Navigation – Plan du site
L’empreinte domestique du travail, XVIe-XXIe siècle
Apprentissage et domesticité

Domestici e agricoltura capitalista. Relazioni di lavoro e di potere nelle campagne lombarde della prima età moderna

Matteo Di Tullio
p. 87-97

Résumés

Questo articolo analizza il ruolo dei servitori nel mondo rurale lombardo della prima età moderna, quando in molte parti della bassa pianura si stavano sperimentando importanti trasformazioni agrarie. Pur trattandosi di un processo ancora in itinere, la conduzione dei poderi assumeva ormai chiari caratteri capitalistici, dove pochi grandi affittuari (i fittabili) organizzavano il lavoro di molti braccianti salariati giornalieri. In ragione di questi cambiamenti, questo articolo si propone di considerare come e se cambiò la diffusione dei domestici rurali in Lombardia e quali mansioni svolsero nel contesto di questa evoluzione capitalista. In altri termini, si tratta di comprendere quale fu la funzione dei servi in queste economie e quali le loro relazioni di lavoro e di potere nei confronti dei conduttori dei fondi e degli altri lavoratori.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Di Tullio 2009a; 2009b; 2014; 2016. A questi lavori mi riferisco per tutti i dettagli qui omessi p (...)
  • 2 Cipolla 1957; De Maddalena 1958; Chittolini 1978; Roveda 1979; Chiappa Mauri 1985; Cafagna 1989.
  • 3 Si veda, ad esempio, Di Tullio 2017.
  • 4 Giusto a titolo di confronto, si vedano De Maddalena 1965; Sella 1982; Faccini 1988; Corritore 199 (...)

1Questo articolo analizza il ruolo del lavoro servile nel mondo rurale lombardo, prendendo le mosse da alcuni studi già condotti sui contesti agrari, sulle forme di conduzione dei fondi, sulle strutture famigliari e sulle varie professioni agricole1. Nella Lombardia della prima età moderna si stavano già sperimentando diversi processi di trasformazione in senso capitalistico dell’agricoltura nella bassa pianura tra Ticino e Adda. Lungi dall’essere compiuta, questa metamorfosi aveva il suo cuore pulsante nelle aree più prossime al capoluogo ambrosiano, mentre nel resto della «bassa» il fenomeno si era diffuso a macchia di leopardo, e fu il prodromo della cosiddetta «rivoluzione agraria» in Lombardia2. Va inoltre considerato che queste innovazioni avevano potuto prendere corpo grazie al capitale d’origine mercantile, finanziaria e commerciale accumulato e continuamente accresciuto dai ceti urbani (comprese le istituzioni religiose e caritativo-assistenziali3) che proprio nel Cinquecento pigiarono sull’acceleratore di un processo tradizionale di reinvestimento nella terra e che per le specificità lombarde si rivelarono più come oculate forme d’investimento, che quali pratiche d’immobilizzo della ricchezza4. Si trattava, infatti, di capitali dirottati su poderi continuamente migliorati e sui quali si sperimentavano processi produttivi all’avanguardia, con prodotti che, oltre a soddisfare le necessità di una delle aree più densamente popolate e urbanizzate d’Europa, potevano essere anche facilmente commerciate sul resto dei mercati italiani e d’oltralpe. Si consideri, infine, che lo specifico sviluppo della pianura lombarda s’integrava perfettamente con i caratteri socioeconomici rintracciabili nel resto dello Stato di Milano, che, muovendo verso settentrione, includeva vaste aree di pianura asciutta, che lasciavano spazio alle aree collinari pedemontane e infine ad un altrettanto esteso territorio montuoso. Proprio questa eterogeneità territoriale, oltre che la dissimile avanzata della citata «rivoluzione agraria», favoriva realtà rurali, strutture demografiche e specializzazioni nel lavoro agricolo anche piuttosto differenti, che si sintetizzano di seguito. Una volta tratteggiati i diversi contesti, si affrontano, nello specifico, due questioni principali. In primis si cerca di comprendere il più dettagliatamente possibile chi fossero, che attività svolgessero e da dove provenissero i famuli e le fantesche che prestavano servizio nelle campagne lombarde. Fornite queste coordinate, si prova a stabilire quale fosse il loro rapporto con il capofamiglia e le plurime figure di lavoratori che ruotavano attorno al podere, per comprendere quale posizione occupassero i domestici, entro quale gerarchia si collocassero le loro mansioni e, in senso più generale, quale fosse la loro funzione in un contesto rurale in profonda evoluzione verso forme dal carattere sempre più marcatamente capitalista.

Caratteri del mondo rurale lombardo

  • 5 ASM, FC, parte antica, cartelle 13 a, b e c. Il valore dei censimenti milanesi di metà Cinquecento (...)
  • 6 Beonio-Brocchieri 2000, p. 228, tab. 26.
  • 7 Dalla Zuanna et al. 2012.
  • 8 Di Tullio 2011.
  • 9 Per ulteriori dettagli rimando a Di Tullio 2016.

2Gran parte delle considerazioni che seguono sono basate sull’analisi di una serie di censimenti redatti negli anni ’30 e ’40 del Cinquecento5. Si tratta di documenti prodotti per scopi fiscali, che indagano sotto vari aspetti i territori che componevano lo Stato di Milano. La documentazione è disomogenea, sia tra una rilevazione e l’altra, sia tra i vari fascicoli delle diverse rilevazioni. Tuttavia, vi sono alcuni elementi comuni che permettono di incrociare tra loro queste fonti. In particolare, questi censimenti risultano interessanti per lo studio della demografia dello Stato, essendo piuttosto ricchi d’informazioni relative alla composizione degli aggregati domestici e alle professioni. In alcuni casi si tratta di censimenti molto completi, che permettono di ricostruire le strutture famigliari nella loro interezza, riportando anche le età dei censiti, in altre la redazione è più sintetica. Purtroppo non tutti i fascicoli redatti originariamente si sono conservati, nondimeno, è possibile dedicarsi allo studio di un’area piuttosto omogenea che comprende il territorio che dalla città di Milano si estende verso l’arco alpino, coprendo sia territori di pianura, sia distretti collinari. Considerando la disponibilità delle fonti e la loro struttura, è stato possibile focalizzarsi su un territorio esteso di oltre tre milioni di pertiche (circa 200.000 ettari), che rappresenta circa il 50 % dell’intero territorio del contado di Milano, il cosiddetto Ducato, e circa il 18 % di tutto lo Stato di Milano. Non si conservano i fascicoli di tutte le località di questo territorio, ma se accettiamo come valida la stima che il contado di Milano, attorno al 1550, avesse circa 270.000 abitanti6, il nostro campione – su fonti che certamente sottostimano la popolazione7 e non riguardano la totalità delle famiglie di ognuna di queste località8 – dovrebbe aggirarsi attorno al 20 % dell’intera popolazione del Ducato, e certamente un po’ meno di quella dell’intero Stato di Milano9.

3Tra i vari lavoratori agricoli citati in questi censimenti, quelli che ricorrono in tutti i casi sono i massari e i braccianti. I primi erano affittuari di poderi medio-grandi, solitamente in possesso di buona parte dei mezzi di produzione (manodopera, sementi, animali, attrezzi) e sottoposti a contratti parziari in natura. Si trattava di lavoratori che conducevano il podere ricorrendo prevalentemente alla manodopera famigliare, pur non mancando l’ausilio tanto dei giornalieri quanto dei domestici. Per queste ragioni, sebbene in un contesto nel quale la famiglia nucleare era sempre dominante, tra i massari si registrano diversi aggregati domestici multipli (co-residenze di genitori e figli o di fratelli) o estesi e la loro propensione economica era maggiormente vocata alla riproduzione, più che alla commercializzazione dei prodotti. Il loro status, tuttavia, aveva caratteri significativamente differenti mano a mano che si scende dall’altopiano verso la bassa pianura. Le differenze sono riscontrabili non solo nelle strutture famigliari e nella dimensione degli appezzamenti lavorati, quanto soprattutto nelle forme contrattuali cui erano sottoposti (da parziarie a fisse e da natura a denaro).

4Al contrario, risulta piuttosto stabile la condizione dei braccianti, pur mutando la loro consistenza nelle varie parti del territorio. Il bracciante era un salariato che prestava la propria attività nei poderi più grandi, soprattutto durante le fasi di maggiore intensità di lavoro nell’annata agricola, tanto presso le famiglie massarili, quanto nelle possessioni a maggiore vocazione commerciale. Si deve comunque considerare che, ancora a metà Cinquecento, il bracciante abbinava l’attività prestata giornalmente o stagionalmente a quella condotta autonomamente su un piccolo appezzamento preso in affitto. Tali caratteristiche rendevano la condizione di bracciante molto simile a quella di pigionante. Questi ultimi erano affittuari di fondi medio-piccoli, diffusi in particolare nelle aree collinari e nella pianura asciutta, che integravano il loro magro reddito svolgendo direttamente o facendo svolgere a propri famigliari diverse attività giornaliere presso i poderi più grandi o le botteghe e manifatture locali. Rispetto ai massari di quelle zone, il pigionante affittava poderi più piccoli, ma soprattutto non possedeva altro mezzo di produzione che il lavoro, il che rendeva la loro condizione molto più precaria e in subordine rispetto al proprietario del fondo. Tanto tra i braccianti quanto tra i massari era piuttosto diffusa la famiglia nucleare, i cui membri, oltre all’attività in famiglia, erano coinvolti in attività di servizio domestico e lavoro giornaliero, sia in agricoltura che nelle manifatture.

  • 10 Sarebbe impossibile riassumere in questa sede l’ampia produzione in merito, pertanto si rimanda al (...)

5Nelle aree di pianura irrigua, invece, era già largamente diffusa la presenza di fittabili, vale a dire di grandi affittuari cui la storiografia ha attribuito il ruolo di promotori della trasformazione capitalistica delle campagne lombarde10. A metà Cinquecento, i fittabili, tuttavia, avevano ancora un carattere ibrido in molta parte del territorio lombardo, non distinguendosi quasi per nulla dai massari. Affittavano più o meno fondi di medesime estensioni, erano sottoposti a forme contrattuali molti simili, possedevano gli stessi mezzi di produzione. In alcuni casi era il pagamento di un canone in denaro a definire la differenza, in altri era il ruolo d’intermediario tra il proprietario dei fondi e altri massari a segnarne lo status superiore. Solo in poche aree della bassa pianura, tuttavia, il fittabile aveva caratteri definiti e diversi dal massaro, che tendeva a scomparire. In questi casi la società rurale si presentava semplificata ma anche maggiormente polarizzata: pochissimi affittuari di grandissime estensioni davano lavoro a una riserva quasi infinita di braccianti senza terra. Si tenga comunque presente che non in tutta la bassa pianura si affermò un modello capitalistico d’agricoltura nel medesimo tempo. Fu anzitutto, come già ricordato, la bassa tra Ticino e Adda, comprendente buona parte dei territori di Milano, Pavia e Lodi, a manifestare in modo precoce e profondo queste trasformazioni (fig. 1).

Fig. 1 – Lo Stato di Milano dopo la pace di Cateau-Cambrésis (1559).

Fig. 1 – Lo Stato di Milano dopo la pace di Cateau-Cambrésis (1559).

Mappa GIS realizzata da Davide De Franco.

  • 11 Roveda 1987.

6Il quadro delle principali professioni agricole lombarde può essere completato dai bergamini, vale a dire gli allevatori transumanti che con le loro mandrie si spostavano ripetutamente dal piano alle montagne e viceversa. Questi allevatori s’inserivano perfettamente sia nelle economie di montagna che in quelle di pianura e proprio questa centralità e duttilità gli permise di accumulare ingenti ricchezze, tanto in denaro quanto sotto forma di mandrie sempre più grandi. Anzi, furono proprio alcuni di questi allevatori che, per scelta e opportunità, si stabilizzarono nella bassa pianura affittando grandi aziende come fittabili11. Fra la pluralità dei contesti e delle professioni sin qui ricordate s’inserivano e intrecciavano le specificità e le attività dei domestici rurali lombardi, dei quali ci occupiamo di seguito.

Identikit dei famuli lombardi

  • 12 La questione della relazione tra lavoro domestico e indipendenza delle donne è stata oggetto di un (...)
  • 13 Per tutto quanto ricordato, rimando alla recente esaustiva sintesi di Whittle 2017. Per l’Italia s (...)

7Nella documentazione d’archivio i servitori rurali lombardi sono definiti in vario modo, anche se ricorre molto spesso l’appellativo di «famulo» per gli uomini e di «fantesche» per le donne. Si trattava di lavoratori che vivevano nella casa del loro datore di lavoro, dal quale ricevevano vitto, alloggio e un salario, spesso in denaro. A differenza degli altri salariati, occupati giornalmente, erano impiegati dalla stessa famiglia per lungo tempo, per diversi mesi o anni, garantendo gran parte dell’apporto di giornate di lavoro necessarie alle economie rurali d’età preindustriale. Svolgevano questo servizio soprattutto i giovani, d’entrambi i sessi, prima di sposarsi e formare un nuovo aggregato domestico. Erano un elemento centrale di quel contesto socioeconomico, giacché la loro attività poteva influire sulle dinamiche demografiche, agendo sull’età media al matrimonio e quindi sulla fecondità. L’attività svolta al di fuori dal nucleo famigliare d’origine poteva essere occasione, inoltre, per acquisire (e far circolare) conoscenze e competenze, per famigliarizzare con il risparmio, oltre che per fare esperienze più o meno indipendenti di lavoro salariato, altrimenti difficili da fare, soprattutto per le donne12. La loro ampia diffusione in Europa, pur con caratteri diversi nelle varie regioni, ha reso i domestici oggetto di un ampio interesse, avviato in particolare dai seminali lavori di Peter Laslett e John Hajnal13.

  • 14 Oltre ai già citati lavori di chi scrive, si vedano per la pianura d’età moderna Beonio-Brocchieri (...)
  • 15 Tra gli anni ’50 e ’80 del Novecento, la storia dell’agricoltura è stata al centro dei più innovat (...)
  • 16 Gallo 1572; Tarello 1975. Per un inquadramento sulle loro opere si rimanda a Sereni 1958 e all’int (...)

8Questa attenzione, cha ha coinvolto anche l’Italia, non ha riguardato in modo significativo le campagne lombarde14, che pure sono state uno degli ambiti privilegiati d’indagine nel periodo d’oro della storia agraria italiana15. I famuli lombardi, in altri termini, sono rimasti nel silenzio, così com’è flebile la voce che trapela dalle carte d’archivio. Sfogliando, ad esempio, le sempre ricche ed esaustive filze notarili, i famuli – in quanto tali – sono del tutto assenti, mancando qualsiasi riferimento a patti di lavoro o accordi d’apprendistato. Questa assenza si estende alla trattatistica del tempo, anche piuttosto innovativa e rilevante (si pensi ad Agostino Gallo e Camillo Tarello16), dove i famuli vengono richiamati sommariamente, senza alcuna specifica sulla loro qualifica, condizione o mansione. Le poche informazioni – alle quali mi sono rifatto anch’io in diversi studi già citati e sulle quali baso le considerazioni proposte in questa sede – trapelano dalle fonti ecclesiastiche, in particolare dagli stati delle anime, o da altre rilevazioni di stato, come i censimenti di «bocche e biade» o quelli per la rilevazione delle «bocche da sale».

  • 17 Beonio-Brocchieri 2000, p. 142.
  • 18 Flandrin 1984; Laslett 1988; Reggiani 1989; Mitterauer 1990; Arru 1993.

9Stante queste lacune documentarie non c’è da meravigliarsi che gli studi sul famulato lombardo siano scarsi, pur con alcune interessanti eccezioni. Tra queste, basandosi sugli status animarum di alcune pievi del contato di Milano, redatti negli ultimi decenni del Cinquecento, Vittorio Boenio-Brocchieri descrive la realtà della pianura lombarda come fortemente determinata dai servitori rurali, seppure la loro presenza fosse limitata rispetto ad altre aree d’Europa17. Dalla sua analisi emerge una presenza di famuli che tende a diventare più significativa mano a mano che si scende dalle terre alte verso le pianure, secondo un circuito di reclutamento che passava dall’ambito parentale e locale ad uno su scala «regionale» ed extra-famigliare. In pianura, si rileva inoltre un crescente tasso di mascolinità, che sembra sottendere la progressiva specializzazione verso il servizio agricolo, a discapito di quello domestico, e una maggiore adesione al modello di servizio domestico giovanile, rispetto al long-life service (fig. 2)18.

Fig. 2 – Genere (asse y) e incidenza (% sul totale della popolazione – asse y’) dei famuli in alcune pievi del contado di Milano a fine Cinquecento.

Fig. 2 – Genere (asse y) e incidenza (% sul totale della popolazione – asse y’) dei famuli in alcune pievi del contado di Milano a fine Cinquecento.

Elaborazione M. Di Tullio, da Beonio-Brocchieri 2000, p. 224, tab. 18.

  • 19 Beono-Brocchieri 2000, p. 142-145.

10Secondo quello studio, il ruolo dei domestici era talmente rilevante che lo stesso equilibrio economico delle famiglie lombarde veniva determinato dalla loro presenza, oltre che dalle dinamiche demografiche interne. In altri termini, il movimento dei famuli tra le famiglie e tra i diversi ceti rurali permetteva di riequilibrare la disponibilità di terra (la dimensione del podere condotto), rispetto alla composizione del nucleo dell’unità di consumo e di lavoro (l’aggregato domestico). In questa prospettiva, i famuli si muovevano prevalentemente dalle famiglie di braccianti e pigionanti verso quelle dei massari, in collina e nella pianura asciutta, oppure dei fittabili, nella bassa pianura19.

  • 20 Delille 1992, p. 110.
  • 21 Doveri 1993.
  • 22 Leverotti 2001.
  • 23 Gioia 2004, p. 52-56.

11Questi caratteri, per altro, non dovevano essere esclusiva della Lombardia del tardo Cinquecento, come messo in evidenza da altri studi per altri contesti. Nel villaggio piacentino di San Pietro in Cerro del secondo Cinquecento, il famulato era pratica piuttosto diffusa tra i giovani (19-30 anni) figli di braccianti, che esercitavano l’attività presso le famiglie dotate di maggiore proprietà, anche della stessa località. I famuli lasciavano il servizio attorno ai 25 anni, quando fondavano una nuova famiglia20. L’età dei famuli sembra essere più bassa nella Toscana del Sei-Settecento, dove si concludeva il servizio prima dei vent’anni e anche in questo caso si svolgeva l’attività nelle immediate vicinanze, se non addirittura nel proprio villaggio21. Qualcosa di simile è stato ricostruito anche per la Lomellina pavese di metà Quattrocento22. Sempre in ambito lombardo, anche se all’interno dei confini della Repubblica di Venezia, qualche interessante considerazione è offerta da uno studio sistematico delle campagne del piano bergamasco nell’ultimo quarto del Cinquecento. Secondo questo studio, i domestici rappresentano il 4% della popolazione, collocandosi prevalentemente tra i 10 e 24 anni (fig. 3) e svolgendo servizio presso le famiglie massarili e di fittabili. Si consideri, inoltre, che nella area più fertile tra le zone analizzate da questo studio (quella della roggia Morletta) i famuli rappresentavano una quota rilevante dei giovani maschi, vale a dire quasi il 10% dei ragazzi tra 0 e 14 anni, il 19% dei giovani fra i 15 e i 19 anni e, infine, il 31% di quelli tra 20 e 24 anni. In questo studio si propone, per di più, una classificazione dei domestici in base alla diversa denominazione registrata negli stati delle anime, che permette grossomodo di distinguere tra le funzioni svolte (tab. 1). Stando a quanto registrato dai sacerdoti, la stragrande maggioranza dei domestici svolgeva mansioni legate all’attività agricola («famigli, fantesche, massare, boveroli»), solo due su 167 erano deputati specificamente alla cura della casa e della persona («governatrice, balia») mentre la restante parte era più genericamente indicata con l’appellativo di «servo»23.

Fig. 3 – Composizione per età di servi e famuli nella pianura bergamasca (1574).

Fig. 3 – Composizione per età di servi e famuli nella pianura bergamasca (1574).

Elaborazione M. Di Tullio, da Gioia 2004, p. 56.

Tab. 1 – Tipologia di domestici nella pianura bergamasca (1574).

Tipo di servizio Quantità
Famiglio/Fantesca/Massara/Boverolo 132
Servo/a 33
Balia/Governatrice 2
Totale 167

Elaborazione M. Di Tullio, da Gioia 2004, p. 56.

12Qualcosa di simile è riscontrabile anche dall’analisi dei già citati censimenti degli anni ’30 e ‘40 del Cinquecento. La ricchezza d’informazioni di questi censimenti permette di contribuire in almeno tre direzioni principali. Anzitutto è possibile stimare l’incidenza dei famuli sul complesso della popolazione, rilevando una significativa maggiore presenza dei domestici nella pianura (circa il 9%) rispetto alle aree collinari (3,6%). Si può inoltre considerare la diversa presenza dei famuli in rapporto alla tipologia famigliare, così come all’estensione del podere lavorato. Si riscontra una crescente incidenza di famuli per aggregato domestico mano a mano che ci si muove dalle terre alte alle pianure. Più ci si sposta dalla pianura asciutta a quella irrigua, inoltre, maggiore era la concentrazione dei famuli nelle famiglie di fittabili, che tendevano sempre più a dividere l’elemento caratteristico dell’agricoltura capitalistica lombarda, in un rapporto duale con la vasta massa di braccianti salariati giornalieri. Inoltre, l’annotazione delle età dei famuli e delle fantesche in alcuni fascicoli del censimento (anche se purtroppo solo per l’area collinare) permette di ricostruire la piramide delle età dei servitori e la loro distribuzione fra i sessi (fig. 4).

Fig. 4 – Composizione per età dei famuli e delle fantesche nella Lombardia di metà Cinquecento (Pievi di Angera, Brebbia, Varese e Valcuvia; 1540 ca.).

Fig. 4 – Composizione per età dei famuli e delle fantesche nella Lombardia di metà Cinquecento (Pievi di Angera, Brebbia, Varese e Valcuvia; 1540 ca.).

Elaborazione M. Di Tullio, dal database formato per Dalla Zuanna et al. 2012.

  • 24 Dalla Zuanna et al. 2012, p. 298.

13Nelle pievi analizzate, i famuli erano equamente divisi fra maschi e femmine e la maggior parte svolgeva l’attività tra il 10° e il 30° anno d’età. Il servizio maschile terminava prima dei vent’anni e questo è in linea con l’età media al matrimonio rilevata per quelle pievi, dove gli uomini si sposavano a 23,7 anni e diventavano capofamiglia meno di un anno dopo (24,4)24. Anche in questo caso, nonostante il carattere collinare di queste zone, sembra che i famuli fossero in prevalenza giovani e che lasciassero il proprio nucleo d’origine per svolgere un lavoro utile ad accumulare qualche risorsa per formare la propria famiglia. Va tuttavia rilevato che, almeno in questa parte di Lombardia, questo schema si adatta meglio ai maschi, che iniziavano il servizio più giovani e presumibilmente soprattutto in campo agricolo. Le donne, invece, continuavano l’attività anche dopo il 30° anno d’età e si può supporre che si trattasse soprattutto di addette al servizio domestico, che per scelta o necessità non avevano contratto matrimonio, rimanendo a svolgere il proprio lavoro come fantesche fino a tarda età.

14Di là da queste considerazioni, ad ogni modo, una simile circolazione del lavoro domestico all’interno del mondo rurale, non solo agricolo, era molto diffusa nella Lombardia del Cinquecento, soprattutto nelle aree di pianura. È, infatti, piuttosto semplice supporre che l’avanzato sistema agrario della pianura richiamasse molti giovani dalla collina, così come dalla montagna, anche se non mancano esempi di famuli e fantesche che operavano il proprio servizio nelle famiglie non dedite al settore primario. Come già sottolineato, nelle pievi di pianura – ricordando che in questi censimenti mancano dati sistematici sulle località della «bassa» – i famuli rappresentavano circa il 9% della popolazione. In questo caso, inoltre, il rapporto tra maschi e femmine era di gran lunga a favore dei primi (circa il 65%), che appunto prestano servizio maggiormente per le attività agricole.

  • 25 Beonio-Brocchieri 2000, p. 145.
  • 26 Leverotti 2001.

15Questa costante presenza, così come le differenze geografiche, di mansione e di genere spingono a chiedersi quale fosse la provenienza sociale e geografica di questi servitori. Le scarse informazioni riportate sulle fonti documentarie rendono piuttosto difficile fornire una risposta esaustiva, anche se alcuni elementi interessati sono forniti dalla letteratura. Si è già avuto modo di ricordare che la gran parte degli autori attribuisce ai famuli alcune caratteristiche sociali specifiche, vale a dire la provenienza da famiglie bracciantili e di pigionanti, in direzione delle famiglie massarili o dei fittabili. Su questo aspetto ritornerò nella conclusione, anche perché per discutere questo assunto risulta ora più interessante porre l’accento sulla provenienza geografica dei domestici. Lo schema generalmente proposto è quello di una circolazione locale e parentale nelle aree di montagna e di collina, mentre in pianura, soprattutto nella bassa irrigua, il bacino di riferimento doveva essere molto più ampio25. In uno studio sulla comunità di Castelnuovo Bocca d’Adda, nella bassa lodigiana, alla confluenza tra i fiumi Adda e Po, l’eccezionale ricchezza della documentazione ha permesso di ricostruire la provenienza dei famuli ospitati nelle varie famiglie. Si tratta di un «compartito» redatto per la ripartizione delle truppe, che prevedeva la compilazione di un censimento di tutti gli uomini tra 12 e 70 anni, con indicazione tanto del nome di battesimo, quanto della provenienza dei famuli. I famuli registrati in questo documento sono in totale cinquanta, equamente divisi tra locali e forestieri. Dei famuli originari di Castelnuovo, nove lavoravano nella stessa località, mentre gli altri prestavano servizio nelle campagne circostanti. I forestieri che avevano trovato impiego a Castelnuovo provenivano in prevalenza da località vicine e solo pochi arrivavano dal Tortonese e dal Novarese. Pur trovandosi in una località della bassa pianura lodigiana, insomma, il bacino di provenienza e attività dei servitori era prevalentemente locale, ma non per questo l’attività domestica era marginale, importando oltre l’11 % dei censiti26.

  • 27 Ibid.
  • 28 Di Tullio 2009b.
  • 29 Roveda 1979.
  • 30 Roveda 1987.
  • 31 Jacini 1996, p. 186-187.

16Proprio l’articolo appena citato permette di provare a definire le mansioni svolte dai famuli nell’ambito delle attività agricole e in pianura. Più che il retaggio di una corvée dal sapore antico, infatti, il famulo della pianura lombarda si caratterizzava per l’importante lavoro svolto nella cura degli animali. Analizzando la Lomellina di metà Quattrocento, infatti, Leverotti rileva una forte presenza di famuli in famiglie numerose e di grandi affittuari, ma soprattutto una stretta relazione tra possesso di animali e presenza di famuli. Da questo studio emerge che le famiglie con famuli avevano almeno un capo di bestiame grosso (buoi o vacche) ogni due persone, mentre nelle famiglie prive di forza-lavoro esterna si registrava un capo di bestiame ogni sei abitanti27. Simili relazioni sono state riscontrate analizzando i censimenti di metà Cinquecento, soprattutto tre le famiglie dei fittabili della media e bassa pianura28. L’importanza del lavoro svolto dai famuli nelle grandi possessioni della bassa pianura è sottolineata anche dagli studi di Roveda, che non solo conferma l’occupazione stabile dei famuli rispetto all’impiego giornaliero dei braccianti, ma ribadisce anche loro specializzazione nella cura degli animali29. Non è un caso, allora, se i famuli erano impiegati fin dal Quattrocento anche dai bergamini che attraversano la Lombardia con le loro mandrie30. Questa relazione tra famuli e allevamento, del resto, sembra essere una costante di lunghissima durata, stando a quanto riportato da Stefano Jacini nel suo famoso studio sulle condizioni dei lavoratori agricoli, redatto a metà Ottocento. In quella sede s’identificano i famuli con coloro che esercitavano le incombenze fondamentali delle aziende della bassa pianura, dedicandosi nello specifico alla cura degli animali dal latte. Proprio in ragione di ciò, erano i contadini meglio retribuiti, con un tenore di vita migliore rispetto a quello degli operai di città, soprattutto se avevano anche «diritto alla zappa» (vale a dire a qualche forma di compartecipazione nella distribuzione dei prodotti)31.

In conclusione: servizio e potere

  • 32 Sarti 2017a; 2017b.
  • 33 Per praticità, rimando alla recente sintesi di Whittle 2017.

17Da quanto fin qui riportato, sembra delinearsi un modello di famulato italiano – sul quale si è tornati anche di recente32 –, svolto in un ambito geografico piuttosto ristretto, per un periodo relativamente breve della gioventù, con un’influenza solo marginale sull’età al matrimonio. La questione non è di poco conto se si tiene in considerazione che la relazione tra modello matrimoniale europeo e specifiche dinamiche economiche ha catalizzato buona parte del dibattito storico economico degli ultimi decenni33. Sulla singolarità europea, e soprattutto nord-europea, si è inserita la ricerca sui domestici rurali giacché i servi erano parte integrante fondamentale del cosiddetto «European Marriage Pattern», vale a dire quel sistema caratterizzato dalla predominanza di famiglie nucleari, dalla tarda età al matrimonio, dalla costruzione di un nuovo nucleo famigliare dopo il matrimonio e dalla circolazione di giovani tra le famiglie in qualità di servi, che ottenevano così competenze e qualche sostanza utile a costituire un proprio nucleo famigliare. Proprio a partire da queste premesse vorrei proporre alcune brevi riflessioni conclusive sul ruolo e il potere dei domestici nel contesto agrario lombardo.

18Anzitutto mi sembra necessario sfumare l’interpretazione piuttosto rigida che individua nei ceti più poveri la provenienza dei famuli. Su questo aspetto, proprio analizzando i censimenti di metà Cinquecento, ho avuto invece occasione di argomentare che la circolazione dei domestici lombardi aveva un carattere circolare, più che mono o bi-direzionale. Infatti, a fianco del più classico movimento dalle famiglie più povere a quelle ricche, si riscontra anche un notevole movimento all’interno delle famiglie massarili. Questa pratica, effettivamente, gli permetteva di rendere meno rigido il rapporto tra manodopera/consumatori e terra disponibile, soprattutto tenendo conto delle inevitabili fluttuazioni dei raccolti. In altri termini, i massari potevano avere un certo interesse a mandare i propri figli (in toto o in parte) a prestare servizio presso altri poderi e accogliere nel proprio aggregato domestico alcuni servitori. In caso di necessità, dovuta allo spostamento su un altro fondo o a dei cattivi raccolti, diveniva più semplice fare a meno dei propri domestici, piuttosto che trovarsi nella necessità immediata di trovare un lavoro per i propri figli. In quest’ultimo caso, probabilmente, i figli non avrebbero potuto far altro che accontentarsi di qualche giornata di lavoro, che non avrebbe garantito per nulla gli introiti e la sicurezza del famulato e che sarebbe stata comunque molto più improbabile per le donne.

19Se consideriamo, inoltre, il corto raggio entro il quale si muovevano i famuli, tanto in collina quanto in pianura, non è difficile immaginare che il servizio domestico rurale avesse un suo valore collettivo, che andava oltre le esigenze della singola famiglia. Il famulato si presentava, in effetti, come un sistema vantaggioso per tutti, che produceva efficienza a livello generale: lo era per i giovani – che acquisivano competenze e indipendenza; lo era per le donne, che difficilmente potevano accedere ad altre forme di lavoro salariato; lo era per i massari, che facevano uscire figlie e entrare famuli; lo era altresì per i fittabili, che potevano così disporre per un certo numero di anni di lavoratori fissi specializzati da affiancare ai giornalieri; lo era per la società nel complesso, che riusciva così a gestire questa grande mobilità all’interno di un sistema rigido come quello esclusivo, patriarcale e cetuale delle società rurali preindustriali.

20Come già ricordato il progressivo ingrandirsi dei poderi e il noto processo d’integrazione tra agricoltura e allevamento tese a definire e a garantire una funzione specifica per i famuli, che per altro affiancavano l’affittuario nella gestione ordinaria del podere. Soprattutto nelle grandi aziende, il fittabile doveva destinare una parte sempre maggiore del suo tempo agli aspetti gestionali-manageriali, dovendo affidare quasi esclusivamente ad altri lo svolgimento di attività specifiche, come la cura del crescente numero di animali. Tutti questi aspetti hanno certamente influito sulla definizione del ruolo dei famuli e, in senso lato, sull’acquisizione di un loro potere specifico nei poderi, via via che la loro professionalità diveniva una peculiarità poco diffusa e si affermava il modello di podere capitalista, basato sul sempre maggiore ricorso ai salariati giornalieri. Questa specializzazione e questo specifico ruolo dei famuli, si badi bene, era tuttavia ancor in uno stato embrionale nella prima età moderna, quanto la centralità di questo istituto risedeva ancora pienamente nel richiamato valore collettivo che incarnava. Il fatto che gran parte dei giovani dovesse ricorre a questa attività per acquisire competenze e qualche sostanza, rendeva ogni famulo come prodotto di una comunità, che ne condivideva e sosteneva gli obiettivi. Proprio per questa ragione, i famuli non entrano a far parte della comunità locale che li ospitava in quanto soggetti singoli, ma solo come membri della famiglia che li accoglieva, sottoposti al loro capofamiglia e alle sue prerogative vicinali. È forse per queste ragioni che i famuli non stipulavano contratti di lavoro né di apprendistato e nelle fonti sono registrati per la loro mansione, non con la loro identità. Compaiono con qualche appellativo in più solo nelle fonti ecclesiastiche, perché la cura d’anime, soprattutto in tempo di Controriforma, evidentemente lo richiedeva.

  • 34 Anche nel caso francese, nel secondo Novecento la storiografia si è dedicata particolarmente alla (...)

21Questo essere impalpabili, lungi dall’esprimere inconsistenza, era perfettamente in sintonia con gli elementi di forza dei domestici rurali, giacché la loro condizione era interpretata come temporanea, necessaria alla formazione e alla crescita e pertanto come responsabilità della società degli adulti, dei capifamiglia, che accoglievano – direttamente o come membri della società locale – i famuli, proprio mentre lasciavano partire i propri figli – naturali o in quanto nati in quella comunità – per svolgere questo servizio. Sarà solo al tramonto dell’età moderna, con il progressivo affermarsi della «rivoluzione agricola» che questi princìpi inizieranno ad affievolirsi. La crescente scomparsa dei massari nella bassa pianura, il diffondersi di attività proto-industriali nell’asciutta e nelle aree pedemontane, la proletarizzazione delle masse contadine, così come i processi di transizione demografica sono alcuni degli aspetti che fecero venir meno la funzione collettiva del famulato. Come in altre parti d’Europa, ad esempio in Francia, si assiste ad una transizione da un modello «paternalistico» ad uno basato principalmente sul calcolo economico, evidente tanto tra i servitori urbani che tra quelli rurali. Si assiste altresì ad una progressiva specializzazione dei servizi tra i sessi, con un crescente tasso di mascolinità tra i servitori rurali, soprattutto nelle aree della grande affittanza capitalistica34. In questo nuovo contesto allora, come già accennato, i famuli fecero leva sul loro know-how di allevatori, fatto di pratiche plurisecolari, per ricollocarsi nel mondo rurale lombardo, andando ad occupare una posizione tutt’altro che marginale, tanto nei confronti dei sempre più facoltosi conduttori del fondo, quanto degli altri salariati stagionali o giornalieri che ormai affollavano la bassa pianura.

Haut de page

Bibliographie

Archivi

ASM, FC = Archivio di Stato di Milano, Fondo Censo.

Bibliografia primaria

Gallo 1572 = A. Gallo, Le vinti giornate dell’agricoltura et de’ piaceri della villa, Venezia, Borgomineri, 1572.

Tarello 1975 = C. Tarello, Ricordi d’agricoltura, edizione a cura di M. Berengo, Torino, Einaudi, 1975, ed. originale: 1565.

Bibliografia secondaria

Alfani 2014 = G. Alfani, Peasants and rural population in early modern Italy, in History Compass, 12-1, 2014, p. 62-71.

Arru 1993 = A. Arru, Il Servo. Storia di una carriera nel Settecento, Bologna, 1993.

Beonio-Brocchieri 2000 = V. Beonio-Brocchieri, «Piazza universale di tutte le professioni del mondo». Famiglie e mestieri nel Ducato di Milano in età spagnola, Milano, 2000.

Besta 1932 = E. Besta, I censimenti milanesi di Francesco II Sforza e di Carlo V, in Atti del Convegno internazionale per gli studi sulla popolazione, Roma, 1932, p. 577-586.

Boudjaaba 2014 = F. Boudjaaba (a cura di), Le travail et la famille en milieu rural, XVIe-XXIe siècle, Rennes, 2014.

Boudjaaba – Herment 2017 = F. Boudjaaba, L. Herment, Travail domestique et travail salarié des enfants dans le monde rural (le canton de Marines vers 1830), in Mundo Agrario, 18-39, e068. [https://doi.org/10.24215/15155994e068].

Cafagna 1989 = L. Cafagna, La “rivoluzione agraria” in Lombardia, in Id., Dualismo e sviluppo nella storia d’Italia, Venezia, 1989, p. 31-112.

Cattini – Romani 1987 = M. Cattini, M.A. Romani, Tendenze e problemi della storiografia agraria europea negli ultimi quarant’anni (1945-1984), in Rivista di storia dell’agricoltura, 27-1, 1987, p. 25-52.

Chiappa Mauri 1985 = L. Chiappa Mauri, Riflessioni sulle campagne lombarde del Quattro-Cinquecento, in Nuova Rivista Storica, 1-2, 1985, p. 123-130.

Chittolini 1978 = G. Chittolini, Alle origini delle “grandi aziende” della bassa lombarda, in Quaderni Storici, 39, 1978, p. 828-844.

Chittolini 1989 = G. Chittolini, La pianura irrigua lombarda fra Quattrocento e Cinquecento, in Annali dell’Istituto Alcide Cervi, 10, p. 207-221.

Cipolla 1957 = C.M. Cipolla, Per la storia delle terre della “bassa” lombarda, in Studi in onore di Armano Sapori, Milano, 1957, vol. I, p. 665-672.

Corritore 1993 = R.P. Corritore, Il processo di “ruralizzazione” in Italia nei secoli XVII-XVIII. Verso una regionalizzazione, in Rivista di storia economica, 10, 1993, p. 353-386.

Dalla Zuanna et al. 2012 = G. Dalla Zuanna, M. Di Tullio, F. Leverotti, F. Rossi, Population and family in central and northern Italy at the dawn of the Modern Age. A comparison of fiscal data from three different areas, in Journal of Family History, 37-3, 2012, p. 284-302.

De Maddalena 1958 = A. De Maddalena, Contributo sulla storia dell’agricoltura della bassa lombarda. Appunti sulla possessione di Belgioioso (sec. XVI-XVIII), in Archivio Storico Lombardo, 1958, p. 165-183.

De Maddalena 1964 = A. De Maddalena, Il mondo rurale italiano nel Cinque e nel Seicento, in Rivista Storica Italiana, LXXVI, 1964, p. 549-626.

De Maddalena 1965 = A. De Maddalena, L’immobilizzazione della ricchezza nella Milano spagnola: movimenti, esperienze, interpretazioni, in Annali di Storia economica e sociale, IV, 1965, p. 39-72.

De Moor – Van Zanden 2010 = T. De Moor, J.L. van Zanden, Girl power: the European marriage pattern and labour markets in the North Sea region in the late medieval and early modern period, in Economic History Review, 63-1, 2010, p. 1-33.

Delille 1992 = G. Delille, “Massari” et “braccianti” dans l’Italie des XVIe-XVIIIe siècles, in G. Da Molin (a cura di), La famiglia ieri e oggi. Trasformazioni demografiche e sociali dal XV al XX secolo, Bari, 1992, vol. I, p. 105-127.

Dennison – Ogilvie 2014 = T. Dennison, S. Ogilvie, Does the European marriage pattern explain economic growth, in Journal of Economic History, 74-3, p. 651-693.

Di Tullio 2009a = M. Di Tullio, La famiglia contadina nella Lombardia del Cinquecento: dinamiche del lavoro e sistemi demografici, in Popolazione e Storia, 1, 2009, p. 19-37.

Di Tullio 2009b = M. Di Tullio, Rese agricole, scorte alimentari, strutture famigliari. Le campagne dello stato di Milano a metà Cinquecento, in G. Alfani, M. Barbot (a cura di), Ricchezza, valore, proprietà in età preindustriale (1400-1850), Venezia, 2009, p. 293-318.

Di Tullio 2011 = M. Di Tullio, La ricchezza delle comunità. Guerra, risorse e cooperazione nella Geradadda del Cinquecento, Venezia, 2011.

Di Tullio 2014 = M. Di Tullio, Dynamiques du travail et ménages paysans dans la Lombardie du XVIe siècle, in F. Boudjaaba (a cura di), Le travail et la famille dans le monde rural (16-21e siècles), Rennes, 2014, p. 35-52.

Di Tullio 2016 = M. Di Tullio, Popolazione, mestieri e mobilità del lavoro, nella Lombardia del Cinquecento, in G. Alfani, A. Carbone, B. Del Bo, R. Rao (a cura di), La popolazione italiana del Quattrocento e Cinquecento, Udine, 2016, p. 99-114.

Di Tullio 2017 = M. Di Tullio, Usi, abusi e conflitti attorno alle possessioni dei luoghi pii milanesi tra tardo medioevo ed età moderna, in L. Righi (a cura di), Storie di frodi. Intacchi, malversazioni e furti nei Monti di pietà e negli istituti caritatevoli tra Medioevo ed Età moderna, Bologna, 2017, p. 181-199.

Doveri 1993 = A. Doveri, “Padre che ha figliuoli grandi fuor li mandi”. Una prima valutazione sulla diffusione e sul ruolo dei “garzoni” nelle campagne pisane dei secoli XVII e XVIII, in La popolazione delle campagne italiane in età moderna, Bologna, 1993, p. 427-450.

Faccini 1988 = L. Faccini, La Lombardia fra ‘600 e ‘700. Riconversione economica e mutamenti sociali, Milano, 1988.

Flandrin 1984 = J.-L. Flandrin, La famiglia. Parentela, casa, sessualità nella società preindustriale, Milano, 1984.

Gioia 2004 = C. Gioia, Lavoradori et brazenti, senza trafichi né mercantie. Padroni, massari e braccianti nel Bergamasco del Cinquecento, Milano, 2004.

Hayhoe 2012 = J. Hayhoe, Rural domestic servants in eighteeth-century Burgundy: demography, economy and mobility, in Journal of Social History, 46-2, 2012, p. 549-571.

Hayhoe 2017 = J. Hayhoe, Rural servants in eastern France 1700-1872: change and continuity over two centuries, in J. Whittle (a cura di), Servants in rural Europe. 1400-1900, Woodbridge, 2017, p. 149-165.

Jacini 1996 = S. Jacini, La proprietà fondiaria e le popolazioni agricole in Lombardia, ed. F. Della Peruta, Milano, 1996.

Larsimont Pergameni 1948-1949 = E. Larsimont Pergameni, Censimenti milanesi dell’età di Carlo V. Il censimento del 1545-1546, in Archivio Storico Lombardo, aa. LXXV-LXXVI, s. VIII, vol. I, 1948-1949, p. 168-209.

Laslett 1988 = P. Laslett, Servi e servizio nella struttura sociale europea, in Quaderni Storici, 68, 1988, p. 345-354.

Leverotti 2001 = F. Leverotti, Alcune osservazioni sulle strutture delle famiglie contadine nell'Italia padana del basso medioevo a partire dal famulato, in Popolazione e storia, 2, 2001, p. 19-44.

Leverotti 2003 = F. Leverotti, Piccolo è bello, ma ignorato… Prime osservazioni su nuzialità e famiglia nel tardo Medioevo e padano, in M. Bresci, R. Derosas, P.P. Viazzo (a cura di), Piccolo è bello. Approcci microanalitici nella ricerca storico-demografica, Udine, 2003, p. 37-66.

Mitterauer 1990 = M. Mitterauer, Servants and youth, in Country and Change, 5, 1990, p. 11-38.

Reggiani 1989 = F. Reggiani, Domestici e domesticità. “Marginalità” ad un tema emergente, in Società e Storia, 43, 1989, p. 133-164.

Roveda 1979 = E. Roveda, Una grande possessione lodigiana dei Trivulzio fra Cinquecento e Settecento, in M. Mirri (a cura di), Ricerche di storia moderna, II, Pisa, 1979, p. 25-140.

Roveda 1987 = E. Roveda, Allevamento e transumanza nella pianura lombarda: i bergamaschi nel Pavese tra Quattro e Cinquecento, in Nuova rivista storica, LXXI, 1987, p. 49-70.

Sarti 2017a = R. Sarti, Rural life-cycle service: established interpretations and new (surprising) data. The Italian case in comparative perspective (sixteenth to twentienth centuries), in J. Whittle (a cura di), Servants in rural Europe. 1400-1900, Woodbridge, 2017, p. 227-253.

Sarti 2017b = R. Sarti, Criados rurales: el caso de Italia desde una perspectiva comparada (siglos XVI al XX), in Mundo Agrario, 18-39, 2017, e065 [https://doi.org/10.24215/15155994e065].

Sella 1982 = D. Sella, L’economia lombarda durante la dominazione spagnola, Bologna, 1982.

Sereni 1958 = E. Sereni, Spunti della rivoluzione agronomica europea nella scuola bresciana cinquecentesca di Agostino Gallo e di Camillo Tarello, in Miscellanea in onore di Roberto Cessi, Roma, 1958, p. 113-128.

Vitaletti 1996-1997 = S. Vitaletti, Strutture famigliari e ceti sociali nel contado milanese all’inizio del Cinquecento, tesi di Laurea, Università degli Studi di Milano, 1996-1997.

Whittle 2017 = J. Whittle, Introduction, in J. Whittle (a cura di), Servants in rural Europe. 1400-1900, Woodbridge, 2017, p. 1-18.

Haut de page

Notes

1 Di Tullio 2009a; 2009b; 2014; 2016. A questi lavori mi riferisco per tutti i dettagli qui omessi per le necessarie ragioni di sintesi, oltre che per un più esaustivo inquadramento bibliografico.

2 Cipolla 1957; De Maddalena 1958; Chittolini 1978; Roveda 1979; Chiappa Mauri 1985; Cafagna 1989.

3 Si veda, ad esempio, Di Tullio 2017.

4 Giusto a titolo di confronto, si vedano De Maddalena 1965; Sella 1982; Faccini 1988; Corritore 1993.

5 ASM, FC, parte antica, cartelle 13 a, b e c. Il valore dei censimenti milanesi di metà Cinquecento era stato rilevato già molto tempo fa da Besta (1932). In specifico, oltre che da chi scrive, il censimento di «bocche e biade» del 1545 è stato già analizzato da Larsimont Pergameni (1948-1949), mentre quelli degli anni ’30 del Cinquecento da Vitaletti 1996-1997 e Leverotti 2003.

6 Beonio-Brocchieri 2000, p. 228, tab. 26.

7 Dalla Zuanna et al. 2012.

8 Di Tullio 2011.

9 Per ulteriori dettagli rimando a Di Tullio 2016.

10 Sarebbe impossibile riassumere in questa sede l’ampia produzione in merito, pertanto si rimanda alle sintesi problematiche e storiografiche di De Maddalena 1964 e Chittolini 1989.

11 Roveda 1987.

12 La questione della relazione tra lavoro domestico e indipendenza delle donne è stata oggetto di un acceso dibattito, negli ultimi anni. In merito, si vedano De Moor – Van Zanden 2010 e Dennison – Ogilvie 2014.

13 Per tutto quanto ricordato, rimando alla recente esaustiva sintesi di Whittle 2017. Per l’Italia si vedano Sarti 2017a e 2017b.

14 Oltre ai già citati lavori di chi scrive, si vedano per la pianura d’età moderna Beonio-Brocchieri 2000; Leverotti 2001; Gioia 2004.

15 Tra gli anni ’50 e ’80 del Novecento, la storia dell’agricoltura è stata al centro dei più innovativi percorsi storiografici europei e italiani. Sarebbe impossibile sintetizzare qui, anche solo per sommi capi, una produzione amplissima, per la quale si rimanda alle sindesi di De Maddalena 1964; Cattini – Romani 1987; Chittolini 1989; Alfani 2014.

16 Gallo 1572; Tarello 1975. Per un inquadramento sulle loro opere si rimanda a Sereni 1958 e all’introduzione all’opera di Tarello curata da Marino Berengo.

17 Beonio-Brocchieri 2000, p. 142.

18 Flandrin 1984; Laslett 1988; Reggiani 1989; Mitterauer 1990; Arru 1993.

19 Beono-Brocchieri 2000, p. 142-145.

20 Delille 1992, p. 110.

21 Doveri 1993.

22 Leverotti 2001.

23 Gioia 2004, p. 52-56.

24 Dalla Zuanna et al. 2012, p. 298.

25 Beonio-Brocchieri 2000, p. 145.

26 Leverotti 2001.

27 Ibid.

28 Di Tullio 2009b.

29 Roveda 1979.

30 Roveda 1987.

31 Jacini 1996, p. 186-187.

32 Sarti 2017a; 2017b.

33 Per praticità, rimando alla recente sintesi di Whittle 2017.

34 Anche nel caso francese, nel secondo Novecento la storiografia si è dedicata particolarmente alla storia rurale, promuovendo altresì diversi studi sui servitori rurali. Sarebbe impossibile ripercorrere nel dettaglio quella produzione, per la quale rimando ai recenti lavori di Hayhoe 2012; 2017; Boudjaaba 2014; Boudjaaba – Herment 2017.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Lo Stato di Milano dopo la pace di Cateau-Cambrésis (1559).
Crédits Mappa GIS realizzata da Davide De Franco.
Titre Fig. 2 – Genere (asse y) e incidenza (% sul totale della popolazione – asse y’) dei famuli in alcune pievi del contado di Milano a fine Cinquecento.
Crédits Elaborazione M. Di Tullio, da Beonio-Brocchieri 2000, p. 224, tab. 18.
Titre Fig. 3 – Composizione per età di servi e famuli nella pianura bergamasca (1574).
Crédits Elaborazione M. Di Tullio, da Gioia 2004, p. 56.
Titre Fig. 4 – Composizione per età dei famuli e delle fantesche nella Lombardia di metà Cinquecento (Pievi di Angera, Brebbia, Varese e Valcuvia; 1540 ca.).
Crédits Elaborazione M. Di Tullio, dal database formato per Dalla Zuanna et al. 2012.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Matteo Di Tullio, « Domestici e agricoltura capitalista. Relazioni di lavoro e di potere nelle campagne lombarde della prima età moderna », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines, 131-1 | -1, 87-97.

Référence électronique

Matteo Di Tullio, « Domestici e agricoltura capitalista. Relazioni di lavoro e di potere nelle campagne lombarde della prima età moderna », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En ligne], 131-1 | 2019, mis en ligne le 30 juin 2019, consulté le 19 février 2020. URL : http://journals.openedition.org/mefrim/6001 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefrim.6001

Haut de page

Auteur

Matteo Di Tullio

Università di Pavia, Dipartimento di Studi Umanistici – matteo.ditullio@unipv.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals