Navigation – Plan du site
Propriété et politique : exil, séquestres, confiscations dans l'Italie du XIXe / Proprietà e politica : esilio sequestri e confische nel lungo Ottocento italiano
Case studies

Lotte politiche e patrimoni familiari. La sopravvivenza nella diaspora degli esuli meridionali

Renata De Lorenzo

Résumés

Nel Regno delle Due Sicilie esuli di varia appartenenza politica, volontari e non, e le loro famiglie elaborarono variegate strategie di sopravvivenza per affrontare le difficoltà della vita quotidiana, sia in patria che all’estero, anche grazie ad un inedito e qualificato protagonismo femminile. Essi si confrontarono con le scelte dei governi dei paesi ospitanti, che andavano dall’accoglienza a forme di xenofobia. La dimensione del politico mutò in rapporto ai nuovi orizzonti determinati da esperienze legate innanzitutto alla difficoltà di gestire la base tradizionale della sopravvivenza, cioè la proprietà ; acquistarono spessore invece i saperi esportabili ed utilizzabili al di fuori del territorio di origine. Viaggi, luoghi diversi, conoscenze e vari stimoli furono infatti aspetti compensativi di disagi psicologici e materiali che modificarono il rapporto esilio-patria.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Dalla Restaurazione le confische non furono più previste nel codice del Regno delle Due Sicilie, m (...)
  • 2 Todorov 1989.

1Confische e sequestri dei beni che accompagnano l’allontanamento volontario per sottrarsi alla repressione o prevenirla, la relegazione in un’isola o l’esilio1, sono occasione per conoscere e analizzare patrimoni individuali e familiari, collegare l’impegno agli aspetti economici, individuare le strategie di sopravvivenza del singolo e del gruppo di fronte ad un evento che costringe tutti a ridefinire il rapporto tra « noi e gli altri »2, sia a livello geografico che identitario. Attraverso questi canali si amplia la dimensione del politico, in quanto la svolta di vita impone la definizione di un nuovo orizzonte di senso. La contrapposizione tra l’antica e la nuova quotidianità rimodella i parametri noti e ne ricolloca le forme all’insegna di una violenza che è a suo modo dinamica. Viaggi, luoghi diversi, conoscenze, stimoli, sono aspetti compensativi di una sofferenza rilessa nel linguaggio supplichevole delle lettere a parenti, amici, autorità, ecc., dove rintracciare le parole chiave del rapporto esilio-patria.

Emigrazione, esilio, diaspora

  • 3 Rosental 1990, p. 1403-1431.
  • 4 Sheffer 2003.
  • 5 Bistarelli 2011, Isabella 2011 ; Isabella – Zanou 2016.

2Le storie individuali che costellano il processo risorgimentale sono percorsi che attengono alla vita materiale, strutturata tra rapporti con i luoghi di origine e radicamento nei luoghi di accoglienza. La definizione e l’autodefinizione dei protagonisti coinvolge le categorie delle migrazioni, da quelle « de rupture » o « de maintien » di Paul-André Rosental3, a quella della diaspora4, sottratta all’immediato riferimento al mondo ebraico della « diaspora senza Stato ». I processi di internazionalizzazione e la comunicazione al loro interno dopo l’allontanamento dal proprio paese5 evidenziano il peso del profilo socio-politico ed economico della migrazione volontaria o forzata di chi diviene esule ; si compatta la identità di gruppo, nonostante le diversificazioni ideologiche, e si pone in primo piano il rapporto con i paesi ospitanti. La repressione e la privazione dei beni, le difficoltà di sopravvivenza cementano gli oppositori ai regimi e gli aspiranti all’unità, arricchiscono l’idea e il ricordo della patria anche come momento di diversi agiatezza o godimento materiale, donde continue richieste di aiuti, grazie, amnistie ; il confronto con altri paesi ed altri migranti nella diaspora accentua le identità originarie, anche quando ci si inserisce in differenti contesti con gratificazioni economiche adeguate.

3Se emigrare significò rompere fisicamente con la patria e la famiglia, con la propria condizione d’origine e le corrispondenti forme di sociabilità, ciò comportò in aggiunta abbandonare la proprietà fondiaria, che è la base principale della ricchezza di molte famiglie di esuli meridionali, e cercare di proteggere i beni sequestrati con vendite fittizie, divisioni fra gli eredi di ciò che era ancora in comune con fratelli e altri componenti del nucleo familiare.

4La partecipazione, attraverso varie generazioni, ad eventi che determinarono l’azione repressiva del governo significò una erosione progressiva delle risorse, intervallata da momenti in cui era possibile ristrutturare o dare una diversa organizzazione al proprio patrimonio. Le spese in esilio erano molte per la pura sopravvivenza e spesso trovavano una puntualizzazione nei lasciti testamentari, utili a chiarire un quadro generale di ciò che era rimasto e di ciò che poteva essere ancora produttivo. I carteggi ne sono una importante testimonianza, benché frutto di una selezione legata alla consapevolezza del controllo della polizia sulla corrispondenza.

  • 6 Croce 1912, p. 43.

5Nel Regno di Napoli e nell’ottocentesco Regno delle Due Sicilie dalla fine del Settecento il fallimento di tentativi rivoluzionari aveva comportato emigrazioni ed esili in misura non indifferente, con conseguenti cessazioni di attività svolte nei luoghi di partenza, esodo di risorse, cambiamenti di status, dinamiche di politicizzazione. Confische e sequestri d’altra parte erano stati previsti anche dalla repubblica del 1799 con la legge del 9 pratile per le procedure abbreviative e per altre disposizioni contro gli emigrati, del 10 pratile sulle confische dei beni degl'insorgenti, da convertirsi per metà in premi ai soldati repubblicani ; Eleonora De Fonseca Pimentel ben individuava il carattere deviante di queste norme premiali che inducevano la truppa a vedere insorgenti dovunque6.

  • 7 Rao 1992. Petraccone 1989. Racconti storici 1881, p. 660.
  • 8 Racconti storici 1881, p. 630.
  • 9 Per ciò che concerneva i beni non solo dei patrioti superstiti, ma anche dei figli ed eredi delle (...)

6La fase settecentesca strutturò la condizione dell’esule, descritta nelle sue sofferenze morali e materiali da Gaetano Rodinò di Miglione come problema di sopravvivenza7 : ricordava infatti che Mario Pagano, pensando di andare esule in Francia dopo il 1799, aveva programmato di aprire in una città francese una pubblica accademia di scherma, dividendo il guadagno con altri patrioti, in quanto a Napoli esisteva una scuola molto apprezzata8. La pace di Firenze del 28 marzo 1801 tra Napoleone Bonaparte e il re di Napoli Ferdinando IV previde, nonostante qualche iniziale limitazione, il ritorno degli esuli della recente fallita rivoluzione e il reintegro nei beni9.

Controllare i sudditi sul territorio e nelle carceri

7L’attenzione che i governi ponevano al controllo della presenza dei sudditi sul territorio faceva in modo che si prendessero in esame le varie tipologie di allontanamento : esilio certamente, ma anche relegazione in un'altra località all’interno del regno, deportazione al di là del mare o in una zona di confine. L’allontanamento, sia imposto che volontario, come commutazione di pena, comportava la perdita di cittadinanza, il bando e la cessazione dei diritti civili, con conseguente morte civile.

  • 10 Chiavistelli 2015.

8Indipendentemente dalle problematiche politiche, differenti ambiti normativi, spesso sovrapponentisi, afferenti al « diritto civile (per la cittadinanza e i diritti conseguenti), al diritto internazionale (per i rapporti diplomatici tra diritti conseguenti) e al diritto commerciale (per la proprietà dei sudditi – e dei forestieri – all’interno dei vari Stati) »10, regolavano la condizione degli esuli.

9Il Codice pel Regno delle Due Sicilie del 1819 (Parte 1° Leggi civili, Cap. II, sez. I p. 238) era molto attento al controllo della presenza dei sudditi napoletani sul territorio. L’avvio di nuove attività in paesi ospitanti comportava la « privazione de’ diritti civili per la perdita della qualità di nazionale » per « la naturalizzazione acquistata in paese straniero », per « l’accettazione non autorizzata dal Governo di pubblici impieghi conferiti da un Governo straniero », « per qualunque stabilimento eretto in paese straniero con animo di non più ritornare ». Allontanava quindi la prospettiva di ritorno. Il Codice prevedeva tuttavia la possibilità comunque di recuperare tali diritti. Anche chi entrava nel servizio militare di un altro Stato o si aggregava ad una corporazione militare straniera perdeva la qualità di nazionale e al suo rientro nel regno doveva adempiere alle condizioni prescritte allo straniero per divenire cittadino, ma con le pene « stabilite dalle leggi criminali contro i nazionali i quali porteranno le armi contro la patria ». La sez. II si soffermava su « Della privazione de’diritti civili in conseguenza di condanne giudiziali », sulle condanne sia in contraddizione che in contumacia che comportavano ipso jure la privazione di quei diritti, nel primo caso dal giorno della loro esecuzione, nel secondo dopo cinque anni successivi alla loro pubblicazione, nel decorso dei quali il condannato poteva presentarsi, andando incontro ad una riarticolazione del procedimento (Sez. II, artt. 31-34).

10Il Tit. IV del Codice si occupava « Degli Assenti », che erano dichiarati tali dopo quattro anni in cui non se ne avevano notizie ; non si faceva riferimento a condanne politiche ma si evidenziava l’interesse del governo a controllare domicilio e residenza, nonché all’esistenza di un amministratore dei beni, alla cui individuazione avrebbe provveduto il tribunale civile a richiesta delle parti interessate, con conseguente formazione di inventari, conti, divisioni e liquidazioni da parte di un notaio. Ciò nell’ottica di badare agli interessi degli assenti, prevedendo anche la loro possibile ricomparsa.

  • 11 Temine 1991, p. 57- 71 ; Di Fiore 2013, p. 53-74 : Di Fiore – Meriggi 2013.

11Poiché molti, in previsione di condanne future, si allontanavano preventivamente e volontariamente dal regno, non è da escludere che fossero inseriti in tale categoria. Questa attenzione non aveva rapporto colla persecuzione e la vendetta politica, ma ne costituiva in qualche modo i presupposti11.

  • 12 Massari 1851 ; Blanch 1945. Le lettere subirono molte critiche dopo l’Unità, come ad esempio da pa (...)
  • 13 20.000 detenuti politici, di cui un centinaio di persone solo a Napoli con accusa capitale, senza (...)
  • 14 Massari 1851, p. 30.
  • 15 Massari 1851, p. 32.
  • 16 Massari 1851, p. 35, 41 ; Fiore 2013, p. 95-118.

12Il sequestro dei beni (le confische non furono quasi mai attuate) rimandava invece alla punizione degli oppositori e il tema ritornava frequentemente nei pamphlets denigratori della monarchia. Vi faceva riferimento non a caso lord Gladstone nelle sue famose lettere contestate da MacFarlane e pubblicate da Giuseppe Massari nel 185112. Scrivendo dei processi di stato del governo napoletano, si diffondeva sulla corruzione dei giudici, sulle illegittime procedure giudiziarie, sulle torture, sull’uso di spie e falsi testimoni per incriminare gli avversari, forniva numeri sulla immensa folla di gente chiusa nelle diverse carceri e mancante in ogni comune13. Gladstone, prescindendo dalle famiglie oggetto frequentemente dopo l'arresto di confisca o sequestro, illustrava il disagio di quelle dei prigionieri, in gran parte appartenenti al ceto medio o operaio, che già in condizioni normali avevano difficoltà di sopravvivenza. Dei 164 deputati del parlamento del 1848 (eletti da un corpo elettorale di 117 mila votanti), di cui 140 circa andarono a Napoli ad adempire i loro doveri nella Camera, l'assoluta maggioranza, cioè 76 persone, prescindendo da quelle destituite dai loro impieghi, erano a suo parere in carcere o in esilio14. Gli arresti sulla base di false testimonianze15, fino a migliaia di persone, individui tenuti in tremende prigioni, generavano una carcerazione preventiva che andava da 16 o 18 a 26 mesi, periodo di profonde sofferenze e di convivenza dei prigionieri politici con i camorristi16. Tuttavia « prigionieri politici hanno, mediante pagamento, il privilegio di stare in una camera separata …. ». Aspetto che allargava alla detenzione, prima che all’esilio, l’effetto della erosione dei patrimoni familiari.

  • 17 Per MacFarlane gli eventi del 1848 avevano richiesto giuste misure eccezionali, il numero dei dete (...)
  • 18 Parrella 2015, p. 157.
  • 19 Erano « i sospettati privi di diritti politici. Numeri che mostravano reti politiche formate da se (...)
  • 20 Parrella 2015, p. 159. Tale il caso di Giuseppe Ricciardi ; Petrusewicz 1999 ; Palamara 2007 ; Di (...)
  • 21 Parrella 2015, p. 161. Cfr. Schiavone 1963 ; Pulvirenti 2014.

13Anche se queste affermazioni, riprese da Gladstone nel 1852 con qualche ritrattazione, erano contestate da MacFarlane17, che ricordava la clemenza frequente del sovrano verso i prigionieri di stato pentiti [« ha richiamato quelli che eran fuggiti, temendo della legge, e che vivevano in esilio, e (molti di essi) in estrema povertà »], soprattutto negli anni cinquanta i frequenti provvedimenti di amnistia per i reati politici meno gravi, o di grazia, che consentivano di commutare la pena di morte in ergastolo o in lunghe detenzioni e il carcere nell’esilio, furono anche una reazione al clima denigratorio determinato dalle lettere del ministro inglese. Commissioni di scrutinio, create con risoluzione sovrana del 14 febbraio 1852 nelle province, accelerarono la conclusione di processi, la cui fase istruttoria era durata alcuni anni, anche se con l’« empara » la polizia poteva trattenere in carcere i detenuti liberati perché politicamente pericolosi18. Fortemente controllati erano anche gli attendibili, « un numero ancora da stimare, ma sicuramente superiore alle 20.000 unità »19, i sospettati privi di diritti politici, i parenti e le reti relazionali degli emigrati20, l’emigrazione napoletana a Malta e a Corfù21.

  • 22 Parrella 2015, p. 162.

14Ai familiari degli emigrati soggetti a misure di sequestro o confisca dei beni spettava una quota per la sussistenza, decisa dalla polizia, ma spesso insufficiente alle necessità : tali i casi di Marianna Pizzuti, moglie di Francesco Antonio Mazziotti, oppure della madre e dei fratelli di Vincenzo d’Errico, costretti a chiedere una nuova assegnazione sulle proprie rendite22.

« Non una moggia di terra, non una casa, non un granaio, non un frammento qualunque di proprietà è stato tocco »

15Con questa affermazione MacFarlane, nella replica alle lettere, contestava le denunce di Gladstone. Notava tuttavia Massari che essa non teneva presenti :

  • 23 Massari 1851, p. 209n.

... le sostanze degli ex-deputati barone Mazziotti, Tommaso Ortale, avvocato Mancini, barone Coppola, cavalier De Dominicis, Giuseppe Ricciardi, Ferdinando Petruccelli, marchese De Riso, d'Enrico e De Lieto ; de' proprietari Mosciaro, Cardente, Pisciscelli, Gonzali, Boccardi, Caputi, Scala, Dellago, Lioy, barone Lupinacci, cavalier Tiggiani, barone Stocco, dottore Orofino, principe della Rocca, e di tanti e tanti altri. Né usa il governo napolitano sequestrare i soli beni appartenenti agli individui perseguitati, ma ammiserisce ad un tratto intere famiglie quando i loro possedimenti sono in comune. Così a mo' d'esempio ha praticato col principe della Rocca e col cavalier Mancini, ora professore di dritto internazionale alla Università di Torino, ed invano le loro rispettabili madri hanno avanzato dimanda per una pensione alimentaria. Che più ? Co 'beni del d'Errico sono stati colpiti quelli de' suoi fratelli, e col Lioy si è dispogliata la moglie ed una sua cognata sol perchè questa abitava la stessa casa23.

  • 24 Poetessa e letterata molto impegnata sul fronte patriottico, figlia di un esule del 1821, era viss (...)
  • 25 s.a. 2007

16Nomi importanti figuravano in questo elenco, e famiglie, il cui patrimonio si era andato progressivamente depauperando di pari passo con l’impegno politico dei suoi membri. Pasquale Stanislao Mancini fu condannato a 25 anni di carcere in contumacia : il 27 aprile 1849 lasciò a Napoli la moglie, Laura Beatrice Oliva24 e cinque figli, con l’intenzione di recarsi in Francia, ma si fermò il 5 ottobre a Torino, città in cui ottenne l’autorizzazione all’esercizio dell’avvocatura, una cattedra di diritto pubblico esterno e internazionale nell’Università e collaborò col governo alla realizzazione di vari progetti di legge. L’attività professionale soprattutto lo rese avvocato di grande fama cui si attribuivano favolosi guadagni25.

  • 26 Fruci 2008.

17I Mazziotti, possidenti terrieri, commercianti di olio, grano, zolfo e carbone tra la Calabria e la Sicilia, negozianti e giureconsulti, nobili, erano stati protagonisti di tutti i movimenti di mobilitazione liberal patriottica e di lotta contro l’assolutismo borbonico nel Cilento dalla fine del Settecento. Giovanni Battista, Gherardo, Nicola, Pietro, furono, secondo le generazioni, titolari di cariche pubbliche nel 1799, nel Decennio francese, partecipi ai moti del 1820, imprigionati, deportati, esuli, condannati a morte. Francesco Antonio, barone di Celso, alla morte dei genitori fu affidato allo zio Matteo che gestiva il patrimonio familiare ; condannato a morte in contumacia dopo i moti del 1848, fu costretto all'esilio in Genova, dove lo raggiunse la moglie baronessa Marianna Pizzuti. Di salute cagionevole, fu colpita da un ordine di cattura della polizia borbonica dopo aver partorito in patria il figlio Matteo. In seguito a varie peripezie all’inizio di novembre del 1855 morì di colera, seguita a breve distanza dall’ultimo figlio, Nicola. Dopo l'unità d'Italia Francesco Antonio fu deputato. Nonostante le vicissitudini politiche e i danni economici causati dall'esilio, tra i cospicui beni di famiglia erano a Napoli il palazzo Mazziotti di Spaccanapoli, detto « a Trinità Maggiore », e la villa Mazziotti a Posillipo ; a Celso il palazzo di famiglia, con affreschi del pittore Matteo Cilento, nonché altre case palazziate, il palagio feudale, il palazzetto già di Leonino Vinciprova, dei nobili Verduzio, il palazzetto dei marchesi di Sessa (un ramo dei Verduzio), le case dei nobili Gaiola. Il Governo dell'Italia unita offrì al deputato Mazziotti un risarcimento, che egli rifiutò26.

  • 27 Verrastro – Ginetti 2015, p. 45.

18Il lucano Vincenzo D’Errico, costretto nel settembre 1849 alla latitanza perché era stato emesso contro di lui un mandato d’arresto per cospirazione antigovernativa, il 10 maggio 1850 fuggì da Palazzo San Gervasio a Marsiglia, dove per circa quattro mesi rimase ospite della famiglia del marchese Tupputi di Bisceglie, esule lì per motivi politici. Spostatosi a Parigi, viveva ritirato ; per leggere in originale i prediletti testi di storia economica27, prendeva lezioni di inglese dall’architetto napoletano Antonio Del Giorno che, nonostante le ristrettezze, cercò di aiutare economicamente.

19Il calabrese Tommaso Ortale, uno dei più esperti penalisti del foro di Cosenza, negli anni ’30 aderì alla setta I Figliuoli della Giovine Italia di Benedetto Musolino e nel 1841 militò nel primo comitato cospirativo locale di Reggio Calabria, nel 1843-44 e nel 1847 lavorò per far insorgere la provincia all’interno di un progetto più ampio di insurrezione della penisola insieme alla Sicilia.

  • 28 Mellone 2015, p. 563-564 ; Mellone 2013, p. 33-37 ; Pinto 2013, p. 57-84. Vedi anche Mellone 2017.
  • 29 Archivio di Stato di Napoli (ASNa), Dicastero dell’interno e polizia della Luogotenenza, b. 43, fa (...)
  • 30 Riferisce la Mellone (2015) che negli atti dei sequestri dei beni dei rivoluzionari i fascicoli pe (...)
  • 31 L’attività imprenditoriale dei Romeo fu comunque possibile per l’ampia disponibilità di rendite pa (...)
  • 32 Mellone 2015, p. 564.
  • 33 Mellone 2015, p. 565.

20Un’indagine recente di Viviana Mellone ricostruisce la fisionomia socio-patrimoniale di questo entourage settario prevalentemente borghese (21 persone su 25), molto vario « per condizione economica e professione svolta »28, comprendendo esponenti del ceto forense ed ecclesiastico, del mondo militare e del commercio ; 9 proprietari oscillarono, poi, « sulla base degli atti dei sequestri dei beni dei rivoluzionari risalenti al post 1848, dalle rendite minime di meno di 10 ducati annui dell’arciprete Domenico Angherà, a quelle dei fratelli Pasquale e Benedetto Musolino di circa 228 ducati annui29, fino ad arrivare al latifondista Giovanni Mosciaro, citato anche da Massari, le cui estese proprietà terriere ne fecero un personaggio influente nella comunità italo albanese dei casali di Cosenza. Otto dei 9 proprietari, inoltre, espletarono contemporaneamente altre attività o professioni : Domenico Angherà fu arciprete, Tommaso Ortale30 e Benedetto Musolino furono avvocati, Tommaso Cosentini si dedicò alla sperimentazione in campo agricolo, Giannandrea Romeo31 ottenne l’appalto dello sfruttamento delle cave di zolfo in Sicilia sino al 1840, mentre il fratello Domenico fu dapprima ispettore delle imprese addette allo sfruttamento dello zolfo siciliano e poi, dopo il 1844, ispettore generale dell’Amministrazione delle dogane presso l’impresa Benucci & Dupont che ottenne l’appalto della gestione32. 18 di questi 25 patrioti condividevano un passato politico rivoluzionario antiborbonico, proprio e familiare, a partire dalla fine del Settecento33. Erano uomini colti e con ampiezza di interessi.

21Nel gruppo confluirono personaggi appartenenti a fasce di ricchezza molto diverse, senza rapporto fra l’essere proprietari terrieri e la posizione politica a favore o meno di una possibile riforma agraria a beneficio dei contadini e dei nullatenenti. Ai fini della loro sopravvivenza in esilio, è da considerare che in alcuni casi ne venivano fortemente condizionate attività strettamente legate al territorio, dal quale alcuni si assentarono prima della condanna, avendola prevista.

La povertà e le carriere patriottiche. Forme di compensazione e reti di solidarietà

  • 34 Monsagrati 1990.
  • 35 Monsagrati 2004.

22I disagi dell’esilio aprivano lo spettro della povertà. Giuseppe Del Re (1806-1864), figlio di Francesco Paolo, esule del 1799, si rifugiò volontariamente a Torino dopo lo scioglimento del parlamento del 1848-4934, affrontando problemi economici e una iniziale difficoltà ad ambientarsi, ma successivamente si inserì nell’attività editoriale e giornalistica. Tra le famiglie agiate ridotte in miseria era quella del carbonaro, mazziniano, Giovanni La Cecilia (1801-1880), perseguitata e costretta alla gestione a distanza del proprio patrimonio, affidandolo ad altri ; il precoce e lungo esilio, in seguito ai moti del 1820 e alla partecipazione ad una congiura nel 1827, lo portò prima nell’accogliente Toscana, poi in Corsica e in Francia. In seguito all’adesione alla Giovane Italia nel 1831, la polizia borbonica tenne per più mesi in carcere il padre, ma anche all'estero per la sua militanza era costretto a continui trasferimenti da una città all'altra, fra difficoltà materiali, acuite dalle esigenze familiari, alle quali faceva fronte con mezzi di fortuna (lezioni di italiano, sussidi governativi) e con le sue pubblicazioni. Riuscì, anche grazie a influenti amicizie, ad avere la nomina in Corsica nel 1839 a ricercatore dell'École des chartes, con l’incarico di ispettore delle strade e, l'anno dopo, di rappresentante di una società svizzera che aveva ottenuto lo sfruttamento dei boschi per l'isola. Era tornato a Napoli nel 1848 ma, di nuovo allontanatosi all'inizio del 1849, ottenne nel 1852 l'autorizzazione a risiedere in Piemonte, impegnandosi notevolmente nella pubblicistica per portare la famiglia fuori da quella miseria che gli faceva stilare periodiche domande di sussidio o di impiego al governo e alle organizzazioni degli esuli. « Basti dire che nel 1855 la sua firma alla dichiarazione pubblica antimurattiana dei fuorusciti napoletani era stata preceduta dal tentativo di ottenere quattrini dalla legazione napoletana a Torino »35.

  • 36 Scriveva alla madre il 28 maggio 1853 di aver dovuto vendere i pochi brillanti rimastigli. Cfr. Ve (...)
  • 37 Verrastro e Ginetti 2015, p. 50.
  • 38 Verrastro – Ginetti 2015, p. 51.
  • 39 Bertrand – Brice – Montègre 2012 ; Brice – Aprile 2013 ; Brice 2017.

23I debitori dell’avvocato Vincenzo D’Errico profittarono del suo esilio per non pagare quanto dovuto in base a precedenti rapporti. La solida situazione patrimoniale era destinata a essere incrinata per il venir meno, prima in Francia e poi in Piemonte (dal 1852 al 1855, anno della morte), sia dei consistenti introiti legati alla professione forense36 che dei crediti pendenti. Tutto il suo patrimonio era stato, nel maggio 1851, messo sotto sequestro. Poiché esso era indiviso, ne veniva danneggiato il fratello minore, Giuseppe, detenuto a Potenza, che chiedeva all’intendente e al commissario di polizia la separazione dei beni della famiglia da quelli sottoposti al sequestro fiscale37. La sopravvivenza di Vincenzo, per sopperire ad una vita da isolato, senza relazioni, dipendeva alla fine da ciò che gli faceva pervenire la famiglia attraverso amici fidati. Spese e prestiti che talora era costretto a chiedere (ma che faceva anche), minuziosamente annotati, in Francia nel 1851 contribuivano al minimo indispensabile, per cui occorrevano non meno di 200 franchi mensili, cioè 50 ducati ; in caso di malattia diventavano il doppio38. Egli, pur malato, non domandò il sussidio che in Piemonte gli esuli potevano avere dall’apposito Comitato centrale per i soccorsi agli emigrati italiani, chiedendo la cittadinanza piemontese. Fidava solo su ciò che poteva inviargli la madre, fino alla morte a Torino il 1 ottobre 1855, circondato da amici, al centro di un rapporto « fraterno »39, che comprendeva Imbriani, Pisanelli, De Blasiis, De Sanctis, Mancini. Contavano a questo punto le reti di solidarietà.

24Aiutava gli altri esuli anche Casimiro De Lieto, già dopo il 1821 ramingo fra le capitali europee, gli Stati Uniti, le Antille. La decennale residenza a Londra, fino al 1833, ove strinse contatti con Mazzini e il partito Wigh, era stata possibile anche per le risorse derivanti dal matrimonio con Caterina Cavassa, figlia di un ricco commerciante genovese stabilitosi nel Decennio francese a Reggio Calabria ; durante l’esilio pre 1848 a Genova poté condurre una vita agiata curandosi dei suoi interessi commerciali, grazie ai parenti della moglie, e aiutare gli altri emigrati meridionali. Coinvolto nella rivolta di Reggio del settembre 1847, fu tra i maggiori rappresentati della borghesia commerciale cittadina, quasi tutta partecipe al moto costituzionale ; condannato a morte dalla Commissione militare, ottenne la modifica della pena nella carcerazione a Nisida e a Santo Stefano, per intervento diretto della moglie, che chiese la grazia al re Ferdinando II e, in seguito all’amnistia, fu liberato nel gennaio 1848. Eletto al parlamento, dopo il 15 maggio fuggì a Malta e poi tornò a Reggio per costituire un inefficace Comitato di salute pubblica, sì che prese la via dell’esilio per Messina e poi per Firenze e Genova, dove aiutò e accolse molti emigrati politici provenienti dal Mezzogiorno.

25Una delle attività frequenti per sopravvivere era dare lezioni di italiano, come faceva in Francia Benedetto Musolino, condannato a morte in contumacia dopo il 1848 ; a Torino insegnava in un istituto femminile privato dall’ottobre 1853 Francesco De Sanctis, prima di trasferirsi nel 1856 a Zurigo ad insegnare letteratura italiana nel Politecnico Federale. Antonio Scaloia, nominato consultore al catasto per interessamento di Cavour, diede lezioni nelle scuole tecniche S. Francesco di Paola e presso la Camera di Commercio ; nel 1859 fu nominato segretario generale al ministero delle Finanze. Mariano D’Ayala insegnò geografia e storia al Collegio Nazionale, si occupò di riordinare la biblioteca del duca di Genova dopo la sua scomparsa e pubblicò opere di storia militare. Giuseppe Massari fu invece collaboratore e poi direttore della Gazzetta Ufficiale. Bertrando Spaventa per mantenere a Torino moglie e due figlie ebbe un sussidio di una lira al giorno, aumentato a L. 1,50 nel 1857.

  • 40 Giordano 2016, p. 87.

26Il futuro era sempre incerto per cui, anche quando si avevano buone relazioni, era opportuno controllare le spese. Il siciliano Filippo Cordova, ben inserito nell’entourage cavouriano, rinunciava, da Torino, ad una villeggiatura sul Lago Maggiore, dove sarebbero andati i suoi amici napoletani Massari e Bonghi e dove avrebbe potuto conoscere Manzoni e Rosmini, perché « fra gita, ritorno e regali si sarebbe speso un onze sei o otto che un emigrato incerto del suo avvenire e sequestrato non deve mai spendere »40.

  • 41 Diaz 2014, cap. 6

27Competenze professionali, rete di rapporti, aspetti caratteriali, resero in taluni casi l’esilio un’opportunità per allargamento di orizzonti e di prospettive anche economiche. Il nomadismo transnazionale, per quanto spesso economicamente penalizzante, fu per alcuni una vera « carriera cosmopolita »41, che si poté spendere tornando in patria per la propria « carriera patriottica », in quanto titolo da utilizzare al momento opportuno nelle rivoluzioni o in altre occasioni.

  • 42 Demofonti 2008.

28Un percorso di inserimento particolare ebbe l’avvocato e giudice regio salentino Bonaventura Mazzarella, marito di Chiara Tarantini, appartenente ad una ricca famiglia della zona, di tradizioni liberali. Dopo i fatti del 15 maggio 1848, in segno di protesta, inviò una lettera di dimissioni al procuratore generale del re. Presidente del circolo patriottico provinciale di Terra d’Otranto, promosse una insurrezione fallita sul nascere e, per sottarsi alle persecuzioni e al mandato d’arresto nei suoi confronti, partì da Monopoli per Ancona, Roma, prendendo parte alla Repubblica romana. Nel successivo esilio a Corfù e ad Atene si guadagnò da vivere come insegnante di italiano per due anni, prima di riparare a Torino. Nel frattempo la Gran Corte criminale di Lecce lo condannava in contumacia alla pena di morte nel 1851 per cospirazione contro l’autorità del sovrano e nel 1852 fu dichiarato nemico pubblico. La sua sopravvivenza nell’esilio fu legata al ruolo di primo piano che ebbe negli ambienti valdesi soprattutto nella comunità di Genova, nello scisma della Chiesa valdese e nella successiva opera di evangelizzazione in varie città italiane42.

  • 43 « Né riuscirono a trovare sistemazione altri della stessa cerchia di amici, come il De Meis, ex re (...)

29Frutto di questo impegno, ma anche di un riconosciuto ruolo e prestigio internazionali, sono gli spazi occupati nell’Università, come nei casi di Pasquale Stanislao Mancini, prima e dopo il 1848, come docente di Diritto pubblico e poi di Diritto internazionale ; di Antonio Scaloja prima del 1848, professore di Economia politica a Torino, dove tornò come esule nel 1852, dopo alcuni anni di carcere ; del siciliano Vito D’Ondes Reggio, dal 1854 docente di Diritto costituzionale e Internazionale all’Università di Genova ; del calabrese Raffaele Piria, docente di Chimica a Torino ; del palermitano Stanislao Cannizzaro, docente di Chimica a Genova. Ma altri ancora ve ne erano che non furono utilizzati adeguatamente, nonostante le loro qualità e la loro preparazione. Spaventa fu costretto a vivere di « lavoro scarso e penoso » e Mariano D’Ayala, prima di ottenere l’incarico di direttore della biblioteca militare di Ferdinando di Savoia, « rimase nel silenzio, raccattando qualcosa coi suoi scritti politici e letterari e con fatiche gravissime, malamente retribuite »43.

Tanti e tanti altri : il piccolo esilio, l’atteggiamento dei governi, il ruolo delle donne

  • 44 In merito a Carlo Lauberg, ved. De Lorenzo 2001, p. 17.

30L’elenco della nota di Massari rimandava a personaggi di rilievo, ma anche a tanti e tanti altri, per i quali si pone egualmente l’esigenza di approfondire i contenuti culturali attraverso l’approccio biografico e prosopografico, le fasi generazionali, le vocazioni professionali, il ruolo dei sentimenti, della psicologia, se non della psichiatria44 e contemporaneamente di seguirli nei loro percorsi europei e internazionali. Anche per questi uomini i rapporti familiari e i momenti affettivi erano essenziali e, per la salvaguardia del patrimonio, tanto più contavano allorché la strategia di sopravvivenza riguardava fasce meno doviziose, riportabili ad un mondo di militari, professionisti, intellettuali e personalità spesso dimenticate, contadini, operai o senza mestiere o « figli di famiglia », che non avevano ancora ereditato.

  • 45 Furiozzi 1979 ; Montale 1982.
  • 46 Bacchin 2014, p. 55-66.
  • 47 De Fort 2008, p. 195. De Fort 2013, p. 143-160.
  • 48 Mondonico-Torri 2000, 47-4, p. 740.

31Reti diversificate e talora conflittuali vedevano i liberali moderati scegliere negli anni venti e trenta, oltre i paesi europei o extracontinentali, la Toscana, poi Torino, e i democratici preferire invece Genova45. Per molti queste destinazioni apparivano come una sorta di esilio interno, quasi un confine rispetto allo Stato di origine, sedi provvisorie e contingenti, mentre l’esilio all’estero aveva più la fisionomia dello sradicamento già percepito o possibile. Le metropoli europee accoglievano gruppi numerosi, sì che Londra era giudicata negativamente da D’Errico come un ricettacolo di mazziniani, qui attratti anche per le misure a favore degli esuli46. Il consistente numero di queste presenze nel Regno di Sardegna fu rilevato nei suoi risvolti congiunturali dalla stampa e dall’opinione pubblica, che denunciava la capillarità del fenomeno in tutti i settori dell’impiego statale47. L’inserimento occupazionale trasformava l’esule, oggetto di commiserazione e di sopportazione, nel rifugiato, rapportabile ad una dimensione amministrativa e ad una categoria socio-giuridica, riflessa in Francia dalla legge del 21 aprile 1832 sugli « étrangers réfugiés »48.

  • 49 Nada 1993, p. 49, De Fort 2008.
  • 50 De Fort 2008, p. 219.
  • 51 Per coloro che erano sussidiati dal governo piemontese cfr. Bacchin 2014.
  • 52 Scaramuzza 2010.

32Nel Piemonte dopo il 1848-1849 una gran quantità di persone, il cui numero è di difficile quantificazione per vari motivi49, non trovarono un impiego e non furono in grado di reggersi da soli. Le molte iniziative editoriali in cui furono coinvolti personaggi come Francesco Trinchera, Mariano D’Ayala, Enrico Poerio, La Cecilia, e tanti altri, erano spesso intraprese per dare soccorso agli esuli bisognosi, che talora non furono esenti da comportamenti poco corretti50. Con la creazione a Torino del Comitato centrale per i soccorsi agli emigrati italiani (1849-1859), vicepresidente l’abate lombardo Carlo Cameroni, fu redatto un questionario su sequestri e beni di tutti di emigrati. E Cameroni usava i fondi destinati agli esuli anche con una certa disinvoltura51. A Genova provvide l’iniziativa privata organizzando recite teatrali, balli, lotterie e simili, il cui ricavato andava in beneficenza. Grande aiuto venne anche dai fratelli Ansaldo, siciliani emigrati, già proprietari in Sicilia di una fabbrica meccanica e metallurgica, che in Liguria ne impiantarono una simile. Non mancavano iniziative organizzate dai gruppi amicali o da donne come la J. White Mario52, aspetto del capitale sociale delle relazioni (dell’educazione delle figlie di Pisacane si occuparono ad esempio gli amici) che integrava le sovvenzioni degli Stati ospitanti.

  • 53 Mondonico 1995.
  • 54 Leblay 2013.

33In tali dinamiche acquistavano rilievo i rapporti tra le varie nazionalità di esuli, nel loro incrociarsi di esperienze, aspirazioni, modi di sopravvivenza : in Francia53infatti coesistevono Afrancesados o « Joséphins » dalla Spagna post napoleonica, liberali da tutta la penisola iberica, patrioti italiani, polacchi della « Grande émigration » post-1831, legittimisti spagnoli della prima guerra carlista (1833-1940), e così via54. Numeri anche questi di difficile quantificazione. Dall’atteggiamento dei governi ospitanti, oscillante tra interesse a disperdere i gruppi dei rifugiati per garantire l’ordine pubblico e tendenza a tenerli aggregati per meglio sorvegliarli ed emarginarli, dipendevano sia l’intervento diretto a loro favore (pur con atteggiamenti diversi secondo le nazionalità), sia la sociabilità che ne garantiva in molti casi la sopravvivenza. Essa aggregava non solo esuli politici, rifugiati, infelici, ma anche viaggiatori e studenti, protagonisti di varie forme di asilo e quindi oggetto di diversi tipi di rapporti con i governi. Governi e popolazioni (in Europa, Francia, Inghilterra, Svizzera, Belgio, ma anche Africa del Nord, isole mediterranee, Americhe) non solo accoglievano, ma espellevano o sviluppavano in alcune fasi atteggiamenti xenofobi.

  • 55 Cfr. Aprile 2010 per l’inserimento dei rifugiati francesi nei paesi d’accoglienza.

34Ciò dipendeva dalla scelta ideologica dei migranti che partivano con l’idea di tornare : approfittavano delle amnistie, come gli esuli meridionali post 1821, prevalentemente diretti verso la Spagna, a differenza dei polacchi della grande emigrazione del 1831 in Francia, che fecero scarso uso dell’amnistia del 1856 da parte della Russia. Il rapporto con la popolazione locale, che rifletteva l’atteggiamento dei governi, trovava canali di interazione attraverso i matrimoni (per i quali occorreva spesso avere i documenti dal paese d’origine) e il radicamento dei figli : la domanda di naturalizzazione dipendeva dal nuovo ubi consistam che ci si era saputo tagliare e dall’evoluzione della politica del paese d’origine, disponibile o meno ad amnistie e grazie. La quotidianità dell’esilio era comunque fatta di domande alle famiglie in patria di aiuto finanziario ma anche di documenti per confermare la propria identità, ottenere notizie necessarie, da quelli dello stato civile (nascita, condizione di celibe, atto di matrimonio, ecc.) alle attestazioni del disagio per aver diritto a richiedere aiuti governativi. Non mancavano richieste di buona reputazione nel mondo stesso dei rifugiati, spesso formato invece da avversari politici55. Se si aveva la possibilità di far riconoscere titoli di studio o professionali si poteva aspirare a partecipare ad un concorso nell’amministrazione pubblica. Difficoltà ma anche opportunità. Inserirsi nel mercato del lavoro di un paese straniero significava spesso, più che avere, inventarsi competenze, e quindi adattarsi con un declassamento mortificante che incideva anche sull’indebolimento dei legami di solidarietà. Chi invece riusciva a fare carriera, talora brillantemente, soprattutto in alcuni rami dell’amministrazione, tendeva alla naturalizzazione.

35Il ruolo delle donne in queste vicende maschili si articolava diversamente se restavano in patria o se seguivano i mariti. Corrispondenze femminili con i patrioti sia durante la prigionia che in esilio fanno riferimento, più che quelle degli uomini, a problemi quotidiani. Il sistema carcerario prevedeva che il detenuto fosse rifornito del minimo indispensabile per vivere, ma la detenzione, per essere tollerabile, aveva bisogno di integrazioni, sia in oggetti che in danaro. Le donne, riunite nel Comitato femminile, cercarono di procurare abiti, caffettiere, lampade, libri, carta per scrivere, penne, cibo, ecc. Molti altri generi, come i medicinali, erano forniti dai carcerieri dietro lauto compenso. Danaro quindi che circolava nelle prigioni, che serviva per pagare qualsiasi servizio e corrompere le guardie o averne favori.

  • 56 Guidi 2015.
  • 57 Guidi 2000.
  • 58 Carlo Poerio a M.a Teresa Poerio, 16.5.1859, s.l. ASNa, Fondo Poerio Pironti (FPP), B4.I.1 n. 23, (...)
  • 59 Michele Pironti a Margherita Pironti, 8.10.1855, Montesarchio, ASNa, FPP-III-B.7, I5, n. 27, citat (...)

36Amministratrici dei beni sequestrati, esse usavano le norme che permettevano loro di prendere in custodia i patrimoni sotto sequestro, potevano inoltre ascrivere parte dei beni alla loro quota dotale o ereditaria56. Carlo Poerio riconosceva doti « virili »57 alla zia Antonia e alla cugina Nina, futura moglie di Giovanni Nicotera, attiva nel sostenere sia il compagno che altri condannati politici58. Michele Pironti incoraggiava la sorella a interessarsi del patrimonio di famiglia e a gestirlo59. Maria Rachele Conversandi, madre di Vincenzo D’Errico, nella fitta corrispondenza con il figlio faceva frequenti riferimenti ai beni sequestrati nel maggio del 1851 e nel maggio 1853 era costretta a vendere i gioielli, come fece anche Elisabetta Ricciardi.

37Giuseppe Ricciardi60, repubblicano, anticlericale, in esilio per più di vent’anni, dal 1836 al 1860, tra la Svizzera e la Francia, nominò la sorella Elisabetta, filoborbonica e fervente cattolica, con la quale scambiava lettere tra il 1848 e il 1859, procuratrice legale e amministratrice dei beni di famiglia. Ed Elisabetta era abile, anche se il fratello le rimproverava un’eccessiva autonomia61. La donna decise anche le strategie più opportune nei confronti del governo per ottenere, una volta che i beni furono posti sotto sequestro nell’aprile del ’50, almeno un sussidio per la cognata e le nipoti ; fu lei ad amministrare la rendita di 3.600 ducati annui, di cui Giuseppe avrebbe dovuto, in base al testamento del padre Francesco, ricevere dal fratello Giulio (fedele suddito borbonico e poco preciso nei versamenti) un terzo mensilmente e gli altri due terzi in rate semestrali. Giulio aveva difficoltà economiche, ma per Giuseppe la rendita era una delle poche entrate. Dall’esilio chiedeva ad Elisabetta di investire il denaro proveniente dalla rendita vitalizia in azioni della strada ferrata, ma ella preferì la rendita iscritta nel « Gran libro ». Dopo il sequestro dei beni i due dissentirono sulle modalità di intervenire : incontrando direttamente il re, cui rivolse una richiesta di grazia, tramite una supplica, ella ottenne non il dissequestro, ma lo svincolo di 1000 ducati, somma di denaro comunque sostanziosa. Tra il 1853 e il 1854 tuttavia Giuseppe contrasse 4000 franchi di debiti e fu costretto ad impegnare la collana d’oro regalatagli dal padre, a vendere le posate d’argento e a porre un’ipoteca sui suoi beni posti sotto sequestro.

  • 62 Russo 2015-2016, p. 136-137.

38Carlotta Poerio, allorché al marito Paolo Emilio Imbriani furono confiscati i beni, vendette i gioielli, mentre la sorella Rosa Imbriani si interessava di riscuotere le somme derivati da proprietà dislocate in vari luoghi dell’Italia meridionale. I beni di Michele Pironti erano amministrati dalle sorelle Margherita e Arianna, data la noncuranza dei fratelli Luigi e Alfonso ; perciò egli delegava loro, alla fine, in particolare alla primogenita Margherita, la cura e la ripresa del patrimonio familiare, rendita cospicua, che in parte avrebbero potuto anche utilizzare per se stesse. I consigli che aggiungeva, relativi all’uso del suolo in base alla richiesta del mercato (dal vino al gelso), con previsioni della eventuale rendita, indicavano una già esistente condivisione di problemi economici con le donne di famiglia. Zelo femminile, rispetto alla lentezza dei fratelli nello spedire anche solo il solito mensile, necessario soprattutto per l’acquisto delle medicine62.

  • 63 Guidi 2007, p. 183-224. Per un riferimento ad altre realtà nazionali cfr. Jianu 2011.

39Le donne che seguirono gli uomini nell’esilio agirono diversamente63. Gestirono nell’azione di coppia un ruolo tradizionale, ma più complesso. Erano esse a indirizzare il ménage familiare, raramente lavorando, assistendo i mariti e i figli, gestendo sia la solidarietà di altri esuli che quella quotidiana, materiale e affettiva. Gli spazi domestici acquistavano una valenza patriottica diversa rispetto a quelli degli uomini, impegnati nelle loro attività, abituati a vivere all’esterno i luoghi della politica (la strada, le prigioni, i caffè...). Anche questo impegno femminile non è facile da ricostruire perché spesso erano esse stesse nelle autobiografie o nelle narrazioni a nascondersi dietro la personalità del marito, sminuendo il proprio ruolo politico.

40Questo protagonismo, sia come compagne che seguirono l’espatriato sia come donne rimaste nel regno, le portava a allargare il campo delle attività e a coprire ruoli inediti. Alcune accolsero altri rifugiati e organizzarono riunioni nei loro salotti, anche quando non versavano in situazioni floride, ampliando semplicemente le usuali attività e solidarietà familiari, in maniera che anche le ordinarie incombenze organizzative domestiche facessero parte di strategie e modalità patriottiche. Esse condividevano l’esilio dei maschi, raramente con un coinvolgimento politico personale evidente. Una militanza quindi conciliabile col ruolo domestico, solo relativamente ancillare e quindi forma di politicizzazione.

I Poerio : dalla migrazione al culto patriottico

  • 64 De Lorenzo 2015 ; De Lorenzo 2013, ad indicem.

41Tra le famiglie simbolo che praticano l’esilio con continuità verticale e orizzontale è quella dei Poerio, che poteva contare sia su un patrimonio iniziale consistente, alimentato da guadagni di diversa origine, sia su una eccezionale rete di solidarietà internazionali, non solo nell’ottica delle prospettive politiche del liberalismo, ma anche in quella della vita materiale. La sua originaria stabilità finanziaria era legata a beni immobili in Calabria e alla tradizione familiare nella professione di avvocato, esercitata da Giuseppe64, nella seconda Restaurazione migrato spontaneamente a Parigi, a Ginevra (ove ricevette la notizia di essere stato condannato a tale pena) e a Firenze, dove poté esercitare l’attività forense e provvedere tra il 1816 e il 1818 ad una adeguata educazione per i figli Carlo e Alessandro. Un nuovo esilio, essendo tornato a Napoli nel 1819, si verificò alla fine del nonimestre costituzionale 1820-21, verso Trieste, Gratz, Vienna, e, nell’ottobre del 1823, nel Granducato di Toscana, mantenendo una frequentazione « alta », e quindi costosa, di ambienti letterari e politici. Espulso nel 1830 per aver partecipato ad un piano teso a persuadere il Granduca a introdurre un regime costituzionale, si recò in Francia col figlio Alessandro. Tornato nel 1833, dopo 13 anni di lontananza, a Napoli, riprese ad esercitare l'avvocatura fino alla morte. Complessivamente quindi circa 19 anni di esilio su circa 68 anni di vita, in qualche caso preceduto da arresto.

  • 65 Tornato a Catanzaro con la madre e la sorella nel 1828, esercitò la professione di avvocato, conti (...)

42Carlo visse 13 anni di esilio « indiretto », 10 di carcere, e circa altri due di esilio prima di tornare a Napoli nel 186065. La fama europea fece dell’uomo il simbolo del mondo liberale perseguitato.

43Le spese erano in linea con le esigenze e le vocazioni intellettuali. Nella Restaurazione Alessandro faceva riferimento prevalentemente all’acquisto di libri, spesso sequestrati alla frontiera, o al pagamento di lezioni di lingua, impegnato com’era a perfezionare, con un soggiorno di studio in Germania (1823-1826) e con viaggi in varie città europee e italiane, la sua educazione letteraria.

44Al di là dei comuni problemi di sopravvivenza, le dinamiche patrimoniali dei Poerio e di altri esuli trovarono nell'occupazione delle terre nel 1848 una precisazione in merito al rapporto proprietà, profili socio politici ed esilio. Dopo la concessione della Costituzione in gennaio e l’inizio della guerra in marzo, con la situazione interna esasperata dalla insurrezione in Sicilia e nelle province, per i liberali si poneva il dilemma tra impegno e tutela dei propri interessi. La prevalenza di esponenti della borghesia, comprendente clero e funzionari pubblici, legava il loro status alla redditività di attività economiche, prevalentemente agricole, bloccate o rallentate dalla crisi del momento. Danneggiati dalla rivoluzione nelle province, dove le masse contadine interpretarono la nuova libertà come diritto di appropriarsi delle terre dei padroni, si trovarono di fronte al dilemma di fomentare l’insurrezione popolare contro la reazione monarchica, o tutelare i propri interessi. Per tale motivo molti liberali divennero fautori della reazione.

  • 66 Alessandro Poerio a Venezia, lettere e documenti del 1848 editi da V. Imbriani, Napoli, 1881, p. 1 (...)

45Carlo Poerio rilevava che i suoi coloni in Calabria non pagavano, la guardia nazionale si impadroniva della Sila e la divideva fra i suoi abitanti. La madre Carolina Sossisergio scriveva ad Alessandro : « Le nuove di Calabria sono tristi per i proprietari ; tanto più che i nostri cari Calabresi hanno interpretata la Costituzione per comunismo e hanno invaso le terre dei proprietari. Per molti hanno avuto ragione, perché erano terre prese dai patrizi su le comuni. Ma per noi, non abbiamo nulla di nessuno : e speriamo che presto si ritorni all’ordine »66. Nel Cilento, in Calabria, e un po’ in tutte le province, le masse, in nome del principio liberale, invasero e spartirono i territori, oppure si schierarono col regime assoluto. Al carcere, all’esilio, si aggiungeva quindi per i Poerio la difficoltà della gestione della proprietà, che riportava la quotidianità alla dimensione sociale dei culti patriottici.

46Anche sequestri e confische appartenevano alle dinamiche di questi profili socio-politici. Le modalità punitive, focalizzandosi sugli immobili, rimandavano alle radici dei gruppi che avevano usato le leggi eversive del Decennio francese per darsi nuove e ampliate basi. La « massa » ottocentesca degli esuli, volontari e non, nel Mezzogiorno poteva usare l’arsenale simbolico delle sofferenze legate alla privazione dei beni da un lato come una sorta di democratizzazione, basata su un appiattimento di status ; dall’altro, sfruttando rapporti amicali e di « fratellanza », imparava a basarsi sul capitale sociale dei saperi, che avevano il vantaggio di poter essere condivisi, messi a disposizione di altri esuli e dei paesi ospitanti. Questa politicizzazione del privato e del quotidiano li sottraeva in parte all’accusa di municipalismo, che aveva caratterizzato il loro impegno in patria.

Haut de page

Bibliographie

Alessandro Poerio 1881 = Alessandro Poerio a Venezia, lettere e documenti del 1848 editi da V. Imbriani, Napoli, 1881, p. 107, 134.

Aprile 2010 = S. Aprile, Le siècle des exilés, Bannis et proscrits de 1789 à la Commune, Parigi, 2010, p. 127.

Bacchin 2014 = E. Bacchin, Italofilia. Opinione pubblica britannica e Risorgimento italiano (1847-1860), Roma, 2014.

Bartoccini 1959 = F. Bartoccini, Il murattismo. Speranze, timori e contrasti nella lotta per l'unità italiana, Torino, 1959.

Bertrand – Brice – Montègre 2012 = G. Bertrand, C. Brice, G. Montègre (a cura di), Fraternité. Pour une histoire du concept, Grenoble, 2012.

Bistarelli 2011 = A. Bistarelli, Gli esuli del Risorgimento, Bologna, 2011.

Blanch 1945 = L. Blanch, Gladstone e il regno di Napoli, in Idem, Scritti storici, a cura di B. Croce, Bari, 1945.

Brice – Aprile 2013 = C. Brice, S. Aprile, Exil et fraternité en Europe au XIXe siècle, Pompignac, 2013.

Brice 2014 = C. Brice, Confiscations et séquestres des biens des exilés politiques dans les États italiens au xixe siècle. Questions sur une pratique et projets de recherches, dans Diasporas. Circulations, migrations, histoire, 23-24, 2014, p. 147-163.

Brice 2017 = C. Brice (a cura di), La fraternité en actions : frères de sang, frères d'armes, frères ennemis en Italie (1824-1924), Roma, 2017.

Cantù 1877 = C. Cantù, Della indipendenza d'Italia. Cronistoria, III, Torino, 1877.

Chiavistelli 2015 = A. Chiavistelli, Tra politica e diritto. Sequestri e confische contro l’emigrazione politica nella penisola di primo Ottocento. Note, testo presentato al seminario di Pavia del 29 maggio 2015.

Cingari 2001 = G. Cingari, Domenico Mauro : democrazia e romanticismo nel Mezzogiorno, Lungro di Cosenza, 2001, p. 12.

Croce 1912 = B. Croce, La rivoluzione napoletana del 1799. Biografie, racconti, ricerche, terza edizione aumentata, Bari, 1912.

De Fort 2008 = E. De Fort, Immigrazione politica e clima culturale a metà Ottocento nel Regno di Sardegna, in L. Lo Basso (a cura di), Politica e cultura nel Risorgimento italiano, e la fondazione della Società Ligure di Storia Patria, Atti del convegno, Genova, 4-6 febbraio 2008, Genova, 2008, p. 195.

De Fort 2013 = E. De Fort, Une fraternité difficile. Exil et associationnisme dans le royaume de Sardaigne après 1848, dans Brice – Aprile 2013, p. 143-160.

De Lorenzo 2001 = R. De Lorenzo, Un regno in bilico. Uomini, eventi e luoghi nel Mezzogiorno preunitario, Roma, 2001, p. 17.

De Lorenzo 2013a = R. De Lorenzo, Carlo Poerio, in DBI, 84, 2015.

De Lorenzo 2013b = R. De Lorenzo, Borbonia felix. Il Regno delle Due Sicilie alla vigilia del crollo, Roma, 2013.

De Lorenzo 2015 = R. De Lorenzo, Frontiere e confini. la ridefinizione amministrativa del territorio nel Regno delle Due Sicilie come cross-cultural change, in L. Blanco (a cura di), Ai confini dell’Unità d’Italia. Territorio, amministrazione, opinione pubblica, Trento, 2015, p. 227-244

Delpu 2017 = P.M. Delpu, Politisation et monde libéral en Italie méridionale. Le malgoverno et ses opposants: acteurs et pratiques dans le royaume de Naples, testi dottorato Université Paris I Panthéon – Sorbonne e Universoità di Napoli Federico II.

Demofonti 2008 = L. Demofonti, voce Bonaventura Mazzarella, in DBI, 72, 2008.

Diaz 2014 = D. Diaz, Un asile pour tous les peuples ? Exilés et réfugiés étrangers en France au cours du premier XIXe siècle, Parigi, 2014.

Di Fiore 2013 = L. Di Fiore, Documentare il dissenso. Sistema identificativo e controllo politico (1815-1860), in Meridiana, 78, 2013, p. 53-74.

Di Fiore – Meriggi 2013 = L. Di Fiore, M. Meriggi (a cura di), Movimenti e confini. Spazi mobili nell’Italia preunitaria, Roma, 2013.

Di Mauro 2016 = L. Di Mauro, Giuseppe Ricciardi, in DBI, 2016.

Fiore 2013 = A. Fiore, La politicizzazione della camorra. Le fonti di polizia a Napoli (1848-1860), in Meridiana, 78, 2013, p. 95-118.

Fruci 2008 = G.L. Fruci, Matteo Mazziotti, in DBI, 72, 2008.

Furiozzi 1979 = G.B. Furiozzi, L’emigrazione politica in Piemonte nel decennio preunitario, Firenze, 1979.

Giordano 2016 = F.P. Giordano, Filippo Cordova. L’esule, l’avvocato, il diplomatico del Grande Oriente, prefazione di Lina Scalisi, Ariccia-Roma, 2016.

Guarna 2013 = V. Guarna, Laura Beatrice Oliva Mancini, in DBI, vol. 79, 2013.

Guidi 2000 = L. Guidi, Patriottismo femminile e travestimenti sulla scena risorgimentale, in Studi Storici, 2, 2000, p. 571-587.

Guidi 2007 = L. Guidi, Donne e uomini del Sud sulle vie dell’esilio, 1848-1860, in Storia d’Italia, Annale 22, Il Risorgimento, Torino, 2007, p. 183-224.

Guidi 2015 = L. Guidi, I patrimoni degli emigrati politici e le pratiche repressive dei Borboni. 1848-1860, in questo volume, p. 287-297.

Isabella 2009 = M. Isabella, Risorgimento in esilio. L’internazionale liberale e l’età delle rivoluzioni, Roma-Bari, 2011 (ed. or. ing. 2009).

Isabella – Zanou 2016 = M. Isabella, K. Zanou (a cura di), Mediterranean diasporas. politics and ideas in the Long 19th century, Londra et al., 2016.

Jianu 2011 = A. Jianu, A circle of friends : Romanian revolutionaries and political exile, 1840-1859, Leida, 2011.

Leblay 2013 = A. Leblay, Les réfugiés ibériques libéraux à Paris au temps des monarchies constitutionnelles, testi di dottorato, École des hautes études en sciences sociales, 2013.

Massari 1849 = G. Massari, I casi di Napoli dal 29 gennaio 1849 in poi, Torino, 1849.

Massari 1851 = G. Massari, Il Signor Gladstone ed il Governo napolitano raccolta di scritti intorno alla questione napolitana, Torino, 1851.

Mellone 2013 = V. Mellone, La rivoluzione napoletana del 1848. Fonti e metodi per lo studio della partecipazione politica, in C. Pinto (a cura di), Unificazione e Mezzogiorno, Meridiana, 78, 3, 2013, p. 33-37.

Mellone 2015 = V. Mellone, Verso la rivoluzione. Identità politiche, appartenenze sociali e culturali del gruppo radicale calabrese (1830-1847), in Mediterranea, 35, 2015, p. 563-564.

Mondonico 1995 = C. Mondonico, L’asile sous la Monarchie de Juillet. Les réfugiés étrangers en France de 1830 à 1848, testi di dottorato, EHESS, 1995.

Mondonico-Torri 2000 = C. Mondonico-Torri, Les réfugiés en France sous la Monarchie de juillet : l'impossible statut, in Revue d’histoire moderne et contemporaine, 47-4, 2000, p. 731-745.

Monsagrati 1990 = G. Monsagrati, Giuseppe Del Re, in DBI, 38, 1990.

Monsagrati 2004 = G. Monsagrati, Giovanni La Cecilia, in DBI, 63, 2004.

Montale 1982 = B. Montale, L’emigrazione politica in Genova ed in Liguria (1849-1859), Savona, 1982.

Nada 1993 = N. Nada, Gli emigrati meridionali a Torino nel « decennio di preparazione, in Bollettino storico-bibliografico subalpino, a. XCI, 1993, p. 47-69.

Palamara 2007 = G. Palamara, Pensiero e azione di un democratico meridionale, Giuseppe Ricciardi e l’unità nazionale (1806-1882), Napoli, 2007.

Parrella 2015 = R. Parrella, Polizia e opposizione politica (1850-1860), relazione al seminario Guerra, violenza e mobilitazione politica nel Mezzogiorno risorgimentale (1820-1870), Università di Salerno, 26-28 gennaio 2015, p. 157.

Petraccone 1989 = C. Petraccone, Napoli nel 1799 : rivoluzione e proprietà. Una ricerca su borghesia e nobiltà nel Mezzogiorno d’Italia, Napoli, 1989.

Petrusewicz 1999 = M. Petrusewicz, Giuseppe Ricciardi, ribelle, romantico europeo, in Archivio Storico per le Province Napoletane, a. CXVIII, Napoli, 1999, p. 235-261.

Poerio 1912 = Carlo Poerio e Sigismondo Castromediano, lettere inedite, in Nuova Antologia, 16 gennaio 1912, p. 320-323.

Pinto 2013 = C. Pinto, Tempo di guerra. Conflitti, patriottismi e tradizioni politiche nel Mezzogiorno d’Italia (1859-66), in Meridiana, 76, n. 1, 2013, p. 57-84.

Pulvirenti 2014 = M. Pulvirenti, La rivoluzione immaginata. Gli esuli a Malta e l’iniziativa meridionale per il Risorgimento italiano, in Crolli borbonici, Meridiana, 81, 2014, p. 169-188.

Rao 1992 = A.M. Rao, Esuli. L’emigrazione politica in Francia 1792-1802, Napoli, 1992.

Ricciardi 1857 = G. Ricciardi, Memorie autografe di un ribelle, Milano, 1873, (I edizione Parigi, 1857).

Racconti storici 1881 = Racconti storici di Gaetano Rodinò ad Aristide suo figlio, a cura di B. Maresca, in Archivio storico per le province napoletane, VI, 1881, p. 660.

Rosental 1990 = P.-A. Rosental, Maintien/rupture : un nouveau couple pour l'analyse des migrations, in Annales ESC, juillet-septembre 1990, p. 1403-1431.

Rossi 1999 = L. Rossi, La repressione borbonica, i patrioti e l’Europa, in G. Ruggiero (a cura di), Il Quarantotto. Uomini, idee, fatti di una Rivoluzione, Salerno, 1999, p. 71-124.

Russo 2006 = A. Russo, « Nel desiderio delle tue care nuove ». Scritture private e relazioni di genere nell’Ottocento risorgimentale, tesi di dottorato in Studi di genere XVII ciclo, 2001-2004, Università di Napoli Federico II, poi A. Russo, « Nel desiderio delle tue care nuove ». Scritture private e relazioni di genere nell’Ottocento risorgimentale, Milano, 2006.

Russo 2015 = G. Russo, Relazioni di genere e patriottismo femminile. Corrispondenze del fondo Poerio-Pironti, tesi di laurea, a.a. 2015/2016, Università di Napoli Federico II.

Scaramuzza 2010 = E. Scaramuzza (a cura di), Politica e amicizia. Relazioni, conflitti e differenze di genere (1860-1915), Milano, 2010.

s.a. 2007 = Pasquale Stanislao Mancini, in DBI, 68, 2007.

Schiavone 1963 = L. Schiavone, Esuli italiani a Malta durante il Risorgimento, Malta, 1963.

Scirocco 1986 = A. Scirocco, Il Regno delle Due Sicilie, in Amministrazione della giustizia e poteri di polizia dagli Stati preunitari alla caduta della Destra, Roma, 1986.

Sheffer 2003 = G. Sheffer, Diaspora politics. At home abroad, New York, 2003.

Témine 1991 = É. Temine, Émigration politique et émigration économique, in B. Groppo (a cura di), L’émigration politique en Europe aux XIXe et XXe siècles, Rome, 1991, p. 57-71.

Todorov 1989 = T. Todorov, Nous et les autres. La réflexion française sur la diversité humaine, Parigi, 1989.

Verrastro – Ginetti – D’Errico 2015 = V. Verrastro, M. Ginetti, V. D’Errico (a cura di), Il carteggio dell’esilio (1850-1855), vol. I, Roma, 2015.

Zanou 2017 = I. e K. Zanou, Transnational patriotism in the Mediterranean, 1800-1830, stammering the nation, Oxford, 2017 (in corso di stampa).

Haut de page

Notes

1 Dalla Restaurazione le confische non furono più previste nel codice del Regno delle Due Sicilie, ma in realtà furono effettuate. Brice, 2014, 23-24, p. 147-163, cui si rimanda per il profilo giuridico del tema.

2 Todorov 1989.

3 Rosental 1990, p. 1403-1431.

4 Sheffer 2003.

5 Bistarelli 2011, Isabella 2011 ; Isabella – Zanou 2016.

6 Croce 1912, p. 43.

7 Rao 1992. Petraccone 1989. Racconti storici 1881, p. 660.

8 Racconti storici 1881, p. 630.

9 Per ciò che concerneva i beni non solo dei patrioti superstiti, ma anche dei figli ed eredi delle vittime della reazione, la corte di Napoli non diede pronta attuazione alle norme, probabilmente per godersi per qualche tempo ancora i proventi dei beni confiscati. Croce 1912, p. 373-376.

10 Chiavistelli 2015.

11 Temine 1991, p. 57- 71 ; Di Fiore 2013, p. 53-74 : Di Fiore – Meriggi 2013.

12 Massari 1851 ; Blanch 1945. Le lettere subirono molte critiche dopo l’Unità, come ad esempio da parte di Cantù, esponente in Parlamento dell’opposizione clericale e conservatrice al nuovo Stato. Cantù, 1877. Per un’analisi della normativa e delle fonti, con conclusioni che evidenziano nel Regno una « gestione del potere – anche di quello repressivo – molto più sfumata, articolata, garantista, di quanto lasci supporre la memorialistica che gli stessi emigrati ci hanno tramandato », Guidi 2015.

13 20.000 detenuti politici, di cui un centinaio di persone solo a Napoli con accusa capitale, senza contare i 400 /500 accusati per i fatti del 15 maggio. MacFarlane che, in difesa della monarchia, replicò a Gadstone, ridimensionò tale entità numerica a 2000 persone, compresi i condannati dopo il 15 maggio ; Massari 1851, p. 26. Rispetto a queste cifre, nel 1850 i condannati per reati politici commessi tra il 1848 e il 1849 ammontavano a 382, di cui 40 erano stati sottoposti alle commissioni militari di Aquila e Teramo e gli altri deferiti alle Corti speciali. Furono relativamente pochi i liberali che si rifugiarono all’estero in quanto la maggior parte di essi si fidò delle garanzie costituzionali e, quando iniziò la reazione, furono catturati dalla polizia e condannati con processi basati su false testimonianze. Scirocco 1986, p. 310 ; Rossi 1999, p. 71-124. Secondo Bartoccini 1959, p. 15, « Poco meno di un migliaio furono i meridionali che sfuggendo alla reazione borbonica cercarono in terra ospitale un rifugio ».

14 Massari 1851, p. 30.

15 Massari 1851, p. 32.

16 Massari 1851, p. 35, 41 ; Fiore 2013, p. 95-118.

17 Per MacFarlane gli eventi del 1848 avevano richiesto giuste misure eccezionali, il numero dei detenuti per reati politici era intorno ai 2000 (un decimo di quanto denunciava Gladstone) e la descrizione delle carceri non rispondeva alla realtà. Massari 1851, p. 65. Tutta la polemica, come le accuse successive a Gladstone di aver inventato vari dati, rientravano in una conflittualità interna anche alla politica inglese.

18 Parrella 2015, p. 157.

19 Erano « i sospettati privi di diritti politici. Numeri che mostravano reti politiche formate da settori impor­tanti sia dell’intellighenzia e del mondo economico, che del notabilato provinciale con le sue clientele ». Pinto 2013, p. 65.

20 Parrella 2015, p. 159. Tale il caso di Giuseppe Ricciardi ; Petrusewicz 1999 ; Palamara 2007 ; Di Mauro 2016.

21 Parrella 2015, p. 161. Cfr. Schiavone 1963 ; Pulvirenti 2014.

22 Parrella 2015, p. 162.

23 Massari 1851, p. 209n.

24 Poetessa e letterata molto impegnata sul fronte patriottico, figlia di un esule del 1821, era vissuta in Francia e rientrata a Napoli nel 1825. Sposò Mancini nel 1840. Dopo l’esilio lo raggiunse a Torino. Guarna 2013.

25 s.a. 2007

26 Fruci 2008.

27 Verrastro – Ginetti 2015, p. 45.

28 Mellone 2015, p. 563-564 ; Mellone 2013, p. 33-37 ; Pinto 2013, p. 57-84. Vedi anche Mellone 2017.

29 Archivio di Stato di Napoli (ASNa), Dicastero dell’interno e polizia della Luogotenenza, b. 43, fasc. 321 I. Nel gruppo dei radicali, i patrimoni più cospicui appartenevano alla famiglia Plutino e alla famiglia dei marchesi De Riso (citata anche da Massari), la cui rendita ammontava, a novembre 1853, a 40.000 ducati annui. Cfr. Ivi., b. 43/330, citati da Mellone, 2015. Su queste famiglie calabresi e sulle loro strategie di sopravvivenza in esilio, ved. la tesi di dottorato di Delpu 2017, ad indicem.

30 Riferisce la Mellone (2015) che negli atti dei sequestri dei beni dei rivoluzionari i fascicoli personali di Tommaso Ortale e Domenico Mauro sono vuoti, cfr. ASNa, Dicastero dell’interno e polizia della Luogotenenza, b. 42, fasc. 315. Di Giovanni Mosciari non esiste alcun fascicolo personale, ma del suo cospicuo patrimonio riferisce Cingari 2001, p. 12.

31 L’attività imprenditoriale dei Romeo fu comunque possibile per l’ampia disponibilità di rendite patrimoniali, cfr. ASNa, Dicastero dell’interno e polizia della Luogotenenza, b. 42, fasc. 313, 1800 ducati annui al 28 maggio 1850. Mellone 2015, p. 563-564, da cui si citano anche le fonti archivistiche.

32 Mellone 2015, p. 564.

33 Mellone 2015, p. 565.

34 Monsagrati 1990.

35 Monsagrati 2004.

36 Scriveva alla madre il 28 maggio 1853 di aver dovuto vendere i pochi brillanti rimastigli. Cfr. Verrastro – Ginetti 2015, p. 15.

37 Verrastro e Ginetti 2015, p. 50.

38 Verrastro – Ginetti 2015, p. 51.

39 Bertrand – Brice – Montègre 2012 ; Brice – Aprile 2013 ; Brice 2017.

40 Giordano 2016, p. 87.

41 Diaz 2014, cap. 6

42 Demofonti 2008.

43 « Né riuscirono a trovare sistemazione altri della stessa cerchia di amici, come il De Meis, ex rettore del Collegio medico cerusico a Napoli, Salvatore Tommasi, Antonio Ciccone, o l’economista Francesco Trinchera, che solo nel 1858 riuscì a ottenere la cittadinanza e un posto da insegnante a 1200 lire annue, a Vercelli, tra i miasmi delle risaie ». De Fort 2008, p. 208 e 209 e tutto il saggio per l’ampia casistica che va oltre i nomi più noti.

44 In merito a Carlo Lauberg, ved. De Lorenzo 2001, p. 17.

45 Furiozzi 1979 ; Montale 1982.

46 Bacchin 2014, p. 55-66.

47 De Fort 2008, p. 195. De Fort 2013, p. 143-160.

48 Mondonico-Torri 2000, 47-4, p. 740.

49 Nada 1993, p. 49, De Fort 2008.

50 De Fort 2008, p. 219.

51 Per coloro che erano sussidiati dal governo piemontese cfr. Bacchin 2014.

52 Scaramuzza 2010.

53 Mondonico 1995.

54 Leblay 2013.

55 Cfr. Aprile 2010 per l’inserimento dei rifugiati francesi nei paesi d’accoglienza.

56 Guidi 2015.

57 Guidi 2000.

58 Carlo Poerio a M.a Teresa Poerio, 16.5.1859, s.l. ASNa, Fondo Poerio Pironti (FPP), B4.I.1 n. 23, citato in Russo, 2015/2016, p. 100

59 Michele Pironti a Margherita Pironti, 8.10.1855, Montesarchio, ASNa, FPP-III-B.7, I5, n. 27, citato da Russo, 2015/2016, p. 101.

60 Ricciardi 1873, p. 36.

61 Russo 2001-2004, p. XIV ; http://www.fedoa-old.unina.it/266/1/tesi.pdf, cui si rimanda per le successive citazioni ; Russo 2006.

62 Russo 2015-2016, p. 136-137.

63 Guidi 2007, p. 183-224. Per un riferimento ad altre realtà nazionali cfr. Jianu 2011.

64 De Lorenzo 2015 ; De Lorenzo 2013, ad indicem.

65 Tornato a Catanzaro con la madre e la sorella nel 1828, esercitò la professione di avvocato, continuata a Napoli, ed ebbe stretti rapporti con esponenti del mondo moderato, di cui divenne uno dei maggiori esponenti ; gli arresti nel 1837, nel 1844, nel 1847, comportarono l’interruzione dell’attività e « spese » nei bagni penali di Nisida, Ischia, Capri, Montefusco e Montesarchio. Ebbe un importante ruolo nel 1848, nelle agitazioni che portarono alla concessione della Costituzione, e poi come direttore della Polizia, ministro dell’Istruzione e deputato al Parlamento. Dopo il 15 maggio si oppose alla svolta autoritaria di Ferdinando II e, accusato da un falso testimone di appartenere alla setta dell’ Unità italiana, fu imprigionato e condannato a 24 anni di lavori forzati. Dopo averne scontati dieci, la pena gli venne commutata nell'esilio negli Stati Uniti. Grazie all’intervento del figlio del Settembrini, Raffaele, imbarcatosi sotto mentite spoglie, la nave, anziché sul suolo americano, sbarcò a Queenstown, in Irlanda. Poerio si recò poi a Londra. De Lorenzo 2015.

66 Alessandro Poerio a Venezia, lettere e documenti del 1848 editi da V. Imbriani, Napoli, 1881, p. 107, 134.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Renata De Lorenzo, « Lotte politiche e patrimoni familiari. La sopravvivenza nella diaspora degli esuli meridionali », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En ligne], 129-2 | 2017, mis en ligne le 03 avril 2018, consulté le 21 mai 2018. URL : http://journals.openedition.org/mefrim/3112 ; DOI : 10.4000/mefrim.3112

Haut de page

Auteur

Renata De Lorenzo

Università di Napoli « Federico II » deloren@unina.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals