Navigation – Plan du site

Résumés

Il castello di Corneto fu edificato tra fine IX e inizi X secolo, all’interno di un sistema insediativo costellato da un numero elevato di piccoli villaggi nucleati ed aperti (vici) e da insediamenti dispersi. In un primo momento la nuova struttura ebbe dimensioni ridotte, una torre con annesso un piccolo villaggio. Ma sul finire del X e soprattutto nel secolo seguente ebbe un decisivo sviluppo urbanistico e demografico. Accanto all’originaria torre fu aggiunto il castello che prese ad essere abitato da una élite costituita da proprietari terrieri, giudici, notai e funzionari pubblici. Questo notabilato si pose in rapporti di solidarietà verticale con i marchesi di Tuscia e per conto di costoro iniziò ad esercitare prerogative e funzioni pubbliche. Quando la marca di Tuscia andò in crisi, (tra gli anni ’70 e ’80 dell’XI secolo) fu proprio l’aristocrazia cornetana che dette avvio al processo che ha condotto nel giro di un cinquantennio alla nascita del comune. L’originalità dell’esperienza di Corneto sta soprattutto nel fatto che a dare avvio all’esperienza municipale furono soltanto le élites locali, senza alcuna mediazione di personaggi di rango comitale o marchionale e senza alcun intervento delle autorità vescovili.

Haut de page

Texte intégral

Introduzione

1Al centro di questo contributo vi è la peculiare vicenda di un castello di piccole dimensioni (Corneto, oggi Tarquinia, in provincia di Viterbo) che nel giro di qualche secolo ha raggiunto i vertici della gerarchia insediativa della regione. Seppure con molte zone d’ombra, è possibile ricostruire con buona approssimazione le fasi dell’incastellamento di Corneto e chi ne fu il protagonista. Elementi di peculiarità caratterizzano l’epoca di incastellamento di Corneto. La costruzione del centro fortificato avvenne infatti precocemente rispetto a quanto accaduto in questa parte dell’Etruria meridionale. Anche i promotori di tale iniziativa rientrano in una casistica del tutto originale, essi erano piccoli aristocratici, del posto – proprietari terrieri – un caso quest’ultimo poco frequente in tutto il Lazio.

  • 1 Per il Lazio settentrionale non disponiamo di studi sull’incastellamento di X-XI secolo, un’area c (...)
  • 2 Sugli assetti insediativi tra IX e XI secolo nella zona attorno a Montefiascone e le origini di qu (...)
  • 3 Tra i documenti amiatini e farfensi sono rintracciabili funzionari pubblici che portano gli stessi (...)
  • 4 Gastaldi, vicecomites e boni homines cornetani sono presenti nei placiti tenuti a Corneto nell’XI (...)

2L’incastellamento nella Tuscia meridionale non ha avuto – come noto – origini precoci. Il periodo di più intensa costruzione dei castelli è collocabile tra la fine dell’XI e soprattutto nei due secoli seguenti. Infatti molti centri che attualmente compongono la provincia di Viterbo traggono la loro origine proprio nel periodo racchiuso tra fine XI e XIII secolo, che coincide anche con la più importante mutazione per quanto riguarda gli assetti insediativi del territorio. La precocità di incastellamento di Corneto (tra fine IX ed inizio X secolo) rappresenta un’anomalia con quanto accaduto nel resto della regione1. Il periodo di incastellamento di Corneto è grosso modo analogo a quanto stava avvenendo nei dintorni di Roma, nell’Agro romano. Ma a differenza di quanto è avvenuto in area romana e nella Sabina, l’iniziativa di costruzione del castello non ha avuto luogo per impulso di stirpi signorili o di grandi istituzioni ecclesiastiche, ma di un gruppo omogeneo di piccoli aristocratici locali, residenti negli insediamenti nucleati ed aperti che costellavano le campagne della Tuscia meridionale (i vici). Anche sotto questo aspetto l’esempio cornetano rappresenta in quest’epoca, un unicum, pur se forse un percorso simile fu seguito da pochi altri centri della zona diversi decenni dopo l’avvenuta fortificazione di Corneto (tra questi segnalo Montefiascone, incastellato entro il primo decennio dell’XI secolo)2. Questa aristocrazia locale traeva le sue origini dagli antichi arimanni di epoca longobarda e carolingia, possessores di fondi, che in molti casi esercitavano funzioni pubbliche. La documentazione ci presenta un nutrito gruppo di funzionari che, nonostante il cambio di regime avvenuto dopo il crollo del Regnum Langobardorum, mantenne, in epoca carolingia, analoghe funzioni amministrative e di governo dei territori3. Quando poi questi stessi territori entrarono a far parte della marca di Tuscia (intorno al X secolo), le élites si riposizionarono legandosi ai marchesi ed istaurando rapporti verticali di solidarietà4. Sono altresì scarsamente documentate relazioni tra Corneto e personaggi di rango comitale, tutte comunque, concentrate tra fine X e XI secolo. Ancora una volta, quando la marca di Tuscia entrò in crisi e contemporaneamente si innescarono le lotte tra papato e impero per la riforma della Chiesa (anni ’70 e ’80 dell’XI secolo), furono gli appartenenti all’aristocrazia locale ad avviare il processo che ha condotto precocemente Corneto a dotarsi del regime consolare, senza alcuna mediazione di sorta, basandosi sulle esperienze accumulate fin dai tempi in cui svolgevano compiti giurisdizionali e in alcuni casi anche amministrativi tra le fila dei fideles dei marchesi di Tuscia.

Il contesto storico

  • 5 Böhmer – Mühlbacher 1908, II, 286b, e 643. Un esaustivo commento alle promesse di donazione caroli (...)
  • 6 Il primo documento che riporta nell’intestazione il nome del papa è una cartula venditionis redatt (...)
  • 7 Kurze 1974-2004, I,132, p. 279-281.
  • 8 Un’ottima panoramica su questi secoli è ricostruita da Tabacco 1989, p. 1-17.

3A seguito della caduta del Regnum Langobardorum (774) e dopo lunghe e controverse trattative, gli imperatori carolingi cedettero ai pontefici la parte meridionale della Tuscia longobarda. Tra il 787 e l’817 Populonia, Roselle, Sovana, Orvieto, Tuscania ed altre località minori, passarono virtualmente sotto il controllo papale5. In realtà queste concessioni non ebbero nell’immediato effetti pratici, sia sotto l’aspetto politico-militare sia sotto quello giurisdizionale. I soli evidenti cambiamenti che si possono registrare attraverso la lettura delle fonti scritte sono individuabili nella intestazione dei documenti. Prima del 787 negli atti notarili erano registrati il nome del re e gli anni del suo regno. A partire da quella data negli atti privati o compare il solo nome del pontefice regnante, oppure vengono riportati contemporaneamente sia il nome del papa che quello dell’imperatore6. Al di fuori di questo cambiamento altri più sostanziali mutamenti di natura politico-militare e giurisdizionale non sembra che siano avvenuti. Non è chiaro se ciò sia dipeso dalla riluttanza degli ufficiali carolingi, restii a trasferire le loro competenze, o per altri motivi di cui resta difficile stabilire le cause. A rendere ancora più « caotica » la situazione intervenne lo stesso imperatore Ludovico II, il quale affidò ad regendum al marchese Adalberto I (4 luglio 853) il monastero di San Salvatore al Monte Amiata, con tutte le sue ingenti proprietà, le relative decime ed altri censi7. In questo modo il marchese riuscì ad espandere la sua sfera d’influenza su tutta la Tuscia meridionale. Questa situazione nella nostra area si mantenne anche a seguito della fine della dominazione carolingia in Italia e continuò nonostante la crisi endemica del regno durante il X secolo. Il fatto che la Tuscia meridionale si trovasse sostanzialmente in una situazione periferica, sia rispetto al regno sia ai domini papali, facilitò i marchesi di Tuscia nel mantenere su questa microregione il loro saldo controllo, che sostanzialmente è bene individuabile fino ai tempi della marchesa Matilde8. Un’ottima cartina di tornasole per verificare l’effettiva capacità di governo dei marchesi di Tuscia su questa regione è rappresentato da una serie di atti giudiziari ai quali costantemente hanno preso parte o gli stessi marchesi, oppure personaggi da loro delegati, i gastaldi, e riguardanti cause attinenti personaggi del posto o beni immobili collocati tra Corneto e Tuscania.

  • 9 Kurze 1974-2004, II, 242 ; Manaresi 1955-1960, II, 284, p. 538-541.
  • 10 Giorgi – Balzani 1879-1914, III, 405, p. 215 ; Manaresi 1955-1960, II, 297, p. 587-590.
  • 11 Giorgi – Balzani 1879-1914, V,1049, p. 49-50 ; Manaresi 1955-1960, III, 455, p. 371-373.
  • 12 La cella di Santa Maria sul fiume Mignone fu fondata in una data imprecisata, ma comunque nei prim (...)

4Un primo esempio di questo genere è rappresentato dal placito tenuto presso il vicus di Corneto (di cui farò debito riferimento più avanti) nel 1014. Il dibattimento era stato richiesto dall’abate Winizo del monastero di San Salvatore al Monte Amiata, perché un certo Giovanni figlio di Uberto del castello di Corneto, aveva conteso al monastero alcuni beni ubicati in area cornetana, ma non potendo dimostrare con documenti o testimonianze attendibili la bontà delle sue pretese, fu costretto a rinunciare e a cedere quanto conteso ai monaci amiatini9. Tre anni dopo è lo stesso marchese Ranieri a presiedere un nuovo placito nel castello maremmano. Questa volta fu l’abate Ugo di Farfa ad interpellarlo. Egli sosteneva che un certo Astaldo figlio di Ugo, abitante di Corneto, aveva sottratto al suo monastero il possesso delle chiese cornetane di San Pellegrino e Sant’Anastasio e altri beni assegnati al monastero a suo tempo dal padre di Astaldo, Ugo10. Nel 1080, un altro abate farfense, Berardo, si presentò a Corneto presso la residenza della marchesa Matilde per chiedere che fossero riconosciuti i diritti che la sua abbazia deteneva sulla chiesa cornetana di San Pietro11. A contrastare l’abate sabino erano ancora una volta dei Cornetani : Lupone e i suoi familiari e il preposto della chiesa contesa. Costoro sostenevano che i loro diritti derivavano da un atto di refuta che l’allora abate dei Santi Cosma e Damiano in Trastevere (che in precedenza controllava la cella di Santa Maria sul Mignone e indirettamente anche le proprietà dipendenti o correlate) aveva fatto loro. La marchesa, con il sostegno degli altri membri del collegio giudicante, dette ragione a Farfa12. I tre placiti hanno in comune innanzitutto le motivazioni per cui vennero convocati e poi gli esiti. Furono sempre gli abati delle due importanti abbazie a richiederne la convocazione, perché consideravano illegittimo il possesso di beni immobili che a loro parere alcuni abitanti di Corneto (probabilmente degli aristocratici) detenevano. Anche gli esiti ebbero la medesima risoluzione : sempre vinti dai rappresentanti dei due cenobi, poiché erano gli unici che potevano fornire una documentazione scritta valida e attestante le loro pretese. Da questi dibattimenti però sembra emergere anche un altro aspetto : alcuni rappresentanti del notabilato locale appaiono insofferenti e probabilmente provarono a contrastare la presenza dei due cenobi, in un momento storico in cui la crescita economica e l’espansione urbanistica di Corneto proiettavano l’aristocrazia locale verso aspirazioni di autonomia sempre più forti e la presenza delle due strutture monastiche diveniva più ingombrante. L’XI secolo, d’altro canto, ha rappresentato il momento di svolta per le aristocrazie cornetane. Progressivamente il notabilato locale prese piena consapevolezza della sua forza economica e, in un certo senso, politica. É proprio durante la seconda metà di questo secolo che presero avvio i primi embrionali elementi del futuro organismo comunale.

Le origini di Corneto

  • 13 Per Luni e San Giovenale Andrews 1989, p. 123-136. Su Norchia (Orcla) Schneider 1975, p. 28-29.
  • 14 Toubert 1973, p. 455.
  • 15 Kurze 1974-2004, I, 1, anno 736 ; 2, anno 735 ; 12, anno 765 ; 25, anno 775 ; 34, anno 787 ; 43, a (...)

5Prima di affrontare le origini e le fasi che hanno scandito l’incastellamento di Corneto, è opportuno gettare sommariamente il nostro sguardo sugli assetti insediativi altomedievali della regione. Dal momento in cui ricompaiono (circa anni Trenta dell’VIII secolo), le fonti scritte ci restituiscono un quadro insediativo abbastanza delineato e strutturato. Accanto a Tuscania, il capoluogo di gran parte della Tuscia meridionale e centro residenziale dei maggiori funzionari pubblici, altre cittadine costituivano i poli di aggregazione per le élites : Ferento, Bagnoregio, Bomarzo, Bolsena e Castro, tutti in vari momenti residenze episcopali. Non va poi tralasciato Viterbo, un importante castello già in epoca altomedievale e destinato ad assumere un ruolo egemone e centrale in tutta la regione tra fine XI e XIV secolo. La struttura insediativa altomedievale era poi completata da altri castelli minori, per lo più posti lungo il confine longobardo-bizantino e nati per scopi eminentemente militari, tra cui spiccano Norchia (Orcla), San Giovenale e Luni13. Le campagne erano poi costellate dagli insediamenti dispersi, dalle case coloniche dei massari o dei piccoli – se non piccolissimi – allodieri, e, soprattutto, da un impressionante numero di insediamenti nucleati ed aperti : i vici, strutture che appaiono abitate dai numerosi possessores laici della zona. Tale peculiare forma d’insediamento non sfuggì all’occhio attento di Pierre Toubert che per primo segnalò il vicus come distintivo insediamento della Tuscia romana, in particolare attorno a Viterbo (« Le terme de vicus dans les actes de Farfa est d’un emploi rigoureusement circonscrit à la Tuscie romaine autuour de Viterbe »)14. Grazie alla documentazione del fondo amiatino (non presa in considerazione dal grande storico francese) possiamo affermare che il vicus rappresentò per tutto il IX secolo la forma di stanziamento tipico di tutta la Tuscia meridionale e non solo delle zone attorno a Viterbo15.

  • 16 I vici di cui ho certezza che furono incastellati sono i seguenti : vicus Mamilianus costituì una (...)
  • 17 Vedi nota due.

6Il panorama insediativo tipico di VIII e IX secolo dovette progressivamente mutare già a partire dal X secolo, cambiamenti che sembrano ormai compiuti e ben delineati dai primi decenni del Mille : i vici sono infatti pressoché scomparsi dalla documentazione. Evidentemente le aristocrazie della zona che in qualche modo avevano prodotto la spinta propulsiva per il mantenimento e l’affermazione di queste strutture insediative, anche con la costruzione di chiese private al loro interno, avevano poi optato per una forma diversa di insediamento, appunto trasferendo in un unico centro le loro residenze. Alcuni villaggi – pochissimi per la verità – furono incastellati, molti furono – è molto probabile – abbandonati16; come è altamente probabile che siano state le stesse élites a decretarne la fine, optando, come detto, per trasferire le loro residenze presso i centri demici che ritenevano avessero le maggiori possibilità di sviluppo. Quel che rimane certo è che in concomitanza con la crisi dei vici notiamo, da un lato, il portentoso incremento del castello di Viterbo e, dall’altro, seppure con diversi decenni di distanza, la nascita dei castelli di Corneto, appunto, e di Montefiascone17.

  • 18 Per un quadro generale sulla storia e sugli scavi archeologici alla Castellina di Tarquinia, Casoc (...)
  • 19 Supino 1969, 17, 248, 321 e 345.
  • 20 Giorgi – Balzani 1879-1914, V, 1235, p. 221.
  • 21 Giorgi – Balzani 1879-1914, 1280, p. 265.
  • 22 Vedi nota 18.

7Corneto, oggi Tarquinia, non va confusa con la rinomata metropoli etrusca – in seguito municipio romano – di Tarquinii (Tarxuna), oggi Castellina di Tarquinia. I due centri, posti a poca distanza l’uno dall’altro, hanno convissuto distintamente per alcuni secoli in epoca medievale, ognuno con una propria storia e un diverso destino. La Tarquinii etrusca già in epoca tardo antica fu segnata da una profonda crisi demografica ed economica. Nell’alto medioevo non riuscì a risollevarsi e si ridusse ad un piccolo centro con un modesto sviluppo socioeconomico18. In età carolingia divenne un possesso del monastero di San Salvatore al Monte Amiata (quattro delle cinque chiese lì presenti erano dei monaci amiatini). Nei documenti del fondo di San Salvatore, non è mai indicata come castrum, come invece appare dai documenti della Margarita cornetana, comunque tutti, quest’ultimi, relativi al Duecento19. È possibile che in età alto medievale Tarquinii costituisse un distretto rurale al quale erano aggregate le comunità che vivevano disperse nei fondi circostanti. Tra i testimoni di una donazione a Farfa del 1045/1046, è indicato un certo Iohannes castaldus de Tarquinio20. L’atto è stato redatto presso Corneto e i beni concessi riguardano non Tarquinii, ma Corneto. E molto probabile che Iohannes svolgesse le sue mansioni di gastaldo proprio presso Corneto, ma che fosse originario della limitrofa Tarquinii. Lo stesso personaggio è ricordato come livellario di un terreno presso Corneto « ad ponticellum »21. Soltanto a partire dal Duecento Tarquinii compare indicato come un castello, dotato di una élite locale. Fu distrutto dai Cornetani nel 130722.

  • 23 Kurze 1974-2004, I, 55, p. 110-111.
  • 24 La citazione è contenuta nel privilegio di Leone IV a favore del vescovo di Tuscania Virobono, cfr (...)
  • 25 Supino 1968, p. 131.

8Corneto, seppure vicinissima alla più illustre e nota città etrusca e romana, non sembra avere origini così prestigiose. Anche se, bisogna chiarirlo, alcuni ritrovamenti di materiale archeologico di epoca antica ne attestano quantomeno delle frequentazioni. Nell’805 compare per la prima volta in un documento scritto il sostantivo Cornietu riferito a una valle valle qui dicitur in Cornietu23. Ancora a metà del IX secolo, viene usata l’espressione in finibus vero Maritime territorio Corgnetensi fundum, qui vocatur Poppelupoli24. Non è chiaro se già all’epoca Corneto era divenuto un centro abitato, seppure di modesta estensione ; dubbi restano sul significato da attribuire all’espressione territorium, se già all’epoca esso sottintendesse un distretto attinente ad un centro abitato, castello o civitas. Paola Supino sostiene che già all’epoca Corneto (« sarebbe senz’altro riconducibile ad un’unità amministrativa, a un distretto fiscale »)25.

  • 26 Giorgi – Balzani 1879-1914, III, 352, p. 54-55.

9Comunque sia, è sul finire del IX o al più tardi nei primi decenni del secolo successivo che Corneto venne fortificata. Il primo riferimento in tal senso è contenuto in un atto del 939, con il quale l’abate di Farfa Campone cedette delle terre poste nel territorio di Tuscania, ricevendone altre ubicate nel territorio di Centumcellae (Leopoli-Cencelle), ad alcuni habitatores in turre de Crgnito, finium (così nel testo) Maritimae, territorii Tuscanensis26. La contemporanea presenza di una torre e di alcuni abitanti lì residenti fa supporre l’esistenza di una struttura fortificata, appunto una torre, e di un villaggio o di un insediamento nucleato più piccolo ad essa collegato.

  • 27 Egidi 1914, p. 4.
  • 28 Ad esempio cfr. Giorgi – Balzani 1879-1914, III, 505, p. 213-214, anno 1017, « in castello et turr (...)
  • 29 Chris Wickham sottolinea con forza questo fatto e ne elenca i possibili casi nelle diverse zone un (...)
  • 30 Settia 1988, p. 124.

10In un contratto di compravendita del 976 è attestato per la prima volta in una fonte scritta anche il castello di Corneto, nello specifico un certo Bunteandimundo qui super nomen Teuco, vocatur, qui est abitator in castello turre de Corgnetu in finibus Maritima, territorrio Tuscanensem vende la sua quota di cinque casali posti tra il fiume Mignone e il fosso Verginese (evidentemente localizzati sui vicini Monti della Tolfa)27. Il fatto è di per sé inusuale, che vengano riferiti contemporaneamente all’abitato di Corneto una turris e un castellum nel momento in cui si vuole chiarire l’appartenenza di un personaggio a Corneto. Comunque sia, medesima espressione (o con qualche piccola variante che comunque non ne muta la sostanza) è usata in diversi atti notarili, tutti appartenenti all’XI secolo28. È probabile che l’iniziativa di incastellamento sia partita da un gruppo omogeneo di proprietari terrieri residenti nei vici dei dintorni, i quali potrebbero aver constatato l’opportunità e i vantaggi che sarebbero scaturiti dal loro trasferimento in un nuovo centro, più grande e fortificato. Era prassi che nell’alto medioevo le aristocrazie risiedessero non nei villaggi, ma nelle città e ciò costituisce un indicatore importante per cogliere la dipendenza o l’autonomia dei contadini dipendenti dagli aristocratici29. Anche dal punto di vista topografico Corneto si prestava a simili aspirazioni, un castello che sorgeva come molti altri (« accanto piuttosto che intorno ai centri di interesse economico ed abitativo »)30, ai vici e alle strutture di produzione agricola ; ottimo per la posizione strategica, a giusta distanza del capoluogo (Tuscania), favorevole alle comunicazioni per la commercializzazione dei prodotti agricoli. Del resto, anche i pochi documenti a nostra disposizione, sostanzialmente costituiti da atti privati, concentrati soprattutto a cavallo dell’XI secolo, confermano la presenza a Corneto di un nutrito gruppo di consortes, proprietari di fondi, che si relazionavano con i monaci amiatini e farfensi, rivestivano già all’epoca un ruolo ed un’importanza sociale egemone, ben al di sopra dei piccoli proprietari, livellari e affittuari di modesti lotti. Ma su costoro ritornerò a breve.

  • 31 Rispettivamente Kurze 1974-2004, II, 223 e 242.
  • 32 Per Sutri cfr. Vendittelli 2008 ; per Viterbo vedi Lanconelli 1992, p. 245-266.
  • 33 Giorgi – Balzani 1879-1914, IV, 603 e 824, p. 2 e 225-226 ; vol. V, 1049 e 1235, p. 206-207 e 221  (...)
  • 34 Un caso analogo a quello di Corneto per certi versi è rappresentato da Castelseprio, centro fortif (...)

11È probabile che agli inizi del Mille Corneto abbia avuto un ulteriore sviluppo urbanistico e che ai due poli fortificati sia stato aggiunto un vicus, posto probabilmente nelle vicinanze se non a ridosso del centro fortificato. L’abitato nucleato ed aperto è menzionato in due documenti, quello più antico, del 1006, riguarda un contratto di compravendita, in cui i protagonisti sono due abitanti del vicus, l’altro, del 1014, è attinente al placito tenuto da Benedetto detto Fusco, gastaldo del marchese Ranieri e dal giudice imperiale Siifrido. In particolare, in quest’ultimo documento è specificato che il dibattimento si svolse intro in vicum vel castellu turre de Corgnitum, ancte curte et casa Ioanis, filius Uberto, at is qui cum eo era bonoru ominu31. La presenza di abitati nucleati aperti a ridosso se non sotto le mura di un centro fortificato egemone non è una peculiarità di Corneto ; casi analoghi per questo periodo sono noti e documentati a Sutri e a Viterbo32. In ogni caso, il deciso sviluppo urbanistico non dovette arrestarsi al primo decennio dell’XI, ma al contrario dovette prolungarsi per tutto il secolo. Non deve trattarsi di un caso o di qualche forma stilistica tratta dai formulari notarili il fatto che negli atti relativi all’XI secolo Corneto venga molto spesso indicata anche come civitas, castellum turris de Corgnito que civita vocatur33. È altresì il segno evidente dello sviluppo di questo castello e della sua progressiva affermazione ai vertici della gerarchia insediativa della regione. L’espansione urbanistica fu strettamente correlata ad un intenso sviluppo demografico ed economico34, determinato anche da condizioni socio economiche favorevoli e dall’appartenenza ad una struttura politica che per gran parte del secolo si mantenne pressoché stabile : la marca di Tuscia. Il notevole sviluppo di Corneto fece perdere d’importanza alla vicina Tuscania. Da tempo non era più la residenza dei funzionari pubblici, che adesso stabilmente ritroviamo a Corneto ; Tuscania continuò ad essere un centro diocesano di una certa rilevanza. A contribuire al notevole sviluppo economico di Corneto, concorse il suo porto, collocato presso l’antico scalo romano di Gravisca (in seguito Porto Clementino).

L’aristocrazia e la nascita del comune di Corneto

  • 35 Già in un altro contratto di livello del 920 sempre di area cornetana un altro personaggio, Aceris (...)
  • 36 L’idea che i casali venduti vadano ricercati sui Monti della Tolfa scaturisce dal fatto che nel do (...)

12Nella citata permuta del 939 compaiono dei personaggi che risiedono presso Corneto. Essi sono i fratelli Sigifredus, Teuzo, Eribrandus, Iohannes e Belizo, proprietari terrieri che hanno interessi anche in prossimità o comunque nel territorio di Centumcellae (Leopoli-Cencelle). I terreni che permutano, infatti, consistono in alcuni casali che appartengono al territorio della città papale e in cambio ricevono dall’abate Campone di Farfa un terreno posto nel territorio del comitato di Tuscania. Altro dato che ricaviamo dal documento è che essi si identificano attraverso il matronimico, definendosi figli di Hermingarda35. L’atto fu sottoscritto presso la turrim de Corgnito e tra i firmatari c’era un certo Tedmarius scabinus, come pure scabino era il notaio Iohannes, redattore dell’atto, il che fa supporre che già all’epoca presso il castello cornetano fossero presenti ed operassero anche dei notai ed esperti di legge. Invece nell’atto di compravendita del 976, il protagonista è un certo Ugo, figlio di Bunteandimundo, soprannominato Teuzo, abitante presso Corneto, che risulta possessore di una parte di cinque casali, presumibilmente posti sui vicini Monti della Tolfa36.

  • 37 Documenti in cui sono presenti residenti di Corneto che sono in relazione con il monastero di San (...)
  • 38 Kurze 1974-2004, II, 242.
  • 39 Più volte nelle carte amiatine compare il giudice imperiale Sifridu, che provvede a redigere alcun (...)

13Compresi in un arco temporale che va dal 1004 al 1018 sono editi nel Codex diplomaticus Amiatinus otto atti consistenti in contratti di compravendita e donazioni pie che vedono come protagonisti personaggi residenti presso Corneto, i quali dispongono di beni immobili sia all’interno che nel territorio circostante il castello maremmano37. Dalla lettura dei documenti apprendiamo anche il nome di un consistente numero di personaggi cornetani che a vario titolo sono citati : ora come proprietari di beni che confinano con quelli che vengono ceduti/donati, ora come testimoni. Inoltre, tutta questa documentazione permette di intravedere una società che già agli inizi del Mille aveva una sua propria articolazione, all’interno della quale possiamo individuare una élite, i boni homines, che avevano diritto a partecipare alle assise giudiziarie celebrate all’interno del castello, come nel placito del giugno del 1014 a cui prese parte un consistente numero di cornetani38. Quello che in sostanza tutti questi documenti ci permettono di intravedere è una società strutturata al cui vertice si pone un notabilato che oltre a disporre di consistenti beni patrimoniali, svolge anche alcune funzioni giudiziarie, avendo il diritto a partecipare ai placiti. Inoltre, di questa incipiente militia fanno parte giudici, notai e figli di gastaldi che contribuiscono ulteriormente a strutturare la società cornetana39.

  • 40 Cortese 2014, p. 71.
  • 41 Sulla militia rimane imprescindibile Maire Vigueur 2004, in particolare per le origini di questo c (...)
  • 42 Per la definizione del paradigma perugino, rimando a Tabacco 1988, p. 281-302.

14Un altro dato su cui occorre riflettere è la mancanza per questo periodo di personaggi ascrivibili o riferibili ai ranghi comitali. In sostanza nelle vicende che condussero Corneto, come pure Viterbo, alla istituzione del regime consolare, il livello più elevato delle aristocrazie italiche non svolse alcun ruolo decisivo, né, per dirla come Maria Elena Cortese, « aveva fatto da ponte per garantire la perpetuazione della centralità istituzionale e politica urbana »40. Era il possesso allodiale di ogni lignaggio, come da altre parti, la necessaria base da cui partire per aspirare a posizioni di rilievo. In definitiva la militia, il ceto superiore che vedremo impegnato durante il regime consolare a guidare la città, non sembra avere origini da appartenenti all’aristocrazia signorile. Potremmo definirla « una militia senza signori », poiché traeva la sua origine dal dinamismo economico ed imprenditoriale di singoli personaggi o tutt’al più da raggruppamenti familiari, comunque correlato ad un intenso sviluppo demografico della città41. Corneto e Viterbo appartengono a pieno titolo al « paradigma perugino » : cioè si collocano all’interno di quel gruppo di città, diffuse soprattutto nel Piemonte meridionale, nel Veneto orientale, in Romagna, in Toscana e, appunto, in Umbria, dove la presenza di stirpi dotate di castelli e poteri signorili nel territorio è stata, durante l’epoca di formazione del comune, modesta o assente42. Siamo di fronte ad una aristocrazia che riesce a trasformare, nel giro di un secolo o poco più, un importante castello in una vera e propria città, con aspirazioni di dominio regionale.

  • 43 Kurze 1974-2004, II, 242, p. 110-112. Questi erano gli abitanti di Corneto che parteciparono al pl (...)
  • 44 Brancoli Busdraghi 1996, p. 298.
  • 45 Per il caso toscano cfr. Collavini 2012, p. 479-493
  • 46 Collavini 2012, p. 487.
  • 47 Brancoli Busdraghi 1996, p. 287- 342.

15Ma prima di occuparmi delle fasi di gestazione del comune cornetano, voglio continuare ad esaminare l’aristocrazia locale, per individuarne ancora più in profondità la reale consistenza politica. Come già detto a Corneto, analogamente a Viterbo, esistevano organismi, che de facto regolavano il normale svolgimento amministrativo locale. Vicecomites, ancora i gastaldi, giudici e boni homines castri, tutti presenti regolarmente nei placiti accanto (in alcuni casi anche per conto) del marchese di Tuscia43. Costoro appartenevano al notabilato castellano e rappresentavano (« una cerchia più o meno ampia di fideles cui sogliono essere affidati compiti di natura strettamente esecutiva, quali la riscossione dei proventi, la trasmissione di ordini, gli eventuali atti coercitivi »)44. È evidente che anche per Corneto i fideles così identificati costituivano un gruppo sociale omogeneo che aveva stretti rapporti con coloro che per gran parte del secolo avevano la signoria del castello, ovvero i marchesi di Tuscia. Costoro, come nella vicina Toscana, appartenevano a un ristretto gruppo di famiglie benestanti, che molto probabilmente avevano anche la forza politico-economica di egemonizzare le strutture comunitarie45. Purtroppo il silenzio delle fonti ci impedisce di verificare quali rapporti instaurarono i signori, nel caso specifico i marchesi di Tuscia, con queste élites. Se ad esempio si vennero a delineare forme di dipendenza più o meno ampia, che al loro interno prevedevano l’esclusione o la presenza dei rapporti vassallatici ; oppure se lo svolgimento dei servizi pubblici per conto dei marchesi prevedeva da parte del titolare dell’ufficio o della mansione l’esonero dai lavori inerenti la produzione ; se, infine, lo svolgimento di queste mansioni era occasione per lucrare e per accrescere ulteriormente la propria posizione all’interno del castello. In Toscana, come ha fatto notare Simone Collavini, gastaldi, vicecomites e boni homines rappresentarono l’elemento cardine localistico dell’ordine signorile (sia sul piano pratico, che su quello ideologico), disponendo di armati alle loro dipendenze con i quali esercitavano tutti quegli atti di violenza o intimidazione sulla popolazione contadina, « mai fine a se stessa, ma sempre portatrice di significati ulteriori »46. Brancoli Busdraghi dal canto suo ha dimostrato che i boni homines rappresentavano lo strato superiore delle società locali. Essi appartenevano all’antica classe arimannica, erano i milites, coloro cioè che combattevano a cavallo e si distinguevano dagli homines de masnada, che al contrario appartenevano a livelli sociali più bassi (alcuni erano ancora servi) e che prestavano i loro servizi armati combattendo appiedati.47

  • 48 L’espressione è di Banti 1987, p. 223.
  • 49 Nel 1157 Adriano IV riconobbe formalmente il comune d’Orvieto. L’atto è una convenzione con la qua (...)
  • 50 Sull’origine dei comuni nell’Italia centro-settentrionale Milani 2009 ; Menant 2011 ; Wickham 2017

16Quando poi la marca di Tuscia entrò in crisi, in concomitanza con l’accentuarsi dello scontro tra impero e papato riformatore (anni ’80 dell’XI secolo) e la presenza statale diventò « inefficace »48, a Corneto non vennero più celebrati placiti, si persero le tracce dei gastaldi e più in generale non abbiamo riscontri documentari di boni homines. Probabilmente questo momento rappresenta il punto nodale di gestazione delle autonome forme di governo. Ed i protagonisti di questa svolta sono coloro che un tempo erano i fideles del marchese, i boni homines, o i loro diretti discendenti. Le responsabilità dei boni homines cornetani e viterbesi nella creazione del comune sono ancora più evidenti rispetto ad altre realtà cittadine quando si considera che nei due centri non erano presenti né il vescovo né stirpi comitali. Per molte realtà cittadine il momento di passaggio dal controllo regio alla creazione dei regimi consolari ha visto la mediazione del vescovo o delle autorità marchionali o comitali ; a Orvieto e a Bagnoregio i vescovi lì residenti ebbero ruoli anche dopo che nei due centri si erano istituzionalizzate le magistrature comunali49. Ma a Corneto e a Viterbo tali istituzioni non c’erano, e la frattura tra vecchio e nuovo regime dovette essere ancora più marcata. Il compito di riorganizzare i nuovi ordinamenti ricadde unicamente sulle aristocrazie locali, le quali potevano contare al loro interno su personaggi dotati di esperienze e conoscenze giuridiche fondamentali: giudici e notai. Uomini dotati di quelle conoscenze ed esperienze nel disbrigo delle attività pubbliche, e ben consapevoli che alle nuove civitates occorresse definire non soltanto organismi amministrativi, ma anche dotarle di una solida base territoriale. L’importanza del ruolo svolto dai giuristi in questa fase embrionale fu decisiva, come lo fu successivamente quando le città avevano ormai un proprio ordinamento costituzionale definito50.

  • 51 Keller 1988, p. 57.
  • 52 Fabre – Duchesne – Mollat 1889-1952, II, p. 403.

17È evidente che in un contesto storico in cui il vecchio ordinamento imperiale era andato eclissandosi, e in cui signori laici ed ecclesiastici avevano approfittato per meglio dotarsi di regimi signorili, anche le nuove organizzazioni cittadine dovettero fare altrettanto. Il problema semmai è che soltanto molto più tardi i nuovi organi municipali si posero la necessità di organizzare dei propri archivi e questo per noi è una grossa lacuna. Hagen Keller ha affermato che (« non esiste alcun genere di fonte a cui possiamo domandare direttamente quando una città o una comunità rurale sia passata all'assetto comunale e che tipo di costituzione essa abbia avuto nella prima fase comunale »)51. La mancanza di un adeguato materiale documentario impedisce di capire e ricostruire il funzionamento delle nuove amministrazioni, i programmi adottati per dotare le città di una solida base territoriale. Comunque sia, la prima generica citazione di consoli cornetani, risale al 1143. In quell’anno i consoli furono delegati a partecipare alla costruzione della chiesa di Santa Maria in Castello. L’altra più circostanziata è del 20 novembre 1144, Gottifredus de Pinzone et Vezo Franconis consules, una cum Egidio vicecomite et Ranutio de Guittone, ex mandato et volu[n]tate aliorum consulum et populi Cronietane civitatis restituirono al pontefice Lucio II quicquid de regalibus beati Petri que sunt in Corneto, vel eius territorio, alienatum est vel ablatum ex quo Petrus quondam Prefectus Iohannis Michini primum habuit Cornietum, scilicet in domibus, terris, vineis, ortis, molendinis et portu52. La presenza di un visconte e di consoli che operano su mandato e per conto del popolo cornetano sono elementi assolutamente probanti che all’epoca ormai Corneto aveva raggiunto una propria organizzazione municipale. Il percorso che in duecentosessantotto anni aveva condotto una torre (un piccolo centro fortificato) a divenire una vera e propria città si era concluso. Senza scomodare lontane e non certe discendenza di tradizione arimannica di epoca longobarda-carolingia, è certo però che i protagonisti che hanno reso possibile questo sviluppo vanno individuati con i numerosi possessores: un variegato gruppo di allodieri che a partire dall’XI secolo ha ostacolato l’espansione monastica nella zona, ha avuto rapporti di solidarietà verticale con i marchesi di Tuscia e contemporaneamente ha maturato esperienze nell’amministrazione della giustizia e nel governo del castello. Furono poi i discendenti del notabilato locale ad approfittare delle circostanze storiche dell’ultimo ventennio dell’XI secolo per organizzare il loro centro in una civitas, ovvero a definire la prima embrionale organizzazione municipale. Dopo di che, provvidero le generazioni successive a perfezionare l’amministrazione comunale sul piano istituzionale e territoriale.

Haut de page

Bibliographie

Andrews 1989 = D. Andrews, Castelli e incastellamento nell’Italia centrale, in R. Comba, A.A. Settia (a cura di), Castelli. Storia e archeologia, Cuneo, 1989, p. 123-136. 

Arnaldi 1986 = G. Arnaldi, Le origini del Patrimonio di S. Pietro, in G. Galasso (a cura di), Comuni e signorie nell’Italia nordorientale e centrale : Lazio, Umbria e Marche, Lucca Torino, 1987, p. 3-151.

Augenti 2016 = A. Augenti, Archeologia dell’Italia medievale, Roma-Bari, 2016.

Banti 1987 = O. Banti, « Civitas » e « Commune » nelle fonti italiane dei secolo XI e XII, in G. Rossetti (a cura di), Forme di potere e struttura sociale in Italia nel medioevo, Bologna, 1987, p. 217-232.

Böhmer – Mühlbacher 1908= J.F. Böhmer, E. Mühlbacher, Die regesten des Kaiserreichs unter den Karolingern (751-918), II, Innsbruck, 1908.

Brancoli Busdraghi 1996 = P. Brancoli Busdraghi, « Masnada » e « Boni homines », come strumento di dominio delle signorie rurali in Toscana (secoli XI-XIII), in G. Dilcher, C. Violante (a cura di), Strutture e trasformazioni della signoria rurale nei secoli X-XIII, Bologna, 1996 (Annali dell’Istituto storico italo-germanico, Quaderno, 44) p. 287- 342.

Carocci 1994 = S. Carocci, Genealogie nobiliari e storia demografica. Aspetti e problemi (Italia centro-settentrionale, XI-XIII secolo), in R. Comba e I. Naso (a cura di), Demografia e società nell’Italia medievale. Secoli IX-XIV, Atti del convegno (Cuneo-Carrù, aprile 1994), Cuneo, 1994, p. 87-102.

Casocavallo – Alessandrelli – Peloso 2007 = B. Casocavallo, D. Alessandrelli, D. Peloso, Risultati preliminari alle indagini alla Castellina di Tarquinia. Storia di un castello medievale, in A. Cortonesi, A. Esposito, L. Pani Ermini (a cura di), con la Collab.L. Gufi, Corneto medievale : territorio, società, economia e istituzioni religiose, Atti del convegno di Studio, in Bullettino della Società tarquiniense d’arte e storia, 36, Tarquinia, 2007, p. 391-419.

Collavini 2012 = S.M. Collavini, Signoria ed élites rurali (Toscana, 1080-1225 c.), in MEFRM, 124-2, 2012, p. 479-493.

Cortese 2014 = M.E. Cortese, Aristocrazia signorile e città nell’Italia centro-settentrionale (secc. XI-XII), in M.T. Caciorgna, S. Carocci, A. Zorzi (a cura di), I comuni di Jean-Claude Maire Vigueur. Percorsi storiografici, Roma, 2014, p. 69-94.

Del Lungo 1994 = S. Del Lungo, S. Maria del Mignone, in Archivio della Società romana di storia patria, 117, 1994, p. 5-93.

Duchesne 1886-1892 = L. Duchesne (a cura di), Le Liber PontificalisTexte, introduction et commentaire, I-II Paris 1886-1892; III, Additions et corrections de Mgr L. Duchesne, a cura di C. Vogel, Paris 1957.

Egidi 1914 = P. Egidi, Un documento cornetano del secolo X, in Bullettino dell’Istituto storico italiano, 34, 1914, Roma, p. 1-6.

Fabre – Duchesne – Mollat = P. Fabre, L. Duchesne, G. Mollat (a cura di), Liber censuum de l’Église romaine, 3 vol. , Paris 1889-1952.

Falzetti – Mattei 2007 = C. A. Falzetti, D. Mattei (a cura di), Montalto di Castro, storia di un territorio, I, Dalle origini al medioevo, Viterbo, 2007.

Gasparri 2012 = S. Gasparri, Italia longobarda. Il regno, i Franchi, il papato, Roma-Bari, 2012.

Giorgi – Balzani 1879-1914 = I. Giorgi, U. Balzani (a cura di), Il Regesto di Farfa compilato da Gregorio di Catino, Roma 1879-1914 (Biblioteca della R. Società romana di Storia patria).

Herlihy 1994 = D. Herlihy, La famiglia nel medioevo, Roma-Bari, 1994.

Keller 1988 = H. Keller, Gli inizi del comune in Lombardia : limiti della documentazione e metodi di ricerca, in R. Bordone e J. Jarnut (a cura di), L’evoluzione delle città italiane nell’XI secolo, Atti della settimana di studio 8-12 settembre 1986, Bologna, 1988, p. 45-70.

Kurze 1974-2004 = W. Kurze (a cura di), Codex Diplomaticus Amiatinus. Urkundenbuch der Abtei S. Salvatore am Monteamiata. Von den Anfängen bis zum Regierungsantritt Papst Innocenz III (736-1198), 4 vol. , Tubinga, 1974-2004.

Lanconelli 1992 = A. Lanconelli, Dal castrum alla civitas : il territorio di Viterbo tra VIII e XI secolo, in Società e storia, 56, 1992, p. 245-266. 

Leccisotti – Avagliano 1975 = T. Leccisotti, F. Avagliano (a cura di), I regesti dell’archivio dell’abbazia di Montecassino, X (aula II : capsule LXIX-LXXV), Roma, 1975.

Maire Vigueur 2004 = J.-C. Maire Vigueur, Cavalieri e cittadini. Guerra, conflitti e società nell’Italia comunale, Bologna, 2004.

Manaresi 1955-1960 = C. Manaresi (a cura di), I placiti del « Regnum Italiae », Roma, 1955-1960, (Fonti per la storia d’Italia, 96-97).

Martin – Menant 1995 = M. J. Martin e F. Menant (a cura di), Genèse médiévale de l’anthroponymie moderne : l’espance italien. 2 (Actes de la table ronde de Milan, 21-22 avril 1994), in MEFRM, 107-2, 1995, p. 331-633. 

Menant 2011 = F. Menant, L’Italia dei comuni (1100-1350), Roma, 2011.

Migne 1890 = J.-P., Migne (a cura di), Patrologiae cursus completus. Series latina, CCXV, Parigi, 1890.

Milani 2009 = G. Milani, I comuni italiani, Roma Bari, 2009.

Paganelli 2007 = M. Paganelli, La fine della città di Vulci, in Montalto di Castro, storia di un territorio, I, C.A. Falzetti, D. Mattei (a cura di), Dalle origini al medioevo, Viterbo, 2007, p. 121-144. 

Raspi Serra – Fabiano Laganara 1987 = J. Raspi Serra, C. Laganara Fabiano, Economia e territorio. Il Patrimonium Beati Petri nella Tuscia, Napoli, 1987.

Ricetti 1995 = L. Ricetti, Monaldeschi, Filippeschi, il comune ad Orvieto nel Medioevo, in A. Quattranni (a cura di), I Monaldeschi nella storia della Tuscia, Atti della giornata di studio, 24 giugno 1994, Viterbo 1995, p. 5-14.

Romagnoli 2006 = G. Romagnoli, Ferento e la Teverina viterbese. Insediamenti e dinamiche del popolamento tra il X e il XIV secolo, Viterbo, 2006.

Schneider 1975 = F. Schneider, L’ordinamento pubblico nella Toscana medievale. I fondamenti dell’amministrazione regia in Toscana dalla fondazione del regno longobardo alla estinzione degli Svevi (568-1268), Firenze, 1975.

Settia 1988 = A. A. Settia, Castelli popolamento e guerra, in La storia. I grandi problemi dal medioevo all’età contemporanea, I, N. Tranfaglia, M. Firpo (a cura di), I quadri generali, Torino, 1988, p. 117-143.

Silvestrelli 1993 = G. Silvestrelli, Città, castelli e terre della regione romana, Roma, 1993.

Supino 1968 = P. Supino, Corneto precomunale e comunale (note e appunti), in Bullettino dell’Istituto storico italiano per il medio evo e archivio muratoriano, 79, 1968, p. 115-147

Supino 1969 = P. Supino (a cura di), La « Margarita Cornetana » Regesto dei documenti, Roma 1969, (Miscellanea della Società romana di storia patria, 21)

Tabacco 1988 = G. Tabacco, Dinamiche sociali e assetti del potere, in Società e istituzioni dell’Italia comunale : l’esempio di Perugia (secoli XII-XIV), Atti del Congresso storico internazionale, Perugia 6-9 novembre 1985, Perugia, 1988, p. 281-302.

Tabacco 1989 = G. Tabacco, La Toscana meridionale nel Medioevo, in M. Ascheri e W. Kurze (a cura di), L’Amiata nel Medioevo, Roma, 1989, p. 1-17.

Toubert 1973 = P. Toubert, Les structures du Latium médiéval. Le Latium méridional et la Sabine du IXe à la fin du XIIe siécle, Roma, 1973.

Vendittelli 2008 = M. Vendittelli, Sutri nel medioevo. Storia insediamento urbano e territorio (secoli X-XIV), Roma, 2008.

Violante 1981 = C. Violante, Alcune caratteristiche delle strutture familiari in Lombardia, Emilia e Toscana durante i secoli IX-XII, in G. Duby, J. Le Goff (a cura di), Famiglia e parentela nell’Italia medievale, Bologna, 1981, p. 19-82.

Waley 1952 = D. Waley, Medieval Orvieto. The political history o fan Italian city-state, 1057-1134, Cambridge 1952 ; ora tradotta in italiano, Id., Orvieto medievale, traduzione di F. Tammaro, Roma, 1985.

Wickham 1989 = C. Wickham, Paesaggi sepolti : insediamento e incastellamento sull’Amiata, 750-1250, in M. Ascheri, W. Kurze (a cura di), L’Amiata nel Medioevo, Roma, 1989, p. 101-137.

Wickham 2009 = C. Wickham, Le società dell’alto medioevo. Europa e Mediterraneo secoli V-VIII, Roma, 2009. 

Wickham 2017 = C. Wickham, Sonnambuli verso un nuovo mondo. L’affermazione dei comuni italiani nel XII secolo, Roma, 2017.

Zucchetti 1913-1932 = G. Zucchetti (a cura di), Liber Largitorius vel notarius monasterii Pharphensis, di Gregorio di Catino, Roma, 1913, 1932 (Regesta Chartarum Italiae, 11, 17)

Haut de page

Notes

1 Per il Lazio settentrionale non disponiamo di studi sull’incastellamento di X-XI secolo, un’area che resta sostanzialmente marginale rispetto al resto della regione. Un primo tentativo in questo senso è rappresentato dalla mia tesi di dottorato, Aristocrazie, insediamenti e poteri locali nella Tuscia meridionale (secc. IX-XII). Questa parte del Lazio rappresenta molte analogie con quanto avvenuto nella Toscana meridionale, su quest’area Wickham 1989. Ci sono invece numerosi contributi e ricerche sulle origini delle città e dei paesi che attualmente compongono la provincia di Viterbo, molti dei quali però ormai datati. Mi limito a segnalare Lanconelli 1992 per Viterbo, il volume miscellaneo a cura di Falzetti e Mattei 2007, per Montalto di Castro e Supino 1968 per Corneto.

2 Sugli assetti insediativi tra IX e XI secolo nella zona attorno a Montefiascone e le origini di questo castello Silvestrelli 1993, p. 744 ; Raspi Serra, Laganara Fabiano 1987, p. 76 e 194.

3 Tra i documenti amiatini e farfensi sono rintracciabili funzionari pubblici che portano gli stessi titoli e presumibilmente rivestono le stesse funzioni nonostante la presa di Pavia del 774 e il conseguente mutamento di regime. Il più importante di tutti è senza dubbio il gastaldo, la cui prima attestazione è rintracciabile nella vita di papa Zaccaria (741-752). In essa si fa cenno al gastaldo Ramningo di Tuscania, che, assieme ad altri funzionari longobardi, avrebbe provveduto alla restituzione al papa di Amelia, Orte, Bomarzo e Blera ; Duchesne 1886-1892, I, p. 428. Nell’823 è segnalato il gastaldo Lupone, Kurze 1974-2004, I, 91, p. 189-190 : Sulle funzioni del gastaldo Azzara, Gasparri 2005, p. 21, 23, 59, 67, 69, 83, 109, 171, 183 ; Gasparri 2012, p. 36-37. Un biscario è presente a Viterbo nel 775, questi era un funzionario sottoposto al gastaldo, e aveva un carattere essenzialmente demaniale ; Giorgi Balzani, 1879-1914, II, 92, p. 85-86. Abbiamo cinque attestazioni di centinarii, tra il 735 e l’823, la loro presenza è segnalata in diverse località del distretto tuscanese. Non è chiaro quale funzione essi realmente esercitassero, sembra che non abbiano svolto compiti molto diversi da quelli dello sculdascio, specie nelle zone di confine, quando la sculdascia comprendeva un’unica centena, un presidio di cento unità ; Kurze 1974-2004, I, 2, 42, 55, 91, Giorgi Balzani 1879-1914, II, 92, p. 85-86. Si conoscono tre decani, documentati tra il 765 e l’805, due dei quali relativi al territorio martano e uno tuscanese. Anche il decano aveva compiti militari, di controllo di insediamenti sul territorio, anch’egli era un dipendente dallo sculdascio. Kurze 1974-2004, I, 12, 55. Un Locipositus è attestato a Viterbo nel 775, forse aveva compiti militari di difesa. Giorgi – Balzani 1879-1914, II, 92, p. 85-86. Conosciamo tre scabini attestati tra l’823 e l’838, probabilmente erano ufficiali con poteri giurisdizionali presso le pievi. Giorgi – Balzani 1879-1914, II, 282, p. 232 ; Kurze 1974-2004, I, 92. Lo sculdascio svolgeva compiti amministrativi e giurisdizionali ed è presente un po’ in tutta la Tuscia longobarda, la prima attestazione risale al 735-736, mentre l’ultima è dell’853 ; Kurze 1974-2004, I, 2, 125 e 131.

4 Gastaldi, vicecomites e boni homines cornetani sono presenti nei placiti tenuti a Corneto nell’XI secolo accanto ai marchesi di Tuscia. Di tutti nel proseguo di questo contributo farò puntuali riferimenti bibliografici e documentari.

5 Böhmer – Mühlbacher 1908, II, 286b, e 643. Un esaustivo commento alle promesse di donazione carolinge ai papi è in Arnaldi, 1987, p. 134-139.

6 Il primo documento che riporta nell’intestazione il nome del papa è una cartula venditionis redatta presso il vico Rofinano in territorio di Tuscania nel febbraio del 787 ; Kurze 1974-2004, I, 34, p. 65-66.

7 Kurze 1974-2004, I,132, p. 279-281.

8 Un’ottima panoramica su questi secoli è ricostruita da Tabacco 1989, p. 1-17.

9 Kurze 1974-2004, II, 242 ; Manaresi 1955-1960, II, 284, p. 538-541.

10 Giorgi – Balzani 1879-1914, III, 405, p. 215 ; Manaresi 1955-1960, II, 297, p. 587-590.

11 Giorgi – Balzani 1879-1914, V,1049, p. 49-50 ; Manaresi 1955-1960, III, 455, p. 371-373.

12 La cella di Santa Maria sul fiume Mignone fu fondata in una data imprecisata, ma comunque nei primi decenni del IX secolo, dai monaci sabini, essa era deputata alla gestione delle proprietà fondiarie e delle chiese che Farfa deteneva nella zona tra Tuscania e Corneto. Intorno alla metà del X secolo si appropriarono di questa struttura direzionale i monaci del cenobio dei Santi Cosma e Damiano di Trastevere, innescando così una lunga vertenza, che si protrasse per oltre un secolo. La lite si concluse nel 1073 con la vittoria finale di Farfa. Tutti i documenti relativi alla cella di Santa Maria sul Mignone sono contenuti nell’archivio farfense. Per la ricostruzione della storia di questa struttura direzionale, Del Lungo 1994, p. 5-93.

13 Per Luni e San Giovenale Andrews 1989, p. 123-136. Su Norchia (Orcla) Schneider 1975, p. 28-29.

14 Toubert 1973, p. 455.

15 Kurze 1974-2004, I, 1, anno 736 ; 2, anno 735 ; 12, anno 765 ; 25, anno 775 ; 34, anno 787 ; 43, anno 794 ; 55, anno 805 ; 59, anno 807 ; 64, anno 808 ; 65, anno 809 ; 68, anno 810 ; 82, anno 819 ; 89, anno 822 ; 90, anno 823 ; 91, anno 823 ; 92, anno 823 ; 93, anno 824 ; 94, anno 824 ; 95, anno 824 ; 100, anno 827 ; 118, anno 838 ; 119, anno 839 ; 135, anno 854 ; 139, anno 856 ; 141, anno 860 ; 142, anno 860 ; 145, anno 864 ; 148, anno 866 ; 152, anno 872. Anche Chris Wickham ha fatto notare che sin dal riapparire della documentazione scritta (VIII secolo), il vicus, assieme al casale e al locus, è la forma caratteristica della presenza umana nelle campagne della Tuscia meridionale sottoposte al controllo longobardo, mentre nell’Agro romano, compreso sotto la dominazione bizantina, la struttura del fundus continuava, come in epoca tardo antica, a rappresentare l’elemento cardine delle strutture aziendali e insediative ; Wickham 2009, p. 505 e 520-521.

16 I vici di cui ho certezza che furono incastellati sono i seguenti : vicus Mamilianus costituì una parte del castello dell’Abbadia al Ponte (presso Vulci) ; Paganelli 2007, p. 139. Il vicus Sonza, fu in un primo momento fortificato, successivamente fu incorporato all’interno di Viterbo, Lanconelli 1992, p. 248. I vici Caselle e Pergulata furono anch’essi inclusi nel castello di Montefiascone ; Raspi Serra, Laganara Fabiano 1987, p. 76 e 194. Il vicus Valentano, ancora documentato nel 1013, fu successivamente incastellato, Kurze 1974-2004, II, 238. Invece il vicus Pian Diana, risulta un castrum intorno alla metà del XII secolo, Leccisotti – Avagliano 1975, X, 4004, p. 153.

17 Vedi nota due.

18 Per un quadro generale sulla storia e sugli scavi archeologici alla Castellina di Tarquinia, Casocavallo – Alessandrelli – Peloso 2007, p. 391-419.

19 Supino 1969, 17, 248, 321 e 345.

20 Giorgi – Balzani 1879-1914, V, 1235, p. 221.

21 Giorgi – Balzani 1879-1914, 1280, p. 265.

22 Vedi nota 18.

23 Kurze 1974-2004, I, 55, p. 110-111.

24 La citazione è contenuta nel privilegio di Leone IV a favore del vescovo di Tuscania Virobono, cfr. Migne 1890, CCXV, coll. 1236-1242.

25 Supino 1968, p. 131.

26 Giorgi – Balzani 1879-1914, III, 352, p. 54-55.

27 Egidi 1914, p. 4.

28 Ad esempio cfr. Giorgi – Balzani 1879-1914, III, 505, p. 213-214, anno 1017, « in castello et turri de Corgnito » ; IV, 769, p. 176-177, anno 1043 ; Kurze 1974-2004, II, 219, anno 1004 ; 233, anno 1011 ; 241, anno 1014 ; 244, anno 1015 ; 245, anno 1015 ; 249, anno 1016.

29 Chris Wickham sottolinea con forza questo fatto e ne elenca i possibili casi nelle diverse zone un tempo occupate dall’impero romano ; Wickham, 2009, p. 548-551.

30 Settia 1988, p. 124.

31 Rispettivamente Kurze 1974-2004, II, 223 e 242.

32 Per Sutri cfr. Vendittelli 2008 ; per Viterbo vedi Lanconelli 1992, p. 245-266.

33 Giorgi – Balzani 1879-1914, IV, 603 e 824, p. 2 e 225-226 ; vol. V, 1049 e 1235, p. 206-207 e 221 ; Kurze 1974-2004, II, 246.

34 Un caso analogo a quello di Corneto per certi versi è rappresentato da Castelseprio, centro fortificato di origini tardo antiche, ma avviato prepotentemente ad un importante sviluppo tra VIII e IX secolo, e per questo indicato in alcuni documenti altomedievali anche come civitas, cfr. Augenti 2016, p. 112-114.

35 Già in un altro contratto di livello del 920 sempre di area cornetana un altro personaggio, Acerisius, si identifica usando il matronimico, egli era figlio di Sindrude, Zucchetti 1913-1932, I, 77, p. 71. Sulla famiglia nel medioevo la bibliografia è vastissima, tra questa segnalo Herlihy 1994 ; Carocci 1994 ; Violante 1981, Martin – Menant 1995.

36 L’idea che i casali venduti vadano ricercati sui Monti della Tolfa scaturisce dal fatto che nel documento sono indicati come confini dei casali il fiume Mignone e il terrente Verginese, che scorrono proprio su questo acrocoro.

37 Documenti in cui sono presenti residenti di Corneto che sono in relazione con il monastero di San Salvatore attraverso contratti di compravendita e donazioni pie : Kurze 1974-2004, II, 219, 223, 233, 241, 244, 245, 249, 254.

38 Kurze 1974-2004, II, 242.

39 Più volte nelle carte amiatine compare il giudice imperiale Sifridu, che provvede a redigere alcuni documenti, oppure Eldivrando, figlio di un gastaldo, proprietario di alcuni beni confinanti con quelli oggetto del negozio giuridico, Iohannes, notaio e giudice imperiale, anch’egli indicato come estensore di documenti e, infine, il giudice imperiale Ghirardus presente come teste. Per il giudice Sifridu, cfr, Kurze 1974-2004, II, 233, 242, 244, 245, 246, 249. Per Eldivandro, Id, II, 245. Per Ghirardus, Id, II, 246, e infine per il notaio Iohannes, Id, II, 246.

40 Cortese 2014, p. 71.

41 Sulla militia rimane imprescindibile Maire Vigueur 2004, in particolare per le origini di questo ceto, vedi il capitolo VI ; quanto alla citazione, p. 309.

42 Per la definizione del paradigma perugino, rimando a Tabacco 1988, p. 281-302.

43 Kurze 1974-2004, II, 242, p. 110-112. Questi erano gli abitanti di Corneto che parteciparono al placito tenuto dal marchese Ranieri nel 1014 : « Anczo filius Belizo, et Teuzo, et Girolfu filius Baldo, Bertericu filiu Teuzo, et Labertus filius eius, et Belizo filius Allones, iudex Ildizo filius Gorberto, et Radolfu filius Omizo, et Benedictum filius Benedicto, Ioannis filius eius, Raineris filius Bonizo, Astuldu filius Abo, Ildizo filius Belizo, Omizo filius Marocze ». Ancora un consistente numero di Cornetani prese parte al placito del 1017 : « Sifredus et Petrus et Lambertus iudices domni imperatoris, et Ozo filius Belinzonis et Heldibrandus et Guido germani filii Astaldi, Hildibrandus filius Hildibrandi et Grisolfus filius Baldonis, Crescentius et Guido filii Petronis, et Belizo filius Alonis iudicis, Crescentius filius Aliperti et Gerardus filius eius, et Iohannes vice comes et Rainerius castaldius, Benedictus filius Benedicti, et Belizo et Petrus filii Bonizonis, et Stephanus filius Stephani », Giorgi, Balzani, 1879-1914, III, 505, p. 215-216.

44 Brancoli Busdraghi 1996, p. 298.

45 Per il caso toscano cfr. Collavini 2012, p. 479-493

46 Collavini 2012, p. 487.

47 Brancoli Busdraghi 1996, p. 287- 342.

48 L’espressione è di Banti 1987, p. 223.

49 Nel 1157 Adriano IV riconobbe formalmente il comune d’Orvieto. L’atto è una convenzione con la quale il papato e il comune umbro regolavano i rispettivi rapporti. I sottoscrittori orvietani furono Rocco, priore del capitolo di San Costanzo, i consoli Willelmus Johannis Lupi e Petrus Alberici, nonché i nobiles viri Willelmus Beccaio e Nerus. La presenza del priore del capitolo – ricordo che all’epoca il vescovo era vacante – è una prova che ancora all’epoca l’amministrazione municipale era retta da una sorta di governo « bicefalo », o forse « ibrido » costituito dai rappresentanti delle nuove magistrature consolari e da organi legati alle antiche istituzioni cittadine, a quando la città era retta dal vescovo. Una simile forma di governo, che rappresenta una sorta di mediazione tra antico e nuovo regime, restò in piedi fin quasi la fine del secolo (1198), quando la sede vescovile era di nuovo vacante, dopo che Innocenzo III aveva posto la città sotto interdetto e trattenuto a Roma il vescovo orvietano. La convenzione del 1157 è in Fabre, Duchesne, Mollat 1889-1952, II, p. 390-391 ; per le origini del comune orvietano Waley 1952 e Ricetti 1995. Nell’atto di cessione del conte Adinolfo dei castelli di Celleno, Cocumella e Castel Fiorentino – tutti posti nella Valle Teverina viterbese – al comune di Bagnoregio, avvenuta nei primissimi anni ’60 del XII secolo, è presente oltre al podestà bagnorese Giordano di Simeone, anche il vescovo locale Rustico, è molto probabile che all’epoca anche qui a Bagnoregio coesistevano forme di collaborazione nell’amministrazione pubblica tra presule locale e nuovi organismi municipali ; Archivio comunale di Viterbo, pergamena 2526 ; Romagnoli 2006, p. 23.

50 Sull’origine dei comuni nell’Italia centro-settentrionale Milani 2009 ; Menant 2011 ; Wickham 2017.

51 Keller 1988, p. 57.

52 Fabre – Duchesne – Mollat 1889-1952, II, p. 403.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Antonio Berardozzi, « La società cornetana prima e dopo il Mille », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge [En ligne], 129-2 | 2017, mis en ligne le 03 avril 2018, consulté le 23 juin 2018. URL : http://journals.openedition.org/mefrm/3734 ; DOI : 10.4000/mefrm.3734

Haut de page

Auteur

Antonio Berardozzi

aberardozzi@libero.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals