Navigation – Plan du site

AccueilNuméros135-2Le commerce de l’alun en Occident...L’allume medievale: uso e commerc...

Résumés

In epoca tardomedievale una delle materie prime più commerciate in Europa e nel vicino Oriente era l’allume. Nel 1461, la scoperta di nuovi siti estrattivi a Tolfa, nei territori papali, segnò un punto di svolta fondamentale: il Papa tentò infatti di imporre a tutti gli Stati cristiani l’acquisto esclusivo del proprio allume. Tra il 1471 ed il 1473 nei Paesi Bassi borgognoni si arrivò all’instaurazione di un monopolio commerciale, per quanto imperfetto. Sulla base di alcuni registri conservati nell’Archivio di Stato di Bruxelles, l’articolo si propone di valutare l’impatto che tale misura e la successiva liberalizzazione (voluta da Carlo il Temerario nel giugno 1473) ebbero sul mercato del bene, con particolare riguardo per la provenienza sia dell’allume sia dei mercanti. Si noterà poi come un ristretto gruppo di individui di elevata estrazione sociale, già coinvolti precedentemente negli scambi e legati tra loro anche da vincoli familiari, riuscì ad garantirsi una consistente fetta del mercato dell’allume dopo la fine del monopolio.

Haut de page

Entrées d’index

Keywords:

Alum, monopoly, trade, Flanders

Parole chiave:

Allume, monopolio, commercio, Fiandre
Haut de page

Texte intégral

Introduzione

  • 1 Come recentemente illustrato da Franco Franceschi, l’utilizzo dell’allume nell’industria tessile d (...)

1 Come già ampiamente illustrato dalla storiografia dedicata alla tessitura e alla coloritura dei panni di lana,1 l’allume rivestiva un ruolo fondamentale come mordente per la fissazione dei colori. Proprio per questo suo ruolo centrale in una altrettanto centrale manifattura, come era il tessile nelle Fiandre medievali, l’allume rappresentava una delle materie prime più commerciate sulle rotte che univano l’Oriente con il sud ed poi con il nord dell’Europa.

  • 2 Zippel 1907; Ait 2010, p. 231-262; Ait 2014.
  • 3 Secondo un recente articolo di Weber, il collegamento diretto tra gli introiti della vendita dell’ (...)
  • 4 Boone 1999, p. 31-55; Walsh 2005.

2Diversi studi hanno già approfondito le dinamiche della estrazione e della commercializzazione dell’allume proveniente dalle miniere scoperte nella zona intorno a Tolfa, nel Lazio, verso il 1460.2 Soprattutto il commercio verso le Fiandre di quello che viene ormai conosciuto con il nome di “Allume della crociata”3 ha attirato fortemente l’attenzione degli storici: dal ruolo della famiglia Medici e dei suoi intermediari alle vicissitudini politiche che finirono per influenzare pesantemente gli scambi su scala europea passando, infine, per il tentativo del Papa di imporre l’utilizzo del suo allume a tutto il mondo cristiano.4

3Nella prima parte di questo breve lavoro ci si concentrerà sul ruolo che l’allume aveva all’interno della produzione tessile nella zona delle Fiandre mentre nella seconda parte ci si interesserà ai profili di alcuni di coloro che, verso la fine del XV secolo, erano più coinvolti nel commercio del bene tra Tolfa e i porti delle Fiandre.

L’allume nell’industria tessile fiammingo-brabantina

  • 5 Circa i cambiamenti che interessarono la produzione tessile nelle Fiandre si può fare riferimento (...)

4 Nata essenzialmente come industria dedicata al commercio di panni economici l’industria tessile della zona fiamminga virò decisamente (soprattutto nelle drie steden fiamminghe – Ieper, Gent e Bruges), all’incirca a cavallo tra il XIV ed il XV secolo, verso produzioni destinate ad un mercato più ristretto ma più redditizio.5

  • 6 Liagre 1955, p. 177-206.
  • 7 Soly 1974, p. 800-857. Vedremo poi come effettivamente molti degli importatori locali erano mercan (...)
  • 8 Termine che si presta a svariate interpretazioni, si può qui intendere come le città principali de (...)

5Tra tutti questi cambiamenti a rimanere essenziale era l’allume: ragion per cui il suo commercio verso i porti di Bruges o Anversa fu sempre costante anche dopo il passaggio dall’età tardo-medievale a quella moderna.6 Come poi illustrato da Soly per il caso di Anversa, nella seconda metà del Cinquecento, un aumento dei prezzi dell’allume, ad esempio conseguente ad una diminuzione delle importazioni, poteva addirittura causare un affaticamento non indifferente delle finanze pubbliche cittadine.7 Vedremo più in là come anche nel caso del tentativo di instaurare nei Paesi Bassi un regime monopolistico che permettesse l’importazione esclusiva di allume proveniente dalle miniere di Tolfa, a causare le rimostranze dei corpi intermedi8 fu proprio l’aumento spropositato del prezzo del bene. Tali proteste finirono per azzoppare definitivamente un tentativo già nato sotto auspici non proprio incoraggianti.

  • 9 Delumeau 1962a.

6Ben note sono le vicende che hanno interessato il commercio dell’allume nel corso del tardo medioevo: fino alla caduta di Costantinopoli nel 1453 in Europa si utilizzava principalmente allume proveniente da miniere site nell’attuale Turchia che veniva fatto fluire in quello che di lì a poco sarebbe divenuto il Vecchio Continente soprattutto, quando non esclusivamente, da genovesi e veneziani. Dopo la caduta di Costantinopoli nel 1453, l’arrivo di allume orientale sui mercati europei si affievolì. Nel 1460 furono scoperti, attorno a Tolfa, nuovi giacimenti che permisero di immettere ulteriori quantità di allume sum mercato:9 per il Papa una vera manna.

  • 10 Recentemente il tema è stato oggetto di studio di una tesi di laurea specialistica discussa nel 20 (...)
  • 11 Espinas – Pirenne 1920, p. 611-612.

7Per quanto riguarda l’importanza dell’allume nell’industria tessile fiamminga si può fare ricorso alle keuren (all’incirca traducibile in regolamenti) che regolavano, appunto, la produzione tessile in alcune importanti città fiammingo-brabantine.10 Anche dedicando una lettura superficiale a questa fonte, appare evidente che quasi tutte le città della zona presentano una rigida regolamentazione dell’utilizzo industriale dell’allume. A sottolineare come l’utilizzo di allumi di dubbia qualità dovesse essere abbastanza diffuso, ci viene incontro un articolo di una “Keure de la garance” di Ypres di fine XIV: a seguito di proteste da parte dei commercianti, che lamentavano il fatto che i tessuti prodotti in città “zo lelijc vallen” (letteralmente “cadono in maniera orribile”), si era deciso di istituire un organo di controllo composto da cinque spettabili membri di diverse professioni che avrebbero avuto il compito di controllare preventivamente l’allume che giungeva in città e di garantirne la qualità tramite apposito sigillo.11

Il commercio dell’allume di Tolfa nei Paesi Bassi borgognoni: il quadro generale12

  • 12 La parte che segue sarà largamente basata su un mio lavoro: Cannelloni 2017, p. 517-546. Per ragio (...)
  • 13 Espinas – Pirenne 1920, p.618; Baetslé 2016, p. 52-53.
  • 14 Giovanni Foscari, Viaggi di Fiandra, p. 86- 87.

8Ci siamo fin qui velocemente occupati di come l’allume venisse utilizzato nei Paesi Bassi e di come le città e le gilde del settore tessile regolassero il suo impiego all’interno della fiorente industria locale. Non essendo le Fiandre un luogo di produzione del minerale esso doveva quindi venire importato. Rileggendo le già citate keuren, si scopre facilmente che nei Paesi Bassi venivano usati essenzialmente tre tipi di allume: quello detto di galce, proveniente dall’Asia minore e di ottima qualità, quello castigliano e quello di Bougie (nell’attuale Algeria), questi ultimi di qualità inferiore.13 Pare verosimile che almeno alcuni di questi allumi fossero importati da mercanti italiani: da quanto risulta dall’analisi di alcuni registri relativi a due viaggi di mercanti veneziani verso il nord, le navi della Serenissima facevano tappa, anche se non regolarmente e non sempre nel viaggio d’andata, presso il porto algerino.14

  • 15 De Roover 1963, soprattutto p. 152-166.

9Come detto, la caduta di Costantinopoli nel 1453 causò una leggera flessione della disponibilità del bene sui mercati venendo in parte sostituito dall’allume di Tolfa. Per i Paesi Bassi la commercializzazione di questo bene è stata a grandi linee già ricostruita. La pesante presenza commerciale della famiglia Medici, assieme alla conservazione di molti fondi archivistici riguardanti le loro attività, ha sicuramente contribuito a rendere il soggetto affascinante e ben analizzato.15

  • 16 Boone 1999, p. 42.
  • 17 Ibid.; De Roover 1963, p. 153.

10Dopo un primo periodo di assestamento, a partire dal 1463 il Papa tentò in maniera più decisa di massimizzare i suoi profitti. Una delle prime misure prese fu quella di proibire, facendo leva sulla sua autorità religiosa, l’afflusso di allume turco in tutti gli stati cristiani.16 Successivamente, all’incirca dopo il 1466,17 l’esportazione venne razionalizzata, essenzialmente finendo per appoggiarsi integralmente ai Medici ed alle loro reti commerciali e finanziarie.

11Serviva solo trovare un mercato sul quale esportare, in maniera esclusiva, il minerale estratto nel Lazio. Come abbiamo già accennato, i Paesi Bassi con le loro floride attività tessili dovettero apparire come uno sbocco naturale. A questo si aggiunga la massiccia presenza dei fiorentini sul mercato di Bruges e il quadro si delinea abbastanza chiaramente davanti ai nostri occhi.

12Serve qui brevemente soffermarsi sulla situazione politica dei Paesi Bassi verso la fine degli anni ‘60 del XV secolo: l’annosa disfida tra i due rami Valois, quello francese e quello borgognone, si era fatta ancora più intensa durante il regno di Carlo il Temerario. Per proseguirla con speranze di vittoria il duca di Borgogna aveva fondamentalmente bisogno di due sostegni, uno politico e uno finanziario. Relativamente al primo aspetto, Carlo tentò di accattivarsi i favori di Paolo II andando appunto ad offrire un remunerativo sbocco per l’allume papale. Tale gentile concessione veniva naturalmente ricompensata dal Papa, ed ecco il sostegno finanziario tanto agognato.

  • 18 Liagre 1955, p. 201 (nota 144).
  • 19 Zippel 1907, p. 390; Boone 1999, p. 43.
  • 20 De Roover 1963, p. 157-158.
  • 21 Zippel 1907, p. 391; Boone 1999, p. 44; Delumeau 1962a, p. 33.

13Si arriva così al 5 maggio 1468, quando venne sigillato un primo accordo tra il Papa e Carlo il Temerario. Si tentò di imporre una sorta di monopolio che avrebbe dovuto impedire non solo l’arrivo di allume “turco” ma anche l’arrivo di allume altro da quello tolfano tout court, fosse anch’esso proveniente da miniere site in territori cristiani. Nel dettaglio l’accordo prevedeva che sarebbe stato possibile vendere nei Paesi Bassi esclusivamente allume proveniente dalle miniere papali al prezzo fisso di 4 ½ lb. grossi fiamminghi18 per cantaro,19 un prezzo largamente superiore a quello vigente prima dell’inizio del monopolio. In aggiunta, l’allume poteva essere commerciato legalmente unicamente dai membri della compagnia Medici e dagli emissari papali.20 Il Duca di Borgogna godeva a sua volta di profitti fissi e stabiliti preventivamente: su ogni cantaro importato era applicata una commissione da 6 s.21 che sarebbe finita direttamente nelle sue casse.

  • 22 De Roover 1907, p. 158.
  • 23 Il duca vide entrare nelle sue casse la non trascurabile somma di 1.061 lb. grossi fiamminghi.

14Non ci dilungheremo nell’analizzare quanto il monopolio divenne effettivo: l’interpretazione dell’accordo del 1468, entrato effettivamente in vigore solo nel 1471, come una dead failure,22 quale proposta da De Roover, appare comunque eccessiva. Pur con tutte le precauzioni del caso le quantità di minerale vendute dall’inviato pontificio Carlo Martelli e la risultante quota di guadagno girata a Carlo il Temerario non sembrano essere state insignificanti.23 Va comunque sottolineato che i documenti sopravvissuti sono quelli ufficiali relativi alla gestione contabile dei territori ducali cosicché è quasi impossibile sapere quanto e in che modo allume “illegale” venisse commerciato: difficilmente si può ipotizzare un mercato del tutto sigillato.

  • 24 Haemers – Lambert 2009, p. 35-61.
  • 25 Per le modifiche nella composizione sociale degli organi comunali si rimanda a Dumolyn 1997, sopra (...)
  • 26 Almeno questo è quello che ci racconta lo stesso Duca di Borgogna come si legge ad esempio in ARB (...)

15Come che sia il tentativo ebbe breve vita: i numerosi conflitti che vedevano costantemente coinvolto Carlo il Temerario richiedevano larghe disponibilità finanziarie che dovevano essere coperte, in buona parte, dalle entrate fiscali e dai doni garantiti dalle città.24 Il bisogno di assicurarsi tale appoggio spinse probabilmente Carlo a mettere fine al monopolio: esso aveva infatti causato un aumento eccessivo del prezzo del bene. Come ben noto, nel periodo borgognone i consigli comunali delle principali città fiamminghe erano composti da nobili locali che avevano interessi anche al mondo del tessile.25 Non risulta quindi difficile immaginare i motivi che li spingevano ad una quasi costante sequela di lamentazioni rivolte al duca riguardanti proprio l’allume.26 Di conseguenza, nell’estate del 1473, Carlo autorizzava di nuovo la vendita di allume da parte di chiunque purché il prodotto provenisse da miniere situate in paesi cristiani.

Tra interesse pubblico e tornaconto privato: la liberalizzazione del mercato come un affare di pochi?

  • 27 ARB, Rekenkamer, n. 4965, redatto da Wouter de Bonnecroy, relativo ad Anversa e Bergen-op-Zoom per (...)

16Interessante, e foriero di spunti per ulteriori ricerche anche riguardanti il ruolo degli intermediari, appare osservare chi gestì le importazioni di allume dopo la fine del monopolio nell’estate del 1473 sulla base di alcuni registri conservati presso l’archivio di stato di Bruxelles o editi riguardanti le esazioni sui carichi di allume.27

  • 28 Zanoboni, Portinari, Tommaso, in Dizionario, vol. 85, 2016.

17Ritorniamo però per un attimo al 1468: figura centrale nella chiusura dell’accordo tra il Papa e il Duca fu sicuramente Tommaso Portinari. Personaggio dalle mille sfaccettature, squalo della finanza e mecenate delle arti, generalmente sottoposto ad un duro giudizio da parte degli storici (per quanto rivisto di recente),28 grazie al suo ruolo di consigliere privato, e finanziatore, di Carlo dovette senza dubbio aver influenzato le decisioni di quest’ultimo nell’accettare quanto proposto da Roma, scorgendo lucrativi guadagni.

  • 29 Unger 1939, p. 224.
  • 30 Boone 1999, p. 43-44.

18Stando a quanto registrato nella stazione daziaria di Iersekeroord,29 sembra tra l’altro che Tommaso avesse continuato a importare allume nei Paesi Bassi anche durante il periodo di monopolio: se esso fosse stato o meno minerale tolfano, o se il fiorentino stesse agendo come agente dei Medici, non è deducibile dalle fonti superstiti. Di certo non depone a suo favore il fatto che Portinari si servisse di navi spagnole, il che potrebbe far supporre che il fiorentino continuasse ad utilizzare i suoi canali privati facendo quello che era in teoria proibito. Non stupisce comunque tale approccio spregiudicato anche alla luce di quanto riportato da Boone che sottolinea appunto come con ogni probabilità Portinari avesse fatto scorte di allume “infedele” e lo avesse stoccato a Bruges poco prima dell’inizio del monopolio in attesa del preventivabile aumento dei prezzi.30

19Accanto al fiorentino la “liberalizzazione” del mercato dell’allume nel 1473 vide l’emergere di almeno altre quattro/cinque figure chiave che finirono per diventare dominanti. Klaas (Claes) e Jan van Nieuwenhove (padre e figlio), Thomas Perrot, Arnout Adorno e Carlo Martelli. Vedremo subito in che misura i summenzionati personaggi furono coinvolti nell’appena liberalizzato mercato dell’allume: si può comunque già dire che essi finirono per aver un predominio commerciale abbastanza evidente, tanto che si può quasi parlare di un “cartello” reso ancora più solido da legami politici e famigliari.

20Dopo la riapertura dei mercati, l’allume affluì nei Paesi Bassi principalmente da quattro porti: Anversa, Bergen-op-Zoom, Bruges e Middelburg. Purtroppo non è stato al momento possibile rintracciare all’interno degli archivi il registro riguardante il porto di Bruges, dove transitavano le maggior quantità di allume: l’analisi sarà dunque, e purtroppo, parziale.

  • 31 Si veda la voce dedicata alla famiglia in Buylaert 2011.
  • 32 Claes Van Nieuwenhove, cittadino di Bruges, risulta aver pagato una tariffa di 2 lb.  s. gr. per l (...)

21Cominciamo dalla famiglia van Nieuwenhove, ampiamente rappresentata all’interno dell’amministrazione della città di Bruges di cui era una delle famiglie più in vista:31 già coinvolta, seppure marginalmente, nel commercio dell’allume durante il periodo 1471-1473,32 a seguito della riapertura del mercato essa riuscì ad impadronirsi di una fetta consistente delle importazioni. Appena dopo la fine del monopolio, Jan van Nieuwenhove venne nominato dal duca esattore dell’allume presso Sluis (Bruges): è proprio in questo periodo che la quota di allume commerciata dalla famiglia van Nieuwenhove incrementò in maniera spettacolare. Nel porto di Middelburg i van Nieuwenhove risultano infatti essere i primi importatori di allume (con all’incirca un 40 % del totale delle importazioni) mentre ad Anversa si dovevano accontentare di un pur sempre non indifferente secondo posto.

  • 33 Nella odierna Bruges è possibile visitare una delle case in cui risiedeva la famiglia. All’interno (...)
  • 34 SA, Schepenregisters n. 83, fol. 104v. e SA, Schepenregisters n. 89, fol. 109v. Il primo documento (...)
  • 35 Su Anselmo la letteratura è molto ampia. Si veda ad esempio la voce a lui dedicata nel Dizionario (...)

22Nella città sulla Schelda il primato delle importazioni spettava alla coppia di mercanti composta da Thomas Perrot – il quale pare aver avuto interessi nell’allume già prima del 1471 – e Arnout Adournez (Adorno) il quale apparteneva con ogni evidenza alla ricca e potente famiglia Adorno, patrizi genovesi che si erano stabiliti a Bruges già dall’inizio del 1300, il cui coinvolgimento nel commercio dell’allume è d’altronde ben noto.33 Il porto di Anversa sembra aver rappresentato il principale centro commerciale del sodalizio Perrot-Adorno, nonostante essi risultino essere cittadini di Bruges:34 sulla Schelda, oltre ad una considerevole quantità di minerale già in possesso di Perrot al momento della fine del monopolio, Thomas e Arnout muovevano circa il 50% dell’allume che arrivava in città. Un altro Adorno, Giovanni che è presumibilmente il figlio dell’Anselmo che fu per lungo tempo tra i più stretti collaboratori di Carlo il Temerario,35 risulta tra gli importatori di allume nel porto di Bergen-op-Zoom.

23L’ultimo grande mercante d’allume di cui ci occuperemo è il fiorentino Carlo Martelli che durante il periodo del monopolio aveva già agito da emissario pontificio: sembra che Martelli, dopo la fine del monopolio, avesse cominciato ad operare per proprio conto o quantomeno non seguendo le indicazioni di Giovanni Tornabuoni, direttore della filiale romana della compagnia Medici, che nel marzo 1475 lamentava significative perdite nel commercio dell’allume a causa di non meglio specificati brogli, perpetrati dallo stesso Martelli e dall’onnipresente Portinari. A partire dal dicembre 1475, inoltre, Martelli, assieme al genovese Giovanni Doria, fu nominato (dietro cospicuo pagamento) esattore per la Zelanda: che Martelli si associasse ad un genovese, in teoria un concorrente dei Medici, nel settore dell’allume lascia intuire che le lamentele di Tornabuoni non dovevano esser completamente prive di fondamento.

24Questo breve excursus ci ha permesso di delineare come una quota delle importazioni di allume vicina al 50 % fosse finita nelle mani di un ristretto gruppo di personaggi i quali, tolto Martelli, avevano in Bruges la loro “sede” ma che erano in grado di operare in maniera massiva anche negli altri porti d’arrivo dell’allume. Non appare molto sorprendente il fatto che essi avessero, o avrebbero in futuro, rivestito cariche ufficiali sia presso la corte del Duca sia all’interno dell’amministrazione di Bruges e che, più in generale, appartenessero a quella grande borghesia commerciale che aveva all’epoca già assunto in via definitiva i tratti di nobiltà cittadina.

  • 36 Braekvelt 2012.
  • 37 Haemers – Lambert 2009, p. 1018.

25La massiccia presenza di membri delle famiglie van Nieuwehove e Adorno nel mercato dell’allume può essere quindi osservata sotto una doppia luce: la vicinanza con gli ambienti di corte era necessaria per ottenere uffici e posti chiave nel commercio ed al tempo stesso questo era un modo per consolidare il potere e l’influenza delle due famiglie nella città di Bruges. Come infatti dimostrato da Haemers, Jan van Nieuwehove e Arnout Adorno costituivano due dei nodi principali dai quali si diramava l’esteso network legato alla fazione Moreel, più precisamente alla figura di Marten Lem che ebbe un importante ruolo politico a Bruges dopo il 1477.36 Se alla base delle loro pretese e del loro attivismo politico vi era appunto anche la loro forza economica, il commercio dell’allume può essere considerato come il terreno sul quale si svilupparono sia i legami interfamiliari tra quei nuclei, che poi si coagularono attorno alla figura di Willem Moreel, sostenendone le mire politiche, sia il consistente incremento patrimoniale della famiglia che consentì in seguito di sfruttare anche le opportunità che si aprivano elargendo credito a Massimiliano d’Austria.37

  • 38 Buylaert 2011, p. 21.
  • 39 Riguardo la famiglia van Nieuwehove: Haemers – Lambert 2009, p. 1024.
  • 40 Per una bella visione di insieme sui rapporti tra gli Adorno e i van Nieuwenhove (e più in general (...)

26Accanto ai legami politici, alcune delle figure cui si è appena accennato avevano ulteriormente solidificato la loro rete attraverso dei legami famigliari, rintracciabili soprattutto tra le famiglie Adorno e van Nieuwenhove le quali condividevano non solo gli affari ma anche l’appartenenza ad un simile gruppo sociale, eterogeneo anche culturalmente oltre che affine politicamente ed economicamente. Arnout Adorno divenne il marito, nel 1476, una delle figlie di Klaas van Nieuwenhove, Agnes, sorella di Jan.38 Dal canto loro i van Nieuwenhove erano legati all’esattore generale del duca, Peter Lanchals, che aveva anche la funzione di “supervisore” dei conti relativi alle importazioni di allume. La moglie di quest’ultimo, infatti, era Catherine van Nieuwehove39, figlia di Michel van Nieuwenhove, zio dello Jan esattore dell’allume a Bruges. Alcuni membri delle famiglie Adorno e van Nieuwenhove avevano poi tra i loro padrini lo stesso Tommaso Portinari.40 Seguendo uno schema facilmente rintracciabile all’interno di molte “aristocrazie” cittadine dell’epoca tardo medievale d’area fiamminga, il legame politico tra famiglie si traduceva quindi, anche nel caso di coloro che erano coinvolti commercio dell’allume, anche in intrecci famigliari che finivano per favorire la gestione comune di affari economicamente rilevanti.

27Accenniamo ora brevemente alla composizione della restante porzione di mercato che sia era andata a creare a seguito della riapertura del commercio dell’allume. Accanto a questi grandi protagonisti si ritrovano infatti, anche se in misura molto minore, commercianti locali affiancati da colleghi inglesi e spagnoli. Per quanto riguarda i commercianti locali si può avanzare l’ipotesi che essi agissero non solo per proprio conto ma anche come intermediari per commercianti inglesi, come risulta da almeno un paio di casi ritrovati nel registro riguardante Middelburg (tab. 5). Ad Anversa, che come abbiamo visto vedeva una massiccia presenza degli Adorno e dei van Nieuwehoven, il primo dei mercanti non chiaramente riconducibile alla rete che abbiamo appena delineato era un certo Adriaen van Pantgate, cittadino di Anversa e molto attivo anche nel porto limitrofo di Bergen-op-Zoom, dove risultava essere attivo soprattutto come «tavernier en coopman vanden corten wynen» e probabilmente legato ad una famiglia della (media) aristocrazia locale.41 La sua occupazione permette di ipotizzare che egli agisse più come intermediario che come mercante autonomo: anche in Zelanda alcuni dei fiamminghi registrati da Guy van Baenst erano in realtà intermediari, per lo più di mercanti inglesi.

  • 42 Per esempio Greve 2000, p. 37-44; Boerner – Quint 2016, p. 12.
  • 43 Stabel et al. 2018, p. 196-267.

28Senza alcuna pretesa di esaustività, e sperando anzi nell’inizio di nuove ricerche che permettano di specificarne ulteriormente il ruolo all’interno dell’economia di una città in piena espansione come Anversa alla fine del XV secolo, anche dai registri del 1473 emerge come coloro che si occupavano di intermediazione commerciale rendevano disponibili i propri servizi anche nel mercato dell’allume. Appare interessante rilevare, come d’altronde già specificato in alcuni lavori riguardanti l’intermediazione nell’area fiamminga,42 che anche il caso dell’allume sembra delineare l’importanza dei tavernieri e dei gestori di alberghi all’interno dell’economia reale della zona, che affiancavano i brokers veri e propri. Se riguardo a Bruges la loro importanza è stata ampiamente dimostrata, tanto che essi arrivano a cavallo tra il XIV e il XV secolo a dominare il consiglio comunale cittadino,43 per Anversa la situazione resta ancora da approfondire: anche qui, almeno nel caso di van Pantgate, si delinea la figura di un personaggio che grazie alla sua attività di ostelliere poteva operare, individualmente o per conto di qualcuno, in un mercato molto competitivo come quello dell’allume. Sfogliando brevemente i registri scabinali di Anversa si ha poi la netta impressione che la famiglia van Pantgate dovesse aver raggiunto un buon livello di ricchezza e, pur non appartenendo alla nobiltà più elevata, riuscì in seguito ad entrare nel consiglio comunale locale.

  • 44 SA, Schepenregisters n. 96, fol. 120v.
  • 45 Traducibile all’incirca con il termine “intermediario”, si veda al sito http://gtb.inl.nl/iWDB/sea (...)
  • 46 SA, Schepenregisters n. 96, fol. 170r.

29I registri scabinali di Anversa contengono una ulteriore ultima indicazione sull’esistenza della rete di personaggi nelle cui mani era finita larga parte del commercio dell’allume: in due atti registrati nel 1479 risulta infatti che Marten Lem “van Brugghe”, personaggio che abbiamo incontrato più sopra e legato ai van Nieuwenhoven e agli Adorno, avesse contatti anche con Adrian van Pantgate. Il primo, datato 2 luglio 1479,44 riporta la nomina a “facteur”45 di un certo Lodewijck de Carnijn. La questione riguardava un debito non ancora saldato di Martin Lem nei confronti di Pauwel Smit: i due garanti, in solido e con tutti i loro beni, erano Wouter van Keerbergen e, appunto, Adrian van Pantgate. Nel secondo documento, datato al 13 ottobre,46 le parti sembrano essersi invertite: stavolta era Martin Lem a riconoscere, sempre attraverso Lodewijck de Carnijn, che Jan Smit aveva ripagato un debito di 15 lb. grossi di Fiandra: questa volta van Pantgate fungeva da garanzia per Smit. Tra luglio e ottobre Pauwel era morto e il debito di Lem nei suoi confronti era passato al figlio: da quello che emerge dalla registrazione davanti agli scabini di Anversa, nei mesi trascorsi i due avevano concluso altri non meglio specificati affari al termine dei quali Jan Smit si trovava lui ad essere in debito. Quello dell’uso di garanti sui debiti era una pratica diffusissima in tutto il mondo medievale: ad Anversa i registri scabinali sono colmi di registrazioni di contratti di questo tipo. Per quanto sia difficile capire fino a fondo che tipo di rapporti intercorressero tra debitori e garanti, e quanto il ruolo di questi ultimi potesse assumere i caratteri di una vera e propria professione, appare evidente che impegnarsi con tutto il proprio capitale supponesse, se non una certa fiducia a livello personale, quantomeno una conoscenza, anche sommaria, della situazione finanziaria del garantito.

  • 47 Un’estrazione più consistente si ebbe solo verso gli anni ‘80 del sec. XV. Sull’allume spagnolo, S (...)

30Concludiamo accennando brevemente al fatto che la liberalizzazione del mercato permise comunque l’arrivo nei Paesi Bassi di allume diverso da quello tolfano. L’allume estratto nel regno di Napoli fece il suo ritorno nel Nord Europa: ad Anversa esso rappresentava infatti il 12 % del volume totale tra il 1473 e il 1475. Nel porto minore di Middelburg, infine, commercianti spagnoli importarono un volume di allume pari all’incirca al 17 % del totale: pur non essendo specificato se si trattasse effettivamente di allume proveniente dalla penisola iberica, all’incirca nello stesso periodo della scoperta delle miniere di Tolfa, si cominciarono a sfruttare, per quanto in maniera decisamente modesta, le miniere delle zona di Murcia.47

Haut de page

Notes

1 Come recentemente illustrato da Franco Franceschi, l’utilizzo dell’allume nell’industria tessile delle città toscane crebbe in maniera significativa a partire dalla fine del 1300 in concomitanza con l’inizio di una lavorazione più sistematica e su larga scala di panni di lana più pregiati colorati con la grana. Franceschi 2014, p. 159-170.

2 Zippel 1907; Ait 2010, p. 231-262; Ait 2014.

3 Secondo un recente articolo di Weber, il collegamento diretto tra gli introiti della vendita dell’allume papale e il finanziamento di una futura crociata contro i Turchi fu stabilito un paio d’anni dopo la scoperta delle miniere di Tolfa. Intrigante sarebbe analizzare, sulla base delle risultanze d’archivio, come poi tali fondi furono effettivamente spesi. Weber 2013, p. 597-619.

4 Boone 1999, p. 31-55; Walsh 2005.

5 Circa i cambiamenti che interessarono la produzione tessile nelle Fiandre si può fare riferimento agli svariati contributi di Munro, per esempio Munro 1999, p. 1-74.

6 Liagre 1955, p. 177-206.

7 Soly 1974, p. 800-857. Vedremo poi come effettivamente molti degli importatori locali erano mercanti con larghi interessi nella politica cittadina.

8 Termine che si presta a svariate interpretazioni, si può qui intendere come le città principali dei domini borgognoni, nei cui consigli comunali sedevano generalmente svariati rappresentanti del mondo dell’industria tessile.

9 Delumeau 1962a.

10 Recentemente il tema è stato oggetto di studio di una tesi di laurea specialistica discussa nel 2015 presso l’università di Gent, Baetslé 2016, p. 82-96. Si è tuttavia consultato a volte anche il testo “originale” riportato in Espinas – Pirenne 1906-1924.

11 Espinas – Pirenne 1920, p. 611-612.

12 La parte che segue sarà largamente basata su un mio lavoro: Cannelloni 2017, p. 517-546. Per ragioni di snellezza del testo non si rimanderà costantemente ai passaggi citati.

13 Espinas – Pirenne 1920, p.618; Baetslé 2016, p. 52-53.

14 Giovanni Foscari, Viaggi di Fiandra, p. 86- 87.

15 De Roover 1963, soprattutto p. 152-166.

16 Boone 1999, p. 42.

17 Ibid.; De Roover 1963, p. 153.

18 Liagre 1955, p. 201 (nota 144).

19 Zippel 1907, p. 390; Boone 1999, p. 43.

20 De Roover 1963, p. 157-158.

21 Zippel 1907, p. 391; Boone 1999, p. 44; Delumeau 1962a, p. 33.

22 De Roover 1907, p. 158.

23 Il duca vide entrare nelle sue casse la non trascurabile somma di 1.061 lb. grossi fiamminghi.

24 Haemers – Lambert 2009, p. 35-61.

25 Per le modifiche nella composizione sociale degli organi comunali si rimanda a Dumolyn 1997, soprattutto p. 130 e segg. e a Brys 2009, soprattutto p. 25-29.

26 Almeno questo è quello che ci racconta lo stesso Duca di Borgogna come si legge ad esempio in ARB Rekenkamer n° 4965 – Riscossioni sull’allume Wouter van Bonekroy dal 28-08-1473 al 27-08-1475, non foliato. Si veda anche Walsh, 2005, p. 116 (nota 111).

27 ARB, Rekenkamer, n. 4965, redatto da Wouter de Bonnecroy, relativo ad Anversa e Bergen-op-Zoom per il periodo Agosto 1473-Agosto 1475; Unger 1935, p. 75-88, redatto da Guy de Baenst, relativo al porto di Middelburg per il periodo Giugno 1474-Dicembre 1475.

28 Zanoboni, Portinari, Tommaso, in Dizionario, vol. 85, 2016.

29 Unger 1939, p. 224.

30 Boone 1999, p. 43-44.

31 Si veda la voce dedicata alla famiglia in Buylaert 2011.

32 Claes Van Nieuwenhove, cittadino di Bruges, risulta aver pagato una tariffa di 2 lb.  s. gr. per l’allume trasportato in Zelanda su di una piccola imbarcazione. Unger, 1939, p. 227-228.

33 Nella odierna Bruges è possibile visitare una delle case in cui risiedeva la famiglia. All’interno del museo è ben illustrato il loro ruolo all’interno dei commerci transeuropei di allume: si veda anche il sito http://www.adornes.org/nl (consultato il 17/01/2020). Oltre a diversi lavori dedicati alla famiglia dal capo archivista Noël Geirnaert, un buon riassunto della posizione sociale raggiunta dagli Adorno a Bruges si trova in Kesteloot 2015.

34 SA, Schepenregisters n. 83, fol. 104v. e SA, Schepenregisters n. 89, fol. 109v. Il primo documento è la cessione di un debito di terzi a Perrot mentre il secondo atto riguarda l’estinzione di un sostanzioso debito da 200 lb. grossi di Fiandra a favore di entrambi.

35 Su Anselmo la letteratura è molto ampia. Si veda ad esempio la voce a lui dedicata nel Dizionario biografico degli Italiani, https://www.treccani.it/enciclopedia/anselmo-adorno_%28Dizionario-Biografico%29/.

36 Braekvelt 2012.

37 Haemers – Lambert 2009, p. 1018.

38 Buylaert 2011, p. 21.

39 Riguardo la famiglia van Nieuwehove: Haemers – Lambert 2009, p. 1024.

40 Per una bella visione di insieme sui rapporti tra gli Adorno e i van Nieuwenhove (e più in generale con la nobiltà di Bruges e fiamminga) si veda Kesteloot 2015.

41 Asaert 2005, p. 252. Si veda anche al sito http://f-van-hulten.com/Genealogy/vanhulten.htm (consultato il 04/05/2016). Nel 1484, Simon van Pantgate faceva parte del collegio scabinale cittadino: presso ARB è conservato il suo sigillo, cf. Collection de moulages de sceaux des archives générales du Royaume, n. 3775 (Empreinte de sceau de Simon van Pantgate Échevin d’Anvers, 1484).

42 Per esempio Greve 2000, p. 37-44; Boerner – Quint 2016, p. 12.

43 Stabel et al. 2018, p. 196-267.

44 SA, Schepenregisters n. 96, fol. 120v.

45 Traducibile all’incirca con il termine “intermediario”, si veda al sito http://gtb.inl.nl/iWDB/search?actie=article&wdb=MNW&id=09491&lemma=factoor&domein=0&conc=true.

46 SA, Schepenregisters n. 96, fol. 170r.

47 Un’estrazione più consistente si ebbe solo verso gli anni ‘80 del sec. XV. Sull’allume spagnolo, Silva 1980, p. 237-272.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Federico Cannelloni, « L’allume medievale: uso e commercio nei Paesi Bassi borgognoni »Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge, 135-2 | 2023, 513-519.

Référence électronique

Federico Cannelloni, « L’allume medievale: uso e commercio nei Paesi Bassi borgognoni »Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge [En ligne], 135-2 | 2023, mis en ligne le 01 mars 2024, consulté le 13 juin 2024. URL : http://journals.openedition.org/mefrm/12964 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefrm.12964

Haut de page

Auteur

Federico Cannelloni

federico.cannelloni@gmail.com

Haut de page

Droits d’auteur

CC-BY-NC-ND-4.0

Le texte seul est utilisable sous licence CC BY-NC-ND 4.0. Les autres éléments (illustrations, fichiers annexes importés) sont « Tous droits réservés », sauf mention contraire.

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search