Navigation – Plan du site

AccueilNuméros133-1Bambini e ragazzi “perduti”. Devi...Ascoltare la voce delle bambine

Bambini e ragazzi “perduti”. Devianza, disabilità e follia tra infanzia e adolescenza (secc. XVI-XX)

Ascoltare la voce delle bambine

Casi clinici e interpretazioni psicoanalitiche nella pratica psichiatrica degli anni Trenta
Elisabetta Benetti
p. 211-226

Résumés

Nel 1930 Luisa Levi (1898-1983), giovane psichiatra torinese, pubblicò Impulso a mordere e psiconeurosi, un articolo riguardante alcune bambine che presentavano lo strano sintomo dell’“impulso a mordere”. Questo contributo, attraverso le fonti psichiatriche, ricostruisce i casi clinici di due bambine e cerca di mostrare come l’attenzione all’individuo e ai minori fosse guidata da un lato dal pensiero positivista e dall’altro da interpretazioni di tipo psicoanalitico, che si stavano diffondendo tra gli psichiatri con elaborazioni originali.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Morselli 1930: tra i pochi a occuparsi di casi nella psichiatria degli adulti viene ricordato Giov (...)
  • 2 Levi 1935a. Per un caso clinico sulla psichiatria coloniale, il cui autore era lo psichiatra Angel (...)
  • 3 Sulla categoria di equivalente epilettico, usata spesso da Lombroso e dai lombrosiani, si veda Hac (...)

1I casi clinici riguardanti i minori nel periodo tra le due guerre mondiali ebbero un peso limitato nella letteratura scientifica italiana, come avvenne del resto per la psichiatria degli adulti. Per quest’ultima viene solitamente riportato dalla storiografia l’articolo sul caso Elena di Giovanni Enrico Morselli, che mostra da parte del medico non solo una approfondita analisi clinica riguardante la paziente, ma una chiara volontà di ascoltarne la voce per giungere a una comprensione più approfondita1. Anche Luisa Levi, in un lavoro del 19352, presentò il caso di una giovane contadina piemontese che mostrava aspetti misti di demenza e frenastenia e utilizzò la categoria lombrosiana di “equivalente epilettico protratto”, definito come una sorta di accesso epilettico che tendeva a durare a lungo, soprattutto nella forma di incoscienza, preceduta e seguita da uno stato di depressione e idee fisse3.

  • 4 Babini 2009.

2Per quanto riguarda i minori, la maggior parte degli articoli pubblicati nel periodo riguardava aspetti neurologici e il rapporto tra anormalità e criminalità presente o latente, tuttavia alcuni studi mostrarono interesse per i casi clinici. Va precisato subito che gli articoli incentrati su tali casi furono numericamente esigui e analizzarli permette di porre in evidenza alcune questioni, come si cercherà di mostrare. Un peso così limitato dato allo studio dei casi clinici va indubbiamente collocato dentro la cornice culturale dell’organicismo e del somatismo dominanti e peraltro va posto in relazione con la difficile penetrazione della psicoanalisi, che appare difficilmente negabile4. Tuttavia, considerare la letteratura riguardante i casi dei minori permette di avere uno sguardo più approfondito su quello che stava accadendo e permette di cogliere elementi di novità, i quali poi, per una serie di motivi, non hanno trovato un terreno adeguato sul quale svilupparsi. Penso in particolare alla diffusione di elementi e interpretazioni psicoanalitiche che pure non hanno avuto un’ampia penetrazione nel pensiero psichiatrico.

  • 5 Luisa Levi, nata a Torino nel 1898, si era laureata in medicina nel 1920. Dal 1920 al 1927 aveva c (...)
  • 6 Levi 1930.
  • 7 Hacking 2004, p. 11. La riflessione di Hacking parte dall’osservazione di malattie mentali che han (...)

3Due casi vengono qui considerati, riportati da Luisa Levi5 nell’articolo Impulso a mordere e psiconeurosi nell’infanzia6. Sono accomunati dall’impulso a mordere, che si configurava per molti come sintomo di una “malattia mentale transitoria”, come scriverebbe Ian Hacking, ovvero una malattia che «compare in un dato momento, in un dato luogo, per poi sparire»7. L’impulso a mordere era un sintomo che avrebbe guidato Levi a una diagnosi più complessa e differenziata. L’articolo, nel quale erano presentati i due casi, era stato pubblicato nel 1930 sull’Archivio di antropologia criminale, psichiatria e medicina legale, prestigiosa rivista, come indicava il sottotitolo, fondata da Cesare Lombroso.

L’incontro con due piccole pazienti: Amanda e Tita

  • 8 L’Istituto medico-pedagogico veneziano era sorto per iniziativa di Corrado Tumiati, psichiatra nel (...)

4Alla fine degli anni Venti, Luisa Levi seguì due piccole pazienti, Amanda e Tita, ricoverate nell’Istituto medico-pedagogico veneziano situato a Mogliano Veneto in località Marocco8. Entrambe le bambine si presentavano di intelligenza normale, entrambe affettuose e dolci, entrambe caratterizzate dall’impulso a mordere e a mordersi.

  • 9 Relazione del medico Renzo Crosta sullo stato di salute di Amanda in data 8 gennaio 1930, in AIMPM (...)

5La prima bambina era Amanda R. che aveva dieci anni quando nell’ottobre 1929 entrò nell’Istituto medico-pedagogico, proveniente dall’Ospedale psichiatrico di Sondrio. Arrivò con una lettera in cui il medico condotto del suo paese raccontava la sua storia e spiegava la sua malattia, che in realtà appariva da subito come non del tutto definibile: Amanda a un anno pareva avesse avuto «una malattia mentale a decorso cronico», che si manifestava come «inquietudine» e «ritardo nello sviluppo dell’intelligenza». A scuola di fatto la bambina non imparava nulla. Però, lo notava il medico nella relazione dell’8 gennaio 1930, voleva bene ai suoi familiari. Solo nella parte finale della relazione il medico faceva riferimento a un cane che l’avrebbe morsa: «Non è certo che sia stata morsa da un cane: l’ebbe a dire la piccola una volta sui primordi della malattia attuale, ma sul corpo non le si riscontrò traccia alcuna di morsicatura»9.

6Infine, il medico rilevava la sintomatologia più grave e caratteristica: «cominciò improvvisamente a mordere circa un anno fa». Conseguentemente venne ricoverata subito nell’ospedale psichiatrico di Sondrio. Venne trasferita nella colonia medico-pedagogica veneziana dove restò dall’ottobre 1929 all’aprile 1931. La sintomatologia si manifestò subito a Marocco: aveva delle crisi durante le quali mordeva le compagne, ma non se stessa. Nel febbraio 1931, dopo che Levi ebbe lasciato l’istituto, le condizioni di Amanda peggiorarono velocemente. A marzo fu consegnata al padre.

  • 10 La psicastenia era stata studiata e teorizzata da Pierre Janet: Raymond – Janet 1903. Sulle terapi (...)

7La seconda bambina era Tita, anche lei di una decina d’anni, che, secondo Levi, rientrava in maniera pressoché esemplare nella definizione di psicastenia di Pierre Janet10: in lei erano presenti esuberanza sentimentale, dolcezza, timidezza, bisogno di affetto, scarsa fiducia in sé, lucida introspezione, generosità e altruismo, tono sentimentale depresso e un’attesa ansiosa delle manifestazioni della sua malattia. Di questa bambina, pur così piccola, esistono le cartelle cliniche e biografiche dei diversi istituti che l’hanno accolta. Infatti, la bambina era nata in provincia di Forlì nel 1920 e dopo otto giorni era stata abbandonata dalla mamma. Consegnata allo Spedale degli Innocenti di Firenze, era stata data a balia, e in seguito affidata ai due tenutari Rosa e Giovanni. Nel gennaio 1928 era stata richiamata a Firenze in seguito al rapporto dell’ufficiale sanitario Puccio Puccini del comune dove era collocata. Il medico in data 10 gennaio 1928 aveva scritto:

  • 11 Rapporto dell’ufficiale sanitario Puccio Puccini in data 10 gennaio 1928 in ASIF, Affari per creat (...)

La bambina G. Tita non può continuare ad essere affidata alla custodia di privati, perché il suo stato mentale richiede una sorveglianza continua, che non ha, e cure speciali che non possono essere fatte in una casa privata, ma in apposito Istituto per bambini deficienti. Infatti essa, oltre a tare somatiche, presenta alterazioni gravi del carattere: è inquieta, irascibile, graffia, percuote e morde altri bambini e adulti tanto che dovette essere allontanata già alcuni anni fa dall’Asilo infantile, ribelle a qualsiasi ammonimento, rompe tutto ciò che le capita tra le mani e presenta gravi istinti di pervertimento fino a giungere frequentemente alla coprofagia. I tenutari stessi mi riferiscono che sono costretti a sorvegliarla quando defeca, perché altrimenti mangia il proprio sterco e il sottoscritto l’altro ieri incontrò la bambina sola per una strada solitaria che mangiava dello sterco poco innanzi raccattato. Essendo la bambina poco sorvegliata, e non lo potendo essere di più, per le molteplici occupazioni dei tenutari, per questo suo carattere aggressivo verso altri bambini è causa di frequenti litigi fra i tenutari e gli altri inquilini ed il pubblico si lamenta aspramente di lei. Giorni or sono, dopo averla appostata per vario tempo, si avventava mordendola fortemente ad una natica, ad una vecchia distinta signora che trovavasi sulla porta della propria abitazione11.

8Doveva quindi essere allontanata dalla famiglia che l’aveva accolta «abbisognando di sorveglianza e di apposita cura» in un reparto psichiatrico.

9La cartella clinica compilata mentre era nell’Istituto di Marocco è una cartella ricca. La diagnosi appare come abbastanza inconsueta, ossia si trattava «impulsività grave a tipo ossessivo». Entrata nell’Istituto nel maggio 1928, già dall’anamnesi, costituita in sostanza dalle osservazioni dei medici fiorentini, emergevano due dati contrastanti: da un lato la bambina mordeva, graffiava ed era coprofaga; dall’altro si presentava con uno stato di intelligenza abbastanza buono e con memoria conservata. I test mentali risultavano normali, sia la scala metrica di Binet-Simon sia i reattivi del De Sanctis. I primi giorni a Marocco furono abbastanza agitati: la bambina tentava di mordere il medico, prendeva lo sterco e se lo cacciava in bocca. La dottoressa Levi era colpita dai morsi che produceva su di sé e notava che la bimba si mordeva «le mani, le labbra e la lingua. Una morsicatura al dito indice alla mano sinistra produce stato gangrenoso», tanto da dover essere ricoverata all’ospedale di Mestre. Pochi giorni dopo Levi annotava che la bambina si asportava «un tratto del labbro inferiore con un morso». Due mesi dopo, nel marzo 1929, scriveva:

Le ferite alla lingua e al labbro inferiore sono guarite ma con ampia perdita di sostanza. Il labbro è quasi del tutto perduto. La parola ne risulta difettosa e meno chiara. Si è ferita con un morso il dito mignolo di destra asportando completamente l’unghia.

  • 12 AIMPMa, b. 1931-32, fasc. 1931, cartella di Tita G., andamento della malattia e della cura.
  • 13 AOPSCle, Posizioni amministrative alienate morte, b. 459, Tita G.: a San Clemente esiste la posizi (...)

10Le sue crisi nel frattempo continuavano, alternate a periodi di relativa calma. Nei periodi più agitati, veniva anche isolata a letto. Alla fine del 1931, dopo che Levi aveva lasciato l’istituto, era stata visitata dal dottor Giovanni Fattovich, che la trovò affetta da una grave «forma ossessiva», che la rendeva «pericolosa a sé e agli altri»12. Fu così ricoverata all’Ospedale psichiatrico San Clemente di Venezia con decreto datato 11 gennaio 1932. Morì il 18 giugno 1932 a dodici anni, per paralisi cardiaca in stato epilettico13.

  • 14 Levi 1930, p. 9.

11Il sintomo dell’impulso a mordere aveva stimolato Levi a ragionare sulle diagnosi che potevano essere attribuite ai due casi. La psichiatra escludeva ogni forma di frenastenia, pur sostenendo che l’impulso a mordere accompagnava spesso i frenastenici, come «fenomeno di irritazione corticale»14, ma in questo caso, essendo le due bambine «intelligenti e coscienti», non si poteva parlare di frenastenia in senso proprio, a meno di dare questo nome a tutte le malattie mentali che colpivano i minori.

12La diagnosi di frenastenia non bastava, le bambine non potevano essere classificate come frenasteniche in virtù di una serie di elementi minori che rendevano questa classificazione non adeguata. Ed eccoli qui gli elementi minori che sembravano scompaginare il quadro:

  • 15 Levi 1930, p. 10.

le deficienze riscontrate sono quasi del tutto dovute alla mancata educazione scolastica e sociale; esse imparano con facilità, hanno coscienza della morbosità della propria condotta e organizzano un sistema di difesa contro le conseguenze del proprio male; si sottopongono rassegnate alle cure e ai sacrifici di una vita di isolamento. In entrambe è integra, anzi vivacissima, la memoria di ritenzione, la facoltà di comprendere e di giudicare, la coscienza dell’ambiente, della propria persona e del proprio male15.

  • 16 Guarnieri 1985.

13Questi elementi minori erano emersi in quanto esisteva una relazione diretta e, possiamo ipotizzare, intensa tra la psichiatra e le due bambine. Insomma, per vedere questi elementi bisognava essere disposti a vederli. Quello che appare interessante è proprio capire motivi e ragioni che hanno portato la giovane psichiatra torinese a osservare questi aspetti minori, perché ciò implicava uno sguardo rivolto all’individuo e alle sue caratteristiche originali che lo rendevano differente da tutti gli altri16.

14Levi, osservando questi aspetti, escludeva la frenastenia, ma escludeva anche la demenza precoce o le schizofrenie, perché mancavano alcuni elementi che le caratterizzavano, come l’andamento rapido e progressivo, e inoltre la sfera affettiva appariva conservata (soprattutto per Tita). Erano escluse le forme paranoiche, perché non erano presenti idee deliranti. Era esclusa la pazzia morale, perché le bambine erano coscienti del male e anzi ne soffrivano e non avevano nessuna volontà di nuocere. Non vi erano elementi per poter parlare di un pervertimento postencefalitico, e infatti non era stata diagnosticata una pregressa encefalite epidemica. Veniva esclusa l’epilessia classica sia per l’assenza di manifestazioni convulsive sia per la coscienza e la memoria che le due bambine conservavano delle crisi.

15Levi concludeva la presentazione dei due casi diagnosticando delle forme di psiconeurosi, come misto di isteria e psicastenia, pur sottolineando come in generale le psiconeurosi non dessero luogo a disturbi così gravi e pericolosi. Il caso di Amanda precisamente veniva diagnosticato come «spunti ossessivi in un soggetto a costituzione eminentemente isterica».

  • 17 Levi 1930, p. 13.

È insomma una mentalità a tipo quasi esclusivamente percettivo, in cui l’immagine senz’altro in idea e questa in movimento. La reazione agli stimoli è qui ridotta alla più semplice espressione, diventa direi quasi automatica, come un riflesso; non intervengono nuove associazioni ad arricchire, vagliare, variare tali reazioni. La coscienza presenta una serie di stati quasi indipendenti fra loro, in ciascuno dei quali una idea-percezione regna solitaria e indisturbata, provocando la corrispondente reazione ideomotrice, fino a che un nuovo stimolo sensoriale non intervenga a cancellare lo stato di coscienza precedente per crearne uno nuovo17.

16La bambina era consapevole dei propri limiti, ma in maniera confusa, non riuscendo a porvi rimedio e inoltre la psichiatra notava la presenza di un complesso di inferiorità motivato dalla constatazione e dal timore dell’insuccesso sociale. L’elemento dominante, secondo Levi, era sicuramente quello isterico rispetto a quello ossessivo.

17Il caso di Tita appariva più preoccupante: la bambina, in cui «il senso morale e altruistico» raggiungeva «squisitezze non comuni», avrebbe manifestato una «psicosi ossessiva», con prognosi più difficile. Levi riconosceva nella giovane paziente delle «note di epilettoidismo».

Fig. 1 – Luisa Levi e Tita nella Colonia medico-pedagogica di Mogliano nel giugno 1930 (fonte: ALL, b. 5 verde, 1898-1943).

Fig. 1 – Luisa Levi e Tita nella Colonia medico-pedagogica di Mogliano nel giugno 1930 (fonte: ALL, b. 5 verde, 1898-1943).

Far riaffiorare il trauma

  • 18 Marco Treves (Torino, 1867-1942), fratello del socialista Claudio, si laureò in Medicina nel 1892. (...)
  • 19 Treves 1924.

18Levi aveva messo in atto un’osservazione accurata e interrogatori puntuali delle due bambine, ascoltava le piccole pazienti, probabilmente incuriosita da questi casi che suscitavano dubbi e problemi interpretativi. Amanda parlava «molto e con esattezza […] in italiano inquinato di lombardo […] con pronuncia ottima» e raccontava la sua storia «con molti particolari» e «con evidente compiacimento». Il metodo dell’interrogatorio impiegato da Levi richiamava l’interrogatorio socratico, formulato da Marco Treves, il quale a sua volta aveva rielaborato il pensiero freudiano18. Treves prendeva le distanze da Freud, a suo dire ne rigettava la teoria, e tuttavia lo considerava un punto di riferimento costante, non privo di meriti fondamentali, come l’aver ammesso «l’esistenza di un subcosciente», l’aver fondato una scienza empirica, «basata sullo studio diretto degli ammalati» e l’averla ricondotta «al metodo dell’interrogatorio» che gli psichiatri già istintivamente seguivano. Però nel metodo freudiano vi era un errore evidente, secondo Treves, ossia l’essere ispirato unicamente al concetto di libido. Lo psichiatra torinese riconosceva che l’interrogatorio impiegato da Freud richiamava l’interrogatorio socratico, che a suo dire era migliore, a condizione di non accettare il dualismo anima e corpo19.

  • 20 Treves 1927. Si veda anche David, 1990. Michel David sottolinea anche come il XVII Congresso della (...)

19Il contributo probabilmente più originale di Treves, che aveva ispirato in modo evidente le pratiche messe in atto da Luisa Levi, è dato dalla comunicazione fatta al XVII Congresso della Società freniatrica italiana, tenutosi a Trieste dal 24 al 27 settembre 192520. Treves aveva raccontato una sua esperienza al manicomio di Collegno in cui aveva osservato la crisi in alcuni pazienti e aveva analizzato i movimenti che la caratterizzavano. Questi elementi, uniti a un interrogatorio condotto subito dopo la crisi, avevano fatto riemergere un antico trauma psichico di cui i soggetti non avevano completamente coscienza. A Trieste, inoltre, Treves aveva chiarito in quale momento si poteva intervenire con il metodo dell’interrogatorio socratico, in particolare

  • 21 Treves 1927, p. 5.

nei momenti in cui il soggetto è in stato crepuscolare, nel dormiveglia o nel sonno più o meno parziale; perché appunto in questi stati di inibizione generale si liberano più facilmente, sotto forma di automatismo, le idee prevalenti; e così si rende manifesta l’eventuale presenza di idee subcoscienti patologiche21.

20Lo psichiatra aveva mostrato come fosse possibile far emergere nel malato non tanto gli atti compiuti in stato di incoscienza quanto i traumi psichici che lo avevano colpito in un passato anche lontano. Nel caso degli epilettici, ci si doveva occupare soprattutto degli stati naturali di “semicoscienza”, in particolare pre e post-accessuali. Va da sé che per far affiorare questi traumi, lo psichiatra doveva dedicarsi con grande attenzione al paziente, ascoltarlo, osservarlo, interrogarlo.

21Era proprio quello che Levi aveva messo in atto nell’Istituto medico-pedagogico, osservando le sue pazienti, ma anche interrogandole. Levi si trovò così davanti a una crisi proprio durante una delle attività proposte, ovvero l’esecuzione di una cornicetta.

Improvvisamente, senza causa apparente, tenta di mordere una compagna; fermata, prende il medico per i capelli cercando in ogni modo di mordere; la bambina è in questo momento pericolosissima. La crisi dura circa 3-5 minuti con grande spavento delle altre bambine che assistono. Poi la bimba chiede di essere riaccompagnata al suo cortile dove è sempre isolata. Piange e chiede perdono a tutti, dicendo che “le è venuta la rabbia, ma che non voleva fare male”.

  • 22 AIMPMa, b. 1930 N-Z, cartella di Amanda R. che però non venne dimessa nel 1930 ma nell’aprile del (...)

22Levi annotò che in Amanda i sintomi isterici comparivano quando veniva contraddetta e sembravano «la “difesa” contro ogni tentativo altrui di farle dispiacere»: le crisi accadevano sempre dopo una contrarietà anche minima, o dopo una fatica. La spiegazione data dalla piccola paziente era che le veniva «una rabbia» o in alternativa «il nervoso»; lei sosteneva di essere stata normale fino ai sei-sette anni, quando «fu assalita da un cane» e morsa lievemente a un dito. La bimba poi raccontava i suoi episodi di rabbia ma tali crisi, lo sosteneva la stessa bambina, erano «immotivate». Nel tempo la bambina migliorò e riuscì a inibire il suo «nervoso». A settembre del 1930 Levi la sottopose a dei test. A una domanda – che cosa faresti se avessi perduto il treno? –, la bambina rispose: «morderei». La psichiatra non aggiunse altro, ma cominciò a farsi spazio in lei l’idea dell’isteria di questa bambina, tanto che in data 11 gennaio 1930 scrisse che «tutto ciò conferma la diagnosi di isteria»22.

23Levi annotò ancora il 9 gennaio 1930:

Non ebbe più crisi ma ogni tanto dice che “le viene il nervoso”, vuole essere trattenuta […]. Il “nervoso” le viene […] quando è rimproverata o contraddetta. Rappresenta quasi la “difesa” contro ogni tentativo altrui di farle dispiacere. Estremamente suscettibile, desidera di essere carezzata, vuole essere trattata in modo speciale, avere doni, libri, ecc. Se le si risponde di no, piange, dice che ha il nervoso, ma […] la si distrae parlandole d’altro.

24Levi aveva discusso proprio con lo psichiatra Marco Treves i casi delle due bimbe ed era stato proprio Treves a richiamare una «teoria nata e cresciuta a Torino». Nel carteggio tra i due medici, che erano stati allieva e maestro all’Università di Torino, Treves, infatti, scriveva:

  • 23 La lettera si trova in ALL, b. 6 verde, Luisa Levi prima del ’43, lettera di Marco Treves a Luisa, (...)

ti avverte di star lontana per timore di morderti, […] chiede di essere legata, […] accenna ad un possibile morso di cane […], è caso poco bello per dimostrare la evoluzione tipica della isteria?23

  • 24 In ALL, b. 6 verde, Luisa Levi prima del ’43, lettera di Marco Treves a Luisa, 5 maggio 1929.
  • 25 Treves 1911.

25Aggiungeva Treves: «E che vuoi di più a riprova che la “pratica” anche lontano, anche a Mogliano Veneto viene in piena conferma della “teoria” nata e cresciuta a Torino?»24. Ora la teoria che Treves richiamava era la «nuova teoria della isteria e della epilessia» che lui aveva esposto in un suo articolo25. Secondo la teoria di Treves, la fatica portava a una disintegrazione della individualità e tendeva a isolare gli elementi costitutivi della stessa, che erano essenzialmente due: mascolinismo e femminilismo. A livello patologico questi due elementi, quando sbilanciati e non più in equilibrio, davano origine all’epilettoismo e all’isteroidismo. L’istero-epilettoidismo di Treves richiamava in alcuni aspetti la psicastenia di Janet, intesa come forma di epilessia cronica e attenuata. Proprio questa teoria, lo scriveva lo stesso Treves, sembrava trovare dimostrazione nei casi delle due bambine.

26Anche Tita fu sottoposta a psicoterapia e a osservazione. La dottoressa descriveva così una crisi il 10 aprile 1929:

In piena calma, senza cambiare atteggiamento né colorito del viso, senza alcun stimolo occasionale, batte chi si avvicina, getta a terra oggetti scegliendo i più fragili, tira i capelli e dà schiaffi a chi si avvicina. Come unica spiegazione, dice di avere il nervoso. Dopo la crisi […] è dolente di quanto ha fatto e soffre visibilmente.

  • 26 AIMPMa, b. 1931-32, fasc. 1931, cartella di Tita G., andamento della malattia e della cura.

27Tita chiedeva spontaneamente che le fossero «fissate le braccia per evitare di ferirsi di nuovo». La bambina appariva molto intelligente, di una intelligenza «forse superiore alla sua età». Dopo aver morso, era pentita e chiedeva scusa. Poco per volta riuscì ad avere momenti tranquilli sempre più lunghi. In questi periodi veniva descritta come serena e lavoratrice. Nel dicembre 1929 veniva anche descritta come una bimba con un istinto materno notevole, «per cui protegge le bambine più piccole, le difende, insegna loro il poco che sa. È molto buona e affettuosa, coscientissima del proprio male»26.

28Gradualmente in lei si fece strada un cambiamento: dalla tendenza a mordere gli altri, negli ultimi tempi manifestava la tendenza a mordere se stessa o oggetti morbidi, come una palla di gomma. Sempre più spesso avvertiva quando aveva la tendenza a mordere e chiedeva «di essere protetta contro i suoi impulsi». Nel gennaio 1930 la bambina chiese che le fossero continuate le iniezioni di Luminal, «che la fanno dormire, così non si morde». Tuttavia le iniezioni non produssero l’effetto sperato, e furono poi sospese.

29Tita venne sottoposta all’interrogatorio socratico per far riemergere il trauma antico.

  • 27 AIMPMa, b. 1931-32, fasc. 1931, cartella di Tita G., andamento della malattia e della cura.

Dice che da piccina mentre era a casa dei genitori adottivi, fu assalita da un grosso cane e morsa alla spalla. Le ferite sarebbero guarite rapidamente; ma essa fin dal giorno successivo avrebbe avuto il bisogno ossessivo di mordere (la cosa non ha però conferma e potrebbe essere frutto di una fantasticheria)27.

30Il 20 ottobre 1929, raccontando nuovamente il trauma che avrebbe dato origine a tutta la sua tendenza a mordere, aggiungeva un nuovo personaggio: «una vecchia dama» che le avrebbe dato un purgante. Da allora la bambina avrebbe cominciato a mordere. «In seguito la vecchia morì e ciò le fece molta paura. Di notte quando sentiva il cane abbaiare aveva sempre molta paura». La psichiatra annotava che il padre di Tita lavorava come becchino e lei andava spesso al cimitero con lui, ma non aveva paura quando vi si recava di giorno, viceversa di notte aveva paura dei morti e dei fantasmi. Nella sua storia il cane, la vecchia, i morti e i fantasmi acquisivano un ruolo importante, soprattutto se legati all’ambito notturno.

31Nell’articolo scritto da Levi, la versione del morso del cane era ulteriormente diversa rispetto a quanto riporta la cartella clinica. La bambina, amata dai genitori tenutari, avrebbe avuto dei fratelli che le facevano spesso dispetti e una volta uno di loro le aizzò contro un grosso cane che la assalì:

  • 28 Levi 1930, p. 9.

Non pare sia stata ferita, ma riportò un grande spavento; fuggì in casa, e subito morse il padre che là si trovava. Poi gettò a terra la scodella mentre mangiava, e prese a calci una cagnetta che le era molto cara, ma che in quel momento le faceva paura. Da quel momento si sarebbe iniziata la malattia28.

  • 29 Sul ruolo del mito in un caso di bambino borderline si veda Ginzburg 2000. In questo saggio Ginzbu (...)

32Evidentemente nei racconti si intrecciavano elementi del racconto popolare, della fiaba e del mito29: soprattutto nella figura di un animale temibile – personificazione del male – che si sarebbe impossessato di loro. Dall’antico trauma dovuto a un morso da parte di una creatura che rappresentava il male, per entrambe le bambine si era poi originata una sintomatologia che le avrebbe portate a mordere gli altri o addirittura se stesse. Ma quello che qui interessa è la spiegazione fornita da Levi, che collegava immaginazione e fantasia da un lato con l’azione del mordere dall’altro.

  • 30 Levi, 1930, p. 14.

L’idea del cane che morde non ha trovato elementi capaci di opporsi al suo sviluppo, appunto per l’originaria povertà associativa, e si è trasformata nel movimento mimetico corrispondente, la tendenza a mordere30.

  • 31 Levi, 1930, p. 16.

33Insomma, le bambine tendevano a ripetere e ad anticipare quel gesto, il mordere, che in loro creava così tanta paura. In particolare, in Tita gli istinti e i sintomi sviluppati a partire dagli antichi traumi, non avevano trovato forme di inibizione, perché sorti finché lei era troppo piccola. E così la bimba «mordeva per paura di essere morsa, batteva le persone amate per paura di essere da loro male trattata e così via»31.

Il «carattere sognante» delle piccole malate

  • 32 AIMPMa, b. 1930 N-Z, cartella di Amanda R., andamento della malattia e della cura.
  • 33 Levi 1930, p. 9.

34Levi metteva in relazione nei casi delle due bambine l’immaginazione, il sogno e il trauma da un lato con i sintomi e le azioni compiute dall’altro. Sogni, immaginazione, fantasia erano temi che il pensiero psicoanalitico stava indagando e che rivelavano la presenza di un subconscio che si poneva in relazione con le azioni stesse. Amanda, che era molto impressionabile, aveva detto di aver paura dei cani, ma li sognava e sognava anche le illustrazioni paurose e ciò che vedeva nei libri o che leggeva. Una volta raccontò di aver sognato il diavolo come lo aveva visto in una illustrazione e di aver avuto molta paura32. Il richiamo era ai racconti popolari, alle storie popolate di creature fantastiche e inquietanti che potevano affascinare e stregare i bambini. Tita invece non sognava l’episodio del morso del cane, ma altre figure che la spaventavano: morti, fantasmi, «vespe che le pungono gli occhi»33.

35L’interesse che la psichiatra mostrava verso i sogni delle due bambine rivelava un’attenzione verso il subconscio e risentiva delle letture psicoanalitiche che Levi stava approfondendo in quegli anni. In particolare, notava che i bambini in generale scambiavano l’idea con la realtà, «il sogno col mondo esterno». Questa tendenza alla mitomania era tanto più sviluppata nei bambini problematici o con forme patologiche.

36Secondo Levi

  • 34 Levi 1930, pp. 18-19.

La mitomania infantile è un altro aspetto di questa tendenza a dipingere coi colori della realtà i prodotti della fantasia; e sappiamo quanto spesso il bimbo sia ingannato dalle proprie menzogne34.

  • 35 Dupré 1925.

37Tuttavia, non sempre questo carattere sognante si rivelava patologico. La psichiatra torinese richiamava gli studi di Ernest Dupré, il quale aveva distinto tra mitomania normale e patologica e si era occupato della seconda sia nel bambino che nell’adulto. Dupré aveva anche distinto diversi tipi di mitomania patologica: vanitosa, perversa e maligna35. Il carattere sognante diventava patologico nel momento in cui le bambine non riuscivano a limitare la loro azione, in conseguenza di idee fisse e ossessive che riuscivano a imporsi su ogni forma di inibizione, che non era adeguatamente sviluppata o in grado di costituire un freno per azioni pericolose.

  • 36 Ricordo in particolare Claude et al. 1934.

38L’elemento del carattere sognante di queste piccole malate, che confondevano la realtà con la possibilità, sarebbe stato uno spunto per Levi per approfondire i temi della mitomania e dell’autoinganno utilizzando e rielaborando le riflessioni di Eugène Minkowski, Henri Claude, Gilbert Robin, Sigmund Freud36.

  • 37 Levi 1935b.
  • 38 Levi 1935b, p. 147. Si vedano L. Marchand e al. 1943 e anche Dupré – Logre 1911. Gli autori tratta (...)

39Nel 1935, per spiegare il fenomeno del delirio di immaginazione, Levi compì un ulteriore passaggio: unì, infatti, la teoria di Treves dell’istero-epilettoidismo con le riflessioni di matrice psicodinamica sulla mitomania37. La psichiatra, utilizzando alcuni casi clinici, aveva tratto alcune considerazioni, in particolare mostrando come per dare origine al delirio mitomaniaco con forme di autoinganno servissero una costituzione mentale ricca di fantasia, un elemento confusionale-onirico, che lei definiva come epilettoideo, e uno suggestivo, che chiamava isteroideo. Eppure, Levi si mostrava affascinata da questo tema quando scriveva, richiamando Freud, che «la realizzazione dei desideri è dunque il significato di questa mitomania, vero sogno a occhi aperti»38.

Conclusioni

  • 39 Guarnieri 2006.
  • 40 Ad esempio Vegetti Finzi 1986.
  • 41 Levi 1932, p. 13.

40Quanto visto fin qui permette di osservare come, in una psichiatra di formazione positivista e lombrosiana, l’attenzione all’individualità si sia unita alla riflessione e all’uso di concetti e categorie interpretativi di matrice psicoanalitica, spesso letti nei testi originali. Come ha scritto Patrizia Guarnieri, riferendosi allo psichiatra Marco Levi Bianchini, «evidentemente c’era un modo di intendere Lombroso che ha contato a orientare certi sviluppi, anziché a ostacolarli soltanto39» e questo porta a guardare alla cultura positivista con uno sguardo meno scontato. Levi, formatasi alla scuola lombrosiana torinese, si mostrava interessata a metodi e suggestioni provenienti dall’approccio psicoanalitico, che era già stato rielaborato dal suo maestro Treves. L’idea, insomma, che si potessero mettere insieme Cesare Lombroso e Sigmund Freud non appariva così eretica come in seguito si è invece pensato40. Lo scriveva Levi presentando le neurosi: secondo la psichiatra torinese il concetto lombrosiano, per cui le neurosi rappresentavano un fatto degenerativo o di atavismo, e il concetto freudiano, per cui erano da considerarsi come “arresti di sviluppo”, potevano essere ritenuti accumunabili41.

41Levi utilizzava direttamente alcuni spunti e suggestioni derivate dalla lettura di psicoanalisti, soprattutto stranieri. La sua formazione, avvenuta nella Torino degli anni Dieci-Venti, non le aveva impedito di avvicinarsi a Freud e alla psicoanalisi. La sua posizione sembrava quella che auspicava Ettore Rieti nel 1933 quando scriveva sulle pagine della rivista genovese Neurospichiatria che

  • 42 Rieti 1933.

il successo della Psicoanalisi non si misura dal numero di medici che diventano psicoanalisti, ma piuttosto dal numero di medici non psicoanalisti che si servono della Psicoanalisi come di uno dei mezzi necessari alle loro ricerche. Lo psichiatra che si serve anche della psicoanalisi prova che ne è rimasto convinto senza aver perso nulla della sua mentalità di studioso e di clinico, inteso anche secondo la mentalità tradizionale42.

42Rieti notava come in Italia vi fosse stata fino a quegli anni una netta divisione nel mondo scientifico tra chi stava “con Freud” e chi stava “contro Freud”, come se vi fossero due «schiere avverse». Tale irrigidimento aveva paralizzato l’attività costruttiva degli psicoanalisti italiani, mentre a suo dire si sarebbe dovuta praticare la psichiatria come una scienza poliedrica, che impiegava strumenti e metodi provenienti da varie discipline: fisiologia, chimica, istologia, psicologia.

43Ancora di più colpisce che la rielaborazione originale intrapresa da Luisa Levi prendesse avvio dall’incontro con alcuni minori, e nello specifico con delle bambine: l’attenzione che lei dedicò a questi casi era davvero qualcosa di non comune. Nel vedere le bambine, nell’osservare la loro individualità, cominciò a porsi interrogativi e domande che le mostrarono la necessità di raccogliere suggestioni, spunti e indicazioni nuove, provenienti dal dibattito europeo, impiegando categorie poco usate per il panorama psichiatrico italiano e rielaborandole in forma originale.

  • 43 Rieti 1933, p. 201.
  • 44 Guarnieri 2016.
  • 45 Negli Stati Uniti Rieti assunse il nome di Hector Joseph Ritey, lavorò al Metropolitan Center for (...)
  • 46 Ad esempio attraverso riviste come Educazione democratica e Il giornale dei genitori di Ada Marche (...)

44A leggere questi articoli e a seguire gli scambi epistolari, si potrebbe avere la tentazione di pensare che fosse iniziato negli anni Trenta il «secondo tempo della psicoanalisi»43, caratterizzato dal fatto che non vi sarebbero stati esclusivamente medici psicoanalisti specializzati, ma medici psichiatri aperti a contaminazioni provenienti da vari ambiti, tra cui anche quello psicoanalitico. Questa ipotesi potrebbe sembrare plausibile, e lo poteva sembrare nei primi anni Trenta. Le stesse pubblicazioni di Levi sembrano inserirsi in questo quadro interpretativo. Non solo. A leggere questi articoli si potrebbe pensare che fosse iniziato il tempo dell’ascolto dei bambini e delle bambine. Non andò, invece, in questo modo. Quello che accadde in quegli anni e negli anni successivi – tra preminenza dell’idealismo in ambito culturale e orientamento organicista in ambito psichiatrico, tra legislazione razziale, misure del regime, allontanamento dei medici ebrei dalla professione e in alcuni casi dal Paese –, fu appunto un’altra storia44: nel 1938 Levi fu costretta a lasciare la professione, lo stesso accadde per Treves, mentre Rieti fuggì negli Stati Uniti e non tornò più in Italia45. L’ascolto della voce dei bambini e delle bambine venne messo da parte, completamente accantonato fino al dopoguerra, quando il clima democratico permise di riprendere gradualmente in mano alcune questioni e metodi46.

Haut de page

Bibliographie

Archivi

AIMPMa = Archivio dell’Istituto medico-pedagogico veneziano “APancrazio” di Marocco di Mogliano Veneto (d’ora in poi AIMP Marocco), b1930 N-Z, cartella di Amanda R.

ALL = Archivio privato di Luisa Levi, presso famiglia Levi, Venezia.

AOPSCle = Archivio dell’Ospedale psichiatrico di San Clemente a Venezia.

ASIF = Archivio storico dell’Istituto degli Innocenti di Firenze.


Bibliografia primaria

Claude et al. = HClaude, ABorel et GRobin, La constitution schizoïde (étude clinique et diagnostic différentiel), in L’encéphale, aprile 1934, p209-216.

Dupré 1925 = EDupré, Pathologie de l’imagination et de l’émotivité, Paris, Payot, 1925.

Dupré – Logre 1911 = EDupré, BLogre, Les délires d’imagination. Mythomanie délirante, in L’encéphale, VI, 1911, p209-232.

Janet 1924 = PJanet, La médecine psychologique, Paris, Ernest Flammarion, 1924.

Levi 1930 = LLevi, Impulso a mordere e psiconeurosi nell’infanzia, estratto da Archivio di antropologia criminale, psichiatria e medicina legale, Torino, Bocca, 1930.

Levi 1932 = LLevi, Sulle deviazioni del senso della propria personalità, estratto da Archivio di antropologia criminale, psichiatria e medicina legale, Torino, Bocca, 1932.

Levi 1935a = LLevi, Un caso di equivalente epilettico protratto, in Giornale della Regia Accademia di Medicina di Torino, XCVIII, 1935, p252-259.

Levi 1935b = LLevi, Delirio di immaginazione e mitomania, in Rassegna di studi psichiatrici, XXIV, 1935, p141-154.

Lugaro 1935 = ELugaro, voce Psicastenia, in Enciclopedia Italiana, 1935 (on line https://www.treccani.it/enciclopedia/psicastenia_%28Enciclopedia-Italiana%29/).

Marchand et al. 1933 = LMarchand, M.lle Deschamps, Mlle Truche, Épilepsie traumatique ; crises hallucinatoires et accès d’automatisme ambulatoire tantôt conscients at mnésiques, tantôt inconscients et amnésiques, in Annales médico-psychologiques, 1933, p40-43.

Morselli 1930 = G.EMorselli, Sulla dissociazione mentale, in Rivista Sperimentale di Freniatria, LIII, 1930, p209-322.

Raymond – Janet 1903 = FRaymond, PJanet, Les obsessions et la psychasthénie, Paris, Felix Alcan, 1903

Rieti 1933 = ERieti, La psicoanalisi in Italia, in Neuropsichiatria. Annali dell’ospedale psichiatrico provinciale di Genova, 4, 1933, p183-203.

Treves 1911 = MTreves, Nuova teoria della isteria e della epilessia, Pesaro, Federici, 1911.

Treves 1924 = MTreves, Socrate psicoanalista e psicoterapeuta, estratto dagli Atti del XVI Congresso della Società freniatrica italiana (Roma 5-8 aprile 1923), Reggio Emilia, Cooperativa fra Lavoranti Tipografi, 1924

Treves 1927 = MTreves, La psicoanalisi nella epilessia, Reggio Emilia, Cooperativa fra Lavoranti Tipografi, 1927.


Bibliografia secondaria

Babini 2009 = V.PBabini, Liberi tutti. Manicomi e psichiatri in Italia: una storia del Novecento, Bologna, 2009.

Benetti 2019 = EBenetti, Non vietare, ma spiegare. L’impegno della psichiatra Luisa Levi per l’educazione sessuale (1928-1962), in GMamone, FMilazzo (a cura di), Storia e psichiatria. Problemi, ricerche, fonti, Milano, 2019, p47-61.

Borgna 2011 = EBorgna, Un pensiero che non muore, in Rivista Sperimentale di Freniatria, CXXXV-3, 2011, p129-136.

David 1990 = MDavid, La psicoanalisi nella cultura italiana, Torino, 1990.

Ferro 2011 = F.MFerro, Dr. Morselli…, in Rivista Sperimentale di Freniatria, CXXXV-3, 2011, p137-144.

Ginzburg 2000 = CGinzburg, Freud, l’uomo dei lupi e i lupi mannari, in Id., Miti emblemi spie. Morfologia e storia, Torino, 2000, p242-251.

Guarnieri 1985 = PGuarnieri, Individualità difformi. La psichiatria antropologica di Enrico Morselli, Milano, 1985.

Guarnieri 2006 = PGuarnieri, Bambini difficili. Levi Bianchini tra psichiatria, psicoanalisi e pedagogia, in RConforti (a cura di), La psicoanalisi tra scienze umane e neuroscienze. Storia, alleanze, conflitti, Soveria Mannelli, 2006, p119-137.

Guarnieri 2016 = PGuarnieri, Italian psychology and Jewish emigration under fascism. From Florence to Jerusalem and New York, New York, 2016.

Hacking 2004 = IHacking, I viaggiatori folli. Lo strano caso di Albert Dadas, Milano, 2004 [1998].

Scarfone 2015 = MScarfone, Genere, razza e psichiatria coloniale, in DEP Deportate, Esuli e Profughe, 27, 2015, on line http://www.unive.it/nqcontent.cfm?a_id=185925 (ultimo accesso: 11082020).

Vegetti Finzi 1986 = SVegetti Finzi, Storia della psicoanalisi. Autori, opere, teorie, Milano, 1986.

Haut de page

Notes

1 Morselli 1930: tra i pochi a occuparsi di casi nella psichiatria degli adulti viene ricordato Giovanni Enrico Morselli. Nel testo viene proposto il «caso Elena», una giovane donna italiana che fu diagnosticata come schizofrenica. Elena nel corso della sua malattia si esprimeva talvolta in italiano talvolta in francese. Morselli descriveva il caso alternando la «registrazione pura dei fenomeni» all’interpretazione degli stessi. Interessanti gli autori che cita in bibliografia: A. Adler, A. Binet, H. Claude, G. Jung, S. Freud. Morselli, dopo aver trattato il tema delle dissociazioni nella letteratura scientifica europea, scrive: «[…] d’altra parte, i risultati della mia ricerca dimostrano, a coloro che vorrebbero svalutare sistematicamente il punto di vista clinico in psichiatria, come questo, adoperato entro i limiti delle sue possibilità e con intendimento adeguato ai dinamismi biologici, sia ben lungi dall’aver esaurito il suo compito nello studio dei quadri schizofrenici, nei quali la complessità delle concatenazioni deterministiche impone un’aggregazione di mezzi di ricerca più che mai coordinata e integrale» (p. 319). Su questo articolo di Morselli si vedano anche Borgna 2011 e Ferro 2011.

2 Levi 1935a. Per un caso clinico sulla psichiatria coloniale, il cui autore era lo psichiatra Angelo Bravi, si veda Scarfone 2015.

3 Sulla categoria di equivalente epilettico, usata spesso da Lombroso e dai lombrosiani, si veda Hacking 2004. In sostanza non si trattava più del classico attacco epilettico, ma di forme di epilessia latente che in alcuni individui prendevano la forma di «equivalenti epilettici», ovvero stati confusionali.

4 Babini 2009.

5 Luisa Levi, nata a Torino nel 1898, si era laureata in medicina nel 1920. Dal 1920 al 1927 aveva collaborato con Camillo Negro. Aveva poi iniziato a lavorare come psichiatra prima presso l’Istituto medico-pedagogico veneziano poi presso gli Ospedali psichiatrici torinesi. Nel 1939 venne allontanata dalla professione a causa della legislazione razziale e dal 1943 si nascose nel biellese con la famiglia. Nel dopoguerra riprese il suo lavoro e collaborò con le riviste di Ada Gobetti. Nel 1962 scrisse L’educazione sessuale: orientamento per i genitori, Roma. Sul dibattito sull’educazione sessuale e sul ruolo di Levi rimando a Benetti 2019. Luisa Levi era la sorella dello scrittore antifascista Carlo Levi.

6 Levi 1930.

7 Hacking 2004, p. 11. La riflessione di Hacking parte dall’osservazione di malattie mentali che hanno avuto grande diffusione in determinate epoche storiche, per poi sparire, o che viceversa sono oggi largamente presenti, senza avere avuto un’eguale diffusione nel passato, ad esempio l’anoressia o disturbi dello spettro autistico.

8 L’Istituto medico-pedagogico veneziano era sorto per iniziativa di Corrado Tumiati, psichiatra nell’Ospedale psichiatrico di San Servolo di Venezia. Aperto nel 1927, l’istituto aveva accolto i bambini degli ospedali psichiatrici veneziani. Dal 1929 come requisito per l’ammissione venne assunto il criterio dell’educabilità, che doveva essere garantito da un certificato medico. Luisa Levi vi prestò servizio dal 1929 al 1931, dopo che Tumiati rinunciò all’incarico nell’Istituto. Nei primi anni l’Istituto era definito Colonia medico-pedagogica, riprendendo nel nome un tipo di istituzione che era stata promossa da Giulio Cesare Ferrari.

9 Relazione del medico Renzo Crosta sullo stato di salute di Amanda in data 8 gennaio 1930, in AIMPMa, b. 1930 N-Z, cartella di Amanda R.

10 La psicastenia era stata studiata e teorizzata da Pierre Janet: Raymond – Janet 1903. Sulle terapie si veda Janet 1924. La psicastenia era stata definita da Ernesto Lugaro nell’Enciclopedia Italiana come un termine che indicava stati di nevrastenia o di psiconevrosi ossessiva, a preferenza d’indole costituzionale; era caratterizzata da “senso di faticabilità psichica”, ossessioni, insicurezza nel compiere delle azioni, sfiducia nelle proprie capacità: Lugaro 1935.

11 Rapporto dell’ufficiale sanitario Puccio Puccini in data 10 gennaio 1928 in ASIF, Affari per creature, 1928, fasc. 8.

12 AIMPMa, b. 1931-32, fasc. 1931, cartella di Tita G., andamento della malattia e della cura.

13 AOPSCle, Posizioni amministrative alienate morte, b. 459, Tita G.: a San Clemente esiste la posizione amministrativa, ma non la cartella clinica che è scomparsa. Si veda anche ASIF, Affari per creature, Tita G., 1690. In data 27 novembre 1931 il medico di San Clemente, dottor Montagnin, scriveva: «La bambina, che è molto intelligente, per quanto gravemente malata di nervi, ed è molto affettiva e ricorda con riconoscenza i suoi genitori secondi, come ella dice, desidererebbe avere dei Ch. Gianni e Rosa notizie. Per questo, ritenendo cosa anche giovevole alla piccola e […] paziente, coltivare questo buon sentimento, preghiamo codesta On. Direzione dell’Istituto dove Tita Gatti è stata ricevuta [...] a voler cortesemente rimettere l’indirizzo, affinché la piccola possa entrare in corrispondenza con questa famiglia, unico legame morale che la povera tiene a questo mondo».

14 Levi 1930, p. 9.

15 Levi 1930, p. 10.

16 Guarnieri 1985.

17 Levi 1930, p. 13.

18 Marco Treves (Torino, 1867-1942), fratello del socialista Claudio, si laureò in Medicina nel 1892. Nel 1898 fu chiamato da Cesare Lombroso come assistente straordinario presso l’Istituto psichiatrico universitario da lui diretto. Fu direttore per anni dell’Ospedale psichiatrico di Collegno. Contrario all’uso dei mezzi di contenzione violenta in manicomio, nel 1933-34 fu rimosso dall’incarico di direttore per aver introdotto un fotografo nella struttura per documentare gli abusi sui pazienti. Treves, lombrosiano nella prima parte della sua vita, si avvicinò gradualmente al pensiero psicoanalitico. Era legato a Luisa Levi da un legame di parentela, essendo lo zio.

19 Treves 1924.

20 Treves 1927. Si veda anche David, 1990. Michel David sottolinea anche come il XVII Congresso della società freniatrica italiana tenutosi a Trieste nel settembre del 1925 sia stato il congresso con un maggior numero di relazioni e interventi sul tema della psicoanalisi. Tra i vari relatori vi fu lo stesso Treves: Babini 2009, pp. 63-65.

21 Treves 1927, p. 5.

22 AIMPMa, b. 1930 N-Z, cartella di Amanda R. che però non venne dimessa nel 1930 ma nell’aprile del 1931. Perché la sua cartella sia nella busta del 1930 non è chiaro. Nei test d’intelligenza aveva mostrato sempre un normale sviluppo. La bambina fu dimessa nel 1931, due mesi dopo che Luisa Levi aveva lasciato la Colonia, e fu riconsegnata al padre, in quanto peggiorata, poiché doveva essere tenuta costantemente isolata.

23 La lettera si trova in ALL, b. 6 verde, Luisa Levi prima del ’43, lettera di Marco Treves a Luisa, 5 maggio 1929.

24 In ALL, b. 6 verde, Luisa Levi prima del ’43, lettera di Marco Treves a Luisa, 5 maggio 1929.

25 Treves 1911.

26 AIMPMa, b. 1931-32, fasc. 1931, cartella di Tita G., andamento della malattia e della cura.

27 AIMPMa, b. 1931-32, fasc. 1931, cartella di Tita G., andamento della malattia e della cura.

28 Levi 1930, p. 9.

29 Sul ruolo del mito in un caso di bambino borderline si veda Ginzburg 2000. In questo saggio Ginzburg analizza criticamente l’interpretazione freudiana dell’uomo dei lupi, affermando che «nel sogno dell’uomo dei lupi irrompe un contenuto mitico molto più antico, rintracciabile anche nei sogni (nelle estasi, nei deliqui, nelle visioni) dei benandanti, dei tàltos, dei lupi mannari, delle streghe» (p. 248).

30 Levi, 1930, p. 14.

31 Levi, 1930, p. 16.

32 AIMPMa, b. 1930 N-Z, cartella di Amanda R., andamento della malattia e della cura.

33 Levi 1930, p. 9.

34 Levi 1930, pp. 18-19.

35 Dupré 1925.

36 Ricordo in particolare Claude et al. 1934.

37 Levi 1935b.

38 Levi 1935b, p. 147. Si vedano L. Marchand e al. 1943 e anche Dupré – Logre 1911. Gli autori trattano i deliri d’immaginazione, visti come esagerazione morbosa della mitomania costituzionale.

39 Guarnieri 2006.

40 Ad esempio Vegetti Finzi 1986.

41 Levi 1932, p. 13.

42 Rieti 1933.

43 Rieti 1933, p. 201.

44 Guarnieri 2016.

45 Negli Stati Uniti Rieti assunse il nome di Hector Joseph Ritey, lavorò al Metropolitan Center for Mental Health di New York e si occupò di delinquenza giovanile.

46 Ad esempio attraverso riviste come Educazione democratica e Il giornale dei genitori di Ada Marchesini Gobetti.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Luisa Levi e Tita nella Colonia medico-pedagogica di Mogliano nel giugno 1930 (fonte: ALL, b. 5 verde, 1898-1943).
URL http://journals.openedition.org/mefrim/docannexe/image/10588/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 332k
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Elisabetta Benetti, « Ascoltare la voce delle bambine », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines, 133-1 | 2021, 211-226.

Référence électronique

Elisabetta Benetti, « Ascoltare la voce delle bambine », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En ligne], 133-1 | 2021, mis en ligne le 13 octobre 2021, consulté le 28 janvier 2022. URL : http://journals.openedition.org/mefrim/10588 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefrim.10588

Haut de page

Auteur

Elisabetta Benetti

elisabettabenetti7@gmail.com

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search