Navigation – Plan du site
Propriété et politique : exil, séquestres, confiscations dans l'Italie du XIXe / Proprietà e politica : esilio sequestri e confische nel lungo Ottocento italiano
Lombardo Veneto

« Umiliare il ricco refrattario, proteggere il cittadino fedele ». I sequestri austriaci a Venezia tra leggenda nera e prassi burocratica

Pietro Giovanni Trincanato

Résumés

L’articolo fa luce sul problema dei sequestri contro gli esuli politici nel corso del Risorgimento, concentrandosi sul caso di Venezia nel contesto del regno Lombardo-Veneto all’indomani delle rivoluzioni del 1848-49. Ripercorrendo le tappe che portarono all’emanazione dei provvedimenti di sequestro e ricostruendo i passaggi normativi propedeutici alla loro esecuzione, si mira a delineare la struttura amministrativa che si occupò della gestione dei beni, il suo funzionamento interno nella dialettica fra diversi uffici e competenze, l’effettiva efficacia delle misure e, in ultimo, la possibilità per i sudditi veneti di sottrarre al controllo delle autorità i propri patrimoni. Su questo punto, viene approfondito il caso di Angelo Francesco Degli Antoni, stretto amico di Daniele Manin, che facendo parte dei quaranta proscritti del 1849 fu esule tra Parigi e Torino negli anni Cinquanta dell’Ottocento.

Haut de page

Notes de l’auteur

Questo lavoro, che dà conto di ricerche condotte nel corso degli ultimi tre anni presso l’Archivio di Stato di Venezia, sconta un debito di riconoscenza con la dottoressa Claudia Salmini, senza la cui disponibilità e competenza non sarebbe stato possibile ricostruire intere serie archivistiche e rintracciare numerosi pezzi non inventariati.

Texte intégral

Premessa

  • 1 Settembrini 1860.

E quelli che son fuori ? Tutti vorrebbero accordarsi in un consiglio comune e decidere se tornare, se rimanere. Io per me credo che questo accordo generale sia impossibile. Chi può dare un consiglio a tanti esuli ? Dopo dodici anni d’esilio, di miseria, di fame, di dolori di ogni specie, si apre finalmente una porta per tornare a rivedere la cara patria e i parenti e figliuoli, e le madri, ed ogni persona diletta : chi può dire a chi ha tanto sofferto e soffre ancora : Non tornare, e soffri un altro poco : chi torna accetta in parte quello che il popolo con tanto senno ha rifiutato ? Chi può dire : va ed opera, se la Polizia, i Borboni, e i loro cagnotti possono costituzionalmente incarcerare, e scannare chiunque loro capita nelle unghie ?1

1Il 4 luglio 1860, mentre in Sicilia le truppe garibaldine si preparavano a completare la conquista dell’isola espugnando Messina e già si presagiva un prossimo sbarco del Generale nel Mezzogiorno peninsulare, Luigi Settembrini pubblicava sulla Nazione di Firenze un accorato appello ai compatrioti napoletani per spronarli ad aderire alla causa nazionale sotto l’egida di Vittorio Emanuele II, senza cedere alle lusinghe costituzionali dell’ormai traballante re Francesco. In esso particolare attenzione era data alla comunità – alla quale lo stesso autore apparteneva – degli esuli duosiciliani, divisi sull’opportunità di un immediato rientro ma tutti accomunati, nelle parole di Settembrini, da quella « miseria » che dell’esilio era diretta filiazione.

  • 2 « Si, malgré les bons offices du prince d’Araceli, je ne suis pas pendu et que je jouisse jamais d (...)
  • 3 Brice 2014.
  • 4 « Egli è bene restato una dozzina d’anni in esilio, i suoi beni furono sequestrati, i suoi parenti (...)

2Un topos incisivo e di lunga data, quello della povertà degli esuli politici, tanto da entrare precocemente nella letteratura – si pensi, per fare un solo esempio, al rivoluzionario fallito conte Almaviva ispirato a Stendhal dall’amico Domenico Di Fiore, esule napoletano del 17992 – oltre che nell’autonarrazione degli stessi patrioti. Come ha ben mostrato Catherine Brice3, in epistolari e memorie ritorna spesso l’accenno, anche marcato, ai patimenti e alle privazioni subiti a seguito di sequestri e confische, e furono in molti a tentare, dopo l’Unità, di farsi riconoscere quest’esperienza dolorosa come qualificante titolo di merito per ottenere la pubblica riconoscenza e conseguire vantaggi politici : un’inclinazione tanto diffusa da essere stata immortalata da Ferdinando Petruccelli della Gattina in un celebre, caustico autoritratto4.

  • 5 Bistarelli 2011, p. 12.
  • 6 Risulta difficile dar qui conto per intero di questa vasta messe di pubblicazioni. Si segnalano tu (...)
  • 7 Sulle « generazioni risorgimentali » si vedano Della Peruta 1998, Balzani 2000 e De Francesco 2008
  • 8 Audenino 2013, p. 19-21.
  • 9 Rao 1992, p. 253-263, Furiozzi 1979, p. 16 e De Fort 2003, p. 658-659.
  • 10 Esemplare, in questo senso, il caso di Daniele Manin e delle lezioni di lingua italiana impartite (...)

3Esperienza cardine nell’elaborazione della simbologia nazionale del Risorgimento5, il fenomeno dell’esilio è stato oggetto, in tempi recenti, di un rinnovato interesse da parte degli studiosi, concentratisi soprattutto sugli itinerari e le destinazioni finali, sulle reti di sociabilità e solidarietà, sui riferimenti culturali, sui modelli politici e sulla circolazione delle idee di quanti, a partire dal triennio rivoluzionario, abbandonarono forzatamente o volontariamente i propri stati d’appartenenza per ragioni eminentemente politiche6. Le nuove prospettive di ricerca non hanno mancato di sottolineare come la componente economica abbia costituito un elemento cruciale : il tema della miseria degli esuli costituì da subito non solo un motivo ricorrente, ma pure un elemento in qualche modo unificante, poiché le sfortune economiche accomunavano – seppure con le evidenti differenze, spesso volontariamente messe in secondo piano – tanto gli esponenti dell’élite, che avevano perduto la disponibilità dei propri patrimoni, quanto la massa, sempre più numerosa a partire dai moti del 1820-217, di quanti erano stati espulsi o erano fuggiti a seguito del fallimento di tentativi rivoluzionari « abbandonando il proprio impiego e spesso perdendo, per poco o per sempre, la possibilità di sfruttare le proprie competenze »8. Di qui il fiorire, nei diversi paesi d’accoglienza, d’iniziative per garantire agli esuli sussidi economici e sovvenzioni, spesso misurati sulla base dell’estrazione sociale per garantire agli esponenti delle classi agiate di non perdere, lavorando, il proprio status originario9 ; di qui anche la tendenza a considerare l’indigenza come complemento necessario nel bagaglio del « martirio » dei patrioti, un passaggio necessario per elevare ulteriormente il valore del loro sacrificio che contribuiva, durante la permanenza all’estero, ad attirare nuovi sostenitori alla causa nazionale10.

  • 11 De Fort 2003, p. 679 e Romeo 2011, p. 754.
  • 12 Si pensi, a solo titolo di esempio, agli scritti di Bianchi Giovini 1853, p. 399-431 e Meneghini 1 (...)
  • 13 Restano tuttavia riferimenti indispensabili per tracciare un quadro generale almeno Sandonà 1912, (...)
  • 14 La documentazione è custodita presso l’Archivio di Stato di Venezia (d’ora in avanti ASVe) nei fon (...)

4È a questo composito quadro, frutto dell’intreccio fra reali condizioni di privazione e necessità propagandistiche, che pare opportuno ricondurre la complessa vicenda dei sequestri operati dalle autorità austriache nel regno Lombardo-Veneto all’indomani delle rivoluzioni quarantottesche. Immediatamente qualificati come l’espressione massima del cieco autoritarismo che permeava nel profondo il governo di Vienna, dal momento stesso della loro attuazione i sequestri si trasformarono in un potente volano politico soprattutto per i settori più moderati del patriottismo e per il gabinetto di Torino, decisi a dare la massima visibilità possibile a un atto che, nel violare alcuni degli assi cardinali della cultura giuridica liberale, dal diritto di proprietà alla responsabilità della pena, doveva suscitare l’indignata reazione dell’opinione pubblica internazionale11. L’utilizzo – e talvolta l’abuso – dell’argomento dei sequestri nella polemica antiaustriaca degli anni Cinquanta e Sessanta ha finito così per occultare la vicenda in sé12, impedendo di conoscere quali siano stati, al netto delle spesso iperboliche ricostruzioni dei pubblicisti, il reale impatto di queste misure sulla vita sociale ed economica del Lombardo-Veneto, l’entità dei patrimoni colpiti e le modalità di gestione, infine l’efficacia effettiva dei provvedimenti. Questo anche a causa della carenza di studi specifici sull’amministrazione finanziaria austriaca in Italia nel corso della « terza dominazione »13, nonché della disagevole reperibilità della documentazione, che nel caso veneto – al quale è dedicato questo studio – risulta abbondante quanto disordinata e, non di rado, addirittura inaccessibile14. Più nello specifico, in questa sede ci si concentrerà sul caso di una delle due capitali del regno, Venezia, che per un’articolata serie di ragioni costituisce uno scenario peculiare nell’ambito del fenomeno dei « sequestri », pur condividendo con il caso lombardo – per l’approfondimento del quale si rimanda al contributo di Michele Cattane in questa stessa sede – il quadro normativo e il contesto istituzionale.

Tra esitazioni e fughe in avanti : i provvedimenti di sequestro

  • 15 Proclama n. 81, 30 dicembre 1848. Tutti i riferimenti normativi, salvo laddove esplicitato, sono d (...)
  • 16 Proclama n. 22, Sesto 1° agosto 1848 e Manifesto, Vienna 20 settembre 1848.
  • 17 Meriggi 1987, p. 350.
  • 18 La nomina a Governatore generale militare e civile del regno sarebbe giunta solo il 16 ottobre 184 (...)
  • 19 Ibidem, p. 351-353.
  • 20 Sul Tribunale militare in Este si vedano Brunello 1981, p. 214-216 e Pedani 1986.
  • 21 Meriggi 1987, p. 353.
  • 22 Sovrana Patente, Vienna 24 marzo 1832, §11.
  • 23 Pur in presenza di stime assai variabili e contraddittorie fra loro, si calcola che i fuoriusciti (...)
  • 24 Meriggi 1987, p. 354 e 362.
  • 25 Su questa essenziale figura dell’amministrazione austriaca si veda il ricco studio, seppur limitat (...)
  • 26 Circolare dell’I. R. Delegazione Provinciale, Milano 12 marzo 1849.
  • 27 Notificazione n. 314 dell’I. R. Governo Militare, Milano 14 gennaio 1849. L’Avviso n. 730 del 14 s (...)
  • 28 Gli elenchi ufficiali enumeravano ovviamente soltanto sudditi maschi.
  • 29 Colombo 1930, p. 560 e ancora De Fort 2003, p. 654.
  • 30 Un futuro, auspicabile spoglio sistematico di tutta la documentazione relativa ai sequestri, possi (...)

5A partire dal 30 dicembre del 1848 le autorità militari del Lombardo-Veneto avevano diffuso in tutte le provincie del regno proclami e notificazioni nei quali si intimava a tutti coloro che risultavano « a motivo degli sconvolgimenti politici illegalmente assenti all’Estero » di far ritorno negli stati asburgici entro la fine del gennaio 1849, a pena, in caso contrario, di incorrere nelle conseguenze previste dalla legislazione austriaca per gli emigrati senza autorizzazione15. Questa richiesta, che seguiva di qualche mese i provvedimenti di amnistia per i reati politici emanati il 1° di agosto e il 20 di settembre 184816, non dev’essere letta come un atto di clemenza nei confronti della popolazione lombardo-veneta, poiché si inscriveva in un più vasto disegno di normalizzazione condotto dal vincitore di Novara al momento del ritorno a Milano. Forte di un’autorità e autonomia pressoché assolute17, e dotato di poteri ancora indefiniti18, il feldmaresciallo era determinato a punire pesantemente i sudditi ribelli e, fra questi, in modo particolare gli esponenti dell’aristocrazia e della borghesia, nella convinzione che a queste classi sociali andasse addebitata l’insurrezione contro le autorità imperiali19. Nel contesto dello « stato d’assedio », che perdurò sino al 1854, l’amministrazione austriaca fece largo ricorso al « giudizio statario » e alla giustizia straordinaria20, aumentò drasticamente il peso fiscale attraverso l’accrescimento dell’imposta fondiaria, contribuzioni straordinarie e prestiti forzosi21 e ripristinò, appunto, lo strumento del sequestro dei beni, riportando in auge una Sovrana Patente del 24 marzo 1832 nella quale veniva sancito che « il patrimonio dell’emigrato senza autorizzazione […] viene in ogni caso sequestrato durante la sua vita, senza pregiudizio dei diritti e degli obblighi inerenti, come pure degli alimenti che dall’emigrato fossero dovuti »22. Ad eccezione degli aumenti del peso fiscale – surrettiziamente finalizzati a risarcire i costi dell’insurrezione – il carattere di tali provvedimenti, che contribuirono a minare irreparabilmente i rapporti fra il governo imperial-regio e la società delle provincie italiane dell’impero, era di natura intimamente politica mirando, nel caso dei sequestri, non tanto a rimpinguare le finanze pubbliche gravando sui patrimoni privati quanto a costringere quanti avevano lasciato il regno per ragioni politiche23 a rientrare sotto il controllo delle autorità austriache non già per essere sottoposti a giudizio – donde l’amnistia – ma per inibire qualsiasi tentativo di cospirazione dall’estero e, nel caso frequente di mancato rientro, per impedire che le fortune possedute nel regno potessero alimentare simili progetti. Una misura estesa e generalizzata, dunque, e non finalizzata a colpire i soli membri dell’aristocrazia e dell’alta borghesia che, è pur vero, ne subirono le conseguenze in maniera più gravosa24 ; a partire dalla città di Verona – strettamente controllata in quanto sede del comando militare e, con esso, del potere politico – tra la fine del 1848 e il marzo del ‘49 vennero elaborate lunghe liste di assenti sulla base delle segnalazioni via via pervenute dai Commissariati distrettuali25, cui era demandato anche il compito di elaborare gli elenchi dei « giovani che si ritiene essersi allontanati senza autorizzazione dal loro domicilio e recatisi all’Estero per entrare al servizio militare contro l’Austria »26. Ne derivò un inventario, distinto sulla base delle provincie di appartenenza, di oltre duemila sudditi assenti illegalmente, categoria nella quale ricadevano, come specificava notificazione del gennaio 1849, anche coloro che erano partiti con passaporti rilasciati dal Governo Militare27, oltre a un cospicuo gruppo di militari disertori. Una cifra che, pur integrata dal conteggio – impossibile a farsi – delle famiglie che con i fuggiaschi erano partite28, non si avvicina minimamente alle citate stime sui profughi lombardo-veneti29, ma non per questo priva di significato, anche al di là delle naturali riflessioni sulla distorsione delle cifre per fini propagandistici e sulla probabile imprecisione delle rilevazioni delle autorità austriache30. Il fatto stesso che un numero così alto di cittadini fosse interessato dai provvedimenti conferma infatti l’ambiziosità del programma repressivo austriaco, che finì per coinvolgere un segmento della popolazione ben più ampio rispetto a quelli dell’élite economica e sociale o dei principali agitatori politici.

  • 31 Proclama n. 34, Milano 12 agosto 1849.
  • 32 Proclama n. 35, Milano 18 agosto 1849.
  • 33 Proclama n. 34, Milano 12 agosto 1849.

6Nonostante l’insistenza con la quale furono diffusi gli editti di richiamo, la loro efficacia si rivelò piuttosto deludente poiché la promessa di poter « liberamente ed impunemente ritornare nel regno » era stata giudicata da molti così poco attendibile da costringere Radetzky a dilatare progressivamente la finestra temporale per il rientro sino alla fine del mese di settembre, e a ribadire, nell’agosto 1849, che i sudditi ancora esuli non dovevano prestare credito a « gente torbida e proterva, che non cessa di malignare e di travisare il generoso e leale procedere del governo »31, facendo seguire tale sollecito dalla comunicazione, pochi giorni più tardi, della nuova grazia concessa dall’imperatore Francesco Giuseppe appena salito al trono per tutti i delitti politici del biennio rivoluzionario32, escludendo da questi atti di clemenza, oltre ad alcune specifiche fattispecie penali, un elenco di ottantasei irredimibili in ragione di una « ingiustificabile perseveranza nelle mene rivoluzionarie »33. E Venezia, naturalmente.

  • 34 Candeloro 1990, p. 22 e Ginsborg 2007, p. 409-411.
  • 35 Proclama di S.E. il Feldmaresciallo conte Radetzky in data 14 agosto 1849.
  • 36 Del Negro 2002, p. 167-168.
  • 37 Proclama del Luogotenente per le provincie venete, barone Puchner, Venezia 7 marzo 1850.
  • 38 Notificazione dell’I. R. Luogotenenza per le provincie venete, Venezia 7 marzo 1850.
  • 39 Notificazione dell’I. R. Luogotenenza di Lombardia, Milano 12 marzo 1850.
  • 40 Martin 1859, p. 354.
  • 41 Notificazione dell’I. R. Luogotenenza di Lombardia, Milano 12 marzo 1850.

7Al momento della pubblicazione dei proclami, infatti, Venezia e le sue dipendenze erano ancora impegnate in una ostinata resistenza che si sarebbe conclusa a pochi giorni di distanza, il 24 agosto, con la capitolazione dell’ultimo focolaio rivoluzionario nelle mani del generale di cavalleria Gorzkowsky34. Conclusa l’esperienza della Repubblica di San Marco, partito Daniele Manin con i trentanove maggiorenti del governo rivoluzionario condannati all’esilio e « tutte le persone senza distinzione, che vogliono lasciare la città per la via di terra o di mare »35, gli abitanti del capoluogo veneto venivano raggiunti da tutti quei provvedimenti fortemente repressivi che già da mesi interessavano il resto dei sudditi asburgici in Italia36. Seguirono, inevitabilmente, seppure con un certo ritardo, anche i proclami relativi all’emigrazione illegale e ai conseguenti sequestri37, che nel marzo 1850 tornarono a rappresentare un tema di primo interesse per un governo imperial-regio ormai stanco di concedere dilazioni agli esuli38 : se in tutte le altre provincie del regno si disponeva il sequestro dei beni mobili e immobili dei sudditi assenti senza autorizzazione39, per Venezia, in considerazione della tardiva riconquista, veniva fissato un nuovo termine alla fine di aprile per il libero rientro dei profughi, fatta salva naturalmente l’esclusione dall’atto di clemenza dei militari traditori e dei quaranta del « libro d’oro » della resistenza veneziana40. Attenendosi alla lettera della notificazione, costoro avrebbero dunque visto, a partire dal 12 marzo, le proprie sostanze sequestrate ed « egualmente nulle e come non avvenute tutte le contrattazioni e tutti i vincoli che si facessero, o s’imponessero da quest’oggi in poi sulle dette sostanze »41 al pari di tutti gli altri sudditi lombardo-veneti – veneziani esclusi – che ancora rifiutavano di far ritorno entro i confini dell’Impero. Ma alle parole non seguirono i fatti.

  • 42 Sul neoassolutismo asburgico il riferimento è a Brandt 1978 ; Mazohl Wallnig 1993, p. 32-37 ; Berg (...)
  • 43 Del Negro 2002, p. 169-170.
  • 44 Diffusa nel Veneto dal luogotenente von Toggenburg con la Notificazione della Luogotenenza del 18 (...)
  • 45 Ivi.
  • 46 Meriggi 1987, p. 356.
  • 47 In questo vero e proprio conflitto di giurisdizione, controparte del governatore generale del regn (...)

8A partire da questo momento, la linearità con la quale sino ad allora il governo civile e militare aveva agito nel condurre la propria azione repressiva riorganizzando il regno sulla scorta di quel « neoassolutismo »42 che mirava a una « modernizzazione autoritaria dell’Impero »43, iniziò progressivamente a incrinarsi, prendendo le forme di atteggiamenti ondivaghi presto seguiti da provvedimenti contraddittori che, nel caso specifico dei sequestri, mostrano l’amministrazione austriaca in preda a una vera e propria schizofrenia normativa all’interno della quale non è sempre facile orientarsi. Primo sintomo di tale tendenza, la Sovrana Risoluzione del 29 dicembre 185044 con la quale, a meno di un anno di distanza dai duri provvedimenti che avevano reso esecutivi i sequestri, il governo di Vienna tornava improvvisamente sui suoi passi revocando le azioni contro i patrimoni – invero mai intraprese – e addirittura modificando alla radice lo status giuridico degli esuli, i quali dovevano ora « considerarsi e trattarsi come emigrati, e sciolti per conseguenza dal vincolo della sudditanza austriaca »45. Appare opportuno interpretare questo notevole arretramento, che eliminava alla radice tutti i provvedimenti di sequestro fino ad allora comunque rimasti lettera morta, alla luce della dialettica allora in corso all’interno degli stessi apparati dell’impero, che videro un aperto scontro tra la « cricca militare » di Radetzky46, pressoché onnipotente nella gestione del regno Lombardo-Veneto, e l’amministrazione civile sostenuta in prima persona dai ministri von Buol (esteri) e von Bach (interno), i quali solo a partire dal 1853 riusciranno a contenere l’esuberanza del governatore generale47 per poi liquidarlo definitivamente quattro anni più tardi. Un lasso di tempo che, non è forse un caso, coincide esattamente con la parabola dei sequestri in Lombardia e in Veneto.

Il funzionamento della macchina amministrativa

  • 48 Ancora Meriggi 1987, p. 361.
  • 49 Proclama n. 27, Verona 11 febbraio 1853.
  • 50 Anche se è eccessivo considerare i sequestri l’« idea fissa » di Radetzky (Ronchi 1995, p. 241), è (...)
  • 51 Proclama n. 27, Verona 11 febbraio 1853.
  • 52 Proclama n. 29, Verona 18 febbraio 1853.
  • 53 La Sovrana Risoluzione 29 luglio 1850 aveva istituito due Prefetture delle finanze, a Milano e a V (...)
  • 54 Proclama n. 29, Verona 18 febbraio 1853.

9A dispetto della brutale repressione portata avanti da Radetzky, un certo fervore politico, che prese le forme di comitati clandestini, opere di agitazione e modesti tentativi d’insurrezione di matrice democratica e mazziniana, continuò a percorrere il Lombardo-Veneto nei primi anni Cinquanta dando origine a una serie di episodi – l’esecuzione di Sciesa, Dottesio e Grioli nel ’51, quella dei « martiri di Belfiore » nel ’52 e il rapido soffocamento del moto milanese dei « Barabba » nel ‘53 – che a dispetto del debole impatto sulla vita interna del regno si sarebbero rivelati gravidi di pesanti conseguenze politiche48. L’iniziale, controllata reazione delle autorità civili alla fallita insurrezione del 6 febbraio – un manifesto nel quale si deplorava l’accaduto – fu infatti seguita a stretto giro da una nuova iniziativa di Radetzky, che negli abortiti progetti di rivolta vedeva confermata la propria convinzione che i sudditi « si lasciano terrorizzare dall’infame partito del sovvertimento, anziché mettersi lealmente ed apertamente dalla parte del Governo Imperiale »49 nonché un’eccezionale occasione per riportare in auge le misure di sequestro accantonate qualche anno prima,50 immediatamente introdotte per i « complici in qualsiasi modo di conati di alto tradimento »51 e, due giorni dopo, estese a tutti gli individui che erano stati dichiarati emigrati legalmente nel dicembre 1850 oltre, naturalmente, a quelli esclusi dall’amnistia52. Richiedendo a Vienna una disposizione di questa portata, che ignorava deliberatamente la nuova cittadinanza, perlopiù sarda, acquisita dagli esuli beneficiati dalla risoluzione del ’50, Radetzky metteva in moto una complessa macchina burocratica che, giovandosi della riorganizzazione amministrativa nell’impero di quegli anni53, avrebbe finalmente provveduto a limitare le « perniciose influenze degli emigrati, ed a togliere loro i mezzi, coi quali essi cercano di tenere gli abitanti di questo Regno in continua inquietudine e timore »54. Ma, senza averne coscienza, apriva anche un vulnus che, provocando gravi conseguenze sul piano internazionale, di lì a qualche anno avrebbe sancito il suo definitivo declino.

  • 55 ASVe, Commissione mista pel sequestro beni degli esiliati, b. 3, Circolare alle delegazioni provin (...)
  • 56 Dagli elenchi a stampa, pubblicati anche in questo caso a più riprese, si ricava un numero totale, (...)
  • 57 Proclama n. 27, Verona 11 febbraio 1853.
  • 58 Si pensi, ad esempio, ai notai : il caso di Carlo Gualandra, del quale anche Degli Antoni si servi (...)
  • 59 ASVe, Commissione mista, b. 3, Circolare alle delegazioni provinciali n. 1147.
  • 60 Ivi.
  • 61 Per le indagini sugli assenti illegali e i loro patrimoni si mobilitarono tutte le strutture decen (...)
  • 62 In essa si specificava che, trattandosi di sequestri cautelativi e non di confische, non sarebbe s (...)
  • 63 ASVe, Commissione mista, b. 3, Circolare alle delegazioni provinciali n. 1147, Dispaccio n. 1550 e (...)
  • 64 ASVe, Commissione mista, b. 3, N. 592. Questi frequenti cambiamenti di rotta nella gestione delle (...)

10Non appena venne diffusa la Sovrana Risoluzione del 13 febbraio che reintroduceva i sequestri per gli esuli, a Venezia sotto l’impulso di von Toggenburg l’amministrazione austriaca si attivò per « mettere in esecuzione le Superiori disposizioni, e garantirne l’effetto » : si trattava di un compito complesso che vedeva al centro le Delegazioni provinciali, uffici dipendenti direttamente dal governo incaricati delle questioni politico-amministrative nei diversi capoluoghi, e che presupponeva la collaborazione di queste con numerosi altri gangli dell’apparato austriaco in ambito civile, militare e giudiziario55. Si trattava, in primo luogo, di identificare i destinatari delle azioni di sequestro compilando, di concerto con l’I. R. Comando militare, nuovi elenchi degli assenti illegali da affiancare a quelli, ben noti, dei proscritti del ’49, che sarebbero stati stampati e diffusi in tutte le città del regno56. Un’operazione lunga, che non poteva basarsi soltanto sulle rilevazioni mai aggiornate effettuate dalle autorità provinciali qualche anno prima, e che rischiava di rallentare inutilmente il lavoro dell’amministrazione dando tempo ai sudditi assenti di organizzarsi per tutelare i propri patrimoni ; sarebbe stato un ritardo intollerabile, e per questo si invitava il delegato a procedere immediatamente verso tutti coloro che, anche in assenza di elenchi, risultassero alle autorità compresi nelle due fattispecie di profughi politici. Per far fronte a un’ulteriore preoccupazione – già resa evidente dalla durezza con la quale Radetzky aveva minacciato « di punire severissimamente coloro che avessero da rifiutarsi senza gravissimi motivi alla esecuzione di un simile sequestro »57 – derivata dal fatto che le vittime dei sequestri avrebbero potuto trovare sostegno in qualche ramo dell’amministrazione o in altri pubblici ufficiali58, il luogotenente si preoccupò di segnalare a tutti i Tribunali d’Appello il divieto di dar corso a contratti aventi al centro i patrimoni degli esuli, invitando la Delegazione a informare anche la Prefettura del Monte di Milano e tutti i Commissariati distrettuali della proibizione59. Infine, la Delegazione avrebbe dovuto convocare agenti e amministratori degli assenti illegali per raccogliere da questi un inventario dettagliato dei beni – compresi « registri, libri, carte »60 – al fine di inoltrarlo al Comando in attesa di procedere all’istituzione della Commissione di sequestro vera e propria. La nuova, effimera istituzione aveva giurisdizione sull’intera area veneta, e si componeva di un ufficiale dell’armata imperial-regia e di un commissario civile, indicato dalla Delegazione, la quale era anche tenuta a mettere a disposizione tutti gli impiegati contabili necessari ; alla commissione era assegnato il compito di censire la totalità degli assi patrimoniali, anche svolgendo una sorta di « attività inquirente » in maniera indipendente61, nonché quello di nominare i sequestratari, coloro cioè che avrebbero dovuto occuparsi dell’amministrazione quotidiana dei beni, ancora regolata da una circolare del 185062. Se in principio fu suggerito di addossare tale mansione alle locali Intendenze di Finanza, a stretto giro un dispaccio di Radetzky ordinò l’affidamento ad « appositi sequestratarj »63, venendo poco dopo nuovamente smentito da un ordine che riportava l’autorità alle intendenze somministrando minuziose istruzioni sulla redazione dei prospetti, la gestione delle somme contanti, dei crediti, le locazioni da assegnarsi tramite asta, ecc.64.

  • 65 ASVe, Commissione mista, b. 3, n. 179 e 361. Della Commissione mista facevano parte il capitano Ar (...)
  • 66 Della Peruta 1997, p. 266.
  • 67 ASVe, Commissione mista, b. 2. Risultano almeno altri ventitré civili, mentre non compaiono venezi (...)
  • 68 ASVe, Commissione mista, b. 2, Elenco n. 35, 4 marzo 1853.
  • 69 ASVe, Commissione mista, b. 2 : si trova qui una serie di prospetti delle proprietà censite delle (...)
  • 70 In particolare i patrimoni Gritti, Morosini, Avesani e, seppure in misura minore, anche Degli Anto (...)

11Dopo i primi mesi, che videro in attività una commissione esclusivamente militare, tra il 13 e il 19 maggio 1853 la Commissione mista raccolse il testimone65, avviandosi a completare il lavoro di raccolta delle informazioni sui beni da sequestrare. E da un punto di vista operativo, il procedere della Commissione e di tutti gli apparati interessati dai sequestri sembra confermare l’idea di un’amministrazione austriaca « lenta e farraginosa »66 : convulsi scambi di comunicazioni fra uffici centrali e periferici, informazioni e funzioni ridondanti, miriadi di eccezioni finirono per indebolire le misure punitive, sino a minarne quasi completamente l’efficacia. Nonostante la presenza di altri assenti illegali – invero non numerosissimi67 – nel territorio di Venezia, l’attenzione della burocrazia asburgica si concentrò primariamente sui quaranta esiliati, o più precisamente sulla parte di essi che possedeva beni nel capoluogo68, stimandone minuziosamente il patrimonio69. Una scelta sicuramente motivata dalla maggiore pericolosità, almeno potenziale, di questo gruppo di esuli, oltre che dall’alto valore di alcune « ditte »70, ma forse causata anche dal fatto che numerosissimi erano affluiti, dopo la pubblicazione dei primi elenchi di emigrati illegali, i ricorsi, che già nel 1854 erano sfociati in provvedimenti di scioglimento.

  • 71 ASVe, Atti restituiti dall’Austria, Commissione liquidatrice delle pretese sopra le sostanze seque (...)
  • 72 ASVe, Commissione mista, Protocollo degli esibiti.
  • 73 Valgano, a solo titolo di esempio, ASVe, Commissione mista, b. 3, Editto 6 settembre 1853 e ASVe, (...)
  • 74 ASVe, Commissione mista, b. 3, Editto, Venezia 6 settembre 1853.
  • 75 ASVe, Atti restituiti dall’Austria, Commissione liquidatrice delle pretese sopra le sostanze seque (...)

12Conclusasi la monumentale ricognizione sui patrimoni degli esuli, alla Commissione mista succedette la Commissione liquidatrice delle pretese sopra le sostanze dei profughi politici71, di nuova creazione e destinata a restare in attività fino al 6 giugno 1855, quando i suoi compiti vennero assegnati alla Delegazione provinciale72. Dal settembre 1853 la Commissione liquidatrice ebbe il compito di diramare gli editti per le insinuazioni man mano che nuovi esuli venivano individuati e sottoposti a sequestro73, concedendo a tutti coloro che potessero vantare diritti sui patrimoni sequestrati un lasso di novanta giorni per far valere le proprie pretese74. Una volta vagliate le richieste, con iter non sempre lineari, esse venivano poi registrate nei prospetti economici tenuti dall’Intendenza di Finanza75.

L’efficacia dei provvedimenti : il caso di Angelo Francesco Degli Antoni

  • 76 ASVe, Delegazione Provinciale, Presidiale, Atti presidiali e riservati, b. 152, 1853. Atti riserva (...)
  • 77 ASVe, Commissione mista, b. 3, Circolare alle delegazioni provinciali n. 1147.
  • 78 Le Intendenze di Finanza investirono molta energia nel provare a rintracciare tutti i cespiti dei (...)
  • 79 ASVe, Presidenza, Atti, b. 113, Governatorato generale di Verona sull’eredità fratelli Benvenuti, (...)
  • 80 ASVe, Presidenza, Atti, b. 116, Insinuazione della Prebenda Arcidiaconale della Cattedrale di Vice (...)
  • 81 ASVe, Prefettura delle Finanze, Atti, b. 436, Sulla liquidazione e riparto delle spese generali oc (...)
  • 82 Tra i numerosi casi, si vedano ASVe, Prefettura, b. 437, I. R. Luogotenenza Veneta interessa perch (...)
  • 83 ASVe, Presidenza, Atti, b. 116, Rapporto da inoltrarsi al dicastero supremo di Controllo sopra le (...)

13Nell’ambito di questo articolato organismo, accanto alle due commissioni, costituite ad hoc e vocate essenzialmente alle operazioni preliminari relative ai sequestri, operavano infatti altri uffici dell’amministrazione austriaca a Venezia, deputati alla gestione ordinaria dei beni, a vagliare i diritti di terzi su di essi e a dirimere eventuali controversie. Oltre alla Delegazione provinciale, che era stata incaricata di allestire la « macchina dei sequestri » e deteneva, in virtù della propria autorità sul governo interno, la facoltà di notificare ed eseguire materialmente i sequestri76, le già menzionate Intendenze, incaricate della rendicontazione e della conduzione quotidiana, ma prive di responsabilità per quanto concerneva « ogni spesa straordinaria, l’incasso dei capitali, rendite, permute, affrancazioni, fabbriche, riparazioni radicali, e la disposizione di tutti gli introiti non necessari all’andamento dell’ordinaria amministrazione »77. Entrambi questi uffici erano inoltre strettamente vincolati a mantenersi all’interno delle proprie giurisdizioni naturali, limitandosi alla gestione dei beni ricadenti nel proprio territorio e a tentare di coordinarsi con i propri omologhi qualora i soggetti a loro sottoposti – il criterio era la residenza prima della partenza dal regno – possedessero sostanze in altre provincie78. A un quadro così rigidamente impostato si sovrapponevano poi due istituzioni di vertice, una per la branca più spiccatamente politico-amministrativa – la Presidenza della Luogotenenza – l’altra – la Prefettura delle Finanze – per quella economica. Dotate di poteri superiori agli altri uffici in campo, e di una giurisdizione assai più ampia, Prefettura e Presidenza dovevano costituire una sorta di camera di compensazione fra i diversi rami dell’apparato in presenza di situazioni spinose o conflitti di attribuzione, ma si trasformarono presto in una sorta di « tribunale di ultima istanza » al quale finirono per rivolgersi quanti – esuli, loro procuratori, creditori – si erano già scontrati con il diniego degli uffici di più basso rango di fronte alle loro richieste. In questo coacervo burocratico si intrecciavano, all’apparenza senza alcuna gerarchia di importanza, questioni spinose relative a tentativi di eludere i provvedimenti di sequestro attraverso testamenti79 e questioni minime relative a consuetudini antiche80, tutte trattate – a dispetto di quanto sostenuto dai detrattori del governo asburgico – con estrema moderazione, senza tentativi di prevaricazione : relativamente ai beni sequestrati, anzi, l’apparato austriaco si dimostrò un amministratore giudizioso e oculato81, garantendo ai parenti o e ai creditori degli esuli gli assegni e i vitalizi loro spettanti82 e assicurando scrupolosamente una contabilità separata ai singoli patrimoni per evitare che le passività degli uni fossero ricoperte dagli attivi degli altri83.

  • 84 Assai scarsi sono i riferimenti biografici su Degli Antoni, del quale non è certa nemmeno la data (...)
  • 85 Vanzan-Marchini 2015, p. 91-97.
  • 86 BMC, Manin, Pellegrini, b. 2, Lettere del 2 e 29 maggio 1852.
  • 87 BMC, Manin, Pellegrini, b. 43, Lettere 22 febbraio 1857, 16 ottobre 1857 e 1 aprile 1858, e anche (...)
  • 88 Per il riconoscimento del vitalizio dovuto da Degli Antoni alla zia, Teresa Caserza, cfr. ASVe, Pr (...)
  • 89 BMC, Manin, Pellegrini, b. 163, contratto del 29 aprile 1851. Il contratto di vendita, rogato dal (...)
  • 90 Vedi supra, nota 45.
  • 91 BMC, Manin, Pellegrini, b. 163, polizza del 30 aprile 1851. In caso di morte di Degli Antoni, un a (...)
  • 92 BMC, Manin, Pellegrini, b. 163, contratto del 29 aprile 1851 e ASVe, Presidenza, Atti, b. 117.
  • 93 Le vendite simulate furono uno degli espedienti più ricorrenti per sfuggire ai sequestri, come dim (...)
  • 94 ASVe, Presidenza, Atti, b. 117.
  • 95 Ivi.

14La vicenda di Angelo Francesco Degli Antoni, personaggio attivo, seppure in secondo piano, nella Repubblica del 1848-49 e intimo amico di Manin negli anni dell’esilio, è in questo senso particolarmente significativa, e consente di osservare da vicino tanto il procedere dell’amministrazione in materia di sequestri, quanto le strategie messe in campo dagli esuli per sottrarsi – con successo, in questo caso – ad essi84. Inserito fra i quaranta proscritti, Degli Antoni era proprietario di un lussuoso stabilimento di bagni termali a San Samuele85 adiacente a palazzo Grassi che ne costituiva il principale cespite, se è vero che anche negli elenchi ufficiali del governo il suo nome era sempre seguito dall’indicazione « Proprietario dello stabilimento bagni ». Al momento della partenza da Venezia egli aveva affidato l’amministrazione del proprio patrimonio a Teresa Gattei, titolare di una tipografia non lontana dallo stabilimento dei bagni, la quale negli stessi anni si sarebbe occupata anche della vendita della biblioteca di Manin86. Implicata in una turbolenta vicenda amorosa con lo stesso Degli Antoni, che secondo le malelingue la condurrà al suicidio – avvenuto in realtà per gravi problemi economici87 – la Gattei fu riconosciuta come amministratrice del patrimonio dell’esule dalle autorità austriache, e con queste condusse, dal 1853 al 1857, una lunga serie di trattative per veder riconosciuti i diritti di Degli Antoni verso i suoi creditori e nei confronti della famiglia88. Questi ultimi costituivano però interessi marginali e minori per l’esule, che dopo la partenza da Venezia, ma prima dell’inasprirsi della stretta repressiva di Radetzky, si era premurato di tutelare la propria fortuna attraverso un escamotage incentrato sulla più preziosa delle sue proprietà, lo stabilimento dei bagni appunto. Nell’aprile del 1851, da Torino, Degli Antoni aveva stipulato, attraverso l’intermediazione della Gattei, un contratto di vendita con le Assicurazioni Generali di Trieste con il quale cedeva, oltre ad un palazzetto nella parrocchia di San Giovanni in Oleo (o Nuovo), l’intero stabilimento e gli stabili – compreso il palazzo affacciato sul Canal Grande – che lo ospitavano89. Una vendita già in sé problematica, se si considera che a quella data – e senza interruzioni sino alla revoca definitiva dei provvedimenti – il patrimonio di Degli Antoni doveva essere, almeno sulla carta, integralmente posto sotto sequestro, in virtù della sua esclusione dall’amnistia90. Ma che lo era doppiamente se si considera che della cifra pattuita per la vendita, 122.349, 48 lire austriache, una parte sostanziosa, 97.456, 68 lire, era destinata a finanziare una polizza assicurativa che avrebbe garantito all’esule un vitalizio di 7200 lire annue versate dalla compagnia in trimestri anticipati91. Una partita di giro, insomma, finalizzata a eludere i provvedimenti austriaci e, soprattutto, a contrastarne lo spirito assicurando a un profugo politico proprio quelle risorse che il governo imperial-regio voleva congelare, tanto più che la somma, ufficialmente versata dalla compagnia a Degli Antoni tramite il suo ufficio di Torino, rimase direttamente nelle disponibilità delle Generali per coprire la spesa del vitalizio92. Questo stratagemma, che non costituiva un vero e proprio contratto simulato ma molto gli somigliava93, non poteva non risultare sospetto agli occhi delle autorità austriache, che infatti il 23 agosto 1851, con un decreto del Commissario distrettuale di Venezia, rifiutarono di registrare la voltura dei beni richiesta dalle Assicurazioni generali94. Ne derivò una lunga controversia, che due anni dopo non aveva ancora trovato soluzione, anche a causa del continuo rimpallarsi della responsabilità fra le numerose autorità incaricate dei sequestri ; così, il 5 febbraio 1853 la direzione dell’istituto si rivolse alla Delegazione provinciale, la quale acquisita la documentazione segnalò di rivolgersi alla Commissione liquidatrice95. A questo ufficio le Assicurazioni si rivolsero il 29 settembre dello stesso anno, ottenendo che la Commissione richiedesse un parere sulla questione ad un consigliere di governo : questi, il 3 febbraio 1854, replicava asseverando la posizione delle Assicurazioni Generali poiché il contratto era stato stipulato « nel momento che il Degli Antonj poteva disporre delle sue facoltà, perché avvenuta prima della Sovrana Risoluzione dei 13 Febbraro 1853 » e in considerazione del fatto che

  • 96 Ivi.

potrebbe è vero sembrare troppo sollecito il pagamento a Torino delle £ 98956,68 che si faceva ai 14 Agosto 1851 cioè soltanto due giorni dopo il contratto, ma se riflettesi che subito si notizia quella filiale Direzione, alla ristrettezza del Degli Antonj, ed alle sollecite comunicazioni non troverebbesi motivo sufficiente per ritenere meno attendibile quel documento.96

  • 97 ASVe, Prefettura, Atti, b. 435.

15Con una simile posizione, l’amministrazione finanziaria austriaca dimostrava di non considerare come validi i decreti di sequestro emanati prima del 1853, nonostante essi fossero rimasti in vigore per tutti gli esiliati politici, nonché la volontà di non accanirsi – forse anche alla luce dell’influenza esercitata nel regno dalle Assicurazioni Generali – sui patrimoni degli esuli. Ciò nonostante, la procedura era ben lungi dall’esaurirsi, e soltanto il 25 luglio 1855 la Prefettura delle finanze ricevette dal ministero dell’interno di Vienna l’ordine « a disporre affinché il r. Commissario distrettuale locale si presti alla voltura di cui trattasi, dietro produzione della solita petizione da parte della ditta interessata »97.

  • 98 Meriggi 1987, p. 365-367.
  • 99 Bernardello 2015, p. 453-455.

16Risolta la vertenza con le Assicurazioni Generali nel 1855, la vicenda del sequestro di Degli Antoni era destinata a chiudersi, al pari di quelle degli altri esuli politici, all’inizio del 1857 : il nuovo corso della politica viennese iniziano nel 1854 con la cessazione dello stato d’assedio, culminò infatti con il viaggio di Francesco Giuseppe nelle provincie italiane dell’impero, nel 185698. In quell’occasione furono emanate un’amnistia per i condannati politici del 1852-53 e, nel dicembre 1856, la liberazione dai sequestri dei patrimoni di tutti gli emigrati : nello stesso mese, Radetzky chiedeva, ottenendola, la messa a riposo. Assieme al duro governo del feldmaresciallo venivano così accantonati anche quei provvedimenti che dell’ufficiale boemo erano diventati, non solo nella propaganda filoitaliana, l’emblema, e ben presto molti di quanti erano lontani dal regno da quasi dieci anni si affrettarono a farvi ritorno per riprendere possesso di quanto gli veniva restituito ; lo stesso Degli Antoni, intrecciando i propri interessi personali a una missione politica per conto della Società Nazionale italiana, compì nel 1858 un contestatissimo – dagli altri patrioti – viaggio a Venezia99.

  • 100 ASVe, Prefettura, Atti, b. 1105.

17Fedele a quel rigore che ne aveva contraddistinto l’amministrazione, almeno dal punto di vista contabile, l’amministrazione asburgica allestì dunque, a partire dal 3 gennaio ’57, quando il ministro Buol comunicò ai sudditi lombardo-veneti lo scioglimento dei sequestri, un complesso apparato finalizzato alla restituzione dei beni che per tutto il 1857, e in alcuni casi anche per gli anni successivi, si occupò di rendere ai profughi non soltanto i propri beni, ma anche le rendite che essi, nel corso del sequestro, avevano eventualmente fruttato grazie alla buona gestione delle Intendenze, non di rado addebitando alle proprie casse anche alcune delle spese sostenute per l’amministrazione100. Una scrupolosità che non valse, tuttavia, a cancellare la fama, forse eccessiva, di una « macchina dei sequestri » soverchiatrice e oppressiva quanto e più del suo principale teorizzatore.

Haut de page

Bibliographie

Audenino – Bechelloni 2009 = P. Audenino, A. Bechelloni, L’esilio politico fra Otto e Novecento, in P. Corti, M. Sanfilippo (a cura di), Storia d’Italia. Annali 24. Migrazioni, Torino, 2009, p. 343-369.

Audenino 2013 = P. Audenino, Esuli risorgimentali : esploratori della libertà o naufraghi della rivoluzione ?, in E. Franzina, M. Sanfilippo (a cura di), Risorgimento ed emigrazione, Genova, 2013 (Archivio Storico dell’Emigrazione Italiana, 9/13), p. 15-23.

Balzani 2000 = R. Balzani, I giovani del Quarantotto : profilo di una generazione, in Contemporanea, 3, 2000, p. 403-416.

Berger Waldenegg 2002 = G. C. Berger Waldenegg, L’Austria e l’Italia dopo la rivoluzione del 1848, in A. Ciampani, L. Klinkhammer (a cura di), La ricerca tedesca sul Risorgimento italiano : temi e prospettive : atti del Convegno internazionale, Roma, 1-3 marzo 2001, Roma, 2002, p. 65-76.

Bernardello 2012 = A. Bernardello, Sulla congiura veneziana del 1850-1852. Alcuni indizi e molti interrogativi, in Atti dell’Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, 171, 2012-2013, p. 31-67.

Bernardello 2015 = A. Bernardello, Esuli in Italia e in Europa (1849-1859), in A. Bernardello, Venezia nel regno Lombardo-Veneto. Un caso atipico (1815-1866), Milano, 2015, p. 433-460.

Bianchi Giovini 1853 = A. Bianchi Giovini, L’Austria in Italia e le sue confische. Il conte di Ficquelmont e le sue confessioni, Torino, 1853.

Bistarelli 2011 = A. Bistarelli, Gli esuli del Risorgimento, Bologna, 2011.

Brandt 1978 = H.H. Brandt, Der österreichische Neoabsolutismus. Staatsfinanzen und Politik 1848-1860, Gottinga, 1978.

Brice – Aprile 2013 = C. Brice, S. Aprile, Exil et fraternité en Europe au XIXe siècle, Parigi, 2013.

Brice 2014 = C. Brice, Confiscations et séquestres des biens des exilés politiques dans les États italiens au XIXe siècle. Questions sur une pratique et projets de recherches, in Diasporas, 23-34, 2014, p. 147-163.

Brice – Diaz 2016 = C. Brice, D. Diaz, Introduction, in Revue d’histoire du XIXe siècle, 53, 2016, p. 9-18.

Brovelli 2013a = I. Brovelli, Manin esule e i liberali francesi : una strategia politica, in E. Franzina, M. Sanfilippo (a cura di), Risorgimento ed emigrazione, Genova, 2013 (Archivio Storico dell’Emigrazione Italiana, 9/13), p. 30-33.

Brovelli 2013b = I. Brovelli, La figure de Daniel Manin : une stratégie de l’exil dans le cadre de la fraternité franco-italienne (1849-1880), in C. Brice, S. Aprile, Exil et fratenité en Europe au XIXe siècle, Parigi, 2013, p. 75-94.

Brunello 1981 = P. Brunello, Ribelli, questuanti e banditi : proteste contadine in Veneto e in Friuli, 1814-1866, Sommacampagna, 1981.

Candeloro 1990 = G. Candeloro, Storia dell’Italia moderna. IV. Dalla rivoluzione nazionale all’unità, Milano, 1990 [1964].

Ciampi 2003 = G. Ciampi, L’emigrazione, in Bibliografia dell’età del Risorgimento 1970-2000, II, Firenze, 2003, p. 1180-1209.

Colombo 1930 = A. Colombo, Emigrati lombardi a Torino, in Il Risorgimento italiano, 3s., 23, 1930, p. 542-566.

Croce 1919 = B. Croce, L’amico napoletano dello Stendhal « Monsieur di Fiore », in Id., Una famiglia di patrioti ed altri saggi storici e critici, Bari, 1919, p. 115-28.

D’Elia 2015 = C. D’Elia, Petruccelli della Gattina, Ferdinando, in Dizionario biografico degli Italiani, LXXXII, Roma, 2015.

De Fort 2003 = E. De Fort, Esuli in Piemonte nel Risorgimento. Riflessioni su una fonte, in Rivista storica italiana, 3, 2003, p. 649-688.

De Fort 2010 = E. De Fort, Esuli, migranti, vagabondi nello Stato sardo dopo il Quarantotto, in M.L. Betri (a cura di), Rileggere l'Ottocento : risorgimento e nazione, Torino, 2010, p. 227-250.

De Francesco 2008 = A. De Francesco, Generazioni risorgimentali. Alcune considerazioni a margine di un recente Annale della Storia d'Italia Einaudi, in Cheiron, 49, 2008, p. 65-78.

Della Peruta 1997 = F. Della Peruta, L’Italia del Risorgimento. Problemi, momenti, figure, Milano, 1997.

Della Peruta 1998 = F. Della Peruta, I « giovani » del Risorgimento, in A. Varni (a cura di), Il mondo giovanile in Italia tra Ottocento e Novecento, Bologna, 1998, p. 41-52.

Del Negro 2002 = P. Del Negro, Il 1848 e dopo, in M. Isnenghi, S. Woolf (a cura di), Storia di Venezia. L’Ottocento e il Novecento. 1. L'Ottocento. 1797-1918, Roma, 2002, p. 107-186.

Del Negro 2009 = P. Del Negro, Gli esuli italiani in età rivoluzionaria e nel Risorgimento : lineamenti generali di un fenomeno, in M. Gottardi (a cura di), Fuori d’Italia : Manin e l’esilio, Venezia, 2009, p. 49-60.

De Marco 1996 = G. De Marco, Mitografia dell’esule : da Dante al Novecento, Napoli, 1996.

Fonzi Colomba 1972 = M.A. Fonzi Colomba, L’emigrazione, in Bibliografia dell’età del Risorgimento in onore di A.M. Ghisalberti, II, Firenze, 1972, p. 429-469.

Franzina – Sanfilippo 2013 = E. Franzina, M. Sanfilippo (a cura di), Risorgimento ed emigrazione, Genova, 2013 (Archivio Storico dell’Emigrazione Italiana, 9/13).

Furiozzi 1979 = G.B. Furiozzi, L'emigrazione politica in Piemonte nel decennio preunitario, Firenze, 1979.

Ginsborg 2007 = P. Ginsborg, Daniele Manin e la rivoluzione veneziana del 1848-49, Torino, 2007.

Gottardi 2009 = M. Gottardi (a cura di), Fuori d’Italia : Manin e l’esilio, Venezia, 2009.

Isabella 2006 = M. Isabella, Exile and nationalism: the case of the Risorgimento, in European History Quarterly, 36.4, 2006, p. 493-520.

Isabella 2011 = M. Isabella, Risorgimento in esilio. L’internazionale liberale e l’età delle rivoluzioni, Roma-Bari, 2011.

Luzio 1901 = Briefe des Feldmarschalls Radetzky an seine Tochter Friederike, 1847-1857, Vienna, 1892, ripubblicato in A. Luzio, Radetzky, Bergamo, 1901.

Martin 1859 = H. Martin, Daniel Manin, précédé d’un souvenir de Manin par Ernest Legouvé de l’Académie Française, Parigi, 1859.

Mazohl Wallnig 1981 = B. Mazohl Wallnig, Governo centrale e amministrazione locale. Il Lombardo Veneto, in F. Valsecchi, A. Wandruszka (a cura di), Austria e province italiane 1815-1918. Potere centrale e amministrazioni locali, Bologna, 1981, p. 13-46.

Mazohl Wallnig 1993 = B. Mazohl Wallnig, Österreichischer Verwaltungsstaat und administrative Eliten im Königreich Lombardo-Venetien 1815-1859, Magonza, 1993.

Meneghini 1863 = A. Meneghini, I sequestri austriaci nella Venezia, Torino, 1863.

Meriggi 1987 = M. Meriggi, Il regno Lombardo-Veneto, Torino, 1987.

Meriggi 2002 = M. Meriggi, Alcune osservazioni sul neoassolutismo nel Lombardo Veneto, in A. Ciampani, L. Klinkhammer (a cura di), La ricerca tedesca sul Risorgimento italiano : temi e prospettive : atti del Convegno internazionale, Roma, 1-3 marzo 2001, Roma, 2002, p. 213-216.

Pedani 1986 = M.P. Pedani, Le Commissioni in Este ed il loro archivio (1850-1856), in Archivio Veneto, s. V, 127, 1986, p. 71-89.

Petruccelli della Gattina 1862 = F. Petruccelli della Gattina, I moribondi di Palazzo Carignano, Milano, 1862.

Pollini 1930 = L. Pollini, Mazzini e la rivolta milanese del 6 febbraio 1853, Milano, 1930.

Portinari 1982 = F. Portinari, Prefazione, in F. Petruccelli della Gattina, I moribondi di Palazzo Carignano, Milano, 1982.

Raponi 1986 = N. Raponi, Il Regno Lombardo-Veneto (1818-1859/66), in Amministrazione della giustizia e poteri di polizia dagli stati preunitari alla caduta della destra. Atti del LII congresso di Storia del Risorgimento italiano (Pescara, 7-10 novembre 1984), Roma, 1986.

Romeo 2011 = R. Romeo, Cavour e il suo tempo. 1842-1854, Roma-Bari, 2011 [1977].

Ronchi 1995 = F. Ronchi, Il « collaborazionismo » italiano nel Lombardo-Veneto durante la Seconda Restaurazione. Il caso bresciano, in Verso Belfiore : società, politica, cultura del decennio di preparazione nel Lombardo-Veneto. Atti del convegno di studi, Mantova-Brescia 25, 26, 27 novembre 1993, Brescia, 1995, p. 223-303.

Rossetto 2013 = L. Rossetto, Il commissario distrettuale nel Veneto asburgico. Un funzionario dell’Impero tra mediazione politica e controllo sociale (1819-1848), Bologna, 2013.

Sandonà 1912 = A. Sandonà, Il Regno Lombardo-Veneto (1814-1859). La costituzione e l’amministrazione, Milano, 1912.

Settembrini 1860 = L. Settembrini, Di ciò che hanno a fare i Napoletani, in La Nazione, Firenze 4 luglio 1860.

Sked 1983 = A. Sked, Radetzky e le armate imperiali. L'impero d'Austria e l'esercito asburgico nella rivoluzione del 1848, Bologna, 1983.

Stendhal 1831 = Stendhal, Le rouge et le noir, Parigi, 1831.

Tonetti 2001 = E. Tonetti, Minima burocratica. L’organizzazione del lavoro negli uffici del Governo austriaco nel Veneto, in D. Calabi (a cura di), Dopo la Serenissima. Società, amministrazione e cultura nell’Ottocento veneto, Venezia, 2001.

Vanzan-Marchini 2015 = N.E. Vanzan-Marchini, Le Terme di Venezia, Sommacampagna, 2015.

Haut de page

Notes

1 Settembrini 1860.

2 « Si, malgré les bons offices du prince d’Araceli, je ne suis pas pendu et que je jouisse jamais de ma fortune à Paris, je veux vous faire dîner avec huit ou dix assassins honorés et sans remords » : Stendhal 1831, t. II, cap. IX, p. 114-115. Liberale idealista e appassionato, in questo passaggio Altamira pone l’accento proprio sull’indisponibilità del suo patrimonio durante l’esilio. Sul rapporto fra il personaggio di Altamira e Domenico Fiore si vedano Croce 1919 e Isabella 2006, p. 505.

3 Brice 2014.

4 « Egli è bene restato una dozzina d’anni in esilio, i suoi beni furono sequestrati, i suoi parenti cacciati in prigione, la sua casa ridotta ad albergo di sbirri e gendarmi, la sua fortuna minata », Petruccelli della Gattina 1862, p. 8. Sulla figura dell’autore, prolifico pubblicista e attivo uomo politico, si vedano Portinari 1982 e D’Elia 2015.

5 Bistarelli 2011, p. 12.

6 Risulta difficile dar qui conto per intero di questa vasta messe di pubblicazioni. Si segnalano tuttavia, per la particolare incisività e per l’importanza rivestita nella stesura di questo contributo, i lavori di Fonzi Colomba 1972, Furiozzi 1979, Rao 1992, De Marco 1996, Ciampi 2003, De Fort 2003, Audenino – Bechelloni 2009, Del Negro 2009 e, più in generale, Gottardi 2009, De Fort 2010, Isabella 2011, il già citato Bistarelli 2011, Brice – Aprile 2013, Franzina – Sanfilippo 2013, Brice – Diaz 2016.

7 Sulle « generazioni risorgimentali » si vedano Della Peruta 1998, Balzani 2000 e De Francesco 2008.

8 Audenino 2013, p. 19-21.

9 Rao 1992, p. 253-263, Furiozzi 1979, p. 16 e De Fort 2003, p. 658-659.

10 Esemplare, in questo senso, il caso di Daniele Manin e delle lezioni di lingua italiana impartite durante l’esilio a Parigi. Si veda in merito Brovelli 2013a, p. 31 e Brovelli 2013b p. 80-83.

11 De Fort 2003, p. 679 e Romeo 2011, p. 754.

12 Si pensi, a solo titolo di esempio, agli scritti di Bianchi Giovini 1853, p. 399-431 e Meneghini 1863.

13 Restano tuttavia riferimenti indispensabili per tracciare un quadro generale almeno Sandonà 1912, Mazohl Wallnig 1981, Meriggi 1987, Waldenegg 2002.

14 La documentazione è custodita presso l’Archivio di Stato di Venezia (d’ora in avanti ASVe) nei fondi Commissione mista per il sequestro dei beni degli esiliati, Delegazione Provinciale, Presidenza della Luogotenenza, Prefettura delle Finanze, Intendenza provinciale di Finanza. Di questi l’unico a essere provvisto di un inventario completo è quello della Presidenza della Luogotenenza ; per gli altri, ancora in corso di riordinamento, si dispone al più di un titolario, privo però di precise indicazioni sui numeri di busta, ai quali si può risalire soltanto passando in rassegna i pezzi direttamente in deposito. Il fondo dell’Intendenza provinciale, infine, è anche sottoposto a stretti limiti di consultazione, ed è stato possibile utilizzarlo solo grazie alla collaborazione della dottoressa Monica Del Rio.

15 Proclama n. 81, 30 dicembre 1848. Tutti i riferimenti normativi, salvo laddove esplicitato, sono da ricondursi alle Raccolte degli atti ufficiali, dei provvedimenti e dei proclami emanati dalle diverse autorità del regno Lombardo-Veneto pubblicate a Milano e a Venezia nel corso della seconda e terza dominazione austriaca.

16 Proclama n. 22, Sesto 1° agosto 1848 e Manifesto, Vienna 20 settembre 1848.

17 Meriggi 1987, p. 350.

18 La nomina a Governatore generale militare e civile del regno sarebbe giunta solo il 16 ottobre 1849.

19 Ibidem, p. 351-353.

20 Sul Tribunale militare in Este si vedano Brunello 1981, p. 214-216 e Pedani 1986.

21 Meriggi 1987, p. 353.

22 Sovrana Patente, Vienna 24 marzo 1832, §11.

23 Pur in presenza di stime assai variabili e contraddittorie fra loro, si calcola che i fuoriusciti ammontarono a diverse migliaia : si veda in merito De Fort 2003, p. 654.

24 Meriggi 1987, p. 354 e 362.

25 Su questa essenziale figura dell’amministrazione austriaca si veda il ricco studio, seppur limitato alla « seconda dominazione », di Rossetto 2013.

26 Circolare dell’I. R. Delegazione Provinciale, Milano 12 marzo 1849.

27 Notificazione n. 314 dell’I. R. Governo Militare, Milano 14 gennaio 1849. L’Avviso n. 730 del 14 settembre 1848 aveva abolito anche i passaporti legittimamente concessi dalle autorità militari fino a quel momento.

28 Gli elenchi ufficiali enumeravano ovviamente soltanto sudditi maschi.

29 Colombo 1930, p. 560 e ancora De Fort 2003, p. 654.

30 Un futuro, auspicabile spoglio sistematico di tutta la documentazione relativa ai sequestri, possibile almeno per quanto concerne l’area veneta, potrà fornire elementi importanti in proposito.

31 Proclama n. 34, Milano 12 agosto 1849.

32 Proclama n. 35, Milano 18 agosto 1849.

33 Proclama n. 34, Milano 12 agosto 1849.

34 Candeloro 1990, p. 22 e Ginsborg 2007, p. 409-411.

35 Proclama di S.E. il Feldmaresciallo conte Radetzky in data 14 agosto 1849.

36 Del Negro 2002, p. 167-168.

37 Proclama del Luogotenente per le provincie venete, barone Puchner, Venezia 7 marzo 1850.

38 Notificazione dell’I. R. Luogotenenza per le provincie venete, Venezia 7 marzo 1850.

39 Notificazione dell’I. R. Luogotenenza di Lombardia, Milano 12 marzo 1850.

40 Martin 1859, p. 354.

41 Notificazione dell’I. R. Luogotenenza di Lombardia, Milano 12 marzo 1850.

42 Sul neoassolutismo asburgico il riferimento è a Brandt 1978 ; Mazohl Wallnig 1993, p. 32-37 ; Berger Waldenegg 2002 e Meriggi 2002.

43 Del Negro 2002, p. 169-170.

44 Diffusa nel Veneto dal luogotenente von Toggenburg con la Notificazione della Luogotenenza del 18 Febbrajo 1851, sul trattamento dei profughi politici del Regno Lombardo-Veneto.

45 Ivi.

46 Meriggi 1987, p. 356.

47 In questo vero e proprio conflitto di giurisdizione, controparte del governatore generale del regno furono le due luogotenenze istituite nel 1849 e poste alle dirette dipendenze del ministero dell’interno viennese, ma sostanzialmente esautorate, anche nelle competenze in materia civile, da Radetzky. Su questa dura contrapposizione si vedano in particolare Mazohl Wallnig 1981, p. 35-39 e Sked 1983 p. 351-354.

48 Ancora Meriggi 1987, p. 361.

49 Proclama n. 27, Verona 11 febbraio 1853.

50 Anche se è eccessivo considerare i sequestri l’« idea fissa » di Radetzky (Ronchi 1995, p. 241), è indubbio che questo provvedimento fosse considerato assai efficace dal governatore austriaco, soprattutto in un’ottica di contrapposizione di classe finalizzata a isolare l’élite abbiente alienandole un eventuale sostegno popolare. Su questo si vedano le lettere dello stesso Radetzky alla figlia in Luzio 1901, p. 84-86, Pollini 1930, p. 389 e ancora Meriggi 1987, p. 350-351.

51 Proclama n. 27, Verona 11 febbraio 1853.

52 Proclama n. 29, Verona 18 febbraio 1853.

53 La Sovrana Risoluzione 29 luglio 1850 aveva istituito due Prefetture delle finanze, a Milano e a Venezia, direttamente dipendenti dal Ministero delle finanze viennese e operative dal 15 aprile 1851.

54 Proclama n. 29, Verona 18 febbraio 1853.

55 ASVe, Commissione mista pel sequestro beni degli esiliati, b. 3, Circolare alle delegazioni provinciali, n. 1147.

56 Dagli elenchi a stampa, pubblicati anche in questo caso a più riprese, si ricava un numero totale, fra profughi politici, militari disertori e altri assenti illegali, di 1108 sudditi sottoposti a sequestro. Ben presto nelle medesime liste destinate all’affissione inizieranno a comparire anche i nomi di quanti, inseriti erroneamente o rimpatriati, venivano sciolti dal provvedimento. Cfr. ASVe, Commissione mista, b. 2, Profughi Politici. Elenchi.

57 Proclama n. 27, Verona 11 febbraio 1853.

58 Si pensi, ad esempio, ai notai : il caso di Carlo Gualandra, del quale anche Degli Antoni si servirà, è stato analizzato in Bernardello 2012, p. 410-412.

59 ASVe, Commissione mista, b. 3, Circolare alle delegazioni provinciali n. 1147.

60 Ivi.

61 Per le indagini sugli assenti illegali e i loro patrimoni si mobilitarono tutte le strutture decentrate dell’amministrazione, in primo luogo Direzioni di polizia e Commissariati distrettuali.

62 In essa si specificava che, trattandosi di sequestri cautelativi e non di confische, non sarebbe stato possibile agli amministratori « introdurre cangiamenti nell’impianto e nell’ordine […] delle economiche aziende ». Cfr. Circolare n. 70, 19 marzo 1850.

63 ASVe, Commissione mista, b. 3, Circolare alle delegazioni provinciali n. 1147, Dispaccio n. 1550 e Nota n. 592 del 5 maggio 1852. Secondo le indicazioni, poi ritirate, i sequestratari andavano scelti sulla base delle indicazioni delle Autorità giudiziarie.

64 ASVe, Commissione mista, b. 3, N. 592. Questi frequenti cambiamenti di rotta nella gestione delle procedure sono l’esito di una messe di provvedimenti, ordini e direttive tutti interni agli uffici che costituiscono la vera ossatura del sistema dei sequestri, ma che è necessario ricercare nelle carte d’archivio perché assenti nelle Raccolte delle leggi ufficiali. Sul merito resta sempre valido quanto scritto da Sandonà 1912, p. V.

65 ASVe, Commissione mista, b. 3, n. 179 e 361. Della Commissione mista facevano parte il capitano Arbis come rappresentante militare, il cavalier Nottola, primo commissario della delegazione provinciale di Venezia, e tale Bressanin coadiutore della Ragioneria provinciale.

66 Della Peruta 1997, p. 266.

67 ASVe, Commissione mista, b. 2. Risultano almeno altri ventitré civili, mentre non compaiono veneziani negli elenchi dei disertori, in larghissima parte mantovani.

68 ASVe, Commissione mista, b. 2, Elenco n. 35, 4 marzo 1853.

69 ASVe, Commissione mista, b. 2 : si trova qui una serie di prospetti delle proprietà censite delle quali sono indicate tipologia, riferimento catastale, superficie e rendita. Non esiste però un registro unico, che va ricavato a partire dai prospetti sparsi.

70 In particolare i patrimoni Gritti, Morosini, Avesani e, seppure in misura minore, anche Degli Antoni. Cfr. ASVe, Presidenza della luogotenenza veneta, Atti 1852-1856, b. 113-116 che contengono una lunga serie di Dimostrazioni delle rendite prodotte dai patrimoni sequestrati.

71 ASVe, Atti restituiti dall’Austria, Commissione liquidatrice delle pretese sopra le sostanze sequestrate ai profughi politici, 1853-1856, b. 132.

72 ASVe, Commissione mista, Protocollo degli esibiti.

73 Valgano, a solo titolo di esempio, ASVe, Commissione mista, b. 3, Editto 6 settembre 1853 e ASVe, Intendenza provinciale di finanza, b. 255, Editto 3 novembre 1854 contenenti rispettivamente i nomi di trenta e quarantadue emigrati illegalmente.

74 ASVe, Commissione mista, b. 3, Editto, Venezia 6 settembre 1853.

75 ASVe, Atti restituiti dall’Austria, Commissione liquidatrice delle pretese sopra le sostanze sequestrate ai profughi politici, b. 133 e b. 134 che contengono i due registri delle azioni creditorie.

76 ASVe, Delegazione Provinciale, Presidiale, Atti presidiali e riservati, b. 152, 1853. Atti riservati della Delegazione Provinciale di Venezia. Profughi Politici – Sequestro immobili : qui si trova traccia di oltre trecento documenti relativi a sequestri e liberazioni di patrimoni, nomine di amministratori, ricorsi, ecc.

77 ASVe, Commissione mista, b. 3, Circolare alle delegazioni provinciali n. 1147.

78 Le Intendenze di Finanza investirono molta energia nel provare a rintracciare tutti i cespiti dei propri « sequestrati » nel resto del regno, così come le eventuali iscrizioni nei registri delle ipoteche : restano a dimostrarlo le copiose corrispondenze fra i diversi uffici provinciali all’interno dei vari fascicoli personali. Cfr. ASVe, Intendenza provinciale di finanza, b. 250, 256, 257, 258.

79 ASVe, Presidenza, Atti, b. 113, Governatorato generale di Verona sull’eredità fratelli Benvenuti, 27 giugno 1854. I quattro fratelli del profugo politico Bartolomeo Benvenuti avevano tentato di tutelarne la quota ereditaria.

80 ASVe, Presidenza, Atti, b. 116, Insinuazione della Prebenda Arcidiaconale della Cattedrale di Vicenza verso il profugo Ronconi, con la richiesta di ottenere canoni in natura, o Ibidem, b. 117, Sopra canone dovuto dalla famiglia Guerrieri alla fabbriceria di S. Lorenzo in Verona per un’insinuazione sul patrimonio di Giovanni Battista, profugo, connessa a « la celebrazione annua di messe trenta » per 49,50 lire.

81 ASVe, Prefettura delle Finanze, Atti, b. 436, Sulla liquidazione e riparto delle spese generali occorse alle autorità politiche e camerali in causa dell’attivazione del sequestro sulle sostanze dei profughi politici : in questo caso la Luogotenenza veneta riferiva a Vienna circa l’inopportunità che, per lo zelo degli amministratori dei beni sequestrati, i creditori si ritrovassero ad avere un improprio vantaggio vedendosi saldati a dispetto delle passività del patrimonio, poiché con il proprietario legittimo ciò non sarebbe accaduto.

82 Tra i numerosi casi, si vedano ASVe, Prefettura, b. 437, I. R. Luogotenenza Veneta interessa perché sulla sostanza sequestrata del profugo politico Antonio Zerman si faccia corrispondere alla moglie nonché ai sette figli del profugo £ 8 giornaliere, qual assegno di alimentazione.

83 ASVe, Presidenza, Atti, b. 116, Rapporto da inoltrarsi al dicastero supremo di Controllo sopra le modalità nelle quali ritiene doversi verificare la revisione ai conti delle amministrazioni dei profughi e ASVe, Prefettura, Atti, b. 436, Proposta di estradazione di £ 5912.18, di ragione dei profughi politici, esistenti nei depositi della Cassa Centr. onde poter far fronte alle spese d’amministrazione ricorrenti entro lo spirato Marzo : « Le spese aggravanti la sostanza d’un profugo vanno sostenute dai redditi derivanti dalla sostanza stessa e non esiste all’uopo un fondo comune da cui prelevare quanto può essere richiesto dall’esigenza delle varie sostanze sequestrate ».

Il tema della gestione delle passività ricorre spesso nei carteggi dell’amministrazione, e mostra come la Presidenza della Luogotenenza volesse condurre i patrimoni con il medesimo animus dei legittimi proprietari autorizzando la compensazione tra entrate e uscite di beni appartenenti alla stessa « ditta » ma dislocati su diverse provincie. Cfr. ASVe, Prefettura, Atti, b. 438, I. R. Intendenza di Finanza di Venezia domanda se il avanzo netto della sostanza del profugo Gustavo Modena, da lei amministrata debba essere erogata in pagamento del credito professato regolarmente da Vincenzo Lancetti, ed al cui pareggio non sono sufficienti le rendite della sostanza amministrata dall’Intendenza di Treviso.

84 Assai scarsi sono i riferimenti biografici su Degli Antoni, del quale non è certa nemmeno la data di morte (1859 ?). In merito si vedano Bernardello 2015, p. 450-455 e i numerosi documenti custoditi presso la Biblioteca del Museo Correr (d’ora in avanti BMC), Fondo Manin, Manoscritti Pellegrini, b. 43.

85 Vanzan-Marchini 2015, p. 91-97.

86 BMC, Manin, Pellegrini, b. 2, Lettere del 2 e 29 maggio 1852.

87 BMC, Manin, Pellegrini, b. 43, Lettere 22 febbraio 1857, 16 ottobre 1857 e 1 aprile 1858, e anche BMC, Cicogna, Diari, 1835-1866, p. 6357.

88 Per il riconoscimento del vitalizio dovuto da Degli Antoni alla zia, Teresa Caserza, cfr. ASVe, Presidenza, Atti, b. 116 e Prefettura, Atti, b. 437. Per il diritto dell’esule, e dunque dell’amministrazione dei sequestri, a incassare una pensione vitalizia dal conte Sanseverino e dal marchese Zurla, invece, cfr. ASVe, Prefettura, Atti, b. 436-437.

89 BMC, Manin, Pellegrini, b. 163, contratto del 29 aprile 1851. Il contratto di vendita, rogato dal notaio Gualandra, si trova in ASVe, Notarile, C. Gualandra, nr. 7848, 12 agosto 1851.

90 Vedi supra, nota 45.

91 BMC, Manin, Pellegrini, b. 163, polizza del 30 aprile 1851. In caso di morte di Degli Antoni, un assegno ridotto di 1500 lire annue sarebbe stato versato alla già menzionata zia, Teresa Caserza.

92 BMC, Manin, Pellegrini, b. 163, contratto del 29 aprile 1851 e ASVe, Presidenza, Atti, b. 117.

93 Le vendite simulate furono uno degli espedienti più ricorrenti per sfuggire ai sequestri, come dimostra, oltre che l’attenzione delle autorità per svelare questo genere di frodi, un progetto di Legge per l'esenzione di tasse proporzionali per la rivocazione di contratti simulatamente stipulati per cause politiche presentato al primo Parlamento nazionale il 9 aprile 1861 e approvato il 15 giugno.

94 ASVe, Presidenza, Atti, b. 117.

95 Ivi.

96 Ivi.

97 ASVe, Prefettura, Atti, b. 435.

98 Meriggi 1987, p. 365-367.

99 Bernardello 2015, p. 453-455.

100 ASVe, Prefettura, Atti, b. 1105.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Pietro Giovanni Trincanato, « « Umiliare il ricco refrattario, proteggere il cittadino fedele ». I sequestri austriaci a Venezia tra leggenda nera e prassi burocratica », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En ligne], 129-2 | 2017, mis en ligne le 03 avril 2018, consulté le 23 septembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/mefrim/3158 ; DOI : 10.4000/mefrim.3158

Haut de page

Auteur

Pietro Giovanni Trincanato

Università degli Studi di Milano, Université Paris-Est Créteil, pietro.trincanato@unimi.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals