Navigation – Plan du site

AccueilNuméros131-2Apprentissages, États et sociétés...Tra necessità bellica ed innovazi...

Apprentissages, États et sociétés dans l’Europe moderne

Tra necessità bellica ed innovazione tecnologica. La formazione dei «maestri di polvere» fiorentini nel Quattrocento

Fabrizio Ansani
p. 239-251

Résumés

Attraverso la documentazione delle magistrature militari fiorentine, questo saggio si propone di esaminare le carriere degli artigiani coinvolti nella manifattura della polvere da sparo, una merce essenziale per la conduzione della guerra quattrocentesca. In particolare, l’analisi si concentrerà sui diversi percorsi formativi e sulla differente cultura pratica dei vari «maestri di polvere» della Repubblica. I risultati della ricerca evidenzieranno l’impatto dei conflitti sulla crescita della domanda degli armamenti, sottolineando il ruolo dello stato nell’ampliamento della base lavorativa e nell’innovazione dei processi produttivi.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Mallett 1989; Covini 1998; Guerra 2005; Storti 2007.
  • 2 Hale 1985, p. 213-231. Si veda a tal proposito anche Belhoste 2007, p. 327-328 e 333-334.

1Nonostante gli importanti progressi degli ultimi anni, la storiografia militare italiana sembra ancor oggi trascurare l’esistenza di un indissolubile intreccio fra produzione manifatturiera e guerra rinascimentale. Privilegiando la prospettiva politica e la dimensione culturale, le recenti analisi dell'apparato bellico quattrocentesco hanno infatti trascurato i problematici costi di gestione degli eserciti, incluso, ovviamente, il munizionamento delle truppe1. In tal senso, le interessanti indicazioni di John Hale sull’impatto economico dei conflitti della prima età moderna non paiono aver trovato alcun riscontro, nonostante la consapevolezza dell’esistenza di una cospicua domanda di beni di consumo militare, spinta da una straordinaria mobilitazione di risorse nello sviluppo di nuovi saperi e di nuovi mestieri2.

  • 3 Caferro 2008, p. 170-178; Goldthwaite 2009, p. 400-401; Stumpo 2008, p. 196.
  • 4 Robert 1956; Parker 1996; De Vries 1992; Rogers 1995; De Crouy-Chanel 2016.
  • 5 Calegari 2004, p. 9-14; Dattero – Levati 2006, p. 9-11; Pezzolo 2006, p. 15-59.

2Non è un caso, dunque, che studiosi come Richard Goldthwaite, William Caferro ed Enrico Stumpo abbiano più volte sollecitato un’indagine approfondita della spesa militare degli stati regionali, ribadendone sia la natura «perpetua», sia le ricadute virtuose3. In attesa di nuovi sviluppi, resta forte il ritardo accumulato nei confronti della ricerca anglosassone e transalpina, valorizzata anche da una riflessione costante sulle conseguenze sociali, istituzionali e finanziarie della diffusione delle armi da fuoco e della comparsa dei forti bastionati4 – uno scarto, questo, che ha finito per marginalizzare le peculiarità italiane nel lungo dibattito internazionale sulla cosiddetta «rivoluzione militare» europea, incentrato proprio sull’interpretazione di tematiche tecnologiche e di materie economiche di non secondaria importanza5.

  • 6 Panciera 2005. Per una bibliografia aggiornata, si veda Ansani 2017c, p. 183-187.
  • 7 Melis 1972, p. 302 e 304; Bianchessi 1998, p. 572-582; Ansani 2016, p. 12-13; Merlo 2016, p. 81-83
  • 8 Baraldi e Calegari, 2001, p. 93-119.

3Solo recentemente il «governo» delle artiglierie pare aver suscitato un qualche interesse fra i medievisti ed i modernisti della Penisola, ampliando le prospettive dei pioneristici studi di Cesare Quarenghi, Carlo Montù ed Angelo Angelucci6. Tuttavia, al di là di queste sporadiche aperture, poco o nulla si continua a sapere, ad esempio, della produzione e della compravendita dell’indispensabile salnitro, nonostante il coinvolgimento di alcune fra le più importanti banche dell’epoca7. E lo stesso potrebbe dirsi, sorprendentemente, del commercio e dell’utilizzo dei metalli, sebbene non sia mai scemato l’interesse storico ed archeologico verso i siti minerari. Un caso a parte è forse rappresentato dallo studio del complesso siderurgico estense di Fornovolasco, frutto di un progetto politico e mercantile piuttosto ambizioso per l’epoca8.

  • 9 Leydi 2007, p. 171-190; Frangioni 1983, p. 195-200; Malaguzzi Valeri 1923, p. 29-41; Motta 1914, p (...)
  • 10 Gille 1972; Long 2011.

4Con queste premesse, non stupisce che anche noti fabbricanti di rinomate «munizioni» abbiano goduto, negli ultimi tempi, di una scarsa considerazione. Certo, le armature dei corazzai lombardi hanno riscontrato un modesto successo fra gli storici dell’arte, attratti dall’iconografia di esemplari «rondelle» e di lussuosi «petti» da parata. Gli economisti, però, dal canto loro, non hanno mai tentato di esplorare sistematicamente le ordinazioni in massa dei prodotti milanesi e bresciani, il mercato di seconda mano di questi «beni durevoli», o i traffici a medio e a lungo raggio di merci ritenute, a giusta ragione, «difficili»9. In generale, insomma, una certa disattenzione sembra affliggere il «vastissimo esercito di pratici» agli ordini della committenza statale, fatta eccezione per alcuni celebri ingegneri, fra i quali spiccano indubbiamente i nomi di Francesco di Giorgio Martini, Leonardo da Vinci, Mariano Taccola e Vannoccio Biringuccio10.

  • 11 Biringuccio 1558, fol. 152r.

5Lo scopo di questo saggio sarà, quindi, l’approfondimento dei saperi e delle esperienze di alcune fra le figure più interessanti del Rinascimento, e cioè i produttori di polvere da sparo, i «maestri» di quella letale mistura che, proprio allora, iniziava a cambiare profondamente l’arte della guerra, poiché «nessuna cosa terrena è, che dal potente vigore di questa, vinta o grandemente offesa non sia»11. In particolare, si proverà a descrivere la cultura empirica, le metodologie specialistiche e gli strumenti lavorativi di questa manodopera, nel più ampio contesto politico ed economico della Firenze quattrocentesca. Lo spoglio della documentazione delle magistrature militari repubblicane rivelerà infatti i diversi percorsi formativi degli artigiani, la loro capacità di adattamento all’innovazione tecnologica, l’influenza delle autorità sulla trasmissione della conoscenza e l’impatto della guerra sulle necessità della manifattura e dell’impiego. Ricostruendo le scelte e gli orientamenti dei Dieci di Balìa e degli Otto di Pratica, infine, sarà possibile esaminare la gestione statale della manifattura degli armamenti, un’industria completamente slegata dalle prescrizioni statutarie delle corporazioni.

I «maestri di polvere», imitatori dei «più formidabili effetti del cielo»

  • 12 Molho 1995, p. 97-135; Najemi 2006, p. 191; Pezzolo 2014, p. 293-297.
  • 13 Hale 1987, p. 232-233; Caferro 2008, p. 198-200.
  • 14 ASF, Arte dei medici e speziali, reg. 4, fol. 20v e 44r.

6In riva all’Arno, i primi decenni del secolo erano stati segnati da un aumento senza precedenti della spesa militare, con pesanti ricadute sull’intera economia cittadina. Le protratte ostilità contro i milanesi avevano portato ad un incremento eccezionale del debito pubblico, ad un ricorso sproporzionato ai prestiti a breve termine, e, soprattutto, al passaggio ad un sistema impositivo regolare, basato sulle rendicontazioni del catasto12. Se il prelievo fiscale era stato recessivo per l’intero sistema finanziario, per il settore manifatturiero le somme stanziate dal governo per l’approvvigionamento dell’esercito si erano rivelate tutt’altro che improduttive13. Falegnami, fabbri, merciai, corazzai ed altre «genti mezzane» avevano anzi beneficiato a lungo delle commesse statali. A sfruttare maggiormente le nuove possibilità di guadagno erano stati alcuni fra gli speziali della capitale, incaricati dai Dieci di Balìa della produzione di polvere da sparo: così come stabilito dagli statuti dell’arte, questo gruppo professionale deteneva infatti l’esclusiva sulla lavorazione dello zolfo e del salnitro, due dei tre principali componenti della miscela14.

  • 15 Astorri 1988, p. 391.
  • 16 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 1, fol. 133r; ASF, Catasto, fil. 80, fol. 99r-101r.
  • 17 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 2, fol. 113r-114r; ASF, Dieci, Debitori, reg. 15, fol. 137v.
  • 18 ASF, Dieci, Debitori, reg. 19, fol. 46v; ASF, Dieci, Deliberazioni, reg. 42, fol. 131r; ASF, Dieci(...)
  • 19 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 7, fol. 477v-478r; ASF, Dieci, Deliberazioni, reg. 48, fol. 130r; ASF, (...)

7Due famiglie, in particolare, avevano saputo coniugare la fabbricazione degli esplosivi con le tradizionali attività di preparazione e di vendita delle erbe aromatiche, dei farmaci, dei cosmetici, delle vernici, dei saponi, delle colle15. Attraverso la loro opera, i Barducci avrebbero contributo alla difesa ed all’espansionismo dello stato fiorentino per più di ottanta anni. Già nel 1429, al tempo dell’assedio di Lucca, Lorenzo di Stagio aveva realizzato diverse tonnellate di propellente per le truppe gigliate16. La guarnigione di Anghiari, nel 1440, era stata rifornita da suo fratello, Giovanni di Stagio17. Fra il 1467 ed il 1495, la produzione era stata continuata da Stagio di Lorenzo, che, grazie alla sua instancabile attività di competente artigiano, era riuscito ad accumulare una discreta fortuna immobiliare, guadagnandosi inoltre la nomina a vicario di Anghiari, la designazione a capitano del cassero di Arezzo e l’elezione al Priorato18. Console dell’arte e membro dei Dodici Buonuomini era stato infine il suo erede, Giovanni di Stagio, anche lui «maestro di polvere» della Repubblica sul finire del secolo19.

  • 20 ASF, Dieci, Debitori, reg. 16, fol. 46r.
  • 21 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 8, fol. 12r; ASF, Dieci, Debitori, reg. 19, fol. 44v; ASF, Dieci, Miss (...)
  • 22 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 8, fol. 167v-168r.
  • 23 ASF, Arte dei medici e speziali, reg. 10, fol. 50r.

8L’ingresso dei Formiconi sul mercato era stato più tardo, e dettato dall’incombente pericolo di un’invasione aragonese. Nel 1453, Simone di Giorgio aveva avviato una modesta produzione di miscela, integrando gli ingenti quantitativi già forniti dall’officina dei Barducci20. Il suo unico discendente, Giovanni di Simone, avrebbe incrementato questo giro d’affari in maniera sostanziosa, lavorando alacremente per più di trent’anni, nonostante il frequente coinvolgimento nell’amministrazione pubblica come vicario del Mugello e come console della Mercanzia. In qualità di «seduto» fra i Priori e fra i Gonfalonieri di Compagnia, aveva inoltre avuto modo di partecipare assiduamente alle ristrette «consulte e pratiche» della Signoria, esprimendosi anche sul fatto che «la virtù consiste circa il difficile»21. Agli inizi del Cinquecento, due dei suoi figli, Antonio e Priore, poco più che ventenni, avevano venduto allo stato quasi dieci tonnellate di materiale22. Il primogenito, Simone, badava invece, perlopiù, al solo «esercitio» di famiglia23.

  • 24 Astorri 1989, p. 39-42.
  • 25 ASF, Arte dei medici e speziali, reg. 9, fol. 32r, 42v e 59r.
  • 26 ASF, Arte dei medici e speziali, reg. 4, fol. 24v; ASF, Arte dei medici e speziali, reg. 10, fol.  (...)

9Ognuno di questi «maestri di polvere», dunque, poteva fare affidamento su di una lunga tradizione dinastica, al pari di molti altri speziali fiorentini24. I Barducci, specialmente, tramandavano i propri saperi di generazione in generazione fin dal Trecento, e numerosissimi, fra i discendenti del capostipite, Barduccio di Ottavante, erano stati i maestri appartenenti all’arte25. Del resto, come previsto dagli statuti corporativi, a favorire l’ammissione de «il figliuolo per il padre» e de «il nipote di figliuolo» era anche il cosiddetto «beneficio», la completa gratuità dell’immatricolazione indispensabile all’esercizio della professione26.

  • 27 Landucci 1450-1516 (1969), p. 1.
  • 28 da Faie 1409-1469 (1997), p. 61.

10Una tale continuità aveva garantito la conservazione delle metodologie ed il perfezionamento delle tecniche per più di un secolo, nei laboratori di entrambe le famiglie. I giovani avevano avuto molto da imparare dai loro parenti, assimilando nel tempo i «segreti» riguardanti la distillazione delle erbe officinali, la padronanza della medicina, la composizione delle spezie, la cura dell’orto, la conoscenza dei fiori, l’uso degli strumenti per stillare droghe e balsami, o degli attrezzi per pesare e misurare. All’osservazione ed alla ripetizione di queste pratiche si accompagnava anche l’insegnamento della contabilità e dell’«abaco»27. E «quel mestero non se podea fare se no per vivore de la letera», che è «sì grande besogno»28.

11I regolamenti corporativi, di norma, prevedevano un periodo di apprendistato di almeno tre anni, riservato forse più agli adolescenti che ai bambini, dati i poco stringenti limiti d’età:

  • 29 Ciasca 1922, p. 180-182.

Ciascuno maestro dell’arti predette e ciascuna d'esse possi e a lui sia lecito discepolo o discepoli pigliare e tenere a imparare la sua arte in quel modo, pacti e salario, che a lui parrà e co’ loro si converrà, dummodo esso discepolo non sia di maggiore età di venticinque anni, e no lo piglino in minore tempo e termino di tre anni, sotto la pena di lire cinque di piccioli per ogni maestro contra faccente […].
Et che ogni discepolo, che si porrà con alcuno maestro delle dette arti o d’alcuna d’esse, o altri per lui, prometta e dia mallevadore di lire trenta di piccioli, per instrumento per mano del notaio delle dette arti, da essere scripto nella presenza de’ consoli predetti o d’alcuno di loro, di stare con tale maestro e servirlo nel ministero o arte per lo detto tempo di tre anni, e di salvare e ghuardare e beni, mercantie e cose del decto maestro, e di ciascun'altro, che alle suoi mani perverranno, con buona fede, senza frode29.

  • 30 Ait 1996, p. 85-98.
  • 31 De Vivo 2013, p. 129-142.

12Era abbastanza ovvio, però, che un simile lasso di tempo fosse fin troppo esiguo per poter padroneggiare una professione complessa, per poter essere «ben istruito nell’arte, e non un rozzo novellino». A molti ragazzi era richiesto un ulteriore, lungo tirocinio in bottega, durante il quale il maestro trasmetteva un’esperienza pratica di significativa importanza, coniugandola con una consistente preparazione teorica30. Nel fondaco, l'esperienza del discepolo si sarebbe arricchita anche attraverso i contatti con una vasta e variegata clientela, composta da medici, viaggiatori, magnati, pittori, che facevano della farmacia un punto di osservazione privilegiato per la raccolta di notizie e di nozioni31.

  • 32 Hall 1997, p. 67-104; Panciera 2007, p. 306-321.
  • 33 Biringuccio 1558, fol. 150r-151v.

13Con la propria cultura ed il proprio metodo, i Barducci ed i Formiconi si erano così approcciati alla fabbricazione della polvere da sparo. Sebbene fossero esperti nella lavorazione di molte sostanze chimiche, è probabile che la manifattura dell’esplosivo presentasse loro diversi problemi, a partire dalle materie prime32. Il salnitro grezzo, ad esempio, doveva essere raffinato attraverso un accorto procedimento di filtrazione e bollitura, affinché fosse utilizzabile, perché «da quello dipende ogni forza», e «si ricerca che ‘l sia di buona sorte», e «che sia puro et netto et di natura potente»33.

  • 34 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 1, fol. 127v; ASF, Dieci, Munizioni, reg. 5, fol. 5v.
  • 35 ASF, Dieci, Missive, reg. 10, fol. 83v; ASF, Otto, Deliberazioni, reg. 1, fol. 33rv.
  • 36 ASF, Dieci, Entrata, reg. 13, fol. 192r.
  • 37 Biringuccio 1558, fol. 153v; Martini 1490-1494 (1841), p. 249.

14A fornire il «nitro» era la Signoria stessa, che abitualmente lo acquistava sulla piazza genovese, napoletana e romana, anche attraverso la mediazione di imprenditori ed ambasciatori34: solo eccezionalmente veniva concessa agli artefici la possibilità di valutare la merce direttamente nei luoghi di produzione o nei centri di commercio, ma sempre in nome e per conto degli ufficiali35. Lo zolfo, «volterrano» e «citrino», poteva essere invece acquistato dall’artigiano presso i vari sensali dell’arte o da altri rivenditori locali, come i merciai36. Al «maestro di polvere» spettava infine la scelta del carbone, optando fra quello del salice, del nocciolo, della vite, dell’alloro, del sambuco, «et in somma tutti quei che sono fatti di legname dolce con midollo assai, et che sia sottile e giovane». In ogni caso, era necessario che tutti e tre i materiali non presentassero alcuna «acquea umidità, contraria alla complessione della polvere»37.

  • 38 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 7, fol. 509r; ASF, Dieci, Entrata, reg. 13, fol. 193r.
  • 39 Biringuccio 1558, fol. 153v.

15Ricevuti i componenti, il pratico poteva finalmente iniziare la produzione della miscela, tutto «a hogni sua spesa e pericholo»38. Dopo avere eliminato dai minerali ogni «terrestreità grossa», lo speziale procedeva alla loro macinazione, un’operazione che, agli inizi del secolo, poteva essere effettuata unicamente «a braccia, con certi mulinetti» e mortai, all’interno dell’officina. Alla triturazione seguiva la pesatura ed il dosaggio dei materiali, forse il passaggio più importante dell’intero processo (fig. 1): dalle diverse proporzioni di queste tre «basi» dipendeva infatti l’esplosività dell’intera mistura, rendendola adatta a ciascun tipo di arma da fuoco, perché «secondo li effetti delle machine et strumenti, nelli quali adoperare la volete, è necessario farla»39:

  • 40 Ibid.

Per fare la polvere commune per artigliaria grossa, si pigli parte tre di salnitro raffinato, due di carbone di salcio, et una di solfo […]. A volere fare di quella delle artigliarie mezzane, si piglia parti cinque di salnitro raffinato, et una et mezza di carbone, et una di solfo […]. A fare quella delli archibusi et schioppi, si piglia parti dieci di salnitro, et una di carbone di vergelle di nocciolo monde, et parti una di solfo […]. Alcuni sono che, per farla migliore, mettono tredeci parti et mezzo di salnitro, due di carbone, et una et mezza di solfo40.

  • 41 Martini 1490-1494 (1841), p. 248.

16Facendo affidamento unicamente sulle sue osservazioni personali, ogni artigiano elaborava una sua ricetta, «et chi la va proportionando in modo et chi a un altro»41, più o meno correttamente:

  • 42 Ibid.

La polvere della bombarda o mortaro di libbre ducento ricerca sette parti di nitro, quattro di zolfo, e tre di carbone. La polvere delle altre bombarde minori, cortane, comuni, mezzane e spingarde richiede quattro di nitro, due di zolfo e una di carbone. Dei passavolanti, basilischi, cerbottane ed archibusi otto di nitro, tre di zolfo e due di carbone. Delli scoppietti quattordici di nitro, tre di zolfo e due di carbone42.

17Sulla questione non aveva mancato di esprimersi anche il genio di Leonardo da Vinci:

  • 43 BNE, MSS/8936, fol. 98r.

La polvere delle bombarde da ducento libre di pietra in su vole sette di salnitro, quattro di solfo e tre di carbone. La polvere de’ mezani strumenti sia di quatro di nitro, due di solfo e una di carbone. Le più minori otto di nitro, tre di solfo e due di carbone. Li scoppietti quattordici di nitro, tre di solfo e due di carbone43.

Fig. 1 – La pesatura delle materie prime in un «feuerwerkbuch» di area tedesca, risalente alla metà del Quattrocento.

Fig. 1 – La pesatura delle materie prime in un «feuerwerkbuch» di area tedesca, risalente alla metà del Quattrocento.

Leeds, Royal Armouries, Feur. 1, fol. 86v.

  • 44 Biringuccio 1558, fol. 155r.

18Il procedimento di dosaggio presentava anche varianti fantasiose: alcuni maestri si vantavano di saper produrre polvere bianca, rossa, o azzurra, con l’aggiunta del midollo del tronco di sambuco o dei petali di fiordaliso. Altri mescolavano al composto «un’oncia di mercurio» o «un quarto d’oncia di sale armoniaco», per renderlo più potente, o preferivano la tela di lino bruciata al carbone di legna44.

  • 45 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 6, fol. 106v, 110v, 112v e 115v.

19Testimonianza di una tecnologia tutt’altro che statica, questa incessante sperimentazione non sembrava però riguardare gli speziali fiorentini. Le fonti, anzi, riferiscono della fabbricazione di due sole varietà di esplosivo, fin dagli inizi del Quattrocento. La prima, la «fina», era destinata ai pezzi leggeri, come spingarde e scoppietti, in quanto la superiore quantità di salnitro e la maggiore forza propellente ne miglioravano la resa in termini di gittata e di balistica. Per un mero fatto conservativo, invece, il secondo tipo, quello «comune», era riservato alla sola carica delle bombarde: dotato di minore capacità esplosiva, esso non rompeva, né crepava, le canne dei preziosi «stormenti», riducendo altresì i rischi per i loro serventi45.

20Una volta decisa la tipologia di propellente, si passava alla mistura delle tre materie prime, attraverso un processo di «incorporazione» (fig. 2):

  • 46 Biringuccio 1558, fol. 154r.

Alcuni sono che la fanno a braccia con un pistone di leccio a una ponta di pertica, con una fune attaccata per dritto sopra un mortaro di bronzo, o di legno, facilmente si pesta. Alcuni altri sono che la pestano in un mortaro di pietra con la bocca alquanto larga con uno pistone di legno con uno manico simile a un martello, overo maglio46.

Fig. 2 – L’«incorporazione» del propellente «a braccia, con un pistone», così come rappresentata in un codice miniato tedesco della prima metà del secolo.

Fig. 2 – L’«incorporazione» del propellente «a braccia, con un pistone», così come rappresentata in un codice miniato tedesco della prima metà del secolo.

Zurigo, Zentralbibliothek, Ms. Rh. Hist. 33, fol. 66r.

  • 47 Panciera 2005, p. 119-124.

21Per ottenere la «comune», l’artigiano mescolava il carbone ed il salnitro con un bastone, cospargendo poi il tutto di zolfo, «come si fa del caseo sopra alli macharoni». Al termine della lavorazione, il composto doveva assumere un colorito nero uniforme, presentando una certa omogeneità al tatto e rivelandosi «sottile et impalpabile». La miscela, in seguito, veniva asciugata «con diligenza» e setacciata «benissimo»47.

22Se la richiesta dei Dieci o degli Otto riguardava, al contrario, una partita di «fina», occorreva inumidire nuovamente la polvere con dei liquidi. L’aggiunta di urina, acqua, vino ed aceto, infatti, permetteva di ottenere un propellente più efficace e più resistente:

  • 48 Martini 1490-1494 (1841), p. 249.

Puossi eziandio con arte e secreto la polvere lungo tempo preservare in questo modo. Piglisi aceto fortissimo e chiaro, col quale si faccia pasta della polvere, e di quella si faccia pani di quattro in otto libbre, i quali all’ombra di lascino disseccare, e, non potendo, al sole o nel forno, e così manterrà la sua perfezione gran tempo48.

  • 49 Hall 1997, p. 69-79.

23Questi «pani», o «gnocchi», venivano sbriciolati, pestati ed infine «raffinati», passandoli dentro un crivello. I piccoli grani ottenuti andavano poi asciugati, eliminando del tutto «ogni humidità» residua49.

  • 50 Panciera 2007, p. 320.

24Prima dell’immagazzinamento nelle torri della «Giustizia» e della «Notomia», o nell’arsenale dei «Lioni», non restava che verificare la qualità del prodotto. La forza esplosiva era generalmente misurata in maniera approssimativa, attraverso degli elementari metodi empirici. Ad esempio, una sfumatura molto scura del composto indicava un eccesso di carbone. Altri difetti potevano essere constatati semplicemente stringendo la polvere nelle mani. Se incendiata, inoltre, la mistura doveva «con vigore prestamente accendersi», senza lasciare residuo alcuno. Un altro indice della bontà della merce poteva essere il suono dello scoppio. A prescindere dalla prova, era indispensabile che la polvere non fosse «trista», perché «è una spesa mezza gittata, et è uno errore grande di chi la fa, o la fa fare, perché al bisogno manca degli effetti suoi»50.

  • 51 ASF, Dieci, Debitori, reg. 20, fol. 88r.
  • 52 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 5, fol. 1v-65r.

25Da questo punto di vista, la bravura, la capacità e la preparazione degli speziali erano attestate non solo dalla frequenza e dalla continuità degli ordinativi statali, ma anche dalla costante, elevata produzione delle loro botteghe. Nel 1472, al tempo della ribellione di Volterra, Giovanni di Simone Formiconi e Stagio di Lorenzo Barducci erano riusciti ad inviare in campo sette tonnellate di esplosivo in sole otto settimane51. Nei mesi successivi alla caduta del regime mediceo, nel 1495, i due avevano fornito alla Signoria ventinove tonnellate di prodotto, anche grazie all’assistenza dei loro figli52. Eppure, in tempo di guerra, simili quantità di polvere non bastavano più.

Meccanizzare, velocizzare. Gli «edifici della polvere»

  • 53 Un più ampio resoconto di queste vicende si può trovare in Machiavelli 1532, fol. 197r-214v, e Gui (...)

26Gli anni Ottanta avevano rappresentato un periodo tutt’altro che pacifico, per la Repubblica. Tra la sanguinosa repressione della congiura dei Pazzi, nel 1478, e la riconquista di Sarzana, nel 1487, le truppe gigliate erano state infatti impegnate su vari fronti, in Liguria, in Umbria, nel Lazio, in Romagna ed in Toscana. Diverse compagnie avevano militato contro la Serenissima durante la Guerra di Ferrara, fra il 1482 ed il 1484, ed un numeroso contingente fiorentino aveva appoggiato le operazioni aragonesi sul territorio pontificio, tra il 1485 ed il 1486. Un’altra importante campagna, iniziata con la presa di Città di Castello e terminata con la sconfitta di Campomorto, era stata effettuata nel 1482. La cattura di Pietrasanta aveva richiesto due spedizioni consecutive, nel 1483 e nel 148453.

  • 54 Brown 1992, p. 106-107; Brucker 1994, p. 11-15.

27Certamente più logorante era stata però la resistenza di «Marzocco» alla congiunta aggressione senese, napoletana e romana, fra il 1478 ed il 1480. A livello finanziario, questa «guerra gravissima» aveva portato l’economia in piena recessione: incapace di ripagare i suoi creditori, il Comune si era ritrovato addirittura sull’orlo della bancarotta. Anche sul campo di battaglia «non andavano le cose bene»: la difesa della Val d’Elsa, del Chianti e della Val di Chiana era stata fin troppo fiacca, e la situazione era terribilmente peggiorata dopo l’improvvida rotta del Poggio Imperiale e l’inevitabile caduta di Colle Val d’Elsa. Soltanto la risoluta decisione di Lorenzo de’ Medici di recarsi a Napoli aveva potuto salvare lo stato, «considerato quanto la città avessi bisogno di pace, non potendo difendersi per se medesima da sì potenti inimici, né volendo e’ collegati fare el debito loro»54.

  • 55 Rubinstein 1997, p. 226-232.
  • 56 Lamberini 1994, p. 407-425.

28Tanto gli insuccessi dell’esercito quanto l’insolvenza dello stato avevano evidenziato delle serie criticità nel finanziamento e nella gestione dei conflitti. Già nei mesi successivi al termine delle ostilità, il governo fiorentino aveva dovuto affrontare i pressanti problemi del debito pubblico, tentando di mettere a punto delle efficaci strategie fiscali. Nel contesto di più ampie riforme istituzionali, si era anche deciso di istituire un ufficio militare permanente, quello degli Otto di Pratica, per «vegghiare le cose importanti dello stato di fuora»55. A loro sarebbe spettata anche la supervisione di un ambizioso programma di fortificazione delle frontiere, che prevedeva ingenti investimenti nel rimodernamento dei castelli di Sarzana, Pietrasanta, Poggio Imperiale, Volterra e Monte Poggiolo56.

  • 57 ASF, Dieci, Debitori, reg. 22, fol. 30r-187r.
  • 58 ASF, Otto, Munizioni, reg. 1, fol. 15v, 32r e 40r.

29La razionalizzazione dell’organizzazione militare aveva riguardato anche il munizionamento. Nei mesi precedenti, la fabbricazione estemporanea di armamenti e la mancanza di scorte sufficienti di materie prime avevano causato non pochi problemi, quando si erano dovuti rifornire, dalla capitale, più di trecento fra borghi e città57. Grazie al nuovo coordinamento degli Otto, invece, l’approvvigionamento sarebbe stato costante, e continuato anche in tempo di pace. Il banco mediceo era diventato anche monopolista nella vendita del salnitro alla Signoria, importando ingenti quantitativi di minerale attraverso le sedi di Roma e di Napoli. Da diversi mercanti si erano invece acquistate più di cento tonnellate di rame, metallo ormai indispensabile alla fusione delle armi da fuoco di medio e grosso calibro58.

  • 59 ASF, Dieci, Missive, reg. 20, fol. 157r.
  • 60 ASF, Otto, Missive, reg. 7, fol. 209rv.
  • 61 ASF, Dieci, Entrata, reg. 10, fol. 8v, 15r e 23v. ASF, Ufficiali delle castella, reg. 29, fol. 28r (...)

30Era evidente che nelle artiglierie consistesse, ormai, «gran parte della victoria»59. I pezzi, tuttavia, consumavano settimanalmente ingenti quantità di combustibile, quando messi in opera, e gli ufficiali dovevano provvedere di continuo ad «instrumenti et maestri, in modo che se ne possa fare ogni dì quanta ne logora il campo»60. Per questo motivo la Signoria aveva scelto di rendere Pisa un importante polo produttivo di bombarde e di propellente, costruendo nella locale cittadella una fonderia e due «edifici da fare polvere», questi ultimi gestiti dal maestro Giovanni di Martino Zoppo da Modigliana. Alla metà degli anni Ottanta, queste officine producevano fino a centocinquanta chili al giorno di miscela, tutti «vantaggiatissimi»61.

  • 62 ASF, Carte Riccardi, b. 816, fasc. 98.
  • 63 ASF, Dieci, Deliberazioni, reg. 30, fol. 260v.
  • 64 ASF, Dieci, Entrata, reg. 8, fol. 74v.

31Pisa era così divenuta il centro ideale per l’«arte dell’arme», tanto da far pensare al Magnifico di potervi impiantare una manifattura di «acciai e ferrereccie» che potesse rivaleggiare con quelle lombarde62. Nel frattempo, anche nella capitale erano stati avviati i lavori per alcuni grandi opifici pubblici. Nel 1485 era stato inaugurato il «fornello del Comune», posto nel cuore stesso della città, nell’area disabitata della «Sapienza»63. Al 1483 risaliva, invece, l’apertura di una nuova «fabbrica della polvere»64.

  • 65 Franceschi 2001, p. 24-25.

32Quest’ultima «muraglia per le munizioni» era stata innalzata nell’«antiporto» di San Niccolò, sulla sponda sinistra dell’Arno, lì dove una chiusa, una «pescaia», regolava il livello del fiume, garantendo un costante approvvigionamento d’acqua a tutti i mulini della zona65. Ed era proprio un simile flusso che esigevano, per il loro funzionamento, i macchinari dell’«edificio da fare polvere» (fig. 3):

  • 66 Biringuccio 1558, fol. 154r. Si veda anche la dettagliata descrizione, più tarda, di Zonca 1607, p (...)

Alcuni sono che tal polvere le digrossano et schiacciano con macine simili a quel dell’uliviera, et alcuni la pestano con il medesimo edificio a acqua, che de tutti li modi questo è il migliore et più sicuro, et che meglio et con manco fastidio et spesa si pesti. Alcuni, che non hanno commodità dell’acque, fanno con una ruota grande adattata, che col suo stile leva più pistoni di leccio secco gravi e forti, che cascando batteno in diversi mortari di legno cavati in una trave di quercia, a quali alcuni hanno li fondi di bronzo […]. Et questi et degli altri, che si potrebbero fare, sono circa alli adattamenti per pestarla, farla sottile, et incorporarla insieme66.

Fig. 3 – Uno «stampo» per la polvere raffigurato nel «Kriegsbuch» di Philipp Monch, datato 1496.

Fig. 3 – Uno «stampo» per la polvere raffigurato nel «Kriegsbuch» di Philipp Monch, datato 1496.

Heidelberg, Universitätsbibliothek, Cod. Pal. Germ. 126, fol. 4r.

  • 67 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 7, fol. 177v; ASF, Dieci, Munizioni, reg. 9, fol. 121v.
  • 68 Hall 1997, p. 89-90.

33L’«ordigno» fiorentino, mosso da una ruota idraulica, era composto da una macina in pietra e da quattro pestoni in ferro67. Sul volgere del secolo, l’aumento vertiginoso della domanda stava dunque imponendo lo sviluppo di questi strumenti innovativi, atti a meccanizzare ed a velocizzare l’«incorporazione» del propellente68. Ma l’adozione, da parte delle autorità, di questa tecnologia, stava anche diminuendo il fabbisogno di maestranze altamente specializzate, di una manovalanza capace di governare, con l’esperienza, l’intero processo di produzione.

  • 69 ASF, Dieci, Deliberazioni, reg. 24, fol. 99v e 100v.
  • 70 ASF, Operai di palazzo, reg. 4, fol. 17r.
  • 71 ASF, Dieci, Entrata, reg. 8, fol. 63r e 165r.

34Né i Barducci, né i Formiconi, erano stati infatti coinvolti nella gestione dell’impianto. Le apparecchiature, anzi, erano state affidate ad addetti privi di specifiche competenze nella manipolazione dei minerali: il primo «maestro» della «fabrica» era stato addirittura un pellicciaio, il «vaiaio» Vittorio di Domenico Sini69. Ad affiancarlo era Piero di Zanobi, meglio conosciuto come «Zucca», fino ad allora saltuariamente impiegato come «legnaiolo» dagli Operai del Palazzo dei Priori70. La mancanza di formazione dei «chompagni maestri di fare polvere da bombarda» non ne aveva però compromesso le attività, con trenta tonnellate di composto consegnate nel giro di tre anni71.

  • 72 ASF, Dieci, Deliberazioni, reg. 35, fol. 16r e 64v.

35Solo con la ribellione di Pisa del 1494, tuttavia, la «fabrica» fiorentina aveva iniziato a lavorare a pieno regime. Nell’agosto del 1495, i Dieci di Balìa avevano pertanto stipulato una conducta pulveris col «Zucca» ed il suo nuovo socio, Jacopo di Corso, detto «Baia»; secondo i termini del contratto, i due «maestri di polvere» si impegnavano a recipere semper salnitrum ab officio, producendo la quantità e la qualità di miscela richiesta. L’appalto prevedeva anche che, per ogni trecentotrenta chili di nitrato, si ottenessero quattrocentosessanta chili di «comune», o, in alternativa, quattrocentotrenta chili di «fina». L’accordo era stato poi prorogato nel maggio del 1496, aggiungendo, in una postilla, l’obbligo di raffinare tam pulveribus quam salnitro72. Un successivo rinnovo, risalente al dicembre del 1498, imponeva agli artefici «di andare et stare dove fussi loro commesso, et di dare facto ogni mese, essendo data loro la materia», almeno quattro tonnellate e mezza di polvere.

  • 73 ASF, Dieci, Deliberazioni, reg. 46, fol. 12r.
  • 74 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 7, fol. 162r; ASF, Dieci, Entrata, reg. 30, fol. 199v.
  • 75 ASF, Dieci, Entrata, reg. 30, fol. 191rv.
  • 76 ASF, Otto, Munizioni, reg. 1, fol. 7v.

36Gli ufficiali, da parte loro, garantivano un «soldo» mensile di sei fiorini larghi di grossi «per uno», e promettevano di consegnare locum in quo possint exercere pro fienda pulvere, insieme a tutte le supellectiles actae ad dictum exercitium73. Fra queste «masserizie», oltre al macchinario per la polvere, si ritrovavano quattro caldaie di rame per la bollitura del nitrato, una stadera, due ramaioli, due imbuti, due padelle, cinque palette «per seccare el salnitro», cinque setacci ed un «vassoio», ed ancora ventuno tini, sette madie «dove si staccia la polvere», quattro bigonce «da pesare», quattordici vasi, dieci secchi, due «tafferie» e due cassoni. Non mancavano, poi, né il sapone e l’olio per la manutenzione della macina, né i barili d’aceto ed i fiaschi d’acquavite «per impastare polvere»74. All’occorrenza, i due pratici utilizzavano anche canfora, spirito, pece, vernice, acquaragia e trementina per la realizzazione di centinaia di proiettili incendiari, i cosiddetti «fuochi lavorati»75. Saltuariamente, venivano preparati in bottega anche dei giochi pirici, come le «girandole» realizzate da Piero di Zanobi in vista di alcune «grandissime» festività religiose76.

  • 77 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 6, fol. 110v; ASF, Dieci, Munizioni, reg. 7, fol. 148r; ASF, Dieci, De (...)
  • 78 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 7, fol. 139r.

37Le minacce esterne, tuttavia, lasciavano ben poco tempo alle celebrazioni dei santi. La produzione di esplosivo era stata anzi ulteriormente accelerata, quando, nell’autunno del 1496, il pericolo di un’invasione nemica era diventato più che imminente. Per provvedere alla raffinazione del salnitro, e per «raconciare» il propellente «guasto, cativo», si era dovuto persino assoldare un nuovo maestro: dopo una «pruova di polvere», la preferenza dei Dieci era caduta su Bartolomeo di Ventura Banchini, un falegname che, negli anni precedenti, aveva fornito all’esercito diversi carri per le artiglierie e numerose «inceppature d’archibusi»77. Agli inizi del 1497, lavoravano nella «munizione dell’antiporto della porta a San Nicholò» anche due garzoni, Marco di Santi e Bartolomeo di Marco78.

  • 79 ASF, Dieci, Debitori, reg. 27, fol. 35v-36r e 201v-202r; ASF, Dieci, Debitori, reg. 31, fol. 3v e (...)
  • 80 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 7, fol. 244r; ASF, Dieci, Entrata, reg. 13, fol. 204v; ASF, Dieci, Del (...)
  • 81 ASF, Dieci, Deliberazioni, reg. 23, fol. 79r.

38In diciotto mesi, artigiani ed aiutanti erano riusciti a ricavare all’incirca quarantacinque tonnellate di materiale79. Al di là del numero dei barili inviati in campo, la gestione pubblica sembrava funzionare anche in quanto a contenimento dei costi. L’utilizzo dei macchinari aveva infatti ridotto drasticamente tanto i compensi della manodopera quanto il prezzo del propellente. Per il loro «magistero», il «Zucca» ed il «Baia» incassavano dieci fiorini di grossi per ogni quattrocentosessanta chili di «comune» e dodici fiorini di grossi per ogni quattrocentotrenta chili di «fina», detratto il valore del salnitro, di cui erano, a tutti gli effetti, «debitori». Bartolomeo Banchini guadagnava ancora meno, riscuotendo soltanto cinque fiorini di grossi per ogni trecentotrenta chili di salnitro raffinato80. In precedenza, i pagamenti per i «maestri di polvere» erano stati assai più consistenti: fino al 1480, le somme liquidate agli specialisti sfioravano i sessanta fiorini d’oro per trecentotrenta chili di polvere «da bombarda» ed i settantacinque fiorini d’oro per trecentotrenta chili di quella «da scoppietti»81.

  • 82 ASF, Dieci, Debitori, reg. 39, fol. 292v.
  • 83 Ansani 2017b, p. 759-776 e 787-789; Ridella 2005, p. 82-92.
  • 84 ASF, Dieci, Debitori, reg. 35, fol. 22v, 110v, 180v, 242v, 251v, and 286v.

39A peggiorare il bilancio del Comune sarebbero stati, però, gli altalenanti andamenti della guerra pisana. La ripresa delle ostilità, fra il giugno ed il novembre del 1498, aveva comportato per la Signoria un esborso di circa duecentomila fiorini d’oro, il triplo rispetto al semestre precedente82. Un tale incremento era stato dettato anche dalla massiccia adozione dei letali cannoni «alla franzese», prodotti a decine dalle fonderie pubbliche e private della capitale, ed utilizzati negli assedi di Buti, di Vico e di Librafratta83. Allo schieramento di così tante artiglierie era corrisposto un inevitabile aumento nel numero delle cariche, tanto che, al termine della campagna, erano andate in fumo circa trentasei tonnellate di miscela84.

  • 85 ASF, Dieci, Deliberazioni, reg. 48, fol. 130r.
  • 86 Panciera 2005, p. 95-96 e 135-136.
  • 87 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 7, fol. 451r-452v; ASF, Dieci, Entrata, reg. 30, fol. 79v; ASF, Dieci, (...)

40Per concorrere all’armamento delle truppe erano stati ricontattati persino gli speziali85. I Dieci si erano inoltre visti costretti ad approntare un secondo «edificio» nei pressi del Ponte alle Grazie, destinato soprattutto alla lavorazione del nitrato. La posizione era stata scelta con cura, come di consueto, «vicina all’acqua, perché glene bisogna assai» alla trasformazione del «salnitro soro»86. Il nuovo complesso era stato affidato al «Baia», al «Nuziato dipintore» ed a Filippo di Giovanni: quest’ultimo, conosciuto anche come la «Pippa», aveva fino ad allora prestato servizio come «maestro d’ascia», architetto, ingegnere e «bombardiere» negli accampamenti di «Marzocco»87.

  • 88 ASF, Miscellanea repubblicana, b. 5, fasc. 166, fol. 1r. Si vedano anche Portoveneri 1845, p. 341- (...)

41Le nuove armi da fuoco avevano ormai portato al limite le capacità logistiche, commerciali e produttive della Repubblica. Nel 1499, il problema dell’approvvigionamento si era fatto persino più grave. Il capitano generale aveva espressamente richiesto, per il solo assedio di Pisa, cinquanta tonnellate di polvere, indispensabili alla sua «banda di bellissime artiglierie», circa «ottanta boche» che «tiravano circa corpi dugento per ora, che parea che el mondo si disfacesse»88.

  • 89 ASF, Dieci, Entrata, reg. 30, fol. 152r, 194v e 226r.
  • 90 ASF, Signori, Missive seconda cancelleria, reg. 21, fol. 88r e 122r.

42Per ottenere più mistura possibile, ai Formiconi ed ai Barducci erano stati promessi addirittura cinquanta fiorini per ogni trecentotrenta chili di salnitro adoperato. La materia prima era tuttavia carente, ed a poco erano valsi i tentativi degli ufficiali di accaparrarsene in quantità sui mercati genovesi, pesaresi e lucchesi. Con le quindici tonnellate acquistate, il «Zucca» era riuscito a miscelare soltanto ventuno tonnellate di esplosivo, lavorando ininterrottamente, per tre mesi, anche «tutte le feste e di molte notti»89. Così, ad una settimana dall’inizio delle operazioni, i bombardamenti si erano fatti intermittenti. A metà dell’«impresa», gli ufficiali dovevano ammettere che «della polvere non ci è puncto»90.

La manodopera militare, tra deregolamentazione corporativa e pubblica utilità

  • 91 Nicasi 1915, p. 157-159.
  • 92 Molà 2007, p. 133-147.

43Alla fine del secolo, dunque, l’innovazione dei «pezzi franzesi» aveva sollecitato oltremodo la fabbricazione di «polvara et palottole, polvara et palottole, polvara et palottole, polvara et palottole, et palottole et polvara», poiché «ad quello sta el vinciare et el perdare»91. In breve tempo, la domanda di entrambe le merci era diventata insostenibile, e gli ufficiali fiorentini avevano dovuto laconicamente constatare che «non noi, ma qualunque gagliarda potentia haria possuto riparare» alle molte «difficoltà del provedere». Per ovviare soprattutto alla mancanza di proiettili, si erano affrettati ad avviare nuovi impianti, assumendo «maestri di fare pallottole di ferro», costruttori di fornaci e carbonai. In più occasioni, avevano anche invitato pratici forestieri a trasferirsi nel Dominio, sia per sovrintendere alla produzione degli armamenti, sia per importare nuove tecniche92.

  • 93 La Salvia 2007, p. 112-121.
  • 94 Ansani 2017c, p. 172-179.
  • 95 Wackernagel 1994, p. 369-370 e 380-386.

44Agli inizi del Cinquecento, la Signoria poteva quindi contare su di un’ampia manodopera, specialistica e non, per equipaggiare il proprio esercito di sufficienti «munizioni». D’altronde, anche per la fusione delle artiglierie si era fatto ricorso agli esperti di diverse «arti del fuoco»93. Erano stati coinvolti dei «bombardieri», come Giovanni di Jacopo da Augusta, e dei campanai, come Giuliano di Mariotto della Nave, ma anche orafi, come Ludovico di Guglielmo del Buono, e costruttori di organi, come Giovanni di Andrea Cellini, il «Piffero». In particolar modo, il mecenatismo interessato dei Dieci di Balìa e degli Otto di Pratica aveva permesso la creazione di una vera e propria «scuola fiorentina» di «maestri delle artiglierie», appositamente scelti fra gli scultori delle grandi statue in bronzo94. Il capofila, Maso di Bartolomeo, era stato un discepolo di Donatello e Michelozzo, e proprio nella bottega di Masaccio era cresciuto Pasquino di Matteo da Montepulciano. Di quest’ultimo era stato seguace, a sua volta, Andrea del Verrocchio, autore, per volontà del Magnifico, di un’enorme bombarda «bella e buona». E sempre da ambienti artistici proveniva il nipote di Lorenzo Ghiberti, Bonaccorso, autore, nel laboratorio di famiglia, di decine fra cannoni e colubrine95.

  • 96 Hale 1987, p. 255.
  • 97 ASF, Dieci, Deliberazioni, reg. 38, fol. 1r.
  • 98 ASF, Dieci, Deliberazioni, reg. 44, fol. 123r.
  • 99 Ansani 2016, p. 17.
  • 100 Caferro 2008, p. 199.
  • 101 ASF, Catasto, fil. 994, fol. 339r; ASF, Catasto, fil. 1021, fol. 293v.
  • 102 Biringuccio 1558, fol. 136v-138r.
  • 103 Camerani Marri 1957, p. 30 e 159.

45In generale, la guerra aveva offerto a molti artefici delle possibilità di guadagno96. Negli accampamenti erano pagati dallo stato «maestri di ascia et legnaioli, fabri, seghatori, scalpellini, muratori», nonché «mulattieri, bufalari, schafaioli»97. Qualche architetto, come Simone del Pollaiolo, si era ritrovato a scalpellare pallottole di pietra per il Comune98. Per integrare i loro guadagni, alcuni intarsiatori si erano dedicati alla produzione di migliaia di lance99. Orafi, miniatori e «cembolai» avevano tratto profitto dall’assemblaggio, dall’«inastatura et impennatura» delle frecce100. Tra i custodi degli arsenali c’erano persino un «pizichagnolo» ed un marinaio101. Solo per i fabbri e per i corazzai non si era potuta ampliare la base lavorativa, nonostante fossero perlopiù «gente rustica, grossa», e «senza disegno»: il loro era infatti un mestiere «dal gran sapere», che aveva forse «più secreti, e forsi più ingeniosi, che altra arte di metallo»102. Non a caso, a questi lavoratori era sempre richiesto un lungo apprendistato, variabile dai sei agli otto anni, affinché bastasse loro «solo veder con l’occhio, o col giudicio» dove battere il ferro e l’acciaio103.

  • 104 Epstein 1998, p. 690; Berengo 1999, p. 443; Goldthwaite 2009, p. 342-351.

46Questa fluidità del sistema lavorativo non era soltanto il risultato della gestione centralizzata della manifattura delle armi, cioè dell’intervento, da parte delle autorità, sul reclutamento della manodopera e sulla forniture delle materie prime, sulla fissazione dei prezzi e sulla determinazione dei salari. Nella Firenze quattrocentesca, infatti, il mercato permetteva ai pratici di intraprendere percorsi diversi, di cimentarsi in differenti mestieri: le prospettive professionali non erano infatti limitate, nemmeno dagli statuti corporativi. Una simile versatilità si traduceva spesso «in una maggiore gamma di possibilità, in libertà di scelta ed in maggiore potenziale. Essa incoraggia il libero scambio di idee tra gruppi professionali e valorizza la creatività ed il virtuosismo»104.

Haut de page

Bibliographie

Archivi

ASF = Archivio di Stato di Firenze

BNE = Biblioteca Nacional de España

Bibliografia primaria

Biringuccio 1558 = V. Biringuccio, Pirotechnia, Venezia, Comin da Trino di Monferrato, 1558.

Cerretani 1494-1512 (1994) = B. Cerretani, Storia fiorentina, G. Berti (a cura di), Firenze, 1994.

da Faie 1409-1469 (1997) = G. da Faie, Libro de croniche e memoria e amaystramento per lavenire, M. Bicchierai (a cura di), La Spezia, 1997.

Guicciardini 1378-1509 (1859) = F. Guicciardini, Storia fiorentina, P. Guicciardini, L. Guicciardini (a cura di), Firenze, Barbera Bianchi e compagni Tipografi Editori, 1859.

Landucci 1450-1516 (1969) = L. Landucci, Diario fiorentino, ed. I. del Badia (a cura di), Firenze, 1969.

Machiavelli 1532 = N. Machiavelli, Historie fiorentine, Firenze, Bernardo di Giunta, 1532.

Martini 1490-1494 (1841) = F. Martini, Trattato di architettura civile e militare, C. Saluzzo (a cura di), Torino, Tipografia Chirio e Mina, 1841.

Zonca 1607 = V. Zonca, Novo teatro di machine et edificii per varie et sicure operationi, Padova, Pietro Bertelli, 1607.

Bibliografia secondaria

Ait 1996 = I. Ait, Tra scienza e mercato. Gli speziali a Roma nel tardo medioevo, Roma, 1996.

Ansani 2016 = F. Ansani, Craftsmen, artillery, and war production in Renaissance Florence, in Vulcan. The international journal of the social history of military technology 4, 2016, p. 1-26.

Ansani 2017a = F. Ansani, Geografie della guerra nella Toscana del Rinascimento. Produzione di armi e circolazione dei pratici, in Archivio storico italiano 651, 2017, p. 73-117.

Ansani 2017b = F. Ansani, The life of a Renaissance gunmaker. Bonaccorso Ghiberti and the development of the Florentine artillery in the late fifteenth century, in Technology and Culture 58, 2017, p. 749-789.

Ansani 2017c = F. Ansani, «Per infinite sperientie». I maestri dell’artiglieria nell’Italia del Quattrocento, in Reti Medievali Rivista 18, 2017, p. 149-187.

Astorri 1988 = A. Astorri, Il «libro delle senserie» di Girolamo di Agostino Maringhi, in Archivio Storico Italiano 537, 1988, p. 389-408.

Astorri 1989 = A. Astorri, Appunti sull’esercizio dello speziale a Firenze nel Quattrocento, in Archivio Storico Italiano 539, 1989, p. 31-62.

Baraldi – Calegari 2001 = E. Baraldi, M. Calegari, Pratica e diffusione della siderurgia «indiretta» in area italiana, in P. Braunstein (a cura di), La sidérurgie alpine en Italie (XIIe-XVIIe siècle), Rome, 2001, p. 93-162.

Berengo 1999 = M. Berengo, L’Europa delle città. Il volto della società urbana europea tra medioevo ed età moderna, Torino, 1999.

Bianchessi 1998 = S. Bianchessi, Cavalli, armi e salnitro fra Milano e Napoli nel secondo Quattrocento, in Nuova rivista storica, 82, 1998, p. 541-582.

Brown 1992 = A. Brown, Public and private interest. Lorenzo, the Monte and the Seventeen Reformers, in G. Garfagnini (a cura di), Lorenzo de’ Medici. Studi, Firenze, 1992, p. 103-165.

Brucker 1994 = G. Brucker, The economic foundations of Laurentian Florence, in G. Garfagnini (a cura di), Lorenzo il Magnifico e il suo mondo, Firenze, 1994, p. 3-15.

Caferro 2008 = W. Caferro, Warfare and economy in Renaissance Italy, in The Journal of Interdisciplinary History, 39-2, 2008, p. 167-209.

Calegari 2004 = M. Calegari, Nel mondo dei «pratici». Molte domande e qualche risposta, in M. Calegari (a cura di), Saper fare. Studi di storia delle tecniche in area mediterranea, Pisa, 2004, p. 9-33.

Camerani Marri 1957 = G. Camerani Marri (a cura di), Statuti delle arti dei corazzai, dei chiavaioli, ferraioli e calderai, e dei fabbri di Firenze, Firenze, 1957.

Ciasca 1922 = R. Ciasca, Statuti dell’arte dei medici e speziali, Firenze, 1922.

Ciasca 1927 = R. Ciasca, L’arte dei medici e speziali nella storia e nel commercio fiorentino dal secolo dodicesimo al quindicesimo, Firenze, 1927.

Covini 1998 = M. Covini, L’esercito del duca. Organizzazione militare e istituzioni al tempo degli Sforza, Roma, 1998.

Dattero – Levati 2006 = A. Dattero, S. Levati, Introduzione. La storia militare tra società, economia e territorio, in A. Dattero, S. Levati (a cura di), Militari in Età Moderna. La centralità di un tema di confine, Milano, 2006, p. 7-14.

De Crouy-Chanel 2016 = E. De Crouy-Chanel, Charroi de l’artillerie et construction de l’État moderne en France dans le dernier quart du quinzième siècle, in A. Mairey, S. Abeles, F. Madeline (a cura di), Contre-champs. Études offertes à Jean-Philippe Genet, Parigi, 2016, p. 159-176.

De Vivo 2013 = F. De Vivo, La farmacia come luogo di cultura: le spezierie di medicine in Italia, in M. Conforti, A. Carlino, A. Clericuzio (a cura di), Interpretare e curare. Medicina e salute nel Rinascimento, Roma, 2013, p. 129-142.

DeVries 1992 = K. DeVries, Early modern military technology. New trends and old ideas, in Liedschrift, 8, 1992, p. 73-88.

Epstein 1998 = S. Epstein, Craft guilds, apprenticeship, and technological change in preindustrial Europe, in The Journal of Economic History, 58-3, 1998, p. 684-713.

Franceschi 2001 = F. Franceschi, L’Arno in città, in G. Orefice (a cura di), Storia dell’urbanistica toscana. VII. Dall’utile al pittoresco. La ventura delle vie d’acqua in Toscana, Roma, 2001, p. 17-37.

Frangioni 1983 = L. Frangioni, Aspetti della produzione delle armi milanesi nel quindicesimo secolo, in Milano nell’età di Ludovico il Moro, Milano, 1983, p. 195-200.

Gille 1972 = B. Gille, Leonardo e gli ingegneri del Rinascimento, Milano, 1972.

Goldthwaite 2009 = R. Goldthwaite, The economy of Renaissance Florence, Baltimora, 2009.

Guerra 2005 = E. Guerra, Soggetti a ribalda fortuna. Gli uomini dello stato estense nelle guerre dell’Italia quattrocentesca, Milano, 2005.

Hale 1985 = J. Hale, War and society in Renaissance Europe, 1450-1620, Londra, 1985.

Hall 1997 = B. Hall, Weapons and warfare in Renaissance Europe, Baltimora-Londra, 1997.

Lamberini 1994 = D. Lamberini, Architetti e architettura militare per il Magnifico, in G. Garfagnini (a cura di), Lorenzo il Magnifico e il suo mondo, Firenze, 1994, p. 407-425.

La Salvia 2007 = V. La Salvia, Organizzazione della produzione nelle botteghe dei fonditori di grandi bronzi tra tardo Medioevo e prima Età Moderna, in F. Redi, G. Petrella (a cura di), Dal fuoco all’aria. Tecniche, significati e prassi nell’uso delle campane dal Medioevo all’Età Moderna, Pisa, 2007, p. 111-123.

Leydi 1995 = S. Leydi, Le armi, in F. Franceschi, R. Goldthwaite, R. Mueller (a cura di), Il rinascimento italiano e l’Europa. III. Commercio e cultura mercantile, Treviso, 2007, p. 171-190.

Long 2011 = P. Long, Artisans, practitioners and the rise of the new sciences, Corvallis, 2011.

Malaguzzi Valeri 1923 = F. Malaguzzi Valeri, La corte di Ludovico il Moro. IV. Le arti industriali, la letteratura, la musica, Milano, 1923.

Mallett 1989 = M. Mallett, L’organizzazione militare di Venezia nel Quattrocento, Roma, 1989.

Melis 1972 = F. Melis, Documenti per la storia economica dei secoli XIII-XVI, Firenze, 1972.

Merlo 2016 = M. Merlo, Armamenti e gestione dell’esercito a Siena nell’età dei Petrucci. Le armi, in Rivista di Studi Militari, 5, 2016, p. 65-93.

Molà 2007 = L. Molà, States and crafts. Relocating technical skills in Renaissance Italy, in M. O’Malley, E.E. Welch (a cura di), The material Renaissance, Manchester-New York, 2007, p. 133-153.

Molho 1995 = A. Molho, The State and public finance. A hypothesis based on the history of late medieval Florence, in The Journal of Modern History, 67, 1995, p. 97-135.

Motta 1914 = E. Motta, Armaiuoli milanesi nel periodo visconteo-sforzesco, in Archivio Storico Lombardo, 41-1, 1914, p. 187-232.

Najemy 2006 = J. Najemy, A history of Florence, Oxford, 2006.

Nicasi 1915 = G. Nicasi, La famiglia Vitelli di Città di Castello e la Repubblica Fiorentina fino al 1504, in Bollettino della Regia Deputazione di Storia patria per l’Umbria, 21, 1915, p. 57-195.

Panciera 2005 = W. Panciera, Il governo delle artiglierie. Tecnologia bellica e istituzioni veneziane nel secondo Cinquecento, Milano, 2005.

Panciera 2007 = W. Panciera, La polvere da sparo, in F. Franceschi, R. Goldthwaite, R. Mueller (a cura di), Il rinascimento italiano e l’Europa. III. Commercio e cultura mercantile, Treviso, 2007, p. 305-321.

Parker 1996 = G. Parker, The military revolution, 1500–1800. Military innovation and the rise of the West, Cambridge, 1996.

Pezzolo 2006 = L. Pezzolo, La rivoluzione militare. Una prospettiva italiana, in A. Dattero, S. Levati (a cura di), Militari in Età Moderna. La centralità di un tema di confine, Milano, 2006, p. 15-59.

Pezzolo 2014 = L. Pezzolo, Note sulla finanza dello stato fiorentino, in A. Fornasin, C. Povolo (a cura di), Studi in onore di Furio Bianco, Udine, 2014, p. 293-305.

Pyhrr – Godoy – Leydi 1998 = S. Pyhrr, J. Godoy, S. Leydi, Heroic armor of the Italian Renaissance. Filippo Negroli and his contemporaries, New York, 1998.

Ridella 2005 = R. Ridella, Produzione di artiglierie nel sedicesimo secolo: i fonditori genovesi Battista Merello e Dorino II Gioardi, in L. Gatti (a cura di), Pratiche e linguaggi. Contributi a una storia della cultura tecnica e scientifica, Pisa, 2005, p. 77-134.

Roberts 1956 = M. Roberts, The military revolution, 1560-1660, Belfast, 1956.

Rogers 1995 = C. Rogers (a cura di), The military revolution debate. Readings on the military transformation of Early Modern Europe, Boulder, 1995.

Rubinstein 1997 = N. Rubinstein, The government of Florence under the Medici, Oxford, 1997.

Scalini 1990 = M. Scalini, L’armatura fiorentina del Quattrocento e la produzione d’armi in Toscana, in F. Cardini, M. Tangheroni (a cura di), Guerra e guerrieri nella Toscana del Rinascimento, Firenze, 1990, p. 83-126.

Storti 2007 = F. Storti, L’esercito napoletano nella seconda metà del Quattrocento, Salerno, 2007.

Stumpo 2008 = E. Stumpo, La finanza di guerra negli antichi stati italiani, in C. Gentilucci (a cura di), Storia economica della guerra, Roma, 2008, p. 195-216.

Wackernagel 1994 = M. Wackernagel, Il mondo degli artisti nel Rinascimento fiorentino. Committenti, botteghe e mercato dell’arte, Roma, 1994.

Haut de page

Notes

1 Mallett 1989; Covini 1998; Guerra 2005; Storti 2007.

2 Hale 1985, p. 213-231. Si veda a tal proposito anche Belhoste 2007, p. 327-328 e 333-334.

3 Caferro 2008, p. 170-178; Goldthwaite 2009, p. 400-401; Stumpo 2008, p. 196.

4 Robert 1956; Parker 1996; De Vries 1992; Rogers 1995; De Crouy-Chanel 2016.

5 Calegari 2004, p. 9-14; Dattero – Levati 2006, p. 9-11; Pezzolo 2006, p. 15-59.

6 Panciera 2005. Per una bibliografia aggiornata, si veda Ansani 2017c, p. 183-187.

7 Melis 1972, p. 302 e 304; Bianchessi 1998, p. 572-582; Ansani 2016, p. 12-13; Merlo 2016, p. 81-83.

8 Baraldi e Calegari, 2001, p. 93-119.

9 Leydi 2007, p. 171-190; Frangioni 1983, p. 195-200; Malaguzzi Valeri 1923, p. 29-41; Motta 1914, p. 187-232; Pyhrr – Godoy – Leydi 1998, p. 1-77.

10 Gille 1972; Long 2011.

11 Biringuccio 1558, fol. 152r.

12 Molho 1995, p. 97-135; Najemi 2006, p. 191; Pezzolo 2014, p. 293-297.

13 Hale 1987, p. 232-233; Caferro 2008, p. 198-200.

14 ASF, Arte dei medici e speziali, reg. 4, fol. 20v e 44r.

15 Astorri 1988, p. 391.

16 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 1, fol. 133r; ASF, Catasto, fil. 80, fol. 99r-101r.

17 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 2, fol. 113r-114r; ASF, Dieci, Debitori, reg. 15, fol. 137v.

18 ASF, Dieci, Debitori, reg. 19, fol. 46v; ASF, Dieci, Deliberazioni, reg. 42, fol. 131r; ASF, Dieci, Missive, reg. 5, fol. 138r; ASF, Dieci, Missive, reg. 31, fol. 35r; ASF, Catasto, fil. 1022, fol. 315r-318r; ASF, Decima repubblicana, fil. 33, fol. 405r-408v.

19 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 7, fol. 477v-478r; ASF, Dieci, Deliberazioni, reg. 48, fol. 130r; ASF, Arte dei medici e speziali, reg. 10, fol. 29r; ASF, Consulte e pratiche, reg. 65, fol. 63r.

20 ASF, Dieci, Debitori, reg. 16, fol. 46r.

21 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 8, fol. 12r; ASF, Dieci, Debitori, reg. 19, fol. 44v; ASF, Dieci, Missive, reg. 32, fol. 10r; ASF, Catasto, fil. 997, fol. 297r-298r; ASF, Decima repubblicana, fil. 6, fol. 119r-120r.

22 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 8, fol. 167v-168r.

23 ASF, Arte dei medici e speziali, reg. 10, fol. 50r.

24 Astorri 1989, p. 39-42.

25 ASF, Arte dei medici e speziali, reg. 9, fol. 32r, 42v e 59r.

26 ASF, Arte dei medici e speziali, reg. 4, fol. 24v; ASF, Arte dei medici e speziali, reg. 10, fol. 29r, 35r e 50r.

27 Landucci 1450-1516 (1969), p. 1.

28 da Faie 1409-1469 (1997), p. 61.

29 Ciasca 1922, p. 180-182.

30 Ait 1996, p. 85-98.

31 De Vivo 2013, p. 129-142.

32 Hall 1997, p. 67-104; Panciera 2007, p. 306-321.

33 Biringuccio 1558, fol. 150r-151v.

34 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 1, fol. 127v; ASF, Dieci, Munizioni, reg. 5, fol. 5v.

35 ASF, Dieci, Missive, reg. 10, fol. 83v; ASF, Otto, Deliberazioni, reg. 1, fol. 33rv.

36 ASF, Dieci, Entrata, reg. 13, fol. 192r.

37 Biringuccio 1558, fol. 153v; Martini 1490-1494 (1841), p. 249.

38 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 7, fol. 509r; ASF, Dieci, Entrata, reg. 13, fol. 193r.

39 Biringuccio 1558, fol. 153v.

40 Ibid.

41 Martini 1490-1494 (1841), p. 248.

42 Ibid.

43 BNE, MSS/8936, fol. 98r.

44 Biringuccio 1558, fol. 155r.

45 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 6, fol. 106v, 110v, 112v e 115v.

46 Biringuccio 1558, fol. 154r.

47 Panciera 2005, p. 119-124.

48 Martini 1490-1494 (1841), p. 249.

49 Hall 1997, p. 69-79.

50 Panciera 2007, p. 320.

51 ASF, Dieci, Debitori, reg. 20, fol. 88r.

52 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 5, fol. 1v-65r.

53 Un più ampio resoconto di queste vicende si può trovare in Machiavelli 1532, fol. 197r-214v, e Guicciardini 1378-1509 (1859), p. 34-81.

54 Brown 1992, p. 106-107; Brucker 1994, p. 11-15.

55 Rubinstein 1997, p. 226-232.

56 Lamberini 1994, p. 407-425.

57 ASF, Dieci, Debitori, reg. 22, fol. 30r-187r.

58 ASF, Otto, Munizioni, reg. 1, fol. 15v, 32r e 40r.

59 ASF, Dieci, Missive, reg. 20, fol. 157r.

60 ASF, Otto, Missive, reg. 7, fol. 209rv.

61 ASF, Dieci, Entrata, reg. 10, fol. 8v, 15r e 23v. ASF, Ufficiali delle castella, reg. 29, fol. 28r. Si veda anche Ansani 2017a, p. 106-108.

62 ASF, Carte Riccardi, b. 816, fasc. 98.

63 ASF, Dieci, Deliberazioni, reg. 30, fol. 260v.

64 ASF, Dieci, Entrata, reg. 8, fol. 74v.

65 Franceschi 2001, p. 24-25.

66 Biringuccio 1558, fol. 154r. Si veda anche la dettagliata descrizione, più tarda, di Zonca 1607, p. 82-88.

67 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 7, fol. 177v; ASF, Dieci, Munizioni, reg. 9, fol. 121v.

68 Hall 1997, p. 89-90.

69 ASF, Dieci, Deliberazioni, reg. 24, fol. 99v e 100v.

70 ASF, Operai di palazzo, reg. 4, fol. 17r.

71 ASF, Dieci, Entrata, reg. 8, fol. 63r e 165r.

72 ASF, Dieci, Deliberazioni, reg. 35, fol. 16r e 64v.

73 ASF, Dieci, Deliberazioni, reg. 46, fol. 12r.

74 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 7, fol. 162r; ASF, Dieci, Entrata, reg. 30, fol. 199v.

75 ASF, Dieci, Entrata, reg. 30, fol. 191rv.

76 ASF, Otto, Munizioni, reg. 1, fol. 7v.

77 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 6, fol. 110v; ASF, Dieci, Munizioni, reg. 7, fol. 148r; ASF, Dieci, Debitori, reg. 35, fol. 178v; ASF, Dieci, Entrata, reg. 14, fol. 240v.

78 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 7, fol. 139r.

79 ASF, Dieci, Debitori, reg. 27, fol. 35v-36r e 201v-202r; ASF, Dieci, Debitori, reg. 31, fol. 3v e 66v.

80 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 7, fol. 244r; ASF, Dieci, Entrata, reg. 13, fol. 204v; ASF, Dieci, Deliberazioni, reg. 46, fol. 16r.

81 ASF, Dieci, Deliberazioni, reg. 23, fol. 79r.

82 ASF, Dieci, Debitori, reg. 39, fol. 292v.

83 Ansani 2017b, p. 759-776 e 787-789; Ridella 2005, p. 82-92.

84 ASF, Dieci, Debitori, reg. 35, fol. 22v, 110v, 180v, 242v, 251v, and 286v.

85 ASF, Dieci, Deliberazioni, reg. 48, fol. 130r.

86 Panciera 2005, p. 95-96 e 135-136.

87 ASF, Dieci, Munizioni, reg. 7, fol. 451r-452v; ASF, Dieci, Entrata, reg. 30, fol. 79v; ASF, Dieci, Deliberazioni, reg. 43, fol. 72v.

88 ASF, Miscellanea repubblicana, b. 5, fasc. 166, fol. 1r. Si vedano anche Portoveneri 1845, p. 341-342; Cerretani 1494-1512 (1994), p. 262.

89 ASF, Dieci, Entrata, reg. 30, fol. 152r, 194v e 226r.

90 ASF, Signori, Missive seconda cancelleria, reg. 21, fol. 88r e 122r.

91 Nicasi 1915, p. 157-159.

92 Molà 2007, p. 133-147.

93 La Salvia 2007, p. 112-121.

94 Ansani 2017c, p. 172-179.

95 Wackernagel 1994, p. 369-370 e 380-386.

96 Hale 1987, p. 255.

97 ASF, Dieci, Deliberazioni, reg. 38, fol. 1r.

98 ASF, Dieci, Deliberazioni, reg. 44, fol. 123r.

99 Ansani 2016, p. 17.

100 Caferro 2008, p. 199.

101 ASF, Catasto, fil. 994, fol. 339r; ASF, Catasto, fil. 1021, fol. 293v.

102 Biringuccio 1558, fol. 136v-138r.

103 Camerani Marri 1957, p. 30 e 159.

104 Epstein 1998, p. 690; Berengo 1999, p. 443; Goldthwaite 2009, p. 342-351.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – La pesatura delle materie prime in un «feuerwerkbuch» di area tedesca, risalente alla metà del Quattrocento.
Crédits Leeds, Royal Armouries, Feur. 1, fol. 86v.
Titre Fig. 2 – L’«incorporazione» del propellente «a braccia, con un pistone», così come rappresentata in un codice miniato tedesco della prima metà del secolo.
Crédits Zurigo, Zentralbibliothek, Ms. Rh. Hist. 33, fol. 66r.
Titre Fig. 3 – Uno «stampo» per la polvere raffigurato nel «Kriegsbuch» di Philipp Monch, datato 1496.
Crédits Heidelberg, Universitätsbibliothek, Cod. Pal. Germ. 126, fol. 4r.
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Fabrizio Ansani, « Tra necessità bellica ed innovazione tecnologica. La formazione dei «maestri di polvere» fiorentini nel Quattrocento », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines, 131-2 | 2019, 239-251.

Référence électronique

Fabrizio Ansani, « Tra necessità bellica ed innovazione tecnologica. La formazione dei «maestri di polvere» fiorentini nel Quattrocento », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En ligne], 131-2 | 2019, mis en ligne le 30 décembre 2019, consulté le 20 septembre 2020. URL : http://journals.openedition.org/mefrim/6535 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefrim.6535

Haut de page

Auteur

Fabrizio Ansani

Istituto Italiano per gli Studi Storici, fabrizio.ansani@gmail.com

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search