Navigation – Plan du site
Propriété et politique : exil, séquestres, confiscations dans l'Italie du XIXe / Proprietà e politica : esilio sequestri e confische nel lungo Ottocento italiano
Lombardo Veneto

« Un colpo di scopa su tutte le classi di emigrati » : esuli e sequestri nelle provincie austriache di Pavia, Lodi e Crema, Cremona, Mantova (1853-1854)

Michele Cattane

Résumés

Il saggio punta a fornire un primo inquadramento delle direttive, degli organi amministrativi e delle procedure attraverso cui l'I.R. governo lombardo-veneto gestì il sequestro dei beni degli esuli politici nelle quattro provincie meridionali della Lombardia, all'indomani della rivolta del 6 febbraio 1853. La storiografia ha generalmente concluso che l'obiettivo di questa misura del governatore Radetzky era l'aristocrazia filosabauda in esilio ; un'indagine più approfondita, tuttavia, rivela che i fuorusciti lombardi colpiti da questi provvedimenti, nella prima fase, furono centinaia, la maggior parte dei quali piccoli borghesi o nullatenenti, di trascurabile o nessuna pericolosità politica : reduci, disertori, perfino emigrati in cerca di lavoro. Pur avendo conseguenze pratiche solo su poche decine di patrimoni, il sequestro si configurò inizialmente come un efficace strumento di rappresaglia indiscriminata, volto a seminare il terrore tra la popolazione del Lombardo-Veneto di tutte le classi sociali, almeno fino alla prima amnistia imperiale del 1854.

Haut de page

Texte intégral

Premessa : la « vertigine della lista »1

  • 1 Mi permetto di riprendere la suggestiva immagine di Eco 2009.
  • 2 Dichiarazioni prestate dal sig. Pietro Bozzi, in Archivio storico civico di Pavia, Archivi del Ris (...)

Nanti di me Angelo Sopranis Regio Notaro residente in Genova [...] è personalmente comparso il signor Pietro Bozzi del fu signor Paolo nato a Pavia, ivi domiciliato e dimorante [...], Proprietario, il quale pel presente atto dichiara che sebbene dall'instrumento del primo Agosto del milleottocento quarant'otto a rogito del signor Gerolamo Dall'Acqua Notaro nella Città di Pavia, apparisca aver esso Dichiarante fatto acquisto dal signor Antonio Guy [...] di diversi beni immobili di proprietà di esso signor Guy, tuttavia sta in fatto ed è pura verità che detto atto fu semplicemente figurativo [...] ; per cui detto instrumento fu sostanzialmente un atto simulato comandato dall'imperio di circostanze eccezionali.2

  • 3 Per una panoramica su questi provvedimenti : Meriggi 1987, p. 347-363.
  • 4 Riassunto generale dei profughi politici lombardi assunti negli editti 12 e 19 novembre 1853 [=Ria (...)
  • 5 Traggo la suggestiva definizione dalla biografia di un altro sequestrato "minore" : Pedrazzi-Sobac (...)
  • 6 Sul tema dell'esilio : Isabella 2011 e Bistarelli 2011.

1Questo l'esordio di un singolare atto notarile conservato presso l'Archivio storico civico di Pavia, datato 16 luglio 1852 : fu grazie ad esso, e probabilmente ad altri accorgimenti dello stesso tipo, che il citato Antonio Guy di Belgioioso - dopo avere « preso parte attiva nei trambusti politici 1848 e 1849 » ed essersi rifugiato nel Regno di Sardegna - poté mettere al riparo almeno parte delle sue sostanze dalle misure punitive a più riprese disposte dal feldmaresciallo Radetzky contro i patrimoni degli esuli politici.3 Del signor Guy, oggetto di questo disinteressato gesto di amicizia patriottica, sappiamo solo che si era compromesso « con sacrifici pecuniari per pronunciare e favorire la rivoluzione » e, che anche da oltre confine, avrebbe continuato a finanziare la causa nazionale :4 un'ostinazione che gli sarebbe costata, oltre all'esilio, il sequestro dei beni nel 1850 e poi nel 1853, e l'esclusione (uno dei due soli casi nella provincia di Pavia) dal provvedimento di clemenza del 1854. Una « figura modesta del Risorgimento »,5 dunque, ma non per questo meno coinvolta in prima persona nei fermenti e nei travagli della sua epoca, come lo furono moltissimi delle decine e decine di esuli, ordinary men (e women) che la dittatura militare radetzkiana affiancò ai grandi nomi del patriziato lombardo (Arese, Borromeo, Litta, Pallavicino, Trivulzio...) o agli irriducibili della cospirazione (Acerbi, Cairoli, Chiassi...), nei tanti bandi di proscrizione, condanna e sequestro seguiti al turbine rivoluzionario e alle successive trame eversive.6 Proprio sull'abbrivio di questa suggestione, tra le molte possibili piste di indagine sulla vicenda dei sequestri, ho scelto di privilegiare la ricostruzione del processo iniziale di selezione degli individui da perseguire : processo la cui cifra principale sembra essere stata la parossistica e caotica formulazione di elenchi di persone e beni, tanto da parte delle autorità centrali che di quelle periferiche. Il mio intento è stato di leggere queste liste non solo come documenti di una processualità istituzionale, ma proprio in quanto liste di individui, di persone in carne e ossa, per cercare di capire chi, come e per quali ragioni si ritrovò coinvolto in questo dramma collettivo.

  • 7 Per orientarmi nella complessa macchina sequestrataria, è stata necessaria un'estesa ricognizione (...)

2Ho scelto di limitare l'indagine al solo sequestro del 1853, in quanto il più ampio, duraturo ed efficace, prendendo come terminus ad quem il bando di proscioglimento parziale del maggio 1854, che cristallizzò una situazione poi quasi immutata fino al proscioglimento generale annunciato nel gennaio 1857. Per quanto riguarda l'estensione geografica, una prospettiva regionale sarebbe stata di gran lunga troppo ambiziosa per le dimensioni del presente saggio ; d'altro canto, diminuendo la scala fino a singoli case studies provinciali o a singoli individui o famiglie, il rischio concreto sarebbe stato sia di perdere di vista il quadro generale, sia di non comprendere appieno le dinamiche concomitanti nell'ambito di un fenomeno così diversificato : relazioni centro-periferia, metodi di selezione, rapporti gerarchici. Inoltre, un ostacolo per lo studioso è rappresentato dalla frammentarietà della maggior parte dei complessi archivistici, per cui è stato impossibile identificare un caso esemplare tout court - in cui, cioè, fosse reperibile una documentazione completa sul sistema sequestratario dal suo impianto alla sua conclusione. Di qui la scelta di adottare un punto di vista intermedio, focalizzandomi su un gruppo di realtà locali relativamente omogeneo (le provincie della frontiera meridionale lombarda : Pavia, Lodi e Crema, Cremona, Mantova), soprattutto per la possibilità di operare incroci e confronti che andassero anche a colmare i numerosi vuoti archivistici. L'intento del presente saggio è stato dunque soprattutto di individuare alcune linee guida attraverso la vasta ed eterogenea documentazione, nella speranza che possano costituire la base per ulteriori e più approfondite ricerche.7

Una « moltitudine straordinaria di persone » : formazione e scrematura delle liste

  • 8 Proclama di S. E l'I. R. Governatore Generale Militare e Civile del Regno Lombardo-Veneto in data (...)
  • 9 ASMi, Processi politici - I.R. Comando militare [= Proc. mil.] e ASMn, I.R. Corte Speciale di Gius (...)
  • 10 Sui sequestri dopo il 1859 : Meneghini 1863 ; Alberton 2012.
  • 11 Circolare dell'I.R. Luogotenente del Veneto, n. 1147, Venezia, 24 febbraio 1853, in ASMn, I.R. Int (...)
  • 12 Circolare dell'I.R. Luogotenente della Lombardia, n. 1825, Milano, 12 marzo 1853, in ASMn, I.R. De (...)
  • 13 Circolare dell'I.R. Luogotenente del Veneto, n. 1147, cit.
  • 14 [Ordine di convocazione], s.d., s.l., [ma Lodi, febbraio 1853], in ACLo, I.R. Delegazione provinci (...)
  • 15 Sui sequestratari : Istruzioni per i Sequestrarj-Amministratori, Mantova, 17 febbraio 1853, in ASM (...)
  • 16 Circolare dell'I.R. Luogotenente della Lombardia, n. 1327, Milano, 23 aprile 1853, ibid.

3Fallito il moto mazziniano di Milano del 6 febbraio 1853, il 18 dello stesso mese il feldmaresciallo Radetzky, governatore generale del Regno Lombardo-Veneto, dava pubblicità alle misure stabilite dalla sovrana risoluzione del 13 : al fine di « tutelare la popolazione contro le perniciose influenze degli emigrati », di cui era in massa e senza distinzione « manifesta la compartecipazione » alle trame rivoluzionarie, « tutti i beni mobili ed immobili » dei fuorusciti erano « posti sotto sequestro », onde « togliere loro i mezzi coi quali essi cerca[va]no di tenere » il Regno « in continua inquietudine e timore ».8 Queste severe disposizioni andavano a sommarsi a quelle altrettanto draconiane sull'alto tradimento pubblicate l'11 febbraio : anche gli imputati lombardi giudicati in contumacia nei processi di Mantova (non inclusi nell'amnistia del 19 marzo 1853) furono sottoposti al sequestro dei beni, ma lungo un percorso in buona parte autonomo (che non è stato preso in considerazione nel presente saggio), dal 1854 gestito direttamente dall'I.R. Corte speciale di Giustizia di questa città.9 Insomma, dopo avere fatto un breve ritorno nel periodo di transizione postbellica tra il 1850 e il 1851, l'istituto del sequestro politico in absentia tornava ora a profilarsi sull'orizzonte dei sudditi o ex sudditi austriaci del Lombardo-Veneto come una minaccia concreta, destinata a perdurare fino alla fine della presenza imperiale in queste regioni.10 Nel vastissimo raggio del provvedimento ricadevano sia « gli esclusi dall'amnistia [del 1849], ossia gli esiliati », sia « i dichiarati emigrati colla Risoluzione sovrana 29 dicembre 1850 » ;11 non erano esentati dal sequestro nemmeno quanti avevano ottenuto nel frattempo la cittadinanza sarda (e vi erano tra essi i più bei nomi dell'aristocrazia lombarda), una circostanza che accese al calor bianco il confronto diplomatico tra Torino e Vienna, e contribuì ad attirare sul governo imperiale il biasimo di molte cancellerie europee. Accuse di illegalità ed illiberalità che trovavano d'altronde un fondamento nella granitica volontà dell'I.R. governo di considerate il sequestro come azione puramente esecutiva, « cosa espressamente sottratta alla giurisdizione dell'autorità giudiziaria ».12 In ogni provincia del Lombardo-Veneto fu costituita una commissione ad hoc, composta di norma da un ufficiale dell'esercito, da un rappresentante della delegazione provinciale e da un contabile ;13 attraverso comunicazioni individuali, tra la fine di febbraio e i primi di marzo fu ingiunto ai legali rappresentanti degli esuli di sottoporre a questi organi la documentazione dei patrimoni ad essi affidati, sotto la minaccia di punizioni severe secondo le « discipline militari ».14 In una prima fase, i beni mobili ed immobili sequestrati furono posti sotto il controllo di sequestratari civili « pienamente meritevoli di fiducia » ;15 il 23 aprile, fu infine disposto il passaggio della gestione dei sequestri dalle commissioni miste alle Intendenze provinciali di Finanza, che ne mantennero il controllo fino al proscioglimento del 1857.16

  • 17 I.R. Prefetto delle Finanze a I.R. Intendente di Mantova, Milano, 18 maggio 1853, in ASMn, Int. Fi (...)
  • 18 Richiamo, a titolo di esempio, Raponi 1967, p. 49.
  • 19 Editto dell'I.R. Commissione liquidatrice delle pretese private sulle sostanze dei profughi politi (...)
  • 20 Meriggi 1987, p. 363.
  • 21 Proclama di S.E. l'I.R. Governatore Generale del Regno Lombardo-Veneto in data di Verona 4 maggio (...)
  • 22 Curato 1956, p. 472
  • 23 Ivi, p. 325 ; L'Opinione, 19, 20, 21 marzo 1853. Un sincero ringraziamento alla prof.ssa Ester De (...)
  • 24 La versione cui mi rifaccio è in ASMn, I.R. Delegazione e Congregazione provinciale : Emigrati Pol (...)
  • 25 Sulle fughe di notizie si veda il dossier in ASMi, CA, b. 301. Cfr. anche Curato 1956, p. 325.
  • 26 Galletti - Trompeo 1867, p. 1695.

4Le modalità spesso confuse e « la massima possibile riserva »17 con cui - a dispetto del fragore che accompagnò l'emanazione degli editti - furono messi in atto i sequestri, fanno sì che uno dei problemi più rilevanti per lo storico sia proprio riuscire a determinare con precisione il numero e l'identità dei soggetti coinvolti : un'incertezza interpretativa che riflette probabilmente le difficoltà incontrate già all'epoca dalle amministrazioni preposte. Anzitutto, il dato di 72 o 73 « profughi [lombardi] rifugiati negli stati sardi » sottoposti a sequestro, talvolta riferito dalla storiografia, induce ad una grave sottovalutazione, almeno rispetto ai passaggi iniziali della vicenda.18 Tale cifra è desunta dall'editto del 12 novembre 1853, con il quale la I.R. commissione liquidatrice di Milano apriva ai creditori degli esuli la possibilità di rivalersi sulle sostanze sequestrate : primo vero elenco ufficiale degli individui colpiti dalla misura patrimoniale ad essere reso pubblico dall'I.R. governo, a quasi un anno dall'avvio delle procedure.19 Vista la pesantezza di molti dei nomi citati e considerata l'entità dei rispettivi patrimoni, non è inesatto affermare che questo documento ci restituisce una visione d'insieme credibile sull'impatto dei sequestri su quella parte di élite italiana emigrata che costituiva il principale obiettivo dell'attacco di Radetzky ;20 comparivano in questa lista (e in alcune aggiunte successive), oltre a 25 milanesi, che rappresentavano un terzo del totale, anche 17 mantovani, 5 lodigiani, 3 cremonesi e 2 pavesi. Tuttavia, nessuno dei personaggi di questo primo elenco sarebbe stato incluso nel proclama con cui il 4 maggio 1854, con un atto di clemenza sovrana, veniva « sciolto il sequestro imposto sopra varie sostanze »,21 è dunque evidente che la retata di "pesci grossi" pubblicata dalla Commissione liquidatrice in novembre, non solo non comprendeva « i nomi di tutti coloro i cui beni [erano] stati sequestrati » (come riferiva anche il ministro plenipotenziario inglese Hudson al suo governo), ma anzi non considerava un ampio numero di soggetti, che fino all'amnistia erano tutti comunque considerati sottoposti a sequestro.22 Sommando gli individui nell'uno e nell'altro proclama (e nelle integrazioni successive), il loro numero ascende a quasi 240, sottoposti al blocco dei beni almeno fino al 4 maggio 1854. Ma questa stessa cifra rappresenta comunque solo una frazione del lunghissimo elenco di sequestri che tra il 19 e il 21 marzo 1853 era stato dato alle stampe dal quotidiano torinese L'Opinione, tra lo sgomento degli esuli e « l'orrore e l'indignazione » del popolo piemontese « di tutti i ceti ».23 Le liste del giornale riprendevano alla lettera una serie di documenti ufficiali del Regno Lombardo-Veneto, collettivamente definiti Elenchi dei profughi politici della Lombardia le di cui sostanze sono colpite da sequestro, che non furono mai inclusi nel Bollettino provinciale né in alcun altro repertorio :24 non mi è stato possibile appurare se questi materiali godessero comunque di qualche grado di pubblicità, o fossero invece (più probabilmente) riservati ad uso interno delle amministrazioni e siano da queste fuoriusciti. Le fughe di notizie di questo genere, d'altronde, erano all'ordine del giorno, come attestano le corrispondenze diplomatiche straniere e le inchieste interne alla stessa imperial regia burocrazia.25 La « moltitudine straordinaria » inclusa in questi elenchi (come la definì Domenico Berti in una relazione presentata al parlamento di Torino il 3 maggio 1853)26 ammontava a ben 703 nomi (senza contare i numerosi altri indicati in una serie intermittente di aggiunte). Posto dunque che la successiva cifra di 70-80 persone pubblicata dalla Commissione liquidatrice costituisce l'esito di un percorso successivo di scrematura delle liste, resta aperto un quesito cruciale : come, quando e perché questa pletorica folla indicata dagli elenchi originari si ridusse ai circa 240 del maggio 1854, per stabilizzarsi alla fine - dopo la prima parziale liberazione - sulle poche decine di persone indicate dai liquidatori (nessuna delle quali, giova ricordarlo, svincolata nel 1854) ?

  • 27 Elenco nominativo degli individui nominati a Sequestratarj, in ASMn, Int. Fin. Seq., b. 166.
  • 28 Elenco di profughi politici emigrati a termini della Sovrana Dichiarazione 29 dicembre 1850, in AS (...)
  • 29 Elenco nominativo dei profughi politici della Lombardia, Milano, 6 aprile 1853, in ASMi, CA, b. 30 (...)

5Le indagini d'archivio hanno consentito di rispondere almeno parzialmente alla domanda, soprattutto attraverso le rilevazioni effettuate presso l'archivio di Stato di Mantova. L'originario Elenco dei profughi politici da sequestrare in questa provincia, elaborato dalle autorità militari e dalla locale Delegazione, constava di 149 nomi, cui il 19 aprile ne furono aggiunti altri 12 : la quasi totalità degli individui segnalati approdarono rapidamente alla fase esecutiva del sequestro, sancita dalla nomina ufficiale del sequestratario.27 Nuove indagini da parte della commissione portarono poco dopo all'identificazione di un'ulteriore massa di veri o presunti esuli mantovani, « sulle cui sostanze non [erano] ancora state attivate le pratiche pel sequestro », ma che potevano a tutti gli effetti rispondere ai requisiti fissati dal bando del 18 febbraio : se si fosse dato corso a questa ulteriore procedura, il numero dei sequestrati della provincia sarebbe asceso ad una cifra compresa tra i 370 e i 380.28 L'esistenza presso le Cancellerie austriache di Milano di un meticoloso Elenco nominativo dei profughi politici della Lombardia del 6 aprile 1854 testimonia la messa in opera di indagini analoghe in diverse altre provincie lombarde : se tanto Lodi che Pavia, ad esempio, non sembrano aver aggiornato le loro liste, il numero dei cremonesi identificati come passibili (almeno in potenza) di misure patrimoniali si impennò vertiginosamente da 26 a 267. In totale, gli esuli lombardi per i quali, in qualsiasi momento, poteva teoricamente applicarsi il bando radetzkiano erano così calcolati, alla primavera del 1854, nella ragguardevole cifra di 1754.29

  • 30 I.R. Prefetto delle Finanze a Ministro delle Finanze, Milano, 5 agosto 1853, in ASMi, CA, b. 293.
  • 31 Circolare dell'I.R. Luogotenente della Lombardia, n. 3312, Milano, 7 maggio 1853, in ASMi, Proc. m (...)
  • 32 Elenco Sov. Dich. 29.XII.50, cit.
  • 33 Proclama 4.V.54, cit.
  • 34 Circolare dell'I.R. Luogotenente della Lombardia, n. 3312, Milano, 7 maggio 1853, cit.
  • 35 Curato 1956, p. 102-104.
  • 36 Prosp. A : Sommario delle sostanze patrimoniali sequestrate e Prosp. B : Categorie delle masse di (...)
  • 37 Fasc. Griziotti Giacomo, in BCTr, Archivio Emigrazione Italiana [= AEI], MS.V.B.20 ; nota Bellisom (...)

6Era però intanto divenuto chiaro da tempo, ad ogni livello della catena di comando, come un simile modo di procedere sarebbe stato, oltre che difficile, anche inefficace : nell'agosto 1853, una nota del Prefetto delle Finanze sottolineava come la maggioranza dei patrimoni sequestrati fino a quel momento fosse di « meschinissima entità » e come « l'ammasso di tante partite insignificanti porta[sse] la necessità di complicate scritturazioni, di aumenti di personale, di spese, di ritardi ».30 Tale situazione di sofferenza delle amministrazioni perdurava, tra l'altro, nonostante fosse già stata disposta una prima, consistente, operazione di « depurazione » : il 7 maggio 1853, infatti, il Luogotenente per la Lombardia, tenente maresciallo Michele Strassoldo, aveva invitato le commissioni locali a individuare i soggetti « che possed[evano] un patrimonio insignificante » per liberarli « dal novero dei sequestrati col prosciogliere immediatamente l'operato sequestro ».31 Osservando l'azione dei funzionari mantovani, è possibile ricostruire nel dettaglio l'applicazione della direttiva : accantonata l'idea di espandere il sequestro ai profughi di nuova individuazione (tutti d'altronde nullatenenti o quasi), sui circa 150 esuli affidati in marzo ai sequestratari locali, almeno 90 furono avviati al proscioglimento immediato perché indigenti.32 Ad alcune proposte di « svincolo per la tenuità delle sostanze » non fu dato invece corso immediato : si trattava di una trentina di patrimoni che, a differenza di quelli subito liberati, erano di dimensioni non del tutto irrilevanti, ma che avrebbero costituito il bacino dell'amnistia del maggio 1854. In questa circostanza, furono svincolati in tutta la Lombardia 160 esuli (in particolare, 32 mantovani, 12 cremonesi, 10 lodigiani e 10 pavesi),33 sempre in ottemperanza di una precisa strategia superiore : già nel maggio 1853, infatti, la Luogotenenza lombarda aveva chiesto alle delegazioni dipendenti di predisporre elenchi di profughi che meritavano « di essere raccomandati alla Grazia Sovrana » per un futuro provvedimento. Nella pratica, il criterio di merito valutato dalle autorità locali, sembra essere stato anzitutto la scarsità del patrimonio :34 trova così conferma, tanto nelle istruzioni di Strassoldo quanto nella loro esecuzione a Mantova e nelle altre provincie, l'impressione diffusa già all'epoca che l'amnistia fosse una finzione, ovvero l'esecuzione di un provvedimento amministrativo di comodo, sotto la forma pubblicitaria di un atto di clemenza.35 A rimanere sotto il controllo delle Intendenze furono solo i cospicui patrimoni censiti nel novembre 1853 dalla Commissione liquidatrice : gli unici ad avere una discreta consistenza e che a conti fatti valesse la pena di sequestrare. Va rilevato che se, nelle provincie di Pavia, Lodi e Cremona, il sequestro vero e proprio finì con il ridursi quasi in nulla per il provvedimento del 1854, un profilo diverso presentava invece il territorio mantovano, dove rimanevano sequestrati anche patrimoni di notevoli dimensioni, afferenti a grandi proprietari terrieri aristocratici o altoborghesi : secondo i calcoli della Prefettura delle Finanze di Milano, il loro valore complessivo oscillava tra i 2 e i 3 milioni di lire austriache, il che ne faceva la seconda « massa » sequestrata della Lombardia, con 14 patrimoni individuali tra i 73 più consistenti della regione (di cui due superiori alle novecentomila lire). Ben altro ordine di grandezza, insomma, rispetto alla vicina Cremona (poco più di novantamila lire) e ancor più rispetto a Pavia (circa quarantamila lire), dove non era stata toccata alcuna sostanza degna di nota.36 In quest'ultimo caso, concorreva probabilmente a schermare i patrimoni dall'aggressione austriaca la tradizionale concentrazione della proprietà fondiaria in Lomellina, oltre il confine sardo : una circostanza che accomunava esuli pavesi di estrazione sociale diversa, da Giacomo Griziotti, figlio di un cancelliere di tribunale, al nobile Stefano Bellisomi, beneficiati entrambi dal proscioglimento del maggio 1854 anche in virtù dell'inaccessibilità delle loro sostanze, piccole o grandi che fossero, alla mano asburgica.37

Esuli, assenti illegali, disertori : profili di emigrati sottoposti a sequestro

  • 38 Su Giovanni Arrivabene : Coldagelli 1962 ; Van Nuffel 1966 ; Bertolotti 1998, ad indicem.
  • 39 Giusti 1966, p. 5.
  • 40 Commissione mista di Mantova a I.R. Delegato provinciale, Mantova, 28 febbraio 1853, in ASMn, DPAR (...)
  • 41 Curato 1956, p. 19-20 ; Fascicolo Ravicini-Tedeschi, in ASMi, CA, b. 295.

7Ma chi erano dunque, al di là del profilo patrimoniale, gli esuli sottoposti (in teoria e/o in pratica) al sequestro del 1853 ? Se un carattere generale si può ravvisare in questo provvedimento, esso è senza dubbio la scarsa analiticità dell'operazione, motivata in primo luogo dalla iniziale fretta di agire velocemente con la maggiore durezza possibile. L'eccesso di solerzia degli uffici generò, anzitutto, un certo numero di errori materiali : dall'inclusione nelle liste di transfughi defunti (come Giuseppe Corbani di Cremona, caduto sotto le bandiere della Divisione Lombarda nel 1849), alle frequenti incertezze onomastiche. Un intellettuale di fama continentale come il conte Giovanni Arrivabene, grande proprietario terriero mantovano fuggito dall'Italia nei primi anni Venti, compariva ancora in testa alla prima lista di sequestri, nonostante nel 1838 avesse beneficiato della grazia imperiale e avesse in seguito ottenuto la cittadinanza belga.38 Negli elenchi successivi, tuttavia, il suo nome lasciava il passo a quello del fratello Giuseppe, esule anch'egli, ma i cui « principj costantemente liberali ed esagerati » nel 1848-49 delineavano un profilo molto più in linea con la tipologia di fuggiasco del bando radetzkiano :39 se pure dovette trattarsi di una svista, essa non va comunque sottovalutata, per il solo fatto di essere stata inizialmente presa molto sul serio dalla Commissione sequestri.40 Fu invece lo stesso governo sardo a doversi interessare per correggere un vero abuso contro la signora Maria Tedeschi vedova Ravicini di Pallanza e suo figlio, costringendo l'amministrazione lombarda ad ammettere che essi non avevano « mai acquistato il diritto di nazionalità negli Stati Austriaci », pur possedendo beni a Pavia che erano finiti sotto sequestro senza alcuna giustificazione.41

  • 42 Giusti 1966, p. 45-46 ; Bertolotti 1998, p. 98.
  • 43 Commissione mista di Mantova a I.R. Delegato provinciale, Mantova, 28 febbraio 1853, cit.

8Al di là degli errori, che pure non mancarono, ben più significativa appare comunque un'altra tipologia di passi indietro fatti dalle autorità sequestratarie. Sin dall'apertura delle operazioni, i procuratori di emigrati di elevata estrazione sociale, i mantovani Livio Benintendi e Francesco Rizzini, avevano contestato in punta di diritto il coinvolgimento dei loro rappresentati nelle liste, non essendo questi « compresi in alcuna categoria di quelle contemplate nel proclama del 18 febbraio », in particolare in quanto possessori di regolari permessi di emigrazione.42 E sebbene i funzionari locali si mostrassero tetragoni di fronte a tali reclami, dietro le quinte essi stessi ammettevano che diversi dei « casi in discorso » presentavano « qualche dubbio ».43 Solo nell'aprile 1853 le istruzioni fornite a Radetzky dal Ministero dell'Interno portarono parziale chiarezza su questa delicata materia, in particolare distinguendo tra i veri e propri emigrati politici e i semplici assenti illegali. Comunicava il feldmaresciallo :

  • 44 Copia del decreto presidenziale n. 3039 Verona 14 aprile 1853, in ASMn, DPAR, b. 154.

La Sovrana Risoluzione 29 dicembre 1850 indica siccome emigrati quelle persone soltanto che in seguito alle loro partecipazioni nelle mene rivoluzionarie si trattengono arbitrariamente all'esterno [...]. Il dato essenziale della partecipazione alle mene rivoluzionarie che caratterizza/impronta questi individui come profughi politici, manca [negli assenti illegalmente], per lo che non possono essere annoverati tra i profughi politici e parificati a quelli individui.44

  • 45 Nota per la commissione mista, Mantova, 1 marzo 1853, ibid.
  • 46 Rezzaghi 1933, p. 234 ; Giusti 1966, p. 149 ; Scuderi 1986.
  • 47 Prospetto generale dei profughi lombardi da prosciogliersi dal sequestro, Milano, 6 aprile 1854, i (...)

9Veniva insomma spezzata quella iniziale equivalenza automatica tra assenza dal territorio lombardo e sequestro che sembrava aver caratterizzato, senza troppi distinguo, la formazione delle prime liste. Si confermava, al contrario, la linea già tracciata a marzo, per cui - ad esempio - i citati reclami di Rizzini e Benintendi, se anche si fossero fondati su basi legali solide, non sarebbero stati in ogni caso accolti, visto proprio il loro profilo di personaggi « notoriamente tra i più compromessi nella rivoluzione del 1848 » e al contempo forniti di un patrimonio meritevole delle attenzioni governative.45 È comunque significativo notare come un individuo molto meno importante, il mantovano Plutarco Pizzi, abbia potuto beneficiare con relativa facilità di un trattamento assai più benevolo. Reduce « molto temibile » della « banda del famigerato Garibaldi », nel 1852 era fuggito in Piemonte temendo di essere coinvolto nel processo di Mantova - salvo infine essere « allontanato per dimostrazioni antipolitiche » anche dagli stati sardi.46 Sarebbe dipeso « dall'entità delle più concrete informazioni da assumersi nella via diplomatica », concludeva una nota dell'aprile 1854, se tenere fermo il sequestro o procedere unicamente per assenza illegale : contrariamente alle premesse, le successive notizie dovettero essere ritenute abbastanza rassicuranti da concedere la liberazione dei beni. È d'altronde molto probabile, come già si ha avuto modo di osservare, che in questo esito positivo avesse avuto un peso determinante, più che una considerazione politica, la scarsa entità del patrimonio in questione.47

  • 48 Fascicolo Luigi Carlotti, in ASMi, CA, b. 295.
  • 49 Elenco Sov. Dich. 29.XII.50, cit.
  • 50 Fasc. Faruffini, in ASMi, Luogotenenza delle provincie lombarde - Archivio generale, Cittadinanza (...)
  • 51 Elenchi dei profughi politici della Lombardia le di cui sostanze sono colpite da sequestro, in ACL (...)

10Le disposizioni dell'aprile 1853 legittimavano anche la facile risoluzione di controversie meno spinose. A far incorrere nel sequestro, infatti, potevano essere stati innocui motivi familiari, come per il pavese Luigi Carlotti, che senza aver preso « veruna parte agli avvenimenti del 1848 », se n'era andato con l' « unico scopo di riabbracciare i propri figli in Piemonte ».48 Più di frequente, erano istanze di ordine economico ad essere chiamate in causa, qualora gli emigrati si fossero allontanati solo « per migliorare la rispettiva condizione in Piemonte », come i fratelli Bonioli di Ostiglia, o « per esercitare all'estero la [loro] arte », come l'armaiolo Francesco Fezzardi di Castiglione delle Stiviere, o addirittura per « vagabondaggio » come Sante Barozzi di Felonica.49 Emblematico il caso del pavese Alessandro Faruffini : « passato senza regolari ricapiti nel limitrofo Stato Sardo [...] per occuparsi [...] della sua professione d'ingegnere », sebbene già nell'autunno 1852 si fosse appurato che non si trattava di un profugo politico, era stato comunque incluso nell'elenco addizionale dei sequestri del 22 marzo 1853.50 Quanto sono rappresentativi questi episodi ? È difficile valutare in che misura il sequestro, o la minaccia di sequestro, colpissero (illegittimamente) dei semplici assenti illegali, invece che i veri esuli politici che ne erano l'obiettivo precipuo. Gli elenchi a stampa dei sequestrati di tutta la Lombardia, puntigliosamente aggiornati dalla commissione di Lodi attestano - già prima della sanatoria dei nullatenenti disposta da Strassoldo - un continuo movimento delle liste : ad esempio, con una revisione senza data, ma probabilmente risalente al marzo/aprile 1853, il novero dei sequestrati cremonesi perdette in un colpo 12 nomi, quasi la metà del totale fissato dai primi elenchi. I motivi di questi stralci non sono specificati, ma è lecito supporre che, salvo la correzione di errori di identità o simili, essi riguardassero proprio la rivalutazione della posizione di molti esuli "sequestrabili" in assenti illegali.51

  • 52 Furiozzi 1979 ; De Fort 2003 ; Tadini 2013.
  • 53 Fasc. Ulderico Belloni, in ASTo, Comitato Centrale dell'emigrazione italiana [= CEI], S. I, m. 6.
  • 54 Fasc. Dell'Era Odoardo, in BCTr, AEI, MS.V.B.18.
  • 55 SSC 2013, ad vocem.
  • 56 Milani 1963.
  • 57 Curato 1956, p. 325.
  • 58 Così il memorandum Cibrario, citato ivi, p. 366. Cfr. anche Romeo 1977, p. 757-759.
  • 59 Fasc. Carlotti Avv. Amilcare, in BCTr, AEI, MS.V.B.33.
  • 60 Prosp. Prosc. 6.IV.54, cit. ; Tesoro 2002.

11Lo zoccolo duro dei soggetti sottoposti a sequestro (o presi in considerazione per il sequestro) era comunque in larga parte costituito da reduci delle forze sarde e lombarde e disertori dell'esercito imperiale, che avevano scelto di non rimpatriare alla cessazione delle ostilità. L'accoglienza che avevano trovato in terra piemontese e il perdurare della loro pericolosità politica (se mai c'era stata) si estendono lungo un amplissimo spettro di sfumature, che spesso è possibile rilevare solo grazie alle meticolose informazioni raccolte dal Comitato Centrale dell'emigrazione italiana di Torino e dal suo presidente, l'abate Carlo Cameroni.52 Ad esempio, l'ignota figura di Ulderico Belloni di Pavia, incluso nel primo elenco di sequestri del 1853, ci viene restituita da queste carte come un prototipo di fallita integrazione dell'esule : sovvenzionato dal governo sabaudo per studiare legge dopo la guerra, finì rovinato dall'alcool e dal gioco d'azzardo.53 Nella sorte di un altro giovane sequestrato pavese, si intuisce al contrario quale grande occasione potesse rappresentare l'espatrio : « refrattario [alla leva austriaca] del 1848 », Odoardo Dell'Era, « di miserabile famiglia » ma « di ingegno molto », approfittando dei sussidi piemontesi poté laurearsi e trovare lavoro nella redazione de L'Opinione.54 Certo, quale che fosse il loro passato, non pochi di questi esuli sarebbero di nuovo accorsi alle armi nelle successive fiammate belliche del Risorgimento : come il cremonese Enrico Berzolari, disertore del reggimento Ceccopieri nel 1848 e undici anni dopo medaglia d'argento sul campo di Palestro,55 o il pavese Gaetano Sacchi, nel 1859 cacciatore delle Alpi, nel 1860 comandante di una brigata garibaldina e infine generale dell'esercito regio.56 In maggioranza, comunque, gli emigrati sequestrati o minacciati di sequestro da anni vivevano « tranquilli e pacifici come sudditi del Piemonte » e non sembravano dare adito a concrete preoccupazioni politiche.57 Le stesse autorità sarde tenevano gli occhi aperti, come attestano tanto misure a tappeto come la nota espulsione del « piccolo numero di emigrati turbolenti che seguivano i dettami di Mazzini »,58 quanto segnali più minuti : ad esempio, la prudenza con cui furono vagliate, a maggior ragione perché profugo sequestrato, le credenziali dell'ex segretario del governo provvisorio lombardo, Amilcare Carlotti di Bereguardo (Pavia). Come scriveva Cameroni, questi era stato « in Roma nei tempi che non erano i nostri » (la Repubblica nel 1849), ma ciò non gli impedì infine - essendosi evidentemente calmati i suoi ardori rivoluzionari - di intraprendere la carriera di segretario comunale in Piemonte.59 Non sorprende dunque che nelle provincie qui esaminate la levata del 1854 si rivelasse alquanto generosa : nella maggior parte dei casi, alle ragioni di praticità finanziaria che ispirarono il provvedimento, non ostava apparentemente alcuna concreta pregiudiziale politica. È comunque un ennesimo, indicativo, segnale di trascuratezza dell'azione sequestrataria, che perfino un acerrimo e attivo nemico dell'Austria come il pavese Giacomo Griziotti fosse compreso nella grazia, anche in virtù del fatto che « non consta[va] di sua compartecipazione » nei « politici trambusti » del 1848 : non è chiaro se si trattasse di una incredibile mancanza di informazioni o di una mera negligenza dei compilatori, ma lo stesso esule si adontò del provvedimento in suo favore con una lettera alla Gazzetta del Popolo.60

  • 61 Cfr. ad es. nota Bertani Giacomo, in BCTr, AEI, MS.II.19.a.
  • 62 Fasc. Caccia Virginia, in BCTr, AEI, MS.II.19.c1-c2.
  • 63 Prosp. Prosc. 6.IV.54, cit.
  • 64 Ibid. ; Fasc. Sacchini Filippo, in BCTr, AEI, MS.II.21 ; SSC 2013, ad voces.
  • 65 Prosp. Prosc. 6.IV.54, cit.
  • 66 Riass. Editti, cit. Su Gaetano Tibaldi, SSC 2013, ad vocem. Non è chiaro se il sequestro sia stato (...)
  • 67 Riass. Editti, cit. Su Colombani e Griffini : Bigatti 1965, p. 25 ; Zavalloni 2002. Rimasero sotto (...)
  • 68 Fasc. Bassini Angelo, in ASTo, CEI, s. II, m. 32 ; Tessari 1970.
  • 69 Giusti 1966, p. 99-100 ; Bernasconi 2003.

12Di fatto, tra errori e fretta di liberarsi di pesi inutili, in quasi tutte le periferiche provincie della Lombardia meridionale, la misura di clemenza del maggio 1854 finì con il rendere il sequestro un fattore pressoché irrilevante. Prendiamo il caso di Cremona, dove, al maggio 1854 (dopo le varie pulizie delle liste del 1853) erano rimasti attivi solo una quindicina di sequestri, la maggior parte di piccola entità, qualcuno addirittura coperto di debiti.61 La posizione dell'unica donna, Virginia Caccia, è sintomatica : « di civilissima condizione », secondo i funzionari che la esaminarono per il proscioglimento, nel 1848 aveva solo « seguito la corrente » e « condiviso la sorte » del futuro marito, un ufficiale dalmata disertore.62 Giudizi come questo si riproponevano anche per i fuggiaschi di sesso maschile : quasi nessuno di essi, ancorché « vagheggiasse la causa dell'italiano risorgimento », come il renitente Felice Stradiotti di Azzanello, sembrava costituire più un reale pericolo.63 Non Filippo Sacchini, figlio di Giuseppe ex ufficiale napoleonico, riparato in Piemonte al seguito del padre e dedito all'avvocatura ;64 né tantomeno Luigi Balzarini, disertore del 38° reggimento Hagwitz, impegnato negli studi di Veterinaria o Luigi Fezzi, uscito dalla scuola militare austriaca ma ora ufficiale di carriera nell'esercito sardo, descritto come « di esaltati sentimenti », ma a carico del quale non risultavano « fatti speciali ».65 Per tutti costoro, il dissequestro delle (piccole) sostanze sarebbe stato concesso senza difficoltà con il proclama del 4 maggio. Non che mancassero, tra i cremonesi, personaggi impegnati nell'eversione passata e presente, come Luigi Tentolini, storico « Ordinatore della Setta [mazziniana] in Cremona » o il giovane cospiratore Giovanni Cadolini, ma il più delle volte essi risultavano nullatenenti ; sicché, tra gli esuli della città dotati di beni di fortuna, solo l'avvocato Gaetano Tibaldi sembrava destare ancora abbastanza preoccupazione da non essere graziato, a causa del passato impegno nel « concertare le forze delle Masse Italiane » a fini rivoluzionari.66 Una situazione analoga si riproponeva nelle provincie di Lodi e di Pavia : della maggior parte dei sequestrati di qualche rilievo patrimoniale si concluse che « non avevano preso parte ai politici trambusti » e se ne dispose la liberazione nel 1854. Rimasero sottoposti a misure restrittive solo gli individui avvertiti, a torto o a ragione, come più pericolosi per le loro influenze e per la loro disponibilità finanziaria : a Lodi, l'ing. Francesco Colombani, già commissario del governo provvisorio lombardo, e il maggiore generale Saverio Griffini, comandante di volontari lombardi nel 1848-49 ;67 a Pavia, il già citato Guy e Angelo Bassini, difensore di Roma con Garibaldi. Quest'ultimo era probabilmente uno dei pochi casi, tra quelli finora individuati, in cui un sequestro effettivo (anche se di beni non ingenti) andava a colpire un cospiratore attivo, ancora nel 1854 segnalato dalle autorità piemontesi e svizzere come uno degli « agenti principali di Mazzini ».68 Di nuovo, è Mantova a rappresentare una parziale eccezione, con il sequestro mantenuto per 17 proprietari, dei quali alcuni rappresentanti di primo piano della classe dirigente locale : due su tutti, il marchese Anselmo e il conte Carlo Guerrieri-Gonzaga, di cui in particolare il primo (futuro deputato del regno d'Italia) era stato ministro degli Esteri del governo provvisorio.69

  • 70 Traggo queste cifre dal confronto tra i documenti d'archivio, Rezzaghi 1933 e Giusti 1966.
  • 71 Soldi 1963, p. 331 ; 344.

13Non si può comunque non rilevare, a questo punto, come le presenti considerazioni riguardino una ristretta minoranza di esuli - quelli cioè di cui le commissioni effettivamente si occuparono, poiché erano i pochi a possedere qualcosa che si potesse porre sotto controllo : il fatto che la maggioranza degli emigrati lombardi fossero ascritti alla categoria dei nullatenenti rende per ora difficile una ricognizione prosopografica ad ampio spettro del fenomeno. Come sempre, è da Mantova che arrivano i dati più completi : dei 161 esuli inclusi nei primi elenchi, 52 erano sicuramente disertori, come lo erano 112 dei circa 260 assenti segnalati ma non sequestrati ; di almeno 119 mantovani, tra sequestrati e non, si può ricostruire un'afferenza a corpi militari italiani nel 1848-49, mentre una trentina risultavano iscritti negli elenchi dei compromessi politici da sorvegliare.70 Al contrario, su 255 presunti esuli cremonesi presi in considerazione dalle autorità, ma infine rubricati come nullatenenti, solo di un centinaio si è potuto ricostruire almeno approssimativamente a che titolo fossero ritenuti passibili di tale misura ; la cifra segnalata di 26 disertori (tra cui cinque ufficiali) appare peraltro una stima al ribasso.71 Molto lavoro resta dunque da fare, soprattutto attraverso l'incrocio della documentazione archivistica, per arrivare a costruire un panorama complessivo su questo aspetto "popolare" - si potrebbe perfino dire di massa ? - ma non meno significativo, della vicenda dei sequestri.

Conclusioni

  • 72 Romeo 1977, p. 760 ; Meriggi 1987, p. 362-363.
  • 73 Circolare dell'I.R. Luogotenente della Lombardia, n. 3312, Milano, 7 maggio 1853, cit.
  • 74 [Luogotenente della Lombardia] a I.R. delegato provinciale di Mantova, Milano, 2 aprile 1854, in A (...)

14È un fatto generalmente accettato dalla storiografia che l'obiettivo principale di Radetzky, nell'emanare l'editto del 18 febbraio, fosse colpire al cuore la riottosa aristocrazia lombardo-veneta.72 Tuttavia, per quanto Strassoldo stesso affermasse, nel maggio 1853, che l'obiettivo non era « colpire un grande numero di individui » ma « rendere meno pericolosi [i] ricchi compromessi »,73 i progressivi aggiustamenti degli elenchi attestano che il passaggio ad un'azione più mirata, rispetto alle pletoriche liste di febbraio/marzo, avvenne solo per gradi ; ed è proprio nel periodo compreso tra il 18 febbraio 1853 e il 4 maggio 1854, in cui il sistema sequestratario prese forma, che ne emersero tutte le stridenti contraddizioni. Le operazioni di pulizia delle liste, l'adozione di criteri più equi, la distinzione tra esuli e "semplici" assenti illegali, non posero fine alle molte ambiguità dell'operazione : in particolare, l'indefinitezza delle linee guida e la non chiara ibridazione tra fattori politici ed economici, svuotavano di significato sia le larghe iniziative di perdono imperiali, sia l'ostentata correttezza dell'I.R. governo nel gestire le sostanze sotto il suo controllo « da buon padre di famiglia ».74

  • 75 Curato 1956, p. 319.
  • 76 Nota Bellisomi Stefano, cit.
  • 77 Curato 1956, p. 319.

15L'indagine sugli elenchi dei sequestrati e sull'operato delle commissioni nelle provincie abbozzata in questo saggio è ancora da perfezionare ed approfondire ; tuttavia, si può già ora affermare che la prospettiva locale è il punto di vista dal quale meglio si comprende come la prima fase del sequestro del 1853-1854, più che a un provvedimento finalizzato a domare un'élite, assomigliasse davvero al « colpo di scopa » di cui parlò l'ambasciatore sardo a Vienna : una rappresaglia indiscriminata, concepita per abbattersi « su tutte le classi di emigrati », dal grande proprietario terriero agli umili disertori ed ex combattenti, senza risparmiare - per errore od ottusità - nemmeno gli innocenti.75 Appare chiaro, insomma, come il sequestro fosse finalizzato inizialmente non solo a tagliare i legami di una cupola di ricchi cospiratori emigrati con i facinorosi « barabba » lombardi, ma a gettare nel terrore un'intera popolazione, a proscrivere una « immensa moltitudine » di profughi dal loro territorio. A rivelare quanto velleitaria fosse questa minaccia, fu ben presto la stessa impossibilità di individuare e perseguire una così vasta massa di nullatenenti (« Bastonate al vento ! », scrisse non a torto l'abate Cameroni) ;76 ma è proprio scorrendo i lunghi elenchi di « pesci piccoli » presi di mira, che si apprezza appieno il valore delle parole del ministro austriaco von Buol, quando affermava che « non era possibile fare né sarebbe stata fatta alcuna distinzione », poiché l'Austria considerava tutti gli emigrati « degli assassini » e « li avrebbe trattati come tali ».77

  • 78 Pavesi 1907, p. 88
  • 79 Allievi 1859, p. 33.

16Non stupisce così che, ancora all'inizio del Novecento, il giudice Alessandro Bozzi donasse con orgoglio al museo del Risorgimento di Pavia il documento di compravendita fittizia citato all'inizio di queste pagine, cimelio che attestava « i servizi resi dal compianto Pietro Bozzi [suo padre, ndA] all'emigrato politico Antonio Guy » :78 a testimonianza di quanta importanza rivestisse, nella costruzione dell'epos nazionale in Lombardia, l'odioso ricordo del sequestro, vero epitaffio per un regime che, agli occhi dei patrioti, « non solo offende[va] nella libertà e nella dignità della persona », ma non esitava a « degrada[re] nella miseria » gli operosi sudditi italiani e « ruba[re] il pane quotidiano ».79

Haut de page

Bibliographie

Alberton 2012 = A.M. Alberton, « Finchè Venezia salva non sia » : esuli e garibaldini veneti nel Risorgimento (1848-1866), Sommacampagna, 2012.

Allievi 1859 = A. Allievi, Amministrazione finanziaria del Lombardo-Veneto dal 1848 al 1858, in Rivista contemporanea, XVII, 7, 1859, p. 3-39.

Bernasconi 2003 = P. Bernasconi, Guerrieri Gonzaga Anselmo, in Dizionario biografico degli Italiani, (=  DBI), LX, Roma, 2003.

Bertolotti 1998 = M. Bertolotti, Le complicazioni della vita : storie del Risorgimento, Milano, 1998.

Bigatti 2000 = G. Bigatti, La città operosa : Milano nell'Ottocento, Milano, 2000.

Bistarelli 2011 = A. Bistarelli, Gli esuli del Risorgimento, Bologna, 2011.

Cipolla 2006 = C. Cipolla, I comitati insurrezionali del Lombardo-Veneto ed il loro processo a Mantova del 1852-1853, Milano, 2006.

Coldagelli 1962 = U. Coldagelli, Giovanni Arrivabene, in DBI, IV, Roma, 1962.

Curato 1956 = F. Curato (a cura di), Le relazioni diplomatiche tra la Gran Bretagna ed il Regno di Sardegna dal 1852 al 1856 : il carteggio diplomatico di Sir James Hudson, Torino, 1956.

De Fort 2003 = E. De Fort, Esuli in Piemonte nel Risorgimento. Riflessioni su una fonte, in Rivista storica italiana, CXV, 2, 2003, p. 648-688.

Eco 2012 = U. Eco, Vertigine della lista, Milano, 2012.

Furiozzi 1979 = G.B. Furiozzi, L'emigrazione politica in Piemonte nel decennio preunitario, Firenze, 1979.

Galletti – Trompeo 1867 = G. Galletti - P. Trompeo (a cura di), Atti del parlamento Subalpino : sessione del 1852 (IV legislatura). Documenti. III, Firenze, 1867.

Giusti 1966 = R. Giusti (a cura di), Compromessi politici nel mantovano : 1848-1866, Mantova, 1966.

Isabella 2011 = M. Isabella, Risorgimento in esilio : l'internazionale liberale e l'età delle rivoluzioni, Roma-Bari, 2011.

Meneghini 1863 = A. Meneghini, I sequestri austriaci nella Venezia, Torino, 1863.

Meriggi 1987 = M. Meriggi, Il Regno Lombardo-Veneto, Torino, 1987.

Milani 1963 = M. Milani (a cura di), Inventario delle carte di Gaetano Sacchi, Pavia, 1963.

Ottolini 1887 = V. Ottolini, La rivoluzione lombarda del 1848 e 1849 : storia, Milano, 1887.

Pavesi 1907 = U. Pavesi, Museo pavese del Risorgimento italiano, in Bollettino della Società pavese di storia patria, VII, 1, 1907, p. 81-93.

Pedrazzi-Sobacchi 1930 = G. Pedrazzi-Sobacchi, Figure modeste del Risorgimento : Raimondo Pandini, Lodi, 1930.

Raponi 1967 = N. Raponi, Politica e amministrazione in Lombardia agli esordi dell'unità : il programma dei moderati, Milano, 1967.

Rezzaghi 1933 = A. Rezzaghi, Quarantotto mantovano, Mantova, 1933.

Romeo 1977 = R. Romeo, Cavour e il suo tempo, II, 2. 1842-1854, Roma-Bari, 1977.

Scuderi 1986 = G. Scuderi, Plutarco Pizzi, garibaldino, esule in Inghilterra, corrispondente da Londra del giornale mantovano La Favilla : una breve biografia, in Civiltà mantovana, II, 1986, p. 125-137.

Soldi 1963 = F. Soldi, Risorgimento cremonese : 1796-1870, Cremona, 1963.

SSC 2013 = Società storica cremonese (a cura della), Dizionario biografico del Risorgimento cremonese, coordinamento A. Bellardi, M. Morandi, E. Zanesi, Cremona, 2013.

Tadini 2013 = F. Tadini, Conoscete voi il prete Cameroni ? in Quaderni della Geradadda, XIX, 2013, p. 251-312.

Tesoro 2002 = M. Tesoro, Griziotti Giacomo, in DBI, LIX, Roma, 2002.

Tessari 1970 = T. Tessari, Bassini Angelo, in DBI, VII, Roma, 1970.

Van Nuffel 1966 = R. Van Nuffel (a cura di), L'esilio di Giovanni Arrivabene e il carteggio di Costanza Arconati, 1829-36, Mantova, 1966.

Vidari 1892 = G. Vidari, Frammenti cronistorici dell'Agro Ticinese, IV, Pavia, 1892.

Zavalloni 2002 = F. Zavalloni, Griffini Saverio, in DBI, LIX, Roma, 2002.

Haut de page

Notes

1 Mi permetto di riprendere la suggestiva immagine di Eco 2009.

2 Dichiarazioni prestate dal sig. Pietro Bozzi, in Archivio storico civico di Pavia, Archivi del Risorgimento, cart. I, f. 12. Cfr. anche Archivio di Stato di Pavia, Archivio notarile, Gerolamo Dall'Acqua, atto n. 5039, 1 agosto 1848.

3 Per una panoramica su questi provvedimenti : Meriggi 1987, p. 347-363.

4 Riassunto generale dei profughi politici lombardi assunti negli editti 12 e 19 novembre 1853 [=Riass. Editti], in Archivio di Stato di Milano [=ASMi], Cancellerie Austriache [= CA], b. 301 ; Vidari 1892, p. 427.

5 Traggo la suggestiva definizione dalla biografia di un altro sequestrato "minore" : Pedrazzi-Sobacchi 1930.

6 Sul tema dell'esilio : Isabella 2011 e Bistarelli 2011.

7 Per orientarmi nella complessa macchina sequestrataria, è stata necessaria un'estesa ricognizione archivistica preliminare, i cui risultati sono solo in parte esposti in questo saggio. Si ringraziano in particolare : Archivio di Stato di Milano ; Archivio di Stato di Torino [= ASTo] ; Archivio di Stato di Mantova [= ASMn] ; Biblioteca civica di Treviglio [= BCTr] ; Archivio comunale di Lodi [= ACLo] ; Archivio di Stato e Archivio storico civico di Pavia ; Archivio di Stato di Cremona.

8 Proclama di S. E l'I. R. Governatore Generale Militare e Civile del Regno Lombardo-Veneto in data di Verona 18 febbraio 1853 [= Proclama 18.II.53], in Bollettino provinciale degli Atti di Governo per la Lombardia : parte II [= BPAGL II], 1853, p. 70.

9 ASMi, Processi politici - I.R. Comando militare [= Proc. mil.] e ASMn, I.R. Corte Speciale di Giustizia in Mantova : Processi. Sui processi di Mantova : Cipolla 2006.

10 Sui sequestri dopo il 1859 : Meneghini 1863 ; Alberton 2012.

11 Circolare dell'I.R. Luogotenente del Veneto, n. 1147, Venezia, 24 febbraio 1853, in ASMn, I.R. Intendenza di Finanza di Mantova : Sequestri [= Int. Fin. Seq.], b. 166.

12 Circolare dell'I.R. Luogotenente della Lombardia, n. 1825, Milano, 12 marzo 1853, in ASMn, I.R. Delegazione provinciale di Mantova : Atti riservati [= DPAR], b. 154 (anche in Curato 1956, p. 325-326).

13 Circolare dell'I.R. Luogotenente del Veneto, n. 1147, cit.

14 [Ordine di convocazione], s.d., s.l., [ma Lodi, febbraio 1853], in ACLo, I.R. Delegazione provinciale di Lodi e Crema, Commissione provinciale sequestri, b. 104, 1, f. 1.

15 Sui sequestratari : Istruzioni per i Sequestrarj-Amministratori, Mantova, 17 febbraio 1853, in ASMn, DPAR, b. 154.

16 Circolare dell'I.R. Luogotenente della Lombardia, n. 1327, Milano, 23 aprile 1853, ibid.

17 I.R. Prefetto delle Finanze a I.R. Intendente di Mantova, Milano, 18 maggio 1853, in ASMn, Int. Fin. Seq., b. 166.

18 Richiamo, a titolo di esempio, Raponi 1967, p. 49.

19 Editto dell'I.R. Commissione liquidatrice delle pretese private sulle sostanze dei profughi politici per le Provincie Lombarde 12 novembre 1853, in BPAGL II, 1853, p. 415-416. Il numero dei sequestrati è qui fissato a 73 ; riporta 72 nomi un'altra versione dello stesso editto (cfr. Ottolini 1887, p. 626-628).

20 Meriggi 1987, p. 363.

21 Proclama di S.E. l'I.R. Governatore Generale del Regno Lombardo-Veneto in data di Verona 4 maggio 1854, in BPAGL II, 1854, p. 123-126 [= Proclama 4.V.54].

22 Curato 1956, p. 472

23 Ivi, p. 325 ; L'Opinione, 19, 20, 21 marzo 1853. Un sincero ringraziamento alla prof.ssa Ester De Fort per avermi fornito questo materiale.

24 La versione cui mi rifaccio è in ASMn, I.R. Delegazione e Congregazione provinciale : Emigrati Politici - Sequestri [= Emigr. Seq.], b. 4 e Doni e acquisti, b. 1, VIII : Dono Galafassi.

25 Sulle fughe di notizie si veda il dossier in ASMi, CA, b. 301. Cfr. anche Curato 1956, p. 325.

26 Galletti - Trompeo 1867, p. 1695.

27 Elenco nominativo degli individui nominati a Sequestratarj, in ASMn, Int. Fin. Seq., b. 166.

28 Elenco di profughi politici emigrati a termini della Sovrana Dichiarazione 29 dicembre 1850, in ASMn, DPAR, b. 154 [= Elenco Sov. Dich. 29.XII.50].

29 Elenco nominativo dei profughi politici della Lombardia, Milano, 6 aprile 1853, in ASMi, CA, b. 301.

30 I.R. Prefetto delle Finanze a Ministro delle Finanze, Milano, 5 agosto 1853, in ASMi, CA, b. 293.

31 Circolare dell'I.R. Luogotenente della Lombardia, n. 3312, Milano, 7 maggio 1853, in ASMi, Proc. mil., b. 268.

32 Elenco Sov. Dich. 29.XII.50, cit.

33 Proclama 4.V.54, cit.

34 Circolare dell'I.R. Luogotenente della Lombardia, n. 3312, Milano, 7 maggio 1853, cit.

35 Curato 1956, p. 102-104.

36 Prosp. A : Sommario delle sostanze patrimoniali sequestrate e Prosp. B : Categorie delle masse di sequestrazione politica, in ASMi, CA, b. 293.

37 Fasc. Griziotti Giacomo, in BCTr, Archivio Emigrazione Italiana [= AEI], MS.V.B.20 ; nota Bellisomi Stefano, ivi, MS.V.B3.

38 Su Giovanni Arrivabene : Coldagelli 1962 ; Van Nuffel 1966 ; Bertolotti 1998, ad indicem.

39 Giusti 1966, p. 5.

40 Commissione mista di Mantova a I.R. Delegato provinciale, Mantova, 28 febbraio 1853, in ASMn, DPAR, b. 154.

41 Curato 1956, p. 19-20 ; Fascicolo Ravicini-Tedeschi, in ASMi, CA, b. 295.

42 Giusti 1966, p. 45-46 ; Bertolotti 1998, p. 98.

43 Commissione mista di Mantova a I.R. Delegato provinciale, Mantova, 28 febbraio 1853, cit.

44 Copia del decreto presidenziale n. 3039 Verona 14 aprile 1853, in ASMn, DPAR, b. 154.

45 Nota per la commissione mista, Mantova, 1 marzo 1853, ibid.

46 Rezzaghi 1933, p. 234 ; Giusti 1966, p. 149 ; Scuderi 1986.

47 Prospetto generale dei profughi lombardi da prosciogliersi dal sequestro, Milano, 6 aprile 1854, in ASMi, CA, b. 301 [= Prosp. Prosc. 6.IV.54] ; Nota alla I.R. Delegazione provinciale in Mantova, Milano, 10 aprile 1854, in ASMn, DPAR, b. 154.

48 Fascicolo Luigi Carlotti, in ASMi, CA, b. 295.

49 Elenco Sov. Dich. 29.XII.50, cit.

50 Fasc. Faruffini, in ASMi, Luogotenenza delle provincie lombarde - Archivio generale, Cittadinanza ed emigrazione, b. 26.

51 Elenchi dei profughi politici della Lombardia le di cui sostanze sono colpite da sequestro, in ACLo, I.R. Delegazione provinciale di Lodi e Crema, Commissione sequestri, b. 104, 1, f. 2.

52 Furiozzi 1979 ; De Fort 2003 ; Tadini 2013.

53 Fasc. Ulderico Belloni, in ASTo, Comitato Centrale dell'emigrazione italiana [= CEI], S. I, m. 6.

54 Fasc. Dell'Era Odoardo, in BCTr, AEI, MS.V.B.18.

55 SSC 2013, ad vocem.

56 Milani 1963.

57 Curato 1956, p. 325.

58 Così il memorandum Cibrario, citato ivi, p. 366. Cfr. anche Romeo 1977, p. 757-759.

59 Fasc. Carlotti Avv. Amilcare, in BCTr, AEI, MS.V.B.33.

60 Prosp. Prosc. 6.IV.54, cit. ; Tesoro 2002.

61 Cfr. ad es. nota Bertani Giacomo, in BCTr, AEI, MS.II.19.a.

62 Fasc. Caccia Virginia, in BCTr, AEI, MS.II.19.c1-c2.

63 Prosp. Prosc. 6.IV.54, cit.

64 Ibid. ; Fasc. Sacchini Filippo, in BCTr, AEI, MS.II.21 ; SSC 2013, ad voces.

65 Prosp. Prosc. 6.IV.54, cit.

66 Riass. Editti, cit. Su Gaetano Tibaldi, SSC 2013, ad vocem. Non è chiaro se il sequestro sia stato mantenuto anche per il dottor Cesare Poli-Capuzzi (Soldi 1963, p. 234) e per Luigi Fabrici (SSC 2013, ad vocem).

67 Riass. Editti, cit. Su Colombani e Griffini : Bigatti 1965, p. 25 ; Zavalloni 2002. Rimasero sottoposti a sequestro anche gli emigrati lodigiani Teodorico Carini, Innocente Cerri e Paolo Magri.

68 Fasc. Bassini Angelo, in ASTo, CEI, s. II, m. 32 ; Tessari 1970.

69 Giusti 1966, p. 99-100 ; Bernasconi 2003.

70 Traggo queste cifre dal confronto tra i documenti d'archivio, Rezzaghi 1933 e Giusti 1966.

71 Soldi 1963, p. 331 ; 344.

72 Romeo 1977, p. 760 ; Meriggi 1987, p. 362-363.

73 Circolare dell'I.R. Luogotenente della Lombardia, n. 3312, Milano, 7 maggio 1853, cit.

74 [Luogotenente della Lombardia] a I.R. delegato provinciale di Mantova, Milano, 2 aprile 1854, in ASMi, DPAR, b. 154.

75 Curato 1956, p. 319.

76 Nota Bellisomi Stefano, cit.

77 Curato 1956, p. 319.

78 Pavesi 1907, p. 88

79 Allievi 1859, p. 33.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Michele Cattane, « « Un colpo di scopa su tutte le classi di emigrati » : esuli e sequestri nelle provincie austriache di Pavia, Lodi e Crema, Cremona, Mantova (1853-1854) », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En ligne], 129-2 | 2017, mis en ligne le 03 avril 2018, consulté le 21 mai 2018. URL : http://journals.openedition.org/mefrim/3180 ; DOI : 10.4000/mefrim.3180

Haut de page

Auteur

Michele Cattane

Dipartimento di Scienze politiche e sociali, Università degli Studi di Pavia, michele.cattane@gmail.com

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals