Navigation – Plan du site
Propriété et politique : exil, séquestres, confiscations dans l'Italie du XIXe / Proprietà e politica : esilio sequestri e confische nel lungo Ottocento italiano
Piemonte

La questione dei sequestri austriaci del 1853 : echi e reazioni nel regno sardo

Ester De Fort

Résumés

La fallita sommossa milanese del 6 febbraio 1853 suscitò la pesante reazione dell’Austria. Tra le misure repressive vi fu il sequestro dei beni degli esuli, molti dei quali si erano rifugiati nel regno sardo, ottenendo in vari casi la cittadinanza. L’obiettivo era quello di umiliare il paese, indebolire le sue istituzioni liberali e colpire i giornali finanziati dalla ricca emigrazione. Il risultato fu solo parzialmente conseguito, nonostante gli scarsi esiti dell’azione diplomatica sarda, che non portò alla levata dei sequestri se non quando l’Austria lo decise e alle sue condizioni, e non impedì il ritorno di molti esuli sottoposti al ricatto. L’articolo esamina diari, corrispondenze e la stampa di vario orientamento per cogliere le valutazioni date alla complessa vertenza austro-sarda e all’azione del gabinetto cavouriano, e inoltre le iniziative assunte per contrastare la mossa austriaca anche sul piano delle rappresentazioni. La vicenda mise in difficoltà il governo ed accrebbe contrasti e tensioni all’interno del regno e tra gli esuli stessi, ma contribuì pure a consolidare il consenso della maggioranza di essi e dell’opinione pubblica patriottica nei confronti del Piemonte.

Haut de page

Texte intégral

Le feste statutarie piemontesi sono state magnifiche oltre ogni credere. Il dì a buonissima ora il suono dei tamburi e delle bande musicali annunziava a Torino la ricorrenza della solennità nazionale. Alle 10 del mattino la piazza Vittorio Emanuele era piena di truppe e di milizie nazionali schierate in bell’ordine ; molto popolo era pure intervenuto. Intanto il re sopravveniva a cavallo, accompagnato dal principe di Carignano. La regina era in carrozza insieme al principe di Piemonte. S’incominciò la funzione religiosa nella Chiesa della Gran Madre di Dio ; sul frontone leggevasi : Quattro Marzo 1848.Vi assistevano i ministri del re, i presidenti e le deputazioni delle due Camere, il sindaco e i rappresentanti del municipio, gli alti funzionarii dello Stato e tutto il corpo diplomatico estero. Terminata la sacra funzione, il re circondato dal suo Stato-Maggiore, e collocatosi sotto il Palazzo Madama in faccia al palazzo dei ministeri vide passare le guardie nazionali che gridavano : viva il re ! viva lo statuto ! Indi seguivano le truppe del presidio, gli allievi dell’Accademia militare, gli studenti, gli alunni del Collegio nazionale e le diverse corporazioni di operaii. […] Né a Genova il giubilo fu minore.

  • 1 Il Vero Amico del Popolo, 14 maggio 1853. Per il carattere di celebrazione dinastica e istituziona (...)

1Con queste parole, il 14 maggio 1853, attingendo alle cronache di giornali liguri e piemontesi, un quotidiano romano dava conto di un evento inusuale : una celebrazione così partecipata e così solenne, infatti, di una festa recentemente istituita e che stentava ad attecchire nel regno, non si era ancora avuta1. Si trattava, ora, di una risposta corale, sia pur sapientemente orchestrata dall’alto, ad un evento recente, che aveva mortificato il regno e stava mettendo a dura prova le sue istituzioni liberali. La decisione austriaca di sequestrare i beni degli emigrati lombardo-veneti come ritorsione alla sommossa di Milano del 6 febbraio 1853 era infatti sopraggiunta come un fulmine a ciel sereno, dal momento che il governo sardo riteneva di aver dato piena soddisfazione al potente vicino con alcune severe disposizioni prese nei confronti dell’emigrazione (così veniva comunemente definito il numeroso stuolo di esuli che si erano rifugiati nel regno dopo le rivoluzioni del 1848-1849 e negli anni successivi). Ma per meglio inquadrare le reazioni piemontesi è opportuno riprendere il filo degli avvenimenti a partire dalla vigilia del 6 febbraio, dai contatti e dai preparativi che all’interno del regno si venivano approntando per correre in soccorso del previsto moto milanese e che si tradussero nel tentativo di spedizione oltre Ticino.

  • 2 Pollini 1953, p. 73-135.

2Sin dall’estate del 1852 erano iniziati gli abboccamenti tra i membri del comitato di Milano e di quello di Genova, presieduto da Giacomo Medici, su di un progetto mazziniano che si proponeva di rilanciare l’iniziativa rivoluzionaria, messa in crisi dai processi di Mantova2.. Finì col prevalere l’idea che l’azione fosse pericolosa e intempestiva, pur se gli agenti mazziniani Grilenzoni e Saffi tesero a presentare i preparativi come atto preventivo per non lasciarsi cogliere alla sprovvista in caso di insurrezioni « spontanee » e di un cambiamento improvviso della situazione europea. Al progetto, accantonato dai comitati rivoluzionari, ridiede vita la determinazione degli operai milanesi – ai quali Mazzini offrì la sua collaborazione – che scesero in piazza male armati aggredendo alcune caserme e posti di polizia e furono prontamente sopraffatti.

  • 3 Costa 1972, p. XVII.
  • 4 Berti 1962, p. 643.
  • 5 Cassola 1896, p. 27 ; Romeo 1977, p. 757.

3Venuto a conoscenza di quanto si stava tramando sin da metà gennaio del 18533, il ministero degli Interni fece sorvegliare attentamente i democratici più influenti e in genere tutti gli ambienti dell’emigrazione e tenne sotto controllo le zone di confine. La preoccupazione maggiore riguardava la possibilità che dal regno muovessero gruppi di emigrati per dare una mano agli insorti, cosa che in effetti accadde dal momento che democratici siciliani e calabresi si diressero in Svizzera per essere pronti a scendere su Milano4, mentre altri si raccolsero a Broni e Stradella, presso le rive del Po. Il piano era quello di attraversare il fiume con un carico di armi (già depositate in casa del deputato Depretis, quartier generale della spedizione), per accorrere in soccorso degli insorti pavesi ; ma dopo avere inutilmente atteso che da Milano giungesse il segnale per avviare il « colpo molto ardito preparato anche per Pavia », la comitiva che guidava il convoglio delle armi fu sciolta da una squadra a cavallo piemontese che l’aveva sorpresa mentre ripiegava lungo il Po5.

  • 6 Castelli 1968, p. 96. Cospicua documentazione dell’attività repressiva è conservata in Archivio di (...)
  • 7 Ivi, m. 9, fasc. emigrato Bargnani.

4Erano gruppi relativamente ristretti di emigrati, ma non « gente affatto sconosciuta », come affermò Michelangelo Castelli, alto funzionario dell’Interno e fidato amico di Cavour, per il quale « tutti gli uomini serii, o di qualche nome nel partito repubblicano » avevano ignorato il tentativo6. Se a Castelli stava a cuore discriminare nettamente chi aveva preparato o sostenuto l’iniziativa insurrezionale, accomunato ora ad avventurieri e criminali, da chi invece aveva disapprovato il moto o gli era rimasto estraneo, in realtà lo spirito che aveva animato lo sparuto gruppo di persone chiamate a raccolta per dare soccorso ai lombardi che si supponevano insorti, e di quanti, molto più numerosi, erano stati alla finestra, pronti però a intervenire al primo segno di successo, si può dire che non fosse molto diverso da quello di coloro che erano partiti dopo la notizia delle barricate del marzo 1848. Di qui lo stupore un po’ ingenuo che colse quanti furono fermati alla frontiera per l’arrivo dei carabinieri e per la scoperta che essi non avevano nessuna intenzione di unirsi a loro com’era accaduto in passato, ma anzi intendevano arrestarli, misura che accettarono senza alcuna resistenza7.

  • 8 Gazzetta Piemontese, 11 febbraio 1853.

5Informato in anticipo dell’iniziativa, il governo sardo si era limitato ad alcune misure precauzionali, mettendo in guardia quello austriaco, se pur tardivamente, e arrestando le colonne di armati poco prima che varcassero il Ticino. Lo scopo prefisso era stato raggiunto, come scrisse il giornale ufficiale, lodando il « contegno tranquillizzante » delle provincie piemontesi e asserendo che non un solo individuo aveva varcato le frontiere8.

  • 9 Così Cavour a Emanuele d’Azeglio, 12 febbraio 1853, in Cavour 1985, p. 68-69.

6L’ondata di arresti e di espulsioni che ne seguì e l’allontanamento di tutti gli esuli che risiedevano presso il confine avrebbero dovuto rassicurare l’Austria della buona volontà del Piemonte, e della sua capacità di tenere a bada gli irruenti emigrati9. La repressione colpì infatti non solo quanti erano stati bloccati alla frontiera, ma più in generale gli esuli indesiderati per motivi politici – tra cui furono compresi non solo i mazziniani ma anche quanti, come Macchi, avevano preso le distanze dal mazzinianesimo - o di ordine pubblico, come disoccupati e marginali. Si ricorse persino all’allestimento di una nave per l’America, il piroscafo « San Giovanni », ove furono collocati soprattutto coloro che erano privi di mezzi e di raccomandazioni per ottenere destinazioni più vicine.

  • 10 Le Note del Piemonte e dell' Austria, in Italia e Popolo, 7 aprile 1853.
  • 11 Gazzetta Piemontese, 9 marzo 1853.
  • 12 Italia e Popolo, 10 febbraio, Supplemento. I dissidi erano incominciati nel novembre 1852 con l’es (...)

7La stampa mazziniana reagì violentemente a quello che avrebbe definito « una delle più oscene pagine della storia ministeriale »10. Viceversa, l’Opinione plaudiva al pugno di ferro, presentato da una nota degli Interni come frutto della necessità di evitare che gli emigrati mettessero in pericolo le relazioni internazionali del paese11, anche se contraddiceva la volontà di minimizzare il loro coinvolgimento. Accennando infatti ai difficili rapporti che l’Austria aveva in quei mesi anche con il governo svizzero12, lodava il contegno dei due Stati e di quanti vi avevano trovato rifugio :

  • 13 La sommossa di Milano, L’Opinione, 13 febbraio 1853. La sottolineatura è nostra.

Per fortuna i due Stati limitrofi seppero condursi in maniera da non dare appiglio a richiami, e gli emigrati che trovarono asilo fra di essi si contennero in generale dignitosamente e rispettarono i diritti e gl’interessi dei paesi in cui hanno ricovero13.

  • 14 Italia e Popolo, 10 febbraio 1853, Supplemento.
  • 15 Ivi, 10 febbraio 1853, Supplemento.

8Nel quotidiano, fondato con il determinante contributo finanziario degli aristocratici lombardi e ora decisamente schierato con la politica cavouriana, si riflettevano gli echi dei conflitti che già avevano segnato la fase del governo provvisorio lombardo, e la volontà degli esuli moderati di tagliare di netto con le posizioni più radicali. La « bile antirepubblicana » del foglio, definito « l’organo della più fetida casta lombarda »14, era denunciata dal quotidiano democratico : proprio mentre le forche di Radetzky funzionavano a pieno ritmo, « sotto i portici torinesi gli uomini dell’Opinione e gli emigrati che fan parte della Gazzetta del Popolo vituperano in ogni guisa i rivoluzionari di Milano »15.

  • 16 I moti di Milano e la Corrispondenza austriaca, in L'Opinione, 17 febbraio 1852. Ribadiva le accus (...)

Se noi facciamo la guerra ai mazziniani, – replicava l’Opinione – se condanniamo i loro pazzi tentativi, le loro improntitudini, i loro disordini e le mene che tramano, non è perché siano diretti contro il governo austriaco, non perché tendono a conseguire l’indipendenza dallo straniero, ma perché esse sono dirette contro tutti i governi tanto nazionali che esteri, contro gli ordini sociali in genere. […] Essi danno in pari tempo all’Austriaco l’occasione di atteggiarsi come difensore dell’ordine e della società16.

  • 17 La sommossa di Milano, in L’Opinione, 13 febbraio 1853.
  • 18 Gazzetta del Popolo, 10 febbraio 1853.

9Proprio per questo l’Austria non aveva impedito il moto pur essendone stata preventivamente a conoscenza, poiché da tempo « i capi della congiura andavano trombettandone il giorno e l’ora »17. Un’accusa condivisa dalla Gazzetta del Popolo, che condannava un moto senza possibilità di riuscita, fatale18, in fin dei conti un « raggiro » dell’Austria, da cui gli emigrati non avrebbero dovuto lasciarsi ingannare.

  • 19 Commento a una dichiarazione di Pietro Maestri in occasione della sua espulsione, in Gazzetta del (...)

10Maggiori invece le riserve del popolare quotidiano torinese, su posizioni liberali avanzate, vicine al governo ma non completamente prone ad esso, nei confronti dei provvedimenti di espulsione e di internamento, che riteneva ingiusti anche quando colpivano coloro che avevano partecipato al tentativo rivoluzionario. Costoro, in fondo, avevano obbedito a un impeto « intempestivo, impolitico cieco sconsigliato », ma ispirato ad un « irresistibile amor di patria », e perseguitandoli il Piemonte si era mostrato « soverchiamente pauroso »19.

  • 20 Casi di Milano, in La Patria, 9 febbraio 1853.
  • 21 Per le tendenze dei principali giornali del regno sardo e per dati sulla loro diffusione Della Per (...)

11Gli emigrati, « le improvvide alleanze » del ministero con partiti « avventati e provocatori »20, la politica di asilo indiscriminato sino allora praticata dal Piemonte erano invece sotto il tiro dei giornali conservatori, come La Patria, organo della Destra subalpina, e clericali, come Il cattolico di Genova, i romani Il Vero Amico del Popolo e Civiltà cattolica, i torinesi L’Armonia e La Campana, in grado i due ultimi di rispecchiare un sentire diffuso nel regno, confermato del resto dalle loro buone tirature21. E alla stampa democratica che difendeva « gli eroi di Milano », La Campana replicava,evocando il Terrore :

  • 22 Il riferimento era a un articolo della Voce della libertà di Angelo Brofferio, ma anche a vari int (...)

Oh la patria si ricorderà di questi eroi ! Si ricorderà degli emigrati che vivono in Piemonte, i quali ricevono ospitalità, impiego e danaro, e anelarono a soccorrere quei soci ! […] I rivoluzionarii vincono, e allora imposte, schiavitù, legge dei sospetti, ghigliottina ; o i rivoluzionarii sono vinti, e allora sangue, agitazione, e forche22.

  • 23 I moti di Milano, ivi, 10 febbraio 1853. Meno critico il giudizio della Patria, compiaciuta che il (...)
  • 24 Il sequestro dei beni dell’emigrazione, in La Campana, 1° marzo 1853.

12Quanto al governo, era inetto, se non aveva previsto nulla, o, peggio ancora, complice, se conosceva la trama, e se ne era stato con le mani alla cintola23. Il proclama di Radetzky del 18 febbraio, con il quale si dava esecuzione al decreto imperiale dell’11 febbraio, che ordinava il sequestro di tutti i beni mobili e immobili di ragione dei profughi politici del Lombardo Veneto, parve quindi una non ingiustificata ritorsione, una lezione al Piemonte, e all’emigrazione ivi raccolta, che usava la sua ricchezza e influenza per suscitare torbidi in Piemonte e assoldare insorgenti24.

  • 25 Romeo 1977, p. 754. Per le valutazioni degli obiettivi austriaci, tra cui quello di addomesticare (...)

13Per quanto dure e tali da suscitare le sdegnate proteste dei democratici, le misure piemontesi non erano state in grado di fermare la vendetta dell’Austria, che da tempo protestava vivacemente, di concerto con la Francia napoleonica, contro gli « abusi » dei giornali piemontesi. In effetti è stato dimostrato che un provvedimento sui sequestri era stato meditato in precedenza, per impedire le sovvenzioni alla stampa da parte dei ricchi aristocratici riparati in Piemonte25.

  • 26 Bianchi Giovini 1853, p. 399-403.
  • 27 Secondo le istruzioni impartite a Emanuele d’Azeglio, si trattava di rassicurare il ministero brit (...)
  • 28 Lettera a a Ėmile De La Rüe, 27 février [1853], in Cavour 1985, p. 97.

14Non era la prima volta che Vienna colpiva col sequestro i beni degli esuli, previsto già dalle patenti del 24 marzo 1832 per coloro che si erano allontanati illegalmente e ribadito nel 1850, ma condonato da una risoluzione imperiale del dicembre 185026. Rimaneva però il sequestro ai disertori, che si configurava comunque come un atto interno dell’Austria. Le nuove disposizioni invece, nelle persone degli esuli che avevano ottenuto la cittadinanza e ai quali era stata concessa l’emigrazione legale, colpivano direttamente il regno sardo, mostrandolo incapace di proteggere i beni dei suoi sudditi. Era un colpo durissimo e tanto più imprevisto in quanto lo stesso Cavour, che in un primo momento era sembrato inquieto per le conseguenze della « folle expédition », tanto da cercare appoggi a Londra27, ancora il 27 febbraio, nonostante circolasse già la notizia del sequestro, si mostrava rassicurato, osservando : « Les puissances étrangères son fort aimables à notre égard. Même l’Autriche ! Cela durera-t-il ? »28.

15Fu quindi grande lo smarrimento suscitato dalla pubblicazione del decreto nella Gazzetta ufficiale di Milano del 1° di marzo, bene espresso da un’attenta osservatrice :

  • 29 Collegno 1926, p. 103 (1° marzo 1853).

Ciò che non si credeva, perché sembrava quasi una calunnia anche contro il Governo Austriaco, si è verificato oggi ! Il decreto di Radetzky che sequestra i beni di tutti gli emigrati del 48 è comparso ! Tutti, con poche eccezioni, lo considerano l’atto più prepotente ed illegale che abbia ancora fatto l’Austria29.

  • 30 Per i documenti relativi si rimanda a Documenti 1867. Cfr. inoltre Valsecchi 1968, p. 186-200.
  • 31 Cavour a Massimo d’Azeglio, Torino 4 marzo [1853], in Cavour 1985, p. 127-129.
  • 32 Viarengo 2010, p. 259-261.

16Iniziava così una vertenza30 per ottenere la revoca di un provvedimento che rappresentava una « violazione del diritto delle genti, dei patti formali sanciti dai trattati », senza « precedenti nella storia moderna »31, al quale Cavour sarebbe stato incline a reagire, di primo impulso, con una rappresaglia nei confronti dei beni dei sudditi austriaci in Piemonte. L’iniziativa veniva perorata anche dalla Gazzetta del Popolo, ma si rivelò improponibile perché avrebbe comportato, con il peggioramento dei rapporti con l’Austria, anche quello del credito sardo, proprio mentre Cavour stava avviando trattative con Rothschild per un ingente prestito32, né sarebbe stata ben vista dall’Inghilterra, oltre ad oscurare le buone ragioni del Piemonte, mettendolo dalla parte del torto.

  • 33 Buol ad Appony, Vienne, le 9 mars 1853, in Documenti 1867, p. 1699.

17La liceità dei sequestri, d’altra parte, che pure contravvenivano alla stretta legalità, come riconosceva lo stesso ministro Buol, poggiava per il governo austriaco sulla necessità di difendere il paese dalle forze ostili che attentavano alla sua stabilità, e, in quanto misura di sicurezza pubblica, dettata da una necessità politica, non richiedeva prove particolari di colpa. Era notorio infatti che i capi dell’emigrazione avevano fissato la loro residenza nel regno sardo « pour être à portée de profiter de toutes le conjonctures qui leur permettraient de traduire en faits leurs sentiments hostiles à l’Autriche ». Essi impiegavano i loro ingenti mezzi per suscitare nel Lombardo Veneto « le mécontentement et l’agitation, surtout au moyen de la presse démagogique qu’ils n’ont cessé de subventionner »33.

  • 34 Torino, 12 febbraio, in La Patria, 13 febbraio 1853 ; Giustizia !, ivi, 17 febbraio 1853.
  • 35 Ivi, 4 marzo 1853. Di lì a poco Rattazzi, in quel momento presidente della Camera, protagonista de (...)

18Concetti simili furono ribaditi dalla stampa conservatrice e reazionaria del regno sardo, e anche la più moderata Patria, che pure fino all’ultimo aveva sperato in una resipiscenza austriaca, aveva definito la misura « violenta e lesiva del diritto internazionale » e riconosceva la necessità di difendere l’onore del Piemonte34. Osservava tuttavia che il governo sardo non era esente da colpe, lasciando « continuamente insultare il governo imperiale con parole e fatti », come dare la nazionalità sarda ai suoi più acerrimi nemici, ricompensarli con cariche, gradi e onorificenze per la loro ribellione e addirittura far intervenire alla riunione del consiglio dei ministri Urbano Rattazzi, di quel partito « che fu motore della campagna di Novara »35.

  • 36 L'Opinione, 6 marzo 1853. Il riferimento, tratto dal Parlamento, foglio filo-ministeriale, era a O (...)

19Era chiaro, secondo l’Opinione, che gli uomini di cui quel giornale era portavoce aspiravano a succedere al ministero Cavour, disposti con questo a proporsi come « i candidati della pressione straniera » e a porre persino in discussione lo Statuto36.

  • 37 Secondo il maligno commento dell’Italia e Popolo, solo dal momento in cui erano stati colpiti i su (...)
  • 38 I sequestri nel regno Lombardo-Veneto, in L’Opinione, 2 marzo 1853.
  • 39 L'Opinione, 5 marzo 1853. Per le conseguenze dei sequestri sulla vita degli esuli e dei loro famil (...)

20Passato decisamente all’attacco di Vienna, l’organo torinese dedicò alla questione articoli pressoché quotidiani37, sottolineando il carattere straordinario delle « inaudite misure », nelle quali non si era avventurato neppure il Borbone di Napoli38 : affermazione errata, frutto di una visione lombardocentrica, e subito smentita da una lettera di Giuseppe Massari, che ricordava come non solo il governo di Napoli avesse già da un pezzo sequestrato i beni degli emigrati, ma lo avesse fatto « senza strepito, senza decreti, senza verun atto legale e per sola misura di polizia »39.

  • 40 Casati a Pallavicino, Torino 1° marzo 1853, in Pallavicino 1895, p. 15-17. Della « colletta per so (...)
  • 41 Bianchi Giovini 1853. Su di lui cfr. Bottiglioni-Barrella 1951.
  • 42 Si veda la serie di articoli usciti sulla Campana il 19, 23 e 25 luglio 1853.

21Nel frattempo, alcuni maggiorenti lombardi davano mandato, quotandosi tra di loro, a Bianchi Giovini, ex direttore dell’Opinione, di occuparsi del tema dei sequestri, incarico che il giornalista espletava con grande rapidità, valendosi di precedenti studi40. Usciva così L'Austria in Italia e le sue confische, documentata e ampia storia dell’amministrazione asburgica in Lombardia, ove le stesse testimonianze degli statisti austriaci erano poste a documentazione di un governo definito odioso e tirannico, irrimediabilmente incapace di autoriformarsi41. Un libro alla cui spietata violenza polemica i giornali clericali reagirono con duri attacchi personali42.

  • 43 Rodomontate dei moderati, 10 aprile 1853.

22L’iniziativa era però tardiva, secondo Italia e Popolo, in quanto sorgevano minacciosi contro lo straniero solamente ora che erano « tocchi nella borsa », ma « il popolo non si solleverà in nome dei vostri beni sequestrati » : « tutta l'Europa, giusta il loro avviso, deve prendere parte alla vertenza dei sequestri ! »43.

  • 44 Conscio dell’importanza dell’opinione pubblica internazionale, Cavour si era preoccupato di metter (...)
  • 45 Per la rete di relazioni intessuta con i giornalisti britannici cfr. Bacchin 2014.

23Con grande attenzione, infatti, l’Opinione riportava la voce dei giornali esteri, secondo un uso frequente nella stampa dell’epoca, scarseggiante di risorse e di redattori e quindi pronta a riempire le sue colonne saccheggiando quelle altrui, in un gioco continuo di rimandi. In questo caso però l’obiettivo era più ambizioso, sottolineare cioè come l’opinione pubblica internazionale fosse schierata con il Piemonte. Erano soprattutto i giornali britannici e francesi a interessarsi alla vicenda, non senza qualche imbeccata da parte degli emissari sardi44 : l’utilità di avere sostenitori all’estero e di orientare e influenzare la stampa fu del resto ben chiara sin dai primi anni Cinquanta, e non solo da parte moderata45.

  • 46 L’Austria giudicata dal Times, in L’Opinione, 19 marzo 1853.
  • 47 Il governo austriaco in Italia, ivi, 21 marzo. Che motivi economici fossero alla base del sequestr (...)
  • 48 Austria e Piemonte, in L’Opinione, 21 aprile 1853.
  • 49 La Svizzera e il sequestro, ivi, 8 marzo 1853.
  • 50 In quella fase Vienna aveva aperto molti fronti di conflitto : oltre al regno sardo e alla Svizzer (...)
  • 51 Una risposta austriaca al Memorandum sardo, in L’Opinione, 6 maggio 1853.

24Erano sotto accusa lo « smodato rigore », che secondo il Times non faceva che alimentare « il frenetico risentimento » degli italiani, e « l’illegale confisca dei beni di fuggitivi innocenti », una « tale combinazione di oppressione e crudeltà come la nostra età non ne vide mai l’eguale »46. Il sequestro, a giudizio della Presse, era una vera confisca, in quanto rivolto a indennizzare l’Austria delle spese causate dal moto47. Senza la sanzione di una decisione giuridica, rappresentava un sistema di spogliazione che non poteva essere confuso – commentava il Morning Chronicle – « coi rimedi che una dura necessità può imporre a un governo sotto speciali circostanze »48. Con esso, secondo la Revue de Genève, « tutto ciò che si pretende di difendere contro la rivoluzione e i rivoluzionari, la proprietà, l’ordine, sono colpiti e distrutti dagli agenti austriaci »49. All’opinione pubblica delle potenze occidentali la posizione austriaca, alla base dell’ordine restaurato in Italia, che giustificava l’uso di diritti discrezionali per garantire la sicurezza interna anche a costo di invadere la sfera di sovranità di altri Stati, appariva addirittura evocare i provvedimenti della Convenzione50. Si osservava inoltre che la consegna dei « delinquenti politici », pretesa dall’Austria, non era più ammessa nei costumi e nel diritto pubblico delle nazioni incivilite51.

  • 52 La Gazzetta del Popolo giungeva addirittura al punto di adombrare una guerra, certa che il regno s (...)
  • 53 Cfr. il dispaccio inviato ai ministri il 14 aprile da Dabormida, in Documenti 1867, p. 1705. Sul d (...)
  • 54 Cfr. anche Collegno 1926, p. 112 (10 aprile 1853).
  • 55 Questione svizzera, in Italia e Popolo, 31 marzo 1853.

25Il sostegno dei giornali e la simpatia dei circoli vicini al potere, sui quali si faceva tanto affidamento52, non dovevano tuttavia illudere ; ci si rese presto conto che, nonostante il tentativo di esercitare pressioni sugli ambienti ministeriali, valendosi a questo fine degli ambasciatori sardi a Parigi e Londra e dell’appoggio dell’ambasciatore britannico a Torino Hudson53, non ci si doveva aspettare solidarietà da parte di Luigi Napoleone, il quale aveva confiscato i beni degli Orleans, e aveva ripetutamente esercitato pressioni sul governo sardo perché imbavagliasse la stampa54. Il ministero liberale britannico per parte sua si era ben guardato di andare al di là di generiche dichiarazioni di deplorazione per il comportamento dell’Austria, e persino il governo federale svizzero, chiamato in causa dall’Austria per l’accoglienza ai rifugiati politici e anch’esso oggetto, come si è visto, di gravi ritorsioni, replicava cercando di scaricare tutte le responsabilità sul Piemonte55.

  • 56 Secondo un dispaccio confidenziale di Emanuele d’Azeglio, il legato austriaco a Londra garantiva a (...)
  • 57 Leggesi nel Débats, in L’Opinione, 29 marzo 1853.
  • 58 Cfr. la notificazione del governatore militare e civile del Lombardo-Veneto dell’11 giugno 1853, i (...)

26Il gabinetto sardo si trovava quindi in una situazione difficilissima, tanto più che Parigi e Londra suggerivano la massima cautela ed erano portate a intravedere in alcune vaghe dichiarazioni dei rappresentanti del governo viennese un segno di resipiscenza56. Eppure una circolare del governatore Strassoldo del marzo aveva inasprito il sequestro, dichiarando nulli i contratti dal 1847 in poi, ordinando di investigare vendite simulate e ipoteche fittizie, e richiedendo alle autorità locali suggerimenti per il futuro impiego dell’intero capitale dei beni sequestrati : in tal modo, si osservava, si tramutava il sequestro in confisca57. Venivano inoltre attivate speciali Commissioni liquidatrici a Milano e Venezia per la liquidazione delle pretese che privati potessero vantare verso le sostanze dei profughi politici sottoposte al sequestro, e dichiarate nulle le procure da questi stipulate58.

27Era evidente che di fronte alla volontà di Vienna di indebolire il governo e le stesse istituzioni liberali, Francia e Inghilterra non ritenevano di dover intervenire, né l’Austria intendeva accettare alcuna loro pressione. Osservava un foglio reazionario, prendendo la questione a pretesto per sferrare un colpo a Cavour :

  • 59 Condizione del Piemonte, in La Campana, 11 aprile 1853.

Dunque possiamo conchiudere che il ministero Piemontese è solo contro l’Austria. Nessun’estera potenza l’appoggia, ed egli colle pretese simpatie di parole, finirà coi fatti per compromettere l’onore e la dignità del paese. Colla magica parola L’Italia farà da sé si è rovinata l’Italia, guai a noi, se sentissimo gridare fra breve Il Piemonte fa da sé59.

  • 60 Documenti 1867, p. 1707-1710. Una copia manoscritta d’ufficio del documento, con correzioni autogr (...)

28Nella consapevolezza del proprio isolamento, il governo seguì i consigli di prudenza limitandosi a ritirare il ministro a Vienna e a ribadire le proprie ragioni di fronte all’Europa con un Memorandum, la cui stesura fu affidata a Luigi Cibrario, in quel momento ministro della pubblica istruzione, nel quale si ribatteva punto per punto alle accuse austriache e si ripercorrevano le leggi e i trattati alla luce dei quali la posizione di Vienna appariva in tutta la sua arbitrarietà60.

  • 61 Viarengo 2010, p. 263.
  • 62 Osservazioni sul Memorandum, 18 aprile 1853. Replicando alle accuse di eccessiva moderazione piovu (...)

29Il documento, pubblicato dai principali giornali europei, ottenne generale consenso, anche da parte della sinistra democratica non mazziniana61. La Gazzetta del Popolo, che sino allora era stata favorevole a una linea d’azione più combattiva, notava come esso avesse suscitato una profonda impressione, pur se « alcuni avrebbero desiderato minor pacatezza, […] un parlare più fuori dai denti »62. Ne metteva in luce i pregi persino Italia e Popolo, non risparmiando però le critiche :

  • 63 Il Memorandum alle potenze d’Europa, in Italia e Popolo, 20 aprile 1853. Subito dopo biasimava asp (...)

Noi, per quanto avversi a un governo che si è disonorato con codarde persecuzioni contro poveri esuli, sentiamo quanto i suoi argomenti, desunti dalle stesse leggi dell’Austria, dai proclami promulgati in epoche differenti e dal trattato di pace in diritto riducano al nulla le ladre e sovversive teorie del governo proconsolare63.

  • 64 Gazzetta Piemontese, 11 maggio 1853.

30Il governo si preoccupò inoltre di dimostrare non solo a parole la coesione del paese e del sovrano nella difesa delle proprie istituzioni : di qui la decisione di celebrare lo Statuto con ben tre giorni di festeggiamenti, alla presenza della famiglia reale al completo e delle autorità, con la sfilata di carri allegorici disegnati dal pittore di corte Pelagio Pelagi, le corse di cavalli, i fuochi d’artificio, i primi esperimenti di luce elettrica, l’illuminazione del giardino pubblico con i colori nazionali, spettacoli di opera e di ballo, concerti musicali nelle piazze : « non havvi parola bastante – osservava il giornale ufficiale – ad esprimere quella concordia, quella spontaneità, quell’allegrezza di tutto un popolo cui l’ordine e la libertà sono la sola divisa »64.

  • 65 Documenti 1867, p. 1694-1697.

31Minore entusiasmo suscitò tuttavia la decisione di stanziare 400.000 lire per concedere mutui di favore a cittadini sardi colpiti da sequestro65, nonostante il voto quasi plebiscitario della Camera, e il consenso dei giornali filoministeriali e della Gazzetta del Popolo :

  • 66 Rivista dei giornali, in Italia e Popolo, 23 aprile 1853. Anche Giacinto Collegno commentò negativ (...)

Quattrocento mila franchi suddivisi a quelli che per potente privilegio furono accolti nella nostra cittadinanza, ecco il grande provvedimento che il giornale del centrosinistro va magnificando66.

  • 67 I soccorsi ai sequestrati, in Italia e Popolo, 24 aprile 1853.
  • 68 Mutuo agli emigrati, in La Campana, 23 aprile 1853. Mitigò in seguito questo riconoscimento prende (...)

32Tale il giudizio del foglio mazziniano, secondo il quale « il credito chiesto al Parlamento per noi non è che un affare di interesse, un provvedimento immaginato da una piccola casta e provocato da pochi individui privilegiati67. Quanto alla Campana, nonostante ammettesse il diritto e il dovere del Piemonte di difendere i suoi cittadini68, osservava che ciò non doveva essere fatto a spese del pubblico erario, già in difficili condizioni, e in un ulteriore articolo annunziava, presaga :

  • 69 Mutuo agli emigrati naturalizzati sardi, ivi, XX maggio 1853.

L’Austria ha sequestrato i beni degli emigrati sudditi sardi, e noi per vendicarcene, abbiamo sequestrato 400.000 lire dei beni dei sardi indigeni. Più tardi, affine di rifornire la cassa del regio erario, si penserà all’incameramento dei beni ecclesiastici69.

  • 70 « Mi hanno rubato, all’incirca, quattro milioni di lire », scriveva Pallavicino alla principessa P (...)
  • 71 Le iniziative benefiche erano segnalate pressoché quotidianamente dalla Gazzetta del Popolo.

33Si riconosceva la natura tutta politica del provvedimento, che riguardava poche centinaia di esuli, e sarebbe stato utilizzato da pochi di essi. Anche se la stampa subalpina si occupava soprattutto di loro, non erano certo i ricchi lombardi naturalizzati a essere ridotti in miseria dai sequestri, nonostante i loro patrimoni ne fossero seriamente intaccati70, ma, come sarebbe apparso ben presto, una miriade di piccoli e medi possidenti. Impensieriva però il fatto che, colpiti nelle loro rendite, i possidenti non avrebbero più esercitato la loro azione di assistenza e di patronage nei confronti del mondo dell’emigrazione, compromettendo anche la loro influenza politica in senso moderato. A ciò non era in grado di sopperire l’azione della carità privata, pure attivatasi in quei mesi per soccorrere quanti non godevano della cittadinanza sarda, cioè il grosso degli esuli71.

34La legge si accompagnò ad un’altra iniziativa poco amichevole, che mirava a rinsaldare i legami con il mondo dell’emigrazione. In occasione delle elezioni del dicembre 1853, il governo decise infatti di appoggiare le candidature degli emigrati lombardi, in particolare dei sequestrati, sostenute anche dalla Gazzetta del Popolo. Giunsero così in Parlamento importanti figure come Francesco Annoni, Cesare Correnti, cui fu concessa pure la cittadinanza, e Giorgio Pallavicino, che fu nominato pure cavaliere dell’ordine di S. Maurizio e Lazzaro, mentre venivano nominati senatori i conti Vitaliano Borromeo e Gabrio Casati.

  • 72 Civiltà Cattolica, IV, 1853, S. II, vol. IV, p. 364.

Ciò ha tutta l’aria di un nuovo insulto all’Austria – osservava il giornale dei gesuiti – che dove essa sequestra i beni a costoro, il Piemonte mette in mano a costoro l’amministrazione dello Stato, le sostanze e le vite dei cittadini. Queste nomine hanno per iscopo di bilanciare quella energia che si è dimostrata contro una mano di emigrati ; e far vedere che castigando una parte della emigrazione perché traviata e rea, non però si scema d'affetto e di onore verso la buona emigrazione, né si rinnega l'idea italiana72.

  • 73 Non erano solo i clericali a far circolare tali voci, ma pure la sinistra radicale subalpina, e in (...)
  • 74 Per un’efficace sintesi di queste vicende rimando a Viarengo 2010, p. 273-275.
  • 75 Costa 1972, p. XVII-LXXXVII.

35L’elezione degli esuli, che completava il successo delle forze ministeriali, mirava a rafforzare una compagine governativa indebolita dalla difficile situazione del paese, colpito, tra l’estate e l’autunno del 1853, da una grave carestia e da un doppio flagello, la pebrina e la crittogama, che avevano danneggiato due importanti risorse, la coltivazione dei bozzoli e i vigneti. A fine dicembre inoltre si levò un vasto moto insurrezionale in Valle d’Aosta, con l’appoggio dal clero locale, al grido di « abbasso le tasse, abbasso lo Statuto », da parte di montanari stremati dalla carestia e dal fisco : un episodio che, accanto all’assalto al palazzo di Cavour, accusato di aver provocato ad arte il rincaro del grano per arricchirsi73, dimostrava la fragilità delle basi del regime costituzionale74. Inoltre, il tentato moto in Lunigiana, che ebbe come base di partenza il territorio sabaudo, era una riprova del persistente attivismo degli elementi repubblicani75.

36A livello internazionale le difficoltà erano accresciute dal riaccendersi della questione d’Oriente, che faceva intravedere alle due potenze occidentali la necessità di procurarsi l’appoggio austriaco nel contenzioso con la Russia. Nonostante i segni di avvicinamento si intravedessero da tempo, la stipula dell’alleanza, nel dicembre 1854, fu una doccia fredda per il governo e per l’opinione pubblica patriottica, mentre le prospettive di ingresso in guerra del regno aggiungevano tensioni a quelle, altissime, suscitate dalla presentazione, il 23 novembre, del progetto Rattazzi sulla soppressione degli ordini religiosi contemplativi.

  • 76 Romeo 1985, p. 35. Il prestito era stato lanciato il 26 giugno e diffuso con una notificazione del (...)

37Per parte sua, il gabinetto viennese alternava le concessioni, che si intensificarono con la primavera del 1854, quando, in occasione del matrimonio imperiale, fu tolto lo stato d’assedio in Lombardia e concessa una parziale amnistia con la revoca di alcuni sequestri, con le misure di rigore. Introdusse infatti il 2 agosto un prestito « volontario » che gli emigrati erano obbligati a sottoscrivere per una somma pari a quattro volte le imposte dirette gravanti sui beni sottoposti al sequestro76.

  • 77 Anche la promessa da parte anglofrancese di fare pressioni in tal senso con l’Austria fu sconfessa (...)
  • 78 Piglione 1933. Contrario all’idea di porre la levata dei sequestri come condizione per l’invio di (...)

38Occorreva dare l’impressione di buona volontà alle potenze occidentali, impegnate a convincere il regno sardo affinché entrasse anch’esso in guerra, anche se la questione dei sequestri, richiesta inizialmente come una delle contropartite, rimase esclusa dalle trattative77. Ciò avvenne col beneplacito di parte dell’emigrazione moderata, desiderosa di non mettere in difficoltà il Piemonte su questo punto. Interpellato da Cavour sulla condizione richiesta da alcuni ministri piemontesi per aderire all’alleanza, cioè la preliminare levata dei sequestri, Ercole Oldofredi, dopo essersi consultato con alcuni esponenti dell’emigrazione, rispose « che nessuno di noi avrebbe accettato quel benefizio a condizione di sacrifi­care l’unico paese che ci aveva accolti ; che non era questa mia sola opinione, ma di tutti »78.

  • 79 La Stampa, 24 luglio 1854.

39Cresceva intanto il numero degli emigrati disposti a tornare in patria per ottenere lo scioglimento dal sequestro, aderendo alle mortificanti condizioni poste dall’Austria : una formale dichiarazione di non aver preso parte alla sommossa e l’impegno a comportarsi da sudditi leali. Per recuperare i propri beni dovevano inoltre obbligarsi preventivamente a non richiedere alcun rendiconto di amministrazione79.

  • 80 Rattazzi a Enrico Martini, Torino 27 aprile 1853, in Rattazzi 2009, p. 167.

40I rimpatri furono giudicati negativamente dall’opinione pubblica piemontese, soprattutto se concernevano personaggi di rilievo e per di più cittadini sardi come il conte Enrico Martini, amico di Cavour. Se questi e Rattazzi mostrarono, almeno a parole, di comprenderlo80, altri lo ritennero un vero e proprio traditore :

  • 81 Carlo Cameroni a Francesco Boselli, che chiedeva informazioni sulle carte richieste per la concess (...)

Sono state poste tante restrizioni [alle concessioni di naturalizzazione] per l’abuso, che si è fatto, ed a dare l’ultimo colpo di grazia sovvenne la vergognosa condotta del conte Enrico Martini, che capitano di fregata o di vascello, naturalizzato sardo, già ambasciatore presso la S. Sede in Gaeta, deputato al Parlamento nazionale, impiegato governativo per la strada di ferro di Savoja, abbandonò il paese, rinnovò giuramento all’Austria, essendo cittadino sardo : la sua condotta non poteva essere peggiore, e fece una sensazione penosa nel paese, nella emigrazione, nei consiglieri stessi della Corona, e fu di grande scandalo in Europa81.

  • 82 « Rimorchiato dalla clemenza dei croati » era il caustico commento sul ritorno di Cesare Levi, già (...)

41Simili decisioni misconoscevano gli sforzi del Piemonte, sanzionando la sua impotenza, ed esprimevano irriconoscenza verso il paese che aveva accolto e aiutato gli esuli82.

42Dall’esigenza di combattere quella che si profilava come una nuova insidia da parte austriaca, sorse l’idea, da parte di Carlo Cameroni, vicepresidente del Comitato per l’emigrazione italiana, organo ufficiale preposto al soccorso degli esuli, di stilare una statistica dei sequestrati, cioè una ricognizione precisa dei loro beni da sottoporre alle potenze occidentali insieme con altre statistiche che documentassero la carità sarda nei confronti dell’emigrazione. Richieste di dati sulle assunzioni di esuli furono inoltrate ai vari ministeri. Il progetto, che ebbe probabilmente l’assenso del ministro degli Interni Rattazzi, non giunse però a conclusione, nonostante l’ampio lavoro preparatorio, che vide l’invio di prospetti dettagliati a numerosi corrispondenti dell’abate, ove veniva precisate le informazioni richieste.

  • 83 Si trovano sparse nella Biblioteca Civica « Carlo Cameroni » di Treviglio, Archivio Emigrazione It (...)
  • 84 Nell’immaginoso linguaggio dell’abate, il sequestro levato era paragonato a « un osso addentato da (...)
  • 85 Il resoconto dei beni si accompagnava spesso alla descrizione delle condizioni di vita di quanti e (...)

43Le notizie raccolte83, se pur condizionate dall’intento pregiudiziale di dimostrare l’inconsistenza della levata dei sequestri, atto di pura immagine84, offrono il quadro di un mondo di profughi popolato non solo da ricchi possidenti, ma da una varia umanità composta da « figli di famiglia », e perciò senza mezzi propri, da piccoli e piccolissimi proprietari partecipi di beni spesso gravati di passività e condivisi con numerosi fratelli, o addirittura da nullatenenti. Individui di cui si illuminano talora gli atti di coraggio, le avventure, ma anche le desolazioni della vita quotidiana, essendo spesso costretti ai più vari mestieri e talora a una vita di espedienti : una realtà ben diversa e variegata rispetto a quella offerta dall’Opinione, preoccupata principalmente dei suoi ricchi patroni, e dalle molteplici e non sempre commendevoli sfaccettature85.

  • 86 L'Opinione, 13 dicembre 1856.
  • 87 Civiltà Cattolica 1857, p. 370, Romeo 1985, p. 313.
  • 88 Ivi, p. 321.

44Non furono solo l’inconcludenza di Cameroni e la troppo ambiziosa portata della sua iniziativa a impedirne il completamento. In occasione del viaggio nel Lombardo-Veneto per riconquistare la fiducia dei suoi sudditi, l’imperatore concesse, il 2 dicembre del 1856, un’amnistia e la revoca dei sequestri sui beni degli emigrati : un provvedimento tardivo, che secondo i giornali sardi non suscitò particolari echi favorevoli da parte dei sudditi, così come sarebbe stato accolto con freddezza il viaggio dell’imperatore e della consorte86. Al di là dell’ostilità pregiudiziale che li faceva sorvolare sulla folla di circa 100.000 persone, quasi tutti contadini giunti dalle campagne, che accorsero a Milano per vedere la coppia reale87, e sull’accoglienza festosa tributata da varie città, essi intuivano che era ormai in atto il divorzio dall’Austria dei ceti colti, oltre che di una consistente fascia dei ceti popolari urbani, favorito in quest’ultimo caso dalle ripetute leve di massa. Nonostante i fallimentari risultati del congresso di Parigi sul piano concreto, e nonostante Cavour non avesse avuto alcuna soddisfazione sulla questione dei sequestri, che l’Austria intese risolvere a suo modo e alle sue condizioni, agli occhi della maggioranza degli esuli e dell’opinione pubblica nazionale il gabinetto sardo appariva ormai il solo difensore degli interessi dell’Italia88.

Haut de page

Bibliographie

Berger Waldenegg 2002 = G.C. Berger Waldenegg, L’Austria e l’Italia dopo la rivoluzione del 1848, in La ricerca tedesca sul Risorgimento italiano. Temi e prospettive (Roma 1-3 marzo 2001), Roma, 2002.

Berti 1962 = G. Berti, I democratici e l'iniziativa meridionale nel Risorgimento, Milano, 1962.

Bianchi 1870 = N. Bianchi, Storia documentata della diplomazia europea in Italia dall' anno 1814 all'anno 1861, vol. VII, anni 1851-1858, Torino, 1870.

Bianchi Giovini 1853 = A. Bianchi Giovini, L'Austria in Italia e le sue confische, il conte di Ficquelmont e le sue confessioni, Torino, 1853.

Bollettino 1853 = Bollettino Provinciale degli Atti di governo per la Lombardia, II, 1853, Milano, 1853.

Bottiglioni-Barrella 1951 = M. Bottiglioni-Barrella, Un dimenticato del nostro Risorgimento : Aurelio Bianchi-Giovini (1799-1862), Modena, 1951.

Cassola 1896 = C. Cassola, Tentativo d'insurrezione del 6 febbraio 1853 in Milano ed altre memorie politiche, Pavia, 1896.

Documenti 1867 = Atti del Parlamento Subalpino, Documenti, Sess. del 1852 (IV Leg.), vol. III, Firenze, 1867, p. 1694-1711.

Cavour 1985 = C. Cavour, Epistolario, vol. 10 (1853), a cura di C. Pischedda e S. Spingor, Firenze, 1985.

Castelli 1968 = Carteggio politico inedito di Michelangelo Castelli con Domenico Buffa (1851-1858), a cura di E. Costa, Santena, 1968.

Collegno 1926 = M. Provana di Collegno, Diario politico. 1852-1856, a cura di A. Malvezzi, Milano, 1926.

Costa 1972 = E. Costa (a cura di), I moti della Lunigiana nei carteggi di Domenico Buffa (1853-1854), a cura di E. Costa, Genova, 1972.

D’Errico 2015 = V. D’Errico, Il carteggio dell’esilio (1850-1855), 2 voll., a cura di V. Verrastro e M. Ginnetti, Roma, 2015.

Della Peruta 1978 = F. Della Peruta, Il giornalismo dal 1847 all’Unità, in Storia della stampa italiana, a cura di V. Castronovo e N. Tranfaglia, vol. II, La stampa italiana del Risorgimento, Roma-Bari, 1978, p. 247-569.

Gariglio 1987 = Stampa e opinione pubblica nel Risorgimento. La « Gazzetta del popolo » 1848-1861, Milano, 1987.

Curato 1956 = F. Curato, Introduzione, in Le relazioni diplomatiche tra la Gran Bretagna ed il Regno di Sardegna (1852- 1856). Il carteggio diplomatico di Sir James Hudson, a cura di Id., Torino, 1956, p. xi-cl.

Hansard 1853 = http://hansard.millbanksystems.com/commons/1853/mar/18/the-austrian-government-of-lombardy.

Hudson 2012 = Sir James Hudson nel Risorgimento italiano, a cura di E. Greppi, E. Pagella, Soveria Minnelli, 2012.

Pallavicino 1895 = G. Pallavicino Trivulzio, Memorie, III, pubblicate per cura della figlia, Torino, 1895.

Piglione 1933 = Emilia Piglione, Lettere di Giorgio Pallavicino Trivulzio ad un emigrato lombardo : Ercole Oldofredi Tadini, in Rassegna Storica del Risorgimento, 1933, p. 406-409.

Pollini 1953 = L. Pollini, La rivolta di Milano del 6 febbraio 1853, Milano, 1953.

Porciani 1997 = I. Porciani, La festa della nazione. Rappresentazione dello Stato e spazi sociali nell'Italia unita, Bologna, 1997.

Rattazzi 2009 = U. Rattazzi, Epistolario, I, 1848-1861, Roma, 2009.

Romeo 1977 = R. Romeo, Cavour e il suo tempo, vol. II, t. II, 1842-1854, Roma-Bari, 1977.

Romeo 1985 = R. Romeo, Cavour e il suo tempo, vol. III 1854-1861, Roma-Bari, 1985.

Talamo 2000 = G. Talamo, Stampa e vita politica dal 1848 al 1864, in Storia di Torino, VI, La città nel Risorgimento (1798-1864), a cura di U. Levra, Torino, 2000, p. 527-583.

Valerio 2010 = L. Valerio, Carteggio (1825-1865), V, (1850-1855), a cura di A. Viarengo, Torino, 2010.

Valsecchi 1968 = F. Valsecchi, L’alleanza di Crimea, Milano, 1968.

Viarengo 2010 = A. Viarengo, Cavour, Roma, 2010.

Haut de page

Notes

1 Il Vero Amico del Popolo, 14 maggio 1853. Per il carattere di celebrazione dinastica e istituzionale assunta sin dagli esordi dalla festa cfr. Porciani 1997.

2 Pollini 1953, p. 73-135.

3 Costa 1972, p. XVII.

4 Berti 1962, p. 643.

5 Cassola 1896, p. 27 ; Romeo 1977, p. 757.

6 Castelli 1968, p. 96. Cospicua documentazione dell’attività repressiva è conservata in Archivio di Stato di Torino (ASTo), Corte, Ministero degli Interni, Gabinetto, in particolare i mazzi 9, 9.2 e 15.

7 Ivi, m. 9, fasc. emigrato Bargnani.

8 Gazzetta Piemontese, 11 febbraio 1853.

9 Così Cavour a Emanuele d’Azeglio, 12 febbraio 1853, in Cavour 1985, p. 68-69.

10 Le Note del Piemonte e dell' Austria, in Italia e Popolo, 7 aprile 1853.

11 Gazzetta Piemontese, 9 marzo 1853.

12 Italia e Popolo, 10 febbraio, Supplemento. I dissidi erano incominciati nel novembre 1852 con l’espulsione dei frati stranieri dal territorio del Canton Ticino, dominato, dopo la guerra del Sonderbund, da elementi radicali e anticlericali. L’arrivo di rivoluzionari dalla Svizzera per dar man forte ai rivoltosi del 6 febbraio li fece peggiorare : il 16 febbraio fu decretata l’espulsione di tutti i Ticinesi dalla Lombardia : Pollini 1953, p. 312-315.

13 La sommossa di Milano, L’Opinione, 13 febbraio 1853. La sottolineatura è nostra.

14 Italia e Popolo, 10 febbraio 1853, Supplemento.

15 Ivi, 10 febbraio 1853, Supplemento.

16 I moti di Milano e la Corrispondenza austriaca, in L'Opinione, 17 febbraio 1852. Ribadiva le accuse un periodico « popolare » locale, che si abbandonava a insulti e derisioni contro la « mano di faziosi » che « arrischiatamente tentava di sollevare Milano, e con Milano la Lombardia » : « poche centinaia di mille lire, e qualche stiletto dovevano discacciare dall’Italia il tedesco. […] Le sole pazzie di Mazzini potevano essere autrici di tale fatto » I disordini di Milano, in Eco della provincia iriense, 11 febbraio 1853.

17 La sommossa di Milano, in L’Opinione, 13 febbraio 1853.

18 Gazzetta del Popolo, 10 febbraio 1853.

19 Commento a una dichiarazione di Pietro Maestri in occasione della sua espulsione, in Gazzetta del Popolo, 18 febbraio 1853. Per le vicende del giornale in questi anni cfr. Gariglio 1987.

20 Casi di Milano, in La Patria, 9 febbraio 1853.

21 Per le tendenze dei principali giornali del regno sardo e per dati sulla loro diffusione Della Peruta 1978 e Talamo 2000.

22 Il riferimento era a un articolo della Voce della libertà di Angelo Brofferio, ma anche a vari interventi dei fogli filomazziniani l’Italia e Popolo e La Maga : Gli eroi di Milano, La Campana 12 febbraio 1853.

23 I moti di Milano, ivi, 10 febbraio 1853. Meno critico il giudizio della Patria, compiaciuta che il ministero avesse sia pur tardivamente accettato i suoi consigli, espellendo quanti « usufruttavano la libertà nostra per combatterla, per comprometterla » (13 febbraio 1853).

24 Il sequestro dei beni dell’emigrazione, in La Campana, 1° marzo 1853.

25 Romeo 1977, p. 754. Per le valutazioni degli obiettivi austriaci, tra cui quello di addomesticare la nobiltà, rivelatosi ben presto vano, Berger Waldenegg 2001.

26 Bianchi Giovini 1853, p. 399-403.

27 Secondo le istruzioni impartite a Emanuele d’Azeglio, si trattava di rassicurare il ministero britannico per quanto concerneva la volontà piemontese di « contenir le parti révolutionnaire » e di reprimerne i minimi eccessi, ma nello stesso tempo di spiegare l’intenzione di resistere ai vicini « s'ils voulaient réclamer de nous des actes et des mesures contraires à nos principes, à nos institutions, à la ligne de conduite que l'honneur du pays et ses véritables intérêts nous ordonnent de suivre » (12 février [1853]), in Cavour 1985, p. 69.

28 Lettera a a Ėmile De La Rüe, 27 février [1853], in Cavour 1985, p. 97.

29 Collegno 1926, p. 103 (1° marzo 1853).

30 Per i documenti relativi si rimanda a Documenti 1867. Cfr. inoltre Valsecchi 1968, p. 186-200.

31 Cavour a Massimo d’Azeglio, Torino 4 marzo [1853], in Cavour 1985, p. 127-129.

32 Viarengo 2010, p. 259-261.

33 Buol ad Appony, Vienne, le 9 mars 1853, in Documenti 1867, p. 1699.

34 Torino, 12 febbraio, in La Patria, 13 febbraio 1853 ; Giustizia !, ivi, 17 febbraio 1853.

35 Ivi, 4 marzo 1853. Di lì a poco Rattazzi, in quel momento presidente della Camera, protagonista del connubio, cioè dell’alleanza tra centro-destro e centro-sinistro recentemente stipulata e particolarmente invisa agli uomini di cui il giornale era espressione, sarebbe entrato nel nuovo governo Cavour quale ministro di Grazia e Giustizia, portando avanti una legislazione ecclesiastica da essi aborrita.

36 L'Opinione, 6 marzo 1853. Il riferimento, tratto dal Parlamento, foglio filo-ministeriale, era a Ottavio Thaon di Revel e ai suoi, di cui la Patria era espressione.

37 Secondo il maligno commento dell’Italia e Popolo, solo dal momento in cui erano stati colpiti i suoi patroni il quotidiano si era deciso ad attaccare l’Austria, mentre si era disinteressata o aveva addirittura plaudito alla repressione del governo sardo. Gli articoli in materia furono probabilmente scritti o comunque ispirati dal conte Ercole Oldofredi Tadini, uomo di fiducia di Cavour, redattore e magna pars dell’amministrazione del giornale, soprattutto dopo l’allontanamento di Giorgio Pallavicino, un altro aristocratico che aveva contribuito alla sua fondazione : Piglione 1933.

38 I sequestri nel regno Lombardo-Veneto, in L’Opinione, 2 marzo 1853.

39 L'Opinione, 5 marzo 1853. Per le conseguenze dei sequestri sulla vita degli esuli e dei loro familiari, essendo spesso i beni indivisi, cfr. D’Errico 2015.

40 Casati a Pallavicino, Torino 1° marzo 1853, in Pallavicino 1895, p. 15-17. Della « colletta per sopperire alle spese di stampa e di traduzione » scriveva Bianchi Giovini a Pallavicino l’11 marzo, aggiungendo però : « Io non ho bisogno delle loro collette. Più, credono che io sono obbligato a servirli, come è obbligato il loro cameriere e il loro cuoco » ; ivi, p. 26.

41 Bianchi Giovini 1853. Su di lui cfr. Bottiglioni-Barrella 1951.

42 Si veda la serie di articoli usciti sulla Campana il 19, 23 e 25 luglio 1853.

43 Rodomontate dei moderati, 10 aprile 1853.

44 Conscio dell’importanza dell’opinione pubblica internazionale, Cavour si era preoccupato di mettere all’opera i ministri plenipotenziari a Londra e Parigi, con il compito di sollecitare l’uscita di articoli favorevoli al Piemonte : cfr. la lettera di Emanuele d’Azeglio a Cavour, del 17 marzo, ove, notando che « nous remuons ici comme des diables », riferiva di un suo fruttuoso colloquio con il proprietario del Morning Chronicle : Cavour 1985, p. 149.

45 Per la rete di relazioni intessuta con i giornalisti britannici cfr. Bacchin 2014.

46 L’Austria giudicata dal Times, in L’Opinione, 19 marzo 1853.

47 Il governo austriaco in Italia, ivi, 21 marzo. Che motivi economici fossero alla base del sequestro, data la cattiva condizione del bilancio austriaco, lo ritenevano anche gli ambienti finanziari parigini : Viarengo 2010, p. 259.

48 Austria e Piemonte, in L’Opinione, 21 aprile 1853.

49 La Svizzera e il sequestro, ivi, 8 marzo 1853.

50 In quella fase Vienna aveva aperto molti fronti di conflitto : oltre al regno sardo e alla Svizzera, la stessa Gran Bretagna era stata accusata per l’ospitalità concessa ai rifugiati politici.

51 Una risposta austriaca al Memorandum sardo, in L’Opinione, 6 maggio 1853.

52 La Gazzetta del Popolo giungeva addirittura al punto di adombrare una guerra, certa che il regno sardo sarebbe stato giustificato dall’inescusabile affronto subito e avrebbe goduto delle simpatie degli altri paesi : Questione dei sequestri austriaci, 7 aprile 1853.

53 Cfr. il dispaccio inviato ai ministri il 14 aprile da Dabormida, in Documenti 1867, p. 1705. Sul diplomatico cfr. Curato 1956 ; Hudson 2012.

54 Cfr. anche Collegno 1926, p. 112 (10 aprile 1853).

55 Questione svizzera, in Italia e Popolo, 31 marzo 1853.

56 Secondo un dispaccio confidenziale di Emanuele d’Azeglio, il legato austriaco a Londra garantiva al ministro degli Esteri Clarendon libero uso della loro proprietà per i fuorusciti che chiarissero la loro innocenza : Bianchi 1870, p. 134. « We have heard very lately – rispondeva Lord Russell il 18 marzo 1853 a un’interrogazione ai Comuni sulla questione - that the intention of the Austrian Government is not to continue the sequestration, as was at first intended, to the cases of all those persons, but to make inquiry whether or not any, and what number, of them had any part in the insurrection at Milan » : in Hansard 1853.

57 Leggesi nel Débats, in L’Opinione, 29 marzo 1853.

58 Cfr. la notificazione del governatore militare e civile del Lombardo-Veneto dell’11 giugno 1853, in esecuzione della Sovrana Risoluzione del 21 aprile, in Bollettino 1853, p. 309 ; L’Opinione, 8 luglio 1853.

59 Condizione del Piemonte, in La Campana, 11 aprile 1853.

60 Documenti 1867, p. 1707-1710. Una copia manoscritta d’ufficio del documento, con correzioni autografe di Cibrario, si trova in ASTo, Corte, Archivi privati, Manno, m. 74 (ringrazio Pier Angelo Gentile per la segnalazione).

61 Viarengo 2010, p. 263.

62 Osservazioni sul Memorandum, 18 aprile 1853. Replicando alle accuse di eccessiva moderazione piovute da più parti sul governo, Domenico Berti, relatore per la Commissione della Camera del disegno di legge Disposizioni a favore dei cittadini sardi colpiti da sequestro, presentato il 19 aprile 1853, osservò che un comportamento diverso avrebbe danneggiato la sua reputazione : « La protesta morale, esplicita e franca, e la interruzione delle relazioni diplomatiche erano i soli mezzi che nello stato attuale della vertenza potessero insieme conciliare quello che la prudenza e la dignità del paese richiedevano » (Documenti 1867, p. 1696).

63 Il Memorandum alle potenze d’Europa, in Italia e Popolo, 20 aprile 1853. Subito dopo biasimava aspramente il fatto che un governo che pretendeva di definirsi nazionale respingesse l’accusa di aver compiuto una troppo blanda repressione, e ribaltava su di esso le accuse mosse all’Austria, di aver operato cioè fuori della sfera del diritto, dal momento che incarceramenti ed espulsioni non erano stati preceduti da regolari giudizi.

64 Gazzetta Piemontese, 11 maggio 1853.

65 Documenti 1867, p. 1694-1697.

66 Rivista dei giornali, in Italia e Popolo, 23 aprile 1853. Anche Giacinto Collegno commentò negativamente la legge, ispirata a un sentimento « più cavalleresco che saggio », ma che non avrebbe accontentato i sequestrati (solo una minima parte, infatti, ne fu interessata) e avrebbe irritato « più che mai » i piemontesi contro i lombardi : Collegno 1926, p. 113 (17 aprile 1853).

67 I soccorsi ai sequestrati, in Italia e Popolo, 24 aprile 1853.

68 Mutuo agli emigrati, in La Campana, 23 aprile 1853. Mitigò in seguito questo riconoscimento prendendo più decisamente le ragioni dell’Austria.

69 Mutuo agli emigrati naturalizzati sardi, ivi, XX maggio 1853.

70 « Mi hanno rubato, all’incirca, quattro milioni di lire », scriveva Pallavicino alla principessa Pio (Parigi, 25 marzo 1853). « Il personaggio di martire è una bella e santa cosa – aggiungeva il reduce dallo Spielberg – ma io incomincio ad averne abbastanza » : Pallavicino 1895, p. 30.

71 Le iniziative benefiche erano segnalate pressoché quotidianamente dalla Gazzetta del Popolo.

72 Civiltà Cattolica, IV, 1853, S. II, vol. IV, p. 364.

73 Non erano solo i clericali a far circolare tali voci, ma pure la sinistra radicale subalpina, e in particolare La Voce della Libertà di Brofferio, uno dei principali oppositori parlamentari di Cavour, in una innaturale alleanza che si manifestò anche in occasione delle elezioni del dicembre 1853.

74 Per un’efficace sintesi di queste vicende rimando a Viarengo 2010, p. 273-275.

75 Costa 1972, p. XVII-LXXXVII.

76 Romeo 1985, p. 35. Il prestito era stato lanciato il 26 giugno e diffuso con una notificazione della Luogotenenza lombarda del 12 luglio 1854, che si appellava alla devozione del clero, dei grandi possidenti, imprenditori, negozianti e comuni. Ove il loro concorso non fosse stato pari alle aspettative si minacciava, come poi avvenne, un prestito forzoso.

77 Anche la promessa da parte anglofrancese di fare pressioni in tal senso con l’Austria fu sconfessata al momento della stipula del trattato : Romeo 1985, p. 42-44 ; Viarengo 2010, p. 289-292.

78 Piglione 1933. Contrario all’idea di porre la levata dei sequestri come condizione per l’invio di soldati in Crimea, ma per motivi diversi, in quanto « misero mercanteggiare piemontese e nulla più », fu Lorenzo Valerio : Valerio a Vincenzo Ricci, Torino 15 ottobre 1854, in Valerio 2010, p. 484.

79 La Stampa, 24 luglio 1854.

80 Rattazzi a Enrico Martini, Torino 27 aprile 1853, in Rattazzi 2009, p. 167.

81 Carlo Cameroni a Francesco Boselli, che chiedeva informazioni sulle carte richieste per la concessione della cittadinanza sarda, Torino 3 giugno 1855, in ASTo, Sezioni Riunite, Emigrati, S. I, m. 10, f. Boselli Francesco.

82 « Rimorchiato dalla clemenza dei croati » era il caustico commento sul ritorno di Cesare Levi, già collaboratore del giornale veneziano Il libero italiano, uno dei primi ad accettare le condizioni austriache. Il caso era presentato come un’eccezione (« gli emigrati preferiscono sopportarle tutte »), anche se tale non si rivelò, e proprio per questo, probabilmente, si smorzò in seguito il tono polemico nei confronti dei rimpatriati : Notizie varie, in Gazzetta del Popolo, 25 luglio 1853.

83 Si trovano sparse nella Biblioteca Civica « Carlo Cameroni » di Treviglio, Archivio Emigrazione Italiana e in ASTo, Sezioni Riunite, Carte Cameroni.

84 Nell’immaginoso linguaggio dell’abate, il sequestro levato era paragonato a « un osso addentato da un affamato bracco e poi abbandonata per la scoperta realtà » : ivi, m. 9. E ancora : « tale liberazione di sequestri si risolve in uno di quei balocchi, che l’Austria pone nelle mani delle Estere potenze, come usano le mamme a quiete de’ loro bamboli, ed indi comandano alle nudrici (il Giornale dei Débats) di cantare » (ivi). Secondo la Gazzetta del Popolo, ( Un nuovo scherno dell’Austria, 9 maggio 1854), « Mantenere il sequestro sopra piccolissimi patrimoni era un imbarazzo che non ne valeva la pena ».

85 Il resoconto dei beni si accompagnava spesso alla descrizione delle condizioni di vita di quanti erano incorsi nel sequestro, prima e dopo la fuga, dell’occasione che l’aveva scatenata, e delle avventure di cui talora furono protagonisti (ASTo, Sezioni Riunite, Carte Cameroni, m. 9).

86 L'Opinione, 13 dicembre 1856.

87 Civiltà Cattolica 1857, p. 370, Romeo 1985, p. 313.

88 Ivi, p. 321.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Ester De Fort, « La questione dei sequestri austriaci del 1853 : echi e reazioni nel regno sardo », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En ligne], 129-2 | 2017, mis en ligne le 03 avril 2018, consulté le 21 mai 2018. URL : http://journals.openedition.org/mefrim/3210 ; DOI : 10.4000/mefrim.3210

Haut de page

Auteur

Ester De Fort

Università di Torino, ester.defort@unito.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals