Navigation – Plan du site
Varia

L’Universitas di Oria al tempo della devoluzione del principato di Taranto alla corona aragonese

I capitoli supplicatori del 24 novembre 1463
Luciana Petracca

Résumés

L’attenzione per le comunità cittadine del Mezzogiorno bassomedievale è una delle prospettive d’indagine che più radicalmente ha rinnovato negli ultimi anni gli studi della medievistica meridionale, impegnata a recuperare il ritardo rispetto al resto dell’Italia nelle ricerche di storia urbana. Tra XIV e XV secolo le città meridionali, sia grandi che piccole, instaurarono una vivace dialettica con la monarchia, finalizzata all’accoglimento, alla difesa o all’ampliamento di funzioni amministrative, giurisdizionali e fiscali. Il saggio prende in esame l’universitas di Oria, città vescovile di media dimensione, inclusa fino al 1463 nella complessa compagine feudale del principato di Taranto. In particolare, la riflessione si concentra sulle suppliche esibite dalla comunità al sovrano all’indomani della morte del principe Giovanni Antonio Orsini del Balzo. Il dettato del testo normativo (i capitula supplicatori), sottoposto al placet regio, rivela un raggiunto protagonismo civico, l’ampliamento degli spazi di partecipazione politica e l’affermazione di una progettualità comunitaria orientata a favorire gli interessi della collettività, benché spesso si sia trattato di quelli condivisi dalla sola cerchia delle classi preminenti.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Vitolo 2014, p. XIII.
  • 2 Sul sistema amministrativo all’interno del regno di Napoli e sul progressivo consolidamento dell’i (...)

1I più recenti studi, smentita la presunta marginalità politica e culturale delle comunità del Mezzogiorno bassomedievale, hanno evidenziato un fenomeno urbano tutto meridionale che, sia «pur nell’assenza di forme di autogoverno e di dominio pieno su territori dipendenti»1, ha tuttavia favorito l’acquisizione di spazi sempre più ampi di influenza e di partecipazione politica, confermata da una specifica attività documentaria, prodotta in loco o recepita dagli organi centrali e periferici del regno quale prova della potestas statuendi esercitata dalle universitates (istituti territoriali amministrativi) su concessione dell’autorità regia o feudale2.

  • 3 Sulla vivacità politica delle città meridionali tra tardo Medioevo e prima Età Moderna, soggetto d (...)
  • 4 Massaro 2011, I, p. 333-367: 334. Sulla vivacità di alcune comunità rurali di Terra d’Otranto, si (...)

2Per quanto si sia registrata negli ultimi anni una crescente attenzione verso le comunità meridionali, protagoniste, soprattutto tra Tre e Quattrocento, di una vivace dialettica con la monarchia e con la feudalità, finalizzata all’accoglimento, alla difesa o all’ampliamento di funzioni amministrative, giurisdizionali e fiscali3, ancora molte piste di ricerca restano inesplorate, e specie in relazione ai centri minori, sorretti principalmente da un’economia agricolo-pastorale. Sembra persista – come ha osservato solo alcuni anni addietro Carmela Massaro – «una diffusa disattenzione per le comunità rurali», atteggiamento indotto sia dal presupposto che esse avessero dato prova di esperienze poco originali rispetto agli esempi offerti dai centri maggiori, sia dell’esiguità della documentazione pervenuta, sempre più ridotta e frammentaria in caso di nuclei urbani privi della dignità vescovile4.

  • 5 Sui Libri rossi vedi Rovere 1989, p. 157-199; e Sasse Tateo 1993, p. 263-271.
  • 6 Sull’argomento, cfr. Airò 2009a, p. 521-558: 521-522; Senatore 2009, p. 447-520; e Senatore 2015, (...)
  • 7 Faraglia 1883; Trinchera 1874. Per una puntuale interpretazione sugli statuti e sui privilegi arag (...)
  • 8 Si tratta, in particolar modo, di copie di documenti conservati presso gli archivi locali, autenti (...)

3Riguardo alle fonti, alla già poco diffusa “buona pratica” di assicurare la conservazione e la trasmissione degli archivi dei governi municipali (le universitates), si aggiunse tra Otto e Novecento la dispersione seguita al raggiungimento dell’unità nazionale. Istituito il nuovo regno, cessò la validità giuridico-normativa di tutti quei privilegi, che, accolti e trascritti in Libri rossi, detti anche grandi o magni, avevano regolato la vita politica e amministrativa delle comunità meridionali sin dal tardo Medioevo5. E, siccome la conservazione dei documenti è stata innanzitutto determinata dalla loro utilità pratica, cessata la validità, gli stessi furono più facilmente soggetti a fenomeni d’incuria, di smembramento o, talvolta, di appropriazione indebita e privata6. Si precisa, inoltre, che non tutta la documentazione normativa delle università meridionali confluì nei Libri rossi; alcune scritture furono accolte in successive codificazioni, altre non vennero mai selezionate e andarono irrimediabilmente disperse, altre ancora sono note grazie alla documentazione regia conservata nell’Archivio di Stato di Napoli, fortemente depauperata dopo l’incendio che interessò il deposito di San Paolo Belsito nel 19437. Sulla base di queste considerazioni, lo studio delle medie e piccole comunità meridionali, non potendo attingere a piene mani dalla documentazione d’archivio, si avvale spesso del prezioso lavoro di eruditi del Sei-Settecento, i quali promossero la pubblicazione delle locali testimonianze storiche superstiti8.


  • 9 Nel celebre memoriale della Descrizione della città di Napoli e statistica del regno del 1444, il (...)
  • 10 Sulla data della morte di Giovanni Antonio Orsini del Balzo, confermata dall’impegno assunto dal c (...)
  • 11 Del passaggio dalla giurisdizione baronale di Giovanni Antonio Orsini del Balzo a quella regia, so (...)

4Argomento del presente saggio è l’universitas di Oria, centro di media importanza situato a breve distanza da Brindisi e incluso, già dal primo Quattrocento, nella complessa compagine feudale costituita dai domini del principe di Taranto, Giovanni Antonio Orsini del Balzo9. In particolare, l’attenzione sarà rivolta al periodo immediatamente successivo alla morte del principe, avvenuta ad Altamura la notte tra il 14 e il 15 novembre del 146310, ovvero quando la soppressione del vasto feudo tarantino, e la conseguente devoluzione alla Corona aragonese,11 modificarono la geografia politico-amministrativa del territorio, producendo una serie di rivolgimenti, che investirono l’assetto giuridico-istituzionale, la struttura burocratica e le componenti sociali.

  • 12 Senatore – Storti 2002, p. 204, nota 35.
  • 13 Volpicella 1926, p. 305-309, p. 317-319.

5Segnata la fine del più esteso organismo feudale del regno, che aveva in vario modo condizionato e limitato dall’interno l’effettivo potere dei sovrani aragonesi, Ferrante si accinse a riprendere il controllo sui territori ricadenti nel principato, offrendo vantaggiose condizioni di pace. Attraversate le terre di Puglia, e acclamato «cum tanta alegreza et festa», come registrarono gli ambasciatori sforzeschi nei loro dispacci12, il sovrano incontrò i delegati di varie università e diversi feudatari pronti a prestargli omaggio13.

  • 14 In entrambe le direzioni la medievistica ha prodotto negli ultimi anni ricerche interessanti, form (...)

6La costituzione in universitas della cittadinanza attiva, attestata nel Mezzogiorno sia presso i centri urbani maggiori sia presso le piccole realtà rurali, demaniali o infeudate, attribuiva alla collettività dei cives la capacità di svolgere funzioni amministrative, giurisdizionali e fiscali, accrescendone contestualmente il “protagonismo civico” e le facoltà contrattuali nei confronti della feudalità e del potere sovrano. L’essere un ente collettivo dotato di personalità giuridica, da un lato, garantiva l’ampliamento degli spazi politici delle comunità locali, che si spingevano a volte anche a sperimentare forme varie di coordinamento territoriale sulle aree suburbane, dall’altro, incentivava lo sviluppo di processi di crescita e di promozione socio-economica14.

  • 15 Il fuoco, che avrebbe in teoria dovuto rappresentare l’unità familiare produttrice di reddito, era (...)
  • 16 Galasso 1992, p. 410.

7Le università, demaniali o infeudate, costituivano inoltre le unità fondamentali della tassazione regia o signorile, la base territoriale del prelievo fiscale delle collette e del focatico – a partire dalla riforma tributaria alfonsiana del 144315 –, dell’imposta sul sale e dei donativi, proventi dai quali la corona e la feudalità traevano le loro maggiori risorse16. Intorno alla rete di grandi, medie e piccole università, intermediarie tra il potere regio e la popolazione, si articolava la struttura portante dell’organizzazione del regno; esse rappresentavano il tessuto connettivo dell’economia locale, vero e proprio volano per la produzione delle campagne e degli insediamenti rurali verso i più ampi circuiti del mercato regionale ed extra-regnicolo.

  • 17 Ferrante, nonostante la pace siglata a Bisceglie il 21 settembre del 1462, era stato costretto a t (...)
  • 18 Sulle suppliche cfr. Epstein 1996 e Nubola – Würgler 2002. Sul linguaggio della dedizione adottato (...)

8Scomparso l’Orsini, la prolungata presenza in Puglia di Ferrante nell’autunno-inverno del 146317 offrì alle comunità dell’ex dominio orsiniano, organizzate in universitates, l’occasione di dare voce alle loro richieste, di riscattarsi dalla giurisdizione feudale, di sottoporre ad approvazione regia tutta una serie di capitoli supplicatori, di statuti, di privilegi, di diritti, di istanze di sgravi fiscali e di agevolazioni commerciali, di mostrarsi, in altre parole, soggetti attivi e protagoniste della locale vita amministrativa e politica18.

  • 19 Volpicella 1926, p. 317-319.

9Nei giorni seguenti alla morte del principe, tra il 17 novembre del ’63 e il 3 gennaio del ’64, i rappresentanti di molte università pugliesi chiesero udienza al sovrano, dichiarando fedeltà e completa “dedizione”, ed esibirono per l’approvazione i propri capitoli supplicatori19. La solerte manifestazione di omaggio era sollecitata sia dalle contingenze del momento (la lunga ed estenuante guerra di successione al trono di Napoli aveva stremato le popolazioni e segnato duramente anche l’economia dei centri più attivi), sia dall’esigenza di assicurarsi il godimento di particolari consuetudini, diritti, esenzioni e privilegi.

10Alle richieste e alle rivendicazioni delle università Ferrante rispose mostrando grande magnanimità, dietro la quale si celava il disegno di una pacifica integrazione del principato nel regno, nella malaugurata ipotesi di velleità anti-aragonesi. In un momento di forte instabilità politica, assecondare le suppliche inoltrate dalle comunità rappresentò infatti lo strumento più idoneo per il conseguimento di un necessario equilibrio tramite il consenso.

  • 20 Il governo del principe di Taranto fu caratterizzato da un’incisiva opera di razionalizzazione e d (...)
  • 21 Per la Sicilia, l’accento sulla negoziazione nei rapporti tra comunità e monarchia è stato posto d (...)

11Dal canto loro, invece, le università pugliesi, che auspicavano in primis un alleggerimento della pressione fiscale imposta dal governo orsiniano20, interagendo direttamente con il sovrano, acquisirono una maggiore consapevolezza politica. La negoziazione del privilegio, l’esercizio di pratiche contrattuali e pattizie nel rapporto col potere regio e la possibilità di un costante confronto dialettico contribuirono ad incentivare le potenzialità di crescita economica, sociale e politica delle comunità stesse, le quali, ancorché gradualmente e con differenti gradi di maturazione, si erano ormai avviate verso un processo di costruzione e di affermazione della propria identità21.

  • 22 Sulle fonti capitolari, vedi Epstein 1996, p. 388-393; e Mineo 2001, p. 379-399.
  • 23 Il casale si configurava come un piccolo villaggio rurale aperto, sprovvisto di mura di cinta o di (...)

12La dissoluzione del principato di Taranto e la ferma cesura politico-istituzionale che ne derivò favorirono la compilazione di un’abbondante produzione di atti normativi (capitula, privilegi, gratie e statuta), segno del consolidamento dell’autonomia amministrativa di cui godevano già da tempo le comunità cittadine e rurali del regno22. Pur tenendo conto delle evidenti differenze che sul piano istituzionale, socio-economico e culturale rendevano vario il panorama delle municipalità regnicole (distinte tra città grandi, medie o piccole, tra terre e casali, tra realtà insediative più o meno economicamente sviluppate, contesti urbani a vocazione mercantile e/o a vocazione agricolo-pastorale)23, la seconda metà del Quattrocento segnò in maniera diffusa nel Mezzogiorno un momento di svolta nel quadro dei rapporti tra comunità e corona. E, sebbene nel regno il fondamento della capacità giuridico-normativa rimandi sempre ad una concessione regia, non si può non riconoscere nella formulazione dei testi capitolari, elaborati dalle università per il tramite dei loro rappresentati, sindaci-ambasciatori o notai locali, l’affermazione di una più robusta personalità amministrativa delle stesse comunità e di una progettualità politica orientata a favorire le aspettative della collettività urbana, benché spesso si sia trattato di quelle condivise dalla sola cerchia delle classi preminenti.

  • 24 Volpicella 1926, p. 317.
  • 25 Ibid.; Magrone 1905, II, p. 156.
  • 26 Giannuzzi 1935, p. 418; Paglia 1700, p. 206-207.
  • 27 Volpicella 1926, p. 317. Per i capitoli di Taranto vedi Pastore 1957, p. 8-15, ora in Alaggio 2004 (...)
  • 28 Per i capitoli di Mesagne, cfr. Profilo 1870, II, p. 215-218; ora in Cannataro -Cordasco et altri (...)
  • 29 Per i capitoli di Bari, cfr. Carabellese 1908, p. 192-201; per quelli di Brindisi, cfr. Papuli 197 (...)

13La prima università pugliese che, già a partire dal 17 novembre 1463, accorse a rendere omaggio al sovrano, alloggiato nelle vicinanze di Barletta, fu Altamura24, presso il cui castello nei giorni precedenti aveva trovato la morte il principe Orsini. Seguirono i sindaci di Molfetta e di Modugno25. Presso Trani, il 20 novembre il sovrano fu raggiunto dai delegati di Corato e dal protontino di Giovinazzo26. Il 22 Ferrante accolse presso Terlizzi una seconda delegazione proveniente da Altamura e gli inviati di Taranto, di Castellaneta, di Laterza e di Massafra27; e ancora, in campo presso Terlizzi, il 24 novembre diede udienza ai rappresentanti di Mesagne28, cui fecero seguito, il 26, quelli di Bari, Brindisi, Lecce, Gallipoli, Nardò, San Pietro in Galatina e Francavilla29.

  • 30 Volpicella 1926, p. 317.
  • 31 Per il testo integrale dei capitoli del 1463 si rinvia a Papuli 1971, p. 464-471. Una prima edizio (...)

14Il 24 novembre, presso Terlizzi, furono accolti anche i delegati della città di Oria, che esposero al sovrano le loro richieste capitolari e ne ottennero l’approvazione30. I capitula seu petitiones furono in seguito trascritti in privilegii formam e ratificati il 22 marzo del 1464 ad opera della cancelleria regia31.

  • 32 Sulla partecipazione delle città al processo “generativo” delle norme, cfr. Corrao 1995, p. 35-60.

15Espressione della volontà di partecipazione “dal basso” alla definizione delle norme32, il privilegio oritano che raccoglie diversi capitoli, analogamente alle petizioni esibite da altre università pugliesi, avanza richieste che rispondono alle necessità del centro, alle aspettative di ripresa economica e alle vocazioni produttive del territorio, in rapporto al livello di crescita politica e di stabilità sociale.

16Solitamente le suppliche esibite al sovrano soddisfacevano tre differenti ordini di esigenze: garantire la conferma di privilegi già goduti, promuovere la concessione di nuove prerogative e consentire la reintegrazione e la restituzione di antichi possessi e diritti. Va da sé che le comunità economicamente e socialmente più evolute siano state anche quelle in grado di esprimere richieste più ambiziose e più complesse, dettate magari dall’esigenza di tutelare gli interessi dei gruppi eminenti e di dimostrare piena capacità nell’acquisire sempre maggiori spazi di gestione nel governo locale.

  • 33 Per l’dizione vedi Cozzetto 1986, p. 136-140. Sulla problematica inerente la datazione della numer (...)
  • 34 Sulla provincia metropolitica di Brindisi e sulle sedi di Oria e di Ostuni, suffraganee dell’archi (...)

17Se consideriamo i dati forniti dal Liber focorum del 1443/’4733, utili per comparare la capacità contributiva tra diverse realtà insediative, relativamente alla subregione entro la quale ricade Oria, di circa 1400 kmq, compresa tra la sede episcopale di Brindisi (la città era tassata per 268 fuochi) e quella suffraganea di Ostuni (tassata invece per 231 fuochi)34, e che include centri minori come le terre di Mesagne (277 fuochi), Francavilla (221), Ceglie (82) e Carovigno (55), e i casali di San Vito (27), Torre Santa Susanna (17) e Latiano (10), notiamo subito che la città di Oria, seconda per importanza solo a Brindisi, si attesta nel corso del Quattrocento tra i contesti urbani più vivaci del territorio. Essa non solo ospitava la cattedra vescovile, vantando una condizione di centralità all’interno della diocesi, ma raggiungeva una popolazione fiscale pari a 277 fuochi.

  • 35 Sull’approssimazione dei dati di natura fiscale e sulle insidie connesse alla loro utilizzazione p (...)

18Per quanto le numerazioni focatiche si rivelino gli unici indicatori a nostra disposizione per l’analisi delle dimensioni demiche di un centro, dal momento che registrano almeno il valore minimo delle presenze reali, è bene precisare che lo scarto tra popolazione effettiva e popolazione tassabile riflette un quadro molto impreciso, se non addirittura distorto, della realtà35. Esse fornivano infatti solamente l’ammontare complessivo della tassazione corrisposta da ciascun centro, ma non quello della popolazione chiamata a ripartire il carico fiscale.

  • 36 La numerazione dell’imponibile era spesso il risultato di accordi e di patteggiamenti tra il poter (...)
  • 37 Egidi 1920, p. 742.

19La riforma del sistema impositivo introdotta da Alfonso nel 1443 aveva previsto l’aggiornamento triennale del computo dei fuochi, ma gli eccessivi costi dell’operazione e le resistenze della popolazione resero la pratica molto meno frequente. Ne seguì che ovunque nel regno il numero dei fuochi tassati non solo non corrispondesse al numero reale dei nuclei familiari residenti in ciascun centro36, sui quali gravava una quota variabile in base all’incidenza di più fattori come la disponibilità economica, il volume degli scambi o il riconoscimento di particolari esenzioni, ma si mantenne pressoché costante, o con piccole variazioni nel tempo, nonostante la crescita demografica cui andarono incontro diverse comunità nella seconda metà del Quattrocento37.

  • 38 Il privilegio è edito in Matarrelli Pagano 1976, p. 151-154.
  • 39 ASN, Regia Camera della Sommaria, Diversi, II Numerazione, reg. 248, ms., c. 36v. Relativamente ag (...)

20Una conferma dello scarto tra fuochi fiscali e reale consistenza demica delle comunità soggette a tassazione ci giunge proprio dalla documentazione relativa ad Oria. La rendicontazione dell’erario generale del principe Orsini riconducibile agli anni 1458/1459, quando fu aggiornata, esclusivamente per questo centro, la numerazione focatica, attribuisce alla città 451 fuochi (dato sicuramente più vicino alla realtà rispetto ai 277 del 1443/’47). Oria, teatro di saccheggi al tempo della guerra angioino-aragonese, e già esentata dal pagamento delle imposte per dieci anni da Alfonso nel 143738, nel 1458/’59 continuò a beneficiare «ex principali gratia» di una riduzione fiscale, che comportò la tassazione di soli 100 fuochi su 451 censiti (pari a circa 2.255 abitanti)39.

  • 40 Papuli 1971, p. 464-471. Nell’edizione del Papuli i capitoli non sono numerati. Brindisi presentò (...)

21Il dinamismo demico, e nello stesso tempo – come vedremo – economico e sociale della città, trova conferma anche nel numero delle petizioni sottoposte ad approvazione regia nel novembre del 1463, ben 24, e nella tipologia delle rivendicazioni40. Le richieste capitolari, espressione di una trattativa diretta con il sovrano, sono presentate dall’universitas di Oria congiuntamente alle universitates dei suoi casali, Torre Santa Susanna e Avetrana, entrambi infeudati. I capitoli rivelano un contenuto dal carattere prevalentemente economico e fiscale; alcuni interessano l’intera popolazione residente nei tre centri (nella città e nei due casali), altri riguardano i soli abitanti «de lo corpo de Oyra», altri ancora rispondono alle esigenze di singoli gruppi sociali, oppure alle suppliche delle universitates e degli homines dei soli casali dipendenti.


22Ma entriamo in medias res. Il primo capitolo rinvia all’identità stessa del centro, acquisita soprattutto negli anni di governo «de lo quondam illustrissimo principe di Taranto», che aveva riconosciuto alla città di Oria e ai suoi casali immunità e franchigie delle quali si invocava conferma. Si trattava di privilegi accordati in precedenza dall’Orsini, ma andati dispersi a seguito della guerra angioino-aragonese, e che costituivano ormai parte integrante del patrimonio consuetudinario e normativo della comunità cittadina e di quelle dei casali subalterni; motivo per cui, tramite i rispettivi delegati, si auspicava non cadessero in desuetudine.

  • 41 Sul centro di Francavilla, sorto in età angioina intorno al primo ventennio del XIV secolo (a circ (...)
  • 42 Il documento relativo al riconoscimento della separazione dei due centri, che, in seguito, contrib (...)

23Strettamente correlata alla prima, giacché formulata con l’esplicito invito a seguire l’esempio del principe di Taranto, fu la seconda richiesta, mirata a scongiurare la possibilità di un eventuale sovraccarico fiscale derivante dalla separazione di Francavilla41. Quest’ultimo centro, scorporato dal distretto fiscale di Oria già al tempo di Ladislao di Durazzo, cui seguì nel 1418 la conferma di Giovanna II42, sotto Giovanni Antonio Orsini del Balzo aveva contribuito nella misura di 6 once al pagamento della colletta generale, pari a 10 once, versata da Oria e dai casali di Torre Santa Susanna e di Avetrana. A seguito della separazione, confermata dal medesimo principe, Francavilla continuò a versare le 6 once, mentre Oria e i suoi due casali corrisposero 3 once, 28 tarì e 6 grani e mezzo per ciascuna delle sei collette riscosse nel corso dell’anno. Informato il sovrano della situazione pregressa, «le dette Università» invocarono ed ottennero la conferma delle quote tributarie già previste e la garanzia «che non ce debia imponere altro pagamento novo».

24Ai capitoli invocanti il ripristino di precedenti consuetudini, introdotte da un richiamo agli anni di governo del principe di Taranto, che aveva concesso grazie ed esenzioni, seguirono alcune suppliche di tono fortemente critico nei riguardi dell’amministrazione orsiniana. Esse miravano sia all’abolizione di sgradite gabelle introdotte dal principe – come la fida (riscossa da quanti utilizzavano l’incolto per il pascolo degli animali e per l’estrazione del legname) –, sia al recupero di beni e di patrimoni confiscati. Risulta abbastanza evidente da quale settore della società provenissero tali insofferenze, dal momento che il genere di rivendicazioni è indice di interessi sicuramente consistenti. Privati «ingiustamente» di «certe et diverse robbe», parte delle quali furono vendute al principe o ad altri acquirenti contro la volontà dei legittimi proprietari, «diverse persone ecclesiastiche, Cittadini d’Oyra et esteri», tramite i delegati dell’università, chiesero al sovrano di consentirne e di confermarne la restituzione. Ciò avrebbe implicato l’intervento del capitano della città, al quale, invalidati i rogiti notarili attestanti la vendita dei suddetti beni, spettava il compito di rendere esecutivo il contenuto della petizione.

  • 43 Sulle competenze di questo ufficiale cfr. Cirillo 2015, p. 194.
  • 44 Sul processo di strutturazione degli spazi pubblici nelle città pugliesi del tardo Medioevo, cfr. (...)
  • 45 La Regia Camera della Sommaria rappresentava la più alta magistratura finanziaria del regno. Sulle (...)

25Alcune suppliche miravano invece a circoscrivere le competenze dei funzionari regi, che avrebbero leso e mortificato le prerogative degli amministratori locali, come nel caso del maestro portulano, il quale, oltre a regolare il commercio dei cereali, sovraintendeva allo stato di nettezza ed agibilità dei luoghi pubblici urbani (strade, ponti, fontane) e vigilava sulle misure43. Relativamente a certe costruzioni e superfetazioni, «schale, mignani, pergule, porte et tutti edificij fatti al demanio spettanti», effettuate nel territorio urbano su concessione o meno del principe di Taranto, Oria invocò ed ottenne che fosse elusa qualsiasi intromissione da parte del maestro portulano o di altri ufficiali regi. Solo al sovrano («altro che sua Maestà») sarebbe spettato intervenire. Allo stesso l’università domandava il riconoscimento di un condono collettivo degli abusi edilizi44, nonché la facoltà di riscuotere i diritti conseguenti, vale a dire il «quattro per cento» dovuto normalmente alla Regia Camera della Sommaria45

  • 46 Su questa fiera, vedi Petracca 2011, p. 449-469: 456-457.
  • 47 Alaggio 2004, doc. n. 45, p. 104.
  • 48 I raduni fieristici, come anche i mercati settimanali, sono spesso indicati nei documenti col term (...)
  • 49 Alaggio 2004, doc. n. 45, p. 104. Inoltre, nel 1414, la regina Giovanna II, dietro supplica dei ta (...)
  • 50 Alaggio 2004, doc. n. 45, p. 104.

26Esemplificativa dell’attenzione rivolta dalla comunità oritana e dagli abitanti dei suoi casali agli aspetti di natura economica, garanzia di stabilità e promozione sociale, è la supplica riguardante i diritti di fiera. Questa rivela quanto fosse serrata la concorrenza tra centri vicini in merito al controllo dei principali appuntamenti economici e luoghi di scambio. Si tratta della fiera di San Pietro in Bevagna46, località marittima della costa ionica situata «sul terreno de Oyra», presso la quale il 2 di aprile si celebrava un «forum seu nundine»47. Il paniere48, sin dai tempi di Ladislao era stato incluso tra le competenze giurisdizionali della città di Taranto e sottratto alla custodia dei magistrati di Oria, rappresentando così un evidente motivo di contrasto tra le due università49. I dissidi proseguirono fino al novembre del 1463, quando Ferrante, accolte le istanze dei tarantini, si pronunciò dapprima, il 22, a loro favore, riconoscendo a due «gentilhomini», eletti annualmente, la facoltà di ricoprire la carica di maestri del mercato50, per poi accogliere, il 24 dello stesso mese, le rimostranze degli oritani. Questi ultimi ottennero infatti che fosse il capitano della loro città a vigilare sull’area della fiera di San Pietro in Bevagna e ad incamerarne i proventi, ovvero le due once che «debiano pagare quelli haveranno la entrata del detto paniere».

27L’immediato accoglimento della richiesta presentata dall’università di Taranto, senza il benché minimo riscontro o sondaggio preventivo in loco, se da un lato confermava la pronta e piena disponibilità sovrana nei confronti delle suppliche avanzate dai sudditi, dall’altro, metteva in evidenza quanto fosse scarsa la conoscenza delle situazioni locali da parte della Curia Regia. Trascorsi appena due giorni dall’approvazione dei capitoli supplicatori della città di Taranto, l’università di Oria, preso atto che era stata attribuita «alli Cittadini di Taranto la intrata de lo paniere […], el quale paniere se fà et è nel Territorio di Oyra», fece appello al sovrano per rivendicarne la giurisdizione, che fu affidata, appunto, al capitano di Oria.

  • 51 Sul sistema fieristico pugliese si rinvia a Petracca 2011; Petracca 2013, p. 345-374; e Petracca 2 (...)

28L’ostile concorrenza dei due centri era dettata dai vantaggi economici derivanti dalla gestione di una fiera. L’evento fieristico si traduceva generalmente in un vivace afflusso di uomini, merci e traffici, la cui capacità di attrazione era direttamente proporzionale al regime di esenzione daziaria previsto. Le agevolazioni fiscali attiravano un maggior numero di partecipanti, favorivano lo sviluppo di alcuni itinerari mercantili rispetto ad altri ed incrementavano, in pari tempo, la capacità economica degli intervenuti, ma anche, e soprattutto, quella delle comunità interessate ad ospitare una fiera e ad accaparrarsene il controllo51.

29L’aspirazione ad un miglioramento delle condizioni socio-economiche è alla base di un nutrito numero di capitoli, che denunciano situazioni di disagio e invocano un alleggerimento della pressione fiscale, attraverso l’abolizione di tributi straordinari e di gabelle introdotte dal principe Orsini. Nello specifico, fu chiesta, come già anticipato, la cancellazione della fida, il diritto di pascolo e di abbeveraggio dei maiali, che ammontava a 5 grani per esemplare; l’annullamento «di altri fundici et pagamenti», dovuti per la conferma dei giudici annuali, e quello di nuovi tributi e donativi, con la sola eccezione delle sei collette generali spettanti annualmente alla Curia Regia.

  • 52 Sulla credibilità delle suppliche, vedi Nubola – Würgler 2002, p. 7-16.

30In un altro capitolo è fatto esplicito richiamo al mancato aggiornamento della ripartizione dei carichi contributivi da parte dei razionali regi («sono anni dece passati che in Oyra non s’è fatta final’ ratione per li rationali de la Corte), e alle ristrettezze economiche avvertite da «alcuni poveri Cittadini», che si erano indebitati a causa del mancato rispetto delle scadenze per il versamento delle collette e dell’imposta sul sale. Per far fronte alle incombenti e diffuse difficoltà finanziarie di parte della popolazione, – sulla reale entità delle quali è comunque lecito sospettare un’accentuazione in senso negativo al fine di sollecitare la benevolenza sovrana52 –, fu implorata la remissione dei debiti contratti con la Regia Curia sugli arretrati pagamenti fiscali e la distribuzione gratuita del sale, com’era stato accordato dall’Orsini per l’anno 1462/’63.

31Indicativo delle aspettative nutrite da tutta la popolazione (nobili, clero, liberi professionisti, operatori economici, lavoratori dipendenti e coltivatori), fu l’auspicio chiaramente formulato di un «novus rex, et nova lex, et novus quinternus». È come se grazie al superamento del regime feudale, segnato dall’introduzione di una nuova procedura normativa e fiscale, l’intera comunità di Oria, inclusi gli abitanti dei casali, intravedesse l’occasione di un cambiamento in positivo, che fosse in grado di modificare oltre all’assetto politico e amministrativo del territorio anche quello economico e sociale.

32In quest’ottica, si riveste di notevole importanza il riconoscimento della permanente demanialità, congiuntamente alla garanzia che il sovrano, tenuto conto della fedeltà mostrata dagli oritani verso gli Aragona, «se degni non voler donar la detta città et castello in governo perpetuo ad vita à nesciuna persona de suoi baroni».

  • 53 Sul rapporto tra potere regio (il publicum) e poteri delegati, vedi Vallone 2010, p. 303-320.
  • 54 Si veda, ad esempio, il caso di Taranto indagato da Anna Airò (Airò 2000) e da Rosanna Alaggio (Al (...)

33La richiesta di convalida dello stato di demanialità, costantemente presente in tutte le petizioni esibite a Ferrante dai centri inclusi nell’ex principato orsiniano, rappresentava la premessa fondamentale per la definitiva emancipazione dal potere feudale, che aveva spesso mortificato le istanze e le aspettative delle comunità urbane, nonché la chiave di volta per il conseguimento da parte delle stesse di una maggiore autonomia amministrativa. Lo stato di demanialità metteva in essere un rapporto nuovo e diretto tra sovrano e città (ma anche terre e casali), tra centro e periferia, tra potere dato, quello della monarchia, e potere delegato, quello affidato alle magistrature locali, agli organi rappresentativi e di governo delle università53. L’accresciuta agilità di rapporti tra corona e realtà urbane incrementò lo sviluppo di quelle dinamiche sociali, che resero col tempo sempre più vivace ed animoso il confronto politico all’interno dei centri economicamente più evoluti54.

34Tra le richieste incluse nei capitoli presentati da Oria e dai suoi casali, quelle mirate ad ottenere maggiori spazi all’interno del governo municipale, alleggerimenti fiscali, utilizzazione di risorse, reintegrazione di patrimoni perduti e condoni edilizi evidenziano il forte ruolo dei ceti preminenti; mentre la restante parte della popolazione pare abbia avvertito non poche difficoltà, «oppressa et affannata da molti pagamenti», e costretta a subire le ristrettezze economiche imposte da un prolungato stato di guerra. Fu proprio la necessità di procedere ad un contenimento della pressione fiscale, difficilmente sostenibile soprattutto per i meno abbienti, a sollecitare l’appello, accolto dal sovrano, per il riconoscimento di esenzioni e di franchigie, accordate per ben dieci anni, su collette, donativi, tributi vari e subventioni.

35Da un altro gruppo di capitoli emerge, invece, nonostante gli affanni denunciati, l’impegno della città e delle élites che la rappresentavano a favorire lo sviluppo dell’economia locale e l’incremento delle entrate finanziarie del centro, a discapito e in serrata concorrenza con le comunità limitrofe. Ciascuna università non era infatti solo interessata a promuovere le proprie potenzialità economiche e produttive, ma anche ad evitare che le concessioni accordate dal sovrano ai centri contermini fossero lesive dei suoi interessi.

36I capitoli del 1463 evidenziano in più occasioni un rapporto conflittuale soprattutto con la terra di Francavilla. Oltre alla già citata supplica riguardante la ripartizione delle quote per le collette, gli abitanti di Oria invocarono l’intervento regio affinché i terreni coltivati nel territorio della città da parte di «alcuni di Francavilla, de Casalnuovo (Manduria) et altri convicini» fossero loro confiscati, al fine di favorirne l’acquisizione da parte degli oritani, già gravemente danneggiati dalla situazione, i quali avrebbero continuato a versare i tributi corrisposti dai precedenti possessori.

  • 55 Cfr. Coco 1941, p. 188-191; Petracca 2017, p. 133-134.
  • 56 Massaro 2016b, p. 26-28; Petracca 2017, p. 138-139.

37Inoltre, sebbene Francavilla avesse «ricercato per capitulo ingiustamente» la separazione sul piano fiscale dal distretto di Oria55, quest’ultima chiese ed ottenne da Ferrante che il versamento della decima da parte di quanti risultassero proprietari di beni nel territorio della città fosse effettuato, tramite il castellano o «in altro loco», congiuntamente agli abitanti di Oria. Risulta chiaro il tentativo della città di ritagliarsi una posizione sempre più incisiva nei confronti dei centri vicini, verso i quali Oria non mancò di esercitare, sia pur contrastata, una discreta pressione56.

38Tra le aspettative espresse dalla comunità cittadina un ruolo fondamentale riveste anche la richiesta di circoscrivere e di difendere i propri spazi e le proprie risorse, naturali ed economiche, dall’esterno. È questo il caso della supplica volta ad impedire il pascolo nei pressi della città e «per miglia tre» al bestiame di provenienza forestiera. Il provvedimento, proibitivo per gli allevatori residenti in altri centri che non fossero «lo corpo de Oyra», si traduceva in una misura protezionistica a vantaggio degli interessi economici della sola comunità oritana.

  • 57 Il casale era probabilmente situato lungo la strada che da San Vito dei Normanni conduceva a Franc (...)
  • 58 Sul rapporto tra città e contado nel Mezzogiorno bassomedievale si rinvia a Vitolo 2005; in partic (...)
  • 59 Maria d’Enghien, contessa di Lecce, sposò in prime nozze Raimondo Orsini del Balzo, principe di Ta (...)
  • 60 Filomena 1994, p. 7-18.

39Ancora nell’interesse della città, e a dimostrazione di una vantata sua preminenza rispetto ai centri minori del territorio, fu reclamata la dipendenza del casale di San Giacomo «de la Ganda», definito «casal’ de Oyra», che aveva subito nel corso del XV secolo un progressivo processo di diserzione, comune ad altri casali della zona, sorti a ridosso della foresta oritana57. Il capitolo in questione, oltre a ricondurre alla pluralità di funzioni (amministrative, religiose e produttive) svolte in pieno Quattrocento dai centri urbani, che esercitavano secondo forme e contenuti diversi una certa egemonia sul territorio circostante58, è esplicativo della volontà di accrescere le entrate della città derivanti dalla gestione della fiscalità indiretta. Più nel dettaglio, si trattava della possibilità di incamerare i proventi della fida per l’utilizzazione dei campi e dei boschi, versata da quanti «pascolavano lo territorio del detto casale». La rivendicazione nasceva del fatto che al tempo della regina Maria d’Enghien59, madre di Giovanni Antonio Orsini del Balzo, quando il casale di San Giacomo era ancora abitato, fu concesso ai residenti l’uso di «tal’terreno» dietro il versamento di un tributo da corrispondere all’università di Carovigno, feudo della stessa regina60. Venuto meno l’esercizio di un diritto su un territorio considerato di pertinenza, una volta morto l’Orsini, Oria perorò la causa affinché «quelli de Caroigne non se habbiano da impacciare sopra tal’ terreno ma solum quelli de Oyra lo debbiano affidare». La conferma del forte ruolo dell’incolto e degli usi collettivi del medesimo nella vita economica della comunità oritana, come di quelle limitrofe, è palese soprattutto nella richiesta di usufruire liberamente del diritto di pascolo («di herbaggio et foresta et alcuna bestiame») nei territori circonstanti la città.

40Ma il privilegio che forse più di tutti apre uno spiraglio sulle potenzialità economiche del centro e sui possibili sviluppi in ambito mercantile e commerciale è quello riguardante la libertà di circolazione concessa ai «cittadini de Oyra» in tutte le province del regno. L’accoglimento di tale richiesta, formulata sulla falsariga delle petizioni della città di Taranto («iuxta gli privileggij tarantini»), rese gli abitanti di Oria, – unitamente a quelli dei casali di Torre Santa Susanna e di Avetrana, che usufruirono della mediazione della città –, franchi ed immuni «in ogni loco». L’estensione del godimento del diritto di cittadinanza in ogni terra demaniale o feudale del regno, – già prerogativa dei mercanti Veneziani e condizione richiesta, anche se spesso respinta, da parte di molte comunità, – potrebbe essere indicativa di una discreta presenza di operatori economici locali, la cui attività avrebbe certo tratto beneficio dal conseguimento di un diritto che favoriva la mobilità e incrementava, in pari tempo, la capacità produttiva e le risorse economiche.

41Un discorso a parte merita poi un gruppo di capitoli dai quali è possibile trarre informazioni preziose sulla costituzione del governo cittadino, sulle competenze di alcuni ufficiali e sull’esercizio dell’attività giudiziaria.

  • 61 Vallone 1999, p. 180: «[…] quando l’universitas è demaniale, la nomina del capitano è regia; quand (...)

42L’azione politica locale, così come accadeva in tutte le università del regno, si esprimeva nell’assemblea degli homines chiamati a dibattere questioni ed emergenze d’interesse collettivo e individuale. Il corpo “parlamentare” faceva capo ad un consiglio ristretto di officiales, composto da uno o più sindaci, dal giudice annuale, dal catapano, dal maestro d’atti e dal camerlengo (camberlingo) o tesoriere, che amministrava le finanze. Queste magistrature operavano sotto il controllo di un capitano di estrazione forestiera, garanzia di imparzialità, il quale, se durante la signoria di Giovanni Antonio Orsini del Balzo, fu designato dallo stesso principe, con il passaggio alla demanialità, divenne di nomina regia61. Presso la dimora del capitano, che amministrava la giustizia, si riuniva il parlamento, presieduto dallo stesso, e formato da tutti i capifamiglia della comunità o da una loro rappresentanza.

  • 62 Sulle competenze di questi ufficiali, si rimanda a Vallone 1991 p. 249-269; e Vallone 1999, p. 134 (...)

43Tra le varie suppliche degna di nota per cogliere le dinamiche politiche interne, verosimilmente alquanto vivaci, è la petizione riguardante la scadenza del mandato delle magistrature cittadine, controllate delle famiglie preminenti. L’università, ricorrendo al placet regio, non solo disciplinò i tempi della carica, che non avrebbe dovuto superare l’anno, ma si espresse anche in merito alle modalità di elezione e di conferma dei propri rappresentanti. All’ufficio di sindaco, ma anche alle altre cariche del reggimento municipale, potevano concorrere esclusivamente i residenti in città. Fu inoltre richiesto che fosse escluso agli esponenti del clero («persona che habbia tonsura ecclesiastica») l’accesso all’ufficio di maestro d’atti, sia presso la curia del baiulo, che giudicava le cause civili di primo grado, sia presso quella del capitano, preposto all’esercizio della giustizia penale62.

44Sull’ufficiale regio, figura di raccordo tra il sovrano e le comunità locali, e sulle modalità di svolgimento del suo incarico, sottoposto a sindacato a conclusione del mandato, si concentravano spesso le attenzioni delle università politicamente più vivaci, interessate ora ad influenzare la sua nomina, ora a limitare l’esercizio delle sue funzioni, ora a ridurne i compensi e le competenze.

  • 63 Sul castello di Oria, cfr. Vetere 2013, p. 145-176; e Vetere 2011, p. XVLI-XLVIII e LXXIII.
  • 64 Massaro 2014, p. 156.

45Il capitano amministrava localmente per conto del re sia la giustizia civile, che esulava dalle competenze del baiulo (secondo grado), sia quella penale; svolgeva funzioni di controllo in ambito amministravo e finanziario; sorvegliava l’attività istituzionale dei centri presenti all’interno del distretto di sua competenza e tutelava l’ordine pubblico, esercitando di fatto uno stretto controllo sulla vita della comunità. Di conseguenza, la definizione delle sue competenze, tanto estese quanto rilevanti, fu spesso oggetto di trattativa tra le università e il sovrano. La città di Oria, ad esempio, il cui castello, considerato «de buona guardia», rappresentava una delle principali strutture difensive del territorio63, fece appello a Ferrante affinché fosse proibito al locale capitano di ricoprire contestualmente anche la carica di castellano. L’assunzione di un doppio incarico, la capitania e la castellania, da parte di una medesima persona era fortemente invisa alle popolazioni, giacché ampliava i poteri dell’ufficiale «attribuendogli una sorta di signoria sulla comunità»64.

46L’azione regolamentatrice finalizzata a definire i ruoli e le competenze delle più alte cariche interessò anche l’esercizio dell’attività giudiziaria, subordinata al rispetto dei «capituli fatti, ordinati et faciendi et ordinandi per li cittadini». Allo scopo, invece, di trattenere i proventi derivanti dall’espletamento delle funzioni pubbliche, i quali sarebbero certo tornati utili per provvedere allo stipendio di ufficiali come il capitano, il castellano e il sergente, l’amministrazione cittadina, già privata di buona parte delle entrate della curia baiulare, assegnate dal sovrano «alle terre circostanti quale pagavano alla predetta bagliva», avocò a se l’incameramento di tutti gli introiti provenienti dalle cause giudiziarie «tanto civili come criminali». Compito dell’università restava però provvedere alla provvigione del capitano, al quale spettavano dodici once annue qualora avesse conseguito il titolo dottorale («se sarà juristo»), e dieci once annue in caso contrario. Il compenso pattuito esonerava la comunità dal dover contribuire alle spese di vitto e di alloggio («casa, letto et ogne altro suo necessario per uso suo») previste per l’ufficiale regio e per il suo seguito di giudici, di assessori e di maestri d’atti. Allo stesso fu inoltre preclusa la possibilità di attingere agli emolumenti degli altri funzionari che costituivano la corte di giustizia.

47Tra le richieste sottoposte ad approvazione regia non mancarono interventi in campo prettamente giudiziario, mirati a tutelare gli interessi dei cittadini, spesso costretti ad essere giudicati «extra menia civitatis Oyrae» o a sostenere spese processuali sin troppo gravose. Nel primo caso, si invocò il sovrano affinché ogni causa civile o penale fosse trattata in loco, presso la corte del capitano. Relativamente alle pratiche processuali e agli importi versati dai querelanti, spesso artificiosamente lievitati, fu concessa la facoltà di ritirare la propria denuncia entro tre giorni, evitando così l’aggravio delle spese aggiuntive.

  • 65 Massaro 2011, p. 349, nota 51.

48Occorre infine precisare che il susseguirsi di richieste di privilegi, di esenzioni fiscali e di approvazioni di capitoli, inoltrate al sovrano dalle università pugliesi nell’autunno-inverno del 1463, riguardò esclusivamente i centri che erano stati immediate subiecti al principe di Taranto; dal solerte atto di dedizione a Ferrante restarono infatti escluse le comunità soggette alla feudalità minore65.

  • 66 Nel 1455 il casale risulta infeudato ad Agostino Guarino (Cfr. ASN, Museo, 99, A6, c. 178). Sulla (...)
  • 67 Sulle successioni feudali del casale, cfr. Massaro 2016b, p. 24; e Foscarini 1903, p. 141-142.

49In tale contesto, i «capitula seu petitiones et supplicationes» presentati dai nobiles homines della città di Oria si rivelano particolarmente interessanti giacché riguardano, come già detto, anche le università e gli abitanti di due casali, che, ancorché infeudati, erano accorpati e subalterni alla città, e dunque, teoricamente, in grado di usufruire delle medesime prerogative di quest’ultima. Il casale di Torre Santa Susanna era incluso nella signoria dei Guarino66, mentre il casale di Avetrana era feudo della famiglia Montefuscolo67. Entrambe le comunità rurali subivano però l’egemonia di Oria, come si evince dal protocollo dei capitoli supplicatori, che indica come soggetto delle petizioni l’«Universitas et homines civitatis Oriae et eius casalium Turris Sanctae Susannae et Santae Mariae de Veterana». Dei ventiquattro capitoli esibiti per l’approvazione regia, solo cinque hanno per oggetto unicamente le istanze della popolazione residente nel casale di Avetrana, i cui rappresentanti lamentarono al sovrano l’arbitrarietà di alcuni gravami imposti «dal loro utile signore».

50Nella prima delle suppliche in cui si dà voce alla comunità di Avetrana si richiamano infatti gli abusi perpetrati «ultra debitum justitiae» sugli uomini del casale, che ottennero da Ferrante la garanzia di un trattamento fiscale analogo a quello stimato al tempo in cui il centro contribuiva alle collette con Oria. Fu inoltre richiesto il rispetto di un’antica consuetudine, che prevedeva di affrancare, vale a dire di esentare da ogni prestazione decimale, due tomoli di terreno coltivabile in occasione delle nozze di un vassallo.

  • 68 Carocci 2014, p. 521. Sulle varie tipologie della dipendenza contadina nel Mezzogiorno medievale, (...)

51A differenza dei capitoli supplicatori già esaminati, espressione soprattutto dell’irrobustimento delle prerogative amministrative della città, delle quali beneficiarono anche le comunità dipendenti, quelli avanzati dalla sola popolazione del casale di Avetrana mettono in luce soprattutto l’incisività e l’arbitrarietà del prelievo signorile (l’esazione di una doppia decima, giacché era stata imposta anche sui cereali coltivati nei terreni non feudali, o la riscossione annua di un tomolo di grano e di un tomolo di orzo «per ciascuno paro di bovi» posseduti), nonché gli effetti negativi prodotti dalla “pervasività” del dominus, ovvero dalla sua capacità «di condizionare la vita sociale e le attività economiche dei subordinati»68. In relazione a ciò, degno di nota è il capitolo in cui la comunità rurale supplica il re di consentire la libera vendita dei prodotti sul mercato al miglior prezzo e al miglior offerente, senza alcuna intromissione da parte del feudale, accusato di condizionare negativamente gli scambi commerciali e di aver indebitamente sottratto beni e risorse alla chiesa locale.

52Per entrambi i casali dipendenti la mediazione dell’università di Oria si rivelò funzionale all’accoglimento delle loro richieste, mentre la città, dal canto suo, se ne fece portavoce al fine di trarne un proprio utile e di accrescere, contestualmente, la sua preminenza sul territorio.

  • 69 Matarrelli Pagano 1976, p. 164-168.
  • 70 Si tratta, in questo caso, di una fonte inedita (ASN, Regia Camera della Sommaria, Segreteria, Par (...)
  • 71 Matarrelli Pagano 1976, p. 168-179. Cfr. anche Vultaggio 1990, p. 26, 29, e 65-66.

53Esemplificativi dell’acquisita capacità interlocutoria e contrattuale della comunità cittadina nei confronti della corona saranno anche i successivi appelli rivolti a Ferrante dagli abitanti di Oria nel giugno del 146969, nel maggio del 147270 e ancora nel marzo del 147571.

54Il dato più evidente che emerge dai capitoli di dedizione del 1463, le cui richieste, come si è visto, investirono vari ambiti della vita civile, è la progressiva consapevolezza dell’università di Oria di svolgere un ruolo politico decisamente più attivo che in passato. La città mostra un’evidente capacità di difesa delle proprie prerogative; avanza richieste ambiziose sia a livello amministrativo sia a livello economico; interviene per modificare l’equilibrio tra le competenze dei propri organismi di governo e quelle degli ufficiali regi, condizionando in maniera più o meno forte l’esercizio delle funzioni svolte da quest’ultimi; avoca a se diritti fiscali e commerciali; beneficia di svariate concessioni e intercede presso la monarchia in difesa degli abitanti dei casali dipendenti inclusi nel suo distretto.

  • 72 Vitolo 2014, p. 102.

55Al di là di quanto il tono delle suppliche abbia potuto più o meno enfatizzare situazioni positive o negative, al fine di far leva sulla prodigalità sovrana, e al di là di quanto lo stesso Ferrante, interessato al più largo consenso, sia riuscito realmente a tenere fede alle promesse, il testo capitolare preso in esame esprime le istanze e le aspettative della comunità di Oria e dei ceti preminenti che la rappresentavano, chiarisce la funzione istituzionale dell’università stessa. Attraverso la formulazione del dettato normativo vengono difese le competenze del governo cittadino ed è promossa la salvaguardia dell’interesse pubblico, segno di una acquisita consapevolezza civica, che ha tratto sicuramente giovamento dall’inclusione della città nel demanio regio. E benché la perifericità geografica abbia a lungo segnato e condizionato la storia di Oria, come del resto quella di molti altri centri di Terra d’Otranto, la città non fu estranea a quel clima di novità e di rinnovamento che, inaugurato con la morte del principe Orsini e con il riconoscimento dello stato di demanialità, condurrà diverse comunità meridionali ad acquisire spazi sempre più ampi di partecipazione politica, all’interno dei quali si andranno via via definendo i contorni di «un’identità complessa». Un’identità che «non si alimentava solo di elementi religiosi e culturali, ma anche […] di ben concrete condizioni giuridiche e di privilegi fiscali […], che rendevano, ad esempio, la cittadinanza di Napoli diversa da quella di Salerno o di Lecce, e non solo in ambito locale, bensì anche nel resto del regno, per cui si era identificati non come sudditi della monarchia, ma in quanto appartenenti ad una determinata comunità urbana»72.



Haut de page

Bibliographie

Archivi

ASN = Archivio di Stato di Napoli.


Bibliografia primaria

Alaggio 2004 = R. Alaggio (a cura di), Le Pergamene dell’Università di Taranto (1312-1652), Galatina, 2004.

Cannataro – Cordasco et altri 2001 = M. Cannataro, P. Cordasco, C. Drago, C. Gattagrisi, S. Magistrale (a cura di), Storia e fonti scritte: Mesagne tra i secoli XV e XVIII. Documenti della biblioteca comunale “Ugo Granafei”, Fasano, 2001.

Caprara – Nocco – Pepe 2014 = R. Caprara, F. Nocco, M. Pepe (a cura di), Libro rosso di Taranto. Codice Architiano (1330-1604), Bari, 2014.

Carabellese 1908 = F. Carabellese, La Puglia nel secolo XV da fonti inedite, I, Bari, 1908.

Cozzetto 1986 = F. Cozzetto, Mezzogiorno e demografia nel XV secolo, Soveria Mannelli, 1986.

Filomena 1994 = E. Filomena (a cura di), Il Libro Magno di Carovigno, Martina Franca, 1994.

Focaurd 1877 = C. Foucard, Fonti di Storia napoletana nell’Archivio di Stato di Modena. Descrizione delle città di Napoli e statistica del regno nel 1444, in Archivio Storico per le Province Napoletane, 2, 1877, p. 725-757.

Frascadore 2002 = A. Frascadore, Gli ebrei a Brindisi nel ‘400. Da documenti del Codice Diplomatico di Annibale De Leo, Galatina, 2002.

Giannuzzi 1935 = A. Giannuzzi (a cura di), Le carte di Altamura (1232-1502), Bari, 1935 (Codice Diplomatico Barese, XII).

Ingrosso 2004 = A. Ingrosso (a cura di), Il Libro Rosso di Gallipoli (Registro di Privilegii), Galatina, 2004.

Magrone 1905 = D. Magrone, Libro Rosso. Privilegi dell’Università di Molfetta, II, Trani, 1905.

Paglia 1700 = C. Paglia, Istoria della città di Giovinazzo, Napoli, 1700.

Papadia 1984 = B. Papadia, Memorie storiche della città di Galatina nella Japigia, Napoli, 1792 (ristampa a cura di G. Vallone, Galatina, 1984).

Papuli 1971 = G. Papuli, Documenti editi ed inediti sui rapporti tra le università di Puglia e Ferdinando I alla morte di Giovanni Antonio del Balzo Orsini, in Studi di storia pugliese in onore di Nicola Vacca, Galatina, 1971, p. 430-471.

Pepe 1888 = L. Pepe, Il Libro Rosso della città di Ostuni, Valle di Pompei, 1888.

Perrone 1896 = M. Perrone, Storia documentata della città di Castellaneta e sua descrizione, Noci, 1896.

Petracca 2010 = L. Petracca, Quaterno de spese et pagamenti fatti in la cecca de Leze (1461/62), Roma, 2010 (Istituto Storico Italiano per il Medio Evo, Centro di Studi Orsiniani, Fonti, II).

Profilo 1870 = P. Profilo, La Messapografia ovvero Memorie istoriche di Mesagne in provincia di Lecce, II, Lecce, 1870.

Senatore 1997 = F. Senatore (a cura di), Dispacci sforzeschi da Napoli, I (1444- 2 luglio 1458), Salerno, 1997.

Tafuri 1848 = G.B. Tafuri, Dell’origine, sito ed antichità della Città di Nardò, libri due brevemente descritti, in M. Tafuri, Opere di Angelo, Stefano, Bartolomeo, Bonaventura, Gio. Bernardino e Tommaso Tafuri di Nardò, ristampate e annotate, I, Napoli, 1848.

Trinchera 1874 = F. Trinchera, Codice aragonese o sia Lettere regie, ordinamenti ed altri atti governativi de’ sovrani aragonesi in Napoli riguardanti l’amministrazione interna del Reame e le relazioni all’estero, III, Napoli, Tipografia di Antonio Cavaliere, 1874. 

Volpicella 1926 = L. Volpicella, Un registro di ligi omaggi al re Ferdinando d’Aragona, in Sudi di storia napoletana in onore di Michelangelo Schipa, Napoli, 1926.

Vultaggio 1990 = C. Vultaggio (a cura di), Frammenti dei Registri “Curie Summarie” degli anni 1463-1499, Napoli, presso l’Accademia, 1990 (Fonti Aragonesi, XIII).


Bibliografia secondaria

Airò 2000 = A. Airò, Per una storia dell’universitas di Taranto nel Trecento, in Archivio Storico Italiano, 158, 2000, p. 29-84.

Airò 2004 = A. Airò, La scrittura delle regole. Politica e istituzioni a Taranto nel Quattrocento, tesi di dottorato, Università degli Studi di Firenze, XV ciclo, 2004.

Airò 2005 = A. Airò, Forme del dominio territoriale a Taranto tra Tre e Quattrocento. Un percorso documentario, in G. Vitolo (a cura di), Città e contado nel Mezzogiorno tra Medioevo ed età Moderna, Salerno, 2005, p. 249-260.

Airò 2008 = A. Airò, «Et signanter omne cabella et dacii sono dela detta università». Istituzioni, ambiente, politiche fiscali di una ‘località centrale’: Manfredonia nel sistema territoriale di Capitanata tra XIII e XVI secolo, in R. Licinio (a cura di), Storia di Manfredonia, I, Il Medioevo, Bari, 2008, p. 165-214. 

Airò 2009a = A. Airò, L’inventario dell’archivio che non c’è più. I privilegi aragonesi come deposito della memoria documentaria dell’università di Taranto, in A. Bartoli Langeli, A. Giorgi, S. Moscadelli (a cura di), Archivi e comunità tra Medioevo ed Età Moderna, Siena, 2009 (Ministero per i beni e le attività culturali – Direzione generale per gli archivi. Pubblicazioni degli Archivi di Stato, Saggi, 92), p. 521-558.

Airò 2009b = A. Airò, «Cum omnibus eorum cautelis, libris et scripturis». Privilegi di dedizione, scritture di conti, rendicontazioni e reti informative nella dissoluzione del Principato di Taranto (23 giugno 1464 – 20 febbraio 1465), in Reti Medievali, 10, 2009, http://www.retimedievali.it.

Bianchini 1971 = L. Bianchini, Storia delle finanze del Regno delle due Sicilie, a cura di L. De Rosa, Napoli, 1971 (1a ed. Palermo 1839).

Calasso 1929 = F. Calasso, La legislazione statutaria dell’Italia meridionale, Bologna, 1929. 

Carocci 2004 = S. Carocci, Signoria rurale, prelievo signorile e società contadina (sec. XI-XIII): la ricerca italiana, in M. Bourin, P. Martinez Sopena (a cura di), Pour une anthropologie du prélèvement seigneurial dans les campagnes médiévales. Réalités et représentations paysannes, Paris, 2004, p. 63-82.

Carocci 2010 = S. Carocci (a cura di), La mobilità sociale nel Medioevo, Roma, 2010 (Collection de l’École française de Rome, 436).

Carocci 2014 = S. Carocci, Signorie di Mezzogiorno. Società rurali, poteri aristocratici e monarchia (XII-XIII secolo), Roma, 2014.

Cirilllo 2015 = G. Cirillo, Spazi contesi. Camera della Sommaria, baronaggio, città e costruzione dell’apparato territoriale del Regno di Napoli (secc. XV-XVIII), Milano, 2015, p. 186-219.

Coco 1919 = P. Coco, La foresta oritana e i suoi antichi casali. Appunti e documenti, Lecce, 1919.

Coco 1941 = P. Coco, Francavilla Fontana nella luce della storiaFonti materiali e studi per la storia nostrana, Taranto, 1941 (rist. fotomeccanica, Galatina, 1988).

Corrao 1995 = P. Corrao, Città e normativa cittadina nell’Italia meridionale e in Sicilia nel medioevo: un problema storiografico da riformulare, in R. Dondarini (a cura di), La libertà di decidere. Realtà e parvenze di autonomia nella normativa locale del medioevo. Atti del convegno nazionale di studi (Cento, 6-7 maggio 1993), Cento, 1995, p. 35-60.

Corrao 2004 = P. Corrao, Negoziare la politica: i «capitula impetrata» delle comunità del regno siciliano nel XV secolo, in C. Nubola, A. Würgler (a cura di), Forme della comunicazione politica in Europa nei secoli XV-XVIII. Suppliche, gravamina, lettere / Formen der politischen Kommunikation in Europa vom 15. bis 18. Jahrhundert. Bitten, Beschwerden, Briefe, Bologna-Berlin, 2004, p. 119-136.

Corrao – Mineo 2009 = P. Corrao, I.E. Mineo, Pensare la Sicilia medievale, in P. Corrao, I.E. Mineo (a cura di), Dentro e fuori la Sicilia. Studi di storia per Vincenzo d’Alessandro, Roma, 2009, p. 7-27.

Della Misericordia 2006 = M. Della Misericordia, Divenire comunità. Comuni rurali, poteri locali, identità sociali e territoriali in Valtellina e nella montagna lombarda nel tardo Medioevo, Milano, 2006.

Delle Donne 1991 = R. Delle Donne, Alle origini della Regia Camera della Sommaria, in Rassegna Storica Salernitana, 15, 1991, p. 25-61. 

Delle Donne 2012 = R. Delle Donne, Burocrazia e fisco a Napoli tra XV e XVI secolo: la Camera della Sommaria e il Repertorium alphabeticum solutionum fiscalium Regni Siciliae Cisfretanae, Firenze, 2012, p. 37-118.

Del Treppo 1986 = M. Del Treppo, Il Regno aragonese, in G. Galasso, R. Romeo (a cura di), Storia del Mezzogiorno, IV, Il Regno dagli Angioini ai Borboni, Roma, 1986, p. 89-201.

Egidi 1920 = P. Egidi, Ricerche sulla popolazione dell’Italia meridionale nei secoli XIII e XIV, in Miscellanea di studi storici in onore di Giovanni Sgorza, Lucca, 1920, p. 731-750.

Epstein 1996 = S.R. Epstein, Governo centrale e comunità locali nella Sicilia tardo-medievale: le fonti capitolari (1282-1499), in La Corona di Aragona in Italia (secc. XIII-XVIII). Atti del XIV Congresso di Storia della Corona d’Agarona, III, Presenza ed espansione della Corona d’Aragona in Italia (secc. XIII-XV), Sassari, 1996, p. 388-393.

Faraglia 1883 =N.F. Faraglia, Il Comune nell’Italia meridionale (1100-1806), Napoli, 1883.

Foscarini 1903 = A. Foscarini, Armerista e notiziario delle famiglie nobili, notabili e feudatarie di Terra d’Otranto, Lecce, 1903 (rist. anastatica Bologna 1979).

Francesconi 2011 = G. Francesconi, Scrivere il contado. I linguaggi della costruzione territoriale cittadina nell’Italia centrale, in MEFRM, 123-2, 2011, p. 499-529.

Galasso 1971 = G. Galasso, Dal Comune medievale all'unità. Linee di storia meridionale, Bari, 1971.

Galasso 1992 = G. Galasso, Il regno di Napoli, I, Il mezzogiorno angioino e aragonese (1266-1494), in G. Galasso (a cura di), Storia d’Italia, 15/1, Torino, 1992.

Galasso 1996 = G. Galasso, Sovrani e città nel Mezzogiorno tardo-medievale, in S. Gensini (a cura di), Principi e città alla fine del Medioevo, Ospedaletto, 1996, p. 225-247.

Gamberini 2017 = G. Gamberini (a cura di), La mobilità sociale nel Medioevo italiano, 2, Stato e istituzioni (secoli XIV-XV), Roma, 2017. 

Gentile 1938 = P. Gentile, Lo stato napoletano sotto Alfonso I d’Aragona, in Archivio Storico per le Province Napoletane, 24, 1938), p. 1-56.

Kiesewetter 2008 = A. Kiesewetter, Maria d’Enghien, regina di Sicilia, sv, in DBI, 70, Roma, 2008.

Lorè 2008 = V. Lorè, Signorie locali e mondo rurale, in R. Licinio, F. Violante (a cura di), Nascita di un regno. Poteri signorili, istituzioni feudali e strutture sociali nel Mezzogiorno normanno (1130-1194). Atti delle diciassettesime giornate normanno-sveve (Bari 10-13 ottobre 2006), Bari, 2008, p. 207-237.

Manicone 2016 = M. Manicone, La tassazione diretta nel regno di Napoli tra la fine del XIII e la metà del XV secolo, in Peloro, I-2, 2016, p. 77-128.

Massaro 2005 = C. Massaro, Città e territorio nella contea di Lecce, in G. Vitolo (a cura di), Città e contado nel Mezzogiorno tra Medioevo ed età Moderna, Salerno, 2005, p. 229-248.

Massaro 2011 = C. Massaro, Una comunità rurale del Mezzogiorno tardomendievale: Ceglie “de Gualdo” nel XV secolo, in C. Massaro, L. Petracca (a cura di), Territorio, culture e poteri nel Medioevo e oltre. Scritti in onore di Benedetto Vetere, Galatina, 2011, I, p. 333-367.

Massaro 2013 = C. Massaro, Il principe e le comunità, in L. Petracca, B. Vetere (a cura di), Un principato territoriale nel Regno di Napoli? Gli Orsini del Balzo principi di Taranto (1399-1463), Atti del Convegno di Studi (Lecce, 20-22 ottobre 2009), Roma, 2013 (Istituto Storico Italiano per il Medio Evo, Centro di Studi Orsiniani, Studi, 1), p. 335-348. 

Massaro 2014 = C. Massaro, Amministrazione e personale politico nel principato orsiniano, in G.T. Colesanti (a cura di), “Il re cominciò a conoscere che il principe era un altro re”. Il principato di Taranto e il contesto mediterraneo (secc. XII-XV), Roma, 2014 (Istituto Storico Italiano per il Medio Evo, Centro di Studi Orsiniani, Studi, 2), p. 139-188.

Massaro 2016a = C. Massaro, Centri minori tra potere regio, potere signorile ed egemonie urbane: il caso di Oria e Avetrana nel XV secolo, in Itinerari di Ricerca Storica, XXX-2, 2016, n.s., p. 21-32.

Massaro 2016b = C. Massaro, Spazi pubblici e città nella Puglia del Tardo Medioevo, in G. Vitolo (a cura di), Città, spazi pubblici e servizi sociali nel Mezzogiorno medievale, Battipaglia, 2016, p.175-209.

Matarelli Pagano 1976 = M. Matarrelli Pagano, Raccolta di notizie patrie dell’antica città di Oria nella Messapia, a cura di E. Travaglini, Oria, 1976.

Mineo 2001 = E.I. Mineo, Norme cittadine, sviluppo istituzionale, dinamica sociale: sulla scritturazione consuetudinaria in Sicilia tra XIII e XIV secolo, in G. Rossetti (a cura di), Legislazione e prassi istituzionale nell’Europa medievale. Tradizioni, normative, ordinamenti, circolazione mercantile (secoli XI-XV), Napoli, 2001, p. 379-399. 

Mineo 2003a = E.I Mineo, Come leggere le comunità locali nella Sicilia del Tardo Medioevo. Alcune note sulla prima metà del Quattrocento, in MEFRM, 115-1, 2003, p. 597-610.

Mineo 2003b = E.I. Mineo, Sicilia urbana, in F. Benigno, C. Torrisi (a cura di), Rappresentazioni e immagini della Sicilia tra storia e storiografiaAtti del Convegno di Studi, Caltanissetta, 2003, p. 19-41.

Morelli 1996 = S. Morelli, Tra continuità e trasformazioni: su alcuni aspetti del Principato di Taranto alla metà del XV secolo, in Società e Storia, 19, 1996, p. 487-525. 

Morelli 2009 = S. Morelli, «Pare el pigli tropo la briglia cum li denti». Dinamiche politiche e organizzazione nel Principato di Taranto sotto il dominio di Giovanni Antonio Orsini del Balzo, in F. Somiani, B. Vetere (a cura di), Geografie e linguaggi politici alla fine del Medio Evo. I domini del principe di Taranto in età orsiniana (1399-1463), Galatina, 2009, p. 127-148. 

Morelli 2013 = S. Morelli, Aspetti di geografia amministrativa nel principato di Taranto alla metà del XV secolo, in L. Petracca, B. Vetere (a cura di), Un principato territoriale nel Regno di Napoli? Gli Orsini del Balzo principi di Taranto (1399-1463), Roma, 2013 (Istituto Storico Italiano per il Medio Evo, Centro di Studi Orsiniani, Studi, 1), p. 199-245.

Musi 2000 = A. Musi (a cura di), Le città del Mezzogiorno nell’età moderna, Napoli, 2000.

Nubola – Würgler 2002 = C. Nubola, A. Würgler (a cura di), Suppliche e «gravamina». Politica, amministrazione, giustizia in Europa (secoli XIV-XVIII), Bologna, 2002 (Annali dell’Istituto Storico italo-germanico in Trento, Quaderni, 59), p. 7-16.

Palumbo 1869 = P. Palumbo, Storia di Francavilla, città in Terra d’Otranto, II, Lecce, 1869.

Pastore 1957 = M. Pastore, Le condizioni del Principato di Taranto alla morte di Giovanni Antonio Del Balzo Orsini, in Informazioni archivistiche e bibliografiche sul Salento, I-4, 1957, p. 8-15.

Petracca 2011 = L. Petracca, L’espansione del circuito fieristico regionale nel Quattrocento. Fiere e mercati in Terra di Bari e Terra d’Otranto, in C. Massaro, L. Petracca (a cura di), Territorio, culture e poteri nel Medioevo e oltre. Scritti in onore di Benedetto Vetere II, Galatina, 2011, p. 449-469.

Petracca 2013 = L. Petracca, Di porto in fiera nel Quattrocento. Un itinerario fieristico tra due mari da Barletta a Taranto, in Bullettino dell’Istituto Storico Italiano per il Medioevo, 115, 2013, p. 345-374.

Petracca 2015 = L. Petracca, Luoghi, tempi e spazi del sistema fiera in Puglia tra XIII e XIV secolo, in F. Monteleone, L. Lofuoco (a cura di), Dulcis nil est mihi veritateStudi in onore di Pasquale Corsi, Foggia, 2015, p. 387-418.

Petracca 2017 = L. Petracca, Un borgo nuovo angioino di Terra d’Otranto: Francavilla Fontana (secc. XIV-XV), Galatina, 2017.

Petralia 2006 = G. Petralia, La “signoria” nella Sicilia normanna e sveva: verso nuovi scenari?, in C. Violante, M.L. Ceccarelli Lemut (a cura di), La signoria rurale in Italia nel MedioevoAtti del II Convegno di studi (Pisa, 6-7 novembre 1998), Pisa, 2006, p. 233-270.

Piccinni 2006 = G. Piccinni, Regimi signorili e conduzione delle terre nel Mezzogiorno continentale, in R. Licinio, F. Violante (a cura di), I caratteri originari della conquista normanna. Diversità e identità nel Mezzogiorno (1030-1130)Atti delle sedicesime giornate normanno-sveve (Bari, 5-8 ottobre 2004), Bari, 2006, p. 181-215.

Pizzuto 2009 = S. Pizzuto, Il Quaternus declaracionum di Francesco de Agello (1450-1461). Un contributo allo studio della geografia politica del principato di Taranto in età orsiniana, in F. Somaini, B. Vetere (a cura di), Geografie e linguaggi politici alla fine del Medio Evo. I domini del principe di Taranto in età orsiniana (1399-1463), Galatina, 2009, p. 61-76.

Rovere 1989 = A. Rovere, I “libri iurium” dell’Italia comunale, in Civiltà comunale. Libro, scrittura, documento, Atti del Convegno (Genova, 8-11 novembre 1988), Genova, 1989, p. 157-199.

Senatore 2001 = F. Senatore, Pontano e la guerra di Napoli, in G. Chittolini, M. Del Treppo, B. Figliuolo (a cura di), Condottieri e uomini d’arme nell’Italia del Rinascimento (1350-1550), Napoli, 2001, p. 281-311. 

Senatore – Storti 2002 = F. Senatore, F. Storti, Spazi e tempi della guerra nel Mezzogiorno aragonese. L’itinerario militare di re Ferrante (1458-1464), Salerno, 2002.

Senatore 2009 = F. Senatore, Gli archivi delle Universitates meridionali: il caso di Capua ed alcune considerazioni generali, in A. Bartoli Langeli, A. Giorgi, S. Moscadelli (a cura di), Archivi e comunità tra Medioevo ed Età Moderna, Roma, 2009, p. 447-520.

Senatore 2010 = F. Senatore, Parlamento e luogotenenza generale. Il regno di Napoli nella Corona d’Aragona, in J.A. Sesma Muñoz (a cura di), La Corona de Aragón en el centro de su historia. 1208-1458La Monarquía aragonesa y los reinos de la Corona, Zaragoza, 2010, p. 435-478.

Senatore 2015 = F. Senatore, Sistema documentario, archivi e identità cittadine nel regno di Napoli durante l’antico regime, in Archivi, X-1, 2015, p. 33-74.

Senatore 2016 = F. Senatore, Forme testuali del potere nel Regno di Napoli. I modelli documentari, le suppliche, in Rassegna storica salernitana, 33, 66, 2016, p. 54-70.

Senatore c.s. = F. Senatore, Una città, il Regno: istituzioni e società a Capua nel XV secolo, Roma, c.s.

Sasse Tateo 1993 = B. Sasse Tateo, I “libri rossi” di Puglia: una prima indagine, in F. Magistrale (a cura di), I protocolli notarili tra medioevo ed età moderna. Storia istituzionale e giuridica, tipologia, strumenti per la ricercaAtti del Convegno di Studi (Brindisi, 12-13 novembre 1992), in Archivi per la storia, 6, 1993, p. 263-271.

Stanco 2012 = G. Stanco, Gli statuti di Ariano. Diritto municipale e identità urbana tra Campania e Puglia, Ariano Irpino, 2012.

Storti 2000 = F. Storti, “La più bella guerra del mundo”. La partecipazione delle popolazioni alla guerra di successione napoletana (1459-1464), in G. Rossetti, G. Vitolo (a cura di), Medioevo Mezzogiorno Mediterraneo. Studi in onore di Mario del Treppo, I, Napoli, 2000, p. 325-346.

Taddei 2011 = G. Taddei, Comuni rurali e centri minori dell’Italia centrale tra XII e XIV secolo, in MEFRM, 123-2, 2011, p. 319-334.

Tanzini – Tognetti 2016 = L. Tanzini, S. Tognetti (a cura di), La mobilità sociale nel Medioevo italiano, 1, Competenze, conoscenze e saperi tra professioni e ruoli sociali (secc. XII-XV), Roma, 2016.

Terenzi 2012 = P. Terenzi, Una città “superiorem recognoscens”. La negoziazione tra L’Aquila e i sovrani aragonesi (1442-1496), in Archivio Storico Italiano, 170, 2012, p. 619-651.

Terenzi 2015 = P. Terenzi, L'Aquila nel Regno: i rapporti politici fra città e monarchia nel mezzogiorno medievale, Bologna, 2015.

Tognetti 2012 = S. Tognetti, L’economia del Regno di Napoli tra Quattro e Cinquecento. Riflessioni su una recente rilettura, in Archivio Storico Italiano, 170, 2012, p. 757-768.

Travaglini 1977 = E. Travaglini, I limiti della foresta oritana in documenti e carte dal 1432 al 1809, Oria, 1977.

Vallone 1991 = G. Vallone, Riflessioni sull’ordinamento cittadino del mezzogiorno continentale, in Rivista Internazionale di Diritto Comune, 2, 1991, p. 249-269. 

Vallone 1999 = G. Vallone, Istituzioni feudali dell’Italia meridionale tra Medioevo ed Antico Regime. L’area salentina, Roma, 1999.

Vallone 2010 = G. Vallone, L’originarietà dei poteri e la costituzione mista, in M.L. Tacelli, V. Turchi (a cura di), Studi in onore di P. Pellegrino, III, Napoli, 2010, p. 303-320.

Vallone 2016 = G. Vallone, Autonomie cittadine, miserabiles personae,“pubblico”, in G. Vitolo (a cura di), Città, spazi pubblici e servizi sociali nel Mezzogiorno medievale, Battipaglia, 2016.

Vassallo 2009 = M.R. Vassallo, «Postquam civitas Licii devenit ad dominum incliti regis domini Ferdinandi». Lecce e la contea nella transizione dagli Orsini del Balzo agli Aragona, in F. Somaini, B. Vetere (a cura di), Geografie e linguaggi politici alla fine del Medio Evo. I domini del principe di Taranto in età orsiniana (1399-1463), Galatina, 2009, p. 185-197.

Vetere 1984 = B. Vetere, Distrettuazione diocesana e organizzazione parrocchiale in Puglia nei secoli XIII-XV, in Pievi e parrocchie in Italia nel Basso Medioevo (sec. XIII-XV)Atti del VI Convegno di Storia della Chiesa in Italia (Firenze, 21-25 settembre 1981), Roma, 1984, p. 1110-1132.

Vetere 2011 = B. Vetere, Giovanni Antonio Orsini del Balzo. Il principe e la corte alla vigilia della congiura (1463). Il Registro 244 della Camera della Sommaria, Roma 2011 (Istituto Storico Italiano per il Medio Evo, Centro di Studi Orsiniani, Fonti, I).

Vetere 2013 = B. Vetere, Oria 13 luglio-31 agosto 1463. Il tinello di Margaritella e Isabella Orsini del Balzo. Dal Registro 257/II della Camera della Sommaria, in Mediterranean Chronicle, 3, 2013, p. 145-176.

Violante 2009 = F. Violante, Il re, il contadino, il pastore. La grande masseria di Lucera e la Dogana delle pecore di Foggia tra XV e XVI secolo, Bari, 2009.

Visceglia 1988 = M.A. Visceglia, Territorio, feudo e potere locale. Terra d’Otranto tra Medioevo ed età moderna, Napoli, 1988.

Vitolo 2005 = G. Vitolo (a cura di), Città e contado nel Mezzogiorno tra Medioevo ed età Moderna, Salerno, 2005.

Vitolo 2007 = G. Vitolo, «In palatio Communis». Nuovi e vecchi temi della storiografia sulle città del Mezzogiorno medievale, in G. Chittolini, G. Petti Balbi, G. Vitolo (a cura di), Città e territori nell’Italia del Medioevo. Studi in onore di Gabriella Rossetti, Napoli, 2007, p. 243-294.

Vitolo 2014 = G. Vitolo, L’Italia delle altre città. Un’immagine del Mezzogiorno medievale, Napoli, 2014.

Haut de page

Notes

1 Vitolo 2014, p. XIII.

2 Sul sistema amministrativo all’interno del regno di Napoli e sul progressivo consolidamento dell’istituto dell’universitas tra primo e secondo Quattrocento, si rinvia a Faraglia 1883; Calasso 1929; Bianchini 1971; Senatore 2009 e Cirilllo 2015.

3 Sulla vivacità politica delle città meridionali tra tardo Medioevo e prima Età Moderna, soggetto di una ricca produzione storiografica, si rinvia, innanzitutto, a Galasso 1971; e Galasso 1996, p. 225-247. Per lavori più recenti vedi: Musi 2000; Mineo 2003a, p. 597-610; Mineo 2003b, p. 19-41; Corrao – Mineo 2009, p. 7-27; Terenzi 2012, p. 619-651; Terenzi 2015; Senatore c.s. Per un bilancio sugli studi, cfr. Vitolo, 2007, p. 243-294; e Vitolo 2014, p. XIII-XXIII.

4 Massaro 2011, I, p. 333-367: 334. Sulla vivacità di alcune comunità rurali di Terra d’Otranto, si rinvia ad un recente lavoro su Francavilla a cura di scrive: Petracca 2017.

5 Sui Libri rossi vedi Rovere 1989, p. 157-199; e Sasse Tateo 1993, p. 263-271.

6 Sull’argomento, cfr. Airò 2009a, p. 521-558: 521-522; Senatore 2009, p. 447-520; e Senatore 2015, p. 33-74.

7 Faraglia 1883; Trinchera 1874. Per una puntuale interpretazione sugli statuti e sui privilegi aragonesi editi dal Trinchera e su altre raccolte quattrocentesche, cfr. Cirillo 2015, p. 204-213.

8 Si tratta, in particolar modo, di copie di documenti conservati presso gli archivi locali, autenticate da un notaio ed esibite in occasione dei processi allestiti in età moderna su sollecitazione delle comunità o dei baroni, al fine di ottenere la convalida di antichi privilegi o il riconoscimento dei diritti signorili. Il ricorso a tali fonti non esclude però la possibilità di imbattersi spesso in testi poco attendibili.

9 Nel celebre memoriale della Descrizione della città di Napoli e statistica del regno del 1444, il principe di Taranto, «signore da per sé in lo Reame», è indicato quale signore «de più de quatrocento castelle, e comenzia el suo dominio dala porta del mercha’ de Napoli […] e dura per XV zornade per fina in capo de Leucha, e chi lo chiama lo Sacho de Terra de Otranto, e dura per melya quatrocento e più. E lì ve sono queste terre principale e grande, oltra le castelle preditte, et primo: Tarrantina, dove è lo archiepisco, Vrindize, Lezza, Convertino, Otrento, Nardo, Mathera, Gallipoli, insula de mare, Oyra, Misagna, Astone, Altamura, Monervino, Santo Pietro in Gallatina, Masaffra, La Terza, Castelanetha, Le Grotalye, Ociento, Cassalnovo, Pullignano, Ascoli de Capitaniato, Rutilyano, Conversano, Gravina, La Cerra, Marigliano, Califfri. Item lo principio anteditto da Taranto ha sotto de se pilyatto tutto lo ducato de Barri, da poy la morte de messer Iacopuzo Caldora». Il documento, forse opera di un ambasciatore veneziano, e che attribuisce al principe il dominio di circa una trentina di centri, tra città e terre, è stato edito la prima volta da Foucard 1877, p. 725-757. Un’edizione più accurata è in Senatore 1997, p. 3-19.

10 Sulla data della morte di Giovanni Antonio Orsini del Balzo, confermata dall’impegno assunto dal capitolo e dal clero di Altamura di celebrare uffici funebri in memoria dell’Orsini il 15 novembre di ogni anno, si rinvia a Giannuzzi 1935, p. 415.

11 Del passaggio dalla giurisdizione baronale di Giovanni Antonio Orsini del Balzo a quella regia, sotto la luogotenenza di Federico d’Aragona, è fatta menzione in ASN, Diversi della Sommaria, II Numerazione, Reg. 253, ms., c. 55v. Una puntuale analisi del momento è stata condotta da Airò 2009b, p. 1-39. Cfr. anche Vassallo 2009, p. 185-197.

12 Senatore – Storti 2002, p. 204, nota 35.

13 Volpicella 1926, p. 305-309, p. 317-319.

14 In entrambe le direzioni la medievistica ha prodotto negli ultimi anni ricerche interessanti, formulando nuove categorie interpretative. Sul tema della mobilità sociale nell’ultimo scorcio del Medioevo, si rinvia al volume curato da Sandro Carocci (Carocci 2010), che ha rappresentato una valida fonte di ispirazione per successive riflessioni. Cfr. anche Tanzini Tognetti 2016; e Gamberini 2017. Relativamente al problema del rapporto tra città egemoni e insediamenti minori (terre, casali, borghi e villaggi rurali), si è andato progressivamente ridimensionando il ruolo delle prime, per cogliere invece la pluralità dei poteri attivi sul territorio, espressione di forze politiche, sociali ed economiche variamente articolate, ma anche di percorsi strategici differenti, promossi da una molteplicità di soggetti. Sul tema, fecondo di spunti soprattutto per quanto concerne le regioni dell’Italia centro-settentrionale, si limita il rinvio a Della Misericordia 2006; Taddei 2011; e Francesconi 2011.

15 Il fuoco, che avrebbe in teoria dovuto rappresentare l’unità familiare produttrice di reddito, era in realtà un’unità di conto funzionale alla ripartizione del carico fiscale. Sulla riforma fiscale introdotta da Alfonso, e che prevedeva la tassazione per fuochi, si rinvia ai classici lavori di Bianchini 1971, p. 118, 173-175; Gentile 1938, p. 1-56: 52-53; e Del Treppo 1986, p. 110-116.

16 Galasso 1992, p. 410.

17 Ferrante, nonostante la pace siglata a Bisceglie il 21 settembre del 1462, era stato costretto a tornare in Puglia a causa del protrarsi degli scontri, sobillati dall’Orsini e dai suoi alleati, che sostenevano la successione al trono di Giovanni d’Angiò. Sulla guerra di successione napoletana e sull’itinerario seguito da Ferrante, si rinvia alla puntuale ricostruzione e alle tabelle cronologiche compilate da Francesco Senatore e da Francesco Storti in Senatore – Storti 2002, p. 227-267; e ai densi saggi di Storti 2000, p. 325-346; e di Senatore 2001, p. 281-311.

18 Sulle suppliche cfr. Epstein 1996 e Nubola – Würgler 2002. Sul linguaggio della dedizione adottato dai delegati delle università, si veda ancora ad Airò 2009b. Sull'iter per la presentazione delle suppliche e sulle loro caratteristiche formali, cfr. Senatore 2016.

19 Volpicella 1926, p. 317-319.

20 Il governo del principe di Taranto fu caratterizzato da un’incisiva opera di razionalizzazione e di rafforzamento dell’apparato amministrativo, sia centrale sia periferico. Oltre ai proventi delle imposte dirette, il principe usufruiva di numerosi diritti signorili e giurisdizionali, per la cui riscossione si avvaleva di una nutrita schiera di funzionari e di amministratori. Sull’organizzazione amministrativa del principato di Taranto vedi Morelli 1996, p. 487-525; Morelli 2009, p. 127-148; Morelli 2013, p. 199-245; Massaro 2013, p. 335-348; e Massaro 2014, p. 139-188. Oltre ai lavori indicati, tra le pubblicazioni del Centro Studi Orsiniani, si segnala anche l’edizione di due registri della cancelleria principesca curata da Petracca 2010 e da Vetere 2011.

21 Per la Sicilia, l’accento sulla negoziazione nei rapporti tra comunità e monarchia è stato posto da Corrao 2004, p. 119-136. Per il Mezzogiorno continentale, cfr. Airò 2008, p. 165-214; Airò 2004; Senatore 2010, p. 435-478; Stanco 2012; Terenzi 2012; e Terenzi 2015. 

22 Sulle fonti capitolari, vedi Epstein 1996, p. 388-393; e Mineo 2001, p. 379-399.

23 Il casale si configurava come un piccolo villaggio rurale aperto, sprovvisto di mura di cinta o di altra fortificazione, abitato da una popolazione contadina che coltivava modeste quote di terreno, gravate dal prelievo signorile. La qualifica di terra, invece, indicava solitamente un insediamento dotato di una struttura difensiva (un castello, una torre o una semplice casa castrale), che tuttavia non ospitava alcun potere, né politico né religioso. Centro prevalentemente rurale, la terra accoglieva una popolazione più numerosa di quella residente in un casale. Vedi Petracca 2017, p. 96.

24 Volpicella 1926, p. 317.

25 Ibid.; Magrone 1905, II, p. 156.

26 Giannuzzi 1935, p. 418; Paglia 1700, p. 206-207.

27 Volpicella 1926, p. 317. Per i capitoli di Taranto vedi Pastore 1957, p. 8-15, ora in Alaggio 2004, p. 101-114; per quelli di Castellaneta vedi Perrone 1896, p. 54-64.

28 Per i capitoli di Mesagne, cfr. Profilo 1870, II, p. 215-218; ora in Cannataro -Cordasco et altri 2001, p. 9-17.

29 Per i capitoli di Bari, cfr. Carabellese 1908, p. 192-201; per quelli di Brindisi, cfr. Papuli 1971, p. 442-447, ora in Frascadore 2002, p. 67-76; per quelli di Gallipoli, cfr. Papuli 1971, p. 450-456, ora in Ingrosso 2004, p. 31-36; per quelli di Nardò, cfr. Tafuri 1848, p. 411-419; per quelli di San Pietro in Galatina, cfr. Papadia 1984, p. 76-84; per quelli di Francavilla, cfr. Palumbo 1869, II, p. 415-420.

30 Volpicella 1926, p. 317.

31 Per il testo integrale dei capitoli del 1463 si rinvia a Papuli 1971, p. 464-471. Una prima edizione fu curata da Mario Matarrelli Pagano, castellano di Lecce, vissuto a cavallo tra il XVI e il XVII secolo, e autore di una raccolta di memorie storiche della città di Oria. Cfr. Matarrelli Pagano 1976, p. 154-164.

32 Sulla partecipazione delle città al processo “generativo” delle norme, cfr. Corrao 1995, p. 35-60.

33 Per l’dizione vedi Cozzetto 1986, p. 136-140. Sulla problematica inerente la datazione della numerazione ivi registrata si rimanda a Violante 2009, p. 48. Nelle fonti fiscali relative agli anni Quaranta-Sessanta del XV secolo, la provincia di Terra d’Otranto, corrispondente grossomodo alle attuali provincie di Brindisi, Lecce e Taranto, contava circa 160 università, delle quali solo due città, Lecce e Taranto, erano tassate per una popolazione superiore a 1000 fuochi; seguivano Galatina e Nardò (rispettivamente fuochi 578 e 542); una decina di centri raggiungevano una popolazione superiore ai 200 fuochi, 9 università erano sotto i 200, 22 tra i 50 e i 100 fuochi, mentre le restanti comunità erano tassate per un numero di fuochi inferiore a 50. Per i dati riferibili agli anni 1459/1460, si rinvia alla contabilità rendicontata dagli erari generali del principe di Taranto (cfr. ASN, Diversi della Sommaria, II Numerazione, Reg. 248, ms., cc. 34r-46v, 42r-53v, 130r-139v, 149r-151v). Cfr. anche le tabelle curate da Visceglia 1988, p. 72-92. Per una descrizione del Registro 248 si rinvia a Pizzuto 2009, p. 61-76.

34 Sulla provincia metropolitica di Brindisi e sulle sedi di Oria e di Ostuni, suffraganee dell’archidiocesi di Brindisi, cfr. Vetere 1984, p. 1110-1132: 1113.

35 Sull’approssimazione dei dati di natura fiscale e sulle insidie connesse alla loro utilizzazione per l’individuazione della consistenza demografica dei singoli insediamenti, cfr. Del Treppo 1986, p. 111-112; Tognetti 2012, p. 757-768: 763; Vitolo 2014, p. 1-3; Manicone 2016, p. 86: «[…] si può affermare con certezza che le liste dei fuochi servivano unicamente a stabilire il valore effettivo dell’imponibile dell’università. Il fuoco non aveva nessun rapporto reale con il vero numero di nuclei familiari, ma era un’unità di conto per il calcolo della colletta, proprio come l’oncia non era la moneta reale ma semplicemente l’unità per il calcolo del valore del denaro. Quanto pagasse effettivamente il fuoco reale, il nucleo familiare, non interessava alla curia, la quale era a conoscenza solo del valore teorico imposto a ogni nucleo».

36 La numerazione dell’imponibile era spesso il risultato di accordi e di patteggiamenti tra il potere centrale, quello signorile e le singole università, interessate ad escludere dalla tassazione il maggior numero di fuochi possibile, dichiarati inabili, vuoti o esenti (nobili e clero). Sull’argomento si veda Manicone 2016, p. 77-128.

37 Egidi 1920, p. 742.

38 Il privilegio è edito in Matarrelli Pagano 1976, p. 151-154.

39 ASN, Regia Camera della Sommaria, Diversi, II Numerazione, reg. 248, ms., c. 36v. Relativamente agli anni 1458 e 1459 sono disponibili i rendiconti di tre erari generali ai quali il principe Orsini aveva affidato l’esazione degli oneri fiscali di tutti i centri della provincia di Terra d’Otranto (cfr. Ibidem, cc. 34r-36v, 42r-53v, 130r-139v, 149r-151v). Si veda anche Massaro 2016a, p. 21-32: 25.

40 Papuli 1971, p. 464-471. Nell’edizione del Papuli i capitoli non sono numerati. Brindisi presentò 19 capitoli, Ostuni 32, Mesagne 22, Francavilla 15, Carovigno 6, Ceglie 7. Per i capitoli di Ostuni cfr. Pepe 1888, p. 130-141; per quelli di Carovigno, cfr. Filomena 1994, p. 19-20.

41 Sul centro di Francavilla, sorto in età angioina intorno al primo ventennio del XIV secolo (a circa 9 km da Oria in direzione nord-ovest), si rinvia a Petracca 2017.

42 Il documento relativo al riconoscimento della separazione dei due centri, che, in seguito, contribuirono autonomamente al versamento delle collette, è edito in Coco 1941, doc. n. XIII, p. 188-191. Cfr. anche Petracca 2017, p. 127 e 133.

43 Sulle competenze di questo ufficiale cfr. Cirillo 2015, p. 194.

44 Sul processo di strutturazione degli spazi pubblici nelle città pugliesi del tardo Medioevo, cfr. Massaro 2016b, p.175-209; in particolare sugli abusi edilizi vedi Ibid. p. 198.

45 La Regia Camera della Sommaria rappresentava la più alta magistratura finanziaria del regno. Sulle sue origini, riconducibili all’età angioina, si rimanda a Delle Donne 1991, p. 25-61; Delle Donne 2012, p. 456-457. Per la comprensione di alcuni punti oscuri del suddetto capitolo, si ringraziano i referee anonimi, ai quali è stata sottoposta la lettura del testo.

46 Su questa fiera, vedi Petracca 2011, p. 449-469: 456-457.

47 Alaggio 2004, doc. n. 45, p. 104.

48 I raduni fieristici, come anche i mercati settimanali, sono spesso indicati nei documenti col termine paniere (dal latino panarium), cesta per il pane o comunque canestro adoperato per riporre gli acquisti.

49 Alaggio 2004, doc. n. 45, p. 104. Inoltre, nel 1414, la regina Giovanna II, dietro supplica dei tarantini, aveva riconosciuto loro il controllo e la piena giurisdizione del paniere. Cfr. Biblioteca del Liceo Archita di Taranto, Codice Architiano, ms., cc. 51r-56r (Caprara – Nocco – Pepe 2014).

50 Alaggio 2004, doc. n. 45, p. 104.

51 Sul sistema fieristico pugliese si rinvia a Petracca 2011; Petracca 2013, p. 345-374; e Petracca 2015, p. 387-418.

52 Sulla credibilità delle suppliche, vedi Nubola – Würgler 2002, p. 7-16.

53 Sul rapporto tra potere regio (il publicum) e poteri delegati, vedi Vallone 2010, p. 303-320.

54 Si veda, ad esempio, il caso di Taranto indagato da Anna Airò (Airò 2000) e da Rosanna Alaggio (Alaggio 2004, p. LXXI-LXXVIII).

55 Cfr. Coco 1941, p. 188-191; Petracca 2017, p. 133-134.

56 Massaro 2016b, p. 26-28; Petracca 2017, p. 138-139.

57 Il casale era probabilmente situato lungo la strada che da San Vito dei Normanni conduceva a Francavilla. Sul processo di diserzione che colpì, tra XIV e XV secolo, diversi insediamenti circostanti Oria, cfr. Petracca 2017, p. 76-90. Sulla foresta oritana, che si estendeva a nord del tratto costiero ionico compreso tra San Pietro in Bevagna e Torre Sant’Isidoro, raggiungeva i boschi nei pressi di Brindisi e si inoltrava fino alle aree incolte che circondavano la città di Lecce, vedi Coco 1919, p. 9-15; Travaglini 1977; e Petracca 2017, p. 53-54.

58 Sul rapporto tra città e contado nel Mezzogiorno bassomedievale si rinvia a Vitolo 2005; in particolare per la Terra d’Otranto si veda Airò 2005, p. 249-260 e Massaro 2005, p. 229-248. Cfr. anche Vitolo 2014, p. 169-186.

59 Maria d’Enghien, contessa di Lecce, sposò in prime nozze Raimondo Orsini del Balzo, principe di Taranto, e in seconde nozze il re Ladislao d’Angiò-Durazzo, divenendo regina consorte dal 1407 al 1414. Cfr. Kiesewetter 2008.

60 Filomena 1994, p. 7-18.

61 Vallone 1999, p. 180: «[…] quando l’universitas è demaniale, la nomina del capitano è regia; quand’è infeudata, spetta (e certo già a metà del Quattrocento) al feudale». Si veda anche Vallone 2016, p. 31-60.

62 Sulle competenze di questi ufficiali, si rimanda a Vallone 1991 p. 249-269; e Vallone 1999, p. 134. Più di recente, una puntuale ricostruzione delle funzioni svolte da questi uffici al tempo di Giovanni Antonio Orsini del Balzo è stata condotta da Massaro 2014, p. 139-188.

63 Sul castello di Oria, cfr. Vetere 2013, p. 145-176; e Vetere 2011, p. XVLI-XLVIII e LXXIII.

64 Massaro 2014, p. 156.

65 Massaro 2011, p. 349, nota 51.

66 Nel 1455 il casale risulta infeudato ad Agostino Guarino (Cfr. ASN, Museo, 99, A6, c. 178). Sulla famiglia Guarino, cfr. Foscarini 1903, p. 110-112.

67 Sulle successioni feudali del casale, cfr. Massaro 2016b, p. 24; e Foscarini 1903, p. 141-142.

68 Carocci 2014, p. 521. Sulle varie tipologie della dipendenza contadina nel Mezzogiorno medievale, cfr. Lorè 2008, p. 207-237; Carocci 2004, p. 63-82; Piccinni 2006, p. 181-215; Petralia 2006, p. 233-270; e Carocci 2014, in part. le p. 377-427.

69 Matarrelli Pagano 1976, p. 164-168.

70 Si tratta, in questo caso, di una fonte inedita (ASN, Regia Camera della Sommaria, Segreteria, Partium, vol. 4, cc. 32r-34v), riguardante quattro suppliche inviate al sovrano con le quali l’università chiedeva alcune riduzioni fiscali, la distribuzione gratuita del sale, la facoltà di provvedere alla guardia notturna al fine di evitare danni alle proprietà terriere, la possibilità di ritirare le denunce presso la curia del baiulo, come presso quella del capitano, infra triduum, e l’abolizione di alcune decime. Per la consultazione di questo documento ringrazio Carmela Massaro, che ha gentilmente messo a mia disposizione una copia delle suppliche, di cui si curerà, a breve, l’edizione.

71 Matarrelli Pagano 1976, p. 168-179. Cfr. anche Vultaggio 1990, p. 26, 29, e 65-66.

72 Vitolo 2014, p. 102.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Luciana Petracca, « L’Universitas di Oria al tempo della devoluzione del principato di Taranto alla corona aragonese », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge [En ligne], 130-2 | 2018, mis en ligne le 02 mai 2018, consulté le 25 août 2019. URL : http://journals.openedition.org/mefrm/4145 ; DOI : 10.4000/mefrm.4145

Haut de page

Auteur

Luciana Petracca

Università del Salento, luciana.petracca@unisalento.it

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals