Navegación – Mapa del sitio
La fabrique transnationale de la « science nationale » en Italie (1839-fin des années 1920)
Lieux de savoir : institutions et réseaux

In Europa e ritorno. I congressi degli scienziati italiani tra modelli europei e via nazionale

Maria Pia Casalena
p. 273-283

Resúmenes

I congressi degli scienziati italiani celebrati nell’età del Risorgimento (1839-1847) sorsero su impulso di esperienze europee già avviate (Svizzera, Confederazione tedesca, Gran Bretagna, Francia), introdotte da scienziati e intellettuali stranieri nella penisola fin dal 1821. Questi passeurs coltivavano idee differenti circa la natura e l’ordinamento dei congressi e circa le finalità ultime di tali eventi. I protagonisti italiani mediarono tra tutti i modelli stranieri (rappresentati nelle riunioni da numerosi scienziati ospiti) per dare via a una formula italiana, risorgimentale e nazionale, tale da soddisfare sia le aspirazioni degli scienziati professionisti, sia il protagonismo del notabilato terriero legato maggiormente a saperi e pratiche di ambito umanistico-giuridico-economico.

Inicio de página

Texto completo

  • 1 Gavroglou 2003.

1Luoghi della memoria per le nazioni che nel corso del XIX secolo hanno realizzato l’indipendenza e l’unificazione politica; manifestazioni del desiderio di partecipazione e autonomizzazione da nazioni dominanti o tradizioni allofone e allogene nel caso di nazioni che nello stesso lungo periodo si trovavano in posizione di sottomissione politica e/o culturale; strumenti del discorso nazionalista progressista per gli Stati nazionali già consolidati e avviati ad una rapida modernizzazione; guardando in una prospettiva d’insieme il fenomeno dei congressi degli scienziati nel mondo occidentale del Lungo Ottocento, le tre caratterizzazioni si presentano a volte fortemente connaturate ai singoli contesti, altre volte intrecciate – con importanti mutamenti nel tempo – nel seno di una singola esperienza.1

  • 2 Ciasca 1916; Hortis 1922; Cessi 1923; Valabrega 1923; Bartoccini – Verdini 1952; Marino 1974.
  • 3 Casalena 2006.

2La prima prospettiva – che si andò cristallizzando specie in epoca fascista – è solitamente quella a cui si riconduce la vicenda dei congressi degli scienziati italiani avviati nel 1839 e durati fino all’autoscioglimento del 1873, con una breve quanto intensa appendice palermitana nel 1875. Sorti con relativo ritardo rispetto ad altre esperienze, le riunioni dei dotti hanno fatto perlopiù pensare ad una prefigurazione di quel Parlamento rappresentativo e liberale che sarebbe stato rivendicato dal Lungo Quarantotto. Fenomeno squisitamente risorgimentale, dunque, e quindi rigidamente legato alle questioni chiave del movimento liberal-nazionale coevo. Congressi prepolitici, criptopolitici o addirittura politici tout court, quelli che attraversarono le capitali prime e seconde della penisola nello scorcio finale del Vormärz: così sono apparse le riunioni in questione a quanti – molti – le hanno ripercorse e analizzate, a partire dall’affermazione della storiografia scientifica sull’età del Risorgimento fino, come si diceva poc’anzi, ai mentori del primato italiano tra le due guerre, e ancora molto oltre la fine del secondo conflitto mondiale.2 Ora, pur volendo sgombrare il campo dalle interpretazioni più radicalmente nazionaliste e, soprattutto, autoctone, resta indubbio che le riunioni degli scienziati rivestirono nel caso italiano una indubbia funzione nel processo di nation building e nella configurazione di una civiltà e di una cultura nazionali coerenti con la coeva progressione del discorso sulla libertà e sull’indipendenza della penisola risorta ad alti destini.3

  • 4 Meriggi 2011.

3Quanto nel presente contributo, sulla scia di ricerche precedenti,4 vuol discostarsi da quella vulgata risiede nel fatto che in quest’ultima la scienza, indubbiamente mal definita nelle dichiarazioni d’intenti degli stessi protagonisti, sembrava entrarci poco o addirittura quasi niente, specie quando l’attenzione si appuntava sulla sezione – invero spuria – di Agricoltura e tecnologia dove si finì per disquisire – sfidando le censure preunitarie – di contratti e affitti, di sistemi carcerari e di legislazione.

  • 5 Pancaldi 1983; Gizycki 1979; Ausejo 1994; Engelhardt 1998.

4Dagli anni ottanta del XX secolo alcuni storici della scienza hanno mutato la prospettiva, riconducendo i congressi risorgimentali nell’alveo della storia del pensiero e delle istituzioni scientifiche e tecnologiche, inquadrandoli decisamente nell’epoca aurea del positivismo italiano ed europeo. Così considerati, essi si prestavano ad una ricognizione per così dire genealogica parzialmente differente da quella prima imperante. Se fino ad allora, cioè, il «caso italiano» aveva fatto il paio specialmente col caso degli scienziati dello spazio germanofono (riuniti dal 1822 nelle Versammlungen Deutscher Naturforscher und Aertze) aspiranti all’unità politica, con gli scavi archivistici degli storici della scienza sono entrate in scena l’Inghilterra e, successivamente e in sede comparativa internazionale, la Francia.5

  • 6 Useremo nell’articolo il termine passeur mutuando soprattutto dalle definizioni date da Isabella e (...)
  • 7 Fumian 1995; Casalena 2007; Meriggi 2011.

5In questo saggio tenteremo di rispondere alla domanda, tuttora aperta, relativa alle origini transnazionali dei congressi degli scienziati italiani e al posizionamento di questi ultimi nel scenario internazionale (e presto anche intercontinentale), ponendoci in una prospettiva oltreché comparativa anche transnazionale. Vale a dire, le diverse esperienze delle riunioni itineranti degli scienziati verificatesi in tutto l’Occidente e in parte dell’Oriente europeo prima del 1914 arrivarono ad acquisire statuto, forme, pratiche e regolamenti propri non solo in virtù di un – innegabile, quanto non angustamente univoco – fenomeno di emulazione, ma anche e soprattutto attraverso il coinvolgimento e la mediazione esercitata da autentici passeurs del mondo scientifico primo-ottocentesco6 che gestirono in prima persona contatti, procedure di emulazione ed ibridazione, progettualità e scelte di autodefinizione in rapporto al mondo scientifico nazionale, internazionale, sovranazionale. Risulterà assai ridimensionata la visione tradizionale di una forte egemonia del «modello» germanico sui congressi italiani, mentre contatti, scritti, traduzioni, mediazioni, partecipazioni arrivarono a conferire a questi una struttura e un funzionamento decisamente più eterogeneo, contraddittorio in buona parte, ricettivo di transfer multipli e variabili, infine assai difficilmente inquadrabile in quel «movimento dei congressi» del quale pure fecero parte a pieno titolo tra 1839 e 1875.7 In ultima analisi, vedremo come e perché, tra tutte le influenze che si fecero sentire nei decenni – elvetica, germanica, britannica, francese – finirono per prevalere gli elementi che meglio si raccordavano con il progetto più ampio e generale di individuare un posto per il sapere “utile” in seno a quella che si voleva rappresentare come la società dei migliori del futuro Stato nazionale italiano.

Passeurs per la penisola

  • 8 Casalena 2013.

6Per collocare la nascita dei congressi degli scienziati (o dei dotti, come più largamente e più rigorosamente si autodefinirono inizialmente) italiani nel giusto contesto nazionale e internazionale, occorre rimontare perlomeno ai primi anni Venti. Allora si attivò il primo transfer culturale – e anche latamente politico – tra due spazi politici e culturali ben precisi: il Granducato di Toscana e la nuova Confederazione elvetica nata dalla rifondazione napoleonica e dalle integrazioni della prima Restaurazione.8 Mediatori, in questo caso, furono i due “svizzeri-toscani” in forza alla celebre rivista Antologia di scienze lettere e arti: il promotore Giovan Pietro Vieusseux e l’intellettuale liberale protestante Enrico Mayer. Sull’Antologia apparvero prima della soppressione del 1833 almeno tre articoli sulle riunioni annuali itineranti della Société helvétique des sciences naturelles. Quest’ultima era stata creata a Ginevra dal chimico-farmacista filonapoleonico Albert Gosse, aveva raccolto all’inizio un’adesione poco più che “familiare”, ma in un breve torno di tempo era assurta a istituzione peripatetica d’eccellenza dello spazio elvetico. Perché un’associazione per le scienze naturali in una realtà statuale e culturale frammentata e plurima come la Confederazione elvetica, che ancora spostava di triennio in triennio la propria capitale federale tra Berna, Zurigo e Ginevra?

  • 9 Dhombres 1989.

7La memoria napoleonica risulta fondamentale per comprendere non solo l’esperienza apripista della stagione dei congressi degli scienziati, ma pure tutta quella che potremmo definire la sua ideologia di fondo, senza la quale non si comprenderebbero neppure le singolari evoluzioni e torsioni della vicenda risorgimentale e post-risorgimentale italiana. Le scienze naturali – dizione molto comprensiva che riuniva pure matematica, medicina, chimica, agronomia, e non escludeva le applicazioni pratiche e tecnologiche – avevano fatto la cifra dell’establishment culturale imperiale fino almeno al 1812, dando vita su matrici rivoluzionario-giacobine a quello che acutamente è stato definito il «nuovo potere».9 Rigettato dalla cultura romantica attorno al 1814-1815 assieme alla geometria amministrativa e al dispotismo dell’esecutivo tipici del governo napoleonico, lo scientismo serviva ancora in realtà la causa di molti aspiranti membri delle monarchie amministrative e dei loro corpi consultivi, secondo una linea che non sempre e non necessariamente conduceva ad allinearsi al costituzionalismo liberal-parlamentare e al dogma della divisione dei poteri. Ora, se da una Ginevra alle prese con molti problemi di riassetto politico-costituzionale i maggiorenti dell’Antologia derivarono un messaggio schiettamente liberale, connaturato a congressi itineranti che volevano superare le frontiere religiose, politiche e linguistiche in vista della creazione di un compiuto sbocco parlamentare anche a livello federale – aspirazione che si sarebbe scontrata con la guerra del Sonderbund, per poi imboccare una radicale democratizzazione –, in realtà il portato ideologico degli uomini delle «scienze naturali» prevedeva anche la messa in piedi di organi consultivi e tecnico-amministrativi congeniali alle nuove come alle tradizionali strutture istituzionali, tanto nei cantoni avanzati quanto in quelli cattolico-conservatori. E sempre su questo crinale di difficile soluzione, nell’alternativa potere degli scienziati/parlamentarismo rappresentativo, si muoveranno i progetti dei promotori delle accademie itineranti nello spazio europeo. La memoria e l’esperienza in essere della monarchia amministrativa, sia pur con tante e relative correzioni, e quella del nouveau pouvoir giacobino-napoleonico facevano sì che il messaggio globale di progresso ed emancipazione potesse talora restringersi alla più angusta ed elitaria proposta di «magistrature» riservate ai soli detentori dei saperi matematici, fisici, naturalistici, medici, ecc.

8Il corrispondente dell’Antologia volle cogliere solo l’aspetto schiettamente liberal-progressista, tanto che in terra toscana l’iniziativa dei congressi avrebbe dovuto secondo lui vedere in prima fila non i professionisti di matematica o medicina, quanto invece i proprietari agricoli. Il Granducato di Toscana deviava dal primo modello europeo di rifondazione dal basso del nouveau pouvoir innestando la presenza – squisitamente risorgimentale, peraltro – di quanti per interesse diretto si occupavano – o meglio, si sarebbero dovuti occupare – di agricoltura, e non solo di concimi e attrezzi, ma anche di contratti, educazione delle plebi, assemblee municipali, rapporti con le amministrazioni periferiche e centrali…

  • 10 Morrell – Thackray 1981; Morrell – Thackray 1984.

9Di certo non pensava a dare spazio all’agricoltura quel Charles Babbage che, già massimo fustigatore con David Brewster dell’assenteismo istituzionale britannico in materia di scienza, si abboccò col granduca Leopoldo II nel 1828. I congressi – o meglio, meetings – britannici avrebbero visto la luce nel 1831 a York grazie a quelli che i loro primi storici definirono i gentiluomini della scienza: pochi professionisti (Babbage, Brewster e altri di Oxford e Cambridge), molta gentry illuminata di Londra e delle contee, uomini della Chiesa anglicana, amatori zelanti.10

10Come fece Babbage a ergersi a passeur delle accademie peripatetiche prima ancora che vedesse la luce la British Association for the Advancement of Science (BAAS)? Ci riuscì in più modi. In prima istanza, si fece latore della grande utilità della messinscena pubblica delle Versammlungen Deutscher Naturforscher und Aertze: patrocinate dal re di Prussia come dall’imperatore d’Austria, potevano risultare un fenomeno congeniale al sovrano lorenese. L’accento si era dunque spostato, già in terra toscana, dalla Svizzera allo spazio germanofono. I saperi coinvolti si erano ridotti nominalmente a tre-quattro: le branche da poco autonomizzatesi dell’antica storia naturale e le scienze mediche. Quel che Babbage forse non diceva, è che alle Riunioni della Confederazione germanica potevano (ufficialmente) prendere la parola solo i professori e quanti avessero a carico opere fondamentali. Se ancora non poteva rigorosamente parlarsi di specializzazione disciplinare – l’eroe della riunione berlinese era stato Alexander von Humboldt – sicuramente si era fatta strada, nell’ospitale terra della concorrenza accademica e del potente interventismo statale – una precisa idea di chi fossero i professionisti della scienza, e a questi solo si consentiva di designarsi come membri a pieno titolo dei congressi.

  • 11 Ibidem; MacLeod – Collins 1981.
  • 12 Il progetto di una accademia sovrastatale si era configurato fin dagli esordi delle riunioni dei n (...)
  • 13 Pancaldi 1983.

11Perché quest’accento sulla professionalizzazione come elemento di distinzione, tanto forte da condurre i «filologi» tedeschi ad organizzare dei congressi itineranti autonomi alla vigilia del Quarantotto? In effetti la stessa cosa era piaciuta a Brewster e si riteneva necessaria in Inghilterra e Gran Bretagna: il riconoscimento governativo degli scientists (la parola nacque proprio allora) come cittadini, funzionari, consulenti di prim’ordine, da collocare e remunerare in maniera adeguata. Ciò che sembrava ben lontano dagli orizzonti della Royal Society e in generale dalla dialettica whig/tories o dalle vedute dei sovrani britannici11. E infatti con Leopoldo II, che certo non poteva essere accusato di assenteismo in campo scientifico, Babbage si spinse a parlare dell’auspicata nascita, dal seme dei congressi impiantati in tutti gli Stati, di una nuovissima e specialissima accademia di grandi scienziati professionisti – rigorosamente matematici, fisici, naturalisti, medici (non anche chirurghi, nel caso britannico), ingegneri e così via. Un’accademia sovranazionale e selezionatissima che, sulla scorta di un vago progetto kantiano, dovesse interloquire con i governi europei (restaurati o liberali poco importava) per tutto quanto potesse rientrare nelle sue preziose competenze.12 E di quest’accademia Leopoldo II d’Asburgo-Lorena, faceva intendere l’inglese, sarebbe stato uno dei sovrani più ascoltati.13

12Dai raduni di proprietari-patrioti ai consessi di colleghi medagliati: il progetto dei congressi in quella Toscana che per prima e più a lungo se ne occupò stava cambiando strada e direttive. E questa via professional-scientista avrebbe prevalso fino a convincere addirittura l’imperatore d’Austria a concedere il proprio benestare. Come fu possibile, allora, che i congressi italiani, che dovevano allinearsi con i nascituri inglesi sul modello germanico, contemplassero fin dall’inizio, e anzi avessero come perno, una sezione di proprietari e «tecnologi» più umanisti che scientifici, di sicuro non accreditati (o non troppo) sulle riviste scientifiche, più versati in dibattiti eclettici e a prevalenza giuridico-economica che non in serie dimostrazioni di teorie pure recentemente presentate ai colleghi più quotati di tutta Europa?

13Un terzo e ultimo passeur di spicco ci fornisce qualche primo elemento di spiegazione. Si tratta di quel principe di Canino, all’anagrafe Carlo Luciano Bonaparte nipote di Napoleone I, che nel 1838 risultò tra le stelle di prima grandezza in occasione della Versammlung Deutscher Naturforscher und Aertze di Freiberg. Ampiamente esaltata sull’austriacante Biblioteca italiana, l’esperienza di Canino – che in effetti era un provetto zoologo e botanico – finì per dare il là alla storia italiana dei congressi. Sotto rigoroso modello germanico, come si diceva e come avrebbe voluto anche Babbage, di fatto l’unico accettabile non solo per ragioni di egemonia politica sulla penisola, ma anche perché sembrava presentare l’inestimabile vantaggio di tenere del tutto alla larga le disquisizioni e le derive più o meno esplicitamente politiche. Di tutto doveva dunque trattarsi, magari di un ulteriore tassello di una futura accademia sovranazionale delle scienze, ma non di consessi di politicanti, economisti militanti, giuristi liberali e pubblicisti romanticheggianti o classicheggianti ma comunque innegabilmente nazionalisti. E infatti, per tornare alla sezione di Agricoltura e tecnologia, questa formalmente trovò asilo solo come alveo di disquisizioni tecniche molto specialistiche. Formalmente, perché in realtà non tardò a trasformarsi in qualcos’altro e a tenere banco fino al 1862 come “parlamento prima del parlamento” aperto a tutti gli affari socioeconomici, giuridico-legislativi, criptopolitici quando non (Venezia, 1847) schiettamente liberal-nazionali.

14Anche al senso di opportunità del principe di Canino, pur contrario a tante altre derive, si dovettero i primordi di questa metamorfosi, come vedremo. Ma alla sua tolleranza duramente messa alla prova, con grande disappunto dei professori di botanica, zoologia e medicina, doveva dar man forte un personaggio altrettanto titolato e altrettanto singolare, ugualmente rentier e però schierato sul fronte opposto nel dibattito sull’Ottantanove e le sue conseguenze. Nel secondo congresso, con l’arringa del visconte-avvocato-archeologo Arcisse de Caumont, sembrò chiaro – in un contesto più favorevole della Toscana e della Lombardia – un progetto congressuale totalmente altro, non professionale se non antiprofessionale, non scientista se non radicalmente antiscientista. Ma converrà prima vedere come si erano collocati i congressi italiani nello scenario nazional-peripatetico europeo.

Più scientifici o più nazionali?

15Il nome, l’architettura, l’andamento, lo stesso regolamento dei congressi italiani erano destinati ad andare incontro a molte traversie, a causa di spinte “dal basso”, che rispecchiavano idee eterogenee circa la funzione del sapere nella costruzione della comunità nazionale, ma anche – specie per i maggiorenti – in funzione degli echi provenienti dall’estero, sia attraverso la circolazione di attori e modelli, sia dalle relazioni più o meno formali strette con altre accademie itineranti europee tramite lo scambio degli atti a stampa e gli inviti ad personam.

16Per questo sarà bene, riferendoci sia a materiali inediti interni alle riunioni (conservati nel Museo e Istituto di Storia delle Scienza di Firenze), sia a fonti a stampa straniere, ripercorrere le tante – e diverse – idee che si appuntarono nella penisola italiana circa la natura dell’accademia peripatetica, circa la definizione di «scienze positive» e, non da ultimo, circa il profilo sociale, professionale e culturale dello «scienziato». La stessa plasticità delle riunioni italiane, abbastanza duttili perché ogni sede dettasse le proprie regole, finì per conferire un volto d’insieme alquanto isolato, quindi piuttosto “autarchico” e nazionale, al di là delle petizioni d’interesse per l’avanzamento e gli specialismi delle scienze positive.

17I tre punti – regolamento, sezioni, norme di ammissione – appaiono in realtà strettamente intrecciati, seppure non diedero luogo ad esiti sempre coerenti. Chiarissimo era invece il dettato del Regolamento delle Riunioni dei medici e naturalisti tedeschi laddove (artt. 3-4) limitava la possibilità alla partecipazione attiva (cioè il diritto alla parola) solo a quanti fossero riconosciuti scrittori di cose naturalistiche e mediche, con la precisazione che la sola dissertazione inaugurale non costituiva titolo sufficiente. I liberi docenti, di fatto, non erano membri a pieno titolo delle Versammlungen, che non modificarono gli Statuten prima del 1848. E dire che i professori e gli altri luminari tedeschi si erano dati queste regole da soli, apparentemente senza spinta dall’alto, già nel corso della prima sessione di Dresda, ben prima cioè di approdare in terra berlinese dove la politica universitaria e della scienza si era dispiegata con maggior capillarità. Beninteso, nelle Versammlungen presero la parola anche alti ufficiali militari e alti funzionari digiuni di eccellenti pubblicazioni: ma si trattò di poche e doverose deroghe agli Statuti in nome dei doveri dell’ospitalità. Nella Confederazione germanica, estesa in questo caso a Sud fino a ricomprendere tutto l’Impero austriaco e a Est fino a superare la frontiera prussiana in terra polacca, i termini scienziato / professore universitario / accademico dovevano essere sinonimi sorretti da una parte nella fiducia in uno scientismo che da vagamente romantico si fece rigorosamente positivista; dall’altra parte, dall’attitudine dei regnanti a puntare sulle università come vivai e monumenti della scienza nazionale. Scienze naturali e medicina, ma medicina teorica e non pratica; scienze naturali (e fisiche) ma non utili applicazioni tecniche. Il Wissenschaftler dei congressi tendeva a riprodurre, e talvolta ad anticipare negli Stati meno allineati, quell’orgoglioso senso di superiorità della scienza universitaria di fronte alle «vili» filiere tecniche, senso di superiorità che peraltro doveva andare a scontrarsi nel Kaiser guglielmino con la cogente sinergia probellica di scienza pura e scienza applicata.

  • 14 Casalena 2007.

18Dalle Versammlungen Deutscher Naturforscher und Aertze era reduce illustre come detto il principe di Canino. A quelle riunioni guardavano anche alcuni tra gli scienziati che si posero col benestare di Leopoldo II all’organizzazione del primo congresso degli scienziati italiani. Il più rigorosamente «germanofilo» si sarebbe dimostrato lo zoologo Paolo Savi, che invitò solo professori e grandi accademici dotati di magniloquenti curricula. Più sfaccettata la procedura imbracciata dal principe di Canino che, guardando allo Stato Pontificio, non poteva fare a meno di coinvolgere parimenti professori riveriti e luminari estromessi dalle istituzioni a causa delle turbolenze politiche degli anni venti e trenta. Fatto sta che le due liste di invitati sembravano rispecchiare, talvolta con qualche aggiustamento, l’elitarismo e il rigorismo dei colleghi tedeschi. In prima fila, tra i cooptati, si ritrovano Lorenz Oken e Charles Babbage, oltre agli académiciens parigini, ai reggitori dei massimi osservatori astronomici, ai bei nomi della medicina universitaria.14

  • 15 Testo cit. in Pancaldi 1983.

19Ma qualcosa andò storto da subito. Canino avrebbe voluto diramare un testo che esplicitava la natura “alta” e accademica delle riunioni annuali: sarebbero stati ammessi solo i componenti delle accademie centrali delle scienze dei singoli Stati, i docenti universitari in servizio, i funzionari delle amministrazioni tecniche e pochi altri cooptati dai primi, e il tutto si limitava alle scienze fisiche e naturali.15

  • 16 IMSSFI, RSI, b. 1, c. 4: Regolamento generale per le annuali riunioni dei cultori italiani delle S (...)

20Com’è noto, il testo della circolare realmente diramata aveva toni più aperti al volontarismo e in fin dei conti accenti più laschi circa i criteri di ammissione. Tutte le accademie – e nella penisola ne esistevano più o meno un centinaio – sarebbero state ammesse, assieme a tutti i ruoli della docenza e ai ranghi superiori delle amministrazioni tecniche, nonché assieme agli stranieri variamente rientranti nei medesimi criteri.16

21Così, l’«Accademia delle accademie» che avrebbe voluto Canino si tradusse infine in una riunione di 421 «soci», tutti egualmente titolati a prendere la parola, di certo non tutti rispondenti ai criteri succitati. Tanto che, dopo aver ripreso dalla Confederazione germanica l’istituto dell’Ufficio per le ammissioni, i maggiorenti si risolsero a stendere un articolo del Regolamento generale assai più vago quanto ai titoli necessari per accaparrarsi la tessera rossa di «scienziato».

22Scomparsi i nomi, dissolta la gerarchia. Di fatto, e qui sta il vulnus dei Congressi degli scienziati italiani rispetto alla pretesa di emulare i professori tedeschi, tutte le accademie e società scientifiche esistenti nella penisola, pubbliche e private, specializzate (poche) o eclettiche (molte), strettamente scientifiche o prevalentemente letterarie, sarebbero state buone per garantire ai propri membri l’ammissione con tutti gli onori e gli oneri degli «scienziati» a pieno titolo. Ora, considerando che all’epoca funzionavano oltre cento tra accademie e associazioni variamente denominate, una buona componente delle quali specializzata nelle cose di agricoltura, e una frazione non insignificante votata piuttosto all’archeologia, alla poesia se non alle arti visive, possiamo sostenere che facilmente si poteva prevedere, già all’alba del 15 ottobre 1839, che molti altri sarebbero accorsi oltre ai professionisti riconosciuti delle scienze naturali. Invertendo la prospettiva, possiamo affermare che i congressi degli scienziati italiani ebbero il merito – non secondario – di rivitalizzare quell’arcipelago accademico e associativo, destinato d’altronde a prosperare in alcune sue espressioni (agricoltura, ma anche storia) all’ombra e nel nome della grande accademia peripatetica, che d’altronde aveva languito sotto i colpi della repressione poliziesca, per le conseguenze delle soppressioni napoleoniche, per le oggettive asperità del lavoro collegiale esistenti in diversi Stati. Rivitalizzando le accademie minori, i congressi italiani funzionarono pure da punti di attrazione per un mondo provinciale erudito e/o liberaleggiante che entrò in un circuito più ampio di conoscenze e scambi.

  • 17 Casalena 2006; Casalena 2007.

23Pertanto, il “congresso alla tedesca” c’era stato veramente, dato che nelle sezioni di Botanica e Zoologia si optò per una drastica selezione degli ammessi alla tribuna degli oratori – e così, a dispetto del gran numero di cultori e collezionisti, sarebbe stato ancora regolarmente fino al 1847.17

24Molti si lamentarono e urlarono all’invasione dei «barbari», ma i numeri erano destinati a crescere. Dai 421 di Pisa si sarebbe passati agli 888 di Firenze (1841), fino ai 1600 di Napoli (1845) e al migliaio abbondante di Genova e Venezia (1846 e 1847). Segno che la fama dei congressi si era amplificata, che gli stessi sovrani consentirono frequentazioni talvolta “sospette”, ma segno anche che sulle ammissioni si adottarono atteggiamenti (e strategie) più comprensivi man mano che si entrava in nuovi Stati e si consolidava, all’indomani del 1843-1844, quell’orientamento neoguelfo che avrebbe fatto la cifra degli ultimi congressi. Una clamorosa avvisaglia, per la verità, l’aveva apprestata il Congresso di Padova nel 1842, quando girò la seguente istruzione:

  • 18 IMSSFI, RSI, b. 10, c. 8: Notizie ed Istruzioni per gli Scienziati concorrenti alla Quarta Riunion (...)

Quelli degli accorrenti alla Quarta Riunione degli Scienziati, che domandano il titolo di Membri della medesima, dichiarano con ciò stesso di voler prendere parte ai lavori ed alle discussioni delle Adunanze, e di essere disposti ad adempiere gl’incarichi, i quali potessero venire ad essi conferiti.18

  • 19 IMSSFI, RSI, b. 16, c. 14.

25Va detto che le lagnanze non andarono tutte a vuoto, e qui dobbiamo tornare al panorama internazionale. Intanto, Canino stesso nel 1844 si era convertito all’approccio onnicomprensivo fino a sollevare negli ufficiali del Congresso milanese sospetti di personali «maneggi».19

26Se infine tutti potevano essere scienziati, non tutti potevano essere ufficiali di sezione, ossia le decisioni «vere» le prendevano in pochi (e qualificati). Ogni congresso aveva presidente e assessori (scelto il primo più per buona volontà diplomatica che per credenziali «naturalistiche»), e ogni sezione aveva i suoi chairmen. Solo costoro, una trentina di individui al più, sedevano al Consiglio di presidenza che – inesistente nei congressi germanici – sembrava riecheggiare da presso la struttura permanente della BAAS, o anche quella della Société helvétique des sciences naturelles. Questo, perché gli ufficiali di sezione furono spesso gli stessi, di città in città, o comunque si riconoscevano perlopiù nel profilo – da poco codificato – dell’uomo di scienza professionalizzato e via via specializzato. Gli «ufficiali» scrivevano e approvavano i verbali, organizzavano le sessioni plenarie, stendevano gli ordini del giorno, concertavano strategie a breve e medio termine. E non rispondevano di alcunché né nelle singole sezioni, né a sezioni riunite. Per i detentori italiani del nouveau pouvoir (o meglio, per gli aspiranti tali) l’animo liberale pur presente in molti non doveva spingersi in queste cose fino alle aperture parlamentariste.

  • 20 Bottazzini 1983.
  • 21 Calcagno 1983.

27Le sezioni ebbero vita movimentata nella penisola come l’avevano nei meeting britannici, a differenza di quanto sostanzialmente avveniva nello stesso tempo nelle due realtà federali. Per la BAAS, si trattò di recepire una forte spinta delle contee quando fu istituita la sezione di Statistica; sembrava che la successiva apertura all’Agricoltura fosse cosa fatta, invece la BAAS la fece attendere fino al 1912. Nei congressi italiani, nella terra dei Georgofili risvegliatasi dal torpore scientifico grazie all’esempio elvetico, era di fatto impensabile tagliare fuori l’Agricoltura, per quando la sua ammissione rendesse necessarie deroghe ai modelli costituiti. Anche così tanti non-professionisti entrarono in gioco, in quanto proprietari dotati di un qualche diploma accademico. Ma se questa sezione finì per contagiare quella contigua di Matematica e fisica (dove di matematica si parlò poco)20, e se deragliò nel senso dell’accezione più ampia (e più umanistica) del lemma «Tecnologia»,21 altri sommovimenti andarono piuttosto nel senso opposto. Ad esempio, i chimici ottennero una sottosezione, che riconosceva l’avanzamento delle conoscenze specie nel campo farmaceutico; le questioni chirurgiche strapparono talvolta sessioni specialistiche; gli ingegneri – ai margini nelle Versammlungen – acquisirono un profilo più solido su scala sovrastatale.

28Lo smottamento più clamoroso doveva però configurarsi in occasione del congresso partenopeo. Nel 1845 fu infatti aggiunta la sezione di Geografia e archeologia. E se le premesse dovevano essere, tanto più in terra borbonica, assolutamente chiare e rigide, come mostrano queste parole introduttive:

  • 22 Atti 1846, p. 17. Cfr. Gran-Aymerich 1998.

Se altrove gli avanzi de’ più maestosi monumenti, se le vestigia delle città distrutte possono richiamare l’attenzione de’ dotti sulle cagioni dipendenti dalle vicende politiche, dalla barbarie de’ conquistatori, e dalla irresistibile mano del tempo; in queste contrade l’archeologo dovrà dalla geologia e dalla mineralogia, ancor più che dalla storia […], ottenere quelle spiegazioni, onde avrà d’uopo […]. Osserverà l’archeologo con l’ajuto della geologia quali vicende abbian fatto malsane, e convertite in maremme deserte, molte terre destinate altra volta alle delizie de’ superbi Romani.22

29Non ci volle molto, in verità, perché geologia e mineralogia finissero nel dimenticatoio e la storia – ma anche la letteratura – dispiegasse tutte le sue innervature politiche e, ormai, schiettamente nazionaliste. Ma di storia si era parlato già a Torino, a Padova, in parte a Firenze, prima di planare sulla capitale del risorto Grande Archivio borbonico e degli Archivi provinciali di murattiana memoria.

  • 23 IMSSFI, RSI, b. 16, c. 12: Vitaliano Borromeo a Squassi, 31 agosto 1844.

30A Napoli, e ancor più a Genova e poi a Venezia, la sezione neonata avrebbe ospitato centinaia di cultori, scrittori, intellettuali di varia levatura, acquisendo un netto profilo militante che di fatto fino a quel momento aveva caratterizzato, in minor misura, la sola sezione di Agricoltura e tecnologia. Con la nuova sezione, fioccarono anche i diplomi di altre accademie e di altre classi delle accademie eclettiche (che in verità non erano del tutto mancati neanche prima). Era passato solo un anno da quando a Milano i gerenti del VI congresso avevano escluso per «incongruenza» la Facoltà di Scienze politiche di Pavia,23 avviandosi di fatto a celebrare i fasti delle scienze applicate. In mezzo c’erano state non solo le esigenze di autorappresentazione del sovrano delle Due Sicilie che certo poteva vantarsi più di Pompei ed Ercolano che non della Grande Università. C’erano di mezzo anche Gioberti e Balbo, senza dubbio. Ma perché la militanza si traducesse esplicitamente in «strategia congressuale» doveva intervenire un altro fattore, un diverso modello, la luce di un’esperienza unica nel suo genere, irrimediabilmente eccentrica nel panorama europeo eppure già incrociatasi con le tournées dei congressisti italiani. Dobbiamo tornare all’estero e a quelle virtù della sociabilità transnazionale intermittente che – con buona pace dei cattedratici intransigenti e del monarca prussiano – faceva l’attrazione maggiore dei congressi presso le élite colte europee del Vormärz.

Emulazioni francesi

31Lo stesso Canino che nel 1844 avrebbe accolto a braccia aperte i delegati della Facoltà di Scienze politiche di Pavia si era fieramente opposto quattro anni prima, a Torino, al fatto che i membri della Deputazione di storia patria istituita da Carlo Alberto acquisissero lo statuto di “scienziati”, assieme – ancor peggio – a taluni docenti di letterature antiche. Dal 1840 al 1844, passando per il 1842 padovano, l’ascesa di quelli che potremmo definire «letterati» in seno ai congressi anticamente pensati per soli «naturalisti e medici» si era pienamente consumata, fino a far apparire addirittura ridicoli i moniti dell’ufficiale napoletano circa gli intendimenti “scientisti” della nuova sezione di Geografia e archeologia.

32Certo, l’archeologia era anche geologia e mineralogia, e come tale era praticata da tanti negli Stati italiani preunitari. Quanto ai papiri ercolanensi, troppi problemi politici non dovevano darne. Il fatto è che però quasi tutti i convenuti dal 1845 al 1847 ignorarono il lemma «Archeologia» e lo sostituirono spontaneamente con «Storia». Questo sì, che era un sapere pericoloso, specie se lasciato nelle mani zelanti di notabili di varia provenienza agitati in tempi diversi dalle sette, da Mazzini o da Gioberti. Infatti si rese necessaria una giustificazione, per cui a Genova nel 1846 si arrivò a sostenere che la corretta definizione di archeologia contemplava tutto ciò che precedesse la nascita dello Stato moderno. In poche parole, nei congressi italiani si poteva parlare di Dante Alighieri, nonché progettare un grande archivio degli Statuti comunali italiani, all’epoca monumenti per eccellenza del diritto italiano alla libertà interna ed internazionale.

  • 24 Juhel 2004.

33Con la sezione di Agricoltura e tecnologia, quella di Geografia e archeologia rappresentava la più notevole distinzione dei congressi italiani rispetto ai precedenti dichiarati tra 1821 e 1839. Strettamente connesse tra loro, entrambe rimandavano pertanto ad una diversa esperienza congressuale nazionale, quella francese, introdotta in pompa magna proprio a Torino nel 1840 dal suo massimo mentore, il dotto normanno, rigorosamente eclettico e orgogliosamente non professionista, Arcisse de Caumont, portavoce di una concezione della Grande Révolution e delle sue appendici napoleoniche non perfettamente reazionaria ma sicuramente assai critica e selettiva.24

34Accingendosi a presenziare al congresso torinese, il riconosciuto pioniere dell’archeologia medievale nel suo paese tracciava improbabili potenzialità di gemellaggio tra i congressi degli scienziati della penisola e le assise organizzate dall’Institut des Provinces :

  • 25 IMSSFI, RSI, b. 5, c. 56: Caumont a Saluzzo, 24 settembre 1840.

J’ai été chargé […] d’annoncer […] que la neuvième session du Congrès français s’ouvrira dans la ville de Lyon le 1er septembre 1841. […] Le Congrès scientifique de France fondé en 1833, suit à peu près la même marche que celui d’Italie ; il se divise également en six sections ; il a déjà fait paraitre neuf volumes réunissant les comptes rendus des huit premières sessions. Nous prions [?] les Savants d’Italie d’honorer nos réunions françaises de leur présence et nous les prions d’être bien persuadés du haut prix que nous attacherons à toutes leurs communications.25

35Accompagnato dal fidato LeCerf, medico di provincia con un particolare interesse per le riforme dell’istruzione superiore, Caumont strappò in effetti un mese dopo gli alti apprezzamenti scientifici del principe di Canino. La sua presenza come “membro” a tutti gli effetti non stupiva più di tanto, per quanto le sue pubblicazioni riguardassero specialmente arte e rovine medievali. In fondo, tra le tante altre cose era presidente della Società linneana di Caen…

36Il punto, pertanto, è che Caumont ci tenne a presentarsi come primo delegato dell’Institut des Provinces, una sorta di direttivo delle sociétés savantes dei dipartimenti francesi che si opponeva frontalmente tanto all’Institut de France quanto ai tentativi di centralizzazione di risorse ed energie avanzati prima da Guizot poi a Salvandy. Peculiare forma di «associazione per l’avanzamento delle scienze» francese ma antiparigino (antigiacobino, antinapoleonico, antidottrinario…), l’Institut des Provinces puntava tutto su saperi e discipline che tra i congressisti inglesi o tedeschi erano ignorate (l’archeologia, la storia, la letteratura, le belle arti, la legislazione, l’economia politica) o erano ricomprese solo in forme squisitamente teoriche (la medicina). E in realtà, il cuore del Congrès scientifique de France – al quale poteva partecipare chiunque versasse una (cospicua) quota di iscrizione, con pieno diritto di parola a prescindere dai titoli – batteva proprio laddove si disquisiva di monumenti e documenti, di riscritture antirivoluzionarie e cattoliche della storia nazionale ed europea, di buona letteratura provinciale in contrasto con l’immoralità parigina, di diritti trascurati dei grandi proprietari e di doveri ignorati della manodopera. Di matematica o fisica, di botanica o zoologia, si parlava pochissimo nelle riunioni di quei dotti di provincia tra i quali nei primi anni primeggiavano tanti antichi émigrés o preti refrattari convinti dell’urgenza di una riforma addirittura federale dello Stato nazionale. Non sorprende che l’archeologia interessasse più della fisica, o che si parlasse di medicina quasi solo per perorare l’istituzione di facoltà universitarie fuor della capitale: difficile immaginare tante manifestazioni critiche fuori dal contesto politico della Monarchia di luglio, di certo non pensabile né nella Confederazione germanica né nella penisola italiana.

37Eppure a Torino si parlò di storia, a Genova si parlò di storia, a Venezia addirittura si stilò un progetto di ricerca su scala nazionale per le fonti medievali. E i dibattiti vertevano più spesso su Dante e il Veltro che non sulla meteorologia. Forse Caumont non era andato tanto lontano dal vero affermando che le due compagini itineranti seguivano pressappoco la stessa strada. Se le sezioni squisitamente naturalistiche imboccarono subito l’elitarismo alla tedesca, assai presto – di fatto, già a Pisa – un qualsiasi diploma accademico bastava per strappare anche in Italia la qualifica e le onoranze degli «scienziati», in una confusa (rispetto al panorama istituzionale tedesco) quanto suggestiva e feconda giustapposizione di competenze «positive» e competenze «morali».

38Se rimane innegabile che Oken (indirettamente) e Babbage (direttamente) avevano orientato gli spiriti degli aspiranti scienziati di Stato all’emulazione degli Statuti germanici e al patrocinio pubblico, ciò nondimeno alcune tappe del percorso risorgimentale (quelle già ricordate, ma in parte anche Padova) videro inequivocabilmente la celebrazione (dalle ammissioni alle rendicontazioni) di congressi «alla francese», esclusa però perlopiù la pregiudiziale talora schiettamente antiprogressista dei sodali più intimi di Arcisse de Caumont. Così, mutuando segnali estrinseci da una realtà ideologica per tanti versi antitetica alle richieste politiche ed economiche maggioritarie, i congressi italiani trovarono infine il modo di saldare modernità europea di matrice giacobino-napoleonica e militanza risorgimentale, celebrando assieme ai lumi anche le memorie della nazione da affermare nel concerto europeo.

Conclusione

39Squisitamente italiani nella loro marcia effettiva, i congressi degli scienziati facevano comunque riferimento ad una serie direaltà preesistenti nel panorama europeo, muovendosi – attraverso i tanti presidenti, i tanti segretari, i tanti ufficiali per le ammissioni e tenendo conto delle realtà in cui approdavano – tra opzioni e modelli già consolidati negli spazi politico-linguistici principali del continente.

40Componente prematuramente tramontata di un movimento internazionale sorto dalle differenti dell’eredità rivoluzionaria nei singoli contesti culturali e istituzionali, i congressi italiani riuscirono ad allinearsi sulle tendenze «moderne» del Vecchio Continente, prima che l’esempio delle accademie peripatetiche attecchisse, dopo il 1860, anche in altre realtà nazionali dominate o in via di affermazione. Condizionato dai trascorsi e dagli entusiasmi dei fondatori e del primo sovrano ospite, il movimento italiano cominciò col richiamarsi al rigoroso magistero dei Naturforscher germanofoni, ma introdusse da subito qualcosa di nuovo: una struttura semipermanente sul modello della BAAS (il consiglio di presidenza); una tangibile bonarietà nel vaglio dei titoli degli aspiranti «soci»; un regime dualista di regolamentazione delle stesse norme di ammissione (alla strettezza dei naturalisti faceva contrato l’ampiezza degli agrari e poi degli archeologi); fino ad arrivare a vere e proprie innovazioni come la sezione di Archeologia e geografia. Come le ammissioni, anche il ventaglio delle opzioni politiche era estremamente ampio, andando dai sudditi fedeli dei principi restaurati ai liberali convinti, ma attorno al Primato giobertiano si realizzò presto una comunione d’intenti piuttosto unanime, destinata peraltro ad infrangersi con le traiettorie intraprese da molti dei protagonisti al momento dell’unificazione a guida sabauda.

41Europei e italiani, anzi risorgimentali, i congressi che attraversarono la penisola prima del Quarantotto scavalcarono in realtà le appartenenze e le fedeltà appuntate sulle realtà scientifico-politiche che li avevano preceduti, dando luogo ad un mélange di appropriazioni propriamente originale. Da Gosse a Caumont, i promotori di congressi che comparvero in scena grazie ai periodici o in prima persona, una quantità di intellettuali di diversa nazionalità e di diverso orientamento culturale, politico e professionale, arrivò a suggestionare e contribuì a modellare la nuova accademia girovaga italiana. Regolamenti, eventi, modelli, suggerimenti, commenti positivi o anche infatuazione poco aderente alla realtà profonda: la nazione scientifica in cerca di riconoscimento e unitarietà trovò la sua via attingendo di volta in volta ai mentori di specialismo e professionalizzazione e ai profeti dello svago eclettico e disinteressato. In definitiva, tramite la men che decennale esperienza dei congressi scientifici, circa diecimila italiani si ritrovarono negli anni quaranta del XIX secolo al crocevia di un complesso gioco di rapporti e riferimenti, nel vivo di relazioni con le realtà estere che in grande misura ignoravano o anticipavano i giochi diplomatici degli anni cinquanta e addirittura quelli successivi all’unificazione statale del 1861.

Inicio de página

Bibliografía

Archivi

IMSSFI, RSI = Istituto e Museo di Storia della Scienza di Firenze, Riunioni scientifiche italiane.

Bibliografia primaria

Atti 1846 = Atti della settima adunanza degli scienziati italiani, Napoli, Stamperia del Fibreno, 1846.

Bibliografia secondaria

Ausejo 1994 = E. Ausejo, The window case of science: the association for the advancement of science and the birth of scientific congresses in Western Europe, in Archives internationales d’Histoire des sciences, XLIV, 1994, p. 338-371.

Bartoccini – Verdini 1952 = F. Bartoccini, S. Verdini, Sui congressi degli scienziati, Roma, 1952.

Bertrand – Guyot 2011 = G. Bertrand, A. Guyot (a cura di), Des « passeurs » entre science, histoire et littérature. Contribution à l’étude de la construction des savoirs (1750-1840), Grenoble, 2011.

Bottazzini 1983 = La matematica e le sue “utili applicazioni” nei congressi degli scienziati italiani, in G. Pancaldi (a cura di), I congressi degli scienziati italiani nell’età del positivismo, Bologna, 1983, p. 27-43.

Calcagno 1983 = G.C. Calcagno, I congressi degli scienziati e le tecniche, in G. Pancaldi (a cura di), I congressi degli scienziati italiani nell’età del positivismo, Bologna, 1983, p. 82-103.

Casalena 2006 = M.P. Casalena, Una scienza utile e patriottica: i congressi risorgimentali degli scienziati (1839-1847), in Passato e Presente, 66, 2006, p. 35-60.

Casalena 2007 = M.P. Casalena, Per lo Stato, per la Nazione. I congressi degli scienziati in Francia e in Italia, Roma, 2007.

Casalena 2013 = M.P. Casalena, Vieusseux e la costruzione della scienza nazionale, in M. Bossi (a cura di), Giovan Pietro Vieusseux: pensare l’Italia guardando all’Europa, Firenze, 2013, p. 109-124.

Cessi 1923 = R. Cessi, Retroscena politici del primo congresso degli scienziati italiani, in Rassegna storica del Risorgimento, X, 1923, p. 445-457.

Ciasca 1916 = R. Ciasca, L’origine del Programma per l’opinione nazionale italiana del 1847-48, Milano-Roma, 1916.

Dhombres 1989 = J. e N. Dhombres, Naissance d’un pouvoir. Sciences et savants en France 1793-1824, Parigi, 1989.

Engelhardt 1998 = D. von Engelhardt (a cura di), Zwei Jahrhunderte Wissenschaft und Forschung in Deutschland: Entwicklungen – Perspektiven, Stoccarda, 1998.

Fumian 1995 = C. Fumian, Il senno delle nazioni: i congressi degli scienziati italiani dell’Ottocento – una prospettiva comparata, in Meridiana, 24, 1995, p. 95-124.

Gavroglou 2003 = K. Gavroglou, The centre from the periphery: appropriating scientific ideas during the XVIIIth century, in R. Fox (a cura di), Centre and periphery revisited. The structures of European science, 1750-1914, numéro monograhique de la Revue de la Maison française d’Oxford, 1, 2003.

Gizycki 1979 = R. von Gizycki, The associations for the advancement of science: a comparative study, in Zeitschrift fuer Soziologie, 8, 1979, p. 28-49.

Gran-Aymerich 1998 = N. Gran-Aymerich, Naissance de l’archéologie moderne, 1798-1945, Parigi, 1998.

Hortis 1922 = A. Hortis, Le riunioni degli scienziati italiani prima delle guerre di indipendenza, Città di Castello, 1922.

Isabella – Zanou 2016 = M. Isabella, K. Zanou (a cura di), Mediterranean diasporas, Londra, 2016.

Juhel 2004 = V. Juhel (a cura di), Arcisse de Caumont, Caen, 2004.

MacLeod – Collins 1981 = R. MacLeod, P. Collins (a cura di), The parliament of science: the British Association for the Advancement of Science, 1831-1981, Northwood, 1981.

Marino 1974 = G.C. Marino, La formazione dello spirito borghese in Italia, Firenze, 1974.

Meriggi 2011 = M. Meriggi, Prove di comunità. Sui congressi preunitari degli scienziati italiani, in F. Cassata, C. Pogliano (a cura di), Scienza e cultura nell’Italia unita, Torino, 2011, p. 7-35.

Morrell – Thackray 1981 = J. Morrell, A. Thackray, Gentlemen of science. Early years of the British Association for the Advancement of Science, Oxford, 1981.

Morrell – Thackray 1984 = J. Morrell, A. Thackray, Gentlemen of science. Early correspondence of the British Association for the Advancement of Science, Londra, 1984.

Pancaldi 1983 = G. Pancaldi, Nuove fonti per la storia dei congressi, in Id. (a cura di), I congressi degli scienziati italiani nell’età del positivismo, Bologna, 1983, p. 184-212.

Patriarca 2003 = S. Patriarca, Numbers and nationhood: writing statistics in nineteenth-century Italy, Cambridge, 2003. Trad. it: S. Patriarca, Costruire la nazione: la statistica e il Risorgimento, Roma, 2011.

Valabrega 1923 = I.A. Valabrega, Il secondo congresso degli scienziati, in Rassegna storica del Risorgimento, X, 1923, p. 744-830.

 

Inicio de página

Notas

1 Gavroglou 2003.

2 Ciasca 1916; Hortis 1922; Cessi 1923; Valabrega 1923; Bartoccini – Verdini 1952; Marino 1974.

3 Casalena 2006.

4 Meriggi 2011.

5 Pancaldi 1983; Gizycki 1979; Ausejo 1994; Engelhardt 1998.

6 Useremo nell’articolo il termine passeur mutuando soprattutto dalle definizioni date da Isabella e Zanou nell’introduzione a Isabella – Zanou 2016. Molto utile anche l’impostazione offerta da Bertrand – Guyot 2011, che più che sulla circolazione fisica tra nazioni punta sulla poliedricità nella costruzione dei saperi fra tarda età moderna e prima età contemporanea.

7 Fumian 1995; Casalena 2007; Meriggi 2011.

8 Casalena 2013.

9 Dhombres 1989.

10 Morrell – Thackray 1981; Morrell – Thackray 1984.

11 Ibidem; MacLeod – Collins 1981.

12 Il progetto di una accademia sovrastatale si era configurato fin dagli esordi delle riunioni dei naturalisti e medici tedeschi, adeguatamente supportato dallo stesso Oken nella sua rivista Isis. Poi lo stesso si era fatto largo in Gran Bretagna e sarebbe ricomparso persino nelle prime riunioni del Congrès scientifique de France, mentre non se ne sarebbe mai parlato a latere dei congressi degli scienziati italiani.

13 Pancaldi 1983.

14 Casalena 2007.

15 Testo cit. in Pancaldi 1983.

16 IMSSFI, RSI, b. 1, c. 4: Regolamento generale per le annuali riunioni dei cultori italiani delle Scienze naturali, s.d. (ma 15 ottobre 1839).

17 Casalena 2006; Casalena 2007.

18 IMSSFI, RSI, b. 10, c. 8: Notizie ed Istruzioni per gli Scienziati concorrenti alla Quarta Riunione che si terrà in Padova nella seconda metà del settembre 1842.

19 IMSSFI, RSI, b. 16, c. 14.

20 Bottazzini 1983.

21 Calcagno 1983.

22 Atti 1846, p. 17. Cfr. Gran-Aymerich 1998.

23 IMSSFI, RSI, b. 16, c. 12: Vitaliano Borromeo a Squassi, 31 agosto 1844.

24 Juhel 2004.

25 IMSSFI, RSI, b. 5, c. 56: Caumont a Saluzzo, 24 settembre 1840.

Inicio de página

Para citar este artículo

Referencia en papel

Maria Pia Casalena, « In Europa e ritorno. I congressi degli scienziati italiani tra modelli europei e via nazionale », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines, 130-2 | -1, 273-283.

Referencia electrónica

Maria Pia Casalena, « In Europa e ritorno. I congressi degli scienziati italiani tra modelli europei e via nazionale », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En línea], 130-2 | 2018, Publicado el 29 julio 2019, consultado el 22 octubre 2019. URL : http://journals.openedition.org/mefrim/4007 ; DOI : 10.4000/mefrim.4007

Inicio de página

Autor

Maria Pia Casalena

Università di Bologna, mariapia.casalena@unibo.it

Inicio de página

Derechos de autor

© École française de Rome

Inicio de página
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals