Navigation – Plan du site

AccueilNuméros133-1Mobilità sociale e circolazione d...Da Cuneo a Mosca: la famiglia Ele...

Mobilità sociale e circolazione delle élites fra Italia e Stati dell'Europa (secoli XVI-XVIII)

Da Cuneo a Mosca: la famiglia Eleforte, ginevrina per vocazione (secc. XVI-XVII)

Laura Ronchi De Michelis
p. 39-50

Résumés

Il saggio ricostruisce la storia degli Eleforte o Lifforti di Cuneo, famiglia di mercanti, repubblicana ed ugonotta, le cui vicende sono comuni con buona parte dell’emigrazione piemontese religionis causa nel XVI secolo. I piemontesi rappresentavano il gruppo più numeroso della “nazione italiana” stabilitasi a Ginevra, nell’insieme meno studiato di altri. Fino a tutto il ‘600 i Lifforti (ora Le Fort) condivisero il proprio percorso con i confratelli mercanti: il rapido inserirsi nella rete di relazioni commerciali e nelle istituzioni; i legami matrimoniali che segnavano e accompagnavano la crescita economica e sociale; l’impegno nella chiesa italiana e la solidarietà per i fratelli di fede. La crisi economica settecentesca impose scelte diverse: nel momento in cui Ginevra diveniva una piazza finanziaria di primaria importanza i Le Fort sceglieranno le arti liberali, la carriera militare e diplomatica presso diversi sovrani europei.

Haut de page

Texte intégral

1La vicenda della famiglia Eleforte o Lifforti, originaria di Cuneo, famiglia di militari, mercanti e prestadenaro riassume quella di centinaia di piemontesi – e più in generale dei tanti esuli da diverse parti d’Europa – che dalla metà del Cinquecento si diressero a Ginevra per sottrarsi a l’idolȃtrie papale. Un flusso migratorio cui la storiografia ha attribuito un nome preciso, Premier Refuge, a sottolinearne la peculiarità rispetto ai molti spostamenti che caratterizzano la società della prima età moderna, non solo per la motivazione ma anche per la dimensione: entro la fine del secolo Ginevra registrava l’arrivo di 8.000 capifamiglia provenienti da tutta l’Europa.

2La forte motivazione religiosa è l’elemento nuovo e determinante; l’aspirazione alla libertà di coscienza prevale in quegli esuli su qualunque altra, pur se la mèta prescelta non garantiva certo serie prospettive di promozione economica o di ascesa sociale.

  • 1 Il settore bancario, in cui Ginevra aveva svolto una funzione di primaria importanza nelle lettere (...)

3Ginevra non era più la città ricca e cosmopolita del XIV e XV secolo bensì una città in grave sofferenza: la sua centralità per gli scambi tra l’Italia e l’Europa del Nord e la prosperità che le avevano assicurato le sue quattro fiere annuali erano un lontano ricordo. Dal 1462 i mercanti stranieri si erano spostati in massa su Lione e Ginevra aveva perso anche la sua funzione di piazza finanziaria internazionale.1

  • 2 Benedict 2008, p. 17 e 18.
  • 3 Monter 1969, p. 53-77 e il classico Galiffe 1881.
  • 4 Dufour 1966, p. 74-79.

4II commercio internazionale all’ingrosso era stato sostituito da quello minuto e il suo orizzonte commerciale si era ristretto, comportando un significativo ridimensionamento del volume degli scambi con ricadute pesanti sulla qualità di vita della popolazione, soprattutto dei ceti popolari. Dal punto di vista politico il più stretto rapporto con i Confederati, in particolare Berna e Friburgo, rendeva possibile conquistare l’indipendenza e imponeva una scelta confessionale. Nel ’32 Farel era fuggito inseguito dalla folla che gridava «Tuez, tuez ce Luther»; nel ’35 l’assemblea cittadina aderiva alla Riforma per «vivere in questa santa legge evangelica e nella parola di Dio che ci è stata annunciata».2 Ciò non avrebbe posto fine alle turbolenze di fazioni, al clima generale di sospetto, all’ostilità verso gli stranieri, alla precarietà economica; sarebbe stato però un richiamo per centinaia di famiglie e di singoli che aspiravano a costruire su nuove basi spirituali la propria vita e portavano con sé cultura, competenze, relazioni, imprenditorialità, mezzi, fantasia.3 Quel patrimonio avrebbe mutato Ginevra rendendola ammirata e invidiata per la straordinaria fioritura economica e finanziaria, la presenza sui mercati internazionali, la disciplina dei suoi ordinamenti civili ed ecclesiastici.4

5La storia della famiglia Elleforte, o Lifforti, che abbandona Cuneo all’indomani degli accordi di Cateau Cambrésis e si stabilisce a Ginevra è parte di questo “miracolo economico” del XVI secolo. Noi ne seguiremo le vicende dal loro arrivo a Ginevra fino al primo ‘700: molte cose, allora sarebbero cambiate nella vita di quella aristocrazia mercantile giovane e intraprendente.

A Cuneo

  • 5 Sulla triplice influenza -svizzera, francese e valdese- dell’adesione alla Riforma in Piemonte, Pa (...)

6Nelle terre sabaude la Riforma aveva avuto una precoce e rapida diffusione grazie a una serie di circostanze concomitanti. Terra di confine e di transito, luogo di passaggio per gli eretici della Francia meridionale secondo alcune fonti sin dagli anni ’40 del duecento, il ducato vantava una lunga tradizione di rapporti con il Delfinato, la Provenza, la Svizzera; né bisogna dimenticare la secolare presenza dei gruppi valdesi che nel 1532, a Chanforan, aderivano alla riforma ginevrina edificando la Église Reformée d’Italie.5 A questi elementi di natura diversa si aggiunse nel Cinquecento la situazione politica che nel corso delle Guerre d’Italia fece del Piemonte il campo di battaglia in cui si confrontarono le due maggiori potenze d’Europa; i francesi occuparono allora buona parte del ducato e lo mantennero saldamente per oltre un ventennio (1536-1559).

  • 6 Pascal 1912 e Felici 2008.

7La singolare congiuntura produsse una stretta collaborazione tra i ceti dirigenti subalpini e le autorità di occupazione, in particolare per quel che riguardava i reati legati alla confessione religiosa, attribuendo al potere civile – il Parlamento di Torino – un ruolo centrale nella azione repressiva. Il tribunale francese di Torino venne dotato delle medesime prerogative e competenze dei Parlamenti francesi e tenuto alla scrupolosa osservanza degli usi gallicani per le questioni ecclesiastiche. L’editto di Chateaubriandt del 1551 attribuiva al Parlamento di Torino anche il ruolo di tribunale per le cause di eterodossia esautorando di fatto i vescovi e prevedendo per tutta la durata delle indagini degli inquisitori la presenza di un giudice ordinario: una laicizzazione dei processi che andava in controtendenza rispetto alle direttive papali.6

  • 7 «Ce lo insegnano le guarnigioni di Torino, di Savigliano, di Busca, di Chieri e di Carmagnola, dov (...)

8La presenza di soldati, comandanti e governatori ugonotti e luterani, tolleranti e dotati di qualità politiche e militari, favoriva non solo una diffusione delle idee eterodosse 7 ma anche una convergenza di interessi tra governanti e governati, desiderosi di indebolire le signorie locali filo-cattoliche, ecclesiastiche e laiche.

9Dall’accordo di Nizza del 1538 Cuneo emergeva come una vera e propria isola autonoma in territorio occupato, inserita in una trama fittissima di relazioni politiche, culturali e religiose di respiro internazionale.

  • 8 Ai 78 capifamiglia citati dal governatore Rorengo va aggiunta una cinquantina di gruppi familiari (...)
  • 9 Jalla 1914, p. 90.

10La pacifica convivenza con l’eterodossia, che al momento della sua massima espansione contava circa cento «Ugonotti capi di casa tutti pronti per portar armi in Cuneo»8 di ogni ceto, garantita sino ad allora dalle autorità cittadine gelose delle franchigie previste dagli statuti, non era più sostenibile dopo la restituzione di Cuneo ai Savoia; Giovanni Battista Garrone e Giovanni Antonio Eleforte Piccardo sono tra i primi a partire nel maggio 1559.9

  • 10 Le Fort 1920, p. 28.
  • 11 de Bassville 1784, p. 18.
  • 12 Gothaisches genealogisches Taschenbuch für freikerrlichen Haüser, 1839, cit. in Le Fort 1920, p. 2 (...)

11Sulle origini della famiglia Eleforte si hanno solo pochissime notizie: le ricerche nell’archivio di Cuneo non hanno dato risultati e nulla aggiunge il discendente Henry Le Fort.10 Il tardo biografo di François Lefort sosteneva che la famiglia avesse origini scozzesi;11 al ramo trapiantatosi nel XVIII sec. in Germania si attribuivano radici normanne risalenti all’epoca di Goffredo V Plantageneto:12 due indicazioni prive sinora di alcuna base documentaria.

  • 13 Mellano 1955, p. 230.
  • 14 Bianchi 1999, p. 5.
  • 15 Albanese – Coates 1996, p. 26; i rispettivi blasoni sono descritti alle p. 116 e 132.

12Il primo di cui si abbia notizia è Stefano Eleforte o Lifforti, soldato nelle file sabaude durante la guerra di Filippo II contro Carlo il Temerario per il controllo del vallese (1475-76) e capo dei corazzieri nel 1496 sotto Filiberto II, sposato con Maria Le Picart (italianizzato in Piccardo o Picardo), figlia di Jean signore di Villeron e Attainville in Val-d’Oise, nell’Ĩle de France; i loro due figli, Stefano e Antonio, affiancarono a quello paterno il cognome materno. Famiglia di appaltatori i Piccardo,13 mercanti e prestadenaro gli Eleforte o Lifforti,14 entrambi dotati di un adeguato blasone, erano tra i notabili della città, membri della «nuova aristocrazia cittadina che si accingeva a sostituire nell’esercizio del potere l’antica aristocrazia rurale in via di estinzione».15

  • 16 Galiffe 1881, p. 113: «Lifforti, Eleforte, Le Fort, dits Picardo (d’une alliance)».

13Ad emigrare da Cuneo a Ginevra per motivi di fede sono i nipoti di Stefano e Maria: il 3 luglio 1559 «Jo. Antonius Elefortus Cuniensis ex Pedemontio» che si iscriveva all’Accademia di Ginevra16 era giunto in città da poco con i fratelli Giovanni Damiano (1533-dopo 1590) e Giovanni Battista (m. dopo il 1569); il maggiore, Isaia (1532-1587) li raggiungerà più tardi dopo aver venduto nel 1566 al cugino Gasparino la grande casa di famiglia situata in piazza S. Ambrogio.

  • 17 Jalla 1914, p. 55, indotto in errore da Galiffe 1836, pp. 302-304; l’Antonio Lifforti citato da Pa (...)
  • 18 Lancelot è ricordato come uno dei primi mercanti che promosse la riorganizzazione in forme societa (...)

14Il Giovanni Lifforti morto a Thonon nel 1545, ed erroneamente indicato da Jalla come primo emigrato religionis causa non apparteneva alla famiglia ma era un Jean Liffort, borghese di Ginevra dal 1521 e luogotenente di Thonon al servizio di Berna dal 1539,17 forse legato a Lancelot Liffort, mercante e borghese di Thonon.18

A Ginevra

  • 19 Geisendorf 1963, p. 240-241 sottolinea la impreparazione delle strutture cittadine in questa fase (...)

15Per il XVI sec. la documentazione ginevrina è purtroppo lacunosa: del nuovo arrivato si registravano generalità e luogo di provenienza, raramente il mestiere e l’eventuale famiglia al seguito e lo si informava degli obblighi di habitant.19 Nella documentazione pubblica e privata restano poche tracce di presenze, spostamenti, attività di questi stranieri con permesso di soggiorno: la città non sempre rispondeva alle aspettative e molti vi si fermavano solo temporaneamente.

  • 20 Geisendorf 1957, p. 189: Jean Antoine viene evidentemente considerato capofamiglia. Isaia, sposato (...)
  • 21 Le Fort 1920, p. 37.

16Non è questo il caso dei fratelli Eleforte ora Lefort. Giovanni Antonio viene registrato in ingresso «Lunedì 12 giugno 1559» ma non si fa cenno ai fratelli;20 di Giovanni Battista non si sa nulla mentre Jean Damian, si inseriva come “couturier” e sposava nel 1571 Jeanne Ferrat, figlia del sindaco Jean: dei loro cinque figli, sopravviveva solo la maggiore, Jahel sposata Paiari.21

  • 22 «Anthoyne, fils de feu Etienne Liffort dit Picard de Cuny in Piedmont» acquisiva il diritto il 6 a (...)
  • 23 Galiffe1829, p. 56; la genealogia dei Lefort alle p. 55-75.
  • 24 L’autore computa solo 50 famiglie ormai ginevrine nel 1600, meno di un quarto dei rifugiati, di cu (...)

17Jean Antoine Lefort dit Picard (1535-1590) è l’unico dei quattro fratelli che richieda la borghesia,22 capostipite di una famiglia – scrive un po’enfaticamente Galiffe – che «ha contribuito a costruire la repubblica e la ha costantemente salvata»,23 e che rappresenta bene la «small but decidedly aristocratic colony of the XVIth century» degli esuli italiani descritta da Monter24 decisi a restare a Ginevra nonostante la peste, la carestia e la guerra, accedere alla borghesia e inserirsi nella vita politica con posizioni di rilievo.

  • 25 Il Contratto di nozze fu steso il 12 gennaio 1567 a evitare «inconvenient à l’une ou l’aultre des (...)

18Nel dicembre del ’66 Jean Antoine sposava la quindicenne Margherita Miolo,25 nipote di Giorgio e figlia di Bartolomeo e Caterina Bonetti, da cui avrebbe avuto otto figli. Il maggiore dei sopravvissuti, Isaac (1574-1652), garantiva la continuità nei due rami ancora esistenti: quello rimasto ginevrino discende dal suo secondo figlio Daniel (1607-1650), l’altro dal minore Jacques (1618-1674), i cui posteri, passando per la Russia, la Polonia, la Svezia, la Francia finirono per stabilirsi in Germania nel corso del XVIII secolo.

  • 26 Giorgio Miolo, borghese dal ‘55 e Bonifacio Morina, entrambi apothicaires, erano giunti con la fam (...)
  • 27 Dalla fine del secolo in poi l’ammissione alla borghesia divenne sempre più selettiva e costosissi (...)

19Di Jean Antoine non sappiamo se abbia seguito i corsi dell’Accademia cui si era iscritto né quale attività abbia svolto prima del 1567 quando si associa nel commercio di spezie e droghe a Bonifacio Morina di Cavour e a Giorgio Miolo di Pinerolo.26 L’accesso alla borghesia ci dice del possesso di una casa in città e di una buona disponibilità economica stante che il Consiglio, pressato da grosse difficoltà finanziarie, aveva reso le clausole previste meno restrittive ma molto più onerose;27 è probabile che egli fosse già merchand-apothicarie come del resto la quasi totalità dei piemontesi del Refuge.

  • 28 Gautier 1906.

20Il Piemonte era tradizionalmente il principale fornitore di piante officinali; a Ginevra i merchand-apothicarie piemontesi avevano una secolare tradizione di presenza e nel Quattrocento, quando Ginevra era sede di fiere prestigiose, gli speziali erano circa un centinaio specializzati nel commercio dei “semplici” e soprattutto della richiestissima “polvere di Ginevra”, il condimento a base di molte spezie sapientemente miscelate sottoposto dal governo a rigorosissimi controlli di qualità.28

  • 29 Mottu-Weber 1987, p. 41 e nn. 67 e 68.
  • 30 Arte antica quella della Dorure anche a Ginevra, ma tra i più famosi sin dal XIV sec. erano i Dore (...)

21Di fatto monopolio dei mercanti italiani fino alla metà del Cinquecento, il commercio delle spezie copriva un settore centrale negli scambi internazionali; a Ginevra diveniva vitale nel momento in cui si sviluppava la produzione tessile la cui storia è inseparabile da quelle degli esuli per motivi di fede. L’attività manifatturiera aveva mosso i primi passi tra il ’47 e il ‘50, in uno dei momenti più critici per la città stremata dalla carestia e in grave difficoltà nel gestire la crescente immigrazione di profughi bisognosi di tutto: cibo, abitazione, lavoro.29 L’arrivo di artigiani e mercanti francesi, più tardi italiani, dava avvio stabilmente non più solo al commercio ma anche alla produzione, regolamentata e controllata nella qualità e nella quantità, di stoffe di lana e di seta che si smerciano in tutta l’Europa. L’ampia disponibilità d’imprenditoria e mano d’opera non solo del tessile – che resta fino al ‘700 il principale settore del commercio – ma per l’ editoria, l’edilizia, la lavorazione di cuoio e metalli, e poi la Dorure,30 l’orologeria e la gioielleria apre Ginevra a un mercato internazionale e a fortune ben più significative del passato.

  • 31 Il Consiglio dei Duecento vietò nel 1619 il commercio di «diverses sortes de marchandise», ma non (...)
  • 32 Piuz 1990, p. 507; a Ginevra i mercanti contrasteranno con forza il commercio dei prodotti atlanti (...)
  • 33 «Cette ville-là est un Paris, c’est un Londres, c’est un apport d’une traffique nouvelle, et un no (...)
  • 34 Piuz 1990, p. 501 sq.; l’autrice osserva che non esiste adeguata documentazione delle tratte segui (...)

22Il marchand épicier et apothicaire non è ancora così specializzato, tratta merci diverse (metallo, pellame, lane, tinture e poi fichi, prugne, aringhe, etc.),31 ma il perno dell’attività si sposta progressivamente su spezie, droghe e prodotti tintoriali che garantiscono enormi profitti; un commercio gestito proprio dagli italiani del primo Refuge che controllano le merci dal Levante e le portano a Lione e Marsiglia, in spietata concorrenza con quelle che arrivano ad Anversa e Amsterdam dalle Americhe. Ginevra diviene così punto di arrivo, di transito e di redistribuzione32 e i mercanti tedeschi, francesi, savoiardi si riforniscono a Ginevra non più a Lione.33 Sul finire del secolo la città si trova al centro di tutti i commerci europei e atlantici: controlla una delle principali vie tra Lione, la Germania e l’Europa centrale e i suoi mercanti sono a Strasburgo come a Marsiglia, Anversa, Amsterdam, Londra; nei primi anni del ‘600 orologiai e mercanti ginevrini si spingono fino a Costantinopoli; la città non patisce neppure in tempo di guerra perché offre la strada più sicura, e più costosa, attraverso la Svizzera.34

23Con Isaac (1574-1652), figlio di Jean Antoine, i Lefort sono presenti su tutte queste piazze, inseriti in una rete di affari e di affetti consolidata dalla solidarietà riformata e dai legami matrimoniali che favoriscono non solo la fortuna economica della famiglia ma anche quella politica.

24Rispetto ai compatrioti i Lefort privilegiano in entrambi gli ambiti i rapporti con i mercanti francesi: Jean Antoine aveva sposato Margherita Miolo, di Pinerolo (1567) ma figli e nipoti si legheranno soprattutto a francesi o ginevrini di lunga data. Isaac sposa a Lione Sara Vimar, famiglia di mercanti della città; i suoi figli Daniel (1607-1650) e Jacques (1618-1674) sposeranno rispettivamente Judith Rilliet lionese, e Francoises Lect, famiglia originaria della Svizzera tedesca ma borghese ginevrina dal 1473. I matrimoni dei Lefort – maschi e femmine – sono funzionali a una strategia che favorisca gli affari e l’integrazione: ripercorrendo il dettagliato albero genealogico ricostruito dal Galiffe emerge la rete dei molteplici legami par alliance con famiglie già solidamente presenti sui mercati e nelle istituzioni: Gallatin, Grenus, Auriol, Balaucre, Favre, Lect, Lullin, Senebier e così via.

25Isaac Lefort è marchand apothicaire come il padre, ha basi sicure e allarga il giro di affari. Pieno di iniziativa diviene molto ricco, possiede case e proprietà in città e nella vicina Genthod; Mottu-Weber lo segnala come uno dei più importanti e intraprendenti mercanti ginevrini. Scavalcando Lione e Marsiglia Isaac acquistava le spezie dagli olandesi sul mercato tedesco ed era attivo in proprio o con soci – De la Rue, Turrettini, Casal – sulle altre piazze dove arrivavano i prodotti dalle Americhe, portando precocemente a Ginevra prodotti nuovi, rari, generi di lusso. Alle spezie e droghe Isaac univa il commercio di tessuti, tanto delle materie prime che del prodotto finito; e non solo stoffe di lana e seta ma anche le futaines (un misto di lino e cotone la cui produzione era stata iniziata proprio dagli immigrati francesi e italiani) e le fascinose indiannes, costose e colorate tele di cotone stampato di gran moda dalla metà del ‘600 e per tutto il ‘700. Fedeli alla tradizione familiare i figli Daniel (1607-1650) e Jacques (1618-1674) si inserivano entrambi nel commercio di spezie, coloranti e tessuti con discreta fortuna.

  • 35 Cfr. le Tab. 21, 31, 34 in Mottu-Weber 1987 e Piuz 1970, p. 457-459. Dalla metà del ‘600 la Dorure(...)

26Daniel lasciava al figlio Daniel (1641-1684), non molto intraprendente, una posizione solida, ma apparivano i primi segni di crisi e il suo unico nipote Alexandre (1678-1750) épicier et droguiste entrerà in società nel settore delle Passementeries e della Dorure, il più dinamico e remunerativo dell’economia ginevrina, totalmente assorbito dall’esportazione e motore del commercio di oro e argento.35 Il figlio Abraham (1711-783), pur producendo anche attrezzi e strumenti per artigiani, prosegue quella attività con diversi soci – Fatio, Beaumont, Jurine – fino al 1769. È l’ultimo mercante dei Lefort; i tempi erano davvero cambiati e suo figlio Jacques (1757-1826), come già avvenuto un secolo prima nel ramo cadetto, diviene avvocato e professore, succedendo nel 1783 a Jean-Jacques Turrettini sulla cattedra di diritto. Tra i suoi discendenti, tuttora residenti a Ginevra, si contano magistrati, consiglieri, medici, pastori, professori dell’Accademia.

27Nella famiglia di Jacques, figlio minore di Isaac, la tradizione mercantile ebbe breve vita con due dei quattro figli maschi avuti da Françoise Lect.

  • 36 Isaac Lefort era stato promotore e Direttore della Chambre du Négoce. Nata nel 1660 su libera iniz (...)
  • 37 Piuz 1970, p. 455- 456.
  • 38 I bancarottieri venivano condannati all’esilio o alla prigione come fraudolenti che disonoravano l (...)

28Ambizioso e intraprendente come il nonno, Isaac (1644-1721) seguì gli affari di famiglia per il settore delle spezie ed estese i suoi affari al commercio mediterraneo e atlantico, importando a Ginevra merci considerate di lusso – zucchero, tè, tabacco, caffè – anche quando proibite in città. Molto aperto alle nuove opportunità del mercato finanziò la costruzione di una macchina innovativa per la meccanizzazione della produzione di calze di seta, lana e cotone ideata dal socio Gallatin e sostenne l’uso di quella di Teodoro Burlamacchi per la produzione delle passamanerie. Nel 1675, rimasto vedovo di Sara Pelissari, aveva sposato Elisabeth Baulacre, famiglia di spicco della Ginevra mercantile. Nel 1689 è tra i membri più autorevoli della Chambre du Négoce36 e nell’imposizione fiscale straordinaria del 1690 risulta tra le 32 famiglie che possiedono nell’insieme 1/5 della ricchezza della città.37 L’audacia che lo aveva favorito negli affari – fino a esportare illegalmente in Russia la fabbricazione di calze di seta – lo porterà alla rovina: in feroce concorrenza con François Fatio, nel pieno della crisi di fine secolo Isaac fallisce e nel 1698 il Consiglio dei 200 lo espelle.38 Per alcuni anni vivrà tra Strasburgo e Lione e poi a Ginevra, ritirato a vita privata.

29Il fratello Jacques (1653-1732) mercante di tessuti e membro del Consiglio dei 200, fu attivo in società con i Colladon, il cugino René Briere e i Calvet fino al 1715, quando decise di chiudere la sua Maison.

30Gli altri due fratelli, legatissimi tra di loro, divennero i membri più noti di tutta la famiglia, in patria e a livello internazionale. Amy (1642-1719) scelse il diritto e l’impegno politico; François (1656-1699) rinnovò la tradizione militare: due strade che più volte si sarebbero intrecciate introducendo le nuove generazioni dei Lefort nelle corti europee.

La politica

31L’accesso alla borghesia consentiva l’elezione dei membri del Piccolo Consiglio e dalla generazione successiva l’eleggibilità nel Consiglio dei 200 e nel Consiglio dei 60: opportunità colta da molti degli immigrati italiani e francesi favoriti dall’apertura degli anni ’40-’60, cosicché negli ultimi decenni del ‘500 il Consiglio dei 200 non rappresentava più i diversi gruppi sociali. Di fatto era controllato dai mercanti con interessi precisi nel commercio e anche nella produzione, un gruppo di pressione in grado di indirizzare le scelte del Piccolo Consiglio per i settori di suo maggiore interesse e contrastare ogni misura che avrebbe potuto in qualche modo danneggiarlo.

32I Lefort entrano attivamente nella vita politica sin dalla seconda generazione: da allora e per tutto il XVIII sec. un Lefort fu sempre presente nei diversi Consigli e alcuni ricoprirono per lunghi anni la carica di Primo Sindaco. Isaac, figlio di Jean Antoine, fu rieletto per quasi cinquant’anni nei diversi organismi decisionali della città: dal Consiglio dei 200 (1603) al Consiglio dei Sindaci (1649), contribuendo al consolidamento della politica protezionistica a difesa degli interessi dell’aristocrazia mercantile e il corrispondente severo controllo sociale, l’esclusione dei ceti meno abbienti, la chiusura dell’accesso alla borghesia.

  • 39 Carpanetto 2011, p. 77-100.

33Dopo aver sconfitto il tentativo dei Savoia di impadronirsi della città – la Escalade del dicembre 1602 – Ginevra aveva sottoscritto la pace di Saint-Julien che riconosceva di fatto la sua indipendenza. Ormai inserita nel sistema europeo regolato dal principio dell’equilibrio, Ginevra aveva scelto di attenersi a un «bilateralismo multiplo, di mantenere cioè una pluralità di relazioni bilaterali, ciascuna con scopi ben definiti e circoscritti nel tempo».39 La città non istituì una magistratura specifica per la politica estera ma continuò a farla gestire dal Piccolo Consiglio e dai Sindaci, destreggiandosi di volta in volta per tenere a bada la tentazione egemonica di Parigi e Torino.

  • 40 Piuz – Mottu-Weber 1990, p. 21.
  • 41 Le rivendicazioni per cui Fatio aveva perso la vita nel 1707 ottennero soddisfazione solo nel 1792 (...)
  • 42 Le Fort 1920, p. 74-84.

34Ami Lefort (1642-1719) si distinse in questo delicatissimo compito. Ami aveva studiato lettere e filosofia e nel 1663 si era addottorato in diritto a Valence. La sua carriera iniziava nel 1665, eletto contemporaneamente avvocato al Parlamento di Parigi e nel Consiglio dei 200 come Segretario di Giustizia, poi Segretario di Diritto. Nel 1679 entrava nel Consiglio dei 25 come Segretario di Stato; nel collegio dei Sindaci veniva confermato dal 1684 fino alla morte e designato primo sindaco nel 1712 e nel 1716. Ami ricoprì anche l’incarico di Luogotenente, una funzione che lo poneva in stretto contatto con la popolazione: probabilmente da questa esperienza nacque il suo impegno contro il lavoro minorile, «un gran mal que l’on remarque en cette ville».40 Nel corso del suo lungo mandato egli visse e gestì momenti critici della vita della repubblica: l’arrivo degli ugonotti dalla Francia dopo la revoca dell’Editto di Nantes (1685) e dei profughi valdesi dal Piemonte (1686); le terribili carestie cui riuscì a far fronte grazie ai suoi rapporti con i cantoni svizzeri (1689) e la Russia (1693); la gestione dei conflitti tra patriziato e borghesia che segnarono tutto il XVIII sec. e assunsero presto una dimensione internazionale; la condanna a morte di Pierre Fatio; anche il passaggio al calendario gregoriano.41 Ami fu impegnato in molte missioni diplomatiche a difesa del ruolo internazionale e dei diritti di Ginevra: in Francia, per il Pays de Gex e per le proprietà dei ginevrini su cui Luigi XIV avanzava delle pretese (1662-1696); presso i Savoia in occasione del matrimonio di Vittorio Amedeo II; a Berna e Zurigo per risolvere l’arrivo di un residente inglese non concordato; a Berna come delegato della Chambre du negoces per trattare sui dazi.42 Con grande abilità e una costante opera di negoziazione riuscì a contenere Parigi e Torino e garantire la preziosa neutralità della Repubblica.

  • 43 Forse durante il soggiorno olandese François fu iniziato alla Massoneria; di certo Pietro I lo pos (...)
  • 44 I Guasconi, mercanti fiorentini, avevano sedi ad Amsterdam e altrove in Europa; Francesco (1640-17 (...)

35La reale frattura nella tradizione familiare fu compiuta da François (1656-1699). Destinato dal padre al commercio delle spezie ed inviato quattordicenne a Marsiglia per l’apprendistato era fuggito e si era arruolato nella guarnigione francese. Riportato a casa iniziava una strenua resistenza contro la volontà paterna, coltivando tra i giovani nobili stranieri residenti a Ginevra le amicizie più vicine ai suoi interessi. Solo due anni dopo, grazie al nuovo amico Karl Jakob Kettler principe di Curlandia, François otteneva di partire con lui e unirsi ad Amsterdam al fratello Friedrich Kasimir capitano della cavalleria olandese.43 La nuova vita di François cominciava nell’estate del 1674 agli ordini di Friedrich Kasimir e a fianco di Guglielmo d’Orange nell’assedio di Maastricht. Subito dopo il suo capitano era rientrato a Mittau; solo e disoccupato François si recava a Nimega, dove dovevano riunirsi le potenze in guerra e su consiglio del banchiere Jean Tournon, cui il padre lo aveva affidato, accettava la proposta di un commilitone olandese che reclutava ufficiali per la Russia. In realtà gli ufficiali e le loro famiglie vennero bloccati ad Arkangel’sk, minacciati di confino in Siberia e autorizzati solo sette mesi dopo a partire a proprie spese e senza nessuna protezione, tanto che a Mosca il gruppo si disperse (1676). Lefort, come ad Arkangel’sk, fu protetto dalla rete familiare d’interessi mercantili e relazioni commerciali: il mercante Francesco Guasconi44 garantì per lui e lo presentò al residente danese von Horn che lo assunse come segretario e lo introdusse a corte.

  • 45 Chiedendo perdono alla madre e motivando la sua decisone François aggiungeva: «Mes desseins ont to (...)

36Da questo momento la sua storia è tutt’uno con quella della Russia: colto, poliglotta, abile nella sua professione servì i Romanov e fece una rapida e brillante carriera. Un secondo strappo con la famiglia fu consumato nel 1678, quando sposò senza il consenso di sua madre Elisabeth Souchay, di padre francese e madre inglese ma di religione cattolica: il matrimonio come prova della volontà di restare in Russia gli era stato suggerito dal capitano Patrick Gordon, scozzese e cattolico, suo amico e collega nonché cognato della futura sposa.45

  • 46 Nell’assedio Lefort comandava la flotta con una propria nave, la ”Slon” (Elefante), che innalzava (...)
  • 47 Durante la sosta a Vienna nel dicembre 1698 François ottenne dall’Imperatore il titolo di “Cavalie (...)
  • 48 La proprietà su cui era stato costruito il palazzo è ora il rione Lefortovo di Mosca, che nel più (...)
  • 49 Fino al 1918 il cimitero era riservato a protestanti e cattolici. La vita straordinariamente inter (...)

37Apprezzato per le sue doti da Fedor Alekseevič, poi da Sofija e dal principe Vasilij Golicyn, tra l’82 e il ’90 François partecipò a tutte le fasi della guerra russo-turca, promosso da capitano a generale maggiore. Nel 1690 Gordon gli presentò il giovane zar Pietro I e François ne divenne l’amico inseparabile, il consigliere e lo stratega. Discusse con lui tutte le possibili riforme dello stato, lo guidò alla conquista di Azov, sostenne il suo progetto di costruire una flotta (e ne fu nominato ammiraglio prima che esistesse), gli suggerì di fondare una nuova capitale sul mar Baltico, lo consigliò di trattare di persona con l’Imperatore l’alleanza contro la Turchia. La conquista di Azov (1696) fu l’ultima delle campagne militari di François:46 al ritorno sfilò al fianco di Pietro sotto il primo arco di trionfo mai eretto a Mosca: lo zar lo insignì del titolo di Viceré di Novgorod, che lo inseriva nella nobiltà russa, e gli concesse l’uso dell’aquila bicipite nello stemma. Da allora i suoi impegni furono esclusivamente politici: la “Grande Ambasceria” partita da Mosca nel marzo del 1697 era guidata da François Lefort, primo ambasciatore: al suo seguito, benché sotto le mentite spoglie del marinaio Petr Michajlov, uno zar di Russia entrava per la prima volta nelle corti europee.47 Il ritorno a Mosca nel settembre 1698, anticipato per la rivolta degli strel’cy, fu traumatico per la feroce repressione a cui Lefort rifiutò di partecipare, esortando inutilmente Pietro alla clemenza. Il 12 [22] febbraio 1699 Pietro inaugurò con una grandiosa festa il fastoso palazzo di marmo che aveva fatto costruire per lui nella nemeckaja sloboda;48 pochi giorni dopo Lefort si ammalava, probabilmente di febbre tifoidea, e moriva il 2 [12] marzo. Per quello che aveva definito «l’unico uomo di cui mi fidavo» Pietro organizzò onoranze solenni: assistette al funerale nella chiesa riformata e a piedi guidò il corteo fino alla sepoltura nel cimitero Vvedenskoe.49

  • 50 Il 21 [31] marzo lo zar disponeva che i suoi successori avrebbero dovuto assicurare una “convenien (...)

38Dal matrimonio con Elisabetta erano nati otto figli di cui solo uno sopravvissuto; nonostante il parere contrario della moglie François volle fossero battezzati tutti nella chiesa riformata e che l’unico figlio, Henry (1684-1703), crescesse riformato e ginevrino. A Mosca Henry ebbe come istitutore il luterano sassone Strack, e nel ’95 fu inviato a Ginevra e affidato alla tutela della nonna e dello zio Ami: rientrò in Russia solo nel 1701 senza aver più rivisto il padre.50 Pietro I volle Henry al posto che era stato di Francois e con la carica di luogotenente lo condusse con sé nella campagna contro gli svedesi: all’assedio di Nöteborg (ottobre 1702), poi a Voronež, infine all’assedio della fortezza di Nyen (febbraio 1703). A Mosca, in preda a febbri violente, Henry morì il 28 aprile [8 maggio] del 1703 e per volere di Pietro fu sepolto a fianco del padre.

39Riaccendendo la sopita tradizione militare François aveva aperto alla famiglia nuovi sbocchi prestigiosi e remunerativi, ma anche nuovi mercati a Ginevra nel pieno della crisi, attivando contatti privilegiati con la grande potenza emergente. Non appena consolidata la propria posizione François aveva invitato nipoti e bisnipoti a raggiungerlo in Russia. I figli di Isaac – Jean François e Jean – e i figli di Jacques – Jean Jacques e Jean – vivranno in Russia della gloria dello zio defunto dapprima come militari poi come consiglieri per il commercio estero o diplomatici, e i loro discendenti nasceranno non solo a Mosca e Pietroburgo ma anche a Parigi o Berlino.

  • 51 Le Fort 1920, p. 96-103.

40Il figlio di Ami, Pierre (1676-1754) aveva raggiunto François già nel 1694: era al suo fianco nell’assedio di Azov e suo segretario nella Grande Ambasciata. Nel 1700, catturato sotto Narva dagli svedesi fu liberato solo nel 1709 con uno scambio di prigionieri. Restò al servizio di Pietro e poi di Caterina I e si congedò con il grado di generale luogotenente nel 1732. Abbandonò allora la Russia, vendette le proprietà ereditate dallo zio e si ritirò a Möllenhagen, nel Meclemburgo, da cui proveniva la seconda moglie Sophie Amélie von Barner, sposata nel 1717.51

  • 52 Le Fort 1920, p. 104-114. Il nipote Pierre (1724-1796), anch’egli al servizio in Russia con Elisab (...)

41I suoi discendenti, militari e proprietari terrieri, non più Le Fort come i cugini rimasti ginevrini ma von Le Fort, rappresentano gli altri due rami radicatisi rispettivamente nel Meclemburgo e in Pomerania.52

42Con Ami e François la storia dei Lefort si sviluppava in direzioni lontane dal commercio anticipando le conseguenze del trentennio di crisi (1690-1720) segnato, per la famiglia, dalla disgrazia di Isaac.

  • 53 Piuz– Motti – Weber 1990, p. 603-604.
  • 54 Luthy 1959.

43Sono anni che incidono pesantemente sulle sorti del gruppo storicamente omogeneo di esuli che aveva costruito la propria fortuna sul commercio, la manifattura, la dorure; ne usciva indenne, anzi arricchito, solo chi sceglieva operazioni e traffici puramente bancari. Un lento scivolare, scrive Béatrice Veyressat, «d’un capitalisme marchand entiérement tissé de relation personelles – tout ce qu’il y a de moins anonyme – vers un capitalisme financier tojours plus impersonnel»:53 conseguenza macroscopica del Second Refuge, il movimento di individui, gruppi, legami d’affari che culminerà nella alta finanza protestante, felicemente definito da Luthy «Internazionale ugonotta».54

44I Lefort non ne fanno parte, non abbandonano il commercio per la finanza. Con non minore fortuna saranno invece avvocati, magistrati, medici, ambasciatori, militari e da Isaac (1685-1763), figlio minore di Ami, anche teologi e pastori.

Ginevrini per vocazione

  • 55 Piuz 1970, p. 451-452.
  • 56 Adorni Braccesi 2007.

45L’immigrazione che nel XVI e nel XVII aveva reso così prospera la piccola città sul lago Lemano aveva solide basi comuni: «mêmes activités économiques, même mode d’existence, identité des idéologies (politique et religieuse)».55 L’identità religiosa era certamente la più condivisa e trasversale: non a caso appena possibile ogni “nazione” aveva voluto a Ginevra un proprio locale di culto: primo punto di riferimento per i nuovi arrivati, luogo di preghiera, di incontro, di aiuto, anche di affari.56

  • 57 Grazie all’oculata gestione che la aveva caratterizzata, quando nel 1870 sarà liquidata la Borsa i (...)

46Dopo l’uso provvisorio della Cappella del Cardinale d’Ostia in San Pietro (nel ’42 vi aveva predicato Bernardino Ochino), grazie all’impegno di Galeazzo Caracciolo gli italiani ebbero dal 1552 una propria chiesa che cambiò diverse sedi prima di stabilizzarsi all’Auditoire; a quella i Lefort furono stabilmente legati sin dal loro arrivo. Jean Antoine ricoprì i servizi di diacono, poi di anziano; il figlio Isaac, ricordato per la sua liberalità, fu anziano responsabile della Bourse italienne,57 alimentata da lasciti e donazioni per l’aiuto ai bisognosi della comunità; suo figlio Jacques sarà anch’egli diacono e anziano e il nipote Isaac, figlio di Amy, studierà teologia e sarà il primo pastore della famiglia.

47La vita di François rende significativa testimonianza di quanto la fede riformata fosse sentita centrale, identitaria nella famiglia. Scrivendo ai famigliari egli ne parla continuamente, come certezza che tutta la sua vita fosse stata protetta e accompagnata da Dio, come fiducia che il Suo aiuto non sarebbe mai venuto meno, come riconoscenza. Una fede che è sempre presente nel suo rapporto con lo Zar; che si mostra nella chiesa riformata costruita sulle sue proprietà moscovite cui dona il calice d’argento per la santa Cena; che anima la sua ferma volontà di far crescere il figlio a Ginevra.

48Fede e cittadinanza è il binomio che accomuna nell’immaginario il mito sia positivo che negativo di Ginevra, città-chiesa modello della Riforma ben descritto da Dufour; un mito che è realtà vissuta per le famiglie e i singoli che vi sono approdati dopo aver tutto abbandonato.

49L’espressione di Luthy «ginevrini per vocazione» mi è sembrata la più adatta a indicare, descrivere e comprendere in tutte le sue contraddizioni quella élite di esuli che con il suo attivismo si appropria della citta, la rinnova, la trasforma profondamente e crea una nuova nazionalità, il “Ginevrino”, risultato di nazionalità diverse, capace di costruire una rete solidale fondata sulla condivisione dei medesimi valori spirituali e dei comuni interessi materiali.

50Una élite particolare tra quelle che in quegli anni circolano e si spostano in Europa e di cui i Lifforti di Cuneo sono rappresentanti significativi.

Haut de page

Bibliographie

Adorni Braccesi 2007 = S. Adorni Braccesi, Le chiese italiane del rifugio e i luoghi dell’esilio, in Ph. Benedict et al. (a cura di), La Réforme en France et en Italie, Roma, 2007, p. 513-534.

Albanese – Coates 1996 = R. Albanese, S. Coates, Araldica cuneese, Cuneo, 1996.

Bassville de 1784 = N.J.H. Bassville de, Precis historique sur la vie et les exploits de Francois Le Fort (…), Ginevra, 1784.

Benedict 2008 = Ph. Benedict, Calvin et la transformation de Genève, in M.E. Hirzel, M. Sallmann (a cura di), Calvin et le calvinisme, Ginevra, 2008, p. 15-32.

Bianchi – Merlotti 2002 = P. Bianchi, A. Merlotti, Diffusione e repressione della Riforma, in Cuneo in età moderna. Città e Stato nel Piemonte di antico regime, Milano, 2002, p. 79-120.

Bianchi 1999 = P. Bianchi, Riforma e ragion di Stato. Gruppi e forme di vita religiosa nel Cuneese fra Cinque e Seicento, in Bollettino della Società di Studi Valdesi, 185, 1999, p. 3-26.

Bianchi 2002 = P. Bianchi, Fra ortodossia ed eterodossia: secoli XVI-XVII, in R. Comba (a cura di), Storia di Cuneo e del suo territorio 1198-1799, Savigliano, 2002, p. 312-340.

Bodmer 1946 = W. Bodmer, Der Einfluss der Refugianteneiwanderung von 1550-1700 auf die schweizerische Wirtschaft. Ein Beitrag zur Geschichte des Frübkapitalismus und die Textil-Industrie, Zurigo, 1946.

Carpanetto 2011 = D. Carpanetto, I regni e la repubblica. Relazioni e negoziazioni tra Parigi, Torino e Ginevra nel XVIII secolo, in R. Sabbatini, P. Volpini (a cura di), Sulla diplomazia in età moderna, Annali di Storia militare europea, 3, 2011, p. 77-100.

Choisy 1904 = A. Choisy, La matricule des avocats de Genève, 1712-1904, Ginevra, 1904.

Comba 1984 = R. Comba, Per una storia economica del Piemonte medievale. Strade e mercati dell’area sud-occidentale, Torino, 1984.

Covelle 1897 = A. Covelle, Le livre des Bourgeois de Genève, Ginevra, 1897.

Di Salvo 2011 = M. Di Salvo, Florence, Amsterdam, Moscow: an Italian merchant in Peter the Great’s time, in A. Alberti et al. (a cura di), Italia, Russia e mondo slavo, Firenze, 2011, p. 136-144.

Dufour 1966 = A. Dufour, Le mythe de Genève aux temps de Calvin, Ginevra, 1966.

Felici 2008 = L. Felici, Tra Stato e Chiesa: la repressione dell’eresia in Piemonte durante l’occupazione francese (1539-1559), in S. Peyronel (a cura di), I tribunali della fede: continuità e discontinuità dal Medioevo all’età contemporanea, Torino, 2008, p. 163-196.

Galiffe 1836 = J.A. Galiffe, Notices généalogiques sur les familles genevoises depuis les premiers temps jusqu’a nos jours, Ginevra-Parigi, t. I, 1829: t. II, 1831; t. III, 1836.

Galiffe 1881 = J.B.G. Galiffe, Le refuge italien de Genève aux XVIe et XVIIe siécles, Ginevra, 1881.

Gautier 1906 = L. Gautier, La médecine à Genève jusqu’à la fin du XVIIIsiécle, Ginevra, 1906.

Geisendorf 1957 = P.F. Geisendorf, Livre des habitants de Genève, 1549-1560, Ginevra, 1957.

Geisendorf 1963 = P.F. Geisendorf, Métiers et conditions sociales du premier Refuge à Genève, in Mélanges d’histoire économique et sociale pour le Prof. Antony Babel, Ginevra, 1963, I, p. 239-249.

Grosheintz 1904 = O. Grosheintz, L’église italienne de Genève au temps de Calvin, Losanna, 1904.

Jalla 1914 = J. Jalla, Storia della Riforma in Piemonte fino alla morte di Emanuele Filiberto (1517-158), Torino, 1914.

Le Fort 1920 = H. Le Fort, Notice généalogique et historique sur la famille Le Fort dé Genève, Ginevra, 1920.

Loosli 2010 = J.-P. Loosli, François Lefort (1656-1699) au travers de l’historiographie, in J.-D. Avenel et al., Mercenariat et service étranger : actes du Symposium 2008, Pully, 2010, p. 153-169.

Luthy 1959-1961 = H. Luthy, La Banque protestante en France, de la Révocation de l’Édit de Nantes à la Révolution, Parigi, 1959-1961, I-II.

Mellano 1955 = M.F. Mellano, La Controriforma nella diocesi di Mondovì (1560-1602), Torino, 1955.

Miolo 1971 = G. Miolo, Historia breve et vera de gl’affari de i valdesi delle valli, ed. E. Balmas, Torino, 1971.

Monter 1969 = W.E. Monter, The Italians in Geneva, 1550-1600. A new look, in W.E. Monter (a cura di), Genève et l’Italie, Ginevra, 1969, p. INDICARE PAGINE..

Monter 2003 = W.E. Monter, La colonia protestante cremonese a Ginevra nel XVI sec., in G. Politi (a cura di), Storia di Cremona. L’età degli Asburgo di Spagna (1535-1707), Bergamo, V, 2003, p. 334-349.

Mottu-Weber 1985 = L. Mottu-Weber, Marchands et artisans, in J. Sautier (a cura di), Genève au temps de la Revocation de l’édit de Nantes :1680-1705, Ginevra, 1985, p. 313-397.

Mottu-Weber 1987 = L. Mottu-Weber, Genève au siécle de la Réforme. Économie et refuge, Ginevra-Parigi, 1987.

Pascal 1912 = A. Pascal, I valdesi e il Parlamento di Parigi (1539-1559), Pinerolo, 1912.

Pascal 1959 = A. Pascal, La colonia piemontese a Ginevra nel sec. XVI, in D. Cantimori et al. (a cura di), Ginevra e L’Italia, Firenze, 1959, p. 65-133.

Pascal 1960 = A. Pascal, Il marchesato di Saluzzo e la Riforma protestante: 1548-1588, Firenze, 1960.

Pavlenko 2009 = N. I. Pavlenko, Lefort, Mosca, 2009 (II ed. 2018).

Pedrazzini 2002 = D. M. Pedrazzini, François le Fort (1656-1699): créateur de la marine militaire russe et précurseur du service des Suisses en Russie, in Revue Militaire Suisse, 147-9 2002, p. 35-42.

Piuz – Mottu-Weber 1990 = A.M. Piuz, L. Mottu-Weber (a cura di), L’économie genevoise de la Reforme à la fin de l’Ancien régime, XVIe-XVIIIsiècles, Ginevra, 1990.

Piuz 1970 = A.M. Piuz, À Genève à la fin du XVIIe siècle : un group de pression, in Annales. ESS, 25-2, 1970, p. 452-462.

Venturi 1979 = F. Venturi, Settecento Riformatore, III, Torino, 1979.

Haut de page

Notes

1 Il settore bancario, in cui Ginevra aveva svolto una funzione di primaria importanza nelle lettere di cambio tra Italia ed Europa nord-occidentale, era stato il primo a ridimensionarsi, e la “colonia italiana” spostatasi a Lione era stata sostituita dalla “colonia tedesca”.

2 Benedict 2008, p. 17 e 18.

3 Monter 1969, p. 53-77 e il classico Galiffe 1881.

4 Dufour 1966, p. 74-79.

5 Sulla triplice influenza -svizzera, francese e valdese- dell’adesione alla Riforma in Piemonte, Pascal 1960, cap. IV.

6 Pascal 1912 e Felici 2008.

7 «Ce lo insegnano le guarnigioni di Torino, di Savigliano, di Busca, di Chieri e di Carmagnola, dove ufficiali, truppe e dommatizzatori, aggregati alle milizie straniere, assunsero talvolta un proselitismo così aperto e provocante da suscitare la reazione del clero e del Comune o da provocare l’intervento diretto della autorità regia» (Pascal 1960, p. 118-119).

8 Ai 78 capifamiglia citati dal governatore Rorengo va aggiunta una cinquantina di gruppi familiari partecipanti ai culti in case private (Pascal 1913, p. 262-263).

9 Jalla 1914, p. 90.

10 Le Fort 1920, p. 28.

11 de Bassville 1784, p. 18.

12 Gothaisches genealogisches Taschenbuch für freikerrlichen Haüser, 1839, cit. in Le Fort 1920, p. 27.

13 Mellano 1955, p. 230.

14 Bianchi 1999, p. 5.

15 Albanese – Coates 1996, p. 26; i rispettivi blasoni sono descritti alle p. 116 e 132.

16 Galiffe 1881, p. 113: «Lifforti, Eleforte, Le Fort, dits Picardo (d’une alliance)».

17 Jalla 1914, p. 55, indotto in errore da Galiffe 1836, pp. 302-304; l’Antonio Lifforti citato da Pascal 1959, p. 95, 96, 103, 107 è suo figlio Antoine (1530-1610), più volte eletto consigliere e riconfermato sindaco per sei mandati (1574-1598). A Ginevra gli Eleforte/Lifforti francesizzeranno il cognome in “Lefort”, stabilizzatosi nel XVIII nella forma «Le Fort» e, per il ramo tedesco in «von Le Fort».

18 Lancelot è ricordato come uno dei primi mercanti che promosse la riorganizzazione in forme societarie del commercio ginevrino di stoffe tra XV e XVI (Mottu-Weber 1987, p. 29 e n.16).

19 Geisendorf 1963, p. 240-241 sottolinea la impreparazione delle strutture cittadine in questa fase di arrivo in massa di immigrati e nota che la professione risulta indicata per meno della metà dei 4776 profughi del periodo.

20 Geisendorf 1957, p. 189: Jean Antoine viene evidentemente considerato capofamiglia. Isaia, sposato con Mia Balmas ebbe cinque figli, nati e morti a Ginevra negli anni ’70- ‘80 (Le Fort 1920, p. 37); forse rimaste a Cuneo le sorelle Anna e Franca (Galiffe 1957, p. 59).

21 Le Fort 1920, p. 37.

22 «Anthoyne, fils de feu Etienne Liffort dit Picard de Cuny in Piedmont» acquisiva il diritto il 6 aprile 1565.

23 Galiffe1829, p. 56; la genealogia dei Lefort alle p. 55-75.

24 L’autore computa solo 50 famiglie ormai ginevrine nel 1600, meno di un quarto dei rifugiati, di cui solo un terzo richiese il diritto di borghesia (Monter 1969, p. 55 e 72); analogo il percorso della colonia cremonese (Monter 2003, p. 1303-1367).

25 Il Contratto di nozze fu steso il 12 gennaio 1567 a evitare «inconvenient à l’une ou l’aultre des partyes pour la fragilité de la vie et mémoire des hommes» (Miolo 1971, p. 129).

26 Giorgio Miolo, borghese dal ‘55 e Bonifacio Morina, entrambi apothicaires, erano giunti con la famiglia il 26 novembre 1554 (Miolo 1971, p. 27-29; alle p. 131-136 il Testamento i cui esecutori sono «Jehan Anthoyne Lefort e Galeaz Carraciolo marquis de Vico»).

27 Dalla fine del secolo in poi l’ammissione alla borghesia divenne sempre più selettiva e costosissima; Mottu-Weber 1990, p. 392-394.

28 Gautier 1906.

29 Mottu-Weber 1987, p. 41 e nn. 67 e 68.

30 Arte antica quella della Dorure anche a Ginevra, ma tra i più famosi sin dal XIV sec. erano i Doreri e Battiloro di Cuneo e Pinerolo (Comba 1984).

31 Il Consiglio dei Duecento vietò nel 1619 il commercio di «diverses sortes de marchandise», ma non è noto se ebbe successo (Mottu-Weber 1987, p. 78).

32 Piuz 1990, p. 507; a Ginevra i mercanti contrasteranno con forza il commercio dei prodotti atlantici con quella che Richard Gascon definisce una vera e propria guerra: il divieto fino a Seicento inoltrato d’importare il pepe del Brasile o l’indigo è solo uno di molti esempi.

33 «Cette ville-là est un Paris, c’est un Londres, c’est un apport d’une traffique nouvelle, et un nouveau Francfort» (Dufour 1966, p. 78-79).

34 Piuz 1990, p. 501 sq.; l’autrice osserva che non esiste adeguata documentazione delle tratte seguite dalle merci e ricorda l’uso disinvolto di passaporti falsi e del contrabbando.

35 Cfr. le Tab. 21, 31, 34 in Mottu-Weber 1987 e Piuz 1970, p. 457-459. Dalla metà del ‘600 la Dorure sarà progressivamente sopraffatta dalla Fabrique, orologeria e gioielleria. Non a caso contro la concorrenza degli ugonotti del second Refuge, «les maîtrises des orfévres, des horlogers, des tireurs d’or […] n’admettaient plus le non Bourgeois» (Mottu-Weber 1990, p. 401).

36 Isaac Lefort era stato promotore e Direttore della Chambre du Négoce. Nata nel 1660 su libera iniziativa dei mercanti per discutere dei propri interessi, riuniva anche banchieri, intermediari, agenti. Dalla Chambre dipendeva la politica economica e finanziaria di Ginevra; denominata poi Chambre du commerce restò istituzione autorevolissima fino alla metà del ‘700.

37 Piuz 1970, p. 455- 456.

38 I bancarottieri venivano condannati all’esilio o alla prigione come fraudolenti che disonoravano la città e la reputazione dei mercanti (Mottu-Weber 1985, p. 327).

39 Carpanetto 2011, p. 77-100.

40 Piuz – Mottu-Weber 1990, p. 21.

41 Le rivendicazioni per cui Fatio aveva perso la vita nel 1707 ottennero soddisfazione solo nel 1792 (Venturi 1979, cap. X). Nel 2007 la città lo ricordava con una lapide posta all’inizio della Rue Calvin.

42 Le Fort 1920, p. 74-84.

43 Forse durante il soggiorno olandese François fu iniziato alla Massoneria; di certo Pietro I lo pose come Maestro nella loggia da lui fondata (Bakounine 1967, p. 290).

44 I Guasconi, mercanti fiorentini, avevano sedi ad Amsterdam e altrove in Europa; Francesco (1640-1707) personaggio tra i più autorevoli della colonia italiana di Mosca era giunto in città nel 1666 facendone la sua nuova patria (Di Salvo 2011).

45 Chiedendo perdono alla madre e motivando la sua decisone François aggiungeva: «Mes desseins ont toujours été de ne jamais y songer, mais la sincère affection qu’elle a eue toujours pour moi, m’a obligé de rendre les armes» (Le Fort 1920, p. 183).

46 Nell’assedio Lefort comandava la flotta con una propria nave, la ”Slon” (Elefante), che innalzava l’arma di famiglia: «D’azzurro, all’elefante, fermo sulla pianura, attraversante un palmizio, nodrito nella medesima; il tutto d’argento» (Albanese – Coates 1996, 316).

47 Durante la sosta a Vienna nel dicembre 1698 François ottenne dall’Imperatore il titolo di “Cavaliere dell’Impero” per il fratello Ami, che nel suo stemma sostituì la palma con una torre su cui era impressa l’aquila imperiale. Alla morte di Henry egli assunse anche l’aquila bicipite russa, posta sull’elmo che sormontava lo stemma.

48 La proprietà su cui era stato costruito il palazzo è ora il rione Lefortovo di Mosca, che nel più recente stendardo ha assunto la figura di un soldatino settecentesco.

49 Fino al 1918 il cimitero era riservato a protestanti e cattolici. La vita straordinariamente interessante di Lefort, qui solo delineata nelle sue tappe principali, meriterebbe un discorso ben più ampio e articolato. Lefort occupa un posto di rilievo nella storia e nella storiografia della Russia di Pietro il Grande e la bibliografia che lo riguarda direttamente è ricchissima. La sua figura ha conosciuto un interesse costante in Russia: nel 2006 la Repubblica Federativa Russa donava a Ginevra un busto di Lefort e recentemente (2018) è stata ristampata la biografia di Pavlenko del 2009.

50 Il 21 [31] marzo lo zar disponeva che i suoi successori avrebbero dovuto assicurare una “conveniente” posizione al figlio Henry e a tutti i suoi discendenti, in memoria e gratitudine per il servizio che François aveva reso alla Russia; si arrogava poi la patria potestà su Henry per evitare il suo rientro a Mosca, come avrebbe voluto la madre per educarlo nel cattolicesimo.

51 Le Fort 1920, p. 96-103.

52 Le Fort 1920, p. 104-114. Il nipote Pierre (1724-1796), anch’egli al servizio in Russia con Elisabetta e Pietro III, fondò in Polonia delle logge massoniche di Stretta Osservanza (Bakounine 1967, p. 190).

53 Piuz– Motti – Weber 1990, p. 603-604.

54 Luthy 1959.

55 Piuz 1970, p. 451-452.

56 Adorni Braccesi 2007.

57 Grazie all’oculata gestione che la aveva caratterizzata, quando nel 1870 sarà liquidata la Borsa italiana possedeva un capitale di oltre 110.000 franchi, devoluto all’Hospice Général, tranne 20.000 donati alla Biblioteca per la creazione di un fondo destinato all’acquisto di libri, segno di gratitudine per l’accoglienza ricevuta dalla città (Galiffe 1881, p. 100 sq.).

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Laura Ronchi De Michelis, « Da Cuneo a Mosca: la famiglia Eleforte, ginevrina per vocazione (secc. XVI-XVII) », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines, 133-1 | 2021, 39-50.

Référence électronique

Laura Ronchi De Michelis, « Da Cuneo a Mosca: la famiglia Eleforte, ginevrina per vocazione (secc. XVI-XVII) », Mélanges de l’École française de Rome - Italie et Méditerranée modernes et contemporaines [En ligne], 133-1 | 2021, mis en ligne le 13 octobre 2021, consulté le 28 janvier 2022. URL : http://journals.openedition.org/mefrim/9766 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefrim.9766

Haut de page

Auteur

Laura Ronchi De Michelis

Sapienza Università di Roma - laura.ronchi@uniroma1.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search