Navigation – Plan du site

AccueilNuméros132-1VariaReperti scultorei ed epigrafici d...

Varia

Reperti scultorei ed epigrafici dal Palatino

Contributo alla storia dello «Stadio»
Laura Acampora et Annarena Ambrogi
p. 169-193

Résumés

Nel presente contributo si analizzano alcuni reperti epigrafici e scultorei rinvenuti nell’area del cosiddetto Stadio nella Domus Augustana sul Palatino; si tratta di una testa-ritratto maschile (Museo del Palatino), e di due iscrizioni, un architrave (magazzini del Foro Romano-Palatino), e una lastra opistografa (Museo Nazionale Romano). Lo studio analitico di questi manufatti, in connessione con le indicazioni fornite dai dati desunti dai contesti di rinvenimento e sulla base delle caratteristiche tecniche, formali ed epigrafiche, ha permesso di evidenziarne il valore documentario per una migliore conoscenza delle fasi edilizie dello «Stadio» in età tardoantica ed inoltre ha indotto a proporre una restituzione della loro effettiva messa in opera, nel quadro generale dei riadattamenti che interessarono quest’area nel periodo tra IV e VI secolo d.C.

Haut de page

Notes de l’auteur

Le sezioni relative alla documentazione epigrafica sono state realizzate da Laura Acampora, mentre quelle riguardanti la testa-ritratto si devono ad Annarena Ambrogi. In comune sono state elaborate la parte introduttiva e le conclusioni. Lo spunto ad intraprendere questo studio è stato fornito da Lucrezia Spera che, con acute osservazioni, ha evidenziato l’importanza dei tre manufatti per la conoscenza del Palatino nella fase tardo-imperiale: a lei va, quindi, la nostra riconoscenza. Siamo grate a Roberta Alteri per la sua cortese disponibilità e per aver reso possibile l’esame della testa conservata nel Museo Palatino e dei due frammenti di architrave collocati nei magazzini del Criptoportico; hanno collaborato alla revisione autoptica dell’architrave Alessandro D’Alessio e Stefania Trevisan. Si ringraziano Rosanna Friggeri, Anna De Santis e Carlotta Caruso per aver facilitato l’accesso ai magazzini del Museo Nazionale Romano e per la revisione della lastra opistografa. Un sentito ringraziamento va a Bruno Angeli, fotografo del Parco archeologico del Colosseo, per la sua professionalità e grande cortesia. Per le immagini dei ritratti conservati nei Musei Capitolini ringraziamo il Direttore, Claudio Parisi Presicce, e il curatore dei Beni Culturali, Angela Carbonaro. Infine, un grazie ad Alessandra Avagliano per la sua collaborazione.

Texte intégral

  • 1 Sullo «Stadio» palatino, della ricca bibliografia si citano alcuni testi particolarmente utili ai (...)

1L’area del cosiddetto Stadio nella Domus Augustana sul Palatino (fig. 1) fu oggetto di una serie di risistemazioni in età tardoantica1. Nel presente contributo si analizzano alcuni reperti epigrafici e scultorei rinvenuti in questo settore del colle, che possono essere d’aiuto per definire e precisare le fasi di restauro e gli interventi edilizi eseguiti in tale ambito cronologico.

Fig. 1 – Roma, Palatino, il complesso dello «Stadio», pianta con indicazione del luogo di ritrovamento della testa-ritratto.

Fig. 1 – Roma, Palatino, il complesso dello «Stadio», pianta con indicazione del luogo di ritrovamento della testa-ritratto.

Rielaborazione da Wulf-Rheidt 2017, fig. 8.

2Si tratta di una testa-ritratto maschile e di due blocchi marmorei iscritti interessanti sia per i testi, sia per le tipologie dei supporti su cui questi sono stati incisi; lo studio dei manufatti, inseriti nel loro contesto di provenienza e riconsiderati sulla base delle caratteristiche tecniche e formali, ha permesso di proporre una restituzione della loro effettiva messa in opera, nel quadro generale dei riadattamenti che interessarono l’area dello «Stadio» nel periodo tra IV e VI secolo d.C.

La testa-ritratto maschile

  • 2 Inv. n. 475888 (già inv. n. 12460). La testa misura in altezza cm 26, compresa la porzione di coll (...)

3Nel Museo del Palatino si conserva una testa maschile (fig. 2-6), di marmo bianco-grigiastro, piuttosto opaco, probabilmente lunense2. Presenta una lacuna sul mento e un’altra sulla punta del naso; rare scheggiature sulla zona sopraccigliare e sul collo; una lunga fessura attraversa diagonalmente la fronte. Il taglio del collo, costituito da un piano inclinato in avanti, regolare e lisciato grossolanamente, rivela che la testa doveva essere inserita in un busto o in una statua, lavorati a parte.

Fig. 2 – Roma, Museo del Palatino, testa-ritratto maschile, veduta frontale.

Fig. 2 – Roma, Museo del Palatino, testa-ritratto maschile, veduta frontale.

Foto B. Angeli, Parco archeologico del Colosseo.

Fig. 3 – Roma, Museo del Palatino, testa-ritratto maschile, lato destro.

Fig. 3 – Roma, Museo del Palatino, testa-ritratto maschile, lato destro.

Foto B. Angeli, Parco archeologico del Colosseo.

Fig. 4 – Roma, Museo del Palatino, testa-ritratto maschile, lato sinistro.

Fig. 4 – Roma, Museo del Palatino, testa-ritratto maschile, lato sinistro.

Foto B. Angeli, Parco archeologico del Colosseo.

Fig. 5 – Roma, Museo del Palatino, testa-ritratto maschile, retro.

Fig. 5 – Roma, Museo del Palatino, testa-ritratto maschile, retro.

Foto B. Angeli, Parco archeologico del Colosseo.

Fig. 6 – Roma, Museo del Palatino, testa-ritratto maschile, sommità del capo.

Fig. 6 – Roma, Museo del Palatino, testa-ritratto maschile, sommità del capo.

Foto A. Ambrogi.

  • 3 Fiorelli 1877, p. 109, p. 203-204.
  • 4 CIL VI, 31102 (Ch. Hülsen). Per un’analisi più specifica di questo manufatto, si veda infra la sez (...)
  • 5 Carettoni 1963, p. 159-161, tav. 58-59. Le notizie riportate dal Carettoni sono ripetute nella bib (...)
  • 6 Notevolmente più tardo è il frammento di testa proveniente dal Palatino, identificata con un imper (...)
  • 7 Carettoni 1963, p. 160-161.

4La prima notizia sulla scoperta casuale dell’opera è fornita dal Fiorelli3, il quale durante gli sterri dello «Stadio» palatino, diretti da Rodolfo Lanciani, ricorda il ritrovamento nel maggio del 1877 di una «testa virile, sfregiata al mento, forse ritratto imperiale, e un residuo di cornice con iscrizione», di cui nel settembre successivo si rinvenne un’ulteriore porzione combaciante4. Il Carettoni nel 19635 fornisce maggiori informazioni, ricordando la scoperta avvenuta «alcuni anni or sono» della testa realizzata «in marmo bianco scistoso a grana fine», che era stata inserita come materiale da costruzione nel muro di epoca tarda sul lato orientale che raccordava i pilastri settentrionali della struttura porticata (fig. 7) e che è venuta in luce casualmente essendo stata asportata dalle piogge la calce che la copriva. Lo studioso evidenzia l’importanza di tale rinvenimento, essendo pochi i ritratti recuperati dagli scavi del Palatino e tra questi quello in questione risulta essere uno dei più tardi6. Per la presenza di alcuni elementi tipici del linguaggio tardoantico, inserisce l’opera entro la fine del IV secolo, in una corrente artistica che, pur ignorando l’esperienza teodosiana e la grande tradizione della ritrattistica microasiatica del V secolo, è influenzata dal classicismo costantiniano. Il Carettoni, inoltre, evidenzia alcune stranezze, come le «curiose orecchie», anatomicamente errate ed asimmetriche, che attribuisce all’inesperienza tecnica dello scultore7, rimanendo stupito dalla tanta imperizia presente in un’opera dell’ambiente aulico; la testa, inserita sul corpo di una statua «preesistente», doveva appartenere ad un personaggio minore della corte o ad un magistrato.

Fig. 7 – Roma, Palatino, «Stadio», tamponature della fila settentrionale del cd. Portico, lato orientale.

Fig. 7 – Roma, Palatino, «Stadio», tamponature della fila settentrionale del cd. Portico, lato orientale.

Foto A. Ambrogi.

  • 8 Helbig, 1966, II, p. 877 (H. v. Heintze).

5Analoghe osservazioni sono espresse da Helga von Heintze nel 19668, la quale ritiene che l’opera, semilavorata, fu eseguita da un artigiano non urbano, privo di gusto plastico-naturalistico, il quale nel realizzarla ha aderito, non per incapacità, ma per scelta artistica, ad una tendenza di stilizzazione ornamentale, che si manifesta soprattutto nella strana capigliatura, divisa a settori da tratti incisi, la cui frangia ricorda la moda proto-costantiniana; i confronti proposti rimandano all’ambito produttivo di età tetrarchica e dei primi due decenni del IV secolo d.C. Lo scultore potrebbe aver lavorato nell’officina dell’arco di Costantino, per le affinità con le teste dei soldati del fregio storico.

  • 9 Ungaro 1979, p. 106-113, in part. p. 107.
  • 10 Augenti 1996, p. 128.

6L’importanza della testa maschile e del frammento di architrave con iscrizione, citato dal Fiorelli, è evidenziata sia da Lucrezia Ungaro nel suo articolo del 19799, sia da Andrea Augenti10, nel volume sul Palatino del 1996; entrambi li considerano elementi datanti la costruzione ellittica e la struttura porticata, la cui cronologia va posta non prima della fine del IV secolo d.C.

  • 11 Tomei 1997, p. 103, n. 77; Gasparri – Tomei 2014, p. 259, n. 72 (L. Di Franco).
  • 12 Prusac 2011, p. 153, n. 421, fig. 114 a-d.

7Nelle schede sul ritratto in esame nei due cataloghi dell’Antiquarium Palatino11 viene erroneamente indicato il bardiglio come materiale e si ripetono le osservazioni della von Heintze, ribadendo la datazione in età tetrarchica. La Prusac12 nel suo volume del 2011 menziona la testa-ritratto, ritenendola rilavorata in età tardoantica da un originale non identificato.

8Le stranezze e le incongruenze del ritratto in esame, giustamente notate dal Carettoni, vanno riconsiderate attentamente: la resa superficiale degli occhi, la forma anomala e la posizione innaturale degli orecchi (fig. 2-4), i solchi e le incisioni convenzionali sui capelli e sul volto non sono frutto di imperizia dello scultore, né di incompletezza, ma sono il risultato della rilavorazione. Ciò è confermato da alcuni indizi nella riduzione della calotta e nello schiacciamento della nuca, entrambi determinati dall’aggiornamento della pettinatura, nei padiglioni auricolari che appaiono troppo in alto e in avanti, nel sovradimensionamento degli occhi e nell’incoerenza dei tratti fisionomici rispetto all’impianto generale, dovuti alla necessità di adeguare il volto alla nuova fisionomia e al linguaggio formale dell’epoca del reimpiego. Anche le sopracciglia sono state rimaneggiate, incidendo rapidamente la peluria e ridisegnando le arcate in modo piuttosto irregolare: quella destra, più incurvata, è sottolineata in basso da un solco inscritto, assente nella sinistra; inoltre, in corrispondenza della glabella, nel sopracciglio sinistro si forma un arco, mentre sul destro un angolo retto, ad intaglio netto. Un’evidente asimmetria, tipica dei ritratti rilavorati, caratterizza il volto con la parte sinistra più sfuggente e meno accurata e la zona oculare ribassata. Le ciocche finali della frangia sul lato destro sono più plastiche e presentano le punte incurvate a virgola, mentre sul lato sinistro i finali sono tagliati e unificati in un contorno lineare. L’orecchio destro è stato maggiormente ridotto e i capelli scendono più in basso sul collo. La massa pilifera è stata ribassata e rilavorata su tutto il capo, compresi la sommità ed il retro. La lacuna posteriore sul collo si deve ai rimaneggiamenti per il reimpiego.

9Quindi, la testa-ritratto presenta tre fasi: la prima relativa alla creazione dell’opera; la seconda riguardante il riuso del ritratto; nella terza, infine, l’opera ha subito un cambiamento di funzione per essere utilizzata come materiale da costruzione nella tamponatura degli intercolumni della struttura porticata, dove è stata casualmente scoperta.

  • 13 Già la bibliografia precedente ha datato la testa in età tardoantica (non oltre la fine del IV sec (...)

10Il modo convenzionale di ridurre i volumi e di rimaneggiare i lineamenti rivela che la rilavorazione è avvenuta in età tardoantica13. In particolare, i caratteri tipici della ritrattistica post-tetrarchica sono riscontrabili nella grandezza degli occhi, nella costruzione geometrica del viso (basata sulle linee orizzontali di fronte, occhi e bocca, attraversate dalla rigida perpendicolarità del naso), nella linea continua che disegna le sopracciglia e delimita la glabella e il dorso nasale, nell’immobilismo del volto e, infine, nella bocca carnosa con il labbro superiore sinuoso. I piani facciali uniformi e tesi, la fissità dello sguardo rivolto in alto con l’iride a semicerchio inciso, l’acconciatura compatta percorsa da un grafismo di superficie e i tratti regolari indirizzano verso la produzione più avanzata della seconda metà del IV e del V secolo d.C. Si deve, tuttavia, considerare che alcuni elementi peculiari, quali l’uniforme tensione delle guance e della fronte sono in parte imputabili alla struttura di base, che è stata adattata in modo congruente al linguaggio artistico più tardo.

  • 14 Inv. n. 3022: Fittschen – Zanker – Cain 2010, p. 186-187, n. 183, tav. 227 (P. Zanker).
  • 15 Fittschen – Zanker – Cain 2010, p. 186 note 6-9.
  • 16 Un confronto diretto per l’acconciatura a caschetto si ha sulle teste del magistrato con mappa sul (...)
  • 17 Delbrueck 2009 (1929), p. 380-388, n. 65, tav. 65; Volbach 1976, p. 54-55, n. 62, tav. 34; Weitzma (...)
  • 18 Delbrueck 2009 (1929), p. 390-393, n. 66, tav. 66; Kiilerich 1993, p. 92-94, fig. 46 (t.a.q. 408).
  • 19 Il missorium raffigura Teodosio in trono tra Valentiniano II e Arcadio: Delbrueck 2009 (1929), p.  (...)
  • 20 Delbrueck 2009 (1929), p. 171-174, n. 1, tav. 1; Delbrueck 1933, p. 207-208, fig. 71, tav. 98.4, 1 (...)
  • 21 Un tempo conservato a Roma e poi a Parigi: Delbrueck 2009 (1929), p. 172–174, n. 41, tav. 41; Volb (...)

11Interessanti spunti di riflessione presenta un busto con la testa rilavorata del Museo Capitolino (fig. 8)14, forse in origine un literatus, creato tra il 380 e il 400 d.C. Sebbene il ritratto capitolino differisca da quello in esame per la presenza della barba e per un trattamento più plasticamente modulato, esso risulta molto simile nei grandi orecchi sproporzionati, nel linearismo delle rughe labio-nasali, nell’appiattimento della nuca e nel modo di rendere la calotta pilifera a cuffia schiacciata con bordo rilevato e frangia bipartita. Anche la zona oculare presenta delle analogie per la linea spigolosa dell’arcata sopraccigliare, per le pupille incavate con un buco profondo e la corposa palpebra superiore, abbassata. Come evidenzia Zanker15, la stilizzazione dell’acconciatura a caschetto compatto, con striature fittamente incise e contorno marcato, e la biforcazione centrale della frangia ad arco sono caratteristiche della ritrattistica di fine IV-inizi V secolo. Lo testimoniano i ritratti di dignitari, giovani principi ed augusti della casa teodosiana e valentiniana nei rilievi sulla base dell’obelisco di Teodosio, eretto nel 390-392 d.C. nell’ippodromo di Costantinopoli16 (fig. 9), le teste del dittico del vicarius Urbis Romae Rufius Probianus, prodotto urbano del 400 d.C. circa (fig. 10)17, e il ritratto di Onorio nel cammeo della collezione Rothschild, datato nel 398 d.C. (fig. 11)18. Concordanze ulteriori si riscontrano nei personaggi del missorium d’argento di Teodosio I del 388 d.C.19, nel ritratto di Onorio, raffigurato nel dittico di Anicio Petronio Probo, console nel 406 d.C., conservato nel duomo di Aosta (fig. 12)20, e nella testa-ritratto del dittico consolare datato nel V secolo d.C., recente acquisizione del Museo di Merida (fig. 13)21; in tutte queste effigi le analogie sono evidenti, oltre che nelle capigliature, nei volti dall’ovale allungato con mento appuntito e guance piene, a volte glabre, a volte lievemente barbate, su cui si apre la breve bocca carnosa, e nei grandi occhi oblunghi, forati, sotto l’ampia arcata sopraccigliare.

Fig. 8 – Roma, Musei Capitolini, magazzino, ritratto maschile.

Fig. 8 – Roma, Musei Capitolini, magazzino, ritratto maschile.

MC 3022 foto F. 12107.

Fig. 9 – Istanbul, ippodromo, base dell’obelisco di Teodosio, lato sud-ovest.

Fig. 9 – Istanbul, ippodromo, base dell’obelisco di Teodosio, lato sud-ovest.

Foto G. Jansoon. Istanbul, Hippodrome 007. GNU Free Documentation License 2007.

Fig. 10 – Berlino, Staatsbibliothek, dittico del vicarius Urbis Romae Rufius Probianus.

Fig. 10 – Berlino, Staatsbibliothek, dittico del vicarius Urbis Romae Rufius Probianus.

Da EAA III, 1960, p. 144, fig. 175.

Fig. 11 – Parigi, collezione Rothschild, cammeo, ritratto di Onorio.

Fig. 11 – Parigi, collezione Rothschild, cammeo, ritratto di Onorio.

Da Kiilerich 1993, fig. 46.

Fig. 12 – Aosta, duomo, dittico di Probo, ritratto di Onorio.

Fig. 12 – Aosta, duomo, dittico di Probo, ritratto di Onorio.

Da Delbrueck 2009, n. 1, tav. 1.

Fig. 13 – Merida, Museo, dittico consolare.

Fig. 13 – Merida, Museo, dittico consolare.

Foto A. Ambrogi.

  • 22 Carettoni 1963, p. 160, tav. 60; Prusac 2011, p. 153, n. 422. Marina Prusac erroneamente la dice p (...)

12Nel pubblicare l’opera in esame, il Carettoni cita come confronto un’interessante testa del commercio antiquario (fig. 14), molto frammentaria, di cui non si indica la provenienza22: per la simile resa dei lineamenti e degli occhi lo studioso la ritiene appartenente allo stesso ambiente e alla medesima cronologia del ritratto palatino. Effettivamente grosse concordanze sono evidenti, anche perché entrambe le opere sono frutto di rilavorazione in età tarda, ma nella testa del commercio antiquario si nota una maggiore stilizzazione nella calotta pilifera e sul volto, con guance atone e labbra rigide e asciutte.

Fig. 14 – Testa-ritratto maschile.

Fig. 14 – Testa-ritratto maschile.

Da Carettoni 1963, tav. 60.

  • 23 Delbrueck 1933, p. 98, tav. 20: solido di Ravenna (Londra).
  • 24 Delbrueck 2009 (1929), p. 181-183, n. 3, tav. 3; p. 341-344, n. 56, tav. 56 = Volbach 1976, p. 50- (...)
  • 25 Inv. n. 1769 (già Antiquarium inv. n. 1580): Delbrueck 1933, p. 210-211, tav. 109-110; L’Orange 19 (...)
  • 26 Helbig 1966, II, p. 48; Bergmann 2000, p. 544; Parisi Presicce 2005, p. 290; Prusac 2011, p. 145, (...)
  • 27 L’Orange 1933, p. 55; Fittschen – Zanker 1985, p. 144, nota 5: nota forti analogie con i ritratti (...)
  • 28 Helbig 1966, II, p. 48; Bergmann 2000, p. 544; Parisi Presicce 2005, p. 290; Prusac 2011, p. 149, (...)
  • 29 Fittschen – Zanker 1985, p. 158, n. 126, tav. 157 (P. Zanker), Beilage 95.

13Interessanti riscontri iconografici si hanno nelle immagini monetali di Costanzo III23 per il profilo con la corta frangia a ciocche incurvate in serie parallele, per l’occhio grande e allungato, per la bocca carnosa e il piccolo mento prominente. Proprio in base al confronto con le monete e con i dittici eseguiti in Italia agli inizi del V secolo24, il Delbrueck ha riconosciuto Costanzo III o un emulo contemporaneo in una testa marmorea del Museo Capitolino (fig. 15), opera urbana eseguita intorno al 415 d.C.25. Con l’opera in esame si notano analogie stilistiche ed iconografiche nella forma del viso, nelle proporzioni tra la corta frangia e l’alta fronte piatta, nella calotta pilifera a cuffia fittamente incisa, nella conformazione della zona oculare e della bocca, delimitata agli angoli da due solchi incisi in maniera assolutamente analoga, ed infine nell’aggiunta di un solco sotto le sopracciglia. La testa capitolina è stata rilavorata due volte: una prima in età tetrarchica26 e una seconda tra l’età costantiniana27 e quella valentiniana28. Alla seconda fase si devono l’eliminazione della barba tetrarchica sulla parte sinistra, e l’ampliamento degli occhi con le palpebre sottili, le zampe di gallina enfatizzate agli angoli e le sopracciglia molto separate29.

Fig. 15 – Roma, Musei Capitolini, testa-ritratto maschile.

Fig. 15 – Roma, Musei Capitolini, testa-ritratto maschile.

MC 1769 foto F. 10704.

  • 30 Sulle caratteristiche formali dei ritratti ufficiali e privati della seconda metà del IV secolo e (...)
  • 31 L’Orange 1933, p. 75-77; L’Orange 1961, p. 68-74, tav. 27-31 = L’Orange 1973, p. 54-71; Meischner (...)
  • 32 L’Orange 1933, p. 66-75, n. 1-7, cat. n. 94-100, fig. 181-191.
  • 33 L’Orange 1933, p. 75- 77, n. 8, p. 142, cat. n. 101, fig. 192-193; Stucchi 1951, p. 201-205, fig.  (...)
  • 34 L’Orange 1961, p. 69, tav. 28, 5-6; Calza 1972, p. 350-351, n. 247, tav. CXIX, fig. 436-437; Wrede (...)
  • 35 Il ritratto è stato posto su una statua togata ritenuta non pertinente dalla maggior parte degli s (...)
  • 36 L’Orange 1961, p. 74 nota 34, tav. 31, 5; Kiilerich 1990, p. 201-206, tav. 39-40; Kiilerich 1993, (...)

14Colpiscono nei ritratti appena elencati le forme tendenzialmente giovanili dei volti, l’ovale pieno, il modellato uniforme e teso, la semplificazione delle pettinature a favore di una delicata stilizzazione ornamentale e la resa impersonale dei tratti somatici, che si concentra negli occhi enormi e fissi. Queste peculiarità sono riscontrabili in un gruppo omogeneo di ritratti della fine del IV e dell’inizio del V secolo d.C.30, pertinenti ad uno stesso indirizzo stilistico, al quale L’Orange applicò l’appropriata denominazione di subtiler Stil per il delicato linearismo delle forme31, considerandolo un peculiare perfezionamento dello stile «bello» teodosiano nell’età di Arcadio e di Onorio32. Esemplari rappresentativi del subtiler Stil sono considerati da L’Orange tre ritratti coevi, in cui all’astratta geometrizzazione dei dettagli si unisce una ripresa elegante e manierata dell’eredità classica: la testa nella Gliptoteca di Monaco, inv. n. 37933, quella al Museo Capitolino, inv. n. 39134, e il ritratto conservato nel Museo Nazionale Romano, inv. n. 24735. Tutte e tre le opere presentano strette analogie con l’opera in esame nella forma del viso, in due casi con barbula incisa (ritratto capitolino, ritratto del Museo Nazionale Romano), nella resa degli occhi, delle sopracciglia e della bocca, incavata agli angoli e separata dal mento robusto con un incasso marcato. Un ritratto di fanciullo conservato ad Oslo (fig. 16)36, di cui Bente Kiilerich propone l’identificazione con Eucherio, figlio di Stilicone e Serena, nipote di Teodosio, condivide con il ritratto palatino, nonostante le differenze imputabili all’età giovanile del rappresentato, il linguaggio formale come appare evidente nella conformazione delle sopracciglia, sottolineate da un solco incavato, della pupilla forata e della corta frangia con una coda di rondine centrale.

Fig. 16 – Oslo, Museo, testa-ritratto maschile.

Fig. 16 – Oslo, Museo, testa-ritratto maschile.

Da Kiilerich 1993, fig. 50.

  • 37 Ambrogi 2009, p. 203-219.

15Una testa maschile di marmo proconnesio, murata nel chiostro della basilica di San Paolo f.l.m.37, anch’essa appartenente alla corrente del subtiler Stil di età onoriana, presenta notevoli riscontri nella rigida fissità dello sguardo ispirato, nel disegno del naso e dell’arcata sopraccigliare, nei solchi agli angoli delle labbra carnose; le divergenze tecniche dipendono dallo stadio di semilavorazione della testa paolina.

16Rispetto ai ritratti ascritti al gruppo dello «stile sottile», nel ritratto palatino in esame sono assenti o appaiono poco evidenti alcuni elementi caratteristici: l’esilità della struttura ossea e la forma allungata del volto, il nitore classicistico dei tratti regolari e simmetrici, il raffinato decorativismo delle acconciature. Assenze non dovute ad un allontanamento dai principi formali di questa corrente, ma da circostanze contingenti: alcune, infatti, sono imputabili alla persistenza dei caratteri della fase originaria del ritratto (la struttura robusta e massiccia del capo, la forma più squadrata del viso), mentre altre dipendono dalle tecniche adottate per rilavorare l’opera: le irregolarità e la banalizzazione dei tratti, la riduzione dei volumi, in particolare dello spessore dell’acconciatura, e la semplificazione dei dettagli.

  • 38 Fittschen – Zanker 1985, p. 159-161, n. 127, tav. 158 con bibl. prec. (P. Zanker); Giuliano 2001, (...)
  • 39 Prusac 2011, p. 149, n. 342, tav. 69, fig. 71 a.b: la Prusac condivide l’ipotesi di Zanker che sia (...)
  • 40 Delbrueck 1933, p. 204-206, tav. 103-104; L’Orange 1933, p. 75 nota 2, 140, n. 96, fig. 185-186; S (...)

17Ulteriori confronti si possono stabilire con la testa marmorea colossale dei Musei Capitolini, inv. n. 494 (fig. 17)38, ritenuta un possibile ritratto di Onorio39, e con il ritratto al Pergamonmuseum di Berlino, inv. n. 177240, creato intorno al 400-410 d.C., attribuito da alcuni ad Arcadio, da altri ad Onorio: le concordanze con la testa in esame sono evidenti nella struttura solida del volto, nella capigliatura a cuffia minuziosamente incisa e nella zona oculare. Pur appartenendo alla stessa congerie cronologica e artistica, la testa palatina si distacca per l’esecuzione più schematica ed elementare.

Fig. 17 – Roma, Musei Capitolini, testa-ritratto maschile.

Fig. 17 – Roma, Musei Capitolini, testa-ritratto maschile.

MC 494 foto F. 10722.

  • 41 Ciocche «doppie», cioè ciascuna formata da due ciuffi separati da una virgola incisa, si ritrovano (...)
  • 42 I capelli si allungano sul collo con ciocche rivolte in avanti già nei ritratti di Tiberio, come m (...)
  • 43 Citiamo alcuni esemplari: Poulsen 1973, p. 93, n. 59, tav. XCVIII-XCIX; p. 125, n. 97, tav. CLXXII (...)

18Per quanto riguarda la fase originaria del ritratto, rimangono pochissimi indizi: la piccola apertura centrale a «coda di rondine» mostra i segni dell’avvenuto rimpicciolimento, rivelando che già nella fase iniziale era presente una biforcazione, ma in forme più plastiche. Sull’occipite sinistro si osserva un’area più sommariamente scalpellata che conserva resti delle ciocche a virgola originarie, piuttosto articolate e corpose. Dell’acconciatura primaria rimane anche la serie di ciocche «doppie», ad andamento sinuoso, sull’estremità destra della frangia41, in evidente contrasto con la parte sinistra, ritagliata e ribassata. La necessità di eliminare la caduta dei capelli sul collo è testimoniata dalle tracce di scalpellature rimaste lungo tutto il bordo inferiore (fig. 3-5). La riduzione del volume e l’accorciamento della capigliatura suggeriscono una calotta in origine piuttosto voluminosa con una ricca frangia e ciocche piuttosto lunghe sul collo42, secondo la moda giulio-claudia, soprattutto della fase più tarda, claudio-neroniana43. Anche l’impianto robusto della testa, l’ampiezza delle guance e della fascia frontale piatta, delimitata da sopracciglia ad ali allungate, dovrebbero risalire, seppur fortemente rimaneggiate, alla redazione primaria.

  • 44 Sulla tecnica della rilavorazione dei ritratti e sulle motivazioni e diffusione del reimpiego in e (...)

19La pratica della rilavorazione suggerisce un’esecuzione del ritratto in un’officina urbana, ad opera di un artigiano specializzato in questa tecnica particolarmente diffusa in età tardoantica anche nelle sfere più alte della committenza, se consideriamo che i ritratti di Costantino a noi giunti sono per la maggior parte frutto di rilavorazione44.

20La testa, in occasione del reimpiego, fu inserita in un busto o più verosimilmente in una statua, lavorata a parte, di cui, non essendoci pervenuto alcun elemento, è impossibile stabilire se fosse pertinente alla testa già in origine, se fosse, invece, non pertinente, ma sempre di riuso, oppure creata ex novo per la ricollocazione tarda. In genere, si riutilizzavano statue preesistenti senza eseguire sul corpo alcun aggiornamento o personalizzazione, affidando l’attualizzazione dell’opera alla sola testa e alla correzione dell’onomastica nella tabella epigrafica sulla base.

La documentazione epigrafica

21La revisione dei materiali provenienti dall’area dello «Stadio» palatino ha suggerito di approfondire lo studio dei due reperti iscritti di seguito analizzati, che sono risultati interessanti sia per i testi che per le tipologie dei supporti su cui le iscrizioni sono state incise.

Architrave con iscrizione (1)

  • 45 Revisione autoptica effettuata nel 2016 e nel 2018.
  • 46 CIL VI, 31102 (Ch. Hülsen). I due frammenti furono raccolti «tra gli scarichi», secondo i resocont (...)

22Dallo stesso contesto di scavo della testa appena esaminata proviene un architrave modanato in marmo bianco a grana fine (lunense?)45, ricomposto da due frammenti combacianti, su cui è incisa un’iscrizione articolata su quattro righe di testo. Essi furono rinvenuti in due momenti diversi delle stesse indagini che interessarono l’area dello «Stadio» nel 1877 (fig. 18) 46.

  • 47 Fiorelli 1877, p. 109 (solo fr. a); Fiorelli 1878, p. 66 (frr. a e b); Lanciani 1878, p. 101, n. 1 (...)

23Dimensioni: framm. a) alt. cm 57, largh. cm 67, spess. cm 7; framm. b): alt. cm 30, largh. cm 23, spess. cm 7; alt. lettere: cm 6
I due frammenti sono attualmente conservati presso il Foro Romano-Palatino, nei magazzini del Criptoportico (nn. inv. 10863 e 379581)47.

  • 48 La lettura [- - -]is venne eseguita «dopo la pulitura della lastra» (Fiorelli 1877, p. 204).

[- - -] omnipotentique Constạ[- - -]
[- - -]is48 doctissimi iusti[- - -]
[- - -]ụm florentis[- - -]
[- - -]ur maxim[- - -].

Fig. 18 – Roma, Foro Romano-Palatino, magazzini del Criptoportico, architrave con iscrizione (1), frammento a (n. inv. 10863), frammento b (n. inv. 379581).

Fig. 18 – Roma, Foro Romano-Palatino, magazzini del Criptoportico, architrave con iscrizione (1), frammento a (n. inv. 10863), frammento b (n. inv. 379581).

Foto Archivio Parco archeologico del Colosseo.

24I due frammenti sono pertinenti ad un elemento di architrave con cornice nella parte inferiore; il frammento a è integro nei suoi margini superiore e inferiore, e permette pertanto di determinare l’altezza originaria del pezzo. Il lato posteriore della lastra è levigato, tranne nella parte inferiore, dove la revisione autoptica ha permesso di verificare che essa venne scalpellata in maniera irregolare, in un momento successivo alla lavorazione originaria (fig. 19). Il margine superiore della lastra risulta sicuramente integro nel suo spessore.

Fig. 19 – Roma, Foro Romano-Palatino, magazzini del Criptoportico, architrave con iscrizione (1), frammento a, particolare della lavorazione del margine inferiore del retro.

Fig. 19 – Roma, Foro Romano-Palatino, magazzini del Criptoportico, architrave con iscrizione (1), frammento a, particolare della lavorazione del margine inferiore del retro.

Foto Archivio Parco archeologico del Colosseo.

25La cornice presenta uno schema molto semplice ed è costituita dalla successione di fregio liscio, gola, tondino e fascia liscia; le due fasce lisce superiore e inferiore sono lavorate a gradina. Lungo i bordi superiore e inferiore non sono visibili segni di grappe di fissaggio né di malta. L’analisi del manufatto rivela indicazioni interessanti sulle modalità di lavorazione e del suo utilizzo.

26La superficie del campo epigrafico è lavorata a gradina, come accade peraltro frequentemente per le iscrizioni; risulta però essere notevolmente ribassata rispetto allo spessore della cornice e a quello totale della lastra, pur tenendo conto di un’eventuale predisposizione per l’alloggiamento di un rilievo scultoreo realizzato a parte e poi inserito successivamente sull’architrave. Un’analoga lavorazione a gradina è presente sulle due fasce lisce della cornice, la superiore e l’inferiore. Sul margine superiore della lastra, al di sopra delle lettere incise, è visibile una piccola porzione di superficie marmorea più liscia rispetto al resto del campo epigrafico; le differenze di spessore e di modalità di lavorazione fanno ipotizzare che questo fosse l’originario piano dell’architrave.

27Gli elementi appena delineati permettono quindi di ipotizzare che anche l’architrave iscritto, così come la testa precedentemente analizzata, possa essere in realtà un pezzo rilavorato, in origine con superficie levigata sulla quale successivamente, dopo un lasso di tempo non quantificabile in maniera precisa, fu realizzato un campo epigrafico con l’uso della gradina ed incidendovi il testo sulle quattro righe visibili ancora oggi.

28Il riutilizzo è confermato dall’analisi della faccia posteriore; in basso sono infatti visibili dei segni realizzati con uno strumento, probabilmente uno scalpello, che hanno intaccato l’originaria superficie levigata. L’altezza di questo tratto in cui è stato asportato il marmo è di circa cm 5,5 e corrisponde alla fascia liscia scolpita a gradina del lato anteriore. È ipotizzabile quindi che questa particolare lavorazione fosse funzionale ad una modalità di messa in opera del manufatto e al suo allestimento.

29Le caratteristiche del pezzo non forniscono indicazioni sufficienti per proporne una cronologia, ad esempio per la tipologia della cornice modanata, piuttosto comune e diffusa; gli elementi desumibili dall’analisi autoptica portano in ogni caso a poterne definire le fasi di utilizzo, che dovettero essere, come si è appena visto, diverse.

  • 49 Forse potrebbe essere utile un approfondimento tramite un confronto con analoghi manufatti integri

30Dall’esame diretto appare evidente che il testo dell’iscrizione, per quanto visibile e ricostruibile dai due frammenti, fosse articolato su quattro righe di scrittura, le stesse conservate oggi, delle quali però non si conosce l’ampiezza49. Il testo sembra essere identificabile come una dedica ad un personaggio; è caratterizzato da una serie di epiteti, la cui concordanza può far riferimento al ricordo di un altro personaggio eventualmente menzionato nel testo, sul quale però non ci sono indicazioni puntuali. L’uso dei vari aggettivi, espressi al superlativo, confrontabili con una casistica piuttosto ampia nel panorama delle iscrizioni urbane, sembra convergere nell’indicazione di una dedica per un personaggio legato alla famiglia imperiale, più specificamente un imperatore.

  • 50 CIL X, 1479.

31Il Mommsen invece, anche sulla base di un confronto con un’iscrizione di Pozzuoli che riporta la formula omnipotenti deo Mithrae50 e in particolare per l’uso dell’epiteto omnipotens anche in relazione alla sua posizione, propende per un’identificazione come dedica sacra.

  • 51 CIL VI, 1119.
  • 52 CIL VI, 40722.
  • 53 CIL VI, 1173.
  • 54 CIL VI, 1194.
  • 55 CIL VI, 40803, scheda EDR 093152 (F. Feraudi e F. Frauzel, con revisione di A. Ferraro). La lastra (...)

32Significativo è l’utilizzo dell’epiteto florens, attestato spesso proprio in associazione con imperatori, come ad esempio in una base reimpeigata con iscrizione di dedica a Diocleziano, fortissimo ac florentissimo51; in un’altra con dedica a Massimiano, proveniente dall’area tra la Curia e la chiesa di S. Martina nel Foro Romano52; in una base, proveniente dalle terme di Caracalla e datata al 365, dedicata a Valentiniano florentissimo et piissimo53; in una dedica ad Onorio fiorentissimo invictoque, incisa su una base trovata presso il Foro di Traiano e datata al 421 d.C.54; la menzione di Onorio, associato a Teodosio (florentibus… Honorio et Theodosio…), è indicata nell’iscrizione ritrovata sul Celio, presso la chiesa dei Ss. Quattro Coronati, e relativa ai restauri della porticus Tellurensis, sede del secretarium omonimo, effettuati appunto tra 410 e 423 d.C. dal prefetto urbano Iunius Valerius Bellicius55.

  • 56 Utilizzato in CIL VI, 8, 40546 (dell’età di Antonino Pio). Non è da escludere che questi due agget (...)
  • 57 CIL VI, 1710 attualmente conservata a Napoli (scheda EDR 111227, con bibliografia precedente).

33Meno attestati sono gli altri due epiteti individuabili nel testo, doctissimus e iusti-, forse da integrare sempre con la forma al superlativo (iustissimus)56. A proposito del primo, è interessante notare che questo termine si trova utilizzato in maniera più frequente in epigrafi funerarie; un peculiare confronto, anche per quanto riguarda l’aspetto cronologico, risulta essere fornito dall’iscrizione che ricorda l’erezione di una statua per Claudio Claudiano in foro divi Traiani fatta realizzare dagli imperatori Arcadio ed Onorio, definiti felicissimi ac doctissimi, databile tra 400 e 402 d.C.57.

  • 58 La ricerca ha avuto carattere preliminare e non esaustivo.
  • 59 TLL IX, 2-IV, Leipzig 1974, col. 604-608.
  • 60 AE 1967, 494; l’iscrizione, datata tra 305 e 311 d.C., associa a Massimiano, oltre che l’epiteto o (...)

34Un altro elemento rilevante è il primo aggettivo conservato nel testo, che fa riferimento ad un soggetto omnipotens; la presenza della congiunzione posposta –que induce a presupporre che all’inizio dell’epigrafe ci fosse un altro aggettivo. Una ricerca preliminare effettuata negli indici del CIL58 e nella voce corrispondente del Thesaurus Linguae Latinae59 ha permesso di verificare che il termine è utilizzato per la quasi totalità dei casi in associazione con divinità o in iscrizioni cristiane; anche nelle fonti letterarie la gran parte delle attestazioni può essere ricondotta all’ambito cronologico dell’iscrizione analizzata, quindi tra IV e V secolo. Per l’uso dell’epiteto omnipotens associato ad un imperatore, si può ricordare un’iscrizione di Antiochia di Pisidia, in cui il termine qualifica l’imperatore Massimiano60.

  • 61 Per possibili confronti paleografici, CIL VI, 40716, 40753, 40765.

35Al r. 4, le lettere finali –ur potrebbero essere la terminazione di un verbo, come ad esempio celebratur.
Gli elementi paleografici, unitamente ai confronti visti per quanto riguarda il formulario, porterebbero a proporre per il testo in esame una datazione alla seconda metà-fine IV secolo61.

  • 62 Fiorelli 1877, p. 109, 203-204 (dove si descrive il ritrovamento di un «frammento di iscrizione in (...)
  • 63 Sturm 1888, pp. 58-59, che attribuisce i frammenti ad un architrave del muro anfiteatrale; l’iscri (...)
  • 64 Come già proposto dal Fiorelli (Fiorelli 1877, p. 203-204) e successivamente anche da Gatti (Gatti (...)
  • 65 Lanciani 1878, p. 101.
  • 66 Lanciani attribuì inizialmente il testo ad un non altrimenti noto Florentinus, possibile prefetto (...)

36Subito dopo la scoperta, i due frammenti furono attribuiti da Rodolfo Lanciani all’edificio ellittico realizzato all’interno dello «Stadio»62, attribuzione in seguito ripresa anche da altri studiosi63; lo stesso Lanciani propose per il testo una datazione compresa tra la metà64 e la fine del IV secolo65, come suggerirebbero sia le indicazioni paleografiche che lo stile delle modanature del fregio66.

  • 67 Sturm 1888, p. 58-59.

37Lo Sturm invece, nella sua pubblicazione del 1888, ipotizzò che nel testo dovesse ravvisarsi la dedica ad un imperatore, un membro della famiglia dei Costantinidi, forse Costanzo III, marito di Galla Placidia e imperatore di Occidente, elevato al trono nel 421 d.C. dal cognato Onorio67.

  • 68 certe tabula habet faciam planam, non incurvam.
  • 69 Ungaro 1979, p. 107.

38Per quanto riguarda la possibile pertinenza del pezzo ad una struttura edilizia del complesso palatino, già nell’edizione del testo nel CIL lo Hülsen aveva messo in discussione l’attribuzione dell’architrave all’edificio ellittico, dal momento che viene evidenziata la conformazione dei due frammenti «a faccia piana»68, facendo pertanto propendere per una più verosimile pertinenza alla struttura porticata, il cui allestimento monumentale andrebbe datato, per i motivi appena elencati e come si spiegherà in maniera più dettagliata successivamente, alla metà-fine del IV secolo d.C.69.

39Da un’analisi dei reperti provenienti dalla stessa area del Palatino è stato individuato un altro frammento di epigrafe, il cui studio ha evidenziato alcuni elementi interessanti che possono essere messi in correlazione con gli altri due pezzi appena descritti.

Lastra opistografa (2)

  • 70 CIL VI, 31521, n. inv. 379581; revisione autoptica effettuata nel 2017.
  • 71 Notizie sul ritrovamento in Gatti 1893, p. 117; Gatti 1895, col. 71, 73.
  • 72 Inv. 379581. Nel lemma del CIL non è indicato il luogo di conservazione. Cfr. anche CIL VI, 8, p.  (...)

40Si tratta di un frammento di una grande lastra opistografa di marmo bianco cristallino a grana fine70, trovata anch’essa durante gli sterri «nello stadio palatino» e sinora poco valorizzata71; è conservata attualmente nei magazzini del Museo Nazionale Romano – Terme di Diocleziano72.

41La lastra venne utilizzata per tre volte, dal momento che il testo a fu inciso in seguito ad un’erasione dell’iscrizione originaria. Del primo utilizzo non sembrano essere identificabili tracce riconducibili a lettere, ma solo un piccolo tassello risparmiato dalla scalpellatura del primo testo, visibile al di sopra del rigo iniziale.

42Testo a (fig. 20)
Dimensioni: alt. cm 46, largh. cm 54, spess. cm 6; alt. lettere cm 12-13.

- - - - - -
<<[- - -]te praeci[- - -]>>
<<[- - -]+atis>> fastig̣[- - -]
- - - - - -

Fig. 20 – Roma, Museo Nazionale Romano, Terme di Diocleziano, magazzini, lastra opistografa (2), faccia con testo a.

Fig. 20 – Roma, Museo Nazionale Romano, Terme di Diocleziano, magazzini, lastra opistografa (2), faccia con testo a.

Foto Archivio fotografico MNR (su concessione del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo – Museo Nazionale Romano).

43Il testo è inciso in parte nella zona occupata da un’iscrizione più antica, che venne abrasa per incidere la nuova, e in parte in una zona della lastra, in alto a sinistra, che la revisione autoptica consente di verificare come una porzione del fondo originario ben levigato, ma privo di testo (fig. 21). Il margine destro della lastra risulta essere quello originario, lavorato a gradina. Dall’altro lato è visibile la risega che doveva servire per l’allestimento o l’inserimento della lastra, che in ogni caso però non può essere considerata il margine originario, ma un adattamento successivo, effettuato in occasione del reimpiego.

Fig. 21 – Roma, Museo Nazionale Romano, Terme di Diocleziano, magazzini, lastra opistografa (2), faccia con testo a, particolare del tassello levigato, residuo di campo epigrafico originario (I fase).

Fig. 21 – Roma, Museo Nazionale Romano, Terme di Diocleziano, magazzini, lastra opistografa (2), faccia con testo a, particolare del tassello levigato, residuo di campo epigrafico originario (I fase).

Foto L. Acampora (su concessione del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo – Museo Nazionale Romano).

  • 73 Gatti 1895, col. 71-72, con apografo: descrive un «frammento di grande lastra marmorea opistografa (...)
  • 74 Sul significato e l’utilizzo del termine, TLL, VI, 1-II, Leipzig 1974, col. 320-323.

44I primi studi con relative ipotesi di integrazione del testo da parte di Guglielmo Gatti si erano orientati per una datazione ad età severiana, ipotizzata in particolare per gli elementi paleografici73; secondo Gatti, la datazione sarebbe avvalorata dalla presenza del termine fastig‑, che farebbe riferimento alle opere di coronamento degli ordini superiori dello «Stadio», che probabilmente fu interessato dalle risistemazioni di età severiana74. Alföldy, nel lemma del CIL, propone la seguente lettura con relative integrazioni: [- - - virtu]te praeci[puo - -- ]/[- - - pie]tatis fastig[i - - -], che si ritiene possano essere plausibili per la restituzione del testo.

  • 75 Ad esempio CIL VI, 1144, 1724, 1739, 1740, 1742, 3790, 31982, 40721, 40771a.
  • 76 Nonostante questa eventuale espressione presenti più difficoltà di concordanze con la parte inizia (...)

45Nelle iscrizioni, in particolare in quelle urbane, l’uso del termine praecipuus è attestato diverse volte in testi databili ad età tardoantica75. Al r. 2, invece del termine pietatis, già proposto da Alföldy, si può ipotizzare la presenza del termine aetatis, per cui si potrebbe proporre anche un supplemento del tipo longi temporis, longae aetatis o comunque una qualche espressione legata a determinazioni di tempo76.

46Il frammento in esame, come si è detto, rivela su questa faccia un doppio utilizzo: il testo attualmente leggibile risulta essere stato tracciato su una superficie in origine levigata, sulla quale dobbiamo ipotizzare che fosse incisa un’iscrizione di cui oggi non resta alcun elemento, che però non occupava tutta la superficie disponibile, ma soltanto la parte superiore e quella in basso, a sinistra. In un momento successivo, quando si decise di incidere nuovamente il supporto, venne erasa solo la porzione di piano precedentemente utilizzata, lasciando intatto l’originario fondo levigato, su cui tracciare il nuovo testo. La scansione delle diverse fasi di lavorazione è attestata dal piccolo residuo di campo epigrafico lisciato, visibile in alto, a sinistra (fig. 21).

47La revisione operata recentemente, unita anche ad altri confronti utili sempre sotto il profilo dell’aspetto paleografico, inducono a ritenere plausibile un ribassamento della datazione nell’ambito del IV secolo d.C., permettendo quindi di ipotizzare che la lastra potesse appartenere all’allestimento creato in concomitanza con la realizzazione della struttura porticata, che introduceva all’area, rimaneggiata in maniera notevole proprio in quel periodo, del precedente «Stadio».

48Testo b (fig. 22)
Dimensioni: alt. cm 46, largh. cm 54, spess. cm 6; alt. lettere cm 15-18.

Fig. 22 – Roma, Museo Nazionale Romano, Terme di Diocleziano, magazzini, lastra opistografa (2), faccia con testo b.

Fig. 22 – Roma, Museo Nazionale Romano, Terme di Diocleziano, magazzini, lastra opistografa (2), faccia con testo b.

Foto Archivio fotografico MNR (su concessione del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo – Museo Nazionale Romano).

49Lungo il margine sinistro del frammento è visibile una piccola risega (fig. 23), probabilmente il risparmio della realizzazione del campo epigrafico levigato per accogliere il testo.

Fig. 23 – Roma, Museo Nazionale Romano, Terme di Diocleziano, magazzini, lastra opistografa (2), faccia con testo b, particolare della risega nel margine sinistro.

Fig. 23 – Roma, Museo Nazionale Romano, Terme di Diocleziano, magazzini, lastra opistografa (2), faccia con testo b, particolare della risega nel margine sinistro.

Foto L. Acampora (su concessione del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo – Museo Nazionale Romano).

50Le lettere sono incise con solco a sezione triangolare e presentano apicature espanse; al r. 1 si caratterizzano per una forma più allungata e con un’impaginazione più serrata, mentre al r. 2 risultano essere di dimensioni leggermente maggiori e più distanziate; in questo rigo è presente un segno di interpunzione puntiforme dopo le prime due lettere.

- - - - - -
[- - - c]lemen[tissimo - - -?]
[- - -]co n[- - -]
- - - - - -

51Al r. 1, è possibile suggerire, come proposto, la presenza di un epiteto del tipo clemens o anche, come forse più probabile, della forma al superlativo clementissimus, in una modalità di formulario peraltro ampiamente attestata, come si è già visto negli altri testi del presente contributo.

52Si potrebbe pertanto ipotizzare una dedica ad un personaggio che anche in questo caso, date le ricorrenze dell’aggettivo e soprattutto il luogo di ritrovamento del frammento, sarebbe da identificare in un membro della corte imperiale, più precisamente, considerando che la clementia era una virtù tipicamente imperiale, proprio un imperatore, il cui nome verosimilmente doveva essere ricordato al rigo successivo; ciò è plausibile anche sulla base della differenza di dimensione e spaziatura delle lettere, che sembra suggerire un rilievo maggiore dato appunto ai termini successivi al rigo iniziale.

  • 77 Nel lemma del CIL la proposta viene confrontata con CIL III 7000 = ILS 6090. Sulla titolatura di C (...)
  • 78 Kienast 1990, p. 305.

53La presenza di poche lettere non consente di proporre integrazioni certe, ma già l’Alföldy aveva proposto un supplemento del tipo: [- - -? c]lemen[tissimo - - -]/[- - -? Fl(avio) Cl(audio) Constantino Alamanni]co n[obilissimo Caesari - - -]/[- - -77, suggerendo quindi di identificare il personaggio ricordato nel testo con Costantino II, il cui soprannome Alamannicus venne coniato appositamente per Costantino Caesar dopo la vittoria riportata sugli Alamanni nel 328-329 d.C., prevedendo quindi una possibile datazione tra il 328 e il 337 d.C.78. Questa attribuzione presenterebbe tuttavia delle difficoltà, anche perché il personaggio non risulta essere attestato in testi epigrafici. L’ampiezza dell’integrazione sembra peraltro non essere in contrasto con le dimensioni della lastra che, vista anche la grandezza delle lettere, doveva risultare di un certo rilievo monumentale.

  • 79 Per alcune indicazioni sulle maestranze epigrafiche di età tardoantica, cfr. ad esempio De Rubeis (...)

54Un elemento importante è la presenza al r. 2 del segno di interpunzione tra le lettere CO e N, separate da una spaziatura più ampia, come giustamente già notato dall’Alföldy. La monumentalità presunta dell’epigrafe, date le misure della lastra e delle lettere incise, fa propendere evidentemente per un manufatto di grande impegno, destinato ad essere ben visibile e ipoteticamente attribuibile ad un’officina o a maestranze abituate ad opere di notevole rilevanza monumentale, escludendo quindi un eventuale errore del lapicida79.

  • 80 Per un confronto tipologico piuttosto puntuale, differente però nel modulo delle lettere, si veda (...)

55L’ambito cronologico del testo, laddove questo non risulta definibile per la difficoltà di proporre eventuali integrazioni, può essere proposto sulla base di alcuni elementi, tra cui ad esempio quelli paleografici, che sembrerebbero effettivamente riportare ad un’età piuttosto avanzata80.

56Importante si rivela anche l’articolazione dei testi riportati sulle due facce della lastra e la loro relazione reciproca, anche tenuto conto degli usi della lastra stessa che, come si è visto, dovettero essere molteplici.

  • 81 CIL XI, 268. Per un’analisi del testo, cfr. anche il recente contributo in Guerrini 2011, p. 140-1 (...)

57Proprio sulla base di questi motivi, e tenendo in considerazione le fasi edilizie dello «Stadio», sarebbe suggestivo ipotizzare una lettura che contempli il ricordo del re goto Teoderico, del cui nome si potrebbe suggerire, in via ipotetica, la presenza al r. 2 del testo, al dativo di dedica, anche tenendo conto del formulario di un’iscrizione di Ravenna del vir sublimis Gudila, dedicata Salvo gloriosi]issimo et clementissi[mo] / [rege Theoderico81. Il confronto si rivela oltremodo interessante perché attesta l’utilizzo dell’aggettivo clementissimus ben oltre l’età costantiniana, non ostacolando quindi un abbassamento ad epoca teodericiana della datazione dell’iscrizione b, rispetto a quanto già proposto nelle edizioni precedenti.

Considerazioni finali

  • 82 Fiorelli 1877, p. 109, 203-204.
  • 83 Carettoni 1963, p. 159 nota 1.
  • 84 Guglielmo Gatti (Gatti 1895, col. 65-84) distingue varie fasi nello «Stadio»: dalla realizzazione (...)
  • 85 Gatti 1895, col. 22.

58Per comprendere la funzione e il contesto di pertinenza della testa-ritratto, dell’architrave (1) e della lastra opistografa (2) nelle loro fasi tardoantiche si devono riconsiderare le notizie relative al loro ritrovamento. Si è già precisato che la testa è stata rinvenuta nel 1877 da Rodolfo Lanciani82 durante gli scavi sul Palatino, insieme ai due frammenti dell’architrave (1); successivamente il Carettoni83 ha specificato che la testa era stata scoperta nella tamponatura del lato orientale che raccordava i pilastri settentrionali della struttura porticata, opera monumentale composta da due serie di otto piloni in opera listata, eretta all’ingresso dell’area quadrangolare in cui è inscritto l’edificio ellittico. Avendo il Fiorelli ricordato che la testa è stata rinvenuta insieme all’architrave (1), è lecito supporre che anche quest’ultimo sia stato scoperto nelle tamponature della struttura porticata, come potrebbe confermare la generica menzione del Carettoni di frammenti di cornici e colonne, ecc., rinvenuti, insieme alla testa in questione, nei muri di raccordo dei pilastri settentrionali. Guglielmo Gatti, tra i materiali raccolti negli sterri effettuati nel 1893 per sgomberare l’area dello «Stadio» dalle macerie «rimaste nello stato in cui caddero nella rovina della fabbrica»84, cita in modo generico «frammenti marmorei dell’architettura dell’edificio e pezzi di statue che vi servivano di ornamento», rinvenuti verso il lato occidentale e il lato settentrionale85, soffermandosi in particolare sul frammento della grande lastra opistografa (2).

  • 86 Sui ritratti di corte della dinastia teodosiana e sulle opere ad essi vicine, dominati da forme as (...)

59L’esplicito riferimento nella testa-ritratto a canoni formali e iconografici della ritrattistica di età onoriana e la provenienza dal palazzo imperiale del Palatino hanno permesso di attribuire il manufatto ad una precisa sfera produttiva, connotandolo non solo come opera urbana di fine IV-inizi V secolo, ma soprattutto come prodotto di una bottega legata alla corte imperiale86. Questa testa, insieme a quella conservata nel chiostro della basilica di San Paolo, già citata, testimonia che nel periodo teodosiano-onoriano le botteghe marmorarie urbane erano ancora attive e in grado di eseguire importanti commesse, anche di ambito imperiale.

  • 87 Pur ammettendo che l’epiteto possa non essere associato al nome del destinatario.
  • 88 Per i confronti nell’uso degli epiteti, v. supra la sezione relativa all’architrave con iscrizione (...)

60Riguardo all’architrave (1), l’analisi dell’iscrizione, incisa in un secondo tempo rispetto alla realizzazione del pezzo, ha permesso di riconoscervi una dedica per un personaggio della famiglia imperiale, ovvero proprio per un imperatore, in base al formulario, che riporta epiteti effettivamente e generalmente attribuiti ai sovrani, ed alla tipologia del manufatto, che induce a pensare ad una iscrizione dedicatoria di un edificio monumentale. La menzione al primo rigo del testo di una parte di un elemento onomastico Consta[- - -] ha fatto ipotizzare che il personaggio ricordato fosse un esponente della famiglia dei Costantinidi. Gli elementi paleografici, confrontabili, come si è visto, con iscrizioni di pieno IV secolo, e l’utilizzo di alcuni epiteti associati al nome del destinatario dell’epigrafe, in particolare la possibile integrazione con il superlativo florentissimus al r. 387, trovano riscontri in numerosi altri testi databili proprio nell’ambito del IV-inizi V sec., con una significativa concentrazione in età teodosiano-onoriana88.

  • 89 Come già proposto nelle prime edizioni dell’iscrizione, facendo però riferimento al coronamento de (...)

61L’analisi dell’iscrizione del lato a della lastra opistografa (2) ha permesso di ipotizzare una correlazione del termine fastigium con l’elevato di una struttura architettonica89 e il ribassamento della cronologia dalla proposta iniziale di età severiana al IV secolo. La somiglianza della paleografia e dell’incisione tra questo testo e quello dell’architrave (1) autorizza, inoltre, a ritenere che la grande lastra opistografa (2) con il lato iscritto a sia stata messa in opera nella stessa struttura monumentale in cui fu riutilizzato l’architrave.

  • 90 Ungaro 1979, p. 107, fig. 1-2: la testa in esame e l’architrave iscritto vengono considerati eleme (...)
  • 91 Bukowiecki – Wulf-Rheidt 2015, p. 350 (l’inserimento degli otto pilastri è avvenuto al più presto (...)
  • 92 Non concorda con questa cronologia di età teodosiano-onoriana Andrea Augenti, il quale nella sua m (...)
  • 93 Su questo cortile quadrato, una sorta di peristilio, da ultimo: Wulf-Rheidt 2017, p. 143, fig. 8, (...)
  • 94 Augenti 1996, p. 18, 126-127, n. 4; Pensabene 2015, p. 299, fig. 417; Wulf-Rheidt 2017, p. 139-145 (...)
  • 95 Ipotesi di Lanciani, in Fiorelli 1877, p. 203, che considerava troppo recente la datazione nell’et (...)
  • 96 Lanciani (Lanciani 1878, p. 101, n. 17) ha fissato la datazione dell’architrave iscritto (CIL VI, (...)
  • 97 Ungaro 1979, p. 107-108; Augenti 1996, p. 18, 126-127; Wulf-Rheidt 2017, p. 141 nota 90.
  • 98 CIL XV 1, 1669 a 1.
  • 99 Bukowiecki – Wulf-Rheidt 2015, p. 350, 356; Pensabene 2015, p. 299.

62É pertanto possibile che entrambi i reperti epigrafici potessero essere stati reimpiegati nell’alzato della struttura porticata, eretta, come proposto dalla Ungaro90 e recentemente ribadito da Bukowiecki e da Wulf-Rheidt91, proprio tra la fine del IV e l’inizio del V sec. d.C.92. Ed è proprio all’età teodosiano-onoriana che indirizza l’analisi dei testi incisi (1 e 2 a) sui due manufatti in questione. La lavorazione del retro dell’architrave (1) testimonia la modifica apportata alla superficie originaria per permettere l’inserimento del blocco in un allestimento monumentale che potesse risultare ben visibile a chi entrava nel settore meridionale dello «Stadio». Tale zona quadrangolare93, scoperta e connessa ad est con l’esedra, in epoca tarda, appariva delimitata a nord dalla struttura porticata, ingresso monumentale all’area, e a sud da un muro rettilineo in opera listata, tangente la curva settentrionale dell’edificio ellittico. Su questo complesso edilizio divergono le opinioni degli studiosi: realizzato in opera laterizia e con marmi di riutilizzo, prelevati verosimilmente dai portici dello «Stadio», che al tempo della sua costruzione doveva essere già fatiscente ed interrato di almeno cm 50, l’edificio ellittico, piccolo anfiteatro per venationes o una sorta di palestra per gli allenamenti dei partecipanti ai giochi circensi (ludus)94, è attribuito variamente ad una cronologia oscillante tra l’età dioclezianeo-costantiniana e l’età di Teoderico. La datazione più antica è basata sulle caratteristiche dell’opera muraria e sul ritrovamento di bolli dioclezianei95, mentre la proposta di età teodosiano-onoriana, già avanzata da Lanciani96 e ripresa successivamente da altri studiosi97, è dedotta, come si è già anticipato, proprio dalla datazione dei materiali presentati in questo contributo (architrave con iscrizione 1 e testa-ritratto). La cronologia più recente, teodericiana, sostenuta dallo Hülsen98 nell’analisi dei bolli laterizi rinvenuti in situ, è stata ripresa negli ultimi studi sul complesso99.

63La fase di risistemazione dello «Stadio» di età teodosiano-onoriana (Fase A), oltre alla costruzione della struttura porticata con materiali architettonici di riutilizzo, dovette prevedere l’allestimento della decorazione scultorea, anch’essa composta reimpiegando pezzi più antichi, opportunamente rilavorati, tra cui la testa maschile, probabilmente di età giulio-claudia, che fu riadattata ad un’iconografia di IV-V secolo ed esposta, inserita in una statua collocata a ridosso di uno dei pilastri della struttura porticata, come rivela la trascurata lavorazione del retro.

  • 100 Bauer 1996, p. 72-79, 83-86, 93-95, 134-137; Milella – Pensabene 1989, p. 48; Milella 1989, p. 99; (...)
  • 101 Ungaro 1979, p. 106 nota 4. Per le varie Palatinae dignitates: Lugli 1962, p. 212-221 (Palatini, C (...)

64Il reimpiego della testa in esame per una statua eretta in onore di un membro della famiglia imperiale o di un funzionario illustre degli officia si inserisce perfettamente nell’uso ancora attestato in età tardoantica di elevare statue nei luoghi pubblici per personaggi di una certa rilevanza100. A tal proposito le fonti documentarie attestano che dopo Costantino e durante il regno bizantino ancora esistevano gli officia palatii urbis Romae, connessi con la stabile residenza di alcuni esarchi sul Palatino101, la cui importanza diventava più rilevante in occasione dei soggiorni di imperatori a Roma.

  • 102 Chastagnol 1960, p. 365-367: il Foro Romano, i Fori di Cesare e di Traiano erano i luoghi predilet (...)
  • 103 Witschel 2007, p. 139-140. Numerose sono le basi di statue, ideali ed iconiche, con iscrizioni ded (...)
  • 104 Ward-Perkins 2016, p. 296-297; Witschel 2017, p. 158.

65Sebbene fosse andato riducendosi il numero delle statue erette ex novo nei contesti frequentati e di particolare prestigio, sculture di vario tipo giocavano ancora un ruolo importante durante tutto il IV e per la maggior parte del V secolo: nei Fori102 si conservavano le statue già presenti e vi si trasferivano altre, spostandole da luoghi ormai in rovina, risistemandole in modo più significativo, a volte anche «storicizzandole» nel nuovo contesto e uso103. In Occidente la tradizione di erigere statue si andò esaurendo soltanto nell’avanzato V secolo104.

  • 105 Si veda il regesto stilato da Stichel sulla base delle testimonianze letterarie ed epigrafiche: St (...)
  • 106 Lejdegård 2002, p. 45-92, 112-120, 156-164; Liverani 2004, p. 367.
  • 107 Ungaro 1979, p. 108-109; Guidobaldi – Guiglia Guidobaldi 1983, p. 31-37, fig. 7; Augenti 1996, p.  (...)
  • 108 Ungaro 1979, p. 108-109; Herrmann 1976, p. 403-425, part. p. 423; Guidobaldi – Guiglia Guidobaldi (...)
  • 109 Sulla controversa localizzazione e sulla discussa datazione dell’oratorio di San Cesareo, da ultim (...)
  • 110 Sulla continuità di frequentazione del palazzo imperiale che mantiene la sua importanza e la sua c (...)
  • 111 Le fonti sulle frequentazioni imperiali di Roma in età tarda sono raccolte in Lugli 1962, p. 207-2 (...)
  • 112 SHA, Heliogab., 24, 6; Auson., gratiarum actio ad Gratianum imperatorem I, 3, ed. S. Prete, Teubne (...)
  • 113 La visita nel 389 d.C. da parte di Teodosio, accompagnato dalla sua famiglia (Zos., IV, 45, 4, ed. (...)
  • 114 Tre iscrizioni (CIL VI, 1188-1190) attestano l’erezione di simulacra sulle porte Portuense, Tiburt (...)
  • 115 Brandenburg 2006, p. 193, fig. 196-197; Paolucci 2008, p. 225-252 con ampia bibliografia in nota 1 (...)

66Numerose, peraltro, sono le testimonianze a Roma di dediche di sculture erette in onore dei membri della famiglia valentiniana e di quella teodosiana: in particolare ad Onorio, Arcadio, Teodosio II e a Galla Placidia furono dedicate statue, singole o in gruppo, nei più importanti luoghi pubblici, quali il Foro Romano, il Foro di Cesare, l’arco trionfale presso il ponte Neroniano, il Foro di Traiano e il teatro di Pompeo105. Ricordiamo che Onorio nei primi anni del V secolo rivalutò moltissimo il ruolo di capitale di Roma, riconsiderandola sua sede principale106 ed effettuando lavori di restauro e di risistemazione del palazzo imperiale sul Palatino, come è attestato dai bolli laterizi, dalle strutture murarie dello «Stadio» e dai lavori di ristrutturazione del triclinio della Domus Flavia, cd. Coenatio Iovis: le tamponature dei muri e il raffinato pavimento in opus sectile sono, infatti, ascrivibili alla fine del IV-inizi del V secolo107, in concomitanza con una serie di interventi in altre zone del palazzo palatino108. La vitalità del complesso imperiale è anche attestata dall’adattamento di un ambiente della Domus Augustana ad oratorio cristiano di San Cesareo, cappella palatina, di cui sono ancora in discussione la localizzazione, forse a sud-ovest nell’area soprastante la casa di Augusto, e la datazione, tra la fine del IV e i primi decenni del V secolo109. Queste testimonianze archeologiche attestano che nella Tarda Antichità la residenza palatina era ancora efficiente come saltuaria residenza imperiale110, in pieno accordo con le notizie forniteci dalle fonti storiche111, le quali documentano, dopo la rarefazione successiva ai Vicennali di Costantino112, una ripresa della presenza imperiale a Roma a cominciare dalla visita di Graziano nel 376 e con quella più significativa di Teodosio e della sua famiglia nel 389113, con la conseguente necessità di eseguire opere di riqualificazione e recupero del palazzo palatino. Il progetto di Onorio di ristabilire a Roma la capitale si evince dal rifacimento delle Mura Aureliane nel 401-402 d.C., presso le cui porte furono eretti complessi statuari con simulacra imperiali114, e dalla costruzione del mausoleo del ramo occidentale della famiglia teodosiana ad ovest del transetto della basilica di San Pietro115.

  • 116 Supra nota 92, per quanto riguarda la doppia ipotesi suggerita, in due punti diversi del suo studi (...)
  • 117 Bolli di Teoderico furono rinvenuti sui laterizi dei muri dell’Ippodromo (CIL XV, 1665 a; Augenti (...)
  • 118 Supra nota 83: Carettoni 1963, p. 159 nota 1.
  • 119 Ungaro 1979, p. 107, fig. 2 B.
  • 120 Augenti 1996, p. 18 nota 14, p. 127.
  • 121 Wulf-Rheidt 2017, p. 139-145, fig. 7-8,13: precisa che nella seconda fase della ricostruzione tard (...)
  • 122 Iscrizione replicata su tre basi: CIL VI, 1716 = 32094; Guidoboni 1989, p. 148, n. 15.
  • 123 Sulla presenza di Teoderico a Roma: Arnold 2017, p. 113-126. Sui restauri del palazzo palatino vol (...)
  • 124 Sulla politica edilizia di Teoderico ancora fondamentali risultano i contributi di Della Valle 195 (...)
  • 125 Alcune di queste sono infatti esplicitamente riferibili a Roma e ad alcuni suoi monumenti (ad es. (...)

67Ai fini della contestualizzazione dei materiali esaminati, va ricordato che alla fase teodosiano-onoriana (Fase A) fece seguito una ristrutturazione del complesso palatino da parte di Teoderico (Fase B), da solo o assieme al nipote Atalarico116, come testimoniato dai bolli su laterizi rinvenuti nella Domus Augustana e in particolare proprio nelle murature dello «Stadio»117. A questi restauri della fine V-inizi del VI secolo d.C. si potrebbero ascrivere le tamponature dei pilastri della fila settentrionale della struttura porticata118 e, come suggerito da Lucrezia Ungaro119, ribadito da Augenti120 e più recentemente confermato da Ulrike Wulf-Rheidt121, i setti radiali in opera listata, in parte ancora visibili, che collegano a sud la struttura ellittica al lato curvo dello «Stadio». La risistemazione teodericiana di questo edificio è forse da mettersi in relazione al terremoto noto da un’iscrizione122, verificatosi qualche anno prima del 484 o del 508 d.C., che avrebbe dissestato la struttura ellittica. Il re Teoderico, come ci ricordano le fonti123, nel 500 d.C. soggiornò per sei mesi sul Palatino e stanziò un’ingente somma di denaro per restaurare il palazzo. Questi interventi devono essere considerati nel contesto più ampio del rapporto che il re goto ebbe con la città di Roma e con i suoi monumenti124: la combinazione dei dati archeologici, collegabili soprattutto ai ritrovamenti di laterizi bollati, in situ o meno, che garantiscono la realizzazione di strutture e/o il restauro di edifici più antichi, con i numerosi elementi ricavabili dalle fonti letterarie, in particolare dalle Variae di Cassiodoro125, permette di ricostruire la politica edilizia del re goto per l’antica capitale dell’impero.

68Le notizie relative alla fase di ristrutturazione teodericiana dello «Stadio» concordano con i dati di rinvenimento della testa-ritratto, la cui statua di pertinenza ormai in rovina, forse caduta in seguito all’evento sismico, venne fatta a pezzi per essere riutilizzata come materiale edilizio nei setti di tamponatura tra i pilastri della struttura porticata (Fase B).

69Alle due fasi edilizie tarde dello «Stadio» palatino vanno collegate anche le epigrafi incise sulle due facce della grande lastra (2). Entrambi i testi fanno propendere per una sistemazione di notevole impegno monumentale, come confermato anche dalle dimensioni delle lettere, che contribuiscono ad ipotizzare una collocazione del blocco inscritto nella parte alta di un’opera architettonica. Se è stato possibile, in base agli indizi desunti dal testo e dall’analisi paleografica, attribuire la prima epigrafe (2 a) alla realizzazione della struttura porticata (Fase A: teodosiano-onoriana), di cui la lastra rappresenterebbe il coronamento dell’architrave con l’iscrizione dedicatoria, il testo inciso sull’altro lato (2 b) sarebbe invece da riferire al successivo intervento teodericiano (Fase B), più circoscritto ma sicuramente di rilievo monumentale.

  • 126 Ad esempio Guerrini 2011.
  • 127 Orlandi 2006.

70Va evidenziato che non tantissimi sono i dati materiali che possono essere associati all’iniziativa edilizia di Teoderico nei confronti di monumenti e settori specifici della città; in particolare un elemento relativamente carente è quello riguardante i dati epigrafici, nonostante recenti puntualizzazioni126 abbiano permesso di circoscrivere alcune datazioni, come ad esempio quelle di alcune epigrafi relative all’Anfiteatro Flavio127.

  • 128 In generale Della Valle 1959; La Rocca 1993; Pani Ermini 1999; Fauvinet Ranson 2006.

71L’attribuzione dell’epigrafe b della lastra opistografa ad epoca teodericiana, a prescindere dalla possibilità di leggere al r. 2 del testo il nome del re goto, ipotesi suggestiva, ma non accertabile con sicurezza, arricchisce comunque il panorama della documentazione epigrafica relativa a quel periodo; permette, inoltre, di aggiungere un elemento di notevole importanza a quanto già noto per la presenza di Teoderico a Roma, proponendo anche un’ipotesi concreta di risistemazione e riallestimento di un apparato monumentale che doveva ancora essere frequentato in maniera attiva, fornendo un’ulteriore testimonianza di quella cura Urbis che divenne uno dei valori fondamentali della storia di Roma in quel periodo128.

 

72I dati storico-artistici ed epigrafici emersi dallo studio della testa-ritratto, dell’architrave e della lastra opistografa, in connessione con le indicazioni fornite dai contesti di rinvenimento, hanno permesso di evidenziare il valore documentario di questi tre manufatti ai fini di una migliore conoscenza delle fasi edilizie che hanno interessato il complesso dello «Stadio» in età tardoantica. Essi, infatti, avrebbero condiviso la collocazione nella stessa struttura architettonica e anche la medesima sorte: attribuiti alla fase di ristrutturazione teodosiano-onoriana dello «Stadio» palatino (Fase A), la testa-ritratto, l’architrave (1) e la lastra opistografa (2) con il testo del lato a, sarebbero stati reimpiegati nella costruzione della struttura porticata alla fine del IV-inizi del V secolo d.C.: i due blocchi iscritti erano probabilmente pertinenti alla trabeazione della struttura porticata, mentre la statua iconica doveva essere collocata davanti ad uno dei pilastri. Successivamente, in occasione del restauro e della nuova sistemazione dell’area ad opera di Teoderico, alla fine del V-inizi del VI secolo d.C. (Fase B), la statua e l’architrave (1) sarebbero stati smantellati e ridotti in pezzi per essere inseriti come materiale edilizio nelle tamponature dei pilastri, mentre la lastra opistografa (2) sarebbe stata girata e reimpiegata per la seconda volta incidendo un nuovo testo sul lato b.

Haut de page

Bibliographie

Álvarez Martínez et al. 2008 = J.M. Álvarez Martínez, J.L. de la Barrera Antón, P. Caldera de Castro, T. Nogales Basarrate, B. Pérez Outeriño, A. Velázquez Jiménez, D. Hernández Gil, Guía del Museo Nacional de Arte Romano, Mérida, 2008.

Ambrogi 2009 = A. Ambrogi, Ritratto maschile di età onoriana murato nel chiostro della Basilica di San Paolo fuori le mura, in MDAI(R), 115, 2009, p. 203-219.

Ambrogi 2012 = A. Ambrogi, Documentazione sulla statuaria a Roma nel V secolo, in Roma e il sacco del 410: realtà, interpretazione, mito. Atti della Giornata di studio Roma, 6 dicembre 2010, Roma, 2012 (Studia Ephemeridis Augustinianum, 131), p. 157-326.

Ambrogi 2013 = A. Ambrogi, Il reimpiego nella ritrattistica. Sovrapposizione e/o sostituzione di immagini nella statuaria iconica di età costantiniana, in BdA, 98-19/20, 2013, p. 29-50.

Arena – Paroli 1993 = M.S. Arena, L. Paroli, Museo dell’Alto Medioevo. Roma, Roma, 1993.

Arnold 2017 = J.J. Arnold, Theoderic and Rome: conquered but unconquered, in AntTard, 25, 2017, p. 113-126.

Augenti 1996 = A. Augenti, Il Palatino nel medioevo. Archeologia e topografia (secoli VI-XIII), Roma, 1996 (BullCom, Suppl. 4).

Bastien 1994 = P. Bastien, Le buste monétaire des empereurs romains, III, Wetteren, 1994.

Bauer 1996 = F.A. Bauer, Stadt, Platz und Denkmal in der Spätantike. Untersuchungen zur Ausstattung des öffentlichen Raumes in den spätantiken Städten Rom, Konstantinopel und Ephesos, Magonza, 1996.

Beck – Bol 1983 = H. Beck, P.C. Bol (a cura di), Spätantike und frühes Christentum. Ausstellung im Liebighaus, Francoforte, 1983.

Bergmann 1977 = M. Bergmann, Studien zum römischen Porträt des 3. Jahrhunderts n. Chr., Bonn, 1977.

Bonamente – Lizzi Testa 2010 = G. Bonamente, R. Lizzi Testa (a cura di), Istituzioni, carismi ed esercizio del potere (IV-VI secolo). Atti Conferenza, Perugia, 25-27 giugno 2008, Bari, 2010.

Brandenburg 2006 = P.H. Brandenburg, S. Petri Basilica, s.v., in LTUR, Suburbium, IV, Roma, 2006, p. 185-195.

Bukowiecki – Wulf-Rheidt 2015 = E. Bukowiecki, U. Wulf-Rheidt, I bolli laterizi delle residenze imperiali sul Palatino a Roma, in MDAI(R), 121, 2015, p. 311-482.

Calza 1972 = R. Calza, Iconografia romana imperiale da Carausio a Giuliano (287-363 d.C.), Roma, 1972.

Carettoni 1963 = G. Carettoni, Note su un ritratto tardoantico dallo stadio del Palatino, in MDAI(R), 70, 1963, p. 159-161.

Chastagnol 1960 = A. Chastagnol, La préfecture urbaine à Rome sous le Bas-Empire, Parigi, 1960.

Coarelli 2010 = F. Coarelli, La basilica di Massenzio e la praefectura urbis, in Bonamente – Lizzi Testa 2010, p. 133-146.

Colombo 2008 = M. Colombo, I soprannomi trionfali di Costantino: una revisione critica della cronologia corrente, in Arctos, 42, 2008, p. 45-64.

Deglane 1889 = H. Deglane, Le stade du Palatin, in Mélanges d’archéologie et d’histoire, 9, 1889, p. 184-229.

Delbrueck 1933 = R. Delbrueck, Spätantike Kaiserporträts, Berlino-Lipsia, 1933.

Delbrueck 2009 (1929) = R. Delbrueck, Dittici consolari tardoantichi, a cura di M. Abbatepaolo, Bari, 2009 (titolo originale: Die Consulardiptychen und verwandte Denkmäler, Berlino-Lipsia, 1929).

Della Valle 1959 = G. Della Valle, Teoderico e Roma, in RAAN, 34, 1959, p. 119-176.

De Rossi 1894 = G.B. De Rossi, Anfore con segni cristiani sul Palatino, in Bullettino di archeologia cristiana, 4, 1894, p. 103-104.

De Rubeis 2001 = F. De Rubeis, Epigrafi a Roma dall’età classica all’alto medioevo, in M.S. Arena et al. (a cura di), Roma. Dall’antichità classica al medioevo. Archeologia e storia, Milano, 2001, p. 104-121.

EAA = Enciclopedia dell’arte antica classica e orientale, I-VII, Roma 1958-84; Suppl., Roma 1970; II Suppl., I-V, Roma, 1971-1994.

Ensoli 2000 = S. Ensoli, I colossi di bronzo a Roma in età tardoantica: dal Colosso di Nerone al Colosso di Costantino. A proposito di tre frammenti bronzei dei Musei Capitolini, in Ensoli – La Rocca 2000, p. 66-90.

Ensoli – La Rocca 2000 = S. Ensoli, E. La Rocca (a cura di), Aurea Roma. Dalla città pagana alla città cristiana. Catalogo Mostra Roma, 2000-2001, Roma, 2000.

Fauvinet Ranson 2006 = V. Fauvinet Ranson, Decor civitatis, decor Italiae. Monuments, travaux publics et spectacles au VIe siècle d’après les Variae de Cassiodore, Bari, 2006.

Felletti Maj 1953 = B.M. Felletti Maj, Museo Nazionale Romano. I ritratti, Roma, 1953.

Fiorelli 1877 = G. Fiorelli, in NSA, 1877, p. 109, p. 203-204.

Fiorelli 1878 = G. Fiorelli, in NSA, 1878, p. 66.

Fittschen – Zanker – Cain 2010 = K. Fittschen, P. Zanker, P. Cain, Katalog der römischen Porträts in den Capitolinischen Museen und den anderen kommunalen Sammlungen der Stadt Rom, II. Die männlichen Privatporträts, Berlino-New York, 2010.

Gasparri – Tomei 2014 = C. Gasparri, M. A. Tomei (a cura di), Museo Palatino: le collezioni, Milano, 2014.

Gatti 1893 = G. Gatti, Nuove scoperte nella città e nel suburbio, in NSA, 1893, p. 116-119.

Gatti 1895 = G. Gatti, Degli oggetti scoperti negli scavi dello Stadio palatino e dei documenti che offrono per la storia del documento, in F. Barnabei, A. Cozza, V. Mariani, G. Gatti, Nuovi scavi dello Stadio palatino, in MonAntLincei, 5, 1895, col. 65-84.

Gatto 1992-1993 = L. Gatto, Ancora sull’edilizia e urbanistica nella Roma di Teodorico, in Romanobarbarica, 12, 1992-1993, p. 311-380.

Giuliano 2001 = A. Giuliano, Ritratti di Onorio, in A. Giuliano, Scritti Minori, Roma, 2001 (Xenia Antiqua. Monografie, 9), p. 183-198.

Guerrini 2011 = P. Guerrini, Theodericus rex nelle testimonianze epigrafiche, in Temporis signa, 6, 2011, p. 133-174.

Guidobaldi – Guiglia Guidobaldi 1983 = F. Guidobaldi, A. Guiglia Guidobaldi, Pavimenti marmorei di Roma dal IV al IX secolo, Città del Vaticano, 1983.

Guidoboni 1989 = E. Guidoboni (a cura di), I terremoti prima del Mille in Italia e nell’area mediterranea, Bologna, 1989.

Heintze 1984 = H. von Heintze, Der spätantike Kaiserkopf in Tivoli, Villa d'Este, in MDAI(R), 91, 1984, p. 339-415.

Helbig 1966 = W. Helbig, Führer durch die öffentlichen Sammlungen Klassischer Altertümer in Rom, II, Tubinga 1966 (4a ed.).

Helbig 1969 = W. Helbig, Führer durch die öffentlichen Sammlungen Klassischer Altertümer in Rom, III, Tubinga, 1969 (4a ed.).

Herrmann 1976 = J.J. Herrmann jr, Observations on the Baths of Maxentius in the palace, in MDAI(R), 83, 1976, p. 403-424.

Iara 2015 = K. Iara, Hippodromus Palatii. Die Bauornamentik des Gartenhippodroms im Kaiserpalast auf dem Palatin in Rom, Wiesbaden, 2015 (Palilia, 30).

Kähler 1975 = H. Kähler, Der Sockel des Theodosiusobelisken in Konstantinopel als Denkmal der Spätantike, in AAAH, 6, 1975, p. 45-55.

Kienast 1990 = D. Kienast, Römische Kaisertabelle. Grundzüge einer römischen Kaiserchronologie, Darmstadt, 1990.

Kiilerich 1990 = B. Kiilerich, A head of a boy in Oslo: Theodosius’ Grandson?, in MDAI(I), 40, 1990, p. 201-206.

Kiilerich 1993 = B. Kiilerich, Late fourth century classicism in the plastic arts. Studies in the so-called Theodosian renaissance, Odense, 1993.

Kiilerich 1998 = B. Kiilerich, The obelisk base in Constantinople: Court art and imperial ideology, Roma, 1998 (AAAH, 10).

Kollwitz 1941 = J. Kollwitz, Oströmische Plastik der theodosianischen Zeit, Berlino, 1941.

Lanciani 1878 = r. Lanciani, Supplementi al volume VI del Corpus Inscriptionum Latinorum, in BCAR, 6, 1878, p. 93-131.

La Rocca 1993 = C. La Rocca, Una prudente maschera “antiqua”. La politica edilizia di Teoderico, in Teoderico il Grande e i Goti d'Italia. Atti del XIII Congresso Internazionale di studi sull'Alto Medioevo (Milano, 2-6 novembre 1992), Spoleto, 1993, p. 451-515.

La Rocca 2000 = E. La Rocca, Divina ispirazione, in Ensoli – La Rocca 2000, p. 1-37.

Lejdegård 2002 = H. Lejdegård, Honorius and the city of Rome: authority and legitimacy in late antiquity, diss., Uppsala, 2002.

L’Orange 1933 = H.P. L’Orange, Studien zur Geschichte des spätantiken Porträts, Oslo, 1933 (rist. anast. Roma, 1965).

L’Orange 1961 = H.P. L’Orange, Der subtile Stil. Eine Kunströmung aus der Zeit um 400 nach Christus, in Antike Kunst, 4, 1961, p. 68-74.

L’Orange 1984 = H.P. L’Orange, Das spätantike Herrscherbild von Diokletian bis zu den Konstantin-Söhnen: 283-361 n. Chr., con R. Unger, M. Wegner, Berlino, 1984 (Das römische Hescherbild, III, 4).

LTUR = E.M. Steinby (a cura di), Lexikon Topographicum Urbis Romae, I-VI, Roma 1993-2000.

LTUR, Suburbium = A. La Regina (a cura di), Lexikon Topographicum Urbis Romae, Suburbium, I-V, Roma, 2001-2008.

Lugli 1962 = G. Lugli, Fontes ad topographiam veteris urbis Romae pertinentes, volumen VIII, libri XIX, Regio X: Palatium, Roma, 1962.

Mc Evoy 2013 = M. Mc Evoy, The Mausoleum of Honorius. Late Roman imperial christianity and the city of Rome in the fifth century, in R. McKitterick et al., Old Saint Peter’s, Rome, Cambridge, 2013, p. 119-135.

Meischner 1988 = J. Meischner, Theodosianische Porträts, in N. Bonacasa, G. Rizza (a cura di), Ritratto ufficiale e ritratto privato. Atti della II Conferenza internazionale sul Ritratto Romano, Roma, 26-30 settembre 1984, Roma, 1988, p. 375-382.

Meischner 1990 = J. Meischner, Das Porträt der theodosianischen Epoche I (380 bis 405 n. Chr.), in JdI, 105, 1990, p. 303-324.

Meischner 1991 = J. Meischner, Das Porträt der theodosianischen Epoche II (400 bis 460 n. Chr.), in JdI, 106, 1991, p. 385-407.

Meischner 1992 = J. Meischner, Das Porträt der valentinischen Epoche, in JdI, 107, 1992, p. 217-234.

Meischner 1995 = J. Meischner, Studien zur spätantiken Kaiserikonographie, in JdI, 110, 1995, p. 431-446.

Meischner 1997 = J. Meischner, Der letzte Kaiser. Zum Porträt der nachtheodosianischen Epoche bis 500 n. Chr., in J. Bouzek, I. Ondřejová (a cura di), Roman portraits. Artistic and literary. Acts of the Third International Conference on the Roman Portraits (Prague, 25-29 September 1989), Magonza, 1997, p. 45-47.

Milella 1989 = M. Milella, Foro Traiano. Contributi per una ricostruzione storica e architettonica. I ritrovamenti, in ArchClass, 41, 1989, p. 55-100.

Milella – Pensabene 1989 = M. Milella, P. Pensabene, Foro Traiano. Introduzione storica e quadro architettonico, in ArchClass, 41, 1989, p. 33-54.

Mitchell 2009 = J. Mitchell, Iscrizioni latine tardoantiche, altomedievali e medievali, in Ch.L. Frommel, M. Pentiricci (a cura di), L’antica basilica di San Lorenzo in Damaso. Indagini archeologiche nel Palazzo della Cancelleria (1988-1993), II. I materiali, Roma, 2009, p. 57-68.

Mus. Naz. Rom. = A. Giuliano (a cura di), Museo Nazionale Romano. Le sculture, I, 1-12, Roma, 1979-1995.

Neri 1990 = V. Neri, Verso Ravenna capitale: Roma, Ravenna e le residenze imperiali tardo-antiche, in G. Susini (a cura di), Storia di Ravenna, I. L’evo antico, Venezia, 1990, p. 535-584.

Ohly 1974 = D. Ohly, The Munich Glyptothek. Greek and Roman sculpture, Monaco di Baviera, 1974.

Orlandi 2010 = S. Orlandi, L’epigrafia romana sotto il regno di Odoacre, in Bonamente – Lizzi Testa 2010, p. 331-338.

Pani Ermini 1999 = L. Pani Ermini, Roma da Alarico a Teoderico, in W.V. Harris (a cura di), The transformations of Urbs Roma in Late Antiquity, Portsmouth, 1999 (JRA Suppl. Series, 33), p. 35-52.

Paolucci 2008 = F. Paolucci, La tomba dell’imperatrice Maria e altre sepolture di rango di età tardoantica a San Pietro, in Temporis signa, 3, 2008, p. 225-252.

Parisi Presicce 2005 = C. Parisi Presicce, in A. Donati, G. Gentili (a cura di), Costantino il grande. La civiltà antica al bivio tra Occidente e Oriente, Milano, 2005, p. 290.

Pensabene 2015 = P. Pensabene, Roma su Roma. Reimpiego architettonico, recupero dell’Antico e trasformazioni urbane tra il III e il XIII secolo, Città del Vaticano, 2015.

Peschlow 1983 = U. Peschlow, Zum Kaiserporträt des 4. bis 6. Jh. n. Chr., in Beck – Bol 1983, p. 61-68.

PLRE = H.M. Jones, J.R. Martindale, J. Morris (a cura di), The prosopography of the Later Roman Empire, I-III, Cambridge, 1975-1992.

Poulsen 1973 = V. Poulsen, Ny Carlsberg Glyptothek. A guide to the collections, Copenhagen, 1973.

Prusac 2011 = M. Prusac, From face to face. Recarving of Roman portraits and the late-antique portrait arts, Leida-Boston, 2011.

Romeo 1999 = I. Romeo, Tra Massenzio e Costantino. Il ruolo delle officine urbane ed ostiensi nella creazione del ritratto costantiniano, in BCAR, 100, 1999, p. 198-228.

Rumpf 1957 = A. Rumpf, Stilphasen der spätantiken Kunst. Ein Versuch, Colonia, 1957.

Sasso D’Elia 1995 = L. Sasso D’Elia, Domus Augustana. Stadio palatino, s.v., in LTUR, II, Roma, 1995, p. 44-45.

Shelton 1979 = K. J. Shelton, in Weitzmann 1979, p. 74-76.

Smith – Ward-Perkins 2016 = R.R.R. Smith, B. Ward-Perkins (a cura di), The last statues of antiquity, Oxford, 2016.

Spera 2017 = L. Spera, Note sull’oratorio di San Cesareo al Palatino, in RAC, 93, 2017, p. 505-560.

Steinby 1986 = M. Steinby, L’industria laterizia di Roma nel Tardo Impero, in A. Giardina (a cura di), Società romana e impero tardoantico, II. Roma, politica, economia, paesaggio urbano, Roma, 1986, p. 99-159.

Steinby 2001 = E.M. Steinby, La cronologia delle figlinae tardoantiche, in M. Cecchelli (a cura di), Materiali e tecniche dell'edilizia paleocristiana a Roma, Roma, 2001, p. 127-150.

Stichel 1982 = R.H.W. Stichel, Die römische Kaiserstatue am Ausgang der Antike. Untersuchungen zum plastischen Kaiserporträt seit Valentinian I. (364-375 n. Chr.), Roma, 1982.

Stucchi 1951 = S. Stucchi, Un nuovo volto della famiglia imperiale costantiniana: Costanzo Gallo, in BdA, 36, 1951, p. 201-205.

Sturm 1888 = J. Sturm, Das kaiserliche Stadium auf dem Palatin, Würzburg, 1888.

Stutzinger 1983 = D. Stutzinger (a cura di), Spätantike und frühes Christentum. Ausstellung im Liebieghaus Museum alter Plastik, Frankfurt am Main, 16. Dezember 1983-11. März 1984, Francoforte, 1983.

Sydow 1969 = W. v. Sydow, Zur Kunstgeschichte des spätantiken Porträts im 4. Jahrhundert n. Chr., Bonn, 1969.

Tomei 1997 = M.A. Tomei, Museo Palatino, Milano, 1997.

Ungaro 1979 = L. Ungaro, Note sulle strutture tarde del Palazzo imperiale sul Palatino, in RdA, 3, 1979, p. 106-113. 

Varner 2004 = E.R. Varner, Mutilation and transformation. Damnatio memoriae and Roman imperial portraiture, Leida-Boston, 2004.

Volbach 1976 = W.F. Volbach, Elfenbeiarbeiten der Spätantike und des frühen Mittelalters, 3a ed., Magonza, 1976.

Ward-Perkins 2016 = B. Ward-Perkins, The end of the statue habit, AD 284-620, in Smith – Ward-Perkins 2016, p. 295-308.

Warland 1994 = R. Warland, Status und Formular in der Repräsentation der spätantiken Führungsschicht, in MDAI(R), 101, 1994, p. 175-215.

Wegner 1979 = M. Wegner, Gordianus III. bis Carinus, Berlino, 1979 (Das römische Herrscherbild, III, 3).

Weitzmann 1979 = K. Weitzmann (a cura di), Age of spirituality. Late Antique and Early Christian Art, third to seventh century. Catalogue of the exhibition at the Metropolitan Museum of Art, New York, 1979.

Witschel 2007 = Chr. Witschel, Statuen auf spätantiken Platzanlagen in Italien und Africa, in F.A. Bauer, Chr. Witschel (a cura di), Statuen in der Spätantike, Wiesbaden, 2007.

Wrede 1972 = H. Wrede, Die spätantike Hermengalerie von Welschbillig, Berlino, 1972.

Wulf-Rheidt 2017 = U. Wulf-Rheidt, Die schwerige Frage der Nutzung des Römischen Kaiserpalastes auf dem Palatin in Rom in der Spätantike, in AntTard, 25, 2017, p. 127-148.

Wünsche 2000 = R. Wünsche in Ensoli – La Rocca 2000, p. 548-549.

Haut de page

Notes

1 Sullo «Stadio» palatino, della ricca bibliografia si citano alcuni testi particolarmente utili ai fini della presente ricerca: Sturm 1888; Deglane 1889, p. 205-229, tav. IV-VI; Ungaro 1979, p. 107-108; Sasso D’Elia 1995, p. 44-45 con bibl. prec.; Augenti 1996, p. 18, 126-130; Iara 2015; Pensabene 2015, p. 299-300; Wulf-Rheidt 2017, p. 139-145 con bibl. prec.

2 Inv. n. 475888 (già inv. n. 12460). La testa misura in altezza cm 26, compresa la porzione di collo conservatasi (diametro del piano di taglio cm 12 × 14), in profondità cm 23, 5 circa; l’altezza del volto, dal mento alla frangia, è di cm 14.

3 Fiorelli 1877, p. 109, p. 203-204.

4 CIL VI, 31102 (Ch. Hülsen). Per un’analisi più specifica di questo manufatto, si veda infra la sezione relativa all’architrave con iscrizione (1).

5 Carettoni 1963, p. 159-161, tav. 58-59. Le notizie riportate dal Carettoni sono ripetute nella bibliografia successiva: Helbig 1966, II, p. 876-877, n. 2094 (H. v. Heintze); Ungaro 1979, p. 107 nota 10; Wegner 1979, p. 104; Augenti 1996, p. 128; Tomei 1997, p. 103, n. 77.

6 Notevolmente più tardo è il frammento di testa proveniente dal Palatino, identificata con un imperatore bizantino, forse Anastasio (491-518 d.C.), già al Museo Nazionale Romano, attualmente conservato nel Museo dell’Alto Medioevo: Felletti Maj 1953, p. 165, n. 329; Arena – Paroli 1993, p. 11, 15, fig. 9; Ensoli – La Rocca 2000, p. 271, n. 272 con bibl. prec. (A. Acconci).

7 Carettoni 1963, p. 160-161.

8 Helbig, 1966, II, p. 877 (H. v. Heintze).

9 Ungaro 1979, p. 106-113, in part. p. 107.

10 Augenti 1996, p. 128.

11 Tomei 1997, p. 103, n. 77; Gasparri – Tomei 2014, p. 259, n. 72 (L. Di Franco).

12 Prusac 2011, p. 153, n. 421, fig. 114 a-d.

13 Già la bibliografia precedente ha datato la testa in età tardoantica (non oltre la fine del IV secolo), pur non riconoscendone la rilavorazione: Carettoni 1963; Ungaro 1979, p. 107; Augenti 1996, p. 128. Sui caratteri iconografici e tecnico-stilistici della ritrattistica tardoantica numerosi sono gli scritti, si rimanda ad alcuni di essi: Delbrueck 1933; L’Orange 1933; Rumpf 1957; L’Orange 1961; Sydow 1969; Calza 1972; Stichel 1982; L’Orange 1984; Heintze 1984; Peschlow 1983; Kiilerich 1993, p. 82-125; Meischner 1990; Meischner 1991; Meischner 1992; Meischner 1995; Meischner 1997; Romeo 1999; La Rocca 2000.

14 Inv. n. 3022: Fittschen – Zanker – Cain 2010, p. 186-187, n. 183, tav. 227 (P. Zanker).

15 Fittschen – Zanker – Cain 2010, p. 186 note 6-9.

16 Un confronto diretto per l’acconciatura a caschetto si ha sulle teste del magistrato con mappa sul lato SE (Kähler 1975, p. 45-55, tav. II, VI-VII; Meischner 1990, p. 307, fig. 4) e di Onorio sul lato SW (Kähler 1975, p. 45-55, tav. V). Per altre teste analoghe sulla base dell’obelisco: Delbrueck 1933, p. 185-192, tav. 85-88, in part. p. 189-192, tav. 88, fig. 64-66; L’Orange 1933, p. 67-72, fig. 172-176, 178-180, in part. fig. 178-179; Kollwitz 1941, tav. 35; Kähler 1975, p. 45-55, tav. III, IX, XI, XIV a, XVI; Stichel 1982, p. 45-48, tav. 10-11; Kiilerich 1993, p. 31-49, fig. 5-24; Kiilerich 1998, passim, fig. 21-22, 26.

17 Delbrueck 2009 (1929), p. 380-388, n. 65, tav. 65; Volbach 1976, p. 54-55, n. 62, tav. 34; Weitzmann 1979, p. 55-56, n. 53 con bibl. prec. (J.C. Anderson); Kiilerich 1993, p. 141-143, 209, fig. 80; Warland 1994, p. 181 nota 35, tav. 72.

18 Delbrueck 2009 (1929), p. 390-393, n. 66, tav. 66; Kiilerich 1993, p. 92-94, fig. 46 (t.a.q. 408).

19 Il missorium raffigura Teodosio in trono tra Valentiniano II e Arcadio: Delbrueck 2009 (1929), p. 363-369, n. 62 con bibl. prec., tav. 62; Delbrueck 1933, p. 200-201, tav. 94–98; L’Orange 1933, p. 67, 80, fig. 171; Shelton 1979, p. 74–76, n. 64; Beck – Bol 1983, p. 645–647, n. 228 con bibl. prec.; Kiilerich 1993, p. 68-70, fig. 1-2, 38; Bastien 1994, p. 38, tav. 214-216; Lejdegård 2002, p. 144–147, fig. 3.

20 Delbrueck 2009 (1929), p. 171-174, n. 1, tav. 1; Delbrueck 1933, p. 207-208, fig. 71, tav. 98.4, 106; Volbach 1976, p. 29-30, n. 1, tav. 1; Stichel 1982, p. 50, tav. XV; Kiilerich 1993, p. 78-79, fig. 37; Bastien 1994, 39 tav. 220; Giuliano 2001, p. 186, fig. 9; Lejdegård 2002, p. 85–88, fig. 1.

21 Un tempo conservato a Roma e poi a Parigi: Delbrueck 2009 (1929), p. 172–174, n. 41, tav. 41; Volbach 1976, p. 44-45, n. 41, tav. 22; Álvarez Martínez et al. 2008, p. 48-49, fig. 45; Ambrogi 2009, p. 209 nota 16, fig. 8.

22 Carettoni 1963, p. 160, tav. 60; Prusac 2011, p. 153, n. 422. Marina Prusac erroneamente la dice proveniente dal Palatino, sebbene il Carettoni non fornisca alcuna informazione al riguardo, ricordando soltanto che una ventina di anni prima era nel commercio antiquario.

23 Delbrueck 1933, p. 98, tav. 20: solido di Ravenna (Londra).

24 Delbrueck 2009 (1929), p. 181-183, n. 3, tav. 3; p. 341-344, n. 56, tav. 56 = Volbach 1976, p. 50-51, n. 54, tav. 28 = Kiilerich 1993, p. 143-144, fig. 81; Delbrueck 1933, p. 209-210, fig. 72, tav. 108 = Delbrueck 2009 (1929), p. 174-181, n. 2, tav. 2 = Volbach 1976, p. 42-43, n. 35, tav. 19 = Kiilerich 1993, p. 238 nota 794, fig. 107. Sull’evoluzione del taglio dei capelli dagli inizi del IV al V secolo, testimoniata dalle raffigurazioni sui dittici eburnei: Delbrueck 2009 (1929), p. 117-119.

25 Inv. n. 1769 (già Antiquarium inv. n. 1580): Delbrueck 1933, p. 210-211, tav. 109-110; L’Orange 1933, p. 55 nota 1; Helbig 1966, II, p. 48-49, n. 1199 (H. v. Heintze); Bergmann 1977, p. 177-178 nota 733; Fittschen – Zanker 1985, p. 143-144, n. 119, tav. 148; Ensoli – La Rocca 2000, p. 544, n. 192 (M. Bergmann); Varner 2004, p. 286, n. 9.3, fig. 210 a-c; Parisi Presicce 2005, p. 290, n. 134, fig. 134; Prusac 2011, p. 149, n. 330.

26 Helbig 1966, II, p. 48; Bergmann 2000, p. 544; Parisi Presicce 2005, p. 290; Prusac 2011, p. 145, n. 230.

27 L’Orange 1933, p. 55; Fittschen – Zanker 1985, p. 144, nota 5: nota forti analogie con i ritratti rilavorati nei tondi adrianei dell’arco di Costantino, in particolare in quelli di Licinio.

28 Helbig 1966, II, p. 48; Bergmann 2000, p. 544; Parisi Presicce 2005, p. 290; Prusac 2011, p. 149, n. 330.

29 Fittschen – Zanker 1985, p. 158, n. 126, tav. 157 (P. Zanker), Beilage 95.

30 Sulle caratteristiche formali dei ritratti ufficiali e privati della seconda metà del IV secolo e della prima metà del V secolo, si confrontino: Delbrueck 1933, p. 178-199, 200-226; Sydow 1969, p. 70-102; Wrede 1972, p. 91-95; Stichel 1982, p. 37-57.

31 L’Orange 1933, p. 75-77; L’Orange 1961, p. 68-74, tav. 27-31 = L’Orange 1973, p. 54-71; Meischner 1991, p. 391-406; Ambrogi 2009, p. 203-219.

32 L’Orange 1933, p. 66-75, n. 1-7, cat. n. 94-100, fig. 181-191.

33 L’Orange 1933, p. 75- 77, n. 8, p. 142, cat. n. 101, fig. 192-193; Stucchi 1951, p. 201-205, fig. 3-4; L’Orange 1961, p. 69-73, tav. 28, 3-4; Sydow 1969, p. 93 nota 4, p. 95-96, 99; Calza 1972, p. 352-353, n. 248, tav. 120, fig. 438; Wrede 1972, p. 95, tav. 64, 1; Ohly 1974, p. 87, tav. 42; Beck – Bol 1983, p. 449-450, n. 58; Meischner 1988, p. 375 nota 5, fig. 28; Meischner 1991, p. 401-402 nota 45, tav. 91, 3; Kiilerich 1993, p. 112, fig. 60; Wünsche 2000, p. 548-549, n. 201 con bibl. prec.; Ambrogi 2009, p. 208 nota 10, fig. 7.

34 L’Orange 1961, p. 69, tav. 28, 5-6; Calza 1972, p. 350-351, n. 247, tav. CXIX, fig. 436-437; Wrede 1972, p. 95, tav. 64, 2; Kiilerich 1993, p. 113, fig. 59.

35 Il ritratto è stato posto su una statua togata ritenuta non pertinente dalla maggior parte degli studiosi. L’Orange 1933, p. 75-77, 142-143, cat. n. 102, fig. 194-195; Stucchi 1951, p. 201-205, fig. 1-2; Felletti Maj 1953, p. 162, n. 323; L’Orange 1961, p. 69, tav. 28, 1-2; Sydow 1969, p. 93 nota 7, p. 97-98; Helbig 1969, III, p. 299-300, n. 2372 (H. v. Heintze); Calza 1972, p. 354-356, n. 249, tav. 120, fig. 440-441; Wrede 1972, p. 95, tav. 64, 3; Mus. Naz. Rom., I, 2, Roma 1981, p. 34-36, n. 26 (L. Nista); Ensoli – La Rocca 2000, p. 550, n. 203 (A. Cioffarelli); Kiilerich 1993, p. 112, fig. 57-58.

36 L’Orange 1961, p. 74 nota 34, tav. 31, 5; Kiilerich 1990, p. 201-206, tav. 39-40; Kiilerich 1993, p. 104-105, fig. 50.

37 Ambrogi 2009, p. 203-219.

38 Fittschen – Zanker 1985, p. 159-161, n. 127, tav. 158 con bibl. prec. (P. Zanker); Giuliano 2001, p. 196 nota 5; Ensoli – La Rocca 2000, p. 548, n. 200 (A. Cioffarelli).

39 Prusac 2011, p. 149, n. 342, tav. 69, fig. 71 a.b: la Prusac condivide l’ipotesi di Zanker che sia un ritratto di Onorio e ne suggerisce la rilavorazione da una scultura forse ideale, ad opera di una bottega urbana intorno al 400 d.C.

40 Delbrueck 1933, p. 204-206, tav. 103-104; L’Orange 1933, p. 75 nota 2, 140, n. 96, fig. 185-186; Sydow 1969, p. 81-88 nota 44; Stichel 1982, p. 53-54 nota 308, tav. XXI; Stutzinger 1983, p. 447-448, n. 57 con bibl. prec.; Meischner 1991, p. 403 nota 50, 405-406, tav. 93, 4; Kiilerich 1993, p. 85, fig. 42; Meischner 1995, p. 445-446, fig. 11, 15; Ambrogi 2009, p. 210 nota 19, fig. 10.

41 Ciocche «doppie», cioè ciascuna formata da due ciuffi separati da una virgola incisa, si ritrovano simili per forma e corposità nella frangia di alcuni ritratti di Caligola, di Claudio (ad esempio: Poulsen 1973, p. 89-90, n. 54, tav. XC-XCI; p. 93, n. 59, tav. XCVIII-XCIX) e di privati di età neroniana, conservati nella Gliptoteca di Copenhagen (Poulsen 1973, p. 124-125, n. 96-97, tav. CLXX-CLXXIII).

42 I capelli si allungano sul collo con ciocche rivolte in avanti già nei ritratti di Tiberio, come mostrano le due teste e la statua dell’imperatore conservate nella Gliptoteca di Copenhagen (Poulsen 1973, p. 63-65, n. 45-47, tav. LXVI-LXXXII). Ricordiamo, il ritratto di L. Aninius Rufus della Gliptoteca di Copenhagen (Poulsen 1973, p. 116, n. 82, tav. XCLVI-XCLVII, CLII), datato in età tiberiana per evidenti concordanze con la testa palatina: nel taglio arcuato della corta frangia composta da ciocche a virgola, con una biforcazione sopra l’angolo interno dell’occhio destro, nei capelli che coprono parzialmente il collo, nell’incarnato liscio e teso di fronte e guance.

43 Citiamo alcuni esemplari: Poulsen 1973, p. 93, n. 59, tav. XCVIII-XCIX; p. 125, n. 97, tav. CLXXII-CLXXIII; p. 98-100, n. 64-65, tav. CVIII-CXI; Fittschen – Zanker 1985, p. 17-18, n. 17, tav. 17 (P. Zanker).

44 Sulla tecnica della rilavorazione dei ritratti e sulle motivazioni e diffusione del reimpiego in età tardoantica: Ambrogi 2013, p. 29-50.

45 Revisione autoptica effettuata nel 2016 e nel 2018.

46 CIL VI, 31102 (Ch. Hülsen). I due frammenti furono raccolti «tra gli scarichi», secondo i resoconti dettagliati dei lavori e, più in particolare, il frammento a venne rinvenuto nel maggio del 1877, mentre il frammento b nel settembre dello stesso anno (supra note 3-4). Sul ritrovamento dei due frammenti si vedano anche Lanciani 1878, p. 101, n. 17 (frr. a, b); EphEp IV, 1881, n. 733; Sturm 1888, p. 58-59; Gatti 1895, col. 72-73 (metà del IV sec.); Ungaro 1979, p. 107 nota 11.

47 Fiorelli 1877, p. 109 (solo fr. a); Fiorelli 1878, p. 66 (frr. a e b); Lanciani 1878, p. 101, n. 17; scheda EDR 135243 (Sara Meloni), in cui però è riportata solo la foto del fr. a (il database è stato consultato per l’ultima volta a giugno 2019, data in cui risulta ancora l’immagine del solo frammento più grande).

48 La lettura [- - -]is venne eseguita «dopo la pulitura della lastra» (Fiorelli 1877, p. 204).

49 Forse potrebbe essere utile un approfondimento tramite un confronto con analoghi manufatti integri.

50 CIL X, 1479.

51 CIL VI, 1119.

52 CIL VI, 40722.

53 CIL VI, 1173.

54 CIL VI, 1194.

55 CIL VI, 40803, scheda EDR 093152 (F. Feraudi e F. Frauzel, con revisione di A. Ferraro). La lastra è ricomposta da più frammenti, alcuni dei quali oggi perduti (i due superstiti sono conservati in due luoghi differenti). Il testo è il seguente: Florentib(us) dd(ominis) [nn(ostris) H]onorio [et]/Theodosio inc[lyti]s semper Augg(ustis) / Iunius Valerius [Bellici]us, v(ir) c(larissimus), p[r]aef(ectus) u[rb(i)], vice sac(ra) iud(icans), port[icum cum sc]r[i]ni[is]/tellurensis sec[retarii/ tribunalibus] / adherentem red[integravit et] urbanae / sedi vetustatis h[o]nor[em resti]tuit.

Sull’iscrizione, da ultimo Coarelli 2010, p. 140-142 .

56 Utilizzato in CIL VI, 8, 40546 (dell’età di Antonino Pio). Non è da escludere che questi due aggettivi possano essere declinati non al nominativo plurale ma al genitivo singolare, retti da un termine che descriveva un eventuale legame, anche di parentela, con il personaggio ricordato al primo rigo.

57 CIL VI, 1710 attualmente conservata a Napoli (scheda EDR 111227, con bibliografia precedente).

58 La ricerca ha avuto carattere preliminare e non esaustivo.

59 TLL IX, 2-IV, Leipzig 1974, col. 604-608.

60 AE 1967, 494; l’iscrizione, datata tra 305 e 311 d.C., associa a Massimiano, oltre che l’epiteto omnipotens all’inizio, anche il termine florentissimus.

61 Per possibili confronti paleografici, CIL VI, 40716, 40753, 40765.

62 Fiorelli 1877, p. 109, 203-204 (dove si descrive il ritrovamento di un «frammento di iscrizione inciso sopra un pezzo di trabeazione con caratteri propri della metà del IV secolo», già descritto qui a p. 109, alla cui lettura può aggiungersi la leggera variante del r. 2 pulito e meglio leggibile: «is doctissimi...»); Fiorelli 1878, p. 66; Lanciani 1878, p. 101 n. 17.

63 Sturm 1888, pp. 58-59, che attribuisce i frammenti ad un architrave del muro anfiteatrale; l’iscrizione è pubblicata due volte anche in Augenti 1996.

64 Come già proposto dal Fiorelli (Fiorelli 1877, p. 203-204) e successivamente anche da Gatti (Gatti 1895, col. 73).

65 Lanciani 1878, p. 101.

66 Lanciani attribuì inizialmente il testo ad un non altrimenti noto Florentinus, possibile prefetto del pretorio nel 395-397 d.C. (PLRE I, 1975, p. Florentinus 1, forse il personaggio ricordato più volte da alcune fonti letterarie, in particolare nell’epistolario di Simmaco e nel Codice Teodosiano: Fiorelli 1877; Lanciani 1878); lo stesso Lanciani modificò l’interpretazione del testo dopo il ritrovamento del secondo frammento, nel settembre 1877.

67 Sturm 1888, p. 58-59.

68 certe tabula habet faciam planam, non incurvam.

69 Ungaro 1979, p. 107.

70 CIL VI, 31521, n. inv. 379581; revisione autoptica effettuata nel 2017.

71 Notizie sul ritrovamento in Gatti 1893, p. 117; Gatti 1895, col. 71, 73.

72 Inv. 379581. Nel lemma del CIL non è indicato il luogo di conservazione. Cfr. anche CIL VI, 8, p. 4350 (addenda et corrigenda): l’iscrizione era stata segnalata erroneamente come ritrovata durante i lavori per il monumento a Vittorio Emanuele; Alföldy aveva cercato di recuperare l’iscrizione nei depositi del Museo Nazionale Romano nel 1993, non trovandola.

73 Gatti 1895, col. 71-72, con apografo: descrive un «frammento di grande lastra marmorea opistografa… a caratteri monumentali dell’età severiana».

74 Sul significato e l’utilizzo del termine, TLL, VI, 1-II, Leipzig 1974, col. 320-323.

75 Ad esempio CIL VI, 1144, 1724, 1739, 1740, 1742, 3790, 31982, 40721, 40771a.

76 Nonostante questa eventuale espressione presenti più difficoltà di concordanze con la parte iniziale del testo, si può citare come confronto l’iscrizione, proveniente dal Colosseo, CIL VI, 1796 d = 32091.

77 Nel lemma del CIL la proposta viene confrontata con CIL III 7000 = ILS 6090. Sulla titolatura di Costantino, cfr. le recenti revisioni in Colombo 2008, part. p. 52, sul soprannome Alamannicus.

78 Kienast 1990, p. 305.

79 Per alcune indicazioni sulle maestranze epigrafiche di età tardoantica, cfr. ad esempio De Rubeis 2001; Orlandi 2010.

80 Per un confronto tipologico piuttosto puntuale, differente però nel modulo delle lettere, si veda Mitchell 2009, cat. n. 7b, fig. 12 (p. 63), in cui il frammento è datato ad età genericamente altomedievale.

81 CIL XI, 268. Per un’analisi del testo, cfr. anche il recente contributo in Guerrini 2011, p. 140-141.

82 Fiorelli 1877, p. 109, 203-204.

83 Carettoni 1963, p. 159 nota 1.

84 Guglielmo Gatti (Gatti 1895, col. 65-84) distingue varie fasi nello «Stadio»: dalla realizzazione di età domizianea, ai restauri di Settimio Severo dopo l’incendio del 191 d.C., alle trasformazioni del IV secolo (sui mattoni ritrovati con bolli di Diocleziano: CIL XV, 1547, 1569 a; cfr. Steinby 2001, p. 143: età di Massenzio; Bukowiecki – Wulf-Rheidt 2015, p. 350 nota 389, p. 357 nota 512: va scartata la datazione del bollo in età massenziana e preferita una cronologia agli inizi del V secolo) e V secolo (tracce di restauri di IV e di V). Il rinvenimento in questa parte del Palatino (Stadio) di lucerne fittili cristiane e altri oggetti cristiani (vasellame) rivela, secondo Gatti (Gatti 1985, col. 74), che in questa zona nei secoli IV e V ebbero stabile dimora personaggi cristiani, come già supposto da De Rossi (De Rossi 1894, p. 104: ansa di anfora e piatto con monogrammi cristiani).

85 Gatti 1895, col. 22.

86 Sui ritratti di corte della dinastia teodosiana e sulle opere ad essi vicine, dominati da forme astratte e stilizzate, di un classicismo non naturalistico: Sydow 1969, p. 81-92; Kiilerich 1993.

87 Pur ammettendo che l’epiteto possa non essere associato al nome del destinatario.

88 Per i confronti nell’uso degli epiteti, v. supra la sezione relativa all’architrave con iscrizione (1), note 51-59.

89 Come già proposto nelle prime edizioni dell’iscrizione, facendo però riferimento al coronamento delle strutture dello «Stadio», realizzate in epoca severiana.

90 Ungaro 1979, p. 107, fig. 1-2: la testa in esame e l’architrave iscritto vengono considerati elementi datanti della struttura porticata e dell’edificio ellittico.

91 Bukowiecki – Wulf-Rheidt 2015, p. 350 (l’inserimento degli otto pilastri è avvenuto al più presto in età dioclezianea), 356-357 (terminus post quem: inizio del V secolo); Wulf-Rheidt 2017, p. 139, 141 nota 88 (datazione dei pilastri all’inizio del V secolo).

92 Non concorda con questa cronologia di età teodosiano-onoriana Andrea Augenti, il quale nella sua monografia del 1996 collega la struttura porticata una volta ad un intervento di Atalarico (526-534) volto a monumentalizzare l’anfiteatro (Augenti 1996, p. 18 nota 20), un’altra ai restauri di Teoderico (Augenti 1996, p. 128-129, cat. n. 8, fig. 57: il terminus post quem del IV secolo è dato proprio dal ritratto in esame), cui apparterrebbe anche il muro in opera listata rettilineo, tangente la curva meridionale dell’edificio ellittico, mentre apparterrebbero all’intervento più tardo di Atalarico le tamponature dei pilastri settentrionali.

93 Su questo cortile quadrato, una sorta di peristilio, da ultimo: Wulf-Rheidt 2017, p. 143, fig. 8, 12-13.

94 Augenti 1996, p. 18, 126-127, n. 4; Pensabene 2015, p. 299, fig. 417; Wulf-Rheidt 2017, p. 139-145, fig. 7-13.

95 Ipotesi di Lanciani, in Fiorelli 1877, p. 203, che considerava troppo recente la datazione nell’età di Teoderico dell’edificio ellittico, preferendo, in base all’opera laterizia e ai bolli, una cronologia nel periodo dioclezianeo-tetrarchico.

96 Lanciani (Lanciani 1878, p. 101, n. 17) ha fissato la datazione dell’architrave iscritto (CIL VI, 31102) alla fine del IV secolo, in base allo stile delle modanature e alla forma delle lettere.

97 Ungaro 1979, p. 107-108; Augenti 1996, p. 18, 126-127; Wulf-Rheidt 2017, p. 141 nota 90.

98 CIL XV 1, 1669 a 1.

99 Bukowiecki – Wulf-Rheidt 2015, p. 350, 356; Pensabene 2015, p. 299.

100 Bauer 1996, p. 72-79, 83-86, 93-95, 134-137; Milella – Pensabene 1989, p. 48; Milella 1989, p. 99; Ambrogi 2009, p. 215 nota 39. Sulla diffusione e sull’entità della pratica di elevare statue nel periodo tardo, in particolare a Roma, in onore principalmente di membri della famiglia imperiale e di funzionari di corte, e sulle testimonianze scultoree ed epigrafiche di statue restaurate, ricollocate e ridedicate in tutto l’impero, si rimanda ai vari interventi in: Smith – Ward-Perkins 2016.

101 Ungaro 1979, p. 106 nota 4. Per le varie Palatinae dignitates: Lugli 1962, p. 212-221 (Palatini, Comites ordinis primi intra Palatium, Curatores Palatii, Frumentarii et curiosi, Praepositus regiae domui, primicerius notariorum, quaestores, silentiarii, redemptores, liberti et servi, cohors praetoria), in particolare per fine IV-inizi V secolo: n. 517, 528. Da un’iscrizione, copiata dall’anonimo di Einsiedeln (CIL VI, 1177), sappiamo che nel 374 Valentiniano, Valente e Graziano fecero un donativo al popolo romano «in foro Palatino»; Cassiodoro riferisce che nel 454 Valentiniano III fece uccidere nel palazzo Ezio e Boezio, prefetto del pretorio (Cassiod., Chron. anni p. C. 454, in MGH, AA, XI, 1894, p. 157, 1260; cfr. Lugli 1962, p. 208, n. 496) e che nel 465 vi fu avvelenato Severo (Cassiod., Chron. anni p. C. 454, in MGH, AA, XI, 1894, p. 157, 1280; cfr. Lugli 1962, p. 209, n. 500); Giustiniano e Narsete furono residenti nel palazzo e l’ultimo vi morì all’età di 95 anni: Lugli 1962, p. 210- 211, n. 502, 510-511, p. 158, 1280.

102 Chastagnol 1960, p. 365-367: il Foro Romano, i Fori di Cesare e di Traiano erano i luoghi prediletti, in cui collocare le opere più importanti ed erigere le effigi degli uomini più prestigiosi del Tardo Impero. Lo studioso ricorda uno statuto, stilato dopo il 331 d.C., che regolava l’erezione di statue onorarie nel Foro di Traiano e in quello di Cesare, il cui permesso doveva essere concesso dall’imperatore e dal senato.

103 Witschel 2007, p. 139-140. Numerose sono le basi di statue, ideali ed iconiche, con iscrizioni dedicatorie databili nel V secolo rinvenute a Roma nel Foro Romano soprattutto, ma anche nel Foro di Cesare, nel Foro di Traiano, nelle terme di Tito e di Traiano e all’Aventino; si tratta di dediche di statue restaurate, ricollocate e trasferite per renderle più visibili ad opera del prefetto urbano: Ambrogi 2012, in particolare p. 168-171.

104 Ward-Perkins 2016, p. 296-297; Witschel 2017, p. 158.

105 Si veda il regesto stilato da Stichel sulla base delle testimonianze letterarie ed epigrafiche: Stichel 1982, p. 75-115, in particolare sulle dediche ad Onorio a Roma: Stichel 1982, p. 92-97, n. 82. 84. 86-88. 92. 93; Giuliano 2001, p. 194 nota 5.

106 Lejdegård 2002, p. 45-92, 112-120, 156-164; Liverani 2004, p. 367.

107 Ungaro 1979, p. 108-109; Guidobaldi – Guiglia Guidobaldi 1983, p. 31-37, fig. 7; Augenti 1996, p. 17 nota 7.

108 Ungaro 1979, p. 108-109; Herrmann 1976, p. 403-425, part. p. 423; Guidobaldi – Guiglia Guidobaldi 1983, p. 35. Cfr. Spera 2017, p. 528-530, note 70-71: radicamento stanziale degli imperatori a Roma promosso da Onorio, ma forse già anticipato da Teodosio.

109 Sulla controversa localizzazione e sulla discussa datazione dell’oratorio di San Cesareo, da ultimo: Spera 2017, p. 505-560.

110 Sulla continuità di frequentazione del palazzo imperiale che mantiene la sua importanza e la sua centralità anche quando la capitale dell’impero si sposta da Roma, e sui soggiorni, più o meno lunghi, degli imperatori a Roma nel IV-VII secolo, Ungaro 1979, p. 110; Augenti 1996, p. 17; Pensabene 2015, p. 299. Indicazioni tarde di frequentazione di quest’area del Palatino sono testimoniate dal ritratto imperiale datato agli inizi del VI secolo (cit. a nota 6), mentre l’ultimo intervento di restauro avvenne alla fine del VII secolo ad opera del curator palatii Platone (Ungaro 1979, p. 106 nota 7 con bibl. prec.). Nel VII secolo, e probabilmente ancora agli inizi dell’VIII, il palazzo dei Cesari era in uso e conservava il suo significato simbolico se Sergio I nel 687 vi fu acclamato papa e Giovanni VII (705-707 d.C.), il cui padre era stato curator Palatii, vi risiedette in un episcopio al di sopra di Santa Maria Antiqua (Lib. Pont., I, 1886, p. 386 nota 1; cfr. Augenti 1996, p. 72-73; Pensabene 2015, p. 299 nota 43).

111 Le fonti sulle frequentazioni imperiali di Roma in età tarda sono raccolte in Lugli 1962, p. 207-209; Augenti 1996, p. 17-18.

112 SHA, Heliogab., 24, 6; Auson., gratiarum actio ad Gratianum imperatorem I, 3, ed. S. Prete, Teubner, Lipsiae 1978, p. 214-215; cfr. Guidobaldi – Guiglia Guidobaldi 1983, p. 35-36.

113 La visita nel 389 d.C. da parte di Teodosio, accompagnato dalla sua famiglia (Zos., IV, 45, 4, ed. Fr. Paschoud, Les Belles Lettres, II, 2, Paris 1979, p. 314-315; cfr. Guidobaldi – Guiglia Guidobaldi 1983, p. 36-37) è giudicata più significativa e inizio di un periodo di maggiore presenza a Roma dell’imperatore e della sua famiglia, inducendo a supporre che già sullo scorcio del IV secolo la residenza del Palatino fosse ritornata efficiente per ospitare degnamente l’imperatore e la corte. Su una seconda visita di Teodosio nell’autunno del 394, dopo la vittoria del Frigido, gli studiosi non sono concordi (Neri 1990, p. 562 nota 282).

114 Tre iscrizioni (CIL VI, 1188-1190) attestano l’erezione di simulacra sulle porte Portuense, Tiburtina e Prenestina (401 d.C.), da parte del prefetto urbano Fl. Macrobius Longinianus: Stichel 1982, p. 93, n. 84. A questi complessi statuari potrebbero ascriversi i due ritratti diademati conservati al Pergamon Museum, uno molto frammentario, n. inv. 1779, attribuito ad Onorio (Delbrueck 1933, p. 208-209, tav. 107; Ambrogi 2009, p. 210, nota 18 con bibl. prec., fig. 11), l’altro, n. inv. 1772, ad Arcadio (bibliografia già citata supra a nota 40): Giuliano 2001, p. 186.

115 Brandenburg 2006, p. 193, fig. 196-197; Paolucci 2008, p. 225-252 con ampia bibliografia in nota 1; Mc Evoy 2013, p. 119-136.

116 Supra nota 92, per quanto riguarda la doppia ipotesi suggerita, in due punti diversi del suo studio, da Andrea Augenti. In realtà non sempre ci sono elementi dirimenti per quanto riguarda l’attribuzione degli interventi al solo Teoderico, al solo Atalarico o ad entrambi, anche perché molto spesso questi si basano sui ritrovamenti di laterizi bollati che presentano in molti casi entrambe le attestazioni (ad esempio gli scavi presso il santuario di Giove Dolicheno sull’Aventino, per cui Arch. Gatti, sc. 8, fasc. 14, reg. XIII, ff. 5344-5482).

117 Bolli di Teoderico furono rinvenuti sui laterizi dei muri dell’Ippodromo (CIL XV, 1665 a; Augenti 1996, p. 18, cat. n. 5; da ultimo Bukowiecki – Wulf-Rheidt 2015, p. 350-357), mentre altri provengono da tegole e laterizi recuperati nell’area della Domus Augustana (CIL XV, 16693; Steinby 1986, p. 131, 140, 146-148, cat. n. 15). In realtà nella storia degli studi non è concorde l’effettiva importanza del dato proveniente dallo studio dei bolli laterizi: ad esempio Gatto lo ridimensiona, supponendo «una partecipazione gota… modesta e confusa con altri precedenti e successivi interventi»: Gatto 1992-1993, p. 374-375 (Augenti 1996, p. 18 nota 12), mentre Bukowiecki e Wulf-Rheidt riconfermano l’importanza dell’intervento edilizio teodericiano, asserendo che l’edificio ellittico è dell’età di Teoderico (Bukowiecki – Wulf-Rheidt 2015, p. 350, 356).

118 Supra nota 83: Carettoni 1963, p. 159 nota 1.

119 Ungaro 1979, p. 107, fig. 2 B.

120 Augenti 1996, p. 18 nota 14, p. 127.

121 Wulf-Rheidt 2017, p. 139-145, fig. 7-8,13: precisa che nella seconda fase della ricostruzione tardoantica, ascrivibile verosimilmente alla presenza di Teoderico sul Palatino, intorno al 500 d.C., sarebbero stati eretti i muri radiali a sostegno di una serie di gradini sul lato ricurvo, ai lati dell’ingresso meridionale al «Gartenstadium», e si sarebbero chiusi con tamponature gli intercolumni del portico.

122 Iscrizione replicata su tre basi: CIL VI, 1716 = 32094; Guidoboni 1989, p. 148, n. 15.

123 Sulla presenza di Teoderico a Roma: Arnold 2017, p. 113-126. Sui restauri del palazzo palatino voluti da Teoderico, che offrì al popolo romano giochi nel 500 e nel 519 d.C.: Cassiod., Chron. XLVI, in MGH, AA, XI, 1894, p. 160, 1339; p. 161, 1364; Anon. Vales., Excerp. 67, in MGH, AA, IX, 1892, p. 324, 12.67, anno 500 ca.; cfr. Lugli 1962, p. 209, n. 501; Ungaro 1979, p. 106 note 5-6.

124 Sulla politica edilizia di Teoderico ancora fondamentali risultano i contributi di Della Valle 1959; La Rocca 1993; Pani Ermini 1999.

125 Alcune di queste sono infatti esplicitamente riferibili a Roma e ad alcuni suoi monumenti (ad es. Cassiod., Var., 1, 21, 25; 2, 34; 3, 10, 21, 29, 30, 31; 4, 30, 51 (relativa alla ricostruzione del teatro di Pompeo, per cui Fauvinet Ranson 2006, p. 133-141); 7, 13 (raccomandazioni sulla tutela di statue e marmora, per cui Fauvinet Ranson 2006, p. 163-165); X, 30, in MGH, AA, XII, 1894, p. 25-26, 28, 65-66, 84, 90, 94-96, 127, 138-139, 210, 317-318. In generale, sulla politica edilizia di Teoderico si veda il resoconto globale in Fauvinet Ranson 2006, in part. p. 298-300.

126 Ad esempio Guerrini 2011.

127 Orlandi 2006.

128 In generale Della Valle 1959; La Rocca 1993; Pani Ermini 1999; Fauvinet Ranson 2006.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Roma, Palatino, il complesso dello «Stadio», pianta con indicazione del luogo di ritrovamento della testa-ritratto.
Crédits Rielaborazione da Wulf-Rheidt 2017, fig. 8.
Titre Fig. 2 – Roma, Museo del Palatino, testa-ritratto maschile, veduta frontale.
Crédits Foto B. Angeli, Parco archeologico del Colosseo.
Titre Fig. 3 – Roma, Museo del Palatino, testa-ritratto maschile, lato destro.
Crédits Foto B. Angeli, Parco archeologico del Colosseo.
Titre Fig. 4 – Roma, Museo del Palatino, testa-ritratto maschile, lato sinistro.
Crédits Foto B. Angeli, Parco archeologico del Colosseo.
Titre Fig. 5 – Roma, Museo del Palatino, testa-ritratto maschile, retro.
Crédits Foto B. Angeli, Parco archeologico del Colosseo.
Titre Fig. 6 – Roma, Museo del Palatino, testa-ritratto maschile, sommità del capo.
Crédits Foto A. Ambrogi.
Titre Fig. 7 – Roma, Palatino, «Stadio», tamponature della fila settentrionale del cd. Portico, lato orientale.
Crédits Foto A. Ambrogi.
Titre Fig. 8 – Roma, Musei Capitolini, magazzino, ritratto maschile.
Crédits MC 3022 foto F. 12107.
Titre Fig. 9 – Istanbul, ippodromo, base dell’obelisco di Teodosio, lato sud-ovest.
Crédits Foto G. Jansoon. Istanbul, Hippodrome 007. GNU Free Documentation License 2007.
Titre Fig. 10 – Berlino, Staatsbibliothek, dittico del vicarius Urbis Romae Rufius Probianus.
Crédits Da EAA III, 1960, p. 144, fig. 175.
Titre Fig. 11 – Parigi, collezione Rothschild, cammeo, ritratto di Onorio.
Crédits Da Kiilerich 1993, fig. 46.
Titre Fig. 12 – Aosta, duomo, dittico di Probo, ritratto di Onorio.
Crédits Da Delbrueck 2009, n. 1, tav. 1.
Titre Fig. 13 – Merida, Museo, dittico consolare.
Crédits Foto A. Ambrogi.
Titre Fig. 14 – Testa-ritratto maschile.
Crédits Da Carettoni 1963, tav. 60.
Titre Fig. 15 – Roma, Musei Capitolini, testa-ritratto maschile.
Crédits MC 1769 foto F. 10704.
Titre Fig. 16 – Oslo, Museo, testa-ritratto maschile.
Crédits Da Kiilerich 1993, fig. 50.
Titre Fig. 17 – Roma, Musei Capitolini, testa-ritratto maschile.
Crédits MC 494 foto F. 10722.
Titre Fig. 18 – Roma, Foro Romano-Palatino, magazzini del Criptoportico, architrave con iscrizione (1), frammento a (n. inv. 10863), frammento b (n. inv. 379581).
Crédits Foto Archivio Parco archeologico del Colosseo.
Titre Fig. 19 – Roma, Foro Romano-Palatino, magazzini del Criptoportico, architrave con iscrizione (1), frammento a, particolare della lavorazione del margine inferiore del retro.
Crédits Foto Archivio Parco archeologico del Colosseo.
Titre Fig. 20 – Roma, Museo Nazionale Romano, Terme di Diocleziano, magazzini, lastra opistografa (2), faccia con testo a.
Crédits Foto Archivio fotografico MNR (su concessione del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo – Museo Nazionale Romano).
Titre Fig. 21 – Roma, Museo Nazionale Romano, Terme di Diocleziano, magazzini, lastra opistografa (2), faccia con testo a, particolare del tassello levigato, residuo di campo epigrafico originario (I fase).
Crédits Foto L. Acampora (su concessione del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo – Museo Nazionale Romano).
Titre Fig. 22 – Roma, Museo Nazionale Romano, Terme di Diocleziano, magazzini, lastra opistografa (2), faccia con testo b.
Crédits Foto Archivio fotografico MNR (su concessione del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo – Museo Nazionale Romano).
Titre Fig. 23 – Roma, Museo Nazionale Romano, Terme di Diocleziano, magazzini, lastra opistografa (2), faccia con testo b, particolare della risega nel margine sinistro.
Crédits Foto L. Acampora (su concessione del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo – Museo Nazionale Romano).
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Laura Acampora et Annarena Ambrogi, « Reperti scultorei ed epigrafici dal Palatino », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité, 132-1 | -1, 169-193.

Référence électronique

Laura Acampora et Annarena Ambrogi, « Reperti scultorei ed epigrafici dal Palatino », Mélanges de l'École française de Rome - Antiquité [En ligne], 132-1 | 2020, mis en ligne le 07 décembre 2020, consulté le 26 janvier 2021. URL : http://journals.openedition.org/mefra/9382 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefra.9382

Haut de page

Auteurs

Laura Acampora

Ministero per i Beni e le attività culturali e per il turismo — laura.acampora@beniculturali.it

Annarena Ambrogi

Università degli Studi di Roma Tor Vergata — ambrogi@lettere.uniroma2.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search