Navigation – Plan du site

AccueilNuméros135-1Le regole dei luoghi. Spazi, isti...Introduzione

Le regole dei luoghi. Spazi, istituzioni e società nella città moderna (secoli XVI-XVIII)

Introduzione

Diego Carnevale, Domenico Cecere et Élodie Oriol
p. 129-135

Résumés

Nelle pagine introduttive sono delineate le principali svolte che hanno condotto a una generale riscoperta della dimensione spaziale in diversi ambiti delle scienze umane e sociali. Anche nella ricerca storica da alcuni decenni lo spazio ha acquisito un’importanza crescente: non più considerato come il semplice scenario su cui si proiettano i fenomeni sociali, politici e culturali, esso è utilizzato per offrire una lettura diversa di quei fenomeni. In riferimento alle realtà urbane di antico regime, l’attenzione alle dinamiche spaziali permette di comprendere la logica di alcune azioni individuali e collettive finalizzate alla creazione di diritti e all’accesso alle risorse locali, intese come modi di partecipazione alla vita delle città. Territori, questi ultimi, caratterizzati da una regolazione minuta degli spazi e dei privilegi che vi si potevano esercitare, risultato dell’incontro tra riconoscimenti formali e pratiche sociali reiterate.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Il LEA MediterraPolis è coordinato dall’UMR 7303 TELEMME (Aix-Marseille Université, CNRS) e da Sap (...)

1I saggi riuniti in questo dossier costituiscono il risultato di un convegno organizzato presso l’École française de Rome (8-10 settembre 2016) nell’ambito delle attività del Laboratoire Européen Associé MediterraPolis : Espaces urbains, mobilités, citadinités. Europe méridionale-Méditerranée (XVIe-XXIe siècles).1 L’incontro si era posto l’obiettivo di riunire una pluralità di studi di caso che permettessero di analizzare, in una prospettiva comparata e diacronica, i modi in cui le istituzioni e gli attori delle realtà urbane dell’Europa moderna hanno costruito e regolato il territorio cittadino e i luoghi che lo componevano, e di comprendere in che modo le azioni individuali e collettive finalizzate alla creazione di diritti e all’accesso alle risorse partecipassero alla fabbrica urbana.

  • 2 Zeller 2012, p. 50-92.

2Il periodo preso in considerazione copre l’intera età moderna, fino all’età delle Rivoluzioni. In questo periodo, caratterizzato da una sostenuta concentrazione urbana,2 molte delle maggiori città europee furono interessate dall’aumento della popolazione residente o che vi lavorava. Allo stesso tempo, in molte aree del continente europeo i poteri monarchici si resero protagonisti di diversi tentativi di regolare le città, limitandone l’autonomia e i privilegi. L’affollamento in spazi ristretti di poteri e privilegi facenti capo a individui, corpi e istituzioni diverse condusse spesso a prevedibili conflitti e, al fine di contenere questi ultimi, a tentativi di regolazione minuta degli spazi e di armonizzazione dei diritti che in essi si esercitavano, non sempre coronati da successo.

  • 3 Torre 2008; Withers 2009; Kingston 2010; Williamson 2014.
  • 4 Per un’attenta e aggiornata riflessione sullo sviluppo della prospettiva spaziale nelle scienze um (...)

3Parigi, Genova, Napoli, Bologna, Cagliari, Trieste, Brescia, alcune cittadine e borghi del Sacro Romano Impero: in relazione a queste città, o ad alcuni spazi all’interno o ai margini di esse, i contributi qui raccolti intendono offrire una lettura delle relazioni sociali, delle dinamiche istituzionali, delle strutture di potere che tenga conto innanzitutto della dimensione spaziale. Questa dimensione si è imposta al centro delle indagini e delle riflessioni nelle discipline storiche negli ultimi decenni, come testimonia il numero consistente d’incontri scientifici, di pubblicazioni e di numeri monografici di riviste dedicati al tema.3 Questa tendenza è stata per certi aspetti un riflesso della più generale “riscoperta” dello spazio che si è avuta in diversi ambiti delle scienze umane e sociali. Una riscoperta originata dallo scetticismo che ha investito le spiegazioni di tipo funzionalista e strutturalista.4

  • 5 Lussault 2007; Warf – Arias 2009.
  • 6 Per una visione del territorio come forma di organizzazione sociale di un determinato spazio geogr (...)
  • 7 Cfr. Lussault 2007. Ciononostante, l’uso metodologicamente corretto dei termini inclusi nel campo (...)

4Nell’analisi della produzione della cultura e delle relazioni sociali non si può prescindere da questa dimensione, che non può più essere considerata come un dato inerte, un semplice scenario, una “area di proiezione” dei fenomeni sociali.5 Non a caso, sono stati innanzitutto i geografi a interrogarsi sulle categorie da impiegare nelle analisi spaziali delle azioni degli uomini. Non vi è dubbio che al centro delle prime riflessioni in ambito geografico e sociologico vi sia stata la nozione di “spazio geografico” o “territorio”, definito in maniere spesso molto diverse ma tutte riconducibili a un sistema di relazioni tra individui, presi singolarmente e collettivamente, e lo spazio in cui agiscono, variamente inteso come spazio materiale, simbolico, ideale.6 Il territorio si trova a sua volta organizzato per “luoghi”, intesi come la più piccola unità spaziale complessa, all’interno della quale gli attori vivono e modellano il territorio stesso.7

  • 8 Lefebvre 1974; Harvey 1985 e 2001; Foucault 1994; Cosgrove 1998.
  • 9 Topalov 2002.

5A partire dalle prime riflessioni di sociologi, geografi e studiosi di urbanistica, da Michel Foucault e Henri Lefebvre fino a Denis E. Cosgrove e David Harvey,8 anche nell’ambito della ricerca storiografica diversi studiosi sono stati spinti a dare centralità alla dimensione spaziale. I lavori di questi autori hanno affrontato temi come la produzione delle metafore spaziali, la loro interpretazione dello spazio come riflesso dei rapporti sociali di produzione e delle relazioni di classe, nonché avviato un approccio alla cartografia come linguaggio di potere. Sollecitati da questi primi sviluppi, gli studi successivi si sono interrogati non solo su quali fossero i simboli e le metafore spaziali usate, o su come venissero usate, ma anche su chi le usava e perché, sulle ideologie, sui valori e sulle visioni della società che influenzano la produzione di mappe, di cartografie e in generale di rappresentazioni del territorio e dei luoghi che lo compongono.9

  • 10 Lepetit – Salvemini 1995; Lepetit 1999; Salvemini 2006a.
  • 11 Lepetit 1995, p. 129.

6Suggestioni importanti sono venute poi da indagini che andavano in direzioni parzialmente diverse, come quelle di Bernard Lepetit e Biagio Salvemini, che hanno contribuito in maniera significativa a rovesciare i paradigmi funzionalistici nelle relazioni tra società e territorio, dando rilievo all’impatto che forme antiche di organizzazione del territorio hanno avuto per lungo tempo sui gruppi umani che lo hanno abitato, e alle conseguenti sconnessioni tra la società analizzata e lo spazio organizzato in cui agiva.10 Per questa ragione, lo spazio, ha scritto Lepetit, « est à tout moment du temps solidifié, mais les temporalités dont il porte la marque sont d’échelle incomparable ».11 Ciò non significa, tuttavia, che alcune componenti della società, in particolare i ceti dirigenti, non tentassero di riorganizzare gli spazi secondo nuove esigenze; al contrario, proprio in ragione delle molteplici interazioni sociali, tali processi sono stati spesso conflittuali.

  • 12 Clavero 1986; Hespanha 1993; Mannori 1994.
  • 13 Torre 2011; Giana – Tigrino 2012.

7Dalla constatazione che lo spazio non può essere concepito come una variabile indipendente, come il semplice scenario sul quale si dispiegano le vicende umane, sono emersi stimoli per indagini sulle dinamiche di “produzione istituzionale dello spazio”, cioè sulla capacità dei gruppi sociali e dei soggetti istituzionali di generare dei diritti localmente determinati. L’altro presupposto da cui muove la gran parte di questi studi è il riconoscimento del pluralismo istituzionale e giurisdizionale come carattere costitutivo delle società di antico regime, società ampiamente caratterizzate dalla frammentazione territoriale.12 Di qui gli studi di Edoardo Grendi, di Angelo Torre e di altri, che hanno dimostrato come in spazi densi di diritti e di poteri, spesso sovrapposti e intrecciati, i limiti spaziali di giurisdizioni e privilegi fossero definiti non tanto da riconoscimenti formali quanto da pratiche sociali reiterate (rituali, circolazioni, usi, appropriazioni, scambi), vale a dire da processi sociali di costruzione della località.13 Questi studi hanno dimostrato, inoltre, come lo studio delle fonti prodotte da conflitti di giurisdizione consentano di gettare luce sulle pratiche sociali che definiscono la coscienza collettiva degli spazi.

  • 14 Rosenwein 1999. Dello stesso tenore, benché tese ad altri obiettivi conoscitivi, le ricerche sulla (...)

8Accanto a queste influenze, occorre ricordare l’importanza che, nella riconsiderazione della dimensione spaziale, hanno avuto le indagini sulle forme in cui storicamente le istituzioni hanno definito localmente il loro campo d’intervento e di legittimità. Gli studi sui privilegi e le immunità nell’Europa medievale e moderna hanno messo in rilievo il ruolo di questi dispositivi istituzionali nello strutturare e nel delimitare gli spazi, e nel dare un’articolazione spaziale alle relazioni di potere. È questo, ad esempio, il contributo del lavoro di Barbara Rosenwein del 1999, Negotiating space, su immunità ed esenzione nell’alto Medioevo, da cui emerge una concezione del territorio costituito non da ripartizioni geometriche, ma come campo reticolare, come insieme di punti in cui si esercitano dei poteri, i cui mutevoli rapporti determinano anche continue ridefinizioni delle gerarchie dei luoghi.14

  • 15 Lepetit 1996.
  • 16 Sulle origini settecentesche di tale concezione ci si limita a rinviare ai saggi contenuti in Salv (...)
  • 17 Su questo tema in relazione alle realtà urbane si veda da ultimo Rodger – Rau 2020.

9Una volta constatato che la raffigurazione poligonale dello spazio non è sufficiente di per sé a spiegarne la costituzione e gli impieghi, la riflessione metodologica ha guardato all’euristica della cartografia con occhi diversi, spesso sospettosi.15 D’altra parte, la storiografia ha ampiamente mostrato la non-neutralità della carta quale strumento di rappresentazione oggettiva dello spazio.16 Ciò non ha impedito, tuttavia, di approfondire le possibilità offerte dalla rappresentazione digitale dello spazio, la quale consentirebbe di superare una parte dei limiti della cartografia tradizionale.17

  • 18 Boulton 1986; Lepetit 1988; Roncayolo 1997. Un altro esempio interessante è Nussdorfer 1997.
  • 19 Nel contesto storiografico francese, nel 1994, Alain Cabantous segnalava l’eccessivo ricorso dei m (...)
  • 20 Almeno Berengo 1999; Zeller 2012; Clark 2000.

10Nell’ambito degli studi sull’età moderna, la maggioranza delle ricerche condotte sulle dinamiche spaziali e la costruzione del territorio hanno privilegiato le aree rurali, dove le categorie analitiche sviluppate dai geografi hanno trovato una più evidente applicazione. Gli studi sulle città europee, invece, hanno prevalentemente assunto come punto di osservazione il rapporto tra società e istituzioni. Nonostante la presenza di alcuni studi pionieristici, come quelli sui neighbourhood londinesi condotti negli anni Ottanta del secolo scorso, o quelli del già citato Lepetit o ancora di Marcel Roncayolo,18 l’ambiente urbano, benché talora studiato con maggiore finezza analitica e disarticolato nelle sue componenti, il più delle volte è stato relegato al ruolo di contenitore pressoché neutro delle diverse dinamiche osservate.19 Ciò è molto evidente nelle grandi indagini che hanno posto al centro dell’analisi i diversi processi di affermazione dello Stato moderno, con la limitazione progressiva delle autonomie cittadine, delle immunità e delle giurisdizioni particolari presenti nel territorio urbano.20

  • 21 Le principali riviste specializzate accolgono molti articoli che hanno affrontato o con studi di c (...)
  • 22 Withers 2007; Romano – Van Damme 2008; Traversier 2008; Charle 2009; Novi Chavarria – Martin 2021.
  • 23 Albrecht 2010; Rau 2014.

11Da un paio di decenni, gli studi di storia urbana hanno iniziato a prendere in considerazione in maniera più rigorosa la dimensione spaziale, aprendosi a nuove prospettive di ricerca e con risultati promettenti.21 Tra i possibili esempi, la storia dei saperi scientifici, degli ambienti intellettuali nonché, più di recente, la storia delle emozioni sono campi che certamente hanno molto beneficiato della rinnovata attenzione al territorio urbano.22 Anche la scelta di adottare periodizzazioni lunghe prendendo in esame una singola o un insieme di realtà urbane ha consentito di comprendere lo sviluppo di gerarchie spaziali all’interno del contesto urbano.23

12Più in generale, gli studiosi hanno tuttavia privilegiato l’applicazione alla realtà cittadina dei diversi punti di osservazione consolidatisi nel corso delle indagini sulle aree rurali. Di conseguenza, le ricerche hanno approfondito soprattutto il rapporto indissolubile tra la materialità dello spazio e i privilegi costruiti su tale materialità. Il privilegio diventa, quindi, uno degli elementi chiave per osservare le dinamiche spaziali nella città moderna, come emerge chiaramente anche in molti dei contributi qui riuniti. I privilegi si traducevano in una delimitazione minuta dei luoghi in cui potevano essere esercitati. E tuttavia, l’affollamento di diritti, poteri e giurisdizioni, faceva sì che i limiti territoriali di tali privilegi fossero spesso il risultato dell’incontro tra riconoscimento formale e pratiche sociali reiterate. Sicché l’estensione, le gerarchie e persino la validità di tali privilegi divenivano oggetto di conflitti e negoziazioni incessanti tra le molteplici istituzioni e tra queste e gli attori sociali. Il pluralismo giuridico delle società di antico regime determinò fino alla fine del Settecento una tensione permanente tra sistemi di regole e sistemi di eccezioni che non possono essere liquidati come anomalie o aspetti residuali rispetto all’affermazione dell’entità statuale. In questa prospettiva, la città è identificabile come il territorio in cui più evidenti sono le relazioni di classe e di potere e in cui si acuiscono i conflitti.

  • 24 Boiteux – Caffiero – Marin 2010; Bocquet – De Pieri 2005. Sul rapporto cerimoniale con i luoghi ur (...)
  • 25 Canepari – Vidoni 2016. Sul caso francese si veda anche Jambon 2017.

13La competizione per l’accesso alle risorse, queste ultime intese nell’accezione più ampia (materiali, politiche e simboliche), resta il punto centrale del confronto tra le diverse organizzazioni sociali. In tale contesto, emergono prepotentemente gli artefatti urbani, intesi come luoghi materiali (edifici, infrastrutture, collegamenti), indagati per la loro capacità d’incidere sull’accesso alle risorse cittadine, di attribuire significati e appartenenze.24 Allo stesso modo, le dinamiche tra centro e periferia definivano gerarchie, appropriazioni e conflitti.25 Le regole che governano i luoghi urbani spesso appaiono come fragili punti di equilibro tra interessi contrapposti cui si perviene attraverso incessanti processi di negoziazione. La maggior parte dei saggi qui riuniti evidenzia situazioni di questo tipo.

14Tre contributi assumono il punto di vista di un’intera città con fonti e angolature diverse. Il primo, di Maurizio Pegrari, analizza il progetto di espansione della città di Brescia proposto da Vincenzo Botturini nel 1606. Non diversamente da simili progetti concepiti per altre realtà coeve, lo spazio immaginato da Botturini doveva essere ordinato e ben regolato dalle autorità, sebbene con distinzioni significative: laddove i produttori avrebbero dovuto sottostare a forti vincoli normativi e al controllo dei prezzi, il ceto mercantile, cui apparteneva lo stesso Botturini, doveva godere di maggiore libertà, così da potersi fare promotore dello sviluppo economico e civile della città. Il saggio di Maria Grazia Rosaria Mele affronta le trasformazioni della città di Cagliari tra XVI e XVII secolo attraverso lo studio delle concessioni enfiteutiche. Si attesta la progressiva interrelazione tra centro urbano e territorio circostante che maturò in seguito all’esigenza spagnola di fortificare la città per difenderla dalle aggressioni turco-barbaresche. Il contributo di Daniele Andreozzi, invece, analizza la contesa per le risorse materiali e immateriali della città di Trieste alla metà del Settecento attraverso le vicende di un singolo ma importante membro dei due gruppi sociopolitici che in quel periodo si contendevano la ridefinizione spaziale dell’importante città portuale.

15Tre contributi prendono in esame singoli luoghi all’interno o ai margini dello spazio urbano. È il caso del lazzaretto di Genova, analizzato da Francesca Ferrando durante l’epidemia di tifo esantematico degli anni 1648-1650. La condizione emergenziale determinò la concorrenza tra diverse istituzioni nella gestione della struttura, pensata come luogo di cura e allo stesso tempo di reclusione per gli indigenti. Il fallimento di questo esperimento amministrativo condusse alla creazione del grande Albergo dei poveri. I luoghi di reclusione sono oggetto del contributo di Maria Rosaria Caforio, nello specifico le carceri bolognesi tra la fine del Settecento e la prima metà dell’Ottocento. Luoghi di separazione per eccellenza, le prigioni bolognesi mostrano invece un elevato grado di permeabilità; infatti, i reclusi erano in costante rapporto con la realtà esterna, sulla base di prassi consentite dalle stesse autorità preposte al controllo. Jean-Dominique Delle Luche analizza un particolare luogo periferico delle città imperiali nel Cinquecento: i campi di tiro, dove i membri di specifici sodalizi si riunivano per esercitarsi con le armi da fuoco. Importanti luoghi di sociabilità, i campi di tiro erano fortemente regolati da statuti formali e pratiche consuetudinarie tesi a preservare la popolazione da un’attività pericolosa ma soprattutto a salvaguardare la reputazione dei tiratori, ai quali era affidato il compito di rappresentare la comunità sia nelle competizioni agonistiche con altre città sia nelle occasioni cerimoniali.

16Spazi di eccezione, porzioni di territorio urbano definite dai privilegi che insistono su di esse costituiscono l’oggetto di altri due contributi. La competizione istituzionale per la definizione delle giurisdizioni è al cuore del testo di Gaia Bruno. Nella Napoli della seconda metà del Settecento, la creazione di luoghi di eccezione da parte della monarchia borbonica, corrispondenti alle aree del demanio militare, confliggeva con gli interessi delle autorità municipali. Per sottrarsi alla giurisdizione di queste ultime, infatti, alcuni esercenti tentavano di associare la propria attività a questi luoghi pur non appartenendo alla sfera militare. Il conflitto giurisdizionale per il controllo del territorio urbano viene analizzato anche da Mathieu Marraud, il quale focalizza l’attenzione sulla competizione tra le corporazioni di mestiere e la Luogotenenza generale di polizia a Parigi intorno alla police des métiers, che veniva esercitata sui luoghi della produzione e del commercio. Qui, come altrove, le ripartizioni territoriali vengono costruite e decostruite attraverso il linguaggio dei privilegi in nome di una pretesa uniformità delle regole che è tuttavia inconciliabile con l’articolazione dei poteri in antico regime, primo tra tutti il potere sovrano, esso stesso garante e dispensatore di privilegi.

Haut de page

Bibliographie

Albrecth 2010 = S. Albrecht, Stadtgestalt und Öffentlichkeit: Die Entstehung politischer Räume in der Stadt der Vormoderne, Colonia, 2010.

Berengo 1999 = M. Berengo, L’Europa delle città: il volto della società urbana europea tra Medioevo ed età moderna, Torino, 1999.

Boiteux – Caffiero – Marin 2010 = M. Boiteux, M. Caffiero, B. Marin (a cura di), I luoghi della città. Roma moderna e contemporanea, Roma, 2010.

Bocquet – De Pieri 2005 = D. Bocquet, F. De Pieri, Tra regole e violazioni: percorsi di ricerca (a cura di), numero monografico di Storia urbana, 108, 2005. 

Boulton 1986 = J. Boulton, Neighbourhood and Society. A London Suburb in the Seventeenth Century, Cambridge, 1986.

Brunet 1997 = R. Brunet, Champs et contrechamps : raisons de géographe, Parigi, 1997.

Cabantous 1994 = A. Cabantous, Le quartier, espace vécu à l’époque moderne, in Histoire, économie et société, 13-3, 1994, p. 427-439.

Canepari – Vidoni 2016 = E. Canepari, N. Vidoni, Portes et péripheries, numero monografico di Città e Storia, 2, 2016.

Charle 2009 = C. Charle (a cura di), Le temps des capitales culturelles XVIIIe-XXsiècles, Seyssel, 2009.

Clark 2000 = P. Clark (a cura di), The Cambridge Urban History of Britain, volume 2 (1540-1840), Cambridge, 2000.

Clavero 1986 = B. Clavero, Tantas personas como Estados. Por una antropología política de la historia europea, Madrid, 1986.

Cosgrove 1998 = D.E. Cosgrove, Social Formation and Symbolic Landscape [1984], Madison, 1998.

Coster – Spicer 2005 = W. Coster, A. Spicer (a cura di), Sacred Space in Early Modern Europe, Cambridge, 2005.

Foucault 1994 = M. Foucault, L’œil du pouvoir [1977], in Id., Dits et écrits, Parigi, 1994, III, p. 190-207.

Giana – Tigrino 2012 = L. Giana, V. Tigrino (a cura di), Istituzioni, numero monografico di Quaderni storici, 139, 2012.

Harvey 1985 = D. Harvey, The Urbanization of Capital. Studies in the History and Theory of Capitalist Urbanization, Baltimora, 1985.

Harvey 2001 = D. Harvey, Spaces of Capital: Towards a Critical Geography, Londra-New York, 2001.

Hespanha 1993 = A.M. Hespanha, La gracia del derecho. Economía de la Cultura en la Edad Moderna, Madrid, 1993.

Jambon 2017 = Y. Jambon, Aux marges des villes modernes. Les faubourgs dans le Royaume de France du XVIe au début du XIXe siècle, Lione, 2017.

Kingston 2010 = R. Kingston, Mind over Matter? History and the Spatial Turn, in Cultural and Social History, 7-1, 2010, p. 111-121.

Lauwers 2005 = M. Lauwers, Naissance du cimetière : lieux sacrés et terre des morts dans l’Occident médiéval, Parigi, 2005. 

Lefebvre 1974 = H. Lefebvre, La production de l’espace, Parigi, 1974.

Lepetit 1988 = B. Lepetit, Les villes dans la France moderne (1740-1840), Parigi, 1988.

Lepetit – Salvemini 1995 = B. Lepetit, B. Salvemini (a cura di), Percezioni dello spazio, numero monografico di Quaderni storici, 90, 1995.

Lepetit 1996 = B. Lepetit, De l’échelle en histoire, in J. Revel (a cura di), Jeux d’échelles. La micro-analyse à l’expérience, Parigi, 1996, p. 85-112.

Lepetit 1999 = B. Lepetit, Espace et histoire, in Id., Cahier de croquis. Sur la connaissance historique, Parigi, 1999, p. 129-141.

Lussault 2007 = M. Lussault, L’homme spatial. La construction sociale de l’espace humain, Parigi, 2007.

Olmo – Lepetit 1995 = C. Olmo, B. Lepetit, La città e le sue storie, Torino, 1995.

Olmo 1998 = C. Olmo, La sfida delle regole: La storia urbana tra nuovi naturalismi e antichi funzionalismi, in Contemporanea, 4-1, 1998, p. 791-803.

Mannori 1994 = L. Mannori, Il sovrano tutore. Pluralismo istituzionale e accentramento amministrativo nel Principato dei Medici (secc. XVI-XVIII), Milano, 1994.

Moine 2006 = A. Moine, Le territoire comme un système complexe : un concept opératoire pour l’aménagement et la géographie, in L’Espace géographique, 2, 2006, p. 115-132.

Novi Chavarria – Martin 2021 = E. Novi Chavarria, Ph. Martin (a cura di), Emozioni e luoghi urbani. Dall’antichità a oggi, Roma, 2021.

Nussdorfer 1997 = L. Nussdorfer, The politics of space in early modern Rome, in Memoirs of the American Academy in Rome, 42, 1997, p. 161‑186.

Rau 2014 = S. Rau, Räume der Stadt. Eine Geschichte Lyons, 1300-1800, Francoforte, 2014.

Rau 2019 = S. Rau, History, Space, and Place, Londra-New York, 2019.

Rodger – Rau 2020 = R. Rodger, S. Rau, Thinking spatially: new horizons for urban history, numero monografico di Urban History, 47, 3, 2020.

Romano – Van Damme 2008 = A. Romano, S. Van Damme, Sciences et villes-mondes, XVIe-XVIIIe siècles, numero monografico della Revue d’Histoire Moderne et Contemporaine, 55-2, 2008.

Roncayolo 1997 = M. Roncayolo, La ville et ses territoires, Parigi, 1997.

Rosenwein 1999 = B.H. Rosenwein, Negotiating Space. Power, Restraint and Privileges of Immunity in Early Medieval Europe, Ithaca, 1999. 

Sack 1986 = R.-D. Sack, Human Territoriality, Cambridge, 1986.

Salvemini 2006a = B. Salvemini, Pratiche dello spazio e identità sociali, in Id., Il territorio sghembo. Forme e dinamiche degli spazi umani in età moderna. Sondaggi e letture, Bari, 2006, p. 151-158.

Salvemini 2006b = B. Salvemini, La regione possibile. I territori della storia fra ingegnerie e identità, in Id., Il territorio sghembo. Forme e dinamiche degli spazi umani in età moderna. Sondaggi e letture, Bari, 2006, p. 353-360.

Topalov 2002 = C. Topalov, Langage, société et divisions urbaines, in Id. (a cura di), Les divisions de la ville, Parigi, 2002, p. 375-449.

Torre 2008 = A. Torre, Un ‘tournant spatial’ en histoire ? Paysages, regards, ressources, in Annales. Histoire, Sciences sociales, 63-5, 2008, p. 1127-1144.

Torre 2011 = A. Torre, Luoghi. La produzione di località in età moderna e contemporanea, Roma, 2011.

Traversier 2008 = M. Traversier, Le quartier artistique, un objet pour l’histoire urbaine, in L. Gautier, M. Traversier (a cura di), Mélodies urbaines. La musique dans les villes d’Europe (XVIe-XIXe siècles), Parigi, 2008, p. 5-20.

Stopani 2008 = A. Stopani, La production des frontières. État et communautés en Toscane, Roma, 2008.

Visceglia 2002 = M.A. Visceglia, La città rituale. Roma e le sue cerimonie in età moderna, Roma, 2002. 

Warf – Arias 2009 = B. Warf, S. Arias (a cura di), The Spatial Turn. Interdisciplinary perspectives, Abingdon, 2009.

Wickham 1995 = C. Wickham, Comunità e clientele nella Toscana del XII secolo: le origini del comune rurale nella Piana di Lucca, Roma, 1995.

Williamson 2014 = F. Williamson, The Spatial Turn of Social and Cultural History. A Review of the Current Field, in European History Quarterly, 44-4, 2014, p. 703-717.

Withers 2007 = C. Withers, Placing the Enlightenment: thinking geographically about the Age of Reason, Chicago, 2007.

Withers 2009 = C. Withers, Place and the “Spatial Turn” in Geography and History, in The Journal of the History of Ideas, 70-4, 2009, p. 637-658.

Zeller 2012 = O. Zeller, La ville moderne, in J.-L. Pinol (a cura di), Histoire de l’Europe urbaine, III, Parigi, 2012 [2003].

Haut de page

Notes

1 Il LEA MediterraPolis è coordinato dall’UMR 7303 TELEMME (Aix-Marseille Université, CNRS) e da Sapienza Università di Roma con il contributo finanziario della Fondation AMidex. Ringraziamo Renata Ago, Corine Maitte, Brigitte Marin, Anna Maria Rao, Biagio Salvemini, Angelo Torre e Maria Antonietta Visceglia per il loro contributo alle discussioni in occasione del convegno e in seguito.

2 Zeller 2012, p. 50-92.

3 Torre 2008; Withers 2009; Kingston 2010; Williamson 2014.

4 Per un’attenta e aggiornata riflessione sullo sviluppo della prospettiva spaziale nelle scienze umane e sociali si veda Rau 2019.

5 Lussault 2007; Warf – Arias 2009.

6 Per una visione del territorio come forma di organizzazione sociale di un determinato spazio geografico, e dunque compresa al suo interno, si vedano ad esempio Sack 1986 e Brunet 1997. Più attento alle suggestioni della riflessione socio-antropologica e al problema delle rappresentazioni dello spazio da parte degli attori è Moine 2006.

7 Cfr. Lussault 2007. Ciononostante, l’uso metodologicamente corretto dei termini inclusi nel campo semantico relativo alla spazialità continua ad essere oggetto di dibattito tra gli storici; a tal proposito sono utili le riflessioni offerte dai saggi raccolti nel numero monografico della rivista History & Theory dedicato a At Home and in the Workplace: Domestic and Occupational Space in Western Europe from the Middle Ages, vol. 52, 3, 2013.

8 Lefebvre 1974; Harvey 1985 e 2001; Foucault 1994; Cosgrove 1998.

9 Topalov 2002.

10 Lepetit – Salvemini 1995; Lepetit 1999; Salvemini 2006a.

11 Lepetit 1995, p. 129.

12 Clavero 1986; Hespanha 1993; Mannori 1994.

13 Torre 2011; Giana – Tigrino 2012.

14 Rosenwein 1999. Dello stesso tenore, benché tese ad altri obiettivi conoscitivi, le ricerche sulla costruzione dello spazio funerario condotte da Wickham 1995, e Lauwers 2005. Temi analoghi sono ripresi per l’età moderna da Coster – Spicer 2005 e Stopani 2008.

15 Lepetit 1996.

16 Sulle origini settecentesche di tale concezione ci si limita a rinviare ai saggi contenuti in Salvemini 2006b.

17 Su questo tema in relazione alle realtà urbane si veda da ultimo Rodger – Rau 2020.

18 Boulton 1986; Lepetit 1988; Roncayolo 1997. Un altro esempio interessante è Nussdorfer 1997.

19 Nel contesto storiografico francese, nel 1994, Alain Cabantous segnalava l’eccessivo ricorso dei modernisti a un’analisi dello spazio urbano basata sulle suddivisioni amministrative trascurando la costruzione sociale dello stesso, Cabantous 1994.

20 Almeno Berengo 1999; Zeller 2012; Clark 2000.

21 Le principali riviste specializzate accolgono molti articoli che hanno affrontato o con studi di caso o con riflessioni metodologiche i problemi posti dall’analisi spaziale, in particolare Urban History, Histoire Urbaine, The Journal of Urban History. In Italia è stata innanzitutto Quaderni Storici a interrogarsi sulle dinamiche spaziali ma con una prevalente attenzione per le aree rurali. Sul rapporto, non sempre facile, tra storici delle realtà urbane e storici dell’architettura cfr. Olmo – Lepetit 1995.

22 Withers 2007; Romano – Van Damme 2008; Traversier 2008; Charle 2009; Novi Chavarria – Martin 2021.

23 Albrecht 2010; Rau 2014.

24 Boiteux – Caffiero – Marin 2010; Bocquet – De Pieri 2005. Sul rapporto cerimoniale con i luoghi urbani la bibliografia è considerevole, un utile punto di riferimento resta Visceglia 2002. Su come lo studio dei processi di negoziazione delle regole formali possa offrire prospettive interessanti per la storia della città includendone gli aspetti materiali, cfr. Olmo 1998.

25 Canepari – Vidoni 2016. Sul caso francese si veda anche Jambon 2017.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Diego Carnevale, Domenico Cecere et Élodie Oriol, « Introduzione »Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines, 135-1 | 2023, 129-135.

Référence électronique

Diego Carnevale, Domenico Cecere et Élodie Oriol, « Introduzione »Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En ligne], 135-1 | 2023, mis en ligne le 11 octobre 2023, consulté le 28 février 2024. URL : http://journals.openedition.org/mefrim/13088 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefrim.13088

Haut de page

Auteurs

Diego Carnevale

Università di Napoli Federico II – diego.carnevale@unina.it

Articles du même auteur

Domenico Cecere

Università di Napoli Federico II – domenico.cecere@unina.it

Élodie Oriol

Université Paris 8 Vincennes-Saint-Denis – elodie.oriol@univ-paris8.fr

Haut de page

Droits d’auteur

CC-BY-NC-ND-4.0

Le texte seul est utilisable sous licence CC BY-NC-ND 4.0. Les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search