Navigation – Plan du site

AccueilNuméros133-1Bambini e ragazzi “perduti”. Devi...Le belle addormentate in manicomio

Bambini e ragazzi “perduti”. Devianza, disabilità e follia tra infanzia e adolescenza (secc. XVI-XX)

Le belle addormentate in manicomio

Infanzia ed encefalite letargica
Marica Setaro
p. 197-210

Résumés

L’epidemia di Encefalite Letargica, funesta e misteriosa, imperversò durante gli anni Venti del XX secolo, senza risparmiare l’Italia. La “malattia del sonno” ben presto avrebbe mostrato una particolare capacità patogenetica lasciando, in chi sopravvisse, postumi psichici devastanti. Con questo saggio si analizza l’impatto che la malattia ebbe sull’infanzia e sull’adolescenza. Un’anomalia, su tutte, destava preoccupazione e interesse. Durante la pubertà, i disordini mentali si presentavano come “decadimento” etico, accompagnato da turbe del carattere e della condotta. Attraverso l’analisi di alcuni studi clinici e di casi emersi dalla documentazione dell’Archivio storico dell’ex Ospedale Neuropsichiatrico di Arezzo, queste pagine coniugano due aspetti: 1. che cosa comportò il “destino” manicomiale, specie per le fanciulle; 2. quali acquisizioni teoriche furono messe in discussione dagli effetti del virus nel rapporto mente-cervello.

Haut de page

Texte intégral

La follia dopo l’epidemia: postumi psichici da Encefalite Letargica

  • 1 Foley 2018.
  • 2 Sacks 1991, p. 51.

1Improvvisa, funesta, misteriosa, proteiforme, ambigua, pietrificante. Sono solo alcuni degli aggettivi che ricorrono più frequentemente nella storia di una epidemia che ha imperversato negli anni Venti del secolo scorso: l’Encefalite Letargica (EL). Innestatasi su due eventi di portata devastante come la Grande Guerra e l’influenza spagnola, che in una furia congiunta falcidiavano la popolazione del pianeta con svariati milioni di morti, la cosiddetta “sleeping sickness”, ai suoi esordi, lungo il versante dell’Europa orientale, venne pressoché ignorata o confusa. Tra il 1916-17 divampò in Romania e in Austria, poi si diffuse in Francia, Italia e Spagna: focolai destinati ad allargarsi all’intera Europa occidentale, e poi in diverse parti del mondo, assumendo una dimensione pandemica, tra il 1918 e il 1927 circa1. Incontrollabile e sconosciuta, si annidava nei corpi di quanti, via via, andarono affollando i padiglioni neurologici di istituti, ospedali e manicomi. La letteratura medica, di lì a poco tempo, avrebbe traboccato di descrizioni sintomatologiche ed eziologiche il cui repertorio era così disparato da rendere questa malattia simile a un’affascinante «idra dalle mille teste»2.

  • 3 McKenzie 1927, p. 532 [corsivo mio].
  • 4 Sacks 1991, p. 52. L’opera di Oliver Sacks, Risvegli, prende le mosse dalla sua esperienza come gi (...)

2Difficile, se non impossibile, fare un bilancio circoscritto della malattia, se è vero che Ivy McKenzie, in un resoconto pubblicato per il British Medical Journal nel 1927, dichiarava che «non esiste nulla nella letteratura medica che possa paragonarsi alla fantasmagoria di disordini manifestata nel corso di questa strana malattia»3. I suoi effetti erano peraltro destinati a propagarsi come un’onda lunga nel tempo, a mutare e a evolvere in maniera tale da essere una riserva continua per discipline come la neurologia e la psichiatria. La vita dei pazienti che non avevano trovato la morte nella fase acuta, prodotta dal contagio virale a livello encefalico, andava incontro a una sorta di ibernazione, di blocco. Chi sopravvisse superando le crisi, dopo un’apparente e totale guarigione, accusava, a distanza di pochi mesi o di alcuni anni, disturbi ricorrenti, riferibili a sindromi postencefalitiche e parkinsoniane: von Economo li paragonava a “vulcani spenti”4.

3La semeiotica della malattia, sia nella fase prodromica che nel periodo d’invasione, mostrò da subito un quadro complesso e fuorviante per la sua definizione. Gli individui che ne venivano colpiti convivevano spesso con una panoplia di segni e disturbi: la febbre, chiaro sintomo di uno stato di alterazione infiammatoria o infettiva, si accompagnava, nel giro di pochi giorni, a un’evidente metamorfosi del corpo, imprigionato da movimenti impacciati e rallentati. L’intero apparato muscolo-scheletrico manifestava progressivamente i colpi subiti dal sistema nervoso, producendo effetti opposti ma coesistenti. Mentre il volto tendeva a tirarsi come una maschera di cera, il linguaggio incespicava diventando monotono, i muscoli della bocca si contraevano producendo scialorrea; lo sguardo, talvolta perso o fisso, altre volte veniva compromesso da crisi oculogire che facevano roteare gli occhi. Termini come paralisi, ptosi, contrattura, turba eccitomotoria, tremore, ipertonia, diplopia, movimento coreiforme, mioclonia, bradicinesia, palilalia corredavano le descrizioni cliniche mescolando sintomi psichici tardivi con fenomeni sensoriali, disordini del linguaggio con fenomeni paralitici.

  • 5 Economo 1920, p. 95. Nato in Romania, Costantin von Economo cresce e si forma a Trieste. La sua ca (...)

4Eppure, un sintomo divenne distintivo su tutti, il sonno, tanto da aver suggerito nel 1917 a Constantin von Economo, medico presso la Clinica psichiatrica di Vienna, l’appellativo che meglio di altri cogliesse le note prevalenti e polimorfe della malattia. La letargia, il torpore, lo stato crepuscolare a cui la coscienza andava incontro dopo lo stato acuto della crisi divennero caratteristiche ricorrenti delle osservazioni condotte da von Economo: «io la chiamai Encefalite Letargica dal sintomo più saliente e più impressionante che si nota immediatamente»5. Dal decorso e dalle autopsie condotte nella clinica asburgica emersero chiare evidenze eziologiche: le gravi alterazioni della sostanza grigia non erano dovute a una tossina o a un veleno, ma a un virus che infettava la massa encefalica al livello del mesencefalo, provocando lesioni che si allargavano all’intero encefalo.

  • 6 Ravenholt – Foege 1982, p. 860-864. Su eziologia ed epidemiologia del virus: Hoffman-Vilensky 2017 (...)
  • 7 Cruchet et al. 1917.
  • 8 Hoffman – Vilensky, p. 2246; Sacks, p. 437-438.

5Oggi risulta difficile stimare il numero di contagi che si diffuse nelle diverse ondate di quegli anni, così come è complesso restituire i dati della mortalità di cui il virus si mostrò capace. Uno studio analitico basato sulla ricognizione storica di dati epidemiologici noti, pubblicato su Lancet nel 1982, ha fornito il numero approssimativo di un milione di contagi, con una letalità che in alcuni focolai raggiungeva anche il 40 % del totale6. Ma sono numeri sommari, probabilmente sottostimati, perlopiù sconosciuti tanto quanto la malattia. L’imperversare degli eventi bellici e della spagnola non agevolarono né il controllo epidemiologico, né la collaborazione della comunità medica per condividere osservazioni, analisi delle cause e ipotesi di cura. Ciascuno lavorò a partire dal proprio avamposto e non tutti utilizzarono o riconobbero subito come univoca la ricerca di von Economo sull’EL. Non è un caso che Cruchet, in Francia, appena dieci giorni prima dello studio del neurologo triestino, avesse osservato 40 casi che mise sotto la definizione di “encefalomielite subacuta”7. Ma gli assetti geopolitici imposti dagli schieramenti bellici spesso contribuirono a creare opposizioni sorde e mancata unità anche negli ambienti scientifici; di fatto, però, il contagio corse più veloce della medicina, sebbene in pochi anni si aggiravano intorno a 9.000 i papers di ogni lingua pubblicati da riviste di fama internazionale sulla “malattia del sonno”8.

  • 9 Foley 2012, p. 184-211.

6Questa proliferazione trovava la sua ragion d’essere in un ulteriore aspetto prodotto dal contagio: anche quando la virulenza andò scemando o scomparendo, sotto la cenere di quei focolai rimanevano le impronte di disturbi cangianti. La natura del danno cerebrale divenne sempre più acclarata nei suoi effetti immediati; ma si fu poco preparati a comprendere e ad affrontare la portata degli esiti parkinsoniani e degli squilibri mentali di quanti sembravano essersi lasciati alle spalle, come un brutto ricordo, le febbri, il sonno, il delirio. Ogni individuo era portatore di un’esperienza patologica a sé stante e ciascuna di esse rimise in discussione gli equilibri e le tensioni tra una visione strettamente neurobiologica, di matrice griesingeriana, dei disordini mentali e gli approcci dei nuovi modelli psicologici che – sotto la dirompenza delle teorie freudiane – consolidavano un’analisi funzionale delle patologie psichiche, scavando un fossato sempre più largo tra la neurologia e la psichiatria9. L’avvento dell’EL, proprio mentre diventava sempre più dirimente questa partizione teorica, fece saltare ogni confine. Da un lato gli esiti psichici che spesso confluivano in diagnosi di schizofrenia o isteria riaprirono la vexata questio sulle lesioni organiche cerebrali come causa di queste patologie; dall’altro, la complessità dei disturbi e il rischio concreto dell’internamento manicomiale di chi si trovò a viverli moltiplicò l’esordio di psicosi e nevrosi indotte da una condizione esistenziale, psicologica, improvvisamente stravolta. Negli anni Trenta del Novecento c’era da curare un nuovo fenomeno epidemico, vale a dire l’evoluzione psicopatologica di una malattia virale. Mente e cervello, insieme, rioccupavano la scena attraverso mutamenti radicali dei comportamenti dell’Io.

7Ma un fenomeno più di tutti emergeva mentre, negli stessi anni, si consolidavano gli studi clinici ed epidemiologici dell’infezione: l’alterazione della personalità divenne presto un indicatore clinico e sociale che coinvolgeva l’infanzia. Nel 1929 Economo non ebbe dubbi nel parlare di «un’atrofia etica» che riportava in auge classificazioni degenerazioniste di lombrosiana memoria come la follia morale:

  • 10 Economo 1929, p. 189-190.

[…] non possono essere controllati a scuola, scappano lontano da casa e trascorrono il loro tempo al cinema e per le strade, indulgono in comportamenti sessuali scorretti di ogni tipo e compiono altri atti pericolosi10.

8Tanti bambini, e tante ragazze ancora minorenni, dopo aver superato l’infezione, fecero i conti con una trasformazione radicale della propria condotta. I resoconti trasmessi dagli istituti di pena come dai riformatori, le anamnesi familiari e i diari clinici di istituti medico-pedagogici o psichiatrici rimarcavano una significativa perversità e distruttività del carattere tale da produrre “piccoli criminali” o da compromettere a tal punto la sfera sessuale durante l’età dello sviluppo che ogni freno inibitore, o intervento educativo, sembrava vano.

Il virus come venenum della gioventù: carattere e condotta tossici

  • 11 Batten – Still 1918, p. 636.
  • 12 Heiman 1919, p. 83-87. Per l’analisi storica del rapporto tra infanzia ed encefalite letargica: Vi (...)

9Quando Constantin von Economo, nel 1929, dedicò una parte specifica del suo studio sull’EL ai postumi psichici osservati in soggetti giovani, la letteratura medica sull’argomento era già ricca e diversificata. Erano bastati 5 o 6 anni perché i medici di diverse specialità cliniche avessero potuto osservare il decorso della malattia e scrivere su una percentuale significativa di casi in cui i disordini mentali presenti al momento del ricovero potevano essere ricondotti, con un’elevata probabilità eziologica, all’encefalite che li aveva infettati in un tempo precedente. Tra il 1918 e il 1922 vengono pubblicati, in lingua inglese e tedesca, i primi resoconti analitici sul rapporto fra infanzia ed encefalite epidemica. Batten e Still classificarono come “stupore epidemico” la diagnosi eseguita su alcuni bambini nel 191811, ma fu Heiman, l’anno dopo, il primo a fornire tre forme principali per rappresentare gli 8 minori osservati in base ai sintomi e ai segni impressi dall’infezione nelle fasi acuta e postuma: (1) irritabile, (2) letargica e (3) letargica con paralisi12. Di lì a poco, i resoconti che giungevano da moltissime cliniche psichiatriche coprivano centinaia di casi e si focalizzarono su una deduzione specifica. Mentre i disturbi motori e sensoriali sembravano accomunare in egual modo gli adulti e i più piccoli, erano invece i disordini mentali a differenziarsi grandemente tra le due fasce d’età colpite dal virus. I primi andavano incontro a un destino depressivo, delirante, isterico, catatonico. I secondi, invece, crescevano dentro una personalità che nella fase più importante dello sviluppo – tra i dieci e i sedici anni – sembrava far eccedere ed esplodere i tratti più irregolari e bizzarri del comportamento, coinvolgendo le sfere della volontà, del carattere e del temperamento. Intelligenti ed orientati, senza mai smarrire cognizione e lucidità, questi giovani impararono presto a conoscere l’alter ego di sé stessi.

  • 13 Sull’impatto epidemiologico del virus in età pediatrica: Vilensky – Foley – Gilman 2007, p. 80. Pe (...)

10Le ricerche storiche sugli impatti medici e sociali delle epidemie hanno riservato molte pagine all’EL, ma con un’attenzione poco approfondita sugli effetti che ebbe sull’infanzia e sull’adolescenza. Una disattenzione che si giustifica male, almeno per alcune ragioni fondamentali: 1. numeri alla mano, il virus infettò maggiormente la popolazione la cui età era compresa fra i 10 e i 30 anni13; 2. più specialità mediche (neurologia, pediatria, psichiatria…) isolarono il fenomeno rendendolo degno di attenzione per la comunità scientifica; 3. la compromissione dei comportamenti, le derive antisociali, l’abbandono scolastico, la rottura degli equilibri familiari, i fenomeni di piccola e nuova delinquenza minorile produssero, in un paese in cui la fascistizzazione procedeva senza conoscere ostacoli, la reazione congiunta di misure repressive e correzionali che, ancora una volta, trovarono nei manicomi, negli istituti di pena, nei riformatori e negli istituti medico-pedagogici i gangli entro cui esercitare sia controllo sociale che forme di osservazione, custodia e cura.

  • 14 L’erba della regina, (Mazzarello 2013), ha colmato un lungo silenzio di ricerca storica sull’epide (...)

11Lavori recenti colmano questa lacuna preoccupandosi di rintracciare e analizzare molti contributi scientifici, prevalentemente di lingua inglese e tedesca, che esposero i risultati di osservazioni condotte nelle cliniche psichiatriche. Sparute, invece, sono le ricerche sul “popolo bambino” che in Italia, specie al centro e al nord, fu toccato dal virus per esserne cambiato per sempre14.

12Queste pagine si misurano con il tentativo di fare una parziale ricognizione di alcuni contributi italiani pubblicati nelle rassegne mediche a cavallo tra gli anni Venti e Trenta. L’oggetto specifico che ne ha consentito la scrematura si è delineato attraverso due nodi problematici, l’uno presupposto epistemologico dell’altro. Il pervertimento del carattere, la deviazione dell’istinto, frutti avariati della contaminazione, delineavano una “rottura” della coerenza etica nella fase dello sviluppo, una vera e propria “dissociazione” tra intelletto e carattere. Fu per questo sentiero inedito dell’anomalia che si ingrossarono le fila dell’infanzia che conobbe l’internamento manicomiale.

  • 15 Giuseppe Pellacani, medico presso il manicomio di Bologna (che avrebbe diretto dal 1931 al 1955), (...)

13Nel 1922, Giuseppe Pellacani15 conduce uno dei primi studi clinici sulle Particolari sindromi psicopatiche da encefalite epidemica nei ragazzi in cui espone la casistica di 6 minori osservati fra i ricoverati dell’ospedale psichiatrico di Bologna. La storia anamnestica e clinica di questi bambini, o poco più che tali, ripeteva un copione routinario. Tra il 1919 e il 1921, l’EL si era presentata con tutto il suo armamentario sintomatologico: alcuni giorni di febbre, lo stato soporoso, talvolta l’insonnia e l’agitazione notturne, i disordini psicomotori, le allucinazioni. Poi, a distanza di qualche mese, quando la fase acuta era stata superata,

  • 16 Pellacani 1922, p. 334.

sintomi psicopatici del tutto particolari si possono osservare […] a carico così delle funzioni sentimentali e del carattere, come degli istinti fondamentali, quali quelli di conservazione individuale e l’istinto sessuale […], costituendo particolari sindromi psicopatiche molto interessanti16.

  • 17 Pellacani 1922, p. 334-335.

14Così Duilio, appena dodicenne, il 14 febbraio 1922 arriva in manicomio. «Mentre antecedentemente il carattere era buono, disciplinato, remissivo, […] e il ragazzo frequentava regolarmente la scuola, egli è diventato vivamente irrequieto, instabile, eccitabile, aggressivo, impulsivo, manesco». Inoltre, si spaventa facilmente, anche per futili motivi, al punto che una volta ha «scambiato l’ombra di un albero per un cadavere: cadde a terra, e vi rimase per vario tempo incosciente». La paura e la suggestionabilità sono aggravate da un corpo che oppone resistenza alle sue volontà elementari: «atteggiamento quasi statuario, inerte, con mimica rilasciata e bocca semiaperta da cui cola la saliva». Il suo diario clinico riporta uno stato psichico in cui l’irrequietezza improvvisa, il pianto e il riso, la paura, la stolidità sono note caratteristiche di un soggetto definito “improprio”. Mentre le funzioni intellettive risultavano normali, lui d’un tratto «balla, si corica, si rialza, fa smorfie e movimenti del capo e degli occhi, […] diviene manesco, impulsivo, violento»17.

15Diversa per genere e provenienza sociale, la storia di Maria, una studentessa tredicenne di Bologna, appartenente a una famiglia molto ricca. Nel suo caso la mutazione radicale del carattere veniva declinata con la postura morale alla quale, fino a quel momento, una ragazzina della sua estrazione era stata educata:

  • 18 Pellacani 1922, p. 340.

Divenne bugiarda, falsa, chiusa in sé stessa, inaffettiva verso i famigliari, insofferente di consigli ed ammonimenti, con tendenze a star fuori di casa, a stringere amicizie inadatte alla sua condizione (con donne di servizio, ecc.), a condurre vita disordinata e oziosa. In queste sue nuove relazioni […] è predominante un elemento erotico di simpatia, di attaccamento a base sensuale. Pare si masturbi; ha indotto un suo fratello minore a compiere atti libidinosi con lei (toccamenti, baci alle regioni genitali)18.

  • 19 Pellacani 1922, p. 341-342.

16L’evidente discrasia tra la vita emotiva e affettiva condotta prima dell’epidemia e le reazioni successive di segno opposto, durante la fase delicata dello sviluppo, pose alcune questioni sul ruolo svolto da un agente virale in questa mutazione. Il docente di neuropatologia di Bologna, pur ritenendo difficile la puntuale localizzazione delle lesioni, non ebbe dubbi nel sostenere la tesi di alterazioni organico-funzionali a carico dei centri corticali, responsabili della attività “istintive-affettive-sentimentali”: «I tempi di una psicologia speculativa e di una psichiatria astratta … devono essere superati»19.

17Tuttavia queste ipotesi non potevano trovare facile riscontro visti i limiti delle tecniche d’indagine. L’osservazione empirica operata attraverso gli esami anatomo-patologici post mortem si dimostrò insufficiente a corroborare la sola tesi “organicista”.

  • 20 Agostini cita due studi francesi (Collin – Requin 1923; Claude – Robin 1924) che erano stati fra i (...)
  • 21 Agostini 1924, p. 46-47.
  • 22 Agostini 1924, p. 48.
  • 23 Agostini 1924, p. 69.

18Fu Giulio Agostini, nel 1924, a incrementare l’analisi, attraverso le storie cliniche del Manicomio di Perugia. Gli 8 casi – soprattutto adolescenti – frutto delle sue osservazioni avevano il vantaggio di confrontarsi con la letteratura scientifica internazionale circa il pervertimento del carattere durante l’adolescenza. Agostini ha così modo di verificare che le descrizioni rese da Collin e Requin sono confermate anche dai suoi casi: fino ai sette anni, i bambini sembrano subire un “arresto psichico”20. Dai 7 ai 20 anni «si avrebbero particolari modificazioni del carattere […]. I disordini si fanno sempre più gravi quanto più colpiscono il giovane paziente nel periodo della pubertà»21. Accanto alla precocità dell’istinto sessuale che si estrinseca attraverso diverse gradazioni – dall’autoerotismo alla violenza carnale ‒ «molto comune è la tendenza al mendacio […], a manifestazioni criminose come furto e omicidio»22. La deriva antisociale che consegue a certe azioni rende impossibile la convivenza familiare: «per questo tali pazienti interessano non soltanto dal punto di vista clinico, ma anche e forse di più da quello medico-legale»23. Lo psichiatra umbro non risparmia particolari sulle storie e gli esami psichici di Gina, tredicenne, e di Faustina, sedicenne, che ebbe modo di osservare nella Casa Penale Femminile di Perugia.

19Ricoverata il 29 agosto del 1921, già dal maggio dello stesso anno Gina:

  • 24 Agostini 1924, p. 50.

cominciò a manifestare un cambiamento notevole del carattere per cui divenne irrequieta, cattiva, svogliata […]. Spesso se ne scappava di casa e marinava la scuola. Tanto era buona prima, esclamò il padre, quanto è cattiva ora24.

  • 25 Agostini 1924, p. 51.
  • 26 Agostini 1924, p. 51-54, passim.

20Gina è la più grande fra 4 fratelli rimasti in vita, dopo che sua madre aveva portato a termine 9 gravidanze. Figlia di un padre “bevitore”, dovendo badare a un fratello lattante mentre i suoi genitori erano al lavoro, non sapendo più come placare il pianto del neonato, gli aveva stretto la testolina e, su sua stessa ammissione, «dice di averlo ucciso conficcandogli un dito nel cranio là dove vedeva ballare la pelle (fontanella bregmatica)»25. Il diario clinico ne esalta i tratti di “deviazione etica” entrando nei dettagli del suo contegno quotidiano: sputa addosso alle altre ricoverate, le molesta di notte, fa i dispetti, è sempre sudicia, usa linguaggio sconcio, si fa vanto delle relazioni sessuali precoci che ha avuto con diversi ragazzi quando, nella primavera del 1920, alcuni di loro «cominciarono a farle delle carezze e quindi la violentarono; essa dice che lasciò fare per un pezzo perché trovava piacere ma poi prese a ribellarsi […]. Essa corse a casa e dice che perdeva sangue dai genitali». Per i tre anni successivi, la stereotipia del lessico clinico rappresenta Gina in un decadimento progressivo di cui l’esistenza vissuta sembra essere epifenomeno della malattia. Il corpo si irrigidisce in movimenti sempre più “automatici”. E tuttavia nel discorso psichiatrico della cartella questo “automa” non dismette forza e radicalità del pervertimento caratteriale: «la P. continua ad essere scorretta, con tendenze gravi ad essere menzognera […]. Ha frequenti crisi di collera; se può ruba alle altre ricoverate quello che possono avere»26.

21Diversamente da Gina, Faustina era già incappata nelle maglie della giustizia per un furto aggravato che l’aveva condotta in casa di pena. Anche in questo caso il diario la descrive come cattiva, prepotente, disubbidiente. La tendenza a rubare, che lei non nasconde, sembra essere un desiderio incoercibile che soddisfa per poi realizzare i bisogni tipici della sua età: ninnoli, dolci, poco altro. Dice persino che è spinta a farlo per aiutare la sua famiglia, verso cui mostra profondo affetto, ma che versa in cattive acque.

  • 27 Marro 1901.

22Nelle deduzioni finali, Agostini circoscrive alcune questioni che già impegnavano il dibattito medico: l’encefalite letargica poteva, da sola, modificare così profondamente l’istinto e il carattere di soggetti che, il più delle volte, non presentavano nessuna “eredità morbosa”? Il virus aveva compromesso maggiormente coloro i quali, invece, presentavano una debolezza costituzionale o proveniente da un milieu compromesso? Perché l’età pubere – come già aveva indicato Marro27 ‒ «sembra rendere più grave l’insufficiente attività dei freni inibitori», prediligendo la sfera istintivo-emotiva? L’EL configurava la possibilità di nuove forme di pazzia morale?

  • 28 Vedi anche alcuni lavori che ebbero un certo rilievo nel dibattito in Italia: Ruata 1922; Camia 19 (...)
  • 29 Agostini 1924, p. 70.

23Queste domande ricorrono con frequenza nei contributi degli anni successivi28. I casi interessati dal fenomeno non sono più isolati e sporadici, ma riguardano ormai ogni ospedale e istituto. Per la psichiatria e la neuropsichiatria infantile dell’epoca, trovare od orientare delle risposte significava poter motivare la nascita di istituti specializzati che ospitassero i giovani encefalitici. Agostini auspica che anche in Italia – come era già accaduto in Svizzera e negli Stati Uniti – possano sorgere istituti in grado di sottrarre i minori alla vita manicomiale fra adulti o alle case di correzione29. E tuttavia, questa differenziazione, se da un lato individuava un tipo specifico di assistenza, dall’altro perseguiva l’idea di universi asilari separati, distanti e incompatibili con la vita familiare e sociale.

  • 30 Alcuni contributi riportarono casi in cui il disturbo ossessivo incoercibile si traduceva in forme (...)

24Dentro questi contesti, la tipizzazione del giovane malato mentale, affetto da sindrome post encefalitica, diventa terreno di applicazione sperimentale per un confronto, ancora acerbo, tra l’approccio neurologico e l’approccio psicodinamico. Mi limito a segnalare, tra i tanti lavori usciti fra il 1926 e il 1930 in Italia, quelli di Giovanni Dalma, Carmelo Ventra, Giovanni De Nigris, Luisa Levi. Partendo dal fondamento di una malattia di sicura origine organica (un virus appunto), questi autori devono misurarsi con un limite intrinseco alla sola ricerca neurofisiologica dei disordini “etici” che si riscontrano nell’infanzia e nell’adolescenza. Pur giungendo a conclusioni teoriche diverse, frutto anche della formazione da cui provengono, tutti ritengono che solo “una doppia strada” integrata, quella organica e quella psicodinamica, può aiutare a comprendere i meccanismi di costituzione dell’identità in formazione. Ecco perché quando Dalma, dal manicomio di Cremona, riporta il caso di Grazia, 16 anni, una fanciulla, in cui oltre alle note caratteriali alterate, si presentano disturbi ossessivi irrefrenabili30, non può fare a meno di ricorrere al repertorio teorico delle nevrosi ossessive:

  • 31 Dalma 1927, p. 70-71.

Grazia si presenta lucida ed orientata. […] Facilmente irritabile, risponde alle compagne in modo eccessivo e bizzoso. […] Sviluppatissimo è in lei l’istinto erotico, è carezzevole e civettuola. […] Il disturbo che maggiormente l’affligge è quello dei “nomi”. Dalla mattina alla sera è assillata continuamente da certi nomi che ella è costretta a deformare nel suo pensiero, trasponendo le lettere (p. es. Maria, Ramia, Amria). Finito un nome sorge subito un altro, nomi di persone, bestemmie, parole oscene31.

25Laddove non è possibile spiegare o dimostrare i danni effettivi prodotti alla base dei gangli corticali perché molti dei minori considerati non riportano postumi parkinsoniani, Dalma integra le concezioni di Janet relative alle oscillazioni nella tensione psicologica con le teorie freudiane sull’importanza dei traumi psichici remoti riportati a galla da uno shock emotivo, esito della malattia.

  • 32 Buscaino 1921.

26La sostanziale dissociazione tra intelletto e carattere incide così tanto sulle esistenze di questi pazienti da rendere necessario riscrivere, secondo Ventra, direttore del manicomio di Nocera che fa eco a Buscaino, “una biologia della vita emotiva”32. Le anomalie della condotta sono espressione di un disturbo di qualità. La lesione degenerativa indotta dall’infezione è causa necessaria, ma non sufficiente, a innescare correlazioni funzionali di natura psichica non più in equilibrio.

  • 33 Su questo Damasio 1999.
  • 34 Ventra 1928, p. 207-219: «Risulta chiaro che il carattere, in quanto è concepito come la sintesi d (...)

27La frattura tra sfera intellettiva e sfera volitiva sembravano ricalcare un binomio culturale, di origine cartesiana, di più lunga durata33. L’apparente divisione fra corpo e mente, tra ragione e sentimento, che anche la psichiatria classica aveva mantenuto nelle classificazioni di deliri e manie, si frantumava, ancora una volta, nello spazio e nel tempo di azione di un virus invisibile. Rifugiarsi nella vecchia e indistinta nomenclatura di follia morale, o di anomalie costituzionali ereditarie, attraverso cui “il lungo Ottocento” aveva declinato insieme crimine e pazzia, apparve ben presto un collante insufficiente a sanare la rottura. Lo spiazzamento che l’eccezionalità e gli eccessi del virus innesca costringe, ad esempio, a ridefinire la genealogia di concetti come intelletto, carattere, volontà, impulsi. A tenere banco è una sorta di priorità filogenetica, difendere cioè il fondamento biopsichico di ciò che siamo e sentiamo, o piuttosto, la genesi e il funzionamento subconscio. Se l’inconscio è l’originale e il preliminare di ogni cosciente, come aveva tuonato Freud, questa “paleopsiche” non poteva non avere un ruolo nei mutamenti di sentimenti, di emozioni e di istinti che questa insidiosa malattia faceva vedere plasticamente34.

  • 35 Levi 1930, p. 99. Si veda anche il suo saggio precedente, Levi 1928. Ringrazio Elisabetta Benetti (...)

28Anche Luisa Levi, tra le pochissime donne psichiatre degli anni ’20, pubblicò più di un lavoro sul decorso e la prognosi dell’encefalite epidemica nei ragazzi osservati nei manicomi. Pur partendo dal tentativo di innestare la sindrome di perversità post-encefalitica su soggetti ereditariamente predisposti perché, secondo Levi, la tara ereditaria aggravava la prognosi dei postumi encefalitici, verificò che questa tesi non sempre era suffragata: «Assistiamo così, tra i ragazzi encefalitici, a sindromi che appaiono multiformi e complesse, tanto da lasciare perplessi intorno all’unicità dell’eziologia»35.

  • 36 De Nigris 1928, p. 48.

29Squilibri, tensioni, alterazioni, divisioni. Questo lessico riassumeva tanto gli orientamenti teorici quanto l’esistenza e il futuro di chi subì l’internamento: «Ma un indirizzo unitario per un soddisfacente chiarimento di tutti questi complessi fenomeni, sia nello psichico che nell’organico, si potrà avere solo quando potrà essere gettato un solido ponte che superi l’abisso colmo d’incertezze e d’ignoto che tuttora li divide»36.

Una crisalide intrappolata: la vita di Delfina in un manicomio toscano

  • 37 Per la consultazione d’Archivio storico dell’ex Ospedale Neuropsichiatrico (d’ora in poi Asona) ve (...)
  • 38 Asona, serie Custodia domestica dei fatui, filza 876; registro 877 sugli encefalitici che godetter (...)

30Questa ricerca è iniziata a partire da un progetto sull’infanzia femminile nell’Ospedale Neuropsichiatrico di Arezzo37, analizzando un corpus complessivo di circa 1.300 cartelle cliniche alla ricerca delle fanciulle, in un periodo compreso tra il 1901 e il 1952. Numero a cui va aggiunta la consultazione dei documenti relativi alla custodia domestica dei fatui, una misura che il manicomio toscano ha molto esteso sul territorio per impegno del suo longevo direttore, lo psichiatra Arnaldo Pieraccini38.

  • 39 Asona, Sezione neurologica, b. 892, fasc. 2-3: Carte varie sulle origini e i primi anni di attivit (...)
  • 40 Sulla cura bulgara in Italia: Mazzarello 2013.

31Non potevano passare inosservati alcuni casi di encefalite letargica che, a partire dalla metà degli anni Venti, lo spoglio della documentazione sanitaria mi metteva sotto gli occhi. Dietro questa classificazione avrei scoperto come l’epidemia non aveva risparmiato la provincia aretina, coinvolgendo in maniera sostenuta il suo manicomio nel decennio compreso tra il 1926 e il 1937. Le ragioni sono diverse. La prima è che il manicomio di Arezzo, proprio nel 1926, aveva inaugurato un padiglione neurologico che affiancava le sezioni mentali, rimanendo tuttavia autonomo e distinto nel suo funzionamento interno, non obbedendo alle norme sul ricovero coatto previsto dalla legge del 190439. La seconda è aver potuto ricostruire, invece, quanto e come le sindromi post-encefalitiche nelle bambine e nelle adolescenti funzionarono da vaso comunicante tra i ricoveri brevi e gli esami condotti nella sezione neurologica e il successivo “trapasso” al lungo internamento manicomiale. A tenere insieme questi due elementi ce n’era un terzo, non irrilevante. Nei primi anni Trenta, un rimedio terapeutico riaccese le speranze di molti pazienti nei quali la sintomatologia parkinsoniana avanzava senza soluzione di continuità. Un rimedio “regale” e a tratti “taumaturgico”, visto l’impegno profuso dalla regina d’Italia, la montenegrina Elena, per la produzione dell’estratto e l’accesso alla cura. L’atropina, ottenuta dai decotti di radice della pianta di belladonna, veniva somministrata apportando, sul breve periodo, notevoli benefici. Non fu così, tuttavia, per chi dall’EL aveva ereditato disordini mentali durante la fase dello sviluppo. Ma questa “sperimentazione” proseguì per molti anni e anche l’ospedale toscano fu tra gli istituti italiani che con l’emanazione del Decreto legge del 1937, che regolava la distribuzione e il trattamento del vegetale, riuscì ad assicurare gratuitamente la cosiddetta cura bulgara40.

  • 41 Pieraccini 1927, p. 3-10.

32Il manicomio aretino istituì una sezione per neuropatici non senza tensioni, e le reazioni della psichiatria italiana alla notizia furono ambivalenti. Ne diede conto Arnaldo Pieraccini in una comunicazione in cui cercava di rispondere, dopo 11 mesi di attività del reparto neurologico, alle obiezioni più ficcanti41. L’iniziativa a molti era parsa come l’ulteriore smacco alla “cenerentola” scienza psichiatrica, dopo che la riforma Gentile del 1925 aveva fuso insieme in un’unica cattedra universitaria la neurologia e la psichiatria, con un’evidente intenzione di danneggiare quest’ultima. L’orientamento somatico e biologista, sostenuto dalle scelte politiche e dallo spirito del regime fascista, tendeva innanzitutto a ostacolare l’incontro con la psicologia e la psicanalisi.

  • 42 L’iniziativa aretina ricevette critiche ed obiezioni da parte di diversi psichiatri, fra cui Anton (...)
  • 43 Martini 1938, p. 721.

33Inoltre, un regime assistenziale a “degenza breve” per i pazienti neuropatici rischiava di compromettere l’organizzazione dei padiglioni mentali “chiusi”, già da anni sottodimensionati per numeri e risorse42. Ma il direttore Pieraccini, alla guida dell’istituto da più di vent’anni, aveva saputo “annusare” i cambiamenti e cogliere l’opportunità. Era un convinto sostenitore degli stretti rapporti tra psichiatria e neuropatologia e della benefica influenza che l’unità dei due approcci avrebbe determinato su discipline dai confini “labili e indeterminati”. Pieraccini aveva consolidato questa posizione con l’esperienza. Durante la prima guerra mondiale si era fatto promotore di due reparti dedicati alla cura di militari che avevano riportato traumi e ferite nervose di guerra43.

34Divenuto realtà, nel primo decennio di attività, il padiglione neurologico voleva produrre un ulteriore effetto: mutare la percezione di un luogo in cui non si veniva soltanto “reclusi” come alienati, ma “curati” per patologie “senza compromissioni mentali”. Si edificava così un dispositivo ospedaliero che da un lato allargava le maglie sociali ed economiche dell’assistenza, dall’altro rafforzava l’idea che dall’epilessia alla schizofrenia, passando per sordomutismo, encefalite, depressione, tutto lì doveva e poteva trovare posto:

  • 44 Martini 1938.

L’ardita riforma […] è riuscita alla prova pratica felicemente, sia per i risultati raggiunti, oltre quello di aver accresciuto il valore morale dell’Istituto ed averne intensificato i benefici sociali, sia per la simpatia suscitata nel pubblico senza far più alcuna differenza fra il nostro […] e un comune ospedale44.

  • 45 Martini 1938, p. 733-740. In un decennio di attività, la sezione neurologica registrava un numero (...)

35Fu questo il viatico attraverso cui l’EL fece il suo ingresso in manicomio. A un esame delle statistiche pubblicate nel 1938, l’encefalite si attesta come seconda fra le diagnosi relative alle malattie del cervello: in nove anni sono circa 100 i casi su 611 ricoveri registrati45. Tuttavia soltanto un’attenta comparazione fra le cartelle cliniche delle alienate, i ricoveri neurologici e i registri degli encefalitici assistiti a casa ha fatto emergere il mondo infantile compromesso dal virus. Ci terrei, tuttavia, a soffermarmi sul dato qualitativo del fenomeno, specie quando “toccava” le fanciulle.

  • 46 Il fascicolo è in Asona, Serie Cartelle cliniche, b. 431. Qui vengono presi in esame, in particola (...)

36I frammenti di vita di Delfina, scelti alla fine di queste pagine in funzione meramente esemplificativa, condensano uno spaccato medico-sociale che fa da specchio riflettente sia alla condizione familiare in cui si trovò a crescere, sia della violenza e della marginalizzazione di cui fu oggetto46. La soluzione manicomiale interviene su di lei solo alla fine, riconoscendola ex post affetta da sindrome post-encefalitica. È il suo contegno a far difetto e a motivare un ricovero coatto perché pericolosa a sé e agli altri.

  • 47 Ibid., Studio medico-legale…, fol. 3.
  • 48 Ibid., fol. 4.

37Ha appena 15 anni Delfina quando in pieno inverno, nel dicembre del 1924, fu mandata dalla madre a prendere l’acqua. Delfina rimaneva spesso sola in casa: suo padre era emigrato in Francia e la madre tutti i giorni lasciava il contado per prestare servizio ad Arezzo. Delfina, anche quella volta, incrociò sulla sua strada A.S. che «la prendeva per un braccio e la conduceva dietro un muricciolo. […] Sembra che […] gettandola a terra e strappandole il nastro delle mutandine con lei si congiungesse carnalmente, dopo averla presa per la gola e dopo averle detto “Se lo dici ti strozzo”»47. Dalla ricostruzione riportata nella perizia medico-legale commissionata dal Tribunale nel novembre del 1925 per verificare se la ragazza fosse stata violentata e accertare se fosse incapace di opporre resistenza per vizio di mente, apprendiamo che Delfina aveva subito violenza da più uomini e l’ultima volta la violenza sessuale l’aveva resa gravida. Il 9 settembre del 1925, sull’imbrunire, mentre gli altri fratellini giocavano, C.T. l’avvicinò e la trascinò lontano, verso un uliveto, minacciandola con un coltello se ne avesse fatto parola con qualcuno. Poi, «appoggiandola ad un albero e approfittando del largo cosciale delle mutande, compì su di lei una vera e propria congiunzione carnale»48.

38Nei giorni successivi, sua madre – insospettita da qualche vocìo a mezza bocca del vicinato, e dal silenzio in cui si era chiusa, spaventata, la figlia – la supplica di parlare e la minaccia di lasciarla al manicomio quando decide di portarla in visita al prof. Pieraccini. Delfina confessa, sebbene soggiogata dalla paura. L’istruttoria che seguì alle denunce della madre si sarebbe preoccupata di indagare, attraverso testimonianze del vicinato e certificazioni psichiatriche, come «una certa tendenza a cercare ed attirare gli uomini» dipendesse da uno smodato istinto sessuale, unito all’irritabilità del carattere e a un ottundimento persistente della volontà. La perizia su Delfina si presenta come un documento dettagliatissimo, specie nella definizione del quadro morboso encefalitico, a cui viene premesso il racconto anamnestico:

  • 49 Ibid., fol. 7-8.

Fu nell’autunno del 1919 che la Delfina si ammalò con febbre, […] il medico che la ebbe in cura ritenne trattarsi di una vera e propria meningite. […] Pare che quasi tutte le ore del giorno le passasse in preda al sonno; […] si racconta che alla Delfina era rimasta la bocca storta con la emissione involontaria di saliva, […] e così l’andatura propulsa in avanti con i piedi strascicanti sul terreno, e con la parola impacciata, lenta, strascicata, […] e lo sguardo inespressivo fiacco nell’occhio balenato49.

  • 50 Ibid., fol. 8-14, passim.

39Nell’arco di un mese i sintomi si alleviarono, ma Delfina non fu più la stessa: apatica, mangiava senza freni, lenta, disorientata. Cominciò a rubare nei campi “senza ritegno e senza vergogna”. Impulsiva, attaccabrighe, inerte, «la madre assicura che la Delfina, che da piccola era così affettiva e festosa, adesso è indifferente, insensibile a tutti. Non prende parte alle correzioni e ai consigli, […] il suo umore è variabile, spesso sghignazza e ride per nulla, sfacciatamente»; non discerne il buono dal cattivo e «perfino il pudore […] non è assolutamente sentito»50.

40Così, nel vicinato, Delfina ha già una brutta nomea: è una ragazzina “svergognata”, di facili costumi.

  • 51 Ibid., fol. 5.
  • 52 Archivio di Stato di Arezzo (ASAr), Fondo Tribunale, Serie Tribunale Penale di Arezzo-Sentenze, In (...)
  • 53 Sulla responsabilità civile e penale dei minori affetti da EL che delinquono: Ventra 1928; Bonazzi (...)

41La ricca anamnesi è accompagnata dagli esami fisico e psichico; a quest’ultimo concorsero anche le osservazioni di Arnaldo Pieraccini, che certifica: «postumi di encefalite letargica con deficienza mentale»51. L’esame ginecologico, intanto, accertava una gravidanza al secondo mese. Ciò che la perizia, in ultima analisi, era tenuta a dimostrare era se la pregressa malattia, erroneamente confusa con una comune meningite al suo manifestarsi, e che “altro non era che la encefalite letargica”, potesse motivare la mancata resistenza della ragazza alle violenze. Il dispositivo medico-legale, in effetti, dilungandosi minuziosamente sulla letteratura scientifica che dalla scoperta di Economo aveva chiarito il quadro patologico del morbo, poneva un problema di secondo livello, che vedeva confrontarsi medici e giuristi: a fronte di una rallentata capacità psico-motoria, e di fronte ad evidenti “lesioni della volontà” e di pervertimento dell’istinto, poteva giudicarsi ridotta o assente la capacità mentale di Delfina? La sentenza che chiuse il processo, pur condannando gli imputati per violenza carnale su minore, non riconobbe l’aggravante di un atto commesso su un soggetto non capace: «Se anche ed indiscutibilmente le condizioni mentali della D.C. risultano minorate in conseguenza della grave malattia sofferta, non può questo suo stato assurgere alla importanza di un vero stato patologico tale da escludere la capacità»52. Sarebbe stata ancora lunga la strada per riconoscere la diminuita o nulla responsabilità negli encefalitici53.

42Tra gli effetti che la sentenza produsse, tuttavia, si deve annoverare il primo ricovero in un ospedale psichiatrico di Delfina. Qui trascorre il Natale del 1925. È anagraficamente poco più che una bambina, ma le malate adulte con cui condivide la camerata la aiutano come possono ad affrontare la prima gravidanza. Il 7 maggio del 1926 viene visitata dall’ostetrica, e alla fine dello stesso mese viene dimessa per essere condotta all’ospedale civile dove partorisce. Dal diario clinico riportato nella sua cartella clinica apprendiamo però che il 16 giugno Delfina viene ricondotta di nuovo in manicomio, col neonato:

  • 54 Asona, Serie Cartelle cliniche, b. 431, Diario clinico.

ci volle del buono e del bello a persuaderla a separarsi da lui. Pianto per tutta la sera, ha poi cominciato a riabituarsi alla vita manicomiale. È tranquilla, dorme. Ogni tanto ricorda la sua creatura e rimpiange di non poterla avere seco54.

43La docilità che contraddistingue la sua condotta manicomiale convince Pieraccini a vagliare la possibilità di riaffidare la ragazza alla famiglia, pur garantendo un obolo mensile tramite l’assistenza provinciale. Ma a ogni tentativo il manicomio riceve il secco rifiuto della madre, timorosa dei comportamenti pregressi della figlia e quindi certa di non poterla in alcun modo sorvegliare. Soltanto il ritorno del padre dalla Francia, nel 1929, consente un tentativo di dimissione. Un esperimento che dura pochi mesi perché nel maggio del 1930 è la stessa Delfina a chiedere di tornare in manicomio. A casa viene accolta male, è deperita e “preferisce” avere un pasto sicuro e il suo lavoro da cucitrice. Non uscirà più Delfina, fino al 1938, quando si addormenta per sempre.

  • 55 Mazzarello 2013, p. 100.
  • 56 Tutte le citazioni indicate sono prese dal Diario clinico.

44Negli anni in cui “diventa grande” attraverso una vita scandita dai soli ritmi dell’internamento, la sua mente è andata progressivamente deteriorandosi. Il 9 febbraio del 1933 il suo diario riporta: «dalla colonia fu mandata in infermeria perché spesso, colta da improvviso sonno, si addormenta dove trovasi. Ha contrazioni; è costretta a tenere i globi oculari volti verso l’alto». Con gli anni il repertorio parkinsoniano della malattia sembrava riaccendere ciò che era rimasto latente. Venne trattata con malarioterapia e salicilato di sodio gluconato, ma senza nessun risultato. A partire dal 1936, Delfina venne curata con «solfato neutro d’atropina. Molto migliorata con la cura. Lavora molto. Ma la notte, spesso, fugge dal letto sognando. Si azzuffa con le altre». Il diario, fino al 1938, riporta l’alta dose (60 gr) di atropina che continua ad assumere, visti i miglioramenti. Tuttavia, per quanto la ricerca farmacologica già sul finire degli anni Venti avesse dimostrato risultati apprezzabili in pazienti post-encefalitici a cui venivano somministrati questi alcaloidi, l’uso prolungato provocava danni irreversibili a livello intestinale, talvolta con conseguenze letali55. Così registra il diario di Delfina il 25 maggio del 1938: «Muore oggi per enterorragia»56.

45La storia anonima di Delfina ricalca quelle di molte altre e ne rappresenta gli esiti più dolorosi. Negli stessi anni, il numero di pazienti minori che affolla i registri degli encefalitici e confida nelle cure somministrate attraverso il Padiglione neurologico aumenta, tanto che l’Amministrazione provinciale aretina non sempre riesce a far fronte alle spese. Chi aveva alle spalle famiglie in grado di sostenere e accudire questi giovani, non esitò a cercare una soluzione più lontano, laddove su iniziativa governativa nascevano, come a Roma, istituti specializzati dedicati agli encefalitici. Per molti altri, il manicomio fu l’anello ultimo di una catena fatta spesso di miseria e abbandono, nel fiore degli anni.

  • 57 Sacks 1991, p. 60.

46Questi giovani «lebbrosi del nostro secolo»57, in alcuni casi, ebbero un’apprezzabile reazione alla cura di belladonna, utilizzata fino agli anni ’50; poi andarono incontro a una sorta di assuefazione perché nella fase tardiva della malattia la cura risultò del tutto inefficace.

  • 58 Thorpe 1946, p. 312-314; Wilson 1952, p. 274-277.

47Ancora meno fortunati furono tutti coloro sui quali si esercitarono dubbi e aggressivi esperimenti psico-chirurgici: quando il mutamento del comportamento sembrava resistere a ogni forma di rabbonimento, si intervenne con leucotomie frontali che finirono per distruggere anche le facoltà intellettive, prima risparmiate58. In centinaia di migliaia morirono in cronicari, colonie, istituti e manicomi. Con loro si spegneva la storia di una malattia enigmatica, beffarda, ignota.

Una malattia “creativa”: il risveglio del sé

48Il manicomio è uno spazio nel quale si sono programmate forme di esclusione e di costituzione di nuovi (s)oggetti, e in questo senso l’uso delle cartelle cliniche o degli scritti degli internati può essere ancora un punto di osservazione peculiare.

  • 59 Il tema della creatività delle neuropatologie che hanno un forte impatto sulla personalità è stato (...)

49Credo che la storia di un incrocio così paradossalmente “creativo”59 fra un tipo di malattia epidemica e la personalità individuale, tra un danno neurologico e un effetto psichico, abbia prodotto, rovesciandola, una nuova vita della mente per le persone che vi inciamparono. La memoria, l’immaginazione, i movimenti, i desideri, i sentimenti, cambiavano, come se la malattia costringesse a riconoscere un nuovo sé stesso. Ma gli spazi e i saperi con cui si cercò di sbrogliare la matassa umana che l’EL aveva lasciato vivere applicavano una visione meccanicistica, e non dinamica, sia del soggetto che della malattia. Il deficit non divenne risorsa per la cura del sé. Questo tentativo di costruire un’alleanza prolifica fra la neurologia e la psichiatria sarebbe avvenuto solo molti anni più tardi, come Oliver Sacks ha testimoniato attraverso la sua esperienza con i pazienti post-encefalitici al Mount Carmel Hospital di New York nel 1969. Ma Margaret, Miriam, Rose, Ida, dopo che la terapia di L-dopa le ebbe risvegliate dal torpore e dall’assenza esistenziali, scoprirono, insieme a Sacks, che per poter rianimare quel tempo sospeso occorreva parlare di sé, raccontare quel tempo e quegli spazi personali, costruire l’incontro con l’altro come terapia. In quel breve intervallo di nuova vita avevano riacciuffato la loro giovinezza.

Haut de page

Bibliographie

Archivi

Asona = Archivio storico dell’Ospedale Neuropsichiatrico di Arezzo.

ASAr = Archivio di Stato di Arezzo.


Bibliografia primaria

Agostini 1924 = G. Agostini, I perturbamenti del carattere nei ragazzi affetti da encefalite epidemica cronica, in Ann. Ospedale psichiatrico di Perugia, 1924, 18, p. 45-75.

Batten – Still 1918 = F.E. Batten, G.F. Still, Epidemic stupor in children, in Lancet 1918, 1, p. 636.

Bertolani 1926 = A. Bertolani, Pubertà precoce da encefalite epidemica, in VII Congresso Società italiana di Neurologia, Torino, Arti grafiche S. Bernardino, 1926.

Bonazzi 1934 = O. Bonazzi, Delinquente per tendenza o encefalitico?, in Giornale di psichiatria e di neuropatologia, 64, 1939, p. 95-102.

Buscaino 1921 = V. Buscaino, Biologia della vita emotiva, Bologna, Zanichelli, 1921.

Buscaino 1926 = V. Buscaino, Contributo allo studio della patogenesi dell’encefalite epidemica e delle sindromi postencefaliche, in Rivista di patologia nervosa e mentale, 31, 1926, p. 116-160. 

Camia 1926 = M. Camia, L’encefalite letargica nell’età giovanile. Il pervertimento del carattere ed altri sintomi psichici, Torino, Tipografia sociale torinese, 1926.

Claude – Robin 1923 = H. Claude, G. Robin, La syndrome mentale post-encephalitique de l’enfant et la notion de degénérescence mentale, in Ann. Med. Psychologiques, 82, 1924, p. 407-422. 

Collin – Requin 1924 = A. Collin, J. Requin, Sequelles psychiques d’encéphalite épidémique chez les enfants, in Arch. De Med. Des Enfants, 26, 1923, p. 265 e ss.

Cruchet et al. 1917 = R. Cruchet, J. Moutier, A. Calmettes, Quarante cas d’encéphalomyélite subaiguë, in Bull. Soc. Hôp. Paris, 41, 1917, p. 614-616.

D’Arbela – Montanari 1928 = F. D’Arbela, A. Montanari, La sintomatologia e le forme cliniche dell’Encefalite epidemica, in Rivista di clinica medica, 29, 1928, p. 15-28.

Dalma 1927 = G. Dalma, Considerazioni intorno ad un caso di ideazione coatta in fanciulla postencefalitica, in Il Cervello, 6, 1927, p. 66-90.

De Nigris 1928 = G. De Nigris, L’encefalite epidemica nel carattere e nell’etica individuale, in Archivio generale di neurologia, psichiatria e psicoanalisi, 9. 1928, p. 67-86.

Economo 1917 = C. von Economo, Encephalitis lethargica, in Wiener klinische Wochenschrift, 30, 1917, p. 581-585.

Economo 1920 = C. von Economo, L’encefalite letargica, in Il Policlinico. Sezione medica, a. 27, 1920, p. 93-148.

Economo 1929 = C. von Economo, Die Encephalitis lethargica, ihre Nachkrankheiten und ihre Behandlung, Berlino-Vienna, Urban und Schwarzenberg, 1929.

Emma 1932 = M. Emma, Contributo allo studio della patogenesi delle automutilazioni. Enucleazione di un occhio in un soggetto postencefalitico, in Archivio di Antropologia criminale, psichiatria e medicina legale, 52, 1932, p. 203-217.

Emma 1939 = M. Emma, Postumi da encefalite epidemica della etiologia della criminalità minorile, in Note e riv. di psichiatria, 68, 1939, p. 488-515.

Goodhart – Savitsky 1933 = S.P. Goodhart, N. Savitsky, Self Mutilation in Chronic Encephalitis, in Am. J. Med. Sciences, 133, 1933, p. 1333-1337.

Heiman 1919: H. Heiman, Postinfluenzal encephalitis, in The American Journal of Diseases of Children, 6, 1919, p. 83-87.

Levi 1928 = L. Levi, Sulla decadenza etica dei fanciulli da encefalite epidemica, in Quaderni di psichiatria, 5-6, 1928, p. 81-98.

Levi 1930 = L. Levi, Sul decorso e la prognosi della encefalite epidemica nei ragazzi, in Quaderni di psichiatria, 5-6, 1930, p. 89-102.

Marro 1901 = A. Marro, La pubertà studiata nell’uomo e nella donna, Torino, Fratelli Bocca, 1901.

Martini 1938 = F. Martini, Il primo decennio di accettazione e cura dei neuropatici nell’Ospedale neuropsichiatrico di Arezzo, in Rassegna di studi psichiatrici, 37, 1928, p. 719-751.

McKenzie 1927 = I. McKenzie, Discussion on Epidemic Encephalitis, in Britisch Clinical Journal, 2,1927, p. 532-544.

Morselli 1925 = E. Morselli, Sindromi catatoniformi e schizofrenosimili da encefalite letargica, in Giornale di psichiatria clinica e tecnica manicomiale, 53, 1925, p. 143-179.

Pellacani 1922 = G. Pellacani, Particolari sindromi psicopatiche da encefalite epidemica nei ragazzi, in Il Cervello, 5,1922, p. 333-343.

Pieraccini 1901 = A. Pieraccini, L’assistenza dei pazzi nel manicomio e nella famiglia, Milano, Hoepli, 1901.

Pieraccini 1911 = A. Pieraccini, Sull’assistenza domestica sussidiata degli alienati, in Il cesalpino, VII,1911, (estratto, p. 3-7).

Pieraccini 1927 = A. Pieraccini, Il Padiglione neurologico dell’Ospedale Neuropsichiatrico di Arezzo, in Quaderni di psichiatria, 3-4, 1927,(estratto, p. 3-10).

Pieraccini 1937 = A. Pieraccini, Gli encefalitici e il R. Decreto Legge 29.10.1936, in Atti del XXI congresso della società italiana di psichiatria, Napoli 22-25 aprile 1937, Reggio Emilia, Poligrafia reggiana, 1938.

Ruggeri 1933 = R. Ruggeri, Decorso ed esiti dell’encefalite epidemica nell’infanzia, in La medicina italiana, 11, 1933, p. 676-748.

Ruata 1922 = G. Ruata, Sulla Encefalite Epid. e sul pervertimento del carattere, suo postumo nei bambini, in Note e riviste di psichiatria, 10 (241), 1925.

Ventra 1928 = C. Ventra, Intelletto e carattere in rapporto ai postumi dell’encefalite epidemica, in Il manicomio, 1928, 41, p. 197-244.


Bibliografia secondaria

Babini 2009 = V.P. Babini, Liberi tutti. Manicomi e psichiatri in Italia: una storia del Novecento, Bologna, 2009.

Damasio 1999 = A. Damasio, L’errore di Cartesio. Emozione, ragione e cervello umano, Milano, 1995 (ed. or. 1994).

Ehrenberg 2019 = A. Ehrenberg, La meccanica delle passioni. Cervello, comportamento, società, Torino, 2019 (ed. or. 2018).

Fiorani 2015 = M. Fiorani, Pieraccini, Arnaldo, in Dizionario biografico degli Italiani, Roma, 2015, p. 83.

Foley 2012 = P. Foley, The Encephalitis lethargica Patient as a Window on the Soul, in L.S. Jacyna, S.T. Casper (a cura di), The neurological patient in history, New York, 2012, p. 184-212.

Foley 2018 = P. Foley, Encephalitis Lethargica. The mind and brain virus, Sydney-New York, 2018.

Gherardi – Montani 2004 = S. Gherardi, P. Montani, Inventario dell’archivio storico dell’Ospedale Neuropsichiatrico di Arezzo, Arezzo, 2004.

Hoffman – Vilensky 2017 = L.A. Hoffman, J.A. Vilensky, Encephalitis lethargica: 100 years after the epidemic, in Brain. A Journal of Neurology, 140, 2017, p. 2246-2251.

Mazzarello 2013 = P. Mazzarello, L’erba della regina. Storia di un decotto miracoloso, Milano, 2013.

Mecacci 1998 = L. Mecacci, Psicologia e psicoanalisi nella cultura italiana del Novecento, Roma-Bari, 1998.

Ravenholt – Foege = R.T. Ravenholt, W.H. Foege, 1918 influenza, encephalitis, parkinsonism, in Lancet, 2, 1982, p. 860-864.

Sacks 1991 = O. Sacks, Risvegli, Milano, 1991 (ed. or. 1976; 1 ed. it. 1987).

Sacks 1995 = O. Sacks, Un antropologo su Marte, Milano, 1995 (ed. or. 1995).

Sacks 2010 = O. Sacks, L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello, Milano, 2010 (ed. or. 1985).

Setaro 2017 = M. Setaro, Capricciose, incorreggibili, disubbidienti. Storie di bambine in manicomio, in M. Setaro, M. Baioni (a cura di), Asili della follia. Storie e pratiche di liberazione nei manicomi toscani, Pisa, 2017, p. 35-56.

Thorpe 1946 = F.T. Thorpe, Prefrontal leucotomy in treatment of post-encephalitic conduct disorder, in The British Medical Journal, 1, 1946, p. 312-314.

Vilensky – Foley – Gilman, 2007 = J.A. Vilensky, P. Foley, S. Gilman, Children and Encephalitis Lethargica: A Historical Review, in Pediatric Neurology, 37, 2007, p. 79-84.

Wilson 1952 = WP. Wilson, Treatment of behavior disorders incidental to organic cerebral disease by prefrontal lobotomy, in Diseases of the Nervous System, 13, 1952, p. 274-277.

Haut de page

Notes

1 Foley 2018.

2 Sacks 1991, p. 51.

3 McKenzie 1927, p. 532 [corsivo mio].

4 Sacks 1991, p. 52. L’opera di Oliver Sacks, Risvegli, prende le mosse dalla sua esperienza come giovane neurologo presso il Mount Carmel Hospital di New York nel 1969. Qui erano stati rinchiusi, dopo la pandemia di EL che aveva raggiunto gli USA quaranta anni prima, i pazienti che, pur sopravvivendo, ne erano stati gravemente colpiti. La capacità narrativa di Sacks ha reso il racconto di ciò che avvenne a questi malati, dopo la somministrazione sperimentale di L-Dopa, un capolavoro della letteratura mondiale.

5 Economo 1920, p. 95. Nato in Romania, Costantin von Economo cresce e si forma a Trieste. La sua carriera di medico rimane legata all’identificazione e allo studio dell’EL, su cui pubblica tre fra i suoi lavori principali: Economo 1917, 1920, 1929.

6 Ravenholt – Foege 1982, p. 860-864. Su eziologia ed epidemiologia del virus: Hoffman-Vilensky 2017, p. 2246-2251.

7 Cruchet et al. 1917.

8 Hoffman – Vilensky, p. 2246; Sacks, p. 437-438.

9 Foley 2012, p. 184-211.

10 Economo 1929, p. 189-190.

11 Batten – Still 1918, p. 636.

12 Heiman 1919, p. 83-87. Per l’analisi storica del rapporto tra infanzia ed encefalite letargica: Vilensky – Foley – Gilman 2007, p. 79-84; Foley 2018, p. 413-481.

13 Sull’impatto epidemiologico del virus in età pediatrica: Vilensky – Foley – Gilman 2007, p. 80. Per i primi dati epidemiologici in Italia: D’Arbela – Montanari 1928, p. 14-23; Ruggeri 1933.

14 L’erba della regina, (Mazzarello 2013), ha colmato un lungo silenzio di ricerca storica sull’epidemia di EL in Italia. Il libro indaga la storia di una delle poche terapie che ebbe effetti apprezzabili sulle sindromi post-encefalitiche. La cura bulgara, ottenuta dal decotto di belladonna, cela una storia più grande e “regale”, vale a dire l’impegno profuso dalla regina d’Italia, la montenegrina Elena, nel far conoscere le proprietà miracolose di una pianta, utilizzata da un raccoglitore d’erbe dell’Est, su chi veniva colpito dallo strano morbo.

15 Giuseppe Pellacani, medico presso il manicomio di Bologna (che avrebbe diretto dal 1931 al 1955), fu libero docente di neuropatologia e psichiatria.

16 Pellacani 1922, p. 334.

17 Pellacani 1922, p. 334-335.

18 Pellacani 1922, p. 340.

19 Pellacani 1922, p. 341-342.

20 Agostini cita due studi francesi (Collin – Requin 1923; Claude – Robin 1924) che erano stati fra i primi a mettere in discussione lo stretto rapporto tra tare congenite ed EL.

21 Agostini 1924, p. 46-47.

22 Agostini 1924, p. 48.

23 Agostini 1924, p. 69.

24 Agostini 1924, p. 50.

25 Agostini 1924, p. 51.

26 Agostini 1924, p. 51-54, passim.

27 Marro 1901.

28 Vedi anche alcuni lavori che ebbero un certo rilievo nel dibattito in Italia: Ruata 1922; Camia 1926; Bertolani 1926; Buscaino 1926; Morselli 1925.

29 Agostini 1924, p. 70.

30 Alcuni contributi riportarono casi in cui il disturbo ossessivo incoercibile si traduceva in forme di automutilazione. Destò raccapriccio la storia clinica pubblicata nel 1932 da Michele Emma, psichiatra dei Reali ospedali psichiatrici di Torino. La ragazza aveva sofferto di EL all’età di 14 anni. La cartella la riporta come inerte, allucinata, riferiva di voler estrarre dalla testa le bestioline che sentiva dentro di sé. Una mattina d’agosto, nonostante avesse i polsi legati al letto, riuscì col dito a enuclearsi l’occhio destro dall’orbita: cfr. Emma 1932, p. 202-217. Vedi anche Goodhart – Savitsky 1933, p. 674-684.

31 Dalma 1927, p. 70-71.

32 Buscaino 1921.

33 Su questo Damasio 1999.

34 Ventra 1928, p. 207-219: «Risulta chiaro che il carattere, in quanto è concepito come la sintesi delle sensazioni e delle percezioni, dei sentimenti e delle emozioni, […], degli impulsi, degli istinti, consta di elementi […] ideo-affettivi ed etici, cioè di elementi incoscienti e coscienti, intrinsecamente connessi», ivi, p. 214. Sulla ricezione di Freud in Italia e sul “mancato” incontro tra psichiatria e psicanalisi cfr. Babini 2009, p. 59-83; vedi anche Mecacci 1998.

35 Levi 1930, p. 99. Si veda anche il suo saggio precedente, Levi 1928. Ringrazio Elisabetta Benetti che, attraverso il suo lavoro di tesi di dottorato (2017), mi ha suggerito i contributi di Luisa Levi con sull’EL.

36 De Nigris 1928, p. 48.

37 Per la consultazione d’Archivio storico dell’ex Ospedale Neuropsichiatrico (d’ora in poi Asona) vedi: Gherardi – Montani 2004.

38 Asona, serie Custodia domestica dei fatui, filza 876; registro 877 sugli encefalitici che godettero del sussidio provinciale per l’assistenza domestica cosiddetta di “tipo Pieraccini”: Pieraccini 1901, 1911. Sul tema vedi anche Guarnieri 2007; Setaro 2017, p. 53-55. Per un profilo esaustivo di Arnaldo Pieraccini: Fiorani 2015.

39 Asona, Sezione neurologica, b. 892, fasc. 2-3: Carte varie sulle origini e i primi anni di attività 1921-1942; Diagnosi ed informazioni statistiche sui ricoverati 1926-1937.

40 Sulla cura bulgara in Italia: Mazzarello 2013.

41 Pieraccini 1927, p. 3-10.

42 L’iniziativa aretina ricevette critiche ed obiezioni da parte di diversi psichiatri, fra cui Antonio D’Ormea, direttore del vicino manicomio senese, e Giuseppe Antonini, direttore del manicomio di Mombello. Ad entrambi Pieraccini esponeva, invece, i suoi convincimenti, che lo allineano alle posizioni maturate nello stesso periodo anche da Pellacani, De Lisi, Tumiati che caldeggiavano la nascita di sezioni neurologiche nei manicomi. Cfr. Martini 1938, p. 719.

43 Martini 1938, p. 721.

44 Martini 1938.

45 Martini 1938, p. 733-740. In un decennio di attività, la sezione neurologica registrava un numero di ricoveri complessivo pari a 2627. Nel 1936, Pieraccini indicava nel numero di 70 gli encefalitici ricoverati nel Padiglione Neurologico, oltre a quelli ricoverati come alienati o assistiti a casa con sussidio: cfr. Pieraccini 1937.

46 Il fascicolo è in Asona, Serie Cartelle cliniche, b. 431. Qui vengono presi in esame, in particolar modo, lo Studio medico-legale sulle condizioni di C.D., redatto dai periti medici Nucci e Fiamma (fol. 1-25) il Diario clinico compilato dal 1926 al 1938 ca.

47 Ibid., Studio medico-legale…, fol. 3.

48 Ibid., fol. 4.

49 Ibid., fol. 7-8.

50 Ibid., fol. 8-14, passim.

51 Ibid., fol. 5.

52 Archivio di Stato di Arezzo (ASAr), Fondo Tribunale, Serie Tribunale Penale di Arezzo-Sentenze, Inv. n. 3841, lett. P, n. I 416.

53 Sulla responsabilità civile e penale dei minori affetti da EL che delinquono: Ventra 1928; Bonazzi 1934; Emma 1939.

54 Asona, Serie Cartelle cliniche, b. 431, Diario clinico.

55 Mazzarello 2013, p. 100.

56 Tutte le citazioni indicate sono prese dal Diario clinico.

57 Sacks 1991, p. 60.

58 Thorpe 1946, p. 312-314; Wilson 1952, p. 274-277.

59 Il tema della creatività delle neuropatologie che hanno un forte impatto sulla personalità è stato centrale nelle riflessioni di Oliver Sacks: Sacks 1991, 1995, 2010; Erhenberg 2019, p. 35-42.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Marica Setaro, « Le belle addormentate in manicomio »Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines, 133-1 | 2021, 197-210.

Référence électronique

Marica Setaro, « Le belle addormentate in manicomio »Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En ligne], 133-1 | 2021, mis en ligne le 13 octobre 2021, consulté le 27 novembre 2022. URL : http://journals.openedition.org/mefrim/10158 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefrim.10158

Haut de page

Auteur

Marica Setaro

Laboratoire SAGE – Université de Strasbourg - setaro@unistra.fr

Haut de page

Droits d’auteur

Tous droits réservés

Haut de page
  • Logo Publications de l’École française de Rome
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search