Navigation – Plan du site
Propriété et politique : exil, séquestres, confiscations dans l'Italie du XIXe / Proprietà e politica : esilio sequestri e confische nel lungo Ottocento italiano
Case studies

I patrimoni degli emigrati politici e le pratiche repressive dei Borbone. 1848-1860

Laura Guidi

Résumés

Il testo analizza quell’aspetto della repressione politica nel Regno delle Due Sicilie, che tra il 1848 e il 1860 mirò a colpire i beni degli emigrati : tema ricorrente nelle scritture degli esuli, che enfatizzano l’arbitrio di un potere che condannerebbe alla miseria, con gli oppositori politici, le loro innocenti famiglie. Rivisitandolo attraverso fonti amministrative, il quadro che emerge, tuttavia, é molto diverso. Le misure dirette a colpire i patrimoni, infatti, sono compensate da provvedimenti di protezione verso le famiglie degli emigrati e dal rispetto dei diritti proprietari individuali. Tra paternalismo, leggi garantiste, contrattazioni e astute strategie, soprattutto femminili, per vanificare le misure di sequestro, il confronto tra gli emigrati, le loro famiglie e le istituzioni borboniche si rivela molto più complesso di quanto il canone narrativo antiborbonico lo abbia rappresentato.

Haut de page

Texte intégral

Premessa

1Come osservava Catherine Brice nel proporre una ricerca collettiva sul tema delle confische e dei sequestri negli Stati italiani del lungo Ottocento, come elemento significativo e poco esplorato di una storia sociale del Risorgimento, la miseria degli esuli ricorre nelle loro memorie, nelle lettere, nei diari, come componente del « martirio » eroico a cui l’esule deliberatamente si espone.

  • 1 Romano 1933, p. 593.
  • 2 La preoccupazione di non essere in grado di dare alle figlie, nell’esilio francese, un’istruzione (...)
  • 3 Coppola 1865, p. 18.

2L’esule sfida la miseria così come sfida la morte. « Senza temere né miseria né morte » suona nel 1847 la sfida romantica di Carlo Pisacane nella lettera ai « carissimi parenti » ai quali annuncia non certo una banale fuga d’amore ma un’aperta rivolta alla società e alle sue leggi in nome della libertà1 : un atto, quanto meno, prepolitico. Nella fase repressiva che si apre per il regno borbonico dopo il 15 maggio 1848, la denuncia della crudele situazione alla quale la monarchia, colpendo i patrimoni, espone i fanciulli e le donne innocenti che condividono il destino dell’emigrato, ricorre nelle lettere di Giuseppe Ricciardi alla sorella Elisabetta, analizzate da Angela Russo2. Paolo Emilio Imbriani, dopo la fuga da Napoli nel 1848, nelle lettere alla moglie Carlotta Poerio (che poi lo raggiungerà in Francia) allude invece al faticoso dovere morale di onorare la solidarietà tra esuli pur nella mancanza di denaro3.

  • 4 Il ruolo di primo piano delle donne nella solidarietà verso esuli e detenuti politici emerge dalla (...)

3Gli esempi potrebbero moltiplicarsi. Tuttavia, se usciamo dalle numerose autorappresentazioni che gli esuli ci hanno lasciato dei propri patimenti economici, rivolgendoci ad altre fonti, come quelle amministrative, giudiziarie, di polizia, scopriamo che, per quanto egli sia soggetto a perdite e penalizzazioni sul piano economico, la povertà dell’emigrato è il più delle volte relativa, negoziabile con il potere borbonico, parzialmente compensata dall’attivarsi di reti di solidarietà politica, amicale e familiare ; e spesso questi piani si intrecciano in modo inscindibile. Non diversamente, anche coloro che sono in carcere godono di un « capitale sociale » di relazioni che in molti casi li sottrae ad una condizione di povertà assoluta. Intorno agli esuli, così come nei confronti dei detenuti, si sviluppano, infatti, pratiche di solidarietà e di dono4. La solidarietà verso gli emigrati si rivela fondamentale, ad esempio, per compensare una delle perdite più gravi da loro subite in termini di risorse economiche e prestigio sociale, quella relativa alle professioni esercitate un tempo in patria. Francesco De Sanctis, grazie a queste reti solidali, viene chiamato ad insegnare all’Università di Zurigo, Pasquale Stanislao Mancini ottiene la prima cattedra italiana di Diritto internazionale a Torino. Altri emigrati ripiegano su attività più umili, come le lezioni private. Ma è difficile trovare un esule la cui povertà sia davvero estrema ed eroica come viene rappresentata nel canone narrativo delle memorie patriottiche. In queste ultime ciò a cui soprattutto si allude, al di là della retorica, è il rischio di una perdita di status per sé e, soprattutto, per i propri figli, a cominciare dalla difficoltà di assicurare loro un’istruzione adeguata.

4Data la vastità del tema, ai fini di questa indagine, tuttavia, ho esplorato, più che il terreno, in parte noto, delle reti di solidarietà, quello, finora assai poco indagato, e coerente con il tema collettivo della ricerca, dei molti piani e della complessità delle relazioni tra amministratori borbonici, polizia, esuli, riguardo alle pene pecuniarie, e innanzitutto ai sequestri, così di frequente denunciati dagli emigrati. Mi sono limitata al periodo 1848-60 : anni, com’è noto, di estesa, benché poco cruenta, repressione. Che ruolo gioca l’attacco ai patrimoni nella strategia repressiva dei Borbone ? Le diverse figure istituzionali che entrano in campo – poliziotti, intendenti, amministratori locali – sono davvero concordi e coesi nel colpire i beni degli esuli ? Configurano un sistema repressivo coerente ? Quali strategie vengono messe in atto dagli emigrati stessi e, soprattutto, dalle loro famiglie rimaste nel Regno, per difendere le loro ricchezze ?

I sequestri contro gli imputati politici delle Due Sicilie nel dibattito giuridico

5Per rispondere a tali domande ho considerato soprattutto la sfera delle pratiche amministrative e sociali relative ai sequestri, su cui ho cominciato a raccogliere un'interessante documentazione presso l'Archivio di Stato di Napoli (d’ora in avanti : ASNa).

  • 5 Tale dicastero viene generalmente indicato come « Alta Polizia ».

6Mi sono state particolarmente preziose a tal fine le indicazioni di Catherine Brice – che ringrazio – su alcuni fascicoli del fondo del dicastero dell’Interno e Polizia (d’ora in avanti : AP)5. Presso l’ASNa ho trovato documenti interessanti anche nell'archivio privato Poerio-Imbriani.

  • 6 Vacca 1841 e Vacca 1858.

7Per quanto riguarda la legislazione e la normativa, ho considerato quelle in vigore tra il 1848 e il 1860 : i codici della Restaurazione, la Collezione delle leggi curata da Carlo I. Petitti di Roreto, l’indice della collezione delle leggi 1806-1840 curata da Domenico A.Vacca, con il relativo supplemento per gli anni 1840-18526, oltre ad alcuni trattati giuridici.

  • 7 Anche se nel mio testo uso indifferentemente i termini « emigrati » ed « esuli » il linguaggio giu (...)

8Tuttavia queste fonti giuridico-normative non mi hanno chiarito l’enigma delle introvabili (nonostante le mie esplorazioni) Istruzioni per polizia e intendenti nelle pratiche di sequestro, alle quali pur si accenna nell’ambito di una pratica specifica, nella pandetta del Ministero di polizia- Gabinetto relativa agli anni 1847-50. Dalla pandetta, per altro, risultano molti fascicoli sugli emigrati7, sulle associazioni e i comitati che li sostengono, sui loro percorsi e le destinazioni, sul loro comportamento politico all'estero : una fonte ricca di annotazioni sociali sugli esuli, quanto povera di informazioni sulla pratica del sequestro.

  • 8 Ridamas 1852.
  • 9 Ibid.
  • 10 Ivi, p. 109-110.
  • 11 Ivi, p. 109.

9Quest’ultimo compare, invece, in alcuni commentari giuridici del periodo, nei quali viene operata una netta distinzione tra la « confisca » e il « sequestro ». Ad esempio, su questa fondamentale differenza si soffermava un testo pubblicato nel 1852 dal giurista C. Inn. Ridamas8 in risposta alle celebri lettere in cui W.E. Gladstone denunciava l'inciviltà e la crudeltà della repressione politica nel Regno9, includendo « confische e sequestri » tra le misure stigmatizzate. Il giurista ribatteva a Gladstone, precisando la distinzione tra i due termini, il loro rispettivo significato e, in ultima analisi, affermando il rispetto dei Borbone per il principio di proprietà privata. Ridamas riconosce che alcune misure colpiscono la proprietà dei condannati politici : ammende, malleverie, sequestri. In ogni caso, scrive, non si tratta di confische, le quali hanno carattere definitivo. La distinzione è importante : l'ammenda ha un importo limitato, mentre malleverie e sequestri non hanno carattere definitivo e non sono considerate pene, ma misure accessorie e cautelative10. In particolare, i sequestri effettuati, che dal 1848 al 1851 sarebbero solo 23 secondo questo giurista (ma un numero maggiore risulta dai documenti d'archivio da me consultati) sarebbero finalizzati a impedire agli emigrati « di cospirare contro il Regno ». Ridamas aggiunge un'altra precisazione, importante sia per comprendere lo svolgimento delle pratiche di sequestro di cui si parlerà, che per individuare un tratto di modernità della legislazione borbonica : il carattere strettamente individuale della pena. Le conseguenze del sequestro devono ricadere solo sull'individuo emigrato, per lo più reo contumace. Figli, mogli, familiari sono considerati come soggetti di diritto autonomi e non devono, almeno in teoria, pagare alcun prezzo : « in nessun caso le famiglie di esuli ebbero mai a sentire disagio » scrive Ridamas11.

10Lo studio di alcune pratiche di sequestro conservate presso l'ASNa, integrate con fonti epistolari, dimostra che quanto afferma il giurista in difesa delle istituzioni del Regno trova concreti riscontri nelle vicende biografiche degli emigrati.

Pene che colpiscono il patrimonio dei condannati politici : le leggi

11Nel cap.1 del codice penale delle Due Sicilie, tra le pene criminali (morte ; ergastolo ; ferri ; reclusione ; relegazione ; esilio ; interdizione da' pubblici uffici) figura anche l'interdizione patrimoniale (art.15). Questa « porta il divieto di amministrare il proprio patrimonio » secondo le norme che definiscono il medesimo istituto nelle leggi civili.

12Ancora in materia di pene patrimoniali, leggiamo nel cap.1, art.  3 :

Il condannato all'ergastolo perde la proprietà di tutti i beni che possedeva : la sua successione è aperta a vantaggio de' suoi eredi, come se egli fosse morto senza testamento, non potendo più disporre né per atto tra vivi, né per testamento, di tutti o di parte de' suoi beni. Non può né anche acquistare né per atto tra vivi, né per causa di morte. Tuttavia la legge lo considera come mezzo ed organo per potere i di lui discendenti conseguire i diritti successorj ed i condizionali che si verificheranno a suo favore.

13Inoltre il condannato all’ergastolo non può stare in giudizio civile se non tramite un curatore nominato dal tribunale. Il tribunale civile può (a sua discrezione) obbligare gli eredi a somministrare « qualche sovvenzione a titolo di alimenti, i quali debbono limitarsi ad un picciolo sollievo ».

14Sempre nel cap. I del codice, l'art. 4, che riguarda le condanne ai ferri, stabilisce che queste comportino l'interdizione dai pubblici uffici e dal patrimonio durante la pena. Il tribunale civile decide assegnamenti per la famiglia e sussidi alimentari per il condannato. « I beni gli saranno restituiti dopo la pena : ed il curatore gli renderà conto dell'amministrazione », secondo le leggi di procedura civile.

15Pur in assenza di riferimenti espliciti, questi articoli sembrano sottolineare la legittimità dei sequestri dei beni degli emigrati condannati e contumaci. Il tribunale, che non dispone del corpo del condannato da giustiziare, imprigionare, ecc., può però far eseguire, della pena alla quale egli si è sottratto, quella parte che colpisce le sue proprietà che si trovino nel Regno.

  • 12 Regno delle Due Sicilie, II, cap. III, art. 6.

16Sul piano delle pene che colpiscono il patrimonio, figurano anche l’ammenda e la malleveria. La prima è una pena accessoria ; la seconda « astringe il condannato a dar sicurtà di sua buona condotta » dopo la fine della pena, per un numero variabile di anni (da 3 a 10) e varia dai 100 ai 5.000 ducati annui, che vanno a indennizzare gli « offesi » dal condannato ; oppure gli vengono restituiti, tutti o in parte, alla fine del periodo stabilito.12

  • 13 Regno delle Due Sicilie, IV.
  • 14 Se poi l'assente si sottrae alla pena di morte, è dichiarato Pubblico Inimico e (ivi, art. 475) «  (...)

17Dei condannati politici contumaci si occupa il codice di procedura penale13 : nel libro III, al titolo III, art. 67, si stabilisce che questi vengano annotati nell'albo dei rei assenti. Secondo l’art. 464 dello stesso codice i « rei assenti » sono considerati come esuli da tutto il territorio del Regno e restano sospesi da ogni diritto di cittadinanza e interdetti dalla facoltà di fare « ogni atto legittimo col quale possa contrarsi obbligazione ».14 L’interdizione, istituto nato nell’ambito della legislazione civile, viene utilizzata qui come arma di repressione politica.

18Nel titolo XIII del medesimo codice di procedura si parla esplicitamente di sequestro, ma solo (art. 578 e 579) riguardo a casi particolari : oggetti di ingente valore posseduti da un imputato povero o di « sospetta fortuna » ; beni di imputati per reati che « offendono la proprietà » ; sequestro cautelativo per « cautela delle spese del giudizio, de' danni ed interessi, e delle ammende ». Tale sequestro cessa qualora l'imputato dia « idonea cauzione » (art. 580).

19L’articolo 582 stabilisce, infine, che al termine del giudizio, all'imputato condannato si restituiscano i beni sequestrati, detratte le spese di giudizio, le ammende, i danni e gli interessi.

20Si confiscano (definitivamente), invece, gli oggetti usati per commettere crimini. Questa circostanza ci riporta alle osservazioni di C. Ridamas quando giustifica i sequestri delle rendite dei rei di stato emigrati, in quanto questi ultimi se ne servirebbero per cospirare contro il Regno. In altre parole, le risorse economiche degli emigrati diverrebbero « armi » con le quali delinquere. Va sottolineato che i beni degli emigrati, tuttavia, non vengono confiscati definitivamente, ma sequestrati, con un dichiarato intento cautelativo.

  • 15 Giordano 1848.
  • 16 Ivi, p. 95.

21Un testo del 1848 del Procuratore di Trani Annibale Giordano15 è utile a chiarire alcuni aspetti dell’istituto dell’interdizione in ambito criminale. « Nelle materie criminali la privazione dei diritti civili opera ipso jure »16. L'interdizione nelle condanne criminali può essere patrimoniale, dai pubblici uffici, perpetua.

22La prima è « il divieto di amministrare il proprio patrimonio » e consegue alle condanne ai ferri e alla reclusione. Dura quanto la pena stessa. L'amministrazione dei beni viene regolata come previsto per gli interdetti dall’art. 412 del codice civile. Come in ambito civile, viene nominato un curatore dei beni.

  • 17 Ivi, p. 96.

23L'interdizione perpetua si configura come una « totale privazione dei diritti civili ». Tuttavia questa privazione non include gli attributi di marito e padre17. Questo aspetto tutt’altro che irrilevante dell’istituto ci fornisce una chiave di lettura delle pratiche di sequestro che verranno ora esaminate : nel riconoscere i diritti di figli e mogli del condannato, si riconosce implicitamente che il suo ruolo di breadwinner (come oggi diremmo) non decade, ma viene assunto, finché duri la condanna, dalle istituzioni.

  • 18 Ivi, p. 110.

24Se è condannato all'ergastolo, in una situazione, cioè, della quale l'interdizione non prevede un termine, il condannato perde la facoltà di testare18. In una condanna ai ferri a vita, dunque, si apre la successione a pro degli eredi, come ab intestato.

25Rispetto alla sorte del contumace che ha scelto l’espatrio per sottrarsi ad altra pena, quella di chi subisce una formale condanna all’esilio appare assai più mite : per questi esuli infatti non scattano interdizioni né sequestri di beni.

Pratiche socio-istituzionali

  • 19 Napoli, 1853. La stessa pubblicazione comprende un Quadro di imputati dei reati politici del 15/V/ (...)

26Per passare dall’aspetto giuridico-formale a quello delle pratiche giudiziarie, comincio da un testo a stampa che comprende nomi famosi e, quel che più conta ai fini della nostra indagine, riguarda esclusivamente imputati contumaci. Mi riferisco alla Decisione della Gran Corte Speciale di Napoli nel giudizio in contumacia degli avvenimenti politici del 15 maggio 184819. Si tratta di 40 imputati, tra cui Giovanni La Cecilia, Aurelio Saliceti, Raffaele Conforti, Paolo Emilio Imbriani, Guglielmo Bellelli, Francesco Mazziotti, Antonino Plutino, Giuseppe Pisanelli, Pasquale Stanislao Mancini, Giuseppe Massari, il Duca Proto, Pierangelo Fiorentino, Francesco Perez, ecc.

27Sono tutti accusati di « cospirazione contro la sicurezza interna dello Stato per distruggere e cambiare l'attuale forma governativa ed eccitare i sudditi e gli abitanti del Regno ad armarsi contro l'Autorità Reale » e altresì di fomentare la guerra civile ; per alcuni c'é anche l'aggravante della « reiterazione » o « recidiva ».

  • 20 Si dispongono indagini sui rei assenti Pasquale Catalano Consaga [sic !] Duca di Cirella, Michele (...)

28Dei quaranta imputati, 35 sono condannati a 25 anni di ferri, cui si aggiunge la malleveria di 1000 ducati per i 10 anni successivi all'espiazione della pena ; solo Pierangelo Fiorentino, Francesco Perez e Francesco Ferrari sono condannati all'esilio perpetuo dal Regno e pertanto non soggetti a pene pecuniarie20.

29Nel testo si fa anche riferimento alla precedente condanna di altri 27 « sediziosi » per i fatti del 15 maggio1848 : tra loro Silvio Spaventa, Luigi ed Emanuele Leanza, Antonio Scialoja, Pietro Leopardi.

30Tornando ai quaranta imputati del primo processo citato, sappiamo che, in quanto contumaci, erano soggetti all'interdizione dal patrimonio prevista dalle leggi penali per le condanne ai ferri, durante la pena. La legge stabiliva inoltre che il tribunale civile decidesse assegnamenti per la famiglia e sussidi alimentari per il condannato : « I beni gli saranno restituiti dopo la pena : ed il curatore gli renderà conto dell'amministrazione », secondo le leggi di procedura civile.

  • 21 ASNa, Arch. Poerio-Pironti, parte (d’ora in avanti : p.) III, busta (d’ora in avanti : b.) 20.

31Presso l’ASNa, nell'Archivio Poerio-Pironti, troviamo poi un quadro sinottico riguardante 176 condannati politici in contumacia21. Tra questi incontriamo Giuseppe Ricciardi, Giovanni Nicotera, Benedetto Musolino, Mariano d'Ayala, Aurelio Saliceti. Anche questo elenco è interessante per una storia sociale della militanza risorgimentale, perché riporta età, condizione sociale ed altri dati personali dei condannati. Possiamo osservare il ricorso del tutto marginale agli istituti del confino e dell’esilio, almeno per quanto riguarda la formulazione iniziale delle condanne : quelle al confino sono appena due sul totale di 176, quelle all'esilio perpetuo tre. Più spesso, come si vedrà, esilio e confino sono l’esito di una trattativa, espressione di munificenza regia rispetto a condanne iniziali più gravi, come i ferri. Nel prospetto di cui sopra, 19 sono le condanne a morte in contumacia ; numerose le condanne ai ferri. A questo proposito va notato che dallo stesso fondo archivistico emerge una pratica di grazie e commutazioni di pena. Ne abbiamo una testimonianza significativa dai prospetti delle commutazioni di pena che vengono richieste agli uffici dal ministro di Grazia e giustizia il 19 dicembre 1856. Da queste tavole sintetiche risulta che in diversi casi la condanna ai ferri viene sostituita con l'esilio perpetuo, talora con la reclusione in conventi, per i più anziani ; le pene di morte, mai eseguite, vengono commutate in ergastoli e ferri (anche questi solo ipotetici, dato lo stato di contumacia dei condannati).

32Benché in questa documentazione non compaiano aspetti pecuniari, mi è sembrato interessante rilevare la continua negoziazione delle pene (suppliche, informazioni di polizia, atti di clemenza...), con modalità in parte analoghe a quelle che ritroveremo nel caso dei sequestri.

  • 22 ASNa, Arch.Poerio-Pironti, p. III, b.20, fascicolo (d’ora in avanti : f.lo) 15.

33Nei prospetti, ordinati per provincia, dei condannati dalla Gran Corte criminale per reati politici successivi al 1848-9, che siano effettivamente in carcere nel 1859, ricorre la pratica della malleveria, che consiste in 100 ducati da corrispondere per tre anni dopo la scarcerazione.22

  • 23 ASNa, Gran Corte Speciale e Gran Corte Criminale di Napoli. Sentenze, b. 28.
  • 24 Ivi, b.28, f.lo 16.

34Ammende e malleverie sono nominate anche nelle sentenze emesse dalla Gran Corte speciale e Gran Corte criminale di Napoli23. Tra queste troviamo sedici sentenze per cospirazione contro lavoratori di zone rurali, che vengono tutti condannati, oltre che a periodi vari di carcere, ad ammende di 50 ducati e malleverie di 100 ducati per tre anni consecutivi, oltre alle spese giudiziarie. In altri casi, come quello del contumace Leonardo Parta, legale di Procida, ai 19 anni di ferri si aggiunge una malleveria ben più consistente : mille ducati per dieci anni consecutivi.24

35Come si è visto, nessuna delle sentenze esaminate nomina esplicitamene il sequestro : questo si configura piuttosto, come vedremo, come una pratica di polizia che scatta automaticamente nel caso dei condannati in contumacia.

Sequestri

36Le complesse vicende di veri e propri sequestri emergono da alcuni fascicoli di AP. Da queste fonti risulta la pluralità di attori che si mobilitano per ogni provvedimento di sequestro di beni e rendite : il ministero di Polizia, gli intendenti e la polizia locale, i creditori dei condannati, i loro parenti. Tra questi ultimi in prima linea si schierano le mogli, che rivendicano i propri beni dotali e personali e i diritti a sussidi alimentari per sé stesse e per i figli minori, che sostituiscano lo Stato all’emigrato nel ruolo di breadwinner. In altre vicende sono madri e sorelle a rivendicare diritti sui beni sequestrati. In alcuni casi praticamente tutti (o quasi) i beni sequestrati vengono redistribuiti fra creditori e familiari del condannato… almeno quando c'è qualcosa da sequestrare.

37Analizzare nel dettaglio alcuni casi specifici è illuminante circa il funzionamento di una macchina istituzionale che si rivela punitiva da un lato, ma garantista e paternalista dall'altro.

38Negli oltre quaranta casi ai quali mi riferisco la procedura di sequestro prevede che il ministro di Polizia scriva all'intendente della provincia in cui si trovano i beni dell'emigrato e gli imponga di sottoporli a sequestro : le rendite finiranno presso la Real Cassa di ammortizzazione ; i beni immobili e le attività produttive o commerciali saranno affidate ad un amministratore, con l'obbligo per quest’ultimo di versare gli introiti alla Cassa medesima.

  • 25 ASNa, AP, b. 38, f.lo 241.

39Un fascicolo di AP ci consente di ripercorrere le vicende di 32 sequestri contro condannati politici contumaci25.

  • 26 Ibid.
  • 27 A. Russo 2006.

40Uno di questi è Giuseppe Ricciardi26, nel cui caso le fonti archivistiche si possono confrontare con quelle epistolari analizzate da Angela Russo27 .

41La fonte archivistica ci dice che nel 1851, agli 811 ducati sequestrati e già versati alla Cassa se ne aggiungono altri 3.199,75. Nello stesso anno 2.580 ducati sono liberati a favore della moglie di Ricciardi, Clorinda Not, come sussidio a lei e alle due bambine della coppia.

42Nell'intero periodo 1851-58 a Ricciardi vengono sequestrati 18.012,60 ducati, di cui 16.708,64 vengono in seguito liberati a favore di Clorinda Not. Il carteggio di Ricciardi con la sorella Elisabetta ci racconta tutto il retroscena familiare ed esistenziale di questa lunga negoziazione tra istituzioni borboniche e due donne - la moglie Clorinda e la sorella Elisabetta - forti della presenza delle due figlie piccole, ottimo strumento di pressione sulle « paterne e cristiane » autorità borboniche. In breve, la maggior parte dei beni sequestrati viene restituita.

43Nel caso di Vincenzo Marsico di Lattarico, cui sono stati sequestrati, fino all'ottobre 1858, 13.117,96 ducati, l'intera somma viene in seguito restituita.

44I creditori dei condannati non sono meno esigenti delle donne di famiglia. Al marchese Michele Cito dal 1851 al marzo 1860 vengono sequestrati 75.728,74 ducati, ma nello steso periodo ne vengono liberati a favore dei suoi creditori 75.428,65 : poco meno dell’intera somma.

  • 28 Olivieri 1907 ; Tripodi 1932.

45A volte la repressione si abbatte in modo impietoso proprio sui condannati dalle risorse più modeste : è il caso di Agostino e Antonino Plutino ai quali dal 1851 al 1860 vengono sequestrati 3.078,41 ducati, dei quali neanche un centesimo viene liberato per i familiari. Possiamo supporre – ma è solo un’ipotesi da verificare – che in alcuni casi la maggiore o minore capacità di mobilitare un patrimonio sociale di relazioni giocasse un ruolo importante nel determinare la generosità delle istituzioni. Nel caso dei fratelli Plutino, a mio parere, l’estremo rigore nell’applicazione del sequestro si spiega nel quadro della dura repressione esercitata dai Borbone contro coloro che, come i Plutino, avevano avuto un ruolo di punta nel moto di Cosenza del 15 marzo 1844, in quello di Messina del 1847 e nella insurrezione calabrese del giugno 184828

  • 29 Per questo caso come per i precedenti : ASNa, AP, b.38, f.lo 241.

46Il caso di Domenico Cardente ci consente di osservare quale fosse la prassi istituzionale in caso di morte dell'emigrato. Nel 1851 gli era stato sequestrato un modesto patrimonio di cento ducati, dei quali solo 1,20 era stato poi liberato. Alla sua morte i restanti 98,80 ducati vengono dissequestrati a favore degli eredi. Così avviene dopo la loro morte nei casi di Tommaso Ortale (per un patrimonio di 1975,69 ducati) e di Raffaele Piscicelli (327,13)29.

47Domenico Mauro, Eugenio de Riso, Francesco A. Mazziotti presentano situazioni analoghe a quelle descritte in precedenza e vedono in gioco somme di media entità, tra i mille e i tremila ducati.

48Due dissequestri vengono ordinati per grazia sovrana : i 440 ducati di Saverio Boccardi e il modestissimo patrimonio di Eduardo Montuori (40 ducati).

49Un singolare accanimento viene praticato, al contrario, contro Domenico Angheà, cui viene sequestrata la cifra irrisoria di 2,30 ducati. Il dicastero di Polizia si mostra più compassionevole verso Giovanni Andrea Romano, rinunciando a sequestrare una misera rendita di 1.30 ducati annui, che viene lasciata alla « povera e numerosa famiglia ».

50A volte sono gli intendenti a mediare con la polizia, in difesa delle famiglie degli espatriati. È il caso di Raffaele de Lago, alla cui famiglia, dietro la sollecitudine dell'Intendente di Bari, i 131,60 ducati sequestrati vengono restituiti, essendo ritenuta la somma « molto inferiore ai bisogni della famiglia ».

51Quando risulta che nel patrimonio sequestrato sono compresi i beni personali di altri familiari (ad esempio doti delle mogli, quote ereditarie delle sorelle) il discorso si sposta dal piano della benevolenza paternalistica a quello del diritto proprietario. Lo speciale regime dei beni dotali fa sì, ad esempio, che alla moglie di Giovanni Cozzoli, al quale sono sequestrati, nel triennio 1851-53, 549,29 ducati, ne vengano restituiti 215,29, frutto dei suoi beni dotali. Così avviene per i beni dotali compresi nel patrimonio di Loreto Tortora.

52Nel caso di Paolo Emilio Imbriani, invece, un terzo dei beni sequestrati fino al termine del febbraio 1856, pari a 720 ducati, viene riconosciuto di proprietà della sorella Rosa e le viene restituito.

53Nello stesso fascicolo troviamo un elenco di sequestri non eseguibili per impedimenti di varia natura che riguardano il condannato in prima persona : la condizione di figlio di famiglia, privo di beni propri (P.S. Mancini, G. Bellelli, L. Romano ed altri) ; la « regolare condotta all'estero » (Ottavio Tupputi e, ancora, G. Bellelli) ; il carattere di « sacro patrimonio », non sequestrabile, dei beni (Felice Nisio Accolito di Molfetta). Non sequestrabili sono i beni passati « in alieno dominio » (Francesco Stocco di Nicastro).

54La condizione di condannato all’esilio di Liborio Romano, ben diversa da quella di un contumace emigrato per sottrarsi alla pena, esclude il sequestro. Infine, i beni, come si è visto, possono essere dissequestrati per grazia sovrana.

Una pratica complessa, dai molti interlocutori

55Alcuni casi mostrano efficacemente la complessità delle pratiche e delle relazioni che si attivano dopo una disposizione di sequestro.

  • 30 ASNa, AP, b.42, f.lo 296.

56Pasquale Stanislao Mancini, come abbiamo visto, nel 1850 non possedeva beni in proprio, trovandosi nella condizione di figlio di famiglia. Ma nell'aprile del 1851 l'intendente di Avellino comunica al direttore del ministero di Polizia che Francesco Saverio, padre di Pasquale Stanislao, è morto da cinque mesi lasciando erede il figlio. I beni, affidati a un certo don Ferdinando Tedeschi, sono caduti in « depreziamento » e danno appena di che ripagare i pesi da cui sono gravati.30 Ma l’11 aprile 1851 il direttore del ministero di Polizia dispone ugualmente il sequestro dei beni, che si trovano nel circondario di Castelbaronia, e impone al nuovo amministratore, Domenico Tedeschi (fratello del precedente), di versare tutte le somme ricavate dall'affitto dei fondi presso la Real Cassa di ammortizzazione. Per tutta risposta Domenico Tedeschi chiede di rinunciare all'incarico rivendicando altresì il pagamento di un suo credito personale di 170 ducati nei confronti di Mancini. Interviene anche la madre di quest’ultimo, D.a Grazia Maria Riola, lamentando, con una lettera all'intendente del 28 luglio 1851, di essere rimasta priva di mezzi di sussistenza, e rivendicando un sussidio. Il direttore del dicastero di Polizia autorizza l'intendente a esaudire la richiesta, purché « non si renda elusoria » la misura del sequestro. Il 30 agosto dello stesso anno l'intendente replica inviando un prospetto dei beni di Mancini. Le rendite, frutto della vendita di vino, olio, grano e ghiande, ammontano a 590 ducati. Ma le proprietà sono gravate da debiti contratti con un certo Sig. Cirillo e con le Monache di San Giorgio : in tutto 210 ducati di interessi annui. Altri 70 ducati servono a pagare l'imposta fondiaria. Si aggiungano le spese di manutenzione dei fondi. Al netto di queste spese, la rendita annua risulta essere di appena 15 ducati. Senza dimenticare che sulla misera somma, Tedeschi rivendica il suo credito. Mentre i creditori incalzano e AP dà disposizioni per soddisfarli con pagamenti rateizzati, anche Donna Riola preme per il suo sussidio trovando nell'intendente un valido fiancheggiatore. Questi, il 18 febbraio 1852, scrive al direttore di AP che, ponderati i bisogni della Riola e considerata la sua condizione di gentildonna e il fatto che dimora nella capitale, dove i prezzi sono notoriamente più alti, l'assegno mensile non può essere inferiore a 12 ducati : valutazione, per altro, condivisa dal direttore di AP. A questo punto la situazione si ingarbuglia sempre di più : i soldi sono pochi per far fronte a tutti questi impegni ; per di più spuntano altri creditori e nel 1853 un cattivo raccolto dimezza le rendite. Il 1856 si chiude senza introiti. Il nuovo amministratore, Melchionna, rinuncia all'incarico. La vicenda va avanti fino alla caduta del Regno, tra suppliche, ricorsi, dimissioni di amministratori, cattivi raccolti e tentativi dell'intendente di mediare e pacificare.

Il ruolo delle donne

57In un numero significativo di casi posiamo rilevare un ruolo protagonista delle donne nel difendere i patrimoni di famiglia. Le donne sono in una posizione privilegiata per svolgere questo compito : da un lato, possono rivendicare il carattere dotale, o di propria quota ereditaria, di una parte dei patrimoni sequestrati ; dall'altro, la cultura patriarcale e paternalistica del Regno riconosce loro una sorta di diritto « morale », codificato (anche se mai quantificato) anche come diritto giuridico e consolidato da una lunga tradizione di governo e dalla stessa immagine della regalità borbonica – il re cattolico, padre dei sudditi, protettore dei deboli. Inoltre le donne si presentano a buon diritto come del tutto estranee alle attività politiche dei loro congiunti, proprio in virtù del radicato stereotipo che le vuole estranee alla sfera politica. Infine, le madri rappresentano gli innocenti e i deboli per definizione : i loro bambini. Le loro richieste ne ricavano una forte legittimità morale agli occhi delle istituzioni e della collettività.

58Tuttavia, a volte, le autorità medesime nutrono qualche sospetto su talune di queste donne deferenti e apparentemente indifese, fino a supporre astuti raggiri volti a vanificare i sequestri. È quanto denuncia al direttore di Polizia l'intendente di Calabria Citra in una comunicazione del 26 maggio 1850 :

  • 31 ASNa, AP, b. 42, f.lo 300.

Nell'intendimento forte di rendere inefficace il provvedimento adottato pel sequestro di rendite di taluni emigrati, si mettono innanzi delle scritture per debiti contratti, che hanno tutta l'impronta della simulazione31.

59L'intendente cita ad esempio la scrittura registrata il 22 giugno 1848 con cui l'emigrato D. Stanislao Lupinacci si dichiara debitore di 25.000 ducati verso la madre, D.a Orsola Ferrari. Nello stesso ufficio di Aprigliano D. Gaspare di Attilia, latitante per reati politici, si è dichiarato debitore della sorella D.a Raffaella Massico. In un'altra comunicazione al direttore di Polizia l'intendente di Cosenza scrive che il già citato Lupinacci ha messo in vendita dei beni sotto falso nome.

60La marchesa Raffaella Mayda, moglie del già citato Stanislao Lupinacci, mette in atto una strategia multiforme ed efficace in difesa del patrimonio familiare. Da un lato, presenta all'intendente (che ne riferisce ad AP il 12 settembre 1850) un prospetto della situazione finanziaria della famiglia da cui risultano 3.000 ducati di rendita lorda contro 5.883 di uscite per interessi su debiti : una situazione tutta in perdita. Dall'altro, chiede soccorso a nome della famiglia innocente e indifesa : scrive direttamente ad AP (27 settembre 1850) lamentando che « si trovano sequestrate le rendite di tante persone innocenti » (madre, moglie, figli minori dell'emigrato). Il sequestro, incalza la donna, « non è misura di repressione diretta contro Stanislao Lupinacci, ma è pena capitale contro la sua numerosa ed innocente famiglia ». Infine fa presente il rischio di una cattiva gestione delle proprietà, che renderebbe vano lo stesso sequestro, esponendo ad AP che le rendite della famiglia consistono nei prodotti di « industrie » che hanno bisogno di continui anticipi di capitali e di molta assistenza : mandrie, giovenche, maiali, querceti. « Quando tutto trovasi sottoposto a sequestro, andrà tutto in ruina ». Come si pagheranno i debiti, la tassa fondiaria ? Nel periodo successivo le suppliche si alternano con le minacce di ricorsi in tribunale, fino all'estate del 1859.

  • 32 ASNa, AP, b.42, f.lo 304.

61In un altro caso, quello di Michele Cito principe della Rocca, di Terra di Bari, è la madre, M.sa Cito Filomarino, a gestire il rapporto con le istituzioni, dimostrando di aver impiegato tutti i 62.000 ducati ricavati dalla vendita di un latifondo ad Andria per pagare i numerosi debiti, diligentemente elencati dalla marchesa32.

  • 33 ASNa, AP, b.42, f.lo 310. L’esposto è datato Napoli, 10 luglio 1850.

62Un’altra anziana madre instaura un rapporto con le istituzioni per difendere i suoi presunti diritti : si tratta di Nicoletta Fiori di Bisceglie, madre dell'emigrato Don Ottavio Tupputi, che espone ad AP il suo diritto ad una pensione alimentaria dal figlio (43 D e 35 gr al mese), sentenziato dal Tribunale di Trani al termine di una causa civile del 1843. Ora la ottuagenaria madre si vede sospendere l'assegno a causa del sequestro e, naturalmente, rivendica a sé la pensione, come credito verso il figlio.33

  • 34 ASNa, AP, b.42, f.lo 297.

63Una lunga e complessa vicenda riguarda infine il sequestro imposto da AP nel marzo 1851 ai danni dell'emigrato Emmanuele Viggiano di Potenza34. Come nel caso di Raffaella Mayda, anche la moglie di Viggiano, Giulia Cortese, interviene nella vicenda su più fronti : la liberazione dal sequestro di beni di proprietà sua e di altri congiunti dell'emigrato ; l'amministrazione dei beni, che rivendica per sé e per il cognato, per evitare che vadano in rovina ; la richiesta di una pensione alimentaria per sé e per i figli.

64Il patrimonio di Viggiano consiste in beni e aziende che si trovano in luoghi diversi e sono difficili da gestire. Le rendite provengono da affitti di fondi, aziende, mutui e altri cespiti. Figura anche una partita di 60 ducati annui sul Gran Libro. L'intendente di Basilicata per effettuare il sequestro è costretto a mobilitare commissari di polizia, regi giudici, un « capo urbano ».

65Nell'aprile 1851 l'intendente esprime al dicastero di Polizia le sue difficoltà : i conduttori dei fondi sono tenuti a pagare la fondiaria, oltre a censi, canoni in grano ed altri pesi.

66Anche il ministro delle Finanze scrive ad AP (17 maggio 1851) : l'iscrizione sul Gran Libro, precisa, è intestata oltre che all'emigrato, a due fratelli e ad una sorella che, ovviamente, non sono soggetti al sequestro.

67Qualche tempo prima (6 maggio1851), AP ha ricevuto anche la prima di una serie di suppliche da parte di Giulia Cortese. Dopo aver difeso l'innocenza del marito, la donna chiede di togliere il sequestro dai beni o quanto meno modificarlo in una serie di punti : si tratta di liberare una masseria di proprietà della stessa scrivente, un'altra di proprietà del figlio Giuseppe. Inoltre la tenuta sequestrata a Monteserico, censita dal Tavoliere di Puglia, è vincolata dal contratto di affitto all'esecuzione di un progetto di lavori, come promesso ai coloni : la costruzione di magazzini e stalle, già avviata. Il contratto con i coloni prevede che, se i lavori non vengono eseguiti, questi vengano esonerati dal pagamento dell'affitto.

68In conclusione, Giulia Cortese chiede che nell'interesse stesso delle istituzioni sia affidata a lei l'amministrazione del patrimonio sequestrato : solo in tal modo i lavori potranno procedere, i contratti saranno rispettati e ci saranno rendite da versare alla Cassa di ammortizzazione. Inoltre Giulia chiede « un congruo assegnamento alimentario per sé e sua famiglia ».

69Come abbiamo visto in altre vicende, anche in questa l'intendente svolge un ruolo di mediazione con AP. È da una sua comunicazione che apprendiamo che Giulia Viggiani alla fine ottiene che gli animali siano dati in gestione al fratello dell'emigrato, Leopoldo, il quale si impegna a versare alla Real Cassa i proventi dell'attività. Le suppliche di Giulia Viggiani hanno successo anche presso il re, che le accorda cento ducati al mese sulle rendite sequestrate (esattamente quanto lei chiedeva) come pensione alimentaria per la famiglia. Ma l'anno successivo Giulia protesta presso AP perché ora giudica troppo esigua questa pensione. La vicenda si prolunga, tra suppliche, proteste e concessioni, per tutti gli anni Cinquanta.

Alcune considerazioni finali

  • 35 Su questo tema di storia culturale sono state stimolanti e innovative le osservazioni di Banti 200 (...)
  • 36 Tra i molti esempi che le scritture autobiografiche ci offrono della costante preoccupazione degli (...)

70Benché il mio contributo sia solo il frutto di una prima esplorazione di fonti, ben lontano dalla possibilità di esaurire l’argomento, mi sembra di poter affermare con certezza che per cogliere la complessa dinamica che regola i sequestri nel periodo 1848-60 è indispensabile considerare l'emigrato all'interno della sua rete di relazioni sociali, economiche e familiari. Se consideriamo la pluralità di soggetti che si attivano in occasione di un sequestro – in primo luogo creditori e componenti della famiglia (soprattutto le donne : mogli, madri, sorelle) – e analizziamo le loro relazioni con le istituzioni, queste ultime appaiono caratterizzate dalla disponibilità alla negoziazione, più che dal rigore punitivo, dal rispetto della proprietà individuale e dal riconoscimento paternalistico dei bisogni degli « indifesi » e « innocenti » congiunti dell'emigrato. Il ruolo repressivo del dicastero di Polizia, da un lato viene spesso bilanciato dalla mediazione degli intendenti a tutela dei congiunti dell’esule, dall’altro deve misurarsi con un apparato legislativo e giudiziario che – con buona pace di lord Gladstone – garantisce diritti proprietari e creditori, e il carattere individuale della pena, che non si estende a familiari, donne e minori. Ne emerge una gestione del potere dai molti volti : repressiva, assistenziale, entro certi limiti garantista. È un quadro certo più articolato di quanto lasci supporre la memorialistica antiborbonica che gli stessi emigrati ci hanno tramandato nelle loro « scritture dell’io ». Non si vuole qui negare la coraggiosa scelta di individui e famiglie che difesero le proprie convinzioni senza esitare a mettere a rischio benessere economico e sociale, cariche e impieghi, patrimoni35. Si vuole tuttavia sottolineare che gli esuli per lo più non furono soli (come spesso si rappresentano, nelle loro crisi di nostalgia) nel paese di accoglienza, dove non solo erano inseriti nelle reti transnazionali di sostegno e solidarietà formate da altri patrioti emigrati e da protettori (e protettrici) dei paesi ospitanti, ma erano sostenuti dai legami con i parenti e gli amici rimasti a casa, e in particolare con le donne, che più agilmente potevano muoversi attraverso i confini tra gli Stati, così come tra le maglie delle amministrazioni borboniche. Il « muro » che separava gli esuli dalla madrepatria e dalle sue istituzioni era per più versi permeabile. La loro povertà, nel periodo qui considerato, ebbe per lo più un carattere relativo, che non compromise, ad esempio, gli studi e lo status dei loro figli e delle loro figlie, ponendoli al riparo dal rischio di declassamento sociale36.

Haut de page

Bibliographie

Banti 2000 = A.M. Banti, La nazione del Risorgimento. Parentela, santità e onore alle origini dell’Italia unita, Torino, 2000.

Banti – Ginsborg 2007 = A.M. Banti, P. Ginsborg, Per una nuova storia del Risorgimento, in Id. (a cura di), Il Risorgimento, Torino, 2007, p. xxiii-xxxviii (Storia d’Italia. Annali, 22).

Bistarelli 2011 = A. Bistarelli, Gli esuli del Risorgimento, Bologna, 2011.

Regno delle Due Sicilie. II = Regno delle Due Sicilie, Codice per lo Regno delle Due Sicilie. II. Leggi penali, Napoli, 1819.

Regno delle Due Sicilie. IV = Regno delle Due Sicilie, Codice per lo Regno delle Due Sicilie. IV. Leggi di procedura ne' giudizi penali, Napoli, 1819.

Coppola 1865 = N. Coppola, Voci di esuli politici meridionali. Lettere e documenti dal 1849 al 1861 con appendici varie, Roma, 1865.

Filippini 2006 = N.M. Filippini (a cura di), Donne sulla scena pubblica. Società e politica in Veneto tra Sette e Ottocento, Milano, 2006.

Giordano 1848 = A. Giordano, Commento sulle leggi civili del Regno delle Due Sicilie. I, sez. II. Privazione dei diritti civili in caso di condanne giudiziarie, Napoli, 1848.

Guidi 2003 = L. Guidi, « …Un carattere forte e severo, ed amoroso insieme ed operoso ». La lunga battaglia di « Gigia » nel Sud risorgimentale, in R. De Lorenzo (a cura di), Risorgimento, democrazia, Mezzogiorno d’Italia, Studi in onore di Alfonso Scirocco, Milano, 2003, p. 596-611.

Guidi 2011 = L. Guidi (a cura di), Il Risorgimento invisibile. Patriote del Mezzogiorno d’Italia, Napoli, 2011.

Olivieri 1907 = G. Olivieri, I Plutino nel Risorgimento nazionale. Cenni biografici corredati da documenti inediti, Campobasso, 1907.

Palamara 2007 = G. Palamara, Pensiero e azione di un democratico meridionale. Giuseppe Ricciardi e l’unità nazionale (1808-1882), Napoli, 2007.

Petrusewicz 1999 = M. Petrusewicz, Giuseppe Ricciardi, ribelle, romantico europeo, in Archivio Storico per le Province Napoletane, CXVII, 1999, p. 235-261.

Porciani 2006 = I. Porciani (a cura di), Famiglia e nazione nel lungo Ottocento italiano. Modelli, strategie e reti di relazioni, Roma, 2006.

Ridamas 1852 = C.I. Ridamas, Saggio storico-critico sulla nuova pubblicazione dell'onorevole G. E. Gladstone relativa al governo delle Due Sicilie, Lugano, 1852.

Romano 1933 = A. Romano, Nuove ricerche sulla vita sentimentale di Carlo Pisacane, in Rassegna Storica del Risorgimento, 1, 1933, p. 51-92.

Rörig 2013 = K. Rörig, Cristina Trivulzio di Belgioioso (1808-1871). Geschichtsschreibung und Politik im Risorgimento, Bonn, 2013.

Russo 2006 = A. Russo, « Nel desiderio delle tue care nuove ». Scritture private e relazioni di genere nell’Ottocento risorgimentale, Milano, 2006.

Russo 2016 = G. Russo, Relazioni di genere e patriottismo femminile. Corrispondenze del Fondo Poerio – Pironti (1848-1860), tesi di laurea, Università degli Studi di Napoli Federico II, a.a. 2015-16.

Settembrini 1892 = L. Settembrini, Ricordanze della mia vita, Napoli, 1892.

Soldani 2007 = S. Soldani, Il Risorgimento delle donne, in A.M. Banti, P. Ginsborg (a cura di), Il Risorgimento, Torino, 2007, p. 183-224 (Storia d’Italia. Annali, 22).

Tripodi 1932 = N. Tripodi, I fratelli Plutino nel Risorgimento italiano. Con particolari cenni alle rivoluzioni locali del 1847-48-60, Messina, 1932.

Vacca 1841 = D. Vacca, Indice generale-alfabetico della Collezione delle leggi e dei decreti per il Regno delle Due Sicilie distinto per materie con ordine cronologico : dall’anno 1806 a tutto il 1840, Napoli, 1841.

Vacca 1858 = D. Vacca, Supplimento all’Indice generale alfabetico della collezione delle leggi e dei decreti per il Regno delle Due Sicilie distinto per materie con ordine cronologico : dall’anno 1846 a tutto il 1852, Napoli, 1858.

Haut de page

Notes

1 Romano 1933, p. 593.

2 La preoccupazione di non essere in grado di dare alle figlie, nell’esilio francese, un’istruzione adeguata a standard nobiliari ricorre spesso nelle lettere alla sorella Elisabetta (Russo 2006). Su G. Ricciardi in esilio vedi anche Petrusewicz 1999, Palamara 2007.

3 Coppola 1865, p. 18.

4 Il ruolo di primo piano delle donne nella solidarietà verso esuli e detenuti politici emerge dalla storiografia degli ultimi decenni. Vedi, tra i molti, Filippini 2006, Guidi 2011, Porciani 2006, Rörig 2013, A. Russo 2006, G. Russo 2016, Soldani 2007. Sul dono patriottico è stato presentato nell’ultimo Congresso della Società Italiana delle Storiche (Pisa 2017) un panel coordinato da Angelica Zazzeri.

5 Tale dicastero viene generalmente indicato come « Alta Polizia ».

6 Vacca 1841 e Vacca 1858.

7 Anche se nel mio testo uso indifferentemente i termini « emigrati » ed « esuli » il linguaggio giuridico del Regno distingue l’emigrato che si allontana volontariamente, per lo più per sottrarsi a una pena o a un processo, da chi ha subito una vera e propria condannati all'esilio (Regno delle due Sicilie, II, Napoli, 1819, cap. I, art. 13).Il codice penale distingue l'esilio perpetuo da quello temporaneo (5-20 anni). Altra pena è la relegazione su un'isola (art.12) per 6-10 anni. L'esilio « correzionale » è definito dal Cap. II, art. 25 del codice penale e consiste nell'allontanamento di 6 miglia almeno dal proprio domicilio o dal luogo del delitto.

8 Ridamas 1852.

9 Ibid.

10 Ivi, p. 109-110.

11 Ivi, p. 109.

12 Regno delle Due Sicilie, II, cap. III, art. 6.

13 Regno delle Due Sicilie, IV.

14 Se poi l'assente si sottrae alla pena di morte, è dichiarato Pubblico Inimico e (ivi, art. 475) « qualunque individuo della forza pubblica nel procurarne l'arresto, per qualunque leggiera resistenza anche presunta che il condannato opponesse, potrà impunemente ucciderlo ». Per arresto di contumace vi è inoltre un premio di 50-100 ducati, che salgono a 100-200 se si tratta di Pubblico Inimico. (art. 473). Inoltre per i contumaci viene meno il diritto al ricorso in appello (art. 474).

15 Giordano 1848.

16 Ivi, p. 95.

17 Ivi, p. 96.

18 Ivi, p. 110.

19 Napoli, 1853. La stessa pubblicazione comprende un Quadro di imputati dei reati politici del 15/V/1848 in Napoli, con i risultati di 326 processi, molto interessante per cogliere l'ampio ventaglio sociale a cui appartengono gli imputati.

20 Si dispongono indagini sui rei assenti Pasquale Catalano Consaga [sic !] Duca di Cirella, Michele Farina, Raffaele Cozzolino.

21 ASNa, Arch. Poerio-Pironti, parte (d’ora in avanti : p.) III, busta (d’ora in avanti : b.) 20.

22 ASNa, Arch.Poerio-Pironti, p. III, b.20, fascicolo (d’ora in avanti : f.lo) 15.

23 ASNa, Gran Corte Speciale e Gran Corte Criminale di Napoli. Sentenze, b. 28.

24 Ivi, b.28, f.lo 16.

25 ASNa, AP, b. 38, f.lo 241.

26 Ibid.

27 A. Russo 2006.

28 Olivieri 1907 ; Tripodi 1932.

29 Per questo caso come per i precedenti : ASNa, AP, b.38, f.lo 241.

30 ASNa, AP, b.42, f.lo 296.

31 ASNa, AP, b. 42, f.lo 300.

32 ASNa, AP, b.42, f.lo 304.

33 ASNa, AP, b.42, f.lo 310. L’esposto è datato Napoli, 10 luglio 1850.

34 ASNa, AP, b.42, f.lo 297.

35 Su questo tema di storia culturale sono state stimolanti e innovative le osservazioni di Banti 2000, e di Banti – Ginsborg 2007.

36 Tra i molti esempi che le scritture autobiografiche ci offrono della costante preoccupazione degli emigrati e dei detenuti politici per l’educazione dei figli (maschi e femmine) e della solidarietà su questo tema specifico possiamo ricordare il caso di Raffaele Settembrini (figlio di Luigi e di Raffaella Luigia Faucitano), accolto a Londra da Antonio Panizzi che ne curò gli studi (Settembrini 1892) ; il caso già menzionato degli studi delle figlie di Giuseppe Ricciardi e Clorinda Not, oggetto della sollecitudine economica della zia Elisabetta ; la colletta organizzata dagli esuli piemontesi dopo la spedizione di Sapri a favore di Silvia Pisacane, figlia di Carlo e di Enrichetta di Lorenzo, per pagarne gli studi presso il rinomato Collegio delle Stiviere (Guidi 2011).

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Laura Guidi, « I patrimoni degli emigrati politici e le pratiche repressive dei Borbone. 1848-1860 », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En ligne], 129-2 | 2017, mis en ligne le 03 avril 2018, consulté le 15 décembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/mefrim/3123 ; DOI : 10.4000/mefrim.3123

Haut de page

Auteur

Laura Guidi

Università degli Studi di Napoli Federico II guidi@unina.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals