Navigation – Plan du site
L’empreinte domestique du travail, XVIe-XXIe siècle
Le domestique est partout !

Il lavoro militare fra XVI e XVII sec.: contadini-soldato nella Repubblica di Venezia tra subordinazione e agency 

Giulio Ongaro
p. 15-27

Résumés

Il presente contributo vuole proporre alcune riflessioni preliminari sul tema dei rapporti di lavoro in ambito militare, utilizzando come caso di studio le milizie rurali venete nella prima età moderna. L’intento del saggio è duplice: da una parte si vuole mostrare come la componente domestica sia rimasta un elemento fondamentale nel reclutamento degli uomini e più in generale nel funzionamento dell’apparato militare nonostante un presunto processo di “statalizzazione” degli eserciti tra età moderna e contemporanea. Nella seconda parte del saggio si vuole invece legare questo elemento a una ulteriore riflessione: l’agency dei soldati, utilizzando il termine nella sua accezione più ampia. Si vuole mostrare come l’agency dei soldati sia riconducibile a una serie di pratiche molto diverse fra loro e come queste avessero un risvolto importante nella definizione dell’ambito militare e più in generale del contesto sociale in cui i soldati si collocavano. Questo era dovuto proprio al fatto che le dinamiche conflittuali, le pratiche che caratterizzavano le quotidiane relazioni fra soldati, ufficiali, istituzioni pubbliche locali e statali, erano intrise di una dimensione domestica. Le relazioni tra le parti travalicavano del resto le categorie predefinite (soldati-istituzioni, élites rurali-classi subalterne, ecc.), ponendosi in maniera trasversale e spesso con obiettivi contingenti.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Con il termine cernide o ordinanze si fa riferimento ai contingenti di contadini veneti arruolati (...)
  • 2 In queste pagine si ricorrerà spesso alla categoria di “domesticità” del lavoro, è opportuna quind (...)
  • 3 Lynn 1997, p. 7-9.
  • 4 Il concetto di agency è stato oggetto nel corso dei decenni di una importante discussione (che ris (...)
  • 5 Lucassen – Zürcher 1998; Zürcher 2013.
  • 6 Il riferimento è alla nota (e dibattuta) “Rivoluzione militare”. Si veda a questo proposito Robert (...)
  • 7 Lucassen – Zürcher 1998, p. 406, 411-416.

1Il presente contributo vuole proporre alcune riflessioni preliminari sul tema dei rapporti di lavoro in ambito militare, utilizzando come caso di studio le milizie rurali venete nella prima età moderna. Le cosiddette cernide1 rappresentano un interessante ambito di analisi, in quanto primo esempio di “esercito statale” ante litteram, formato da uomini arruolati tramite leva obbligatoria – seppure temporanea e numericamente limitata. L’intento del saggio è duplice: da una parte si vuole mostrare come la componente domestica2 sia rimasta un elemento fondamentale nel reclutamento degli uomini e più in generale nel funzionamento dell’apparato militare nonostante un presunto processo di “statalizzazione” degli eserciti tra età moderna e contemporanea3. Nella seconda parte del saggio si vuole invece legare questo elemento a una ulteriore riflessione; l’agency dei soldati, utilizzando il termine nella sua accezione più ampia4. Gli studi che fino ad oggi hanno affrontato il tema del lavoro militare hanno infatti teso a privilegiare una visione “dall’alto”, soffermandosi su come le prestazioni lavorative erano ottenute (per coercizione, contratto, ecc.), sottolineando il ruolo svolto in questi rapporti dal “datore di lavoro”, ossia lo stato o le comunità5. Nel corso dei secoli le strutture militari degli stati europei hanno cambiato profondamente fisionomia, in relazione all’evoluzione dei conflitti armati e delle tecniche di conduzione degli stessi6. Jan Lucassen ed Erik Zürcher hanno ripercorso le tappe di questo processo, introducendo nel dibattito la quesitone del “militare” come lavoro. In questo senso, si sono soffermati soprattutto sulle tipologie di reclutamento che si sono succedute in Europa: il reclutamento feudale e il reclutamento “non libero” (ossia l’utilizzo di schiavi o soggetti conquistati), il reclutamento sul mercato del lavoro e la coscrizione (diretta o indiretta)7. Nonostante l’apparente staticità di queste categorie, le parole degli autori lasciano trasparire l’intento funzionale di queste classificazioni e una sottintesa consapevolezza dell’impossibilità di costruire cronologie evolutive definite e di individuare, perlomeno in età moderna, eserciti che non siano l’esito di una mescolanza di queste tipologie di reclutamento.

2Gli approcci accennati poc’anzi presentano però dei limiti: le pratiche messe in atto dai lavoratori militari sono state quasi sempre analizzate da un punto di vista di reazioni di gruppo – più raramente di singoli – nei confronti di imposizioni ritenute inique, senza soffermarsi sul ruolo di queste stesse pratiche nel definire i rapporti di lavoro in ambito militare e la struttura stessa degli eserciti. In queste pagine si vuole mostrare come l’agency dei soldati sia riconducibile a una serie di pratiche molto diverse fra loro e come queste avessero un risvolto importante nella definizione dell’ambito militare e più in generale del contesto sociale in cui i soldati si collocavano. Questo era però dovuto proprio al fatto che le dinamiche conflittuali, le pratiche che caratterizzavano le quotidiane relazioni fra soldati, ufficiali, istituzioni pubbliche locali e statali, erano intrise di una dimensione domestica. Tralasciare questo ultimo elemento non permette di comprendere fino in fondo le motivazioni, le caratteristiche e gli esiti. Le relazioni tra le parti travalicavano del resto le categorie predefinite (soldati-istituzioni, élites rurali-classi subalterne, ecc.), ponendosi in maniera trasversale e spesso con obiettivi contingenti.

Il soldato: un lavoro domestico

  • 8 Per un’ampia trattazione del tema delle clientele e dei patronati nell’Europa dell’età moderna rim (...)
  • 9 Il riferimento è alla nota riflessione di Weber secondo cui lo stato moderno e le sue istituzioni (...)
  • 10 Lucassen – Zürcher 1998, p. 412.
  • 11 Ivi, p. 409.
  • 12 Parrott 2012.
  • 13 Rabà 2013; 2014; 2015; 2016.
  • 14 Rabà 2016, p. 12-13.

3Come si può applicare, alla luce del breve excursus compiuto nelle righe precedenti, al lavoro militare il concetto di lavoro domestico, inteso come relazione di lavoro che si fonda su rapporti personali, spesso mischiati sul piano locale a dinamiche clientelari o di patronato8? Per quanto riguarda la guerra medievale e le forme di reclutamento feudali questo è piuttosto agevole, considerato che ciascuna unità militare era reclutata tra i sudditi dei feudatari, ma con il susseguirsi dei secoli l’avvento delle milizie mercenarie (assoldate sul mercato) e soprattutto delle forme di reclutamento per coercizione (milizie rurali e urbane nel corso della prima età moderna, eserciti nazionali tra Sette e Ottocento e quindi eserciti di massa) sembra escludere i rapporti personali per lasciare il posto a relazioni di lavoro fondate sulla burocrazia di weberiana memoria9 e su quella diretta «relationship between the state and its individual free subjects»10. In realtà, se anche è indiscutibile che gli ufficiali statali abbiano iniziato, a partire grossomodo dalla prima età moderna, a svolgere un ruolo sempre maggiore nel reclutamento e nella gestione delle truppe, ciò non significa che vi sia stata una “spersonalizzazione” dei rapporti di lavoro in ambito militare. Per quanto riguarda il reclutamento dei mercenari – dunque il reclutamento «on the labour market»11 – i rapporti clientelari e di patronato mantennero un ruolo fondamentale; si pensi ai bacini di arruolamento dei picchieri svizzeri, a base essenzialmente famigliare e di villaggio, così come al ruolo dei comandanti-imprenditori di cui parla David Parrott per il XVII secolo12. Senza i rapporti personali, senza la fiducia degli uomini nelle doti militari e nelle disponibilità finanziarie e relazionali del proprio comandante, non sarebbe stato possibile mettere insieme una unità e sostenerla a fronte della mancanza – o perlomeno della fragilità e inaffidabilità – delle strutture logistiche e creditizie degli stati di antico regime. Un discorso analogo vale anche se si passa ad osservare quello che dovrebbe rappresentare il momento di definitiva esautorazione della componente personale e domestica dall’apparato militare, ossia la formazione di strutture militari “moderne”, con soldati sudditi arruolati tramite coscrizione. Possiamo affermare che lo stato non si impose sui territori sostituendo ai rapporti personali una burocrazia “a-personale”, ai rapporti tra individui i rapporti tra ufficiali e sudditi, quanto – per certi versi – “fagocitando” queste dinamiche personali all’interno della struttura statale; o meglio, furono queste stesse relazioni, interagendo con le istituzioni statali, a plasmare queste stesse istituzioni, l’esercito e, in generale, lo stato. Lo dimostrano ampiamente i lavori di Michele Rabà sul cinquecentesco Stato di Milano13. Citando lo stesso Rabà, «un’intensa attività di patronage militare di alto livello costituì […] la risposta delle monarchie europee alle sfide poste da un impegno bellico permanente»14 e:

  • 15 Ivi, p. 13.

Le ragioni armate dei sovrani penetrarono capillarmente nella società attraverso la ricerca del consenso delle élite, permeandone e alimentandone tanto l’economia reale – la domanda e l’offerta di prestazioni monetizzabili – quanto quella morale – lo scambio di “servizi” e “favori” –, incrociando i conflitti locali e saldandosi con le aspirazioni di individui e gruppi di individui.15

  • 16 Dattero 2002. Per quanto riguarda il Seicento si veda anche Buono 2009.
  • 17 Rovinello 2013.

4Si tratta di una strutturazione dello stato e dell’apparato militare che in Lombardia (ma anche altrove) durò a lungo; solo nella seconda metà del Settecento il governo austriaco cercò di estromettere la nobiltà lombarda (e dunque le relative clientele) dall’ambito militare16, ma ciò non significa che il reclutamento degli uomini e il quotidiano funzionamento della macchina militare non fosse più soggetto a dinamiche domestiche. Ancora dopo l’Unità d’Italia l’esercito “nazionale” era caratterizzato da una forma di reclutamento che lasciava ampi margini di discrezionalità e in cui sopravvivevano – e sopravvissero a lungo – dinamiche marcatamente personali17.

5Tornando all’età moderna e alle prime forme di strutturazione di un esercito “statale” formato da sudditi arruolati tramite leva obbligatoria, le milizie rurali rappresentano un emblematico caso studio in grado di evidenziare il permanere di una caratterizzazione domestica nel lavoro militare. Da un lato infatti si tratta di contingenti tipicamente “moderni”, composti da soldati sudditi, non professionisti, dotati di armi da fuoco e sottoposti ad ufficiali e gerarchie statali (come sarà poi il caso degli eserciti nazionali Otto-Novecenteschi); dall’altro lato però la loro gestione pratica viene demandata alle comunità locali e si fonda, come vedremo, sulle relazioni personali e famigliari che ne costituiscono la struttura sociale ed economica.

  • 18 Per quanto riguarda la Repubblica di Venezia rimando a Rossi 1969; Pezzolo 1981; Pezzolo 1983; Hal (...)
  • 19 Pezzolo 1981, p. 425; Hale 1990, p. 196-197.
  • 20 Hale 1990, p. 195.
  • 21 Ibid.
  • 22 Il salario variava a seconda di vari fattori. Innanzitutto del ruolo svolto all’interno delle mili (...)

6Nel corso del Cinquecento, in particolare nella Repubblica di Venezia e in Svezia, ma anche in altre realtà statali, alle truppe mercenarie furono affiancati in misura sempre maggiore contingenti reclutati tra i sudditi rurali, le cosiddette ordinanze o cernide18. Per quanto riguarda il caso veneto, ma la struttura delle milizie era abbastanza simile anche negli altri stati, si trattava di contingenti piuttosto numerosi – nel corso dei decenni divisi in milizie ordinarie, riservisti e milizie confinarie – reclutati, armati e finanziati dalle comunità rurali. Le magistrature statali fornivano la quota di miliziani spettante a ciascuna provincia ed erano quindi le autorità locali a suddividere il numero di uomini per comunità – tramite le rilevazioni fornite dai sudditi a scopi fiscali. Quindi le autorità comunali dovevano compilare le liste, i cosiddetti rolli, in cui erano elencati i volontari o coloro che erano estratti a sorte (perlomeno sul piano teorico)19. Erano escluse dal reclutamento le persone troppo giovani o anziane, «i capifamiglia, gli uomini soli con un’unica fonte di reddito, i servitori domestici, i non veneti di nascita e chi era già arruolato nella milizia di marina»20. Se i capitani e colonnelli con autorità provinciale e sovra-provinciale erano di nomina statale, i contingenti più ristretti – che periodicamente erano tenuti ad esercitarsi nelle rispettive comunità – erano comandati da capi di cento, caporali e luogotenenti di estrazione locale21. Quello del miliziano rappresentava poi una forma di arruolamento peculiare, in quanto quando il soldato non era impegnato nelle esercitazioni o in azioni militari (dunque per la maggior parte della sua vita), tornava alla sua normale vita civile e al suo lavoro. La normativa, fissata negli anni novanta del XVI secolo e quindi rivista nei decenni successivi, prevedeva che gli uomini tra i 18 e i 45 anni (con alcune lievi variazioni nel corso del tempo) rimanessero iscritti nelle liste e quindi convocati in caso di necessità; venivano pagati per le giornate passate alle esercitazioni periodiche (circa cinque volte l’anno)22 e per i periodi trascorsi come guarnigione nelle fortezze o al fronte in caso di guerra.

  • 23 Il numero passa dai 20 000 uomini alla fine del 1560 ai 34 000 degli anni ’20 del Seicento, senza (...)

7Al di là della consistenza delle milizie, che nel Seicento arrivarono comunque a coinvolgere un elevato numero di uomini23, e della loro organizzazione e impiego, ciò che preme qui sottolineare è il fatto che queste unità militari erano saldamente a base comunitaria; come si è visto, ciascuna squadra era composta da elementi appartenenti alla stessa comunità rurale, erano le autorità comunali a compilare le liste degli arruolati, ed erano sempre le comunità a gestire l’acquisto delle armi, l’organizzazione delle mostre (esercitazioni) e il pagamento degli uomini che vi prendevano parte. La possibilità poi di arruolare volontari, di trovare eventuali sostituti, l’impossibilità di effettuare controlli sull’estrazione dei nominativi faceva sì che, nonostante la normativa indicasse con chiarezza le procedure di reclutamento, la formazione dei rolli fosse potenzialmente alquanto discrezionale.

  • 24 In generale su questi temi a livello europeo si veda Menant – Jessenne 2007 e Aparisi Romero – Roy (...)
  • 25 Anche la nascita dei Corpi Territoriali non è prerogativa veneta ma caratterizza molte realtà dell (...)
  • 26 Su questo argomento le ricerche sono ancora piuttosto scarse, con l’eccezione dei lavori di Andrea (...)

8A tal proposito bisogna tenere presente che già a partire dal Quattrocento le campagne europee, incluse quelle venete, stavano vivendo una fase di progressiva stratificazione sociale, con l’emergere di élites rurali che grazie alla crescente disponibilità economica assunsero nel corso dei decenni il controllo delle magistrature locali, arrivando a formare consigli ristretti e chiusi24. La stessa creazione delle milizie rurali – in parallelo con la nascita delle istituzioni rappresentative delle comunità rurali, i cosiddetti Corpi Territoriali – può considerarsi per certi versi un riconoscimento da parte dello stato del nuovo ruolo svolto dalle campagne, e in particolare delle loro élites, all’interno della compagine statale, con un sensibile ridimensionamento del predominio dei centri urbani sul territorio25. Ciò non significa che la nobiltà cittadina, come vedremo anche parlando delle milizie rurali, avesse allentato del tutto la sua presa sulle campagne; spesso queste consorterie rurali finirono per schierarsi con l’una o l’altra fazione cittadina, dando nuova linfa allo scontro interno tra casate urbane26.

  • 27 Si vedano ad esempio le liste degli arruolati nelle comunità del Vicentino nel 1637 (ACSc, b. 69, (...)
  • 28 ACSv, b. 6, c. non numerata, alla data 9 maggio 1638. È il contrario di quanto sembra avvenire ad (...)
  • 29 ACSc, b. 9, fasc. 10, cc. 125 v.-126 r.
  • 30 ACMd, Provisiones 1610-1615, cc. 162 v.-163 r., 249 r.-250 v.
  • 31 ACBe, b. 4, reg. 2, cc. 5 r.-v., 42 r.-v.
  • 32 Ivi, cc. 11 v.-12 r.

9Il riflesso di questa configurazione della società rurale appare evidente osservando la struttura delle milizie; sono solitamente assenti dai rolli delle cernide i membri delle casate comitatine più abbienti, mentre altre famiglie – appartenenti all’élite rurale ma non altrettanto benestanti – fornivano membri che andavano a ricoprire cariche di comando (capi di cento, caporali, luogotenenti) all’interno delle milizie stesse27. In varie comunità si nota addirittura una preferenza di alcuni individui nell’essere membri delle milizie piuttosto che deputati nei consigli ristretti (dunque quelli più influenti) del comune. Ad esempio nel maggio del 1638, il Capitano di Vicenza dovette intervenire, sollecitato dagli uomini di San Vito di Leguzzano, in quanto alcuni Deputati della comunità rifiutavano di assumere l’incarico preferendo la carica di ufficiale delle cernide28; allo stesso modo a Schio nel 1645 si stabilì che chi si arruolava nelle milizie doveva essere rimosso dal consiglio ristretto della comunità29, mentre altri casi analoghi di individui che rinunciavano alla carica politica per imbracciare le armi delle ordinanze si riscontrano anche a Maderno (nella Riviera di Salò) nel 1612 e nel 161330 e a Bedizzole (sempre nel Bresciano) nel 1654 e nel 165531. È importante sottolineare dunque come, contrariamente a quanto ci si potrebbe aspettare, non erano solamente le fasce più povere della popolazione a formare i contingenti rurali, ma anche membri delle famiglie appartenenti all’élite comunitaria; alcuni esempi sono già stati riportati in precedenza, un altro altrettanto indicativo viene sempre da Bedizzole, dove ad entrare nelle milizie è addirittura il tesoriere della comunità, una delle cariche in assoluto più rilevanti e che richiedevano una indubbia agiatezza economica32. Nel momento in cui il far parte dei consigli ristretti o il ricoprire cariche politiche all’interno delle comunità garantiva la tutela del nome, dei legami e degli interessi economici di una famiglia, il fatto che in alcuni casi le famiglie dell’élite rurale preferissero mantenere una posizione all’interno delle milizie induce a pensare che i vantaggi di quel genere (soprattutto in termini di costruzione e mantenimento dei legami sociali) fossero altrettanto rilevanti rispetto a quelli derivanti dall’attività politica.

  • 33 Pezzolo 2011; January – Knapton 2007, p. 62; Savio 2017a, p. 24-27.
  • 34 ASVe, Senato, Dispacci, Dispacci dei Rettori, Vicenza e Vicentino, b. 11, alle date 3 gennaio, 31  (...)
  • 35 Pezzolo 1983, p. 70. Stando a quanto afferma Hale, nel Bresciano invece il comando delle milizie n (...)

10È alquanto probabile dunque che le gerarchie interne alla società rurale si riproponessero, almeno parzialmente, all’interno dei contingenti dei miliziani, andando a rafforzare tanto gli equilibri clientelari presenti nelle comunità in questione, tanto fornendo un terreno ulteriore per il manifestarsi di scontri che già si consumavano dentro e fuori i consigli comunitari tra singoli o consorterie. Se a livello locale le cernide riproponevano in dimensioni ridotte la struttura e le relazioni di potere comunitarie, contribuendo però anche – come vedremo nelle pagine a seguire – a rafforzare conflitti interni ai comuni e talvolta facendone emergere di nuovi, allargando lo sguardo le dinamiche non cambiano. Anche su un piano provinciale il perdurante, seppure sensibilmente scalfito, controllo della nobiltà cittadina sulle aree rurali trova una sua riconferma nella stessa struttura delle milizie, dato che comandanti e capitani appartenevano spesso alle casate nobiliari. Ciò era dovuto indubbiamente anche al fatto che si trattava di incarichi che richiedevano una certa competenza militare, in una certa misura ancora appannaggio della nobiltà33, ma soprattutto al fatto che i nobili in questione disponevano di vaste reti clientelari tra i rurali e dunque erano i più adatti ad assumerne il comando. Ne è un esempio lampante la scelta, agli inizi del Seicento, di affidare il comando delle neo-nate milizie confinarie del Vicentino ad otto nobili della città berica (stando alla documentazione, seguendo l’esempio di quanto già fatto nella confinante provincia di Verona). Erano infatti loro i più idonei, proprio a causa dei legami sul territorio, «per tener li soldati tal volta disciplinati, e nella cognitione, et obbedienza de loro superiori»34. Membri della famiglia Capra, Ferramosca, Thiene, Chiericati, Conte, Trissino, Porto e Trento (dunque praticamente tutte le maggiori casate cittadine) vengono destinati al comando delle milizie confinarie; anche per quanto riguarda questi contingenti, l’arruolamento degli uomini rimaneva prerogativa dei comuni rurali secondo le dinamiche sopradescritte, ma l’influenza delle consorterie nobiliari sul contado veniva sancito dalla gerarchia militare. Un altro esempio è rappresentato dalle milizie dei Sette Comuni di Asiago, sempre nel Vicentino, poste nel 1679 «sotto il comando del conte Marco Negri […] successore del padre Vicenzo, ‘che per un corso continuato d’anni 28 diresse le militie stesse’»35.

Tra coercizione e privilegi

  • 36 Zürcher 2013, p. 18.
  • 37 Pezzolo 1981, 426; Hale 1990. Questo avveniva anche negli altri stati, come descritto ad esempio d (...)

11Nelle pagine precedenti abbiamo visto come la struttura delle milizie rispecchiasse la struttura sociale riscontrabile nelle campagne venete, rappresentando anche un’opportunità per nobili e famiglie dell’élite rurale di consolidare la propria posizione, tanto che alcuni comitatini preferivano mantenere il ruolo di ufficiali delle milizie piuttosto che partecipare alla vita politica delle comunità. L’inserimento nei rolli non era però sempre – e forse nemmeno frequentemente per i soldati semplici – l’esito di una scelta, quanto di un obbligo imposto dalle istituzioni statali e a caduta da quelle comunitarie. Si tratta pur sempre, prendendo a prestito le categorie proposte da Zürcher, di una forma di tributary labour, ossia di una occupazione in cui «workers […] are obliged by the polity (most often the state) to provide work», in cui, in altri termini, «their labour is owned by the polity»36. Le comunità erano tenute a fornire il numero prestabilito di uomini, e i miliziani non potevano rifiutare l’inserimento nei rolli. Allo stesso modo erano multati o imprigionati se disertavano le esercitazioni periodiche e in caso di necessità erano obbligati a recarsi nelle fortezze, al fronte o dovunque le esigenze militari della Repubblica richiedessero la loro presenza37. Si tratta indubbiamente di un elemento da tener presente, nonostante l’obiettivo di questo saggio non sia idealizzare la capacità coercitiva dello stato ma invece quello di evidenziare le implicazioni “positive” dell’appartenenza alle milizie e soprattutto le forme di contrattazione che mettendo in relazione miliziani, istituzioni comunitarie, gruppi sociali locali e lo stato, andavano a smussare proprio questa pretesa volontà coercitiva.

  • 38 Rabà 2016, p. 15; Pedretti 2006, p. 183-184; Dalla Rosa 1991, p. 56, 95-101; Calcagno 2010, p. 472 (...)
  • 39 Pezzolo 1981, p. 424; Pezzolo 1983, p. 71; Hale 1990, p. 188, 194-195, 200; Rossi 1969, p. 185; Ja (...)

12Per favorire l’arruolamento degli uomini, tanto la Repubblica di Venezia quanto le altre realtà statuali38 dove venne introdotta la milizia rurale nello stesso giro d’anni concessero importanti privilegi ai miliziani39, oltre a garantire un pagamento, seppure minimo, per i giorni trascorsi alle rassegne o nello svolgimento di altri incarichi militari. Come vedremo a breve, fu proprio la tutela di questi privilegi – spesso nei confronti non tanto delle autorità statali, quanto dei comitatini “non privilegiati” – a rappresentare uno degli ambiti principali di scontro su cui si concentrarono le pratiche dei miliziani.

  • 40 Rabà 2016, p. 160.
  • 41 Pezzolo 1983, p. 71; Hale 1990, p. 203; January – Knapton 2007, p. 6; Ongaro 2017b, p. 26; Savio 2 (...)
  • 42 Con il termine rollo ci si riferisce alle liste in cui erano elencati gli uomini arruolati (sia ne (...)

13Innanzitutto i soldati delle cernide godevano dell’esenzione dalle imposte personali (dunque non dalla tassazione riferita alla proprietà), elemento che se costituiva un indubbio vantaggio per i diretti interessati, causava di contro un danno rilevante per le entrate comunitarie, con ricadute importanti quindi sulla collettività. In secondo luogo i miliziani potevano portare armi40; in un contesto in cui, come anticipato, le campagne rappresentavano un terreno di scontro e di creazione di alleanze per le consorterie nobiliari cittadine, questo significava che spesso i soldati delle ordinanze andavano a rimpolpare le fila dei bravi al servizio della nobiltà urbana41. Non stupisce quindi quanto detto in precedenza in merito alla disponibilità da parte dei nobili di assumere il comando dei contingenti rurali. Il fatto poi di disporre di archibugi e moschetti finiva per fornire a singoli o ad interi gruppi di miliziani una importante “arma”, per niente metaforica, nella risoluzione di controversie private, tra gruppi interni alla stessa comunità o tra gli stessi soldati e le istituzioni statali. Infine, i miliziani godevano di altri privilegi, quali il fatto di non poter essere iscritti nel rollo42 dei galeotti – un compito potenzialmente più pericoloso in caso di impiego in guerra – e di poter essere giudicati da tribunali militari per reati commessi durante il periodo di arruolamento. Questi privilegi finivano quindi per creare una sorta di “comunità nella comunità”, le cui gerarchie, stratificazioni sociali e conflittualità si mescolavano e interagivano con il mondo “civile”.

A proposito di agency: miliziani, comunità e stato

14Come anticipato, con il termine agency in questa sede si intende includere tutte quelle pratiche – individuali, collettive, violente e non, ponderate e “istintive” – che, in sintesi, rendevano i miliziani partecipi della costruzione del contesto militare e sociale all’interno del quale vivevano. L’intento non è quello di identificare categorie specifiche di interazione tra militari e società civile, tra soldati e istituzioni, ma al contrario di evidenziare la compenetrazione di questi ambiti e l’estrema varietà dei conflitti e delle pratiche messe in atto nel portarli avanti e per la loro risoluzione. La convinzione è che proprio questa complessità di azioni consenta di sottolineare il profondo intreccio tra mondo civile e mondo militare, tra la sfera istituzionale e quella privata e domestica, mostrando dunque, in sintesi, come sia fondamentale considerare e analizzare questi ambiti congiuntamente. Come vedremo negli esempi che seguono, non sempre (anzi, quasi mai) i confronti riguardano esclusivamente l’ambito militare e in molte occasioni le aggressioni o, al contrario, la scelta dei delegati o dei mediatori, erano esito di spinte che provenivano dal mondo civile, da rapporti personali e di forza interni alle comunità. Ecco quindi che l’agency dei soldati si inserisce in un contesto che non è solo militare, ma che più o meno consapevolmente tiene conto degli equilibri di potere esistenti tra le famiglie, tra città e campagna, tra territori e stato.

  • 43 ASVe, Capi del Consiglio dei Dieci, Dispacci dei Rettori e Pubblici Rappresentanti, b. 225, n. 13, (...)
  • 44 Ongaro 2017b, p. 27. In generale, gli assembramenti di contadini a scopi militari sembrano essere (...)

15La conflittualità locale poteva innanzitutto coinvolgere singoli soldati o ufficiali, trasponendo su un terreno differente – ben più pericoloso, in cui i contendenti erano armati – diatribe sorte in ambito “civile”, oppure rappresentando l’epilogo di scontri inerenti la vita militare. Nel luglio 1578 ad esempio durante una esercitazione delle milizie a Montecchio Maggiore (nella provincia di Vicenza) due gruppi di archibugieri provenienti da comunità diverse si affrontarono armata manu, portando alla morte a causa degli spari di un contadino venuto ad assistere alla rassegna43. Una cosa analoga avvenne nel 1594 a Valdagno – sempre nel Vicentino – quando un miliziano deciso a risolvere delle questioni personali aprì il fuoco contro alcuni suoi compaesani44.

  • 45 Ongaro 2017, p. 134-135. Analoghi conflitti riguardanti l’esenzione fiscale goduta dai miliziani e (...)
  • 46 ACGv, b. 40, c. 48 r.
  • 47 ACMd, Provisiones 1610-1615, c. 326 v.

16In altre occasioni i conflitti, decisamente meno cruenti, potevano veder confrontarsi i miliziani e la loro comunità di appartenenza: è il caso ad esempio dello scontro pluriennale che coinvolse la comunità di Schio e i locali soldati delle cernide in merito ai privilegi – nello specifico l’esenzione dalle fazioni personali – di cui godevano. Questo caso è un esempio concreto di quanto detto in precedenza in merito al formarsi di una “comunità nella comunità” e dimostra come uno degli ambiti principali di azione dei miliziani (attraverso azioni collettive) fosse proprio la tutela dei privilegi di cui godevano. In questa situazione i soldati delle cernide agirono per via giudiziaria nei confronti dei propri concittadini, ricorrendo ai tribunali provinciali e statali e soprattutto eleggendo dei propri delegati45. I rappresentanti in questione appartenevano, com’è prevedibile, a quelle famiglie dell’élite rurale a cui si è fatto cenno in precedenza, che in taluni casi preferivano le cariche militari a quelle politiche; si trattava quindi di figure che in questo modo rafforzavano il rapporto di patronato con i propri commilitoni, scontrandosi allo stesso tempo con le altre famiglie dell’élite comunitaria. Non è dato sapere se questo scontro fosse solo la punta dell’iceberg di un conflitto più ampio all’interno della classe dirigente del centro rurale, ma è indubbio che questo episodio rappresenta un esempio interessante di agency collettiva, in cui i rapporti domestici su cui si fondava il sistema militare della Repubblica svolsero un ruolo di primo piano. Si tratta poi di un episodio che testimonia come l’organizzazione dell’apparato militare non fosse esito esclusivamente di una normativa statale, ma di una più incisiva contrattazione continua tra le parti sul piano locale. Casi analoghi di miliziani che eleggevano propri rappresentanti per mediare con le autorità comunitarie si trovano anche in altre località della Terraferma veneta, come ad esempio a Maderno e a Gavardo nel Bresciano. In quest’ultima comunità nel dicembre 1586 intervenne in consiglio un miliziano «a nome di tutti li altri soldati» in merito ad un accordo fra gli armati e il comune46, mentre a Maderno fu lo stesso Console della comunità – che evidentemente aveva potuto conservare il suo prestigioso incarico nonostante l’arruolamento – ad intervenire «come soldato» per ratificare «il partito et obligo contrato l’anno passato tra gli soldati et questo spettabile comun»47.

  • 48 Lucassen – Zürcher 1998, p. 417-418.
  • 49 Ivi, p. 418. Riferimenti alla «popular cooperation and resistance» agli obblighi militari si trova (...)

17Le azioni dei soldati potevano rivolgersi anche contro lo stato, il quale, nonostante la dimensione locale e domestica delle cernide di cui abbiamo parlato finora, rappresentava pur sempre il soggetto principale da cui derivavano gli obblighi oltre che i privilegi di cui godevano i miliziani. Lucassen e Zürcher individuano svariate pratiche adottate da singoli soldati o interi gruppi per evitare l’arruolamento o l’impiego sul campo di battaglia, pratiche legate a doppio filo con le modalità attraverso cui il reclutamento era organizzato. Per quanto riguarda le azioni individuali, il riferimento è al nascondersi o all’espatrio temporaneo per evitare la leva, oppure alla diserzione e alla disobbedienza; queste pratiche potevano anche coinvolgere più uomini, trasformandosi in azioni collettive più o meno organizzate, dando vita talvolta a veri e propri ammutinamenti48. Un ultimo elemento sottolineato dai due autori e che vale la pena richiamare è il ruolo svolto dalle famiglie e dalle comunità dei soldati nel sostenere queste azioni, un elemento che incontreremo anche negli esempi riportati in seguito49.

18Le pratiche descritte da Lucassen e Zürcher costituiscono gli esempi più lampanti e più noti di una dialettica conflittuale tra stato e soldati e possono indubbiamente essere estese anche alle milizie rurali; va però sottolineato che questa stessa dialettica non si limitava a queste azioni ma si declinava in una serie di espedienti, scontri, confronti – talvolta molto meno palesi rispetto ad esempio agli episodi di ammutinamento – che concorrevano a definire l’ambito militare ed il suo funzionamento. Come accennato poi dagli stessi due autori, non si tratta di pratiche che possono essere comprese considerando stato e soldati come due entità chiuse e definite, con interessi e obiettivi chiari e omogenei; gli esempi che seguono mostrano come talvolta componenti dello stato – nobili veneziani, comunità rurali, ecc. – potessero sostenere i miliziani per motivazioni personali, politiche o economiche. Ancora una volta si deve dunque tenere in considerazione la dimensione domestica del lavoro militare, la specificità delle situazioni e i rapporti di vario genere che intercorrevano tra gli attori in gioco, che incidevano in maniera evidente su questa dialettica e su queste pratiche.

  • 50 Esempi – numerosi – di diserzioni e fughe durante la Guerra di Gradisca, il primo conflitto vero e (...)
  • 51 Elemento che ritroviamo anche a proposito delle milizie pontificie (Brunelli 1995, p. 111).
  • 52 ASVe, Senato, Dispacci, Dispacci dei Rettori, Brescia e Bresciano, b. 49, alle date 26 giugno e 31 (...)
  • 53 Pezzolo 1981, p. 430.
  • 54 January – Knapton 2007, p. 93.

19Le fughe innanzitutto erano certamente una costante con cui dovettero confrontarsi tanto le autorità locali quanto quelle statali, senza tuttavia giungere mai alla risoluzione del problema considerato il supporto fornito dalle famiglie e dai concittadini ai soldati in fuga50. Ciò avveniva non solo in occasione dei conflitti veri e propri, quando il timore del fronte spingeva molti a ritornare alle proprie famiglie, ma anche quando la permanenza come presidio nelle fortezze diveniva troppo prolungata e soprattutto rischiava di compromettere lo svolgimento dei lavori agricoli – in particolare del raccolto51. Si tratta di un elemento molto rilevante, tanto che furono le stesse autorità venete in varie occasioni a stabilire di rimandare alle proprie abitazioni i miliziani quando la stagione lo richiedeva. Nel giugno 1647 ad esempio il Capitano di Brescia scrisse al Senato che dalle cernide di presidio alla fortezza di Orzi Nuovi «me giungono quotidiane instanze […], ch’implorano la pietà publica a concederle il ritorno a case loro, per poter in questa stagione supplir a gl’affari urgenti di campagna»52, tanto che successivamente si provvide alla sostituzione dei miliziani. Lo stesso poteva avvenire non solo in riferimento alle milizie, ma anche nell’utilizzo dei contadini come lavoratori nella costruzione delle fortezze; nel 1532 ad esempio parte degli uomini impiegati nei lavori alle fortificazioni di Verona (80 su 160) vennero dispensati dal servizio «per un certo periodo – giugno e luglio – in quanto devono “tagliar e raccoglier le biave”»53. Peter January e Michael Knapton riferiscono invece di un episodio con esiti opposti, avvenuto nel 1629, quando parte dei miliziani accampati a Valeggio sul Mincio (nel contesto della Guerra di Successione al Ducato di Mantova) «had been called away from the grape harvest and winter sowing of grain»54, con conseguenti problemi per lo svolgimento dei lavori agricoli. Questo genere di decisioni (ossia la concessione o meno del rientro a casa) possono essere ricondotte indubbiamente alla consapevolezza delle esigenze di sopravvivenza delle famiglie contadine, ma anche al fatto che questi stessi comitatini erano impiegati come braccianti nei terreni dei nobili cittadini e veneziani, che dunque avevano tutto l’interesse – anche sacrificando le esigenze militari della Repubblica – a veder rientrare nelle proprie comunità la forza lavoro di cui necessitavano. Infine, vi è un altro elemento da considerare, cioè il fatto che i miliziani erano pur sempre degli uomini armati, che se spinti all’estremo potevano utilizzare archibugi e moschetti non al servizio dello stato ma contro i suoi ufficiali o le sue truppe regolari.

  • 55 Pezzolo 1983, p. 69; Ongaro 2017b, p. 25.
  • 56 Tutta la vicenda è descritta in Ongaro 2017a, p. 83-84.

20Le autorità veneziane erano ben consce di ciò, tanto che ad esempio in occasione di sommosse popolari sconsigliarono agli ufficiali periferici di avvalersi delle truppe contadine, come ad esempio in occasione della rivolta di Arzignano del 1655, per timore che i miliziani si unissero ai rivoltosi55. Un altro esempio in questo senso è rappresentato dall’arrivo nel Vicentino della peste del 1630; in quell’occasione le autorità venete vietarono il ritorno a casa dei soldati inviati al campo veneto nel Veronese, per paura che i miliziani – come poi avvenne – portassero con sé la peste. Delegati dei contingenti delle cernide minacciarono però le autorità venete di usare le armi nel caso in cui fossero stati bloccati e quindi nonostante il divieto diversi miliziani rientrarono (a gruppi e in modo disorganizzato) nel Vicentino. Scontri veri e propri non sembrano esservi stati, ma il capitano veneziano di Vicenza in quell’occasione pattugliò con soldati a cavallo il confine tra le due provincie, arrestando diversi uomini nascosti nei boschi o nelle case di amici e parenti. La vicenda si concluse con la costruzione di appositi lazzaretti e il conseguente via libera al ritorno degli uomini56: una soluzione di compromesso dunque, dovuta proprio alla mediazione tra stato e soldati e soprattutto al timore suscitato nelle autorità pubbliche di uomini armati intenzionati a tornare alle proprie famiglie.

 

  • 57 Un discorso analogo potrebbe essere fatto anche per quanto riguarda la strutturazione del fisco e (...)

21Nelle pagine precedenti si è voluto mostrare innanzitutto il permanere di una caratterizzazione domestica del lavoro militare, nonostante il progressivo abbandono di forme di reclutamento e di gestione delle truppe a carattere feudale, sostituite da rolli e coscrizioni obbligatorie. L’arruolamento degli uomini, la scelta degli ufficiali a livello comunitario, provinciale e sovra-provinciale, così come la gestione pratica delle rassegne, dei privilegi, dell’invio degli uomini al fronte, rispondevano a dinamiche essenzialmente locali, incentrate sui legami clientelari e di patronato venutisi a formare all’interno della società rurale e tra questa e la nobiltà cittadina. Le milizie riproducevano quindi l’assetto sociale delle comunità e delle provincie in cui si collocavano, rispecchiandone rapporti di forza e relazioni di potere. Lo stato e le sue istituzioni – militari e non – si costruirono e si fondarono su questi rapporti, che ne condizionarono di conseguenza il funzionamento e le stesse dinamiche conflittuali. Si tratta di un processo che non può considerarsi casuale: al contrario, le istituzioni pubbliche erano ben consapevoli del valore politico e militare che questi legami portavano con sé, assicurando un livello di efficienza militare – per quanto non paragonabile a quello delle truppe mercenarie – che una struttura centralizzata imposta dalla capitale non sarebbe riuscita a raggiungere, ammettendo che fosse stato possibile realizzarla57.

22Osservando gli esempi riportati si nota quindi come vi sia un legame evidente tra agency dei soldati e dimensione domestica delle milizie: oltre alle reazioni violente dei miliziani contro commilitoni o concittadini, dettate da veri e propri risentimenti personali, la nomina di delegati nelle varie comunità per tutelare privilegi e interessi dei contadini-soldati è emblematico di come le relazioni personali e gli equilibri di potere locali incidessero sulle pratiche adottate da questi ultimi. Allo stesso modo le fughe, le diserzioni, le stesse richieste di congedo per lo svolgimento delle attività agricole erano strettamente legate alla dimensione comunitaria delle milizie, con famigliari, amici e parenti che sostenevano queste iniziative. Infine, il fatto che i Rettori Veneti nelle provincie, così come i legislatori che sedevano nei consigli lagunari fossero essi stessi portatori di interesse nelle campagne della Terraferma, se non addirittura i datori di lavoro di quei contadini arruolati nelle milizie, non può non avere influenzato le scelte riguardanti – per fare un esempio – le autorizzazioni a rientrare nelle proprie abitazioni da accampamenti e fortezze per lo svolgimento dei lavori agricoli.

23Gli esempi riportati in precedenza non esauriscono le modalità attraverso cui soldati, società e istituzioni locali e statali interagivano; si tratta di alcuni casi preliminari che attendono ulteriori ricerche per contribuire a ricostruire un quadro più completo delle dinamiche che caratterizzavano la società rurale e la struttura militare della Serenissima. Alcuni elementi di fondo possono però dirsi acquisiti: innanzitutto appare evidente come le pratiche messe in atto dai miliziani, oltre appunto ad essere legate alle dinamiche clientelari e di patronato locali, fossero estremamente variegate e difficilmente riconducibili a categorie predefinite. Certo fughe, diserzioni e renitenze alla leva erano tra le azioni più ricorrenti e note, ma non esauriscono le modalità attraverso cui i vari attori coinvolti interagivano tra loro. Cause, processi, patti, gesti violenti contro singoli o gruppi compongono questa moltitudine di pratiche spesso contingenti e per certi versi “uniche”. Al variare dei soggetti coinvolti, del contesto – tanto geografico quanto sociale e “storico” – e delle motivazioni, variavano allo stesso modo le azioni messe in pratica dai miliziani.

24Un altro elemento che è emerso dagli esempi riportati in precedenza è come in questo contesto di pratiche variabili, individuali e collettive, sia possibile individuare una tendenza di fondo: i soldati delle cernide agivano nella maggior parte dei casi non tanto per migliorare le proprie condizioni lavorative, quanto per tutelare i loro privilegi o i loro interessi al di fuori di quello che possiamo definire il luogo di lavoro. In altri termini, cause, aggressioni armate, fughe o diserzioni avvenivano per tutelare esenzioni fiscali, per poter svolgere le attività agricole, per tornare alla propria casa o per risolvere controversie sorte in ambito civile. Ciò non stupisce, considerato che questi uomini rimanevano comunque, per la maggior parte della loro vita, dei civili.

25Molte questioni rimangono aperte, come ad esempio l’efficacia e l’incisività delle azioni dei miliziani. Resta da chiarire quanto contò la loro agency nel definire uno specifico sviluppo della struttura militare veneziana. Questi primi esempi mostrano comunque che con ogni probabilità il loro ruolo fu tutt’altro che secondario. Approfondire questo aspetto, così come utilizzare le milizie come cartina tornasole degli equilibri, dei rapporti di potere e dei conflitti che attraversavano il mondo rurale della prima età moderna, potrebbe rappresentare un filone di indagine ricco di potenzialità.

Haut de page

Bibliographie

Archivi

ACBe = Archivio Storico del Comune di Bedizzole

ACGv = Archivio Storico del Comune di Gavardo

ACMa = Archivio Storico del Comune di Malo

ACMd = Archivio Storico del Comune di Maderno

ACSc = Archivio Storico del Comune di Schio

ACSv = Archivio del Comune di San Vito di Leguzzano

ACVc = Archivio Storico della Comunità di Valle Camonica

ASVe = Archivio di Stato di Venezia

Bibliografia secondaria

Aparisi Romero – Royo Pérez 2014 = F. Aparisi Romero, V. Royo Pérez (a cura di), Beyond lords and peasants. Rural elites and economic differentiation in pre-modern Europe, Valencia, 2014.

Barberis 1988 = W. Barberis, Le armi del Principe. La tradizione militare sabauda, Torino, 1988.

Black 1991 = J. Black, A military revolution? Military change and European society 1550-1800, Atlantic Highlands, 1991.

Brunelli 1995 = G. Brunelli, Poteri e privilegi. L’istituzione degli ordinamenti delle milizie nello Stato Pontificio tra Cinque e Seicento, in Cheiron, 23, 1995, p. 105-129.

Buono 2009 = A. Buono, Guerra, élites locali e monarchia nella Lombardia del Seicento. Per una interpretazione in chiave di compromesso di interessi, in Società e Storia, 123, 2009, p. 3-30.

Calcagno 2010 = P. Calcagno, ‘Per la pubblica quiete’. Corpi armati e ordine pubblico nel dominio della Repubblica di Genova (secoli XVI-XVIII), in Società e Storia, 129, 2010, p. 453-487.

Cerutti 2015 = S. Cerutti, Who is below? E.P. Thompson, historien des sociétés modernes : une relecture, in Annales. Histoire, Sciences sociales, 70-4, 2015, p. 931-955.

Dalla Rosa 1991 = E. Dalla Rosa, Le milizie del Seicento nello Stato di Milano, Milano, 1991.

Dattero 2002 = A. Dattero, Riforme militari e costituzionali nella Lombardia Austriaca del Settecento, in Studi Settecenteschi, 22, 2002, p. 103-121.

De Consoli 1999 = C. De Consoli, Al soldo del Duca. L’amministrazione delle armate sabaude (1560-1630), Torino, 1999.

Del Torre 1986 = G. Del Torre, Venezia e la Terraferma dopo la Guerra di Cambrai: Fiscalità e amministrazione 1515-1530, Milano, 1986.

Gaddi 2012 = M. Gaddi, La Guerra di Gradisca, in Le armi di San Marco, Quaderno della Società Italiana di Storia Militare, 2012, p. 85-110.

Gaddi – Zannini 2008 = M. Gaddi, A. Zannini (a cura di), Venezia non è da guerra: l’Isontino, la società friulana e la Serenissima nella Guerra di Gradisca (1615-17), Udine, 2008.

Glete 2002 = J. Glete, War and state in early modern Europe. Spain, the Dutch Republic and Sweden as fiscal-military states, 1500-1660, Londra-New York, 2002.

Hale 1990 = J.R. Hale, L’organizzazione militari di Venezia nel ‘500, Roma, 1990.

January – Knapton 2007 = P. January, M. Knapton, The demands made on Venetian Terraferma society for defence in the early seventeenth century, in Ateneo Veneto, CXCIV, 2007, p. 25-115.

Lucassen – Zürcher 1998 = J. Lucassen, E.J. Zürcher, Conscription as military labour: the historical context, in International Review of Social History, 43, 1998, p. 405-419.

Lynn 1997 = J.A. Lynn, Giant of the Grand Siécle. The French army, 1610-1715, Cambridge, 1997.

Maczak – Romani 1986 = A. Maczak, M.A. Romani (a cura di), Padrini e clienti nell’Europa moderna (secoli XV-XIX), Cheiron, III-5, 1986.

Menant – Jessenne 2007 = F. Menant, J. Jessenne (a cura di), Les élites rurales dans l’Europe médiévale et moderne. Actes des XXVIIe Journées internationales d’histoire de l’abbaye de Flaran, 9, 10, 11 septembre 2005, Tolosa, 2007.

Musso 1986 = R. Musso, Compagnie scelte e ordinarie nello Stato di Terraferma, in Liguria, LIII-1/2, 1986, p. 11-15.

Ongaro 2017a = G. Ongaro, Peasants and soldiers. The management of the Venetian military structure in the mainland dominion between the 16th and 17th centuries, Londra-New York, 2017.

Ongaro 2017b = G. Ongaro, «Valermi del brazzo de i soldati delle cernide». Milizie rurali venete e controllo del territorio tra XVI e XVII secolo, in L. Antonielli, S. Levati (a cura di), Tra polizie e controllo del territorio: alla ricerca delle discontinuità, Soveria Mannelli, 2017, p. 9-31.

Ongaro 2017c = G. Ongaro, Famiglie del contado in città: il caso scledense dei Bonagente e dei Conte, in E. Demo, A. Savio (a cura di), Uomini del contado e uomini di città nell’Italia settentrionale del XVI secolo. Atti del convegno internazionale di storia, arte e architettura, Palermo, 2017, p. 281-304.

Panjek – Larsson – Mocarelli 2017 = A. Panjek, J. Larsson, L. Mocarelli (a cura di), Integrated peasant economy. Alps, Scandinavia and beyond, Koper, 2017.

Parker 1976 = G. Parker, The ‘military revolution’, 1560-1660: a myth?, in The Journal of Modern History, 48-2, 1976, p. 195-214.

Parrott 2012 = D. Parrott, The business of war. Military enterprise and military revolution in Early Modern Europe, Cambridge, 2012.

Pedretti 2006 = S. Pedretti, Ai confini occidentali dello Stato di Milano: l’impiego delle milizie rurali nelle guerre del Seicento, in C. Donati (a cura di), Alle frontiere della Lombardia. Politica, guerra e religione nell’età moderna, Milano, 2006, p. 177-200.

Perini 1995 = S. Perini, Le milizie della Terraferma veneta verso la metà del Seicento, in Studi Veneziani, XXIX, 1995, p. 193-208.

Pesante 2013 = M.L. Pesante, Come servi. Figure del lavoro salariato dal diritto naturale all’economia politica, Milano, 2013.

Pezzolo 1981 = L. Pezzolo, Milizie e contadini nelle campagne vicentine (Lisiera nel ‘500 e ‘600), in C. Povolo (a cura di), Lisiera: immagini, documenti e problemi per la storia di una comunità veneta. Strutture, congiunture e episodi, Lisiera, 1981, p. 419-434.

Pezzolo 1983 = L. Pezzolo, L’archibugio e l’aratro. Considerazioni e problemi per una storia delle milizie rurali venete nei secoli XVI e XVII, in Studi Veneziani, VII, 1983, p. 59-80.

Pezzolo 2011 = L. Pezzolo, Professione militare e famiglia in Italia tra tardo Medioevo e prima Età Moderna, in A. Bellavitis, I. Chabot (a cura di), La justice des familles. Autour de la transmission des biens, des savoirs et des pouvoirs (Europe, Nouveau Monde, XIIe-XIXe siècles), Roma, 2011, p. 341-366.

Polverini Fosi 1985 = I. Polverini Fosi, Il banditismo nello Stato pontificio nella seconda metà del Cinquecento, Roma, 1985.

Rabà 2013 = M.M. Rabà, Guerra permanente e reti di clientele: la cooptazione degli ‘stranieri’ nelle élite lombarde (1536-1559), in P. Spinato Bruschi, J. José Martínez (a cura di), Cuando quiero hallar las voces, encuentro con los afectos. Studi di iberistica offerti a Giuseppe Bellini, Roma, 2013, p. 517-532.

Rabà 2014 = M.M. Rabà, Figure dell’Impero. Il Marchese del Vasto, Governatore di Milano, in Studi di Letteratura Ispano-Americana, 68, 2014, p. 7-25.

Rabà 2015 = M.M. Rabà, Clienti, patroni e patroni di patroni. La rilevanza militare dello scambio di “servizi” e “favori”: la Lombardia degli Austrias (1536-1558), in Società e Storia, 150, 2015, p. 657-688.

Rabà 2016 = M.M. Rabà, Potere e poteri. “Stati”, “privati” e comunità nel conflitto per l’egemonia in Italia settentrionale (1536-1558), Milano, 2016.

Roberts 1956 = M. Roberts, The military revolution, 1560-1660, an inaugural lecture delivered before the Queen’s University of Belfast, Belfast, 1956.

Rogers 1995 = C. Rogers, The military revolution debate: readings on the military transformation of Early Modern Europe, Boulder, 1995.

Rossi 1969 = F. Rossi, Le armature da munizione e l’organizzazione delle cernide nel bresciano, in Archivio Storico Lombardo, IX-VIII, 1969, p. 169-186.

Rovinello 2013 = M. Rovinello, The draft and draftees in Italy, 1861-1914, in E.J. Zürcher (a cura di), Fighting for a living. A comparative history of military labour 1500-1200, Amsterdam, 2013, p. 479-518.

Sarti 2015 = R. Sarti, Servo e padrone, o della (in)dipendenza. Un percorso da Aristotele ai nostri giorni. Vol. I, Teorie e dibattiti, Bologna, 2015 (Quaderni di Scienza & Politica, 2).

Savio 2017 = A. Savio, Nobiltà palladiana. La famiglia Godi fra Vicenza e l’Europa, Roma, 2017.

Savio 2017b = A. Savio, Rogge di sangue in una “quasi città” del Cinquecento. I mercanti scledensi promotori del Corpo Territoriale vicentino, in E. Demo, A. Savio (a cura di), Uomini del contado e uomini di città nell’Italia settentrionale del XVI secolo. Atti del convegno internazionale di storia, arte e architettura, Palermo, 2017, p. 305-327.

Vigato 1994 = M. Vigato, La guerra veneto-arciducale di Gradisca (1615-1617), in Ce fastu?, Rivista della Società Filologica Friulana “Graziadio I. Ascoli”, LXX-2, 1994, p. 193-232.

Weber 1968 = M. Weber, Economy and society. An outline of interpretive sociology, a cura di G. Roth, C. Wittich, New York, 1968.

Zamperetti 1987 = S. Zamperetti, I “sinedri dolosi”: la formazione e lo sviluppo dei Corpi Territoriali nello Stato regionale Veneto tra ‘500 e ‘600, in Rivista Storica Italiana, 99-2, 1987, p. 269-320.

Zürcher 2013 = E.J. Zürcher (a cura di), Fighting for a living. A comparative history of military labour 1500-1200, Amsterdam, 2013.

 

Haut de page

Notes

1 Con il termine cernide o ordinanze si fa riferimento ai contingenti di contadini veneti arruolati dalla Repubblica (tramite quote fisse fornite da ciascuna provincia e comunità) a partire grossomodo dalla prima metà del Cinquecento.

2 In queste pagine si ricorrerà spesso alla categoria di “domesticità” del lavoro, è opportuna quindi una breve puntualizzazione sul termine. In linea con quanto discusso nella giornata di studi «Rapports domestiques au travail XVIe-XVIIIe siècles» (Parigi, 6 novembre 2015), da cui provengono alcuni interventi raccolti in questo volume, in questa sede si intende estendere ad ambiti extra-domestici dinamiche proprie del lavoro, per l’appunto, domestico. Nel nostro caso l’accento è posto soprattutto sui rapporti personali di dipendenza (servo-padrone); questi sono intesi tanto in senso gerarchico, ossia come relazione tra singoli soggetti che si pongono su piani di potere differente, tanto come, più in generale, rapporti che non si limitano allo scambio di lavoro-merce, ma che coinvolgono in termini più ampi (legati alla vita privata, alle dinamiche famigliari, ecc.) i soggetti presi in causa. In questo senso il concetto di domesticità sarà spesso associato a quelli di patronato e clientele, non perché questi siano sinonimi o si voglia usarli come tali (si riferiscono innanzitutto a sfere tra loro diverse), ma perché la personalità del rapporto di lavoro spesso si sovrappone alla personalità dei rapporti sociali. Per quanto riguarda il lavoro domestico e più in generale l’evoluzione teorica dei concetti legati alle relazioni di lavoro rimando a Pesante 2013 e Sarti 2015.

3 Lynn 1997, p. 7-9.

4 Il concetto di agency è stato oggetto nel corso dei decenni di una importante discussione (che risulta impossibile ripercorrere qui nella sua interezza), passando dall’accezione Thompsoniana di forma di reazione di una classe sottoposta nei confronti della classe dominante, passando per successivi ridimensionamenti della sua utilità e rivalutazioni, per assumere quindi contorni più sfumati ma non per questo meno funzionali. In questa sede ci si rifarà a questo concetto intendendolo, riprendendo le riflessioni fatte recentemente da Simona Cerutti, come quelle pratiche, quelle dinamiche conflittuali (o contrattuali) «accomplies des sujets multiples et disparates» in grado di «créer des physionomies et des groupes sociaux» (Ceruttti 2015, p. 947).

5 Lucassen – Zürcher 1998; Zürcher 2013.

6 Il riferimento è alla nota (e dibattuta) “Rivoluzione militare”. Si veda a questo proposito Roberts 1956; Parker 1976; Black 1991; Rogers 1995; Lynn 1997.

7 Lucassen – Zürcher 1998, p. 406, 411-416.

8 Per un’ampia trattazione del tema delle clientele e dei patronati nell’Europa dell’età moderna rimando ai saggi raccolti nel numero monografico di Cheiron: Maczak – Romani 1986.

9 Il riferimento è alla nota riflessione di Weber secondo cui lo stato moderno e le sue istituzioni si sarebbero rette su una classe di tecnici di provenienza rurale impiegata nel moderno apparato burocratico, cosa che avrebbe bilanciato e a lungo andare sostituito il potere detenuto in età medievale dall’aristocrazia (Weber 1968, p. 217-226, p. 956-1005).

10 Lucassen – Zürcher 1998, p. 412.

11 Ivi, p. 409.

12 Parrott 2012.

13 Rabà 2013; 2014; 2015; 2016.

14 Rabà 2016, p. 12-13.

15 Ivi, p. 13.

16 Dattero 2002. Per quanto riguarda il Seicento si veda anche Buono 2009.

17 Rovinello 2013.

18 Per quanto riguarda la Repubblica di Venezia rimando a Rossi 1969; Pezzolo 1981; Pezzolo 1983; Hale 1990, p. 188-208; Perini 1995; January – Knapton 2007, p. 61-72; Ongaro 2017a, p. 39-42; Ongaro 2017b. In merito al caso svedese si veda invece Glete 2002. Milizie rurali si trovano poi nello Stato Pontificio (Brunelli 1995), nella Repubblica di Genova (Musso 1986; Calcagno 2010, p. 468-472), nello Stato di Milano (Dalla Rosa 1991; Pedretti 2006) e nel Piemonte sabaudo (Barberis 1988; De Consoli 1999).

19 Pezzolo 1981, p. 425; Hale 1990, p. 196-197.

20 Hale 1990, p. 195.

21 Ibid.

22 Il salario variava a seconda di vari fattori. Innanzitutto del ruolo svolto all’interno delle milizie; ufficiali, tamburi e portatori dell’insegna ricevevano un salario più elevato, così come verso la metà del XVI secolo gli archibugieri ricevevano 12 soldi al giorno, 18 i picchieri e 24 i moschettieri (Pezzolo 1983, 76 n.). Nel corso dei decenni il salario aumentò, e furono le stesse comunità rurali spesso ad aggiungere pagamenti extra, soprattutto quando si trattava di convincere gli uomini ad arruolarsi in anni di guerra – quando dunque si prevedeva il servizio attivo al fronte.

23 Il numero passa dai 20 000 uomini alla fine del 1560 ai 34 000 degli anni ’20 del Seicento, senza considerare i riservisti (il cui numero è indefinito ma sicuramente di gran lunga superiore a quello dei miliziani ordinari), January – Knapton 2007, p. 28 e 81.

24 In generale su questi temi a livello europeo si veda Menant – Jessenne 2007 e Aparisi Romero – Royo Pérez 2014. Non vi sono lavori specifici sul caso veneto, rimando pertanto ad alcuni accenni in Ongaro 2011; Ongaro 2017c. Considerato poi lo stretto legame tra stratificazione sociale ed economia rurale, si veda anche il recente volume Panjek – Larsson – Mocarelli 2017.

25 Anche la nascita dei Corpi Territoriali non è prerogativa veneta ma caratterizza molte realtà della penisola italiana. Per quanto riguarda il caso della Serenissima si veda in generale Del Torre 1986; Zamperetti 1987. Scrive Pezzolo che «Le milizie del contado possono essere affidabili proprio perché i distrettuali hanno interesse a sostenere un’autorità che si ponga […] al di sopra del perenne conflitto tra città e campagna» (Pezzolo 1983, p. 62).

26 Su questo argomento le ricerche sono ancora piuttosto scarse, con l’eccezione dei lavori di Andrea Savio sul Vicentino (Savio 2017; 2017b).

27 Si vedano ad esempio le liste degli arruolati nelle comunità del Vicentino nel 1637 (ACSc, b. 69, fasc. 299, cc. non numerate) e nel 1662 (ACSc, b. 69, fasc. 293, cc. non numerate). Un’altra lista per la stessa provincia riguarda Malo (ACMa, Processi, b. 1668-1680, fasc. 1668-1670, alla data 12 marzo 1668), mentre altri rolli sono stati individuati nella provincia di Brescia in Valle Camonica (ACVc, Fondo Putelli, b. 13 fasc. 1; b. 38, reg. 1; fasc. 1; fasc. 2; fasc. 3; b. 37 fasc. 1; b. 41, fasc. 13) e a Gavardo, dove gli appartenenti alla milizia sono indicati nelle liste dei membri del consiglio della comunità (ACGv, b. 24, cc. 2 r.-12 r.; b. 25, cc. 2 r.-11 v.; b. 26, cc. 1 r.-5 v.; b. 27, cc. 2 r.-13 r.; b. 28, cc. 2 r.-11 v.; b. 29, cc. 2 r.-14 r.; b. 30, cc. 2 r.-11 r.; b. 31, cc. 1 r.-12 v.; b. 33, cc. 12 r.-25 r.; b. 34, cc. 1 r.-9 v.; b. 35, cc. 2 r.-11 v.; b. 36, cc. 2 r.-10 v.; b. 37, cc. 1 r.-12 r.; b. 41, cc. 1 r.-10 v.; b. 42, cc. 1 r.-9 v.).

28 ACSv, b. 6, c. non numerata, alla data 9 maggio 1638. È il contrario di quanto sembra avvenire ad esempio nel Genovese, dove, secondo Calcagno, «i gradi di capitano e di caporale sono sgraditi ai più» (Calcagno 2010, p. 472).

29 ACSc, b. 9, fasc. 10, cc. 125 v.-126 r.

30 ACMd, Provisiones 1610-1615, cc. 162 v.-163 r., 249 r.-250 v.

31 ACBe, b. 4, reg. 2, cc. 5 r.-v., 42 r.-v.

32 Ivi, cc. 11 v.-12 r.

33 Pezzolo 2011; January – Knapton 2007, p. 62; Savio 2017a, p. 24-27.

34 ASVe, Senato, Dispacci, Dispacci dei Rettori, Vicenza e Vicentino, b. 11, alle date 3 gennaio, 31 gennaio, 12 marzo e 2 aprile 1618 (documenti citati in Ongaro 2017a, p. 77-78). Sulle milizie confinarie di inizio Seicento si veda Hale 1990, p. 206-207; Ongaro 2017a, p. 76-78.

35 Pezzolo 1983, p. 70. Stando a quanto afferma Hale, nel Bresciano invece il comando delle milizie nel 1566 era affidato al nobile di Brescia Geronimo Martinengo (Hale 1990, p. 198). Dinamiche analoghe – compresenza di élites rurali e nobiltà cittadina come ufficiali delle milizie – si riscontrano anche in Lombardia dove «non solo i soldati semplici, ma gli stessi ufficiali provenivano da famiglie delle varie provincie e, soprattutto nel caso delle cariche più elevate […] erano esponenti della nobiltà o dei patriziati» (Pedretti 2006, p. 182-183). Sempre in merito al caso Lombardo si veda anche Dalla Rosa 1991, p. 35-40, 56.

36 Zürcher 2013, p. 18.

37 Pezzolo 1981, 426; Hale 1990. Questo avveniva anche negli altri stati, come descritto ad esempio da Dalla Rosa per la Lombardia (Dalla Rosa 1991, p. 91-92, 101-104).

38 Rabà 2016, p. 15; Pedretti 2006, p. 183-184; Dalla Rosa 1991, p. 56, 95-101; Calcagno 2010, p. 472; Brunelli 1995, p. 111, 117-118.

39 Pezzolo 1981, p. 424; Pezzolo 1983, p. 71; Hale 1990, p. 188, 194-195, 200; Rossi 1969, p. 185; January – Knapton 2007, p. 65; Ongaro 2017a, p. 42, p. 132.

40 Rabà 2016, p. 160.

41 Pezzolo 1983, p. 71; Hale 1990, p. 203; January – Knapton 2007, p. 6; Ongaro 2017b, p. 26; Savio 2017, p. 25.

42 Con il termine rollo ci si riferisce alle liste in cui erano elencati gli uomini arruolati (sia nelle truppe di terra che nella flotta).

43 ASVe, Capi del Consiglio dei Dieci, Dispacci dei Rettori e Pubblici Rappresentanti, b. 225, n. 13, cc. 1 r.-v.

44 Ongaro 2017b, p. 27. In generale, gli assembramenti di contadini a scopi militari sembrano essere forieri di eventi di questo genere; sempre nel 1594 l’esattore di Cogollo del Cengio – ancora nel Vicentino – durante la descrizione dei miliziani e dei galeotti tenutasi a Schio sparò al Decano (una sorta di Sindaco) del suo comune, reo a suo dire di averlo estratto come guastatore destinato ai lavori alla fortezza di Palmanova in Friuli (ASVe, Capi del Consiglio dei Dieci, Dispacci dei Rettori e Pubblici Rappresentanti, b. 254, n. 345, c. 1 r.). Non si tratta anche in questo caso di una prerogativa della Repubblica di Venezia, dato che anche in altre realtà statali l’ambito militare poteva fungere da catalizzatore – oltre che da causa – di «gelosie e rivalità personali o familiari» (Polverini Fosi 1985, p. 178, citato in Brunelli 1995, p. 118).

45 Ongaro 2017, p. 134-135. Analoghi conflitti riguardanti l’esenzione fiscale goduta dai miliziani ed altri ambiti sono riportati anche in Pezzolo 1983, p. 78-79, e per lo Stato Pontificio in Brunelli 1995, p. 117-120.

46 ACGv, b. 40, c. 48 r.

47 ACMd, Provisiones 1610-1615, c. 326 v.

48 Lucassen – Zürcher 1998, p. 417-418.

49 Ivi, p. 418. Riferimenti alla «popular cooperation and resistance» agli obblighi militari si trovano anche in Zürcher 2013, p. 39-41.

50 Esempi – numerosi – di diserzioni e fughe durante la Guerra di Gradisca, il primo conflitto vero e proprio in cui furono impiegate le milizie rurali (Hale 1990, p. 204-205; Vigato 1994; Gaddi – Zannini 2008; Gaddi 2012), si trovano in ACGv, b. 50, cc. 12 v.-13 v. e in ASVe, Senato, Dispacci, Dispacci dei Rettori, Brescia e Bresciano, b. 16, alle date 9 marzo 1616, 28 dicembre 1616; b. 17, alla data 29 maggio 1617. In quest’ultima missiva il Capitano di Brescia riferisce dell’ordine ricevuto di «sollecitar il ritorno al campo dei soldati sudditi, venir al castigo de gl’innobedienti, et assicurarsi nei beni di cadauno per cento ducati almeno a conto del cavallo, e delle armi».

51 Elemento che ritroviamo anche a proposito delle milizie pontificie (Brunelli 1995, p. 111).

52 ASVe, Senato, Dispacci, Dispacci dei Rettori, Brescia e Bresciano, b. 49, alle date 26 giugno e 31 agosto 1647.

53 Pezzolo 1981, p. 430.

54 January – Knapton 2007, p. 93.

55 Pezzolo 1983, p. 69; Ongaro 2017b, p. 25.

56 Tutta la vicenda è descritta in Ongaro 2017a, p. 83-84.

57 Un discorso analogo potrebbe essere fatto anche per quanto riguarda la strutturazione del fisco e di altri ambiti di intervento “statali”.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Giulio Ongaro, « Il lavoro militare fra XVI e XVII sec.: contadini-soldato nella Repubblica di Venezia tra subordinazione e agency  », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines, 131-1 | -1, 15-27.

Référence électronique

Giulio Ongaro, « Il lavoro militare fra XVI e XVII sec.: contadini-soldato nella Repubblica di Venezia tra subordinazione e agency  », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En ligne], 131-1 | 2019, mis en ligne le 30 juin 2019, consulté le 19 février 2020. URL : http://journals.openedition.org/mefrim/5880 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefrim.5880

Haut de page

Auteur

Giulio Ongaro

Università degli Studi di Milano “Bicocca” – giulio.ongaro@unimib.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals