Navigation – Plan du site

Résumés

Si prendono in esame le vicende dell’abbazia di Montecassino dalla metà del X alla metà dell’XI secolo, al fine di individuarne alcuni caratteri strutturali e costanti che ne caratterizzarono lo svolgimento e, nel contempo, funsero da premesse indispensabili per quello che è generalmente considerato il periodo d’oro del monastero, coincidente con l’abbaziato di Desiderio. Mediante un approccio diacronico, secondo la linea della successione abbaziale da Aligerno a Richerio e con un’ottica prevalentemente politica, tali vicende saranno osservate soprattutto attraverso la lente dei rapporti, mutevoli e complessi, tra Montecassino, gli Imperi, occidentale o orientale, e i territori della Langobardia meridionale. Lungo questo periodo, l’espansione territoriale e patrimoniale dell’abbazia, continua ma costantemente insidiata dai signori locali, e la crescita del suo potere attrattivo, sia spirituale che culturale, risulteranno il frutto dell’intreccio di diversi fattori e soprattutto delle relazioni dinamiche intessute dai suoi abati – con maggiore o minore successo – con i poteri locali e generali con i quali vennero a contatto, pur nella mutevolezza del quadro politico-istituzionale meridionale.

Haut de page

Texte intégral

Premessa

  • 1 CMC, III, Prologus, p. 362.
  • 2 La complessa tradizione delle CMC è stata ricostruita, da ultimo, da H. Hoffmann nella lunga intro (...)
  • 3 Petrus Diaconus, Liber de ortu, col. 1072c.
  • 4 Gregorius Magnus, Dialogi : rinvio alla pubblicazione del testo gregoriano citata in bibliografia (...)
  • 5 Paulus Diaconus, Historia, VI, 40, p. 178-179, qui 178.
  • 6 Sulle due successive distruzioni di Montecassino e sulle loro conseguenze ancora utile è la lettur (...)

1Introducendo il terzo libro delle Chronica Monasterii Casinensis, quasi interamente dedicato all’abate di Montecassino Desiderio, Leone Marsicano o Ostiense († 1115) ne ricordava il ruolo di restaurator ac renovator, fundator atque constructor del monastero e, nel contempo, gli riconosceva come predecessori in quest’operato Benedetto, Petronace II e Aligerno1. Come è noto, Leone terminava il suo lavoro di redazione, interrotto al capitolo 33 del libro III (settembre 1075), negli anni successivi al 10992, senza potersi dedicare all’abbaziato di Oderisio I (1087-1105), dal quale lo scritto gli era stato commissionato, e scriveva dopo che l’abbazia di Montecassino aveva vissuto un periodo di grande floridezza e splendore, l’aureum patris Desiderii saeculum, come si sarebbe più tardi espresso Pietro Diacono3. Ed è al pari noto come il Marsicano sancisse, con la sua opera, la memoria storica del monastero quale era maturata fino ai suoi tempi, alla cui rielaborazione, evidentemente, egli stesso contribuiva con la sua scrittura e sulla quale, a loro volta, avrebbero inciso i continuatori delle Chronica, Guido e Pietro Diacono. Una memoria che, dunque, faceva perno su tre personaggi : Benedetto, che la bio-agiografia di Gregorio Magno aveva restituito ai posteri come il fondatore di Montecassino e del monachesimo che da lui avrebbe preso il nome4 ; Petronace, il cittadino bresciano che, ci racconta per primo Paolo Diacono, agli inizi dell’VIII secolo aveva riunito di nuovo la comunità cassinese sul sacro monte, riportandola sub sanctae Regulae iugum et beati Benedicti institutione5, dopo il periodo di esilio seguito all’occupazione del monastero da parte dei Longobardi (nel 577 circa) ; Aligerno (948/950-985), l’abate che aveva riportato definitivamente i monaci a Montecassino dopo il loro secondo allontanamento, dovuto all’attacco saraceno dell’8836.

2Quattro personaggi, dunque, che avevano segnato profondamente una vicenda storica caratterizzata da luci ed ombre e durante la quale la comunità cassinese aveva vissuto in prima persona, talvolta da protagonista, talaltra subendone le conseguenze, l’inestricabile intreccio delle forze politiche che si erano mosse sullo scenario italiano e internazionale contemporaneo. Un ruolo storico, quello di Montecassino, che certo derivava dal fatto stesso di incarnare un luogo altamente simbolico – lì era nato quello stile di vita benedettino che, grazie soprattutto ai Carolingi, si era diffuso capillarmente in tutta Europa – ma anche da una posizione geografica, culturale e politica, che la rese naturalmente un anello di congiunzione tra il Nord e il Sud dell’Italia e che ne aveva favorito l’esposizione alle attenzioni costanti non solo dei papi, come era più ovvio, ma di imperatori d’Oriente e d’Occidente, di principi, gastaldi, conti, duchi e gente più o meno comune, non di rado interessati al suo controllo politico e a quello del suo notevole patrimonio.

  • 7 A parte i documenti editi in studi su aspetti e momenti di storia cassinese, alcuni dei quali sara (...)
  • 8 Toubert 1976, p. 691-692.
  • 9 Sulla vita e l’opera di Pietro Diacono cf. principalmente Bloch 1998, p. 15-28, ma anche Dell’Omo (...)

3La storia medievale di Montecassino è nota, benché sulla sua ricostruzione pesi ancora un’incompleta edizione del suo patrimonio documentario7, talvolta non esente da sospetti di falsificazione e comunque piuttosto povero relativamente soprattutto ai periodi precedente e immediatamente successivi alla ricostruzione di Petronace, se si pensa che ci sono pervenuti meno di quaranta documenti anteriori al X secolo, un numero inferiore a quello offerto da alcune altre grandi abbazie italiane8. La recente, monumentale, pubblicazione del cosiddetto Registrum Petri Diaconi (compilato tra il 1131 e il 1133), tuttavia, ha molto contribuito a far chiarezza sulla documentazione pervenutaci grazie al famoso bibliotecario dell’abbazia, vissuto tra il 1107/1110 e il 1159 ca9, con la conseguenza di porre anche alcuni punti fermi alla spinosa questione delle falsificazioni cassinesi, attribuite tradizionalmente e tout court allo stesso Diacono – che fu peraltro l’ideatore più che il compilatore effettivo del Registrum – ma spesso frutto di interventi più antichi e funzionali ad altre e diverse fasi storiche.

  • 10 Soprattutto durante gli anni dell’abbaziato di Teobaldo, secondo Fonseca 2008.
  • 11 Non è possibile, in questa sede, dar conto dell’ampia storiografia sul periodo desideriano, della (...)
  • 12 Se già Tommaso Leccisotti invitava a una rivalutazione del secolo X per la storia di Montecassino (...)

4Fasi importanti di questa storia, come è noto, sono legati in maniera indissolubile all’Italia meridionale e, in questa sede, si prenderà in esame quello compreso tra la seconda metà del X secolo e la prima metà del successivo, un arco cronologico che prende le mosse dal ritorno dei monaci a Montecassino, dopo il periodo trascorso a Teano e a Capua, e si conclude a ridosso dell’aureum saeculum di Desiderio, il cui governo ebbe inizio nell’aprile del 1058 : esso rappresenta evidentemente un importante presupposto – soprattutto in alcuni suoi momenti10 – allo sviluppo cassinese dell’età desideriana, che fu il risultato di articolati interventi sul piano amministrativo, economico, edilizio, culturale, ideologico, ma anche di una straordinaria convergenza con processi politico-ecclesiastici più generali11. Si tratta di un periodo per il quale, finora, non è mancato l’interesse storiografico, ma generalmente si è teso, da una parte, a focalizzare l’attenzione su alcune sue, specifiche, articolazioni12, dall’altra a considerarlo soprattutto in funzione dell’analisi del fortunato periodo desideriano.

5Si cercherà, dunque, di contribuire alla comprensione della fase storica in esame osservandola soprattutto da uno specifico punto di vista, cioè attraverso la lente dei rapporti – dinamici e complessi – tra Montecassino e i territori della cosiddetta Langobardia meridionale, tra i quali in particolare il Principato di Capua, il più vicino geograficamente e politicamente all’abbazia ; della medesima fase, inoltre, si evidenzieranno alcuni lineamenti, e costanti, di fondo che ne caratterizzarono lo svolgimento, oltre a fungere da presupposti indispensabili per comprendere il successivo sviluppo della storia cassinese. Una tale direzione di indagine richiederà l’adozione di una prospettiva diacronica, scandita dalla successione abbaziale, a partire da Aligerno fino a Richerio, con il quale ultimo si chiudono i periodi di governo della Montecassino predesideriana lunghi abbastanza da poterne rilevare i caratteri di specificità.

Il ritorno sul Monte e la costruzione della Terra S. Benedicti (948/950 – 1010)

  • 13 Toubert 1976, p. 690-693.
  • 14 Dell’Omo 2017, p. 73-74.
  • 15 Sul periodo trascorso a Teano e sulle sue conseguenze cf. Leccisotti 1961, Leccisotti 1980, p. 81- (...)
  • 16 Cilento 1971, p. 326-333.
  • 17 Su S. Vincenzo rinvio, anche per l’accurato apparato di fonti e bibliografia, a Marazzi 2011 e Mar (...)

6Prima di analizzare l’abbaziato di Aligerno, tuttavia, si rendono necessarie due considerazioni preliminari, riguardanti la stessa Montecassino e Capua. In primo luogo, il periodo qui considerato si pone in stretta continuità con quelli immediatamente precedenti per taluni caratteri strutturali della storia della comunità cassinese, relativamente soprattutto alla sua crescita territoriale e patrimoniale, che comportò una spiccata attività di colonizzazione agricola e la creazione di una struttura fondiaria, la quale non è apparsa dissimile, nei suoi elementi di base, da quella individuata per altri monasteri e destinata anch’essa ad entrare in crisi nell’ultimo quarto del IX secolo13. Tale espansione si poneva come il risultato anche di un altro elemento portante e costante della storia di Montecassino, il suo rapporto via via sempre più stretto con piccoli e grandi poteri, locali e generali : tra i secoli VIII e IX Montecassino aveva stabilito un legame privilegiato con i Franchi, che si era nutrito di fattori politici – è ben noto come i Cassinesi fossero funzionali agli interessi carolingi nel Mezzogiorno – e insieme culturali e liturgici14, ma non aveva trascurato di relazionarsi con i vicini Longobardi e fra di essi soprattutto quelli capuani, nella cui orbita politica i monaci entrarono definitivamente dopo l’incendio della cella cassinese di Teano (886 circa)15 e il trasferimento a Capua, allora governata da Atenolfo († 910), conte di Capua e poi, dal 900, principe di Capua-Benevento16. I Cassinesi avrebbero condiviso tale destino capuano con i Benedettini di S. Vincenzo al Volturno, un monastero la cui vicenda storica presenta notoriamente molti punti di contatto con quella cassinese17.

  • 18 Alcuni dei quali raccolti in Cilento 1971.
  • 19 Mi riferisco qui soprattutto agli studi di Vito Loré, tra cui in particolare : Lorè 2007 a, Lorè 2 (...)

7Riguardo invece Capua, anche la sua storia nell’arco cronologico qui considerato non sarebbe comprensibile se non si considerassero i decenni precedenti, che ne costituiscono l’indispensabile premessa, in particolare da quando, con il gastaldo Landolfo il Vecchio (815-843), la città iniziò quel processo che l’avrebbe condotta a configurarsi come spazio politico autonomo nell’ambito della Longobardia meridionale. Peraltro, non si può trascurare qui di ricordare come le vicende capuane e delle sue élites, le mutevoli strategie parentelari, le ugualmente mutevoli forme di esercizio del potere e della giurisdizione, sia in ambito cittadino che in quello dei centri minori del Principato, tra il IX e il X secolo, siano da tempo oggetto di particolare attenzione storiografica – a partire dagli studi pioneristici di Nicola Cilento18 – e le più recenti indagini ne hanno ulteriormente e convincentemente messo e fuoco le dinamiche di fondo, nonché, in maniera sempre più chiara, le loro specificità19.

  • 20 Per la successione abbaziale e le date relative ai singoli abati ho seguito le cronotassi, sostanz (...)

8A partire dagli anni quaranta del X secolo, dunque, iniziò il lento e non lineare processo di ritorno della comunità di S. Benedetto sul Monte, dove intanto era stata già avviata la ricostruzione, che diventò definitivo solo con il citato Aligerno. Da questo momento in poi, fino alla nomina di Desiderio, a guidare Montecassino si successero dodici abati20, il governo di alcuni dei quali, però, fu breve se non brevissimo, mentre in altri casi fu più duraturo e significativo ; ma costantemente il loro operato dovette misurarsi – nel bene e nel male – con quello della Longobardia meridionale e in particolare con il Principato di Capua.

  • 21 Cf. Cilento 1971, p. 253-255 ; Cilento 1987 ; Leccisotti 1980, p. 83.
  • 22 Dell’Omo 2017, p. 74-82, qui 74. È lo stesso studioso (p. 78) a sottolineare come i monaci avesser (...)

9Il ritorno dei Cassinesi alla sede originaria non li sottrasse, infatti, dalla tutela capuana. Se durante la permanenza dei monaci a Teano e, soprattutto, a Capua, essa fu particolarmente ingombrante, tanto da condizionare pesantemente la stessa successione abbaziale21, nel contempo aveva comportato numerosi vantaggi per l’abbazia sul piano patrimoniale : se si pensa alla perdita documentaria, anche inerente il patrimonio, patita con l’incendio di Teano, erano stati in fondo i governanti di Capua a garantire « i fondamenti stessi di un futuro per il monastero fondato da Benedetto quattrocento anni prima »22.

  • 23 Su Aquino e sulla sua evoluzione nel periodo longobardo, fino all’elevazione a gastaldato con Rado (...)
  • 24 O forse nel monastero dell’Aventino, come si legge nelle fonti farfensi, cf. Leccisotti 1960, p. 3 (...)
  • 25 CMC, I, 60, p. 151.
  • 26 La vicenda è narrata in CMC, II, 1-2, p. 167-169, ed è ripresa, in tutto o in parte, dal Chronicon (...)
  • 27 Scandone 1909, p. 59-62.

10Il legame con i Capuani proseguì soprattutto nei primi anni dell’abbaziato di Aligerno, quando questi avviò una capillare azione di recupero e di riorganizzazione del patrimonio abbaziale, in particolare quello che era confluito nelle mani dei gastaldi di Aquino e di Teano, che controllavano territori geograficamente confinanti con le terrae cassinesi23. Aligerno, napoletano di nascita ma formatosi a Roma nel monastero di S. Paolo24, era giunto a Montecassino durante l’abbaziato di Baldovino, precedentemente abate dello stesso S. Paolo e discepolo di Oddone di Cluny, e fu nominato abate a Capua il 25 ottobre di un anno compreso tra il 948 e il 950, alla presenza di diverse autorità, tra le quali il gastaldo di Aquino Atenolfo Megalu25. Egli, dunque, non aveva rapporti di parentela con la dinastia capuana, tuttavia la sua protezione fu determinante nella ripresa dei possessi cassinesi : dopo inutili tentativi di riottenere le terre site lungo le rive del Rapido e del Liri, innalzando anche fortezze in opposizione agli Aquinati, Aligerno si era rivolto al principe di Capua-Benevento Landolfo II († 961) contro lo stesso Atenolfo, provocandone una violenta reazione che portò alla prigionia dello stesso abate. L’azione di Landolfo, congiunta probabilmente a quella del principe salernitano Gisulfo I, portò alla liberazione di Aligerno e alla resa di Atenolfo, costretto a cedere a Montecassino le terre della cosiddetta flumetica26. Conseguenti alla stessa cessione furono altre donazioni ad Aligerno di altri Aquinati, tra i quali alcuni parenti del gastaldo, sotto la supervisione di Atenolfo che peraltro, tra il 981 e il 984, ottenne il titolo di conte27.

  • 28 Sulla genealogia dei conti dei Teano, di origine capuana, cf. Thomas 2016, p. 255-259, 320-323.
  • 29 CMC, II, 2, p. 169, cf. Scandone 1909, p. 60 e nota 1.
  • 30 Sulla complessa e ramificata discendenza capuana mi baso sulla tavola genealogica pubblicata nell’(...)
  • 31 CMC, II, 2, p. 169-170. Tali oblationes sono da ultimo pubblicate in RPD, nn. 209-210 (anni 944 e (...)
  • 32 Si vedano, in proposito, i diversi Praecepta editi in RPD, I, nn. 214-215, 217-223, II, p. 656-687
  • 33 Cf. Loud 2016, p. 603.

11Se la protezione capuana contro gli Aquinati fu determinante, nondimeno lo fu nei confronti dei conti di Teano28, mossi solo da ispirazione divina nella restituzione dei beni illegalmente occupati, secondo il Marsicano29. Furono poi gli stessi principi di Capua-Benevento, Landolfo II e il figlio Pandolfo I detto Capodiferro († 981), associato al padre nel 94330, ad indirizzare ad Aligerno decreti che confermavano antichi diritti o ne concedevano altri31 ; un favore verso Montecassino – come anche verso S. Vincenzo al Volturno – continuato con lo stesso Pandolfo I32 e che potrebbe inserirsi all’interno di strategie più generali tese a bilanciare la forze centrifughe del Principato33.

  • 34 Houben 1987, p. 63-64 ; Panarelli 2003, p. 3-4. Sui rapporti tra Montecassino e l’Impero prima del (...)
  • 35 Più in generale, sui rapporti tra gli Imperi bizantino e ottoniano relativamente all’Italia meridi (...)
  • 36 Principe di Capua-Benevento dal 961, riuscì a subentrare anche al Principato di Salerno dopo il ma (...)
  • 37 DD O I, nn. 262, p. 374-375 (18-2-964), 360, p. 495-497 (30-6-968), 396, p. 538-539 (25 maggio 970 (...)
  • 38 O II / O III, n. 254, p. 288-295, n. 260, p. 301-302 ; ma cf. RPD, I, nn. 120, p. 374-377 (6-8-981 (...)
  • 39 Da re, e su richiesta della madre Teofane, il 23 luglio 989, Ottone III aveva confermato i possess (...)

12Decisivi per la ripresa economica e politica di Montecassino di questi anni e di quelli immediatamente successivi, una delle altre costanti del periodo qui oggetto di attenzione, furono anche gli imperatori d’Occidente, Ottone I e Ottone II di Sassonia, il cui favore nei confronti del monachesimo meridionale e soprattutto delle grandi abbazie fu anche funzionale alle loro strategie politiche nei confronti del Mezzogiorno italiano, lungo una linea di interesse per tali territori che risaliva soprattutto al secolo IX e a Ludovico II34 ; benché il controllo sassone sul turbolento e magmatico quadro politico meridionale non sfuggisse alla transitorietà, come peraltro quello dei loro predecessori e successori. Ottone I (936-973), all’interno di una politica meridionale indirizzata soprattutto ai rapporti con i Bizantini35, aveva orientato decisamente il suo favore – come è noto – verso il predetto principe di Capua-Benevento Pandolfo I, appoggiandone funzionalmente il progetto di realizzare un’unità geo-politica nel Mezzogiorno longobardo e investendolo del Ducato di Spoleto e della Marca di Camerino (tra giugno 966 e l’11 gennaio 967)36 ; nel contempo egli aveva strategicamente tenuto in considerazione le grandi abbazie, concedendo privilegi anche a Montecassino, riconoscendone il patrimonio, l’immunità e la protezione imperiale37. Più decisamente rivolta alla sottomissione dell’Italia meridionale all’Impero, come mostrano le sue campagne militari, fu la politica del figlio Ottone II (973-983), che ugualmente non trascurò le grandi abbazie e dunque Montecassino, tutelata nelle sue immunità e nei suoi possedimenti e sottoposta alla protezione imperiale38 ; un’attenzione che si ripeté con il figlio e successore Ottone III che, come vedremo, intervenne parimenti a favore del monastero, già dal periodo di Aligerno39.

  • 40 Privilegio pubblicato da ultimo in RPD, I, n. 153, p. 464. Cf. von Falkenhausen 1978, p. 181 per i (...)
  • 41 Sui rapporti tra Montecassino e Bisanzio cf. soprattutto Bloch 1946, con osservazioni riproposte e (...)
  • 42 Loud 1994, p. 35-36. Cf. Bloch 1986, I, p. 10.

13Anche altri protagonisti della politica contemporanea, però, favorirono l’abbazia al tempo di Aligerno, tra i quali l’antipato Mariano Argyros, stratega di Calabria e Langobardia, che nel dicembre [956] concesse all’abate il diritto di circolare nei territori da lui controllati e di recuperare lì i beni abbaziali, evidentemente alienati negli anni precedenti40. I rapporti tra Montecassino e Bisanzio, sin dal IX secolo, furono generalmente condizionati dalla mutevolezza del quadro politico internazionale e certamente non indipendenti dalle relazioni tra i Principati longobardi e l’Impero orientale, come ben esemplifica l’andamento della documentazione bizantina in favore dei Cassinesi, che avrebbe avuto come oggetto principale i possessi abbaziali nella Puglia bizantina41. Il sigillion ad Aligerno si inserisce, infatti, in un contesto più generale di ripresa del controllo bizantino nel Mezzogiorno, grazie proprio allo stratigo Mariano, ma con l’intervento di Ottone I nel Mezzogiorno le relazioni tra Montecassino e Bisanzio subirono una battuta d’arresto, per poi riprendere a partire dagli anni Ottanta del IX secolo, come si dirà più avanti42.

  • 43 Giovanni XII, prima del 962, avrebbe confermato ad Aligerno i possessi abbaziali, la dipendenza di (...)
  • 44 RPD, II, n. 224, p. 688-690. Già il nonno Guaimario I (880-901) aveva deliberato in favore di Mont (...)
  • 45 Per scomparire poi nella documentazione agli inizi del XIV secolo, si veda Fabiani 1968, p. 22-23  (...)
  • 46 Il riferimento è soprattutto al privilegio di Landolfo I e Atenolfo II del 25 aprile 928, il primo (...)
  • 47 RPD, IV, p. 1816-1821.

14L’abbaziato di Aligerno non mancò di registrare anche i favori pontifici43 e del principe longobardo di Salerno Gisulfo I († 977)44, quest’ultimo destinato, di lì a poco, a consegnare il suo territorio al Capodiferro, e di un’altra lunga serie di persone, più o meno illustri, sia laiche che ecclesiastiche : tutti attori di un quadro storico cangiante che qualche decennio più tardi avrebbero misurato in più di un’occasione la loro conflittualità anche – a volte soprattutto – in relazione all’abbazia. Sicché non meraviglia la lunga e dettagliata sequela di beni e di diritti recuperati da Montecassino di cui sono intessute le Chronica nei primi dieci capitoli del II libro, inaugurato proprio con l’abbaziato di Aligerno. E’ evidente che gli appoggi dei « grandi poteri » non furono estranei ad un tale accrescimento patrimoniale, talvolta ricondotto dal Marsicano ad uno spontaneismo al quale è difficile credere, pur senza obliare il potere attrattivo del credito politico guadagnato da Aligerno e la sua notevole abilità organizzativa, nonché la sua capacità di intessere relazioni con l’aristocrazia locale. Sicché il suo lungo abbaziato rappresentò una tappa fondamentale per la costruzione di una signoria cassinese su una nuova base fondiaria – la futura Terra S. Benedicti, nome che, però, i domini cassinesi assumeranno verso la fine del X secolo, a conclusione del processo45 – concentrata prevalentemente intorno all’abbazia e dunque con caratteri diversi da quella precedente, contraddistinta da una maggiore dispersione territoriale ; una costruzione, non è inutile ribadirlo, a cui avevano dato un fondamentale impulso i principi capuani quando i Cassinesi erano ancora a Capua46, anche al fine di contrastare l’espansione dei gastaldi/conti di Aquino, come è stato recentemente osservato47.

  • 48 RPD, I, n. 215, p. 661-663.
  • 49 Toubert 1976, p. 694-696.
  • 50 Cf. Martin 2008, p. 180-181.

15L’azione di Aligerno contemplò inoltre strategie di ripopolamento delle terre monastiche – con ampio ricorso ai contratti livellari – e dunque di riorganizzazione della vita sociale oltre che di occupazione del suolo ; nonché un’efficace difesa della Terra S. Benedicti e delle popolazioni rurali che vi risiedevano mediante interventi di fortificazione e di costruzione di rocche. Fenomeni, questi ultimi, che non furono esclusivi di Montecassino, ma piuttosto si inserivano in un contesto più generale che alcuni anni fa è stato indagato per il Lazio meridionale da Pierre Toubert e che, secondo lo stesso studioso, avrebbero portato a caratterizzare l’espansione territoriale del X secolo sulla base del castrum : non appare dunque casuale, in questo senso, che Aligerno abbia ottenuto da Pandolfo I, nel 967, lo ius munitionis48, cioè il diritto di fortificare liberamente gli abitati della Terra, e che abbia fondato nuovi castra, tra cui si segnala quello di S. Angelo (oggi in Theodice), non lontano dall’attuale Cassino49 ; una situazione non dissimile, negli stessi anni, si registrava a S. Vincenzo al Volturno50.

  • 51 CMC, II, 11, p. 172-173.
  • 52 Dell’Omo 2017, p. 82-83.
  • 53 Leccisotti 1980, p. 87-88 ; cf. anche Di Carpegna Falconieri 2007, in particolare p. 364, e soprat (...)

16Tralascio qui altri aspetti dell’attività di Aligerno, che provvide anche ad un’opera di risistemazione e di abbellimento dell’abbazia, nonché ad acquistare oggetti sacri e codici sia per Montecassino che per il monastero di Capua51. Né mi soffermo sulla questione se i suoi legami con la corrente riformatrice romana, dati i rapporti con Oddone di Cluny e i suoi discepoli Baldovino e Maielpoto, predecessori di Aligerno alla guida di Montecassino, avessero in qualche modo influenzato la sua azione di governo, poiché le fonti superstiti non vi fanno alcun riferimento – salvo non pensare a una voluta omissione, come è stato ipotizzato52 – e sappiamo, nel contempo, quanto l’operato di Oddone a Roma fosse stato privo di sostanziali esiti istituzionali53.

  • 54 CMC, II, 12, p. 189-190.
  • 55 Su Landolfo IV e il suo breve governo cf. Beolchini 2004.
  • 56 CMC, II, 10, p. 188. Su Landonolfo cf. Berto 2004.
  • 57 La notizia dell’assassinio di Aione si legge nella Cronaca dei conti e dei principi longobardi di (...)

17Morto Aligerno il 23 novembre 985, Montecassino ritornò ad un più diretto controllo capuano, dal momento che ne divenne abate un cugino per parte materna di Pandolfo Capodiferro, Mansone (985-996), già superiore del monastero di S. Magno (presso Fondi). La successione era avvenuta, avrebbe scritto il Marsicano, grazie all’appoggio della famiglia principesca capuana – allora era reggente Aloara († 992), vedova del Capodiferro – e senza il consenso unanime dei monaci, tanto che alcuni di essi lasciarono il monastero. Furono almeno in otto, tra cui due futuri abati, Giovanni di Benevento e Teobaldo, che partirono per Gerusalemme. Gli altri si recarono in Lombardia presso il marchese Ugo, che fornì loro le risorse per costruire in quelle zone cinque cenobi54 ; lo stesso marchese che, nel giugno del 993, sarebbe giunto a Capua inviato da Ottone III per punire, insieme ai conti di Teano (Trasmondo II) e dei Marsi (Rainaldo II e Oderisio I), i colpevoli dell’assassinio del principe Landenolfo di Capua, terzogenito del Capodiferro – successo al fratello primogenito Landolfo IV (981-982)55 – il 27 aprile del 99356, seguito poco dopo nel suo triste destino dall’arcivescovo capuano Aione57.

  • 58 Cf. Cilento 1971, p. 343-345, e Marazzi 2016, p. 17.
  • 59 Ottone II, a Capua, confermò il Principato ad Aloara e al figlio, CMC, II, 9, p. 187.
  • 60 Chronicon Vulturnense, II, p. 325-326. Sugli avvenimenti seguiti alla morte di Landenolfo cf. Vise (...)
  • 61 Cilento 1971, p. 376. Riguardo invece il cod. cassinese 175, il testimone più antico della Cronaca(...)

18L’omicidio di Landenolfo mostrava con chiarezza quanto fossero fragili gli equilibri politici creati da Pandolfo Capodiferro nella Longobardia meridionale e, in particolare, nel Principato di Capua58, nonostante quest’ultimo avesse potuto ancora registrare l’appoggio imperiale, nel 983, quando Aloara era reggente per il figlio Landenolfo59. Nel contempo, però, si sarebbe evidenziato ancora di più il ruolo svolto in questi anni da Montecassino e S. Vincenzo al Volturno nelle relazioni tra le aree longobarde meridionali e l’Impero d’Occidente. Nel Chronicon Vulturnense, infatti, si legge che erano stati l’arcivescovo Isimbardo, successore di Aione, Roffrido, abate di S. Vincenzo al Volturno, e Mansone, abate di Montecassino, a chiedere il citato intervento di Ugo di Tuscia ; poco dopo Roffrido si era diretto a Roma, dove in quei giorni Ottone III veniva unto dal papa (21 maggio 996)60, a dimostrare ancora una volta come l’Impero e il Principato di Capua fossero costantemente – e con indubbia disinvoltura – ritenuti gli interlocutori privilegiati di Vulturnensi e Cassinesi. E non è certo casuale che la Cronaca dei conti e di principi longobardi di Capua, iniziata durante l’abbaziato di Giovanni I (915-934), al tempo, cioè, della residenza capuana dei Cassinesi, registri con enfasi l’assassinio di Landenolfo, un innocentem principem che diventa princeps et martyris nel secondo dei testimoni che ci tramanda il testo cronachistico, il codice cavense 461.

  • 62 L’11 novembre [989], CMC, II, 14, p. 194. La più recente edizione è nel RPD, I, n. 15, p. 93-96. E (...)
  • 63 Landenolfo avrebbe rilasciato un praeceptum confirmationis a Montecassino nel settembre del 990-99 (...)
  • 64 CMC, II, 15, p. 195 ; Cilento 1971, p. 309-310, e nota 36, p. 345-346. Cf. Dell’Omo 2008, p. 78-79 (...)
  • 65 CMC, II, 15, p. 195.
  • 66 Dell’Omo 2008, rispettivamente p. 80 e 75-76.
  • 67 Per questi aspetti vedi Panarelli 2003, p. 9-10. Il probabilmente spurio diploma di Ottone III del (...)

19Anche gli anni dell’abbaziato di Mansone, pur subendo le conseguenze dell’instabile equilibrio che regnava nel Mezzogiorno longobardo, registrarono i favori dell’Impero d’Occidente, del Papato, nella persona di Giovanni XV62, e del Principato capuano, anche quando questo fu assunto prima da Laidolfo, conte di Teano (993-999), succeduto al fratello Landenolfo63, ben presto deposto ed esiliato da Ottone III per il suo coinvolgimento nella congiura del 993, e poi – al termine del breve governo del conte palatino e marchese di Spoleto Ademario, appoggiato da Ottone ma estromesso dai Capuani nell’estate del 100064 – da Landolfo (V) conte di S. Agata († 1007), fratello di Pandolfo II, principe di Benevento ; il quale ultimo, a sua volta, sarebbe stato particolarmente generoso con i Cassinesi, almeno secondo la terza redazione delle Chronica65. Riguardo l’Impero d’Occidente, l’episodio di Ugo di Tuscia confermava i suoi legami con Mansone, nonostante l’abate incarnasse « il segno della contraddizione in cui si dibatte Montecassino negli anni di Ottone III », oscillante tra ideali religiosi e testimonianze di alta spiritualità ma nel contempo esposto ai pesanti condizionamenti del « vischioso ambiente politico della Langobardia meridionale »66. Né Ottone III avrebbe omesso di deliberare in suo favore, anche se all’interno di un modesto gruppo di privilegi riservati ai monasteri meridionali, compreso uno sicuramente falsificato67.

  • 68 Feller 1998, p. 237.
  • 69 Aligerno, il 27 gennaio 980, si era fatto concedere dai principi capuani la peschiera di Lesina co (...)
  • 70 Beolchini 2007 e Scandone 1956.

20Non conobbe soluzioni di continuità anche con Mansone, dunque, l’accrescimento territoriale e patrimoniale dell’abbazia avviato da Aligerno, né le sue linee di tendenza, tra le quali : la concentrazione degli interventi abbaziali in Campania, lì dove si trovava il cuore dei domini cassinesi ; un interesse limitato per le terre abruzzesi – un carattere persistente per tutto il X secolo e condiviso da S. Vincenzo al Volturno – la cui funzione principale fu solo quella di « rééquilibrer l’assise territoriale du monastère, et de consolider les possessions de Campanie où se trouve le centre de gravité du patrimoine »68 ; l’attenzione per i domini della Daunia, in particolare per le peschiere di Lesina, già mostrata da Aligerno69 ; la concessione di contratti a livello ; l’impegno per la costruzione di fortificazioni a guardia dei possessi abbaziali, tra le quali quella di Roccasecca, utile a difendere i territori cassinesi dai conti di Aquino e per il controllo della Valle del Liri e della via Latina70.

  • 71 Décarreaux 1974, p. 41.
  • 72 CMC, II, 16, p. 196. Cf. Décarreaux 1974, p. 43-44.
  • 73 Fondato alla fine dell’VIII secolo dall’abate Gisulfo, CMC, I, 18, p. 59.
  • 74 Nilo era stato accolto a Montecassino su pressione dei Capuani, cf. Βίος Νείλου 73, p. 112-113. Su (...)
  • 75 Più genericamente, nella Vita prior di Adalberto, Nilo avrebbe detto che l’accoglimento del sant’u (...)
  • 76 CMC, II, 17, p. 200-201.
  • 77 S. Adalberti Pragensis episcopi et martyris vita prior, 14-15, p. 20-23. Su Adalberto e su questo (...)
  • 78 CMC, II, 17, p. 200-201.

21Mansone, pertanto, si era impegnato a curare gli affari di Montecassino, in coerenza con gli abati della seconda metà del X secolo, attenti certo ad assecondare la politica delle loro reti familiari ma anche a servire gli interessi del loro monastero71. Le sue capacità amministrative furono riconosciute dallo stesso Marsicano, per il quale, tuttavia, egli non si era comportato da monaco ma piuttosto seculariter, accompagnandosi a cavalieri e a servitori vestiti con indumenti di seta e non disdegnando di frequentare spesso la corte imperiale d’Oltralpe72. Parole a cui fanno da pendant i giudizi nei confronti di Mansone che, direttamente o indirettamente, i loro agiografi attribuirono ad Adalberto di Praga e Nilo di Rossano. Il primo si era fermato a Montecassino durante il suo viaggio a Gerusalemme ma se ne sarebbe allontanato ben presto in seguito a delle divergenze e, secondo la terza redazione delle Chronica monasterii Casinensis, avrebbe raggiunto Nilo, che in quegli anni viveva con alcuni compagni in un monastero a Valleluce73, ceduto da Aligerno al Rossanese, che vi dimorò quindici anni, secondo il Bios Nili74. Il santo calabrese non accolse la richiesta di ospitalità di Adalberto, temendo che lui e la sua comunità potessero essere espulsi da quel luogo per aver accolto il Praghese allontanatosi da Montecassino75. Sicché, su consiglio di Nilo, Adalberto si recò a Roma dove visse qualche tempo (a. 992)76. Il racconto dell’incontro tra i due è basato su un passo della Vita Adalberto prior, composta nel 99977, e non è registrato nel Bios di Nilo e dalla redazione delle Chronica autografa di Leone, nella quale si passa direttamente alla sosta romana di Adalberto78.

  • 79 Βίος Νείλου, 85, p. 122, cf. Dell’Omo 2008, p. 83-84.
  • 80 CMC, II, 16, p. 196.
  • 81 Ibid., II, 16, p. 199. Il cronista definisce Atenolfo gastaldo, ma è invece probabile che già il p (...)

22Che Nilo, secondo il suo biografo, non approvasse i comportamenti di Mansone si desume chiaramente da un successivo episodio, secondo cui il santo, recatosi a San Germano, scoprì che l’abate e i monaci ascoltavano musica nel refettorio, circostanza che suscitò la sua rabbia per il degrado della vita monastica che ivi si conduceva, tanto che preannunciò che su quella comunità si sarebbe ben presto abbattuta l’ira divina ; cosicché, sempre secondo il Bios, di lì a poco Mansone fu imprigionato e accecato dal principe di Capua79. Delle disgrazie occorse all’abate, tuttavia, non sembra essere stata responsabile diretta la famiglia principesca. Il loro presupposto, stando a Leone Ostiense, era da ricercare nel clima di inimicizia che si era creato intorno a Mansone sia per i suoi comportamenti poco consoni al ruolo abbaziale, sia soprattutto per la costruzione della citata Roccasecca, a dimostrare come l’attività castrense di Montecassino non fosse affatto ben vista dai suoi vicini, tanto che sembrava – annota il Cronista – che egli volesse rivendicare a sé non solo l’abbazia ma lo stesso Principato80. Emersero allora le ambizioni del vescovo dei Marsi Alberico per sé e per il figlio su Montecassino, che ordì una congiura insieme ad alcuni monaci e a Capuani ostili a Mansone, ai quali offrì una cospicua somma di denaro : il pur accorto abate fu attirato con una trappola nel monastero di S. Benedetto di Capua e gli furono strappati gli occhi, ma gli assassini non riuscirono a consegnarli ad Alberico, per dimostrare il rispetto degli accordi pattuiti, giacché il vescovo morì proprio nello stesso giorno dell’accecamento. Si tratta di un racconto, come altri delle Chronica, in cui il resoconto degli eventi non è privo di ambiguità ma sono nettamente riconoscibili, nella vicenda di Mansone, le ostilità di parte della comunità di Montecassino – già emerse dopo la sua nomina abbaziale – ma soprattutto quella delle famiglie capuane non allineate all’attuale corso delle successioni sul trono, occupato ora dal citato Landolfo V di Sant’Agata. Né mancava la consueta ostilità dei conti di Aquino, infatti Atenolfo III approfittò dell’accecamento dell’abate per abbattere proprio Roccasecca81.

  • 82 RPD, IV, p. 1775-1777, ma p. 1781-1782 per altre falsificazioni comunque non attribuibili a Pietro
  • 83 Toubert 1976, p. 696.
  • 84 RPD, IV, p. 1777.

23Sicché ancora una volta Montecassino rifletteva nel bene e nel male le conflittuali e mutevoli dialettiche del Principato capuano e delle famiglie ad esso collegato, ma intanto la sua ripresa patrimoniale era inarrestabile, benché non del tutto riconosciuta dai contemporanei. È proprio quest’ultima circostanza a far pensare che alcuni falsi documenti carolingi, in genere attribuiti a Pietro Diacono, fossero invece stati redatti negli ultimi decenni del X secolo, come effettivamente è stato di recente proposto82, quando cioè l’espansione cassinese aveva raggiunto il suo apogeo – un momento però condiviso anche da altre abbazie83 – e doveva sempre più difendersi dai diritti, reali o presunti, dei focosi vicini ; una temperie nella quale può collocarsi anche la redazione del falso precetto di Romualdo II, duca di Benevento, in merito ai diritti cassinesi sulle peschiere di Lesina contro il vescovo di Lucera (718 ca)84.

  • 85 CMC, II, 20, p. 203-204.
  • 86 L’episodio è narrato prima nei Dialogi dell’abate Desiderio (Desiderius Casinensis, Dialogi, II, 1 (...)
  • 87 Gregorius Magnus, Dialogi, II, 35, 24-25.

24Morto Mansone l’8 marzo 996, gli successero due abati di nome Giovanni. Giovanni II (996/997), vecchio e malato, con il consenso dei monaci si fece presto sostituire e si ritirò in un eremo insieme a cinque confratelli, nel luogo poi detto Pireto, dove costruì una chiesa in onore dei santi Cosma e Damiano. Riguardo il suo abbaziato le Chronica ci dicono solo che egli si era scontrato violentemente con gli abitanti di Pignataro (ora provincia di Frosinone) e che aveva concesso un contratto a livello al chierico Trasmondo su alcune curtes abruzzesi85. Nel suo breve governo, dunque, non erano cessate le ribellioni delle terrae sottomesse all’abbazia, ma la tradizione cassinese ne avrebbe serbato soprattutto una memoria di santità : nell’ora esatta della sua morte, durante il governo del successore Teobaldo, il religioso Giovanni, nel monastero di S. Lorenzo di Capua, aveva visto la sua anima ascendere al cielo86, un episodio che evoca la nota visione di Benedetto dell’ascensione al cielo di Germano, vescovo di Capua, narrata da Gregorio Magno87.

  • 88 CMC, II, 22, p. 206-207.
  • 89 Cf. Pertusi 1963, qui 224, e von Falkenhausen 1996, qui p. 393 ss. Più in generale sul monastero d (...)

25Gli successe Giovanni III (997-1010), nobile beneventano, che aveva indossato l’abito monastico sotto il governo di Aligerno. Questi, come si accennava prima, era stato uno dei monaci che avevano lasciato Montecassino dopo la nomina di Mansone, per dirigersi prima a Gerusalemme e poi sul Sinai, dove rimase per sei anni. In seguito si fermò in Grecia, sul monte Athos, ma una visione di Benedetto l’avrebbe convinto a ritornare nella sua abbazia di origine, dove fu scelto come suo successore da Giovanni II88. Sul monte Athos egli probabilmente aveva soggiornato nel monastero latino poi detto degli Amalfitani, fondato verso la fine del X secolo89.

  • 90 Galdi 2005 e Galdi 2017, p. 105-110.
  • 91 Sullo spazio riservato all’eremitismo nella spiritualità e nei modelli di santità cassinesi rinvio (...)
  • 92 Cf. Galdi 2014 a, p. 79-91.

26Giovanni aveva dunque alle spalle un’esperienza di eremitismo e di instabilitas loci, comune tra i monaci italo-greci, o comunque di tradizione orientale, ma non estranea al monachesimo latino90. Tra i più celebri eremiti cassinesi si ricorda Liuzio91, uno dei monaci partiti insieme a Giovanni e Teobaldo per Gerusalemme, che più tardi si ritirò nei pressi dell’attuale Cava dei Tirreni, in provincia di Salerno, in quella stessa grotta Arsicia che avrebbe ospitato Alferio, il futuro fondatore dell’abbazia benedettina della SS. Trinità92.

  • 93 CMC, II, 28, p. 218.
  • 94 O II / O III, n. 291, p. 715-717 ; RPD, I, n. 125, p. 397-399.
  • 95 CMC, II, 22, p. 207. Cf. Dell’Omo 2008, p. 73-74, e Panarelli 2003, p. 10-11.
  • 96 RPD, I, nn. 140-141, p. 441-444. Cf. von Falkenhausen 1978, p. 87-88, 128-130, 188-189.
  • 97 Loud 1994, p. 37.
  • 98 Ibid., p. 37-40.

27Il lungo tempo passato fuori Montecassino e i contatti con il mondo monastico orientale, con la sua spiritualità intrisa di rigore e ascetismo, possono spiegarne un governo particolarmente rigido, tanto che, scrive il Marsicano, egli era più temuto che amato dai confratelli93. Anche Giovanni, tuttavia, si adoperò ad accrescere il patrimonio cassinese, godendo come i suoi predecessori della consueta protezione imperiale, sicché Ottone III, il 25 maggio del 998, gli confermò i possessi dell’abbazia94, trattenendosi – ma solo secondo due delle recensiones delle Chronica – anche a Montecassino e offrendo a S. Benedetto due corone d’argento95. Durante il suo governo, inoltre, sono di nuovo attestati i legami con Bisanzio, poiché il protospatario Gregorio Tarchaneiotes, catapano d’Italia, giudicò due volte a favore dell’abbazia (999-1000) e dei suoi beni pugliesi96. La ripresa di tali relazioni è stata opportunamente connessa a una fase di distensione militare dipesa dalla (relativa) cessazione delle ostilità di confine97, circostanza che spiegherebbe anche l’emissione del secondo giudicato a Capua, a significare cioè una ripresa dei rapporti politici tra Bisanzio e il Principato. Meno convincente, a mio parere, è invece l’ipotesi secondo cui i medesimi rapporti sarebbero stati favoriti dai contatti tra i Cassinesi e i monaci italo-greci giunti nei territori longobardi, come Nilo, o da quelli che gli stessi Benedettini avevano modo di realizzare durante i loro viaggi in Terrasanta98. Di certo, gli interessi cassinesi in Puglia erano notevoli e i momenti di più favorevole relazione con Bisanzio costituivano un’ottima occasione per la loro tutela.

  • 99 CMC, II, 23-27, p. 208-217. Cf. RPD, IV, ad indicem, p. 2162.

28Anche altri personaggi, però, contribuirono ad incrementare i beni cassinesi, come ci informano con la solita dovizia di particolari le Chronica monasterii Casinensis, tra i quali soprattutto i conti dei Marsi, prima Rainaldo e poi il figlio Oderisio, vescovi quale quello di Fermo Uberto, cittadini comuni come Gaiderisio della stessa città di Fermo o gli abitanti di Terracina, l’abruzzese Leone, il principe di Salerno Landolfo, diventato monaco cassinese proprio al tempo di Giovanni, e molti altri. Né mancò il consueto interesse per le fortificazioni, che in questo caso riguardarono lo stesso monastero, o per la costruzione di nuovi edifici religiosi ; né le solite questioni inerenti il possesso delle peschiere di Lesina, difese contro le pretese di alcuni nobili della città99.

  • 100 CMC, II, 28, p. 218.
  • 101 Ibid., II, 28-29, p. 219-220.

29Come i suoi predecessori, inoltre, anche Giovanni dovette contrastare le angustias dei conti vicini, non meglio precisate, tanto che decise di ritirarsi per qualche tempo a Capua, una circostanza che, data la sua intransigenza sopra richiamata, fu salutata come una liberazione da alcuni monaci, che approfittarono della sua assenza per nominare il gaetano Docibile, il cui governo, tuttavia, fu molto breve e non privo di contrasti100. Dopo sette mesi, infatti, Giovanni ritornò, ma morì di lì a poco (18 marzo 1010), dopo la nomina del nipote Giovanni (IV) come suo successore, la quale, però, non fu accettata dall’intera comunità monastica, sicché alcuni monaci chiesero a Pandolfo, II principe di Benevento e III di Capua (981-1014) di portare al monastero il figlio Atenolfo, abate del monastero beneventano di S. Modesto, perché governasse Montecassino. Così Atenolfo, accompagnato dal padre, subentrò al governo abbaziale (1010-1022)101.

Un equilibrio difficile tra poteri vecchi e nuovi (1010-1055)

  • 102 CMC, II. 28-30, p. 223.
  • 103 Böhmer 1969, n. 1143, p. 341-342 (12-13 marzo 1014), in cui si attribuiscono le falsificazioni a P (...)
  • 104 Per il praeceptum, tramandato dal solo Pietro Diacono, si vedano DD H II, n. 287, p. 342-345, e RP (...)
  • 105 Chronicon Vulturnense, III, p. 10-16.
  • 106 CMC, II, 31, p. 223-224 ; DD H II, n. 400, p. 514-515 ; RPD, I, n. 130, p. 412-413. Per un primo o (...)
  • 107 CMC, II, 31, p. 224 ; RPD, I, nn. 256, 257A, 257C, 258-259, II, p. 791 ss.

30Ritornava un longobardo, dunque, a reggere l’abbazia di Montecassino, sostenuto evidentemente dalla componente della comunità monastica più vicina agli ambienti principeschi, nonostante egli ci sia presentato dal Marsicano come vir quanto nobilis, tanto humilis et humanus102. Gli inizi del suo abbaziato, però, non si differenziarono molto da quelli dei suoi predecessori, registrando, intanto, il favore imperiale, giacché Enrico II, ultimo esponente della casa di Sassonia e da poco incoronato da Benedetto VIII (lo stesso pontefice il 13 marzo 1014 avrebbe rilasciato un privilegio a Montecassino, giuntoci in forma falsificata103), nel 1014 avrebbe confermato tutte le pertinenze cassinesi per praeceptum aureo sigillo bullatum104, in analogia con quanto già concesso a S. Vincenzo al Volturno e al suo abate Ilario105. Più tardi, dopo aver riattraversato le Alpi e su intercessione dell’arcivescovo di Colonia Pilgrim, Enrico confermò ad Atenolfo due castelli nel territorio di Comino, cioè Vicalvi e Sant’Urbano (13 luglio 1019-1020)106. Due fortificazioni evidentemente fondamentali per la comunità cassinese, giacché erano già stati confermati all’abate dal fratello, il principe Pandolfo IV di Capua, che nel corso della primavera del 1017 aveva rilasciato diversi praecepta a Montecassino107.

  • 108 RPD, I, n. 112, p. 350-351. Cf. von Falkenhausen 1978, p. 89, 192.
  • 109 Dell’Omo 2008, p. 80.
  • 110 CMC, II, 32, p. 229.

31Inoltre anche Atenolfo, come Giovanni, registrò il favore bizantino, ottenendo dal catapano Basilio di Mesardania la conferma delle disposizioni del citato Tarchaneiotes, tra cui la solita peschiera di Lesina, nell’ottobre [1011]108 : la circostanza testimoniava la continuazione delle buone relazioni tra Montecassino e l’Impero d’Oriente tra la fine del X e gli inizi dell’XI secolo, ma anche i costanti e complessi rapporti tra quest’ultimo e i territori longobardi giacché il catapano si trovava in questo momento a Salerno. L’abate, inoltre, promosse particolarmente l’attività costruttiva, nella quale è stato riconosciuto un influsso di concezioni architettoniche di derivazione nord-europea, di cui egli si sarebbe fatto tramite grazie alle conoscenze acquisite durante la sua permanenza in terra tedesca109. A lui si deve anche, tra l’altro, la costruzione di gran parte dell’insediamento di Eulogimenopoli, più tardi S. Germano, già iniziato dall’857 dall’abate Bertario, intorno alla chiesa del Salvatore110, e destinato a diventare il centro dell’amministrazione patrimoniale cassinese.

  • 111 Ibid., p. 226-228, II, 33, p. 320.
  • 112 Ibid., II, 34, p. 230-233 ; cf. anche Desiderius Casinensis, Dialogi, II, 6, p. 99-101.

32Lungo la scia dei precedenti governi, inoltre, proseguirono le donazioni a Montecassino, in Campania, in Abruzzo e in Capitanata, sia da parte di laici che di ecclesiastici, ma non mancarono anche le testimonianze di devozione e spiritualità111. Durante il suo governo, per esempio, visse il pio monaco Azzo – che Atenolfo inviò a restaurare il monastero di S. Angelo in Barregio, negli Abruzzial quale la tradizione abbaziale avrebbe riservato un posto speciale tra i Cassinesi che si erano distinti per santità di azioni, tanto che il Marsicano raccontò che il monaco Pietro aveva visto l’arcangelo Michele mentre veniva a prendere la sua anima112.

  • 113 Rispettivamente Giovanni V e Dauferio II. Sulle donazioni papali, Italia Pontificia 1935, n.5, p.  (...)
  • 114 CMC, II, 35, p. 234-235. Cf. Codex Diplomaticus Cajetanus, n. 130, p. 244-252. Sui complessi probl (...)
  • 115 CMC, II, 36, p. 235.

33La difesa del patrimonio, ovviamente, comportò il persistere delle controversie, tra le quali quella che contrappose i Cassinesi ai duchi di Gaeta e ai conti di Traetto (oggi Minturno), in merito a dei beni che questi ultimi avevano ricevuto dai papi Giovanni VIII e Giovanni X per il loro impegno nella battaglia contro i Saraceni acquartierati presso il Garigliano113. La questione era di rilevante importanza se la disputa, nel luglio 1014, fu portata in tribunale presso il castrum Argenti (sul monte d’Argento, vicino Minturno, in provincia di Latina), alla presenza del principe e dell’arcivescovo di Capua, il duca di Napoli Sergio IV, il vescovo di Gaeta Bernardo, il conte di Traetto Dauferio, lo stesso Atenolfo, nobili e giudici. Da una parte e dall’altra furono letti i privilegi sui quali si appoggiavano le rispettive rivendicazioni, fin quando, richiamandosi al diritto romano e a quello longobardo, i giudici riconobbero le ragioni cassinesi114. Anche i giudici di Capua, davanti all’arcivescovo della stessa città, diedero ragione all’abate relativamente al territorio di Cesima, sicché i conti di Teano Pandolfo e Gisulfo lo confermarono all’abbazia115.

34Il placitum seu giudicatum Castri Argenti era stato emanato alla presenza di alcuni personaggi che ben esemplificavano la rete di relazioni intessuta da Montecassino in quegli anni. Tuttavia, nonostante le coerenze con quelli dei suoi predecessori, il governo di Atenolfo coincise con un periodo in cui il pur sempre instabile equilibrio tra l’insieme delle forze che agivano direttamente o indirettamente in Italia meridionale andò profondamente in crisi, con il conseguente avvio di un processo che avrebbe condotto a nuovi assetti politici, sociali e religiosi. Una crisi alla quale, peraltro, l’abate reagì con un comportamento non lineare e segnato da non poca ambiguità, spostando decisamente – e tragicamente – l’asse delle alleanze cassinesi.

  • 116 Décarreaux 1974, p. 44.
  • 117 CMC, II, 37, p. 236 ; Annales Casinenses ex Annalibus, p. 1410.
  • 118 Il Ms. W della terza redazione delle CMC (II, 37, p. 236-237) inserisce a questo punto una lunga d (...)
  • 119 Amatus Casinensis, Historia, I, XXVI, p. 35.
  • 120 Sulle motivazioni del papa cf. Sibilio 2005, p. 235-237, e, più in generale sul pontificato di Ben (...)
  • 121 CMC, II, 38, p. 240.
  • 122 Chalandon 1907, p. 62 ; Enzensberger 2007, particolarmente p. 143-144.

35Un ruolo determinante di tale processo, come è noto, fu svolto dai Normanni e ne fu coinvolta appieno Montecassino, « une puissante vigie à la frontiére des conquȇtes normandes »116. Proprio durante l’abbaziato di Atenolfo – nel 1016 o nel 1017, secondo le diverse redazioni delle fonti cassinesi117 – alcuni Normanni si allearono con Melo di Bari in funzione antibizantina118. Sia Melo, insieme al cognato Datto, per sfuggire all’esercito bizantino, sia alcuni Normanni scappati dalla Normandia, trovarono rifugio presso il principe di Capua, che secondo Amato di Montecassino avrebbe sposato la sorella dello stesso Melo119 ; più tardi, Datto fu ospitato prima dall’abate cassinese e poi da papa Benedetto VIII, che gli concesse, assumendo così una netta posizione politica anti-bizantina120, di sostare nella Torre del Garigliano. In questa convulsa fase storica, dunque, la posizione di Pandolfo IV fu determinante : a Capua, infatti, si strinse l’alleanza tra Melo e i Normanni, questi ultimi poi sconfitti definitivamente a Canne (ottobre 1018) dal catapano Boioannes ; ed ancora a Capua, oltre che a Salerno, Melo fece sistemare i Normanni superstiti prima di recarsi Oltralpe presso l’imperatore Enrico II per chiedere aiuto contro i Bizantini121, per morire però a Bamberga nel 1020, dove fu sepolto nella cattedrale122.

  • 123 Marazzi 2016, p. 20, 31. Sulle vicende e i caratteri complessivi della Benevento altomedievale è u (...)
  • 124 Sul rapporto tra i Normanni e Montecassino cf. Houben 1992, p. 124-131 per il periodo qui oggetto (...)

36Si tratta di vicende note e ampiamente dibattute dalla storiografia. Ma quel che interessa in questa sede è la parte avuta da Atenolfo e dai principi longobardi di Capua e Salerno in queste intricate vicende, nelle quali invece – come in quelle degli anni successivi – rimasero più marginali Benevento e S. Vincenzo al Volturno123. Lo stesso l’abate (negli anni 1019-1021) non esitò ad usare la forza militare normanna – ormai alleati del fratello Pandolfo – per difendersi contro i soliti vicini, installandoli nell’oppidum di Pignataro, non lontano da S. Germano e dunque dal cuore della gestione amministrativa e patrimoniale di Montecassino124.

  • 125 Plein de tout pechié et de malvaistie per Amato di Montecassino (Amatus Casinensis, Historia, II, (...)
  • 126 CMC, 38, p. 241.
  • 127 Marazzi 2016, p. 23-25.
  • 128 Cilento 1971, p. 282.
  • 129 RPD, I, n. 139, p. 439.
  • 130 Loud 1994, p. 42.
  • 131 Il privilegio è da ultimo edito in RPD, I, n. 156, p. 468. Sospetti sull’autenticità del documento (...)

37Come già accennato, però, uno dei protagonisti principali di questa magmatica fase storica fu Pandolfo IV, le cui ambizioni sarebbero state fondamentali nell’orientare gli schieramenti politici di questi anni e del quale le fonti cassinesi e vulturnensi ci tramandano un ritratto del tutto negativo125. Figlio di Pandolfo, II principe di Benevento e III di Capua, era stato associato nel 1016 al Principato di Capua dal cugino Pandolfo II, e, come si è visto, aveva ospitato Melo (e i Normanni) e dunque il suo progetto antibizantino. In un secondo momento, tuttavia, egli avrebbe assunto una decisa posizione filo-bizantina, tanto da concedere al catapano Boioannes – dietro compenso – di attraversare i Principato per recarsi al Garigliano e sconfiggere Datto, poi portato prigioniero a Bari126. I motivi di tale svolta, che si suppone condivisa con il suo entourage, non sono del tutto chiari ma furono evidentemente di natura strategica127 e avrebbero ben presto messo in crisi profonda la tradizionale – benché ambigua e fluttuante – alleanza capuana con l’Impero occidentale. Come ha ben scritto Nicola Cilento, la dinastia capuana era riuscita, per motivi non sempre comprensibili se non li si inquadrano negli spazi che l’accentuato particolarismo meridionale e la scarsa incidenza dei « grandi » poteri su di esso lasciava alle energie locali, a muoversi con « agilità politica » in un mondo « composito e instabile, posto ai limiti ed alla confluenza di interessi contrastanti », « attraverso un intricato e fluttuante comporsi e scomporsi di dipendenze e di alleanze »128 : Pandolfo IV si mosse nella stessa direzione ma alla fine le sue scelte politiche si rivelarono fallimentari, trascinando con sé – in questa prima fase della sua lunga vicenda umana e politica – il fratello Atenolfo. Il quale, a sua volta, avrebbe ricevuto, nel giugno [1021], una donazione da parte del tumarca e episkeptiti Falco, su mandato del catapano Boioannes, dei beni sottratti al ribelle Maraldo, concernenti soprattutto il territorio di Trani129 : una conseguenza evidente dell’asse capuano-bizantina, che è stata anche letta come un tentativo, da parte dello stesso catapano, di privare le ribellioni pugliesi in corso del sostegno capuano130, un’osservazione che vale anche per una precedente conferma del febbraio [1018] dei diritti cassinesi, fatta dallo stesso Boioannes su mandato di Costantino VIII131.

  • 132 L’itinerario di Enrico II in Italia e gli eventi legati alle sue tappe sono registrati, ma con alc (...)
  • 133 CMC, II, 39, p. 242-243.

38E’ in un tale intricato contesto che si inscrive la discesa di Enrico II in Italia nel 1021-1022 che, passando per le Marche132, inviò Pilgrim di Colonia ad arrestare Atenolfo e Pandolfo, accusati di aver avuto parte attiva nella cattura di Datto. L’abate decise allora di rifugiarsi presso l’imperatore di Costantinopoli imbarcandosi a Otranto e a nulla valse, secondo la terza recensio delle Chronica, che lo stesso Benedetto apparisse al vescovo della città pugliese affinché fermasse l’imbarco del Cassinese : in seguito ad un naufragio egli perse la vita e andò disperso il suo prezioso bagaglio, come ancora aggiunge la medesima recensio, cioè libri, ornamenti e praecepta di imperatori e principi, riguardanti possessi di località di cui, certo non casualmente, vengono citate solo alcune133.

  • 134 Ibid., II, 40-41, p. 244-245. Il Principato a Pandolfo e al figlio sarebbe stato poi confermato da (...)

39Intanto Pilgrim proseguiva per Capua (febbraio/marzo 1022), cingendola d’assedio e provocando la resa volontaria di Pandolfo, timoroso che i suoi concittadini potessero comunque tradirlo. Portato presso Enrico II, che allora si trovava in Capitanata, vicino Troia, fu sottoposto a giudizio e salvato dalla condanna a morte solo dall’intervento dello stesso Pilgrim e infine portato prigioniero in Germania. Dopo la resa troiana l’imperatore si sarebbe recato a Capua (giugno 1022), dove concesse il Principato al più affidabile Pandolfo (VI), conte di Teano, e la contea di Comino ai nipoti di Melo di Bari, ai quali lasciò come protettori alcuni Normanni134.

  • 135 Houben 1987, p. 74 : Enrico si trattenne non più di quattro mesi nel Mezzogiorno e solo una settim (...)
  • 136 Sui rapporti tra Enrico e S. Vincenzo cf. Marazzi 2016, p. 26-27.
  • 137 Ibid., p. 27.
  • 138 CMC, II, 42, p. 245-247.

40Enrico ripristinava, così, l’autorità imperiale in Italia meridionale, pur trattenendosi qui meno dei suoi predecessori, in linea con una tendenza che vedeva la presenza dell’Impero nel sud sempre più sporadica135, e rinsaldava i legami con le grandi abbazie del Mezzogiorno, in primis S. Vincenzo al Volturno136 e Montecassino. Qualche giorno dopo, il 28 giugno, egli giunse a Montecassino con papa Benedetto, che lo aveva seguito nella campagna pugliese, e lì assistettero alle consultazioni dei monaci per l’elezione del successore di Atenolfo. Non è difficile credere come i punti di vista imperiale e pontificio, all’interno di una comunità monastica che le Chronica ci presentano non concorde, fossero stati fondamentali nella designazione di Teobaldo (1022-1035), vir utique et genere et moribus clarus e discepolo di Aligerno – una circostanza che lo rendeva naturalmente affidabile agli occhi dell’imperatore, oltre al fatto di apparire estraneo all’ambiente capuano137 – che fu ordinato dallo stesso pontefice il 29 giugno 1022138.

  • 139 Amatus Casinensis, Historia, I, 30, p. 39-41 ; CMC, II, 43, p. 247-248.
  • 140 Smidt 1948, p. 210 ; Leccisotti 1951, p. 162-163.
  • 141 Galdi 2014 b, p. 9.
  • 142 CMC, II, 42, p. 249-250.
  • 143 Ibid., II, 4, p. 251 ; cf. Bloch 1986, I, p. 17-19.
  • 144 RPD, n. 19, I, p. 109-111, anche per le ipotesi dell’attribuzione a Pietro della stessa falsificaz (...)
  • 145 DD H II, n. 474, p. 603-604, CMC, II, 43, p. 251. Il possesso della Rocca sarebbe stato rinnovato (...)
  • 146 CMC, II, 43, p. 251. Cf. DD H II, n. 482, p. 614-617, e RPD, I, n. 131, p. 414-417.
  • 147 CMC, II, 44-47, p. 252-255.
  • 148 Come il praeceptum con il quale chiedeva al papa di affermare la libertà dell’abbazia e la sua dip (...)
  • 149 Su preghiera di Enrico egli avrebbe emanato un documento che esprimeva il favore imperiale nei con (...)

41Durante la sosta a Montecassino di Enrico si sarebbe verificato un episodio riferito con molta enfasi dalle fonti cassinesi e registrato per la prima volta da Amato di Montecassino : nel mentre era colpito da un intenso dolore al fianco, dovuto probabilmente alla presenza di calcoli renali, gli era apparso S. Benedetto che lo aveva guarito139. Si è ritenuto che il passo in questione fosse il frutto di un’aggiunta posteriore o di un’interpolazione della Historia Normannorum140, ma di fatto esso aggiungeva una prova fondamentale a sostegno della presenza delle reliquie di S. Benedetto a Montecassino e non a Fleury, della qual cosa aveva dubitato lo stesso imperatore141. Dopo il miracolo, il riconoscente Enrico avrebbe elargito ai Cassinesi doni preziosi142, emulato, nella sua munificenza, dal papa e da Pilgrim, in base alle Chronica monasterii Casinensis143 : una circostanza ricordata anche in un’epistola di Benedetto pervenutaci in più copie, di cui quella redatta da Pietro Diacono è ritenuta molto sospetta, se non una vera e propria falsificazione, come lasciano supporre anche, a mio parere, i richiami alla guarigione dell’imperatore e al suo conseguente convincimento della presenza delle reliquie di S. Benedetto nell’abbazia144. Ancora a Montecassino Enrico avrebbe concesso all’abate la Rocca d’Evandro145, mentre da Paderborn, il 4 gennaio 1023, avrebbe confermato tutti i possedimenti dell’abbazia146. Non solo, dunque, l’imperatore riaffermava il suo controllo su buona parte del Mezzogiorno, ma avrebbe a più riprese protetto e favorito Montecassino, motivo per il quale non sorprende che i monaci abbiano serbato un ottimo ricordo di Enrico, come testimonierà lo stesso Marsicano147. Proprio tale favore, tuttavia, costituisce il presupposto perché i Cassinesi abbiano più tardi attribuito all’imperatore false concessioni, che egli avrebbe deliberato durante il soggiorno cassinese148 ; così come non sono esenti da sospetti anche i provvedimenti rilasciati nello stesso periodo da papa Benedetto149.

  • 150 CMC, II, 52, p. 262-263.
  • 151 Durante la sua discesa in Italia del 1021-1022, l’imperatore avrebbe restituito al monastero alcun (...)
  • 152 CMC, II, 53, p. 265-266. Cf. Orofino (a cura di) 2006.
  • 153 CMC, II, 56, p. 266-270. Per un primo orientamento sulla tradizione agiografica relativa a Mauro s (...)
  • 154 CMC, II, 57, p. 270-274 ; cf. Fonseca 2008, p. 183.

42Il nuovo abate Teobaldo, originario della Marca teatina, si era allontanato dal monastero per raggiungere Gerusalemme, come sopra ricordato, dopo la nomina di Mansone, per poi ritornare con l’abate Giovanni e diventare priore della dipendenza abruzzese di S. Liberatore in comitatu teatino, presso il fiume Alento, tra il 1007 e il 1008. In tale incarico egli si distinse per molti aspetti, soprattutto edilizio e culturale150, ma, specialmente, ne ricostituì il patrimonio fondiario, grazie anche al sostegno di Enrico II151. Eletto abate, Teobaldo inaugurò il suo governo prestando la stessa attenzione mostrata a S. Liberatore per l’edilizia e la politica culturale e in particolare promosse lo scriptorium abbaziale, sicché a questo periodo risale la presenza di numerosi codici, di argomento sia laico che ecclesiastico152. Durante la sua guida, inoltre, Montecassino registrò l’autorevole presenza di Odilone di Cluny (994-1049), presentato dal Marsicano come un campione di umiltà, che, su richiesta dello stesso Teobaldo, fece arrivare all’abbazia una reliquia di Mauro, il discepolo di S. Benedetto il quale, secondo una tradizione agiografica di origine franca, il santo avrebbe inviato a diffondere la Regola benedettina nelle Gallie153. Soprattutto, però, anche durante il governo di Teobaldo non mancarono le donazioni, in Campania (Gaeta), in Abruzzo, nel Lazio e, soprattutto, in Molise ; né l’attenzione per la messa a coltura delle terre e per le politiche di popolamento154.

  • 155 Sul Principato di Guaimario III cf. gli ampi riferimenti in Taviani-Carozzi 1991, I, p. 86, 370-37 (...)
  • 156 Amatus Casinensis, Historia, I, XXXIV, p. 45, che aggiunge anche l’invio di doni da parte del Sale (...)

43Ben presto, tuttavia, Teobaldo avrebbe fatto le spese del ritorno sulla scena politica di Pandolfo, liberato dalla sua prigionia in Germania forse, si legge in Amato di Montecassino e nella terza redazione delle Chronica monasterii Casinensis, su richiesta di Guaimario III (999-1027) – principe di Salerno155 e cognato del Capuano, dal momento che, per lo stesso Amato, ne avrebbe sposato la sorella Gaitelgrima – ad Enrico II156 ; alla morte del quale (13 luglio 1024), intanto, era successo Corrado II (1024-1039).

  • 157 Marazzi 2016, p. 33-34.
  • 158 CMC, II, 56, p. 274-275. Sul ruolo dei Marsicani, ancora da approfondire, in questo difficile fran (...)
  • 159 Amatus Casinensis, Historia, I, XXXIV, p. 45.
  • 160 Ibid., I, XXXIX, p. 51-52.
  • 161 Marazzi 2016, p. 35.
  • 162 Amatus Casinensis, Historia, I, XXXXI, p. 52, ma cf. nota 4, p. 53, per la datazione ; Annales Cas (...)
  • 163 CMC, II, 56, p. 275 ; Amatus Casinensis, Historia, I, XLII, p. 52 : Rainulfo avrebbe sposato la so (...)

44Pandolfo doveva aver ritenuto che sussistevano le condizioni, considerata anche l’attuale distanza dell’Impero dalle vicende meridionali, per riprendere Capua e i suoi progetti di espansione politica, evidentemente condivisi con altri soggetti storici157, e, dopo un apparente e fugace riavvicinamento a Montecassino, assediò Capua e la riconquistò (maggio 1026), grazie all’appoggio di Guaimario e dei Normanni suoi alleati, di un contingente bizantino e dei conti dei Marsi158, ma forse anche, se si segue Amato di Montecassino, dei Capuani che gli erano ancora fedeli159. A Capua, Pandolfo avrebbe imposto come arcivescovo il figlio Ildeprando, imprigionando il legittimo Ordinario, Atenolfo160. La congiuntura politica e militare, favorita anche dal vuoto di potere bizantino dopo l’allontanamento di Basilio Boioannes nel 1028161, lo portò inoltre alla conquista di Napoli – tra la fine del 1027 e gli inizi del 1028162 – che fu ripresa solo dopo tre anni dal legittimo duca Sergio, sostenuto dai Normanni di Rainulfo Drengot163.

  • 164 RPD, n. 276, p. 846-847.
  • 165 Soprattutto CMC, II, 56, p. 276, ma cf. Bloch 1986, I, p. 31, 35.
  • 166 Il protospatario Pothus Argyrus, nel marzo del 1032, offrì a Basilio un privilegio : RPD, I, n. 14 (...)
  • 167 CMC, II, 57, p. 277-279.

45Il passaggio successivo di Pandolfo fu il controllo, politico ed economico, di Montecassino. Teobaldo si lasciò convincere dal principe a trasferirsi a Capua per motivi di sicurezza, dove fu trattenuto a lungo ma dove comunque Pandolfo gli rilasciò un praeceptum concessionis (12 aprile 1032)164. Il monastero di S. Benedetto di Capua, intanto, era governato dal calabrese Basilio, saeculari ingenio vehemens, molto vicino allo stesso Pandolfo, un personaggio di cui le fonti cassinesi ci hanno tramandato un ritratto del tutto negativo165 ma che registrò ben presto i favori del nuovo catapano bizantino166. Il ruolo militare svolto dai Normanni nell’ascesa del principe di Capua era ben chiaro, tanto che ad essi Pandolfo concesse ville e castelli, specificati nella terza redazione delle Chronica, mentre a Montecassino egli impose come suo rappresentante il fidato Todino, un servo dell’abbazia, che avrebbe dovuto risiedere a San Germano, consegnandogli anche la Rocca d’Evandro. Il racconto delle Chronica a riguardo di Todino è spietato, con non pochi particolari aneddotici tesi a rimarcare le umiliazioni imposte alla comunità di S. Benedetto da un personaggio di cui viene sancito il bassissimo profilo spirituale167.

  • 168 Ibid., II, 58, p. 279-280. L’anno di morte di Teobaldo è stato molto discusso, cf. Bloch 1986, I, (...)
  • 169 CMC, II, 59, p. 280-281.
  • 170 Bloch 1986, I, p. 315. Sulla figura di Basilio e sul suo governo cassinese cf. von Falkenhausen 19 (...)
  • 171 CMC, II, 61-62, p. 285-286.
  • 172 Ibid., II, 62, p. 286.
  • 173 Ibid., p. 287. Sulla figura di Gaitelgrima cf. Stasser 2003, p. 30-31.
  • 174 Sul Principato di Guaimario si veda Taviani-Carozzi 1991, I, p. 299, 308, 321, 353, 362, 370-373, (...)

46Mentre spariva dalla scena politica Teobaldo, liberato dall’esilio capuano dal duca di Napoli Sergio IV e trasferito nella sua antica sede di S. Liberatore, dove morì con molta probabilità il 3 giugno del 1035168, Pandolfo si appropriava degli stessi tesori di Montecassino e della prepositura di Capua, custodendoli in una rocca sul monte S. Agata (il monte Tifata), nei pressi di Capua, che egli stesso aveva fatto costruire poco prima169. Ma, soprattutto, egli avrebbe preso completamente il controllo di Montecassino attraverso il citato Basilio, eletto da alcuni monaci della comunità che il principe aveva convocato a Capua al fine di assicurarsi, almeno formalmente, il consenso dei Cassinesi. Basilio, nominato probabilmente nel maggio 1036170, si impegnò a trattenere ogni anno per sé solo una parte delle rendite del monastero (20 soldi)171, sicché, scrive il Marsicano, egli « non enim quasi tanti monasterii abbas, verum quasi quidam procurator causarum principis existebat »172. Nei suoi due anni di governo non mancarono comunque le offerte a Montecassino e le concessioni di contratti livellari. Intanto, però, si creavano i presupposti per la modifica del nuovo corso politico instaurato da Pandolfo e difatti a Salerno, dopo pochi mesi di reggenza con la madre Gaitelgrima173, succedeva a Guaimario III il figlio Guaimario IV († 1052), destinato a svolgere un ruolo di primo piano nelle vicende politiche degli anni successivi174.

  • 175 Stasser 2003, p. 9-20.
  • 176 Amatus Casinensis, Historia, I, 40, p. 52.
  • 177 Su tali circostanze cf. Marazzi 2016, p. 38-39.
  • 178 Amatus Casinensis, Historia, II, 3, p. 59-60.
  • 179 Galfredus Malaterra, De rebus (a), I, VI, p. 10, e Galfredus Malaterra, De rebus (b), I, VI [b].

47Assicuratosi il potere su Montecassino e su Capua, impadronitosi di Gaeta nel 1032 e avendo già un controllo indiretto su Amalfi attraverso la sorella Maria, moglie del duca Sergio III175, Pandolfo mise sotto assedio, ma infruttuosamente, anche Benevento nell’agosto del 1036176 e promosse l’attacco all’abbazia di S. Vincenzo al Volturno nel 1037, che però fu difesa da Guaimario IV, di cui l’abate Ilario si era assicurato l’aiuto177. La concentrazione di potere nelle mani del Capuano apparentemente evocava ciò che aveva realizzato, nel secolo precedente, Pandolfo Capodiferro, arrivato, come si è visto, a controllare tutta la Longobardia meridionale, e nella loro ascesa entrambi avevano utilizzato con spregiudicatezza le loro reti parentelari e clientelari. Il contesto, tuttavia, era profondamente diverso : il Capodiferro, intanto, aveva potuto contare sull’appoggio – certo non disinteressato – dell’Impero d’Occidente, mentre Pandolfo IV aveva fatto agio sull’alleanza bizantina ; né, ai tempi del primo Pandolfo, poteva ancora giocare un ruolo determinante negli equilibri italo-meridionali l’inquieta e ambiziosa forza normanna, utilizzata con disinvoltura da tutte le forze che operavano nel Mezzogiorno. Ugualmente, però, si trattò di un potere effimero, destinato a sfaldarsi molto presto, precario come precari erano gli equilibri sui quali era fondato. Sugli eventi successivi avrebbero giocato un ruolo significativo sia Montecassino, sia, soprattutto Guaimario IV, il nipote di Pandolfo, con il quale i rapporti si guastarono ben presto, per ragioni che Amato di Montecassino riconduce all’animo depravato del principe di Capua178 ma che, in tutti i casi, avevano già provocato la rottura tra i due quando arrivarono in Italia i figli maggiori di Tancredi d’Altavilla, che si misero prima al servizio del Capuano e poi del Salernitano179.

  • 180 Tabacco 1992, p. 43.
  • 181 Desiderius Casinensis, Dialogi, I, 9, p. 69.
  • 182 CMC, II, 63, p. 288. Sulle due discese di Corrado II nel 1037 e nel 1038 in Italia e sui tre mesi (...)
  • 183 Desiderius Casinensis, Dialogi, I, 9, p. 69.
  • 184 Ibid. e CMC, II, 63, p. 290-291.
  • 185 CMC, II, 63, p. 291-292. Sulla figura di Richerio e il suo abbaziato, oltre alle fonti e alla bibl (...)
  • 186 Amatus Casinensis, Historia, II, 5, p. 62.
  • 187 Hoffmann 1967, p. 313, 316. Il mese e l’anno sono confermati in : Annales Casinenses, p. 306, Anna (...)

48Anche Montecassino sarebbe sfuggito ben presto al controllo di Pandolfo, infatti la comunità, o la parte di essa non fedele a Basilio, si decise a rivolgersi all’imperatore Corrado : « di fronte alle pesanti interferenze dei principi longobardi », la protezione imperiale era invocata dai Cassinesi « come istanza suprema di giustizia nel vuoto che il declinante impero di Bisanzio stata ormai progressivamente e definitivamente lasciando »180. Corrado era sceso in Italia con il suo esercito (1036-1037) per affrontare alcuni questioni italiane, in primis i problematici rapporti con l’arcivescovo milanese Ariberto, benché le fonti cassinesi giustifichino la sua discesa con la volontà di « togliere l’Italia dalle mani dei tiranni », come scrive Desiderio nei Dialogi181, fermandosi prima a Milano e poi a Roma, secondo l’Ostiense. In realtà alcuni monaci si erano già recati Oltralpe per la proclamazione dell’imperatore, che dunque poteva già essere informato della situazione di Montecassino, ma fu a Roma che, continua Leone, egli poté ascoltare innumerevoli lamentele contro i soprusi di Pandolfo, sia da parte di laici che di ecclesiastici182. Risultate vane le ambascerie inviate al Capuano, con le quali Corrado avrebbe forse voluto evitare la discesa nell’Italia centro-meridionale183, egli mosse verso Montecassino, nella primavera del 1038, provocando la fuga di Todino, forse sulla Rocca d’Evandro ; al suo arrivo sul monte, dopo una tappa a San Germano, si impegnò a liberare il monastero dalla tirannia di Pandolfo184. Con la compagnia di dodici monaci, Corrado e il suo esercito si avviarono verso Capua – mentre Pandolfo e Basilio si rifugiavano sulla Rocca di S. Agata – dove l’imperatore entrò nel giorno della vigilia di Pentecoste (13/14 maggio). I monaci che lo avevano raggiunto chiesero allora all’imperatore di provvedere ad un nuovo abate e alla risposta di Corrado di eleggere uno di loro, risposero che non c’era nessuno idoneum e congruum in tantis perturbationis, rimanendo sulla loro posizione anche quando l’imperatore richiamò il dettato della Regola benedettina secondo cui l’abate doveva essere eletto dalla comunità monastica. Alla fine Corrado accontentò le loro richieste di avere come abate Richerio185, « de Bergarie, de noble gent et vaillant person »186, che evidentemente lo aveva accompagnato nella spedizione meridionale. L’elezione di Richerio dovette avvenire il 14 maggio e la sua consacrazione – o la sua presa di possesso dell’abbazia – il primo o il 3 giugno successivi187.

  • 188 CMC, II, 63, p. 291-293.
  • 189 Wühr 1948, p. 390.
  • 190 Annales Altahenses maiores, p. 51.
  • 191 Cf. soprattutto Jung 1989.
  • 192 Sulla storia del monastero si veda Baronio (a cura di) 2002.
  • 193 Dormeier 2003, p. 514.
  • 194 Corrado II, il 28 febbraio del 1036, gli aveva confermato diritti e proprietà, DD K I, n. 227, p.  (...)
  • 195 Dell’Omo 1999, p. 35.
  • 196 DD K I, n. 270, p. 373-376 ; RPD, n. 133, p. 421-425. Cf. CMC, II, 65, p. 295.
  • 197 RPD, I, n. 20, p. 113-116.
  • 198 Capitani 2000.
  • 199 Houben 1987, p. 75-76.
  • 200 Fedele 1905, p. 14, 16.

49Nonostante la retorica dell’Ostiense sulle reticenze dell’imperatore, i pensieri che gli attribuisce rendono bene i legami di Richerio con Corrado II, al quale era molto caro et in omnibus suis negotiis utilissimus188. Di probabile origine bavarese189, egli proveniva dal monastero di S. Maurizio di Niederaltaich, nella Baviera meridionale190, che aveva partecipato ad un’ampia riforma monastica nel regno di Germania tra X e XI secolo191, ed era diventato poi abate del monastero bresciano di S. Benedetto di Leno192, probabilmente dalla fine del 1035 e gli inizi del 1036, incarico che mantenne anche negli anni successivi193 ; un cenobio, peraltro, che già aveva goduto del favore di Corrado194. L’imperatore, dunque, che ormai controllava mediante un sicuro membro del suo entourage due monasteri strategici per la sua politica italiana195, riprendeva sotto la sua tutela Montecassino, come già aveva fatto Enrico II, e il 5 giugno del 1038 avrebbe rilasciato all’abbazia, da Benevento, un ampio diploma di conferma di beni con le relative immunità196, seguito di lì a poco da un privilegio generale di papa Benedetto IX, tramandatoci dal solo Pietro Diacono e verosimilmente interpolato197. Lo stesso pontefice, peraltro, fu significativamente implicato nel magmatico gioco di alleanze di quei decenni : egli fu in buoni rapporti con l’Impero, destinati a modificarsi con Enrico III198, e con Guaimario IV di Salerno, che proprio in quegli anni non solo rafforzava le relazioni con Corrado II199 ma, grazie forse allo stesso Benedetto, stringeva un’alleanza matrimoniale con i conti di Tuscolo, famiglia di provenienza del pontefice e sostenitrice tradizionale del partito imperiale200. Ed è questo contesto a spiegare, probabilmente, la sollecitudine del pontefice nel rilasciare un privilegio a Montecassino e al suo abate « imperiale » Richerio, a pochissimi giorni dalla sua elezione.

  • 201 CMC, II, 63, p. 292, Secondo la III redazione delle CMC, Corrado, su sollecitazione dello stesso G (...)
  • 202 Cf. Böhmer 1951, p. 136-137.

50Pandolfo, intanto, si era affrettato a chiedere perdono a Corrado, in cambio dell’impegno a versare trecento libbre d’oro, la prima parte delle quali fu inviata subito all’imperatore insieme ad alcuni ostaggi. Ottenuta la grazia, tuttavia, egli non tenne fede agli accordi presi, fidando nell’allontanamento di Corrado, che, allora, concesse il Principato di Capua a Guaimario IV201. Dopo una sosta a Benevento (nel mese di giugno202), l’imperatore tornò in Germania, dove morì l’anno dopo, lasciando l’Impero al figlio Enrico III.

  • 203 Amatus Casinensis, Historia, II, 12, p. 70 ; CMC, II, 63, p. 293.
  • 204 Amatus Casinensis, Historia, II, 7, p. 65-66.
  • 205 Su Maniace, oltre a Luzzati Laganà 2007, p. 28-30, si vedano von Falkenhausen 1978, p. 95-96, e Ch (...)
  • 206 Amatus Casinensis, Historia, II, 8, p. 66-67 ; Galfredus Malaterra, De rebus (a), I, VII, p. 10-11 (...)

51Ancora una volta, però, come era già accaduto in passato, il controllo imperiale sul Mezzogiorno avrebbe rivelato il suo carattere effimero. Allontanatosi Corrado, Pandolfo lasciò il figlio (Pandolfo V) ad espugnare Capua e tentò di chiedere aiuto ai suoi tradizionali alleati bizantini dirigendosi con Basilio, nel 1039, presso il basileus Michele IV (1034-1041), che tuttavia gli negò ogni appoggio, mandandolo addirittura in esilio, dove restò fino alla morte dell’imperatore nel 1041. Non casualmente, la decisione di Michele era avvenuta dopo essere stato informato del loro arrivo – raccontano Amato e Leone Marsicano – da alcuni emissari di Guaimario203 : gli equilibri in Italia meridionale erano ormai mutati a favore del principe di Salerno, forte dell’appoggio di Corrado e del sostegno militare dei Normanni, grazie anche ai quali aveva preso sotto il suo controllo persino Sorrento e Amalfi204, sicché i Bizantini non erano più disponibili ad appoggiare il loro ormai debole alleato e forse a iniziare ulteriori conflitti con l’Impero di Occidente. D’altra parte, attraverso lo stratego Maniace205, essi avevano ottenuto l’aiuto di un contingente normanno dallo stesso Guaimario prima o appena dopo gli inizi della campagna bizantina in Sicilia del 1038206.

  • 207 Si veda la solenne conferma a Montecassino del 12 giugno 1040, pervenuta in originale : CMC, II, 6 (...)
  • 208 CMC, II, 67, p. 301-302.
  • 209 Ibid., II, 68, p. 304-306. Cf. Fabiani 1968, p. 76.

52L’asse politica cassinese, dunque, si era decisamente spostata verso lo stesso Guaimario, che a sua volta indirizzò a Montecassino alcune concessioni207. Dopo aver recuperato la rocca d’Evandro, dove erano ancora asserragliati i sostenitori di Pandolfo, grazie non tanto all’aiuto del Salernitano ma alla spontanea restituzione da parte di alcuni assediati208, Richerio dovette affrontare di nuovo le conseguenze dei dinamici schieramenti meridionali, nei quali erano coinvolti, da una parte, i conti di Aquino Landone (II) e Atenolfo (V) e il conte di Sesto Pandolfo, tradizionali sostenitori di Pandolfo IV, dall’altra Guaimario IV e il conte di Teano Laidolfo. Nel conflitto tra Aquinati e Teanesi, nei quali giocarono un ruolo importante gruppi di Normanni schierati dall’una e dall’altra parte, fu inevitabilmente coinvolto l’abate di Montecassino, il quale finì per scontrarsi – nel tentativo di sedare una rivolta nel castello di Cervaro (maggio 1039 ?) – con Landone (II), che lo catturò a Ponte ligneus e lo condusse ad Aquino, nel mentre si consegnava agli Aquinati anche l’oppidum di S. Angelo (in Theodice). L’abate fu liberato solo quando Guaimario scambiò la sua scarcerazione con quella di Atenolfo, precedentemente catturato da Laidolfo209.

  • 210 CMC, II, 69, p. 306-308.

53L’allontanamento di Corrado II, dunque, aveva riaperto la conflittualità tra i piccoli potentati meridionali e Guaimario non doveva essere in grado di tenere a bada i sostenitori di Pandolfo se convinse Richerio, che lo aveva raggiunto a Salerno, a recarsi in Germania e chiedere aiuto all’imperatore, probabilmente anche in funzione antinormanna. L’abate partì via mare ma le conseguenze di un naufragio lo portarono in Lombardia, dalla quale tornò con cinquecento soldati ; ma Guaimario lo indusse a recarsi comunque in Germania, perché la situazione politica non era affatto risolta. Di lì a poco, infatti, dopo un momentaneo riavvicinamento tra Montecassino e i fratelli Landone e Atenolfo, questi sostennero il ritorno di Basilio che ben presto, però, fu costretto alla fuga da una schiera di Normanni assoldata dal principe di Salerno contro il conte di Aquino : fu lo stesso Guaimario a mettere fine alle sue ambizioni su Montecassino, ponendolo alla guida del monastero salernitano di S. Benedetto210, probabilmente per meglio controllarlo.

  • 211 Ibid., II, 70, p. 308.
  • 212 Décarreaux 1974, p. 46 ; Fabiani 1968, p. 75.
  • 213 Bloch 1986, I, p. 176, 194.
  • 214 Amatus Casinensis, Historia, II, 42, p. 108-109 ; CMC, II, 71, p. 310-311 ; Annales Casinenses, p. (...)

54Dopo due anni di soggiorno in Germania, Richerio ritornò (1043 ca) con un esercito più grande che avrebbe dovuto consentirgli di ristabilire il controllo sulla Terra S. Benedicti, in molta parte della quale ormai imperversavano i Normanni. Grazie a un ennesimo accordo tra Guaimario e i Normanni, questi aiutarono Richerio a sedare con la forza una rivolta della terra di S. Angelo e a ristabilire la sovranità cassinese su quei luoghi211. Ma il momento più difficile per il bellicoso abate – probabilmente poco incline alla contemplazione ma di certo adatto a questa congiuntura politica212 – si presentò quando alcuni Normanni si stanziarono nella Rocca di S. Andrea (in provincia di Frosinone), da loro stessi eretta, ponendo lì il nucleo di una più ampia e minacciosa presenza per Montecassino213. Nella primavera del 1045, inoltre, il normanno Rodolfus (forse Rainulfo conte di Aversa) con un gruppo di armati si recò da Richerio, depose le armi ed entrò nella chiesa – probabilmente quella del S. Salvatore – per pregare : gli uomini del monastero, però, li assalirono e cominciarono poi a dare la caccia a tutti i Normanni presenti nella Terra S. Benedicti, riuscendo alla fine a riprendere il controllo sui domini cassinesi. La circostanza ebbe una vasta eco nella fonti, non solo cassinesi214.

  • 215 Desiderius Casinensis, Dialogi, III, 22, p. 132-133 ; CMC, II, 71, p. 311.
  • 216 Toubert 1976, p. 696-700.
  • 217 Ibid., p. 696-697.
  • 218 Ibid., p. 696-697. Cf. Martin 2008, p. 179.

55Conquistato il castello di S. Vittore (oggi S. Vittore del Lazio, FR), l’abate riuscì ad espugnare la rocca di S. Andrea, grazie soprattutto, secondo le fonti cassinesi, all’intervento dello stesso S. Benedetto : un episodio che la memoria abbaziale avrebbe elevato a simbolo della protezione di Montecassino da parte del suo fondatore215. Si confermava con Richerio, dunque, la particolare premura dei suoi immediati predecessori per il possesso e la difesa dei castra, che secondo il Toubert, come si ricordava prima, costituivano già dal secolo precedente il punto di forza dell’organizzazione del territorio monastico (di Montecassino ma non solo), senza per questo ovviamente sottovalutare le differenze delle funzioni (di popolamento o solo strategica) delle fondazioni castrensi cassinesi, richiamate dallo stesso Toubert216. Nel periodo dell’abbaziato di Richerio, anzi, l’arrivo dei Normanni aveva promosso una nuova fase di incastellamento, condivisa anche da altri signori locali, oltre che dagli stessi Normanni217. L’attenzione di Montecassino per i castra, in tutti i casi, avrebbe rappresentato un elemento di continuità con i decenni successivi della storia del monastero e, nel contempo, un loro presupposto : nel 1057 i castra arrivarono ad essere diciannove, mentre una quarantina di essi è attestata agli inizi del XII secolo218.

  • 219 CMC, II, 74-76, p. 315-320 ; Bloch 1986, I, p. 192 ; RPD, III, n. 369, p. 1061-1062. Cf. Fabiani 1 (...)

56Inaspettatamente, però, come una novella fenice, Pandolfo ritornò sulla scena politica, dopo essere fuggito da Costantinopoli e forte anche dell’appoggio di alcuni contingenti normanni, ai quali aveva promesso in cambio possedimenti di Montecassino. In questo frangente, però, Richerio trovò un alleato inaspettato in Atenolfo conte di Aquino e duca di Gaeta, succeduto a Landone e prigioniero di Guaimario, che si offrì di difendere i diritti cassinesi, sicché la questione si risolse con il ritiro di Pandolfo, nonostante poco dopo l’abate dovesse poi fronteggiare, ma con successo, le pretese del conte di Teano Laidolfo sulla Rocca di Evandro, che Richerio aveva affidata al nipote Ardemanno219.

  • 220 Ai primi due sinodi sarebbe stato presente Richerio, v. Dormeier 2003, p. 315.
  • 221 CMC, II, 77, p. 320-322.
  • 222 Ibid., II, 78, p. 322-323 ; KK H III, n. 184, p. 228-230 ; RPD, I, n. 134, p. 426-430.
  • 223 CMC, II, 78, p. 323.

57Sugli instabili equilibri meridionali sarebbe intervenuto ancora una volta l’Impero di Germania. Nel 1046-1047 Enrico III (1017-1056) scese in Italia per intervenire nella complessa crisi che attraversava il Papato in quegli anni, promuovendo i sinodi di Pavia, Sutri e di Roma220 e appoggiando l’elezione di Clemente II (il vescovo Suidgero di Bamberga), lo stesso che lo incoronò imperatore il 25 dicembre 1046221. Enrico si recò poi a Montecassino, a Capua – dove emanò un privilegio in favore dell’abbazia il 3 febbraio 1047222 – e a Benevento. La discesa dell’imperatore avrebbe di nuovo modificato gli equilibri politici, difatti Guaimario rinunciò al Principato di Capua (1047) che fu restituito, in cambio di molto oro ma forse anche allo scopo di ridimensionare il potere del Salernitano, a Pandolfo IV e al figlio Pandolfo V (1049-1056), mentre un compromesso con i Normanni avrebbe portato Rainulfo II e Drogone di Altavilla a ottenere il riconoscimento imperiale delle terre che occupavano, anch’esso in cambio di denaro e cavalli223.

  • 224 Marazzi 2016, p. 44-45.
  • 225 È impossibile rendere conto in questa sede della storiografia, anche più recente, relativa a Leone (...)
  • 226 CMC, II, 79, p, 324. Nello stesso 1050 Leone si sarebbe fermato anche a Salerno e Melfi secondo Am (...)
  • 227 CMC, 78, p. 324-325, ma per le integrazioni di Pietro Diacono a questo passo cf. Bloch 1986, II, p (...)
  • 228 RPD, I, nn. 21, p. 117-120 (1052-1054), 22, p. 121-123 (20-5-[1052]), 24, p. 125-126 [aprile-maggi (...)
  • 229 Durante il pontificato di Leone IX, secondo Andrea (che scriveva tra il 1041 e il 1043), uno dei r (...)
  • 230 Desiderius Casinensis, Dialogi, III, p. 151-159.

58A questo punto, però, la lunga parabola umana e politica di Pandolfo giungeva a conclusione, infatti egli moriva a Capua il 19 febbraio 1049, dopo un trentennio nel quale era stato, nel bene e nel male, un attore protagonista delle vicende politiche contemporanee e aveva svolto un ruolo che, al di là dei pessimi giudizi delle fonti coeve, la recente storiografia sta restituendo a più giuste dimensioni e prospettive224. Poco prima, il 12 febbraio 1049, era diventato papa l’alsaziano Brunone, già vescovo di Toul, con il nome di Leone IX225, che, tra il 1049 e il 1050, intraprese uno o due viaggi in Italia meridionale. A Capua egli consacrò arcivescovo il fratello di Pandolfo Ildebrando, mentre, di ritorno dal santuario di S. Michele sul Gargano226, si fermò a Montecassino, dove, dopo aver dedicato la chiesa di S. Maurizio costruita da Richerio presso Limata, alla confluenza tra i fiumi Liri e Melfa227, avrebbe emanato un privilegio generale di conferma dei beni dell’abbazia e fatto altre concessioni228. Leone avrebbe più volte visitato Montecassino229, evidentemente un luogo strategico per il suo progetto di consolidamento dell’autorità romana nel Mezzogiorno e la sua azione riformatrice. Il legame tra il papa e l’abbazia fu più tardi richiamato da Desiderio che, ricordandone le doti morali e intellettuali e l’impegno moralizzatore, contribuì a promuoverne la santità raccontando alcuni suoi miracoli230.

59Il delicato equilibrio politico del Mezzogiorno italiano di questi anni, però, era destinato a nuove e strutturali modifiche, conseguenti soprattutto alla destabilizzante presenza dei Normanni, che, come è noto, sconfissero Leone IX e la sua coalizione a Civitate, il 16 giugno del 1053, con la successiva prigionia del pontefice a Benevento che, poco dopo la sua liberazione, morì a Roma il 19 aprile 1054, dove, dopo una sosta a Capua, era giunto in compagnia di Richerio.

  • 231 CMC, II, 85, p. 333-334. Prima del luglio 1054, Costantino Monomaco avrebbe concesso a Montecassin (...)
  • 232 Loud 1994, p. 44.

60Nel contempo, però, sembrarono distendersi di nuovo i rapporti tra Montecassino e Costantinopoli, dove Leone IX, poco prima della morte, aveva inviato una delegazione allo scopo di conciliare i contrasti con il patriarcato bizantino e chiedere aiuto all’imperatore contro i Normanni. Nel corso del viaggio i legati si sarebbero fermati a Montecassino sia all’andata che al ritorno e, nell’estate del 1054, avrebbero portato dei doni da parte del basileus Costantino231, il cui rinnovato rapporto con l’abbazia va letto verosimilmente in funzione antinormanna232.

  • 233 Bloch 1986, I, p. 185, 387, 412, 425-426, 457 ; II, p. 646, 714, 720-721, 799, 828, 843.
  • 234 Bloch 1986, I, p. 449, II, p. 753 ; RPD, n. 336, p. 981-986 ; CMC, II, 83, p. 331-332.
  • 235 CMC, II, 86, p. 337.
  • 236 Ibid., II, 88, p. 339 ; Bloch 1986, I, p. 361, 392, II, p. 859. Cf. RPD, III, p. 1066 ss.

61Il lungo abbaziato di Richerio, trascorso a districarsi tra le diverse forze che si muovevano nel Mezzogiorno, ebbe tra le sue conseguenze un considerevole ampliamento dei possessi cassinesi, grazie alla consueta dinamica – già evidenziata per i suoi predecessori – delle donazioni e delle concessioni, evidentemente favorite, nei momenti più positivi, dalle alleanze politiche. Esse riguardarono in particolare i territori laziale, abruzzese e molisano233, ma anche l’attuale Campania, di cui si segnala almeno l’ampia donazione, da parte dei nobili capuani Landenolfo e Adenolfo e del nipote Pietro, di chiese e dipendenze a Capua e in finibus Liburie nell’agosto del 1052234. Almeno da segnalare, infine, l’impegno da parte del conte di Chieti Trasmundo (III) e del conte Bernardo (di Penne ?) di non invadere le terre del monastero in comitatu Teatino et Pennensi e di difendere i beni appartenenti a Montecassino235 ; nonché l’ampia donazione di denaro, castelli e terre, con relativi diritti anche portuali e di pesca, nei territori teatino e pennense da parte del conte Trasmundo poco prima di morire, nei mesi di ottobre-novembre del 1055236.

  • 237 Annales Altahenses maiores, p. 51.
  • 238 Cf. Constable 2002, p. 157.
  • 239 CMC, II, 88, p. 339-340. La sua morte è annotata anche in altre fonti : Amatus Casinensis, Histori (...)

62Nello stesso 1055 Richerio rinunciò al governo dell’abbazia di Leno, del quale, peraltro, sappiamo ben poco, e suggerì all’imperatore, che accolse la sua petizione, di designare al suo posto un altro monaco di Niederaltaich, Guenzelao237, sicché il monastero bresciano, per un lungo tratto dell’XI secolo, fu governato da abati legati alla sede imperiale e all’abbazia bavarese238. Nell’autunno dello stesso anno, egli si mosse con alcuni monaci per affrontare talune questioni relative allo stesso Trasmundo di Chieti con il papa che passava per Ancona ma, dopo una tappa nel monastero di S. Liberatore alla Maiella, si ammalò e morì ad Aternum (Pescara) l’11 dicembre 1055239. Il corpo fu trasferito a S. Liberatore, dove fu sepolto nel sepolcro dove era stato già inumato Teobaldo.

  • 240 Dell’Omo 1999, p. 35-36.
  • 241 CMC II, 86, p. 336-337.
  • 242 Ibid., II, 89, p. 340-341. Cf. D’Onofrio 2003 e Dell’Omo 1999, p. 191.

63L’impegnativo governo di Richerio era coinciso anche con la presenza a Montecassino sia di uomini di elevato livello spirituale, sia di monaci destinati ad alte carriere monastiche ed ecclesiastiche240, tra cui il futuro abate Federico di Lorena (1057-1058), già cancelliere di Leone IX e poi papa Stefano IX, che, forse a causa dei rapporti tesi del fratello Goffredo con Enrico III, si trasferì prima nel monastero di S. Maria di Tremiti e poi in quello chietino di S. Giovanni in Venere241. Tuttavia, troppo occupato nelle convulse vicende politiche dei suoi anni, Richerio non aveva dedicato attenzione, come il predecessore Teobaldo, allo scriptorium abbaziale, emulandolo, però, nell’impegno edilizio242 ; e, soprattutto, aveva seguito i suoi predecessori nel doversi districare con alterna fortuna tra i poteri del tempo, distinguendosi però per un legame con l’Impero d’Occidente mai così serrato, del quale danno conto anche i suoi periodi trascorsi Oltralpe.

Conclusioni

64La vicenda umana di Richerio si chiudeva in un momento in cui Montecassino era ancora in piena espansione patrimoniale, benché al solito non lineare e spesso contrastata, e sull’abbazia si riflettevano, come nel passato, le mutevoli dinamiche della politica contemporanea ; ma il monaco bavarese non assistette alla definitiva trasformazione degli equilibri politici italo-meridionali, che avrebbero consegnato definitivamente il Mezzogiorno ai Normanni e a una storia che egli stesso aveva contribuito a creare senza poterne intuire, però, fino in fondo gli esiti. Di lì a poco, trascorsi i brevi ma intensi abbaziati dell’anziano Pietro (dicembre 1055-maggio 1057) e di Federico di Lorena (1057-1058), sarebbe diventato abate il longobardo beneventano Desiderio. Fu questi a cogliere i frutti, portandoli alla massima maturazione, di un processo molto più antico di costruzione patrimoniale portato avanti dai suoi predecessori, pressoché senza soluzione di continuità e, in fondo, secondo una linea di coerenza, pur nella mutevolezza del quadro politico-istituzionale. Fu lui ad esaltare la tradizione culturale, artistica e architettonica, di Montecassino – la quale, soprattutto nell’ultimo secolo, aveva impegnato più di un abate, traducendo in forme spesso sofisticate il ruolo della comunità di Benedetto – che con il suo governo giunse ad esiti altissimi che non avrebbe mai più conosciuto nella sua storia. Fu ancora Desiderio a portare a perfezionamento la disinvolta capacità di districarsi tra poteri grandi e piccoli già sperimentata dagli abati precedenti, che avevano ottenuto più o meno successo – a seconda delle contingenze e delle appartenenze, oltre che delle loro qualità personali – ma difficilmente avevano rinunziato a difendere anche gli interessi dell’abbazia. Sicché, la fortunata, spregiudicata e per certi aspetti inaspettata azione di governo di Desiderio, pur considerando le sue doti politiche e organizzative, non si comprenderebbe a fondo se non la si collocasse alla fine di un lungo e travagliato periodo storico che di quello stesso governo, nel bene e nel male, aveva posto le basi.

Haut de page

Bibliographie

Amatus Casinensis, Historia = ed. V. de Bartholomaeis, Amato di Montecassino, Storia de’ Normanni volgarizzata in antico francese, Roma, 1935 (Fonti per la storia d’Italia, Scrittori, Secolo XI, 76).

Annales Altahenses maiores = edd. W. de Giesebrecht – Edmundi L.B. ab Oefele, Hannover, 1891 (M.G.H., Scriptores rerum Germanicarum in usum scholarum, 4), p. 1-86.

Annales Barenses = ed. G.H. Pertz, Hannover, 1844 (M.G.H., Scriptores, 5), p. 52-56.

Annales Casinenses = ed. G.H. Pertz, Hannover, 1866 (M.G.H., Scriptores, 19), pp. 305-320.

Annales Casinenses ex Annalibus = ed. G. Smidt), Annales Casinenses ex Annalibus Montis Casinis [etc.], Lipsia, 1934 (M.G.H., Scriptores, 30, 2), p. 1408-1429.

Annales Cavenses = ed. F. Delle Donne, Roma, 2011 (Fonti per la storia dell’Italia medievale, Rerum Italicarum Scriptores [terza serie], 9).

Avagliano (a cura di) 1987 = F. Avagliano (a cura di), Montecassino dalla prima alla seconda distruzione. Momenti e aspetti della storia cassinese (secc. VI-IX). Atti del II Convegno di studi sul Medioevo meridionale (Cassino-Montecassino, 27-31 maggio 1984), Montecassino, 1987 (Miscellanea cassinese, 55).

Avagliano – Pecere (a cura di) 1992 = F. Avagliano, O Pecere (a cura di), L’età dell’abate Desiderio, III, 1, Storia, arte e cultura. Atti del IV Convegno di studi sul Medioevo meridionale (Montecassino, 4-8 ottobre 1987), Montecassino, 1992 (Miscellanea cassinese, 67).

Baronio (a cura di) 2002 = A. Baronio (a cura di), L’abbazia di san Benedetto di Leno. Mille anni nel cuore della pianura Padana. Atti della giornata di studio (Leno, 26 maggio 2001), Brescia, 2002.

Bedina 2003 = A. Bedina, Guaimario, s.v., in Dizionario biografico degli Italiani (DBI), 60, Grosso – Guglielmo da Forlì, Roma, 2003, p. 107-111.

Beolchini 2004 = V. Beolchini, Landolfo, s.v., in DBI, 63, Labroca – Laterza, Roma, 2004, p. 480-482.

Beolchini 2007 = V. Beolchini, Mansone, s.v., in DBI, 69, Mangiabotti – Marconi, Roma, 2007, p. 154-155.

Berto 2004 = L. A. Berto, Landonolfo, s.v., in DBI, 63, Labroca-Laterza, Roma, 2004, p. 508-509.

Bielawski 2004 = M. Bielawski, San Nilo di Rossano e Sant’Adalberto di Praga. Storia e simbolo di un incontro, in Il monachesimo d’Oriente e d’Occidente nel passaggio dal primo al secondo millennio. Atti del Convegno internazionale (Grottaferrata, 23-25 settembre 2004), Grottaferrata, 2009, p. 1-8.

Βίος Νείλου = G. Giovanelli (a cura di), Βίος ϰαί πολίτεία τοΰ όσίου πατϱός ήμών Νείλου τοΰ Νέου, Grottaferrata, 1972. 

Bloch 1946 = Monte Cassino, Byzantium and the West in the Earlier Midle Ages, in Dumbarton Oaks Papers, 3, 1946, p. 163-224.

Bloch 1972 = H. Bloch, Monte Cassino’s Teachers and the Library in the High Middle Ages, in La scuola nell’Occidente latino dell’alto Medioevo. [Atti delle] XIX Settimane di studio del Centro italiano di studi sull’alto Medioevo, 15-21 aprile 1971, Spoleto, 1972, p. 563-605.

Bloch 1986 = H. Bloch, Monte Cassino in the Middle Ages, I-III, Roma, 1986.

Bloch 1998 = H. Bloch, The Atina dossier of Peter the Deacon of Monte Cassino. A Hagiographical romance of the twelfth century, Città del Vaticano, 1998 (Studi e Testi, 346).

Böhmer 1951 = J.F. Böhmer, Regesta Imperii, III, 1. Die Regesten des Kaiserreiches unter Konrad II, 1024-1039, Graz, 1951.

Böhmer 1969 = J.F. Böhmer, Regesta Imperii, II, Sachsisches Haus, 919-1024, 5, Papstregesten, 911-1024, bearbeitet von H. Zimmermann, Vienna-Colonia-Graz, 1969.

Brühl 1968 = C. Brühl, Fodrum, Gistum, Servitium regiS. Studien zu den wirtschaftlichen Grundlagen des Königtums im Frankenreich und in den fränkischen Nachfolgestaaten Deutschland, Frankreich und Italien vom 6. bis zur Mitte des 14. Jahrhunderts, Colonia-Graz, 1968.

CantarellaCalzona (a cura di) 2012 = G. M. Cantarella e A. Calzona (a cura di), La reliquia del sangue di Cristo. Mantova, l’Italia e l’Europa al tempo di Leone IX, Mantova, 2012.

Cantarella 2014 = G. M. Cantarella, I Normanni e la Chiesa di Roma. Aspetti e momenti, in Chiese locali e Chiese regionali nell’Alto Medioevo. Atti della Settimana di studio della Fondazione Centro italiano di studi sull’alto Medioevo (Spoleto, 4-9 aprile 2013), 61, Spoleto, 2014, p. 377-406.

Capitani 2000 = O. Capitani, Benedetto IX, s.v., in Enciclopedia dei Papi, II, Roma, 2000, p. 138-147.

Casavecchia – Maniaci – Orofino 2016 = R. Casavecchia – M. Maniaci – G. Orofino, Considerazioni intorno al Casin. 85 e al Casin. 115, in Dell’Omo et al. (a cura di) 2016, I, p. 43-96.

Chalandon 1907 = F. Chalandon, Histoire de la domination normande in Italie et in Sicile, I, Parigi, 1907.

Cheynet 1996 = J.-Cl. Cheynet, Pouvoir et contestation à Byzance (963-1210), Parigi, 1996 (Byzantina Sorbonensia, 9).

Chronicon Salernitanum = ed. U. Westerbergh, Chronicon Salernitanum. A critical edition with studies on literary and historical sources and on language, Stoccolma, 1956.

Chronicon Vulturnense = ed. V. Federici, Chronicon Vulturnense del monaco Giovanni, voll. I-III, Roma, 1925-1940 (Fonti per la storia d’Italia pubblicate dall’Istituto storico italiano, 58-60)

Cilento 1957 = N. Cilento, La cronaca dei Conti e dei Principi longobardi di Capua nei codici Cassinese 175 e Cavense 4, in Bullettino dell’Istituto storico italiano, 69, 1957, p. 1-65.

Cilento 1971 = NCilento, Italia meridionale longobarda, Milano-Napoli, 19712.

Cilento 1987 = N. Cilento, Capua e Montecassino nel IX secolo, in Avagliano (a cura di) 1987, p. 347-362. 

CMC = Chronica Monasterii Casinensis, ed. H. Hoffmann, Die Chronik von Montecassino, Hannover, 1980 (M.G.H., Scriptores, 34).

Codex Diplomaticus Cajetanus = Codex Diplomaticus Cajetanus, I, 785-1053, Montecassino, 1887.

Constable 2002 = G. Constable, Monaci, vescovi e laici nelle campagne lombarde del XII secolo, in Baronio (a cura di) 2002, p. 155-214.

Corsi 2002 = P. Corsi, Ai confini dell’Impero. Bisanzio e la Puglia dal VI all’XI secolo, Bari, 2002.

Cowdrey 1991 = H.E.J. Cowdrey, L’abate Desiderio e lo splendore di Montecassino. Riforma della Chiesa e politica nell’XI secolo, prefazione di F. Avagliano, Milano, 1991.

Cuozzo – Martin 1991 = E. Cuozzo – J.-M. Martin, Documents inédits ou peu connus des archives du Mont- Cassin (VIIIe-Xe siécle), in MEFRM, 103-1, 1991, p. 115-210.

DD H II = ed. H. Bresslau et al., Henrici II. et Arduini Diplomata, Hannover, 1900-1903 (M.G.H., Diplomata regum et imperatorum Germaniae, 3).

DD K I = ed. H. Bresslau, Conradi II. Diplomata, Hannover-Lipsia, 1909 (M.G.H., Diplomatum regum et imperatorum Germaniae, 4). 

DD O I = Conradi I. Enrici. et Ottonis I Diplomata, Hannoverae, 1879-1884 (M.G.H., Diplomatum regum et imperatorum Germaniae, 1). 

Décarreaux 1974 = J. Décarreaux, Normands, papes et moines en Italie méridionale et en Sicile (milieu du XIe siècle-début du XIIe siècle), Parigi, 1974.

Dell’Omo (a cura di) 1998 = M. Dell’Omo, I fiori e’ frutti santi. S. Benedetto, la Regola, la santità nelle testimonianze dei manoscritti cassinesi, Milano, 1998.

Dell’Omo 1999 = M. Dell’Omo, Montecassino. Un’abbazia nella storia, Montecassino, 1999.

Dell’Omo (a cura di) 2003 = M. Dell’Omo (a cura di), Le carte di S. Liberatore alla Maiella conservate nell’Archivio di Montecassino, I, Introduzione storica paleografica e archivistica, Montecassino, 2003 (Miscellanea Cassinese, 84). 

Dell’Omo 2008 = M. Dell’Omo, Montecassino medievale. Genesi di un simbolo, storia di una realtà, Montecassino, 2008.

Dell’Omo 2010 = M. Dell’Omo, Aureum patris Desiderii saeculum. Cultura e letteratura a Montecassino nel secolo XI in I. Biffi, C. Marabelli (a cura di), Il mondo delle scuole monastiche. XII secolo, Roma, 2010, p. 29-70.

Dell’Omo 2015 = M. Dell’Omo, Pietro Diacono, s.v., in DBI, 83, Piacentini – Pio V, Roma, 2015, p. 470-473.

Dell’Omo 2016 = M. Dell’Omo, Montecassino e Capua tra Longobardi e Normanni, in Bullettino dell’Istituto storico italiano per il medio evo, 118, 2016, p. 125-140. 

Dell’Omo 2017 = M. Dell’Omo, Montecassino e Capua tra Longobardi e Normanni. Realtà, autorappresentazione e legittimazione del potere, in Marazzi (a cura di) 2017, p. 73-87.

Dell’Omo et al. (a cura di) 2016 = M. Dell’Omo et al. (a cura di), Sodalitas. Studi in memoria di don Faustino Avagliano, Montecassino, 2016 (Miscellanea Cassinese, 86).

Desiderius Casinensis, Dialogi = P. Garbini (a cura di), Desiderio di Montecassino, Dialoghi sui miracoli di san Benedetto, Cava dei Tirreni, 2000 (Schola Salernitana. Studi e testi, 3)

di Carpegna Falconieri 2007 = T. di Carpegna Falconieri, Considerazioni sul monachesimo romano tra i secoli IX e XII e sui suoi rapporti con la Sede apostolica, in N. D’Acunto (a cura di), Dinamiche istituzionali delle reti monastiche e canonicali nell’Italia dei secoli X-XII. Atti del XXVIII Convegno del Centro Studi Avellaniti (Fonte Avellana, 29-31 agosto 2006), Negarine, 2007, p. 357-380.

Di Muro 2010 = A. Di Muro, Le contee longobarde e le origini delle signorie territoriali nel Mezzogiorno, in Archivio storico per le province napoletane, 128, 2010, p. 1-69.

D’Onofrio 2003 = M. D’Onofrio, Il Chronicon di Leone Ostiense e la chiesa predesideriana di San Benedetto, in A.C. Quintavalle (a cura di), Medioevo. Immagine e racconto, Milano, 2003, p. 162-169.

Dormeier 2003 = H. Dormeier, Richer von Niederaltaich, in Neue deutsche Biographie, 21, Berlino, 2003, p. 514-515.

Dunin-Wasowicz 2001 = T. Dunin-Wasowicz, Hagiographie Polinaise entre XIe et XIe siècle, in Hagiographie. Histoire internationale de la littérature hagiographique latine et vernaculaire en Occident des origines à 1550, III, Turnhout, 2001, p. 179-202.

Enzensberger 2007 = H. Enzensberger, Bamberg und Apulien, in von C. und K. van Eickels (a cura di), Das Bistum Bamberg in der Welt des MittelalterS. Vortäge der Ringvorlesung des Zentrum für Mittelalterstudien der Otto-Friedrich-Universität Bamberg im Sommersemester 2007, Bamberga, 2007, p. 141-150.

Fabiani 1968 = L. Fabiani, La terra di S. Benedetto. Studio storico-giuridico sull’Abbazia di Montecassino dall’VIII al XIII secolo, I, Montecassino, 1968.

Fagnoni 1980 = A. M. Fagnoni, Un cronista medievale al lavoro. Leone Ostiense e la prima redazione della Cronaca Cassinese. Problemi di analisi, in Scripta Philologa, II, Milano, 1980, p. 51-129.

Falce 1921 = A. Falce, Il marchese Ugo di Tuscia, Firenze, 1921.

von Falkenhausen 1978 = V. von Falkenhausen, La dominazione bizantina nell’Italia meridionale dal IX all’XI secolo, Bari, 1978.

von Falkenhausen 1992 = V. von Falkenhausen, Montecassino e Bisanzio dal IX al XII secolo, in Avagliano – Pecere (a cura di) 1992, p. 69-107.

von Falkenhausen 1996 = V. von Falkenhausen, La Chiesa amalfitana nei suoi rapporti con l’Impero bizantino (X-XI secolo), in La Chiesa di Amalfi nel Medioevo. Atti del convegno internazionale di studi per il millenario dell'archidiocesi di Amalfi (Amalfi – Scala – Minori, 4-6 dicembre 1987), Amalfi, 1996 (Atti del Centro di cultura e storia amalfitana, 3), p. 383-424.

von Falkenhausen 2005 = V. von Falkenhausen, Il monastero degli Amalfitani sul Monte Athos, in S. Chialà e L. Cremaschi (a cura di), Atanasio e il monachesimo al Monte AthoS. Atti del XII Convegno ecumenico internazionale di spiritualità ortodossa, sezione bizantina (Bose,12-14 settembre 2004), Magnano, 2005, p. 101-118.

von Falkenhausen 2012 = Vvon Falkenhausen, Adalbert von Prag und das griechische Mönchtum in Italien, in W. Huschner (a cura di), Italien, Mitteldeutschland, Polen. Geschichte und Kultur im europäichen Kontext vom 10. Bis zum 18. Jahrhundert, Lipsia, 2012, p. 39-56.

Fedele 1905 = P. Fedele, Di alcune relazioni fra i conti del Tuscolo ed i principi di Salerno, in Archivio della R. Società romana di storia patria, 28, 1905, p. 5-21.

Feller 1998 = L. Feller, Les Abruzzes médiévales. Territoire, économie et société en Italie centrale du IXe au XIIe siècle, Roma, 1998.

Figliuolo 2015 = B. Figliuolo, L’organizzazione circoscrizionale del territorio nell’Italia longobarda, in G. Archetti (a cura di), Desiderio. Il progetto politico dell’ultimo re longobardo. Atti del primo convegno internazionale di studio (Brescia, 21-24 marzo 2013), Spoleto, 2015, p. 542-456.

Fonseca 2008 = C. D. Fonseca, Tra Aligerno e Desiderio. Theobaldus vir utique et genere et moribus clarus, in Montecassino e la civiltà monastica nel Mezzogiorno medievale, Montecassino, 2008 (Biblioteca della Miscellanea cassinese, 9), p. 178-186.

Galdi 2005 = A. Galdi, Pellegrinaggio e santità nelle tradizioni agiografiche, in M. Oldoni (a cura di), Tra Roma e Gerusalemme nel Medio Evo. Paesaggi umani ed ambientali del pellegrinaggio meridionaleAtti del Congresso internazionale di studi (Salerno-Cava dei Tirreni-Ravello, 26-29 ottobre 2000), Salerno, 2005 (Schola Salernitana. Studi e testi, 11), p. 295-311.

Galdi 2014a = A Galdi, Le Vitae dei santi abati Cavesi tra memoria e autorappresentazione, in M. Galante et al. (a cura di), Riforma della Chiesa, esperienze monastiche e poteri locali. La Badia di Cava nei secoli XI-XII. Atti del convegno internazionale di studi, Badia di Cava, 15-17 settembre 2011, Firenze, 2014, p. 77-95.

Galdi 2014b = A. Galdi, S. Benedetto tra Montecassino e Fleury (VII-XII secolo), in MEFRM, 126-2, 2014, p. 557-374

Galdi 2016a = A. Galdi, Richerio, s.v., in DBI, 87, Renzi – Robortello, Roma, 2016, p. 414-417.

Galdi 2016b = A. Galdi, Benedetto, Bologna, 2016 (Universale Paperbacks Il Mulino, 698).

Galdi 2017 = I monaci italo-greci dell’Italia meridionale e il monte Athos, in A. Manzella (a cura di), L’Athos e l’Occidente, Firenze, 2017 (Monte AthoS. Percorsi di spiritualità, 2), p. 105-121.

Gasparri 1989 = S. Gasparri, Il Ducato e il Principato di Benevento, in G. Galasso, R. Romeo (a cura di), Storia del Mezzogiorno, II, 2, Napoli, 1989, p. 83-146.

Galfredus Malaterra, De rebus (a) = ed. E Pontieri, Galfredus Malaterra, De rebus gestis Rogerii Calabriae et Siciliae comitis et Roberti Guiscardi ducis fratris eius, Torino, 1972 (Ripr. facs. dell' ed. : Bologna, 1927-1928). 

Galfredus Malaterra, De rebus (b) = ed. M.-A. Lucas Avenel, Histoire du Grand Comte Roger et de son frère Robert Guiscard, vol. I, livres 1 & 2, Caen, 2016 (Fontes & paginae), en ligne : https://www.unicaen.fr/puc/sources/malaterra/tdm.

Gesta episcoporum Cameracensium = ed. L. C. Belthmann, Hannover, 1846 (M.G.H., Scriptores, 7), p. 402-525.

Golinelli 2000 = P. Golinelli, Adalberto di Praga tra agiografia e storia, in P. Golinelli (a cura di), Il millenario di sant’Adalberto a Veronai Atti del Convegno di studi (Verona, 11-12 aprile 1997), Bologna, 2000, p. 27-42.

Gregorius Magnus, Dialogi = Gregorio Magno, Storie di santi e di diavoli (Dialoghi), I (Libri I-II), introduzione e commento a cura di S. Pricoco, testo critico e traduzione a cura di M. Simonetti, Milano, 2005 (Scrittori greci e latini).

Herimanni Augiensis Chronicon = ed. G.H. Pertz, Hannover, 1844 (M.G.H., Scriptores, 5), p. 74-133.

Hoffmann 1967 = H. Hoffmann, Die älteren Abtslisten von Montecassino, in Quellen und Forschungen aus italienischen Archiven und Bibliotheken, 47, 1967, p. 224-354.

Hoffmann 1969 = H. Hoffmann, Die Anfänge der Normannen in Süditalien, in Quellen und Forschungen aus Italienischen Archiven und Bibliotheken, 49, 1969, p. 95-144.

Houben 1987 = H. Houben, Il Principato di Salerno e la politica meridionale dell’Impero d’Occidente, in Rassegna storica salernitana, n.s., 4, 1, giugno 1987, p. 59-83. 

Houben 1992 = H. Houben, Malfattori e benefattori, protettori e sfruttatori. I Normanni a Montecassino, in Avagliano – Pecere (a cura di) 1992, p. 124-151.

Italia Pontificia 1935 = Italia Pontificia, VIII, Regnum Normannorum – Campania, Berlino, 1935.

Jung 1989 = C. Jung, L'abbaye de Niederaltaich, centre de réforme monastique au Xe et XIe siècles, Parigi, 1989.

S. Adalberti Pragensis episcopi et martyris vita prior = ed. J. Karwasińska, Varsavia, 1962 (Monumenta Poloniae Historica, IV, 1).

KK H III = edd. H. Bresslau – P. Kehr, Heinrici III Diplomata, Berlino, 1931 (M.G.H., Diplomatum regum et imperatorum Germaniae, 5).

Kujawinski 2012 = J. Kujawinski, Ystoire de li Normant. Una testimonianza del secolo XI ?, in CantarellaCalzona (a cura di) 2012, p. 359-372

Lamma 1959 = P. Lamma, Il problema dei due Imperi e dell’Italia meridionale nel giudizio delle fonti letterarie dei secoli IX e X, in Atti del III Convegno internazionale di studi sull’Alto Medioevo (Benevento, Montevergine, Salerno, Amalfi, 14-18 ottobre 1956), Spoleto, 1959, p. 156-253.

Leccisotti 1937 = T. Leccisotti, Le colonie cassinesi in Capitanata. I. Lesina (sec. VIII-XI), Montecassino, 1937 (Miscellanea cassinese, 13).

Leccisotti 1951 = T. Leccisotti, La testimonianza storica, in Il sepolcro di San. Benedetto, Montecassino, 1951 (Miscellanea cassinese, 27), p. 9-30.

Leccisotti 1960 = T. Leccisotti, Aligerno, s.v., in DBI, 2, Albicante – Ammannati, Roma, 1960, p. 381-382.

Leccisotti 1961 = T. Leccisotti, Angelario, s.v., in DBI, 3, Ammirato-Arcoleo, Roma, 1961, p. 189-190. 

Leccisotti (a cura di) 1964-1977 = T. Leccisotti (a cura di), in Abbazia di Montecassino, I regesti dell’Archivio, voll. I-XI, Roma 1964-1977 (Pubblicazioni degli Archivi di Stato, 44-60, 64, 74, 78-79, 81, 98-95) [ndr : dal vol. IX l’opera è a cura anche di F. Avagliano].

Leccisotti 1980 = T. Leccisotti, Il secolo X e l’influsso della riforma monastica romana a Montecassino, in Archivio della Società romana di storia patria, 103, 1980, p. 79-89.

Longo 2012 = U. Longo, Leone IX e la diffusione della riforma. Uomini, procedure, monachesimo, in CantarellaCalzona (a cura di) 2012, p. 295-312

Loré 2007 a = V. Loré, Conflitto familiare, dinastizzazione e costruzione di uno spazio istituzionale. Capua tra secolo IX e X, in R. Bordone et al. (a cura di), Lo spazio politico locale in età medievale, moderna e contemporaneaAtti del convegno internazionale di studi (Alessandria, 26-27 novembre 2004), Alessandria, 2007, p. 51-57.

Loré 2007 b = V. Loré, Uno spazio instabile. Capua e i sui conti nella seconda metà del IX secolo, in P. Depreux, F. Bougard, R. Le Jan (a cura di), Les élites et leurs espaces. Mobilité, rayonnement, domination (du VIe au XIe siècle), Turnhout, 2007, p. 341-360. 

Loré 2017 = V. Lorè, Genesi e forme di uno spazio politico. Capua nell’alto medioevo, in Marazzi (a cura di) 2017, p. 53-64.

Loud 1994 = G.A. Loud, Montecassino and Byantium in the Tenth and Eleventh Centuries, in M. Mullet – A. Kirby (a cura di), The Theotokos Evergetis and Eleventh-century Monasticisms, Belfast, 1994, p. 30-55.

Loud 2016 = G.A. Loud, I principi di Capua, Montecassino e le chiese del Principato, in Dell’Omo et al. (a cura di) 2016, I, p. 595-618.

Lucherini 2001 = V. Lucherini, Introduzione, in F. Aceto e V. Lucherini (a cura di), Leone Marsicano, Cronaca di Montecassino (III 26-33), Milano, 2001, p. 19-29.

Lupi Protospatarii Annales = ed. G.H. Pertz, Hannover, 1844 (M.G.H., Scriptores, 5), p. 52-63.

Luzzati Laganà = F. Luzzati Laganà, Maniace (Maniakes), Giorgio, s.v., in DBI, 69, Mangiabotti – Marconi, Roma, 2007, p. 28-30.

Marazzi 2011 = F. Marazzi, San Vincenzo al Volturno tra X e XII secolo. Le « molte vite » di un monastero fra poteri universali e trasformazioni geopolitiche del Mezzogiorno, Roma, 2011 (Fonti per la storia dell’Italia medievale. Subsidia, 10). 

Marazzi 2012 = F. Marazzi, San Vincenzo al Volturno. L’abbazia e il suo territorium fra VIII e XII secolo. Note per la storia insediativa dell’Alta Valle del Volturno, Cassino, 2012 (Studi e documenti sul Lazio meridionale, 15).

Marazzi 2016 = F. Marazzi, Pandolfo IV principe di Capua (1016-1049) ovvero l’ultima avventura politica dei Longobardi, in Rassegna storica salernitana, 65, giugno 2016, p. 15-45.

Marazzi (a cura di) 2017 = F. Marazzi (a cura di), Felix Terra. Capua e la Terra di Lavoro in età longobarda. Atti del Convegno internazionale di studi svoltosi a Capua e Caserta nei giorni 4-7 giungo 2015, Cerro al Volturno (IS), 2017, p. 73-87 (Studi vulturnensi, 9).

Martin 1993 = J-M. Martin, La Pouille du VIe au XIIe siècle, Roma, 1993 (Collection de l’École Française de Rome, 179).

Martin 2008 = J.-M. Martin, Les seigneuries monastiques, in R. Licinio e F. Violante (a cura di), Nascita di un regno. Poteri signorili, istituzioni feudali e strutture sociali nel Mezzogiorno normanno (1130-1194). Atti delle XVII giornate normanno-sveve (Bari, 10-13 ottobre 2006), Bari, 2008, p. 177-206.

Necrologia Germaniae = edd. M. Fastlinger, post .. I. Sturm, Dioecesis Pataviensis, I, Berlino, 1920 (M.G.H. Necrologia Germaniae, 4), p. 27-72.

Newton 1999 = F. Newton, The Scriptorium and the Library at Monte Cassino (1018-1105), Cambridge, 1999.

O II / O III = ed. T. Sickel, Ottonis II. et III. Diplomata, Hannover, 1893 (M.G.H., Diplomata regum et imperatorum Germaniae, 2).

Orofino (a cura di) 2006 = G. Orofino (a cura di), I codici decorati dell’Archivio di Montecassino. III, Tra Teobaldo e Desiderio, Roma, 2006.

Panarelli 2003 = Ottone III e il monachesimo nell’Italia meridionale, in Ottone III e Romualdo di Ravenna. Impero, monasteri e santi asceti. Atti del XXIV Convegno del Centro studi Avellaniti, Eremo di Fonte Avellana, 30 agosto-1 settembre 2002, Verona, 2003, p. 137-159 [ma le citazioni si riferiscono al testo reso disponibile on-line dall’Autore su http://www.rmoa.unina.it/].

Paulus Diaconus, Historia = edd. L. Bethmann – G. Waitz, Paulus Diaconus, Historia Langobardorum, Hannovera, 1878, p. 45-187 (M.G.H., Scriptores rerum Langobardicarum et Italicarum [saec. VI-IX]).

Pertusi 1963 = A. Pertusi, Monasteri e monaci italiani all’Athos nell’Alto Medioevo, in Le millénaire du Mont Athos (963-1963). Études et Mélanges. Actes du Convegno internazionale di studio à la Fondazione Giorgio Cini (3-6 settembre 1963) à Venise, voll. I-II, s.l., 1963-1964, I, p. 217-251.

Peters-Custot 2014 = A. Peters-Custot, Grecs et Byzantins dans les sources latines de l’Italie (IXe-XIsiècles), in Nation et nations au Moyen Âge. Actes du 44e Congrès de la SHMESP (Société des Historiens Médiévistes de l’Enseignement Supérieur Public), Prague, 23-26 mai 2013, Parigi, 2014 (Publications de la Sorbonne. Histoire ancienne et médiévale, 130), p. 181-191.

Peters-Custot 2015 = A. Peters-Custot, …Et saint Basile de Césarée en Occident (IXe-XIe siècles), in S. Excoffon, D.-O. Hurel et A. Peters-Custot (a cura di), Interactions, emprunts, confrontations chez les religieux (Antiquité tardive-fin du XIXe siècle). Actes du VIIIe Colloque international du CERCOR. Célébration du trentenaire (1982-2012), Saint-Étienne, 24-26 octobre 2012, Saint-Etienne, 2015, p. 93-112.

Peters-Custot 2017 = A. Peters-Custot, Construction de la norme monastique dans l’Italie méridionale, entre moines italo-grecs et moines latins aux IXe-XIe siècles, in O. Delouis et M. Mossakowska-Gaubert (a cura di), La vie quotidienne des moines en Orient et en Occident, IVe-Xe siècleS. II. Questions transversales (in corso di stampa). 

Petrus Diaconus, Liber de ortu = Petrus Diaconus, Liber de ortu et obitu iustorum coenobii Casinensis, (P.L. 173), coll. 1063-1116.

Pilara 2009 = G. Pilara, Mauro, santo, s.v., in DBI, 72, Massimo – Mechetti, Roma, 2009, p. 384-385.

Pio 2009 = B. Pio, Melo da Bari, s.v., DBI, 73, Mede – Messedaglia, Roma, 2009, p. 373-375.

Rosé 2008 = I. Rosé, Contruire une société seigneuriale. Itinéraire et ecclésiologie de l’abbé Odon de Cluny (fin du IXe -milieu du Xe siècle), Turnhout, 2008 (Collection d’études médiévales de Nice, 8).

Rousseau 1973 = O. Rousseau, La visite de Nil de Rossano au Mont-Cassin, in La Chiesa greca in Italia dall’ VIII al XVI secolo. Atti del convegno storico interecclesiale (Bari, 30 aprile-4 maggio 1969), III, Padova, 1973, p. 1111-1137 (Italia sacra, 22).

RPD = Registrum Petri Diaconi. Montecassino, Archivio dell’Abbazia, Reg. 3, edizione e commento a cura di J.-M. Martin et al., voll. I-IV, Roma, 2015.

Sansterre 1991 = J.-M. Sansterre, Saint Nil de Rossano et le monachisme latin, in Bollettino della Badia greca di Grottaferrata, 45, 1991, p. 339-386.

Sansterre 1995 = J.-M. Sansterre, Recherches sur les ermites du Mont-Cassin et l'érémitisme dans l'hagiographie cassinienne, in Hagiographica, 2, 1995, p. 57-92.

Sansterre 2006 = J. M. Sansterre, Le monachisme bénédictin et le monachisme italo-grec au Xe et dans la première moitié du XIe siècle. Relations et distinctions, in Il monachesimo italiano dall’età longobarda all’età ottoniana (secc. VIII-X). Atti del VII Convegno di studi storici sull’Italia benedettina (Nonantola, 10-13 settembre 2003), Cesena, 2006, p. 97-118.

Scandone 1908 = F. Scandone, Il gastaldato di Aquino. Dalla metà del secolo IX alla fine del secolo X, in Archivio storico per le province napoletane, 33, 1, p. 720-735.

Scandone 1909 = F. Scandone, Il gastaldato di Aquino. Dalla metà del secolo IX alla fine del secolo X, in Archivio storico per le province napoletane, 34, 1, 1909, p. 49-77.

Scandone 1956 = F. Scandone, Roccasecca patria di S. Tommaso d’Aquino, in Archivio storico di Terra di Lavoro, 1, 1956, p. 36-176.

Seibert 1993 = H. Seibert, Pilgrim, archbishop of Köln, s.v., in Lexikon des Mittelalters, VI, Lukasbilder bis Plantagenet, Monaco – Zurigo, 1993, col. 2157.

Segl 1985 = P. Segl, I Saraceni nella politica meridionale degli imperatori germanici nei secoli X e XI, in F. Avagliano (a cura di), San Vincenzo al Volturno. Una grande abbazia altomedievale nel Molise. Atti del Convegno di studi sul Medioevo meridionale (Venafro – San Vincenzo al Volturno. 19-22 maggio 1982), Montecassino, 1985 (Miscellanea cassinese, 51), p. 55-84.

Sibilio 2005 = V. Sibilio, Il Papato, la Capitanata e la battaglia di Canne del 1018, in Atti del 25° Convegno nazionale sulla preistoria, protostoria, storia della Daunia (San Severo, 3-5 dicembre 2004), San Severo, 2005, p. 233-240.

Smidt 1948 = W. Smidt, Die « Historia Normannorum » von Amatus, in Studi Gregoriani per la storia di Gregorio VII e della riforma gregoriana, 3, 1948, p. 173-231.

Stasser 2003 = T. Stasser, Maria, gloriosa ducissa et patricissa. Una donna al potere ad Amalfi nel sec. XI, in Rassegna del Centro di Cultura e Storia Amalfitana, n.s., 13, 2003, p. 9-40.

Tabacco 1992 = Montecassino e l’Impero tra XI e XII secolo, in Avagliano – Pecere (a cura di) 1992, p. 36-68. 

Taviani-Carozzi 1991 = H. Taviani-Carozzi, La principauté lombarde de Salerne, IXe-XIe siècle. Pouvoir et société en Italie lombarde méridionale, voll. I-II, Roma, 1991 (Collection de l'École française de Rome, 152).

Tellenbach 2000 = G. Tellenbach, Benedetto VIII, s.v., in Enciclopedia dei papi. II. Niccolò I, santo – Sisto IV, Roma, 2000, p. 130-134.

Thomas 2016 = A. Thomas, Jeux lombard. Alliances, parenté et politique en Italia méridionale, de la fin du VIII siècle à la conquête normande, Roma, 2016 (Collection de l’École française de Rome, 501).

Toubert 1976 = P. Toubert, Pour une histoire de l’environnement économique et social du Mont-Cassin (IXe -XIIe siècles), in Comptes rendus des séances de l’Académie des Inscriptions et Belles-Lettres, 120, 4, 1976, p. 689-702. 

Visentin 2012 = B. Visentin, La nuova Capua longobarda. Identità etnica e coscienza civica nel Mezzogiorno altomedievale, premessa di F. Panarelli, Manduria-Bari-Roma, 2012.

Visentin 2013 = B. Visentin, Monaci, potere, società e popolo a Capua (secc. X-XII), in Nuova rivista storica, 97, 3 (settembre – dicembre 2013), p. 721-756. 

Visentin 2014 = B. Visentin, Pandolfo I, s.v., in DBI, 80, Ottone I. – Pansa, Roma, 2014, p. 728-730.

Wipos Gesta Chuonradi imperatoris = ed. H. Bresslau, Hannover-Lipsia, 1915 (M.G.H., Scriptores Rerum Germanicarum in usum scholarum, 61), p. 1-62.

Wolf 2014 = K. Wolf, Gli hjpati di Gaeta, papa Giovanni VIII e i Saraceni. Tra dinamiche locali e transregionali, in Bullettino dell’Istituto storico italiano per il Medioevo, 116, 2014, p. 25-60.

Wühr 1948 = W. Wühr, Die Wiedergeburt Montecassinos unter seinem ersten Reformabt Richer von Niederaltaich († 1055), in Studi Gregoriani per la storia di Gregorio VII e della riforma gregoriana, 3, 1948, p. 369-450.

Zeller 2011 = B. Zeller, Montecassino in Teano. Klösterliche Politik und lokale Eliten im Spiegel Montecassineser Privaturkunden del 10. Jahrhunderts, in Römische Historische Mitteilungen, 52, 2010, p. 373-382.

Haut de page

Notes

1 CMC, III, Prologus, p. 362.

2 La complessa tradizione delle CMC è stata ricostruita, da ultimo, da H. Hoffmann nella lunga introduzione alla sua edizione dell’opera. I suoi risultati sono utilmente sintetizzati in Lucherini 2001. Sul medesimo argomento, ma anche sui limiti dell’edizione Hoffmann, cf. Fagnoni 1980.

3 Petrus Diaconus, Liber de ortu, col. 1072c.

4 Gregorius Magnus, Dialogi : rinvio alla pubblicazione del testo gregoriano citata in bibliografia per l’ampio apparato di fonti e storiografia, nonché per la disamina delle principali edizioni dell’opera. Sulla bio-agiografia gregoriana cf. inoltre Galdi 2016 b, p. 9-30.

5 Paulus Diaconus, Historia, VI, 40, p. 178-179, qui 178.

6 Sulle due successive distruzioni di Montecassino e sulle loro conseguenze ancora utile è la lettura di Avagliano (a cura di) 1987. Sul ritorno dei Cassinesi sul monte cf. anche Bloch 1972, p. 602-605.

7 A parte i documenti editi in studi su aspetti e momenti di storia cassinese, alcuni dei quali saranno citati nelle note successive, o quelli compresi in sillogi documentarie dedicate ad altri territori o a diverse istituzioni, la più complessiva pubblicazione – sebbene nella forma dei regesti – della documentazione conservata a Montecassino si deve a Leccisotti (a cura di) 1964-1977. In generale, per le edizioni dei documenti cassinesi, si vedano Cuozzo - Martin 1991, p. 123-126.

8 Toubert 1976, p. 691-692.

9 Sulla vita e l’opera di Pietro Diacono cf. principalmente Bloch 1998, p. 15-28, ma anche Dell’Omo 2015, con relativa bibliografia.

10 Soprattutto durante gli anni dell’abbaziato di Teobaldo, secondo Fonseca 2008.

11 Non è possibile, in questa sede, dar conto dell’ampia storiografia sul periodo desideriano, della quale segnalo almeno, anche per i relativi approfondimenti bibliografici : Cowdrey 1991 ; Avagliano - Pecere (a cura di) 1992 ; Dell’Omo 2010. Sullo Scriptorium cassinese, particolarmente per l’età desideriana, cf. soprattutto Newton 1999.

12 Se già Tommaso Leccisotti invitava a una rivalutazione del secolo X per la storia di Montecassino (Leccisotti 1980, p. 79), ancora pochi anni fa si lamentava uno scarso interesse storiografico per la prima metà dell’XI secolo cassinese (Fonseca 2008, p. 177 e nota 1).

13 Toubert 1976, p. 690-693.

14 Dell’Omo 2017, p. 73-74.

15 Sul periodo trascorso a Teano e sulle sue conseguenze cf. Leccisotti 1961, Leccisotti 1980, p. 81-82, Zeller 2011, Dell’Omo 2016, p. 128-129, Dell’Omo 2017, p. 74.

16 Cilento 1971, p. 326-333.

17 Su S. Vincenzo rinvio, anche per l’accurato apparato di fonti e bibliografia, a Marazzi 2011 e Marazzi 2012. Sulle vicende e il contesto del trasferimento a Capua di Cassinesi e Vulturnensi e sullo loro strategie insediative cf. soprattutto Visentin 2013, p. 722-727, ma anche Visentin 2012, p. 189-193.

18 Alcuni dei quali raccolti in Cilento 1971.

19 Mi riferisco qui soprattutto agli studi di Vito Loré, tra cui in particolare : Lorè 2007 a, Lorè 2007 b. Ulteriori, utili, osservazioni in Loré 2017. Cf. anche Visentin 2012, p. 95 ss. per il IX-X secolo, e, per la parte relativa a Capua, Di Muro 2010. Sulle circoscrizioni capuane si legga da ultimo l’esauriente saggio di Bruno Figliuolo (Figliuolo 2015). Infine, sui caratteri e sulle dinamiche parentelari capuani ma in generale dei territori della Longobardia meridionale, cf. l’ampio e recente studio di Thomas 2016.

20 Per la successione abbaziale e le date relative ai singoli abati ho seguito le cronotassi, sostanzialmente simili, riportate in Dell’Omo 1999, p. 295-296, e in RPD, IV, p. 1870-1872, preferendo quest’ultima nei casi dubbi.

21 Cf. Cilento 1971, p. 253-255 ; Cilento 1987 ; Leccisotti 1980, p. 83.

22 Dell’Omo 2017, p. 74-82, qui 74. È lo stesso studioso (p. 78) a sottolineare come i monaci avessero contraccambiato la munificenza capuana contribuendo alla « elaborazione della memoria storica della Longobardia meridionale », mediante la compilazione delle opere trasmesse nell’attuale Codice Cassinese 175, promosso dall’abate Giovanni (914-934). Cf. Dell’Omo 2016, p. 133-137.

23 Su Aquino e sulla sua evoluzione nel periodo longobardo, fino all’elevazione a gastaldato con Radoaldo nella seconda metà del IX secolo, cf. Scandone 1908. Sul passaggio di beni e giurisdizioni cassinesi ai gastaldati di Aquino e Teano si veda Scandone 1909, p. 50-52. Sui territori di Aquino e Teano, con ampio riferimento alle fonti, si legga anche Figliuolo 2015, p. 452-453.

24 O forse nel monastero dell’Aventino, come si legge nelle fonti farfensi, cf. Leccisotti 1960, p. 381.

25 CMC, I, 60, p. 151.

26 La vicenda è narrata in CMC, II, 1-2, p. 167-169, ed è ripresa, in tutto o in parte, dal Chronicon Salernitanum (163, p. 169). Se ne veda, però, la ricostruzione in Scandone 1909, p. 54-58, ma p. 58-59 per i patti stipulati tra Aligerno e Atenolfo e le loro conferme successive.

27 Scandone 1909, p. 59-62.

28 Sulla genealogia dei conti dei Teano, di origine capuana, cf. Thomas 2016, p. 255-259, 320-323.

29 CMC, II, 2, p. 169, cf. Scandone 1909, p. 60 e nota 1.

30 Sulla complessa e ramificata discendenza capuana mi baso sulla tavola genealogica pubblicata nell’Appendice II di Cilento 1971, p. 347 ss.

31 CMC, II, 2, p. 169-170. Tali oblationes sono da ultimo pubblicate in RPD, nn. 209-210 (anni 944 e 948), p. 637-641.

32 Si vedano, in proposito, i diversi Praecepta editi in RPD, I, nn. 214-215, 217-223, II, p. 656-687.

33 Cf. Loud 2016, p. 603.

34 Houben 1987, p. 63-64 ; Panarelli 2003, p. 3-4. Sui rapporti tra Montecassino e l’Impero prima della distruzione della colonia saracena del Garigliano nel 915 cf. Décarreaux 1974, p. 40-41, ma anche Segl 1985 per il ruolo svolto dai Saraceni nella politica meridionale degli Ottoni e dei loro successori.

35 Più in generale, sui rapporti tra gli Imperi bizantino e ottoniano relativamente all’Italia meridionale, sempre valido è lo studio di Lamma 1959.

36 Principe di Capua-Benevento dal 961, riuscì a subentrare anche al Principato di Salerno dopo il maggio 978, alla morte di Gisulfo I (946-978). Cf. Cilento 1971, p. 349-352 e, più recentemente, Visentin 2014.

37 DD O I, nn. 262, p. 374-375 (18-2-964), 360, p. 495-497 (30-6-968), 396, p. 538-539 (25 maggio 970) ; da ultimo i privilegi ottoniani sono pubblicati in RPD, I, nn. 117-119, p. 364-372. Ottone giudica anche a favore di Montecassino in una causa che opponeva l’abbazia a Landenolfo, vescovo di Lucera, DD O I, p. 260, RPD, I, n. 124, p. 395-396 (ottobre 981).

38 O II / O III, n. 254, p. 288-295, n. 260, p. 301-302 ; ma cf. RPD, I, nn. 120, p. 374-377 (6-8-981), 122, p. 387-388 (27-8-983), e i privilegi interpolati nn. 121 e 123, p. 380-385, 389-392. Sulla politica italo-meridionale di Ottone II cf. Houben 1987, p. 65-66, 73.

39 Da re, e su richiesta della madre Teofane, il 23 luglio 989, Ottone III aveva confermato i possessi cassinesi, secondo un privilegium tramandato dal solo Pietro Diacono : O II / O III, n. 56, p. 461-462, RPD, I, n. 126, p. 401-402. Cf. Dell’Omo 2008, p. 355.

40 Privilegio pubblicato da ultimo in RPD, I, n. 153, p. 464. Cf. von Falkenhausen 1978, p. 181 per il documento e 83-84 per l’attività dell’antipato.

41 Sui rapporti tra Montecassino e Bisanzio cf. soprattutto Bloch 1946, con osservazioni riproposte e ampliate in Bloch 1986, I, p. 1-136, e Loud 1994.

42 Loud 1994, p. 35-36. Cf. Bloch 1986, I, p. 10.

43 Giovanni XII, prima del 962, avrebbe confermato ad Aligerno i possessi abbaziali, la dipendenza diretta dalla sede apostolica, l’esenzione e la libera elezione dell’abate, RPD, I, n. 14, p. 90-92. Se il privilegium di Benedetto VII del 30-5-[977], che confermava i possedimenti e i diritti di Montecassino, è probabilmente rimaneggiato (RPD, n. 12 A, p. 82-84), lo stesso papa avrebbe riconosciuto ad Aligerno, il 10-1-[971], curtes e chiese nella regione di Teramo, RPD, I, n. 12B, p. 85. Giovanni XV, inoltre, l’11 novembre [985 ?] avrebbe confermato all’abbazia i suoi possedimenti, la dipendenza diretta dalla sede pontificia, l’esenzione e la libera elezione dell’abate, RPD, I, n. 13, p. 86-89.

44 RPD, II, n. 224, p. 688-690. Già il nonno Guaimario I (880-901) aveva deliberato in favore di Montecassino, CMC, I, 51, p. 132.

45 Per scomparire poi nella documentazione agli inizi del XIV secolo, si veda Fabiani 1968, p. 22-23 : l’opera del Fabiani, pubblicata in tre tomi dal 1968 al 1980, rimane ancora oggi fondamentale per lo studio della Terra, da integrare, però, almeno con le Appendici II e III del IV vol. del RPD, p. 1875-1953 (I possedimenti di Montecassino) e 1955-1959 (Confini della Terra s. Benedicti).

46 Il riferimento è soprattutto al privilegio di Landolfo I e Atenolfo II del 25 aprile 928, il primo documento originale sui confini dei possessi cassinesi, cf. CMC, I, 54, p. 139. Si vedano : Leccisotti (a cura di) 1964-1977, II, n. 5, p. 106 ; Fabiani 1968, p. 41-43 ; Bloch 1986, p. 234, 687, Dell’Omo 2017, p. 77.

47 RPD, IV, p. 1816-1821.

48 RPD, I, n. 215, p. 661-663.

49 Toubert 1976, p. 694-696.

50 Cf. Martin 2008, p. 180-181.

51 CMC, II, 11, p. 172-173.

52 Dell’Omo 2017, p. 82-83.

53 Leccisotti 1980, p. 87-88 ; cf. anche Di Carpegna Falconieri 2007, in particolare p. 364, e soprattutto Rosé 2008, p. 256 ss.

54 CMC, II, 12, p. 189-190.

55 Su Landolfo IV e il suo breve governo cf. Beolchini 2004.

56 CMC, II, 10, p. 188. Su Landonolfo cf. Berto 2004.

57 La notizia dell’assassinio di Aione si legge nella Cronaca dei conti e dei principi longobardi di Capua, pubblicata prima in Cilento 1957 e poi riedita in Cilento 1971 (da cui qui si cita), p. 306-307 e 308 per la spedizione di Ugo. Sulla figura del marchese si veda Falce 1921.

58 Cf. Cilento 1971, p. 343-345, e Marazzi 2016, p. 17.

59 Ottone II, a Capua, confermò il Principato ad Aloara e al figlio, CMC, II, 9, p. 187.

60 Chronicon Vulturnense, II, p. 325-326. Sugli avvenimenti seguiti alla morte di Landenolfo cf. Visentin 2012, p. 197-199.

61 Cilento 1971, p. 376. Riguardo invece il cod. cassinese 175, il testimone più antico della Cronaca, cf. Dell’Omo (a cura di) 1998, p. 175-178.

62 L’11 novembre [989], CMC, II, 14, p. 194. La più recente edizione è nel RPD, I, n. 15, p. 93-96. E’ da riferirsi probabilmente al periodo di Mansone anche un privilegio dello stesso Giovanni concesso tra il 992 e il 994, contenente le consuete conferme, RPD, I, n. 17, p. 102-103.

63 Landenolfo avrebbe rilasciato un praeceptum confirmationis a Montecassino nel settembre del 990-991, CMC, I, 14, p. 194 ; Laidolfo, il 10 dicembre [994], concesse a Mansone quindici famiglie di Aquino, nonché Castrocielo (provincia di Frosinone) con il monte Asprano e le sue pertinenze, al lato del quale l’abate costruì la rocca detta Sicca e la chiesa di S. Croce, ibid., p. 194-195, e RPD, I, n. 235, p. 731-733.

64 CMC, II, 15, p. 195 ; Cilento 1971, p. 309-310, e nota 36, p. 345-346. Cf. Dell’Omo 2008, p. 78-79.

65 CMC, II, 15, p. 195.

66 Dell’Omo 2008, rispettivamente p. 80 e 75-76.

67 Per questi aspetti vedi Panarelli 2003, p. 9-10. Il probabilmente spurio diploma di Ottone III del 12 novembre 999, che reintegrava Montecassino dei beni sottratti dal duca di Gaeta Marino, è edito da ultimo nel RPD, I, n. 155, p. 466-467.

68 Feller 1998, p. 237.

69 Aligerno, il 27 gennaio 980, si era fatto concedere dai principi capuani la peschiera di Lesina con la sua foce, insieme alla chiesa di S. Focato ed alcune case nella stessa Lesina, CMC, II, 2, p. 170 ; RPD, n. 213, p. 653-655 ; cf. Leccisotti 1937, qui n. 10, p. 48. Riguardo gli interessi cassinesi su Lesina, iniziati forse già nel secolo precedente, ma anche di altri monasteri come S. Sofia di Benevento, cf. Martin 1993, p. 178 ss., 195 ss., 201 ss., passim.

70 Beolchini 2007 e Scandone 1956.

71 Décarreaux 1974, p. 41.

72 CMC, II, 16, p. 196. Cf. Décarreaux 1974, p. 43-44.

73 Fondato alla fine dell’VIII secolo dall’abate Gisulfo, CMC, I, 18, p. 59.

74 Nilo era stato accolto a Montecassino su pressione dei Capuani, cf. Βίος Νείλου 73, p. 112-113. Sul ruolo di Aligerno nell’accoglimento di Nilo, nonché sulla possibilità che il suo insediamento a Valleluce nel 981 sia da mettere in relazione con la rimessa a coltura della Terra s. Benedicti, cf. Sansterre 1991, p. 349-351.

75 Più genericamente, nella Vita prior di Adalberto, Nilo avrebbe detto che l’accoglimento del sant’uomo avrebbe potuto nuocere a lui e alla sua comunità : S. Adalberti Pragensis episcopi et martyris vita prior, 15, p. 23.

76 CMC, II, 17, p. 200-201.

77 S. Adalberti Pragensis episcopi et martyris vita prior, 14-15, p. 20-23. Su Adalberto e su questo episodio, nonché sui rapporti tra Nilo e il monachesimo benedettino, si vedano : Rousseau 1973 ; Sansterre 1991, p. 372-375 ; Sansterre 2006, particolarmente p. 105-107 ; Bielawski 2004 ; Dell’Omo 2008, p. 80-83 ; von Falkenhausen 2012 ; Peters-Custot 2014, p. 187-188 ; Peters-Custot 2015, p. 93-94 ; Peters-Custot 2017, p. 4-7 del pre-print : ringrazio l’amica e collega Annick per avermi gentilmente fatto leggere il suo saggio prima della pubblicazione. Sulla tradizione agiografica relativa ad Adalberto cf. specificamente Golinelli 2000 e Dunin-Wasowicz 2001, p. 184-185. Sull’influsso di Adalberto su Montecassino fino ad Oderisio cf. Casavecchia – Maniaci – Orofino 2016, p. 70.

78 CMC, II, 17, p. 200-201.

79 Βίος Νείλου, 85, p. 122, cf. Dell’Omo 2008, p. 83-84.

80 CMC, II, 16, p. 196.

81 Ibid., II, 16, p. 199. Il cronista definisce Atenolfo gastaldo, ma è invece probabile che già il padre Atenolfo Megalu, tra il 981 e il 984, avesse ottenuto il titolo di conte, Scandone 1934, p. 61-63.

82 RPD, IV, p. 1775-1777, ma p. 1781-1782 per altre falsificazioni comunque non attribuibili a Pietro.

83 Toubert 1976, p. 696.

84 RPD, IV, p. 1777.

85 CMC, II, 20, p. 203-204.

86 L’episodio è narrato prima nei Dialogi dell’abate Desiderio (Desiderius Casinensis, Dialogi, II, 11, p. 106-107) e poi nelle CMC, II, 21, p. 205. Cf. Sansterre 1995, p. 83.

87 Gregorius Magnus, Dialogi, II, 35, 24-25.

88 CMC, II, 22, p. 206-207.

89 Cf. Pertusi 1963, qui 224, e von Falkenhausen 1996, qui p. 393 ss. Più in generale sul monastero dell’Athos si veda von Falkenhausen 2005.

90 Galdi 2005 e Galdi 2017, p. 105-110.

91 Sullo spazio riservato all’eremitismo nella spiritualità e nei modelli di santità cassinesi rinvio alle riflessioni, nonché ai numerosi esempi citati e all’ampia bibliografia, di Sansterre 1995, ma p. 65-67 sulla figura di Liuzio. Allo stesso articolo rinvio anche per la complessa e ancora dibattuta questione sull’influenza del monachesimo italo-greco su Montecassino e, in generale, sul mondo monastico occidentale.

92 Cf. Galdi 2014 a, p. 79-91.

93 CMC, II, 28, p. 218.

94 O II / O III, n. 291, p. 715-717 ; RPD, I, n. 125, p. 397-399.

95 CMC, II, 22, p. 207. Cf. Dell’Omo 2008, p. 73-74, e Panarelli 2003, p. 10-11.

96 RPD, I, nn. 140-141, p. 441-444. Cf. von Falkenhausen 1978, p. 87-88, 128-130, 188-189.

97 Loud 1994, p. 37.

98 Ibid., p. 37-40.

99 CMC, II, 23-27, p. 208-217. Cf. RPD, IV, ad indicem, p. 2162.

100 CMC, II, 28, p. 218.

101 Ibid., II, 28-29, p. 219-220.

102 CMC, II. 28-30, p. 223.

103 Böhmer 1969, n. 1143, p. 341-342 (12-13 marzo 1014), in cui si attribuiscono le falsificazioni a Pietro Diacono, ma cf. RPD, I, n. 16, p. 88-101.

104 Per il praeceptum, tramandato dal solo Pietro Diacono, si vedano DD H II, n. 287, p. 342-345, e RPD, I, 129, p. 407-411. Si segnalano anche le differenze tra la I e la III redazione delle CMC in merito all’elencazione di alcuni beni, in particolare relativi alla contea di Termoli, CMC, II, 31, p. 224.

105 Chronicon Vulturnense, III, p. 10-16.

106 CMC, II, 31, p. 223-224 ; DD H II, n. 400, p. 514-515 ; RPD, I, n. 130, p. 412-413. Per un primo orientamento bio-bibliografico su Pilgrim cf. Seibert 1993.

107 CMC, II, 31, p. 224 ; RPD, I, nn. 256, 257A, 257C, 258-259, II, p. 791 ss.

108 RPD, I, n. 112, p. 350-351. Cf. von Falkenhausen 1978, p. 89, 192.

109 Dell’Omo 2008, p. 80.

110 CMC, II, 32, p. 229.

111 Ibid., p. 226-228, II, 33, p. 320.

112 Ibid., II, 34, p. 230-233 ; cf. anche Desiderius Casinensis, Dialogi, II, 6, p. 99-101.

113 Rispettivamente Giovanni V e Dauferio II. Sulle donazioni papali, Italia Pontificia 1935, n.5, p. 82.

114 CMC, II, 35, p. 234-235. Cf. Codex Diplomaticus Cajetanus, n. 130, p. 244-252. Sui complessi problemi del documento e delle precedenti concessioni pontificie si veda Wolf 2014, p. 41-45, e cf. Fabiani 1968, p. 69-71.

115 CMC, II, 36, p. 235.

116 Décarreaux 1974, p. 44.

117 CMC, II, 37, p. 236 ; Annales Casinenses ex Annalibus, p. 1410.

118 Il Ms. W della terza redazione delle CMC (II, 37, p. 236-237) inserisce a questo punto una lunga digressione in cui accoglie la versione di Amato di Montecassino circa la venuta in Italia di 40 Normanni e l’aiuto da loro prestato al principe di Salerno Guaimario III contro i Saraceni, con il conseguente invio, da parte del principe, di ricchi doni in Normandia per invitare altri loro conterranei a scendere in Italia. Cf. Amatus Casinensis, Historia, I, XVII-XIX, p. 21-24 : l’opera di Amato, come è noto, ci è pervenuta solo attraverso una tradizione in volgare francese del XIV secolo, per cui, sui problemi inerenti la fedeltà del traduttore al testo originario, si veda specialmente Kujawinski 2012, p. 359-372, nonché Hoffmann 1969 per una discussione sulle fonti che registrano l’arrivo dei Normanni in Italia. Su Melo e la sua rivolta cf. : Chalandon 1907, p. 42-62 ; Corsi 2002, ad indicem ma soprattutto p. 129-131 ; Enzensberger 2007 ; Pio 2009.

119 Amatus Casinensis, Historia, I, XXVI, p. 35.

120 Sulle motivazioni del papa cf. Sibilio 2005, p. 235-237, e, più in generale sul pontificato di Benedetto VIII, Tellenbach 2000.

121 CMC, II, 38, p. 240.

122 Chalandon 1907, p. 62 ; Enzensberger 2007, particolarmente p. 143-144.

123 Marazzi 2016, p. 20, 31. Sulle vicende e i caratteri complessivi della Benevento altomedievale è un valido punto di riferimento Gasparri 1989.

124 Sul rapporto tra i Normanni e Montecassino cf. Houben 1992, p. 124-131 per il periodo qui oggetto di attenzione.

125 Plein de tout pechié et de malvaistie per Amato di Montecassino (Amatus Casinensis, Historia, II, V, p. 62). Desiderio, invece, ne sottolinea la crudeltà e lo spirito di rapina, rivolto soprattutto ai beni delle chiese, Desiderius Casinensis, Dialogi, I, 9, p. 68-69. Cf. Chronicon Vulturnense, III, p. 77-79.

126 CMC, 38, p. 241.

127 Marazzi 2016, p. 23-25.

128 Cilento 1971, p. 282.

129 RPD, I, n. 139, p. 439.

130 Loud 1994, p. 42.

131 Il privilegio è da ultimo edito in RPD, I, n. 156, p. 468. Sospetti sull’autenticità del documento sono avanzati da von Falkenhausen 1978, p. 192-193.

132 L’itinerario di Enrico II in Italia e gli eventi legati alle sue tappe sono registrati, ma con alcune differenze, da fonti di area italica e germanica, di cui si segnalano almeno, per quanto riguarda il Mezzogiorno : Annales Casinenses ex Annalibus, p. 1411, dove si ricorda solo la venuta a Troia ; Annales Barenses, p. 57, dove si citano Benevento e Troia, il cui assedio è ricordato anche in Lupi Protospatarii Annales, p. 57 ; Gesta episcoporum Cameracensium, III, p. 470, che riferiscono di Salerno, Benevento, Capua, Troia ; si aggiungono Napoli e altre città non specificate in Herimanni Augiensis Chronicon, p. 120 ; sono presenti Troia, Benevento e Capua in Wipos Gesta Chuonradi, XXXVII, p. 57.

133 CMC, II, 39, p. 242-243.

134 Ibid., II, 40-41, p. 244-245. Il Principato a Pandolfo e al figlio sarebbe stato poi confermato da Enrico il 5 gennaio del 1023 da Paderborn, con l’eccezione delle abbazie imperiali di Montecassino e S. Vincenzo, RPD, I, n. 159, p. 481.

135 Houben 1987, p. 74 : Enrico si trattenne non più di quattro mesi nel Mezzogiorno e solo una settimana tra Capua, Benevento e Salerno, si calcola qui sulla base dei dati forniti in Brühl 1968, p. 478.

136 Sui rapporti tra Enrico e S. Vincenzo cf. Marazzi 2016, p. 26-27.

137 Ibid., p. 27.

138 CMC, II, 42, p. 245-247.

139 Amatus Casinensis, Historia, I, 30, p. 39-41 ; CMC, II, 43, p. 247-248.

140 Smidt 1948, p. 210 ; Leccisotti 1951, p. 162-163.

141 Galdi 2014 b, p. 9.

142 CMC, II, 42, p. 249-250.

143 Ibid., II, 4, p. 251 ; cf. Bloch 1986, I, p. 17-19.

144 RPD, n. 19, I, p. 109-111, anche per le ipotesi dell’attribuzione a Pietro della stessa falsificazione. Cf. anche p. 111-112 per l’edizione di altre due copie in cui non si fa riferimento alla presenza dei corpi, probabilmente precedenti al Diacono.

145 DD H II, n. 474, p. 603-604, CMC, II, 43, p. 251. Il possesso della Rocca sarebbe stato rinnovato il 19 aprile 1024, DD H II n. 508, p. 650-651. Cf. RPD, I, n. 128, p. 405-406, n. 132, p. 419-420.

146 CMC, II, 43, p. 251. Cf. DD H II, n. 482, p. 614-617, e RPD, I, n. 131, p. 414-417.

147 CMC, II, 44-47, p. 252-255.

148 Come il praeceptum con il quale chiedeva al papa di affermare la libertà dell’abbazia e la sua dipendenza diretta dall’Impero, concedendogli nel contempo la consacrazione dell’abate, la cui elezione doveva essere approvata dall’imperatore, RPD, I, n. 87, p. 285-286, anche per le ipotesi di attribuzione della falsificazione a Pietro Diacono ; così come sarebbe falso un decreto sui beni di Pandolfo IV a Capua, DD H II, n. 530, p. 684-686 e RPD, I, n. 159, p. 473-474.

149 Su preghiera di Enrico egli avrebbe emanato un documento che esprimeva il favore imperiale nei confronti del monastero, si veda RPD, n. 18 (giugno-luglio 1023), p. 105-108 : qui l’interpolazione riguarda la consacrazione dell’abate, riservata da Enrico alla sola Chiesa romana. Un constitutum pontificio avrebbe stabilito che la medesima consacrazione, di cui Enrico aveva incaricato papa Benedetto, dovesse escludere ogni simonia, RPD, I, n. 87a, p. 287.

150 CMC, II, 52, p. 262-263.

151 Durante la sua discesa in Italia del 1021-1022, l’imperatore avrebbe restituito al monastero alcuni possedimenti nella contea di Termoli di cui si erano appropriati Attone III e Pandolfo di Chieti, DD H II, n. 465, p. 591-592 ; cf. RPD, I, n. 135, p. 431-432 ; CMC, II, 52, p. 263-264. Sull’attività di Teobaldo a S. Liberatore cf. Feller 1998, p. 238, 379-381, 697 (qui per l’intervento di Enrico II). Sulla famiglia degli Attoni cf. la tavola genealogica in ibid., p. 621. Sulla documentazione di S. Liberatore si veda Dell’Omo (a cura di) 2003.

152 CMC, II, 53, p. 265-266. Cf. Orofino (a cura di) 2006.

153 CMC, II, 56, p. 266-270. Per un primo orientamento sulla tradizione agiografica relativa a Mauro si legga Pilara 2009.

154 CMC, II, 57, p. 270-274 ; cf. Fonseca 2008, p. 183.

155 Sul Principato di Guaimario III cf. gli ampi riferimenti in Taviani-Carozzi 1991, I, p. 86, 370-373, 401-404, 472, 598, 620, 633, II, p. 911, 997, 1021, 1024, 1041, 1047, 107 ; ma anche Bedina 2003.

156 Amatus Casinensis, Historia, I, XXXIV, p. 45, che aggiunge anche l’invio di doni da parte del Salernitano, e CMC, II, 56, p. 274. Si scrive di una generica fuga di Pandolfo dalla prigionia nel Chronicon Vulturnense, III, 5, p. 79.

157 Marazzi 2016, p. 33-34.

158 CMC, II, 56, p. 274-275. Sul ruolo dei Marsicani, ancora da approfondire, in questo difficile frangente storico ma anche nei decenni precedenti cf. Marazzi 2016, p. 31.

159 Amatus Casinensis, Historia, I, XXXIV, p. 45.

160 Ibid., I, XXXIX, p. 51-52.

161 Marazzi 2016, p. 35.

162 Amatus Casinensis, Historia, I, XXXXI, p. 52, ma cf. nota 4, p. 53, per la datazione ; Annales Casinenses ex Annalibus, p. 1413.

163 CMC, II, 56, p. 275 ; Amatus Casinensis, Historia, I, XLII, p. 52 : Rainulfo avrebbe sposato la sorella di Sergio, vedova del duca di Gaeta ; Annales Casinenses ex Annalibus, p. 1414 ; Bloch 1986, I, p. 31.

164 RPD, n. 276, p. 846-847.

165 Soprattutto CMC, II, 56, p. 276, ma cf. Bloch 1986, I, p. 31, 35.

166 Il protospatario Pothus Argyrus, nel marzo del 1032, offrì a Basilio un privilegio : RPD, I, n. 142, p. 445-446, cf. von Falkenhausen 1978, p. 202.

167 CMC, II, 57, p. 277-279.

168 Ibid., II, 58, p. 279-280. L’anno di morte di Teobaldo è stato molto discusso, cf. Bloch 1986, I, p. 314-315, che propende per il 1035. Pongono invece la sua morte tra il 1035 e il 1037 i più recenti editori di CMC (p. 285 e nota 2) e nel 1036 l’editore di Amatus Casinensis, Historia, p. 50 (a margine).

169 CMC, II, 59, p. 280-281.

170 Bloch 1986, I, p. 315. Sulla figura di Basilio e sul suo governo cassinese cf. von Falkenhausen 1992, p. 81-87.

171 CMC, II, 61-62, p. 285-286.

172 Ibid., II, 62, p. 286.

173 Ibid., p. 287. Sulla figura di Gaitelgrima cf. Stasser 2003, p. 30-31.

174 Sul Principato di Guaimario si veda Taviani-Carozzi 1991, I, p. 299, 308, 321, 353, 362, 370-373, 401-404, 435, 448, 453, 465, 575, 581, 633, II, p. 679-680, 715, 728, 762, 768, 839, 843-847, 856-861, 897, 907, 930, 940, 945, 970, 980, 997, 1008, 1021, 1035, 1092.

175 Stasser 2003, p. 9-20.

176 Amatus Casinensis, Historia, I, 40, p. 52.

177 Su tali circostanze cf. Marazzi 2016, p. 38-39.

178 Amatus Casinensis, Historia, II, 3, p. 59-60.

179 Galfredus Malaterra, De rebus (a), I, VI, p. 10, e Galfredus Malaterra, De rebus (b), I, VI [b].

180 Tabacco 1992, p. 43.

181 Desiderius Casinensis, Dialogi, I, 9, p. 69.

182 CMC, II, 63, p. 288. Sulle due discese di Corrado II nel 1037 e nel 1038 in Italia e sui tre mesi di permanenza nel Mezzogiorno, però, si vedano Böhmer 1951, p. 129-138, e Houben 1987, p. 83. Molto più sintetico il resoconto in Wipos Gesta Chuonradi, p. 37.

183 Desiderius Casinensis, Dialogi, I, 9, p. 69.

184 Ibid. e CMC, II, 63, p. 290-291.

185 CMC, II, 63, p. 291-292. Sulla figura di Richerio e il suo abbaziato, oltre alle fonti e alla bibliografia citate infra, cf. Galdi 2016 a.

186 Amatus Casinensis, Historia, II, 5, p. 62.

187 Hoffmann 1967, p. 313, 316. Il mese e l’anno sono confermati in : Annales Casinenses, p. 306, Annales Casinenses ex Annalibus, p. 1414, Annales Cavenses, p. 32, mentre altre fonti si limitano a registrare l’elezione, per es. Chronicon Vulturnense, III, p. 84.

188 CMC, II, 63, p. 291-293.

189 Wühr 1948, p. 390.

190 Annales Altahenses maiores, p. 51.

191 Cf. soprattutto Jung 1989.

192 Sulla storia del monastero si veda Baronio (a cura di) 2002.

193 Dormeier 2003, p. 514.

194 Corrado II, il 28 febbraio del 1036, gli aveva confermato diritti e proprietà, DD K I, n. 227, p. 373-376.

195 Dell’Omo 1999, p. 35.

196 DD K I, n. 270, p. 373-376 ; RPD, n. 133, p. 421-425. Cf. CMC, II, 65, p. 295.

197 RPD, I, n. 20, p. 113-116.

198 Capitani 2000.

199 Houben 1987, p. 75-76.

200 Fedele 1905, p. 14, 16.

201 CMC, II, 63, p. 292, Secondo la III redazione delle CMC, Corrado, su sollecitazione dello stesso Guaimario, avrebbe investito Rainulfo della contea di Aversa e restituito il governo dell’archidiocesi al legittimo Atenolfo, II, 63, p. 292, circostanze registrate già da Amatus Casinensis, Historia, II, 6, p. 64.

202 Cf. Böhmer 1951, p. 136-137.

203 Amatus Casinensis, Historia, II, 12, p. 70 ; CMC, II, 63, p. 293.

204 Amatus Casinensis, Historia, II, 7, p. 65-66.

205 Su Maniace, oltre a Luzzati Laganà 2007, p. 28-30, si vedano von Falkenhausen 1978, p. 95-96, e Cheynet 1996, p. 48-49, 57-58, passim.

206 Amatus Casinensis, Historia, II, 8, p. 66-67 ; Galfredus Malaterra, De rebus (a), I, VII, p. 10-11, Galfredus Malaterra, De rebus (b), I, VII [b] : secondo Goffredo, per Guaimario sarebbe stato un modo per liberarsi dei Normanni. La circostanza è narrata anche nella terza redazione di CMC, II, 66, p. 298.

207 Si veda la solenne conferma a Montecassino del 12 giugno 1040, pervenuta in originale : CMC, II, 65, p. 302 ; Bloch 1986, I, p. 203 ; RPD, III, n. 363, p. 1045-1050. Per la donazione della chiesa amalfitana di S. Nicola (25-10-1039), attestata dal solo Pietro Diacono : Bloch 1986, I, p. 424 ; RPD, III, n. 370, p. 1063-1065 ; CMC, II, 65, p. 295 (CDMS).

208 CMC, II, 67, p. 301-302.

209 Ibid., II, 68, p. 304-306. Cf. Fabiani 1968, p. 76.

210 CMC, II, 69, p. 306-308.

211 Ibid., II, 70, p. 308.

212 Décarreaux 1974, p. 46 ; Fabiani 1968, p. 75.

213 Bloch 1986, I, p. 176, 194.

214 Amatus Casinensis, Historia, II, 42, p. 108-109 ; CMC, II, 71, p. 310-311 ; Annales Casinenses, p. 306 ; Annales Casinenses ex Annalibus, p. 1416 ; Annales Cavenses, p. 32.

215 Desiderius Casinensis, Dialogi, III, 22, p. 132-133 ; CMC, II, 71, p. 311.

216 Toubert 1976, p. 696-700.

217 Ibid., p. 696-697.

218 Ibid., p. 696-697. Cf. Martin 2008, p. 179.

219 CMC, II, 74-76, p. 315-320 ; Bloch 1986, I, p. 192 ; RPD, III, n. 369, p. 1061-1062. Cf. Fabiani 1968, p. 79-80.

220 Ai primi due sinodi sarebbe stato presente Richerio, v. Dormeier 2003, p. 315.

221 CMC, II, 77, p. 320-322.

222 Ibid., II, 78, p. 322-323 ; KK H III, n. 184, p. 228-230 ; RPD, I, n. 134, p. 426-430.

223 CMC, II, 78, p. 323.

224 Marazzi 2016, p. 44-45.

225 È impossibile rendere conto in questa sede della storiografia, anche più recente, relativa a Leone IX e al suo contributo al processo di Riforma/Riforme della Chiesa. Mi limito a segnalare il recente volume di G. M. Cantarella e A. Calzona (a cura di) 2012, e soprattutto, anche per l’aggiornata bibliografia, il saggio ivi compreso di Longo 2012. Sul rapporto tra il papa e i Normanni cf. almeno Cantarella 2014, particolarmente p. 379-386.

226 CMC, II, 79, p, 324. Nello stesso 1050 Leone si sarebbe fermato anche a Salerno e Melfi secondo Amatus Casinensis, Historia, II, 15-16, p. 130.

227 CMC, 78, p. 324-325, ma per le integrazioni di Pietro Diacono a questo passo cf. Bloch 1986, II, p. 820, n. 271.

228 RPD, I, nn. 21, p. 117-120 (1052-1054), 22, p. 121-123 (20-5-[1052]), 24, p. 125-126 [aprile-maggio 1049], 25, p. 127-128 (29-5-[1053]).

229 Durante il pontificato di Leone IX, secondo Andrea (che scriveva tra il 1041 e il 1043), uno dei redattori dei Miracula s. Benedicti, s. Benedetto sarebbe apparso a Richerio confermando la presenza delle sue reliquie nel monastero francese di Fleury, si veda Galdi 2014 b, p. 7-8.

230 Desiderius Casinensis, Dialogi, III, p. 151-159.

231 CMC, II, 85, p. 333-334. Prima del luglio 1054, Costantino Monomaco avrebbe concesso a Montecassino due libbre d’oro annue, v. RPD, n. 144, p. 149, cf. Bloch 1986, I, p. 4, nota 3, 37-38, nota 3.

232 Loud 1994, p. 44.

233 Bloch 1986, I, p. 185, 387, 412, 425-426, 457 ; II, p. 646, 714, 720-721, 799, 828, 843.

234 Bloch 1986, I, p. 449, II, p. 753 ; RPD, n. 336, p. 981-986 ; CMC, II, 83, p. 331-332.

235 CMC, II, 86, p. 337.

236 Ibid., II, 88, p. 339 ; Bloch 1986, I, p. 361, 392, II, p. 859. Cf. RPD, III, p. 1066 ss.

237 Annales Altahenses maiores, p. 51.

238 Cf. Constable 2002, p. 157.

239 CMC, II, 88, p. 339-340. La sua morte è annotata anche in altre fonti : Amatus Casinensis, Historia, p. 165 ; Annales Casinenses, p. 306 ; Annales Casinenses ex Annalibus, p. 1417 ; Annales Cavenses, p. 33-34 ; Chronicon Vulturnense, III, p. 88). Il legame tra Richerio e il suo primo monastero bavarese è testimoniato dalla registrazione della sua morte nel necrologio di Niederaltaich, anche se erroneamente al 13 dicembre : Necrologia Germaniae, p. 70 ; Wühr 1948, p. 441 ; Hoffmann 1967, p. 315.

240 Dell’Omo 1999, p. 35-36.

241 CMC II, 86, p. 336-337.

242 Ibid., II, 89, p. 340-341. Cf. D’Onofrio 2003 e Dell’Omo 1999, p. 191.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Amalia Galdi, « Alle origini dell’Aureum Saeculum desideriano : Montecassino tra i secoli X-XI », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge [En ligne], 129-2 | 2017, mis en ligne le 03 avril 2018, consulté le 09 décembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/mefrm/3705 ; DOI : 10.4000/mefrm.3705

Haut de page

Auteur

Amalia Galdi

Università degli studi di Salerno, Dipartimento di Scienze del Patrimonio culturale – amgaldi@unisa.it

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals