Navigation – Plan du site

AccueilNuméros130-1VariaMilano, gli irlandesi e l’impero ...

Varia

Milano, gli irlandesi e l’impero carolingio nel IX secolo: intrecci politici e culturali intorno al divorzio di Lotario II

Miriam Rita Tessera
p. 245-259

Résumés

Sugli ultimi fogli della miscellanea di testi classici oggi Bern, Burgerbibliothek 363, un anonimo maestro irlandese vergò alcuni carmi in onore dell’arcivescovo di Milano Tadone (860-868), che svolse un ruolo di mediazione fondamentale durante il dibattito sul divorzio di Lotario II. Il ‘maestro del Bern 363’ intervenne anche come postillatore di tre manoscritti biblici greco-latini – il salterio Basel, Universitätsbibliothek, A.VII.3, i vangeli Sankt Gallen, Stiftsbibliothek, 48 e l’epistolario di san Paolo Dresden, Sächsische Landesbibliothek, A 145b – allestiti nei circoli di eruditi irlandesi in movimento tra San Gallo, Pavia e Milano forse al seguito dell’arcivescovo Guntario di Colonia e del vescovo Aganone di Bergamo, al quale si riferiscono numerosi marginalia non ancora completamente indagati. L’analisi di questo complesso sistema di rimandi collegati a personaggi ed eventi contemporanei, apposto da almeno due mani irlandesi, permette di ricostruire la rete culturale che si sviluppò sotto il patrocinio di Tadone, con particolare riferimento al ruolo politico svolto dal vescovo Aganone di Bergamo.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Perels 1939, p. 81-87 no 135. Sul complesso problema del divorzio di Lotario si vedano almeno Kott (...)
  • 2 Particolarmente significativo – perché quasi contemporaneo – è il caso di Giuditta, figlia di Carl (...)

1Nell’autunno 860 Guntario, arcivescovo di Colonia, ricevette da Incmaro di Reims una polemica lettera-trattato (che in seguito circolò con il titolo De uxore Bosonis), nella quale il presule gli contestava il diritto di giudicare il caso matrimoniale di Ingeltrude. Sposa del conte Bosone, uno degli uomini di fiducia dell’imperatore Ludovico II nel regno italico, Ingeltrude era fuggita con un vassallo rifugiandosi alla corte di Lotario II. Il diritto canonico prevedeva che la sentenza spettasse all’ordinario del luogo in cui era stato celebrato il matrimonio e dove viveva il marito della donna, in questo caso la città di Milano1. Tuttavia, Lotario II desiderava affidare la delicata questione alle mani esperte di Guntario, poiché, in virtù di complessi rapporti di parentela, la sentenza su Ingeltrude avrebbe determinato anche la risoluzione del conflitto che dall’857 lo opponeva alla moglie Teutberga, da cui il re voleva separarsi per sposare la concubina Gualdrada. Due sinodi all’inizio dell’860 avevano ratificato la decisione di Lotario II di separarsi dalla moglie e fare incoronare regina Gualdrada, ma la strenua resistenza legale di Teutberga e la reazione violenta di Incmaro di Reims, che aveva innescato una rovente polemica sulla validità del sacramento del matrimonio, avevano complicato enormemente la questione. Il duplice caso di Teutberga e Ingeltrude divenne subito un pretesto per intrecci politici, riflessioni teologiche e scambi culturali che scossero l’episcopato e l’impero carolingio arrivando fino al soglio di papa Niccolò I2.

  • 3 Savio 1908, p. 91; Ceruti 1869, p. 128.
  • 4 Ancora suddiacono, Tadone sottoscrisse in splendida carolina due atti del marzo 848 con cui l’alam (...)
  • 5 Numerosi contributi sull’argomento in Boucheron – Gioanni 2015.
  • 6 Zagni 1977; Ambrosioni 1986, p. 85-90.

2L’arcivescovo di Milano che in quel tempestoso scorcio dell’860 era stato appena eletto come successore del potente Angilberto II era Tadone, un ex-suddiacono della Chiesa ambrosiana dall’ottima formazione culturale che la cronachistica tardo-medievale milanese consegnò alla storia con l’eloquente appellativo di Tado sapiens3. Già prima di ascendere alla cattedra di Ambrogio Tadone risulta in stretti rapporti con i vassalli transalpini del conte di Milano Alberico, il principale agente della politica di Ludovico II a Milano fino all’8804. Il suo coinvolgimento tra l’860 e l’865 nella duplice questione matrimoniale di Lotario II e del conte Bosone rappresenta il culmine del ruolo che gli arcivescovi di Milano costruirono nel IX secolo rinnovando la memoria di Ambrogio per inserirsi nell’estesa rete di relazioni politiche e culturali dei vescovi carolingi5. Questa rete è ben delineata nelle cronache e negli annali contemporanei, nonché nelle lettere papali e nella produzione polemica di Incmaro di Reims, mentre i documenti arcivescovili milanesi per l’Alto Medioevo sono pressoché completamente dispersi, eccetto alcuni rari atti superstiti che pongono numerosi problemi di autenticità6. Tuttavia, il ruolo fondamentale di Tadone emerge da una voce insolita, capace di gettare una luce sull’oscuro ma vivacissimo entourage culturale che circondava i grandi prelati di età carolingia e che, spostandosi, trasferiva competenze, interessi filologici e roventi polemiche insieme ai propri codici da una scuola cattedrale, come quelle di Laon, Liegi o Colonia, a un grande monastero, come nel caso di Sant’Ambrogio di Milano o San Gallo.

  • 7 Bern, Burgerbibliothek, 363, f. 194v-197v; edizione in Traube 1896, p. 232-234 ni III/I-II; p. 236 (...)
  • 8 Di questi tre codici esistono le riproduzioni in facsimile: Bieler 1960; Rettich 1836; Codex Boern (...)
  • 9 Oltre al classico Kenney 1929 e alla bibliografia citata alle note precedenti, si vedano almeno Be (...)
  • 10 Sul ruolo di Sedulio, che comunque non intervenne nella traduzione interlineare dei tre codici gre (...)

3Negli ultimi fogli del manoscritto Bern, Burgerbibliothek 363, una miscellanea di testi classici ad uso scolastico, un anonimo erudito irlandese scrisse in maniera alquanto disordinata tre carmi celebrativi in onore del suo protettore milanese, esaltato come rifugio degli esuli Scoti, padre della patria e fondatore della pace7. La stessa mano irlandese interviene anche nelle aggiunte al celebre e ancora enigmatico – sebbene studiatissimo – gruppo di codici greco-latini, prodotti entro il terzo quarto del IX secolo, che costituiscono un corpus biblico in greco con traduzione interlineare in latino corredato da numerose glosse e marginalia: il salterio Basel, Universitätsbibliothek, A.VII.3, i vangeli Sankt Gallen, Stiftsbibliothek, 48 e l’epistolario di san Paolo Dresden, Sächsische Landesbibliothek, A 145b8. Questo corpus di manoscritti è stato collegato a un gruppo compatto di eruditi irlandesi – sul cui numero e sulla cui identità molteplici e contradditorie sono le ipotesi proposte fino ad ora9 – legati al circolo di Sedulio Scoto10 e transitati per vie ancora oscure da Pavia e da Milano durante il pontificato di Tadone tra l’860 e l’868.

4Non è possibile in questa sede soffermarsi sulla descrizione dettagliata e l’analisi paleografico-filologica integrale dei tre codici greco-latini e del Bern 363: va sottolineato però che l’identificazione e lo studio dei testi aggiunti a corollario potrebbe fornire interessanti novità per la localizzazione e l’allestimento di tutto il corpus. L’esame dell’intero sistema dei marginalia rivela comunque la presenza di almeno due mani principali della seconda metà del IX secolo, un anonimo irlandese che lavorò principalmente sui tre codici greco-latini sia come copista che come postillatore (mano A) e il cosiddetto ‘maestro del Bern 363’ (mano B), scriptor principale di questo manoscritto e autore di gran parte delle aggiunte apposte sui tre greco-latini forse poco tempo dopo. Per riconsiderare correttamente il problema della genesi di questi manoscritti e delle affascinanti peripezie di chi li concepì e li postillò occorre però ricostruire, almeno nelle linee generali, il quadro storico e politico in cui si inserì la voce polemica e adulatrice degli Scoti peregrini.

  • 11 Perels 1925a, p. 284-286 no 18; p. 340-351 no 53. La data del sinodo milanese con la scomunica di (...)
  • 12 Perels 1925a, p. 361 no 5, in particolare r. 26-27: praecipue Aganus, quem perhibetis die natalis (...)
  • 13 Hartmann 1998, p. 152-155 no 16 (specie p. 153 su Tadone): sententiam, quam a sede apostolica in I (...)
  • 14 La lettera che Niccolò I inviò ad Adone, arcivescovo di Vienne, con il resoconto del concilio roma (...)
  • 15 Perels 1925a, p. 340-351 no 53 (scritta il 31 ottobre 867, con un dettagliato riassunto di tutta l (...)

5In un anno imprecisato tra 860 e 863, spinto dall’insistenza di papa Niccolò I, l’arcivescovo di Milano Tadone indisse un sinodo a Milano che decretò la scomunica di Ingeltrude, la moglie fuggitiva del conte Bosone. Non molto tempo dopo, nell’autunno 863, il papa si servì degli atti prodotti da Tadone per intervenire in favore di Teutberga, la sfortunata consorte di Lotario II11. Teutberga era stata costretta a separarsi dal marito durante un concilio tenutosi nel giugno precedente a Metz, sotto l’abile regia degli arcivescovi Guntario di Colonia e Teutgaudo di Treviri, assistiti dal vescovo Aganone di Bergamo. Alcuni mesi prima, il 28 aprile 863, indispettito dall’insistenza del re sulla questione, Niccolò I aveva minacciato di scomunicare Lotario II e di fulminare l’anatema contro i suoi sostenitori – in particolare Aganone, che Incmaro di Reims non esitava a definire versutus et cupidissimus – se il re non avesse allontanato la concubina Gualdrada12. Sebbene i vescovi promotori della causa avessero portato personalmente a Roma il libello (redatto da Aganone) che conteneva gli atti relativi al concilio di Metz, il pontefice non gradì affatto la sentenza: la risoluzione di Metz aveva annullato in modo arbitrario la precedente decisione papale su Ingeltrude e ledeva l’autorità della sede di Roma in materia di disciplina matrimoniale13. Così nell’ottobre 863 il papa depose e scomunicò gli arcivescovi Guntario e Teutgaudo riservandosi di riaprire direttamente il caso sul divorzio di Lotario II e quello, correlato, del conte Bosone14. Alle decisioni papali fu data ampia diffusione con l’invio di un resoconto a tutti i vescovi: nonostante le fortissime pressioni su Roma (anche manu militari) messe in atto da Guntario di Colonia, una seconda convocazione degli arcivescovi incriminati davanti al papa nell’ottobre 864 non riuscì a risolvere il contrasto15.

  • 16 Hartmann 1998, p. 188-197 no 21; Fuhrmann 1958.
  • 17 La lettera di Tadone di Milano, Rotlando di Arles e Arperto di Embrun è tràdita solo nel quaternio (...)

6Di ritorno dal suo infruttuoso soggiorno presso la curia romana, Guntario di Colonia si fermò a Pavia, dove tra il 18 e il 25 febbraio 865, alla presenza dell’imperatore Ludovico II e della consorte Angelberga, un sinodo radunato sotto la presidenza degli arcivescovi Tadone di Milano, Rotlando di Arles e Arperto di Embrun ob diversas necessitates riesaminò il suo caso. I tre metropoliti intercedettero presso Niccolò I con una breve lettera tutta giocata sulla necessità di usare misericordia evangelica verso un penitente già colpito dalla severità della correzione16. Questo scritto accompagnava anche un libello di difesa redatto dallo stesso Guntario in cui il presule – o chi scriveva per suo conto – ricorreva agli scritti di Leone Magno, Gregorio Magno e della Sacra Scrittura già citati dai confratelli per sollecitare il papa a reintegrarlo nella carica. Al libello l’arcivescovo di Colonia aggiunse una lettera di raccomandazione per Incmaro di Reims, componendo così di persona un piccolo ma interessantissimo dossier di cui è sopravvissuto un esemplare originale insieme alle istruzioni destinate ai chierici di Colonia che avrebbero dovuto diffonderlo in tutto l’episcopato franco (Köln, Erzbischöfliche Diözesan- und Dombibliothek 117, f. 93r-97v)17.

  • 18 Staubach 1986, p. 558-562; su Guntario in particolare Georgi 1995. Un carme pseudo-seduliano dedic (...)
  • 19 Busson – Ledru 1901, p. 338: Ipse enim in tantum praefati papae gratiam fuerat consecutus, ut idem (...)

7La studiata azione di propaganda di Guntario era dunque indirizzata a guadagnarsi il favore dell’arcivescovo di Milano: l’arcivescovo di Colonia, un prelato tanto potente quanto colto, almeno dall’inverno 863-864 si era già assicurato i servigi del poeta ed erudito irlandese Sedulio Scoto che gli dedicò alcuni carmi celebrandone le imprese e le committenze18. Tadone rappresentava un elemento decisivo di mediazione – diretta o indiretta – con il papa Niccolò I grazie ai suoi legami con i collaboratori di Ludovico II, come il conte di Milano Alberico; l’azione conciliatrice del presule milanese, infatti, sembra costituire la trama nascosta di altri episodi che negli stessi anni coinvolsero i vescovi transalpini e i loro rapporti con Roma. Nell’864, a conclusione del processo contro i monaci di Saint-Calais, Roberto, vescovo di Le Mans (859-883) ricevette da Niccolò I uno scrigno di avorio con le reliquie di Gervaso, Protaso e Ambrogio di sicura provenienza milanese, un segno di garanzia politica e religiosa che accresceva allo stesso tempo anche il prestigio della Chiesa ambrosiana e del suo vescovo19.

  • 20 Hartmann 1998, p. 123-126: il testo è tràdito solo dal ms. Vat. Pal. lat. 576, fine IX secolo, scr (...)
  • 21 Fuhrmann 1972-1974, I, p. 225-228; II, p. 254-270. Il nome di Rotado e dei sacerdoti del suo segui (...)

8D’altra parte Tadone era il principale metropolita del regno italico: a questo titolo, tra 862 e 863 aveva indirizzato insieme a Guntario di Colonia, Teutgaudo di Treviri, Hartwig di Besançon e Rotlando di Arles una lettera di invito ai confratelli vescovi per giudicare la violenta controversia sorta tra Incmaro di Reims e il suo suffraganeo Rotado di Soissons, che si era recato a Roma insieme al vescovo Roberto di Le Mans20. Complice un pressante intervento di papa Niccolò I, la vertenza si concluse all’inizio dell’865 con la piena reintegrazione di Rotado nella sua sede, a dispetto dei desideri di Incmaro. Secondo l’ipotesi di Fuhrmann, questi rapporti con i metropoliti e i vescovi d’oltralpe favorirono l’accesso di Tadone e dei suoi suffraganei alla collezione delle decretali pseudoisidoriane che Rotado aveva portato con sé dalla Francia per giustificare la sua posizione e che, negli stessi anni, cominciarono a circolare anche nell’Italia settentrionale21.

  • 22 Analisi della questione in Fuhrmann 1972-1974, I, p. 197-199.
  • 23 Hartmann 1998, p. 159-163 no 17, su cui Maassen 1865; Cau 1971-1974, p. 44-49, 56, 77-80; Zagni 19 (...)

9Il concetto di sede primaziale sviluppato dalle decretali pseudoisidoriane, che postulavano la superiorità di una sede sulla base stabilita dall’ordinamento ecclesiastico delle provinciae, venne impiegato per la prima volta dall’arcivescovo Teutgaudo di Treviri negli anni 852-853 per ribadire la preminenza della sua sede, sedes prima Belgica, nei confronti della secunda Reims, governata da Incmaro22, ma è significativo che la stessa intitolazione di primas venne ripresa poco dopo anche nel regno italico. Nell’ottobre 863, infatti, Tadone scelse consapevolmente di utilizzare il titolo di Mediolanensis primas – fino a quel momento inedito per gli arcivescovi di Milano – per sottoscrivere gli atti di un concilio provinciale alla testa dei suoi suffraganei, fornendo così nuove basi teoriche per rinsaldare il primato ecclesiastico e politico di Milano. Gli atti del concilio vennero trascritti alla fine del IX secolo in un’interessante collezione composita, realizzata a Novara (Novara, Biblioteca Capitolare, XXX, f. 281r-282r) che trasmetteva anche la Collectio Dionysio-Hadriana e la lettera sul battesimo (f. 277v-280r) indirizzata da Odelperto, arcivescovo di Milano, a Carlo Magno, un testo in cui il presule formulava un modello di impero cristiano fondato sul rapporto tra il potere imperiale e la difesa della vera fede23.

  • 24 Iscrizioni in greco, caratterizzate da oscillazioni ortografiche compatibili con la cultura caroli (...)
  • 25 Staubach 1986, p. 584-586. Liutfrido era già stato a Roma nell’860 per la stessa questione.
  • 26 Traube 1896, p. 236-237 ni III/VII-VIII.

10Il ruolo svolto da Tadone nella riabilitazione che Guntario cercava davanti all’imperatore a Pavia nel febbraio 865 mosse però non soltanto ingranaggi politici, ma riuscì anche a trasmettere idee e modelli culturali attraverso la mediazione degli intellettuali che avevano contribuito ad elaborarli. È proprio a questo punto, infatti, che l’interesse degli Scoti peregrini probabilmente presenti al sinodo di Pavia nel seguito di Guntario di Colonia, si rivolse verso l’arcivescovo di Milano e il monastero di Sant’Ambrogio, dove il passaggio di dotti irlandesi, interessati allo studio della lingua greca, era stato già frequente durante l’episcopato di Angilberto II24. Uno dei carmi in onore di Tadone trascritti nei fogli finali del Bern 363 rivela che nella primavera 865, prima di Pasqua – quindi presumibilmente dopo il 25 febbraio e prima del 22 aprile – l’arcivescovo di Milano si recò a Roma insieme al conte Liutfredo, figlio di Ugo di Tours e zio di Lotario II, che era stato incaricato di guadagnarsi l’appoggio di Ludovico II nella questione del divorzio25. Al f. 197v del Bern 363 il poemetto Desere corda, dolor – il terzo dedicato dal maestro irlandese (mano B) all’arcivescovo di Milano – celebrava infatti il ritorno felice di Tadone da Roma, esaltato come modello del presule-pastore, padre e protettore degli irlandesi (collige Scottigenas, speculator, collige sophos) e fautore di una pace duratura (pacifer orbis ades patrata pace per urbes / ecce, sator pacis, pacifer orbis ades)26. Dopo aver ricordato lo stretto rapporto tra il patrono Ambrogio e l’arcivescovo di ritorno nella sua città (Te vocat Ambrosius, Domini domus et tua sedes / Sanctus, Tado, tuus te vocat Ambrosius), il poeta concludeva ricordando la pietas di Tadone, spinto a visitare il soglio di Pietro per garantire la pace al mondo intero (Suasit amor domini Simonem visere Petrum, / ire vias duras suasit amor domini. / Vicit iter pietas pacis dans foedera mundo).

  • 27 Ivi, p. 237 no III/VIII, r. 15-18; Staubach 1986, p. 584-587.

11Che la missione di Tadone avesse un chiaro obbiettivo politico, ben noto all’autore dell’encomio, si ricava anche dal carme immediatamente successivo, dedicato al conte Liutfredo (Culmen honoris, ave). Anche in questo caso, dopo i consueti omaggi alla nobiltà d’animo e alla fede del conte, il poeta enfatizzava il rapporto di Liutfredo con Pietro, il custode della Gerusalemme celeste, e con Ambrogio, che lo avrebbe condotto tra le schiere beate di Sion (Sidereae Solimae Petrus portarius aulae / sit tibi cum clavi sidereae Solimae. / Sanctus et Ambrosius te ducat ad agmina Sion / Angelicusque chorus, sanctus et Ambrosius), un riferimento del tutto incomprensibile se non si postula l’intervento decisivo di personaggi milanesi, e in particolare di Tadone, per il compimento dell’incarico affidato da Lotario II a Liutfredo27.

  • 28 Per i legami tra Ramperto e Liutfredo: Porro Lambertenghi 1873, col. 245-248 no 140 (31 maggio 841 (...)
  • 29 Sul conte Liutfredo (morto al più tardi nel marzo 866): Hlawitzscha 1960, p. 221-223 no 108, dove (...)
  • 30 Perels 1925a, p. 301-303 no 33, p. 303-305 no 35 (entrambe databili all’inizio dell’865) e p. 309- (...)
  • 31 Perels 1925a, p. 312-314 no 39 (mancata celebrazione del sinodo previsto per il 19 maggio 865 a Ro (...)

12Esponente di spicco alla corte di Ludovico II, Liutfredo era vassallo di un altro grande prelato di origine transalpina, il vescovo Ramperto di Brescia, in stretti rapporti con gli arcivescovi di Milano. Nell’841 Ramperto si era servito di alcune proprietà tenute in beneficio da Liutfredo per dotare la nuova fondazione monastica dei Santi Faustino e Giovita, un progetto legato al programma di rinnovamento spirituale e culturale intrapreso dal predecessore di Tadone a Milano, Angilberto II (824-859)28. Nelle intenzioni di Angilberto, che aveva inviato a Brescia come maestri i monaci transalpini Ildemaro e Leodegario prima di trasferirli nel cenobio di San Pietro a Civate, iniziative politiche e riforma culturale procedevano affiancate, così come sembra essere avvenuto anche durante il viaggio di Tadone e Liutfredo a Roma29. In effetti, nella primavera 865 papa Niccolò I scrisse una lettera esortatoria a Ludovico il Germanico e a Carlo il Calvo sul mantenimento della pace e dell’ordine e rimise tutta la questione nelle mani del messo Arsenio di Orte, che riuscì a convincere la fuggitiva Ingeltrude a rientrare nel regno italico30. La mediazione dell’arcivescovo di Milano, quindi, sembrava inizialmente aver sortito qualche effetto sul piano politico, sebbene pochi mesi dopo una nuova fuga di Ingeltrude, la persistente opposizione dell’arcivescovo Guntario alle disposizioni papali e infine, nel febbraio 866, il rinnovarsi della scomunica contro Gualdrada riaprirono l’intero caso31.

  • 32 Per l’attribuzione dei carmi: Meyers 1986, p. 30-31, 176-185, e la recensione all’articolo di Stau (...)
  • 33 Gavinelli 1983, p. 3-4, con descrizione del contenuto del codice. Per una nuova edizione dell’epig (...)

13Tuttavia, a prescindere dal piano politico, i risultati più interessanti della missione romana di Tadone sembrano riflessi negli ultimi fogli del Bern 363. La disposizione, piuttosto disordinata, dei poemi encomiastici nei f. 194v-197v di questo manoscritto rafforza l’impressione che siano stati composti con aggiunte progressive, a distanza di poco tempo32. Il primo gruppo di tre carmi (f. 194v: inc. Omnium regi referemus; Tado benigne vive; Vive Sofride potens) esalta il nuovo protettore milanese e il vescovo Soffredo di Piacenza (c. 840-869), mentre i successivi due (f. 196v: inc. Rex pietate vigil; Hariat Caesar sapiens) sono in lode di Lotario II. I poemi sono intervallati al f. 194v da un epigramma di Eugenio di Toledo, ai f. 195r-196r da un estratto del Carmen de laude Anastasii imperatoris di Prisciano – il cui unico altro esemplare completo è il vetusto Napoli, Vindobonense latino 2, proveniente da Bobbio – e da un frammento in traduzione latina del De materia medica di Dioscoride, che per una malaccorta rilegatura successiva si trova ora collocato anche al f. 1v. Seguono (f. 196v-197r) l’inno attribuito a Paolo Diacono in lode di san Giovanni Battista (inc. Ut queant laxis) e i versi fatti incidere dall’arcivescovo di Milano Angilberto II su un prezioso calice d’oro e di gemme di cui il presule aveva commissionato il restauro (inc. Hoc agni cratere); infine (f. 197v) sono trascritti i due poemi che celebrano la missione di Tadone e Liutfredo a Roma (Desere corda dolor e Culmen honoris ave)33.

  • 34 Per la cella di Sant’Ambrogio a Pavia: Natale 1971, no 123 (12 giugno 873), con le conferme di Car (...)
  • 35 Perels 1925a, p. 638-639 no 120; Duchesne 1862, p. 163, 171. L’intervento molto moderato del papa (...)
  • 36 Sui codici di medicina e il monastero di Sant’Ambrogio nel secolo IX: Ferrari 1986, p. 255; Bellet (...)
  • 37 Sul codice M 15, scritto a Pavia ma portato nel monastero di Sant’Ambrogio di Milano nel secondo t (...)
  • 38 Ferrari 1997, p. 803.

14Queste aggiunte, vergate dalla mano B, permettono di immaginare l’itinerario del misterioso Scoto in viaggio tra Pavia e Milano e in cerca di testi rari, magari con una sosta prolungata nella cella che il monastero di Sant’Ambrogio possedeva nella sede del regno italico34. Il carme per il vescovo Soffredo di Piacenza alludeva infatti alle sfortunate vicende del presule che, cedendo forse alle pressioni di Tadone, aveva rassegnato le dimissioni senza rivolgersi al suo diretto metropolita, l’arcivescovo Giovanni VIII di Ravenna, e aveva così provocato un intervento disciplinare di Niccolò I intorno all’86535. D’altra parte, il calice di Angilberto II e l’interesse per i testi di medicina rimandano al vivace ambiente culturale che ferveva intorno alla basilica di Sant’Ambrogio36. Movimenti di libri tra Milano e Pavia, proprio in relazione al monastero di Sant’Ambrogio, sono testimoniati già nella prima metà del IX secolo: mentre Angilberto II si apprestava a rinnovare il culto del patrono Ambrogio con la solenne exaltatio delle reliquie nell’altare d’oro, il codice oggi Milano, Archivio capitolare e biblioteca della Basilica di Sant’Ambrogio, M 15, una miscellanea di studio, arrivò a Milano, dove il calendario-martirologio di Beda venne minuziosamente aggiornato con l’aggiunta delle feste di Ambrogio e dei santi milanesi37. Anzi, non troppo tempo dopo, qualcuno – monaco ambrosiano o studioso di passaggio – vergò a f. 4r un anatema, in latino ma traslitterato in caratteri greci, contro le donne che facevano uso di abortivi38.

  • 39 Gavinelli 1988, p. 353; datazione proposta da Bischoff al terzo quarto del IX secolo: Bischoff 199 (...)
  • 40 Alla mano nord-italiana si devono invece la lettera prefatoria di Gerolamo a papa Damaso sulla tra (...)
  • 41 Herren 1996, p. 303-320; cfr. però Staubach 1986, p. 579-580, che attribuisce il carme al maestro (...)
  • 42 Ps. Beda, col. 9-132: devo l’identificazione di questo testo a Marco Petoletti, che ringrazio. Per (...)

15Se allora il Bern 363 è una miscellanea di testi classici che riporta sui margini i riferimenti alle auctoritates contemporanee – come Sedulio Scoto o Giovanni Scoto Eriugena – e che riflette anche gli echi dei dibattiti a cui i maestri irlandesi avevano preso parte per interesse personale o su incarico di qualche potente protettore, è facile pensare che abbia viaggiato sullo stesso mulo che trasportava anche il corpus dei codici greco-latini verso Pavia e Milano. Come si è visto, la mano del maestro del Bern 363 (B) interviene con aggiunte nei fogli rimasti bianchi di questo terzetto di manoscritti. Nel salterio Basel A.VII.3 aggiunse preghiere alla Vergine e ai santi di tradizione irlandese ed estratti dai De fide di Fulgenzio e Alcuino (f. 2r-v, 3r, 12v) ma anche estratti degli inni di Ambrogio Ad galli cantu e Ad matutinum (f. 98rv-99r)39; nell’evangeliario Cod. Sang. 48 – dove il testo biblico venne trascritto dalla mano irlandese A che lavorava insieme a una dell’Italia settentrionale, presente nei primi fogli40 – inserì l’unica copia superstite del Carmen de evangelio di Ilario di Poitiers (p. 1, 2, 8, 18) copiando anche alcuni versi greco-latini attribuiti dubitativamente a Giovanni Scoto (p. 395)41. Infine, nelle epistole di Paolo Dresden A 145b aggiunse un ampio estratto del raro Commento a Matteo dello Pseudo-Beda, trascritto sui fogli iniziali e finali del codice (f. 1r-v, 100r-111v)42.

  • 43 Per la glossa su Angilberto: Zimmer 1881, p. XXXIV; Villa 1981, p. 13; Ferrari 1986, p. 261, cfr. (...)

16Accanto a postille di carattere grammaticale o lessicale, sui margini dei manoscritti greco-latini e del Bern 363 si affollano i personaggi che dominavano la turbolenta scena della corte e dei grandi centri dell’impero: vescovi patroni, come Guntario di Colonia e Hartgario di Liegi o come il vituperato Aganone di Bergamo; monaci eruditi, come Ratramno di Corbie, o ribelli, come Gottescalco di Orbais, tenace assertore della dottrina della predestinazione, oltre al fitto sottobosco, spesso incomprensibile, dell’erudizione irlandese sul continente, con i nomi di Fergus, Comgan, Dubtach, Cathsach e molti altri. L’estesa rete di questi rimandi riflette l’intesa vita culturale e i dibattiti degli anni ’60 del IX secolo in cui si trovarono coinvolti gli eruditi irlandesi con qualche riferimento, spesso oscuro, a vicende da poco concluse anche in ambito milanese. Così, ad esempio, nel Dresden A 145b, a f. 52v, il postillatore principale (mano A) – che interviene anche nei vangeli e nel salterio – accanto al passo di san Paolo 2 Cor 12,16 sull’astuzia dell’apostolo (autem ego autem non gravavi vos, sed cum essem astutus dolo vos accipi) scrisse in modo sibillino Angelberti, forse un riferimento all’abile politica di equilibrio tra regno italico e impero perseguita dall’arcivescovo Angilberto II43.

17Dietro queste voci anonime si celano quindi almeno due studiosi irlandesi – il postillatore principale dei tre greco-latini (mano A) e il proprietario del Bern 363, che probabilmente ne ereditò i libri (mano B) – passati dall’entourage di Guntario di Colonia a quello di Tadone di Milano intorno all’865; in alcuni momenti, i due sembrano aver lavorato su questi testi insieme. Il nome di Guntario, infatti, compare nei margini del Cod. Sang. 48 (p. 121, mano A) e anche nel Bern 363 (f. 9v, ma sempre mano A), con un significativo cambiamento di prospettive. Nel salterio di San Gallo la mano A riferiva all’arcivescovo di Colonia il passo di Mt 27,18 con la consegna di Gesù a Pilato per l’invidia dei sacerdoti (sciebat enim quod per invidiam tradidissent eum), ma nel Bern 363 associava Guntario, forse con una nota polemica, all’immagine virgiliana del pastore esoso che pretende di mungere le pecore due volte al giorno finché rimangono senza latte (Verg. Ecl., III, 5,7).

  • 44 Sui rimandi a Giovanni Scoto, ampiamente esaminati da Herren 1996, si veda anche Marenbon 1981, p. (...)
  • 45 Si veda la tabella completa in Appendice.
  • 46 Cremaschi 1960; Lo Monaco 1981.
  • 47 Lo Monaco 1981, p. 22-23; De Angelis 2009, p. 48-54.

18Tuttavia, se si escludono i complessi rimandi di tipo scolastico alle opere di Giovanni Scoto e Sedulio Scoto44, il nome che complessivamente ricorre più volte in questo gruppo di manoscritti è quello del vescovo Aganone di Bergamo, nella maggior parte dei casi indicato con lettere greche e in abbreviazione: αγα[νων] αγανω[ν] αγανων. Assente nei margini del Salterio Basel A.VII.3, l’intrigante presule viene invece citato 7 volte nei vangeli di San Gallo (mano A), 13 nelle epistole paoline (mano A e in due casi forse mano B) e altre 6 volte, in caratteri latini, nel Bern 363 (mano B)45. Come è stato osservato da Francesco Lo Monaco, le postille che associano il nome di Aganone ai testi scolastici del Bern 363 possono essere interpretate come spia degli interessi grammaticali del vescovo. Già nell’844 Ramperto di Brescia si era rivolto proprio ad Aganone per sostituire il maestro Ildemaro di Corbie, in partenza per la nuova fondazione di Civate, con l’erudito monaco Maginario, proveniente da Reichenau, un segnale importante dell’attenzione dimostrata dal presule nel campo degli studi46. D’altra parte l’alto livello culturale di Aganone e l’autocoscienza che egli dimostrava di possedere del proprio ruolo di vescovo inserito nel sistema imperiale carolingio emergono anche dall’impiego di una elegante capitale rustica, una scrittura distintiva delle élites di potere transalpine, per le proprie sottoscrizioni autografe47.

19Ma se si scorrono i fogli dei manoscritti greco-latini postillati dalla mano A, il tono dei marginalia sul vescovo di Bergamo si trasforma in un’acuta riflessione provocata dal divorzio di Lotario II. Nei vangeli di San Gallo, a p. 58 Aganone viene indicato come colui che ascolta la parola di Dio ma la lascia soffocare per le preoccupazioni del mondo e le seduzioni della ricchezza (Mt 13,22), mentre (p. 254) i suoi nemici gli tendono insidie per accusarlo con le sue stesse parole (Lc 11,54). Nel codice di Dresda i riferimenti al vescovo di Bergamo si moltiplicano accanto ai passi che dovevano essere al centro dell’infuocata polemica sulla legittimità del matrimonio di Lotario II. Così il nome di Aganone ricorre a commento di 1 Cor 7,2, dove san Paolo ammette la necessità del matrimonio per evitare i rischi di impudicizia (f. 26v), ma anche accanto a 1 Cor 7,27, quando l’apostolo ammonisce di non cercare di sciogliere il vincolo con la donna alla quale ci si trova legati (f. 28r). E ancora, viene ripetuto a margine dell’ammonizione agli Efesini di non far tramontare il sole sulla propria ira (f. 65v, Eph 4,26) e a quella ai Tessalonicesi (1 Thess 4,4-5) sulla chiamata alla santità, e non all’impurità e al desiderio della passione (f. 81r). Infine, due eloquenti annotazioni alle lettere per Tito e Timoteo (1 Tim 6,4 a f. 90v; Tt 3,9 a f. 98r) sul pericolo rappresentato dalle discussioni oziose e inutili, origine di invidie e di peccati, dove la stessa mano aggiunge sotto il nome di Aganone anche l’epiteto di logomaxos – «colui che è capace di far guerra con le parole» – e lo invita a evitare le risse e le polemiche contro la legge e ad allontanarsi dai faziosi incorreggibili, forse una velata allusione alla tenace propaganda messa in atto dal collega Guntario.

  • 48 Duchesne 1862, p. 159-161; Staubach 1986, p. 592-593. Sui riflessi politici della questione del di (...)
  • 49 Contreni 1982, in particolare p. 766-772 sul metodo di lavoro del maestro del Bern 363.

20Sarebbe allora suggestivo pensare che l’aspro dialogo con Aganone di Bergamo custodito nei marginalia dei greco-latini sia il frutto di un deluso maestro irlandese, travolto suo malgrado dalla caduta di Guntario di Colonia, l’unico prelato che in effetti non riottenne mai la restituzione della sede episcopale e che si ritirò spontaneamente dalla lotta soltanto nell’870. O piuttosto, persino di qualcuno che era stato al servizio non soltanto del potente arcivescovo di Colonia ma anche del versutus Aganone, che secondo Incmaro di Reims aveva offerto la sua aguzza penna a Guntario per la stesura del libello su Gualdrada e Teutberga da presentare al pontefice e che il Liber Pontificalis designava malevolmente con il soprannome di Elihu, l’amico-accusatore di Giobbe48. In questo caso, il sistema dei marginalia con il nome di Aganone apposti dagli irlandesi accanto ai versetti biblici serviva forse da riferimento alle posizioni che il vescovo di Bergamo aveva sostenuto nel suo libello in favore del divorzio di Lotario, secondo una modalità di lavoro che venne usata anche dal maestro del Bern 363 quando accostava nei margini della sua miscellanea auctoritates contemporanee – in particolare Giovanni Scoto e Sedulio – ai passi degli antichi classici49.

  • 50 Riferiti ad Aganone sono anche i rimandi marginali del Cod. Sang. 48 a p. 35 (Mt 6,27: impossibili (...)

21Quest’ipotesi sembra trovare un riscontro in altri rimandi criptici dei marginalia vergati sui fogli dei greco-latini con il nome di Aganone, che potrebbero alludere alla situazione personale del vescovo di Bergamo dopo il severo richiamo del papa, come il passo sulle tribolazioni sostenute da Paolo per sostenere la fede degli Efesini (Eph 4,13; Dresden f. 64r), l’allusione all’ultima cena in cui Cristo annuncia che non festeggerà più la Pasqua con gli apostoli finché non li ritroverà nel regno dei cieli (Lc 22,15; Cod. Sang. 48, p. 297), ma anche l’amara constatazione sulla pervicacia del popolo ebraico, incapace di convertirsi alla penitenza come invece avrebbero fatto le città pagane di Tiro e Sidone se avessero assistito ai prodigi compiuti da Cristo (Mt 11,21; Cod. Sang. 48 p. 50)50.

  • 51 Il successore Garibaldo è attestato nell’867; secondo la sua epigrafe sepolcrale, avrebbe retto pe (...)
  • 52 Su Angelberga, da ultimi: Bougard 2006, p. 381-401; La Rocca 2010. Sui rimandi marginali ad Angelb (...)

22Purtroppo, la scomparsa del testo scritto dal vescovo di Bergamo e la stessa improvvisa morte di Aganone, di cui non si hanno più notizie certe dopo l’ottobre 863, impediscono una verifica puntuale51. Gli echi di questo rapporto complesso e dei dibatti sul divorzio di Lotario risuonavano familiari anche all’altrettanto misterioso irlandese (mano B) che intervenne nelle aggiunte ai codici greco-latini, il maestro del Bern 363. Sui margini di quest’ultimo manoscritto, ai f. 99r e 186r si trovano i celeberrimi e poco lusinghieri giudizi sull’imperatrice Angelberga, accostata a immagini femminili non proprio edificanti, ennesimo indizio dell’ampio dibattito provocato dal divorzio di Lotario II. Nell’860, infatti, Angelberga ottenne il riconoscimento formale del matrimonio con Ludovico II – con cui viveva già da dieci anni – grazie alla stesura di una carta di dotalicium che si affrettò a far retrodatare all’850 per evitare di incorrere in discussioni sulla legittimità della propria unione52.

  • 53 Berschin 1989, p. 186-188.
  • 54 Staubach 1986, p. 593-595; cfr. l’identificazione già proposta da Traube 1891, p. 346-353; Duft 19 (...)

23Tuttavia, l’identità dei maestri Scoti celati sotto le postille dei greco-latini e del Bern 363 che sostarono a Milano durante il pontificato di Tadone rimane sfuggente nella migliore tradizione degli enigmi irlandesi, come nell’episodio del misterioso crittogramma graffito per sfida dall’erudito Dubtach sul muro del castello di re Mermin e brillantemente sciolto da un gruppo agguerrito di quattro dotti tra cui spiccavano Fergus e Suadbar, tutti nomi che ricorrono nel Bern 363 e nei tre codici greco-latini53. Nel 1986 Nicholas Staubach riprese e motivò l’attribuzione di questi manoscritti agli irlandesi Marco e Moengal-Marcello, la coppia zio-nipote di Scoti dotti e peregrini che, secondo il noto episodio riferito dal Casus Sancti Galli, di ritorno da Roma si fermò nel monastero di San Gallo, e si spinse a identificare il vescovo Marco con l’anonimo maestro del Bern 36354.

  • 55 Alessio 2004, p. 55-57, cap. 2; sul problema Berschin 1989, p. 186, 189-190, e la bibliografia cit (...)
  • 56 Clark 1926, p. 36-39; Gavinelli 1983, p. 6-7; Ferrari 1986, p. 260-261.

24Giunti nell’abbazia di San Gallo al tempo dell’abate Grimaldo (841-872) e del decano Hartmut (849-872) – quindi almeno dopo l’849 – zio e nipote congedarono i servitori con ricchi doni, ma tennero per sé i libri: Marcello rimase a San Gallo (dove risulta attestato dall’850-853), divenne maestro degli scolari, diede avvio alla fioritura degli studi greci e lasciò i propri libri, in parte scritti di suo pugno, nella biblioteca dell’abbazia55. A lui sembra riferirsi l’enigmatica nota vergata al f. 23r del Basel A.VII.3, hucusque scripsi, hinc incipit ad Marcellum nunc, che potrebbe attestare la partecipazione di Marcello alla copiatura di un apografo del Salterio greco-latino nel milieu culturale tra le abbazie di San Gallo e Reichenau, codice purtroppo non identificabile tra i manoscritti attualmente superstiti56.

  • 57 Schaab 2003, p. 245; più problematica rimane l’identificazione del ‘vescovo’ Marco con l’omonimo a (...)
  • 58 Traube 1896, p. 233 in nota nell’apparato critico (Anno, beate vide). Per Anno di Frisinga: Maas 1 (...)

25D’altra parte un Marcus episcopus, morto il 1o marzo 895 come ricorda l’obituario di San Gallo, è presente nell’abbazia soltanto dall’anno 869, un dato che ben coinciderebbe con la partenza del maestro irlandese del Bern 363 da Milano dopo la morte di Tadone, avvenuta il 26 maggio 86857. Chi infatti si premurò di accattivarsi i favori del presule ambrosiano non si fece scrupolo di mutare l’intestazione del carme Tado benigne vide del Bern 363 (f. 194v) con un rapido tratto di penna in Anno benigne vide, forse il nuovo munifico patrono del maestro irlandese. Annone di Frisinga (854-875) il vescovo per il quale venne riadattato il carme encomiastico con grande senso di opportunità, era infatti ben collegato al monastero di San Gallo, soprattutto per la committenza di codici58.

  • 59 Trascrizione con traduzione del testo irlandese in Metzer 1981, p. 104 (con descrizione del Dresde (...)
  • 60 Frede 1964, p. 50-77, che attribuisce a Marco il piano di produzione dei greco-latini sulla base d (...)
  • 61 Kaczynski 1988, p. 82-83 completato da Kaczynski 2009.
  • 62 Kaczynski 2009, p. 386-387.
  • 63 La mano B (maestro del Bern 363), invece, aggiunge intorno al frammento di Marco l’Eremita una par (...)

26Al f. 23v il codice di Dresda riporta anche dei caustici versi in lingua irlandese sull’inutilità del pellegrinaggio a Roma, compatibili con l’itinerario della coppia zio-nipote59, che costituirebbero una delle prove per assegnare al misterioso vescovo Marco un ruolo da protagonista, se non proprio da autore, nel progetto culturale legato ai tre codici biblici greco-latini60. Non è invece più possibile attribuire allo stesso personaggio il frammento in greco con traduzione interlineare latina (f. 111v) attribuito a Marcus monachus, di recente identificato da Bernice Kaczynski come la prima attestazione occidentale del trattato Περί νόμου πνευματικού di Marco l’Eremita, un allievo di Giovanni Cristostomo morto dopo il 43061. Secondo l’ipotesi di Kaczynski, il frammento fu tradotto da uno degli irlandesi che lavorarono sui tre manoscritti greco-latini senza l’ausilio di collaboratori di lingua greca62: la mano appartiene infatti all’anonimo irlandese (mano A) che copiò il testo delle epistole paoline e che intervenne come primo scriptor del Cod. Sang. 48 e come secondo scriba nel Salterio Basel A VII.3 (f. 4r-12v; 50v-97v)63.

  • 64 L’irlandese Marcello è stato identificato anche con uno dei due copisti attivi nel codice delle ep (...)

27La suddivisione sistematica e puntuale tra le mani che copiarono, postillarono e maneggiarono i tre codici greco-latini e il Bern 363 è tuttavia ancora in gran parte da svolgere, magari proprio a partire da un riesame dei libri collegati a Marco e Marcello e dei loro poco chiari spostamenti64: questo tipo di analisi, incrociata con la decifrazione e la contestualizzazione storica dei numerosissimi marginalia e dei testi aggiunti a corollario, talvolta di difficile reperibilità nel panorama librario del IX secolo, potrebbe fornire nuove e sorprendenti risposte agli interrogativi sollevati dalla presenza dei maestri irlandesi nell’impero carolingio.

  • 65 Haefele 1959, lib. I, I p. 1 (intero episodio ivi, p. 1-3): Qui cum nihil ostenderent venalem, ad (...)

28Irlandesi eruditi, in perenne movimento da una corte a una scuola cattedrale, pronti a offrire la loro straordinaria abilità linguistica e le non comuni competenze culturali a grandi signori laici ed ecclesiastici dell’impero carolingio in cambio di protezione, professionisti insomma di quella che oggi chiameremmo pubblicistica d’occasione, trovarono così tra Milano e Pavia, durante il pontificato di Tadone, un comodo rifugio e una preziosa arca di testi a cui affidare le loro a volte personalissime riflessioni sulle polemiche che accendevano gli spiriti più brillanti dell’impero, come nel caso del divorzio di Lotario II. D’altra parte, non si fatica ad attribuire a questi Scoti postillatori dei codici biblici greco-latini e del Bern 363 il ritratto che Notkero Balbulo, non a caso allievo dell’irlandese Marcello e a sua volta maestro nell’abbazia di San Gallo, tracciò nell’esordio dei Gesta Karoli Magni: quello della coppia di sapienti irlandesi, istruiti nelle lettere sacre e profane, che, giunti al mercato tra i banchi disparati dei venditori, si misero a gridare ad alta voce: «Se qualcuno desidera la sapienza, venga da noi e la compri, infatti qui da noi è in vendita!», finché non furono ingaggiati da Carlo Magno65. E probabilmente anche Tadone di Milano fu soddisfatto dell’acquisto.

Appendice
Marginalia dei codici greco-latini e del Bern 363 riferiti ad Aganone di Bergamo

29Trascrivo dalle riproduzioni digitali dei manoscritti adeguando la punteggiatura all’uso moderno; per quanto riguarda i codici greco-latini fornisco la trascrizione del solo testo latino con le eventuali varianti di traduzione (segnalate da vel) che il traduttore ha inserito nel testo. Segnalo con m.s. la presenza dei marginalia sul lato sinistro del foglio, con m.d. la presenza dei marginalia sul lato destro del foglio.

Sankt Gallen, Stiftsbibliothek, 48

p. 35: quia autem vestrum cogitans potest adicere ad staturam suam vel eius cubitum unum? (Mt 6,27) αγα(νων)
m.s.
p. 50: olim in cilicio et cinere paeniterent vel paenitentiam egissent. Verumtamen dico vobis Tyro et Sidoni remissius erit in die iudicii quam vobis (Mt 11,21) αγανων ù
m.s.
p. 58: sollicitudo saeculi huius et fallacia divitiarum suffocant verbum et sine fructu efficitur (Mt 13,22) αγανων
m.s.
p. 104: pausaverunt omnes et dormitaverunt; media autem nocte clamor factus (Mt 25,5) αγα(νων) (
m.s.
p. 254: insidiantes ei quaerentes capere aliquid ex ore eius ut accusarent eum (Lc 11,54) αγανων
m.s.
p. 295: amen dico vobis quia non peribit generatio hec donec omne (Mt 24,34) αγανων
m.s.
p. 297: dico enim vobis quia non ex hoc manducabo ex illo donec vel usque impleatur in regno Dei (Lc 22,15) αγανων
m.s.

Dresden, Sächsische Landesbibliothek, A 145b

f. 22r: non multi sapientes secundum carnem, non multi nobiles, sed quae stulta sunt mundi elegit Deus (1 Cor 1,26) αγανων
m.s.
f. 26v: propter autem fornicationem unusquisque suam uxorem habeat (1 Cor 7,2) αγα(νων)
m.s.
f. 28r: solutus es ab uxore ne quaere uxorem; si autem et acceperis uxorem non peccasti (1 Cor 7,27) αγα(νων)
m.s.
f. 36r: gratias ago Deo qui omnium vestrum lingua magis loquor, sed in ecclesia volo quinque sermones vel verba sensu meo loqui (1 Cor 14,18-19) αγανω(ν)
m.s.
f. 53v: (Iesu Christo) qui dedit vel dante se ipsum pro vel de peccatis nostris, ut eriperet nos ex vel de praesenti seculo malo (Gal 1,4) αγανω(ν)
m.s.
f. 64r: propter quod peto ne deficiatis in tribulationibus meis (Eph 3,13) Agan(ωn) (in caratteri latini)
m.s.
f. 65r: per omnem iuncturam subministrationis in mensura unuscuiusquae partis incrementum corporis facit in aedificationem sui (Eph 4,16) αγα(νων)
m.s.
f. 65v: et nolite peccare: sol non occidat super iracundia vestra (Eph 4,26) αγανω(ν)
m.s.
f. 70r: si quod solacium caritatis, si qua societas spiritus, si qua viscera et miserationes implete meum gaudium (Phil 2,1) αγανων
m.s.
f. 81r: ut sciat unusquisque vestrum possidere suum vas vel corpus in sanctificatione et honore, non in passione vel libidine et desiderio (1 Thess 4,4-5) αγανων
m.s.
f. 90v: circa quaestiones et altercationes vel pugna verborum ex quibus nascuntur invidiae, contentiones, blasphemiae, suspiciones, malae conflictiones corruptorum hominum mente (1 Tm 6,4) λογομαχια
pugna verborum
λογομαχος
αγανων
m.s.
f. 96r: si quis sine crimine est unius uxoris vir, filios habens fideles non in accusatione luxuriae aut non subiectos vel subditos, oportet esse episcopum sine crimine (Tt 1,6-7) αγαν(ων)
m.s.
f. 98r: lites vel pugnas legis devita: sunt enim inutiles et vanae (Tt 3,9) λογομαχια
αγα(νων)
m.s.

Il nome di Agano, che ricorre nel codice 13 volte, è scritto dalla mano A in caratteri greci; fa eccezione il f. 64r, dove il nome è scritto in caratteri latini forse da un’altra mano (mano B?) e il f. 65r, dove sembra intervenire la stessa mano di f. 64r. Escludo per il momento i due marginalia αγ ai ff. 93r e 96v che non si possono sciogliere inequivocabilmente come riferiti ad Aganone di Bergamo.

f. 33v: Superfluo enim questiones movent commentarii, dicentes Osirim vel Treptolemum aratrum invenisse. Nam aliud est unam rem invenire, et aliud omnem agriculturam, quod fecit Ceres (Serv. In Georg. I, 147) Agano
m.s.
f. 87v: Androgeos et graeca est et attica declinatio unde est in foribus: loetum androgeo facit ο ανδρογεος του ανδρογεα (Serv. In Aen. III, 371, 373) Agano ep(iscopu)s
m.s.
f. 95r: Rhoeteas. Amat Virgilius declinationes Graecas, salva regulae reverentia, in Latinas convertere: et Graecam diphtongon in e longam ut Αινειας Aeneas, Μεδεια Medea, Ροιτειον Rhoeteum (Serv. In Aen., III, 493) Agano
m.s.
f. 103r: Illud queritur utrum ‘vive’ an ‘vivas’, idest utrum per imperativum an per optativum dicere debeamus? Et constat dici: melius per optativum. Optari enim possunt non imperari vel adversa vel prospera. Quod autem invenimus per imperativum usurpatum est (Serv. In Aen., III, 493) Agano
m.s.
f. 147rb: Per discretum et indiscretum, ut meretrices habeant ancillas quaestio est quae debent publicari, idest decipi, utrum meretrices an ancillae earum an uterque (= Chir. Fort. Ars rhet., in Rhetores latini minores, cur. C. Halm, Lipsiae, 1863, p. 99, 21-23) Agano
intentio
(tra le due colonne di testo)
f. 152va: Ne monosyllaba plura iungantur, ne brevia multa continentur ne longa multa, ne ultima syllaba prioris verbi eadem sit quae prima posterioris, ne prima et ultima efficiant obscenitatem (= Chir. Fort. Ars rhet., in Rhetores latini minores, cur. C. Halm, Lipsiae, 1863, p. 127, 18-21) Agano
m.s.
Haut de page

Bibliographie

Alessio 2004 = G.C. Alessio (a cura di), Cronache di San Gallo (Ekkeardo IV Casus sancti Galli), Torino, 2004.

Ambrosioni 1986 = A. Ambrosioni (a cura di), Gli arcivescovi nella vita di Milano, in Milano e i milanesi prima del Mille (VIII-X secolo). Atti del X Congresso internazionale di studi sull’alto medioevo (Milano, 26-30 settembre 1983), Spoleto, 1986, p. 85-118.

Archetti – Baronio 2006 = G. Archetti, A. Baronio (a cura di), San Faustino Maggiore di Brescia: il monastero della città. Atti della giornata nazionale di studio (Brescia, Università Cattolica del Sacro Cuore, 11 febbraio 2005), in Brixia sacra. Memorie storiche della diocesi di Brescia, 11-1, 2006, numero monografico.

Bellettini 2004 = A. Bellettini, Il codice del sec. IX di Cesena, Malatestiano S.XXI.5: le ’Etymologiae’ di Isidoro, testi minori e glosse di età ottoniana, in Italia medioevale e umanistica, 45, 2004, p. 49-114.

Berschin 1989 = W. Berschin, Griechisch-lateinisches Mittelalter von Hieronymus zu Nikolaus von Cues, Bern-München, 1980, trad. it. Medioevo greco-latino, Napoli, 1989, p. 189-192.

Bieler 1960 = L. Bieler, Psalterium graeco-latinum: codex Basiliensis A.VII.3, Amsterdam, 1960 (Umbrae codicum occidentalium, 5).

Bischoff 1981 = B. Bischoff, Irische Schreiber im Karolingerreich, in Id., Mittelalteriche Studien. Ausgewählte Aufsätze zur Schriftkunde und Literaturgeschichte, III, Stoccarda, 1981, p. 39-54.

Bischoff 1998-2014 = B. Bischoff, Katalog des festländischen Handschriften des neunten Jahrhunderts [mit Ausnahme der wisigotischen], I-III, Wiesbaden, 1998-2014.

Boucheron – Gioanni 2015 = P. Boucheron, S. Gioanni (a cura di), La memoria di Ambrogio di Milano. Usi politici di una autorità patristica in Italia (secc. V-XVIII), Parigi-Roma, 2015.

Bougard 2000a = Fr. Bougard, Niccolò I, santo, in Enciclopedia dei papi, II, Roma, 2000, p. 1-22.

Bougard 2000b = Fr. Bougard, En marge du divorce de Lothaire II : Boson de Vienne, le cocu qui fut fait roi ?, in Francia, 27, 2000, p. 33-51.

Bougard 2006 = Fr. Bougard, Les Supponides : échec à la reine, in Fr. Bougard, L. Feller, R. Le Jan (a cura di), Les élites au Haut Moyen Âge. Crises et renouvellements, Turnhout, 2006, p. 381-401.

Bührer-Thierry 2005 = G. Bührer-Thierry, Des évêques, des clercs et leurs familles dans la Bavière des VIIIe-IXe siècles, in F. Bougard, C. La Rocca, R. Le Jan (a cura di), Sauver son âme et se perpétuer. Transmission du patrimoine et mémoire au Haut Moyen Âge, Roma, 2005, p. 239-264.

Busson – Ledru 1901 = Actus pontificum Cenomannis, ed. G. Busson, A. Ledru, Le Mans, 1901.

Cammarosano 1998 = P. Cammarosano, Nobili e re. L’Italia politica dell’Alto Medioevo, Bari, 1998.

Castagnetti 2005 = A. Castagnetti, Transalpini e vassalli in area milanese, in A. Castagnetti, A. Ciaralli, G.M. Varanini (a cura di), Medioevo. Studi e documenti, I, Verona, 2005, p. 7-109.

Castagnetti 2017 = A. Castagnetti, La società milanese in età carolingia, Verona, 2017.

Cau 1971-1974 = E. Cau, Scrittura e cultura a Novara (secoli VIII-X), in Ricerche medievali, 6-9, 1971-1974, p. 3-87.

Ceruti 1869 = Chronicon extravagans et Chronicon maius auctore Galvaneo Flamma, ed. A. Ceruti, Augustae Taurinorum, 1869.

Clark 1926 = J.M. Clark, The Abbey of St. Gall as a center of literature and art, Cambridge, 1926.

Codex Boernerianus 1909 = Der Codex Boernerianus. Der Briefe des Apostel Paulus (ms. A 145b) in Lichtdruck nachgebieldet, Lipsia, 1909.

Colnago 2014 = F. Colnago (a cura di), Scoto Eriugena, Carmi, Milano, 2014.

Contreni 1982 = J.J. Contreni, The Irish in the Western Carolingian Empire (According to James F. Kenney and Bern Burgerbibliothek 363), in H. Löwe (a cura di), Die Iren und Europa in früheren Mittelalter, I-II, Stoccarda, 1982, II, p. 758-798.

Cremaschi 1960 = G. Cremaschi, Aganone, in Dizionario biografico degli italiani, I, Roma, 1960, p. 359-360.

Daniel 1973 = N. Daniel, Handschriften des zehnten Jahrhunderts aus der Freisinger Domsbibliothek, Monaco di Baviera, 1973.

De Angelis 2009 = G. De Angelis, Poteri cittadini e intellettuali di potere. Scrittura, documentazione, politica a Bergamo nei secoli IX-XII, Milano, 2009.

Duchesne 1862 = Le Liber Pontificalis, ed. L. Duchesne, II, Parigi, 1862.

Duft 1953 = J. Duft, Die Beziehungen zwischen Irland und St. Gallen in Rahmen der St. Gallischen Stifts-Geschichte, in J. Duft, P. Meyer (a cura di), Die irischen Miniaturen der Stiftsbibliothek St. Gallen, Olten-Bern-Losanna, 1953.

Duft 1982 = J. Duft, Irische Handschriftenüberlieferung in St. Gallen, in H. Löwe (a cura di), Die Iren und Europa in früheren Mittelalter, I-II, Stoccarda, 1982, II, p. 916-937.

Dumville 1985 = The Historia Brittonum, ed. D.N. Dumville, Cambridge, 1985.

Erhart 2012 = P. Erhart, Puerili pollice: maniere di insegnamento della scrittura nell’area del lago di Costanza, in Scrivere e leggere nell’Alto Medioevo (Spoleto, 28 aprile-4 maggio 2011), Spoleto, 2012 (Settimane di studio dell’Alto Medioevo, 59), I, p. 151-178.

Ferrari 1986 = M. Ferrari, Manoscritti e cultura, in Milano e i milanesi prima del Mille (VIII-X secolo). Atti del 10o Congresso internazionale di studi sull’alto Medioevo (Milano, 26-30 settembre 1983), Spoleto, 1986, p. 241-275.

Ferrari 1988 = M. Ferrari, La biblioteca del monastero di S. Ambrogio: episodi per una storia, in Il monastero di S. Ambrogio. Convegno di studi nel XII centenario: 784-1984, Milano, 1988, p. 82-164.

Ferrari 1997 = M. Ferrari, Due inventari quattrocenteschi della Biblioteca Capitolare di S. Ambrogio in Milano, in V. Fera, G. Ferraù (a cura di), Filologia umanistica per Gianvito Resta, II, Padova, 1997 (Medioevo e Umanesimo, 95), p. 771-814.

Ferrari 2012 = M. Ferrari, Libri strumentali fra scuole e professioni, in Scrivere e leggere nell’Alto Medioevo (Spoleto, 28 aprile-4 maggio 2011), Spoleto, 2012 (Settimane di studio dell’Alto Medioevo, 59), p. 555-603.

Frede 1964 = H.J. Frede, Altlateinisches Paulus-Handschriften, Friburgo, 1964 (Vetus Latina. Die Reste der Altlateinischen Bibel, 4).

Fuhrmann 1958 = H. Fuhrmann, Eine im Original erhaltene Propagandaschrift des Erzbischof Gunthar von Köln, in Archiv für Diplomatik, 4, 1958, p. 1-51.

Fuhrmann 1972-1974 = H. Fuhrmann, Einfluß und Verbreitung der pseudoisidorischen Fälschungen. Von ihrem Auftauchen bis in die neuere Zeit, I-III, Stoccarda, 1972-1974 (MGH, Schriften, 24/I-III).

Garipzanov 2008 = I.H. Garipzanov, The symbolic language of royal authority in the Carolingian World, Leiden, 2008.

Gavinelli 1983 = S. Gavinelli, Per un’enciclopedia carolingia (Codice Bernese 363), in Italia medioevale e umanistica, 26, 1983, p. 1-25.

Gavinelli 1988 = S. Gavinelli, Irlandesi, libri biblici greco-latini e il monastero di S. Ambrogio in età carolingia, in Il monastero di S. Ambrogio. Convegno di studi nel XII centenario: 784-1984, Milano, 1988, p. 350-360.

Gavinelli 1993 = S. Gavinelli, La biblioteca capitolare di Novara dalle origini al secolo XII: contributo per un catalogo, Novara, 1993.

Gavinelli 2005 = S. Gavinelli, Il gallo di Ramperto: potere, simboli e scrittura a Brescia nel secolo IX, in F. Forner, C.M. Monti, P.G. Schmidt (a cura di), Margarita amicorum. Studi di cultura europea per Agostino Sottili, II, Milano, 2005 (Bibliotheca erudita, 26), p. 401-428.

Georgi 1995 = W. Georgi, Erzbishof Gunther von Köln und die Konflikte um das Reich König Lothars II., in Jahrbuch des Kölnischen Geschichtsvereins, 66, 1995, p. 1-33.

Geuenich – Ludwig 2000 = Der Memorial- und Liturgiecodex von San Salvatore/Santa Giulia in Brescia, hrsg. von D. Geuenich, U. Ludwig, Hannover, 2000 (MGH, Libri memoriales et necrologia, N.S. IV).

Gottlieb 1887 = T. Gottlieb, Randbemerkungen des Codex Bernensis 363, in Wiener Studien, 9, 1887, p. 150-159.

Haefele 1959 = Notkeri Balbuli Gesta Karoli Magni, ed. H.F. Haefele, Berlin, 1959 (MGH, Scriptores rerum Germanicarum, XII).

Hagen 1897 = Codex Bernensis 363, phototypice editus, praef. H. Hagen, Lugduni Batavorum, 1897 (Codices graeci et latini photographice depicti, 2).

Hartmann 1989 = W. Hartmann, Die Synoden der Karolingerzeit im Frankreich und Italien, Paderborn, 1989.

Hartmann 1998 = MGH, Concilia, IV: Concilia aevi karolini 860-874, hrsg. von W. Hartmann, Hannover, 1998.

Heidecker 2010 = K. Heidecker, The Divorce of Lothar II. Christian Marriage and Political Power in the Carolingian World, Ithaca-Londra, 2010.

Henthorn Todd 1848 = J. Henthorn Todd (ed.), Leabhar breatnach annso sis. The Irish version of the Historia Britonum of Nennius, Dublino, 1848.

Herbers 2012 = K. Herbers, Reliques romanes au IXe siècle : renforcements des liaisons avec la papauté, in E. Bozóky (a cura di), Hagiographie, idéologie et politique au Moyen Âge en Occident. Actes du colloque international du centre d’Études supérieures de Civilisation médiévale de Poitiers, 11-14 septembre 2008, Brepols, 2012 (Hagiologia, 8), p. 111-126.

Herren 1996 = M. Herren, John Scottus and the Biblical Manuscripts attributed to the Circle of Sedulius, in J. Van Reel, C. Steel, J. McEnvoy (a cura di), Iohannes Scottus Eriugena. The Bible and Hermeneutics, Lovanio, 1996, p. 303-320.

Herren 2015a = M.W. Herren, Pelasgian Fountains: Learning Greek in the Early Middle Ages, in E.P. Archibald, W. Brockliss, J. Gnoza (a cura di), Learning Latin and Greek from Antiquity to the Present, Cambridge, 2015 (Yale Classical Studies, 37), p. 65-82.

Herren 2015b = M. Herren, Sedulius Scottus and the knowledge of Greek, in P. Moran, I. Warntjes (a cura di), Early Medieval Ireland and Europe: Chronology, Contacts, Scholarship. Festschrift for Dáibhí Ó Cróinín, Turnhout, 2015, p. 525-536.

Hlawitzscha 1960 = E. Hlawitschka, Franken, Alamannen, Bayern und Burgunder in Oberitalien (774-962), Friburgo in Brisgovia, 1960.

Hudson 1987 = P. Hudson, Pavia: l’evoluzione urbanistica di una capitale altomedievale, in Storia di Pavia, II. L’Alto Medioevo, Pavia, 1987, p. 237-315.

Joye 2006 = S. Joye, Le rapt de Judith par Baudouin de Flandre (862) : un “clinamen sociologique” ?, in F. Bougard, L. Feller, R. Le Jan (a cura di), Les élites au Haut Moyen Âge. Crises et renouvellements, Turnhout, 2006, p. 361-379.

Kaczynski 1988 = B.M. Kaczynski, Greek in the Carolingian Age. The St. Gall Manuscripts, Cambridge (Mass.), 1988.

Kaczynski 2009 = B. Kaczynski, A ninth-century Latin translation of Mark the hermit’s ΠΕΡΙ ΝΟΜΟΥ ΠΝΕΥΜΑΤΙΚΟΥ, in Byzantinische Zeitschrift, 89, 2009, p. 379-388.

Kenney 1929 = J.F. Kenney, The Sources of the Early History of Ireland: Ecclesiastical. An Introduction and a Guide, New York, 1929.

Kottje 1983 = R. Kottje, Kirchliches Recht und päpstlicher Autoritätsanspruch. Zu den Auseinandersetzungen über die Ehe Lothars II., in H. Mordek (a cura di), Aus Kirche und Reich. Studien zu Theologie, Politik und Recht im Mittelalter. Festschrift für Friedrich Kempf, Sigmaringen, 1983, p. 97-103.

La Rocca 2010 = C. La Rocca, Angelberga, Louis’s II wife and her will (877), in R. Corradini, M. Gillis, R. McKitterick, I. Van Renswoude (a cura di), Ego trouble: authors and their identities in the Early Middle Ages, Vienna, 2010.

Lo Monaco 1981 = F. Lo Monaco, Aganone di Bergamo e la Lombardia lotaringia, in Archivio storico bergamasco, 1, 1981, p. 9-23.

Maas 1964 = J. Maas, Bischof Anno von Freising, 854/855-875, in M. Hellmann, R. Oelsch, B. Stasiewski, F. Zagiba (a cura di), Cyrillo-Methodiana. Zur Frühgeschichte des Christentums bei den Slaven 863-1963, Colonia-Graz, 1964, p. 210-221.

Maassen 1865 = F. Maassen, Eine Mailänder Synode vom Jahre 863, in Sitzungsberichte der philosophisch-historischen Klasse der Kaiserlichen Akademie der Wissenschaften, 49, 1865, p. 306-310.

Maniaci 2015 = Chartae latinae Antiquiores, Ninth Century, XCIV: Italy LXVI, Milano II, ed. M. Maniaci, Dietikon-Zürich, 2015.

Marenbon 1981 = Marenbon, From the Circle of Alcuin to the School of Auxerre, Cambridge, 1981, p. 88-115.

Meeder 2016 = S. Meeder, Irish Scholars and Carolingian Learning, in R. Flechner, S. Meeder (a cura di), The Irish in Early Medieval Europe. Identity, culture and religion, Londra, 2016 p. 179-194.

Metzer 1981 = B.M. Metzer, Manuscripts of the Greek Bible. An Introduction to Greek Palaeography, New York-Oxford, 1981.

Meyers 1986 = J. Meyers, L’art de l’emprunt dans la poésie de Sedulius Scottus, Parigi, 1986 (Bibliothèque de la Faculté de Philosophie et Lettres de l’Université de Liège, 245),

Meyers 1989 = J. Meyers, recensione a Staubach, Sedulius Scottus und die Gedichte, in Bulletin de théologie ancienne et médiévale, 14, 1989, p. 641-642. 

Meyers – Von Buren 1999 = J. Meyers, V. von Büren, Quelques poèmes inédits de Sedulius Scottus dans le Codex Vaticanus Latinus 4493 ?, in Bulletin Du Cange, 57, 1999, p. 53-110.

Milani 1937 = C. Milani, Intorno all’organizzazione di una città capitale. Celle e xenodochi a Pavia nel Medioevo, in Annali di scienze politiche, 15, 1937, p. 130-143.

Mordek 1995 = H. Mordek, Bibliotheca capitularium regum Francorum manuscripta, Monaco di Baviera, 1995.

Mütherich 1987 = F. Mütherich, Das Verzeichnis eines griechischen Bilderzyklus in dem St. Galler Codex 48, in Dumbarton Oaks Papers, 41, 1987, p. 415-423.

Natale 1971 =A.R. Natale (a cura di), Il Museo diplomatico dell’Archivio di Stato di Milano, Milano, s. d. [ma 1971], I/1.

Passalacqua 1978 = M. Passalacqua, I codici di Prisciano, Roma, 1978 (Sussidi eruditi, 29).

Perels 1925a = Nicolai I papae Epistolae, ed. E. Perels, Berlin, 1925 (MGH, Epistolae, VI: Epistolae karolini aevi, IV), p. 257-690.

Perels 1925b = Epistolae ad divortium Lotharii II. regis pertinentes, ed. E. Perels, Berlin, 1925 (MGH, Epistolae, VI: Epistolae karolini aevi, IV), p. 209-240.

Perels 1938 = E. Perels, Propagandatechnik im IX. Jahrhundert. Ein Original-aktenstück für Erzbischof Gunthar von Köln, in Archiv für Urkundenforschung, 15, 1938, p. 423-425.

Perels 1939 = Hincmari archiepiscopi Remensis Epistolae, I, ed. E. Perels, Berlino, 1939 (MGH, Epistolae karolini aevi, IV: Epistolae, VIII).

Petoletti 2011 = M. Petoletti, La biblioteca di San Sisto nel Medioevo, in M. Bollati (a cura di), I corali benedettini di San Sisto a Piacenza, Bologna, 2011, p. 31-44.

Petoletti 2015 = M. Petoletti, Iscrizione greca di Ambrogio ‘papa’, scheda no 1849, in Museo d’Arte Antica del Castello Sforzesco. Scultura lapidea, IV, Milano, 2015, p. 279-280.

Petoletti 2016 = M. Petoletti, “Urbs nostra”. Milano nelle epigrafi ‘arcivescovili’ dell’Alto Medioevo, in I. Foletti (a cura di), Milano allo specchio: da Costantino al Barbarossa l’autopercezione di una capitale, Roma, 2016, p. 13-37.

Picard 1988 = J.-C. Picard, Le souvenir des évêques. Sépultures, listes épiscopales et culte des évêques en Italie du Nord au Xe siècle, Roma, 1988.

Porro Lambertenghi 1873 = Codex Diplomaticus Langobardiae, ed. G. Porro Lambertenghi, Augustae Taurinorum, 1873 (Historiae patriae Monumenta, 13).

Ps. Beda = Ps. Beda, In Mathaei Evangelium expositio, PL 92, col. 9-132.

Rettich 1836 = H.C.M. Rettich, Antiquissimus quatuor evangeliorum canonicorum codex Sangallensis graeco-latinus, Zurigo, 1836.

Savigni 1992 = R. Savigni, I papi e Ravenna. Dalla caduta dell’Esarcato alla fine del secolo X, in A. Carile (a cura di), Storia di Ravenna, II/2: Dall’età bizantina all’età ottoniana. Ecclesiologia, cultura e arte, Ravenna, 1992, p. 331-368.

Savio 1908 = F. Savio, La “Chronica archiepiscoporum Mediolanensium” citata e adoperata da Galvano Fiamma, in Rivista di scienze storiche, 6/II, 1908, p. 84-118.

Savio 1913 = F. Savio, Gli antichi vescovi d’Italia dalle origini al 1300 descritti per regioni. Milano, Firenze, 1913.

Schaab 2003 = R. Schaab, Mönch in Sankt Gallen. Zur inneren Geschichte eines frühmittelalterlichen Klosters, Ostfildern, 2003.

Scholz 2006 = S. Scholz, Politik – Selbstverständnis – Selbstdarstellung. Die Päpste in karolingischer und ottonischer Zeit, Stoccarda, 2006 (Historische Forschungen, 26).

Staab 1998 = F. Staab, Jugement moral et propagande : Boson de Vienne vu par les élites du royaume de l’Est, in R. Le Jan (a cura di), La royauté et les élites dans l’Europe carolingienne (du début du IXe aux environs de 920), Villeneuve d’Asq, 1998 (Centre d’Histoire de l’Europe du Nord-Ouest, 17), p. 365-382.

Staubach 1986 = F. Staubach, Sedulius Scottus und die Gedichte des Codex Bernensis 363, in Frühmittelalterliche Studien, 20, 1986, p. 549-598.

Stegmüller 1981 = F. Stegmüller, Repertorium biblicum Medii Aevii, II: Commentaria, Madrid, 1981.

Tessera in c.s. = M.R. Tessera, Gli arcivescovi di Milano e la costruzione dell’identità ambrosiana nel IX secolo, in M. Beretta, M. Basile, M.R. Tessera (a cura di), Ansperto da Biassono, in corso di stampa.

Traube 1891 = L. Traube, O Roma nobilis. Philologische Untersuchungen aus dem Mittelalter, in Abhandlungen der Königliche Bayerische Akademie der Wissenschaften, 19, 1891, p. 299-395.

Traube 1896 = Poetae latini aevi Karolini, III, ed. L. Traube, Berolini, 1896.

Valtorta 2006 = B. Valtorta (ed.), Clavis Scriptorum Latinorum Medii Aevii Auctores Italiae (700-1000), Firenze, 2006, p. 132-137.

Villa 1981 = C. Villa, A Brescia e a Milano, in C. Villa, G. Alessio (a cura di), Tra commedia e «Comedía», in Italia medievale e umanistica, 24, 1981, p. 1-17.

Vocino 2017 = G. Vocino, A Peregrinus’s Vade Mecum: MS Bern 363 and the ‘Circle of Sedulius Scottus’, in M.J. Teeuwen, I. Van Renswoude (a cura di), The annotated book in the Early Middle Ages: practices of reading and writing, Turnhout, 2017, p. 87-123.

Waitz 1883 = Annales Bertiniani auctore Incmaro archiepiscopo Remensi, rec. G. Waitz, Hannover, 1883 (MGH, Scriptores rerum Germanicarum in usum scholarum, 5).

Zagni 1977 = L. Zagni, Gli atti arcivescovili milanesi dei secoli VIII-IX, in Studi di storia medievale e di diplomatica, 2, 1977, p. 5-45

Zimmer 1881 = H. Zimmer, Glossae hibernicae e codicibus Wiziburgensi Carolisruhensibus aliis, Berolini, 1881.

Haut de page

Notes

1 Perels 1939, p. 81-87 no 135. Sul complesso problema del divorzio di Lotario si vedano almeno Kottje 1983; Bougard 2000a, p. 12-16 e Heidecker 2010. Per il caso di Ingeltrude: Staab 1998 e la replica di Bougard 2000b.

2 Particolarmente significativo – perché quasi contemporaneo – è il caso di Giuditta, figlia di Carlo il Calvo, già vedova di due re del Wessex, che nell’862 venne rapita, con il suo consenso, e sposata da Baldovino di Fiandra: Joye 2006. Nell’862 Baldovino e Giuditta si rifugiarono alla corte di Lotario II, ma la questione fu risolta solo nell’863 con un appello diretto a Niccolò I e giustificato dall’esistenza di un consenso reciproco dei due nel contrarre matrimonio.

3 Savio 1908, p. 91; Ceruti 1869, p. 128.

4 Ancora suddiacono, Tadone sottoscrisse in splendida carolina due atti del marzo 848 con cui l’alamanno Gunzone vendeva alcuni terreni nelle località di Gessate e Inzago all’abate Andrea di Sant’Ambrogio e ne riceveva in cambio l’usufrutto: Natale 1971, no 82 (15 marzo 848) e no 83 (post 15 marzo 848) = Maniaci 2015, ni 39-40; Tessera in c.s. Sul conte Alberico: Castagnetti 2005, p. 54-61; Castagnetti 2017, p. 169-174.

5 Numerosi contributi sull’argomento in Boucheron – Gioanni 2015.

6 Zagni 1977; Ambrosioni 1986, p. 85-90.

7 Bern, Burgerbibliothek, 363, f. 194v-197v; edizione in Traube 1896, p. 232-234 ni III/I-II; p. 236-237 no III/VII; facsimile: Hagen 1897. Sul codice Bern 363 si vedano almeno: Zimmer 1881; Gottlieb 1887; Traube 1891; Villa 1981; Contreni 1982; Gavinelli 1983; Staubach 1986.

8 Di questi tre codici esistono le riproduzioni in facsimile: Bieler 1960; Rettich 1836; Codex Boernerianus 1909, fondamentale per la lettura di glosse e marginalia, visti i pesanti danni subiti dall’originale durante la seconda guerra mondiale (ora consultabile in riproduzione digitale sul sito http://digital.slub-dresden.de/werkansicht/dlf/2966/1). Sul sito www.e-codices.unifr.ch sono disponibili le riproduzioni elettroniche integrali dei vangeli e del salterio.

9 Oltre al classico Kenney 1929 e alla bibliografia citata alle note precedenti, si vedano almeno Berschin 1989, p. 189-192; Bischoff 1981; Duft 1982; Kaczynski 1988; Gavinelli 1988; Herren 1996 (i tre manoscritti greco-latini sarebbero apografi della versione biblica curata da Giovanni Scoto e sarebbero stati allestiti dal maestro del Bern 363 e dal suo circolo di irlandesi) e i recenti Meeder 2016 e Vocino 2017 (con conclusioni parzialmente differenti da quelle proposte nel presente contributo). Non posso discutere in questa sede l’ipotesi che anche le postille dei tre greco-latini siano apografe dei modelli, problema che merita ulteriori indagini.

10 Sul ruolo di Sedulio, che comunque non intervenne nella traduzione interlineare dei tre codici greco-latini, si veda Herren 2015b.

11 Perels 1925a, p. 284-286 no 18; p. 340-351 no 53. La data del sinodo milanese con la scomunica di Ingeltrude oscilla tra fine 860 e giugno 863: Bougard 2000b, p. 42-43 in particolare nota 44.

12 Perels 1925a, p. 361 no 5, in particolare r. 26-27: praecipue Aganus, quem perhibetis die natalis Domini super adulteros benedictionem, quae maledictio potius credenda est, protulisse; cfr. Waitz 1883, p. 62-63: factione Haganonis versuti et cupidissimi Italicae regionis episcopi; Bougard 2000a, p. 18.

13 Hartmann 1998, p. 152-155 no 16 (specie p. 153 su Tadone): sententiam, quam a sede apostolica in Ingiltrudem, uxorem Bosonis, sanctissimus frater noster Mediolanensis archiepiscopus Tado et ceteri coepiscopi nostri petiverunt emittendam, et nos divino succensi zelo sub anathematis obtestatione canonice protuleramus; è lo stesso testo inviato dal papa nella sua lettera ad Adone di Vienne (vedi nota successiva).

14 La lettera che Niccolò I inviò ad Adone, arcivescovo di Vienne, con il resoconto del concilio romano riporta la data del 30 ottobre 863: Perels 1925a, p. 284-286 no 18.

15 Perels 1925a, p. 340-351 no 53 (scritta il 31 ottobre 867, con un dettagliato riassunto di tutta la vicenda); Bougard 2000a, p. 13-14. La posizione successiva di Aganone non è certa; risulta ancora in carica almeno fino al 30 ottobre 863, quando partecipò a un sinodo milanese indetto da Tadone: Hartmann 1998, p. 159-163 no 17.

16 Hartmann 1998, p. 188-197 no 21; Fuhrmann 1958.

17 La lettera di Tadone di Milano, Rotlando di Arles e Arperto di Embrun è tràdita solo nel quaternio aggiunto al manoscritto Köln, Erzbischöfliche Diözesan- und Dombibliothek 117, ai f. 96r-97r. Edizione di tutto il dossier in Hartmann 1998, p. 190-197 n. 21 (solo la difesa di Guntario ebbe una circolazione indipendente anche in altri tre testimoni manoscritti); analisi dettagliata in Perels 1938; Fuhrmann 1958, con edizione del dossier alle p. 36-51; da ultimo Staubach 1986, p. 562-569.

18 Staubach 1986, p. 558-562; su Guntario in particolare Georgi 1995. Un carme pseudo-seduliano dedicato a Guntario di Colonia è trascritto anche (ma in scrittura carolina) alle p. 88-89 del codice di Prisciano Sankt Gallen, Stiftsbibliothek, 904, di origine irlandese, che giunse molto presto nell’abbazia di San Gallo (Staubach 1986, p. 590): Traube 1896, p. 238-240 no II; Duft 1982, p. 926-927; cfr. Passalacqua 1978, p. 279-280.

19 Busson – Ledru 1901, p. 338: Ipse enim in tantum praefati papae gratiam fuerat consecutus, ut idem papa eum nimio amore diligeret, et ei scrineum eburneum cum sanctorum martyrum Gervasii et Prothasii, ac beati Ambrosii, Mediolanensis episcopi, et aliorum sanctorum sacrosanctis reliquiis transmitteret, quas idem episcopus, cum quo decuit honore, et totius populi vel cleri festiva gratulatione suscepit et in sinu matris ecclesiae futuris temporibus profuturas, cum debita reverentia collocavit; Herbers 2012, p. 123.

20 Hartmann 1998, p. 123-126: il testo è tràdito solo dal ms. Vat. Pal. lat. 576, fine IX secolo, scritto forse a Reims ma proveniente da San Martino di Magonza, che contiene anche il dossier sul divorzio di Lotario II (Bischoff 1998-2014, III, p. 415 no 6544). Sunto della questione di Rotado in Bougard 2000a, p. 10 e Scholz 2006, p. 195-199.

21 Fuhrmann 1972-1974, I, p. 225-228; II, p. 254-270. Il nome di Rotado e dei sacerdoti del suo seguito venne aggiunto nell’865 ai f. 30v-31r del Liber vitae del monastero regio di Santa Giulia/San Salvatore di Brescia: Geuenich – Ludwig 2000, p. 170.

22 Analisi della questione in Fuhrmann 1972-1974, I, p. 197-199.

23 Hartmann 1998, p. 159-163 no 17, su cui Maassen 1865; Cau 1971-1974, p. 44-49, 56, 77-80; Zagni 1977, p. 27-29; Hartmann 1989, p. 297-298; Mordek 1995, p. 395-399; Gavinelli 1993, p. 12-13, 66-69. Sulla lettera di Odelperto: Garipzanov 2000, p. 291-295 e Tessera in c.s., con la bibliografia pregressa.

24 Iscrizioni in greco, caratterizzate da oscillazioni ortografiche compatibili con la cultura carolingia, sono presenti anche sul mosaico absidale della basilica di Sant’Ambrogio commissionato da Angilberto II; una singolare epigrafe, databile al IX secolo e proveniente dal monastero di Santa Radegonda, designa in caratteri greci sant’Ambrogio come papa: Petoletti 2015.

25 Staubach 1986, p. 584-586. Liutfrido era già stato a Roma nell’860 per la stessa questione.

26 Traube 1896, p. 236-237 ni III/VII-VIII.

27 Ivi, p. 237 no III/VIII, r. 15-18; Staubach 1986, p. 584-587.

28 Per i legami tra Ramperto e Liutfredo: Porro Lambertenghi 1873, col. 245-248 no 140 (31 maggio 841); col. 256-257 no 147 (12 ottobre 842). In generale su Ramperto e la fondazione di San Faustino e Giovita si vedano Gavinelli 2005 e Archetti – Baronio 2006.

29 Sul conte Liutfredo (morto al più tardi nel marzo 866): Hlawitzscha 1960, p. 221-223 no 108, dove è indicato come Liutfredo I, per distinguerlo dal figlio Liutfredo II; Castagnetti 2017, p. 205-206. In particolare per i due viaggi a Roma dell’860 e 865: Perels 1925b, p. 209 no 1 (a. 860), p. 213 no 3 (a. 862), p. 215 no 5 (a. 863). Per Ildemaro e Leodegario si veda almeno la voce Hildemarus Corbeiensis in Valtorta 2006, p. 132-137.

30 Perels 1925a, p. 301-303 no 33, p. 303-305 no 35 (entrambe databili all’inizio dell’865) e p. 309-312 no 38 (22 aprile 865); Perels 1925b, p. 225-226 no 11.

31 Perels 1925a, p. 312-314 no 39 (mancata celebrazione del sinodo previsto per il 19 maggio 865 a Roma); p. 315-316 no 42 (nuova scomunica contro Gualdrada del febbraio 866). Il 9 giugno 865 il papa scrisse ad Adone di Vienne che non c’era stata alcuna riabilitazione ufficiale di Guntario: Perels 1925a, p. 312-314 no 39.

32 Per l’attribuzione dei carmi: Meyers 1986, p. 30-31, 176-185, e la recensione all’articolo di Staubach, Meyers 1989, p. 641-642. Un possibile passaggio di Sedulio a Milano è stato ipotizzato da Meyers – Von Büren 1999, p. 70-71.

33 Gavinelli 1983, p. 3-4, con descrizione del contenuto del codice. Per una nuova edizione dell’epigrafe sul calice di Angilberto II: Petoletti 2016, p. 24, 31.

34 Per la cella di Sant’Ambrogio a Pavia: Natale 1971, no 123 (12 giugno 873), con le conferme di Carlo il Calvo del 21 marzo 880 (ivi, I/2, no 141) e di Carlo il Grosso il 18 luglio 885 (ivi, I/2, no 152); Milani 1937, p. 135-143; cfr. Hudson 1987, p. 279-287 sul ruolo delle cellae.

35 Perels 1925a, p. 638-639 no 120; Duchesne 1862, p. 163, 171. L’intervento molto moderato del papa si spiega con i profondi contrasti che turbarono a più riprese i rapporti tra Niccolò e Giovanni VIII di Ravenna, accusato, tra l’altro, di abusi contro i vescovi suffraganei: Savigni 1992, p. 344-348; Cammarosano 1998, p. 190. Si noti anche che nell’863 Giovanni si era recato a Roma per difendersi insieme a Guntario di Colonia e Aganone di Bergamo: Duchesne 1862, p. 160-161.

36 Sui codici di medicina e il monastero di Sant’Ambrogio nel secolo IX: Ferrari 1986, p. 255; Bellettini 2004; Ferrari 2012, p. 567-570.

37 Sul codice M 15, scritto a Pavia ma portato nel monastero di Sant’Ambrogio di Milano nel secondo terzo del IX secolo: Ferrari 1988, p. 87-107; Ferrari 2012, p. 570 nota 35.

38 Ferrari 1997, p. 803.

39 Gavinelli 1988, p. 353; datazione proposta da Bischoff al terzo quarto del IX secolo: Bischoff 1998-2014, I, p. 56-57.

40 Alla mano nord-italiana si devono invece la lettera prefatoria di Gerolamo a papa Damaso sulla traduzione del vangelo (inc. Novum opus, p. 7-9), la prefazione di Gerolamo alla traduzione latina del vangelo di Matteo (inc. Matthaeus ex Iudae sicut in ordine primo, p. 15) e i breves sui singoli capitoli di Matteo (p. 16-18). Per l’intervento contemporaneo di due mani, irlandese e nord-italiana, Gavinelli 1988, p. 353; antigrafi di origine ‘italica’ per il testo greco sono anche all’origine delle didascalie un ciclo illustrativo dei vangeli che la mano irlandese copia a p. 129 del codice: Mütherich 1987. Il Cod. Sang. 48 è stato datato agli anni ’60 del IX secolo, con origine nord-italiana: Bischoff 1998-2014, III, p. 302 no 5534; cfr. Duft 1982, p. 926-927, con possibile provenienza da Bobbio.

41 Herren 1996, p. 303-320; cfr. però Staubach 1986, p. 579-580, che attribuisce il carme al maestro irlandese del Bern 363 (‘Pseudo-Sedulio’). Edizione e commento del testo in Colnago 2014, p. 166-169.

42 Ps. Beda, col. 9-132: devo l’identificazione di questo testo a Marco Petoletti, che ringrazio. Per il commento dello Pseudo Beda: Stegmüller 1981, no 1678. Datazione del codice proposta da Bischoff al secondo terzo del IX secolo: Bischoff 1998-2014, I, p. 224 no 1040.

43 Per la glossa su Angilberto: Zimmer 1881, p. XXXIV; Villa 1981, p. 13; Ferrari 1986, p. 261, cfr. Gavinelli 1988, p. 358-360 (senza indicazioni su Angilberto); Tessera in c.s.

44 Sui rimandi a Giovanni Scoto, ampiamente esaminati da Herren 1996, si veda anche Marenbon 1981, p. 88-115.

45 Si veda la tabella completa in Appendice.

46 Cremaschi 1960; Lo Monaco 1981.

47 Lo Monaco 1981, p. 22-23; De Angelis 2009, p. 48-54.

48 Duchesne 1862, p. 159-161; Staubach 1986, p. 592-593. Sui riflessi politici della questione del divorzio in Italia cfr. anche Cammarosano 1998, p. 191-197.

49 Contreni 1982, in particolare p. 766-772 sul metodo di lavoro del maestro del Bern 363.

50 Riferiti ad Aganone sono anche i rimandi marginali del Cod. Sang. 48 a p. 35 (Mt 6,27: impossibilità per l’uomo di aggiungere anche un solo cubito alla propria statura), p. 104 (Mt 25,5: le vergini sagge e le vergini stolte che si addormentano perché lo sposo tarda nella notte); p. 295 (Mt 24,34: l’avvento del Figlio dell’uomo durante la generazione presente). Si veda la tabella completa in Appendice.

51 Il successore Garibaldo è attestato nell’867; secondo la sua epigrafe sepolcrale, avrebbe retto per trent’anni la cattedra di Bergamo: sulla questione Lo Monaco 1981, p. 16-17 in particolare nota 35; Picard 1988, p. 364 con citazione dell’epitaffio alla nota 12.

52 Su Angelberga, da ultimi: Bougard 2006, p. 381-401; La Rocca 2010. Sui rimandi marginali ad Angelberga si veda anche Petoletti 2011, p. 31-32.

53 Berschin 1989, p. 186-188.

54 Staubach 1986, p. 593-595; cfr. l’identificazione già proposta da Traube 1891, p. 346-353; Duft 1953, p. 35-36 e Duft 1982, p. 917-927.

55 Alessio 2004, p. 55-57, cap. 2; sul problema Berschin 1989, p. 186, 189-190, e la bibliografia citata alla nota precedente. Un Marcellus, che Schaab identifica con l’irlandese Moengal (Schaab 2003, p. 82 nota 300 e riferimenti relativi) risulta attestato nei documenti dell’abbazia di San Gallo già dall’853 e forse anche prima dell’850: cfr. Erhart 2012, p. 166 e 171. Sul monaco Marcellus, che redige i documenti di San Gallo in carolina, si veda anche Duft 1953, p. 37-38.

56 Clark 1926, p. 36-39; Gavinelli 1983, p. 6-7; Ferrari 1986, p. 260-261.

57 Schaab 2003, p. 245; più problematica rimane l’identificazione del ‘vescovo’ Marco con l’omonimo autore di una prima redazione dell’Historia Britonum ricordato anche da Heiric di Auxerre nella Vita sancti Germani: Henthorn Todd 1848, p. 11-19; Dumville 1985, p. 26-27 (dove è trascritta la rubrica presente al f. 47r del manoscritto Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana, Reg. lat. 1964, fine sec. XI: incipit Istoria Brittonum edita ab anachoreta Marco eiusdem gentis sancto episcopo). Per la morte di Tadone, registrata nei Catalogi dei vescovi di Milano: Savio 1913, p. 38-39.

58 Traube 1896, p. 233 in nota nell’apparato critico (Anno, beate vide). Per Anno di Frisinga: Maas 1964; Daniel 1973, p. 35-39 (in particolare per il legame con gli irlandesi di San Gallo) e Bührer-Thierry 2005, p. 241-242.

59 Trascrizione con traduzione del testo irlandese in Metzer 1981, p. 104 (con descrizione del Dresden A 145b).

60 Frede 1964, p. 50-77, che attribuisce a Marco il piano di produzione dei greco-latini sulla base di antigrafi nord-italiani, portato a compimento a San Gallo da Marcello; cfr. anche Herren 2015a. Rimane anche da verificare se l’abbreviazione ricorrente nel Bern 363 e nei tre codici greco-latini mar si riferisca come generalmente interpretato a Marziano Capella – che però spesso nei greco-latini viene citato per esteso o nella forma martian – oppure, come proponeva già Traube (Traube 1891, p. 351) proprio al vescovo irlandese Marco.

61 Kaczynski 1988, p. 82-83 completato da Kaczynski 2009.

62 Kaczynski 2009, p. 386-387.

63 La mano B (maestro del Bern 363), invece, aggiunge intorno al frammento di Marco l’Eremita una parte del testo dello Pseudo-Beda.

64 L’irlandese Marcello è stato identificato anche con uno dei due copisti attivi nel codice delle epistole paoline (con fogli palinsesti in greco) Zürich, Zentralbibliothek, C 57, proveniente da S. Gallo; a lui erano attribuite alcune omelie in un manoscritto di San Gallo, oggi perduto, poi passato nella biblioteca della regina Cristina di Svezia: Clark 1926, p. 39.

65 Haefele 1959, lib. I, I p. 1 (intero episodio ivi, p. 1-3): Qui cum nihil ostenderent venalem, ad convenientes emendi gratia turbas clamare solebant: “Si quis sapientiae cupidus est, veniat ad nos et accipiat eam: nam venalis est apud nos!”.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Miriam Rita Tessera, « Milano, gli irlandesi e l’impero carolingio nel IX secolo: intrecci politici e culturali intorno al divorzio di Lotario II », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge, 130-1 | -1, 245-259.

Référence électronique

Miriam Rita Tessera, « Milano, gli irlandesi e l’impero carolingio nel IX secolo: intrecci politici e culturali intorno al divorzio di Lotario II », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge [En ligne], 130-1 | 2018, mis en ligne le 30 octobre 2018, consulté le 24 novembre 2020. URL : http://journals.openedition.org/mefrm/3910 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefrm.3910

Haut de page

Auteur

Miriam Rita Tessera

Università Cattolica del Sacro Cuore, miriamrita.tessera@gmail.com

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search