Navigation – Plan du site
Atelier doctoral : « Circulations, connexions et dynamiques sociales : la Méditerranée centrale et occidentale entre mondes chrétiens et islamiques (VIIe-XVe siècles) »

Le maestranze saracene a Lucera (FG) nel XIII secolo. Spunti di ricerca sull’impiego dell’edilizia in laterizio in Puglia centro-settentrionale e nel Meridione normanno-svevo

Nunzia M. Mangialardi

Résumés

Le indagini sull’edilizia storica dell’Italia centro-settentrionale hanno mostrato che nel XII secolo si assiste alla reintroduzione di un nuovo formato di mattone rettangolare. Attraverso il metodo della mensiocronologia è stato possibile individuare delle chiavi cronologiche di adozione del laterizio e ricavare informazioni sull’industria laterizia medievale. L’Italia meridionale manca di un sistematico sguardo archeologico dei materiali costruttivi, delle novità tecnologiche e della loro diffusione su larga scala o meno. Nel presente articolo si esamina il contesto del centro di Lucera (FG), che, partendo dalle mura della fortezza costruita dagli angioini dopo l’occupazione della colonia saracena federiciana, sembra adottare il mattone in maniera continuativa dal XIII al XX secolo. Sulla continuità d’uso di questo materiale si è basata l’applicazione sperimentale della mensiocronologia in un centro della Puglia settentrionale. Il contributo intende individuare le dinamiche di adozione e di diffusione del laterizio a Lucera, interrogandosi sui ruoli delle maestranze e sulla conoscenza delle tecniche. Aprendo lo sguardo dalla Puglia settentrionale alla Calabria e alla Sicilia, si vuole sottolineare la potenziale ricchezza di dati non analizzati attraverso i quali ripensare al rapporto tra influssi esterni, competenze autoctone, scelte progettuali e ruolo delle committenze.

Haut de page

Notes de l’auteur

Università di Foggia. Intervento cofinanziato dal Fondo di Sviluppo e Coesione 2007-2013 – APQ Ricerca Regione Puglia « Programma regionale a sostegno della specializzazione intelligente e della sostenibilità sociale ed ambientale – FutureInResearch ».

Texte intégral

  • 1 Maier 1995 ; Taylor 2003, p. 53. Sulla deportazione della colonia saracena a Lucera, Winkelmann 18 (...)

1Dopo due anni di resistenza sveva, il 27 agosto 1269 Carlo I d’Angiò ridusse Lucera sotto il suo controllo ; in questa occasione il papato si espresse definendo, quella contro Lucera, come una ‘crociata’ (1268-1269) a danno della colonia mussulmana qui stanziata per volontà di Federico II1.

  • 2 Kieswetter 2004 e prec.
  • 3 Agli inizi del ‘900 l’Istituto Storico Prussiano si occupa del passaggio tra la dominazione sveva (...)
  • 4 Sulla contemporaneità di alcuni cantieri angioini in Puglia, si veda Tomaiuoli 1996 ; Cadei 2004 ; (...)

2Nel Mezzogiorno angioino, al cambio dinastico non corrispose un grande contraccolpo nella forma centralizzata di amministrazione del regno2 e, nel decennio che successe la conquista (1269 – 1279), si avviò un attivo programma di rinnovamento dell’architettura militare, promosso dalla corona per garantire un migliore assetto di controllo del territorio. Nelle Puglie molti dei centri angioini assistettero alla ri-fortificazione delle strutture sveve3 ; a Lucera si procedette ad una nuova costruzione che inglobava il precedente palatium federiciano4.

  • 5 Rivoire 1901, p. 201 ; Taylor 2005, p. 154-157. Le fonti citano 128 case all’interno della fortezz (...)
  • 6 La descrizione più completa dei possibili edifici che, in base alle fonti scritte, dovevano essere (...)

3Sulla collina di Monte Albano, in posizione favorevole al controllo del territorio circostante, Carlo I predispose una sorta di ‘cittadella’ destinata alla corte, alla guarnigione reale e alle famiglie dei coloni provenzali chiamate a Lucera dallo stesso re5. Di tutti gli edifici che dovevano essere presenti all’interno della cosiddetta fortellicia6, l’unica evidenza architettonica ancora in elevato è il circuito murario di protezione lungo quasi m 900 e interrotto soltanto a Nord Est, in corrispondenza della precedente costruzione sveva.

  • 7 Per una descrizione più ampia del circuito murario e dello sviluppo architettonico delle singole t (...)

4Si tratta di una cinta poligonale fortificata da una successione di cortine e di 24 torri, di cui 7 pentagonali, 2 circolari e 15 quadrangolari7 (fig. 1). Al livello tecnologico le mura e le rispettive torri adottano la stessa modalità costruttiva a sacco, ma si distinguono nettamente per le tecniche di rivestimento dei paramenti : le torri pentagonal rivolte ad est e le cortine comprese tra esse sono rivestite in pietrame calcareo semilavorato e apparecchiato ad incastro ; in pietra lavorata si presentano i due torrioni circolari, mentre i restanti m 710 del circuito murario con le 15 torri quadrangolari impiegano mattoni modulari (cm 29/30x14/15x4,5/5,5), disposti di testa e di taglio in filari regolari e alternati.

Fig. 1 La fortezza angioina (XIII secolo) – Vista dall’alto – Archivio fotografico DISTUM dell’Università degli Studi di Foggia (foto. A.V. Romano).

Fig. 1 – La fortezza angioina (XIII secolo) – Vista dall’alto – Archivio fotografico DISTUM dell’Università degli Studi di Foggia (foto. A.V. Romano).
  • 8 Sull’utilizzo preferenziale della pietra in Puglia centro-settentrionale da età bizantina, Giuliani (...)
  • 9 Sul campione selezionato si veda Mangialardi 2015a, p. 93. Per la cattedrale dedicata a Santa Maria (...)
  • 10 L’analisi dimensionale dei mattoni è un metodo consolidato per la datazione e classificazione diac (...)
  • 11 Ogni campione è stato sottoposto a media aritmetica, mediana, massimo e minimo in rapporto a ciasc (...)

5L’attestazione consistente di un mattone modulare, evidentemente di apposita produzione, ma pressoché inutilizzato nella tradizione fortificatoria della Puglia settentrionale normanno – sveva e delle aree limitrofe8, si è mostrato come indicatore per ripensare le dinamiche di adozione del laterizio in età medievale a Lucera. A partire dal XIV secolo in poi, fino ad età contemporanea, Lucera sceglie il laterizio come materiale costruttivo prevalente per edifici religiosi e civili ; tra questi un gruppo selezionato di 15 fabbriche9, quelle più attendibili a livello cronologico e stratigrafico, è stato campionato ai fini della redazione di una prima curva mensiocronologica della città (tabb. 1, 2, 3)10. Per ciascuna dimensione del mattone è stata elaborata una curva che ha tenuto conto di tutti i campioni, rapportando l’andamento del valore medio della dimensione considerata e la progressione temporale11.

Tab. 1 – Tabella riassuntiva dei valori delle lunghezze.

Edificio data-
zione
minimo media massimo devia-
zione
mediana Inter-
quartile
Devianza/
Media ( %)
Castello cinta muraria 1280 29,00 29,85 30,50 0,55 30,00 1,00 1,83 %
Cattedrale S. Maria - facciata 1310 25,00 27,22 28,40 0,98 27,60 1,90 3,62 %
Cattedrale S. Maria - laterale 1310 26,20 27,55 28,60 0,52 27,50 0,70 1,88 %
Palazzo Palmorio Falcone - interno arco 1500 22,50 26,81 27,60 0,93 27,00 0,40 3,47 %
Palazzo Palmorio Falcone 1500 25,30 26,39 27,50 0,61 26,40 1,05 2,31 %
Palazzo Palmorio Falcone - arco 1500 24,00 25,76 26,90 0,78 25,90 1,00 - - -
S. Giovanni Battista 1558 26,00 26,72 27,50 0,37 26,70 0,50 1,37 %
Palazzo Pellegrino 1570 24,50 25,13 25,70 0,27 25,20 0,28 1,06 %
Convento S. Caterina 1745 26,50 26,99 27,50 0,23 27,00 0,38 0,87 %
S. Maria Carmine 1753 23,70 24,07 24,40 0,11 24,00 0,10 0,46 %
Palazzo Lombardi 1756 29,00 29,79 30,40 0,26 29,80 0,30 0,87 %
Cattedrale S. Maria - corpo aggiunto   24,20 24,63 25,01 0,26 24,60 0,40  
Cattedrale S. Maria - contrafforte   21,70 22,24 22,90 0,21 22,20 0,30  
Palazzo Corrado del Pozzo   24,00 25,68 26,60 0,41 25,70 0,50  
Palazzo Bruno   22,00 22,90 23,60 0,33 23,00 0,20  
Palazzo Pascale Cavalli   23,20 24,03 24,60 0,34 24,00 0,50  
S. Antonio Abate   21,80 22,43 23,00 0,25 22,40 0,20

Tab. 2 – Tabella riassuntiva dei valori delle larghezze.

edificio datazione minimo media massimo deviazione mediana interquartile
Castello cinta muraria 1280 14,00 14,62 15,50 0,33 14,50 0,30
Cattedrale S. Maria - facciata 1310 12,60 13,60 14,20 0,41 13,70 0,55
Cattedrale S. Maria - laterale 1310 12,70 13,78 14,20 0,23 13,80 0,30
Palazzo Palmorio Falcone - interno arco 1500 11,60 12,93 14,40 0,66 13,10 0,20
Palazzo Palmorio Falcone 1500 12,50 12,96 13,40 0,25 13,00 0,25
Palazzo Palmorio Falcone - arco 1500 12,20 12,83 13,30 0,30 12,95 0,38
S. Giovanni Battista 1558 12,90 13,19 13,50 0,21 13,20 0,40
Palazzo Pellegrino 1570 13,10 13,39 14,30 0,21 13,40 0,30
Convento S. Caterina 1745 12,20 12,69 13,50 0,43 12,50 0,60
S. Maria Carmine 1753 ------ ------  ------- ------ ------ ------
Palazzo Lombardi 1756 14,00 14,58 15,20 0,29 14,50 0,25
Cattedrale S. Maria - corpo aggiunto   11,90 12,09 12,50 0,16 12,00 0,20
Cattedrale S. Maria -contrafforte   ------ ------  ------- ------ ------ ------
Palazzo Corrado del Pozzo   12,00 12,92 13,50 0,31 13,00 0,28
Palazzo Bruno   10,90 11,42 12,00 0,25 11,40 0,20
Palazzo Pascale Cavalli   11,80 12,08 12,60 0,17 12,00 0,20
S. Antonio Abate   10,70 10,95 11,80 0,18 10,95 0,20

Tab. 3 – Tabella riassuntiva dei valori degli spessori.

edificio datazione Minimo media massimo deviazione mediana interquartile
Castello cinta muraria 1280 4,50 5,42 6,50 0,42 5,50 0,60
Cattedrale S. Maria - facciata 1310 2,80 3,19 3,50 0,16 3,20 0,20
Cattedrale S. Maria - laterale 1310 3,30 3,83 4,20 0,22 3,90 0,30
Palazzo Palmorio Falcone - interno arco 1500 2,70 3,12 3,60 0,21 3,10 0,28
Palazzo Palmorio Falcone 1500 2,80 3,28 3,60 0,18 3,30 0,20
Palazzo Palmorio Falcone - arco 1500 2,80 3,43 4,30 0,36 3,40 0,40
S. Giovanni Battista 1558 3,00 3,30 3,70 0,18 3,30 0,30
Palazzo Pellegrino 1570 3,40 3,64 3,90 0,14 3,60 0,30
Convento S. Caterina 1745 2,50 2,93 3,20 0,16 2,90 0,10
S. Maria Carmine 1753 4,90 5,35 5,60 0,22 5,40 0,30
Palazzo Lombardi 1756 2,90 3,51 4,50 0,27 3,50 0,20
Cattedrale S. Maria - corpo aggiunto   3,40 3,77 4,10 0,17 3,80 0,20
Cattedrale S. Maria -contrafforte   3,30 3,79 4,10 0,15 3,80 0,20
Palazzo Corrado del Pozzo   3,00 3,90 4,50 0,25 3,90 0,30
Palazzo Bruno   2,00 2,63 3,00 0,20 2,50 0,20
Palazzo Pascale Cavalli   3,00 3,68 4,00 0,21 3,65 0,30
S. Antonio Abate   2,20 2,41 2,70 0,10 2,40 0,20
  • 12 La variazione della larghezza ha riportato lo stesso andamento in maniera lievemente meno signific (...)
  • 13 Sulla divaricazione della curva in corrispondenza di alcune produzioni settecentesche, Mangialardi (...)

6La connessione delle tre curve relative a ciascuna dimensione, ha prodotto una curva mensiocronologica complessiva delle produzioni lucerine dalla seconda metà del XIII al XVIII secolo (fig. 2) ; a verifica di quest’ultima è stata costruita anche la curva di variazione del volume e la relativa retta di regressione (fig. 3). I calcoli hanno evidenziato una tendenza decrescente delle dimensioni dei mattoni, meglio rappresentata dalla lunghezza12 (fig. 4) ; i singoli episodi costruttivi che si distinguono da questa graduale contrazione sembrano imputabili a condizioni specifiche13.

Fig. 2 Curva mensiocronologica: andamento dei valori massimo, medio e minimo di ciascuna dimensione misurata per ogni campione di mattoni, rapportati alla datazione della costruzione dell’edificio considerato.

Fig. – 2 Curva mensiocronologica: andamento dei valori massimo, medio e minimo di ciascuna dimensione misurata per ogni campione di mattoni, rapportati alla datazione della costruzione dell’edificio considerato.

Fig. 3 Andamento cronologico del valore medio della lunghezza misurata per ciascuno campione di mattoni, rapportato alla datazione della costruzione dell’edificio considerato.

Fig. 3 – Andamento cronologico del valore medio della lunghezza misurata per ciascuno campione di mattoni, rapportato alla datazione della costruzione dell’edificio considerato.

Fig. 4 Andamento cronologico del valore volume (ottenuto come prodotto dei valori medi delle dimensioni misurate) per ciascuno campione di mattoni, rapportato alla datazione della costruzione dell’edificio considerato.

Fig. 4 – Andamento cronologico del valore volume (ottenuto come prodotto dei valori medi delle dimensioni misurate) per ciascuno campione di mattoni, rapportato alla datazione della costruzione dell’edificio considerato.
  • 14 Mangialardi 2015a, p. 93-94, 100. Riferimenti ai fornaciai di Lucera sono con la dominazione spagn (...)

7L’attuale base di dati, il cui accrescimento è necessario e auspicabile per la stessa natura statistica della mensiocronologia, consente, tuttavia, di poter ipotizzare che a partire dalla seconda metà del XIII secolo, con la costruzione della fortellicia, l’edilizia lucerina realizzò appositi impianti per sostenere ordini di grande portata, malgrado manchino le attestazioni materiali delle strutture. Da questo momento in poi, le figline, nate come occasionali, sembrano divenire stabili per tutta l’età preindustriale fino ad età contemporanea14.

  • 15 Per la Puglia centro-settentrionale si sono occupati in particolare della produzione tardoantica e (...)

8Gli studi sull’edilizia medievale in laterizio, civile ed ecclesiastica, nella Puglia settentrionale e in tutto il meridione15, mancano della sistematicità applicata nei contesti dell’Italia centro-settentrionale, dove si è riusciti a individuare nella prima metà del XII secolo il momento di ‘reintroduzione’, più o meno simultaneo, di una produzione sistematica di laterizi con un nuovo modulo rettangolare (1 piede x 1/2 piede). Tale lacunosità non ha consentito finora la definizione di tipologie e dinamiche produttive regionali o sub-regionali, in base alle quali individuare soluzioni di continuità o innovazioni produttive.

  • 16 Gli studi sono ancora troppo puntuali per ricostruire con certezza le dinamiche di produzione e im (...)
  • 17 Baldasarre 2007 ; Giuliani – Baldasarre 2013.
  • 18 Baldasarre 2007, p. 62-63. Sulle tendenze altomedievali di netta diminuzione della produzione, Bal (...)
  • 19 Secondo R. Giuliani non sarebbe possibile attestare l’avvio di una produzione laterizia per le mur (...)
  • 20 Baldasarre 2011. Elementi ornamentali attestati nella pavimentazione della basilica di Barletta ve (...)

9Nella Puglia centro-settentrionale16 l’artigianato laterizio sembra abbandonare già dal V-VI secolo il circuito industriale e riservare la produzione a specifiche committenze spesso di prerogativa ecclesiastica17 ; dal VII secolo gli impianti sembrano servire solo esigenze di autoconsumo, fino a registrare un arresto nel X-XI secolo18. I contesti bizantini indagati nel Nord pugliese sono insufficienti per poter tracciare una vera e propria tendenza, ma da essi sembra assente materiale fittile di nuova produzione19. Gli strati di frequentazione di fine X-XI secolo del castrum di Vaccarizza hanno restituito, in stato frammentario, prevalentemente tegole sottili e facili da riutilizzare nelle murature e mattoni riconducibili a tipi diffusi in epoca antica o già noti20.

  • 21 Corrente et al. 2012, p. 552.
  • 22 G. Baldasarre ipotizza, per i coppi del castrum di Vaccarizza e di San Lorenzo in Carmignano, l’im (...)
  • 23 Giuliani 2011, p. 219. Per un recente quadro Favia et al. 2015. Nuovi dati saranno rilevati dallo (...)
  • 24 De Santis – Valente 2000, p. 65 ; Favia et al. 2000, p. 187 ; Volpe 2000, p. 550 con bibliografia (...)

10Una nuova produzione sembra riprendere in età normanna. Le stratigrafie della seconda metà dell’XI e del XII secolo del castrum di Vaccarizza, del sito di San Lorenzo in Carminiano, della chiesetta mononave di Cancarro21 presentano coppi di copertura di pessima fattura, dalle superfici estremamente porose, dal ridotto spessore, dagli impasti grossolani e di colori chiari22 (fig. 5). La produzione di coppi trova conferma anche nei centri di Montecorvino23 e Ordona24, dove le produzioni si attestano anche nei secoli successivi.

Fig. 5 Particolare della Puglia settentrionale con indicazione dei siti medievali esaminati (da Baldasarre 2007).

Fig. 5 – Particolare della Puglia settentrionale con indicazione dei siti medievali esaminati (da Baldasarre 2007).
  • 25 Pipponier 1995, p. 186-187 ; Pipponier 2000, p. 201 Pipponier 1998, p. 24. Vedi anche Giuliani 201 (...)
  • 26 Beck 1995, p. 183-185 (non vengono riportate misure).
  • 27 Beck 1995, p. 183-185 ; Beck 1998, p. 16-19 due camini larghi 2 m e alti 1,30 m erano sistemati a (...)
  • 28 Busto 2012, p. 713 ; Mola 1998, p. 49-57.
  • 29 Pipponier 2012, p. 234.
  • 30 In base ai prelievi eseguiti sul sito di Fiorentino, le misure dei mattoni hanno alcune oscillazio (...)
  • 31 Da misurazioni autoptiche i mattoni del cortile sono ca. cm 25x12,5x4 (cfr. Haseloff 1992, p. 200) (...)

11La Puglia centro-settentrionale normanno-sveva, quella più nota dei castelli e delle cattedrali, preferisce la pietra lavorata o semplicemente sbozzata con cui gli Angioini si confrontano quando iniziano a ristrutturare o potenziare le fortificazioni sveve. Attestazioni puntuali sembrano, tuttavia, testimoniare nel comparto lucerino un riattivato ciclo produttivo fittile, più articolato dei precedenti. A Fiorentino vengono utilizzati coppi per la copertura della cattedrale e delle abitazioni25 ; mattoni, apparecchiati a spicatum, nei pavimenti della cattedrale e della domus federiciana26 ; laterizi per i rivestimenti di porzioni di muratura, di elementi architettonici, come il camino della domus27 o le lesene della controfacciata della cattedrale28 o le aperture29. Una recente rilettura stratigrafica ed archeometrica delle strutture di Fiorentino, attribuisce alla prima metà del XIII secolo, fase federiciana di costruzione dell’impianto, tegole, mattoni pavimentali e laterizi da muratura, che in alcuni casi vengono attribuiti a restauri successivi30. Una produzione sveva, destinata a pavimenti e a elementi notevoli, è confermata dal palatium di Lucera, dove il cortile interno è rivestito in mattoncini disposti a spicatum e una serie di archi di sostegno è definita da ghiere in mattoni interi31.

  • 32 I siti di Lucera e Fiorentino condividono gli assetti geologici e geomorfologici molto simili, l’a (...)
  • 33 Sthamer 1912, Doc. 41.
  • 34 Sthamer 1912, Doc. 60 : […] magistros qui morentir aput Florentinum in confieciendis matoncellis [ (...)
  • 35 Sthamer 1912, doc. 65. Non è esplicita la collocazione di queste altre calcare. Sull’utilizzo del (...)
  • 36 Il mese successivo al primo ordinativo viene riformulata, forse perché non eseguita, la richiesta (...)
  • 37 Sthamer 1912, Doc. 243 : […] faciatis etiam fieri ibi de novo fornaces 9 ad coquendum in eis matun (...)

12La particolare predisposizione di quest’area subappenninica allo sfruttamento dell’argilla32, nota nel territorio sin da età romana, incide probabilmente nelle scelte costruttive di Carlo I che, tuttavia, sembra imporre alla manifattura, sporadicamente attestata, una drastica accelerazione. Secondo quanto riportato nei Registri curiali, la costruzione di tutta la cinta muraria dura circa 15 anni dal 1269-1284 : il 14 settembre 1269, poco meno di un mese dopo l’occupazione di Lucera, Carlo I da disposizioni di dare inizio all’attractus, ordinando ai magistri iurati di Capitanata di procurarsi il materiale (pietre, calce, carri, buoi…) secondo le indicazione del magister Pietro d’Angicourt33. Ordini simili vengono poi reiterati agli altri giustizierati, evidentemente per insufficienza di materiale. I preparativi di raccolta sembrano proseguire, in maniera discontinua, dal 1269 al 1270 ; la costruzione non deve aver avuto inizio prima del 1271 e dev’essersi subito concentrata sul lato Est (ex parte Lucerie) realizzato in pietrame. Soltanto nell’Ottobre del 1273 compare la richiesta di ‘mattoncellis’34 : i primi mattoni vengono commissionati a fornaci collocate presso Fiorentino, forse quelle già attive in età sveva ; nel Novembre 1273 si fa riferimento alla costruzione di ‘altre’ 10 calcare35 e 10 pagliai36 e nel luglio del 1278 viene ingiunto di impiantare 9 nuove fornaci e di ripararne altre, che potremmo immaginare già funzionanti. Delle 9 nuove fornaci viene indicata la collocazione generica in flumaria Lucerie, ed è verosimile che le figline siano impiantate ai piedi della collina di Monte Albano ad Ovest, dove scorre il torrente Salsola37.

  • 38 Pietrame sciolto è prelevato nel territorio lucerino e la pietra da taglio presso il torrente Cand (...)

13La sostituzione del materiale costruttivo punta a soluzioni capaci di maggiore efficienza tra tempi di produzione e di esecuzione38 : l’impiego su larga scala di un mattone standardizzato doveva essere previsto già in fase progettuale e presupporre la consapevolezza dell’accelerazione che la prefabbricazione determina, una buona conoscenza tecnica delle qualità costruttive e di resistenza del mattone cotto e un ampio bacino di manodopera da impiegare come forza lavoro. Se dalla prima metà del XIII secolo le evidenze parlano di un riattivato ciclo produttivo di fittili per l’edilizia nel comparto territoriale lucerino, il progetto della fortezza si pone ‘fuori misura’ rispetto al contesto.

  • 39 Non va, tuttavia, dimenticato che sono gli Angioini a dettare il modulo del laterizio da impiegare (...)
  • 40 Sui cantieri contemporanei a Lucera vedi supra nota 4, a cui si possono aggiungere esempi come que (...)
  • 41 Dai documenti risulta che le maestranze e la manovalanza nei primi anni del cantiere vengono reper (...)
  • 42 Recentemente J. Taylor stima il numero di coloni presente a Lucera (e aree limitrofe) tra le 15.00 (...)
  • 43 . Sui ruoli dei saraceni nell’artigianato di Lucera, Egidi 1917, doc.22, 447, 475, 659 e segg. Cfr. (...)
  • 44 Sthamer 1912, Docc. 95, 163, 183, 224, 243, 322, 323, 363.
  • 45 Sul ruolo di Ryccardo presso la corte di Carlo I, Egidi 1911, p. 669-679. A Ryccardo Carlo I attri (...)
  • 46 Sthamer 1912, doc 90 ; doc. 238 ; in particolare docc. 309 ; 322 ; 323.
  • 47 Sthamer 1912, doc. 136.
  • 48 Sthamer 1912, doc. 238.
  • 49 Diversi documenti relativi alla costruzione del castello di Melfi (1278) citano l’invio di addetti (...)

14La scelta del laterizio dovette prevedere la sicurezza della reperibilità della materia : l’abbondanza di argilla prossima alla fortezza era, molto probabilmente, più nota ai locali che ai maestri d’oltralpe angioini, alla cui cifra architettonica sono notoriamente attribuiti specifiche soluzioni architettoniche, non in cotto39 ; negli altri cantieri pugliesi contemporanei a Lucera, gli angioini prediligono tendenzialmente i materiali locali40. Secondo i mandati del re, la manodopera e la manovalanza fu attinta, in prima istanza, dalla stessa Capitanata41 ; è quasi scontato sottolineare quanto i coloni saraceni costituirono una risorsa quantitativamente considerevole42, di qualità e poco costosa43. A loro viene spesso esplicitamente attribuito il ruolo di manovalanza esecutiva negli atti della cancelleria regia44, ma negli ordinativi dei mattoni i saraceni vengono spesso menzionati come magistri : al gaito Riccardo45 si rivolge il re, in diverse occasioni, perché procuri magistri, operarii o manipuli che sappiano produrre mattoni46, anche in numero considerevole se, ad esempio, nel 1277 viene imposta loro la prescrizione di 50 mila mattoni in meno di un mese47. Il 5 aprile 1278 è di nuovo con Riccardo Sarraceno milite che il re deve interloquire perché patteggi con i magistri Sarraceniis de Luceria la restituzione di un compenso ricevuto, non essendo stato più consegnato l’ordine di mattoni affidatogli, intimando loro la confisca dei beni o l’arresto48 ; nello stesso 1278, Carlo I impone anche a Melfi il modulo dei mattoni lucerini e ordina a Riccardo di condurre a Melfi 50 saraceni perché fabbrichino i mattoni49.

  • 50 Whitehouse 1966 ; Whitehouse 1978 ; 38-41 ; Whitehouse 1984, p. 423-425 ; Whitehouse 1986. F. Ardi (...)
  • 51 Egidi 1917, doc. 640.
  • 52 Negli altri documenti le fornaci servono pro faciendiis quartariis, riferendosi a fornaci deputate (...)
  • 53 Una prima analisi condotta sugli influssi delle maestranze saracene nell’ambito della cultura mate (...)

15A maestranze islamiche, di ascendenza diretta o mediate dalla Sicilia, i ceramologi attribuiscono i noti esemplari attestati a Lucera o in altri siti di Capitanata, dove la produzione troverebbe proprio nella presenza islamica un ganglio generatore50. Mancano attestazioni di impianti produttivi ; alcune fonti, in particolare il Codice Diplomatico dei Saraceni di Lucera, citano la presenza di fornaci afferenti al centro urbano51 o l’esistenza dello ius quartariorum imposto ai saraceni produttori di ceramica52. Da alcuni anni è in corso, tuttavia, un interessante processo di rilettura e sistematizzazione dei reperti ceramici e vitrei lucerini attribuiti a fattura islamica, che cerca di ripartire dagli oggetti per connotare meglio le caratteristiche tecnologiche dei cambiamenti introdotti e valutarne l’acquisizione, l’assorbimento e la durata nel contesto locale53. Nella stessa prospettiva guarda l’avvio della costruzione della curva mensiocronologica della città di Lucera, che traccia una prima descrizione della dinamica del ciclo dei laterizi dalla seconda metà del XIII secolo fino ad età contemporanea. Allo stesso modo è importante il contributo fornito dalle indagini archeometriche condotte a Castelfiorentino e il confronto con i laterizi del tratto nord orientale della cinta di Lucera (ex parte Florentini), che evidenziano connessioni dimensionali e composizionali tra le produzioni.

16I dati, diretti e indiretti, a disposizione non permettono di attribuire alle maestranze islamiche ruoli esclusivi nel ciclo produttivo dei mattoni, ma verosimilmente significativi. L’esiguo campione di attestazioni federiciane non consente, ad oggi, di contestualizzare l’introduzione di nuove tecniche edilizie con l’arrivo della colonia saracena ; gli stessi registri reali, quando il cantiere è in sofferenza di personale, dal 1274-1275, riportano ordini di reclutamento di magistri mattonai dalla Terra di Lavoro, dal Principato e dall’Abruzzo e attribuiscono ai saraceni la manovalanza anche di altri processi produttivi. Sarebbe, dunque, necessario ampliare lo spettro delle indagini per definire modalità e dinamiche del riattivato ciclo laterizio.

  • 54 Vedi supra nota 22. E’ in corso una campagna di rilievi e analisi del Castello di Serracapriola a (...)
  • 55 Ossia calcolo la percentuale dello scarto tra la dimensione che il produttore voleva dare al matto (...)
  • 56 A supporto di questo dato è possibile addurre l’assenza di sovracotti riscontrata dalle analisi ar (...)

17Per l’età normanna in Puglia settentrionale viene ipotizzata la presenza di maestranze itineranti che producono materiale fittile di copertura di cattiva fattura, forse a causa di forni a mucchio54. Utile potrebbe essere un confronto tecnologico tra questi prodotti e i fittili attribuiti a età federiciana e poi angioina, al fine di registrare, o meno, cambiamenti tecnologici nel processo di preparazione e cottura dei materiali. Tra i calcoli statistici effettuati sui campioni lucerini è stato valutato per ogni campione il rapporto in percentuale tra gli indici della devianza e i valori medi delle lunghezze, quantizzando in percentuale l’entità media degli scarti rispetto al valore medio del campione. Un minore valore del rapporto denuncia di norma una più bassa presenza di scarti dimensionali casuali e indica un miglior controllo sulle fasi di fabbricazione55. Il valore calcolato si assottiglia nel tempo, ad indicare un progressivo miglioramento tecnologico degli impianti ed un maggiore controllo delle cotture. Interessante eccezione è rappresentata dalla mura della fortezza, dove, nonostante la datazione più alta e una lunghezza maggiore rispetto altri campioni, la percentuale è piuttosto bassa a sostegno di maestranze abili anche nel controllo della produzione/cottura. L’inquadramento delle abilità tecniche di cottura, ad esempio, potrebbe trovare un valido confronto nelle tecnologie di cottura delle ceramiche : possibili analoghe capacità di gestione e controllo dei forni potrebbero dare risultati di supporto reciproco56.

  • 57 Per la Calabria : Rotili et al. 2000, p. 21-22 ; Donato – Raimondo 2001 ; Cuteri 2003, p. 112-123. (...)
  • 58 Per altomedioevo in Calabria è attestata un uso di fittili da copertura o pavimentazione : a San M (...)
  • 59 Le prime attestazioni di mattoni risalgono alla seconda metà dell’XI secolo : mattoni (39/40,7x20, (...)
  • 60 Il modulo definito inizialmente ‘normanno-svevo’ (Rotili et al. 2002, p. 22), sulla base dello stu (...)
  • 61 La Cattedrale di Bova utilizza mattoni circolari per le colonne (Cuteri 2003, p. 101-102) ; lesene (...)
  • 62 E’ il caso ad esempio dell’apparecchio realizzato con mattoni disposti con un’inclinazione che var (...)
  • 63 La diffusione della tecnica a fasce diviene un modello costruttivo civile e religioso, rappresentat (...)
  • 64 Un’eccezione di adozione del laterizio per l’intero edificio è Santa Maria di Roccella (Minuto – V (...)

18I dati sinora a disposizione non consentono il confronto delle dinamiche di adozione del laterizio tra i territori meridionali di occupazione normanno-sveva ; oltre alla Puglia centro-settentrionale, ricerche sistematiche relative all’impiego del laterizio nell’edilizia medievale sono state condotte nella Calabria centro-meridionale57. Ad una comune dinamica di calo della produzione per l’età tardoantica e altomedioevale58, i due contesti contrappongono una divaricazione a partire dalla piena età normanna (XII secolo)59, quando in Calabria sembra funzionare una manifattura laterizia, di mattoni in particolare, ben strutturata al punto da gestire una produzione discretamente diffusa di un mattone modulare (cm 39/41x 20/23x4,5/5)60. Nel corso del XII secolo il mattone viene impiegato prevalentemente, negli archi, nelle incorniciature delle aperture, nelle lesene o nelle arcate cieche che decorano l’esterno di absidi e pareti61 ; laterizi sono messi in opera di testa e di taglio nella muratura o riproponendo schemi delle apparecchiature in pietra62 o semplicemente in corsi composti da tre o più filari che si intervallano alla pietra calcarea. Si diffonde la tecnica a fasce alternate che utilizza spesso la coppia laterizio-calcare per ottenere la bicromia63. Le chiese monastiche, costruite tra XI e XII secolo nella Calabria meridionale, rispondenti ad uno stesso modello architettonico e scelgono spesso il mattone come materiale costruttivo per gli elementi notevoli64.

  • 65 Studi di riferimento sono stati per lungo tempo Ciotta 1976 ; Basile 1975 ; Filangeri 1980. Da qua (...)
  • 66 In particolare sull’utilizzo dei laterizi come decorazione esterna, Mamì 2008 ; sugli schemi costr (...)

19Affinità planimetriche e decorative, analogie architettoniche e costruttive accomunano le chiese calabresi alle fondazioni lungo la costa orientale della Sicilia, in particolare nel Val Demone messinese che, tra XI e XII secolo, condivide con la Calabria Ultra dinamiche culturali comuni. Insieme ai grandi impianti latini, i Normanni costruiscono in Sicilia, come in Calabria, chiese e strutture monastiche di rito greco di minori dimensioni e in numero superiore a quelle che, oggi, conservano un assetto originario. Tra queste ultime si annoverano, in particolare, Santa Maria a Mili, SS. Pietro e Paolo di Agrò a Casalvecchio Siculo, SS. Pietro e Paolo di Itala, Sant’Alfio di San Fratello, San Filippo di Fragalà65. La lettura formale di queste architetture ha, ormai, codificato una serie di elementi caratterizzanti che ne consentono una classificazione unitaria estendibile all’intero distretto calabro-siculo. Le ridotte dimensioni, l’impostazione icnografica, la tripartizione del bema, la copertura a cupola, la decorazione muraria esterna ad archi intrecciati spesso ogivali o a rincasso, con lesene o paramenti bicromi e policromi costituiscono le principali tra le caratteristiche di questi edifici, e si pongono come risultanti di un processo di ‘sincretizzazione’ tra i nuovi costruttori e le componenti culturali orientali (bizantine e islamiche) presenti in Sicilia66.

  • 67 In soli mattoni o alternati a pietra calcarea o arenaria o lavica vengono realizzate lesene decora (...)
  • 68 Le chiese siciliane mancano totalmente di un’analisi metrica sui laterizi. Unico accenno è fatto d (...)
  • 69 E. Triunfo sottolinea l’uguaglianza tra San Giovanni Vecchio di Bivongi e Santa Maria di Mili, Tru (...)

20Insieme alle soluzioni architettonico-formali, l’adozione del mattone come materiale costruttivo distintivo caratterizza le chiese siciliane in maniera più sistematica rispetto agli esempi calabresi. Laterizi lungo i paramenti, nelle lesene e nelle cornici sono impiegati in una ricca varietà di disposizioni : di fascia, di punta, a ‘spina di pesce’, a ‘dente di sega’ o a zig-zag’ ; effetti cromatici sono ottenuti alternando mattoni di tonalità differenti o pietra lavica o calcare ; di mattoni sono le parti più importanti dell’edificio (le calotte delle cupole, i loro raccordi, i tamburi, gli archi, le aperture) ; mattoni sono formati per i dischi circolari delle colonne, per le losanghe e i rombi decorativi dei paramenti di facciata67. Nonostante per i laterizi delle chiese messinesi si propenda per l’identificazione di un unico modello dimensionale, caratterizzato da misure e oscillazioni corrispondenti a quello normanno-calabrese68, non sembra, tuttavia, esistere una relazione tra i valori dimensionali e la cronologia degli edifici ; si attestano, piuttosto, coppie o insiemi di edifici omogenei fra loro, tali da far supporre la presenza di maestranze itineranti organizzate per gruppi che operano in ambiti ristretti69.

  • 70 A. Bagnera, sottolineando la variabilità propria dei mattoni di Santa Maria del Mare e in generale (...)
  • 71 A. Bagnera ipotizza che i mattoni impiegati nei Bagni di Cefalà Diana possano essere ascrivibili p (...)

21Mattoni dalle misure affini al modulo normanno calabrese vengono attestati, ma in misura decisamente inferiore, anche nella Sicilia occidentale a Segesta e nella pavimentazione originaria della Zisa di Palermo70, mentre i laterizi impiegati nelle terme di Cefalà potrebbero allinearsi alla pratica del reimpiego romano diffuso anche nella Calabria della fine XI-XII secolo71.

  • 72 Non ci sono analisi specifiche sull’utilizzo di laterizi nell’edilizia altomedievale, un quadro su (...)
  • 73 Mattoni attribuiti al modulo angioino sono attestati a Nicastro, Donato 2004, p. 507- 508, e nella (...)
  • 74 Donato 1999.
  • 75 Particolare è il caso di Santa Maria di Patir a Rossano, costruita nel 1101-1105 e conclusa dopo l (...)
  • 76 Gli atti della corona fanno esplicito riferimento alle dimensioni dei mattoni da adottare a Melfi (...)
  • 77 Schema abbastanza condiviso è l’ipotesi di un movimento di gruppi ristretti, spesso con specialist (...)

22A partire dalla fine dell’XI - inizio XII secolo l’area dello stretto assisterebbe ad una produzione laterizia72 che, almeno nel caso della Calabria sembra continuare fino ad età angioina con una progressiva diminuzione del modulo73, per poi interrompersi e riprendere solo in età contemporanea74. Le oscillazioni del modulo normanno "siculo-calabrese", in alcuni casi vere e proprie repentine diminuzioni nel corso dello stesso XII secolo75, sembrano indicare rispetto a Lucera una minore qualità del processo di cottura e un controllo più labile delle dimensioni, che invece nel caso angioino sono esattamente prescritte e riscontrabili a Melfi e in altri contesti della Puglia settentrionale76. Nella Sicilia orientale e Calabria meridionale, area italo-greca piuttosto coerente, il mattone sembra registrare una diffusione maggiore nell’arco del XII secolo , rispondendo probabilmente sempre a esigenze di carattere funzionale ed economico, in relazione alla facilità di approvvigionamento-trasporto-produzione-messa in opera, e poi stilistico. Gli studi calabresi e siciliani, in corso, non formulano ipotesi definitive sulle maestranze coinvolte. In entrambi i contesti si ritiene che si tratti di maestranze itineranti, probabilmente strutturate in gruppi organizzati : manodopera specializzata ‘non locale’, forse gli stessi monaci, secondo alcuni studi calabresi77 ; una buona componente di maestranze isolane di formazione orientale e già abili costruttori, secondo quelli siciliani, come denuncerebbe l’omogeneità delle scelte stilistiche, tra cui l’adozione del mattone, che caratterizzano gli edifici del Val Demone e dell’intera area dello stretto.

  • 78 Le recenti riletture delle chiese messinesi tenderebbero a confermare visioni consolidate di grupp (...)
  • 79 Giavarini 2005 ; Wulf-Rheidt 2015.
  • 80  Lo scarso sviluppo del laterizio nell’architettura monumentale delle province romane dimostra che (...)

23La comprensione della ripresa o sviluppo della produzione laterizia richiede, ancora nel Mezzogiorno medievale, il rilevamento delle dinamiche di formazione degli ambienti tecnici e della circolazione dei saperi78 ; dall’altro è fondamentale pesare il ruolo progettuale che committenze esercitano nella scelta dei fattori formali e tecnici, se il laterizio e la sua dimensione sia una scelta di chi finanzia il cantiere, per gusto, motivi economici o per imitazione di altri contesti, o se abbia un altro tipo di origine da imputare alle stesse maestranze. I saraceni di Lucera, oltre a costituire una manovalanza numerosa, potrebbero aver contribuito alla fabbricazione e cottura dei mattoni, data la loro nota dimestichezza nel manovrare l’argilla ; ma d’altro canto il repentino incremento produttivo si registra grazie alla volontà di Carlo I di impiantare un cantiere ‘XXL’79, dove, come nei grandi cantieri imperiali, al netto delle condizioni necessarie all’adozione del laterizio, il controllo della committenza garantisce l’efficienza della produzione, dettando le regole, tra cui le dimensioni dei mattoni80.

Haut de page

Bibliographie

Abulafia 1998 = D. Abulafia, La caduta di Lucera Saracenorum, in Per la storia del Mezzogiorno medievale e moderno. Studi in memoria di Jole Mazzoleni, I, Napoli, 1998, p. 171-186.

Arcifa et al. 2012 = L. Arcifa et al., Archeologia della Sicilia islamica nuove proposte di riflessione, in Ph. Sénac (a cura di), Histoire et archéologie de l’Occident musulman (VII-XV siècle). Al-Andalus, Maghreb, Sicilie, Toulouse, 2012, p. 241-274.

Ardizzone 2009 = F. Ardizzone, Le produzioni medievali di Agrigento alla luce delle recenti indagini nella valle dei templi, in Atti del XLII Convegno Internazionale della ceramica, Albisola, 2009, p. 275-285. 

Bagnera 2000 = A. Bagnera, Le cosiddette ‘terme arabe’ di Cefalà Diana (Palermo) : relazione preliminare sulle indagini archeologiche, in Terze giornate internazionali di studi sull’area Elima (Gibellina - Erice - Contessa Entellina, 23-26 ottobre 1997), Pisa, 2000, p. 57-78.

Bagnera 2003 = A. Bagnera, L’islam e le terme di Cefalà Diana, in M.V. Fontana, B. Genito (a cura di), Studi in onore di Umberto Scerrato per il suo settantacinquesimo compleanno, 1, Napoli, 2003, p. 35-76.

Bagnera – Nef 2007 = A. Bagnera, A. Nef, Les Bains de Cefalà (prov. de Palerme): contexte historique et fonctions, in M. Beauvois-Guérin, J.-M. Martin (a cura di), Bains curatifs et bains hygiéniques en Italie de l'Antiquité au Moyen Âge, Roma, 2007, p. 263-308.

Baldasarre 2007 = G. Baldasarre, Produzione ed impiego del laterizio nella Puglia centro-settentrionale e nella Lucania nord-orientale fra Tarda Antichità e Medioevo, in Archeologia dell’Architettura, XII, 2007, p. 7-75.

Baldasarre 2011 = G. Baldasarre, I laterizi della cittadella bizantina e motta castrale di Vaccarizza (scavi 1998-2003), in P. Favia, G. De Venuto (a cura di), La Capitanata e l’Italia meridionale nel secolo XI : da Bisanzio ai Normanni (Atti delle Seconde Giornate Medievali di Capitanata, 16-17 aprile 2005), Bari, 2011, p. 233-250.

Balenzano et al. 1977 = F. Balenzano et al., Ricerche mineralogiche chimiche e granulometriche su argille subappenniniche della Daunia (Puglia), in Geologia applicata e idrogeologia, XII/2, 1977, Bari, p. 33-55.

Basile 1975 = F. Basile, L’architettura della Sicilia normanna, Catania, 1975.

Beck 1995 = P. Beck, La domus imperiale di Fiorentino in Capitanata, in M.S. Calò Mariani, R. Cassano (a cura di), Federico II. Immagine e potere e Fiorentino, Venezia, 1995, p. 183 – 185. 

Beck 1998 = P. Beck, La domus imperiale, in M.S. Calò Mariani (a cura di), Il recupero di una città medievale Fiorentino, Bari, 1998, p. 15-19.

Bougard – Noyé 1989 = F. Bougard, G. Noyé, Squillace au Moyen Âge, in R. Spadea (a cura di), Da Skylletion a Scolacium. Il parco archeologico della Roccelletta, Roma, 1989, p. 215-230.

Bozzoni 1974 = C. Bozzoni, Calabria normanna. Ricerche sull’architettura dei secoli undicesimo e dodicesimo, Roma, 1974. 

Bozzoni 1999 = C. Bozzoni, L’architettura, in A. Placanica (a cura di), Storia della Calabria Medievale. Culture, arti tecniche, Soveria Mannelli,1999, p. 273-331.

Bresc 1984 = H. Bresc, Terre e castelli : le fortificazioni della Sicilia araba e normanna, in R. Comba, A. Settia (a cura di), Castelli : storia e archeologia (Relazioni comunicazioni al Convegno, Cuneo, 6-8 dicembre 1981), Torino, 1984, p. 73-88. 

Bruzelius 2005 = C. Bruzelius, Le pietre di Napoli. L’architettura religiosa nell’Italia angioina, 1266-1343, Roma, 2005.

Busto 2012 = A. Busto, La cattedrale di Fiorentino il contributo della ricerca archeologica (campagne di scavo 1994- 1996), in M.S. Calò Mariani et al. (a cura di), Fiorentino ville désertée nel contesto storico della Capitanata medievale (ricerche 1982-1993), Roma, 2012, p. 709-723.

Cadei 2004 = A. Cadei, Federico II e Carlo I costruttori a Brindisi e Lucera, in G. Musca (a cura di), L’eredità normanno-sveva nell’età angioina. Persistenze e mutamenti nel Mezzogiorno (Atti delle quindicesime giornate normanno-sveve, Bari, 22-25 ottobre 2002), Bari, 2004, p. 235- 301.

Calò Mariani 2012 = M.S. Calò Mariani, Fiorentino e la fortezza di Lucera. Ricerche sulle fonti documentarie e sui materiali da costruzione, in M.S. Calò Mariani et al. (a cura di), Fiorentino ville désertée nel contesto storico della Capitanata medievale (ricerche 1982-1993), Roma, 2012, p. 671-676.

Calò Mariani 2014 = M.S. Calò Mariani, Puglia e Mediterraneo. Artefici, manufatti e modelli dal mondo islamico nei cantieri e negli ateliers di età svevo-angioina, in L'officina dello sguardo. Scritti in onore di Maria Andaloro. I luoghi dell'arte. Immagine, memoria, materia. vol. I, Roma, 2014, p. 167-174.

Calò Mariani et al. 2012 = M.S. Calò Mariani et al. (a cura di), Fiorentino ville désertée nel contesto storico della Capitanata medievale (ricerche 1982 -1993), Roma, 2012.

Cataldo 1999 = L. Cataldo, Materiali per una storia delle fornaci a Lucera, in M. Bignardi (a cura di), Architetture delle fornaci, Napoli, 1999, p. 87-103.

Cataldo 2000 = L. Cataldo, Le antiche fornaci di Lucera, in Atti del 20° Convegno Nazionale sulla Preistoria, Protostoria e Storia della Daunia (San Severo, 27-28 novembre 1999), San Severo, 2000, p. 155-169.

Ciotta 1976 = G. Ciotta, Chiese basiliane in Sicilia, in Sicilia, 80, 1976, p. 14-20.

Corrente et al. 2012 = M. Corrente et al., Forme di aggregazione rurale nel territorio di Troia (FG) : la chiesa e il suo cimitero in località Cancarro (Troia), in F. Redi, A. Forgione (a cura di), VI Congresso nazionale di Archeologia Medievale (L’Aquila, 12-15 settembre 2012), Firenze, 2012, p. 551-556.

Corsi 1998 = P. Corsi, Aspetti della vita quotidiana nelle carte di Lucera del secolo XIII, in Miscellanea di storia lucerina II (Atti del III Convegno di Studi Storici), Lucera, 1989, p. 37-75 ( =Tra pubblico e privato. Aspetti di vita quotidiana nel mezzogiorno medievale, Bari, 1998, p. 79-116).

Cuteri 2003 = F.A. Cuteri, L’attività edilizia nella Calabria normanna. Annotazioni sui materiali e tecniche costruttive, in Cuteri F. A. (a cura di), I Normanni in finibus Calabriae, Soveria Mannelli, 2003, p. 95-141.

Dell’Anna et al 1974 = L. Dell’Anna et al., Giacimenti di argille ceramiche in Italia. Puglie, in F. Veniale, C. Polmonari (a cura di), Giacimenti di argille ceramiche in Italia, Gruppo Ital. A.I.P.E.A., 1974, p. 195-234.

De Santis – Valente 2000 = P. De Santis, M. Valente, L’età medievale, in G. Volpe (a cura di), Ordona X, Bari, 2000, p. 51-67.

Di Gangi 1995 = G. Di Gangi, Alcuni frammenti in stucco di età normanna provenienti dagli scavi medievali di Gerace (RC), in Arte medievale, II s., anno IX, 1995/1, p. 85-103. 

Di Gangi – Lebole 1998 = G. Di Gangi, C. Lebole, Aspetti e problemi dell'età normanna in Calabria alla luce dell'archeologia, in MEFRM, 110-1, 1998, p. 397-424.

Di Paola 2007 = S. Di Paola, Il feudo di Serracapriola e il suo Castello nell’età moderna, San Severo, 2007.

Donato 2003a = E. Donato, L'incastellamento medievale nell'alto Tirreno calabrese (XII-XIV). Prime indagini e prospettive di ricerca, in III Congresso Nazionale di Archeologia Medievale (Castello di Salerno - Complesso di S. Sofia, 2-5 ottobre 2003), Firenze, 2003 p. 435-442. 

Donato 2003b = E. Donato, Nuovi dati sulla città di Catanzaro in età postclassica : la chiesa di S. Omobono, in Archeologia Medievale, XXX, 2003, p. 403-427.

Donato 2004 = E. Donato, Il contributo dell’archeologia degli elevati alla conoscenza dell’incastellamento medievale in Calabria tra l’età normanna e quella sveva : un caso di studio, in Archeologia Medievale, XXXI, 2004, p. 497-526.

Donato – Raimondo 2001 = E. Donato, C. Raimondo, Nota preliminare sull’utilizzo e la produzione di mattoni nella Calabria postclassica. I mattoni dallo scavo del castrum di S. Maria del Mare a Staletti (CZ), in MEFRM, 113-1, 2001, p. 173-201.

D’Onofrio 1994 = M. D’Onofrio, Il panorama dell’architettura religiosa, in M. D’Onofrio (a cura di), I Normanni popolo d’Europa, Venezia, 1994, p. 199-208.

Egidi 1911 = P. Egidi, La colonia saracena di Lucera e la sua distruzione, in Arch.StorProvNapoletane, XXXVI, 1911, p. 597-694.

Egidi 1912 = P. Egidi, La colonia saracena di Lucera e la sua distruzione, in Arch.StorProvNapoletane, XXXVII, 1912, p. 71-144. 

Egidi 1913 = P. Egidi, La colonia saracena di Lucera e la sua distruzione, in Arch.StorProvNapoletane, XXXVIII, 1913, pp. 115-144, 681- 707.

Egidi 1914 = P. Egidi, La colonia saracena di Lucera e la sua distruzione, in ArchStorProvNapoletane, XXXIX, 1914, p. 697-766, 132-171.

Egidi 1917 = P. Egidi, Codice Diplomatico dei Saraceni di Lucera, Napoli, 1917.

Eramo et al. 2012 0 G. Eramo et al., Fiorentino e Lucera. Analisi archeometriche dei laterizi e delle malte, in M.S. Calò Mariani et al. (a cura di), Fiorentino ville désertée nel contesto storico della Capitanata medievale (ricerche 1982-1993), Roma, 2012, p. 677-705.

Favia 2008 = P. Favia, Rapporti con l’Oriente e mediazioni tecnologiche culturali nella produzione ceramica basso medievale della Puglia centro settentrionale : gli influssi bizantini, la presenza saracena e le elaborazioni locali, in Italia, medio ed estremo oriente : commerci, trasferimenti di tecnologie ed influssi decorativi tra basso medioevo ed età moderna (Atti del XL Convegno Internazionale della ceramica, Albisola, 11-12 maggio 2007), Firenze, 2008, p. 77-94.

Favia et al. 2000 = P. Favia et al., L’area delle terme (Saggio III. 1997-1998), in G. Volpe (a cura di), Ordona X, Bari, 2000, p. 127-201.

Favia et al. 2015 = P. Favia et al., Montecorvino. Parabola insediativa di una cittadina dei Monti Dauni fra XI e XVI secolo, in P. Arthur, M. Leo Imperiale (a cura di), VII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale (Lecce, 9-12 sett. 2015), Firenze, 2015, p. 191-196.

Feniello 2011 = A. Feniello, Sotto il segno del leone. Storia dell’Italia mussulmana, Bari, 2011.

Filangeri 1980 = C. Filangeri (a cura di), Monasteri basiliani di Sicilia, Mostra dei codici e dei monumenti basiliani siciliani (Messina, 3-6 dicembre 1979), Palermo, 1980.

Fiorilla 1995 = S. Fiorilla, Ceramiche medievali nella Sicilia centromeridionale, in Actes du 5éme Colloque sur la céramique médiévale en Méditerranée occidentale, Rabat, 1995, p. 205-215. 

Fiorilla 2000 = S. Fiorilla, I laterizi bollati e iscritti in Sicilia, in S. Gelichi, P. Novara (a cura di), I laterizi nell’altomedioevo italiano (Atti delle Giornate di Studi, Ravenna, 18 aprile 1997), Ravenna, 2000, p. 185 - 212.

Gabrieli 1976 = F. Gabrieli, I Saraceni a Lucera, in Rassegna di studi dauni a. III, n. 1, 1976 p. 23-27.

Giavarini 2005 = C. Giavarini, The brick industry in ancient Rome, in C. Giavarini (a cura di), The Basilica of Maxentius. The monument, its materials, construction and stability, Roma, 2005, p. 94-104

Giuliani 2011 = R. Giuliani, Problemi e prospettive di ricerca per l’edilizia di XI secolo nella Puglia centro-settentrionale, in P. Favia, G. De Venuto (a cura di), La Capitanata e l’Italia meridionale nel sec. XI : da Bisanzio ai Normanni (Atti delle II Giornate medievali di Capitanata, Apricena, 16-17 aprile 2005), Bari, 2011, p. 189-232. 

Giuliani – Baldasarre 2013 = R. Giuliani, G. Baldasarre, I cantieri vescovili dell’Apulia tardoantica come laboratorio di progetti fra saperi costruttivi tradizionali e nuove pratiche edilizie, in Brandt et al. (a cura di), Acta XV Congressus Intrenationalis archeologiae christianse, Città del Vaticano, 2013, p. 793- 811. 

Giuliani – Corvino 2014 = R. Giuliani, R. Corvino, Archeologia dell’architettura nella Capitanata medievale. Il caso della torre di Civitate, in A. Gravina (a cura di), 34° Convegno nazionale sulla Preistoria – Protostoria – Storia della Daunia (San Severo 16-17 novembre 2013), San Severo, 2014, p. 413- 434.

Giuliani – Favia 2007 = R. Giuliani, P. Favia, La « sedia del diavolo ». Analisi preliminare delle architetture del sito medievale di Montecorvino in Capitanata, in Archeologia dell’Architettura, XII, 2007, p. 133-160.

Haseloff 1992 = A. Haseloff 1992, Architettura sveva nell’Italia meridionale, (trad. it. Die Bauten der Hohenstaufen in Unteritalien, Leipzig 1920), Bari, 1992, p. 99-340.

Houben 1996 = H. Houben Le ricerche di Eduard Sthamer sulla storia del Regno, in Federico II. Convegno dell’Istituto Storico Germanico di Roma nell’VIII Centenario della nascita, Tubingen, 1996, p. 109-127.

Kieswetter 2004 = A. Kieswetter, Il governo e l’amministrazione centrale del regno, in G. Musca (a cura di), L’eredità normanno-sveva nell’età angioina. Persistenze e mutamenti nel Mezzogiorno (Atti delle quindicesime giornate normanno-sveve, Bari, 22-25 ottobre 2002), Bari, 2004, p. 26-68.

La Cava 1943 = A. La Cava, Un comune pugliese nell’età moderna, in Archivio Storico Napoletano, LXIII, 1943, p. 27

L’arte siculo normanna 2007 = L’arte siculo normanna. La cultura islamica nella Sicilia medievale, Palermo, 2007, p. 277-281 (rist. L’arte siculo normanna. La cultura islamica nella Sicilia medievale, in L’Arte islamica nel Mediterraneo, Madrid, 2005)

Maier 1995 = C. Maier, Crusade and rhetoric against the Muslim colony of Lucera: Eudes of Châteauroux’s Sermones de Rebellione Sarracenorum Lucerie, in Apulia, Journal of Medieval History, 21, 1995, p. 343-385.

Mangialardi 2012 = N.M. Mangialardi, La fortezza di Lucera : un cantiere tra Svevi e Angioini, attraverso un sistema integrato di fonti. Il contributo archeologico delle ‘fonti indirette’, in P. Favia, H. Houben, K. Tomaspoeg (a cura di), Federico II e i cavalieri teutonici in Capitanata : recenti ricerche storiche e archeologiche, Galatina, 2012, p. 447-500.

Mangialardi 2015a = N.M. Mangialardi, Il ciclo edilizio dell’argilla a Lucera tra XIII e XIV secolo attraverso l’analisi mensiocronologica dei laterizi, in G. Volpe (a cura di), Storia e Archeologia globale 1, Bari 2015, p. 89-102.

Mangialardi 2015b = N.M. Mangialardi, The dimensional analysis of the bricks. The case study of Lucera between the thirteenth and fourteenth century, in 1st International Conference on Metrology for Archaeology (Benevento, October 22-23), 2015b, 208-213.

Mangialardi c.s. = N.M. Mangialardi, Le fonti indirette e l’archeologia dell’architettura : alcuni aspetti del cantiere della fortificazione di Lucera (FG) nei Registri della Cancelleria angioina, in IV Workshop Medioevo in Formazione (Pisa, 6-8 novembre 2015).

Margani 2001 = G. Margani, Appendice III. Emergenze basiliane sulle pendici ioniche dei peloritani, in Naxos di Sicilia in età romana e bizantina ed evidenze dai Peloritani, Catalogo Mostra Archeologica Museo di Naxos (3 Dicembre 1999-3 Gennaio 2000), Bari, 2001, p. 143 – 160.

Mamì 2008 = A. Mamì, Le chiese basiliane della Sicilia orientale, in Costruire in laterizio, 123, 2008, p. 56-63.

Martin 1989 = J.-M. Martin, La colonie sarrasine de Lucera et son environnement. Quelques réflexions, in Mediterraneo medievale, scritti in onore di Francesco Giunta, Soveria Mannelli,1989, p. 797-1011.

Martin 1991 = J.-M. Martin, Foggia, Lucera, in G. Musca (a cura di), Itinerari e centri urbani nel Mezzogiorno normanno-svevo (Atti delle decime giornate normanno-sveve, Bari, 21-24 ottobre 1991), Bari, 1991, p. 333-363.

Matheus – Clemens 2012 = M. Matheus, L. Clemens, Musulmani e provenzali in Capitanata nel XIII secolo. I primi risultati di un progetto internazionale e interdisciplinare, in P. Favia, H. Houben, K. Tomaspoeg (a cura di), Federico II e i cavalieri teutonici in Capitanata : recenti ricerche storiche e archeologiche, Galatina, 2012, p. 369-404.

Minuto – Venoso 1993 = D. Minuto, S.M. Venoso, Indagini per una classificazione cronologica dei paramenti murari calabresi in età medievale, in Mestieri, lavoro e professioni nella Calabria medievale. Tecniche, organizzazioni, linguaggi (Atti dell’VIII Congresso storico calabrese, Palmi, 19-22 novembre 1987), Soveria Mannelli, 1993, p. 183-226.

Mola 1998 = S. Mola, La cattedrale : notizie, scavi e rinvenimenti, in M.S. Calò Mariani (a cura di), Il recupero di una città medievale Fiorentino, Bari, 1998, p. 49-58.

Moran 2000 = M. Moran, Produzione di laterizi in un monastero meridionale in epoca carolingia : San Vincenzo al Volturno (Is), in S. Gelichi, P. Novara (a cura di), I laterizi nell’altomedioevo italiano (Atti delle Giornate di Studi, Ravenna, 18 aprile 1997), Ravenna, 2000, p. 169-184.

Morlacco 2011 = D. Morlacco, Dimore gentilizie e strutture pubbliche a Lucera, Foggia, 2011.

Nef 2009 = A. Nef, La déportation des musumans par Fréderic II : précédents, modalités, signification et portée de la mesure, in C. Moatti, W. Kaiser, C. Pébarthe (a cura di), Le monde de l’itinérance en Méditerranée de l’Antiquité à l’époque moderne. Procédure de contrôle et identification, Bordeaux, 2009, p. 455-477.

Noyé 1985 = G. Noyé, La céramique peinte glaçurée, la protomajolique et les sites de production en Capitanate aux XIIe et XIIIe siècles : problémes de méthodologie et perspectives de la recherche, in M.S. Calò Mariani (a cura di), Federico II e Fiorentino (Atti del Primo Convegno di Studi Medievali della Capitanata, Torremaggiore, 23-24 giugno), Galatina, 1985, p. 79-99. 

Orsi 1929 = P. Orsi, Le chiese basiliane della Calabria, Firenze, 1929. 

Pansini – Rossi 1991 = S. Pansini, F. Rossi, Per una storia della ceramica pugliese : le fonti documentarie dal sec. XVI a sec. XVIII. III La Capitanata, in Faenza, LXXVII, fasc. I-II, 1991, p. 49-50.

Pieri 1953 = P. Pieri, I saraceni di Lucera nella storia militare medievale, in Archivio Storico Pugliese, 6, 1953, p. 94-101.

Pietropaolo 2008 = L. Pietropaolo, La ceramica in Puglia dal tardoantico al basso medioevo tra Occidente e Oriente : nuovi dati, in Italia, medio ed estremo oriente : commerci, trasferimenti di tecnologie ed influssi decorativi tra basso medioevo ed età moderna (Atti del XL Convegno Internazionale della ceramica, Albisola, 11-12 maggio 2007), Firenze, 2008, p. 51-67.

Pintus 2010 = F. Pintus, La produzione e l’impiego dei laterizi nella Macerata medievale e moderna, L’Aquila, 2010.

Piponnier 1995 = F. Pipponier, La casa medievale di Fiorentino, in M.S. Calò Mariani, R. Cassano (a cura di), Federico II. Immagine e potere e Fiorentino, Venezia, 1995, p. 186-187.

Piponnier 1998 = F. Piponnier, La casa medievale, in M.S. Calò Mariani (a cura di), Il recupero di una città medievale Fiorentino, Bari, 1998, p. 21-32.

Piponnier 2000 = F. Piponnier, La maison médiévale à Fiorentino, in A. Bazzan, E. Hubert (a cura di), Castrum 6. Maisons et espaces domestiques dans le monde méditerranéen au Moyen Âge, Rome-Madrid, 2000, p. 199-208.

Piponnier 2012 = F. Piponnier, L’espace urbain, in M.S. Calò Mariani et al., Fiorentino ville désertée nel contesto storico della Capitanata medievale (ricerche 1982-1993), Roma, 2012, p. 73-90 ;

Pistilli 2006 = P.F. Pistilli., Architetti oltremontani al servizio di Calo I d’Angiò nel Regno di Sicilia, in F. Pardo (a cura di), Arnolfo di Cambio e la sua epoca. Costruire, scolpire, dipingere, decorare (Atti del Convegno Internazionale di Studi, Firenze 2006), Roma, 2006, p. 263-276.

Pittaluga 2009 = D. Pittaluga, La mensiocronologia dei mattoni. Per datare, per conoscere e per comprendere le strutture storiche, Genova, 2009.

Rivoire 1901 = P. Rivoire, Lucera sotto la dominazione angioina, in Rassegna Pugliese di Scienze, Lettere e Arti, 18, 1901, p. 201.

Ragona 1960 = A. Ragona, Influssi saraceni nella ceramica italiana al tempo degli svevi e degli angioini, in Faenza, XLVI, 1960, p. 3-12.

Raimondo 2004 = C. Raimondo, Per un atlante crono-tipologico delle tecniche murarie in Calabria tra VI e XI secolo : il contributo del castrum bizantino di S. Maria del Mare, in Archeologia Medievale, 2004, XXXI, p. 473-496.

Redi 2003 = F. Redi, Materiali, tecniche e cantieri : primi dati del territorio aquilano, in III Congresso Nazionale di Archeologia medievale, Salerno, 2-5 ottobre 2003), Siena, 2003, p. 587-593.

Rognoni 2011 = C. Rognoni, Les Actes privés grecs de l’Archivo Ducal de Medinaceli. II. La Vallée de Tuccio (Calabre, XIIe-XIIIe siècles), Paris, 2011.

Rossitti 2012 = D. Rossitti, La produzione aulica delle corti sveve in Puglia : il caso dei vetri di Lucera, in A. Larese, F. Seguso (a cura di), Il vetro nel Medio Evo tra Bisanzio, l’Islam e l’Europa (VI-XIII secolo) (Atti delle XII Giornate Nazionali di Studio sul Vetro, Venezia 2007), Venezia, 2012, p. 123-141.

Rotili et al. 2002 = M. Rotili et al., Il Castello di Amendolea a Condufuri scavo e struttura stratigrafica, in Quaderni del Dipartimento Patrimonio Architettonico e Urbanistico, 2002, p. 21-22

Ruga 1998 = A. Ruga, La chiesa di S. Maria di Zarapotamo (Catanzaro) tra VI e XII secolo, in MEFRM, 110/1, 1998, p. 379-396.

Santoro 1994 = L. Santoro, Castelli nell’Italia meridionale, in M. D’Onofrio (a cura di), I Normanni popolo d’Europa, Venezia, 1994, p. 209-213.

Sthamer 1912 = E. Sthamer, Dokumente zur Geschichte der Kastellen Bauten Kaiser Friedrichs II und Karls von Anjou, Band I: Capitanata, Leipzig, 1912.

Sthamer 1926 = E. Sthamer, Dokumente zur Geschichte der Kastellen Bauten Kaiser Friedrichs II und Karls von Anjou, Band I: Apulien und Basilicata, Leipzig, 1926.

Tabanelli 2016 = M. Tabanelli, La decorazione muraria ad intarsi nel Meridione normanno : gli episodi calabresi nel contesto dei rapporti tra Contea e Ducato, in Arte Medievale, IV s., VII, 2016, p. 51-60

Taylor 1999 = J. Taylor, Lucera Sarracenorum : una colonia musulmana nell'Europa medievale, in Archivio Storico Pugliese, 52, 1999, p. 227-242.

Taylor 2003= J. Taylor, Muslims in medieval Italy. The colony at Lucera, 2003.

Triunfo 2017 = E. Triunfo, L’utilizzo della cupola nell’architettura religiosa normanna. Il caso delle strutture monastiche greche nell’area dello stretto di Messina, Canterano, 2017.

Tomaiuoli 1996 = N. Tomaiuoli, Architettura primoangioina in Capitanata : cantieri, protomagistri, ingenierii, magistri, in (Atti XIV Convegno sulla Preistoria, Protostoria, Storia della Daunia, San Severo, 27-28 novembre 1993), San Severo, 1996, p. 49-75.

Tomaiuoli 2012 = N. Tomaiuoli, Lucera : il palatium di Federico II, da dimora imperiale a castrum, in Federico II e i Cavalieri Teutonici in Capitanata : recenti ricerche storiche e archeologiche, in P. Favia, H. Houben, K. Tomaspoeg (a cura di), Federico II e i cavalieri teutonici in Capitanata : recenti ricerche storiche e archeologiche, Galatina, 2012, p. 405-446.

Volpe 2000 = G. Volpe, Herdonia romana, tardoantica e medievale alla luce dei recenti scavi, in Volpe G. (a cura di), Ordona X, Bari, 2000, p. 507-554.

Whitehouse 1982 = D. Whitehouse, Le ceramiche medievali del Castello di Lucera, in Atti dell’XI Convegno internazionale della ceramica (Albisola 1978, Genova, 1982), p. 33-42 (= BArte V 51, 1966 a, 3-4, p. 171- 178).

Whitehouse 1984 = D. Whitehouse, La ceramica da tavola dell’Apulia settentrionale nel XII e XIV secolo, in M.V. Fontana, G. Vassallo (a cura di), La ceramica medievale di S. Lorenzo Maggiore in Napoli nel quadro della produzione dell’Italia centro-meridionale e i suoi rapporti con la ceramica islamica (Atti del Convegno, Napoli Basilica di S. Lorenzo Maggiore, 25-27 giugno 1980), Roma-Friburgo-Vienna, 1984, p. 417-426.

Whitehouse 1986 = D. Whitehouse, Apulia, in La ceramica medievale nel mediterraneo occidentale (Atti del III Congresso Internazionale della Università degli Studi di Siena, Siena 8-12 ottobre 1984 ; Faenza 13 ottobre 1984), Firenze, 1986, p. 573-586.

Wulf-Rheidt 2015 = U. Wulf-Rheidt, Laterizio, progetti XXL e potere imperiale, in Archeologia dell’Architettura, XX, 2015, p. 213-219.

Haut de page

Notes

1 Maier 1995 ; Taylor 2003, p. 53. Sulla deportazione della colonia saracena a Lucera, Winkelmann 1889, p. 537-538 ; Egidi 1911-1914 ; Egidi1917 ; Pieri 1953 ; Corsi 1989 ; Martin 1989 ; Abulafia 1998 ; Taylor 1999 ; Taylor 2005 ; Nef 2009 ; Feniello 2011.

2 Kieswetter 2004 e prec.

3 Agli inizi del ‘900 l’Istituto Storico Prussiano si occupa del passaggio tra la dominazione sveva e quella angioina e affida ad Arthur Haseloff l’analisi delle architetture, e a Eduard Sthamer lo spoglio dei Registri della Cancelleria angioina (Haseloff 1992 ; Sthamer 1912). Per una sintesi delle vicende Houben 1996 con bibliografia di riferimento.

4 Sulla contemporaneità di alcuni cantieri angioini in Puglia, si veda Tomaiuoli 1996 ; Cadei 2004 ; Bruzelius 2005, p. 49-55 ; Pistilli 2006, p. 263-264 ; Mangialardi c.s. Sul palatium di età sveva Haseloff 1992, p. 185-233 ; Tomaiuoli 2012 e precedenti.

5 Rivoire 1901, p. 201 ; Taylor 2005, p. 154-157. Le fonti citano 128 case all’interno della fortezza destinate ai coloni provenzali (Sthamer 1912, doc. 168), presenza confermata in via preliminare, dalle prospezioni geofisiche condotte dall’Istituto Storico Germanico nel 2006, Matheus – Clemens 2012, p. 384-393.

6 La descrizione più completa dei possibili edifici che, in base alle fonti scritte, dovevano essere all’interno della fortezza rimane Haseloff 1992, p. 312-339. Nel corso del XX secolo sono stati condotti diversi interventi di scavo puntuali che non hanno contribuito alla comprensione della stratificazione insediativa.

7 Per una descrizione più ampia del circuito murario e dello sviluppo architettonico delle singole torri Haseloff 1992, p. 235-311 ; Tomaiuoli 1990.

8 Sull’utilizzo preferenziale della pietra in Puglia centro-settentrionale da età bizantina, Giuliani 2011 ; Giuliani 2007. Per una panoramica sull’adozione della pietra nel Meridione normanno, Santoro 1994 ; D’Onofrio 1994. In particolare per la Calabria normanna, Donato 2004 ; Cuteri 2003, p. 100-112 ; Di Gangi, Lebole 1998 con bibliografia di riferimento.

9 Sul campione selezionato si veda Mangialardi 2015a, p. 93. Per la cattedrale dedicata a Santa Maria Assunta si aggiunge l’intervento di C. Bruzelius (Bruzelius 2005, p. 120-129).

10 L’analisi dimensionale dei mattoni è un metodo consolidato per la datazione e classificazione diacronica delle tipologie di laterizi in età medievale. Sui criteri metodologici Mannoni – Milanese 1988. Una sintesi più recente sui metodi Pittaluga 2009.

11 Ogni campione è stato sottoposto a media aritmetica, mediana, massimo e minimo in rapporto a ciascuna dimensione, al calcolo della deviazione standard e dell’interquartile per una maggiore attendibilità dei dati. La maggioranza dei campioni ha dimostrato un basso indice di devianza e di interquartile, a riprova dell’omogeneità delle produzioni. Data la mancanza di parametri di confronto sulle produzioni laterizie lucerine e di Capitanata, non si è effettuata una drastica epurazione (Mangialardi 2015a, p. 96-98 ; Mangialardi 2015b), come sostenuto negli studi con un maggiore stato di avanzamento, cfr. Mangialardi 2015a, p. 96 nota n. 24.

12 La variazione della larghezza ha riportato lo stesso andamento in maniera lievemente meno significativa ; gli spessori seguono uno sviluppo del tutto irregolare senza grandi picchi di risalita o di discesa.

13 Sulla divaricazione della curva in corrispondenza di alcune produzioni settecentesche, Mangialardi 2015a, p. 96.

14 Mangialardi 2015a, p. 93-94, 100. Riferimenti ai fornaciai di Lucera sono con la dominazione spagnola (La Cava 1943, p. 27) ; nei catasti seicenteschi e settecenteschi (Pansini – Rossi 1991, p. 49-50). Ricca è la documentazione dei primi del Novecento con l’industrializzazione del sistema, Cataldo 1999 ; Cataldo 2000.

15 Per la Puglia centro-settentrionale si sono occupati in particolare della produzione tardoantica e altomedievale, Baldasarre 2007 ; Baldasarre 2011, e di quella svevo-angioina, Eramo et al. 2012 ; Mangialardi 2015a. Per l’Italia centro-meridionale contributi più recenti con bibliografia precedente Moran 2000 ; Fiorilla 2000 ; Pintus 2010. Per la Calabria e Sicilia vedi infra.

16 Gli studi sono ancora troppo puntuali per ricostruire con certezza le dinamiche di produzione e impiego dei laterizi in età medievale.

17 Baldasarre 2007 ; Giuliani – Baldasarre 2013.

18 Baldasarre 2007, p. 62-63. Sulle tendenze altomedievali di netta diminuzione della produzione, Baldasarre 2011.

19 Secondo R. Giuliani non sarebbe possibile attestare l’avvio di una produzione laterizia per le murature nell’XI sec. : per questo motivo l’epigrafe di Basilio Mesardonita relativa alla costruzione dell’asta bizantina a Bari, qualora fondata, non attesterebbe l’acquisizione della tecnica di fabbricazione da parte della comunità locale. Giuliani 2011, p. 195-196, 221 con bibliografia di riferimento.

20 Baldasarre 2011. Elementi ornamentali attestati nella pavimentazione della basilica di Barletta vengono, probabilmente, attribuiti ad una manifattura esterna al contesto, Giuliani 2011, p. 219.

21 Corrente et al. 2012, p. 552.

22 G. Baldasarre ipotizza, per i coppi del castrum di Vaccarizza e di San Lorenzo in Carmignano, l’impiego di forni a mucchio. Mattoni sono sporadicamente attestati soltanto nelle stratigrafie normanne di Vaccarizza (41 mattoni), forse di uso decorativo, Baldasarre 2007, p. 67-69 ; Baldasarre 2011, p. 234-235. In particolare un mattone con una solcatura cruciforme, attestato a Vaccarizza, è presente anche all’interno del palatium Lucera come materiale erratico, Baldasarre 2011, p. 234 nota n. 8.

23 Giuliani 2011, p. 219. Per un recente quadro Favia et al. 2015. Nuovi dati saranno rilevati dallo studio dei materiali delle campagne di scavo in corso.

24 De Santis – Valente 2000, p. 65 ; Favia et al. 2000, p. 187 ; Volpe 2000, p. 550 con bibliografia precedente. R. Giuliani (Giuliani 2011, p. 220) sottolinea la presenza di un interessante testimonianza di stoccaggio di 70 coppi, pressoché integri, impilati all’interno di una fossa di XII-XIII secolo, Favia, Giuliani, Leone 2000, p. 185-186.

25 Pipponier 1995, p. 186-187 ; Pipponier 2000, p. 201 Pipponier 1998, p. 24. Vedi anche Giuliani 2011, p. 220 nota n. 153.

26 Beck 1995, p. 183-185 (non vengono riportate misure).

27 Beck 1995, p. 183-185 ; Beck 1998, p. 16-19 due camini larghi 2 m e alti 1,30 m erano sistemati a fianchi delle aperture a chicane e prolungati da condotti fumari, compresi nello spessore delle murature (non riporta misure).

28 Busto 2012, p. 713 ; Mola 1998, p. 49-57.

29 Pipponier 2012, p. 234.

30 In base ai prelievi eseguiti sul sito di Fiorentino, le misure dei mattoni hanno alcune oscillazioni tra le diverse strutture. Nella domus i mattoni dell’ingresso ovest hanno dimensioni comprese tra 45/58 x 276/301 x 126/140 mm ; quelli dell’imposta accanto al caminetto angolare misurano 46/67 x 295/397 x 135/139 mm. All’interno e all’esterno della Torre orientale le dimensioni sono 270/295 x 126/137 x 50/64 mm. Nella cattedrale i mattoni dell’angolo sud est misurano 50/58 x 276/292 x 135/142 mm. (per i campionamenti, vedi la Tabella 2 Eramo et al., p. 682). Lo studio archeometrico tra i campioni di Fiorentino e i mattoni del muro nordorientale della cinta lucerina presentano caratteristiche composizionali e morfometriche comuni : utile sarebbe la distinzione tra mattoni di fase sveva e mattoni di restauri angioini. Per le ricostruzioni più recenti sulle stratigrafie di Fiorentino vedi volume Calò Mariani et al. 2012.

31 Da misurazioni autoptiche i mattoni del cortile sono ca. cm 25x12,5x4 (cfr. Haseloff 1992, p. 200), quelli di modulo regolare dell’arco ancora in situ cm 15x30x5/5,5. A. Haseloff cita la presenza di mattoni, rilevata durante i sopralluoghi del primo Novecento, anche a San Lorenzo in Carminiano (cm 27x14x3,5) e per la cisterna di Guardiola (cm 25x12,5x4). Haseloff 1992, p. 207.

32 I siti di Lucera e Fiorentino condividono gli assetti geologici e geomorfologici molto simili, l’area in cui sorgono ricade nel Foglio n. 163 « Lucera » della Carta geologica d’Italia che evidenza una predisposizione allo sfruttamento delle argille (Carta geologica d’Italia, Foglio 163, Lucera - 1964) ; Eramo et al. 2012. Sulla presenza di cave di argilla, Dell’Anna et al. 1974 ; Balenzano et al. 1977.

33 Sthamer 1912, Doc. 41.

34 Sthamer 1912, Doc. 60 : […] magistros qui morentir aput Florentinum in confieciendis matoncellis […].

35 Sthamer 1912, doc. 65. Non è esplicita la collocazione di queste altre calcare. Sull’utilizzo del termine calcara per indicare anche i forni da fittili negli atti angioini relativi alla fortezza di Lucera, si veda Mangialardi 2012, p. 453 nota 109 e in part. Sthamer 1912, doc. 218.

36 Il mese successivo al primo ordinativo viene riformulata, forse perché non eseguita, la richiesta al Giustiziere di Capitanata di far pervenire a Fiorentino i magistri scientes faciendis matuncellis (sugli ordini che si ripetono vedi Mangialardi 2012, p. 472).

37 Sthamer 1912, Doc. 243 : […] faciatis etiam fieri ibi de novo fornaces 9 ad coquendum in eis matuncellos ipsos, preter alias res, que ibi sunt, quas reparari faciatis, si reparatione egeant […]. L’area indicata dai documenti potrebbe coincidere a quella ad Ovest ai piedi della fortezza, occupata nell’800 dall’impianto di più fornaci.

38 Pietrame sciolto è prelevato nel territorio lucerino e la pietra da taglio presso il torrente Candelaro e nelle cave di Canosa. Sthamer 1912, Docc. 163, 183, 285, 373. Al riguardo anche Tomaiuoli 1996, p. 52 ; Calò Mariani 2012, p. 671. Sul passaggio ai tufelli morbidi e di piccole dimensioni Mangialardi 2012, p. 449.

39 Non va, tuttavia, dimenticato che sono gli Angioini a dettare il modulo del laterizio da impiegare nella fortezza, a dimostrazione di una probabile conoscenza autonoma del materiale.

40 Sui cantieri contemporanei a Lucera vedi supra nota 4, a cui si possono aggiungere esempi come quello dell’abbazia di Santa Maria della Vittoria in Abruzzo (Redi 2003 ).

41 Dai documenti risulta che le maestranze e la manovalanza nei primi anni del cantiere vengono reperiti dalla Capitanata ; solo successivamente con l’aumentare dell’attività edilizia (dal 1274) si attinge anche dalle province vicine.

42 Recentemente J. Taylor stima il numero di coloni presente a Lucera (e aree limitrofe) tra le 15.000 e le 20.000 persone, Taylor 2005, p. 41. Sulle motivazioni dell’elevata numerosità dei coloni, Nef 2009 con bibliografia precedente. Una base numericamente più certa potrebbe essere il conto, formulato da Egidi, dei saraceni al momento della vendita che, escludendo morti e dispersi, si attesta a circa 10.000, Egidi 1913, p. 703

43 . Sui ruoli dei saraceni nell’artigianato di Lucera, Egidi 1917, doc.22, 447, 475, 659 e segg. Cfr. Gabrieli 1976 ; Corsi 1989 ; Martin 1989 ; Taylor 2005, p. 113 ; Calò Mariani 2014.

44 Sthamer 1912, Docc. 95, 163, 183, 224, 243, 322, 323, 363.

45 Sul ruolo di Ryccardo presso la corte di Carlo I, Egidi 1911, p. 669-679. A Ryccardo Carlo I attribuì il ruolo di caposquadra dei saraceni per il cantiere di Lucera, quando non era impegnato in missioni militari : egli aveva il compito di reperire manodopera e di intervenire in caso di difficoltà, R.A. vol. 23, reg. 98, 294 no. 164 ; R.A., vol. 26, reg. 112, 153 no. 316.

46 Sthamer 1912, doc 90 ; doc. 238 ; in particolare docc. 309 ; 322 ; 323.

47 Sthamer 1912, doc. 136.

48 Sthamer 1912, doc. 238.

49 Diversi documenti relativi alla costruzione del castello di Melfi (1278) citano l’invio di addetti alla costruzione provenienti da Lucera. I documenti lucerini nel 1279 sottolineano che i mattonai lucerini sono impegnati a Melfi. Sthamer 1912, doc. 300 (cfr. Sthamer 1926, doc. 1092).

50 Whitehouse 1966 ; Whitehouse 1978 ; 38-41 ; Whitehouse 1984, p. 423-425 ; Whitehouse 1986. F. Ardizzone, riprendendo un’ipotesi di S. Fiorilla, identifica nelle fornaci individuate fuori dalle mura di Agrigento l’attività dei mussulmani deportati a Lucera. Fiorilla 1995, p. 215 ; Ardizzone 2010, p. 278.

51 Egidi 1917, doc. 640.

52 Negli altri documenti le fornaci servono pro faciendiis quartariis, riferendosi a fornaci deputate alle produzioni ceramiche lucerine (con il termine quartara si intende una brocchetta per liquidi). Egidi 1917, p. 313, 413, 416, 423.

53 Una prima analisi condotta sugli influssi delle maestranze saracene nell’ambito della cultura materiale di Capitanata, Ragona 1960 ; Noyé 1985, p. 85-86. Recenti considerazioni sulla ceramica Favia 2008, p. 84-85 con bibliografia sui rapporti tra ceramica islamica, ceramica sicula e produzioni di Capitanata, p. 84 nota 42 ; Pietropaolo 2008, p. 59-61 e relativa bibliografia di riferimento. Per le produzioni vitree lucerine e gli influssi orientali, Rossitti 2012.

54 Vedi supra nota 22. E’ in corso una campagna di rilievi e analisi del Castello di Serracapriola a cura di R. Giuliani con il gruppo di lavoro del Laboratorio di Archeologia dell’Architettura dell’Università di Foggia. Il contesto potrebbe costituire un’importante novità rispetto all’attuale stato degli studi (Di Paola 2007).

55 Ossia calcolo la percentuale dello scarto tra la dimensione che il produttore voleva dare al mattone e la dimensione che ha ottenuto.

56 A supporto di questo dato è possibile addurre l’assenza di sovracotti riscontrata dalle analisi archeometriche, Eramo et al. 2012, p. 691.

57 Per la Calabria : Rotili et al. 2000, p. 21-22 ; Donato – Raimondo 2001 ; Cuteri 2003, p. 112-123. In altri casi, analisi individuali di singoli edifici, illustrano le tecniche costruttive in laterizio : Ruga 1998 ; Minuto, Venoso 1993, p. 185-194 con bibliografia di riferimento ; Donato 2003a ; Donato 2003b ; Donato 2004, p. 510-514 ; Raimondo 2004. Gli studi più recenti sottolineano una lacuna di indagini di settore, citando come studi di riferimento Orsi 1929 ; Bozzoni 1974 ; Bozzoni 1999.

58 Per altomedioevo in Calabria è attestata un uso di fittili da copertura o pavimentazione : a San Martino di Coppanello un ambiente annesso di VIII secolo, forse privilegiato, è pavimentato con mattoni quadrangolari di cattiva qualità (Donato, Raimondo 2001, p. 178 nota 71 ; Cuteri 2003, p. 121). Pavimentazioni in cotto vengono segnalate presso la Basilica di Botricello (Arlsan 1974-1975, p. 597-607 ; Raimondo Donato 2001, p. 188-189 ; Cuteri 2003, p. 121 e di recente Corrado 2014). Prima dell’XI secolo sono attestati coppi a S. Severina (Donato 2001, p. 189 nota 70) e ancora nella prima metà dell’XI secolo, coppi e pavimenti sono a Santa Maria del Mare di Staletti. Diffuso nell’altomedioevo calabrese fino all’XI secolo, e poi in età normanna, è anche il reimpiego di materiale laterizio romano, vedi Bougard – Noyé 1989, p. 217 ; Ruga 1998 ; Donato, Raimondo 2001, p. 186-201).

59 Le prime attestazioni di mattoni risalgono alla seconda metà dell’XI secolo : mattoni (39/40,7x20,4/23,2x4,8x6 cm) sono nelle stratigrafie di Santa Maria del Mare di Staletti (Raimondo, Donato 2001, p. 186) ; mattoni (43,5x24,5x4,6 cm - media) vengono utilizzati nelle murature della Cattolica di Stilo, insieme a mattoni romani di reimpiego (Cuteri 1997, p. 66-68 ; Cuteri 2003, p. 122), In merito all’ipotesi che anche negli edifici del XII secolo prosegua l’utilizzo misto e che si tratti di una pratica programmata di recupero tale da ritrovare mattoni con i bolli romani anche in aree dove erano assenti in età romana, vedi Donato 2004, p. 509 – 513.

60 Il modulo definito inizialmente ‘normanno-svevo’ (Rotili et al. 2002, p. 22), sulla base dello studio delle datazioni è considerato ‘normanno’ (Cuteri 2003, p. 122). Una prima scansione cronologica da XI a XIV dell’impiego dei laterizi nelle murature calabresi è in Minuto Venoso 1993 con i relativi esempi.

61 La Cattedrale di Bova utilizza mattoni circolari per le colonne (Cuteri 2003, p. 101-102) ; lesene tendenzialmente bicrome o in soli mattoni ornano a S. Donato di Umbriatico, Santa Maria di Tridetti, San Giovanni Vecchio di Bivongi, S. Omobono a Catanzaro, Santa Maria di Patir a Rossano (Minuto – Venoso 1993, p. 190-191, 196-198, 203-205, 208-209 ; Donato, Raimondo 2001, p. 190-191 ; Cuteri 2003, p. 113-114 ; Donato 2004, p. 512-513, Donato 2003b, p. 411-414) ; a composizione degli archi di porte e finestre a Sant’Eufemia (Donato 2004, p. 501, nota 25).

62 E’ il caso ad esempio dell’apparecchio realizzato con mattoni disposti con un’inclinazione che varia tra i 45 e i 60 gradi, disponendo i mattoni a spina di pesce, in modo che disegnino il cosiddetto motivo a chevron solitamente visibile sulla facciavista dei blocchi calcarei. Si veda Santi Pietro e Paolo a Casalvecchio Siculo, Cuteri 2003, p. 114 ; L’arte siculo normanna 2007, p. 279-281.

63 La diffusione della tecnica a fasce diviene un modello costruttivo civile e religioso, rappresentativo dell’area geografica corrispondente alla Calabria grecizzata, Cuteri 2003. Alcuni esempi di adozione sono San Giovanni Theresis di Bivongi, Santa Maria di Tridetti, Torre Mastio di Amendolea, la Cattedrale di Bova, Santa Maria di Patir di Rossano, San Omobono di Catanzaro (Minuto Venoso 1993, p. 190-191, 196-198 ; Rotili et al. 2000, p. 22-23 ; Donato, Raimondo 2001, p. 190-191, 193-197 ; Cuteri 2003, p. 113-121).

64 Un’eccezione di adozione del laterizio per l’intero edificio è Santa Maria di Roccella (Minuto – Venoso 1993, p. 199-202 ; Donato, Raimondo 2001, p. 192). Per le ipotesi sulla scelta del materiale costruttivo in merito alla sua collocazione in prossimità del sito di Scolacium, vedi Donato 2004, p. 509 – 513.

65 Studi di riferimento sono stati per lungo tempo Ciotta 1976 ; Basile 1975 ; Filangeri 1980. Da qualche anno si assiste a un rinnovato interesse per la comprensione degli influssi stilistici che questi edifici sembrano recepire e rielaborare in età normanna. Da un punto di vista architettonico una recente storia degli studi che riassume i principali interventi sulle chiese del Val Demone è in Trunfio 2017, p. 47-59 (vedi anche Mamì 2008 ; Gargani 2010 ; L’arte siculo normanna 2007). Da un punto di vista storico artistico alcune nuove interpretazioni sono in Tabanelli 2016 con riferimento alla bibliografia precedente. Per una bibliografia aggiornata sugli studi sulle chiese di rito greco, Rognoni 2011.

66 In particolare sull’utilizzo dei laterizi come decorazione esterna, Mamì 2008 ; sugli schemi costruttivi e icnografici, Margani 2010 ; per un quadro più articolato e in particolare sulle cupole e sulle dimensioni dei laterizi Trunfio 2017 (in part. p. 90-99).

67 In soli mattoni o alternati a pietra calcarea o arenaria o lavica vengono realizzate lesene decorative, mattoni alternati segnano i cantonali, in alcuni casi il laterizio viene scelto per l’intera facciata come in Santi Pietro e Paolo a Casalvecchio Siculo, Cuteri 2004, p. 114 ; Minuto Venoso 1993, 190-191. L’uso del laterizio di modulo normanno è attestato a SS. Pietro e Paolo di Itàla (cm 41x21,5x4,3), Santa Maria di Mili (41x21,5x4.3 cm), Cuteri 2004, p. 114, 119-122 ; L’arte siculo normanna 2007, p. 271-281.

68 Le chiese siciliane mancano totalmente di un’analisi metrica sui laterizi. Unico accenno è fatto da E. Trunfio che riporta un range tra 30x17x5 e 41x21,5x5 all’interno del quale si attestano le produzioni siciliane. Tuttavia, come nel caso calabrese, va notato che il divario metrico di quasi dieci centimetri attribuito ad uno stesso modello, impone una maggiore robustezza statistica e un incremento dei campionamenti.

69 E. Triunfo sottolinea l’uguaglianza tra San Giovanni Vecchio di Bivongi e Santa Maria di Mili, Trunfio 2017, p. 99.

70 A. Bagnera, sottolineando la variabilità propria dei mattoni di Santa Maria del Mare e in generale del mattone cosiddetto normanno, indica come possibili attestazioni nella Sicilia occidentale Segesta e la Zisa, Bagnera 2000, p. 57 con relativi riferimenti bibliografici.

71 A. Bagnera ipotizza che i mattoni impiegati nei Bagni di Cefalà Diana possano essere ascrivibili principalmente alla prima fase costruttiva (XI secolo ?), tranne possibili eccezioni (Bagnera 2003, p. 53 nota 31). A. Bagnera indica altri esempi di riuso di mattoni romani nell’edilizia di XI-XII della Sicilia occidentale individuato da Zorić nella Cattedrale di Cefalù e nel palazzo di Caronia, Bagnera 2003, p. 53-57 (sul laterizio a Caronia vedi anche Bresc 1984, p. 86-87). Sulle fasi costruttive delle Terme, Bagnera 2000 e Nef – Bagnera 2007 con bibliografia precedente. Per il confronto con Santa Maria del Mare, Donato 2004, p. 511.

72 Non ci sono analisi specifiche sull’utilizzo di laterizi nell’edilizia altomedievale, un quadro sullo stato degli studi in Fiorilla 2000. Sui ritardi dello studio dell’altomedioevo in Sicilia, Arcifa et al. 2012.

73 Mattoni attribuiti al modulo angioino sono attestati a Nicastro, Donato 2004, p. 507- 508, e nella costruzione di pilastri della chiesa abbaziale di Santa Maria della Sambucina presso Luzzi (CS), Cuteri 2003, p. 122-123. Già dimensioni inferiori sono datate alla seconda metà del XIII secolo nel Castello di Vibo Valentia, Cuteri 2003, p. 122.

74 Donato 1999.

75 Particolare è il caso di Santa Maria di Patir a Rossano, costruita nel 1101-1105 e conclusa dopo la metà fine del XII secolo, ma adoperando mattoni di modulo inferiore rispetto a quello normanno. Cuteri propone un datazione più tarda per l’abside, da ascrivere a un momento successivo, malgrado sempre nell’arco del XII secolo. Cuteri 2003, Donato 2001, Minuto Venoso 1993.

76 Gli atti della corona fanno esplicito riferimento alle dimensioni dei mattoni da adottare a Melfi (Sthamer 1926, doc. 1092 : […] longitudinis I pedis manualis amplitudinis medii pedis et grossitudine digitorum 3 […], sottolineando di utilizzare lo stesso modulo di Lucera. Allo stesse dimensioni rispondono, infatti, anche i laterizi dei restauri angioini del castellum di Ordona (De Santis – Valente 2000, 67), forse i restauri di Fiorentino (vedi infra) e della torre di San Paolo di Civitate (Haseloff 1992, pp. 373-376, tav. XXXVIII).

77 Schema abbastanza condiviso è l’ipotesi di un movimento di gruppi ristretti, spesso con specialisti di ambito ecclesiastico (ai monaci viene affidato un ruolo cardine da Cuteri 2003, p. 121), ma non esclusivamente (Cuteri 2003, p. 122) alle quali si affidava l’esecuzione degli aspetti più importanti e di più difficile esecuzione, come la produzione dei mattoni, insieme all’organizzazione della manodopera locale. Donato 2004, p. 522-524 ; Donato, Raimondo 2001, p. 195-196.

78 Le recenti riletture delle chiese messinesi tenderebbero a confermare visioni consolidate di gruppi itineranti, simili a corporazioni, che circolano tra le due sponde dello Stretto : Basile sottolinea che la diffusione del mattone vada dalla Sicilia alla Calabria, con gli impianti icnografici delle chiese ‘basiliane’, la ricerca decorativa e l’adozione della bicromia. (Basile 1975, p. 46-57) ; mentre Orsi scrive : « Essi lavoravano di qua e di là dello Stretto in servizio del rito greco » (Orsi 1929, p. 57). Tuttavia le recenti analisi dimensionali e l’attestazione di un ‘modulo normanno calabrese’ hanno indotto a riconsiderare, al momento per via ipotetica, la possibilità che l’importazione segua la direzione inversa, ossia dalla Calabria alla Sicilia. A dimostrazione di tale ipotesi il caso di Santa Maria della Roccella, la datazione degli edifici in mattoni normanni e il caso di Santa Maria del Mare. Vedi Donato, Raimondo 2001, p. 196 nota 96 ; Donato 2004, p. 511 ; Cuteri 2003, p. 122 e cfr. con precedente Basile 1975. Sui rapporti commerciali e influenze culturali tra Sicilia e Calabria e il ruolo di maestranze islamiche, Di Gangi – Lebole 1998 ; Di Gangi 1995, p. 94-97.

79 Giavarini 2005 ; Wulf-Rheidt 2015.

80  Lo scarso sviluppo del laterizio nell’architettura monumentale delle province romane dimostra che non bastava la conoscenza della qualità tecnica e dei vantaggi logistici dell’opera laterizia, ma era indispensabile il controllo diretto imperiale su produzione e realizzazione, Wulf-Rheidt 2015, p. 213-219.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 La fortezza angioina (XIII secolo) – Vista dall’alto – Archivio fotografico DISTUM dell’Università degli Studi di Foggia (foto. A.V. Romano).
URL http://journals.openedition.org/mefrm/docannexe/image/3866/img-1.JPG
Fichier image/jpeg, 4,4M
Titre Fig. 2 Curva mensiocronologica: andamento dei valori massimo, medio e minimo di ciascuna dimensione misurata per ogni campione di mattoni, rapportati alla datazione della costruzione dell’edificio considerato.
URL http://journals.openedition.org/mefrm/docannexe/image/3866/img-2.jpg
Fichier image/jpeg, 58k
Titre Fig. 3 Andamento cronologico del valore medio della lunghezza misurata per ciascuno campione di mattoni, rapportato alla datazione della costruzione dell’edificio considerato.
URL http://journals.openedition.org/mefrm/docannexe/image/3866/img-3.jpg
Fichier image/jpeg, 137k
Titre Fig. 4 Andamento cronologico del valore volume (ottenuto come prodotto dei valori medi delle dimensioni misurate) per ciascuno campione di mattoni, rapportato alla datazione della costruzione dell’edificio considerato.
URL http://journals.openedition.org/mefrm/docannexe/image/3866/img-4.jpg
Fichier image/jpeg, 95k
Titre Fig. 5 Particolare della Puglia settentrionale con indicazione dei siti medievali esaminati (da Baldasarre 2007).
URL http://journals.openedition.org/mefrm/docannexe/image/3866/img-5.jpg
Fichier image/jpeg, 781k
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Nunzia M. Mangialardi, « Le maestranze saracene a Lucera (FG) nel XIII secolo. Spunti di ricerca sull’impiego dell’edilizia in laterizio in Puglia centro-settentrionale e nel Meridione normanno-svevo », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge [En ligne], 129-2 | 2017, mis en ligne le 03 avril 2018, consulté le 18 décembre 2018. URL : http://journals.openedition.org/mefrm/3866 ; DOI : 10.4000/mefrm.3866

Haut de page

Auteur

Nunzia M. Mangialardi

Università di Foggia, nunzia.mangialardi@unifg.it.

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals