Navigation – Plan du site

AccueilNuméros130-1L'Armenia nel Medioevo, vettore d...Introduzione

Texte intégral

1Il dossier qui raccolto è la testimonianza, seppure parziale, di un workshop internazionale tenutosi presso il Dipartimento di Storia Culture Civiltà dell’Università di Bologna il 18-19 maggio 2017 e organizzato da Irene Bueno, Federico Alpi e Anna Sirinian. Sollecitata da una fruttuosa collaborazione stabilita a Bologna tra discipline medievistiche e orientalistiche, l’origine delle due giornate di studio si colloca nell’ambito del progetto di ricerca «PEROPA – The universal Rome in cross-cultural perspective. Perceptions of the Orient at the papal court in the late Middle Ages», coordinato da Irene Bueno e finanziato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca nel quadro del programma SIR 2014. La manifestazione ha altresì beneficiato del generoso finanziamento offerto dal Dipartimento che la ospitava.

2Il progetto PEROPA indaga la formazione e la circolazione di conoscenze sull’Oriente presso un polo culturale di primo piano dell’Europa tardo-medievale quale fu la corte dei papi di Avignone. Come viene ripensato il topos della Roma universale nel contesto della ricollocazione provenzale della curia pontificia? Come si articola il rapporto tra Roma e il mondo, nel momento in cui Roma non si trova più al centro del mondo? E cosa si sapeva dei mondi orientali presso la corte dei papi? Situandosi alla convergenza tra la storia intellettuale, la storia religiosa e quella dei testi e traendo beneficio dagli apporti metodologici elaborati da un campo di studi in piena crescita come quello delle relazioni transculturali nel Mediterraneo medievale, il progetto cerca di rispondere a queste domande studiando la storia del papato trecentesco a partire dalle sue interazioni e dai suoi scambi con l’Oriente cristiano e non cristiano.

3Sin dall’inizio della ricerca, l’Armenia si è delineata come un campo di indagine particolarmente fecondo per uno studio di questo tipo: nel periodo considerato essa costituiva infatti un fondamentale crocevia nelle interazioni politiche, religiose, commerciali e artistiche tra Occidente latino, vicino e lontano Oriente. Legati alla Chiesa di Roma da rapporti complessi e ambivalenti – talora apertamente conflittuali – e gravitanti nell’orbita dei programmi crociati, unionistici e missionari del papato, gli Armeni giocarono un ruolo di primo piano nella comunicazione diplomatica e interecclesiale, favorendo al contempo il passaggio di libri e di informazioni attraverso le sponde del Mediterraneo ed oltre. È dunque proprio al contesto armeno, inteso come vettore di scambi e di mobilità tra Oriente ed Occidente, che abbiamo dedicato il workshop bolognese, con l’obiettivo di invitare colleghi di diverse discipline a riflettere dall’interno del loro campo di studi sull’importanza di quest’area per la storia della comunicazione transculturale nel secondo Medioevo. Così facendo, diviene possibile travalicare l’ambito della storia armena per se: l’Armenia si delinea infatti come un osservatorio particolarmente fecondo, situato fuori dall’Occidente, ma ad esso strettamente legato, sulle interazioni di tipo politico, religioso e intellettuale sviluppatesi nel Medioevo attraverso le aree mediterranea, sub-caucasica ed asiatica.

4Occorre fin da subito precisare che quello armeno, all’epoca considerata, era un contesto eterogeneo e frammentato, articolato in entità politiche e territoriali dalla storia profondamente diversa: da una parte il Regno d’Armenia, costituitosi in Cilicia sul finire del XII secolo e caduto nel 1375 sotto la pressione dei Mamelucchi; dall’altra parte la Grande Armenia, priva di autonomia territoriale e sottoposta all’avvicendarsi di varie dominazioni (ora quella dell’Impero d’Oriente, ora quella dei Selgiuchidi, ora dei Mongoli). La diversità degli itinerari politico-istituzionali si coniuga in queste regioni con quella delle lealtà ecclesiastiche, traducendosi nell’alternanza tra difesa di modelli autocefalici e tentativi di avvicinamento e di negoziazione con la Chiesa latina ed il papato. Mentre molti monasteri della Grande Armenia si facevano roccaforti della più autentica tradizione armeno-apostolica, combattendo alacremente contro fermenti unionistici di ogni tipo, nel Regno armeno le necessità strategico-politiche si saldavano invece all’apertura verso Occidente. Sullo sfondo di questi sviluppi e in modo diverso tra loro, il Regno armeno e la Grande Armenia, cui vanno aggiunte le comunità armene disseminate nell’area mediterranea come sulle rive del Mar Nero, costituirono nel periodo considerato degli importanti snodi nei contatti commerciali, politici e religiosi con il mondo latino, veicolando il passaggio di nuove conoscenze, stimolando il confronto religioso e favorendo la trasmissione di testi attraverso importanti e numerose opere di traduzione. Così autori e copisti armeni determinarono ad esempio la diffusione in Europa di nuove informazioni sulla geografia asiatica e sulla storia dei Mongoli, alimentarono una notevole produzione manoscritta nelle cosiddette «colonie» armene presenti in molte città italiane, realizzarono nuove traduzioni che consentirono la penetrazione del pensiero scolastico latino in area subcaucasica.

5Tali fenomeni non si interruppero malgrado le congiunture politiche e militari non fossero sempre favorevoli: anzi, essi costituirono delle efficaci risposte di fronte alle difficoltà che seguirono l’espansione islamica nel Mediterraneo orientale, le guerre per il controllo della Terra Santa e la caduta degli stati cristiani nel Vicino Oriente sul finire del Duecento, o ancora la rottura dell’alleanza armeno-ilkhanide nel primo Trecento, sulla quale il Regno armeno di Cilicia aveva saldamente imperniato buona parte della sua politica estera. La varietà dei contatti religiosi e intellettuali stabiliti tra lo spazio armeno e quello latino nel basso Medioevo costituisce un terreno di ricerca ancora fertile. Tuttavia, si ha l’impressione che esso sia stato finora penalizzato dalla mancanza di un autentico confronto interdisciplinare – confronto spesso possibile solo nell’ambito di progetti di ricerca collettivi.

6In questa prospettiva abbiamo inteso promuovere il dibattito tra specialisti del Medioevo latino, armeno ed arabo, attraverso l’analisi di una serie di casi di studio relativi all’apporto dell’Armenia e degli Armeni per una storia delle relazioni transculturali tra il XII e il XV secolo. L’intento è stato innanzitutto quello di dare risalto a fenomeni di interazione e di mobilità intellettuale tra l’Armenia e il mondo latino, senza tuttavia trascurare anche l’apporto della documentazione esterna a questi contesti, come quella prodotta in lingua araba nell’Egitto del XIV secolo. Alla luce di queste fonti è stato possibile mettere in rilievo reciproche rappresentazioni, contaminazioni e permeabilità che si svilupparono attraverso contesti linguistici, religiosi e intellettuali spesso assai distanti. Come vedremo, i casi analizzati dai vari autori si collocano su direttrici assai diverse tra loro: dalla penetrazione di viaggiatori e missionari in Asia minore alla costituzione di comunità armene in Occidente, dalle operazioni di riscrittura del passato all’elaborazione di modelli di rilievo didattico-morale, dalla circolazione libraria al confronto interecclesiale e ai molti esiti dell’incontro tra le comunità armene fuori dalla madrepatria e quelle autoctone. I differenti contributi ne ricostruiscono le molteplici tracce lasciate nei resoconti di viaggio, nella narrativa storica, nella riflessione dei vardapet, nei dispacci diplomatici, nelle opere di traduzione, nei colofoni dei manoscritti, nelle epigrafi, negli inventari delle biblioteche, nei criteri di assembramento di codici miscellanei e più in generale nelle dinamiche di trasformazione e adattamento connesse al passaggio di uomini e di libri attraverso i molti luoghi popolati dagli Armeni.

7Il contributo di Marco Bais affronta il tema del ricorso alla narrativa storica per ripensare i valori fondanti di una tradizione, in questo caso di matrice anzitutto religiosa e morale. Attraverso lo studio della Storia di Tamerlano e dei suoi successori di T‘ovma Mecop‘ec‘i emergono da un lato il valore attribuito all’insegnamento dei vardapet per la salvaguardia della tradizione religiosa e della concordia sociale, dall’altro la profonda spaccatura che si consumò in seno alla Chiesa armena tra gli apostolici e quanti optarono per l’unione con Roma. In quest’ottica, anche le devastazioni arrecate dall’espansione timuride vengono lette da T‘ovma come una conseguenza delle lacerazioni interne alla Chiesa armena: mentre i rapporti con l’Occidente latino restano sullo sfondo della trattazione, i mali del presente vengono infatti legati ai contrasti che, soprattutto nel territorio dell’Armenia storica, dividono il clero e la Chiesa armena.

8Con il saggio di Giuseppe Cecere l’importanza delle fonti storiografiche per un’indagine sulla percezione delle alterità religiose e culturali viene evidenziata guardando ad un contesto assai diverso: quello delle rappresentazioni degli Armeni di Cilicia diffuse in ambito islamico, e specificamente in area siro-egiziana nel periodo mamelucco. La portata di queste immagini emerge attraverso un raffronto tra la narrativa di storiografi copti e musulmani, con particolare riferimento al resoconto della conquista mamelucca di Qal‘at al‑Rum (Hṙomkla), luogo simbolo della cristianità armena, avvenuta nel 1292.

9La pluralità delle rappresentazioni prodotte dall’incontro con l’alterità religiosa è il tema indagato anche da Camille Rouxpetel alla luce di uno studio condotto, tra le altre fonti, sugli scritti di alcuni viaggiatori latini del XIII secolo. A partire da questi testi, ci si interroga sulle ragioni per le quali gli Armeni godessero spesso di un’ottima reputazione in Occidente: esse vengono reperite di volta in volta nella specificità dei contesti nei quali avvenne il loro incontro, tra la Cilicia, Antiochia, Edessa e Gerusalemme, nel contesto del Regno armeno e in quello della dominazione franca, ayyubide o mamelucca. Ne emerge il carattere composito ed eterogeneo delle società vicino-orientali nelle quali si innestano i cangianti fenomeni di interazione qui presi in esame.

10Nel saggio di Irene Bueno, centrato sulla Flor des estoires de la terre d’Orient dell’armeno Hayton/Het‘um e sulla storia della sua ricezione nell’Europa medievale, il baricentro dell’analisi si sposta sulla mobilità dei testi e dei saperi da Oriente verso Occidente. Alla luce di questa lettura, la composizione dei numerosi manoscritti pervenuti, le antiche notizie catalografiche e le annotazioni dei lettori conservate in margine ad alcuni codici schiudono altrettanti osservatori sull’incontro tra la Flor e il pubblico europeo e sull’interesse da essa rivestito per le notizie storiche, geografiche, militari ed etnografiche che riportava. La loro acquisizione nei testi di autori occidentali rivela la fiducia riposta nella testimonianza di Het‘um su un Oriente ad un tempo vero e meraviglioso.

11Se il successo della Flor nel mondo latino è quasi un unicum, non meno importanti fenomeni di trasmissione manoscritta furono stimolati dalla costituzione di insediamenti armeni in Italia o lungo le sponde del Mar Nero, alimentati da un flusso costante di viaggiatori, commercianti, religiosi e pellegrini. Il contributo di Federico Alpi si concentra sulla storia della comunità armena di Caffa nel Trecento, indagandone dapprima l’origine e la composizione, studiandone poi le affiliazioni religiose e le attività intellettuali, tra legami con la terra d’origine e influenze occidentali. In particolare, i colofoni dei molti manoscritti armeni copiati a Caffa e in Crimea nel XIV secolo permettono di rilevare non solo alcuni dei motivi che stimolarono la formazione di queste comunità, ma anche le tensioni religiose che le attraversavano, contrapponendo i sostenitori dell’unione con Roma ai fedeli della Chiesa apostolica.

12L’indagine è rivolta infine alla penisola italiana, per soffermarsi sulla storia delle comunità armene – religiose e laiche – costituitesi in numerose città nel Basso Medioevo. Alla luce dei contributi di Alessandro Orengo (sulle comunità costituitesi in Toscana) e di Anna Sirinian (su quella di Roma sorta nei pressi della basilica di S. Pietro), emergono con chiarezza tanto le caratteristiche materiali degli insediamenti quanto la composizione delle varie comunità e i rapporti stabiliti con le realtà cittadine locali, tra situazioni di conflitto, attestate ad esempio dagli scontri tra i basiliani di Firenze e i canonici di S. Lorenzo, e processi di osmosi culturale, ben illustrati dalla progressiva «italianizzazione» delle comunità basiliane e da significativi fenomeni di compresenza linguistica e grafica dell’armeno e del latino in manoscritti ed epigrafi. Come emerge dai due studi e come confermano anche le osservazioni di Alpi sulla colonia di Caffa, la lingua e l’alfabeto permangono come segno identitario di primo piano presso questi gruppi, traducendosi nella sopravvivenza degli usi liturgici come nella produzione di manoscritti e prestandosi a interessanti fenomeni di apertura e commistione con elementi autoctoni.

13Ci sembra che il panorama disegnato da questi casi di studio emerga in tutta la sua complessità, attestata non solo dalla pluralità linguistica e tipologica delle fonti analizzate, ma anche dall’ampiezza degli orizzonti geografici considerati, che spaziano dall’Armenia storica al Regno di Cilicia, e ancora dall’Egitto alla penisola italiana, da Caffa a Edessa e Antiochia, e ancora da Gerusalemme a Roma, fino alla corte dei papi di Avignone, per ripercorrere poi l’irradiazione in Europa di testi e di informazioni provenienti dall’Oriente e, viceversa, di testi latini in Subcaucasia e in Crimea. La varietà di questi spazi, unita a quella dei contesti linguistici e religiosi interessati, nonché la diversità degli orientamenti disciplinari da cui nascono i saggi qui raccolti ci sembrano confermare l’utilità di progetti collettivi e interdisciplinari per uno studio della storia intellettuale e religiosa delle mobilità eurasiatiche nel Medioevo.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Irene Bueno, Federico Alpi et Anna Sirinian, « Introduzione », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge, 130-1 | -1, 5-8.

Référence électronique

Irene Bueno, Federico Alpi et Anna Sirinian, « Introduzione », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge [En ligne], 130-1 | 2018, mis en ligne le 05 novembre 2018, consulté le 24 novembre 2020. URL : http://journals.openedition.org/mefrm/3923 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefrm.3923

Haut de page

Auteurs

Irene Bueno

Università di Bologna, Dipartimento di Storia Culture Civiltà, irene.bueno@unibo.it

Articles du même auteur

Federico Alpi

Università di Bologna, Dipartimento di Storia Culture Civiltà, federico.alpi3@unibo.it

Articles du même auteur

Anna Sirinian

Università di Bologna, Dipartimento di Storia Culture Civiltà, anna.sirinian@unibo.it

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search