Navigation – Plan du site
La fabrique transnationale de la « science nationale » en Italie (1839-fin des années 1920)
Penser la nation, construire l’État

Quanto è ricca l’Italia? La costruzione di un sapere nazionale (e transnazionale) tra Otto e Novecento

Terenzio Maccabelli
p. 381-393

Résumés

L’obiettivo di questo lavoro è di ricostruire la genesi di un sapere finalizzato a misurare la ricchezza delle nazioni. Il tentativo di quantificare con un unico valore la ricchezza nazionale alimenta un’intensa produzione scientifica non ancora del tutto indagata nelle sue peculiarità. L’intento del nostro lavoro è di offrire uno spaccato di questo fermento, avendo come punto di osservazione il caso italiano. Nel corso dell’Ottocento, la Francia acquisisce un’indubbia centralità nella disanima e applicazione dei criteri di misurazione della ricchezza. Ma è di fatto una rete transnazionale quella che dalla Francia si irradia in Europa ed arriva in Italia. E su questa rete cominciano presto a viaggiare anche i numerosi ed aggiornati contributi italiani. Nel giro di pochi anni, l’Italia arriva a proporsi come uno dei luoghi più vivaci nel dibattere il problema della misurazione della ricchezza, aspetto che qui cercheremo di documentare.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 De Foville 1903.
  • 2 Nitti 1905, p. 121.

«En Italie règne ce que le bon Rabelais appelait l’impécuniosité et la lutte pour la vie, bien qu’elle y devienne assez ardente, ne promet jusqu’ici que de rares victoires.»1
«L’Italia, conquistatrice del mondo durante l’antichità romana, museo di tutte le arti nel medio evo, mirabile nella civiltà moderna pei suoi sforzi di rinnovazione, è e rimane tuttavia un paese molto povero. Soprattutto essa soffre d’impécuniosité: deficienza di danaro, deficienza di capitali.»2

Premessa

  • 3 Ivi, p. 148.

1Le citazioni poste in esèrgo rispondono in modo perentorio e implacabile alla domanda che abbiamo scelto come titolo del presente contributo. Francesco Saverio Nitti, traendo spunto da un suggestivo passaggio di Alfred de Foville, la riassume con una parola: impécuniosité. Gli sforzi di misurare la ricchezza che qui discuteremo raccontano insomma un’Italia che è ancora sostanzialmente «povera». In termini assoluti, comparando i valori individuati da Nitti, «vale» circa un terzo della Francia, meno di un quarto della Gran Bretagna, la metà della Germania e un sesto degli Stati Uniti; e in termini pro-capite la Francia supera l’Italia di due volte mezzo, la Gran Bretagna di tre volte e mezzo, gli Stati Uniti di tre volte e solo la Germania ha un valore della ricchezza pro-capite di poco superiore a quella dell’Italia3. È inoltre un paese dove ancora non si sono affermate le grandi ricchezze mobiliari e dove ai pochi milionari si aggiunge la strutturale carenza di denaro e di capitali.

  • 4 Per una articolata ricostruzione della ricchezza italiana da un punto di vista quantitativo, si ve (...)

2L’obiettivo del nostro lavoro non è tuttavia quello di discutere l’entità del ritardo italiano in termini di ricchezza, o la sua povertà relativa (rispetto appunto ai paesi più avanzati)4; l’intento che ci proponiamo è di ricostruire la genesi di un sapere finalizzato a misurare e quantificare con un unico valore la ricchezza di una nazione. Si tratta di un capitolo eccentrico nella storia del pensiero economico, se non addirittura del tutto assente. Tuttavia nella seconda metà dell’Ottocento la misurazione della ricchezza diventa uno specifico ambito di ricerca su cui si esercitano studiosi di diversa provenienza e formazione.

3L’intento del nostro lavoro è di offrire uno spaccato di questo fermento, avendo come punto di osservazione il caso italiano. Nel corso dell’Ottocento, la Francia acquisisce un’indubbia centralità nella disanima e applicazione dei criteri di misurazione della ricchezza. Ma è di fatto una rete transnazionale quella che dalla Francia si irradia in Europa ed arriva in Italia. E su questa rete cominciano presto a viaggiare anche i numerosi ed aggiornati contributi italiani. Nel giro di pochi anni, l’Italia arriva a proporsi come uno dei luoghi più vivaci nel dibattere il problema della misurazione della ricchezza, aspetto che qui cercheremo di documentare.

4Il saggio è organizzato in quattro parti. Nella prima discuteremo le matrici francesi del dibattito, presentando il pensiero di Alfred de Foville e il metodo che prende il suo nome. Nella seconda parte ricostruiremo la ricezione italiana del metodo De Foville presentando i contributi di Maffeo Pantaleoni e Luigi Bodio. Il terzo paragrafo presenta in modo sintetico il momento dell’apogeo del metodo De Foville in Italia, che si colloca nel passaggio di secolo. Nella quarta parte ci concentreremo sull’esaurimento del programma di ricerca costruito sul metodo De Foville-Pantaleoni, sottolineando il ruolo giocato da Corrado Gini negli anni a ridosso del primo conflitto mondiale (termine a quem della nostra ricerca). Chiuderemo il saggio con alcune considerazioni conclusive.

Misurare la ricchezza dalle nazioni: Alfred De Foville

  • 5 Si veda, tra gli altri, De Foville 1890.

5Nel 1893 Alfred de Foville pubblica La richesse en France et à l’étranger sul Dictionnaire des Finances. Il saggio fa il punto sui risultati raggiunti nei diversi paesi europei dai tentativi di misurazione della ricchezza nazionale. L’enfasi maggiore è naturalmente per le ricerche che lo stesso De Foville da diversi anni stava conducendo in Francia, e che l’aveva portato a rettificare le stime precedenti5. A questa revisione De Foville era giunto avvalendosi del famoso criterio di valutazione della ricchezza nazionale che prende il suo nome, basato sui valori delle successioni ereditarie e delle donazioni.

  • 6 De Foville 1893a; 1893b; 1893c.

6Il saggio del 1893 di De Foville verrà utilizzato in questo lavoro come una sorta di fuoco da cui si irradiano i diversi temi su cui concentreremo la nostra attenzione. Innanzitutto, come prima giustificazione di questa scelta, riteniamo significativa la sua repentina diffusione: contestualmente alla pubblicazione francese, il saggio del 1893 viene infatti prontamente tradotto lo stesso anno in Inghilterra, sul Journal of the Royal Statistical Society, e in Italia, sul Giornale degli economisti6. In secondo luogo, si tratta di un contributo che fa il punto sullo stato dell’arte riguardo il problema della misurazione della ricchezza, tale da poterlo utilizzare come cornice concettuale della nostra ricostruzione.

7In forma molto schematica, possiamo individuare quattro tematiche che attraversano il saggio di De Foville: 1) ricchezza vs redditi; 2) ricchezza privata vs ricchezza pubblica; 3) come stimare la ricchezza privata muovendo dal valore delle successioni ereditarie (aspetto che rappresenta il filo conduttore della nostra ricostruzione); 4) la ricchezza dal punto di vista distributivo.

8Dal primo punto di vista, il saggio del 1893 appare significativo per la limpida distinzione, allora non affatto assodata, tra stock e flussi, nel linguaggio di De Foville «richesse-capital et richesse-revenu». Da sottolineare il fatto che per lungo tempo la contabilità nazionale abbia privilegiato le variabili di stock rispetto a quelle di flusso, una tendenza prevalsa fino ai primi decenni del Novecento.

  • 7 Nel corso di questo scritto discuteremo esclusivamente dei problemi di stima della ricchezza priva (...)

9Il secondo nodo concettuale riguarda il rapporto tra ricchezza privata e ricchezza pubblica. Anche in questo caso, De Foville espone con molta lucidità la differenza, in modo non dissimile dagli standard definitori attuali. Per ottenere la ricchezza nazionale è necessario aggiungere la ricchezza pubblica (dello Stato e delle amministrazioni periferiche dello Stato) alla ricchezza privata7.

10Il terzo punto tocca nello specifico la questione della stima della ricchezza che costituisce il cuore del nostro lavoro. Il saggio del 1893 e la sua contestuale traduzione in Italia e in Gran Bretagna contribuisce a radicare la fama di De Foville come fautore di un particolare metodo di stima comunemente associato al suo nome. Si tratta di un criterio che ricava per «via indiretta» il valore complessivo della ricchezza di un paese muovendo dalle statistiche delle successioni.

  • 8 De Foville 1893a, p. 12; De Foville 1893b, p. 5; De Foville 1893c, p. 599-600.

La méthode que nous recommandons pour l’évaluation du montant total des fortunes privées […] consiste à multiplier l’importance moyenne des successions et donations annuelles par l’intervalle moyen des mutations de ce genre8.

11L’idea di fondo è che il valore complessivo degli assi ereditari di ciascun anno rappresenti una frazione della ricchezza complessiva di un Paese (vedremo Pantaleoni offrire una descrizione molto efficace di questa idea); e che il problema della misurazione della ricchezza sia sostanzialmente un problema di stima del moltiplicatore delle successioni ereditarie (valore invece noto grazie ai registri fiscali). Come avremo modo di vedere presentando gli autori italiani, il cuore del dibattito riguarda l’interpretazione e la quantificazione di tale moltiplicatore, attorno al quale si sviluppano intense discussioni.

12Quarta e ultima questione sollevata nel saggio del 1983 è quella distributiva. Questione naturalmente di fondamentale importanza, ma che lasceremo sullo sfondo in questa ricostruzione. Sono gli stessi protagonisti di cui ci occuperemo a privilegiare il problema dell’ammontare complessivo della ricchezza rispetto a quello della sua distribuzione (con l’eccezione, come vedremo, di Francesco Saverio Nitti).

  • 9 Knibbs 1918, p. 181-187.

13Queste sono le coordinate concettuali del saggio di De Foville del 1893, che abbiamo qui riassunto schematicamente in quattro punti. Rimane da aggiungere l’intento di fondo dello statistico francese, essendo questo suo contributo finalizzato a una rassegna delle diverse stime nazionali dei paesi più avanzati, al fine di compararle a quelle francesi a cui egli stesso aveva largamente contribuito utilizzando il metodo delle successioni. Di rilievo, ai fini della nostra ricostruzione, i contributi degli economisti e statistici italiani dai quali De Foville trae i valori della ricchezza italiana: Maffeo Pantaleoni e Luigi Bodio. Per quanto riguarda l’Italia, svolgono a tutti gli effetti un ruolo di pionieri e precursori, avendo avviato un programma di ricerca assolutamente innovativo. Ci vorrà qualche anno anni prima che altri studiosi si mettano a percorre la stessa strada, arrivando alla fine a risultati di tutto rilievo. Un solo dato comparativo riteniamo sia piuttosto esplicativo. Nel 1893, quando De Foville pubblica il saggio di rassegna che abbiamo succintamente presentato, gli unici autori italiani citati sono i menzionati Pantaleoni e Bodio. Spostandoci verso il termine a quem del nostro contributo, la situazione appare profondamente mutata. Nel 1918 G.H. Knibbs pubblica una monografia sull’Australia, The private wealth of Australian and its growt as ascertained by various methods, molto informata sull’evoluzione del dibattito statistico e soprattutto con un’aggiornatissima bibliografia su quanto scritto in tutto il mondo sui criteri di misurazione della ricchezza. La bibliografia riporta 119 titoli, in lingua inglese, francese, tedesca e italiana. Il 37% di questi contributi è di autori italiani9. Un dato forse sufficientemente esplicativo dell’apporto notevole che economisti, statistici e funzionari italiani diedero in quel periodo alla tematica della misurazione della ricchezza.

14Presenteremo ora, in una sorta di flashback temporale, i decisivi e fondamentali contributi pioneristici di Pantaleoni e Bodio, per poi procedere ricostruendo gli anni successivi al saggio di De Foville del 1893.

La ricchezza italiana tra semiologia economica e indici del progresso economico

  • 10 Salandra 1879.

15Prima di Pantaleoni è probabilmente il giovane Antonio Salandra, futuro presidente del Consiglio nei tumultuosi anni del primo conflitto mondiale, a sollevare per primo in Italia la questione della stima della ricchezza nazionale, con una memoria dal titolo Proposta di un calcolo della ricchezza nazionale in Italia. Salandra non arriva in verità a formulare una proposta operativa per il calcolo della ricchezza. La sua memoria è comunque particolarmente aggiornata e ha il pregio di divulgare i nuovi metodi che soprattutto in Francia cominciavano a dare una svolta a questa branca della ricerca statistica. Salandra ritiene ci vorrà molto tempo prima di poter arrivare a stime affidabili della ricchezza nazionale, sottolineando la natura di «ideale scientifico» verso il quale tendere ancora molto lontano da raggiungere10.

  • 11 Cfr. la lettera di Pantaleoni a Bodio del 29 ottobre 1884 (in CLB).

16La sollecitazione di Salandra ad affrontare la questione della ricchezza della nazione viene raccolta da un giovane studioso, destinato a un ruolo di assoluta preminenza tra gli economisti italiani. Tra i primissimi lavori di Pantaleoni figura il lungo saggio pubblicato a puntate sulla Rassegna Italiana nel 1884, Dell’ammontare probabile della ricchezza italiana, e poi raccolto in volume nello stesso anno. Le vicende editoriali rivelano la natura pioneristica del contributo di Pantaleoni, che fatica a trovare una rivista disposta a pubblicarlo11.

  • 12 Pantaleoni 1884, p. 20.
  • 13 Coletti 1925, p. 135.

17Il saggio di Pantaleoni è articolato in due parti. Nella prima discute le condizioni dell’agricoltura e dell’industria italiana allargando lo sguardo allo stato di povertà in cui versa grande parte del paese. La seconda parte è quella più consistente, ed è strutturato come articolato lavoro di rassegna dei diversi metodi proposti fino ad allora per stimare la ricchezza. Un excursus finalizzato a discutere quello che Pantaleoni ritiene il cuore del suo contributo, l’applicazione del metodo De Foville: «Un metodo che porta veramente l’impronta di un genio»12, affermazione apparentemente in contrasto, come scrisse Francesco Coletti, con il fatto che «alla formula De Foville e alla sua applicazione alla ricchezza italiana egli arriv[i] solo nella settima ed ultima puntata della sua memoria e vi impieg[hi] una quindicina di pagine sulle duecento quaranta in cui lo studio si svolge»13.

18Per presentare il metodo De Foville Pantaleoni si avvale di una suggestiva e paradossale immagine, che qualche anno più tardi, come vedremo, riformulerà in modo ancora più chiaro e incisivo. Scrive nel 1884 l’economia maceratese:

  • 14 Pantaleoni 1884, p. 20-21.

Se, per ipotesi impossibile, in un anno morissero tutti i componenti una nazione, meno gli agenti del fisco, questi passerebbero in rassegna tutto l’avere dei cittadini. Il valore annuo delle successioni mortis causa è dunque una frazione dell’ammontare complessivo della ricchezza privata14.

  • 15 Ivi, p. 22, definisce «i trasferimenti di proprietà inter vivos» come delle «anticipazioni di succ (...)

19È necessario dunque risalire dalla frazione (dato reale) al valore complessivo della ricchezza (valore ipotetico), da realizzarsi attraverso opportuni adeguamenti. C’è prima di tutto da sciogliere il quesito su cui molto dibattono gli statistici francesi, ossia se siano o meno da computare le donazioni in vita, che taluni vorrebbe estromettere. Pantaleoni segue la strada indicata da De Foville, ritenendo necessario procedere all’addizione delle donazioni al valore delle successioni15.

  • 16 Knibbs 1918, p. 68.

20Più controversa la questione del moltiplicatore, su cui si registrano divergenze lessicali oltre che sostanziali. Inizialmente, il metodo poi noto come De Foville era stato denominato «metodo dell’intervallo devolutivo». Si era tuttavia affermata l’errata convinzione che l’intervallo devolutivo corrispondesse alla durata media della vita. Verso la fine degli anni Settanta, L. Vacher aveva segnalato l’erroneità di tale equivalenza16.

  • 17 Definita da Pantaleoni, sulla scia di L. Vacher, come «tempo medio che corre fra il momento in cui (...)
  • 18 Pantaleoni 1884, p. 30.

21La puntualizzazione di Vacher spinse De Foville ad avvalersi dell’espressione «durée moyenne des générations»17, che riuscì ad imporsi, nonostante le critiche di Leroy-Beaulieu e altri autori. Alla fine Pantaleoni matura la convinzione che si tratti di disquisizioni terminologiche e che la diatriba sia più apparente che reale. Comunque lo si voglia nominare, «il tempo medio occorrente per due passaggi di proprietà del medesimo patrimonio in linea diretta»18 rappresenta il valore che occorre stimare per rendere operativo il metodo De Foville, ed è efficacemente sintetizzabile nell’espressione «durata media di una generazione».

22Il contributo di Pantaleoni del 1884 passa praticamente inosservato. Da un lato, il tema d’indagine non sembra ancora maturo per gli statistici e gli economisti italiani; dall’altro lo scarso prestigio economico della rivista su cui Pantaleoni pubblica i suoi saggi può avere contribuito alla scarsa risonanza del lavoro. Ma nemmeno la successiva pubblicazione in volume modifica questo stato di cose, dato che anche la monografia rimane praticamente misconosciuta nel panorama del coevo dibatto economico e statistico.

  • 19 Soresina 2001, p. 92.

23Una circostanza esterna, di natura politica, imprime una svolta alla questione della misurazione della ricchezza. Protagonista è Luigi Bodio, che per il tramite di Alberto Pisani Dossi viene sollecitato dal Presidente del Consiglio Francesco Crispi a delineare un quadro della situazione economica del Paese19. Il messaggio nemmeno troppo velato è quello di rovesciare l’immagine che si stava diffondendo sulla responsabilità del Governo Crispi nell’aver generato la crisi economica che l’Italia stava attraversando. Bodio assunse il compito di realizzare lo studio mantenendo la propria indipendenza scientifica, rinunciando a qualsiasi intento di giustificazione dell’attività di Governo, aprendo invece la strada a un nuovo capitolo della storia della statistica. Il compito di descrivere la situazione economica dell’Italia viene realizzato inventando un nuovo genere letterario, gli indici misuratori del progresso economico, che Pantaleoni racchiuderà nella formula più sintetica della semiologia economica.

  • 20 Ivi, p. 93.
  • 21 Pantaleoni «scriveva a Bodio […] nel luglio 1891 […] di dare massima pubblicità internazionale al (...)

24Il contributo di Bodio è molto diverso e per finalità e per contenuto rispetto a quello di Pantaleoni. Mentre il volume di quest’ultimo è di fatto una ricerca monografica sui criteri di misurazione della ricchezza, in verità finalizzato, come abbiamo visto, a portare alla ribalta il metodo De Foville discusso nell’ultimo capitolo, quello di Bodio è un pioneristico studio finalizzato a individuare indicatori in grado di riassumere la situazione economica dell’Italia20. La convergenza con Pantaleoni arriva nell’ultimo capitolo, dove Bodio inserisce come «indice misuratore del progresso economico» il dato della ricchezza nazionale. Di rilievo il fatto che i metodi diretti, o reali, di stima della ricchezza, vengono discussi e utilizzati da Bodio in second’ordine rispetto al metodo De Foville, che di fatto risulta il filo conduttore del capitolo finale e dove non a caso viene ripreso e utilizzato per la prima volta anche il capitolo finale del saggio di Pantaleoni del 1884. L’economista marchigiano manifesta tutto il proprio entusiasmo per aver trovato un alleato nella diffusione del metodo De Foville in Italia. Inoltre, il fatto che Bodio fosse nello stesso tempo in contatto epistolare oltre che con Pantaleoni anche con lo statistico francese, documenta come fosse in gioco non solo la formazione di nuovo sapere nazionale, ma a tutti gli effetti transnazionale21.

  • 22 In una lettera dell’ottobre 1890, Pantaleoni, dopo aver ribadito che «il lavoro è magistrale», inc (...)
  • 23 Soresina 2001, p. 97.

25Nella stesura degli indici misuratori si instaura un’intensa collaborazione tra Bodio e Pantaleoni. L’economista marchigiano intrattiene con lo statistico milanese una fitta corrispondenza in cui vengono discussi i punti più critici del metodo De Foville: le questioni delle donazioni, e soprattutto dell’entità del moltiplicatore che dal valore complessivo delle successioni conduce alla stima della ricchezza nazionale. Su quest’ultimo punto si sviluppa una discussione davvero intensa e profonda. In una lunga lettera, Pantaleoni arriva a redigere una nota metodologica in cui intende motivare e giustificare la sua scelta di un valore del moltiplicatore – la famigerata «durata media di una generazione» – pari a 36 anni22. Bodio decide di riportare pressoché per intero la lettera di Pantaleoni in una nota dei suoi Indici misuratori23.

  • 24 Ivi, p. 98.

26Anche gli Indici misuratori di Bodio, come il saggio di Pantaleoni del 1884, non riceve, nell’immediato, l’attenzione degli statistici e degli economisti italiani. Gli unici a manifestare interesse sono Vilfredo Pareto e naturalmente Pantaleoni24. Ed è proprio quest’ultimo a recensire sul Giornale degli Economisti gli Indici misuratori, esprimendo un giudizio del tutto lusinghiero («opera ardita e sicura, di cui l'importanza scientifica e politica è di primissimo ordine»).

  • 25 Pantaleoni 1890, p. 167.
  • 26 Sulla storia dell’Ufficio del Registro di matrice francese (Enregistrement), fatto proprio anche d (...)

27Sul Giornale degli Economisti Pantaleoni pubblica non soltanto la recensione. Come anticipato, pubblica anche una nuova versione dell’Ammontare probabile della ricchezza in Italia, su cui stava lavorando contestualmente a Bodio. La peculiarità della nuova versione, oltre al fatto di essere pubblicata in una sede prestigiosa, è di scavalcare la presentazione dei metodi diretti, o reali, di stima della ricchezza (che occupava invece la parte preponderante del saggio del 1884). Ora Pantaleoni apre la nuova versione del saggio con un perentorio «Perché si deve preferire il metodo De Foville». La spiegazione chiama in causa prima ancora che il metodo statistico, la questione del materiale statistico, della disponibilità di dati statistici, e questa questione rimanda a una circostanza istituzionale di primaria importanza. Scrivi infatti Pantaleoni nel 1890, «non v’è materiale statistico disponibile in qualsiasi altro paese, a cui si possa applicare il metodo De Foville, con uguale facilità di operazione e certezza nei risultati, come al materiale statistico italiano»25. Le ragioni di questa affermazione rimandano a un fatto su cui ritorneremo nelle conclusioni, ma di cui qui anticipiamo sono un aspetto. Importato dalla Francia, l’Italia si dota precocemente di una struttura fiscale come l’Ufficio del Registro che garantirà a partire dall’Ottocento ampia disponibilità di informazioni sulle successioni ereditarie26. Con l’Unità, queste strutture vengono rafforzate e diffuse nel territorio, diventando di fatto il presupposto e la condizione d’esistenza del metodo De Foville (che non a caso prende piede soprattutto in Francia e in Italia).

28Naturalmente Pantaleoni non ritiene che la superiorità del metodo De Foville sia dovuto esclusivamente alla disponibilità di dati sugli assi successori. Egli è fermamente convinto della razionalità e del fondamento empirico di tale metodo (qualificandolo addirittura un «teorema matematico», che lo rende uno strumento potenzialmente eccellente per stimare la ricchezza delle nazioni (nonostante al momento siano ancora incerti e aleatori gli accorgimenti che adeguano il valore delle successioni al valore della ricchezza complessiva). Nel 1890 ripropone infatti la suggestiva e paradossale immagine con la quale già nel 1884 intendeva provare il fondamento del metodo De Foville, riformulandola in un linguaggio che ora si rivela senz’altro più brillante e incisivo.

  • 27 Pantaleoni 1890, p. 168-169.

Il metodo De Foville […] è di una semplicità elegante, tale che lo si può assimilare a un teorema matematico. L’idea fondamentale, che lo informa, si può brevemente esporsi nel modo seguente. Supponiamo che in un paese venissero a morire tutti quanti i cittadini entro un anno, all’infuori degli agenti del fisco; ne verrebbe, che questi avrebbero applicato, durante l’anno, la tassa di successione all’ammontare totale della ricchezza privata posseduta da tutti i componenti il dato paese, e che, all’uopo, avrebbero fatto una stima di tutto l’avere di tutti i cittadini27.

29I problemi nascono dal fatto che l’imposizione successoria colpisce ogni anno una «frazione» della ricchezza complessiva, da cui la questione decisiva: «quale è questa frazione?». L’impegno di Pantaleoni è principalmente rivolto a definire nel modo più preciso possibile il valore del moltiplicatore (che traduce la cosiddetta «durata di una generazione») e la percentuale di doti e donazioni che non comparendo negli assi ereditari devono essere computate, accettando invece una percentuale del tutto congetturale dell’evasione fiscale individuata nel 25% (oggetto, come vedremo, di contesa nel dibattito successivo).

  • 28 Ivi, p. 189.

30Nel complesso dunque ribadisce nel 1890 il proprio entusiasmo e la propria fiducia per il metodo De Foville. Metodologicamente, non introduce novità di rilievo rispetto al 1884, concentrando l’apporto innovativo all’aggiornamento della serie storica dei valori della ricchezza italiana all’ultimo quinquennio. Ed è su questo versante che emergono le note più dolenti, perché il quadro che emerge è di una ricchezza che in Italia rimane statica comparata con la crescita della popolazione, a differenza di quanto stava avvenendo in Francia: «L’incremento della ricchezza in Francia va a vantaggio di una popolazione quasi stazionaria mentre quello della nostra ci lascia presso a poco nella miseria in cui ci troviamo, perché la popolazione cresce quasi pari passu con la ricchezza»28.

L’apogeo del metodo De Foville

31Il decennio a cavallo del secolo segna l’apogeo del metodo De Foville in Italia. I contributi di Bodio e di Pantaleoni alimentano un dibattito che forse non ha eguali in Europa. Sulla scia di Pantaleoni, sono infatti numerosissimi gli economisti, gli statistici ed i funzionari pubblici che vi contribuiscono: Luigi Bodio, Rodolfo Benini, Luigi Einaudi, Guido Sensini, Francesco Saverio Nitti, Francesco Coletti, Giorgio Mortara, Luigi Princivalle, fino alla grande sistematizzazione di Corrado Gini. Questo periodo si chiude grosso modo intorno al 1910, con l’ingresso sulla scena di Corrado Gini. Come vedremo nel prossimo paragrafo, le critiche di Gini contribuiranno a ridimensionare il favore riscosso in Italia dal metodo De Foville, facendolo progressivamente emergere come una sorta di vicolo cieco.

  • 29 Spectator 1902.
  • 30 Sensini 1904, p. 284.

32La maggior parte degli interventi di inizio secolo si colloca invece in diretta continuità rispetto a Bodio e Pantaleoni. Il loro apporto consiste principalmente nell’aggiornare la serie di dati ferma al 1890. In questa direzione si muovono ad esempio Luigi Einaudi e Guido Sensini. Einaudi sulla Riforma sociale aggiorna agli ultimi anni del secolo la serie della ricchezza italiana applicando il metodo De Foville29. Sensini, in una monografia di ampio respiro, propone invece una ricostruzione della serie dati dell’ultimo trentennio. Il dato da sottolineare è comunque il pieno riconoscimento del metodo De Foville, magari anche solo per ragioni pragmatiche, che addirittura Sensini non ha esitazione a rinominare metodo De Foville-Pantaleoni30.

33Quali le novità e quali le puntualizzazioni rispetto ai contributi pioneristici di Pantaleoni e Bodio? La questione maggiormente discussa è naturalmente quella del moltiplicatore. La convergenza di vedute cui erano giunti Pantaleoni e Bodio viene fortemente scossa. Nei contributi che si susseguono a ritmo piuttosto intenso si assiste a un forte ripensamento di questi valori, anche alla luce di una revisione teorica in merito a ciò che quei valori rappresentano.

  • 31 Poi raccolti in volume, Coletti 1907.

34Tra i più attivi nella discussione del moltiplicatore è senz’altro Francesco Coletti. Egli esprime critiche severe alle valutazioni proposte da De Foville e da Pantaleoni, ma senza alcun intento di negare la validità del metodo (aspetto che Pantaleoni, come vedremo, avrà modo di sottolineare in polemica con Princivalle). In una serie di articoli pubblicati sulla Riforma Sociale nel 190731, Coletti rileva che il modo di calcolare la durata della generazione, o «intervallo devolutivo» come ormai veniva preferibilmente definito, sia rimasto in uno stadio «infantile». Introduceva una distinzione tra generazione fisica (o demografica) e generazione ereditaria. E sottolineava il fatto che mutamenti nella «durata media della vita» avrebbero potuto inficiare il calcolo del moltiplicatore. Tenendo conto di queste considerazioni, ed elaborando i dati demografici sulla durata della vita italiana, ricalcolò i valori dell’intervallo devolutivo, giungendo a risultati parzialmente diversi da quelli di De Foville e Pantaleoni.

  • 32 Nitti 1905, p. 128-129.

35Tra gli autori che concorrono all’apogeo del metodo devolutivo, ricordiamo infine Francesco Saverio Nitti, che pubblica nel 1905 La ricchezza privata dell’Italia. Quanto è ricca l’Italia. La ricostruzione di Nitti, a differenza di altri contributi, non è finalizzata a integrare le serie storiche che via via venivano proposte utilizzando il metodo devolutivo o a discutere metodologicamente tale metodo. La sua è piuttosto una dettagliata fotografia dell’Italia di primo Novecento (con puntuali comparazioni internazionali) condotta sulla base delle ultime stime della ricchezza delle nazioni. L’aspetto singolare è che Nitti riconosca che il valore individuato dall’Italia per il 1901 sottostimi il valore reale della ricchezza privata Italiana, e preferisca utilizzare una sua rivalutazione. Nonostante ciò, Nitti insiste che al momento il metodo proposto da De Foville era quello più affidabile e l’unico che pragmaticamente potevano utilizzare gli studiosi italiani (i metodi diretti potevano offrire solo risultati parziali, utili in alcuni casi per integrare le stime ottenute con il metodo devolutivo ma insufficienti per arrivare a una stima complessiva della ricchezza)32.

  • 33 Pantaleoni 1891.

36Dal punto di vista metodologico, Nitti non aggiunge nulla di significativo, limitandosi peraltro a riportare una sintesi utilizzata nel suo manuale di Scienza delle finanze (Nitti 1904). L’aspetto forse più significativo è però lo sguardo gettato da Nitti anche al problema distributivo, come abbiamo visto rimasto pressoché negletto nel dibattito italiano. Il marcato interesse per l’entità della ricchezza della nazione non era stato accompagnato da un analogo interesse sulla distribuzione delle ricchezze tra le classi sociali. Nitti, oltre che alla distribuzione territoriale della ricchezza – tra i suoi temi prediletti d’indagine, in polemica con Pantaleoni33 – guarda anche alla distribuzione personale.

37Nel complesso dunque, La ricchezza dell’Italia si presenta come uno dei più completi affreschi dell’Italia di fine Ottocento e inizio Novecento che, pur non offrendo apporti originali sul tema della quantificazione della ricchezza, dimostra le potenzialità descrittive che tali stime permettevano. Con la esplicita ammissione che un grande apporto alla conoscenza della ricchezza delle nazioni, nelle sue diverse dimensioni, è venuto dalla diffusione del metodo De Foville-Pantaleoni. Se insistiamo sulla sostanziale condivisione di tale metodo tra gli studiosi italiani, è per contrasto col fatto che in breve volgere di tempo questi perde le caratteristiche del paradigma per essere risolutamente messo in discussione.

  • 34 Mortara 1909; Beneduce 1908; Conigliani 1901.
  • 35 Princivalle 1909.

38Tra le critiche più severe, oltre a quelle di Mortara (1909), Beneduce (1908) e Conigliani (1901)34, quelle più incisive e più autorevoli arrivano dal Direttore capo divisione nel Ministero delle finanze, L. Princivalle, che non a caso stimolano la reazione di Pantaleoni. La Ricchezza privata in Italia35 è di fatto una rivisitazione critica delle stime prodotte fino a quel momento dagli studiosi italiani. Si tratta tuttavia di molto più di un aggiornamento, in quanto i metodi di calcoli venivano rivisti piuttosto radicalmente.

  • 36 Pantaleoni 1910, p. 278-279.

39Pantaleoni aveva sempre insistito sul fatto che il metodo de Foville si basava su quattro momenti concettualmente separati: il calcolo dell’asse successorio; l’aggiunta delle donazioni in vita; l’adeguamento dell’asse ereditario alla luce di una percentuale di stima dell’evasione fiscale; infine la moltiplicazione per il numero di anni rappresentativo della «durata di una generazione». Secondo l’economista maceratese, Princivalle scompiglia gli ultimi tre passaggi, giungendo a un modo insolito e contraddittorio di calcolare il moltiplicatore36.

40Pantaleoni riconosce che Princivalle, dopo anni di esperienza nell’Amministrazione del Demanio, abbia più di altri voce in capitolo per esprimere valutazioni appropriate sull’incidenza dell’evasione. L’economista maceratese è per questo disposto ad accogliere le rettifiche della percentuale cui gli si era sempre attenuto nelle sue ricerche. Ma il modo in cui Princivalle applica tali nuove percentuali inserendolo in un «coefficiente di correzione» onnicomprensivo che annulla le differenze concettuali tra i vari momenti del processo di stima della ricchezza, rischia di annichilire le fondamenta stesse del metodo De Foville-Pantaleoni.

  • 37 Ivi, p. 286.

Le belle analisi del Princivalle daranno un nuovo vigore allo studio della valutazione della ricchezza privata. […] Ma occorre, perché il danno non sia maggiore del profitto, che venga chiarito se, come penso, il carro non sia stato da lui spinto fuori dal binario. […] Allo stato attuale del problema propendo per una continuazione dell’indagine sulle basi poste dal Coletti, che sono le antiche, quelle cioè del De Foville e dei suoi seguaci37.

41Questo è l’ultimo scritto che Pantaleoni dedica alla questione della misurazione della ricchezza. Ma è quanto mai preveggente. Il timore che «il carro» venisse «spinto fuori dal binario» si stava materializzando.

L’abbandono di un programma di ricerca: Corrado Gini e la ricchezza degli Italiani

42A partire dagli anni dieci del Novecento, sulla scena della statistica italiana emerge un assoluto protagonista, Corrado Gini. La figura di Gini occupa un posto di assoluto rilievo nella nostra ricostruzione per almeno due motivi. In primo luogo perché le critiche dello statistico padovano contribuiscono in modo decisivo a sanzionare l’esaurimento del programma di ricerca basato sulle successioni ereditarie; in secondo luogo perché sarà proprio Gini a istituzionalizzare il problema della misurazione della ricchezza, indirizzandolo verso la sua naturale sede amministrativa-burocratica. Lo studioso padovano svolge infatti un ruolo fondamentale nella nascita dell’Istat nel 1926, la maggiore istituzione statistica italiana. Da questo momento saranno maggiormente statistici di provenienza burocratica ad occuparsi della stima della ricchezza, in un contesto in cui la contabilità nazionale comincia a diventare anche in Italia una questione di Stato. Tra gli aspetti più rilevanti, ai fini del nostro discorso, oltre al progressivo esaurimento del programma basato sul metodo De Foville è anche la quasi totale scomparsa della voce degli economisti (a parte quella dello stesso Gini, che comunque può considerarsi anche economista). Si tratta probabilmente di un naturale e inevitabile percorso di specializzazione, che tuttavia appare in Italia molto più marcato che in altri paesi. Una situazione quindi rovesciata rispetto al periodo a cavallo del Novecento, senza dubbio tra i più intensi per quanto riguarda la simbiosi tra cultura economica e cultura statistica.

  • 38 De Vita 1959, p. 1.
  • 39 Sugli sviluppi successivi del pensiero di Gini e sul suo ruolo di organizzatore della statistica i (...)

43La produzione di Gini sulla misurazione della ricchezza è molto ampia ed altrettanto estesa cronologicamente38. Attraversando i due conflitti bellici, aprirà peraltro le porte a inediti interrogativi sugli effetti della guerra sulla ricchezza nazionale. Qui limiteremo l’attenzione solo a singoli aspetti di questa sterminata produzione, senza alcuna pretesa di offrire una ricostruzione esaustiva del suo contributo. Fisseremo altresì come termine ad quem il periodo del primo conflitto mondiale, non seguendo l’ulteriore e successiva evoluzione del suo pensiero e della sua attività istituzionale39.

44A caratterizzare l’ascesa di Gini come voce di riferimento nell’ambito della misurazione della ricchezza sono soprattutto due contributi, rispettivamente del 1909 e del 1914. Il titolo del primo lascerebbe supporre che si tratti di un contributo ancora «interno» al programma di ricerca di De Foville (Il calcolo della ricchezza di un paese in base alle statistiche delle successioni e delle donazioni). Tra le righe comincia invece ad emergere una messa in discussione delle fondamenta stesse del metodo devolutivo, che verrà radicalizzata da lì a pochi anni. Il secondo contributo – L’ammontare e la composizione della ricchezza delle nazioni – è infatti una rielaborazione e un allargamento del primo, dove non solo viene esplicitata l’esigenza di abbandonare la strada dei metodi indiretti ma indicata la strada dei metodi diretti (in particolare il cosiddetto metodo «dell’inventario») come unica affidabile e attendibile.

  • 40 Gini 1909, p. 92.

45Gini sottolinea le rispettive debolezze dei metodi diretti e dei metodi indiretti di stima della ricchezza. Ma in questo suo primo contributo appare ancora propendere per il metodo di De Foville. Tutto il lavoro è pertanto finalizzato a trovare il valore adeguato del «moltiplicatore» (che Gini chiama «coefficiente di integrazione»), con un’enfasi per il problema dell’occultamento fiscale e quindi la necessità di individuare un adeguato «coefficiente di evasione»40.

46Per quanto concerne il primo punto, Gini ritiene che il metodo originario proposto da De Foville, basato sull’intervallo devolutivo, abbia condotto a una eccessiva diversità di opinioni sul valore del moltiplicatore, con un arco temporale oscillante tra i 24 e i 43 anni. Per dirimere tra questi diverse proposte, Gini ritiene che le integrazioni proposte tra gli altri da Benini (1906) muovendo dai coefficienti di mortalità e dalle assunzioni sulla probabile distribuzione per età dei patrimoni possa permettere di giungere a moltiplicatori più affidabili. Per quanto riguarda il secondo aspetto, Gini sottolinea l’importanza del coefficiente di evasione, ritenuto sottostimato dalla maggior parte degli autori che l’avevano preceduto.

  • 41 Gini 1914, p. 140.
  • 42 Gini 1909, p. 130.

47Nel successivo è più approfondito contributo del 1914, che rimane il più rilevante nella produzione complessiva di Gini sulla ricchezza, vi sono evidenti slittamenti e mutamenti teorici. Innanzitutto troviamo una più esaustiva presentazione dei diversi metodi di stima della ricchezza. Ma soprattutto, come anticipato, un deciso scetticismo sul metodo degli intervalli devolutivi a cui egli stesso si era attenuto nel 1909: «il metodo dell’intervallo devolutivo parve per lungo tempo il più sicuro; ma in esso si vengono scoprendo sempre nuovi elementi di incertezza; in Italia la sua applicazione fu tuttavia giustificata dalla mancanza dei dati necessari per gli altri metodi»41. Comincia a manifestarsi un atteggiamento molto diverso rispetto al saggio del 1909. Allora Gini suggeriva ancora un costruttivo eclettismo, capace di contemperare i diversi metodi. «Finora gli statistici, pare a me, furono spesso troppo esclusivisti nella scelta del metodo. Questa dovrebbe essere invece la massima da tener presente da chi si accinge al calcolo della ricchezza: il metodo migliore consiste nel trarre partito da tutti i metodi»42. Nel 1914, come abbiamo visto, lo scetticismo verso il metodo devolutivo comincia invece ad assumere toni sempre più marcati.

48Ad alimentare tale scetticismo sono diversi aspetti, sui quali Gini si sofferma con un’analisti molto puntuale e articolata. Qui ci limitiamo a sottolineare la questione dell’evasione fiscale. Gini ritiene infatti che le diverse stime proposte della ricchezza privata proposte dai cultori del metodo devolutivo siano eccessivamente basse, soprattutto per la sottovalutazione dell’evasione fiscale.

  • 43 Gli storici economici che hanno ricostruito le serie storiche della ricchezza italiana, hanno acco (...)
  • 44 Gini 1914, p. 128.

49La sottostima dell’indice di evasione è infatti agli occhi di Gini uno dei principali fattori di debolezza del metodo devolutivo, causa a sua volta di una sottostima della ricchezza privata delle nazioni43. Gini non è tuttavia convinto che semplicemente adeguando la stima dell’evasione il metodo devolutivo possa diventare affidabile. La radicalità delle sue critiche lo porta a sostenere una sorta di vicolo cieco in cui arrivato tale criterio, con la esplicita dichiarazione di abbandonarlo. «Qualunque sia l’interesse storico del metodo dell’intervallo devolutivo e l’importanza e la varietà delle questioni che ad esse si connettono, non pare dunque che esso possa ormai apportare un sostanziale vantaggio per la conoscenza dell’ammontare effettivo della ricchezza privata di un paese»44.

  • 45 Quirino 1962, p. 199 e 206.

50Le critiche di Gini lasciarono il segno ed ebbero effetti rilevanti negli anni successivi alla prima guerra mondiale (anche tenuto conto che Gini divenne un vero e proprio caposcuola). Nel periodo tra le due guerre il metodo devolutivo cominciò quasi a scomparire dalle indagini statistiche, per essere ricordato solo come orpello del passato. Come scriverà Paolo Quirino, un allievo di Gini, in quel periodo si assiste al «quasi assoluto abbandono del metodo dell’intervallo devolutivo nelle valutazioni della ricchezza d’Italia, le quali si vanno orientando verso un’applicazione sempre più estesa del criterio inventariale, caldeggiato dal Gini, con l’adozione di altri criteri tendenti a controllare ed, in alcuni casi, a sostituire i risultati ottenuti col primo». Le ragioni di questo mutamento sarebbero da attribuire alle «semplicistiche congetture su cui si fondò» il metodo devolutivo «e per la conseguente impossibilità di dare dei risultati aderenti alla realtà»45.

Considerazioni conclusive

51In questo lavoro ci siamo proposti due obiettivi. In primo luogo documentare come l’emergere della questione della misurazione della ricchezza abbia favorito l’emergere di un sapere nazionale nello stesso tempo radicato in una rete transnazionale (rete nella quale gli studiosi italiani si sono inseriti da protagonisti). In secondo luogo, il filo conduttore della nostra ricostruzione è stato il metodo di stima della ricchezza proposto dallo statistico francese Alfred De Foville che è stato il tramite di questa contestuale nazionalizzazione e internazionalizzazione. Sul primo aspetto abbiamo visto come all’inizio del Novecento i contributi degli statistici, degli economisti e dei funzionari dello Stato che si occuparono di misurazione della ricchezza arrivarono a surclassare, perlomeno quantitativamente, quelli di tutti gli altri paesi. E abbiamo visto come questi contributi circolassero e fossero conosciuti all’estero nonostante la limitazione della lingua italiana. Dal secondo punto di vista, abbiamo invece seguito le vicende legate alla ricezione del metodo De Foville e il ruolo giocato dagli studiosi italiani nella discussione metodologica e nella sua applicazione pratica. Abbiamo soprattutto insistito sulla traiettoria a parabola che ha caratterizzato il caso italiano. Dopo un iniziale ostracismo, è avvenuta – grazie soprattutto all’apporto decisivo di Pantaleoni e Bodio – una ricezione e una successiva diffusione di straordinaria rilevanza, cui è seguita una altrettanto rilevante presa di distanza da parte degli studiosi italiani.

52Concluderemo con due osservazioni a proposito di questo ultimo punto. Non è improbabile che l’abbandono del metodo devolutivo avesse buone ragioni, evidenziate da un numero sempre più ampio di critiche (tra cui quelle decisive di Gini). Le diverse proposte di quantificazione della «durata di una generazione» non avevano portato ad alcuna convergenza, prevalendo invece una significativa differenza di risultati. Ciò non aveva impedito un ampio utilizzo del metodo De Foville, in cui l’utilità pragmatica di disporre comunque di elementi di conoscenza sulla ricchezza del Paese (per quanto imperfetti) era prevalente. Nel complesso, tuttavia, è possibile sostenere che la ricerca dell’intervallo devolutivo o durata di una generazione fosse finita in una sorta di vicolo cieco.

53La seconda considerazione finale riguarda le istituzioni che resero possibile gli innovativi metodi di stima introdotti da De Foville, ossia quegli Uffici del registro presso cui venivano depositate le dichiarazioni di successione e che l’Italia adottò facendo proprio il modello francese. Gli Uffici del registro, con i relativi dati che le Amministrazioni finanziare ne ricavarono, si rivelarono una straordinaria miniera di conoscenze. Lo stesso criterio di misurazione della ricchezza su cui ci siamo dilungati in queste pagine non avrebbe potuto concretizzarsi se non fosse stata introdotta la prassi di registrazione dei lasciti ereditari.

  • 46 Banti 1983.

54L’abbandono di quel programma di ricerca può avere contribuito al fatto che economisti, storici e studiosi della società abbiano perduto familiarità nell’uso dei dati custoditi negli archivi dei registri, lasciati esclusivamente alle elaborazioni dei funzionari pubblici. Eppure si tratta di una fonte straordinaria. Nel 1961, lo storico francese Michel Vovelle, ricordando la genesi in Francia nel 1791 dell’Ufficio del Registro (Enregistrement) con la conseguente accumulazione nei due secoli successivi di una grandissima massa di dati e informazioni sulle successioni ereditarie, osservava che è «sorprendente» il fatto che ben poco di «questo ben di Dio» abbia «tentato gli storici»46. Ma solo pochi anni dopo si sarebbe formata un’importante tradizione storiografica le cui ricerche saranno principalmente condotte su gli archivi dell’Enregistrement.

  • 47 Licini 1999, p. 9-10.
  • 48 Piketty 2014.

55Il discorso non riguarda tuttavia esclusivamente gli storici. Come ricorda infatti Stefania Licini47, la scoperta degli archivi dell’Enregistrement ha prodotto «due grandi filoni di studi: l’uno di storia sociale, inaugurato nella Francia degli anni cinquanta della Ecole des Annales, e l’altro […] che comprende lavori sia di storici economici, sia di economisti interessati a quel tema della long-run inequality che Kuznets pioneristicamente affrontò in un articolo del 1955». Di rilievo il fatto che a questi filoni di studio si ispirino i recenti lavori di Thomas Piketty48, il quale ha più volte ribadito che il suo approccio abbia anche radici nella tradizione di ricerca della seconda metà dell’Ottocento ricostruita in queste pagine.

Haut de page

Bibliographie

Archivi

CLB = Carteggio Luigi Bodio, Biblioteca Nazionale Braidense, Milano.

Bibliografia primaria

Beneduce 1908 = A. Beneduce, Rassegna del movimento scientifico: statistica, in Giornale degli Economisti, 19, p. 337-349.

Benini 1906 = R. Benini, Principii di statistica metodologica, Torino, Unione tipografico-editrice, 1906.

Bodio 1889 = L. Bodio, Di alcuni indici del progresso economico e sociale d’Italia. Memoria letta nella seduta del 17 febbraio 1889, in Atti della R. Accademia dei Lincei. Memorie della Classe di scienze morali, storiche e filologiche, 4, 1889, p. 458-547.

Bodio 1896 = L. Bodio, Di alcuni indici misuratori del movimento economico in Italia, Roma, Tipografia Nazionale di G. Bertero, 1896.

Coletti 1907 = F. Coletti, La determinazione della durata della generazione e il calcolo della ricchezza privata di un paese, Torino, Società Tipografico-Editrice Nazionale, 1907.

Coletti 1925 = F. Coletti, Maffeo Pantaleoni e il suo primo studio sulla ricchezza italiana, in Giornale degli Economisti e Rivista di Statistica, 3, 1925, p. 131-139.

Conigliani 1901 = C.A. Conigliani, Sul preteso decremento del patrimonio nazionale italiano, in Giornale degli economisti, XXIII, 1901.

De Foville 1890 = A. de Foville, La France économique. Statistique raisonnée et comparative, Paris, Armand Collin, 1890.

De Foville 1893a = A. de Foville, La richesse en France et à l’étranger, extrait du Dictionnaire des finances, 2, Paris, p. 1-62.

De Foville 1893b = A. de Foville, La ricchezza in Francia ed in altri paesi, in Giornale degli Economisti, 7, 1893, p. 1-42.

De Foville 1893c = A. de Foville, The wealth of France and of other countries, in Journal of the Royal Statistical Society, n. 4, 1893, p. 597-626.

De Foville 1903 = A. de Foville, Les fortunes en France et dans les pays voisins au commencement du XXe siècle, in Revue politique et parlementaire, 111, 1903, p. 441-462.

Giffen 1878 = R. Giffen, Recent accumulations of capital in the United Kingdom, in Journal of the Statistical Society, XLI-I, 1878, p. 1-39.

Gini 1909 = C. Gini, Il calcolo della ricchezza di un paese in base alle statistiche delle successioni e delle donazioni, in Atti dell’Ateneo di Treviso, Stabilimento tipografico Luigi Zappelli, Treviso, 1909, ora in C. Gini, Ricchezza e reddito, Torino, 1959, p. 27-97.

Gini 1914 = C. Gini, L’ammontare e la composizione della ricchezza delle nazioni, Torino, Bocca, 1914.

Gini 1962 = C. Gini, L’ammontare e la composizione della ricchezza delle nazioni, seconda edizione aggiornata a cura A. Giannone, Torino, Unione Tipografico-Editrice, 1962.

Knibbs 1918 = G.H. Knibbs, The private wealth of Australia and its growth as ascertained by various methods, Melbourne, McCarron, Bird & Co., 1918.

Mallet 1908 = B. Mallet, A method of estimating capital wealth from the estate duty statistics, in Journal of the Royal Statistical Society, 1, 1908, p. 65-101.

Mortara 1909 = G. Mortara, Intorno al calcolo della ricchezza privata dell’Italia, in Giornale degli economisti, maggio, 1909, p. 551-576.

Nitti 1904 = F.S. Nitti, Scienza delle finanze, Napoli, L. Pierro, 1904.

Nitti 1905 = F.S. Nitti, La ricchezza dell’Italia. Quanto è ricca l’Italia. Come è distribuita la ricchezza in Italia, Torino-Roma, 1905, in D. Demarco (a cura di), Edizione nazionale delle opere di Francesco Saverio Nitti, Scritti di economia e finanza, III, I, La ricchezza dell’Italia, Bari, 1966.

Pantaleoni 1884 = M. Pantaleoni, Dell’ammontare probabile della ricchezza privata in Italia, Roma, Tipografia E. Befani, 1884.

Pantaleoni 1890 = M. Pantaleoni, Dell’ammontare probabile della ricchezza privata in Italia dal 1872 al 1889, in Giornale degli economisti, Agosto, 1890 ora in M. Pantaleoni, Studi di finanza e di statistica, Bologna, 1938, p. 167-213.

Pantaleoni 1891 = M. Pantaleoni, Delle regioni d’Italia in ordine alla loro ricchezza ed al loro carico tributario, in Giornale degli economisti, gennaio, 1891 ora in M. Pantaleoni, Studi di finanza e di statistica, Bologna, Zanichelli, 1938, p. 215-272.

Pantaleoni 1910 = M. Pantaleoni, Nota sul calcolo della ricchezza privata fatto da L. Princivallle, marzo 1910, ora in M. Pantaleoni, Studi di finanza e di statistica, Bologna, Zanichelli, 1938, p. 273-286.

Salandra 1879 = A. Salandra, Proposta di un calcolo della ricchezza nazionale in Italia (Seduta del 15 dicembre 1879), in Annali di statistica, serie II, vol. 15, 1880, p. 135-146.

Sensini 1904 = G. Sensini, Le variazioni dello stato economico d’Italia nell’ultimo trentennio del secolo XIX. Saggio di semiologia economica, Roma, Loescher, 1904.

Spectator 1902 = Spectator [L. Einaudi?, A. Cabiati?], Rivista economica-finanziaria dell’Italia nel periodo 1885-1901, in Riforma sociale, IX, vol. 12, n. 2, 15 febbraio 1902, p. 118-152.

Bibliografia secondaria

Baffigi 2008 = A. Baffigi 2008, Estimates of private wealth in Italy after unification: historiography and statistical method, in L. Cannari, G. D’Alessio, G. Marchese (a cura di), Household wealth in Italy, Roma, 2008, p. 323-345.

Banti 1983 = A.M. Banti, Una fonte per lo studio delle élites ottocentesche: le dichiarazioni di successione dell’Ufficio del Registro, in Rassegna degli archivi di Stato, 1, 1983, p. 83-118.

Cassata 2006 = F. Cassata, Il fascismo razionale: Corrado Gini fra scienza e politica, Roma, 2006.

De Rosa 1958 = G. De Rosa, Un episodio della battaglia liberista di Vilfredo Pareto, in Rassegna di politica e storia, 50, 1958.

De Vita 1959 = A. De Vita, Introduzione, in C. Gini, Ricchezza e reddito, Torino, 1959, p. 1-26.

Licini 1999 = S. Licini, Guida ai patrimoni milanesi. Le dichiarazioni di successione ottocentesche, Soveria Mannelli (Catanzaro), 1999.

Piketty 2014 = T. Piketty, Il Capitale nel XXI secolo, Milano, 2014.

Prévost 2009 = J.-G. Prévost, A total science statistics in liberal and fascist Italy, Montreal, 2009.

Prévost 2016 = J.-G. Prévost, Statistics, expertise and politics: Corrado Gini and the course of Italian history, in Metron, 2, 2016, p. 145-165.

Princivalle 1909 = L. Princivalle, La ricchezza privata in Italia, Reale istituto d’incoraggiamento di Napoli, Cooperativa tipografica, 1909.

Quirino 1962 = P. Quirino, Le valutazioni della ricchezza italiana dal 1908 ai nostri giorni, in C. Gini, L’ammontare e la composizione della ricchezza delle nazioni, secondo edizione aggiornata a cura A. Giannone, Torino, 1962, p. 191-207.

Soresina 2001 = M. Soresina, Conoscere per amministrare: Luigi Bodio. Statistica, economia e pubblica amministrazione, Milano, 2001.

Zamagni 1980 = V. Zamagni, The rich in a late industrialiser: the case of Italy, 1800-1945, in W.D. Rubinstein (dir.), Wealth and the wealthy in the modern world, New York, 1980, p. 122-166.

 

Haut de page

Notes

1 De Foville 1903.

2 Nitti 1905, p. 121.

3 Ivi, p. 148.

4 Per una articolata ricostruzione della ricchezza italiana da un punto di vista quantitativo, si veda Baffigi 2008, che attinge largamente dalla letteratura discussa in queste pagine, non trascurando altresì le questioni storiografiche e metodologiche.

5 Si veda, tra gli altri, De Foville 1890.

6 De Foville 1893a; 1893b; 1893c.

7 Nel corso di questo scritto discuteremo esclusivamente dei problemi di stima della ricchezza privata. Talvolta useremo l’espressione ricchezza nazionale, ma nell’accezione di ricchezza privata di una nazione.

8 De Foville 1893a, p. 12; De Foville 1893b, p. 5; De Foville 1893c, p. 599-600.

9 Knibbs 1918, p. 181-187.

10 Salandra 1879.

11 Cfr. la lettera di Pantaleoni a Bodio del 29 ottobre 1884 (in CLB).

12 Pantaleoni 1884, p. 20.

13 Coletti 1925, p. 135.

14 Pantaleoni 1884, p. 20-21.

15 Ivi, p. 22, definisce «i trasferimenti di proprietà inter vivos» come delle «anticipazioni di successione», solo tenendo conto dei quali «si ottiene il blocco di gran lunga principale del patrimonio di ogni individuo al momento della sua morte».

16 Knibbs 1918, p. 68.

17 Definita da Pantaleoni, sulla scia di L. Vacher, come «tempo medio che corre fra il momento in cui un individuo fa una successione e il momento in cui egli è costretto ad abbondare la propria ai suoi eredi» (Pantaleoni 1884, p. 24).

18 Pantaleoni 1884, p. 30.

19 Soresina 2001, p. 92.

20 Ivi, p. 93.

21 Pantaleoni «scriveva a Bodio […] nel luglio 1891 […] di dare massima pubblicità internazionale al suo lavoro, presentandolo alla prossima sessione di Vienna dell’IIS [Institut International de Statistique]» (Soresina 2001, p. 98).

22 In una lettera dell’ottobre 1890, Pantaleoni, dopo aver ribadito che «il lavoro è magistrale», incalza Bodio scrivendo che «[troverà] un po’ di resistenza da parte mia a cedere sul 36» (Pantaleoni a Bodio, 28 ottobre 1890, in CLB).

23 Soresina 2001, p. 97.

24 Ivi, p. 98.

25 Pantaleoni 1890, p. 167.

26 Sulla storia dell’Ufficio del Registro di matrice francese (Enregistrement), fatto proprio anche dall’Italia, e sulle sue potenzialità come fonte di documentazione storica, economica e statistica, si veda Banti 1983.

27 Pantaleoni 1890, p. 168-169.

28 Ivi, p. 189.

29 Spectator 1902.

30 Sensini 1904, p. 284.

31 Poi raccolti in volume, Coletti 1907.

32 Nitti 1905, p. 128-129.

33 Pantaleoni 1891.

34 Mortara 1909; Beneduce 1908; Conigliani 1901.

35 Princivalle 1909.

36 Pantaleoni 1910, p. 278-279.

37 Ivi, p. 286.

38 De Vita 1959, p. 1.

39 Sugli sviluppi successivi del pensiero di Gini e sul suo ruolo di organizzatore della statistica italiana, cfr. Cassata 2006; Prévost 2009; Prévost 2016.

40 Gini 1909, p. 92.

41 Gini 1914, p. 140.

42 Gini 1909, p. 130.

43 Gli storici economici che hanno ricostruito le serie storiche della ricchezza italiana, hanno accolto l’avvertimento di Gini. Vera Zamagni (Zamagni 1980) «assumes that the estimates for the nineteenth century, all quite similar, are too low by 20 per cent and accordingly revalues those of Sensini [Sensini 1904]», Baffigi 2008, p. 324.

44 Gini 1914, p. 128.

45 Quirino 1962, p. 199 e 206.

46 Banti 1983.

47 Licini 1999, p. 9-10.

48 Piketty 2014.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Terenzio Maccabelli, « Quanto è ricca l’Italia? La costruzione di un sapere nazionale (e transnazionale) tra Otto e Novecento », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines, 130-2 | -1, 381-393.

Référence électronique

Terenzio Maccabelli, « Quanto è ricca l’Italia? La costruzione di un sapere nazionale (e transnazionale) tra Otto e Novecento », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En ligne], 130-2 | 2018, mis en ligne le 31 juillet 2019, consulté le 20 septembre 2019. URL : http://journals.openedition.org/mefrim/4353 ; DOI : 10.4000/mefrim.4353

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals