Navigation – Plan du site
Atelier doctoral : Culture e rapporti culturali nel Mediterraneo medievale

Presentazione

Amalia Galdi et Jean-Marie Martin

Texte intégral

1Sin dal 2012, ogni anno è organizzata a Fisciano, presso l’Università degli studi di Salerno, una «Scuola dottorale di alta formazione», il cui tema generale è Mondi mediterranei e Italia meridionale nel Medioevo. La sesta edizione, tenutasi dal 26 al 30 giugno 2017, si è incentrata sulla multiculturalità nello spazio mediterraneo. Quest’anno, oltre all’Università degli studi di Salerno, all’École française de Rome e all’Università degli studi della Basilicata, partners delle precedenti edizioni, all’iniziativa ha partecipato anche il LAMOP (Laboratoire de médiévistique occidentale de Paris, CNRS-Université Panthéon-Sorbonne).

2Come negli scorsi incontri, è stato proposto ad alcuni partecipanti di pubblicare nei Mélanges de l’École française de Rome. Moyen Âge, sotto forma di articolo, il contributo che avevano presentato ai lavori della Scuola dottorale e, per il 2017, il Comitato scientifico ha selezionato per la pubblicazione gli interventi di Alberto Cotza (Università di Pisa), Sara Crea (Università degli studi della Basilicata) e Andrea Lai (Università degli studi di Sassari).

3Gli argomenti trattati dai tre studiosi sono del tutto diversi, per ambienti e cronologia, ma in parte complementari: l’uso, a Pisa, di un racconto rimaneggiato della morte di Ettore, ideato nell’ambiente colto dei canonici della cattedrale, ma destinato a glorificare i milites vinti o uccisi, in particolare dai Saraceni, per mantenere ed amplificare i diritti concessi dal papa al comune di Pisa; l’immagine data, all’inizio del Quattrocento, dal cronista domenicano bolognese Giovanni Pipino dei Tartari, mutuata da racconti anteriori, ma rimaneggiata e presentata in un modo «pacificato», quando l’espansione dei Tartari ormai non suscitava più paura; la consistenza della biblioteca del re aragonese di Sicilia Martino il Giovane, anche all’inizio del Quattrocento, conosciuta tramite tre elenchi superstiti, che in particolare permettono di individuare un manoscritto ancora conservato.

4I tre contributi consentono di presentare alcuni aspetti e momenti dei rapporti degli Italiani cristiani con altri popoli – i musulmani combattuti dal Comune di Pisa, i Tartari considerati una specie di esempio inaudito della creazione divina – e indagare la diversità delle culture e la loro complessa trasmissione: il racconto dell’Iliade sulla morte di Ettore è stato rimaneggiato in un ambiente clericale all’uso dei milites e degli interessi del comune di Pisa, poi ripreso altre volte tra la fine dell’XI e la metà del XII secolo – ma non più in seguito; Giovanni Pipino, che ha ripreso interi brani di Vincent de Beauvais e di Marco Polo, è riuscito a presentare il suo argomento in maniera del tutto nuova, scevra da ogni polemica; i cataloghi della biblioteca del re aragonese di Sicilia, infine, permettono di penetrare gli interessi intellettuali e religiosi di un sovrano mediterraneo e di individuare precisamente la provenienza di un manoscritto conservato a Parigi.

5I tre articoli, dunque, se dimostrano l’attitudine alla ricerca dei loro giovani autori, condividono – pur con le loro differenze tematiche e cronologiche – un approccio analogo a fenomeni culturali complessi e mostrano, in particolare, la capacità di interpretare testi prodotti in contesti dissimili e di coglierne la molteplicità di significati e di funzioni.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Amalia Galdi et Jean-Marie Martin, « Presentazione », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge [En ligne], 130-2 | 2018, mis en ligne le 23 avril 2018, consulté le 18 juin 2019. URL : http://journals.openedition.org/mefrm/4083 ; DOI : 10.4000/mefrm.4083

Haut de page

Auteurs

Amalia Galdi

Università degli Studi di Salerno, amgaldi@unisa.it

Articles du même auteur

Jean-Marie Martin

CNRS, UMR Orient et Méditerranée, martin-hisard@wanadoo.fr

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals