Navigation – Plan du site

AccueilNuméros134-2Varia“Ortodossa e romana”: la Pontific...

Varia

“Ortodossa e romana”: la Pontificia Università Lateranense fra il Pontificato di Pio XII e il tornante conciliare

Marialuisa Lucia Sergio
p. 357-370

Résumés

Questo contributo, sulla base della documentazione dell'Archivio storico della Segreteria di Stato vaticana e del Centro Studi e Ricerche sul Concilio Vaticano II, ricostruisce il ruolo svolto dalla Pontificia Università Lateranense, sotto la direzione del rettore mons. Antonio Piolanti, nella conservazione della teologia italiana secondo le coordinate del primato della neoscolastica e dell’infallibilità pontificia, in tensione dialettica con le nuove correnti di ricerca teologica che, durante il pontificato di Pio XII e ancora di più all'apertura dell'evento conciliare, si impegnano a “declaustrare” il metodo e il linguaggio del Magistero nella prospettiva del rinnovamento ecclesiologico e del dialogo con la cultura contemporanea.

Haut de page

Texte intégral

Il mancato progetto montiniano di riforma dell’Università Lateranense

  • 1 Brambilla 2001, p. 403-404. Senza pretesa di una panoramica esaustiva della vastissima letteratura (...)

1La Pontificia Università Lateranense ha svolto, nel corso della stagione preconciliare, un ruolo cruciale nella riproduzione del pensiero teologico italiano lungo le coordinate dell’impostazione neoscolastica le cui premesse possono essere rinvenute già nella seconda metà del XVIII sec. È allora che, in risposta al progresso delle scienze storiche ed empiriche, nella teologia dogmatica s’impone la neo-scolastica come un sistema organico di dimostrazione di tesi precostituite – avvalorate per via deduttiva dall'autorità – concepito sia per rispondere alle esigenze di chiarezza e di ordine apportate dalla modernità che per difendersi dalla modernità stessa, opponendo la metafisica classica all'idealismo, il realismo epistemologico al razionalismo e al soggettivismo, il mistero e il soprannaturale all'illuminismo e al positivismo.1

  • 2 Guasco 2009.
  • 3 Istituita con il breve Commendatissimam di papa Clemente XIV del 24 novembre 1773, la Pontificia U (...)
  • 4 Ibid., p. 8.

2L’affermazione egemonica di tale impostazione era da ricondurre alla soppressione delle Facoltà di Teologia nelle Università statali, a seguito della legislazione anticlericale del 1873, che aveva confinato l'insegnamento teologico nei seminari in vista della formazione presbiteriale,2 e soprattutto all’influenza delle pontificie università romane nella produzione del pensiero teologico. Fra queste, la Pontificia Università Lateranense3 si era distinta per lo sviluppo della linea intransigente del pontificato di Pio IX, grazie al contributo di molti suoi docenti, quali Domenico Jacobini, Camillo Santori, Giuseppe Cardoni, Pio Delicati, Filippo Cossa, all'elaborazione del Sillabo, così come di numerosi ex allievi, ormai cardinali e vescovi, ai lavori del Concilio Vaticano I e alla stesura della Costituzione Pastor aeternus sul primato e l'infallibilità del Papa.4

  • 5 Deus Scientiarum Dominus, in AAS, XXIII,1931, p. 241-284.

3Nel corso degli anni Trenta del Novecento, tuttavia, Pio XI tentò di avviare un processo di aggiornamento della produzione teologica grazie alla promulgazione della Costituzione apostolica Deus scientiarum Dominus del 1931 relativa alla riforma delle Università e Facoltà di studi ecclesiastici.5

  • 6 Michel 2010.
  • 7 Alszeghy – Flick 1967, p. 309.

4La costituzione apostolica del 1931 rinunciava, per opposizione del canonista francescano Bernard Kurthseid, all’imposizione della Summa Theologiae come testo fondamentale per l'insegnamento della teologia,6 e aveva altresì preteso un aumento del livello dei requisiti scientifici delle facoltà teologiche e delle Università pontificie, svecchiando progressivamente i manuali, ora sorretti da una migliore conoscenza dell'esegesi, della patristica e del metodo storico, oppure gradualmente sostituiti dai trattati, opere collettanee che riflettevano l’esigenza di far risaltare «il valore vitale dei dogmi» a scapito di una concettualizzazione esasperata dei misteri della fede.7

  • 8 Unterburger 2010, p. 441-445, 498-509, 532-535.

5Tale rinnovamento non metteva tuttavia in discussione la risoluta volontà di Pio XI di ribadire la vincolatività del tomismo e la «romanizzazione accentratrice» delle facoltà teologiche per scongiurare i pericoli del protestantesimo e del razionalismo.8

  • 9 Pacelli (1929) 2006, p. 60-72, 196-199.
  • 10 Unterburger 2007.

6La costituzione Deus scientiarum Dominus incontrava in tal modo il favore del nuovo segretario di Stato card. Eugenio Pacelli che, da Nunzio apostolico a Berlino, aveva ripetutamente imputato alla scarsa «affidabilità dottrinale» dell’insegnamento impartito nelle facoltà teologiche in Germania la debole devozione e obbedienza dei cattolici tedeschi al Papa;9 tali facoltà, esposte al pericolo del protestantesimo e delle eresie dottrinarie legate alla critica storica erano, a suo avviso, da riportare alla purezza dell'insegnamento neotomista stabilito dai piani di studio in vigore nell’Università pontificie romane, le sole in grado di assicurare l’ortodossia cattolica.10

  • 11 Lettera enciclica «Humani generis», AAS, 42, 1950, p. 561-578, qui p. 571-573; Cfr. Staffa 1963, p (...)
  • 12 Crosignani 1959; Degl'Innocenti 1959.

7Durante il suo pontificato, Pio XII riaffermò il precetto del can. 1366, 2 del Codex Iuris Canonici del 1917, secondo il quale i futuri sacerdoti dovevano essere formati «secondo il metodo, la dottrina e i principi del Doctor Angelicus»11 in ragione del valore formativo ed euristico del tomismo, basato su un'esperienza secolare, l’armonia con la verità rivelata e la capacità di mettere al riparo i fondamenti della fede12.

  • 13 Schmidinger 1990, p. 422-423.
  • 14 Lio 1959.

8Accanto alla riaffermazione di quello che Heinrich M. Schmidinger definisce «tomismo fondamentalista»,13 il pontificato di Pio XII ribadiva il ruolo direttivo del magistero pontificio sia rispetto alla ricerca teologica che alla vita sociale, impartendo alla Chiesa e all'uomo contemporaneo precise direttive etiche alla luce del potere gerarchico del Pontefice e del riconoscimento della funzione essenziale e sistematrice della legge naturale.14

9Nel quadro di questa cultura teologica, come dimostra la documentazione d’archivio della Segreteria di Stato vaticana, aperta alla consultazione dal marzo 2020, il Pontificio Ateneo Lateranense divenne oggetto dei diversi e talvolta contraddittori orientamenti della Curia romana, da una parte volti ad articolare il magistero della Chiesa come risposta, sotto il profilo casuistico, a tutti i problemi della società cristiana e dell'ordine civile, compresi la morale, il diritto e il lavoro, dall’altra tesi a confermare una teologia dogmatica ancorata alla metafisica neoscolastica.

  • 15 AA. EE. SS., Parte Asterisco, Stati ecclesiastici, Pos. 466, lettera del card. Nicola Canali al ca (...)
  • 16 «Ciò che colpisce, infatti, nei corsi che egli tiene all'Istituto «Utriusque Iuris» dell'Ateneo de (...)

10In un’ottica di modernizzazione dell’insegnamento delle università pontificie, il pro-Segretario di Stato per gli Affari Ordinari mons. Giovanni Battista Montini propose nel novembre 1953 alla Commissione cardinalizia per l'Amministrazione dei Beni della Santa Sede, presieduta dal card. Nicola Canali, e alla Sacra Congregazione dei Seminari e delle Università, presieduta dal card. Giuseppe Pizzardo, una riforma della disciplina degli studi dell’Ateneo, incentrata sull’abolizione delle «cattedre di pura erudizione» a vantaggio delle Facoltà di Diritto canonico e di Diritto civile dell'Università Lateranense, facenti parte del Pontificium Institutum Utriusque Iuris,15 dove egli stesso era stato allievo e docente16 e il cui insegnamento era utile a rafforzare la presenza della Chiesa nella società civile.

  • 17 AA. EE. SS., Parte Asterisco, Stati ecclesiastici, Pos. 466, lettera di mons. Giovanni Battista Mo (...)
  • 18 Ibid.

11Scrivendo al card. Pizzardo il 22 febbraio, Montini esprimeva un giudizio caustico sulla vita accademica dell'Università Lateranense, dipinta come «in grave disagio», priva «della sua primitiva efficienza» fino a «trascinarsi in un’esistenza stentata».17 Senza nulla togliere alle «certamente rilevantissime» facoltà di Teologia e Filosofia, mons. Montini chiedeva appunto un potenziamento del Pontificium Institutum Utriusque Iuris che «offre al clero secolare e religioso, nonché a laici di alto sapere una comune palestra di dottrina e allarga a studenti ecclesiastici e laici di ogni nazione la possibilità di procurarsi una sicura e approfondita formazione giuridica, in utroque iure, così necessaria e urgente ai nostri giorni di fronte all’impressionante incremento del diritto e al pericolo di false teorie anche in questo campo».18

  • 19 Ibid.

12Montini giustificava il suo intervento in favore del Pontificium Institutum Utriusque Iuris con l’urgenza di migliorare le competenze dei funzionari dei tribunali ecclesiastici in un'epoca di secolarizzazione che ormai metteva in discussione il diritto canonico anche in materia matrimoniale e familiare e, nello stesso tempo, attribuiva al Papa stesso – già «Alunno e Maestro nel Pontificio Ateneo» – l’iniziativa della riforma.19

  • 20 AA. EE. SS., Parte Asterisco, Stati ecclesiastici, Pos. 466, lettera del card. Giuseppe Pizzardo a (...)

13Il card. Pizzardo, per difendere la reputazione dell'Università Lateranense, a sua volta, ricorse all'aiuto di mons. Domenico Tardini, Pro-Segretario di Stato per gli Affari Straordinari.20

14In risposta all'appello di Pizzardo, nell'aprile del 1954 mons. Tardini riferì che il Pontefice aveva richiesto solamente il riordino dell'ordinamento didattico per evitare la dispersione degli studenti. Inoltre, egli giudicava negativamente le proposte di Montini che, a suo avviso, avrebbero soltanto finito per circoscrivere l'insegnamento della teologia nei limiti della formazione missionaria dei «chierici negri» [sic !], privando il clero di Roma della vera dottrina teologica, ossia quella rigorosamente «ortodossa» e «romana» del Laterano, indispensabile nella battaglia che la Chiesa combatteva, in un periodo storico «torbido e turbolento», contro le false teorie. A tale proposito, merita una lunga citazione la lettera di mons. Tardini al card. Pizzardo nell’aprile del 1954:

  • 21 AA. EE. SS., Parte Asterisco, Stati ecclesiastici, Pos. 466, lettera di Mons. Domenico Tardini al (...)

Innanzitutto mi preme rilevare che, sotto il punto di vista culturale, non posso condividere l'apprezzamento che quell’Ateneo viva ‟una vita stentata” [...].
Ciò posto, io debbo, in coscienza aggiungere che - secondo la mia umile persuasione - le stesse ragioni addotte in favore dell'Istituto Utriusque Iuris valgono anche per la conservazione della Facoltà Teologica. Sono secoli che quella facoltà esiste. Ha avuto insegnanti illustri. Libera da preconcetti e schemi e sistemi teologici, ha sempre offerto al clero secolare, in specie al clero romano, la possibilità di dedicarsi allo studio e all'insegnamento teologico. Tale insegnamento fu sempre ortodosso e romano. Si potrebbe citare molto i documenti pontifici, da Pio X a Pio XI (che, benché malato, volle inaugurare personalmente il nuovo Ateneo Lateranense), i quali non lesinano protezione, incoraggiamento, direttive agli insegnanti e agli alunni di quella Facoltà. La quale diede alla Chiesa ottimi professori, moltissimi sacerdoti, formati ed educati al vero senso della romanità – romanità di pensiero e di disciplina – molti Vescovi e non pochi Cardinali. Lo stesso Sommo Pontefice regnante conseguì a pieni voti, la laurea presso la Facoltà Teologica.
Se ora la medesima Facoltà venisse soppressa, si spezzerebbe un'antica tradizione romana, e ciò proprio mentre, per mirabile disposizione della Provvidenza, siede sulla Cattedra di S Pietro, il nostro amatissimo è veneratissimo Pio XII - quem Deus stupitet -, cioè un Papa romano, che, se è senza dubbio uno dei più Dotti Pontefici che abbia avuto la Chiesa, sarà sempre particolarmente ricordato ed ammirato per la chiarezza, la vastità, la profondità prodigiosa della sua cultura teologica. Siamo purtroppo in tempi, Eminenza, in cui la confusione delle idee e la divulgazione degli errori ha invaso specialmente il campo teologico. Perciò ora più che mai – invece di distruggere – è necessario incoraggiare, promuovere, diffondere, in tutti i modi, severi e seri studi teologici, che sono il fondamento delle altre scienze sacre, non escluse quelle canoniche. […]
È molto consolante vedere che in Roma ci sono molti religiosi di vari Istituti, Università e Facoltà che studiano, insegnano e pubblicano nel vasto campo delle Scienze sacre e della teologia. Ma non sarebbe bene che a tale nobile gara rimanesse ora estraneo (mentre nel passato estraneo non fu) il clero romano, la cui naturale palestra - anche per i teologi – è l'Ateneo Lateranense, mentre l'Università di propaganda ha la sua particolare finalità (non le pare, Eminenza, che sarebbe ... curioso avere a Roma una Facoltà teologica per i chierici negri e non avere più quella del e per il Clero romano ?)
Per tutte queste ragioni io son persuaso e fo voti che non sia soppressa – dopo secoli di vita – quella Facoltà teologica che in Roma è di tutte la più romana, sia perché la più vicina al Vescovo di Roma, sia perché offre la possibilità di studiare e di insegnare a scelti i membri del clero romano, sia pure perché istruisce forma la maggioranza del clero romano.21

  • 22 AA. EE. SS., Parte Asterisco, Stati ecclesiastici, Pos. 466, lettera dei professori della Pontific (...)

15L'intervento di Tardini in difesa del Laterano fu decisivo, come dimostra una calorosa lettera di ringraziamento a lui diretta nel novembre 1954, dai più noti docenti dell'università (fra i quali Ugo Lattanzi e Pietro Palazzini).22

  • 23 Chenaux 2015, p. 120-121.

16A partire dal 1954, allontanato da Roma mons. Montini, nominato nel frattempo arcivescovo di Milano,23la Facoltà teologica dell'Università del Laterano, sopravvissuta al tentativo di modernizzazione, non mancherà d'insistere sulla sua funzione di guardiana intransigente dell'ortodossia romana.

Neoscolastica e primato pontificio nelle linee accademiche del rettore Antonio Piolanti

  • 24 Il trasferimento nel 1957 dell'Accademia Teologica Romana dall'ex edificio dell’Apollinare all'Uni (...)

17La Facoltà teologica lateranense, in perfetta simbiosi con la Accademia teologica romana,24 ha contribuito in maniera determinante alla limitazione degli orizzonti del pensiero teologico italiano entro i confini della difesa apologetica del primato del magistero pontificio.

  • 25 Cit. Ibid., p. 207.

18Quando, il 20 gennaio 1957, fu inaugurata nel grande anfiteatro dell'Università Lateranense la nuova sede dell’Accademia teologica romana, il card. Pizzardo non mancò di sottolineare proprio il significato degli aggettivi «pontificio» e «romano» accanto al nome dell’Accademia, la quale avrebbe dovuto operare nella fedeltà alla cattedra di Pietro in quanto «discepola e divulgatrice del supremo magistero».25

  • 26 Mondin 1996, p. 504-505.
  • 27 Cfr. Roy-Lysencourt 2011, p. 182-183.

19Espressione della fedeltà lateranense al «Magistero infallibile», era stata in particolare la Rivista trimestrale «Divinitas», organo ufficiale sia della Facoltà di Teologia che dell'Accademia Teologica Romana. Il comitato direttivo della rivista, presieduto da mons. Antonio Piolanti, rettore alla Pontificia Università Lateranense dal 1957 al 1969, segretario dell'Accademia Teologica Romana dal 1955 e consultore del Sant'Uffizio,26 contava personalità che, con poche eccezioni, facevano parte sia della Pontificia Accademia che del Consiglio Scientifico dell'Università Lateranense e che molto spesso erano anche membri delle Congregazioni romane.27

  • 28 Proemium, in Divinitas, 1, fasc. 1, aprile 1957, p. 3. Cit. ibid., p. 186.

20Nel Proemium del primo numero dell'aprile 1957, la rivista si proponeva tanto l'obiettivo di difendere il magistero pontificio e l'insegnamento tomista dalle accuse di desuetudine, quanto quello di salvaguardare il patrimonio della verità divina depositato nella Chiesa («Divinae veritatis patrimoniorum Ecclesiae») contro gli errori della modernità. A tal fine, i redattori della rivista s’imponevano, come si addice ai teologi cattolici («ut catholicos addecet theologos»), d’essere docili verso il magistero della Chiesa, di seguirlo e considerarlo costantemente come la stella polare della propria rotta («sequi illudque constanter aspicere. Veluti nostri itineris stellam rectricem») e di aderire alla filosofia tomista, «guida» dei loro studi («studiorum nostrorum dux28»).

  • 29 Sancti PII P. X Encyclicae Litterae Pascendi Dominici Gregis quinquagesimo expleto anno ab earum p (...)
  • 30 Perego 1950, p. 460.

21Tale prospettiva teologica era visibile fin dai primi dossier monografici della rivista, come quello dedicato al 50° anniversario dell’enciclica Pascendi Dominici gregis dell’8 settembre 190729 in cui era esplicita l’intenzione di stabilire un filo di continuità fra l'enciclica di Papa Sarto e l'enciclica Humani generis di Pio XII del 1950, che aveva ribadito la condanna della nouvelle théologie della scuola domenicana del Saulchoir, accusata di «disprezzo della scolastica» e di «sfiducia nel Magistero».30

  • 31 Cit. in Crosignani 1958, p. 485.

22In apertura della giornata di «ricorrenza giubilare» della Pascendi, il Card. Pizzardo definì l'Enciclica «il codice del teologo moderno» e ammoniva: «la piovra del modernismo [...] stenta ancora a morire del tutto; anzi non manca, anche ai nostri giorni, di dare fremiti e sussulti di nuova vitalità subdolamente rianimata dal crescente dominio del ‟padre della menzogna”. [...Ma] la forte Enc. Pascendi di S. Pio X è stata vigorosamente ripresa dalla Humani generis di Pio XII. Dalla Pascendi alla Humani generis, ai più recenti discorsi del Papa gloriosamente regnante, è tutto uno splendore meraviglioso di luce, dinanzi al quale i molteplici errori dei nostri tempi si dissolvono come nebbia al sole».31

  • 32 Spiazzi 1958.
  • 33 Masi 1958.

23Gli interventi su Divinitas sviluppavano la stessa linea interpretativa senza significative variazioni. Il teologo domenicano Raimondo Spiazzi, pur riconoscendo l’esigenza di un rinnovamento degli studi ecclesiastici nella prospettiva di una «teologia vitale» capace di opporsi alle obiezioni contro l’insegnamento tradizionale, riteneva tuttavia sufficiente una ristrutturazione dell’ordinamento degli studi teologici che aggiornasse l’interpretazione dei grandi testi della teologia in funzione della vita spirituale e pastorale.32 Quanto a mons. Roberto Masi, membro della Pontificia Accademia Teologica Romana e professore di Teologia sacramentaria alla Lateranense, «l'eresia modernista» e i suoi tardi epigoni erano votati al fallimento a causa della loro assurda pretesa di introdurre nel cristianesimo la filosofia moderna, che contiene in sé «un veleno mortale», ossia quelle innumerevoli deviazioni dottrinarie, quali soggettivismo, fenomenismo, idealismo, empirismo, che rappresentano l’immediata negazione di «tutti i presupposti più elementari della rivelazione e dei dogmi33».

  • 34 Fabro 1958.

24Per Cornelio Fabro il grande equivoco del modernismo consisteva nel voler spostare completamente l'asse centrale della fede dal carisma di verità, affidato da Cristo alla Chiesa nella sua autorità gerarchica, alla coscienza del singolo credente, libero di sostituire il magistero con la moderna indagine critico-storico-filologica per la determinazione del contenuto oggettivo della rivelazione.34

  • 35 Maccarrone 1957.

25Il contributo di Fabro toccava il punto nevralgico dell’argomentazione della scuola romana che, nelle prime annate di Divinitas, dedicava numerosi titoli al tema del primato del Romano Pontefice, come per esempio lo studio dello storico Michele Maccarrone su L'antico titolo papale Vicarius Petri e la concezione del Primato, che sottolineava il valore giuridico e teologico della titolatura del pontefice come vicario di Cristo nella costruzione del papato monarchico medievale e nell’evoluzione dottrinaria attorno allo status e alle prerogative del vescovo di Roma.35

26Questa base teorica si traduce, al centro dell'esperienza lateranense, in un vero e proprio governo della vita accademica incentrato sulla standardizzazione dei contenuti didattici, nel cui ambito anche l’attività editoriale e l'organizzazione di convegni appaiono come meccanismi di riproduzione di forme omologanti del pensiero e dell'insegnamento teologico.

  • 36 Una descrizione del Fondo Piolanti in Bagnarini – Morabito 2012.

27È quanto emerge dalla corrispondenza del rettore mons. Antonio Piolanti depositata nell'Archivio storico del Centro Studi e Ricerche sul Concilio Vaticano II dell'Università Lateranense.36

  • 37 AS-PUL, Fondo Antonio Piolanti, b. 1957 fasc. 7, Pro-Memoria sui pontifici istituti "pastorale" e (...)

28Tra i documenti di mons. Piolanti, la circolare del settembre 1957, relativa alla costituzione degli Istituti ‟Pastoraleˮ e ‟Gesù Magister” in base alle indicazioni date dalla Congregazione dei Seminari e delle Università degli Studi circa la formazione sia del clero secolare e regolare al ministero pastorale che quella degli insegnanti di teologia pastorale, dimostra l’esigenza di conformità alle disposizioni delle gerarchie ecclesiastiche. Secondo il rettore, questi Istituti non erano «da considerarsi come paralleli e autonomi, ma come Enti che aumenteranno l'efficacia del Pontificio Ateneo Lateranense, irradiandone l'insegnamento e lo spirito, che furono e sempre vogliono essere di assoluta adesione alle direttive della Sede Apostolica»37 e, per tale motivo, era dunque necessario che i docenti dell'Ateneo si considerassero

  • 38 Ibid.

come Araldi del Papa, che annunziano nel mondo delle intelligenze le parole di vita, che costantemente scendono dalle labbra del Vicario di Colui che è il verbo Eterno e la Verità sostanziale. [...] Ditegli che questa triplice schiera lateranense di dotti, di pastori e di insegnanti, formano un simbolico grandioso triregno, l'ornamento più bello del suo Augusto e venerando capo.38

29Da parte sua Papa Pacelli, tramite il suo sostituto presso la Segreteria di Stato Angelo Dell'Acqua, esprimeva nel febbraio 1958, la sua gratitudine al rettore e al corpo docente dell'Ateneo per la

  • 39 AS-PUL, Fondo Piolanti, b.1958 fasc.1, lettera del 21 febbraio 1958.

dedizione incondizionata alla causa della Verità, sotto la guida dell'infallibile Magistero, guida che non solo vale a prevenire pericolose deviazioni, ma anche ad evitare inutili tentativi verso direzioni più brillanti che solide e fruttuose. Il Vicario di Cristo molto si attende dalle varie attività scolastiche e scientifiche dell'Ateneo Lateranense, per lo sviluppo delle Scienze Sacre e per l'irradiazione della Verità cristiana guida e conforto di tanto animo smarrito e sfiduciato.39

30I lineamenti della teologia lateranense – la romanità, il costante attaccamento al tomismo in filosofia, la sottomissione assoluta al magistero ecclesiastico in un’ottica d'intransigenza dottrinale spesso polemica e rivendicativa – resteranno immutati ancora dopo l’avvento del Pontificato di Papa Roncalli e l’indizione del Concilio.

31Nel marzo del 1960, Piolanti scriveva a don Giacomo Alberione, fondatore e superiore generale della Società San Paolo, per complimentarsi dell’iniziativa editoriale di «una Bibbia commentata alla luce della Summa di San Tommaso che, si può ben dire, è ormai la Dottrina della Chiesa»:

  • 40 AS-PUL, Fondo Piolanti, b.1960 fasc. 3, marzo, lettera del 23 marzo 1960.

Penso anche io che il Divino Maestro, richiamato e ripresentato alle menti moderne, gradisca e benedica il tempestivo sorgere di una Scuola Teologica oggi tanto necessaria. Saluterò pertanto con vera gioia il giorno in cui, da Roma, possa partire per mezzo della Pia Società San Paolo da Lei fondata e luminosamente guidata, questo insegnamento che, per la garanzia di profondità di dottrina e di orientamento sano e fedele al Magistero della Chiesa, sarà certo capace di immenso bene, che supplirà alle deficienze dovute alla mancanza di cattedre di Teologia nelle nostre università40.

32Pochi mesi dopo, a Luc-J. Lefèvre, direttore di La Pensée catholique, rivista ultra-tradizionalista, Piolanti scriveva:

  • 41 AS-PUL, Fondo Piolanti, b. 1960, fasc. 9, ottobre, lettera del 18 ottobre 1960.

Sono rimasto tanto confuso nel leggere la recensione che ha voluto fare al mio libro “Dio nel mondo e nell'uomo”. La ringrazio di tutto cuore per le parole troppo alte e troppo buone che ha riservato in lode del mio modesto lavoro. Ho inteso fare un trattato di Teologia che potesse essere compreso non solo dagli alunni dei corsi teologici, ma anche da tutte quelle persone che volevano arrivare ad una conoscenza di Dio, per la quale fosse resa più facile la testimonianza dell'Amore. Adesione piena e assoluta alla Tradizione e al Magistero della Chiesa sono stati i motivi propulsori nella mia umile fatica. Mi ha commosso il suo richiamo a questo spirito di romanità e alla fedeltà alle direttive del Magistero “Stella polare di ogni vera teologia”.41

33L’insistenza sulla propria indefettibile fedeltà alla tradizione rivela forse preoccupazione per l'imminente apertura della fase preparatoria del Concilio, prevista per il prossimo 14 novembre ?

  • 42 Fouilloux 1994, p. 156.

34Ciò sembra andare di pari passo con quanto sottolinea Étienne Fouilloux a proposito del voto di Piolanti del 1960, dove c'è una sintesi dei dibattiti degli anni 1946-1950: «egli enumera Balthasar, Bouillard, Daniélou, de Lubac […] come se la polemica [contro di loro] datasse di ieri» [« il épingle Balthasar, Bouillard, Daniélou, de Lubac […] comme si la polémique datait d'hier42 »].

  • 43 Wicks 2018, p. 42.

35Nella sua storia teologica del Vaticano II, Jared Wicks SJ individua, infatti, in Piolanti una delle figure più rappresentative ed emblematiche della teologia romana che nutriva l’aspettativa che il nuovo Concilio Ecumenico correggesse le presunte manifestazioni di relativismo e di «autonomia sovversiva» della fede, già condannate dai Pontefici del XIX e XX secolo, da Gregorio XVI fino a Pio XII.43

36Non a caso, nel novembre 1960, la Pontificia Accademia Teologica Romana e l’Università Lateranense organizzarono un convegno intitolato Settimana dei concili ecumenici per analizzare la storia dei grandi sinodi della cristianità, di cui ben cinque avevano avuto luogo precisamente presso il Laterano per condannare le eresie e gli errori che minacciavano la Chiesa del loro tempo.

  • 44 De Lubac 2007, p. 22.

37Nei suoi Quaderni del Concilio Henri De Lubac annota, il 19 novembre 1960, che nel grande anfiteatro dell'Università Lateranense, durante la seduta conclusiva della settimana di studi sui Concili, Piolanti aveva pronunciato un discorso veemente con il quale dichiarava che il Concilio non mancherebbe sicuramente di condannare «tutti gli errori moderni», in particolare quelli riguardanti la nouvelle théologie.44

  • 45 Parente 1961.
  • 46 Vagaggini 1961.

38Come già per la commemorazione della Pascendi, anche la rievocazione storica dei passati concili assumeva un carattere polemico e strumentale. Nella sua relazione, a questo riguardo significativa, mons. Pietro Parente ricordava come il Concilio Lateranense V (1512-1517) avesse visto Papa Leone X riaffermare l'importanza della Sacra scrittura e del primato del romano Pontefice sulle teorie conciliariste, sancendo l'origine divina del magistero della Chiesa a cui Cristo ha conferito la potestas docendi e con essa il dovere di custodire il patrimonio della rivelazione contro le aberrazioni delle moderne filosofie razionaliste.45 Nel suo intervento Osservazioni intorno al concetto di Concilio ecumenico Cipriano Vagaggini sosteneva che il segno distintivo di un concilio consisteva nel fatto di essere un organo collegiale straordinario del magistero da cui si deduceva l'infallibilità dottrinale e il potere universale del magistero stesso.46

39In occasione della pubblicazione del numero monografico di «Divinitas», che raccoglieva gli atti della settimana di studi dedicata ai Concili, Piolanti scrisse direttamente a Papa Roncalli per mettere in evidenza l'importanza dell’iniziativa, da lui «paragonata a una soprannaturale sinfonia» caratterizzata dalla «profondità delle speculazioni teologiche e filosofiche»:

  • 47 AS-PUL, Fondo Piolanti, b. 1961 fasc. 5, settembre, lettera del 18 settembre 1961.

È con animo trepido e commosso che, a nome dell'Università Lateranense e della Accademia teologica romana, rimetto nelle vostre mani il frutto delle diuturne fatiche di eminenti studiosi di tutto il mondo, le quali, nello spirito dei vostri luminosi disegni, hanno voluto mettere al servizio della Chiesa, in assoluta e incondizionata adesione di mente e di cuore, tutte le più valide risorse di studio, di energie, e di buon volere.47

40Il rettore del Laterano era dunque convinto che l'attività dell’Ateneo in preparazione del Concilio concordasse con i disegni di Papa Roncalli, che egli interpretava ancora secondo gli schemi apologetici dell’eredità pacelliana.

41Da questo punto di vista, non è probabilmente senza significato il fatto che le spese editoriali per la pubblicazione di tale dossier di Divinitas erano state sostenute dal card. Alfredo Ottaviani, segretario del Sant’Offizio. In una lettera a quest’ultimo, datata ancora settembre 1961, Piolanti scrive:

  • 48 AS-PUL, Fondo Piolanti, b. 1961 fasc.5, settembre, lettera del 29 settembre 1961.

Solo il Signore potrà ricambiare adeguatamente tanta nobiltà; a noi non resta che custodire gelosamente nel cuore tanto ricordo, e proprio per la luce e la forza che da questo promana, proseguire nel cammino che c'è stato tracciato, nella dedizione completa alla causa della Verità, nell'amore totale alla Chiesa e al Papa. Penso che proprio in questa riconferma di fedeltà agli ideali di cui Vostra Eminenza è stato sempre maestro e invitto assertore, si possa trovare l'elemento di ringraziamento più accetto alla Vostra Eminenza.48

  • 49 AS-PUL, Fondo Piolanti, b. 1961 fasc.5, settembre, lettera del 25 settembre 1961.

42Lo stesso carteggio rivela ancora come le istruzioni impartite, nello stesso periodo, dalla Sacra congregazione dei Seminari e delle Università degli Studi vadano nella direzione di una sempre più marcata uniformità degli indirizzi accademici della Lateranense col magistero dei precedenti pontificati. Il prefetto card. Pizzardo inviò infatti al rettore una copia dell'enciclica Acerbo nimis del 1905, con cui Pio X aveva invocato il rafforzamento dell’insegnamento catechistico come baluardo contro l'ignoranza della religione cattolica additata come causa principale della corruzione dei costumi moderni. Piolanti prometteva a Pizzardo di ridimensionare i corsi dell'Istituto pastorale per ampliare invece la sezione catechistica, secondo le linee appunto indicate da tale documento pontificio il cui «valore» – egli scriveva – «è ancora ai nostri giorni e direi soprattutto, ai nostri giorni senza misura». La promessa era accompagnata da parole di riconoscenza verso il prefetto, tratteggiato come «sollecito e paterno per tutti i problemi che interessano la nostra università, nella sua organizzazione come nella sua vita di relazione».49

43L'esigenza di concedere più peso all'indottrinamento catechistico a scapito della cura pastorale andava di pari passo con una visione dell'insegnamento teologico che, con l'approssimarsi del Concilio, acquisiva i connotati di una battaglia combattuta nel trinceramento simbolico di una guerra per la sopravvivenza della Chiesa Cattolica.

  • 50 AS-PUL, Fondo Piolanti, b. 1961 fasc. 2, febbraio, lettera del 23 febbraio 1961.

44Sempre nel 1961, Piolanti ribadiva a Luc J. Lefèvre la propria gratitudine per «la generosità e [il] tanto entusiasmo» che La Pensée catholique dimostra «nella difesa del prezioso patrimonio della nostra fede», cosa che lo «conforta nelle lotte che in questo periodo stiamo combattendo contro coloro che [...] sotto il pretesto della “scienza”, si prendono mille libertà che non hanno niente a vedere con la vera cultura scientifica».50

45La polemica di Piolanti registrava talvolta toni eccessivi se non violenti, come si nota a esempio dalla lettera scritta a mons. Ermenegildo Florit, arcivescovo coadiutore di Firenze, per calunniare il sindaco democristiano della città Giorgio La Pira, reo, a suo avviso, di avere siglato nel 1961 il gemellaggio con la città marocchina di Fez come gesto di fraternità culturale e interreligiosa:

  • 51 AS-PUL, Fondo Piolanti, b. 1961 fasc. 5, lettera del 15 settembre 1961.

Quanto alla seconda lettera-riservata, insieme alla quale mi trasmetteva il discorso di La Pira fatto in occasione del gemellaggio Firenze-Fez, condivido pienamente i giudizi di Vostra Eccellenza Rev.ma. La lettura del discorso non può che lasciare sconcertati; ci sarebbe perfino da ridicolizzare e da ridere, se non si pensasse che le conseguenze di certe “prediche” non possono che essere deleterie, per i riflessi nella vita e nella formazione spirituale della nostra gente. Gli appunti che si potrebbero muovere al discorso di La Pira sono tanti; tanti quanti le righe che lo compongono. Le citazioni bibliche e le applicazioni frequenti a due civiltà sostanzialmente differenti, la cristiana e islamica, sono assolutamente ingiustificabili e, mi permetta l'espressione, stupidamente scelte. Che Maria sia per l'Islam la Regina del Mondo e la bellezza delle Nazioni, penso sia un parto della fantasia fervida ed esaltata dell'oratore. È assurdo e ridicolo voler trovare una coincidenza tra la festa delle stigmate di S. Francesco e la cerimonia nella quale La Pira si esalta profeta della nuova età ! Porre poi sullo stesso piano il Cristianesimo e l'Islam, è, non soltanto impudente e pericoloso, ma probabilmente eretico, a mio modesto avviso. Con tutto il suo linguaggio da predicatore esaltato l'esimio sindaco non può che gettare discredito su se stesso e sulla Chiesa, presso coloro che malevolmente possono ritenere che La Pira sia mandato avanti da noi; e inoltre, ingenerare confusione nel popolo fedele.51

La scuola teologica lateranense alla prova del Concilio Vaticano II: il votum fra chiusura dogmatica e problema ecclesiologico

46Alla vigilia dell’apertura del Concilio, la corrispondenza di Piolanti rivela un allarme crescente per il diffondersi incontrollato delle presunte deviazioni teologiche che, a suo avviso, mettevano in crisi la fedeltà al deposito delle verità rivelate, dimostrabili unicamente attraverso le affermazioni assolute e infallibili della dottrina di san Tommaso, fino a investire anche il delicato campo dell'ecclesiologia e delle prerogative del Sovrano Pontefice.

  • 52 Acta et documenta Concilio Oecumenico Vaticano II, Apparando, series I (Antepraeparatoria), volume (...)

47Per tale ragione il Laterano contribuì con uno sforzo enorme allo svolgimento della fase preparatoria del Concilio. I vota inviati dall’Ateneo lateranense alla segreteria generale del Concilio occupano ben 273 pagine del volume Studia et vota delle Università e delle facoltà teologiche dell’Urbe (i vota della Gregoriana non superano le 167 pagine; quelli della facoltà di teologia del Carmine le 100 e quelli dell'Angelicum le 20 pagine in totale).52

  • 53 AD I/IV, I/1, p. 177-189.
  • 54 AD I/IV, I/1, p. 415-420.
  • 55 AD, I/IV, I/1, p. 248-263.
  • 56 AD, I/IV, I/1, p. 218-224.
  • 57 AD I/IV, I/1, p. 237-244.

48Il votum era contraddistinto dalla difesa della tradizione associata a una decisa riaffermazione del carattere cogente del tomismo, perorata da Cornelio Fabro (De Doctrina S. Thomae in Scholis Catholicis promovenda53) e dal domenicano Umberto Degli Innocenti (De Doctrina S. Thomae Aquinatis magis in dies amanda arque tradenda),54 nonché dall’insistenza sul ruolo della teologia come dimostrazione scientifica delle verità rivelate stabilite come esatte dalla Chiesa (mons. Piolanti, De necessitudine magisterium Ecclesiae inter et sacram theologiam)55 e dalla conseguente richiesta, avanzata dal teologo morale Ferdinando Lambruschini, di un’accresciuta sorveglianza sulla produzione teologica.56 Solo la Chiesa, in quest’ottica, era depositaria del «vero progresso» dell'umanità, come argomentava il votum del docente di teologia sacramentaria mons. Roberto Masi sulla base di un ragionamento deduttivo rigorosamente fondato sul principio di autorità.57

  • 58 AD, I/IV, I/1, p. 248-263, pubblicato nella versione italiana con il titolo Il magistero della Chi (...)
  • 59 Ciappi 1961.
  • 60 Sull'ecclesiologia e il dibattito conciliare, Cfr. Routhier 2006, p. 139 sq.

49Fra i vota e i saggi apparsi su Divinitas vi era uno stretto legame; per esempio il votum di Piolanti riappare in italiano nel numero della rivista del settembre 1961 con il titolo Il magistero della Chiesa e la scienza teologica.58 In questo saggio, Piolanti definiva il Magistero come una sorta di contenitore ufficiale dell'autentica verità integrale della Tradizione, che permetteva di orientare la ricerca teologica verso una sempre più ampia e globale comprensione del deposito della verità divina. Nello stesso numero, Luigi Ciappi rivendicava il lascito teologico di Pio XII, nella cui visione le prerogative cristologiche di Sommo Sacerdote, maestro e legislatore erano state comunicate da Gesù stesso soltanto agli apostoli e ai loro successori, cioè i vescovi. Ciappi riconosceva dunque ai vescovi, in quanto successori degli apostoli, una potestà magistrale, anch'essa di origine divina, ma secondaria e sempre dipendente rispetto a quella del Papa.59 Il contributo lateranense alla fase preparatoria, caratterizzato come sempre dall’esaltazione della dottrina tradizionale, sembrava in sostanza voler prevenire ogni tentativo di messa in discussione del dogma del primato del magistero pontificio, in un momento in cui si profilavano nuove teorie che sottolineavano invece i diritti del collegio episcopale a scapito delle prerogative assolute del Papa e che facevano scaturire direttamente dalla volontà fondatrice di Cristo il fondamento del ministero dei vescovi.60

  • 61 AD I/IV, I, 1, p. 231-237.

50Il votum ecclesiologico congedato dal Laterano, a cominciare dalla trattazione Episcopato e Primato papale. Note storiche sulla dottrina dal IV secolo scritta da mons. Michele Maccarrone ribadiva al contrario, energicamente, nel solco della formula del V secolo «Petrus initium episcopatus», l’origine immediata della potestà episcopale da quella di Pietro e la sua conseguente natura di corollario del primato petrino.61

  • 62 Sensi 2003, p. 385. Il riferimento è al votum di G. d'Ercole, Deduzioni da testimonianze bibliche (...)
  • 63 AD, I/IV, I/1, p. 195-209, qui p. 209.

51Com’è stato infatti opportunamente osservato: «il votum formulato da Maccarrone su Episcopato e Primato papale e la battaglia, a difesa delle idee ivi formulate, portata avanti come perito conciliare è una presa di posizione, in nome della Tradizione, che fa il paio con altre scelte fatte da suoi colleghi al Laterano: così Ugo Lattanzi, il cui votum fu sul primato del Papa, da lui ritenuto come fonte di tutta la giurisdizione ecclesiastica e principio dell'episcopato, nozione ribadita da Giuseppe d'Ercole che considerava i vescovi, nelle singole diocesi, come pastori “dipendenti” dal vescovo di Roma».62 Il votum di Lattanzi Romanus Pontifex iurisdictionis in Ecclesia immediata origo arrivava a invocare addirittura l’anatema contro ogni concezione ecclesiologica che mettesse il primato in discussione: «Si quis dixerit Romanum Pontificem totius iurisdictionis fori externi immediatum fontem in Ecclesia non esse: A.S. [anatema sit]».63

  • 64 Betti 1961, p. 594. Sull’articolo, cfr. Alvarez Alonso 2019, p. 202. Sul contributo dei teologi it (...)
  • 65 Betti 1961, p. 582-583.
  • 66 Chiron 2006.

52Più aperta e dialogica sembrava invece su Divinitas la posizione del teologo francescano p. Umberto Betti che individuava il fondamento del magistero episcopale nella missione canonica e nella consacrazione sacramentale e soprattutto sosteneva l’origine divina dell'infallibilità del papato e dell’episcopato, trasmessa direttamente da Cristo a entrambi i soggetti, sia pure al Papa individualmente e ai vescovi in quanto costituiti in collegio. La conseguenza era la forma e la natura collegiale delle definizioni infallibili delle verità di fede dei vescovi riuniti in Concilio, compartecipi con il Papa dello stesso dono divino dell’infallibilità.64 Tale contributo, per la verità, era ancora prevalentemente centrato sul tema del primato del Papa e la sua suprema potestà di magistero come necessari complementi della «natura sociale» della Chiesa, portata «fin dalle origini ad esprimere, prima nella prassi e poi nelle formule, la sua costituzione di organismo oltre che gerarchico anche monarchico, ed a mettere in evidenza la posizione giuridica unica del Romano Pontefice».65 Non a caso Jean-François Chiron menziona tale articolo come dimostrazione di quanto la teologia italiana fosse ancora attardata, alla vigilia del Vaticano II, su una posizione dogmatica costruita intorno al «triangolo sovranità-primato-infallibilità», evidente perfino in un autore, come appunto Betti, che pure contribuirà significativamente alla stesura del § 25 della Lumen gentium dedicato alla «funzione di insegnamento» dei vescovi66.

53L’importanza del problema ecclesiologico per la scuola lateranense è così centrale che nel marzo 1962 il rettore Piolanti chiese soccorso al card. Giuseppe Siri, Presidente della Conferenza Episcopale Italiana:

  • 67 AS-PUL, Fondo Piolanti b. 1962, fasc. 3, lettera del 19 marzo 1962.

Mi permetto disturbare ancora una volta l’Eminenza Vostra Rev.ma per metterLa a parte di una urgente iniziativa, per la quale oserei chiedere la Sua preziosa collaborazione. Si tratta della pubblicazione di un numero speciale della rivista Divinitas, sui problemi più vivi e controversi dell'Ecclesiologia. L'iniziativa è stata presa dall'Autorità Superiore, che desidera una trattazione completa e scientifica delle questioni più discusse, intorno alle quali, purtroppo, non sono rari gli errori più gravi e più pericolosi. Sono stato incaricato da Mons. S.E. Parente di rivolgermi a Vostra Eminenza come a persona altamente qualificata, per dottrina e ortodossia, per trattare dell'argomento: “De viis quibus christiani pervenire queunt ad Ecclesiae unitatem”. Ogni articolo del fascicolo speciale di Divinitas deve esser una messa a punto del problema, trattato alla luce del Concilio Vaticano I e nella prospettiva del Vaticano II, nell'intento di respingere le aberrazioni circolanti, anche nell’ambito della Teologia cattolica, e di illuminare il cammino verso une soluzione giusta.67

  • 68 AS-PUL, Fondo Piolanti b. 1962, fasc. 5, lettera del 18 maggio 1962.
  • 69 Acerbi 1975, p. 111.

54Piolanti chiese non solo al card. Siri, ma anche, sempre su suggerimento di mons. Pietro Parente, ai gesuiti Antonio Messineo, Gioacchino Salaverri e Michael Schmaus, dei contributi sulle questioni ecclesiologiche, riguardanti rispettivamente i temi De Ecclesia e De Statu, De membris Ecclesiae e De Ecclesiae. Magisterio et infallibilitate,68 successivamente raccolti nel volume del Symposium theologicum de ecclesia Christi, pubblicato con il patrocinio del card. Ottaviani.69 Come ha osservato Antonio Acerbi, questo volume, apparso alla vigilia dell'imminente apertura del Concilio, mirava a difendere lo Schema De Ecclesia consegnato dalla Commissione Preparatoria ed elaborato all'interno del Sant'Uffizio e che era stato già oggetto di numerose critiche tra i padri conciliari e gli esperti, a causa del suo approccio gerarchico, angusto e dogmatico.

  • 70 « Tic de forme: la théologie des écoles romaines est une théologie contre. Elle s’attache en effet (...)

55La radicalizzazione dei giudizi della scuola romana evidentemente rifletteva, come osserva Étienne Fouilloux un «tic di forma: la teologia delle scuole romane è una teologia contro. Si concentra infatti sull'identificazione di “errori”, tanto brevemente proscritti quanto ampiamente citati: gli ultimi in ordine di tempo se possibile o i più recentemente condannati».70

  • 71 Colombo 1952, p. 445-456.

56Si tratta in sostanza – come spiegava con particolare chiarezza il teologo Carlo Colombo – di una teologia che si limita a proporre della rivelazione solo ciò che è negato dai presunti avversari del dogma e della tradizione cattolica.71

  • 72 Staffa 1964; Lattanzi, 1964.

57Ancora nel 1964 Divinitas condusse una dura campagna contro il capitolo III sulla Chiesa, attraverso gli interventi di Dino Staffa e Ugo Lattanzi fatti distribuire in Concilio dal card. Ottaviani sotto forma di estratti.72

  • 73 Smith 2008, p. 261.
  • 74 Chenaux 2012, p. 199-200.

58L'evoluzione nel Concilio del dibattito ecclesiologico verso posizioni collegialiste, portò il rettore Piolanti a parlare addirittura, di fronte ai suoi allievi, di «grande tradimento»73 per esprimere il proprio disagio di fronte al mutato atteggiamento di mons. Parente che, relatore dello schema De Ecclesia in Commissione teologica, si era reso protagonista di un’improvvisa «conversione»74 per cercare una mediazione con la maggioranza “progressista” dei padri.

59Apparentemente sconfitta dal dibattito conciliare, l’eredità della scuola teologica lateranense era tuttavia andata realmente perduta ?

60Fin dei primi anni del suo pontificato, Paolo VI si rivelerà molto cauto nel riformare la Chiesa secondo indirizzi di rinnovamento teologico radicalmente alternativi a quelli della «scuola romana». Da questo punto di vista la vicenda della Nota praevia appare piuttosto emblematica.

  • 75 Cfr. Rahner – Ratzinger 1966, p. 22-23.
  • 76 Nota personalmente riservata al Santo Padre sullo «Schema Constitutionis “De Ecclesia” (11-12 sett (...)
  • 77 Tagle 1999, p. 420. La nota praevia era ispirata alle riflessioni del canonista gesuita tedesco Wi (...)
  • 78 Secondo la nota praevia, sebbene l’incorporazione dei vescovi nel collegio in virtù della consacra (...)

61Nel settembre 1964, a causa degli scontri, in seno alla V sotto-commissione della Commissione Teologica, fra mons. Maccarrone da una parte e Karl Rahner e Joseph Ratzinger dall’altra,75 la minoranza conciliare, attraverso la Nota personalmente riservata sullo schema Constitutionis De Ecclesia, manifestava al Papa la propria contrarietà verso le «dottrine ed opinioni nuove» di molti «Periti audaci» «che hanno deplorevolmente politicizzato il Concilio», con il rischio di determinare il passaggio della Chiesa «da monarchica a episcopaliana e collegiale».76 A seguito di quest’iniziativa, il 14 novembre i padri ricevettero dalla Commissione teologica, su mandato di «un'autorità superiore», cioè lo stesso Paolo VI, una Nota explicativa praevia77 che precisava che il Papa, lungi dal divenire un primus inter pares, conservava, in quanto «vicario di Cristo», tutte le prerogative riconosciutegli dal Concilio Vaticano I.78

  • 79 Sulla Nota praevia, fra gli altri, cfr. Grootaers 1986, p. 119; Troisfontaines 1989, p. 138.
  • 80 Alberigo 1987, p. 162.
  • 81 Cfr. Fouilloux 2019.

62La nota praevia79 che, secondo le dure parole di Giuseppe Alberigo, avrebbe costituito «un tentativo di contrastare il dettato conciliare e di inquinarne l'esegesi»,80 fu accolta favorevolmente dalla minoranza conciliare, convinta di avere ottenuto il riconoscimento ufficiale delle proprie tesi.81

  • 82 Cfr. Schmiedl 1999, p. 166.

63Formatisi in larga misura proprio come studenti della Pontificia Università lateranense o di altre università pontificie, inoltre, i vescovi italiani avevano replicato nei propri vota gli stessi toni e gli stessi contenuti delle risposte «romane», declinate per enunciazioni dogmatiche e formule di condanna, a dimostrazione di un rapporto fra Chiesa italiana e società che sarebbe a lungo rimasto, ancora dopo il Concilio, assente o conflittuale.82

Haut de page

Bibliographie

Archivi

AA. EE. SS. = Archivio Storico della Segreteria di Stato - Sezione per i Rapporti con gli Stati, Fondo della Sacra Congregazione per gli Affari Ecclesiastici Straordinari. 

AS-PUL = Archivio Storico del Centro Studi e Ricerche Vaticano II - Pontificia Università Lateranense. 

Bibliografia primaria

A.A.S. = Acta Apostolicae Sedis.

AD = Acta et documenta Concilio Oecumenico Vaticano II, Apparando, series I (Antepraeparatoria), IV, Studia et vota Universitatum et ecclesiasticarum et catholicarum, pars 1, 1-2, Universitates et Facultates in Urbe.

Bibliografia secondaria

Acerbi 1975 = A. Acerbi, Due ecclesiologie: ecclesiologia giuridica ed ecclesiologia di comunione nella «Lumen gentium», Bologna, 1975.

Alberigo 1987 = G. Alberigo, L'episcopato al Vaticano II, in Cristianesimo nella storia, 8, 1987, p. 147-163.

Alszeghy – Flick, 1967 = Z. Alszeghy, M. Flick, Il movimento teologico italiano, in Gregorianum, 48, 2, 1967, p. 302-325.

Alvarez Alonso 2003 = F. Alvarez Alonso, Primato e collegialità alla luce del «Fondo Maccarrone», in Centro Vaticano II. Ricerche e Documenti, I, 1, 2003, p. 11-61. 

Alvarez Alonso 2015 = F. Alvarez Alonso, Il contributo ecclesiologico di Umberto Betti alla costituzione Lumen gentium, in Centro Vaticano II. Studi e Ricerche, IX, 2, 2015, p. 105-117.

Alvarez Alonso 2019 = F. Alvarez Alonso, Cum Petro et sub Petro: primato ed episcopato dal Vaticano I al Vaticano II, Roma, 2019.

Bagnarini – Morabito = N. Bagnarini, C. Morabito, Le “Carte Piolanti”: il Concilio nella corrispondenza del rettore della Lateranense, in CVII Centro Vaticano II – Studi e Ricerche, 2, 2012, p. 199-205.

Bertrams 1964 = W. Bertrams La collegialità episcopale, in La Civiltà Cattolica, quad. 2729, 1964, p. 436-455 .

Betti 1961 = U. Betti, Il magistero infallibile del Romano Pontefice, in Divinitas, 3, 1961, p. 581-607.

Brambilla 2001 = F. G. Brambilla, Il neotomismo tra restaurazione e rinnovamento, in G. Angelini, G. Colombo, M. Vergottini (a cura di), Storia della teologia, IV, Età moderna, Casale Monferrato, 2001, p. 399-490.

Caprile 1989 = G. Caprile, Contributo alla storia della «Nota explicativa praevia». Documentazione inedita, in Paolo VI e i problemi ecclesiologici al Concilio, Roma-Brescia, 1989, p. 595-603.

Chenaux 2012 = P. Chenaux, Le temps de Vatican II: une introduction à l'histoire du Concile, Paris, 2012.

Chenaux 2014 = P. Chenaux, Primato e collegialità a servizio del popolo di Dio nel Vaticano I e II, in Pontificia Academia Theologica, 13, 1, 2014, p. 123-135.

Chenaux 2015 = P. Chenaux, Paul VI. Le souverain éclairé, Paris, 2015.

Chiron 2006 = J.-F. Chiron, « Une barrière éternelle ». L'autorité de l'Église dans la définition du dogme au XIXe siècle, in Recherches de Science Religieuse, 94, 1, 2006, p. 29-52.

Ciappi 1961 = L. Ciappi, Il magistero della chiesa nel pensiero di S. Pio XII, in Divinitas, 5, 1961, p. 552-580.

Colombo 1952 = C. Colombo, La metodologia teologica dal 1900 al 1950, in La Scuola Cattolica, 80, 1952, p. 453-479.

Crosignani 1958 = G. Crosignani, Nel Cinquantenario dell’Enc. Pascendi, in Divus Thomas, 61, 1958, p. 485-490.

Crosignani 1959 = G. Crosignani, Pio XII e S. Tommaso, in Divus Thomas, 61, 1959, p. 9-15

De Lubac 2007 = H. De Lubac, Carnets du Concile, Paris, 2007.

De Palma 2017 = L. M. De Palma, Studiare teologia a Roma. Origini e sviluppi della Pontificia Accademia Teologica, Città del Vaticano, 2017.

Degl'Innocenti 1959 = U. Degl'Innocenti, Pio XII e S. Tommaso, in Divinitas, 3, 1959, p. 758-774. 

Fabro 1958 = C. Fabro, La «filosofia della fede» nel modernismo, in Divinitas, 2-1, marzo 1958, p. 124-142.

Fouilloux 1994 = É. Fouilloux, Les théologiens romains à la veille du concile Vatican II, in J.-D. Durand (a cura di), Histoire et théologie, Paris, 1994, p. 137-160.

Fouilloux 2019 = É. Fouilloux, La « semaine noire » de Vatican II, in G. Cuchet, C. Mériaux (a cura di), La dramatique conciliaire de l’antiquité à Vatican II, IVe partie, La dramatique par excellence : Vatican II, les moments, les hommes, les groupes, Villeneuve-d'Ascq, 2019, p. 347-366. 

Grootaers 1986 = J. Grootaers, Primauté et collégialité, Le dossier de Gérard Philips sur la Nota Explicativa Praevia, Leuven, 1986.

Guasco 2009 = M. Guasco, Le vicissitudini della teologia in Italia dal 1873 a oggi, in Credere oggi, 29, 2009, p. 6-15

Kasper 1962 = W. Kasper, Die Überlieferung in der neueren Theologie, V, Die Lehre von der Tradition in der Römischen Schule (Giovanni Perrone, Carlo Passaglia), Freiburg, 1962.

Lattanzi 1964 = U. Lattanzi, Quid de Episcoporum «Collegialitate» ex Novo Testamento sentiendum sit, in Divinitas, 8, 1964, p. 62-96.

Lio 1958 = E. Lio, O. F. M., La natura del magistero morale di Pio XII, in Divinitas, 1959, p. 729-757.

Maccarrone 1957 = M. Maccarrone, L'antico titolo papale ‘Vicarius Petri’ e la concezione del primato, in Divinitas, 1, 1957, p. 365-371.

Masi 1958 = R. Masi, L'insegnamento dell’Enc. Pascendi contro gli errori dei modernisti sulla conoscenza di Dio, in Divinitas, 2-1, marzo 1958, p. 51-68.

Michel 2010 = F. Michel, La réforme universitaire de Pie XI. La constitution apostolique Deus scientiarum Dominus et la France, in J. Prevotat (a cura di), Pie XI et la France, Roma, 2010, p. 369-402.

Mondin 1996 = B. Mondin, Storia della teologia: Epoca contemporanea, IV, Bologna, 1996, p. 504-505.

Pacelli (1929) 2006 = H. Wolf, K. Unterburger (a cura di), Die Lage der Kirche 1929, Paderborn, 2006. 

Parente 1961 = P. Parente, La necessità del Magistero, in Divinitas, 5, 1961, p. 206-217.

Perego 1950 = A. Perego, La Nuova Teologia. Sguardo d'insieme alla luce dell'Enciclica Humani generis, in Divus Thomas, 53, 1950, p. 436-465.

Piolanti 1963 = A. Piolanti, La Pontificia Università Lateranense, Roma, 1963.

Pottmeyer 1975 = H.J. Pottmeyer, Unfehlbarkeit und Souveränität. Die päpstliche Unfehlbarkeit im System der ultramontanen Ekklesiologie des 19. Jahrhunderts, Mainz, 1975.

Rahner – Ratzinger 1966 = K. Rahner, J. Ratzinger, Episcopato e primato, Brescia, 1966. 

Routhier 2006 = G. Routhier, Vatican Italie : herméneutique et réception, Saint-Laurent (Québec), 2006.

Roy-Lysencourt 2011 = P. Roy-Lysencourt, Le Cœtus internationalis Patrum, un groupe d'opposants au sein du Concile Vatican II, I, PhD, Université Lyon 3 – Université Laval, 2011.

Schmidinger 1990 = H. M. Schmidinger, I centri tomisti a Roma, Napoli, Perugia, Ecc.: S. Sordi, D. Sordi, L. Taparelli d’Azeglio, M. Liberatore, C.M. Curci, G.M. Cornoldi e altri, in Rivista di Filosofia Neo-Scolastica, 82, 1990, p. 412-435.

Schmiedl 1999 = J. Schmiedl, Das Konzil Und Die Orden: Krise Und Erneuerung Des Gottgeweihten Lebens, Vallendar-Schönstatt, 1999.

Sensi 2003 = M. Sensi, Monsignore Michele Maccarrone e la Scuola storica lateranense, in Lateranum, 69, 2003, p. 343-400.

Smith 2008 = M. Smith, Life at the Irish College during the Second Vatican Council, in D. Keogh, A. McDonnel (a cura di), The Irish College, Rome, and Its World, Dublin, 2008, p. 258-266..

Spiazzi 1958 = R. Spiazzi OP, L’Enciclica Pascendi e il problema di una teologia vitale, in Divinitas, 2-1, marzo 1958, p. 25-50.

Staffa 1963 = D. Staffa, Il Tomismo è vivo, in Angelicum, 40, 2, 1963, p. 145-172.

Staffa 1964 = D. Staffa, De collegii episcopatus ratione, in Divinitas, 8, 1964, p. 1-61. 

Tagle 1999 = L.A. Tagle, La tempesta di novembre: la settimana nera, in A. Melloni (a cura di), Storia del Concilio Vaticano II, IV, La chiesa come comunione, Bologna, 1999, pp. 417-482.

Troisfontaines 1989 = C. Troisfontaines, À propos de quelques interventions de Paul VI dans l’élaboration de Lumen Gentium, in Paolo VI e i problemi ecclesiologici al Concilio, Roma-Brescia, 1989, p. 97-143.

Unterburger 2007 = K. Unterburger, Die deutschen theologischen Fakultäten in römischer Sicht, in D. Burkard, W. Weiss (a cura di), Katholische Theologie im Nationalsozialismus, 1-1, Institutionen und Strukturen, Würzburg, 2007, p. 105-131.

Unterburger 2010 = K. Unterburger, Vom Lehramt der Theologen zum Lehramt der Päpste ? Pius XI, die Apostolische Konstitution “Deus scientiarum Dominus” und die Reform der Universitätstheologie, Freiburg, 2010.

Vagaggini 1961 = C. Vagaggini, Osservazioni intorno al concetto di Concilio ecumenico, in Divinitas, 5, 1961, p. 411-430.

Wicks 2018 = J. Wicks, Investigating Vatican II. Its Theologians, Ecumenical Turn, and Biblical Commitment, Washington D.C., 2018.

Haut de page

Notes

1 Brambilla 2001, p. 403-404. Senza pretesa di una panoramica esaustiva della vastissima letteratura sulla neoscolastica nel XVIII sec., si rimanda agli studi classici sulla «scuola romana», alle note dissertazioni di Walter Kasper del 1962 e di Hermann Josef Pottmeyer del 1975 che ricostruiscono il prevalere di una teologia neoscolastica concepita come investigazione intorno a verità antistoriche e incontestabili, sancite dall’autorità infallibile del magistero papale, sopra ogni approccio volto a recuperare il riferimento alla Scrittura, alla lettura dei Padri e alla tradizione per cogliere lo sviluppo organico della rivelazione nella storia: Kasper 1962; Pottmeyer 1975.

2 Guasco 2009.

3 Istituita con il breve Commendatissimam di papa Clemente XIV del 24 novembre 1773, la Pontificia Università Lateranense si era sviluppata considerevolmente sotto il pontificato di Pio IX che, nel 1853, con la Bolla Cum Romani Pontifices e il Breve Ad piam doctamque, aveva aggiunto alle Facoltà di Teologia e di Filosofia, le Facoltà di Diritto canonico e di Diritto civile con il potere di conferire titoli accademici anche in Utroque Iure, cfr. Piolanti 1963, p. 5.

4 Ibid., p. 8.

5 Deus Scientiarum Dominus, in AAS, XXIII,1931, p. 241-284.

6 Michel 2010.

7 Alszeghy – Flick 1967, p. 309.

8 Unterburger 2010, p. 441-445, 498-509, 532-535.

9 Pacelli (1929) 2006, p. 60-72, 196-199.

10 Unterburger 2007.

11 Lettera enciclica «Humani generis», AAS, 42, 1950, p. 561-578, qui p. 571-573; Cfr. Staffa 1963, p. 153.

12 Crosignani 1959; Degl'Innocenti 1959.

13 Schmidinger 1990, p. 422-423.

14 Lio 1959.

15 AA. EE. SS., Parte Asterisco, Stati ecclesiastici, Pos. 466, lettera del card. Nicola Canali al card. Giuseppe Pizzardo, 9 gennaio 1954, ff. 442-442v.

16 «Ciò che colpisce, infatti, nei corsi che egli tiene all'Istituto «Utriusque Iuris» dell'Ateneo dell'Apollinare, tra il 1930 e il 1937, è la preoccupazione costante di dimostrare come la diplomazia pontificia non aveva altro scopo, nel corso dei secoli, che di difendere la libertà delle Chiese locali contro l’influenza crescente dello Stato. Il corso sulla Responsio Pii Papae VI super Nunciaturis, tenuto nell'anno accademico 1936-1937, aveva una risonanza particolare vista la tragica situazione della Chiesa nella Germania nazista»; in Chenaux 2015, p. 69.

17 AA. EE. SS., Parte Asterisco, Stati ecclesiastici, Pos. 466, lettera di mons. Giovanni Battista Montini al card. Giuseppe Pizzardo, 22 febbraio 1954, ff. 443-444.

18 Ibid.

19 Ibid.

20 AA. EE. SS., Parte Asterisco, Stati ecclesiastici, Pos. 466, lettera del card. Giuseppe Pizzardo a mons. Domenico Tardini, 23 febbraio 1954, f. 441: «Conoscendo pertanto l'interesse che l'Eccellenza Vostra Reverendissima ha sempre manifestato a favore del Pontificio Ateneo, vengo a pregarLa di volere attentamente esaminare le gravi questioni accennate negli appositi fogli, per significarmi quindi il Suo illuminato parere in proposito. Di quanto l'Eccellenza vostra vorrà, nella sua nota prudenza, suggerire e proporre, le sarò profondamente riconoscente.»

21 AA. EE. SS., Parte Asterisco, Stati ecclesiastici, Pos. 466, lettera di Mons. Domenico Tardini al card. Giuseppe Pizzardo, 23 aprile 1954, ff. 445, 446,447,448.

22 AA. EE. SS., Parte Asterisco, Stati ecclesiastici, Pos. 466, lettera dei professori della Pontificia Università Lateranense a Mons. Domenico Tardini, 10 novembre 1954, f. 457: «Non c'è rimasta ignota l'azione svolta dall' Eccellenza Vostra Reverendissima a favore del nostro Ateneo anche recentemente, dopo aver dato in passato tanta energia all'opera diretta di magistero. Insieme a tutti gli altri Colleghi di insegnamento, coloro in particolare che, proprio in questi giorni, hanno risentito gli effetti benefici dell'opera svolta dall’Eccellenza Vostra, sentono il dovere di esprimere la loro profonda gratitudine. la benevolenza dell'eccellenza vostra che ci auguriamo non debba venirci mai meno, sarà uno stimolo a tenere alta la tradizione di così insigni docenti che ci hanno preceduto.»

23 Chenaux 2015, p. 120-121.

24 Il trasferimento nel 1957 dell'Accademia Teologica Romana dall'ex edificio dell’Apollinare all'Università Lateranense, all'interno del perimetro della Pontificia Cattedrale di San Giovanni in Laterano, basilica di Roma per eccellenza, e quindi in uno spazio fortemente simbolico, non poteva che segnare in senso «romano» l'identità culturale di questo centro di studi, evidenziando in modo emblematico la volontà dell'autorità ecclesiastica di mantenere uno stretto controllo sul lavoro intellettuale; Cfr. De Palma 2017, p. 203.

25 Cit. Ibid., p. 207.

26 Mondin 1996, p. 504-505.

27 Cfr. Roy-Lysencourt 2011, p. 182-183.

28 Proemium, in Divinitas, 1, fasc. 1, aprile 1957, p. 3. Cit. ibid., p. 186.

29 Sancti PII P. X Encyclicae Litterae Pascendi Dominici Gregis quinquagesimo expleto anno ab earum promulgatione, in Divinitas, 2-1, marzo 1958, p. 1-191.

30 Perego 1950, p. 460.

31 Cit. in Crosignani 1958, p. 485.

32 Spiazzi 1958.

33 Masi 1958.

34 Fabro 1958.

35 Maccarrone 1957.

36 Una descrizione del Fondo Piolanti in Bagnarini – Morabito 2012.

37 AS-PUL, Fondo Antonio Piolanti, b. 1957 fasc. 7, Pro-Memoria sui pontifici istituti "pastorale" e "Jesus Magister" fondati nel Pontificio Ateneo Lateranense.

38 Ibid.

39 AS-PUL, Fondo Piolanti, b.1958 fasc.1, lettera del 21 febbraio 1958.

40 AS-PUL, Fondo Piolanti, b.1960 fasc. 3, marzo, lettera del 23 marzo 1960.

41 AS-PUL, Fondo Piolanti, b. 1960, fasc. 9, ottobre, lettera del 18 ottobre 1960.

42 Fouilloux 1994, p. 156.

43 Wicks 2018, p. 42.

44 De Lubac 2007, p. 22.

45 Parente 1961.

46 Vagaggini 1961.

47 AS-PUL, Fondo Piolanti, b. 1961 fasc. 5, settembre, lettera del 18 settembre 1961.

48 AS-PUL, Fondo Piolanti, b. 1961 fasc.5, settembre, lettera del 29 settembre 1961.

49 AS-PUL, Fondo Piolanti, b. 1961 fasc.5, settembre, lettera del 25 settembre 1961.

50 AS-PUL, Fondo Piolanti, b. 1961 fasc. 2, febbraio, lettera del 23 febbraio 1961.

51 AS-PUL, Fondo Piolanti, b. 1961 fasc. 5, lettera del 15 settembre 1961.

52 Acta et documenta Concilio Oecumenico Vaticano II, Apparando, series I (Antepraeparatoria), volumen IV, Studia et vota Universitatum et ecclesiasticarum et catholicarum, pars 1, 1-2, Universitates et Facultates in Urbe (d'ora in poi AD, I/IV, I/1), Typis Polyglottis Vaticanis, Città del Vaticano 1961, p. 167 sq.

53 AD I/IV, I/1, p. 177-189.

54 AD I/IV, I/1, p. 415-420.

55 AD, I/IV, I/1, p. 248-263.

56 AD, I/IV, I/1, p. 218-224.

57 AD I/IV, I/1, p. 237-244.

58 AD, I/IV, I/1, p. 248-263, pubblicato nella versione italiana con il titolo Il magistero della Chiesa e la scienza teologica, in Divinitas, 5, 1961, p. 531-551.

59 Ciappi 1961.

60 Sull'ecclesiologia e il dibattito conciliare, Cfr. Routhier 2006, p. 139 sq.

61 AD I/IV, I, 1, p. 231-237.

62 Sensi 2003, p. 385. Il riferimento è al votum di G. d'Ercole, Deduzioni da testimonianze bibliche e patristiche, sulla successione apostolica, i poteri episcopali e presbiterali, in AD, I/IV, I/1, p. 356-371.

63 AD, I/IV, I/1, p. 195-209, qui p. 209.

64 Betti 1961, p. 594. Sull’articolo, cfr. Alvarez Alonso 2019, p. 202. Sul contributo dei teologi italiani alla Lumen gentium, cfr. Alvarez Alonso 2003; Alvarez Alonso 2015.

65 Betti 1961, p. 582-583.

66 Chiron 2006.

67 AS-PUL, Fondo Piolanti b. 1962, fasc. 3, lettera del 19 marzo 1962.

68 AS-PUL, Fondo Piolanti b. 1962, fasc. 5, lettera del 18 maggio 1962.

69 Acerbi 1975, p. 111.

70 « Tic de forme: la théologie des écoles romaines est une théologie contre. Elle s’attache en effet à l’identification d’‟erroresˮ, aussi brièvement proscrites que longuement citées : les dernières en date si possible ou les plus récemment condamnées », Fouilloux 1994, p. 152.

71 Colombo 1952, p. 445-456.

72 Staffa 1964; Lattanzi, 1964.

73 Smith 2008, p. 261.

74 Chenaux 2012, p. 199-200.

75 Cfr. Rahner – Ratzinger 1966, p. 22-23.

76 Nota personalmente riservata al Santo Padre sullo «Schema Constitutionis “De Ecclesia” (11-12 settembre 1964), in Caprile 1989, p. 595-603. La nota, che chiedeva al Papa il ritiro del capitolo III dalla costituzione sulla Chiesa, rifletteva senz’altro anche la visione di Maccarrone; cfr. Maccarrone 1989, p. 120.

77 Tagle 1999, p. 420. La nota praevia era ispirata alle riflessioni del canonista gesuita tedesco Wilhelm Bertrams e, secondo il Papa, andava considerata come il canone ermeneutico dello schema De Ecclesia; cfr. Bertrams 1964.

78 Secondo la nota praevia, sebbene l’incorporazione dei vescovi nel collegio in virtù della consacrazione episcopale avesse indubbiamente un fondamento sacramentale e dunque divino, l’esercizio concreto del potere collegiale dipendeva da una determinazione «canonica e giuridica […] concessa secondo le norme approvate dalla suprema autorità»; cfr. Chenaux 2014.

79 Sulla Nota praevia, fra gli altri, cfr. Grootaers 1986, p. 119; Troisfontaines 1989, p. 138.

80 Alberigo 1987, p. 162.

81 Cfr. Fouilloux 2019.

82 Cfr. Schmiedl 1999, p. 166.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Marialuisa Lucia Sergio, « “Ortodossa e romana”: la Pontificia Università Lateranense fra il Pontificato di Pio XII e il tornante conciliare »Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines, 134-2 | 2022, 357-370.

Référence électronique

Marialuisa Lucia Sergio, « “Ortodossa e romana”: la Pontificia Università Lateranense fra il Pontificato di Pio XII e il tornante conciliare »Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En ligne], 134-2 | 2022, mis en ligne le 29 mars 2023, consulté le 05 juin 2023. URL : http://journals.openedition.org/mefrim/12442 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefrim.12442

Haut de page

Auteur

Marialuisa Lucia Sergio

Università degli Studi Roma Tre – marialuisalucia.sergio@uniroma3.it

Haut de page

Droits d’auteur

CC-BY-NC-ND-4.0

Creative Commons - Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International - CC BY-NC-ND 4.0

https://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0/

Haut de page
  • Logo Publications de l’École française de Rome
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search