Navigation – Plan du site

AccueilNuméros134-1Scambi mediterranei: diplomatici ...Una declinazione singolare, ma no...

Scambi mediterranei: diplomatici e libri in età moderna

Una declinazione singolare, ma non unica, del rapporto tra diplomazia e bibliofilia: il “concorso in edizione”

Giacomo Cardinali
p. 41-59

Résumés

Sebbene non troppo frequenti, nella storia della diplomazia papale sono nondimeno conosciuti casi di “concorso di edizione”, vale a dire d’uso della rete di rappresentanti pontifici per procacciare materiali scientifici e allestire edizioni. Questo studio analizza il contributo dato dalle Nunziature Apostoliche alla pubblicazione del famoso trattato di ittiologia di Ippolito Salviani (Aquatilium animalium historia, Roma, 1557), favorito e supportato, non solo in senso strettamente economico, dal cardinale Marcello Cervini.

Haut de page

Notes de l’auteur

Nelle more della stampa è apparso un mio contributo che affronta questa stessa questione, inquadrandola in un contesto ben più ampio: G. Cardinali, Il cardinale maraviglioso. L'avventura editoriale di Marcello Cervini (1539-1555), Ginevra, 2022, spec. p. 259-273.

Texte intégral

1Una declinazione inattesa ed avvincente del rapporto tra diplomazia e libri è quella che si potrebbe chiamare “concorso in edizione”, dal momento che ruota attorno ad una impresa – la pubblicazione dell’Aquatilium animalium historia di Ippolito Salviani, considerata il capolavoro dell’editoria scientifica del XVI secolo – alla quale furono stimolati a dare il proprio contributo non solo scienziati e letterati, ma anche i diplomatici della Santa Sede, forti della loro posizione politica e della collocazione geografica sullo scacchiere europeo.

  • 1 Per rendersene conto basta scorrere Hierarchia catholica 1933, p. 23-31.
  • 2 Si veda la testimonianza di Dionigi Atanagi in Procaccioli 2017, p. 77, cui si aggiunga von Pastor (...)
  • 3 Oltre a von Pastor 1914, si vedano Jedin 1974, ad indicem, e Fragnito 2014.
  • 4 Pernot 1979 e 1981, e Formentin 2008; quanto alla collezione latina Fossier 1982.
  • 5 Una ricostruzione in Carteggio umanistico 1950.
  • 6 Prosperi 2000, p. 244.

2Un caso, a dire il vero, non dei più frequenti, la cui rarità va imputata proprio all’altissimo livello culturale dei suoi protagonisti e in generale della stagione in cui ebbe luogo, quella dei pontificati di Paolo III Farnese, Giulio III Ciocchi del Monte e Marcello II Cervini (1534-1555): un’epoca estremamente coltivata, e per una precisa scelta politica e strategica. A scorrere la lista delle creazioni cardinalizie di “papa Pavolo”, impressionante risulta la presenza di letterati, eruditi e collezionisti d’arte e di libri.1 Era noto agli stessi contemporanei2 che il Sacro Collegio di papa Farnese, così come il suo corpo diplomatico,3 era una sorta di accademia e come questa fosse una deliberata opzione politica, cui non erano estranei la formazione del pontefice, un tempo allievo di Demetrio Calcondila e buon grecista, né il suo essere raffinato raccoglitore di libri e d’antichità,4 in quanto antico discepolo di Pomponio Leto;5 né, infine, il costante riferimento costituito dal pontificato di Leone X de’ Medici.6

I protagonisti: Cervini e Salviani

  • 7 Quaranta 2010; precedenti Dykmans 1994 e Brunelli 2000.
  • 8 Alcuni anni dopo, nel 1556 e poi nel 1558, apparirà il suo De crisibus (Edit16: CNCE 47697 e 30716 (...)
  • 9 Salviani ricordò il suo magistero alla Sapienza anche nella polemica con Guillaume Rondelet in Sal (...)
  • 10 Marini 1784, p. 402-405 e Andretta 2011, che ignorano il patrocinio cerviniano.
  • 11 Lettera di Cervini a Vettori del 19 giugno 1552 (BL, Add. 10274, fol. 41r-42r).
  • 12 Dorez 1909, p. 173, n. 48.

3L’impresa, di cui qui ci si occupa, vide la luce al momento dell’incontro tra il cardinale Marcello Cervini7 e il medico Hippolitus Salvianus Typhernas o de Castello (ossia di Città di Castello), che era anche commediografo en amateur (gli si deve La Ruffina) e traduttore in latino di Galeno.8 Nel cardinale Salviani non trovò soltanto benevolentia e humanitas, e sostegno economico in domesticis meis difficultatibus – non è escluso che sia a Cervini che abbia dovuto la cattedra serale di Medicina practica presso lo Studium Urbis,9 mentre è certo che gli dovette l’introduzione a corte10 – ma anche un interlocutore interessato e ferratissimo sui vari aspetti del suo lavoro e poi del suo progetto editoriale, da quelli testuali a quelli di composizione sul torchio, fino ai risvolti politici e giuridici della commercializzazione dei volumi. Nei sei anni che intercorsero tra il 1550 e il 1555, infatti, il cardinale fu per Salviani uno sprone costante alla scrittura, un interlocutore per le questioni dubbie e la fonte di molte informazioni; del resto, di consigli in fatto di editoria Cervini era abituato a darne addirittura a Piero Vettori.11 Il ruolo del cardinale nella pubblicazione dell’Aquatilium animalium historia di Salviani fu, dunque, ben più consistente di quello del sostenitore finanziario (fig. 1).12

Fig. 1 – Stamp. Ross. 2648, frontespizio dell’Aquatilium animalium historia di Ippolito Salviani

Fig. 1 – Stamp. Ross. 2648, frontespizio dell’Aquatilium animalium historia di Ippolito Salviani

(©Biblioteca Apostolica Vaticana)

Il progetto

  • 13 Ne scrive l’autore stesso in Salviani 1557 (fol. 231r); alla luce della ricostruzione che qui si p (...)
  • 14 Salviani 1557, fol. 231r.

4Fatali erano stati i mesi del conclave che portò all’elezione di Giulio III (7 febbraio 1550) e che, come ogni volta, aveva attirato nell’Urbe porporati di varia nazionalità, ognuno col suo seguito.13 E mentre i cardinali discutevano e brigavano per l’elezione del nuovo pontefice, i medici e gli scienziati delle loro rispettive corti si ritrovarono in una sorta di congresso medico internazionale: non solum Itali, sed etiam Galli, Germani, Pannonii atque Hispani.14

  • 15 Così nelle Memorie della vita 1774, p. 13-14.
  • 16 Salviani 1557, fol. 231r.

5Tra loro v’era un francese che accompagnava il cardinale François de Tournon: Guillaume Rondelet, che «allora disegnava di comporre il suo trattato de’ pesci», in vista del quale «teneva questi frequenti ragionamenti con Paolo Giovio, che aveva scritto in questa materia, ed Ulisse (scil. Aldrovandi), che s’era fatto amico del Rondelezio, spesso si trovava alla pescheria, dov’eglino erano soliti di trasferirsi per osservare i pesci più rari, che capitavano, e studiarne le più rimarchevoli strutture, e proprietà».15 Oltre alla pescheria, Rondelet ottenne una visita all’appartamento di Ippolito Salviani, che ricordava di averlo ricevuto ospite e di aver avviato uno scambio, durante il quale il medico francese gli rivelò quello che era allora l’oggetto dei suoi studi:16 una compilazione di ittiologia, per la quale aveva già raccolta una cospicua serie di riproduzioni grafiche dipinte ad vivum. Ne nacque il proposito di una visita alla collezione di Rondelet, nella quale Salviani coinvolse anche Cervini.

  • 17 Salviani 1557, fol. 231rv.

6A tanto slancio corrispose un’altrettanto grande delusione da parte della delegazione italiana davanti alla raccolta delle raffigurazioni dei pesci;17 una delusione che, se, da un lato, indusse il cardinale a rifiutare il sostegno all’impresa francese, dall’altro, ne stimolò l’immaginazione editoriale e tipografica a favore di Salviani:

  • 18 Lettera di Cervini a Piero Vettori del 12 giugno 1550, in BL, Add. 10274, fol. 5r.

et nondimeno ci semo resoluti che non obstante tutto quello ch’egli habbia fatto, o sia per fare in questa materia, la diligentia che Mastro Hippolito fa in Roma non deve esser superflua, o almeno quanti più ne scriveranno, tanto più si dovrà la cosa illustrare.18

  • 19 Salviani 1557, fol. 231v; Rondelet sarebbe corso ai ripari pubblicando quattro anni più tardi pres (...)
  • 20 Lettera a Beccadelli del 26 aprile 1550 (BP, Pal. 1021/1, fol. 4r).
  • 21 Lettera a Beccadelli del 17 maggio 1550 (BP, Pal. 1021/1, fol. 6r).

7A Cervini, infatti, balenò l’idea di corredare il volume del medico tifernate della serie completa di incisioni a bulino dei singoli pesci di cui il testo trattava, così che esso risultasse più bello, completo e facilmente perspicuo (di quello di Rondelet).19 Una concezione e una strutturazione che Cervini sintetizzava in questi termini: «Maestro Hippolito et io facciamo dipengere li pesci che si trovano in questo mare, et ne fiumi di qua»20 e «oltre al dipignere che facciamo tutti li pesci che potemo havere, si fanno anco stampare in rame».21

  • 22 Il De Romanis piscibus libellus ad Ludovicum Borbonium cardinalem amplissimum era uscito a Roma pr (...)
  • 23 Salviani 1557, fol. 231r; si veda supra, nt. 19.

8Non fosse stato sostenuto da Cervini, Salviani ammetteva che avrebbe potuto appena avere copia dei pesci nostri proximi maris, ossia del Tirreno, che è – a conoscere la bibliografia retrospettiva dell’ittiologia – citazione di Giovio nella dedicatoria al cardinale Louis de Bourbon del suo De piscis romanis, che veniva così surclassato in latitudine, longitudine e profondità.22 Il cardinale mise, dunque, a disposizione il finanziamento necessario a procurare le immagini degli animali – reperite ex Gallia, ex Germania, ex Lusitania, ex Britannia, denique et Graecia ipsa – e a farle trasferire sulla lamina di rame, per ricavarne la stampa, autorevole e forte di una rete di rapporti molto ampia, da quelli con uomini dotti a quelli coi diplomatici della Santa Sede. Una visione generale del progetto e una possibilità d’azione che fecero la differenza tra l’opera di Salviani e quella del suo concorrente francese, tanto che, quando nel corso del 1554 giunsero a Roma i primi esemplari freschi di stampa dell’opera di Rondelet (De piscibus marinis; l’Universae aquatilium historia pars altera sarebbe invece uscita nel 1556), l’impressione fu nuovamente quella di una generale delusione, non solo e non tanto per l’aspetto tipografico, ma anche per la presentazione dei contenuti.23

  • 24 Esse si leggono nei Libri de piscibus marinis, Lione, Macé Bonhomme, 1554 (USTC 151588), p. 423-42 (...)
  • 25 Il Tifernate aveva in animo di rispondere a Rondelet in un apposito volume, che non risulta esser (...)
  • 26 Salviani 1557, fol. 231v.

9Ne sarebbero nate accuse da parte francese24 e una lunga articolata difesa da parte di Salviani,25 che sono entrambe anche la nostra maggiore fonte per la ricostruzione della genesi di ambedue le opere. E se Rondelet aveva creduto di infliggere una umiliazione al collega italiano, insinuando che l’opera era stata realizzata Cardinalis sumptibus, proprio questo fatto era per Salviani motivo di honoratio.26

Le intuizioni tecniche

10Venendo al laboratorio editoriale di Cervini e di Salviani, è assai verisimile che, posta sul tavolo una carta d’Europa e individuati i mari e i fiumi da prendere in considerazione, dovette essere stilata una lista di referenti per ognuna delle regioni interessate dallo studio. Sulla base di questa cominciarono ad essere diramate perentorie istruzioni tecniche:

  • 27 Lettera di Cervini a Beccadelli del 26 aprile 1550, in BP, Pal. 1021/1, fol. 4r.

Vostra Signoria mi farà piacere a farmi dipengere in carta reale mezana del naturale, con li suoi colori proprii e ‘l contorno giusto di ciascuno, li infrascritti pesci… et mandarmeli poi quando saran finiti che l’harò per cosa molto grata.27

11Si richiedeva un lavoro non immediato né risolutivo, ma una ricerca che tenesse conto del tempo e coprisse l’intero arco delle stagioni di un anno:

  • 28 Lettera di Cervini a Beccaldelli dell’11 luglio 1550, in BP, Pal. 1021/1, fol. 8r.

Quando li pesci saranno asciutti, si V. S. R. li mandarà, me ne farà piacer grande, et si secondo le stagioni, ne farà ritrar qualchun’altro, come sarà informata da M. Hippolito similmente, mi sarà grato.28

  • 29 Lettera di Eparco a Cervini del 21 gennaio 1553 (Dorez 1909, p. 345-346); si legga anche Salviani (...)

12E perché l’immagine fosse il più eloquente possibile, non solo per i lettori del volume, ma anche per l’autore che contava di trarvi ulteriori elementi di indagine, in molti casi vennero richieste diverse rappresentazioni del medesimo animale: «una con la longa chiusa et una aperta». Una domanda il cui senso non sfuggiva ai corrispondenti del cardinale, che spiegavano che il pittore da loro ingaggiato: «Ha retrato il scaro con la bocca aperta per mostrar li denti, che in effetto ha denti fortissimi et le schiame grande più che non recerca la sua proportion, et molto grosse et forte».29

  • 30 Lettera di Girolamo Martinengo a Cervini del 10 giugno 1551, ASF, Carte Cervini 45, fol. 38rv.
  • 31 Salviani 1557, fol. 212r.
  • 32 Ibid., fol. 63r.

13Alla necessità di un esame autoptico che molte delle imagines suscitarono in Salviani si rimediò con nuovi dispacci che sollecitavano l’invio a Roma anche di esemplari essiccati al sole, che “maestro Hippolyto” potesse sezionare, esaminare e descrivere; richiesta subito recepita, compatibilmente coi tempi tecnici di essiccazione: «[…] et dicendole che a dì passati le mandai il pesce siluro depinto, et che la testa del medemo siluro è già posta a seccarsi, basciandole con ogni reverentia le mani farò fine».30 Salviani, per parte sua, non avrebbe mancato di ringraziare, anche nel corso dell’opera, la summa diligentia di coloro che gli avevano recapitato Roma sia la piscis ad vivum depictam iconem sia i capita exiccata, ut exactius … mihi nota fieret structura,31 sia esemplari di corium, che permettevano uno studio più attento delle squame, del tessuto e dei suoi pigmenti.32

  • 33 Ibid., fol. 252r.
  • 34 Ibid., fol. 209v.
  • 35 Ibid., fol. 217v.

14In ultimo, si dovette scrivere che si accettava volentieri ogni tipo di testimonianza diretta sui vari tipi di pesci raccolti: notizie tecniche, informazioni su abitudini e alimentazione, racconti circa le modalità di riproduzione o qualsiasi altro elemento simile. Tali resoconti, poi impiegati nell’elaborazione e nella stesura delle sezioni descrittive del volume, non venivano, tuttavia, accettati acriticamente, ma verificati direttamente dall’autore o, quando questo non fosse possibile, accolti solo nella misura dell’affidabilità della fonte, ché la difesa dell’integritas della propria fides scientifica venne proclamata a chiare lettere da Salviani in almeno due punti dell’opera e indicizzata alla voce: Authoris huius libri integra fides.33 In un primo caso, il Tifernate, rispondendo preventivamente a coloro che avessero preteso maggiori notizie, rivendicava di non aver accolto nella sua opera alcun elemento che non fosse stato visionato da lui direttamente o ricevuto da persone fededegne,34 mentre, nel secondo, affermava di preferire un’ammissione di ignoranza all’invenzione di notizie false.35

  • 36 Ibid., fol. 290rv.
  • 37 Ibid., fol. 231v.
  • 38 Ibid., fol. 231v-232r.

15In breve il laboratorio di Salviani dovette riempirsi di disegni, teste essiccate, relazioni scritte, corpi sezionati, resoconti, esemplari di pinne e code di varie dimensioni, sulle quali il testo dell’Aquatilium animalium historia veniva verificato, migliorato, corretto e soprattutto arricchito di nuovi capitoli sulla base dello studio dei disegni e delle parti essiccate: in assenza di essi, non si procedeva alla trattazione, come fu nel caso del pesce palla.36 Successivamente, i disegni e i pezzi essiccati venivano passati al pittore che aveva avuto l’incarico di preparare i disegni propriis coloribus da cui trarre l’incisione, ossia all’elegantissimo Bernardo Aretino, che visse presso Salviani l’ultimo biennio della propria esistenza (1554-1556) a preparare per la stampa le effiges aquatilium animalium.37 Il passaggio dallo studio dell’immagine ad vivum dipincta e/o dal corium essiccato, alla loro realizzazione in aes incisa è attestata da Salviani esplicitamente, e non senza compiacimento.38

Il procedimento

  • 39 Lettera di Eparco a Cervini del 4 febbraio 1553 (Dorez 1909, p. 347).

16Concretamente, da Roma partivano le richieste di riproduzione o di “acquisizione di pezzi originali” sotto forma di «polize» o «incluse», spesso vergate da Salviani, ma inviate per il tramite della posta cerviniana, più ricca di destinatari, rapida nei tempi e autorevole; le risposte giungevano celeri e complete, come questa: «Mi forzarò anche de trovar li pessi che mancano ala polizza che messer Hippolyto mi haveva mandato in quella volta».39

  • 40 Lettera di Cervini a Vettori del 28 luglio 1550, in BL, Add. 10274, fol. 9r.

17Alla lista dei desiderata il cardinale faceva accludere spesso anche il documento o le disposizioni di pagamento: «De pesci che mi fate dipingere ho gran piacere et come vi scrissi farò satisfare i pittori a modo loro. Avisatemi quanto si li harà da dare, che ordinarò costì chi paghi il tutto».40 Non amava, infatti, lasciare in sospeso un aspetto tanto significativo e un movente così forte, al quale i collaboratori erano spesso assai sensibili:

  • 41 Lettera di Eparco a Cervini del 28 febbraio 1551 (Dorez 1909, p. 340-341).

Ho receuto le letterae di 21 del presente di V. S. R.ma, insieme con la litera de cambio et con la polizza del eccelente messer Hippolito, di pesci che vole. […]. Farò depinger dal naturale, quanti serà possibile, di pesci di messer Hippolito.41

18Come sempre, infatti, le questioni economiche potevano costituire ostacoli di non poco conto:

  • 42 Lettera di Cervini a Beccadelli del 28 febbraio 1551 (BP, Pal. 1021/1, fol. 32rv). La vicenda ebbe (...)

Per non dar fastidio a V. S. R. feci dar per ordine di M. Hippolito dieci scudi costà a un m. Giovanni Antonio Rusconi suo amico, per far depigner pesci, quale ne ha fatti depigner molti pochi, di modo che non ha speso se non viii mozanighi delli x Δ (scil. scudi) ch’egli ha havuti. Hora M° Hippolito li scrive per la inclusa lettera che consegni il resto de denari a m. Francesco Martelli, che sono x Δ manco otto mozanighi; piacerà a V. S. R. farli durar questa fatiga et perché desideraremmo che delli detti denari si seguitasse in far depigner pesci, M° Hippolito manda l’inclusa poliza, acciò che si cominci da quelli che vi sono notati. Ma perché il dipintor di V. S. R. non satisfa in questa materia di pesci, saria molto a proposito che se intendesse dal detto m. Giovanni Antonio Rusconi che pittore egli operava, et usar diligentia di farli dipingner da quello, perché ci satisfa assai et non è caro.42

19Uomo avveduto e pratico di qualsiasi aspetto dell’attività editoriale, il cardinale coordinava anche i risvolti tecnici della spedizione del materiale, grafico o propriamente ittico che fosse: almeno coi corrispondenti dell’alto Tirreno, che spedivano via Cassia, venne messo a punto un sistema rapido e sicurissimo. Così, infatti, disponeva per Firenze:

  • 43 Lettera di Cervini a Vettori dell’8 settembre 1550, in BL, Add. 10274, fol. 11r.

Hieri ricevei insieme dui vostre delli x et ultimo del passato con la cassetta entrovi il pesce del Nilo et con la Arocha dipinta, di che tutto vi ringratio. Che il pittor della Spetia sia per ritrarre li dui pesci da me scritti n’ho piacere et accioché egli resti satisfatto di questi et de gl’altri che li farete dipigner per me, ordinarò che da Roma si rimettino in Firenze denari da farsene la voluntà vostra. Voi poi li spendarete come vi parerà et io vi terrò avvisato anche di quelli pesci che non non havemo a Roma. Il modo come disegnate mandarli per l’avvenire in un cannone di latta sarà più securo. Pigliarete per tutte le spese che occorreranno de denari che per questa impresa s’assegnaranno.43

Gli amici di Salviani

20Un progetto come questo che emerge dai vari epistolari cerviniani, non poteva certamente essere nemmeno concepito senza la garanzia previa di una fitta rete di rapporti; non sarebbe bastato – cosa di cui l’interessato era più che consapevole – l’arco intero, pur non trascurabile, delle amicizie e dei colleghi del medico tifernate, che furono pur tuttavia messi all’opera.

  • 44 Andretta 2011, p. 47-176.
  • 45 Meschini 2000 e Memorie della vita 1774, p. 14 e Andretta 2011, ad indicem. Un contributo, che cog (...)
  • 46 Salviani 1557, fol. 155r.
  • 47 Benoît 1923, p. 205. Ulteriori conferme nelle lettere di Giovio 1958, p. 39, 45 e 50.
  • 48 Hanquet 1981 e Andretta 2011, che tuttavia ignorano i dati qui raccolti.
  • 49 Salviani 1557, fol. 63r.
  • 50 Lettera dei Legati pontifici al cardinal Farnese del 16 giugno 1545 (Monumenta Tridentina 1885, p. (...)
  • 51 Angeli Massarelli de concilio 1901, p. 179.
  • 52 Oltre a Conrad Gesner (Bibliotheca instituta et correcta, Zurigo 1583 (USTC 616745), p. 722), si v (...)
  • 53 Lettera di Sirleto a Cervini datata 19 dicembre 1545 (BAV, Vat. lat. 6177, fol. 180r-181r).
  • 54 Si vedano le lettere intercorse tra Cervini e Sirleto (BAV, Vat. lat. 6177-6178 e 6189, fol. 3r-13(...)

21Un collegio, quello dei medici attivi a Roma,44 assai più vasto di quel che si potrebbe pensare, specie quanto alle provenienze, ché dei quattro di cui si ha notizia solo uno era italiano: Luca Ghini, insegnante in Pisana academia e amico e corrispondente di Ulisse Aldrovandi,45 il cui contributo fu peraltro modesto, dal momento che fece pervenire dalla Toscana un disegno «al vivo» di una mola, dalle caratteristiche così rare e diverse da quelle degli altri pesci, che, nel timore che si trattasse dell’astuta falsificazione di un pittore fedifrago, non venne inserita tra le icones raccolte.46 Fiammingo di origine, ma italiano di studi e di professione, era “Maestro Remigio” archiatra del cardinale Alessandro Farnese,47 ossia Rémy de Saint-Rémy:48 è ricordato e ringraziato da Salviani per avergli inviato dal nord Europa sia il disegno ad vivum sia la pelle del pesce Lampetra (la nostra “lampreda”), che i Germani chiamavano Pryck.49 Non è escluso che anche dietro il suo coinvolgimento sia da riconoscere l’intervento di Cervini, che era stato suo paziente: caduto malato nel giugno del 1545 a Trento, vi aveva ricevuto le cure di “maestro Remigio”,50 che nell’aprile dello stesso anno vi aveva accompagnato il suo padrone.51 Studioso di Galeno ed esperto di filologia dei testi medici greci,52 era stato coinvolto da Cervini e da Guglielmo Sirleto (anch’egli suo paziente)53 nella revisione della traduzione latina delle opere di Galeno.54

  • 55 Salviani 1557, fol. 63r; nulla in Andretta 2011.
  • 56 Firpo – Maifreda 2019, p. 998 n. 176.
  • 57 Cardinali 2016, p. 13-16.
  • 58 Salviani 1557, fol. 212v. Si vedano Van Roey 1990 e Wesselius 1990; e Wilkinson 2007, ad indicem, (...)
  • 59 Salviani 1557, fol. 212v.

22Alla stessa lampreda fu legata anche la collaborazione di un altro vir doctissimus e fiammingo: Jan Visbroeck da Ghent (Iohannes Visbrocus Gandensis).55 Si trovava a Roma nei primi anni Cinquanta del XVI secolo, dove vi svolgeva le funzioni di segretario del cardinale Giovanni Morone,56 presso cui aveva preso a frequentare altri eruditi dalla provenienza vicina alla sua: Stephan Winand Pigghe e André Maes. Il primo era stato l’antiquario di Cervini per almeno due anni,57 il secondo un amico e protetto del cardinale, definito da Salviani hebraicae graecae latinaeque linguae peritissimus atque corrigendorum locorum, quae antiquos authores perlegentibus… depravata occurrunt studiosissimus.58 Sia durante gli anni romani, sia in Germaniam reversus, Maes non mancò di sostenere l’opera di Salviani, fornendogli pisces ad vivum egregie depicti, per arricchire la sua raccolta, come nel caso del nonus.59

  • 60 Morto nel 1556, venne sepolto a Santa Maria in Trastevere: Forcella 1873, p. 346 nr. 1065; nulla i (...)
  • 61 CNCE 22777.
  • 62 Salviani 1557, fol. 58rv.
  • 63 Così Rondelet 1554, p. 491-494. Altre notizie provenienti da Horst aveva pubblicato in quegli anni (...)

23Di Amsterdam era, infine, originario, sebbene lavorasse al Santa Maria della Consolazione di Roma, Gisbert Horst (Gisbertus Horstius Amsteladamensis). Prima di spegnersi proprio in quegli anni nell’Urbe,60 dove nel 1544 aveva pubblicato presso Blado il breve trattato De Turpeto et Thapsia,61 trovò il tempo anche per collaborare con Salviani al quale passò, perché ne traesse un disegno dal vivo e poi la trasposizione su rame, un esemplare di serpente marino, appena pescato a Nettuno, nei pressi di Anzio;62 una rarità che il Tifernate non si fece scappare, per nulla intimorito all’idea di finire, anche lui, in mezzo a una delle solite vicende che avevano più del soprannaturale che dello scientifico, di cui Horst si rendeva periodicamente protagonista. L’esemplare che aveva in mano gli garantiva di non compromettere l’integritas della propria fides, credenziale che ovviamente non aveva potuto esibire il rivale Rondelet al quale Horst aveva rivenduti, e dati per buoni, i disegni del piscis monachi habitu e di quello episcopi habitu, rinvenuti l’uno in Norvegia e l’altro in Polonia, o dell’ancor più assurdo mostro leonino, avvistato dalle coste laziali poco prima della morte di “papa Pavolo”.63

Il circolo del cardinale

24Tuttavia, il numero di quanti vennero coinvolti in questa impresa editoriale fu ben più ampio dei colleghi di Salviani. Tre altri collaboratori provenivano, infatti, dalla cerchia stretta delle amicizie del cardinale.

  • 64 Lettera di Eparco a Cervini del 4 febbraio 1553, in Dorez 1893, p. 346-347.
  • 65 Lettera di Eparco a Cervini del 21 gennaio 1553, in Dorez 1893, p. 345-346.
  • 66 Lettera di Eparco a Cervini del 14 marzo 1551, in Dorez 1893, p. 341.

25A Venezia, a far da ponte con la Grecia, Cervini poteva contare su Antonio Eparco, insegnante di greco, scrittore e commerciante di manoscritti. Dai suoi dispacci dalla Laguna si evince che le richieste erano specificate dal medico,64 ma l’operazione era comandata da Cervini;65 e la consegna era garantita «de mano in mano».66

  • 67 Mondrain 2000.

26Versatile come pochi, da quel levantino che era, Eparco in questa occasione poté mettere a servizio del cardinale anche la sua familiarità col mondo medico, dal quale proveniva la sua famiglia,67 e si rivelò preziosissimo collaboratore, metà etologo metà marinaio (con esperienze da corsaro e da “chef di bordo”):

  • 68 Lettera di Eparco a Cervini del 21 gennaio 1553, in Dorez 1893, p. 345-346.

Pesce spada rarissimo setrova a l’Arta; lamprenda mai fo vista in quelli loci. L’accipenser, si è quello che chiamano in volgar nostro αὐλοποιὸς, se trova a Corphù, ma raro de la state, et non d’altro tempo. Pompilio, si è quello che chiamano ἐχενηὶς, se atacha a le nave et lo chiamano in volgar πισσοφάγον. Rarissimo se imbate pigliar, et gli puzza la testa di pegola, et la tagliano, et magnano il resto, et è cosa insipida. Delphino non è stato preso niuno; ho durato gran fatiga de haver un scaro; l’ho fatto retrar et lo mando a Sua S.a Se piglia solamente a Paxu, et Dio sa ciò che mi ha costato de haverlo, imperhò che quella isoletta è stata disertata questa state da Turghi corsari, et niuno perscatore non si voleva acostar in quella. La sua natura è questa: prima non se fa più grando che due livre; somegia al pesce ditto λάμπενα in qualche cosa, ma è di questo color, è pesce grasso assai, ha figado grandissimo et è molto suave; se magnia rosto. Habita in grote et sta sott’ombra volentiere, da do hore del giorno in là, non si vede mai caminar, perché fuge il sole; se piglia con le nasse, et gli metteno per l’esca λινοζώσιν, id est la mercorella, et perhò in volgar la chiamano σκαρολάχανο; gli core adosso come rabiato; è pesce da signori. Questo ho possuto haver. Ἀυλοποιὸν ho lassato la cura al mio fiollo, che trovandose lo faci retrar, et cossi lo delphino.68

  • 69 Lettera di Cervini a Vettori del 12 giugno 1550 (BL, Add. 10274, fol. 4r): «Mi trovo ora in Montep (...)
  • 70 Lavenia 2016.

27A Firenze, invece, il toscano Cervini aveva un referente d’eccezione in Piero Vettori, che si prestò a far da ponte con le coste tirreniche, dalla Liguria al Vesuvio, per il reperimento di immagini di pesci al naturale e di esemplari essiccati: con una sola lettera arrivò a inviare ben 18 disegni.69 Tra i contatti di Vettori provvidenziale si rivelò quello col napoletano Simone Porzio:70

  • 71 Lettera di Cervini a Vettori del 12 giugno 1550 (BL, Add. 10274, fol. 4rv).

Quanto al Portio, ho havuto piacere di esser certificato ch’egli faccia depingner pesci, et che sia servito da così buon pittore. Hora se voi potreste haver li nomi di quelli che fin qui ha fatti dipengnere, li vedrei volontieri, accioché incontrandoli con li nostri, che si ritranno in Roma, vedesse quelli che ci mancano. Ma caso che li nomi non fusseno noti, et voi potiate (come mi scrivete) farli depigner tutti per me dal medesimo pittore che serve messer Portio, me ne farete gran piacere, et io farò satisfare il pittore di tutto quello che harà da havere.71

  • 72 BL, Add. 10274, fol. 90r: «Sre M. Pier Vettori, tornai hiersera dal Car.le mio di S.ta Croce et re (...)

28All’origine era stato un incontro con Vettori, ma per procura: il cardinale vi aveva delegato il suo fido Giovanni Battista Cervini, uomo pratico e sempre risolutivo, che in quella circostanza si era lasciato contagiare, enumerando minuto le finezze ittiche del suo padrone.72

  • 73 Si vedano le lettere in BL, Add. 10274, fol. 4rv, 6r, 11r e 13r.
  • 74 Ibid., fol. 13r.

29Il denaro – lo si è visto – non era un problema e, una volta messo a punto il sistema del «cannone di latta» e spediti via Cassia, gli scambi proseguirono frequenti e fruttuosi: opera di un pittor «Giachino» e di uno «della Spetia» (presso il quale si serviva Porzio),73 il branco ittico giungeva a Roma, dove veniva visionato, copiato e poi rispedito indietro, «bastandomi solo haverne l’exempio».74

  • 75 Lettera del 26 aprile 1550 (ASF, Carte Cervini 4, fol. 37r) edita in Siracusano 2018, p. 216, ma a (...)

30A questi due casi, si aggiunga quello del principe-vescovo di Trento, Cristoforo Madruzzo, conosciuto ai tempi del Concilio e cui cinque anni dopo Cervini si rivolge come fornitore per la zona del «lago di Garda et fiumi vicini a Trento», specificando che i pesci vanno dipinti su «carta reale mezana con suoi colori proprii et contorno».75 La richiesta venne esaudita in maniera così soddisfacente che tre mesi più tardi Cervini, ringraziando, rilanciava:

  • 76 Lettera del 5 luglio 1550 (ASF, Carte Cervini 4, fol. 38r), in Siracusano 2018, p. 219, ma anche 8 (...)

Ho ricevuta la cortese littera di V. S. Ill.ma con li cinque pesci dipinti con molta diligentia. Di che le bacio le mani humilmente, essendomi stati tanto cari, ch’io non lo potria exprimere. Si a suo tempo piacerà a V. S. Ill.ma c…larmi la gratia della sardina anchora, et del carpione, sarà causa che l’opera (quale tutta via procede avanti) sarà tanto più perfetta et io gliene restarò con molto obligo.76

  • 77 Salviani 1557, fol. 102r. Si veda Angeli Massarelli de concilio 1901, p. 157 e 169.

31I due si sarebbero incontrati nuovamente nel 1555, quando entrambi entrarono nel conclave nel quale Cervini sarebbe stato eletto papa, e Salviani avrebbe ricordato come proprio nelle more di quella elezione il principe-vescovo di Trento gli avesse cantato le lodi del salmerino.77

Il coinvolgimento del servizio diplomatico

32Fatti salvi, e dunque esclusi, i casi dei tecnici (colleghi di Salviani) e quelli di Eparco, Vettori, Madruzzo e Maes, la cui collaborazione all’Aquatilium animalium historia era dovuta ai rapporti personali che legavano ognuno al cardinale (commerciali i primi, eruditi i secondi e gli ultimi, i terzi politici), l’opera di approvvigionamento di disegni, notizie ed esemplari essiccati avvenne principalmente attraverso il servizio diplomatico della Santa Sede. Cervini, cioè, coinvolse la rete delle Nunziature Apostoliche, che copriva l’intero territorio europeo e garantiva una piena convergenza su Roma delle informazioni più diverse. Su di un piano, dunque, di perfetta e interscambiabile parità con medici ed eruditi, a (doppia) riprova sia del livello culturale dei diplomatici farnesiani sia della duttilità dello strumento delle rappresentanze pontificie.

  • 78 Motta 2008.

33La copertura del Nord Europa era assicurata dal rappresentante presso Carlo V, il benedettino Girolamo Martinengo.78 Un caso assolutamente emblematico questo, che illustra come meglio non si potrebbe il presupposto e la modalità del servizio prestato dai diplomatici pontifici, e dunque l’agio e la sicurezza con i quali Cervini maneggiava questo strumento per raggiungere il proprio scopo.

34Martinengo, infatti, era colui che il 21 gennaio 1551 aveva scritto a Cervini questa lettera di auto-raccomandazione:

  • 79 ASF, Carte Cervini 45, fol. 36rv, la lettera è datata: «Di Augusta, alli 21 di gienaro del 1551».

Io mi sono per il passato scoperto così ambitioso, che, nascendome anche adesso un desiderio d’ambitione, non voglio restare di communicarlo con V. S. R.ma, al quale tanto più volentieri darei ricapito, quanto che reuscendome spererei mi dovesse venire fatto di poterla servire, et servendola, crederei purgarlo del detto diffetto e santificarlo. Onde la prego quel più ch’io so et posso a non mi ci negare il favore suo, che havendolo appresso N. S.re, non dubito punto di non restarne contento, et consolato. Il disiderio, Mons.r mio R.mo, è tale che dicendome più fiate M.or Pighino, che o per causa di Concilio o per altri affari tosto partirà da l’Emperadore, disidererei in ogni una di queste occasioni essere posto in suo luogho, che, se bene a gran prezzo non potessi giugnere al valore et alla virtù di quel signore, mi sforzerei nella diligentia et nella fede di non me gli scostare. Inoltre havendo visto Clemente et Paulo di sa.ta memoria l’uno servirsi del conte Baldessare di Castiglione et l’altro di messere Gioan Poggio appresso questo medemo principe, che né l’uno né l’altro haveva chiesia, stimerei non mi dovesse fare molto pregiudicio, che, come quelli, ne fosse senza, et massimamente essendo già due volte in questa mia simplicità di stato con due Maestà, quel che elle si siino, stato operato per cotesta Santa Sede. Il che non giovandomi ad altro, mi deve almeno giovare affarmi habile et capace per questo rispetto di simili carichi. Nel resto, io mi rimetto a V. S. R.ma, che, sapendo et potendo, spero per benignità sua debba anche volere. Questo è il caso mio, il quale non essendo biasimato da V. S., mi renderà molta consolatione, parendole anche degno di riprensione, mi stringerò nelle spalle con dirle che homo sum, et humani nihil a me alienum puto.79

  • 80 Ceccarelli 2015.

35Candido nella sua confessione di «ambitioso», cortigiano all’idea di sublimare la propria natura mediante il servizio a un cardinale tanto reputato, e desideroso di arrivare al “cuor di Paolo (III)”, Martinengo offriva i suoi servigi a Cervini nella speranza che questi (che lo aveva già promosso a Nunzio in Polonia nel 1548) lo destinasse alla Corte Imperiale in sostituzione di Sebastiano Antonio Pighini.80

  • 81 Le missive di Martinengo relative ai pesci, che coprono il periodo dal settembre 1550 al novembre (...)
  • 82 Del governo della corte 1883, p. 78-79.

36È su questo presupposto di carrierismo che Cervini poggiava la sua richiesta. Favorito dal punto di vista fiscale e promosso a Vienna, il benedettino, desideroso di «mostrare gratitudine» all’illustre benefattore e «soddisfarlo nel suo desiderio»,81 dovette comunque strabuzzare quando, ammettendo di non vedere «in che cosa per hora possa servire il cardinale», Madruzzo gli spiegò che Cervini era alla ricerca di informazioni sui «nomi de pesci, che in queste acque sue se ritrovano» e che si doveva far pervenire a Roma: «il pesce Syluro ritratto et la testa secca». Dunque, ritratto in dimensione naturale e con l’indicazione dei colori esatti, e invio di materiale «ben stagionato». Del resto, la fauna straniera poneva numerosi problemi che lo studio in contumacia aggravava: quale credito dare alle opinioni circolanti su pesci di acque lontane? Quale il grado di attendibilità di uno «spenditore» (ossia colui «che ottimamente conosca le robe, le grasce e i prezzi delle cose, e cose buone sempre e con vantaggio comperi»82)? Lo stesso pesce Siluro sollevava più di un interrogativo e, pur di andare a fondo della questione – e compiacere il cardinale –, Martinengo non ricusò un’autopsia al mercato del pesce di Vienna:

  • 83 Lettera del 10 agosto 1551, in ASF, Carte Cervini 45, fol. 39rv.

Quando dissi che ‘l pesce Siluro, quando con la mazza viene ammazzato, stride, io ‘l dissi su la relatione de ‘l mio spenditore, che mi disse che, vedendolo ammazzare, l’haveva sentito strillare. Ma admonito dalla difficultà, che muove mastro Hippolyto, io stesso sono andato in Pescaria, et vedutine molti a percuotere con quella mazza in testa, nessuno ho sentito a strillare, et oltre quello, ch’io vidi, pigliandone informatione da Pescatori, da tutti uniformemente mi fu detto et affermato che non stride mai, di sorte ch’io concludo con mastro Hippolyto che ‘l detto pesce ha le branche, et spiracoli aperti, et non strilla né fa voce alcuna alla barba de ‘l mio spenditore, che mi referì il contrario. Dissi parimente che non haveva denti, ma che più tosto haveva un ordine, che pareva una lima, hora dic ‘l medemo. Tuttavia si può anche batteggiare per denti, oltre che nelle fauci ha denti assai maggiori, quali ne ‘l vivo non puoti scorgere, ma nella testa, che ho fatta seccare, della quale credo che V. S. ne deva essere più sodisfatta, che de ‘l dissegno, si veggono chiari, et assai grandi. Quanto al usone et differentie tra lui e ‘l sturione, il ritratto, che n’ho fatto da ‘l Re, che fa grandissima proffessione di queste cose, et da suoi Medici co ‘l testimonio de pratici ne ‘l Danubio, è questo: Uso est de genere sturionis, caret dentibus, quemadmodum sturio, et haec pro ore foramen subtus, per quod vorat etiam pisces, nam inventae sunt in ventre usonis duae carpae magnae integrae. Nullus ex eis habet spinas, sed uterque squamas, quas sturio habet duriores, et forciores quam uso, ambo reperiuntur in Danubio, sunt ferme eiusdem formae quamvis uso sit multo maior, imo in Danubio reperiuntur aliae tres species, aut diffierentiae piscis omnino similis sturioni, tantum magnitudine differentes, quia sunt paulo minores, et differunt in colore carnis, et pinguedinis, sed in figura capitis, oris et totius corporis similes. Unus vocatur germanice Tuckh, alter Scherg, alius Hester, et hi praeter sturionem et usonem et porcelletam, qui omnes sunt eiusdem figurae, differentes sola magnitudine. Dicunt etiam usonem habere carnem et pinguedinem magis luteam aliis. Piscis barbatus, qui depictus missus fuit, qui a Mainardo pro Siluro habetur, facit mense maio ova, non foetum, et habet dentes acutos, et os latum, et sic potius est Silurus quam Sturio vocatus. Per dire anche quello che è stato ragionato, dicono quod in Moscovia reperitur quidam magnus piscis, ad quem extrahendum est ex flumine Boristene multis iugis bouum opus est, et quod editur passim, et quod est boni saporis. S’in questa materia altro bisognerà essendone avisato non mancherò d’essequire. Desidererei bene d’haver commodità di puoterle mandare la testa, che ho fatta seccare, che sarà il fine di questa.83

  • 84 Salviani 1557, fol. 212r.

37E non fu questo l’unico bollettino di Martinengo, che, infatti, fece pervenire a Roma ben più macabre prove della voracità disumana di certi pesci. Con tutta la propria autorevolezza garantì a Roma che pochi anni prima un bambino, mentre faceva il bagno nel corso del Danubio all’altezza di Bratislava, era stato divorato da un esemplare di glanide: l’arcivescovo di Esterzgom si era preso cura di far catturare e dissezionare il pesce, nelle cui viscere furono effettivamente trovati i fragmenta della piccola vittima; fide digni Pannones avevano garantito inequivocabilmente.84

  • 85 Si intende ora meglio quanto affermato in Monumenti di varia letteratura 1797, p. 65 n. 270.
  • 86 Dispaccio di Girolamo Dandino a Beccadelli del 19 luglio 1550, edito in Nunziature di Venezia 1967 (...)
  • 87 Dispaccio di Beccadelli a Dandino nel 26 luglio 1550, in Nunziature di Venezia 1967, p. 93-95, seg (...)
  • 88 Lettera di Cervini a Beccadelli del 17 maggio 1550 (BP, Pal. 1021/1, fol. 6r), che esordiva così: (...)

38A Venezia Cervini poteva interpellare anche il Nunzio, perché questi era Ludovico Beccadelli,85 al quale bastava uno spaccio per mettersi in moto86 e la cui risposta era sempre solerte e a stretto giro di posta.87 Per certe ricerche non ricusò di impiegare il suo archiatra – guadagnandosi la riconoscenza del cardinale: «Ringratio V. S. R. della cortesia sua et laudo il suo medico della diligentia che usa in volermi mandare li nomi di molti altri pesci, che non ho domandati»88 –, mentre fu Cervini a spedire a Venezia un collaboratore di sostegno, apparentemente non troppo addentro alle questioni di veterinaria, ma certamente volenteroso:

  • 89 Lettera di Cervini a Beccadelli del 7 marzo 1551 (BP, Pal. 1021/1, fol. 35r).

Un m. Theodoro greco giovene assai ben dotto di lettere greche et latine, viene per habitar costà: quale per esser amico di Maestro Hippolito gl’ha promesso di aiutar V. S. R. o a chi ella harà data l’impresa di far depigner pesci. Come egli sarà comparso, parlarà con lei et s’ella gli farà mostrare quello che sarà la detta impresa, l’aiuto suo forse non gli nocerà niente.89

  • 90 Marcon – Moretti 2015 e Lemerle et al. 2017 ; lettere di Barbaro a Cervini non segnalate in questi (...)
  • 91 Dispaccio di Beccadelli a Cervini datato 8 agosto 1551, in Nunziature di Venezia 1967, p. 268-269, (...)
  • 92 Lettera di Cervini a Beccadelli del 4 luglio 1551, in BP, Pal. 1021/1, fol. 46r.
  • 93 Lettera di Cervini a Beccadelli del 12 dicembre 1551, in BP, Pal. 1021/1, fol. 60r.
  • 94 Cervini possedeva un esemplare delle Exquisitae in Porphirium commentationes Danielis Barbari, app (...)
  • 95 Hochmann 2008, p. 6-8.

39Per il tramite del Nunzio, poi, il cardinale teneva i contatti con Daniele Barbaro,90 neo eletto Patriarca di Aquileia, il quale prestava il suo impegno, spedendo a Roma immagini di pesci per via prelatizia.91 Tra Cervini e Barbaro si dava una stima reciproca, e il primo si dichiarava pubblicamente «alle virtù et bone parti» del secondo «già bon tempo affezionato»,92 e sarebbe intervenuto più volte presso “papa Pavolo” e papa Giulio a difenderne le «laudabili virtù» dalle calunnie che venivano fatte circolare sul suo conto.93 Del resto, Cervini era già intervenuto in favore di Barbaro in materia di alcuni benefici ecclesiastici. Da parte sua, il Patriarca aveva ben altro per guadagnarsi la stima e l’interesse di «Santa Croce»: una sostanziale congenialità di interessi, che andavano dall’architettura alla filosofia, dalla matematica e dall’ottica fino agli autori classici latini e greci, e ai Padri della Chiesa.94 In particolare, il prelato veneto vantava nella propria collezione un «libro de’ pesci dipinto eccellentissimamente»,95 che aveva attirato l’attenzione di molti, anche al di là delle Alpi, come Pierre Belon, che scriveva:

  • 96 Così Belon 1551 (USTC 11204), fol. 6v-7r.

Monsieur Daniel Barbarus, l’un des plus doctes gentils hommes de Venise, maintenant ambassadeur en Angleterre esleu d’Aquilee, qui a entretenu a ses gaiges l’espace de huict ans un tres expert peintre nommé messer Plinio, le faisant seulement besongner la plus part du temps aus peinctures de toutes especes de poissons, retirant tant ceuls de la mer Adriatique, que de la Mediterranee, & des fleuves & lacs de toute Italie, & lequel il a si bien faict besongner, qu’il ha le portraict contrefaict au naturel des vives images non seulement de ceuls qui ont estés apportez au marché ou es poissonneries de Venise, mais aussi des autres qui luy ont estés singulierement envoiez des ports & plages d’Esclavonie, lesquelles peinctures sont beaucoup plus de trois cents.96

  • 97 Alberigo 1964, p. 91.
  • 98 Lettera di Cervini a Beccadelli del 25 luglio 1551 (BP, Pal. 1021/1, fol. 47r).
  • 99 Minuta della lettera di Cervini al vescovo di Ceneda del 4 ottobre 1551 (ASF, Carte Cervini 45, fo (...)

40A questa vera e propria riserva aurea di ittiologia, avviata già durante gli anni della legazione inglese (1549-1551),97 Cervini poté attingere grazie ai buoni uffici e alla fattiva mediazione di Beccadelli, che riceveva istruzioni da Roma («Piacerà a V. S. resalutar in mio nome Mons. Eletto d’Aquileia, et perché non ho ricevuti li pessi che S. S. diceva havermi mandati, potria intendere per che via li ha drizati, acciò non andassero male»)98 e al quale il cardinale diede riscontro dei «sette pesci dipinti con una cortesissima lettera di Mons. eletto d’Aquilegia, quali mi sono stati charissimi, venendo da S. S. R.ma et essendo in sè rari et straordinarii».99

  • 100 Salviani 1557, fol. 70v.
  • 101 Memorie della vita 1774, p. 218.

41In qualità di ambasciatore della Serenissima in Inghilterra, infatti, Barbaro aveva avuto modo non solo di accrescere il suo album di ittiologo, ma di compiere ricerche in prima persona. Salviani ricorda che, in fatto di anguille, il dottissimo patriarca gli aveva raccontato che, mentre costeggiava in nave la Scozia occidentale durante il mese di settembre, avendo visto uomini disposti in un preciso ordine lungo la spiaggia, ne aveva chiesto spiegazioni al marinaio, che gli rispose che stavano così appostati in attesa che emergessero le anguille. Fatta fermare l’imbarcazione, sceso a perlustrare e accortosi che non era poi operazione così complicata, sguainò anche lui la spada: in poco tempo ne trafisse duecento.100 Dell’album «delli pesci dipinti da M. Plinio, che sta con Monsignor Daniello Barbaro» Salviani stesso ammise pubblicamente non solo di esserne «informatissimo», ma di essersi «anche servito di alcuni, perché Monsignor è molto mio padrone».101

42Ma l’approvvigionamento ittico non ebbe un raggio semplicemente europeo, ma transoceanico, e in tutte e due le direzioni, per giunta: attraverso il canale delle delegazioni pontificie era possibile giovarsi delle conquiste coloniali di molte corone del Vecchio Continente. E Cervini ebbe l’accortezza di mobilitare la rappresentanza di Lisbona, da dove Pompeo Zambeccari nella primavera 1552 si affrettò a spedire a Roma «dodici foglii de pesci», cui ne aggiunse subito «cinque altri fogli, che sono diciassette in tutto», e a promettere ben maggiori mirabilia:

  • 102 Lettera di Zambeccari del 25 aprile 1552 (ASF, Carte Cervini 46, fol. 12r e 12bisr) edita in La co (...)

Et ho mandato al Brasille et in India et altre parti toccanti a questo regno per far la medemma diligenza et so che capiteranno qui, et se bene potranno venir tardi, lei li potrà sempre havere o per mia via o d’altro nontio che sia qui.102

43In questo modo a Cervini fu possibile ottenere «retratti di tutti e pesci che si retrovano» in una zona che va dalle coste brasiliane alle rive del Danubio, dai territori «lutherani» alla Napoli di Porzio, dall’India alla Grecia di Eparco.

44Infine, il personale diplomatico venne mobilitato anche per richiedere il privilegio di stampa per il proprio paese di missione, e per l’Aquatilium animalium historia tale concessione venne ottenuta dalle quattro principali corone d’Europa: dopo quello di Giulio III, infatti, sono stampati i privilegi dell’imperatore Carlo V, di Enrico II di Francia e di Cosimo de’ Medici.

  • 103 Si vedano le missive di Santacroce del 10 febbraio e del 22 marzo 1553 (ASF, Carte Cervini 46, fol (...)

45Degli ultimi tre, quello di Sua Maestà Christianissima si rivelò il più difficile da ottenere: al Nunzio Prospero Santa Croce fu infatti necessario districarsi tra gli innumerevoli impegni del Re e questioni di strategia editoriale,103 che richiedevano lunghe attese, discrete captationes benevolentiae e una disponibilità imperturbabile agli umori del sovrano:

  • 104 Dispaccio a Cervini del 10 febbraio 1553, in ASF, Carte Cervini 46, fol. 49r.

Essendo stata S. M. Christianiss.ma tutti questi giorni in viaggio, per veder i figlioli, et essendo tornata solamente tre dì fa et subito arrivato Mons.or di Ghisa et il S.or Duca Oratio, che farà nozze martedì prossimo. Non mi è parso tempo di negotiar né con S. M. per il privilegio per m. Hippolito (scil. Salviani).104

46A volte, poi, non era nemmeno questione di porre la domanda, perché divergevano le stesse linee politiche:

  • 105 Dispaccio del 22 marzo 1553, in ASF, Carte Cervini 46, fol. 67r.

Medesimamente in quel che ricerca M.o Hippolito, mi dicano per fermo che dia il Re qual privilegio si voglia in eo genere, non si stampando il libro in Francia, non serà osservato per non preiudicare a la libertà del Regno, per il che non mi è parso di durarci maggior fatica per haverlo, poiché non ha da servire.105

Il risultato

  • 106 Nell’esemplare BAV, R. I S. 58 lo slittamento della pubblicazione appare evidentissimo: la prefazi (...)
  • 107 Ottavio Pantagato ne avrebbe scritto a Onofrio Panvinio il 10 dicembre dello stesso 1557 (BA, D 50 (...)

47Lo studio dei materiali grafici e organici provenienti dai quattro angoli del continente e il trasferimento su rame dei singoli disegni, che vennero poi stampati a corredo della parte scritta, si protrassero ben oltre le previsioni: solo nel 1557, infatti, e dunque postumo di due anni sulla morte di Cervini106 e di tre sulle previsioni dall’autore, uscì lo splendido volume di Salviani.107

48Per i fogli 1-56 si estendono le tavole sinottiche, nelle quali sono riportate le denominazioni latina, greca e volgare italiana di ogni pesce, affiancate da una descrizione sommaria degli attributa della singola specie e dai riferimenti ai testi di Aristotele, Oppiano, Plinio il Vecchio, Ateneo, Eliano e di eventuali altri varii auctores (fig. 2). Con la tavola della serpens marina al fol. 56r si apre la serie di 54 historiae, ossia schede tecniche corredate da una incisione ognuna, dedicate ad altrettante tipologie di pesce (fino al fol. 248v). Ognuna di queste sezioni è articolata in maniera abbastanza costante per paragrafi posti secondo lo stesso ordine: nomen; descriptio; partus, ortus et differentiae; locus; natura et mores; quantae sit nobilitatis et quae earum nobilior; capiendi ac condiendi ratio; ut nutriat et quibus medeatur; antiquorum nominum indagatio (fig. 3-5). Non di rado la presentazione della singola specie si conclude con indicazioni di carattere gastronomico relative alla modalità di consumo e a quelle in cui ognuna di esse era cucinata nei differenti paesi, scondo quello che i fornitori avevano trasmesso a Roma: Eparco, ad esempio, aveva dato notizia di quanto fosse insipida la carne del pompilio (da cucinare rigorosamente senza la testa) e spiegato che lo scaro «se magnia arosto».

Fig. 2 – Stamp. Ross. 2648, ff. 1v-2r– tavola di concordanza dei nomi latini, greci e volgari dei pesci analizzati e delle fonti antiche su ognuno di essi

Fig. 2 – Stamp. Ross. 2648, ff. 1v-2r– tavola di concordanza dei nomi latini, greci e volgari dei pesci analizzati e delle fonti antiche su ognuno di essi

(©Biblioteca Apostolica Vaticana)

Fig. 3 – Stamp. Ross. 2648, ff. 174v-175r– tavola incisa e inizio della sezione teorica dedicate all’orata

Fig. 3 – Stamp. Ross. 2648, ff. 174v-175r– tavola incisa e inizio della sezione teorica dedicate all’orata

(©Biblioteca Apostolica Vaticana)

Fig. 4 – Stamp. Ross. 2648, f. 198r– tavola illustrativa dello scorfano

Fig. 4 – Stamp. Ross. 2648, f. 198r– tavola illustrativa dello scorfano

(©Biblioteca Apostolica Vaticana)

Fig. 5 – Stamp. Ross. 2648, f. 199r– inizio della sezione teorica relativa allo scorfano

Fig. 5 – Stamp. Ross. 2648, f. 199r– inizio della sezione teorica relativa allo scorfano

(©Biblioteca Apostolica Vaticana)

49Nel corso dell’argomentazione possono essere citati, e di frequente corretti ed emendati, autori classici e cristiani, repertori come il “Calepino”, e scrittori recenti o contemporanei: Teodoro Gaza, Paolo Giovio, Pierre Gilles, Pier Andrea Mattioli, Francesco Filelfo, Raffaele Maffei ed Ermolao Barbaro. Non mancano proposte di emendazione sia all’edizione pliniana di Francesco Massari, sia a non meglio specificati Plinii o Aristotelis codices.

  • 108 Salviati 1557, fol. 249rv.
  • 109 Ibid., fol. 250r-251r.
  • 110 Ibid., fol. 251v-257r.
  • 111 Ibid., fol. 255v.
  • 112 Ibid., fol. 256r.

50Il volume è concluso e reso funzionale da una quadruplice indicizzazione: quella dei nomi greci108 e quella dei nomi volgari,109 quella delle materie110 e quella degli autori citati (sia per tradizione diretta che indiretta),111 cui seguono gli errata corrige112 (fig. 6).

Fig. 6 – Stamp. Ross. 2648, f. 249r– indice dei nomi greci dei differenti pesci trattati e loro equivalente latino.

Fig. 6 – Stamp. Ross. 2648, f. 249r– indice dei nomi greci dei differenti pesci trattati e loro equivalente latino.

(©Biblioteca Apostolica Vaticana)

  • 113 Pignalosa 2013, p. 899 sostiene, senza tuttavia additare la fonte, che le tavole degli Aquatilium (...)

51Il risultato fu un volume propriamente ellenistico; non nelle proporzioni (che sono quelle di un μέγα βιβλίον), ma nella ghirlanda gratulatoria cui intrecciarono il proprio omaggio poetico i più bei nomi della Roma letteraria dell’epoca: una corona europea, costituita da italiani, fiamminghi e spagnoli. Ma propriamente ellenistica l’Aquatilium animalium historia fu nella struttura per testo e immagini e nella qualità eccezionale dell’apparato iconografico: non è certo che fu Niccolò Beatrizet l’autore delle tavole, ma è sicuro che Antoine Lafréry le avrebbe poi raccolte e commerciate anche senza testo.113 In quest’opera l’altissimo livello estetico delle raffigurazioni a piena pagina non è compiaciuto esercizio di bravura né trovata commerciale, ma servizio alla trattazione scientifica. Complemento essenziale alla ricerca e all’esposizione tecnica: l’ad vivum vantato dal frontespizio va esteso, infatti, ai disegni e alle «teste secche», ossia ai due elementi richiesti dal cardinale ai suoi «spenditori», per studiare, dissezionare e poi illustrare la flora acquatica conosciuta. E le tavole interfoliate restituiscono visivamente al lettore l’opera di studio dell’autore e la stretta complementarietà tra testo e immagine. Quasi a fornire l’ingresso e la visita diretta al laboratorio del «medico practico»; gettando un occhio sul suo tavolo da lavoro.

  • 114 Battisti 1962, p. 259-272.
  • 115 Gilii-Xuarez 1789-1792. La vicenda è stata ricostruita da Monaco - Rita 2020, p. 706-707.

52È dunque un fatto che il primo libro scientifico d’Europa114 sia nato grazie al concorso del corpo diplomatico pontificio in una alleanza che si sarebbe ripetuta un paio di secoli più tardi, sempre a proposito di una iniziativa di carattere scientifico. Filippo Luigi Gilii e il gesuita Gaspar Xuarez avrebbero ottenuto di coinvolgere la rete diplomatica papale per assicurarsi l’invio a Roma delle principali specie di piante delle varie parti del mondo, e allestire un orto botanico universale, l’Horto Vaticano-indico, da cui sarebbe stata tratta la pubblicazione in tre volumi e un erbario di 1267 esemplari vegetali.115

Haut de page

Bibliographie

Archivi

AAV = Città del Vaticano, Archivio Apostolico Vaticano.

ASF = Firenze, Archivio di Stato.

BA = Milano, Biblioteca Ambrosiana.

BAV = Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana.

BL = Londra, British Library.

BP = Parma, Biblioteca Palatina.

BV = Roma, Biblioteca Vallicelliana.

Bibliografia primaria

Angeli Massarelli de concilio 1901 = Angeli Massarelli de concilio Tridentino Diarium primum, in Concilium Tridentinum. Diariorum, actorum, epistularum, tractatuum nova collectio, edidit Societas Goerresiana, I: Diariorum pars prima, Friburgo, Herder, 1901.

Belon 1551 = P. Belon, L’histoire naturelle des estranges poissons marins, Parigi, Regnault Chaudière, 1551.

Carteggio umanistico 1950 = Carteggio umanistico di Alessandro Farnese (Dal cod. Gl. Kgl. S. 2125, Copenhagen), a cura di A. Frugoni, Firenze, Olschki, 1950.

Del governo della corte 1883 = Del governo della corte dun signore in Roma, rist., Città di Castello, S. Lapi, 1883.

Dorez 1893 = L. Dorez, Antoine Eparque. Recherches sur le commerce des manuscrits grecs en Italie au XVIe siècle, in Mélanges d’archéologie et d’histoire, 13, 1893, p. 281-364.

Forcella 1873 = V. Forcella, Iscrizioni delle chiese e daltri edifici di Roma dal secolo XI fino ai giorni nostri, II, Roma, Tipografia dei fratelli Bencini, 1873.

Gilii – Xuarez 1789-1792 = F.L. Gilii, G. Xuarez, Osservazioni fitologiche sopra alcune piante esotiche introdotte in Roma, Roma, Nella Stamperia di A. Casaletti, 1789-1792.

Giovio 1524 = P. Giovio, De Romanis piscibus libellus ad Ludovicum Borbonium cardinalem amplissimum, Roma, Francesco Minizio Calvo, 1524.

I maestri della Sapienza 1991 = I maestri della Sapienza di Roma dal 1514 al 1787: i Rotuli e altre fonti, a cura di E. Conte, Roma, Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 1991.

La correspondance 1980 = La correspondance des premiers Nonces permanents au Portugal 1532-1553, II, ed. Ch.-M. de Witte, Lisbonne, Academia Portuguesa da História, 1980.

Marini 1784 = G. Marini, Degli archiatri pontifici, I, Roma, Pagliarini, 1784.

Memorie della vita 1774 = Memorie della vita di Ulisse Aldrovandi, Bologna, Lelio della Volpe, 1774.

Monumenta Tridentina 1885 = Monumenta Tridentina. Beiträge zur Geschichte des Concils von Trient von A. von Druffel, II: Juni -December 1545, München, Verlag der Akademie der Wissenschaften, 1884.

Monumenti di varia letteratura 1797 = Monumenti di varia letteratura tratti dai manoscritti di Monsignor Ludovico Beccadelli arcivescovo di Ragusa, I. 1, Bologna, Istituto delle Scienze, 1797.

Nuntiaturberichte 1965 = Nuntiaturberichte aus Deutschland 1533-1559 nebst Ergänzenden Aktenstücken, 16: Nuntiatur des Girolamo Martinengo (1550-1554), im Auftrage des Deutschen Historischen Instituts in Rom bearbeitet von H. Goetz, Tübingen, M. Niemeyer, 1965.

Nunziature di Venezia 1967 = Nunziature di Venezia, V: 21 marzo 1550-26 dicembre 1551, a cura di F. Gaeta, Roma, Istituto Storico Italiano per l’Età Moderna e Contemporanea, 1967.

Roma prima di Sisto V 1908 = Roma prima di Sisto V. La pianta di Roma Du Pérac-Lafréry del 1577, riprodotta dall’esemplare esistente nel Museo Britannico per cura e con introduzione di F. Ehrle d. C. d. G., Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, 1908.

Rondelet 1554 = G. Rondelet, Libri de piscibus marinis, Lione, Macé Bonhomme, 1554.

Rondelet 1558 = G. Rondelet, L’histoire entière des poissons, Lione, Macé Bonhomme, 1558.

Salviani 1557 = I. Salviani, Aquatilium animalium historia, Roma, apud eundem Hippolitum Salvianum, 1557.

Bibliografia secondaria

Alberigo 1964 = G. Alberigo, Barbaro, Daniele Matteo Alvise, in Dizionario biografico degli Italiani, 6, Roma, 1964, p. 89-95.

Andretta 2011 = E. Andretta, Roma medica. Anatomie d’un système médical au XVIe siècle, Roma, 2011.

Battisti 1962 = E. Battisti, Lantirinascimento. Con unappendice di manoscritti inediti, Milano, 1962.

Benoît 1923 = F. Benoît, Farnesiana, in Mélanges d’archéologie et d’histoire, 40, 1923, p. 165-206.

Bignami Odier 1973 = J. Bignami Odier, La Bibliothèque Vaticane de Sixte IV à Pie XI. Recherches sur l’histoire des collections de manuscrits, avec la collaboration de J. Ruysschaert, Città del Vaticano, 1973.

Brunelli 2000 = G. Brunelli, Marcello II, in Enciclopedia dei papi, III, Innocenzo VIII-Giovanni Paolo II, Roma, 2000, p. 121-128.

Cardinali 2016 = G. Cardinali, Sei indizi e due episodi di antiquaria cinquecentesca: Marcello Cervini tra epigrafia classica e cristiana, in Symbolae Antiquariae, 9, 2016, p. 9-37.

Cardinali 2018 = G. Cardinali, Ritratto di Marcello Cervini en orientaliste (con precisazioni alle vicende di Petrus Damascenus, Mosè di Mārdīn ed Heliodorus Niger), in Bibliothèque dHumanisme et Renaissance, 80, 2018, p. 75-96 e 325-343.

Ceccarelli 2015 = A. Ceccarelli, Pighini, Sebastiano Antonio, in Dizionario Biografico degli Italiani, 83, Roma, 2015, p. 584-586.

Dorez 1909 = L. Dorez, Le registre des dépenses de la Bibliothèque Vaticane de 1548 à 1555, in Fasciculus Ioanni Willis Clark dicatus, Cambridge, 1909, p. 142-185.

Dykmans 1994 = M. Dykmans, Marcel II, in Ph. Levillain (dir.), Dictionnaire historique de la Papauté, Parigi, 1994, p. 1088-1089.

Firpo – Maifreda 2019 = M. Firpo, G. Maifreda, Leretico che salvò la Chiesa. Il cardinale Giovanni Morone e le origini della Controriforma, Torino, 2019.

Formentin 2008 = M.R. Formentin, Uno scriptorium a Palazzo Farnese?, in Scripta, 1, 2008, p. 77-102.

Fossier 1982 = F. Fossier, La Bibliothèque Farnèse. Étude des manuscrits latins et en langue vernaculaire, Roma, 1982.

Fragnito 2014 = G. Fragnito, Paolo III, papa, in Dizionario biografico degli Italiani, 81, Roma, 2014, p. 98-107.

Giovio 1958 = P. Giovio, Lettere, a cura di G.G. Ferrero, II: 1544-1552, Roma, 1958.

Glardon 2011 = P. Glardon, L’histoire naturelle au XVIsiècle introduction, étude et édition critique de La nature et diversité des poissons de Pierre Belon (1555), Ginevra, 2011.

Hanquet 1981 = P. Hanquet, Apheronyme (pseudonyme de) Saint-Rémy (Rémy de), in Biographie Nationale, 42 Suppl. 14.1, Bruxelles 1981, col. 1-4.

Hierarchia catholica 1933 = Hierarchia catholica medii et recentioris aevi sive Summorum Pontificum, S. R. E. Cardinalium, ecclesiarum antistitum series, III: saeculum XVI ab anno 1503 complectens, inchoavit G. van Gulik, absolvit C. Eubel, editio altera quam curavit L. Schmitz-Kallenberg, Munster, Sumptibus et Typis Librariae Regensbergianae, 1933.

Hochmann 2008 = M. Hochmann, Le collezioni veneziane nel Rinascimento: storia e storiografia, in M. Hochmann, R. Lauber, S. Mason (a cura di), Il collezionismo darte a Venezia. Dalle origini al Cinquecento, Venezia, 2008.

Jedin 1974 = H. Jedin, Storia del Concilio di Trento, II, trad. it., Brescia, 1974.

Lavenia 2016 = V. Lavenia, Porzio, Simone, in Dizionario biografico degli Italiani, 85, Roma, 2016, p. 142-145.

Lemerle et al. 2017 = F. Lemerle, V. Zara, P. Caye, L. Moretti (a cura di), Daniele Barbaro 1514-1570. Vénitien, patricien, humaniste, Turnhout, 2017.

Marcon – Moretti 2015 = S. Marcon, L. Moretti (a cura di), Daniele Barbaro (1514-70). Letteratura, scienza e arti nella Venezia del Rinascimento, Crocetta del Montello, 2015.

Meschini 2000 = F.A. Meschini, Ghini, Luca, in Dizionario biografico degli Italiani, 53, Roma, 2000, p. 767-771.

Monaco – Rita 2020 = G. Monaco, A. Rita, I gabinetti scientifici e la specola della Vaticana: lopera di Filippo Luigi Gilii, in A. Rita (a cura di), La Biblioteca Vaticana dalloccupazione francese allultimo Papa Re (1797-1878), Città del Vaticano, 2020, p. 701-722.

Mondrain 2000 = B. Mondrain, Les Éparque, une famille de médecins collectionneurs de manuscrits aux XVe-XVIe siècles, in Η Ελληνική γραφή κατά τους 15ο και 16ο αιώνες, Atene, 2000, p. 145-163.

Motta 2008 = G. Motta, Martinengo, Girolamo, in Dizionario biografico degli Italiani, 71, Roma, 2008, p. 154-157.

von Pastor 1914 = L. von Pastor, Storia dei papi, V: Paolo III (1534-1549), trad. it., Roma, 1914.

Pernot 1979 = L. Pernot, La collection de manuscrits grecs de la maison Farnèse, in Mélanges de l’École française de Rome. Moyen Âge. Temps Modernes, 91-1, 1979, p. 457-506.

Pernot 1981 = L. Pernot, Nouveaux manuscrits grecs farnésiens, in Mélanges de l’École française de Rome. Moyen Âge. Temps Modernes, 93-2, 1981, p. 695-711.

Piacentini 2001 = P. Piacentini, La biblioteca di Marcello II Cervini. Una ricostruzione dalle carte di Jeanne Bignami Odier. I libri a stampa, Città del Vaticano, 2001.

Pignalosa 2013 = S. Pignalosa, Salviani, in Dizionario degli editori, tipografi, librai itineranti in Italia tra Quattrocento e Seicento, III, coordinato da M. Santori, a cura di R.M. Borraccini, G. Lipari, C. Reale, M. Santoro, G. Volpato, Pisa-Roma, 2013, p. 898-899.

Pinon 2002 = L. Pinon, Clématite bleue contre poissons séchés. Sept lettres inédites d’Ippolito Salviani à Ulisse Aldrovandi, in MEFRIM, 114-2, 2002, p. 477-492.

Procaccioli 2017 = P. Procaccioli, Dionigi Atanagi e le accademie della Roma farnesiana, in C. Chiummo, A. Geremicca, P. Tosini (a cura di), Intrecci virtuosi. Letterari, artisti e accademie tra Cinque e Seicento, a cura di Roma, 2017, p. 77-90.

Prosperi 2000 = A. Prosperi, Dalla Peste Nera alla guerra dei Trentanni, Torino, 2000.

Quaranta 2010 = C. Quaranta, Marcello II Cervini (1501-1555). Riforma della Chiesa, concilio, Inquisizione, Bologna, 2010.

Siracusano 2018 = L. Siracusano, Lepistolario di Cristoforo Madruzzo come fonte per la storia dellarte. Con unappendice di documenti dal Notarile di Roma, Trento, 2018.

Smith 2019 = P. Smith, Dynamiques européennes de l’humanisme érudit dans l’histoire naturelle. Le cas de l’ichtyologie, de Belon, Rondelet et Gessner à Willughby et Ray, in D. Crouzet, É. Crouzet-Pavant, Ph. Desan, C. Revest (dir.), L’humanisme à l’épreuve de l’Europe. XVe-XVIe siècles. Histoire d’une transmutation culturelle, Ceyzérieu, 2019, p. 167-181.

Van Roey 1990 = A. Van Roey, Les débuts des études syriaques et André Masius, in V Symposium Syriacum, 1990, p. 10-19.

V Symposium Syriacum 1990 = R. Lavenant S.J. (a cura di), V Symposium Syriacum 1988, Roma, 1990.

Wesselius 1990 = J.W. Wesselius, The Syriac correspondence of Andreas Masius: a preliminary report, in V Symposium Syriacum, 1990, p. 21-29.

Wilkinson 2007 = R.J. Wilkinson, Orientalism, Aramaic and Kabbalah in the Catholic Reformation. The first printing of the Syriac New Testament, Leida-Boston, 2007.

Haut de page

Notes

1 Per rendersene conto basta scorrere Hierarchia catholica 1933, p. 23-31.

2 Si veda la testimonianza di Dionigi Atanagi in Procaccioli 2017, p. 77, cui si aggiunga von Pastor 1914, p. 698.

3 Oltre a von Pastor 1914, si vedano Jedin 1974, ad indicem, e Fragnito 2014.

4 Pernot 1979 e 1981, e Formentin 2008; quanto alla collezione latina Fossier 1982.

5 Una ricostruzione in Carteggio umanistico 1950.

6 Prosperi 2000, p. 244.

7 Quaranta 2010; precedenti Dykmans 1994 e Brunelli 2000.

8 Alcuni anni dopo, nel 1556 e poi nel 1558, apparirà il suo De crisibus (Edit16: CNCE 47697 e 30716).

9 Salviani ricordò il suo magistero alla Sapienza anche nella polemica con Guillaume Rondelet in Salviani 1557 (CNCE 30710; USTC 854346), fol. 232r. Si veda I maestri della Sapienza 1991, p. 26, 30, 33, 41, 47, 54, 62 e 68.

10 Marini 1784, p. 402-405 e Andretta 2011, che ignorano il patrocinio cerviniano.

11 Lettera di Cervini a Vettori del 19 giugno 1552 (BL, Add. 10274, fol. 41r-42r).

12 Dorez 1909, p. 173, n. 48.

13 Ne scrive l’autore stesso in Salviani 1557 (fol. 231r); alla luce della ricostruzione che qui si propone va rivisto e aggiornato quanto sostenuto da Glardon 2011, p. 91-120.

14 Salviani 1557, fol. 231r.

15 Così nelle Memorie della vita 1774, p. 13-14.

16 Salviani 1557, fol. 231r.

17 Salviani 1557, fol. 231rv.

18 Lettera di Cervini a Piero Vettori del 12 giugno 1550, in BL, Add. 10274, fol. 5r.

19 Salviani 1557, fol. 231v; Rondelet sarebbe corso ai ripari pubblicando quattro anni più tardi presso lo stesso editore (Macé Bonhomme di Lione) la traduzione francese del suo testo, corredato di un ricco apparato illustrativo.

20 Lettera a Beccadelli del 26 aprile 1550 (BP, Pal. 1021/1, fol. 4r).

21 Lettera a Beccadelli del 17 maggio 1550 (BP, Pal. 1021/1, fol. 6r).

22 Il De Romanis piscibus libellus ad Ludovicum Borbonium cardinalem amplissimum era uscito a Roma presso Francesco Minizio Calvo nel 1524 (CNCE 21143).

23 Salviani 1557, fol. 231r; si veda supra, nt. 19.

24 Esse si leggono nei Libri de piscibus marinis, Lione, Macé Bonhomme, 1554 (USTC 151588), p. 423-424, segnatamente al libro XV, capitolo VI.

25 Il Tifernate aveva in animo di rispondere a Rondelet in un apposito volume, che non risulta esser stato mai edito (Salviani 1557, fol. 232r).

26 Salviani 1557, fol. 231v.

27 Lettera di Cervini a Beccadelli del 26 aprile 1550, in BP, Pal. 1021/1, fol. 4r.

28 Lettera di Cervini a Beccaldelli dell’11 luglio 1550, in BP, Pal. 1021/1, fol. 8r.

29 Lettera di Eparco a Cervini del 21 gennaio 1553 (Dorez 1909, p. 345-346); si legga anche Salviani 1557, fol. 231v.

30 Lettera di Girolamo Martinengo a Cervini del 10 giugno 1551, ASF, Carte Cervini 45, fol. 38rv.

31 Salviani 1557, fol. 212r.

32 Ibid., fol. 63r.

33 Ibid., fol. 252r.

34 Ibid., fol. 209v.

35 Ibid., fol. 217v.

36 Ibid., fol. 290rv.

37 Ibid., fol. 231v.

38 Ibid., fol. 231v-232r.

39 Lettera di Eparco a Cervini del 4 febbraio 1553 (Dorez 1909, p. 347).

40 Lettera di Cervini a Vettori del 28 luglio 1550, in BL, Add. 10274, fol. 9r.

41 Lettera di Eparco a Cervini del 28 febbraio 1551 (Dorez 1909, p. 340-341).

42 Lettera di Cervini a Beccadelli del 28 febbraio 1551 (BP, Pal. 1021/1, fol. 32rv). La vicenda ebbe un seguito nei giorni seguenti, come mostrano le lettere 14 marzo (Ibid., fol. 37r): «Quel m. Giovanni Antonio Rusconi havuta la lettera di M° Hippolito, gl’ha rescritto che s’era remosso da l’impresa per certa causa, quale essendo cessata, se M° Hippolito si contenta, sequitarà di far depigner pesci. M° Hipolito s’è resoluto di provarlo anche un poco più, in modo che non occorrerà che V. S. R. procuri per hora d’haver li denari, fino che non harà altro nostro avviso, et se quel Theodoro greco gli verrà a parlar per questo conto, lo potrà indirizare al detto m. Giovanni Antonio Rusconi, il quale se non satisfarà, daremo poi questo fastidio di più a V. S. R.» e del 4 aprile (ibid., fol. 41r): «Circa alli pesci, io sto a quello che M° Hippolito si contenta, et se il Rusconi non satisfarà, daremo al’hora questo fastidio a V. S. R.».

43 Lettera di Cervini a Vettori dell’8 settembre 1550, in BL, Add. 10274, fol. 11r.

44 Andretta 2011, p. 47-176.

45 Meschini 2000 e Memorie della vita 1774, p. 14 e Andretta 2011, ad indicem. Un contributo, che coglie solo parzialmente la vicenda qui ricostruita, è quello di Pinon 2002.

46 Salviani 1557, fol. 155r.

47 Benoît 1923, p. 205. Ulteriori conferme nelle lettere di Giovio 1958, p. 39, 45 e 50.

48 Hanquet 1981 e Andretta 2011, che tuttavia ignorano i dati qui raccolti.

49 Salviani 1557, fol. 63r.

50 Lettera dei Legati pontifici al cardinal Farnese del 16 giugno 1545 (Monumenta Tridentina 1885, p. 138 e 206).

51 Angeli Massarelli de concilio 1901, p. 179.

52 Oltre a Conrad Gesner (Bibliotheca instituta et correcta, Zurigo 1583 (USTC 616745), p. 722), si veda la nota manoscritta di Aquiles Estaço in BV, S. Borr. P. II. 8.

53 Lettera di Sirleto a Cervini datata 19 dicembre 1545 (BAV, Vat. lat. 6177, fol. 180r-181r).

54 Si vedano le lettere intercorse tra Cervini e Sirleto (BAV, Vat. lat. 6177-6178 e 6189, fol. 3r-13r; altre ne ho rinvenute altrove), delle quali sto preparando l’edizione, nella quale mi sarà possibile aggiungere ulteriori elementi documentari.

55 Salviani 1557, fol. 63r; nulla in Andretta 2011.

56 Firpo – Maifreda 2019, p. 998 n. 176.

57 Cardinali 2016, p. 13-16.

58 Salviani 1557, fol. 212v. Si vedano Van Roey 1990 e Wesselius 1990; e Wilkinson 2007, ad indicem, da rettificarsi con Cardinali 2018; per la collaborazione con la Vaticana si veda anche Bignami Odier 1973, p. 290.

59 Salviani 1557, fol. 212v.

60 Morto nel 1556, venne sepolto a Santa Maria in Trastevere: Forcella 1873, p. 346 nr. 1065; nulla in Andretta 2011.

61 CNCE 22777.

62 Salviani 1557, fol. 58rv.

63 Così Rondelet 1554, p. 491-494. Altre notizie provenienti da Horst aveva pubblicato in quegli anni Konrad Gesner nella sua Historia animalium, uscita a Zurigo tra 1551 e 1558.

64 Lettera di Eparco a Cervini del 4 febbraio 1553, in Dorez 1893, p. 346-347.

65 Lettera di Eparco a Cervini del 21 gennaio 1553, in Dorez 1893, p. 345-346.

66 Lettera di Eparco a Cervini del 14 marzo 1551, in Dorez 1893, p. 341.

67 Mondrain 2000.

68 Lettera di Eparco a Cervini del 21 gennaio 1553, in Dorez 1893, p. 345-346.

69 Lettera di Cervini a Vettori del 12 giugno 1550 (BL, Add. 10274, fol. 4r): «Mi trovo ora in Montepulciano, dove ho ricevuta la vostra lettera de 31 del passato, venuta di Roma insieme con li vii terni del Clemente, xviii pesci disegnati, et li dui ucelli, di che molto vi ringratio».

70 Lavenia 2016.

71 Lettera di Cervini a Vettori del 12 giugno 1550 (BL, Add. 10274, fol. 4rv).

72 BL, Add. 10274, fol. 90r: «Sre M. Pier Vettori, tornai hiersera dal Car.le mio di S.ta Croce et referii quanto havevamo ragionato sopra de pesci. Hebbe molto caro d’intendere che V. S. n’havessse dipinti tanti et harà carissimo che all’arrivo di V. S. in Firenze gliene mandiate a mostrare acioché l’opera che si fa sia tanta più perfetta. Anzi, quando tra essi non vi fusse lo scaro, la lerca et gli altri pesci sassatili (secondo che Galeno gli chiama), gli farete piacere a procurare per via di Pisa d’havere quelli ancora et così il pesce spada. Apresso harà caro d’intendere se gli è vero che m. Simone Portio faccia una simile fatiga o non. Il dispiacere di non havere potuto ragionare insieme è stato comune al Car.le et a V. S. pure bisogna havere patientia et accomodarsi alla voluntà di Dio. Ne m’accade dir altro, fo fine che lei li dia buon viaggio. Di casa, a x di maggio 1550. / Di V. S. S.re / Gio. Batta. Cervini».

73 Si vedano le lettere in BL, Add. 10274, fol. 4rv, 6r, 11r e 13r.

74 Ibid., fol. 13r.

75 Lettera del 26 aprile 1550 (ASF, Carte Cervini 4, fol. 37r) edita in Siracusano 2018, p. 216, ma anche 84-85.

76 Lettera del 5 luglio 1550 (ASF, Carte Cervini 4, fol. 38r), in Siracusano 2018, p. 219, ma anche 84-85.

77 Salviani 1557, fol. 102r. Si veda Angeli Massarelli de concilio 1901, p. 157 e 169.

78 Motta 2008.

79 ASF, Carte Cervini 45, fol. 36rv, la lettera è datata: «Di Augusta, alli 21 di gienaro del 1551».

80 Ceccarelli 2015.

81 Le missive di Martinengo relative ai pesci, che coprono il periodo dal settembre 1550 al novembre 1551, si trovano in ASF, Carte Cervini 45, fol. 33r, 36r-41v e 84r (non edite in Nuntiaturberichte 1965).

82 Del governo della corte 1883, p. 78-79.

83 Lettera del 10 agosto 1551, in ASF, Carte Cervini 45, fol. 39rv.

84 Salviani 1557, fol. 212r.

85 Si intende ora meglio quanto affermato in Monumenti di varia letteratura 1797, p. 65 n. 270.

86 Dispaccio di Girolamo Dandino a Beccadelli del 19 luglio 1550, edito in Nunziature di Venezia 1967, p. 90-93, segnatamente p. 93.

87 Dispaccio di Beccadelli a Dandino nel 26 luglio 1550, in Nunziature di Venezia 1967, p. 93-95, segnatamente p. 95.

88 Lettera di Cervini a Beccadelli del 17 maggio 1550 (BP, Pal. 1021/1, fol. 6r), che esordiva così: «Per la lettera di V. S. R. de x del presente ho inteso con molto piacere quel che lei mi promette di fare circa a pesci. La qual lettera ha letta anco Mons. R.mo Mapheo et maestro Hipolito con molta satisfatione».

89 Lettera di Cervini a Beccadelli del 7 marzo 1551 (BP, Pal. 1021/1, fol. 35r).

90 Marcon – Moretti 2015 e Lemerle et al. 2017 ; lettere di Barbaro a Cervini non segnalate in questi due volumi si trovano in ASF, Carte Cervini 42.

91 Dispaccio di Beccadelli a Cervini datato 8 agosto 1551, in Nunziature di Venezia 1967, p. 268-269, segnatamente p. 268.

92 Lettera di Cervini a Beccadelli del 4 luglio 1551, in BP, Pal. 1021/1, fol. 46r.

93 Lettera di Cervini a Beccadelli del 12 dicembre 1551, in BP, Pal. 1021/1, fol. 60r.

94 Cervini possedeva un esemplare delle Exquisitae in Porphirium commentationes Danielis Barbari, apparse a Venezia nel 1542: Piacentini 2001, p. 85 (D58).

95 Hochmann 2008, p. 6-8.

96 Così Belon 1551 (USTC 11204), fol. 6v-7r.

97 Alberigo 1964, p. 91.

98 Lettera di Cervini a Beccadelli del 25 luglio 1551 (BP, Pal. 1021/1, fol. 47r).

99 Minuta della lettera di Cervini al vescovo di Ceneda del 4 ottobre 1551 (ASF, Carte Cervini 45, fol. 95r).

100 Salviani 1557, fol. 70v.

101 Memorie della vita 1774, p. 218.

102 Lettera di Zambeccari del 25 aprile 1552 (ASF, Carte Cervini 46, fol. 12r e 12bisr) edita in La correspondance 1980, p. 706-707.

103 Si vedano le missive di Santacroce del 10 febbraio e del 22 marzo 1553 (ASF, Carte Cervini 46, fol. 49r, 67r) e la replica di Cervini del 23 maggio dello stesso anno (Ibid., fol. 130r).

104 Dispaccio a Cervini del 10 febbraio 1553, in ASF, Carte Cervini 46, fol. 49r.

105 Dispaccio del 22 marzo 1553, in ASF, Carte Cervini 46, fol. 67r.

106 Nell’esemplare BAV, R. I S. 58 lo slittamento della pubblicazione appare evidentissimo: la prefazione è quella del 1554, il colophon recita invece: «romae / apvd evndem hippolytvm / salvianvm. mense ianvario. / m d lviii.» e, inoltre, lo stemma cerviniano sul frontespizio è resecato e sostituito con quello, dipinto a mano, di Giulio III. Marini 1784, p. 402-405 non riesce a cogliere la stratificazione del processo di stampa.

107 Ottavio Pantagato ne avrebbe scritto a Onofrio Panvinio il 10 dicembre dello stesso 1557 (BA, D 501 inf., fol. 15r-16r): «Scriveteci la opinion di quelli excellenti Signori Venetiani sopra la bontà de pesci di M. Hippolyto e qual sia il gusto loro». Lo stemma cerviniano è ancora visibile sul frontespizio degli esemplari BAV, Stamp. Chig. S. 89 e BAV, Stamp. Ross. 2648, mentre in BAV, Stamp. Barb. M. X. 53 è stato ridipinto con le armi di un cardinale Barberini.

108 Salviati 1557, fol. 249rv.

109 Ibid., fol. 250r-251r.

110 Ibid., fol. 251v-257r.

111 Ibid., fol. 255v.

112 Ibid., fol. 256r.

113 Pignalosa 2013, p. 899 sostiene, senza tuttavia additare la fonte, che le tavole degli Aquatilium animalium historiae siano di Antoine Lafréry; notizia che si scontra con quanto finora noto grazie a Roma prima di Sisto V 1908, p. 11-13.

114 Battisti 1962, p. 259-272.

115 Gilii-Xuarez 1789-1792. La vicenda è stata ricostruita da Monaco - Rita 2020, p. 706-707.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Stamp. Ross. 2648, frontespizio dell’Aquatilium animalium historia di Ippolito Salviani
Crédits (©Biblioteca Apostolica Vaticana)
URL http://journals.openedition.org/mefrim/docannexe/image/11563/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 2,9M
Titre Fig. 2 – Stamp. Ross. 2648, ff. 1v-2r– tavola di concordanza dei nomi latini, greci e volgari dei pesci analizzati e delle fonti antiche su ognuno di essi
Crédits (©Biblioteca Apostolica Vaticana)
URL http://journals.openedition.org/mefrim/docannexe/image/11563/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 1,8M
Titre Fig. 3 – Stamp. Ross. 2648, ff. 174v-175r– tavola incisa e inizio della sezione teorica dedicate all’orata
Crédits (©Biblioteca Apostolica Vaticana)
URL http://journals.openedition.org/mefrim/docannexe/image/11563/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 1,7M
Titre Fig. 4 – Stamp. Ross. 2648, f. 198r– tavola illustrativa dello scorfano
Crédits (©Biblioteca Apostolica Vaticana)
URL http://journals.openedition.org/mefrim/docannexe/image/11563/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 2,0M
Titre Fig. 5 – Stamp. Ross. 2648, f. 199r– inizio della sezione teorica relativa allo scorfano
Crédits (©Biblioteca Apostolica Vaticana)
URL http://journals.openedition.org/mefrim/docannexe/image/11563/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 2,7M
Titre Fig. 6 – Stamp. Ross. 2648, f. 249r– indice dei nomi greci dei differenti pesci trattati e loro equivalente latino.
Crédits (©Biblioteca Apostolica Vaticana)
URL http://journals.openedition.org/mefrim/docannexe/image/11563/img-6.jpg
Fichier image/jpeg, 2,7M
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Giacomo Cardinali, « Una declinazione singolare, ma non unica, del rapporto tra diplomazia e bibliofilia: il “concorso in edizione” »Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines, 134-1 | 2022, 41-59.

Référence électronique

Giacomo Cardinali, « Una declinazione singolare, ma non unica, del rapporto tra diplomazia e bibliofilia: il “concorso in edizione” »Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En ligne], 134-1 | 2022, mis en ligne le 06 octobre 2022, consulté le 31 janvier 2023. URL : http://journals.openedition.org/mefrim/11563 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefrim.11563

Haut de page

Auteur

Giacomo Cardinali

Biblioteca Apostolica Vaticana – g.cardinali@vatlib.it

Haut de page

Droits d’auteur

Tous droits réservés

Haut de page
  • Logo Publications de l’École française de Rome
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search