Navigation – Plan du site
Atelier doctoral : Culture e rapporti culturali nel Mediterraneo medievale

L’incontro tra popoli e culture diverse nel Chronicon di Francesco Pipino

Sara Crea

Résumés

Il Chronicon è una compilazione di storia universale in lingua latina, scritta da Francesco Pipino, un frate domenicano bolognese, che visse tra la seconda metà del XIII e la prima metà del XIV secolo. La cronaca si compone di XXXI libri e il racconto abbraccia un arco di tempo che va dal 754 al 1314, ma con aggiunte che arrivano fino al 1322. Il testo è tràdito dal solo manoscritto α.X.1.5 conservato presso la Biblioteca Estense di Modena. L’obiettivo di questo studio è analizzare il metodo di costruzione del racconto storico seguito da Pipino per ricostruire la storia dei Tartari, che occupa gran parte del libro XXIV della cronaca, con una particolare focalizzazione sulla complessa questione delle fonti.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Per le notizie biografiche su Francesco Pipino si vedano: Fantuzzi 1789, p. 45-48; Manzoni 1894-18 (...)
  • 2 L’edizione del Chronicon di Francesco Pipino si trova in Muratori 1726, col. 587-752; l’Historia d (...)

1Il Chronicon di Francesco Pipino, frate domenicano bolognese vissuto tra la seconda metà del XIII e la prima del XIV secolo, è una compilazione di storia universale in lingua latina, composta da XXXI libri, ciascuno dedicato al periodo di regno di un imperatore, eccetto il XXV, dedicato alla storia delle crociate, e tradita da un unico testimone, il ms. α.X.1.5, conservato presso la Biblioteca Estense di Modena1. Il racconto abbraccia un arco di tempo che va dal 754 al 1317, con aggiunta di notizie che arrivano al 13222.

2La molteplicità di interessi e la versatilità del frate domenicano, cronista, archivista, viaggiatore e traduttore, si riversano nella sua cronaca, nella quale ampio spazio è dato al racconto di altri popoli e ai contatti tra culture diverse. Questo atteggiamento emerge chiaramente nel XXV libro del Chronicon, incentrato sulla storia delle crociate, con una particolare focalizzazione sui rapporti tra Occidentali, Bizantini e Arabi.

  • 3 Ms. α.X.1.5 (da adesso P), c. 107r-118r.
  • 4 Vincentius Burgundus 1624.
  • 5 Sulla traduzione del Milione di Pipino si vedano: Benedetto 1928; Dutschke 1993; Grisafi 2008, p.  (...)

3L’interesse per il mondo dell’altro guida il cronista anche nella stesura del XXIV libro del Chronicon, ampiamente dedicato (cap. XXIV-XCII3) al racconto della storia dei Tartari, ricostruita attraverso lo Speculum Historiale4 di Vincenzo di Beauvais e il Milione di Marco Polo, che lo stesso cronista aveva precedentemente tradotto dal volgare al latino, in una versione nota come Liber domini Marchi Pauli de Veneciis de conditionibus et consuetudinibus orientalium regionum5. Nell’affrontare la storia dei Tartari, Pipino non si dimostra passivo ricettore e trasmettitore di notizie, ma, al contrario, nel corso del racconto emerge l’intervento dello scrivente rispetto alla materia trattata. Il materiale raccolto è infatti riorganizzato dal cronista in due sezioni: la prima (cap. XXIV-LXX), tratta dallo Speculum Historiale, è dedicata alla narrazione della formazione dell’impero dei Tartari e alla sua espansione (cap. XXIV-XLV), nonché alla descrizione delle caratteristiche e delle consuetudini della popolazione (cap. XLVI-LXX); la seconda è invece composta da una selezione di capitoli tratti dal Milione di Marco Polo.

  • 6 Sulla base degli estratti dello Speculum Historiale si è giunti a un’edizione del testo in: Simon (...)
  • 7 Giovanni di Pian del Carpine 1989.

4La prima parte, dedicata alla storia e alla descrizione della popolazione dei Tartari, è, come detto, tratta dallo Speculum Historiale, modello di riferimento di tutto il Chronicon, che aveva ricostruito la storia della popolazione mongolica attraverso le relazioni di viaggio di Simone di Saint-Quentin6 e Giovanni di Pian del Carpine7, due frati, uno domenicano, l’altro francescano, inviati in due diverse legazioni presso l’impero mongolico dal pontefice Innocenzo IV nel 1245. La loro missione era guidata da una duplice finalità: portare un messaggio di pace presso i Tartari, che nell’espansione del loro impero erano giunti a devastare la Polonia e l’Ungheria nel 1241, e conoscere l’identità di un popolo, allora sconosciuto, che avanzava pericolosamente verso il cuore della cristianità.

  • 8 Per la storia dei Tartari nello Speculum Historiale si veda: Guzman 1974, p. 287-307.

5Il racconto di Pipino si differenzia però in diversi punti da quello della sua fonte, primo tra tutti l’organizzazione data alla materia: la storia di Vincenzo di Beauvais è disposta secondo un andamento cronologico, in linea con la struttura di tutta la cronaca, e i capitoli dedicati ai Tartari sono sparsi tra i libri XXIX, XXX e XXXI dell’opera8. Pipino dispone invece la materia seguendo un criterio prettamente tematico, distinguendo il racconto della storia della popolazione dalla descrizione degli usi e dei costumi e stravolgendo quindi l’ordine dato da Vincenzo di Beauvais; ogni capitolo è inoltre costruito attraverso una selezione di passi tratti dalla sua fonte, integrando informazioni ricavate da capitoli diversi e omettendo notizie ritenute inutili ai fini del racconto. Il capitolo 68, dedicato alle leggi dei Tartari, chiarisce bene il metodo di lavoro seguito da Pipino (colonna di sinistra). Il capitolo corrispondente dello Speculum Historiale è il XXXI, 6, ricostruito attraverso il racconto di Giovanni di Pian del Carpine (colonna di destra):

Hoc autem habent in lege, sive consuetudine, ut occidant viros et mulieres, si quando inveniantur in adulterio manifeste; similiter etiam virginem, si fornicata fuerit cum aliquo, occidunt eam cum ipso. Preterea, si aliquis in preda vel furto manifesto invenitur, sine ulla miseratione occiditur; item si quis denudat consilia, maxime quando volunt ad bellum procedere, dantur ei super posteriora C plage, quanto maiores unus rusticus cum magno baculo potest dare. Similiter cum aliqui de minoribus offendunt in aliquo, non eis a maioribus suis parcitur, sed verberibus graviter affliguntur. Matrimonio autem generaliter coniunguntur omnibus, etiam propinquis carnis, excepta matre et filia et sorore ex eadem matre, nam sororem tantum ex patre et uxorem quoque patris, post eius mortem, solent ducere; uxorem etiam fratris alius super minor, post eius mortem, vel alius de parentela, tenetur ducere. Denique post mortem maritorum, uxores Tartarorum non de facili solent ad coniugia secunda transire, nisi forte quis velit sororiam vel novercam suam ducere. Nulla vero differentia est apud eos inter filium uxoris et concubine, sed dat pater unicuique quod vult, itaque si sint etiam ex ducum genere, ita fit dux filius concubine, sicut filius uxoris legitime. Cumque Tartarorum unus habet uxorum multitudinem, unaqueque per se suam habet familiam et stacionem et una die Tartarus comedit et bibit et dormit cum una, altera die cum alia, una tamen inter ceteras maior habetur, cum qua frequencius quam cum aliis commoratur et licet, ut dictum est, sint multe, numquam tamen contendunt inter se.a Hoc autem habent in lege sive in consuetudine, ut occidant viros et mulieres, si quando inveniantur in adulterio manifeste. Similiter etiam virginem, si fornicata fuerit cum aliquo, occidunt eam cum eo. Preterea si aliquis in preda vel furto manifesto invenitur, sine ulla miseratione occiditur, item si quis denudavit consilia, maxime quando volunt ad bellum procedere, dantur ei super posteriora C plage, quanto maiores unus rusticus cum magno baculo potest dare. Similiter cum aliquis de minoribus offendit in aliquo non eis a maioribus suis parcitur, sed verberibus graviter affligitur. Matrimonio autem generaliter coniuguntur, omnibus etiam propinquis carne, excepta matre ac filia, sorore ex eadem matre. Nam sororem tantum ex patre et uxorem quoque patris post eius mortem solent ducere, uxorem etiam fratris, alius frater iunior post eius mortem vel alius de parentela tenetur ducere. Unde dum adhuc essemus in terra, dux quidam Rusciae Andreas nomine, apud Baty, quod equos Tartarorum de terra educeret, et alios venderet accusatus est, quod licet non esset probatum, occisus est. Hoc audiens iunior frater et uxor occisi, pariter venerunt ad prefatum ducem suplicare volentes, ne terra auferretur eisdem. At ille puero praecepit, ut fratris defuncti duceret uxorem, mulieri quoque ut illum in virum duceret secundum Tartarorum consuetudinem. Quae respondit se prius occidi velle, quam sic contra legem facere. At ille nihilominus eam illi tradidit, quamvis ambo renuerent quantum possent. Itaque ducentes eos in lectum, clamantem puerum et plorantem super illam posuerunt, ipsoque commisceri pariter coegerunt. Denique prius mortem maritorum uxores Tartarorum non de facili solent ad secunda coniugia transire, nisi forte quis velit sororiam vel novercam suam ducere. Nulla vero differentia est apud eos inter filium uxoris et concubinae, sed dat pater quod vult unicuique. Itaque si sunt etiam ex ducum genere, ita fit dux filius concubinae, sicut filius uxoris legitimae. Unde cum rex Georgiae duos filios nuper unum scilicet Melich legitimum, alterum verum David ex adulterio natum haberet, moriensque terrae partem adultere filio reliquisset Melich, cui etiam ex parte matris regnum obvenerat, quia per foeminas tenebatur, perrexit ad imperatorem Tartarorum, eo quod et David iter arripuerat ad illum. Ambobus igitur ad curiam venientibus, datisque maximis muneribus petebat adulterae filius, ut fieret ei iustitia secundum modum Tartarorum. Dataque est sententia contra Melich, ut David qui maior erat natu subesset, ac terram a patre sibi concessam quiete et pacifice possideret. Cumque Tartarorum unus habet uxorum multitudinem, unaquaeque per se suam habet familiam et stationem et una die Tartarus comedit et bibit et dormit cum una, altero die cum alia, una tamen inter caeteras maior habetur cum qua frequentius quam cum aliis commoratur. Et licet, ut dictum est, sint multae, nunquam tamen de facili contendunt inter se.
a. Per comodità del lettore, e per fornirgli una più agevole guida interpretativa, si offre sempre la traduzione dei testi in latino. In questo caso il passo di Pipino è integrato con le parti di Vincenzo di Beauvais, evidenziate attraverso l’uso della sottolineatura: «Questo inoltre hanno in legge o in abitudine, che uccidano uomini e donne, se talvolta siano trovati chiaramente in adulterio. Similmente anche una nubile, se si unisce con qualcuno, la uccidono con lo stesso. Inoltre, se qualcuno è scoperto in flagranza di rapina o furto, senza alcuna pietà viene ucciso, allo stesso modo se qualcuno ha rivelato i piani, soprattutto quando vogliono andare in guerra, gli sono dati cento colpi sulle terga, quanto più forti un villano possa dare con un grande bastone. Similmente quando qualcuno tra gli inferiori erra in qualcosa, non è risparmiato dai suoi capi, ma con le verghe violentemente è percosso. Nel matrimonio poi generalmente si uniscono a tutti, anche ai parenti carnali, esclusa la madre, la figlia e la sorella nata dalla stessa madre, infatti soltanto la sorella nata dal padre e anche la moglie del padre, dopo la sua morte, sono soliti sposare, la moglie anche del fratello, dopo la sua morte, un altro più giovane è tenuto a sposarla. Per questo, mentre ancora eravamo in quelle terre, un certo capo di Russia con il nome Andrea in presenza di Batu fu ucciso, poiché fu accusato di aver condotto fuori dal paese i cavalli dei Tartari e di averne venduti alcuni, sebbene ciò non fosse provato. Il fratello minore e la moglie dell’ucciso, ascoltando ciò, insieme giunsero al già detto capo, volendo supplicare che la terra non fosse portata via a loro. Ma quello ordinò al ragazzo che sposasse la moglie del fratello defunto e anche alla donna che prendesse quello in marito secondo la tradizione dei Tartari. Questa rispose che preferiva piuttosto essere uccisa che così agire contro la legge. Ma quello tuttavia li unì in matrimonio, sebbene entrambi resistessero quanto potessero. E così conducendo quelli nel letto, posero sopra la donna il ragazzo che gridava e piangeva e con ciò stesso li costrinsero ugualmente a unirsi. Insomma prima della morte dei mariti, le donne dei Tartari non facilmente sono solite passare a seconde nozze, a meno che qualcuno non voglia sposare la cognata o la sua matrigna. Nessuna differenza in realtà c’è presso di loro tra il figlio della moglie e della concubina, ma il padre dà a ciascuno ciò che vuole. E così anche se appartengono alla stirpe dei capi, è fatto capo il figlio della concubina, così come il figlio della moglie legittima. Per questo, poiché il re di Georgia aveva da poco tempo due figli, cioè uno legittimo, Melich, l’altro invece, David, nato da adulterio, e morendo aveva lasciato una parte della terra al figlio dell’adultera, Melich, a cui anche da parte della madre era toccato il regno, poiché attraverso le donne era trasmesso, si diresse all’imperatore dei Tartari, perché anche David aveva intrapreso il viaggio verso di lui. Giungendo dunque entrambi alla reggia e offerti grandi doni, il figlio dell’adultera chiedeva che fosse fatta giustizia a lui secondo l’uso dei Tartari. E fu emessa contro Melich la sentenza che a David, che era il maggiore, fosse sottomesso e che possedesse in quiete e pacificamente la terra a lui concessa dal padre. E poiché un solo Tartaro ha una moltitudine di mogli, ciascuna ha per sé stessa una famiglia e una tenda e il Tartaro un giorno mangia e beve e dorme con una, un altro con un’altra, ma tuttavia una sola tra le altre è considerata più importante, con la quale più frequentemente che con le altre si trattiene. E sebbene, com’è detto, siano molte, non litigano mai tuttavia tra loro».

6Come emerge dai passi sottolineati, Pipino elimina le due esemplificazioni relative all’applicazione della legge presso i Tartari e si limita a riportare solo i concetti generali per spiegare le usanze matrimoniali della popolazione. Alla fine del capitolo inoltre Pipino aggiunge una frase (colonna di sinistra) non presente in Vincenzo di Beauvais, ma attestata in Giovanni di Pian del Carpine (colonna di destra):

Tot quoque uxores unusquisque Tartarus habet, quot potest tenere, aliquis enim C, aliquis L, aliquis X, aliquis plures, aliquis pauciores emuntque eas valde preciose a parentibus suis.a Uxores vero habet unusquisque quot potest tenere: aliquis centum, aliquis quinquaginta, aliquis decem, aliquis plures, aliquis pauciores. [...] Reliquas mulieres omnes sine ulla differentia ducunt uxores et emunt eas valde pretiose a parentibus suis.b
a. P, c. 114v: «Ogni Tartaro ha inoltre tante mogli quante può mantenerne, qualcuno infatti cento, qualcuno cinquanta, qualcuno dieci, qualcuno più, qualcuno meno e comprano quelle a caro prezzo dai loro genitori».
b. Giovanni di Pian del Carpine 1989, p. 233: «Ogni Tartaro ha inoltre tante mogli quante può mantenerne, qualcuno infatti cento, qualcuno cinquanta, qualcuno dieci, qualcuno più, qualcuno meno. [...] Tutte le altre donne senza alcuna differenza sposano e comprano quelle a caro prezzo dai loro genitori».

7Allo stesso modo nel capitolo 70 del libro XXIV del Chronicon, dedicato al modo di condurre la battaglia, Pipino sembra seguire direttamente l’Historia Mongalorum e non lo Speculum Historiale, come si dimostra riportando l’inizio del capitolo del Chronicon (colonna di sinistra) e il corrispondente passo nello Speculum Historiale, (colonna centrale) e in Giovanni di Pian del Carpine, VI, 12 (colonna di destra):

Quando ad flumina veniunt, hoc modo transeunt illa, etiam si sunt magna: maiores unum rotundum et leve corium habent, in quo in sumitate per circuitum crebras faciunt ansas, in quibus funem ponunt et stringunt, ita quod in circuitu faciunt quendam ventrem, quem replent vestibus et aliis rebus et fortissime ad invicem comprimunt.a Cum autem ad flumina perveniunt, maiores habent rotundum ac leve corium, in cuius summitate per circuitum ansas crebras facientes funem imponunt ac stringunt, ita quod in circuitu quasi ventrem efficiunt, quem vestibus ad invicem comprimunt.b Quando autem ad flumina perveniunt, hoc modo transeunt illa, etiam si sunt magna. Maiores unum rotundum et leve corium habent, in quo in summitate per circuitum crebas faciunt ansas, in quibus funem imponunt et stringunt, ita quod in circuitu faciunt quemdam ventrem quem replent vestibus et aliis rebus, et fortissime ad invicem comprimunt.c
a. P, c. 114v: «Quando giungono ai fiumi, in questo modo li passano, anche se sono grandi: i più ricchi hanno un pezzo di cuoio rotondo e leggero, nella cui sommità fanno intorno molti manici, nei quali collocano e stringono una fune, così che intorno fanno una certa sacca, che riempiono con vesti e altre cose e schiacciano a vicenda molto fortemente».
b. Vinc. Bellov., Speculum Historiale, XXXI, 17: «Quando poi ai fiumi pervengono, i più ricchi hanno un pezzo di cuoio rotondo e leggero, nella sommità del quale, facendo intorno molti manici, una fune applicano e stringono, così che intorno quasi una sacca ottengono, che con vesti a vicenda schiacciano». 
c. Giovanni di Pian del Carpine 1989, p. 280: «Quando pervengono ai fiumi, in questo modo li passano, anche se sono grandi: i più ricchi hanno un pezzo di cuoio rotondo e leggero, nella cui sommità fanno intorno molti manici, nei quali applicano e stringono una fune, così che intorno fanno una certa sacca, che riempiono con vesti e altre cose e schiacciano a vicenda molto fortemente».

8Il passo di Pipino è quasi del tutto identico a quello di Giovanni di Pian del Carpine, mentre Vincenzo di Beauvais riassume il discorso, sostituendo quando con cum, omettendo la frase hoc modo transeunt illa, etiam si sunt magna, presente nei due testi, rendendo in quo in summitate in in cuius summitate, modificando il presente faciunt nel participio presente facientes, sostituendo all’aggettivo indefinito quemdam l’avverbio quasi e abbreviando la relativa quem replent vestibus et aliis rebus et fortissime ad invicem comprimunt in quem vestibus ad invicem comprimunt.

9I due esempi riportati potrebbero quindi far pensare che Pipino, oltre a seguire lo Speculum Historiale, avesse a disposizione anche l’Historia di Giovanni di Pian del Carpine, di cui si servisse per reperire informazioni non presenti nella sua fonte principale.

  • 9 Pipino riprende solo i paragrafi IX, 32, 42-43 nei capitoli 45-46 (P, c. 110v-111r). del Chronicon(...)

10L’operazione di selezione del materiale da inserire nella sua cronaca porta inoltre Pipino a omettere interi capitoli dello Speculum Historiale: nel Chronicon mancano infatti i capitoli 19-25, 30, 35-39 del libro XXXI di Vincenzo di Beauvais, in cui era riportato pressoché integralmente il capitolo IX di Giovanni di Pian del Carpine9. Si tratta dell’ultimo capitolo della Historia Mongalorum, il più lungo, che è di fatto un itinerarium, il resoconto del viaggio compiuto dal frate francescano dalla partenza fino al ritorno, in cui dettagliatamente sono riportate le descrizioni dei meravigliosi luoghi visitati, le testimonianze raccolte, le fatiche sopportate per portare a compimento la missione di pace affidata a Giovanni dal pontefice Innocenzo IV.

  • 10 Per la visione dei Tartari nel mondo occidentale si veda: Aigle 2014.

11Il principale punto di distanza tra la cronaca di Pipino e le sue fonti è costituito però dalla diversità del messaggio che lo scrivente intende veicolare al suo lettore. Nel Chronicon manca infatti quello che era il punto centrale dei racconti di Simone di Saint-Quentin e Giovanni di Pian del Carpine, il bisogno di raccontare l’altro per poterlo conoscere in vista di un imminente attacco dei Tartari, che alla metà del XIII secolo avanzavano verso il mondo occidentale10. È lo stesso Giovanni di Pian del Carpine a spiegare il senso del suo viaggio e della sua Historia ai lettori:

  • 11 Giovanni di Pian del Carpine 1989, p. 337-338: «Dovendoci recare presso i Tartari e gli altri popo (...)

Cum ex mandato sedis apostolice iremus ad Tartaros et ad nationes alias Orientis et sciremus domini pape ac venerabilium cardinalium voluntatem, elegimus prius ad Tartaros proficisci. Timebamus enim ne per eos in proximo Ecclesie Dei periculum immineret. Et quamvis a Tartaris vel ab aliis nationibus timeremus occidi vel perpetuo captivari, vel fame, siti, algore, estu, contumeliis et laboribus nimiis quasi ultra vires affligi, que omnia multo plus quam prius crediderimus, excepta morte vel captivitate perpetua, nobis multipliciter evenerunt, non tamen pepercimus nobis ipsis ut voluntatem Dei secundum domini pape mandatum adimplere possemus, et ut proficeremus in aliquo Christianis vel saltem, scita veraciter voluntate et intentione ipsorum, possemus illam patefacere Christianis ne, forte subito irruentes, invenirent eos impreparatos, sicut peccatis hominum exigentibus alia vice contigit et facerent magnam stragem in populo christiano.11

  • 12 Nel Chronicon (XXIV, 46, P, c. 111r) è riportato solo un passo del capitolo VIII, 2 di Giovanni di (...)
  • 13 Così infatti scrive Pipino nel cap. 46, P, c. 111r: Intencio autem eorum erat sibi totum subicere (...)

12Il diverso momento storico in cui Pipino vive rende ormai superata questa minaccia, poiché i pericoli per il mondo cristiano, dettati dall’espansione della popolazione mongolica, sono ascritti a un tempo ormai finito e concluso e la storia di Pipino diventa racconto di ciò che è stato, senza minacciose implicazioni per il tempo presente. In questo senso è da interpretare l’omissione quasi integrale12 dal Chronicon del capitolo VIII dell’Historia Mongalorum di Giovanni di Pian del Carpine, che pure era presente in Vincenzo di Beauvais (Speculum Historiale, XXXI, 18), e dove il francescano forniva consigli militari ai Cristiani per poter affrontare e sconfiggere i Tartari, non soltanto descrivendo il modo in cui combattevano, ma suggerendo ai popoli occidentali quali armi utilizzare, come disporre le schiere in battaglia, come munire le città, quale trattamento riservare ai prigionieri: l’assenza di questi argomenti nel Chronicon mostra il poco interesse di Pipino per queste tematiche, ritenute ormai inutili ai fini della costruzione del racconto. Il diverso periodo in cui il Chronicon è stato scritto rispetto alle sue fonti dimostra come, in un arco di tempo di circa 60 anni, la percezione della popolazione mongolica in Occidente fosse cambiata, dal momento che non dominava più la paura, ma l’interesse per il racconto di ciò che si manifestava altro da sé: proprio per questo la celebre considerazione di Giovanni di Pian del Carpine, ripresa dallo Speculum Historiale, per cui intenzione dei Tartari è sibi totum subicere mundum e l’avvertimento del rischio concreto dell’arrivo della popolazione mongolica in Europa sono rapportati al passato, a un periodo ormai terminato13.

13La seconda sezione dedicata ai Tartari inizia con il capitolo 71, con cui Pipino informa il lettore della sua scelta di introdurre dei capitoli tratti dal Milione di Marco Polo, che il cronista aveva precedentemente tradotto dal volgare al latino, come egli stesso dichiara:

  • 14 P, c. 115r: «Queste cose sull’aspetto, sul carattere, sui costumi e sulle tradizioni dei Tartari s (...)

Hec de forma, habitu, moribus, consuetudinibus et traditionibus Tartarorum ex libello fratris Iohannis de Plano Carpini excepta sunt. Que autem secuntur, videlicet de magnificencia imperatorum ipsorum, quos eorum lingua cham, ut dictum est, refert Marchus Paulus Venetus in quodam suo libello, a me in Latinum ex vulgari ydiomate Lombardico translato, qui nactus imperatoris ipsius noticiam et familiaris ei effectus, per annorum XXVII ferme curicula, in ipsorum Tartarorum partibus conversatus est. Sed primo dicetur qualiter Tartari ipsi primum, vendicantes sibi libertatem, dominum sibi Cyngis Cham instituerunt, cum hoc seriosius quam supra dictum sit recitare videatur.14

  • 15 P, c. 106v-107r.
  • 16 P, c. 109v.
  • 17 P, c. 115r.
  • 18 La figura del Prete Gianni è citata per la prima volta nella Chronica sive Historia de duabus civi (...)

14Pipino, accordando maggiore fiducia alle notizie riportate da Marco Polo rispetto a quelle tratte dalle altre fonti, inizia questa sezione con il racconto dell’origine del potere dei Tartari fornito dal testo poliano, sebbene già precedentemente avesse riportato i racconti dei due frati viaggiatori. Le ricostruzioni della nascita del dominio dei Tartari differiscono fra i tre testi: Simone di Saint-Quentin aveva posto il momento di inizio della costruzione dell’impero dei Mongoli con l’uccisione di Davide, re dell’India, figlio del Prete Gianni, di cui Gengis Khan aveva sposato la figlia dando inizio alla sua discendenza15; Giovanni di Pian del Carpine aveva invece raccontato lo scontro tra il primo sovrano mongolo e il Prete Gianni, re dell’India Maggiore, che, contrariamente alla narrazione del frate domenicano, era riuscito a vincere i Tartari e a porre per sempre in salvo il suo regno16; Marco Polo aveva a sua volta narrato la battaglia tra Gengis Khan e il Prete Gianni, finita però con l’uccisione di quest’ultimo e la presa dell’India da parte del sovrano tartaro17. Nell’affrontare uno snodo cruciale della storia, il racconto cioè delle modalità attraverso cui una popolazione che viveva allo stato tribale fosse riuscita poi a costruire un grande impero, Pipino decide di non operare una selezione tra le fonti, ma di riportare tutte le versioni a sua disposizione, sebbene, come detto, ritenesse maggiormente attendibile il racconto fornito da Marco Polo. Il cronista subito dopo inserisce un compendio dell’epistola del Prete Gianni indirizzata all’imperatore bizantino Emanuele Comneno e a Federico I, che iniziò a circolare in Occidente a partire dalla seconda metà del XII secolo. Questa lettera, su cui si fondò la leggenda del mitico sovrano orientale, non è presente nelle fonti abitualmente utilizzate da Pipino, ma ebbe grandissima diffusione in età medievale ed è conservata in centinaia di manoscritti18. La scelta dei capitoli da inserire successivamente nella cronaca risponde invece all’esigenza di voler proseguire il racconto rispetto al punto in cui lo Speculum Historiale si era fermato e portarlo fino ai tempi di Qubilai, presso la cui corte Marco Polo aveva dimorato: Pipino descrive gli splendidi palazzi dell’imperatore, le feste che qui si tenevano, i giardini con animali meravigliosi, le ricchezze del khan, il complicato ed efficiente servizio dei suoi ambasciatori, restituendo quindi la descrizione di uno scorcio di vita durante il suo impero.

  • 19 Per la traduzione del Milione di Pipino si veda: Liber domini Marchi Pauli de Veneciis de consuetu (...)
  • 20 Pipino, seguendo Marco Polo, così riporta l’elenco degli imperatori tartari: Mortuo, ut supra dict (...)
  • 21 P, c. 117r.
  • 22 Sul lemma rondes nella redazione VA e in Pipino e la comparazione con le altre redazioni si vedano (...)

15A questo punto è importante segnalare che Pipino non si limita a riportare sic et simpliciter gli estratti dalla sua redazione del Milione di Marco Polo, ma appronta una nuova traduzione del testo, sebbene il modello di riferimento in volgare sembri rimanere sempre lo stesso, una redazione veneta consuetamente siglata VA19. Il legame tra i capitoli del Chronicon e la versione VA sembra essere confermato da alcune affinità testuali, prima tra tutte l’elenco fornito da Pipino dei successori di Gengis Khan (cap. 79): sebbene infatti il cronista nei capitoli precedenti, seguendo lo Speculum Historiale, avesse ricostruito correttamente la successione dei sovrani tartari, riporta qui comunque le inesattezze del testo poliano e soprattutto omette dalla lista il quarto nome, quello corrispondente a Hülegü, iniziatore della dinastia mongola di Persia, erroneamente considerato da Polo imperatore dei Tartari, la cui omissione è presente solo nella redazione VA20. La dipendenza da questo modello emerge anche dall’analisi lessicale del testo, soprattutto per i termini riportati dalla lingua tartara: un caso particolare è quello del termine rondes21 (cap. 85), con cui Pipino indica le pelli degli animali di cui erano rivestite le stanze del sovrano, che si ritrova solo in VA, frutto della cattiva lettura di roi des pelames che si legge nelle altre redazioni22.

  • 23 P, c. 116v.
  • 24 P, c. 116v.
  • 25 Per l’utilizzo dei lemmi stranieri nel Liber di Pipino si rimanda a: Grisafi 2014, p. 45-69.
  • 26 P, c. 117r.

16Il linguaggio di Pipino è contraddistinto infatti da una varietà lessicale, che lo porta ad accogliere parole in lingua tartara, identiche a quelle che si leggono in VA e di cui fornisce sempre la spiegazione in latino, come per burlaguti (cap. 84: qui in eorum lingua burlaguti, in nostra vero dicitur custos23), tostaor (cap. 84: quod nomen in nostro ydiomate sonat custodes»24), iambi25 (cap. 88: que lingua eorum iambi dicitur, vulgo autem a Latinis equorum posita26).

  • 27 Liber, II, 20: «Tanto grande è la moltitudine di tende di questo tipo, che sembra in quel luogo la (...)
  • 28 P, c. 117r: «E lì c’è tanta moltitudine di genti che quelle postazioni non sembrano dissimili dall (...)

17Pipino segue dunque lo stesso modello ma, come detto, appronta per il Chronicon una nuova traduzione del testo, che si diversifica dal Liber non per l’aspetto semantico ma per il registro stilistico e linguistico adottato. Il latino del Milione di Pipino segue infatti un andamento maggiormente paratattico, uno stile essenziale e asciutto, lontano da qualsiasi enfasi retorica, estremamente fedele al modello volgare, nel rispetto di quanto il cronista aveva apertamente dichiarato nel prologo, affermando di voler proporre una veridica et fideli translacione de vulgari ad Latinum e di voler utilizzare un Latinum planum et apertum, quoniam stilum huiusmodi libri materia requirebat. Il latino degli stessi capitoli del Chronicon afferisce invece a un registro più alto ed evidenzia la volontà di innalzare il tono e lo stile della lingua: la traduzione approntata nella cronaca è sintatticamente e lessicalmente più ampia e complessa, costruita attraverso un abbondante ricorso a strutture morfosintattiche proprie del latino classico, in uno stile prevalentemente ipotattico. Per chiarire questo fenomeno, a titolo esemplificativo, è possibile prendere in esame il passo della redazione VA, 76, 34-35, in cui si descrivono le tende e i padiglioni del khan: «Ed è si grande zente in so chanpo ch’ell è una grande meraviglia: el par ch’el sia la mazio zitade che lui abia. De tute parte vien zente a quel solazo», che Pipino aveva così tradotto nel suo Liber, II, 20: Tanta est tentoriorum huiusmodi multitudo ut civitas ibi maxima videatur, undique enim ad hoc solatium maxima confluit multitudo27 , mentre nel Chronicon, XXIV, 85, diversamente scrive: Est et ibi tanta gencium multitudo ut a civitatibus populosioribus stationes ipse non dissimiles videantur, ibi enim undique fere confluunt universi mirabiles iocos et iocumda contemplaturi solacia, quibus Tartarorum dominus sui status excellenciam patefacit28. La traduzione approntata per il Liber è fedele al testo in volgare, mentre lo stesso periodo nel Chronicon è costruito in modo maggiormente complesso, attraverso l’aggiunta di due proposizioni subordinate, una finale resa con l’uso del participio futuro e una relativa, che fa riferimento all’utilizzo da parte del sovrano di giochi e divertimenti per mostrare la sua condizione di superiorità rispetto alla popolazione, concetto non presente nel modello in volgare.

18La maggiore libertà nella traduzione del Chronicon e il continuo riferimento alla bellezza e allo splendore dei possedimenti del khan emerge in altri punti del testo, tra cui al capitolo 81, in cui Pipino parla del palazzo del sovrano presso la città di Xandu, di cui si propone il confronto di un passo tra VA, 60, 1-3 (colonna di sinistra), Chronicon, XXIV, 81 (colonna centrale) e il Liber domini Marchi Pauli de Veneciis, I, 66 (colonna di destra):

L’omo, quando el se parte de questa zità e ’l va tre zornade dentro tramontana e griego, el truova una zità che à nome Chiantai, la qual fè’ far questo Chublay del qual se dixe in questo libro. In questa zità è uno grandenisimo palazo de marmoro e de piere vive. Le sale e lle chamere sono tute lavorade de oro et èno nobelissima cossa da veder. Habet autem imperator ipse Tartarorum in civitate nobilissima, Cinday nomine, inter Setentrionem et Grecum posita, quam Cublay Chan fundavit, grande palacium marmoribus et vivis lapidibus mirabiliter fabricatum, cuius cenacula thalamique auro venustati relucent. Tanta demum palacium hoc decoratur pulcritudine ut intuentes eum ipsius aspectu delectabili non sufficiant iocundari.a Post recessum a civitate Ciangamor ad .III. dietas ad aquilonem reperitur civitas quam edificavit Magnus Kaam Cublay, in qua est marmoreum palacium maximum et pulcherrimum cuius aule et camere auro ornate sunt et mira varietate depicte.b
a. P, c. 116r: «Ha inoltre quell’imperatore dei Tartari in una città famosissima di nome Cinday, posta tra Settentrione e il Greco, che fondò Kublai Khan, un grande palazzo mirabilmente costruito con marmi e pietre vive, le cui stanze e camere abbellite con oro risplendono. Questo palazzo certamente è decorato con tanta bellezza che quelli che lo guardano non resistono dal rallegrarsi per il suo aspetto piacevole».
b. Liber, I, 66: «Dopo il ritiro dalla città di Cingamor a tre giornate di viaggio a Nord si trova la città di Ciandu, che edificò il grande Kublai Khan, nella quale c’è un grandissimo e bellissimo palazzo di marmo e pietre vive, le cui aule e camere sono decorate con oro e dipinte con straordinaria varietà».
  • 29 P, c. 116v.
  • 30 P, c. 117r.
  • 31 P, c. 117r.
  • 32 P, c. 117r.
  • 33 Pipino interviene nel testo attraverso delle note a margine, con cui sprona il suo lettore a porre (...)

19Nella sua traduzione del capitolo per il Chronicon Pipino aggiunge la riflessione sullo stupore suscitato nell’uomo dalla visione della bellezza del palazzo dell’imperatore, che non poteva che dilettare chiunque lo guardasse. In realtà, all’interno di tutta la storia il ricorso alla meraviglia e allo stupore dell’uomo di fronte allo splendore d’Oriente è filo conduttore del racconto e Pipino quindi non si limita a tradurre e riportare il discorso a un livello stilistico e linguistico ritenuto consono alla sua cronaca, ma aggiunge considerazioni, non presenti nel suo modello, che possano trasferire al lettore il sentimento del meraviglioso per quel mondo tanto lontano quanto ricco e splendido. In questo modo l’aspetto dei leoni dal pelo variegato valde intuentes oblectat29 (cap. 84), i rivestimenti di pelle nelle tende intuencium oculos mire delectant e la stanza del grande khan elaborata est ossiculorum particulis structura mirabile, ita ut non solum intueri artificis ingenium, sed referentem etiam opus illud sit stupor audire30 (cap. 85), le stupende immagini con cui è affrescato un palazzo dell’imperatore stupore quodam intuencium relucent in oculis31 (cap. 86) e sulle ricchezze del sovrano cum sit audientibus stupor, non est pretereundum silencio32 (cap. 87). Il risalto dato alle meraviglie e allo stupore sembra essere il tema portante su cui si fonda tutta la narrazione dedicata alla popolazione dei Tartari, dal momento che anche nella prima parte, quella tratta dallo Speculum Historiale, il cronista era intervenuto direttamente attraverso delle note a margine del testo, con cui esortava il suo lettore a porre attenzione alle stranezze della popolazione e dei luoghi del mondo orientale33.

  • 34 Il racconto dei miracoli occupa i capitoli 90-92 del XXIV libro del Chronicon (P, c. 117v-118r), p (...)

20Il libro XXIV si chiude con la narrazione di due miracoli, tratti sempre da Marco Polo, quello della montagna mossa dai cristiani a Baghdad e della colonna senza base che sosteneva la chiesa di S. Giovanni Battista a Samarcanda, accomunati dalla vittoria dei Cristiani sugli infedeli che li avevano sfidati a compiere imprese impossibili34.

21La scelta di concludere in questo modo la sezione dedicata ai Tartari è giustificata dallo stesso cronista, che così introduce gli ultimi capitoli del suo libro:

  • 35 P, c. 117v: «Tuttavia, poiché nel libretto di quel Marco, da me, autore di quest’opera, tradotto da (...)

Attamen cum in libello eiusdem Marchi, per me, huius operis actorem, de vulgari in Latinum verso, nonnulli contineantur casus tam notabiles quam mirabiles, hoc in loco non inutiliter inserendos illos statui, cum ad Christiane fidei fulcimentum perspicuis spectent exemplis.35

22L’obiettivo di voler fornire attraverso la narrazione un sostegno alla fede cristiana appare in linea con quanto Pipino aveva dichiarato nel prologo del suo Liber:

  • 36 «E affinché un lavoro di questo tipo non appaia vano o inutile, ho considerato che dalla lettura d (...)

Et ne labor huiusmodi inanis aut inutilis videatur, consideravi ex huius libri inspectione fideles viros posse multiplicis gracie meritum a Domino promereri, sive quod in varietate et decore et magnitudine creaturarum mirabilia Dei opera aspicientes ipsius poterunt virtutem et sapientiam venerabilius admirari, aut, videntes gentiles populos tanta cecitatis tenebrositate tantisque sordibus involutos, gratias Deo agant, qui fideles suos luce veritatis illustrans de tam periculosis tenebris vocare dignatus est in admirabile lumen suum.36

23Pipino mostra dunque che anche all’interno del Chronicon la sua trattazione della storia e dei costumi della popolazione mongolica, e più in generale la sua visione dell’altro, rappresentato sempre dall’infedele all’interno di un binomio cristiano/non cristiano che guida tutto il racconto, sia ispirata da due diversi obiettivi, legati dalla stessa finalità religiosa: mostrare le meraviglie di un mondo tanto diverso da quello Occidentale, ma sempre frutto della creazione divina, ed esaltare la condizione dell’uomo cristiano, l’unico che possa aspirare alla salvezza spirituale.

Haut de page

Bibliographie

Aigle 2014 = D. Aigle, The Mongol Empire between myth and reality: Studies in anthropological history, Leida-Boston, 2014.

Benedetto 1928 = L.F. Benedetto, Marco Polo: il Milione, Firenze, 1928.

Bertolucci Pizzorusso 2011 = V. Bertolucci Pizzorusso, Scritture di viaggio, Roma, 2011.

Delle Donne 2010 = F. Delle Donne, Pipino, Francesco, in R.G. Dunphy (a cura di), Encyclopedia of the Medieval Chronicle, Leida, 2010, p. 1219-1220.

Dutschke 1993 = C.W. Dutschke, Francesco Pipino and the manuscripts of Marco Polo’s travels, Los Angeles, 1993.

Fantuzzi 1789 = G. Fantuzzi, Notizie degli scrittori bolognesi, VII, Stamperia s. Tommaso d’Aquino, Bologna, 1789, p. 45-48.

Gadrat-Ouerfelli 2015 = C. Gadrat-Ouerfelli, Lire Marco Polo au Moyen Âge. Traduction, diffusion et reception du Devisement du Monde, Turnhout, 2015.

Giovanni di Pian del Carpine 1989 = Giovanni di Pian di Carpine, Storia dei Mongoli, ed. E. Menestò et al., Spoleto, 1989.

Grisafi 2008 = A. Grisafi, Il Milione nella cultura occidentale: fruizione e funzione della traduzione di Pipino da Bologna, in Schede medievali, 46, 2008, p. 179-187.

Grisafi 2014 = A. Grisafi, Il Milione di Marco Polo: aspetti testuali e linguistici della traduzione latina di Francesco Pipino da Bologna, in Itineraria, 13, 2014, p. 45-69.

Guzman 1974 = G.G. Guzman, The enciclopedist Vincent of Beauvais and his Mongol extracts from John of Plano Carpini and Simon of Saint-Quentin, in Speculum, 49, 1974, p. 287-307.

Kaeppeli 1970 = T. Kaeppeli, Scriptores Ordinis Praedicatorum Medii Aevi, I, Roma, 1970, p. 392-395.

La lettera del prete Gianni 1990 = La lettera del prete Gianni, ed. G. Zaganelli, Parma, 1990.

Liber domini Marchi Pauli de Veneciis 2015 = Liber domini Marchi Pauli de Veneciis de consuetudinis et condicionibus orientalium regionum, ed. S. Simion, in G.B. Ramusio, Dei viaggi di messer Marco Polo, Venezia, 2015.

Manzoni 1894-1895 = L. Manzoni, Frate Francesco Pipino da Bologna dei PP. Predicatori, geografo, storico e viaggiatore, in Atti e memorie della R. Deputazione di storia patria per le provincie di Romagna, 13, 1894-1895, p. 257-334.

Muratori 1725 = L.A. Muratori, Bernardi Thesaurarii Liber de acquisitione Terrae Sanctae, in Rerum Italicarum Scriptores, VII, Milano, 1725, col. 663-848.

Muratori 1726 = L.A. Muratori, Chronicon fratris Francisci Pipini, in Rerum Italicarum Scriptores, IX, Milano, 1726, col. 587-752.

Ottone di Frisinga 1912 = Ottone di Frisinga, Chronica sive Historia de duabus civitatibus, ed. A. Hofmeister, in Monumenta Germaniae Historica, SSRerGerm, 46, Hannover-Lipsia, 1912.

Paolini 1991 = L. Paolini, Pipino, Francesco, in A. Vasina (a cura di), Repertorio della cronachistica emiliano-romagnola, Roma, 1991, p. 131-134.

Pini 1993 = A.I. Pini, Pipino Francesco, in Lexikon des Mittelalters, VI, Monaco-Zurigo, 1993, col. 2166.

Simon de Saint-Quentin 1965 = Simon de Saint Quentin, Histoire des Tartares, ed. J. Richard, Parigi, 1965.

Vincentius Burgundus 1624 = Vincentius Burgundus, Speculum Historiale, Duaci, 1624.

Wagner 2000 = B. Wagner, Die Epistola Presbiteri Iohannis: Lateinisch und Deutsch, Tubinga, 2000.

Zabbia 2015 = M. Zabbia, Pipino, Francesco, s.v., in DBI, 84, Roma, 2015.

Zaccagnini 1935-1936 = G. Zaccagnini, Francesco Pipino traduttore del ‘Milione’, cronista e viaggiatore in Oriente nel secolo XIV, in Atti e memorie della R. Deputazione di storia patria per l’Emilia e la Romagna, I, 1935-1936, p. 61-95.

Zarncke 1990 = F. Zarncke, Der Priester Johannes, Lipsia, 1879.

Haut de page

Notes

1 Per le notizie biografiche su Francesco Pipino si vedano: Fantuzzi 1789, p. 45-48; Manzoni 1894-1895, p. 257-334; Zaccagnini 1935-1936, p. 61-95; Kaeppeli, 1970, p. 392-395; Paolini 1991 p. 131-134; Pini 1993, col. 2166; Delle Donne 2010, p. 1219-1220; Zabbia, 2015, ad vocem.

2 L’edizione del Chronicon di Francesco Pipino si trova in Muratori 1726, col. 587-752; l’Historia de acquisitione Terrae Sanctae in Muratori 1727, col.663-848, ma attribuita a Bernardo Tesoriere.

3 Ms. α.X.1.5 (da adesso P), c. 107r-118r.

4 Vincentius Burgundus 1624.

5 Sulla traduzione del Milione di Pipino si vedano: Benedetto 1928; Dutschke 1993; Grisafi 2008, p. 179-187; Gadrat-Ouerfelli 2015.

6 Sulla base degli estratti dello Speculum Historiale si è giunti a un’edizione del testo in: Simon de Saint-Quentin 1965.

7 Giovanni di Pian del Carpine 1989.

8 Per la storia dei Tartari nello Speculum Historiale si veda: Guzman 1974, p. 287-307.

9 Pipino riprende solo i paragrafi IX, 32, 42-43 nei capitoli 45-46 (P, c. 110v-111r). del Chronicon, relativi all’elezione del sovrano Güyük, alla sua descrizione fisica e alle usanze presso la sua corte.

10 Per la visione dei Tartari nel mondo occidentale si veda: Aigle 2014.

11 Giovanni di Pian del Carpine 1989, p. 337-338: «Dovendoci recare presso i Tartari e gli altri popoli d’Oriente su incarico della Sede apostolica, conoscendo il desiderio del signor papa e dei venerabili cardinali, abbiamo scelto di andare, per primo, presso i Tartari. Si paventava infatti che, per causa loro, la Chiesa di Dio fosse minacciata in tempi brevi da grave pericolo. Sebbene temessimo di essere uccisi o imprigionati per sempre dai Tartari o dagli altri popoli, o di essere tormentati al di sopra delle nostre forze dalla sete, dal freddo, dal caldo, dalle offese e da eccezionali sofferenze – pene queste che, eccettuate la morte e la prigionia a vita, ci capitarono in misura maggiore di quanto prima avremmo potuto immaginare e nelle forme più diverse – tuttavia non ci siamo risparmiati, per poter portare a compimento la volontà di Dio, secondo l’incarico del signor papa e per essere in qualche modo d’aiuto ai cristiani o almeno, una volta conosciuta realmente l’intenzione e la volontà dei Tartari, poterla loro palesare, affinché in caso di un improvviso attacco non si trovassero impreparati e subissero una grande strage, come invece è accaduto in un’altra circostanza, a causa dei peccati degli uomini».

12 Nel Chronicon (XXIV, 46, P, c. 111r) è riportato solo un passo del capitolo VIII, 2 di Giovanni di Pian del Carpine, ripreso dallo Speculum Historiale, XXXI, 33 e relativo alla descrizione del sigillo del Khan e all’intenzione dei Tartari di sottomettere il resto del mondo.

13 Così infatti scrive Pipino nel cap. 46, P, c. 111r: Intencio autem eorum erat sibi totum subicere mundum.

14 P, c. 115r: «Queste cose sull’aspetto, sul carattere, sui costumi e sulle tradizioni dei Tartari sono tratte dal libretto di frate Giovanni di Pian del Carpine. Le cose invece che seguono, cioè sulla magnificenza degli stessi imperatori, che nella loro lingua cham, come è detto, [chiamano], riporta Marco Polo Veneto in un certo suo libretto, da me tradotto dalla lingua volgare lombarda al latino, il quale, avuta conoscenza dell’imperatore in persona e reso suo amico, per un tempo di circa 27 anni dimorò nelle parti degli stessi Tartari. Ma in primo luogo si dirà come gli stessi Tartari, reclamando a sé stessi la libertà, istituirono loro primo signore Gengis Khan, poiché sembra che questo racconti più seriamente di quanto sia detto sopra».

15 P, c. 106v-107r.

16 P, c. 109v.

17 P, c. 115r.

18 La figura del Prete Gianni è citata per la prima volta nella Chronica sive Historia de duabus civitatibus di Ottone di Frisinga, in cui si parla di un sovrano orientale di religione cristiana nestoriana (cfr. Ottone di Frisinga 1912 p. 266-267). Per le edizioni dell’epistola si vedano: Zarncke 1879; La lettera del prete Gianni 1990, con testo e traduzione italiana delle diverse versioni; Wagner 2000.

19 Per la traduzione del Milione di Pipino si veda: Liber domini Marchi Pauli de Veneciis de consuetudinis et condicionibus orientalium regionum 2015. La redazione di Pipino e la redazione VA a cui qui si fa riferimento possono essere consultateonline: http://virgo.unive.it/ecf-workflow/books/Ramusio/main/index.html. Tuttavia, come si vedrà meglio infra, nota 38, rimane incerto l’integrale riuso di VA da parte di Pipino.

20 Pipino, seguendo Marco Polo, così riporta l’elenco degli imperatori tartari: Mortuo, ut supra dictum est, Chingis Cham, successit ei in regno Chui Cham, quo defuncto regnavit Bachui Cham, post quem Mongui Cham, deinde Cublay Cham et post eum Migolus Cham, qui in presens tempus regnat, sed Cublay Cham ceteros precessit potencia (cap. 79, P, c. 116r), in linea con la lista che si legge in VA: «Dapuo’ la morte de Chinchis fo segnior d’i Tarati Chui Chaan, lo terzo segnior ave nome Bachui Chaan, lo quarto <...> e llo quinto Mongu Chaan, lo sexto Chublai Chaan, el qual regnia mo’, e questo sollo à plui posanza che non ave tuti i altri zinque» (Milione VA, 53, 1).

21 P, c. 117r.

22 Sul lemma rondes nella redazione VA e in Pipino e la comparazione con le altre redazioni si vedano: Benedetto 1928, p. CXCI-CXCII; Bertolucci Pizzorusso 2011, p. 119-120.

23 P, c. 116v.

24 P, c. 116v.

25 Per l’utilizzo dei lemmi stranieri nel Liber di Pipino si rimanda a: Grisafi 2014, p. 45-69.

26 P, c. 117r.

27 Liber, II, 20: «Tanto grande è la moltitudine di tende di questo tipo, che sembra in quel luogo la città più grande, da ogni luogo infatti confluisce la più grande moltitudine per questo svago».

28 P, c. 117r: «E lì c’è tanta moltitudine di genti che quelle postazioni non sembrano dissimili dalle città più popolose, lì infatti quasi da ogni luogo confluiscono tutti per osservare i meravigliosi giochi e i piacevoli svaghi, con i quali il signore dei Tartari mostra la superiorità del suo stato».

 

29 P, c. 116v.

30 P, c. 117r.

31 P, c. 117r.

32 P, c. 117r.

33 Pipino interviene nel testo attraverso delle note a margine, con cui sprona il suo lettore a porre attenzione alla diversità delle popolazioni mongoliche rispetto a quelle occidentali: nel cap. 43, P, c. 110v, scrive Nota novum modum comedendi, in relazione al popolo dei Parossiti che si nutrivano del fumo delle carni cotte; nel cap. 44, P, c. 110v: Nota mirabilia, per sottolineare la straordinarietà dei mostri che vivevano nel deserto e avevano un solo braccio e un solo piede; nel cap. 46, P, c. 111r: Nota sigillum Cams, per far notare il sigillo del sovrano Güyük contro la chiesa e l’Occidente.

34 Il racconto dei miracoli occupa i capitoli 90-92 del XXIV libro del Chronicon (P, c. 117v-118r), per cui Pipino continua a seguire la redazione VA (VA, 18 e 38), innalzando però ulteriormente il registro stilistico, anche attraverso il ricorso a citazioni dalle Sacre Scritture non presenti nella sua fonte. Tuttavia in toni molto simili si esprimono le altre due redazioni venete, V e VB, con cui però il testo di Pipino non mostra altre affinità. Sulla questione mi riservo, comunque, di tornare in altra sede.

35 P, c. 117v: «Tuttavia, poiché nel libretto di quel Marco, da me, autore di quest’opera, tradotto dal volgare al latino, sono contenuti alcuni casi tanto memorabili quanto straordinari, decisi di inserirli in questo testo non inutilmente, poiché mirino al sostegno della fede cristiana con evidenti esempi».

36 «E affinché un lavoro di questo tipo non appaia vano o inutile, ho considerato che dalla lettura di questo libro gli uomini fedeli possano guadagnare merito di molta grazia da Dio, sia perché, vedendo le meravigliose opere di Dio nella varietà, nella bellezza e nella grandezza delle creature, potranno ammirare in modo più riverente la sua virtù e sapienza, o, guardando i popoli pagani avvolti da una tanto grande oscurità della cecità e da tante meschinità, rendano grazie a Dio, il quale, rischiarando con la luce della verità, si è degnato di richiamare i suoi fedeli da tenebre tanto pericolose nella sua meravigliosa luce».

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Sara Crea, « L’incontro tra popoli e culture diverse nel Chronicon di Francesco Pipino », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge [En ligne], 130-2 | 2018, mis en ligne le 07 mai 2018, consulté le 26 juin 2019. URL : http://journals.openedition.org/mefrm/4104 ; DOI : 10.4000/mefrm.4104

Haut de page

Auteur

Sara Crea

Università degli studi della Basilicata, sara.crea@virgilio.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals