013, p. 433 e nota 76, p. 494-495 e no (...)

4È proprio a questa apparente aporia che, a nostro avviso, lo scavo della Soprintendenza Archeologica ha permesso di ovviare, almeno sul terreno congetturale. Nella fig. 1, le strutture del Saggio III attribuibili alla Fase 1 (quella della prima età imperiale) sono caratterizzate a tratto pieno, mentre sono rese con mano molto più leggera le murature e le pavimentazioni appartenenti alla Basilica di età antoniniana e agli interventi successivi. A tratto pieno sono rese anche tutte le realtà edilizie rinvenute nel Saggio II12, le cui fasi sembrano essere sia precedenti, sia contemporanee alla Fase 1 del Saggio III13. È importante dire subito che i due sondaggi sono separati da una strada, appartenente all’attuale viabilità interna del nosocomio (v. le figure citate e la planimetria generale, fig. 2), così che è remotissima – se non del tutto esclusa – l’eventualità che in futuro sia possibile verificare, riprendendo gli scavi, l’effettiva situazione archeologica della fascia interposta fra le due aree.

Fig. 1 – Scavo dell’Ospedale Militare Celio, Saggi II e III. Sono evidenziate a tratto pieno le strutture murarie delle fasi della tarda Repubblica e della prima età imperiale; nel Saggio III sono visibili, a tratto più leggero, anche le strutture murarie e le pavimentazioni delle fasi successive.

Fig. 1 – Scavo dell’Ospedale Militare Celio, Saggi II e III. Sono evidenziate a tratto pieno le strutture murarie delle fasi della tarda Repubblica e della prima età imperiale; nel Saggio III sono visibili, a tratto più leggero, anche le strutture murarie e le pavimentazioni delle fasi successive.

Elaborazioni grafiche di Paola Palazzo, rielaborazioni di Carlotta Bassoli.

Fig. 2 – L’archeologia del Celio dopo le indagini degli anni 1980-2000.

Fig. 2 – L’archeologia del Celio dopo le indagini degli anni 1980-2000.

Planimetria di Paola Palazzo, da Egidi – Filippi – Martone 2010.

  • 14 Palazzo – Pavolini 2013, p. 52-57 (guardando in particolare alla pianta di fase, fig. 2) e p. 431- (...)
  • 15 Realizzati in parte in semplice terra battuta e malta, mentre solo in un settore è stato documenta (...)

5In ogni caso, è opportuno per prima cosa descrivere brevemente ciò che si conosce della fase pre-antoniniana del sito della futura Basilica14. Purtroppo non è molto, come si vede, e quel poco è mal preservato, a causa sia delle distruzioni intervenute successivamente, sia del fatto che è stato impossibile indagare sotto i settori residui dei pavimenti della Basilica. Ne deriva che della fase in esame – quasi certamente corrispondente ad un unico, vasto edificio – si sono potute documentare soprattutto alcune parti delle fondazioni, mentre sono andati perduti, nella loro grande maggioranza, i piani pavimentali15 e di vita.

  • 16 Ma si trattò, per la verità, di un reimpiego. L’unica struttura conservata in questa tecnica – in (...)
  • 17 È a questa più tarda sotto-fase che appartengono gli scarsi lacerti di pavimentazione giunti fino (...)

6Quanto ai pochi elevati noti (e noti, semmai, solo per pochi centimetri al di sopra del livello di calpestio), il panorama delle tecniche edilizie utilizzate è molto vicino a quello appena descritto per le strutture del Saggio II (nota 13), e da ciò deriva anche l’ipotesi di parziale contemporaneità che è stata formulata poco sopra. Per l’impianto iniziale del fabbricato del Saggio III vennero impiegati infatti l’opus incertum16 e l’opus reticulatum; vi furono poi tutta una serie di modifiche e di aggiunte posteriori, che nello studio della documentazione sono state riunite nell’ambito della stessa Fase 1, e per le quali si usò invece l’opera laterizia17. Ma della cronologia assoluta di ambedue le sotto-fasi non possiamo farci un’idea più precisa, perché, come si è detto, la «stratigrafia orizzontale» dell’edificio è in grandissima parte scomparsa.

  • 18 V. in particolare p. 432-433.
  • 19 A questo proposito un elemento di grande importanza – sebbene modestissimo dal punto di vista dell (...)

7Come viene spiegato con maggiore ampiezza di motivazioni ne Gli dèi propizi18, passare da una documentazione così frammentaria ad una resa grafica plausibile dell’edificio del I sec. d.C. non è stato agevole. Alle aporie dei resti conservati si aggiunge infatti la decisiva difficoltà rappresentata dalla via moderna già descritta, con la conseguente impossibilità di sapere come realmente si presentasse la porzione settentrionale dell’edificio del Saggio III19 e quali fossero i suoi rapporti con le strutture del Saggio II.

  • 20 Palazzo – Pavolini 2013, fig. 1 a p. 432.

8Nonostante ciò, si propone qui un’ipotesi grafica ricostruttiva (fig. 3) che coinvolge, senza soluzione di continuità, entrambi i settori di scavo e offre quindi un’idea d’insieme – benché fortemente congetturale – della configurazione di questo settore del Celio nel primo periodo imperiale. All’epoca della redazione del volume Gli dèi propizi, tale lavoro di interpretazione era ancora in fieri: lo mostra il confronto fra la planimetria ricostruttiva pubblicata nel volume20 e la soluzione che qui si propone. E tuttavia la seconda costituisce un logico sviluppo della prima, che è rimasta invariata; ad essa si aggiunge una restituzione congetturale della terminazione nord del fabbricato del Saggio III (sotto la strada), che è stata completata con il «montaggio» in pianta delle murature rinvenute nel Saggio II, nell’ipotesi – per ora destinata a rimanere tale – che il muro perimetrale del primo si addossasse direttamente alle seconde.

Fig. 3 – Pianta ricostruttiva della probabile «prima schola dei dendrofori sul Celio», sottostante la Basilica Hilariana di età antoniniana (Saggio III). Sono visibili le strutture archeologiche schematizzate del Saggio II.

Fig. 3 – Pianta ricostruttiva della probabile «prima schola dei dendrofori sul Celio», sottostante la Basilica Hilariana di età antoniniana (Saggio III). Sono visibili le strutture archeologiche schematizzate del Saggio II.

Elaborazione di Carlo Pavolini e Carlotta Bassoli.

  • 21 Qui e altrove nel testo si è ritenuto opportuno lasciare aperte le due possibilità, benché nella f (...)
  • 22 Per la verità, ne abbiamo qualche testimonianza solo sul lato orientale.
  • 23 Palazzo in Palazzo – Pavolini 2013, p. 55 e nota 11. Si tratta di alcuni degli esigui e frammentar (...)

9Seguendo in parte la falsariga di quanto già detto nel volume Gli dèi propizi (ma sintetizzando molto le spiegazioni di dettaglio fornite in quella sede), l’edificio sottostante la Basilica antoniniana avrebbe avuto al centro un ampio spazio aperto, cioè un cortile. I tratti di fondazione conservati autorizzano a credere che esso fosse delimitato sul lato sud da un portico a «navata unica» e sui lati est e ovest da ambulacri a due navate, spartite da un filare di pilastri o di colonne21; tali elementi di separazione furono poi collegati da tramezzi laterizi22, nel corso di quella sotto-fase (forse della seconda metà del I sec. d.C.) di cui si è detto23.

  • 24 Palazzo – Pavolini 2013, p. 433.

10È verosimile che i due bracci laterali del portico si aprissero verso il cortile con delle arcate, benché le relative fondazioni – stando a quel poco che ne resta – fossero continue. Comunque tali eventuali arcate, come anche i passaggi di collegamento ipotizzati fra le navate, costituiscono, nella planimetria, elementi del tutto ipotetici. Sembra certo invece (ed è piuttosto singolare) che i piani di calpestio degli ambulacri laterali si trovassero ad un livello inferiore rispetto alle quote, abbastanza omogenee, sia del portale d’ingresso da sud (infra) e del portico meridionale, sia del cortile: lo si è potuto stabilire in base ad un’analisi dei livelli dei pochi lacerti pavimentali documentati nello scavo24. La cosa è stata risolta in pianta con l’indicazione ricostruttiva dell’esistenza di gradini, che in più punti permettessero di superare i dislivelli.

  • 25 Ibidem, p. 54. Nella pianta di fase cit. in nota 14 se ne vede la sola parte documentata, per di p (...)
  • 26 Ma non esattamente sull’asse nord-sud del fabbricato, sulle cui irregolarità v. anche subito sotto (...)
  • 27 Cfr. Palazzo in Palazzo – Pavolini 2013, p. 55-56.

11Al centro del cortile era presente una massiccia fondazione in conglomerato a sacco25 che, vista nello scavo per un’estensione sicuramente molto minore di quella reale, è stata comunque interpretata come una sorta di basamento, per un altare o un elemento statuario. Esso doveva trovarsi in posizione centrale, in asse con l’unico accesso noto del complesso26; tale ingresso venne realizzato nella sotto-fase del tardo I sec. d.C., nel quadro della probabile ricostruzione del muro perimetrale sud, interrotto appunto da un’ampia soglia27.

  • 28 Ibidem, p. 55.

12Infine – sempre nel cortile, ma nel suo settore nord-occidentale – le trasformazioni che coinvolsero l’edificio in questo secondo periodo della Fase 1 comportarono la costruzione, a poca distanza dal portico ovest, di una piccola struttura orientata in senso nord-sud e composta da due ambienti rettangolari contigui (un sacello?); dei suoi elevati laterizi possediamo solo il primo filare28.

  • 29 In tal modo il complesso – o il suo piano terreno, perché nulla vieta che ve ne fossero di superio (...)
  • 30 Una simile interpretazione potrebbe venir semplificata, nella grafica, abolendo il braccio nord de (...)

13Fin qui la sintesi, senza modifiche di rilievo, delle documentazioni e delle ipotesi fornite ne Gli dèi propizi: ma, come si è già detto, a partire da quelle acquisizioni è stato possibile proseguire la ricerca, giungendo al risultato di quella più ampia planimetria ricostruttiva riprodotta nella fig. 3. Prima di esporne le motivazioni, e i confronti che le sottendono, diciamo brevemente che si è immaginato un settore di fondo dell’edificio (quello perduto) la cui articolazione avrebbe previsto un’ala di portico29 come accesso alla vera e propria terminazione nord, suddivisa a sua volta in tre vani ad abside e in due ambienti mistilinei di risulta, immaginabili come spazi di servizio, con ingressi propri. Si può pensare che, come in molti altri esempi, l’importanza dell’ambiente absidato centrale – e maggiore – fosse enfatizzata mediante un ingresso a trifora, anch’esso costituito da pilastri o da colonne30. L’esedra centrale poteva poi ospitare sul fondo una base di statua, e anche in questo caso si tratterebbe di una soluzione adottata molto spesso.

  • 31 Per tutto quel che segue, cfr. Palazzo – Pavolini 2013, p. 433-35.
  • 32 V. la tavola tipologico-cronologica in Bollmann 1998, fig. 93, nella quale compaiono alcuni dei co (...)
  • 33 Bollmann 1998, p. 72.

14Affrontare, più in generale, il tema dei paragoni individuabili per una pianta come quella ipotizzata31 espone a rischi abbastanza ovvi, considerata la frammentarietà dei resti e l’incompletezza della planimetria. E tuttavia, se prendiamo le mosse dalla schedatura e dalla classificazione delle sedi associative e dei complessi affini in Italia, tentata dalla Bollmann32, vediamo che il nostro esempio sembra rientrare – in senso ampio – nello schema da lei definito Portikusanlagen33 («impianti porticati»), incentrato su cortili circondati da tre o da quattro ali di portici, per lo più a colonne, e concluso sul lato di fondo da un’esedra (o comunque da un’aula) che ne costituiva l’elemento dominante, il fulcro visivo di un percorso assiale rispetto all’ingresso. Tale decisivo fattore (il lato di fondo, con il suo vano centrale e il probabile punto di riferimento cultuale e/o rappresentativo che esso era destinato a contenere: una statua, o altro) è proprio ciò che al Celio, purtroppo, manca.

  • 34 Ibidem, B 14, fig. 83.
  • 35 Ibidem, B 12, fig. 36-37.
  • 36 Ibidem, A 65, fig. 11.

15Tenendo ben presente questo dato, esaminiamo comunque i tre confronti che sembrano più verosimili per l’edificio dell’Ospedale Militare, tutti compresi nell’ambito delle Portikusanlagen della Bollmann: il cd. Edificio di Eumachia sul lato est del Foro di Pompei34, la cd. Basilica di Ercolano35 (complessi entrambi notissimi, la cui bibliografia verrà quindi citata solo da certi punti di vista e in riferimento ad alcuni dei contributi più recenti) e la meno conosciuta schola collegiale dei medici di Velia36.

  • 37 Per una planimetria nel contesto monumentale del Foro, v. Pesando in Pesando – Guidobaldi 2006, p. (...)
  • 38 Torelli 1998, p. 251-260, 269.
  • 39 L’idea che si trattasse della sede collegiale dei fulloni è rigettata anche da Pesando (in Pesando (...)
  • 40 Una nota e splendida statua di Agrippina Minore come orante o offerente, trovata nel XIX sec. nell (...)
  • 41 Parlando di cryptae in età augustea bisogna tener presente non solo, com’è ovvio, quella di Balbo (...)
  • 42 Torelli (Torelli 1998, loc. cit.) richiama a questo proposito i precedenti ellenistici del tipo de (...)
  • 43 Nell’argomentazione di Torelli, tuttavia, non è chiaro come si concili il richiamo alla Porticus r (...)
  • 44 Su tutto questo v. Torelli 1998, p. 260-261, 267-269.

16Per quanto riguarda l’Edificio di Eumachia, sorto età augustea37 (fig. 4), pur nella consapevolezza che il problema è dibattutissimo e che le ricostruzioni formulate in proposito sono molte, sarà sufficiente rifarsi – sintetizzandola fortemente – alla dettagliata analisi di Mario Torelli38. Dopo aver respinto alcune vecchie attribuzioni, come quella (basata su una dedica a Eumachia da parte dei fullones pompeiani) secondo cui l’edificio avrebbe avuto la funzione di mercato delle lane39, lo studioso elenca i motivi che, nella sua ipotesi, inducono a porre in evidenza il desiderio di Eumachia, come sacerdotessa pubblica, di venir assimilata a Livia40. Gli indizi sono due: l’epigrafe (CIL X, 810) con cui la donna – insieme al figlio – dedica chalcidicum, crypta41, porticus42 (le parti di cui si compone l’edificio, costruite sua pecunia) alla Concordia Augusta e alla Pietas, con un implicito omaggio a Livia sotto forma di Concordia, e la configurazione planimetrica stessa del complesso, che richiamerebbe la Porticus Liviae43. In definitiva, quindi, in più punti del suo testo e nelle conclusioni Torelli sottolinea in modo particolare la valenza che, a suo avviso, l’Edificio di Eumachia riveste come luogo adibito alla celebrazione della dinastia augustea, in organica unione col Tempio del Genius Augusti, adiacente e progettato contemporaneamente: così che non solo l’edificio in questione, ma l’intero centro monumentale di Pompei – ad imitazione delle analoghe iniziative che negli stessi decenni si stavano sviluppando a Roma – si prestano ottimamente ad illustrare le fasi nascenti del culto imperiale44.

Fig. 4 – Pianta dell’«Edificio di Eumachia» nel Foro di Pompei.

Fig. 4 – Pianta dell’«Edificio di Eumachia» nel Foro di Pompei.

Da Pesando – Guidobaldi 2006.

  • 45 Van Andringa 2009.
  • 46 Cfr. ibidem, p. 48-49. In tale quadro, il santuario considerato da alcuni del Genius Augusti (supr (...)

17Dopo il contributo di Torelli, l’intera questione è stata ripresa – fra gli altri – da Van Andringa, in un ampio capitolo della sua monografia sull’argomento45. Egli perviene ad analoghe conclusioni storiche riguardo all’introduzione a Pompei (su modelli romani) della venerazione per la dinastia regnante, e vi integra ulteriori elementi concernenti le manifestazioni monumentali di tale culto. In particolare, per questo studioso l’Edificio di Eumachia (che anch’egli interpreta come uno spazio multifunzionale) va inserito in una serie di complessi religiosi situati sul lato est del Foro di Pompei, dei quali almeno tre – fondati sotto Augusto – connessi con il culto del princeps da vivo e della domus divina46, culto officiato anche in altri luoghi della città.

  • 47 Guidobaldi in Pesando – Guidobaldi 2006, p. 385.

18La zona pubblica di Ercolano, com’è ben noto, è stata messa in luce solo in piccola parte dagli scavi a cielo aperto47. Così, dei monumenti inclusi nella planimetria ricostruttiva alla fig. 5 sono oggi visibili solo l’Arco Quadrifronte (D) all’estremità ovest del Decumano massimo (ma sui punti cardinali v. sotto, nota 46), la fronte orientale della Basilica Noniana o «Galleria Balba» (B) e la Sede degli Augustali, cd. «Curia» (C), mentre il probabile Augusteum, cd. «Basilica» (A), fu scavato solo per cunicoli nel XVIII sec. e non è oggi accessibile. Inoltre, già dalle denominazioni che precedono si può cogliere la complessità di una situazione nella quale le identificazioni tradizionali degli edifici sono state in parte superate da nuove attribuzioni funzionali, senza però che si sia giunti nemmeno oggi ad un pieno accordo in merito.

Fig. 5 – Assonometria ricostruttiva della zona pubblica di Ercolano.

Fig. 5 – Assonometria ricostruttiva della zona pubblica di Ercolano.

Da Pesando – Guidobaldi 2006.

  • 48 Torelli 2004. A. Allroggen-Bedel, in contributi degli anni ’70 e ’80, aveva avanzato ipotesi parzi (...)
  • 49 Ma, tenendo conto del fatto che i punti cardinali indicati nella pianta della zona pubblica di Erc (...)
  • 50 Riesaminata, più di recente, in un altro capitolo della citata monografia di Van Andringa (Van And (...)
  • 51 Torelli 2004, p. 144-146.

19Anche in questo caso è bene prendere come «filo rosso», se non altro in via ipotetica, l’interpretazione formulata da Mario Torelli in un altro articolo48, successivo a quello su Pompei citato sopra. Per gli scopi che qui ci interessano, tralasceremo i due complessi posti a nord49 del Decumano massimo e divisi dal Cardo III, per concentrarci invece sulla cd. «Basilica»50. In essa Torelli – con molti altri – riconosce, come si è detto, l’Augusteum, ipotizzando che provenga da qui l’iscrizione dedicatoria mutila CIL X, 977, che si conclude con la formula Augustales s(ua) p(ecunia)51.

  • 52 Per le sue dimensioni v. sotto.
  • 53 Guidobaldi in Pesando – Guidobaldi 2006, p. 386-387.
  • 54 Torelli 2004, p. 128-129. I numeri d’inventario sono riportati da Guidobaldi, loc. cit.
  • 55 Loricato, quest’ultimo, in quanto imperatore vivente e quindi comandante in capo dell’esercito.

20Al grande edificio in reticolato52 (v. anche fig. 6) si accedeva anche in questo caso da un chalcidicum, come possiamo chiamare il portico ad arcate che – più che fungere da «filtro» fra il Decumano e lo spazio interno – costituiva la copertura della strada, collegando i due archi quadrifronti: quello già citato (D) e quello simmetrico a est.53 All’interno, una piazza pavimentata con lastre marmoree era bordata da altri portici a colonne laterizie e doveva concludersi, sul lato di fondo, con un’esedra rettangolare fiancheggiata da due absidi minori. L’interpretazione storica del complesso è desunta da Torelli54 soprattutto dal suo corredo epigrafico e dalla serie di statue imperiali recuperate negli scavi borbonici, ora al Museo di Napoli: nell’esedra rettangolare quelle marmoree di Augusto, di Claudio e di Tito55; sui basamenti di fronte alle absidi semicircolari quelle bronzee raffiguranti anch’esse Augusto e Claudio; probabilmente nelle nicchie dei portici laterali quelle di Livia, di Antonia e di principesse della dinastia flavia.

  • 56 Qui venne infatti recuperata anche un’epigrafe di Tiberio: Torelli 2004, p. 141. Sempre nell’ambit (...)
  • 57 Su tali cicli v. anche Van Andringa 2009, loc. cit., con conclusioni sostanzialmente convergenti, (...)
  • 58 Il problema della funzione, e quindi della denominazione, del monumento è definito spinoso da Van (...)
  • 59 Per ambedue gli aspetti (il confronto con Eumachia e l’epoca della fondazione) v. Torelli 2004, p. (...)
  • 60 E anche, ad esempio, per Wallace-Hadrill (Wallace-Hadrill 2011, p. 141-142).

21In ultima analisi, Torelli (seguito da Maria Paola Guidobaldi) individua due grandi cicli statuari celebrativi, il primo di età tiberiano-claudia56, il secondo di età flavia57, e vede nel monumento un luogo del culto imperiale: un Augusteum, appunto58. Scontato il richiamo all’esempio di Eumachia a Pompei, di cui abbiamo già trattato: esempio che Torelli ritiene coevo, poiché la cronologia dell’edificio di Ercolano è secondo lui augustea59, mentre per la Guidobaldi60 risalirebbe al principato di Claudio.

Fig. 6 – Pianta ricostruttiva della cd. «Basilica» di Ercolano.

Fig. 6 – Pianta ricostruttiva della cd. «Basilica» di Ercolano.

Da Wallace-Hadrill 2011.

  • 61 Cfr. ad es. le varie opinioni riguardo ai due basamenti rettangolari addossati ai colonnati dei po (...)
  • 62 Moorman (Moorman 2010, p. 486-487) propone invece la cronologia del 76-79 d.C.
  • 63 Su tutto questo v. Torelli 2004, p. 133-141.

22Come molti altri elementi importanti in sé, ma che qui ci interessano meno61, tralasciamo il discusso tema dei soggetti dei grandi quadri di IV Stile, che – lievemente ricurvi – ornavano probabilmente le nicchie o absidi sul fondo: così come non elenchiamo le ragioni per cui Torelli, attribuendoli alla fase successiva al sisma del 6262, vi individua un programma figurativo di impronta ellenistica legato alla sfera della paideia e alla institutio degli iuvenes di Ercolano, pur non vedendo nell’edificio in esame un richiamo (se non molto indiretto) al tipo del ginnasio greco63.

  • 64 Ibidem, p. 142-146.
  • 65 Così anche Allroggen-Bedel 2008, p. 45-46.
  • 66 E con i suoi possibili modelli urbani, fra i quali – oltre alla Porticus Liviae – vari studiosi ci (...)
  • 67 Oltre a Torelli, v. Moormann 2010, loc. cit., che tuttavia, riprendendo l’intero problema, propone (...)

23Le conclusioni generali dello studioso64 lasciano volutamente aperti parte dei problemi, ma puntano comunque decisamente – e lo si è visto – su un’interpretazione della cd. «Basilica» come sede del culto imperiale65, quale si andava lentamente facendo strada nelle coscienze (e, di conseguenza, nelle forme architettoniche) nel corso dei decenni di cui si è detto: e qui tornano inevitabilmente in primo piano i confronti con l’Edificio di Eumachia66. Volendo poi collocare la «Basilica» di Ercolano nel contesto immediatamente circostante, costituito dagli altri due monumenti su citati (la «Galleria Balbi» e la cd. «Curia»), ha riscosso generale consenso la definizione – dovuta alla Allroggen-Bedel – di questo insieme urbanistico come un grande Zentrum des Kaiserkultes di carattere pubblico67.

  • 68 Torelli 2004, p. 132-134.

24Mi si potrebbe chiedere, a questo punto, il perché di un così lungo excursus, che ha riguardato in particolare la cd. «Basilica» ercolanese, e quale relazione sia possibile istituire fra tutto ciò e l’edificio sottostante la Basilica Hilariana sul Celio, dal quale eravamo partiti. A tale proposito ritengo illuminante il parallelo che, fra somiglianze e differenze, Torelli delinea – per le fasi iniziali della storia del principato – fra i complessi adibiti specificamente al culto dinastico e altre categorie monumentali pubbliche68.

  • 69 I quali, fra l’altro, istituirono in tutto il corso della loro storia stretti legami proprio con g (...)

25In sintesi, a suo avviso la tipologia degli edifici investiti del ruolo di veicoli della propaganda imperiale (nel nostro caso, una struttura come il probabile Augusteum di Ercolano) è diversa sia da quella delle basiliche, delle curiae, dei macella, ecc., sia da quella delle sedi collegiali e delle scholae in cui si riuniscono – ed esibiscono la loro lealtà verso gli imperatori, anche con il ricorso a forme di religiosità – «corpi specializzati» come gli Augustales o i magistri vici: e non sembra forzato aggiungervi per parte nostra i dendrofori69, considerate le peculiari caratteristiche di tale associazione.

  • 70 Su quest’uso del termine «semi-pubblico» per indicare le scholae (soprattutto nei casi suddetti) c (...)

26Tuttavia, e questo è il punto, Torelli aggiunge che fra i luoghi ufficiali del culto “politico” da un lato, le scholae collegiali dall’altro possono bensì esserci affinità di natura architettonica (v. ad esempio l’enfasi posta sulla collocazione sul fondo, in funzione sacralizzante, delle esedre o delle absidi), ma mai confusioni a livello del decor o del lusso (sumptus) degli arredi: su questo piano, per ragioni “gerarchiche”, non è permesso alle scholae di rivaleggiare con edifici pubblici come quelli su elencati, nemmeno nel caso in cui si tratti di sedi di organismi “semi-pubblici” come i collegi degli Augustali (o dei dendrofori)70.

  • 71 Su tutto questo, supra, nota 13.

27Ora, se guardiamo di nuovo alle pur frammentarie evidenze archeologiche celimontane, abbiamo – per l’appunto – la netta impressione di una voluta sobrietà, che si esprime non solo con l’impiego di colonne in laterizio anziché in pietra (colonne in mattoni ce ne sono anche nell’Augusteum di Ercolano), ma soprattutto con l’utilizzo di pavimenti in terra battuta, o di semplici mosaici a tesserine bianche71. Inoltre non c’è nessuna traccia sul Celio, neanche negli strati di distruzione, dell’esistenza di apparati decorativi quali intonaci dipinti e tanto meno figurati, paragonabili – ad esempio – a quelli ercolanesi.

28Quindi, come prima provvisoria conclusione relativa ai due casi di studio «vesuviani» di cui ci siamo fin qui occupati, è opportuno ribadire il carattere congetturale e metaforico della restituzione planimetrica proposta per il lato di fondo del complesso scoperto sul Celio, nei livelli sottostanti la Basilica Hilariana finora nota. È chiaro che ci siamo ispirati in modo particolare a certi aspetti dell’architettura dell’Edificio di Eumachia (v. fig. 3-4), ma non è affatto detto che la terminazione nord della struttura celimontana si presentasse davvero così, poiché, dimensioni a parte (ne riparleremo), vanno tenuti sempre presenti i caratteri di maggiore semplicità che la conformazione delle scholae generalmente presenta, come si è appena detto. Nondimeno è verosimile che il lato di fondo del nostro edificio esibisse una qualche articolazione «monumentalizzante», nel senso indicato da Torelli.

  • 72 Cfr. Gros 1996, p. 379.
  • 73 Galli 2014. L’articolo si differenzia, nell’essenziale, dalla precedente monografia di Fabbri e Tr (...)
  • 74 La cui planimetria ricostruttiva (ricavata da Fabbri e Trotta) è riprodotta in Gros 1996, loc. cit
  • 75 A favore di una cronologia augustea delle realtà architettoniche e scultoree caratterizzanti l’edi (...)
  • 76 A questo proposito è opportuno segnalare che tale pianta – come di desume da Lauter 2009, p. 113-1 (...)

29Per stabilire, allora, una sorta di trait d’union architettonico fra l’ambito delle scholae propriamente dette e l’ambito dei complessi di propaganda dinastica, può forse essere utile – stando alla documentazione edita – l’analisi di un edificio come la cd. «scuola dei medici» di Velia, che, scavata a partire dagli anni Cinquanta72, è stata ultimamente riesaminata da Marco Galli73. Sembra esservi stata una prima fase tardo-repubblicana74 (v. la nota precedente circa le controversie cronologiche riguardanti il complesso), ma Galli tende a far coincidere con gli ultimi due decenni del I sec. a.C., quindi con la media età augustea, la cronologia della configurazione attuale del monumento75, riprodotta nella sua fig. 1 (nostra fig. 776). Essa conserva comunque molti elementi – anche costitutivi – che proverrebbero dal periodo precedente.

Fig. 7 – Pianta ricostruttiva della «schola dei medici» di Velia.

Fig. 7 – Pianta ricostruttiva della «schola dei medici» di Velia.

Da Gros 1996.

  • 77 Occupa infatti l’intera Insula II di Velia (Galli 2014, p. 156) e oltrepassa per dimensioni ogni a (...)
  • 78 Là dove sembra che in precedenza vi fosse una vasca, mai completata (Lauter 2009, p. 113).
  • 79 Per un’immagine fotografica v. Galli 2014, fig. 3.

30Si tratta di un grande fabbricato77 del quale non serve ripetere nei dettagli la descrizione, già fornita dagli studiosi su menzionati: qui ci interessano, infatti, solo alcuni aspetti della fase edilizia che chiameremo definitiva. L’ingresso da nord-est immette in un’ala anteriore, un cortile, circondato su tre lati da un portico, che è posto ad un livello rialzato. Nell’esaminare questo settore della presunta schola sono molto importanti, per noi, due modifiche che Galli considera coeve e contestuali, attribuendole a quel cruciale arco di tempo (da situare attorno al 20-1 a.C.) nel quale l’isolato – come si è visto – assumerebbe la sua forma finale. Il primo inserto è un manufatto rettangolare, un probabile altare, eretto al centro della corte78; la seconda modifica concerne invece il settore di passaggio dall’ala in esame a quella retrostante, e si tratta della trasformazione di una precedente nicchia (che avrà già avuto una funzione cultuale) in un tempietto in antis79. L’accesso al cortile, l’altare e il tempietto sono collocati su uno stesso asse centrale rispetto alla planimetria dell’edificio.

  • 80 E. Rosso (Rosso 2013, p. 74 e fig. 4, e, con più ampie motivazioni, p. 89-90) ha fatto notare come (...)
  • 81 Su ciò segue vedi Galli, p. 162-163, con richiami a Lauter 2009. I riferimenti planimetrici rimand (...)
  • 82 Al centro del quale sorgeva – ma se ne è conservata solo la fondazione – un altro altare «di secon (...)

31Il settore retrostante (di sud-est), al quale – dopo la costruzione del tempietto o edicola – si scendeva dal portico sopra descritto mediante una o due scalette poste ai lati dell’edicola stessa80, si configurava81 come un secondo e più grande spazio a cielo aperto, probabilmente a giardino82. Anche in questo caso vi era un elemento architettonico continuo che attorniava il cortile su tre lati (i bracci laterali e quello di fondo), ma stavolta non si trattava di un porticato, bensì di un sistema di gallerie coperte sotto le quali – al piano interrato – correva un criptoportico. Nell’ipotesi ricostruttiva di Lauter e Galli, tali gallerie erano dotate di grandi aperture verso il giardino, poste in corrispondenza degli elementi aggettanti dei quali (vedi pianta) due sono identificabili su ciascun lato lungo, uno sul lato corto.

  • 83 Su tutta la problematica cfr. soprattutto Fabbri – Trotta 1989, p. 63-65, 67-118, 122-126; Galli 2 (...)
  • 84 Galli 2014, p. 162.
  • 85 Di qui, forse, la cronologia estesa fino all’età proto-tiberiana che Fabbri e Trotta (Fabbri – Tro (...)

32Fin qui, trascurando molti dettagli, la descrizione dell’edificio dal punto di vista formale. Ancor più significativo è però il patrimonio epigrafico e scultoreo che vi è stato recuperato, e che – volendo anche qui esporre in modo sommario una realtà complessa – è possibile suddividere in due grandi cicli, dal punto di vista sia tematico che topografico83. Infatti un primo insieme (iscrizioni, erme acefale, ritratti, statue-ritratto), comprendente figure di medici, ma anche un’effigie di Asclepio (la cui presenza ha un significato ovvio in tale contesto) e le immagini di Parmenide e di almeno una donna, è stato rinvenuto nel triportico adiacente l’ingresso. Galli pone tale ciclo in stretta relazione con la creazione dell’altare nel cortile nel 20-1 a.C. (supra), pur affermando poi84 che le epigrafi apposte su tre dei manufatti scultorei citati presenterebbero un ductus che è stato attribuito al I sec. d.C., quindi ad un’epoca leggermente posteriore85.

  • 86 Fabbri – Trotta 1989, p. 79-95, tav. XLVII-XLVIII; Galli 2014, p. 163, 167.
  • 87 Alcuni sono riprodotti ibidem, fig. 10-12.
  • 88 Galli (ibidem, p. 165) ne parla come di una personificazione di città. In precedenza Giovanna Grec (...)
  • 89 Galli 2014, fig. 10 e p. 166.

33Comunque questo materiale, come ho accennato, è distinto da quello – non meno cospicuo – recuperato nel settore retrostante dell’edificio. Tale secondo insieme di reperti scultorei, per i quali non è possibile stabilire con sicurezza se fossero esposti originariamente nelle «gallerie» attorno al giardino o (forse in maggioranza) nel criptoportico sottostante86, è composto da immagini di natura parzialmente diversa, poiché solo da questo settore provengono busti di membri delle dinastie imperiali, insieme, però, ad altri soggetti di carattere «ideale»87: un ritratto di Menandro, uno di Zenone o Epicuro e alcune figure di probabili divinità (un Asclepio o Dioniso, un efebo o Eros e una dea con corona turrita88). Fra tali immagini va annoverata una testa maschile con tratti giovanili, leggermente maggiore del vero, che Galli tende ad identificare con l’Apollo Oulios su accennato, adombrando l’ipotesi che possa trattarsi della statua di culto venerata nel sacello al centro del settore di transizione fra le due ali della schola89.

  • 90 Se tali attribuzioni colgono nel vero, tuttavia, dovremmo pensare a immagini realizzate ed esposte (...)
  • 91 Su tutto questo v. ibidem, p. 167-169 e fig. 13-14.
  • 92 Citati ibidem, note 50-51, e v. ora Rosso 2013.
  • 93 Anche in questo caso (come poco sopra nel caso di Cibele, v. nota 88) segnalo solo come semplice c (...)

34Data la complessità dell’intera problematica, ciascuna di queste attribuzioni e ipotesi ha comportato in passato, e comporta tuttora, approfondimenti e discussioni che non possiamo ripercorrere qui, mentre è bene concentrarci sul «ciclo» costituito dai ritratti di personaggi della casa imperiale. Per alcuni l’identificazione è considerata certa da Galli: si tratta dell’imperatrice Livia, di Lucio e Gaio Cesare, nipoti di Augusto e principes iuventutis (morti entrambi giovanissimi fra il 2 e il 4 d.C.90), di Druso Maggiore e di Druso Minore. Le immagini di questi ultimi due, rispettivamente fratello e figlio di Tiberio, furono probabilmente aggiunte in seguito, come riflesso delle tormentate scelte dinastiche con le quali si tentò di affrontare il problema della successione di Augusto, risolto infine con l’ascesa al trono – appunto – di Tiberio91. Fabbri e Trotta (loc. cit.) avevano in realtà manifestato maggiori dubbi su alcune delle identificazioni citate, e sia questi autori, sia Galli, sia infine altri studiosi che se ne sono occupati92 appaiono cauti e divisi sulle attribuzioni degli altri cinque ritratti provenienti dal criptoportico, o comunque dal settore del criptoportico e del giardino: si è di volta in volta parlato di Giulia Minore, di Ottavia, di Antonia Minore, di Agrippina Minore93 e, per l’unica testa maschile, di Agrippa Postumo, ma c’è anche chi ha pensato invece a generici ritratti di privati (e Galli non esclude che questo possa essere in parte vero).

  • 94 Per Gros, anzi, fin dalla prima fase degli inizi del I sec. a.C. l’edificio «possède déjà les comp (...)
  • 95 Galli 2014, p. 163-165, 168-169 e passim.
  • 96 Espressione che risale al Waltzing, citato da Galli stesso. E nella trattazione di quest’ultimo (c (...)
  • 97 Galli 2014, p. 163: ma sui concetti di memoria e identità della città, in riferimento a questa ser (...)

35In ogni caso, e proprio in virtù dell’intreccio fra l’evidenza architettonica, quella epigrafica e quella statuaria, i vari studiosi citati sono complessivamente concordi – pur ricorrendo a terminologie e a sfumature di significato non sempre identiche – sull’interpretazione del complesso veliense come un esempio significativo di saldatura fra la sede di un’associazione professionale94 e un monumento del culto imperiale. Al fine di chiarire ancor meglio questo concetto è il caso di richiamare le interessanti osservazioni di Marco Galli95 sulle caratteristiche di organizzazioni comunitarie del genere di quella di Velia (sodalitates, collegia o come altro le si voglia chiamare), e in particolare sugli aspetti che inducono a considerarle «microsocietà» o «piccole città»96. Allo stesso ambito concettuale rinvia l’interpretazione del triportico superiore – con le sue immagini di medici, ma anche di dèi e di un filosofo/eroe fondatore quale Parmenide – come spazio riservato non solo alle caratteristiche del collegio, ma anche alla «memoria della città»97 e alla paideia della città stessa.

  • 98 Cfr. ad es. Fabbri – Trotta 1989, p. 122; Galli 2014, loc. cit.
  • 99 Del resto, l’atipicità architettonica notata da Lauter (Lauter 2009, p. 157) è evidentemente il mo (...)
  • 100 Anche grazie all’elemento di raccordo rappresentato dall’edicola, con la sua funzione riferibile a (...)
  • 101 Il che sicuramente non stupisce, visto che i collegia di mestiere erano notoriamente tenuti a ben (...)

36Il collegamento con l’Edificio di Eumachia di Pompei, quasi di prammatica nelle analisi di coloro che hanno preso in esame la schola di Velia, viene visto da molti in un’ottica più che altro planimetrica98, ma effetti, da tale punto di vista, i due complessi sembrano presentare più differenze che somiglianze99. L’aspetto realmente significativo è forse un altro: e cioè, a giustificare il parallelo con l’Edificio di Eumachia – del quale si è vista la prevalente interpretazione come complesso multifunzionale, aperto a manifestazioni del culto imperiale non meno che a iniziative di tipo «pratico» – milita il fatto che l’ala superiore del fabbricato di Velia (il cuore di una probabile sede comunitaria di medici) si salda organicamente100 all’ala retrostante, quella delle gallerie e del criptoportico, con il suo ciclo statuario costituito, sia pure solo parzialmente, da ritratti della casa regnante giulio-claudia101.

  • 102 Ibidem: e non è il solo a farlo (v. supra, nota 70).
  • 103 È interessante il fatto che già Gros (Gros 1996, p. 380-381) – pur aderendo alle interpretazioni c (...)
  • 104 E se ricordiamo la dedica Augustales s(ua) p(ecunia) della cd. Basilica di Ercolano, e le connesse (...)
  • 105 Ma a Velia si va probabilmente un po’ più avanti nel tempo (v. sopra).

37Opportunamente Lauter utilizza, per simili edifici, l’aggettivo «semi-pubblico» («halböffentlich»)102, mentre più direttamente «pubblica» appare la funzione della cd. Basilica di Ercolano, sulla cui prevalente interpretazione come Augusteum non torniamo: un’architettura che presenta – essa sì – notevoli affinità tipologiche con l’Edificio di Eumachia. Ma se nella sequenza inseriamo ora la struttura sottostante la Basilica Hilariana sul Celio, si delinea – ammesso che la nostra ipotesi ricostruttiva (fig. 3) sia verosimile – una possibile serie circolare di connessioni, a incastro: la presunta schola di Velia è analoga all’Edificio di Eumachia per la sua natura polifunzionale103 e «semi-pubblica»; l’Edificio di Eumachia, la cd. Basilica di Ercolano e forse la struttura dell’Ospedale Militare sul Celio condividono alcuni elementi di tipologia architettonica104; l’edificio celimontano, a sua volta, può essere collegato all’Insula II di Velia perché si tratterebbe, in ambedue le situazioni, di sedi associative. I quattro «casi di studio» sarebbero infine accomunati dalla forte presenza della componente religiosa, intesa come espressione della nascente venerazione rivolta alla dinastia regnante, pur in presenza di uno scaglionamento cronologico che andrebbe dal principato di Augusto (nei primi tre esempi105) a quello di Claudio (sul Celio).

38Certamente bisogna guardarsi dal sottovalutare le differenze fra tutte queste situazioni, differenze che in primo luogo attengono alle misure, e da tale punto di vista è soprattutto la struttura del Celio a distinguersi dalle altre per le sue dimensioni molto più contenute. In effetti l’Edificio di Eumachia è, approssimativamente, un rettangolo con lato lungo di 70 m. e lato corto di m. 41,67 ca. (mq. 2.917 ca.); la «Basilica» di Ercolano misura m. 59 × 36,50 (mq. 2.153,50) e la schola dei medici di Velia, globalmente intesa, m. 71 × 37 (mq. 2.627). Invece la presunta prima sede dei dendrofori a Roma sarebbe stata pari a soli 1.137,50 mq., stando alla nostra ricostruzione. Del resto la immaginiamo come una schola «pura e semplice», per così dire, non come un edificio composito (schola, più spazio per il culto dinastico) come doveva essere quello di Velia.

  • 106 Che è esposta nel dettaglio in Palazzo – Pavolini 2013. Per il basamento di età claudia v. ibidem, (...)
  • 107 Fabbri – Trotta 1989, p. 46.

39Tuttavia si è ugualmente indotti a tentare di istituire un confronto fra gli esempi di Velia e del Celio, e ciò proprio nell’ipotesi che si tratti di due sedi collegiali: ma in realtà alcune affinità architettoniche immediate (la presenza di portici, la configurazione assiale) sono elementi talmente diffusi, e presenti in un numero così elevato di tipologie edilizie, da risultare generici e non significativi. Appaiono invece interessanti altri fattori. Anzitutto, l’altare rettangolare nel triportico di Velia – quindi, nel settore adibito specificamente a schola – ha la stessa collocazione del basamento (forse per un altare) nella corte dell’edificio dell’Ospedale Militare (fig. 3), e cioè una disposizione assiale rispetto all’ingresso e ortogonale rispetto all’orientamento del cortile. D’altro canto il basamento del Celio – o meglio, la parte di fondazione cementizia che ne rimane – si trova (e non credo si tratti di un fatto casuale) nello stesso punto nel quale fu realizzata poi, nel cortile della Basilica Hilariana della piena e tarda età imperiale, la presunta aiola quadrangolare per la messa a dimora del pino sacro ad Attis. Non è necessario riprenderne qui l’intera tematica106, ma è utile tenere in considerazione quanto meno l’aspetto delle misure, che per l’altare di Velia sono di m. 4,30 × 2, 70107, mentre il lato maggiore del manufatto del Celio è pari a m. 3,50: ci troviamo quindi nello stesso ambito dimensionale. Non conosciamo le misure del basamento dell’edificio di prima fase dell’Ospedale Militare, ma è verosimile che fossero analoghe.

40Volendo elencare altre analogie, il piccolo manufatto – forse di culto – nel cortile della struttura celimontana può trovare una corrispondenza nell’edicola posta al passaggio fra il primo e il secondo settore dell’insula di Velia. Se poi passiamo all’ala posteriore di quest’ultimo edificio, si è detto della presenza – ai lati del giardino e sopra il criptoportico – di probabili gallerie coperte analoghe a quelle ricostruibili nel caso del Celio, dotate (come forse in quel contesto) di grandi aperture verso lo spazio centrale. Ma il gioco delle affinità non può spingersi troppo oltre, perché vi sono anche alcuni fattori di diversità. Tornando infatti all’ala anteriore della schola di Velia, sappiamo che il triportico che la caratterizzava aveva bracci situati ad una quota superiore rispetto al cortile: esattamente il contrario di quel che sembra accadesse sul Celio, dove dalla corte si doveva scendere per accedere alle gallerie laterali, e non viceversa (v. supra).

  • 108 Mentre i completamenti successivi in laterizio potrebbero essere attribuiti all’età flavia.

41Proviamo comunque a tirare le somme da tutto ciò che precede. I confronti con Pompei, Ercolano e Velia – nonostante le indubbie diversità e specificità – autorizzano quanto meno l’ipotesi che la struttura sottostante la Basilica Hilariana fosse una schola, e tutta una serie di altre informazioni storiche (esposte nella prima parte di questo contributo) induce a pensare che si trattasse della prima sede associativa dei dendrophori a Roma. In tal caso la sua cronologia – attribuibile, per i motivi storici che conosciamo, all’età di Claudio, e l’opera reticolata dell’impianto originario è del tutto congrua con una simile datazione108 – risulterebbe di qualche decennio più tarda rispetto ai paralleli augustei su citati, ma non mi sembra che ciò rappresenti un grande ostacolo.

  • 109 Sia pure di sfuggita, vi si accennò comunque nella pubblicazione del 2013: v. Palazzo – Pavolini 2 (...)

42Ne Gli dèi propizi non è stata dedicata una grande attenzione a due ultimi aspetti, che invece sono tutt’altro che trascurabili. In primo luogo, ci si può fare qualche idea del regime giuridico e immobiliare nel cui ambito si verificarono i processi sopra descritti109? Ci si può interrogare, in altri termini, sulla proprietà del lotto catastale (così lo chiameremmo oggi) sul quale i dendrofori furono autorizzati a costruire la loro schola, ammesso che quanto si è detto finora abbia un qualche fondamento?

  • 110 Van Haeperen in De Ruyt – Van Haeperen 2018, p. 161-165.
  • 111 Ibidem, p. 164-165.

43Una nota appena uscita di Françoise Van Haeperen, benché riguardi non Roma, ma Ostia110, può fornire lo spunto per rispondere a simili domande. Trattando del Tempio dei Fabri Navales, affacciato sul tratto occidentale del Decumano della città alla foce del Tevere, l’autrice richiama infatti una realtà peraltro ben nota: quella del possesso di particelle immobiliari da parte delle città romane, in particolare delle colonie, quale era appunto Ostia. Le fonti citate dall’autrice le servono per collocare in un preciso contesto legislativo il fenomeno – documentato archeologicamente – del ripetuto allargamento e rialzamento di quota del Decumano ostiense in quel settore, e del concomitante arretramento della facciata della particella o dell’isolato in esame (III, II, 1-2). Fra le diverse ipotesi giuridiche e procedurali che vengono formulate al riguardo, qui ci interessano soprattutto i riferimenti111 al fatto che le colonie potevano possedere lotti destinati a usi diversi (artigianali, commerciali, ecc.) e, in particolare, al fatto che su tali particelle di proprietà pubblica potevano sorgere – dietro decisione delle autorità cittadine – delle sedi collegiali o degli annessi di sedi collegiali: e questo è precisamente il caso del Tempio dei Fabri Navales, costruito sotto Commodo. È importante, infine, ciò che la Van Haeperen aggiunge: anche dopo tale evento l’isolato occupato dal tempio poté tranquillamente rimanere di proprietà pubblica.

  • 112 Tutte ipotesi da avanzare, naturalmente, con la dovuta cautela e riversando nella discussione anch (...)
  • 113 E vista la vicinanza dei luoghi dove forse sorgeva la casa stessa dell’imperatore, sostituita, dop (...)

44Se ora torniamo a guardare al Celio, nulla impedisce di pensare che il lotto corrispondente al Saggio III dello scavo dell’Ospedale Militare rientrasse ugualmente nel demanio pubblico, e che si trovasse anzi nella disponibilità di un proprietario ben più potente di quanto non lo fosse la colonia di Ostia: l’imperatore Claudio. Oppure, che il principe l’abbia acquisito (o requisito) con l’esplicito scopo di donarlo ai dendrofori perché vi erigessero la loro schola112, magari finanziandone in tutto o in parte la costruzione, visto che – come sappiamo – era decisamente propenso a favorire il culto di Cibele e Attis113.

  • 114 Ibidem, p. 19-27.
  • 115 Va tenuto presente, infatti, che la presunta sede collegiale di età claudia – nella nostra ricostr (...)

45Ma la questione della proprietà dei suoli resta centrale anche quando si passa ad esaminare il secondo aspetto con il quale vorrei concludere il presente contributo. Si tratta dell’orientamento e delle dimensioni della «seconda schola dei dendrofori», di quella «storica», per così dire, attribuibile al pieno II secolo d.C.: la Basilica Hilariana, sopravvissuta – in cattive condizioni – fino a noi e rivelata dalle indagini archeologiche, prima (per una piccola parte) dai sondaggi del 1889-90114, poi (quasi per l’intero suo perimetro) dagli scavi degli anni 1987-2000. Come mai (cfr. fig. 2) tale edificio si presenta ruotato esattamente di 90° rispetto al complesso di prima fase, ed è orientato quindi da est a ovest anziché – come il precedente – da sud a nord? E come mai si assiste anche ad una notevole riduzione dimensionale del fabbricato115, benché rimangano analoghe sia la configurazione architettonica generale (un edificio trapezoidale, appunto, incentrato su una corte scoperta), sia le sue probabili funzioni (una sede associativa che include cospicui elementi cultuali)?

  • 116 Palazzo – Pavolini 2013, p. 446, 458-459 e nota 283.

46La circostanza, apparentemente curiosa, è stata certo notata, ma non particolarmente approfondita, all’epoca dell’edizione dei risultati delle ricerche, quando ci si limitò a descrivere il fenomeno e a formulare, in forma sintetica, alcune congetture. Ma già allora, va detto, la congettura cui attribuimmo maggior credito puntava su un qualche rimodellamento del sistema viario verificatosi fra l’età flavia e l’età antoniniana116. E ad un più attento esame, proprio l’ambito topografico si rivela forse in grado di offrire una convincente chiave interpretativa riguardo ai cambiamenti di cui stiamo parlando.

  • 117 Ibidem, p. 57-67 (Fase 2) e 443-444.
  • 118 La sua figura e l’evidenza a lui connessa vengono riprese in esame in Van Haeperen 2018, p. 35-38, (...)
  • 119 Su tutto quel che segue cfr. Palazzo – Pavolini 2013, soprattutto p. 56 e nota 17, p. 435 e 443 (e (...)

47Nella stessa pubblicazione sono reperibili gli elementi che inducono a datare verso il 140-145, quindi agli inizi del principato di Antonino Pio (anch’egli devoto di Cibele e Attis e «riformatore» del loro culto), la costruzione della «Basilica superiore»117. Vi si può trovare anche una sintesi degli straordinari rinvenimenti scultorei ed epigrafici che si erano verificati nel sito già nel corso delle esplorazioni del 1889-90 e che avevano permesso di stabilire il nome dell’edificio, la sua funzione come sede collegiale dei dendrofori e l’identità del probabile finanziatore: Manio Poblicio Hilaro, margaritarius e magistrato del collegio stesso118. Sappiamo anche119 che fra la presunta prima schola e la Basilica oggi visibile (fra le fasi 1 e 2, per usare il linguaggio dell’edizione di scavo) si intromisero solo alcuni straterelli, interpretabili come sottili livelli di accumulo. Questi, tagliati dalle fondazioni del fabbricato medio-imperiale, contenevano scarsa ceramica del I e degli inizi del II sec. d.C.: un terminus post quem che è compatibile con una datazione della prima schola all’età di Claudio (con modifiche flavie) e della seconda schola al periodo di Antonino Pio, appunto.

48Vi sono poi altri dati significativi. Le creste dei muri dell’edificio che abbiamo attribuito ipoteticamente all’epoca giulio-claudia vennero rasate ad una quota omogenea, sottostante di appena 20-30 cm. ca. rispetto al livello pavimentale della Basilica antoniniana; inoltre gli strati di accumulo su citati, grazie ai quali venne operato questo modesto rialzamento, non presentavano alcuna traccia di incendio o di crollo. Benché labili, tali indizi sembrano far pensare a una demolizione volontaria della prima schola. Alcuni dei detriti che ne provenivano (compresi i frammenti di colonne laterizie menzionati all’inizio del presente articolo) sono stati trovati nelle unità stratigrafiche depositate fra la prima e la seconda fase edilizia.

49Ne Gli dèi propizi non fu possibile arrivare ad una conclusione circa i motivi dell’eliminazione del complesso più antico e della sua sostituzione con quello più recente, ammesso che le cose siano andate realmente così. Tuttavia, come già accennato, è forse verso un’ipotesi di modifica della rete stradale del quartiere che è opportuno orientarsi: ma per farlo è necessario allargare prima lo sguardo fino a comprendervi le trasformazioni radicali – per non dire sconvolgenti – che interessarono questo settore del Celio nei decenni in questione.

  • 120 Cfr. soprattutto le p. 493-504.

50Ancora una volta si può risparmiare al lettore un’analisi di dettaglio: di questi aspetti si è infatti trattato ampiamente nel rapporto del 2013120, che è un’edizione di scavo non limitata alla Basilica Hilariana, ma estesa a tutte le ricerche svoltesi nel perimetro dell’Ospedale Militare fra il 1987 e il 2000 ca., benché non tutti i settori dell’indagine siano stati studiati con lo stesso grado di approfondimento.

51Si può dire comunque, in estrema sintesi, che la sommità del Celio – un distretto urbano di grande densità abitativa già a partire dalla fine della Repubblica – aveva visto infittirsi ulteriormente il proprio tessuto insediativo dopo l’incendio neroniano e nell’età dei Flavi. Quando sorse la Basilica Hilariana, alla metà del II secolo, era quindi ormai molto folta, nell’area, la rete delle insulae abitativo/commerciali e dei grandi edifici di servizio, quali l’horreum individuato nel settore nord-est dell’Ospedale. In definitiva, senza alcun dubbio molta più gente di prima risiedeva nel quartiere o lo frequentava per i più svariati motivi di lavoro o di acquisti, e si può pensare che le accresciute necessità di spostamento e di collegamento abbiano comportato l’apertura di un maggior numero di strade.

  • 121 Ibidem, pianta a p. 12 (e cfr. la citata nota 283 a p. 459).
  • 122 Sul tratto del vicus individuato negli scavi del 1984-88 a Piazza Celimontana, così come sugli edi (...)

52Di qui, in particolare, scaturisce l’idea dell’esistenza di un nuovo tracciato viario con andamento est-ovest, un’ipotesi che si trovava già – ma appena accennata – nella pianta generale della sommità del Celio che corredava Gli déi propizi121. Una riconsiderazione dell’intero contesto ha portato ora ad una resa grafica aggiornata della medesima situazione urbanistica (la fig. 2), nella quale, rispetto alla precedente, le novità non sono molte: fra queste spicca però proprio la via est-ovest appena menzionata, non più cautamente abbozzata per il solo primo tratto, ma completata fino all’incrocio con un’altra importante arteria del Celio: il vicus Capitis Africae, che, con orientamento sud-nord, discendeva la pendice settentrionale del colle122.

53Naturalmente, e lo sappiamo, salvo eventi imprevedibili non sarà mai possibile verificare l’esattezza o meno di tale teoria, considerata la presenza della via moderna che separa i saggi II e III dello scavo. Ma se l’ipotetico tracciato est-ovest è realmente esistito, la sua creazione si spiega soltanto rifacendosi a quelle considerazioni sulle proprietà immobiliari urbane che ho esposto poco sopra. In effetti, solo se assumiamo che il lotto su cui sorse prima la presunta schola dei dendrofori di età giulio-claudia, e poi la Basilica antoniniana, fosse compreso nel demanio pubblico si giustifica l’intero intervento della metà del II secolo, forse non demandato soltanto alle magistrature che a Roma si occupavano della cura delle strade, ma permesso o favorito – si può pensare – dall’imperatore stesso.

  • 123 Quello che, nella ricostruzione interpretativa della fig. 2, appare ora sepolto sotto l’ipotetica (...)
  • 124 V. la descrizione in Palazzo – Pavolini 2013, p. 446-449 e passim.
  • 125 V. anche, subito sotto, la nota 128.

54In altre parole, così come Claudio (secondo la nostra interpretazione) aveva insediato i dendrofori sul Celio, così, cent’anni dopo, Antonino Pio – un altro regnante devoto di Cibele e di Attis – li autorizza a costruire la loro nuova sede collegiale nello stesso luogo, grazie alla generosità «evergetica» di Poblicio Hilaro. Ciò, tuttavia, avviene in un quadro nel quale – per superiori esigenze urbanistiche – i seguaci della Magna Mater devono accettare una notevole decurtazione dello spazio a loro disposizione. Cambia, di conseguenza, anche l’aspetto della schola, e basta un confronto fra le planimetrie delle due fasi edilizie per rendersene conto: le differenze sono consistenti, anche se guardiamo alle sole strutture archeologicamente documentate, e risultano ancora maggiori se crediamo all’ipotesi che l’edificio di età claudia abbia incluso sul lato nord123 elementi di «monumentalizzazione» quali esedre, absidi, ecc., del tutto assenti nella schola medio-imperiale. Il che non toglie, ed è bene ripeterlo, che alcuni aspetti basilari – tipici, d’altronde, di ogni sede collegiale – garantiscano la continuità di funzione fra le due versioni successive del monumento: e qui alludiamo soprattutto al cortile centrale, il quale però, nella redazione di età antoniniana, è attorniato da logge, aule e spazi di servizio124 che sembravano invece assenti ai lati della corte e dei portici del complesso di età claudia. Insomma, nel linguaggio corrente si potrebbe concludere che nel passaggio dal primo al secondo edificio i dendrofori perdono alcuni spazi, ma ne acquistano altri, dislocati diversamente125.

  • 126 Palazzo – Pavolini 2013, p. 446, 458.
  • 127 Su tutti questi aspetti (strada sul lato est e scala d’accesso) cfr. ibidem, p. 60-61 e fig. 21; p (...)

55Inoltre, mentre prima l’ingresso era da sud, ora ciò non è più possibile, perché su tale versante si addossa alla Basilica un altro fabbricato126. Di conseguenza il nuovo (e solo) accesso alla schola si ha da est, cioè dalla strada orientata sud-nord – archeologicamente attestata – che fiancheggia sul lato orientale l’edificio antoniniano. Questo ingresso consiste in una scala di dodici gradini, che dalla via suddetta scende al piano del cortile e degli altri ambienti della schola: essa venne infatti costruita al piede di uno dei già citati salti di quota, sistemati mediante terrazzamenti, che caratterizzavano in antico questa parte del colle127. Un accesso da Oriente era consono, del resto, ad un edificio allungato in senso est-ovest, qual era la nuova schola.

  • 128 Dotazioni che, per inciso, potevano in parte compensare quella diminuzione delle dimensioni del pi (...)
  • 129 Carandini 2012, vol. 2, tav. 140, situazione post 138 d.C.

56Il che significa anche che, se al di sopra del pianterreno conservato c’era almeno un primo piano (completamente perduto, ma la cui esistenza è del tutto probabile), l’accessibilità di tale primo piano – eventualmente comprensivo di tabernae, ambienti di servizio, ecc.128 – avveniva invece direttamente dal livello stradale, «in quota», per così dire. Da questo punto di vista è plausibile la ricostruzione grafica che della Basilica di età antonina è stata pubblicata nell’Atlante di Roma antica curato da A. Carandini129.

Haut de page

Bibliographie

Allroggen-Bedel 2008 = A. Allroggen-Bedel, L’Augusteum, in M.P. Guidobaldi (a cura di), Ercolano. Tre secoli di scoperte, Napoli, 2008, p. 34-45.

Bollmann 1998 = B. Bollmann, Römische Vereinshäuser, Magonza, 1998.

Carandini 2012 = A. Carandini (a cura di), Atlante di Roma antica. 2. Tavole e indici, Milano, 2012.

De Ruyt – Van Haeperen 2018 = Cl. De Ruyt, Fr. Van Haeperen, La parcelle du Temple des Fabri Navales (III, II, 1-2) dans le contexte des transformations de la Région III, in C. De Ruyt, T. Morard, Fr. Van Haeperen (a cura di), Ostia Antica. Nouvelles études et recherches sur les quartiers occidentaux de la cité, Bruxelles-Roma, 2018, p. 155-165.

Diosono 2006 = Fr. Diosono, Note sull’ Arbor sancta a Urso e a Roma, in Habis, 37, 2006, p. 387-398.

Diosono 2008a = Fr. Diosono, Il commercio del legname sul fiume Tevere, in F. Coarelli, H. Patterson (a cura di), Mercator Placidissimus. The Tiber valley in Antiquity. Atti del Convegno (Roma, 2004), Roma, 2008, p. 257-276.

Diosono 2008b = F. Diosono, Il legno. Produzione e commercio, Roma, 2008.

Diosono 2016 = Professiones gentiliciae: the collegia of Rome between Paganism and Christianity, in M.R. Saltzman, M. Saghy, R. Lizzi Testa (a cura di), Pagans and Christians in Late Antique Rome, New York, 2016, p. 251-270.

Egidi – Filippi – Martone 2010 = R. Egidi, F. Filippi, S. Martone (a cura di), Archeologia e infrastrutture. Il tracciato fondamentale della Linea C della Metropolitana di Roma: prime indagini archeologiche, Firenze, 2010.

Fabbri – Trotta, 1989 = M. Fabbri, A. Trotta, Una scuola-collegio di età augustea. L’Insula II di Velia, Roma, 1989.

Fentress, 2005 = E. Fentress, On the block: catastae, chalcidica and cryptae in Early Imperial Italy, in JRA, 18, 2005, p. 220-234.

Galli 2014 = M. Galli, Ritratto romano e memoria greca: il caso della c.d. scuola dei medici di Elea-Velia, in J. Griesbach (a cura di), Polis und Porträt, Wiesbaden, 2014, p. 155-187.

Gradel 2007 = I. Gradel, Agrippina, flaminica of Divus Claudius, in Moltesen – Nielsen 2007, p. 67-70.

Greco 2006 = G. Greco, Strutture e materiali del sacro ad Elea/Velia, in Atti 45° Convegno di Studi sulla Magna Grecia (Taranto – Marina di Ascea 2005), Taranto, 2006, p. 287-362.

Gros 1996 = P. Gros, L’architecture romaine du début du IIIe siècle av. J.-C. à la fin du Haut-Empire, 1. Les monuments publics, Paris, 1996.

Gros 1997 = P. Gros, Maisons ou sièges de corporations ? Les traces archéologiques du phénomène associatif dans la Gaule romaine méridionale, in CRAI, 1997, p. 213-241.

Kragelund 2007 = P. Kragelund, Agrippina’s revenge, in Moltesen – Nielsen 2007, p. 27-43.

Laird 2015 = M. Laird, Civic monuments and the Augustales in Roman Italy, Cambridge-New York, 2015.

Lauter 2009 = H. Lauter, Die Fassade des Hauses IX 1, 20 in Pompeji. Gestalt und Bedeutung, Magonza, 2009.

LTUR = E.M. Steinby (a cura di), Lexicon Topographicum Urbis Romae, I-V, Roma, 1993-1999.

Manacorda 2005 = D. Manacorda, Donne e cryptae, in A. Buonopane, F. Cenerini (a cura di), Donne e vita cittadina nella documentazione epigrafica, Faenza, 2005, p. 37-54.

Moltesen – Nielsen 2007 = M. Moltesen, A.M. Nielsen (a cura di), Agrippina Minor. Life and afterlife, Copenhagen, 2007.

Moorman 2010 = E.M. Moorman, The centres for imperial cult at Herculaneum, in C. Gasparri, G. Greco, R. Pierobon Benoit (a cura di), Dall’immagine alla storia. Studi per ricordare Stefania Adamo Muscettola, Pozzuoli, 2010, p. 477-493.

Palazzo – Pavolini 2013 = P. Palazzo, C. Pavolini (a cura di), Gli dèi propizi. la Basilica Hilariana nel contesto dello scavo dell’Ospedale Militare Celio (1987-2000), Roma, 2013.

Panella 1999 = C. Panella, Porticus Liviae sv, in LTUR, IV, Roma, 2006, p. 127-129.

Pavolini 1993 = C. Pavolini (a cura di), Caput Africae I. Indagini archeologiche a Piazza Celimontana. (1984-1988). La storia, lo scavo, l’ambiente, Roma, 1993.

Pesando – Guidobaldi 2006 = F. Pesando, M.P. Guidobaldi, Pompei, Oplontis, Ercolano, Stabiae, Roma-Bari, 2006 (Guide Archeologiche Laterza, 14).

Rosso 2013 = E. Rosso, Secundum dignitatem municipi. Les édifices collégiaux et leur programme figuratif, entre public et privé ?, in A. Dardenay, E. Rosso (a cura di), Dialogues entre sphère publique et sphère privée dans l’espace de la cité romaine, Bordeaux, 2013, p. 67-121.

Talamo 2007 = E. Talamo, I ritrovamenti archeologici sul Celio e la scoperta della statua di Agrippina Orante, in Moltesen – Nielsen 2007, p. 95-112.

Torelli 1998 = M. Torelli, Il culto imperiale a Pompei, in I culti della Campania antica. Atti del Convegno Internazionale, Napoli 1995, Roma, 1998, p. 245-270.

Torelli 2004 = M. Torelli, La “Basilica” di Ercolano. Una proposta di lettura, in Eidola, 1, 2004, p. 117-149.

Tran 2013 = N. Tran, Les collèges dans les espaces civiques dans l’Occident romain : diverses formes de de dialogue entre sphère publique et sphère privée, in A. Dardenay, E. Rosso (a cura di), Dialogues entre sphère publique et sphère privée dans l’espace de la cité romaine, Bordeaux, 2013, p. 143-159.

Van Andringa 2009 = W. Van Andringa, Quotidien des dieux et des hommes. La vie religieuse dans les cités du Vésuve à l’epoque romaine, Roma, 2009 (BEFAR, 337).

Van Haeperen 2012 = F. Van Haeperen, Collèges de dendrophores et autorités locales et romaines, in M. Dondin-Payre, N. Tran (a cura di), Collegia. Le phénomène associatif dans l’Occident romain, Bordeaux, 2012, p. 47-63.

Van Haeperen 2018 = F. Van Haeperen, Su alcuni fedeli della Mater Magna, in C. Bonnet, E. Sanzi (a cura di), Roma, la città degli dèi, Roma, 2018, p. 29-38.

Wallace-Hadrill 2011 = A. Wallace-Hadrill, The monumental centre of Herculaneum: in search of the identities of the public buildings, in JRA, 24, 2011, p. 121-160.

Zevi 2008 = F. Zevi, I collegi di Ostia e le loro sedi associative tra Antonini e Severi, in C. Berrendonner, M. Cébeillac-Gervasoni, L. Lamoine (a cura di), Le quotidien municipal dans l’Occident romain, Clermont-Ferrand, 2008, p. 477-505.

Haut de page

Notes

1 Palazzo – Pavolini 2013.

2 Ma ve ne sono stati di notevolissimi all’esterno, nell’area di Piazza Celimontana, nel corso del secondo ciclo di indagini archeologiche preliminari alla realizzazione di un pozzo di areazione della Metro C, dirette per la Soprintendenza dalla dott.ssa Simona Morretta, con la collaborazione di Paola Palazzo.

3 Tant’è vero che uno dei paragrafi del capitolo conclusivo del libro si intitolava già «Claudio e Attis. E una prima sede dei dendrofori a Roma?» (Palazzo – Pavolini 2013, p. 425).

4 Palazzo – Pavolini 2013, p. 426-436 (C. Pavolini) e per la «narrazione» stratigrafica riguardante i livelli e le strutture corrispondenti, comprese nella Fase 1 del sito, cfr. Palazzo – Pavolini 2013, p. 52-57 (P. Palazzo).

5 V. anche infra, nota 8.

6 La letteratura sui dendrofori è ampia e ben nota, e vi si sono aggiunte, di recente, le precisazioni di Francesca Diosono (cfr. fra l’altro Diosono 2006; Diosono 2008a, p. 274-276; Diosono 2008b, p. 80-83; Diosono 2016). Bisogna però segnalare anche gli importanti contributi di Françoise Van Haeperen (Van Haeperen 2012 e 2018), tendenti a respingere l’ipotesi che il collegio avesse valenze anche professionali – legate cioè alla raccolta e alla lavorazione del legno – e ad affermarne invece l’esclusiva natura religiosa, con una forte connotazione di «utilità» pubblica e civica.

7 Palazzo – Pavolini 2013, p. 431.

8 Lyd., Mens., 4, 59: «il 22 marzo un albero di pino viene trasportato dai dendrofori sul Palatino. Questa festa venne istituita dall’imperatore Claudio». Il fatto che fino all’epoca di questo principe esistessero due filoni del culto metroaco, uno «romano», di aprile (celebrato da autorità e cittadini), e uno «frigio», di marzo (celebrato da sacerdoti di origine microasiatica e dai «Galli», mentre i cittadini ne venivano tenuti lontani), è stato ora riaffermato da F. Van Haeperen (Van Haeperen 2018, p. 29). Con Claudio le feste di marzo entrano invece nel calendario ufficiale (ibidem) e, da tale epoca in poi, lo stretto legame e l’eterna riconoscenza dell’associazione verso questo imperatore sono testimoniati in modo lampante dal fatto che essa celebrava annualmente il dies natalis collegii in concomitanza con il compleanno di Claudio, il 1° agosto (Palazzo – Pavolini 2013, p. 430, e Van Haeperen 2012, p. 48). È significativo anche il fatto che il principe abbia scelto di affidare il rito dell’Arbor intrat non agli evirati Galli, emarginati e disprezzati, bensì a un’associazione di «buoni cittadini» e di liberti anche facoltosi, quali – da molti indizi – risultano essere i dendrofori (Van Haeperen 2018, p. 35).

9 I riferimenti sono in Palazzo – Pavolini 2013, p. 429.

10 Che non era sfuggito all’attenta analisi di B. Bollmann (Bollmann 1998, p. 242 nota 27), la quale, però, sembrava desumerne l’esistenza – in due siti differenti – di due successive scholae collegiali dei dendrofori (l’una di epoca giulio-claudia, l’altra della media età imperiale). Vedremo subito che un’altra interpretazione è invece possibile.

11 Su tale cronologia, intuita già nel corso delle circoscritte indagini di fine ‘800 e confermata con maggiori dati dagli scavi della Soprintendenza, v. Palazzo – Pavolini 2013, p. 19-27, 57-67, 443-454 e passim.

12 Situato fra i Padiglioni 15 e 17 dell’Ospedale Militare (cfr. la fig. 2).

13 Sullo scavo del Saggio II v. i cenni in Palazzo – Pavolini 2013, p. 433 e nota 76, p. 494-495 e note. La documentazione relativa a tale settore di indagine non è ancora stata sistematicamente elaborata, ma ne provengono alcuni materiali di pregio del II-I sec. a.C. (cfr. Ibidem e p. 399-400, schede 1-2); le tecniche costruttive rilevabili sono l’opera incerta (Ibidem, p. 496 fig. 9), quella reticolata e quella laterizia, per cui si può pensare che si siano susseguite nel sito, appunto, più fasi edilizie, fra la tarda età repubblicana e il primo periodo imperiale, così che l’area si presentava – a fine scavo – come un complesso intrico di strutture (Ibidem, p. 495 fig. 8). Quanto alla funzione, è verosimile un’interpretazione dei resti come parte di un caseggiato abitativo, forse l’ala di servizio di una ricca domus posta più a nord (il che spiegherebbe il rinvenimento, nei pressi, dei manufatti di valore di cui s’è detto): e in effetti, i pochi lembi di pavimentazione conservati – in cocciopesto e in opus spicatum – avvalorano l’ipotesi che si trattasse di un settore di lavoro. Non è il caso di riprendere qui l’analisi di dettaglio delle differenze di quota osservabili fra tali piani di calpestio del Saggio II e quelli del Saggio III (Fase 1): cfr. Ibidem, p. 495 nota 543.

14 Palazzo – Pavolini 2013, p. 52-57 (guardando in particolare alla pianta di fase, fig. 2) e p. 431-432.

15 Realizzati in parte in semplice terra battuta e malta, mentre solo in un settore è stato documentato l’impiego della tecnica a mosaico con minute tessere bianche (Palazzo – Pavolini 2013, p. 55-56).

16 Ma si trattò, per la verità, di un reimpiego. L’unica struttura conservata in questa tecnica – in pratica, l’attestazione in assoluto più antica recuperata nel perimetro del saggio – è in effetti un settore di un preesistente muro di terrazzamento (Palazzo – Pavolini 2013, p. 52 e nota 5, fig. 1), che corre lungo il fronte orientale dell’area di scavo; servì poi da base per la cortina laterizia del muro perimetrale est della Basilica antoniniana.

17 È a questa più tarda sotto-fase che appartengono gli scarsi lacerti di pavimentazione giunti fino a noi.

18 V. in particolare p. 432-433.

19 A questo proposito un elemento di grande importanza – sebbene modestissimo dal punto di vista della consistenza materiale – è la fondazione in cementizio di un pilastro o di una colonna (US 5401), rinvenuta presso l’angolo nord-occidentale del Saggio III e allineata con alcune altre, poste in serie sud-nord a distanze regolari, tutte appartenenti all’edificio primitivo (cfr., in Palazzo – Pavolini 2013, la pianta della Fase 1, fig. 2 a p. 53, e ciò che se ne dice ibidem, p. 432). È la prova indubbia che il fabbricato di epoca proto-imperiale proseguiva verso nord e non era del tutto compreso nel perimetro del Saggio III, ciò che invece avverrà, approssimativamente, per la Basilica Hilariana del II sec. d.C. (v. infra).

20 Palazzo – Pavolini 2013, fig. 1 a p. 432.

21 Qui e altrove nel testo si è ritenuto opportuno lasciare aperte le due possibilità, benché nella fig. 3 si sia preferita l’ipotesi dei pilastri. Le fondazioni in questione sono quadrangolari, ma questo non vuol dire; una opzione in favore delle colonne, anzi, è suggerita sia dai confronti che verranno elencati fra poco, sia dal fatto che negli strati di distruzione dell’edificio sono stati recuperati diversi frammenti di colonne laterizie rivestite di stucco, anche scanalato (v. Palazzo in Palazzo – Pavolini 2013, p. 56 e nota 17, e Pavolini, ibidem, p. 432 nota 68).

22 Per la verità, ne abbiamo qualche testimonianza solo sul lato orientale.

23 Palazzo in Palazzo – Pavolini 2013, p. 55 e nota 11. Si tratta di alcuni degli esigui e frammentari resti in elevato che l’edificio proto-imperiale ha restituito (v. supra).

24 Palazzo – Pavolini 2013, p. 433.

25 Ibidem, p. 54. Nella pianta di fase cit. in nota 14 se ne vede la sola parte documentata, per di più tagliata, in senso est-ovest, dal largo canale che costituisce il collettore fognario centrale della Basilica medio-imperiale. Su tale condotto v. Palazzo – Pavolini 2013, p. 65 (con note) e passim.

26 Ma non esattamente sull’asse nord-sud del fabbricato, sulle cui irregolarità v. anche subito sotto, nota 29.

27 Cfr. Palazzo in Palazzo – Pavolini 2013, p. 55-56.

28 Ibidem, p. 55.

29 In tal modo il complesso – o il suo piano terreno, perché nulla vieta che ve ne fossero di superiori – avrebbe presentato al centro un cortile a quadriportico, una forma architettonica molto diffusa, benché irregolare nel nostro caso (e non solo per il perimetro trapezoidale del lotto sul quale vennero costruiti sia questo impianto originario, sia poi la Basilica Hilariana, orientata però diversamente, come vedremo).

30 Una simile interpretazione potrebbe venir semplificata, nella grafica, abolendo il braccio nord del portico e pensando che le testate delle absidi minori si addossassero direttamente alle terminazioni dei bracci est e ovest: ma in tal modo l’intera ala nord dell’edificio si verrebbe a trovare quasi a ridosso della piccola struttura a due vani già citata. Va anche detto che di questa non conosciamo l’effettiva estensione verso nord. Nella pianta ricostruttiva si è immaginato che disponesse di un accesso da sud, e che un secondo passaggio ponesse in comunicazione i due ambienti di cui si componeva.

31 Per tutto quel che segue, cfr. Palazzo – Pavolini 2013, p. 433-35.

32 V. la tavola tipologico-cronologica in Bollmann 1998, fig. 93, nella quale compaiono alcuni dei confronti elencati qui di seguito. Si veda anche la presa di posizione, quasi contemporanea, di Pierre Gros (Gros 1997), il quale – a partire dall’evidenza gallica, ma senza limitarsi ad essa – sottolinea la difficoltà di individuare uno schema architettonico «canonico» e univoco per le scholae collegiali di età romana.

33 Bollmann 1998, p. 72.

34 Ibidem, B 14, fig. 83.

35 Ibidem, B 12, fig. 36-37.

36 Ibidem, A 65, fig. 11.

37 Per una planimetria nel contesto monumentale del Foro, v. Pesando in Pesando – Guidobaldi 2006, p. 43 (e, per la descrizione del monumento e le problematiche connesse, ibidem, p. 49-51).

38 Torelli 1998, p. 251-260, 269.

39 L’idea che si trattasse della sede collegiale dei fulloni è rigettata anche da Pesando (in Pesando – Guidobaldi 2006, loc. cit.), che aggiunge un rinvio all’interpretazione come mercato degli schiavi o venalicium, ripresa da E. Fentress (Fentress 2005, p. 225-229). Ciò nel quadro – condiviso da molti studiosi – di una valutazione dell’edificio come spazio multifunzionale, nel quale si potessero svolgere a giorni alterni iniziative e manifestazioni di ogni genere, quali aste di vari prodotti o recite di elogia publica (secondo Pesando, per ambedue queste attività sarebbero state adatte le due grandi nicchie poste alle estremità della facciata).

40 Una nota e splendida statua di Agrippina Minore come orante o offerente, trovata nel XIX sec. nelle immediate vicinanze della Basilica Hilariana, può forse essere posta in relazione da un lato con il culto di Cibele e Attis, ipoteticamente già attivo sul Celio nell’età di Claudio (e lo stiamo vedendo), dall’altro con la tendenza di Agrippina Minore ad identificarsi – come forse già Eumachia – con Livia, e per suo tramite con Cibele stessa. Sia questo atteggiamento di Agrippina, sia l’ipotesi che la scultura citata possa essere stata ospitata, in un qualche momento, nella Basilica Hilariana sono interpretazioni proposte qualche anno fa (v. Pavolini in Palazzo – Pavolini 2013, p. 437-443) e riprese poi, con interessanti variazioni, da Emilia Talamo (Talamo 2007). Ma si può anche proseguire sulla via delle ipotesi e pensare ad una prima collocazione dell’Agrippina/Orante in una delle nicchie absidate che abbiamo ricostruttivamente inserito sul lato di fondo dell’edificio della prima età imperiale (fig. 3): così come si può congetturare, sulla stessa falsariga, che nell’esedra centrale fosse posta una statua di Claudio stesso, sotto il cui occhio vigile i dendrofori avrebbero tenuto le loro riunioni e officiato i loro riti.

41 Parlando di cryptae in età augustea bisogna tener presente non solo, com’è ovvio, quella di Balbo a Roma, ma anche – per esempio – il complesso della crypta et chalcidicum eretto a Ostia nel 6 d.C., a proprie spese, da una Terentia, e situato a ovest della Basilica forense. Il confronto con l’Edificio di Eumachia è stringente da tre punti di vista: perché si tratta anche qui di una donna; per la coincidenza terminologica, almeno parziale, delle costruzioni realizzate; infine, per la cronologia. Di tale parallelismo parla anche Torelli (1998, p. 255-256). La tematica della crypta Terentiana di Ostia esula dal nostro argomento, inteso in senso stretto: su di essa v. comunque i due articoli pubblicati contemporaneamente, e indipendentemente, da E. Fentress (Fentress 2005) e da D. Manacorda (Manacorda 2005).

42 Torelli (Torelli 1998, loc. cit.) richiama a questo proposito i precedenti ellenistici del tipo della porticus conclusa da un’esedra.

43 Nell’argomentazione di Torelli, tuttavia, non è chiaro come si concili il richiamo alla Porticus romana, dedicata nel 7 d.C., con la costruzione dell’Edificio di Eumachia fra il 2 e il 4 d.C. (Pesando in Pesando – Guidobaldi 2006, p. 48), e, secondo Torelli stesso (Torelli 1998, p. 269), forse più precisamente nel 4 (per i rifacimenti successivi al terremoto del 62 v. ibidem, p. 255). Comunque, anche a questo proposito è interessante – ai fini della tematica celimontana – che Torelli (p. 253-254) definisca il manufatto quadrangolare che nella Forma Urbis marmorea figura al centro della Porticus Liviae come un eventuale altare o sacello, il che potrebbe costituire un confronto per il basamento al centro del cortile dell’edificio sottostante la Basilica Hilariana, sopra descritto. Si tratta tuttavia di una debole traccia, anche perché altri studiosi definiscono la citata struttura della Porticus come un generico recinto, o pensano alla aedes Concordiae (su tutto questo cfr. Panella 1999). Per i frammenti della Forma che riproducono la Porticus v. LTUR, I, fig. 154.

44 Su tutto questo v. Torelli 1998, p. 260-261, 267-269.

45 Van Andringa 2009.

46 Cfr. ibidem, p. 48-49. In tale quadro, il santuario considerato da alcuni del Genius Augusti (supra) sarebbe invece, per l’autore, il templum Augusti della città (ibidem, p. 49-51). Su tutta la questione v. anche le conclusioni generali del capitolo (ibidem, p. 68-74).

47 Guidobaldi in Pesando – Guidobaldi 2006, p. 385.

48 Torelli 2004. A. Allroggen-Bedel, in contributi degli anni ’70 e ’80, aveva avanzato ipotesi parzialmente diverse; peraltro la stessa autrice, scrivendo più di recente (cfr. Allroggen-Bedel 2008), ha ripreso molte delle proposte di Torelli.

49 Ma, tenendo conto del fatto che i punti cardinali indicati nella pianta della zona pubblica di Ercolano (Pesando – Guidobaldi 2006, fig. a p. 359) non coincidono esattamente con quelli della planimetria generale della città (ibidem, p. 287), l’espressione «a nord» va intesa con probabilità, più esattamente, come «a nord-est», e così via.

50 Riesaminata, più di recente, in un altro capitolo della citata monografia di Van Andringa (Van Andringa 2009, p. 59-68).

51 Torelli 2004, p. 144-146.

52 Per le sue dimensioni v. sotto.

53 Guidobaldi in Pesando – Guidobaldi 2006, p. 386-387.

54 Torelli 2004, p. 128-129. I numeri d’inventario sono riportati da Guidobaldi, loc. cit.

55 Loricato, quest’ultimo, in quanto imperatore vivente e quindi comandante in capo dell’esercito.

56 Qui venne infatti recuperata anche un’epigrafe di Tiberio: Torelli 2004, p. 141. Sempre nell’ambito delle presenze riferibili alla casa giulio-claudia, Wallace-Hadrill (Wallace-Hadrill 2011, p. 147) cita anche Agrippina Minore, e ne riparlerò brevemente più avanti.

57 Su tali cicli v. anche Van Andringa 2009, loc. cit., con conclusioni sostanzialmente convergenti, ma con l’aggiunta di altre considerazioni. Fra queste, l’approfondimento della ricostruzione secondo cui gli Augustales della città – la cui sede era antistante – parteciparono all’abbellimento della porticus, cioè della cd. «Basilica», con atti di evergetismo (testimoniati, come si è visto, dall’epigrafia) quali la dedica di parte delle statue su elencate, in particolare a spese dell’augustale L. Mammius Maximus. Le testimonianze epigrafiche delle donazioni effettuate da questo personaggio sono state poi ristudiate, sulla scorta di una documentazione molto accurata, da M. Laird (Laird 2015, p. 223-233), nel quadro di un riesame complessivo dei cicli scultorei onorari di cui sopra.

58 Il problema della funzione, e quindi della denominazione, del monumento è definito spinoso da Van Andringa, che comunque converge in sostanza con le valutazioni di Torelli (Van Andringa 2009, p. 62-64). Andrew Wallace-Hadrill – nell’ambito del suo più recente studio dedicato ad un’analisi di dettaglio della questione – è più cauto, e in definitiva lascia aperte le conclusioni (Wallace-Hadrill 2011, soprattutto p. 148-160, e cfr. la planimetria ricostruttiva alla sua fig. 9 = nostra fig. 6). Corredando l’argomentazione con numerosi confronti dall’Italia e dalle province orientali, l’autore nota come il termine stesso di Augusteum sia raro in epigrafia e come la sua applicazione alle evidenze archeologiche sia incerta, così che non si riesce a individuare un tipo architettonico standardizzato riferibile a questo nome. Considera comunque l’edificio ercolanese come un indubbio centro della vita civica, e per ora (dal momento che gran parte dell’insediamento non è stata ancora esplorata) propone di vedervi una realtà genericamente definibile come Porticus Augusti o Augusti(ana), se si vuole includere nella denominazione un riferimento al culto imperiale, com’è verosimile.

59 Per ambedue gli aspetti (il confronto con Eumachia e l’epoca della fondazione) v. Torelli 2004, p. 132-133. Nel caso di Ercolano si evidenzia una ristrutturazione, che per Torelli sarebbe successiva al terremoto del 62, fra l’altro perché è attestata un’iscrizione di Nerone. Ciò può spiegare anche la citata presenza di Augusto e di Claudio seduti, raffigurati come Giove, nell’esedra rettangolare: in età neroniana erano i soli due imperatori divinizzati (ibidem, p. 140-141).

60 E anche, ad esempio, per Wallace-Hadrill (Wallace-Hadrill 2011, p. 141-142).

61 Cfr. ad es. le varie opinioni riguardo ai due basamenti rettangolari addossati ai colonnati dei portici laterali (fig. 6), a proposito dei quali Torelli (Torelli 2004, p. 128-129, 141-142) vede possibile l’interpretazione come tribunalia giudiziari, avanzata in precedenza dalla Allroggen-Bedel: anche in altre città, infatti, le funzioni giudiziarie municipali potevano essere espletate nei luoghi del culto dinastico.

62 Moorman (Moorman 2010, p. 486-487) propone invece la cronologia del 76-79 d.C.

63 Su tutto questo v. Torelli 2004, p. 133-141.

64 Ibidem, p. 142-146.

65 Così anche Allroggen-Bedel 2008, p. 45-46.

66 E con i suoi possibili modelli urbani, fra i quali – oltre alla Porticus Liviae – vari studiosi citano i Saepta Iulia (Allroggen-Bedel 2008, p. 43-44; Wallace-Hadrill 2011, p. 146-147, specificamente per alcuni dei soggetti affrescati presenti sia ad Ercolano, sia nei Saepta romani).

67 Oltre a Torelli, v. Moormann 2010, loc. cit., che tuttavia, riprendendo l’intero problema, propone – per i tre edifici – attribuzioni in parte diverse da quelle che qui sono state prevalentemente seguite.

68 Torelli 2004, p. 132-134.

69 I quali, fra l’altro, istituirono in tutto il corso della loro storia stretti legami proprio con gli Augustales delle varie città (Palazzo – Pavolini 2013, p. 430-431 e nota 57).

70 Su quest’uso del termine «semi-pubblico» per indicare le scholae (soprattutto nei casi suddetti) convergono in molti. Cfr. Gros 1997, cit. in Rosso 2013, p. 68-69; ibidem, p. 116-118, dove si rinvia anche a D. Steuernagel, il quale – con felice ossimoro – descrive tali edifici come caratterizzati da una “öffentliche Exclusivität”; Tran 2013, p. 143-144.

71 Su tutto questo, supra, nota 13.

72 Cfr. Gros 1996, p. 379.

73 Galli 2014. L’articolo si differenzia, nell’essenziale, dalla precedente monografia di Fabbri e Trotta (Fabbri – Trotta 1989), più ampia, ma inficiata da alcune contraddizioni, rispetto alle quali l’interpretazione proposta da Galli risulta più lineare. Si tenga però presente che la struttura veliense è stata oggetto in passato di numerose discussioni, per cui è bene consultare – oltre ai testi che verranno citati di seguito – anche la «vecchia» bibliografia, risalente per lo più ai decenni ’60-’90 del Novecento. In tale dibattito, tuttavia, entreremo solo di sfuggita, poiché ci interessano qui soprattutto alcuni fattori di carattere planimetrico e funzionale, al di là delle oscillanti attribuzioni cronologiche: Lauter, ad esempio, delinea un quadro delle fasi costruttive che punta su datazioni complessivamente più antiche, mentre Fabbri e Trotta (Fabbri – Trotta 1989, p. 115-118, 122-128) propongono – all’estremo opposto – cronologie estese fino all’età flavia per il ciclo dei ritratti dinastici, e fino al II sec. d.C. per gli elementi di natura cultuale aggiunti nell’ala d’accesso e per statue come quelle di Apollo e Asclepio (sono tutti aspetti dei quali si dirà fra poco).

74 La cui planimetria ricostruttiva (ricavata da Fabbri e Trotta) è riprodotta in Gros 1996, loc. cit.

75 A favore di una cronologia augustea delle realtà architettoniche e scultoree caratterizzanti l’edificio si erano già pronunciati Gros 1996, ibidem, e G. Greco (Greco 2006, p. 355-357).

76 A questo proposito è opportuno segnalare che tale pianta – come di desume da Lauter 2009, p. 113-114, fig. 25 – si deve al Ladstätter e venne inizialmente inserita in una pubblicazione tedesca del 1987, per essere poi ripresa praticamente da tutti coloro che si sono occupati della cd. schola di Velia. Meno utile, ai nostri fini, l’assonometria ricostruttiva dovuta a C. La Torre (Galli 2014, fig. 4 = Greco 2006, fig. 14).

77 Occupa infatti l’intera Insula II di Velia (Galli 2014, p. 156) e oltrepassa per dimensioni ogni altro edificio noto in città (Rosso 2013, p. 74-76).

78 Là dove sembra che in precedenza vi fosse una vasca, mai completata (Lauter 2009, p. 113).

79 Per un’immagine fotografica v. Galli 2014, fig. 3.

80 E. Rosso (Rosso 2013, p. 74 e fig. 4, e, con più ampie motivazioni, p. 89-90) ha fatto notare come questi passaggi non siano ampi, così da giustificare l’ipotesi che – nell’insieme – si sia voluto realizzare un sistema di «filtri» corrispondente alle diverse funzioni degli spazi: più immediatamente accessibile il primo cortile, dedicato all’identità collegiale e, al contempo, all’autoconsapevolezza civica; riservato ad un pubblico più «ristretto» il portico (con criptoportico) interno, nel cui ambito veniva officiato il culto imperiale. Su tutti questi aspetti v. subito sotto.

81 Su ciò segue vedi Galli, p. 162-163, con richiami a Lauter 2009. I riferimenti planimetrici rimandano sempre alla nostra fig. 7.

82 Al centro del quale sorgeva – ma se ne è conservata solo la fondazione – un altro altare «di seconda fase», di grandi dimensioni: v. in particolare Fabbri – Trotta 1989, p. 27-28 e 56 (sulla scorta delle osservazioni di W. Johannowski) e pianta a p. 30. Questo elemento non compare tuttavia nell’altra pianta (nostra fig. 7).

83 Su tutta la problematica cfr. soprattutto Fabbri – Trotta 1989, p. 63-65, 67-118, 122-126; Galli 2014, p. 159-162, 164-167 e fig. 5-9. Emmanuelle Rosso ha a sua volta riassunto in forma di tabella (Rosso 2013, tabella 1 a p. 80-82) i dati concernenti tutte le testimonianze epigrafiche e statuarie provenienti dal complesso veliense. I contributi di Rosso e di Galli sono stati pubblicati in pratica contemporaneamente e quindi non tengono conto l’uno dell’altro, ma nella sostanza non si discostano quanto all’interpretazione funzionale e storica dell’edificio, sulla quale v. anche Rosso 2013, p. 98-105 e passim.

84 Galli 2014, p. 162.

85 Di qui, forse, la cronologia estesa fino all’età proto-tiberiana che Fabbri e Trotta (Fabbri – Trotta 1989, p. 125) avevano invece attribuito alla serie scultorea dei medici e dei personaggi connessi. Di grandissimo interesse, ma laterale rispetto al nostro ragionamento, è poi la discussione sul nome proprio Oulis – seguìto da patronimici diversi – e sull’espressione iatros pholarchos, elementi che nelle iscrizioni accomunano i tre reperti appena menzionati, mentre Parmenide viene definito Ouliades physikos. Tale terminologia conterrebbe richiami ad Apollo e ai suoi poteri di guaritore, in connessione con una confraternita (o thiasos) dedita al culto del dio come Apollo Oulios, della quale Parmenide verrebbe «evocato quasi alla stregua di un eroe fondatore»: cfr. le pagine citate di Galli 2014, con rinvii ad una bibliografia che risale anni ’60, e la disamina che E. Rosso dedica a tutta la questione (Rosso 2013, p. 93-97). Fabbri e Trotta 1989 (loc. cit.) avevano insistito soprattutto sull’ipotesi di un’attività iniziatica e segreta della scuola o didaskaleion (poi collegio) dei medici, considerata come la sede degli Ouliadai, dal nome di un’antica stirpe medica eleate. Nello stesso senso, Lauter (Lauter 2009, p. 117-118) aveva visto nel materiale proveniente di qui l’indizio di una natura esoterica della schola, nella quale sarebbero stati impartiti anche insegnamenti filosofici e matematici.

86 Fabbri – Trotta 1989, p. 79-95, tav. XLVII-XLVIII; Galli 2014, p. 163, 167.

87 Alcuni sono riprodotti ibidem, fig. 10-12.

88 Galli (ibidem, p. 165) ne parla come di una personificazione di città. In precedenza Giovanna Greco (Greco 2006, p. 356-357 e tav. XI, 3, con l’interessante particolare della corona circondata da porte urbiche anziché da torri o merli) l’aveva intesa non come una Tyche di Velia, bensì – e il senso non cambierebbe di molto – come una Cibele protettrice della città: un’immagine del tutto appropriata in quel settore dell’edificio, nel quale il collegio medico teneva viva la memoria della collettività (infra). Del resto la stessa studiosa dedica un paragrafo (ibidem, p. 352-354) alla stabilità del culto dedicato da Velia a questa dea già da molto prima, cioè a partire dalla seconda metà del IV sec., elencando una serie di manufatti lapidei che lo attestano. Naturalmente la presenza di Cibele e dei suoi seguaci in un’altra schola, quella sul Celio, va visto come una mera coincidenza, data l’enorme diffusione dei culti frigi in tutto il mondo greco e poi nell’Occidente romano.

89 Galli 2014, fig. 10 e p. 166.

90 Se tali attribuzioni colgono nel vero, tuttavia, dovremmo pensare a immagini realizzate ed esposte nell’edificio quando i due principi erano ancora in vita. In caso contrario, le loro date di morte mettono in causa – sia pure per pochi anni – l’ipotesi di Galli (ibidem, p. 169) di un collegamento fra questi ritratti e la creazione dell’edicola sacra e dell’altare nel settore del triportico, come apprestamenti finalizzati a specifici rituali funerari: sappiamo infatti che lo stesso studioso colloca sia il tempietto che l’altare nel 20-1 a.C.

91 Su tutto questo v. ibidem, p. 167-169 e fig. 13-14.

92 Citati ibidem, note 50-51, e v. ora Rosso 2013.

93 Anche in questo caso (come poco sopra nel caso di Cibele, v. nota 88) segnalo solo come semplice casualità il fatto che Agrippina Minore ricorra sia in alcuni dei contesti monumentali dell’Italia meridionale di cui ci stiamo occupando, sia sul Celio, con la statua di orante o offerente alla quale mi sono già riferito. E tuttavia, incontrare un così gran numero di ritratti – sicuri o presunti – di questo personaggio induce a sollevare di nuovo la domanda che veniva posta già in Palazzo – Pavolini 2013 (p. 442-443): come conciliare tale dato con la damnatio memoriae dell’imperatrice, decretata dopo la sua uccisione da parte del figlio Nerone (59 d.C.)? Domanda alla quale era stata trovata una risposta nelle analisi di studiosi come Kragelund (Kragelund 2007) e Gradel (Gradel 2007), secondo i quali la damnatio di Agrippina venne fatta rientrare nella modalità più «blanda» di applicazione di simili misure, per non dire che la sua memoria venne infine riabilitata dopo la caduta di Nerone, di pochi anni successiva. In un modo o nell’altro, quindi, molte attestazioni scultoree ed epigrafiche celebranti la consorte di Claudio possono essere sopravvissute.

94 Per Gros, anzi, fin dalla prima fase degli inizi del I sec. a.C. l’edificio «possède déjà les composantes essentielles des scholae» (Gros 1996, p. 379).

95 Galli 2014, p. 163-165, 168-169 e passim.

96 Espressione che risale al Waltzing, citato da Galli stesso. E nella trattazione di quest’ultimo (come anche nella bibliografia da lui riportata) gli accenni alla polifunzionalità dell’architettura di tali scholae – le quali, accanto agli spazi rituali, potevano includere ambienti finalizzati alla convivialità e alla socialità nei suoi risvolti più «pratici», ad esempio per concludere affari e simili – trovano un interessante riscontro in certi aspetti delle trasformazioni probabilmente severiane della Basilica Hilariana sul Celio (cfr. Palazzo – Pavolini 2013, p. 476-477 e nota 418).

97 Galli 2014, p. 163: ma sui concetti di memoria e identità della città, in riferimento a questa serie di testimonianze, si insiste soprattutto in Greco 2006, p. 355-356.

98 Cfr. ad es. Fabbri – Trotta 1989, p. 122; Galli 2014, loc. cit.

99 Del resto, l’atipicità architettonica notata da Lauter (Lauter 2009, p. 157) è evidentemente il motivo per cui la Bollmann, pur considerandolo una schola, non cataloga l’edificio di Velia fra i Portikusanlagen, ma in un’altra sezione della sua monografia, come abbiamo visto (supra, note 32-34).

100 Anche grazie all’elemento di raccordo rappresentato dall’edicola, con la sua funzione riferibile al culto funerario dei principes iuventutis (stando almeno all’interpretazione di Galli).

101 Il che sicuramente non stupisce, visto che i collegia di mestiere erano notoriamente tenuti a ben precise ed esplicite manifestazioni di lealismo verso la dinastia al potere: per Velia lo sottolinea Lauter (Lauter 2009, p. 117-118).

102 Ibidem: e non è il solo a farlo (v. supra, nota 70).

103 È interessante il fatto che già Gros (Gros 1996, p. 380-381) – pur aderendo alle interpretazioni che vedevano nel complesso pompeiano un’eventuale «borsa» per il commercio della lana o una basilica vestiaria, teorie nel frattempo cadute, come sappiamo – avesse basato il confronto fra Eumachia e Velia anche sulla circostanza che ambedue gli edifici esprimevano una combinazione fra due aspetti diversi: secondo lui, infatti, entrambi erano sedi collegiali e a tale finalità ne univano un’altra, rispettivamente commerciale e «didattica».

104 E se ricordiamo la dedica Augustales s(ua) p(ecunia) della cd. Basilica di Ercolano, e le connesse ipotesi di Torelli (supra), non è fuori luogo ricordare il dato dell’«alleanza» storica fra i collegi degli Augustali e quelli dei dendrofori, uno dei quali (anzi il più importante, perché insediato a Roma) avrebbe occupato il complesso proto-imperiale individuato sul Celio.

105 Ma a Velia si va probabilmente un po’ più avanti nel tempo (v. sopra).

106 Che è esposta nel dettaglio in Palazzo – Pavolini 2013. Per il basamento di età claudia v. ibidem, p. 54, come già segnalato; per la presunta aiola (o sacello) che vi si sovrappose nella fase edilizia di Antonino Pio, p. 65-66; per la sua configurazione finale dopo le modifiche del III secolo, p. 73-74; per la possibile identificazione con l’alloggiamento della Arbor Sancta di Attis (in riferimento ai riti metroaci che dovevano svolgersi nell’edificio), con le fonti e con tutti i problemi connessi, p. 461-475.

107 Fabbri – Trotta 1989, p. 46.

108 Mentre i completamenti successivi in laterizio potrebbero essere attribuiti all’età flavia.

109 Sia pure di sfuggita, vi si accennò comunque nella pubblicazione del 2013: v. Palazzo – Pavolini 2013, p. 435 nota 92.

110 Van Haeperen in De Ruyt – Van Haeperen 2018, p. 161-165.

111 Ibidem, p. 164-165.

112 Tutte ipotesi da avanzare, naturalmente, con la dovuta cautela e riversando nella discussione anche le precisazioni di N. Tran (Tran 2013, p. 144-149), il quale delinea una sorta di classificazione delle modalità di occupazione degli spazi civici da parte dei collegia o corpora. Questi potevano costruire i propri impianti su terreni dei quali erano proprietari, o su lotti donati da un benefattore privato; altrimenti la procedura «normale» era quella di un’autorizzazione da parte dell’ordo della città, come si è appena visto, e ciò con il ricorso alla formula l(oco) d(ato) d(ecreto) d(ecurionum), con l’eventuale aggiunta p(ublice). Che però in casi particolari potesse intervenire anche la «cancelleria» imperiale, come si esprime Tran, è plausibile. V. la politica di favore verso i collegia ostiensi e le loro scholae seguita dai Severi (Zevi 2008; Tran 2013, loc. cit.), e v. il caso – per noi particolarmente interessante – dei dendrofori di Bovillae (ibidem, p. 155-156): costoro, nel 147 d.C., ottengono ad pinus ponendas un lotto pubblico dai decurioni locali, ma, sembra, secus epistulam Imperatoris Antonini Aug(usti). Su Antonino Pio seguace della Magna Mater v. subito sotto.

113 E vista la vicinanza dei luoghi dove forse sorgeva la casa stessa dell’imperatore, sostituita, dopo la sua morte, dal grande Templum Divi Claudi a lui dedicato per opera della vedova, cioè di Agrippina. Ma sull’importante questione, sulle ipotesi formulate in merito da Filippo Coarelli e sulle connesse implicazioni storiche non c’è motivo di tornare qui (Palazzo – Pavolini 2013, p. 433-434).

114 Ibidem, p. 19-27.

115 Va tenuto presente, infatti, che la presunta sede collegiale di età claudia – nella nostra ricostruzione – presentava una pianta trapezoidale dalla superficie pari a mq. 1137,50 (v. supra), mentre la Basilica medio-imperiale è anch’essa un trapezio, dotato però di una superficie approssimativa di soli mq. 874.

116 Palazzo – Pavolini 2013, p. 446, 458-459 e nota 283.

117 Ibidem, p. 57-67 (Fase 2) e 443-444.

118 La sua figura e l’evidenza a lui connessa vengono riprese in esame in Van Haeperen 2018, p. 35-38, articolo nel quale la studiosa tende a datare la «Basilica superiore» attorno al 138 e, per il resto, converge largamente sulle ricostruzioni e sulle ipotesi avanzate in Palazzo – Pavolini 2013 riguardo a tutte le vicende dell’edificio sorto nel II sec. d.C.

119 Su tutto quel che segue cfr. Palazzo – Pavolini 2013, soprattutto p. 56 e nota 17, p. 435 e 443 (e la sez. n. 7 a p. 17).

120 Cfr. soprattutto le p. 493-504.

121 Ibidem, pianta a p. 12 (e cfr. la citata nota 283 a p. 459).

122 Sul tratto del vicus individuato negli scavi del 1984-88 a Piazza Celimontana, così come sugli edifici di età romana che lo fiancheggiavano, v. Pavolini 1993. Anche il Caput Africae, inteso come quartiere, aveva carattere intensivo e nella media età imperiale sembra fosse occupato da grandi insulae d’affitto, con tabernae al piano terra. A distanza di molti anni da quelle indagini i nuovi scavi per la Metro C, svoltisi nel settore settentrionale di Piazza Celimontana (allora non toccato) e menzionati supra, nota 2, potranno fornire – una volta che i risultati saranno editi in forma definitiva – informazioni importantissime sulla topografia e l’archeologia non solo del Caput Africae (è stato fra l’altro rinvenuto un altro tratto della fase romana del vicus), ma dell’intero Celio.

123 Quello che, nella ricostruzione interpretativa della fig. 2, appare ora sepolto sotto l’ipotetica strada est-ovest, per cui non vi è più alcun rapporto diretto fra le strutture del Saggio III (antoniniane e successive) e quelle del Saggio II, mentre in precedenza, come abbiamo supposto (fig. 3), esse si addossavano le une alle altre.

124 V. la descrizione in Palazzo – Pavolini 2013, p. 446-449 e passim.

125 V. anche, subito sotto, la nota 128.

126 Palazzo – Pavolini 2013, p. 446, 458.

127 Su tutti questi aspetti (strada sul lato est e scala d’accesso) cfr. ibidem, p. 60-61 e fig. 21; p. 446-447 e fig. 6-7 alle p. 469-470.

128 Dotazioni che, per inciso, potevano in parte compensare quella diminuzione delle dimensioni del piano terra che si era verificata nel passaggio fra la prima e la seconda schola.

129 Carandini 2012, vol. 2, tav. 140, situazione post 138 d.C.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Scavo dell’Ospedale Militare Celio, Saggi II e III. Sono evidenziate a tratto pieno le strutture murarie delle fasi della tarda Repubblica e della prima età imperiale; nel Saggio III sono visibili, a tratto più leggero, anche le strutture murarie e le pavimentazioni delle fasi successive.
Crédits Elaborazioni grafiche di Paola Palazzo, rielaborazioni di Carlotta Bassoli.
Titre Fig. 2 – L’archeologia del Celio dopo le indagini degli anni 1980-2000.
Crédits Planimetria di Paola Palazzo, da Egidi – Filippi – Martone 2010.
Titre Fig. 3 – Pianta ricostruttiva della probabile «prima schola dei dendrofori sul Celio», sottostante la Basilica Hilariana di età antoniniana (Saggio III). Sono visibili le strutture archeologiche schematizzate del Saggio II.
Crédits Elaborazione di Carlo Pavolini e Carlotta Bassoli.
Titre Fig. 4 – Pianta dell’«Edificio di Eumachia» nel Foro di Pompei.
Crédits Da Pesando – Guidobaldi 2006.
Titre Fig. 5 – Assonometria ricostruttiva della zona pubblica di Ercolano.
Crédits Da Pesando – Guidobaldi 2006.
Titre Fig. 6 – Pianta ricostruttiva della cd. «Basilica» di Ercolano.
Crédits Da Wallace-Hadrill 2011.
Titre Fig. 7 – Pianta ricostruttiva della «schola dei medici» di Velia.
Crédits Da Gros 1996.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Carlo Pavolini, « Una prima schola dei dendrofori di Roma sul Celio? », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 132-1 | -1, 195-214.

Référence électronique

Carlo Pavolini, « Una prima schola dei dendrofori di Roma sul Celio? », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 132-1 | 2020, mis en ligne le 24 novembre 2020, consulté le 26 janvier 2021. URL : http://journals.openedition.org/mefra/9347 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefra.9347

Haut de page

Auteur

Carlo Pavolini

carlo.pavolini48@gmail.com

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search