Navigazione – Piano del sito

Riassunti

Nell’aprile del 1296 il marchese Azzo VIII d’Este, signore di Reggio, Modena e Ferrara insieme con i ghibellini di Romagna, attaccò Bologna: l’offensiva fu rapida e violenta e diede inizio a una guerra che durò quasi un decennio. Quegli anni furono particolarmente turbolenti per la città felsinea: i costi del conflitto furono difficilmente sostenibili e, soprattutto, a Bologna era presente una fazione fedele all’estense, la pars marchesana, i cui membri tentarono a più riprese di rovesciare il governo di popolo per consegnare la città ad Azzo d’Este, per mezzo di congiure e tumulti. Come si vedrà, il regime bolognese dovette derogare in più occasioni alla sua legislazione, sia per affrontare la guerra sia per fronteggiare l’emergenza interna e i problemi di ordine pubblico a essa legati, arrivando addirittura a modificare il suo ordinamento giuridico. Durante l’emergenza i consigli cittadini persero gradualmente alcune delle loro più importanti prerogative, soprattutto per quel che riguardava la loro attività legislativa e decisionale, mentre furono conferiti in misura sempre maggiore ampi poteri ai rettori forestieri, agli anziani consoli e soprattutto a speciali balìe di sapientes.

Inizio pagina

Note dell'autore

Principali abbreviazioni: ASBo = Archivio di Stato di Bologna; ASBo, Riformagioni = Comune - Governo, Riformagioni del consiglio del popolo e della massa; ASBo, Consigli minori = Comune - Governo, Provvigioni dei Consigli minori; ASBo, Giudici del capitano = Comune, Capitano del popolo, Giudici del capitano del popolo.
Desidero ringraziare i lettori anonimi, il dottor Daniele Rosa, i partecipanti al seminario permanente coordinato dal prof. Andrea Zorzi “Sistemi politici delle città comunali e signorili”, i professori Sarah R. Blanshei, Paolo Grillo e Lorenzo Tanzini per avere notevolmente migliorato questo saggio con i loro suggerimenti e le loro correzioni. Desidero inoltre ringraziare i professori Emanuele Conte, Sara Menzinger, Paolo Napoli, Otto Pfersmann, Massimo Vallerani e tutti i partecipanti al seminario di studi dottorali “Le eccezioni intermedie” per aver discusso con me i primi risultati di questa ricerca e per le loro utili considerazioni.

Testo integrale

  • 1 Una ricostruzione della guerra in: Gorreta 1975.

1Nell’aprile del 1296 il marchese Azzo VIII d’Este, signore di Reggio, Modena e Ferrara insieme con i ghibellini di Romagna, attaccò Bologna: l’offensiva fu rapida e violenta e diede inizio a una guerra che durò quasi un decennio. Quegli anni furono particolarmente turbolenti per la città felsinea: i costi del conflitto furono difficilmente sostenibili e, soprattutto, a Bologna era presente una fazione fedele all’estense, la pars marchesana, i cui membri tentarono a più riprese di rovesciare il governo di popolo per consegnare la città ad Azzo d’Este, per mezzo di congiure e tumulti 1.

  • 2 Tamba 1982; Tamba 1996; Blanshei 2016, p. 83-115.

2Come si vedrà, il regime bolognese dovette derogare in più occasioni alla sua legislazione, sia per affrontare la guerra sia per fronteggiare l’emergenza interna e i problemi di ordine pubblico a essa legati, arrivando addirittura a modificare il suo ordinamento giuridico. In condizioni e tempi normali, la città era retta da un podestà, da un capitano del popolo e da un collegio di anziani consoli, questi ultimi eletti tra gli immatricolati nelle società delle arti e delle armi. I rettori forestieri presiedevano i due più importanti consigli cittadini, il podestà quello degli ottocento, il capitano quello più importante del popolo2. Tutti i regolamenti che normavano e scandivano l’attività politica erano contenuti all’interno degli Statuti integrati dagli Ordinamenti Sacrati e Sacratissimi, speciali leggi, queste ultime, volte a escludere i magnati dall’attività politica. Come si vedrà, durante l’emergenza i consigli cittadini persero gradualmente alcune delle loro più importanti prerogative, soprattutto per quel che riguardava la loro attività legislativa e decisionale, mentre furono conferiti in misura sempre maggiore ampi poteri ai rettori forestieri, agli anziani consoli e soprattutto a speciali balìe di sapientes.

  • 3 Il problema del ricorso a deroghe ed eccezioni alla legislazione al verificarsi di situazioni d’em (...)
  • 4 Milani 2009 ; Tanzini 2007, in particolare p. 67-88; Tanzini 2010.
  • 5 Altri contributi meno specifici sull’eccezione in contesti emergenziali, ma rilevanti ai fini di c (...)

3Il problema del ricorso ad eccezioni e deroghe alla normativa durante le emergenze nelle città dell’Italia centro settentrionale, soprattutto in quelle governate dai regimi di popolo, è un tema relativamente nuovo per la medievistica, e non ha goduto di particolare fortuna tra gli specialisti3. Le prime puntuali analisi, effettuate tra il 2007 e il 2010 da Giuliano Milani, Sara Menzinger e Lorenzo Tanzini, hanno mostrato come il ricorso ad eccezioni e deroghe fosse una pratica diffusa, ma non priva di pericoli per l’ordinamento giuridico4. Milani ha notato come le città italiane fossero il frutto di una stratificazione di istituzioni e legislazione. L'eccezione era molto presente nei regimi di popolo, tanto che gli statuti bolognesi del 1288 conservarono un apposito libro per registrare gli interventi straordinari. L'arrestarsi dell'espansione economica di fine Duecento, rilevabile dall'aumento della conflittualità intra ed extra cittadina, il progredire delle legislazioni volte a controllare la società, causarono un sempre maggior ricorso a norme eccezionali. Ai cambiamenti che si andavano profilando corrispose una maggiore difficoltà nel definire chi avesse il potere decisionale sui mutamenti in atto: la signoria a quel punto sarebbe stata più funzionale dei consigli cittadini5.

  • 6 Menzinger 2009, pp. 406.

4La possibilità di uno snaturamento dell’ordinamento giuridico a causa del continuo ricorso alla deroga era, del resto, un pericolo temuto nelle città italiane. Sara Menzinger ha infatti mostrato come, a partire dalla seconda metà del Duecento, nel bel mezzo delle turbolenze politiche che caratterizzarono quel periodo, si iniziarono a escogitare e a inserire all’interno degli statuti norme volte a «evitare il rischio che prescrizioni considerate eccezionalmente importanti per la città venissero disattese»6. Lorenzo Tanzini ha invece sottolineato come le urgenze militari e finanziarie, soprattutto se percepite come nuove e inaspettate, novitates appunto, siano emerse come segnale di un processo irreversibile di mutazione istituzionale: l'integrità territoriale o i diritti dei cittadini creditori furono infatti percepiti come più importanti della legalità statuaria, tanto da mettere in crisi irreversibile le funzioni dei consigli.

  • 7 Devo il termine di “eccezione intermedia” al prof. Otto Pfersmann, organizzatore - insieme al prof (...)

5Partendo dai primi risultati presentati dalla storiografia, si cercherà di mostrare che nelle città italiane alla fine del XIII secolo, in particolare in quelle rette da regimi di popolo, i ricorsi a eccezioni e deroghe alle legislazioni durante le emergenze non furono atti dalla portata straordinaria, in grado cioè di alterare immediatamente e quantitativamente la natura del regime al potere, ma non furono neppure innocue per il sistema politico. Si situarono invece a un livello intermedio: l’accumulo di singole eccezioni cioè, modificò gradualmente, ma in maniera sempre più evidente e irreversibile, gli assetti degli ordinamenti giuridici e gli equilibri all’interno degli spazi politici cittadini. Per dimostrare quanto detto verranno prese in esame le delibere consiliari di Bologna – una tipologia documentaria ancora poco indagata per ricerche di questo tipo - e il loro modificarsi durante la guerra contro Azzo VIII d’Este7 . Si illustreranno quali furono le balìe maggiormente coinvolte nel governo della città, come fu possibile attribuire alle stesse ampi poteri decisionali e soprattutto quali furono gli attori coinvolti in quei processi.

6Si cercherà di dimostrare come durante l’emergenza alcune commissioni ricevettero speciali e ampi poteri decisionali, e furono utilizzate da alcune delle personalità più importanti dell’oligarchia bolognese per consolidare una loro posizione egemone, a discapito dei consigli cittadini. Il processo fu graduale, ma ebbe effetti dirompenti sul sistema politico. Sarah Blanshei ha in tempi recenti posto il problema, evidenziando come, a partire dalla fine del Duecento all’interno delle balìe si selezionò un nuovo gruppo dirigente che erose a suo vantaggio le prerogative politiche che erano appartenute in precedenza alle società di popolo.

  • 8 Vallerani 2012a, p. 200.

7Il quadro qui delineato non è rappresentativo soltanto di una realtà locale in un arco temporale circoscritto, ma al contrario è esemplificativo di una serie di processi che coinvolsero molte città italiane – soprattutto quelle che furono rette da un regime di popolo – a partire dalla fine del Duecento fino ad almeno gli anni Trenta del Trecento. Massimo Vallerani ha infatti notato che le emergenze e la costituzione di balìe «fornirono l’occasione per avviare un processo di graduale sganciamento delle decisioni politiche più gravi dalle tradizionali procedure consiliari e dall’obbligo di sottostare al sindacato da parte dei magistrati forestieri. Si capisce che dietro questo movimento si stavano creando apparati di potere non più dipendenti dalle logiche istituzionali del comune, che anteponevano alla legalità del processo decisionale la sua urgenza e utilità decisa da un gruppo ristretto di savi slegato dal controllo dei consigli cittadini»8.

La definizione di una situazione emergenziale

8Prima di analizzare come fu gestita l’emergenza e quali furono i provvedimenti presi, è opportuno esaminare quali vocaboli definirono una situazione di pericolo all’interno delle delibere consiliari. Quei lemmi sono importanti perché oltre a descrivere un particolare accadimento avevano anche lo scopo di inquadrarlo giuridicamente e di legittimare i governanti ad agire anche oltre i limiti consentiti dalle norme in vigore.

  • 9 La prima fase della guerra, combattuta in territorio bolognese, terminò nel 1299. Le ostilità però (...)
  • 10 Russel, The just war, p. 86-212; Quaglioni 2007, p. 191-196.
  • 11 Sara Menzinger ha mostrato come per muovere, in alcune circostanze, fu necessario l’avvallo giurid (...)
  • 12 Perfidus inimicus è un’espressione che ricorre spesso nei dal 1296 al 1298: ASBo, Riformagioni, re (...)
  • 13 ASBo, Accusationes, b. 17b, reg. 11, c. 17r.

9A partire dagli attacchi dell’aprile 1296 la parola guerra fu la più utilizzata per identificare la causa dell’emergenza nel discorso pubblico bolognese e fu proprio rifacendosi alla sua gestione che vennero presi alcuni dei provvedimenti più rilevanti. L’agire politico durante un conflitto armato presentava infatti alcuni problemi non di poco conto, inerenti soprattutto la liceità dell’azione bellica e la legittimità dei governanti9. Fin dal Decretum di Graziano, il concetto di guerra giusta infatti, si era formalizzato nell’identificazione di alcuni requisiti fondamentali: l’ordine da parte di un potere superiore, la giusta causa – da intendersi come legittima difesa – e la retta intenzionalità10. Fu dunque facile per i rettori bolognesi trovare nella legittima difesa il presupposto giuridico che legittimava tutti provvedimenti necessari per affrontare la guerra, dato che la città era stata attaccata11. In quella direzione si mosse anche la definizione dei nemici, indicati nelle deliberazioni come perfidi inimici, mentre il marchese d’Este fu addirittura qualificato come tyrannus12. Gli echi di quelle espressioni si ritrovano anche nelle carte giudiziarie, come dimostra una sentenza emessa nel 1296 contro alcuni uomini accusati di cospirazione: rifacendosi a richiami biblici e classici, il testo equipara i proditori a Giuda, il marchese d’Este al Faraone e a Nerone13.

  • 14 Meccarelli 1999, p. 5, n. 17. Gran parte dei provvedimenti, così come alcune balìe a partire dal 1 (...)
  • 15 ASBo, Riformagioni, reg. 156, c. 85v. Non è un caso isolato, ad esempio nel gennaio del 1296 si de (...)

10Se il concetto di «guerra» forniva una legittimazione ad agire contro un nemico esterno, la preservazione del «buono e pacifico stato della città» o «della libertà della città», cioè la necessità agire al fine di poter difendere l’ordinamento vigente consentì ai governanti di prendere invece tutti i provvedimenti necessari per decidere sugli approvvigionamenti alimentari, sull’esilio politico, sulla concessione di privilegi a gruppi ristretti di persone, o in genere su tutti quegli eventi che mettevano in pericolo la sopravvivenza del regime e dell’ordinamento giuridico14. Le minacce non erano descritte in genere nel dettaglio, ma era verbalizzate facendo ricorso al termine novitas. A Bologna il vocabolo fu utilizzato con particolare frequenza: il 20 agosto del 1302 ad esempio, il consiglio del popolo discusse a riguardo di una cavalcata fatta «propter novitatem in partibus Mutine»15. L’uso del lemma all’interno delle deliberazioni, sebbene avesse anche un fine retorico, esprimeva un concetto - in chiave negativa - ben preciso e formalizzato. Il termine non era infatti una invenzione medievale, ma aveva origini più risalenti: sia la tradizione biblico esegetica che quella giuridica di derivazione romana infatti, seppur con accenti e in contesti diversi, avevano usato il vocabolo per identificare un evento non ancora compiuto, ma da guardare con sospetto, la cui legittimità era ancora dimostrare.

  • 16 Per un’ampia panoramica del termine novitas e per i riferimenti alle trattazioni citate si veda Ze (...)

11Una simile accezione, seppur con alcune ambiguità, resistette nel latino medioevale. Secondo il dizionario Du Cange infatti novitas possedeva due significati: «dignitas, seu muneris initia, adeptio» ma anche «usurpatio, cum quis alium interpellat in jure suo». Nel diritto comune il termine aveva comunque assunto un senso ancor più negativo: nelle sue Derivationes Uguccione da Pisa accostò il vocabolo a rumor, «Item a ruo hic rumor –ris, idest murmur vel quod vulgo dicitur novum, quia celeriter ruat.», identificando come sinonimi di novus, i lemmi magnus e inusitatus. Alberico da Rosciate specificò invece che il vocabolo si riferiva a ciò che non era mai accaduto prima, diverso quindi dalla consuetudine: «Novum, idest extraneum […]. Novum non est, quod est usitatum». Dopo aver chiarito questo punto, la riflessione del giurista giungeva infine ad osservare che «novitas dicitur tunc non fieri, quando omnia sunt in statu suo» e quindi a concludere in modo perentorio che «novitates pariunt discordias». Le novitates erano dunque portatrici di discordia e per questa ragione da guardare con sospetto; il concetto fu in seguito ancor più estremizzato da Bartolo che lo accostò a iniquo. Tutta la riflessione teorica sul termine fu in seguito ripresa anche da un allievo di Bartolo, Baldo degli Ubaldi, che glossando la lex in rebus, contenuta nella De constitutionibus principum del Digesto affermò «omnis novitas praesumatur mala, et sic est argumentum contra tentantes innovare contra bona regimina civitatum, secus in malis, ut hic»16.

  • 17 Schwarzenberg 1977, p. 847- 851, in particolare pagg. 850-851, Ascheri 1975Tanzini 2010.

12Un altro concetto spesso richiamato all’interno delle deliberazioni consiliari al verificarsi di emergenze fu quello di necessitas. L’uso del termine sottointendeva una situazione in cui era ragionevole ipotizzare un imminente e grave pericolo per la sicurezza di cose e persone. Questo autorizzava, nella maggior parte dei casi, ad agire in deroga o addirittura contro i regolamenti vigenti: necessitam non habet legem riassumeva una dei più celebri brocardi latini. La teorizzazione giuridica ammetteva infatti che in caso di necessità sarebbero stati leciti tutti i provvedimenti presi al fine di garantire la sopravvivenza del sistema di governo o la vita dei cittadini, passando anche per importanti modifiche all’ordinamento giuridico in vigore, a condizione però che tutte le azioni intraprese fossero provvisorie e, una volta contrastata l’emergenza, si tornasse alla situazione iniziale17.

Il conferimento dell’arbitrio

  • 18 La concessione di poteri straordinari ai fini di superare una emergenza non era definita negli sta (...)

13Al verificarsi di uno stato di emergenza, l’istituzione che formalmente e politicamente deteneva il potere decisionale nelle primissime fasi del pericolo era il consiglio del popolo. Che si motivassero le decisioni ricorrendo al concetto di guerra o a quello di difesa del buono e pacifico stato, le procedure messe in atto furono del tutto sovrapponibili e andarono sempre nella direzione di creare un vertice di governo il più possibile stabile dotato di ampi poteri discrezionali18.

  • 19 Si veda, per esempio, ASBo, Riformagioni, reg. 158, c. 167r.
  • 20 Blanshei 2016, p. 89-91.

14A Bologna, al sorgere di uno stato di emergenza, si utilizzarono due differenti procedure, entrambe tese a velocizzare il processo decisionale. Una prima modalità consisteva nell’autorizzare gli anziani consoli, il capitano o addirittura il podestà a partecipare attivamente al consiglio del popolo, permettendo loro di proporre i provvedimenti ritenuti più idonei e di partecipare al dibattito19. Questo, oltre a valorizzare le competenze dei rettori forestieri e degli anziani, consentiva di velocizzare i meccanismi decisionali, perché aggirava l’utilizzo delle cedole. Per essere discusso in consiglio infatti, ogni provvedimento doveva essere approvato dai due terzi delle società di popolo, riunitisi per discutere su tutte le cedole, e una volta approvate, queste ultime venivano presentate dagli anziani ai membri del consiglio del popolo per essere discusse e votate. Durante la guerra contro il marchese d’Este, quella pratica fu abolita perché giudicata troppo lenta e dispendiosa, ma al termine del conflitto fu nuovamente ripristinata20.

  • 21 Meccarelli 1998, p. 368 e seguenti. Come ha notato Massimo Meccarelli il potere nelle società medi (...)

15La seconda procedura, di gran lunga più utilizzata, fu quella di conferire ampi poteri discrezionali a un ristretto numero di soggetti attraverso l’arbitrium. Questo consentiva ai suoi titolari di intervenire là dove si verificava una situazione straordinaria, non normata, ancora difficilmente inquadrabile, che metteva in pericolo la stabilità del sistema politico. L’arbitrio, in accordo con quanto teorizzato dalla dottrina giuridica, poteva essere soltanto di due tipi: liberum e regulatum. L’arbitrium regulatum manteneva i suoi titolari soggetti «ab observantia iuris comunis» ed era in genere conferito per assolvere un compito preciso entro delimitate funzioni. Lo arbitrium liberum era invece più complesso: era conferito per affrontare situazioni percepite come particolarmente gravi e consentiva ai soggetti che lo detenevano di avere un ampio potere decisionale, che prevedeva addirittura che si potesse agire in deroga alla normativa vigente; il dispositivo, tuttavia, non era concepito per mettere in crisi il sistema politico: come ha infatti sottolineato Massimo Meccarelli non si deve infatti confondere il possesso della libertà di non rispettare le leggi con uno svincolo, che era considerato inaccettabile, dall’ordinamento giuridico21.

  • 22 ASBo, Riformagioni, reg. 142, c. 349v, 352v.

16Se si osserva il caso di Bologna, quanto detto appare ben esemplificato. Il consiglio del popolo, dopo aver preso atto dell’esistenza di un’emergenza o di un pericolo, attraverso una votazione stabiliva i modi e i termini del conferimento dell’arbitrio: la gravità delle situazioni che si presentarono nel decennio preso in considerazione vide un frequente ricorso all’attribuzione dell’arbitrio liberum22.

  • 23 ASBo, Riformagioni, reg. 142, c. 360v.

17L’arbitrio consentiva di attribuire poteri eccezionali a pochi soggetti e per questa ragione il consiglio del popolo, nelle stesse disposizioni in cui lo conferiva, approvava sempre anche alcuni meccanismi a garanzia del mantenimento dell’ordinamento giuridico: aveva una durata limitata nel tempo, in genere un mese e soprattutto, negli atti di conferimento era sempre specificato che nessuna delle leggi emanate avrebbe potuto essere contraria agli Ordinamenti Sacrati e Sacratissimi23.

L’istituzione delle balìe

18Un aspetto interessante nella gestione delle emergenze è rappresentato dalla creazione di balìe con compiti specifici a seconda delle esigenze che si presentavano. La loro costituzione non seguiva una regola predeterminata, ma al contrario ne furono istituite di diverse a seconda del mutare delle circostanze e del contesto politico. Il consiglio del popolo ricopriva un ruolo centrale: era infatti quell’assemblea che richiedeva la sua costituzione, conferiva l’arbitrio generale e ne autorizzava così l’azione di governo; i membri invece, nella maggior parte dei casi, erano scelti o dal podestà o dagli anziani consoli.

  • 24 Artifoni 2003 ; Menzinger 2006 ; Gualtieri 2009 ; Poloni 2004 ; Poloni 2009 ; Tanzini 2007 L’inter (...)
  • 25 Menzinger 2009, pp. 406.

19La loro istituzione non rappresentava una circostanza eccezionale: era infatti prassi comune del governo bolognese – e il discorso può essere esteso a tutte le città del centro nord Italia, delegare a commissioni più o meno ristrette l’incarico di deliberare su specifiche questioni, percepite come particolarmente importanti e delicate, inerenti soprattutto le materie fiscali o militari24. Come ha infatti sottolineato Sara Menzinger «l’«eccezione» delle Balìe all’«ordinario» dibattito politico consiliare mostra in realtà il suo carattere strutturale, in un rigido sistema istituzionale che, per funzionare, contempla apertamente la sopravvivenza di spazi immuni (ma non per ciò avversi) a una stretta regolamentazione»25.

  • 26 Gualtieri 2009, in particolare le pagine 167-169, citazione a p. 169.

20L’elemento di novità, come si vedrà tra breve, risiede però nel fatto che durante la guerra contro il marchese d’Este i membri delle balìe iniziarono a rivestire un e vero e proprio ruolo di governo svincolandosi da ogni forma di controllo e dettando la linea politica del regime di popolo. Processi simili stavano avvenendo anche in altre città italiane. Piero Gualtieri ad esempio, ha notato come a Firenze si era infranta «anche se ancora in maniera cauta, la vecchia impostazione centrata sulla presenza e sul ruolo dei due rectores, di cui per la prima volta in un contesto militare si dichiarava implicitamente l'avvenuta subordinazione al nuovo vertice politico del governo comunale»26.

L’emergenza bellica: la balìa degli Otto di guerra

  • 27 Ibid., c. 337r
  • 28 ASBo, Consigli minori, reg. 210.

21Allo scoppio del conflitto nell’aprile del 1296, fu immediatamente creata una balìa composta da otto uomini e da quattro membri degli anziani e consoli con il compito di deliberare sulla guerra e che avrebbe affiancato i rettori forestieri e gli anziani27. Questo assetto istituzionale, legato alla presenza di un vertice formato da podestà, capitano del popolo, capitano di guerra, anziani consoli e otto sapienti eletti rimase pressoché invariato per tutta la durata del conflitto e delle successive trattative di pace28.

  • 29 ASBo, Riformagioni, reg. 141, c. 294v.

22L’istituzione della balìa fu approvata rifacendosi a una precedente deliberazione: il 26 dicembre del 1295 infatti, il consiglio del popolo votò a favore della costituzione di una commissione composta da 24 sapientes cui fu concesso l’arbitrio generale, rinnovato nei mesi successivi fino a marzo, per deliberare su quanto stava in quei mesi accadendo in Romagna29. I membri degli Otto sulla guerra, chiamati anche defensores civitatis, furono direttamente nominati dagli anziani e consoli. Come consueto, a Bologna, i sapientes furono eletti rispettando il criterio della rappresentatività per quartiere e la loro carica, così come il conferimento dell’arbitrio generale, ebbe validità per un mese, così come regolarmente avveniva per gli anziani consoli. Il continuo ricambio dei membri della balìa aveva un duplice vantaggio. Da una parte consentiva a una base più larga della cittadinanza di partecipare al momento decisionale, dall’altra era un meccanismo di controllo istituzionale e di difesa dell’ordinamento, perché evitava di concentrare ampi poteri discrezionali nelle mani di pochi individui per un lungo periodo.

  • 30 All’interno di questa commissioni si attestano famiglie magnatizie come Asinelli, Boattieri, Cacci (...)
  • 31 Blanshei 2016, p. 140-141; Statuti 1288, «Provisiones facte anno Domini millesimo ducentesimo nona (...)

23Il consiglio ebbe un carattere molto specifico, fu infatti pensato per dare risposte dal punto di vista tecnico: oltre a personaggi di primo piano nel panorama politico bolognese, tra i suoi membri vi furono sempre giusperiti - formalmente esclusi dalle attività di governo -, abili uomini d’armi e in molti casi furono eletti dei magnati o degli appartenenti a famiglie magnatizie30. L’istituzione di quella balìa, costituiva una vera e propria deroga degli Ordinamenti Sacrati e Sacratissimi, in quanto consentiva a chi formalmente era escluso, di partecipare al momento decisionale, ma anche questo non rappresentava di per sé una novità: già nel 1294 la balìa dei Dodici Signori sulla Guerra annoverava trai suoi membri anche dei lupi rapaces31.

  • 32 La provvigione fu emessa dagli anziani consoli e dai sapienti sulla guerra il 13 settembre ASBo, C (...)

24Il coinvolgimento di persone fino a quel momento escluse dall’attività politica non riguardò tuttavia soltanto l’attività di governo. L’emergenza spinse infatti il regime ad aprire le porte della città: non solo furono accolti gli estrinseci provenienti dalle città nemiche, ma si iniziò anche una pacificazione con i fuoriusciti Lambertazzi32. Questi ultimi avrebbero potuto far ritorno a Bologna e avrebbero riacquistato il possesso dei propri beni, in cambio del versamento di una somma di denaro e del giuramento della parte geremea.

  • 33 ASBo, Riformagioni, reg. 142, c. 361r.
  • 34 ASBo, Consigli minori, reg. 210, c. 166r. Era già stato approvato un provvedimento che prevedeva i (...)

25Il rientro degli esclusi consentiva al regime di utilizzare a proprio vantaggio le loro competenze militari, garantendo oltretutto che questi non sarebbero passati a combattere per il marchese, e per queste stesse ragioni assunsero un ruolo di maggior rilievo anche i magnati. Nel 1296, fu infatti approvata una provvigione che in deroga agli statuti e agli ordinamenti Sacrati e Sacratissimi, stabiliva che alcuni fra i maggiori castelli nel contado sarebbero stati custoditi contemporaneamente da un capitano di parte popolare e da un magnate33. Il podestà decise anche di permettere il rientro ai banditi per maleficio e questo, dal punto di vista dei sistemi eccettuativi, fu forse uno dei provvedimenti più interessanti. In virtù del suo arbitrio e considerata la situazione emergenziale, il podestà Jacopo del Cassero cancellò le pene di alcuni condannati, specificando che l’atto sarebbe avvenuto anche senza l’autorizzazione degli offesi. Se i rientri dal bando politico potevano in qualche modo essere giustificati in virtù dell’emergenza, una simile forzatura della consuetudine causò non pochi problemi, tanto che lo stesso podestà, constatando che la norma aveva accresciuto la tensione all’interno della cittadinanza, la cassò34.

Le deroghe agli statuti durante la guerra

26All’interno di una situazione emergenziale potevano verificarsi eccezioni e deroghe ai regolamenti vigenti, giustificate dal persistere di uno stato di necessità. Il regime di popolo si dimostrò flessibile nell’avvallare alcuni sistemi eccettuativi, a patto che questi andassero a beneficio della conduzione della guerra e della preservazione del buono e pacifico stato della città. In taluni casi i bolognesi furono coscienti che le circostanze richiedevano atti che avrebbero valicato il confine della norma e che alcune delle decisioni prese portavano con loro un carico di assoluta novità e straordinarietà. Quella cultura politica, oltre che dalla profonda riflessione teorica, era però segnata dal pragmatismo: le priorità erano la salvezza dell’autonomia cittadina e del suo ordinamento giuridico, ogni mezzo che avesse perseguito quello scopo era quindi da ritenersi lecito.

  • 35 Statuti 1288, pag. 43.

27Non furono però i detentori dell’arbitrio ad approvare inizialmente le deroghe allo statuto, ma è importante notare che fu proprio il consiglio del popolo a votare nell’emergenza alcuni provvedimenti eccezionali: tra il 1296 e il 1298 quelli più rilevanti e interessanti furono inerenti l’ufficio podestarile. L’insorgere della situazione emergenziale aveva consentito al rettore Jacopo del Cassero di operare una netta riorganizzazione dell’esercito: il podestà arrivò persino ad annullare tutti i privilegi che furono concessi in campo militare e sotto la sua guida le milizie bolognesi avevano ottenuto importanti successi ai danni del marchese e dei ghibellini. Il sospetto dell’esistenza di una congiura ordita per ucciderlo, fu alla base della richiesta fatta al consiglio del popolo di esentarlo dal sindacato. Probabilmente l’atto, anche in mancanza di un reale e immediato pericolo, si sarebbe comunque reso necessario, data l’impopolarità degli interventi del podestà. L’esenzione dal sindacato era una procedura non prevista in alcun modo dagli statuti, che anzi la normavano rigidamente35. Fu presentata attraverso una cedola al consiglio e fu posta mettendo in risalto i caratteri emergenziali della situazione, specificando ai consiglieri il pericolo che il magistrato correva a causa del servizio prestato a Bologna contro il tirannico marchese.

  • 36 ASBo, Riformagioni, reg. 143, c. 372v. La cedola fu approvata a larghissima maggioranza, con 363 v (...)
  • 37 Simone di Enghelfredo, ad esempio, fu esentato dal sindacato, ASBo, Riformagioni 162, c. 304v, lo (...)

28Il testo della cedola, dopo aver ribadito che il consiglio si sarebbe espresso sull’opportunità o meno di esentare il podestà dal sindacato, chiarì in modo inequivocabile che quella votazione andava a derogare un capitolo statutario: non obstante statuto seu ordinamento quod loquitur de sindacatu domini potestatis36 . È però interessante notare come da quel momento si creò un precedente importante e che per tutto il decennio, sempre sottolineando i pericoli che i magistrati forestieri correvano, l’esenzione al sindacato fu sempre più frequente37.

  • 38 ASBo, Riformagioni, reg. 139, c. 182r;
  • 39 Statuti 1288, p. 16. Si segnala che la riformagione riporta un testo diverso da quello presente ne (...)

29Una podesteria ancora più interessante per osservare le eccezioni allo statuto fu quella di Moroello Malaspina. Nei mesi precedenti e in quelli successivi al suo reclutamento nel 1297, Bologna era nel pieno dell’emergenza bellica e in una crisi istituzionale provocata dalla difficoltà nel reclutare magistrati forestieri disposti a ricoprire l’incarico. Il marchese con ogni probabilità fu conscio di trovarsi in una posizione di forza e per queste ragioni, dopo aver letto lo statuto che gli fu recapitato, accettò a condizione che i bolognesi ne modificassero alcune parti. La sua elezione, del resto, si sarebbe comunque dovuta effettuare in deroga ai regolamenti in vigore: fin dal 1295 era stato infatti stabilito che nessun podestà eletto a Bologna avrebbe potuto essere marchese, inoltre, all’epoca del suo reclutamento, Moroello non aveva ancora compiuto trent’anni e non era stato ancora cinto con il cingolo della milizia; gli statuti prevedevano invece che i podestà fossero milites e almeno quarantenni38. Il Malaspina, in cambio dell’accettazione della nomina, pretese ulteriori modifiche ad alcuni capitoli statutari, adducendo come motivazione l’utilità alla conduzione della guerra. il podestà non si sarebbe insediato nel mese di ottobre, non avrebbe giurato né la norma che prevedeva la sua presenza nell’amministrazione della giustizia, né la formula contenuta nella rubrica «De sacramento domini potestatis» nella parte che recitava «si vero hec omnia et singula non observavero, recipiam hec silicet talionem et in futuro seculo in teribili iuditio magni Dei domini et salvatoris nostri Ieshu Christi. Et habeam partem cum Iuda et lepra Çieçi et tremore Caini..». Il futuro podestà chiese inoltre di cassare la norma che vietava di condurre in città propri parenti e che regolava l’età di milites e notai al seguito del magistrato forestiero39. Il consiglio del popolo votò e accettò le richieste di Moroello Malaspina, ancora una volta a larghissima maggioranza, 296 voti a favore contro 11 contrari.

  • 40 ASBo, Riformagioni, reg. 146, c. 240v.

30Alla fine del suo mandato, Moroello Malaspina ottenne dal consiglio del popolo la licenza di abbandonare la città prima che si svolgesse il suo sindacato, motivando la richiesta con espressioni analoghe a quelle che furono utilizzate per Jacopo del Cassero: condurre la guerra in modo così incisivo, sia dentro che fuori le mura cittadine, avevano procurato al rettore così tante inimicizie che la sua incolumità a Bologna era a rischio. L’esenzione dal sindacato rappresentava indubbiamente un vantaggio per i podestà, dato che consentiva loro di agire liberamente, senza preoccuparsi di eventuali ritorsioni o attentati che soprattutto gli appartenenti alla pars Marchesana avrebbero potuto mettere in atto40.

31Durante il triennio di guerra guerreggiata (1296-1299) il ricorso a deroghe ed eccezioni fu utilizzato per ideare e attuare soprattutto alcuni provvedimenti reputati indispensabili per la conduzione del conflitto contro l’estense. L’arbitrio generale conferì infatti i poteri di comando ai rettori per riorganizzare le armate cittadine, aumentare la pressione fiscale, arruolare truppe stipendiate, rendere più efficiente la linea difensiva formata dai castelli del contado. Quei provvedimenti furono giustificati dal pericolo che correvano la città, il suo ordinamento giuridico e i rettori che la governavano; come si vedrà tra breve, il paradigma del ricorso a eccezione e deroghe legittimato da una evidente necessità fu presto esteso anche alla sfera finanziaria e in seguito utilizzato per rinforzare l’azione di nuove balìe al governo e perseguire i loro nemici politici.

L’emergenza economica: la balìa dei Signori del biado

  • 41 Statuti del 1335, Liber IV, rub. 6, De ellectione officio et iurisdicione dominorum bladi, p. 149.

32A partire dagli anni di guerra giocò un ruolo di assoluto rilievo nel panorama politico cittadino anche una commissione istituzionalizzata, quella dei Signori del biado. L’Ufficio aveva competenze definite previste già dai primi statuti cittadini legate all’approvvigionamento di cereali e al controllo sulla produzione del pane. Secondo gli statuti del 1335, ad esempio, i suoi membri erano eletti – uno per quartiere - nel consiglio dei quattromila e le loro funzioni erano relative al controllo su macinato e frumento41.

  • 42 ASBo, Consigli minori, reg. 210, c. 14v.
  • 43 Ibid., c. 134r.

33Nei primi mesi del conflitto, i Domini Bladipro utilitate guerre – furono svincolati da alcune forme di controllo istituzionale, affinché fosse garantito l’approvvigionamento alimentare in città. Il 19 aprile 1296, gli Otto di Guerra concessero ai membri dell’ufficio la facoltà di esonerare dal servizio militare tutti i mugnai e i fornai che avessero ritenuto utili42. Dal 21 giugno invece, poterono usare liberamente il denaro presente nelle casse cittadine per garantire l’approvvigionamento dell’esercito e dei castelli43. Quest’ultimo provvedimento, che di fatto consegnava ai Signori del Biado ampi poteri discrezionali, fu voluto e approvato da tutte le figure istituzionali coinvolte nel governo cittadino: il consiglio del popolo aveva approvato una cedola, gli Otto di guerra, il podestà e il capitano del popolo avevano agito invece in virtù dell’arbitrio loro concesso.

  • 44 ASBo, Consigli minori, reg. 210, cc. 201v-202r.

34Quelle prime norme indicano come l’approvvigionamento alimentare fosse considerato un settore strategico durante la guerra, le ragioni non erano però soltanto logistiche, ma erano anche legate alla gestione dell’ordine pubblico e delle entrate fiscali. Se fossero mancati gli approvvigionamenti infatti gli abitanti della città si sarebbero con ogni probabilità rivoltati contro il governo. I dazi sugli alimenti inoltre, in particolare quelli sul vino, costituivano un’entrata tutt’altro che trascurabile; durante la guerra non tutte le gabelle potevano però essere riscosse a causa delle incursioni nemiche. A questo va aggiunto che in virtù dei poteri loro concessi, i domini Bladi, avevano acquistato grandi quantità di vino da destinare all’esercito, rifiutandosi però di pagare il dazio. Tramite una cedola approvata dal consiglio del popolo e un provvedimento degli anziani consoli e degli Otto di Guerra, fu demandato proprio ai Signori del Biado di eleggere alcuni sapienti, con il compito di esaminare tutte le gabelle che non era più possibile riscuotere, e che risarcissero i conduttori che non erano più in grado di svolgere la loro attività44.

  • 45 Nel 1298 Romeo Pepoli prestò 200 lire che gli furorono restituite attraverso la riscossione del da (...)
  • 46 Mainoni 2003, p. 203; Mainoni 2013, p. 66-67; Mainoni 2016, p. 139-174; Menant 2004, p. 282-363;
  • 47 Bertoni 2017, p. 125-144.

35Nel pieno dell’emergenza economica, determinata dalle enormi spese di guerra, la gestione dei dazi si rivelò fondamentale per il governo cittadino perché permise di poterli impegnare in cambio di anticipi in denaro che permettessero il pagamento dei soldati45. Ancora una volta il caso bolognese non è in questo senso eccezionale. Fenomeni simili non erano rari nell’Italia di fine Duecento: come hanno evidenziato gli studi di François Menant e Patrizia Mainoni infatti, in quegli anni si assiste all’assunzione di sempre più importanti prerogative politiche da parte di alcune magistrature finanziarie come, ad esempio, la Gabella magna a Cremona46. Un processo simile si verificò a Pavia, dove Manfredo Beccaria, una volta acquisito maggior potere, iniziò a controllare direttamente la balìa deputata al controllo annonario47.

  • 48 ASBo, Riformagioni, 145, c. 131r.
  • 49 ASBo, Riformagioni, reg. 144, c. 98r, 106v; reg. 145, cc. 119r, 131v; Consigli minori, reg. 210, c (...)

36La possibilità di poter disporre di liquidità immediatamente utilizzabile e le prerogative assunte sulla logistica dell’esercito determinarono il maggior coinvolgimento dei domini Bladi negli affari relativi al conflitto48. La documentazione mostra tuttavia come i membri dell’ufficio non fossero autonomi nelle loro decisioni e i versamenti da loro fatti per finanziare la guerra necessitassero dell’intervento dei detentori dell’arbitrio: ad esempio nel marzo del 1297 il consiglio formato dal podestà, dagli anziani e consoli e dagli Otto di Guerra avvallò un pagamento di ben 465 lire emesso dai Signori del Biado nei confronti dei balestrieri andati in missione nel territorio imolese49.

  • 50 Orso Bianchetti campsor fu massario generale per il comune nel 1296, ricoprì inoltre la carica di (...)

37A partire da quell’anno però la documentazione inizia a testimoniare una crescente autonomia decisionale, come suggerisce l’elezione di alcune delle guarnigioni inviate nei castelli da parte dell’ufficio e il maggior coinvolgimento della magistratura ai vertici del governo cittadino, insieme a podestà, capitano, anziani e Otto di guerra. Una risposta a una simile ascesa è in parte chiarita dai membri della commissione che in quegli anni ricoprirono il ruolo, come ad esempio Orso Bianchetti, Rolando Foscari, Gardino Pegolotti, Romeo Pepoli. Personaggi questi legati più o meno direttamente al mondo del prestito e che ricoprirono svariati incarichi di alto livello nell’amministrazione finanziaria cittadina, il Pepoli poi, fu un personaggio di assoluto rilievo, e dal 1306 occupò una posizione egemone nella politica bolognese50.

  • 51 ASBo, Riformagioni, reg. 147, c. 175r.
  • 52 ASBo, Riformagioni, reg. 143, c. 56v.

38Un’altra conferma sull’importanza raggiunta dalla magistratura risiede in una riformagione del consiglio del popolo approvata nel 1297 che concedeva ai Signori del Biado il privilegio di portare armi a scopo difensivo, indice dell’importanza che ormai il loro ufficio rivestiva all’interno del governo51. Poco tempo dopo, in concomitanza con l’ingresso nella balìa di Romeo Pepoli fu conferito agli stessi l’arbitrio generale e, soprattutto, lo svincolo da qualsiasi forma di controllo: a quel punto il quadro istituzionale iniziò ad alterarsi. Il testo di quella riformagione è molto interessante perché rivela come il ruolo del Pepoli fosse ormai di assoluto rilievo nel panorama politico cittadino52.

  • 53 ASBo, Consigli minori, reg. 210, cc. 245r (indicati come reggenti il capitanato), podesteria cc. 2 (...)
  • 54 ASBo, Consigli minori, reg. 210, c. 243v, Riformagioni, reg. 146 c. 194r, reg. 147, c. 265v. c. 22 (...)

39Quella riformagione sancì l’importanza che la magistratura aveva assunto negli anni di emergenza e dimostra come gli equilibri istituzionali fossero continuamente negoziabili. I Domini bladi dopo il conferimento dell’arbitrio divennero un punto fermo nel vertice di governo negli anni turbolenti della guerra: in due momenti di crisi istituzionale ricoprirono l’ufficio del podestà e del capitano del popolo, non essendo la città riuscita ancora una volta a reclutare un magistrato forestiero53. Persino le trattative di pace furono – tra gli altri - di competenza dei Signori del Biado: inviarono ambasciatori a Roma, discussero le clausole degli accordi insieme a capitano, podestà e altri sapienti, presero contatti con i Lambertazzi54.

  • 55 ASBo, Riformagioni, reg. 147, 284r,
  • 56 ASBo, Consigli minori, reg. 210, cc. 262r-268r.

40La guerra insomma, e l’emergenza economica che provocò, ridefinirono gli assetti istituzionali del governo bolognese: quella dei signori del Biado non fu però un’eccezione. In quegli stessi anni si affermò anche un’altra magistratura, denominata dei Cinque deputati all’accrescimento degli introiti del Comune e alla diminuzione delle spese, i cui membri furono anch’essi personaggi di primissimo piano, sia politico che economico e cioè Domenico dei Poeti, Villano Guastavillani, Pietro Bianchetti, Bartolomeo Pavanensi e Romeo Pepoli. Quella balìa fu svincolata da qualsiasi controllo e fu dotata dell’arbitrio generale dal consiglio del popolo: nacque per sorvegliare l’attività di tutti i consigli cittadini ed ebbe la facoltà di respingere tutti i provvedimenti giudicati inutili o troppo costosi55. Nel 1298, l’ascesa delle magistrature finanziare nel controllo della politica cittadina fu completo. Romeo Pepoli, Pietro Bianchetti e Villano Guastavillani furono eletti membri di una balìa istituita per controllare i redditi del Comune. Quella magistratura, anch’essa dotata dal consiglio del popolo dell’arbitrio generale, è molto interessante perché apportò diverse modifiche all’apparato amministrativo e politico cittadino56.

  • 57 ASBo, Consigli minori, reg. 210, c. 265r/v.

41Le norme approvate furono trascritte solennemente e fu anche utilizzato un inchiostro rosso per evidenziare le rubriche. Le decisioni prese andavano a intervenire su numerosi ambiti, sia della sfera economica sia di quella istituzionale. Tra i provvedimenti più rilevanti e incisivi vi fu la decisione di includere per sei mesi gli anziani consoli nel consiglio del popolo, una volta terminato il loro mandato. La scelta fu motivata dal fatto che i i componenti della magistratura, durante le loro funzioni, dovevano spesso trattare in segreto, e non rivelare alcun dettaglio; la durata limitata dell’incarico ne pregiudicava però la riuscita, con grave danno a Bologna. Facendo parte del consiglio invece, il pericolo veniva scongiurato, perché da lì avrebbero continuato le loro attività, senza che fossero interrotte dalla fine del mandato. Con questa norma però, i membri di una delle più potenti magistrature cittadine, riuscivano ad operare un controllo ancora maggiore sul principale organo deliberativo. Un altro provvedimento particolarmente incisivo fu la revoca a tutti i rettori delle loro facoltà di disporre liberamente del denaro pubblico per le spese di guerra, conferendo quel potere solamente a Romeo Pepoli, ai Signori del Biado e ai preposti all’ufficio delle spie57.

42Quelle magistrature finanziarie sono in grado di dimostrare come l’emergenza economica consentì a un gruppo molto limitato di individui – dotati però di enormi ricchezze – di controllare direttamente la politica cittadina. Nel giro di pochi anni infatti, il bisogno di reperire la liquidità necessaria a sostenere le spese di guerra mutò il profilo istituzionale di Bologna. Chi riusciva a controllare gli uffici finanziari poteva in definitiva influenzare e indirizzare la politica cittadina, a discapito degli organi collegiali.

L’emergenza interna: le balìe dei Guelfi bianchi e la gestione dell’ordine pubblico

43Terminato il conflitto, la situazione fu tutt’altro che pacificata. L’arrivo in Italia di Carlo di Valois e le divisioni interne nelle città toscane ebbero effetti dirompenti anche a Bologna, determinando la nascita di un regime vicino alle posizioni dei Guelfi bianchi fiorentini e avverso ai così detti Guelfi neri, che avevano in Azzo d’Este un loro sostenitore.

  • 58 ASBo, Riformagioni, reg. 152, c. 192r.
  • 59 Vitale 1901, pag. 88.

44Il periodo che grossomodo andò dal 1301 al 1306 fu caratterizzato da una costante emergenza interna che determinò la nascita di alcune balìe istituite per fronteggiare le minacce mosse dai nemici di Bologna – soprattutto Azzo d’Este e i Neri fiorentini - e dagli aderenti alla pars Marchesana. Quegli anni furono piuttosto complicati dal punto di vista istituzionale e videro la proliferazione di cariche dotate di ampi poteri discrezionali che formarono una balìa di governo che gradualmente esautorò i rettori forestieri. Il processo fu graduale e avanzò per tentativi. Il 27 marzo del 1301, dopo aver scoperto una congiura ordita dalla pars Marchesana, il consiglio del popolo approvò, pro evidenti et manfesta utilitate et necessitate, la costituzione di una balìa composta dai ministrali delle società, dal proconsole dei notai e da alcuni sapienti per difendere il buono e pacifico stato della città58. Nei mesi successivi furono istituite altre cariche e commissioni ristrette, fino ad arrivare al 1303, quando una riformagione del consiglio del Popolo conferì l’arbitrio al proconsole dei notai, al difensore delle venti società di popolo, degli anziani consoli e a loro si aggiunsero i quattro sapienti eletti per affiancare il difensore59.

  • 60 ASBo, Consigli minori, reg. 212, c.52r/52v. In quegli stessi mesi fu bandito anche l’eroe dei tumu (...)

45I caratteri dell’eccezionalità della situazione sono anche desumibili dal fatto che in quei mesi il consiglio del popolo fu convocato di rado, lasciando ampi spazi di manovra alla balìa. La crisi ebbe il suo culmine nel marzo del 1303, quando gli appartenenti alla fazione del marchese promossero un tumulto approfittando dell’assenza di una parte dell’esercito cittadino. Il piano fallì e la repressione dei cospiratori fu molto più violenta che in passato. Fu dato ordine alle società d’armi poste a presidio degli edifici simbolo del potere cittadino di non retrocedere; fu posta una candela sulla ringhiera del palazzo del comune: questa avrebbe scandito il tempo restante ai cospiratori per consegnarsi in modo pacifico. Quello che fu identificato come il capo della congiura, Castellano Piantavigne fu decapitato, mentre gli altri partecipanti al tumulto furono condannati al bando e dichiarati magnati: furono colpite in modo particolare le famiglie dei Zovenzoni, Gozzadini, Sardelli, Bianchi Cose e Tebaldi60.

  • 61 Il volume 212 dei Consigli minori conserva per quasi ogni mese i nomi delle balìe: ASBo, Consigli (...)
  • 62 ASBo, Riformagioni, reg. 156, c. 55r.

46All’interno del vertice di governo bolognese si stabilizzò – durante i mesi dell’emergenza e fino al 1306 – la presenza di un ristretto nucleo di giuristi di primissimo piano. Una presenza così massiccia di esperti di diritto, come Bonincontro degli Ospedali, Giovanni di Ignano, Pace de Pacibus, oltre a dare legittimità all’azione di governo, fu giustificata dal fatto che contro i nemici interni l’arma più utilizzata fu quella dell’uso politico della giustizia, in quei mesi potenziata notevolmente da alcuni provvedimenti del gruppo al potere61. Gli oppositori del regime furono infatti inseriti in una lista che li etichettava come magnati e come tali furono cancellati dalle matricole e perseguiti. Tramite i conferimenti dell’arbitrio furono fornite ai rettori forestieri istruzioni precise su come agire contro i nemici interni. Nel 1302, ad esempio, un riformagione in volgare dotò il capitano del popolo del «puro mero et speciale arbitrio per si e per la sua famigla in incherere et in inquisitione fare punire et condempnare ma non in asolvere»62.

  • 63 ASBo, Consigli minori, reg. 212, c. 59r

47In quei frangenti anche l’eccezione alla legge si tramutò in uno strumento di lotta politica: con una provvigione i magistrati avevano infatti stabilito che tutte le condanne effettuate dal podestà erano da ritenersi valide «non obstante quod in eis aliquis defectus iuris sive factis vel legis municipalis civitatis Bononie possit quomodolibet reperiri»63.

48Come era già accaduto per i rettori forestieri negli anni del conflitto, anche le balie del governo dei Bianchi agirono in deroga agli statuti per tutelare i loro membri. In un clima di forte instabilità istituzionale e politica i vertici del governo bolognese chiesero e ottennero dal consiglio del popolo il privilegio di portare le armi, concessione giustificata dal pericolo che i magistrati correvano a causa dell’attività svolta in difesa delle istituzioni.

  • 64 ASBo, Consigli minori, reg. 212, cc. 55v, 87r/v, 88v, 184r, 194r, 234v.

49Il linguaggio adoperato e i principi a cui si rifecero in quei provvedimenti furono del tutto simili, se non identici, a quelli utilizzati per esentare dal sindacato il podestà: il loro ruolo li esponeva a possibili attentati mossi da parte dei nemici, era quindi necessario dotare i membri di quelle balìe degli strumenti atti a difendersi64.

50Nei mesi successivi, a partire dal giugno del 1303, il consiglio del popolo tornò a riunirsi con maggior frequenza, ma le balìe introdotte durante in quei rimasero in vigore, seppur con qualche modifica. L’emergenza interna aveva dunque modificato profondamente gli assetti di governo, compattando il vertice istituzionale e aprendolo stabilmente a chi, come i giuristi, avrebbe dovuto invece esserne escluso.

Conclusioni

51Il caso di Bologna mostra che il ricorso a deroghe ed eccezioni durante le emergenze fu frequente e che queste ultime contribuirono a modificare gradualmente gli assetti cittadini. Le aperture ai magnati, alla Parte lambertazza e la costituzione di balìe dotate di ampi poteri trasformarono il profilo del regime rendendolo più autoritario, ma allo stesso tempo più instabile e vulnerabile. Questo determinò l’esigenza di derogare ad alcune norme per rafforzare il vertice di governo e proteggerlo da eventi che avrebbero potuto ledere l’incolumità dei rettori al comando. La difesa della città e la sicurezza del vertice politico furono ragioni sufficienti per l’annullamento temporaneo di alcune norme percepite come un ostacolo al momento decisionale.

52Le balìe, in particolare, riuscirono ad assumere sempre maggior potere all’interno dello spazio politico cittadino. Come si è brevemente delineato, tra i loro membri vi furono giudici e magnati, esclusi invece dalla partecipazione nelle magistrature di popolo. La storiografia giustifica la loro presenza alla luce delle capacità di quegli uomini, grandi esperti di diritto e abili uomini d’armi. Su questo punto si può tuttavia proporre un’integrazione: nel periodo qui analizzato, ai consigli ristretti a cui fu conferito l’arbitrio generale parteciparono i personaggi più ricchi e potenti della città indipendentemente dal fatto che essi fossero magnati o appartenessero al popolo.

53Non a caso è nella gestione dell’emergenza economica che si sono rilevati i cambiamenti più evidenti: il momento consiliare e quello della decisione collettiva furono infatti, come già dimostrato da Lorenzo Tanzini per il tardo Trecento a Firenze, subordinati alla necessità di trovare liquidità e restituire i prestiti ottenuti. Le eccezioni e le deroghe sono spie di un processo più ampio, riconoscibile anche in altre città italiane come, ad esempio, Cremona o la stessa Firenze; a Bologna, quelle che si potrebbero definire coalizioni di interesse all’interno dell’oligarchia cittadina, stavano infatti assumendo un rilievo politico sempre maggiore. Se questi gruppi non riuscirono a svincolarsi del tutto dal controllo dei consigli cittadini, è però ipotizzabile, alla luce della documentazione fin qui esaminata, che esercitarono un ruolo egemonico sulla cittadinanza. Il caso di Romeo Pepoli è forse il più rappresentativo: a partire dal 1306 infatti il banchiere fu il padrone indiscusso della politica bolognese e la sua ascesa avvenne proprio grazie al ruolo politico che ebbe all’interno delle balìe cittadine.


Inizio pagina

Bibliografia

Archivi

ASBo = Archivio di Stato di Bologna.


Bibiliografia secondaria

Antonini 1914 = E. Antonini, Il « Senatus-consultum ultimum » note differenziali e punti di contatto col moderno stato d’assedio, Studio per laurea, Torino, 1914.

Artifoni 2003 = E. Artifoni, I governi di « popolo » e le istituzioni comunali nella seconda metà del secolo XIII, in Reti Medievali, 4-2, 2003, http://www.rmojs.unina.it/index.php/rm/article/view/4540/5084.

Ascheri 2006 = M. Ascheri, I diritti del medioevo italiano: secoli XI-XV, Roma, 2006.

Ascheri 1975 = M. Ascheri, Note per la storia dello stato di necessità, in Studi senesi, vol. 87, 1975, p. 7-94.

Barbagallo 1980 = C. Barbagallo, Una misura eccezionale dei Romani: il senatus-consultum ultimum, Napoli, 1980.

Bertoni 2017= L. Bertoni, I regimi di Popolo e la vigilanza annonaria sul territorio: l'esempio di Pavia, in L. Antonielli, S. Levati (cura di), Tra polizie e controllo del territorio: alla ricerca delle discontinuità, Soveria Mannelli, 2017, p. 125-144. 

Blanshei 2016 = S.R. Blanshei, Politica e giustizia a Bologna nel tardo Medioevo, Roma, 2016.

Bianchi 2009 = L. Bianchi, «Cotidiana miracula», comune corso della natura e dispense al diritto matrimoniale: il miracolo fra Agostino e Tommaso d’Aquino, in Quaderni storici, 44, 2009, p. 313–329.

Benigno – Succimarra 2007 = F. Benigno, L. Succimarra, Il governo dell’emergenza. Poteri straordinari e di guerra in Europa tra XVI e XVII secolo, Roma, 2007.

Giansante 1991 = M. Giansante, Patrimonio familiare e potere nel periodo tardo-comunale: Il progetto signorile di Romeo Pepoli banchiere bolognese (1250 c.-1322), Bologna, 1991.

Giansante 2015 = M. Giansante, Pepoli, Romeo, s.v., in DBI, 82, Roma, 2015.

Gorreta 1975 = A. Gorreta, La lotta fra il comune bolognese e la signoria estense, 1293-1303, Bologna, 1975.

Gualtieri 2009 = P. Gualtieri, Il Comune di Firenze tra Due e Trecento: partecipazione politica e assetto istituzionale, Firenze, 2009.

Mainoni 2003 = P. Mainoni, La fisionomia economica delle città lombarde dalla fine del Duecento alla prima metà del Trecento. Materiali per un confronto, in Le città del Mediterraneo all’apogeo dello sviluppo medievale, 2003, p. 141‑222.

Mainoni 2007 = P. Mainoni, «Cremona Ytalie quondam potentissima». Economia e finanza pubblica nei secoli XIII-XIV, in G. Andenna, G. Chittolini, Storia di Cremona. Il Trecento, chiesa e cultura (VIII-XIV secolo), Bergamo, 2007, p. 318-373.

Mainoni 2013 = P. Mainoni, Gabelle. Percorsi di lessici fiscali tra Regno di Sicilia e Italia comunale (secoli XII-XIII), in P. Grillo, Signorie italiane e modelli monarchici (secoli XIII-XIV), Roma, 2013, p. 45-75

Mainoni 2016 = P. Mainoni, Il sistema annonario: aspetti comparativi nel XIII e XIV secolo, in G. Vitolo (a cura di), Città, spazi pubblici e servizi sociali nel Mezzogiorno medievale, Battipaglia, 2016, p. 139-174.

Meccarelli 1998 = M. Meccarelli, Arbitrium: un aspetto sistematico degli ordinamenti giuridici in età di diritto comune, Milano, 1998.

Meccarelli 1999 = M. Meccarelli, Statuti, potestas statuendi e arbitrium: la tipicità cittadina nel sistema giuridico medievale, in Gli statuti delle città: l’esempio di Ascoli nel secolo XIV. Atti del convegno di studio svoltosi in occasione della XII edizione del Premio internazionale Ascoli Piceno; Ascoli Piceno, 8-9 maggio 1998, Spoleto, 1999, p. 87-124.

Menant 2004 = F. Menant, Il lungo Duecento 1183-1311: il Comune fra maturità istituzionale e lotta di parte, in G. Andenna (a cura di), Storia di Cremona. Dall’alto medioevo all’età comunale, vol. 2, Bergamo, 2004, p. 282-363.

Menzinger 2006 = S. Menzinger, Giuristi e politica nei comuni di popolo: Siena, Perugia e Bologna, tre governi a confronto, Roma, 2006 (Ius nostrum).

Menzinger 2009 = S. Menzinger, Pareri eccezionali: procedure decisionali e straordinarie nella politica comunale del XIII secolo, in Quaderni storici, 44, 2009, p. 399-410

Milani 2003 = G. Milani, L’esclusione dal comune: conflitti e bandi politici a Bologna e in altre città italiane tra XII e XIV secolo, Roma, 2003.

Milani 2009 = G. Milani, Legge ed eccezione nei comuni di Popolo del XIII secolo (Bologna, Perugia, Pisa), in Quaderni Storici, 44, 2009, p. 377‑399.

Momigliano – Cornell 2005 = A, Momigliano, T.J. Cornell, Senatus consultum, Oxford, 2005.

Poloni 2004 = A. Poloni, Trasformazioni della società e mutamenti delle forme politiche in un comune italiano: il popolo a Pisa (1220-1330), Pisa, 2004.

Poloni 2009 = A. Poloni, Lucca nel Duecento: uno studio sul cambiamento sociale., Pisa, 2009 (Didattica e ricerca. Saggi e studi).

Quaglioni 2007 = D. Quaglioni, Guerra e diritto nel Cinquecento: i trattatisti del «ius militare», in F. Liotta (a cura di), Studi di storia del diritto medioevale e moderno 2, Bologna, 2007, p. 191-210.

Sbriccoli 1969 = M. Sbriccoli, L’interpretazione dello statuto. Contributo allo studio della funzione dei giuristi nell’età comunale, Milano, 1969.

Schwarzenberg 1977= C. Schwarzenberg, voce Necessità (diritto intermedio), in Enciclopedia del diritto, XXVII, Milano, 1977, p.  847- 851.

Statuti 1288 = G. Fasoli, P. Sella (a cura di), Statuti di Bologna dell’anno 1288, 2 vol., Città del Vaticano, 1937-1939.

Statuti 1335 = V. Braidi (a cura di), Gli statuti di Bologna degli anni 1352, 1357, 1376, 1389, 3 vol., Bologna, 2002.

Tamba 1982 = G. Tamba, Consigli elettorali degli ufficiali del Comune bolognese alla fine del secolo XIII, in Rassegna Degli Arch. Stato, 1, 1982, p. 34‑95.

Tamba 1996 = G. Tamba, Il consiglio del popolo di Bologna. Dagli ordinamenti popolari alla signoria, in Rivista di storia del diritto italiano, 69, 1996, p. 49-93.

Tanzini 2007 = L. Tanzini, Il governo delle leggi: norme e pratiche delle istituzioni a Firenze dalla fine del Duecento all’inizio del Quattrocento, Firenze, 2007.

Tanzini 2010 = L. Tanzini, Emergenza, eccezione, deroga: tecniche e retoriche del potere nei comuni toscani del XIV secolo, in M. Vallerani (a cura di), Tecniche di potere nel tardo Medioevo. Regimi comunali e signorie in Italia, Roma, 2010, p. 149-182.

Todeschini 2009 = G. Todeschini, Eccezioni e usura nel Duecento. Osservazioni sulla cultura economica medievale come realtà non dottrinaria, in Quaderni storici, 44, 2009, p. 443-461.

Théry-Astruc 2009 = J. Théry-Astruc, «Atrocitas/enormitas». Per una storia della categoria di «crimine enorme» nel basso Medioevo (XII-XV secolo), in Quaderni storici, 44, 2009, p. 329-376.

Vallerani 2012 = M. Vallerani, Medieval public justice, Washington, 2012.

Vallerani 2012° = M. Vallerani, Paradigmi dell’eccezione nel tardo Medioevo, in Storia del pensiero politico, 2, 2012, p. 185-112.

Vallerani 2010 = M. Vallerani, L’arbitrio negli statuti cittadini del Trecento, in Id(a cura di), Tecniche di potere nel tardo Medioevo. Regimi comunali e signorie in Italia, Roma, 2010, p. 117-148.

Vallerani 2009 = M. Vallerani, La supplica al signore e il potere della misericordia. Bologna 1337-1347, in Quaderni storici, 44, 2009, p. 411-443.

Vitale = 1901, V. Vitale, Il dominio della parte guelfa in Bologna. 1280-1327, Bologna, 1901.

Zendri 2006 = C. Zendri, Novitates pariunt discordias, in Laboratoire italien. Politique et société, 6, 2006, p. 37-54.

Inizio pagina

Note

1 Una ricostruzione della guerra in: Gorreta 1975.

2 Tamba 1982; Tamba 1996; Blanshei 2016, p. 83-115.

3 Il problema del ricorso a deroghe ed eccezioni alla legislazione al verificarsi di situazioni d’emergenza è un tema classico nella storia del pensiero politico; celebri sono, ad esempio, le teorizzazioni elaborate da Carl Schmitt sullo «stato di eccezione» (Ausnahmezustand), riprese, in tempi più recenti, da Giorgio Agamben, che l’ha considerato un concetto fondamentale per comprendere il politico nell’Occidente. Tuttavia, le ricerche storiche aventi per oggetto lo studio delle eccezioni nelle città italiane durante il medioevo hanno sottolineato come entrambi i paradigmi siano poco funzionali, sia nelle loro premesse sia nei loro sviluppi, a interpretare i sistemi politici di antico regime, perché profondamente differenti da quelli contemporanei.Il tema è stato invece affrontato in modo più sistematico per l’età moderna: Benigno – Succimarra 2007.

4 Milani 2009 ; Tanzini 2007, in particolare p. 67-88; Tanzini 2010.

5 Altri contributi meno specifici sull’eccezione in contesti emergenziali, ma rilevanti ai fini di comprendere la complessità dell’eccezione medievale si devono in particolar modo ai lavori di Massimo Vallerani e Sara Menzinger; Menzinger 2009 ; Vallerani 2009 Un numero monografico della rivista Quaderni Storici, intitolato Sistemi di eccezione, è stato dedicato al tema dell’eccezione, oltre ai contributi citati nelle note qui sopra, si segnala l’introduzione di Massimo Vallerani alla rivista (p. 299 e seguenti) e i contributi di Bianchi 2009 ; Todeschini 2009 ; Théry-Astruc 2009 ; si veda inoltre: Vallerani 2012a.

6 Menzinger 2009, pp. 406.

7 Devo il termine di “eccezione intermedia” al prof. Otto Pfersmann, organizzatore - insieme al prof. Paolo Napoli e al prof. Emanuele Conte - del seminario di studi dottorali “Le eccezioni intermedie” tenuto a Roma, presso la sede della École Française de Rome, dal 30 gennaio al 3 febbraio 2017. 

8 Vallerani 2012a, p. 200.

9 La prima fase della guerra, combattuta in territorio bolognese, terminò nel 1299. Le ostilità però continuarono su larga scala e videro Bologna impegnata su più fronti sia contro i Guelfi neri che contro lo stesso marchese. Per questa ragione nelle riformagioni bolognesi si continuarono ad approvare diversi provvedimenti motivati dalla necessità di condurre la guerra.

10 Russel, The just war, p. 86-212; Quaglioni 2007, p. 191-196.

11 Sara Menzinger ha mostrato come per muovere, in alcune circostanze, fu necessario l’avvallo giuridico di una commissione di sapientes: Menzinger 2006, p. 224-337 e Menzinger 2009.

12 Perfidus inimicus è un’espressione che ricorre spesso nei dal 1296 al 1298: ASBo, Riformagioni, registri 142-148; Consiguli minori, reg. 210. Il marchese d’Este è definito Tyrannus in ASBo, Riformagioni, reg. 143, c. 372v.

13 ASBo, Accusationes, b. 17b, reg. 11, c. 17r.

14 Meccarelli 1999, p. 5, n. 17. Gran parte dei provvedimenti, così come alcune balìe a partire dal 1302 furono presi per preservare il buono e pacifico stato della città e la sua libertà, ASBo, Riformagioni, regg. 156-159; Consigli minori, reg. 212.

15 ASBo, Riformagioni, reg. 156, c. 85v. Non è un caso isolato, ad esempio nel gennaio del 1296 si decise di inviare più uomini nei castelli del contado, eleggendoli ad brevia, a causa di novitates ASBo, Riformagioni, reg. 141, c. 297r; nel dicembre del 1299 fu conferito l’arbitrio agli anziani e consoli per difendere il buono e pacifico stato di Bologna a causa delle novitates a Firenze e in Toscana, ASBo, Riformagioni, reg. 148, c. 372v.

16 Per un’ampia panoramica del termine novitas e per i riferimenti alle trattazioni citate si veda Zendri 2006, p. 37-54, in particolare pagg. 37-40.

17 Schwarzenberg 1977, p. 847- 851, in particolare pagg. 850-851, Ascheri 1975Tanzini 2010.

18 La concessione di poteri straordinari ai fini di superare una emergenza non era definita negli statuti, ma aveva solide basi nel diritto romano. Gli istituti del senatus consultum ultimum, del tumultus e dello iustitium autorizzavano infatti, in caso di necessità e pericolo per il sistema politico, l’uso legittimo della violenza e la concentrazione di poteri eccezionali nelle mani dei governanti: Antonini 1914; De Luca 2012; Barbagallo 1980; Labruna (1995) Momigliano – Cornell 2005. Per l’arbitrio medievale si veda Meccarelli 1998; Vallerani 2010.

19 Si veda, per esempio, ASBo, Riformagioni, reg. 158, c. 167r.

20 Blanshei 2016, p. 89-91.

21 Meccarelli 1998, p. 368 e seguenti. Come ha notato Massimo Meccarelli il potere nelle società medievali non è mai esercitato come espressione di una sovranità. Il potere medievale è ius dicere, facere iustitiam, tutelare, è cioè sempre inserito in un rapporto giuridico rispetto al quale viene individuata la sua legittimazione. Il potere non sta di per sé, ma cerca legittimità giuridica.

22 ASBo, Riformagioni, reg. 142, c. 349v, 352v.

23 ASBo, Riformagioni, reg. 142, c. 360v.

24 Artifoni 2003 ; Menzinger 2006 ; Gualtieri 2009 ; Poloni 2004 ; Poloni 2009 ; Tanzini 2007 L’intervento di quei consigli ristretti a Bologna era normalmente limitato a precisi ambiti, come decidere sulle modalità di reperimento del denaro, sulle regole per l’imposizione di cavalli o sulla linea d’azione in particolari situazioni diplomatiche. 

25 Menzinger 2009, pp. 406.

26 Gualtieri 2009, in particolare le pagine 167-169, citazione a p. 169.

27 Ibid., c. 337r

28 ASBo, Consigli minori, reg. 210.

29 ASBo, Riformagioni, reg. 141, c. 294v.

30 All’interno di questa commissioni si attestano famiglie magnatizie come Asinelli, Boattieri, Caccianemici, Sala, Pace. Videro ugualmente la partecipazione di insigni giuristi come Pace Paci, Ubaldino Malavolta, Bonincontro degli Ospedali, Francesco Gatto, Gardino Gardini, Lambertino Ramponi, Giuliano Cambi. Sulla presenza dei giuristi nei sistemi di governo cittadino si rimanda a Sbriccoli 1969 e Menzinger 2006.

31 Blanshei 2016, p. 140-141; Statuti 1288, «Provisiones facte anno Domini millesimo ducentesimo nonagesimo quarto», p. 545.

32 La provvigione fu emessa dagli anziani consoli e dai sapienti sulla guerra il 13 settembre ASBo, Consigli minori, reg. 210, c. 157r. Milani 2003, p. 285-289.

33 ASBo, Riformagioni, reg. 142, c. 361r.

34 ASBo, Consigli minori, reg. 210, c. 166r. Era già stato approvato un provvedimento che prevedeva il rientro dal bando nel caso il reo avesse avuto il perdono degli offesi. ASBo, Riformagioni, reg. 142, c. 345r.

35 Statuti 1288, pag. 43.

36 ASBo, Riformagioni, reg. 143, c. 372v. La cedola fu approvata a larghissima maggioranza, con 363 voti favorevoli e 6 contrari.

37 Simone di Enghelfredo, ad esempio, fu esentato dal sindacato, ASBo, Riformagioni 162, c. 304v, lo stesso accadde per altri podestà in servizio a Bologna in quegli anni.

38 ASBo, Riformagioni, reg. 139, c. 182r;

39 Statuti 1288, p. 16. Si segnala che la riformagione riporta un testo diverso da quello presente negli statuti «si vero hec omnia et singula non observavero, recipiam hec silicet talionem et in futuro seculo ad intolerabilem iudicium magni dei domini salvatoris nostri Ieshu Christi et habendum parte cum Iuda et lembram Zieçi» ASBo, Riformagioni, reg. 145, c. 173r.

40 ASBo, Riformagioni, reg. 146, c. 240v.

41 Statuti del 1335, Liber IV, rub. 6, De ellectione officio et iurisdicione dominorum bladi, p. 149.

42 ASBo, Consigli minori, reg. 210, c. 14v.

43 Ibid., c. 134r.

44 ASBo, Consigli minori, reg. 210, cc. 201v-202r.

45 Nel 1298 Romeo Pepoli prestò 200 lire che gli furorono restituite attraverso la riscossione del dazio sul frumento a Tossignano e Corvara. Nello stesso anno Graziolo Boattieri prestò 300 lire per permettere la riparazione di alcune fortezze che gli furono restituite attraverso il dazio sul vino. Per questi e altri esempi: ASBo, Consigli minori, reg. 210, cc. 294v, 251v, 274r, 274v; Riformagioni, reg. 145, c. 158r.

46 Mainoni 2003, p. 203; Mainoni 2013, p. 66-67; Mainoni 2016, p. 139-174; Menant 2004, p. 282-363;

47 Bertoni 2017, p. 125-144.

48 ASBo, Riformagioni, 145, c. 131r.

49 ASBo, Riformagioni, reg. 144, c. 98r, 106v; reg. 145, cc. 119r, 131v; Consigli minori, reg. 210, c. 251v. 

50 Orso Bianchetti campsor fu massario generale per il comune nel 1296, ricoprì inoltre la carica di difensore dell’avere e sapiente sull’imposizione dei cavalli: ASBo, Riformagioni, reg. 142, Consigli minori, reg. 210 c. 158v, Gardino Pegolotti fu massario del comune nel 1297 e anche lui membro della commissione sull’imposizione dei cavalli. ASBo, Riformagioni, reg. 144, Consigli minori, reg. 210 c. 158v; Su Romeo Pepoli si veda Giansante 1991; Giansante 2015. Quelli citati non furono i soli personaggi di rilievo a ricoprire il ruolo, ma anche Iacopo Bonacatti, Giovanni da Ignano, Bonvillano Tederisi, Visconte Visconti.

51 ASBo, Riformagioni, reg. 147, c. 175r.

52 ASBo, Riformagioni, reg. 143, c. 56v.

53 ASBo, Consigli minori, reg. 210, cc. 245r (indicati come reggenti il capitanato), podesteria cc. 246r. 

54 ASBo, Consigli minori, reg. 210, c. 243v, Riformagioni, reg. 146 c. 194r, reg. 147, c. 265v. c. 222r, reg. 148, c. 333r.

55 ASBo, Riformagioni, reg. 147, 284r,

56 ASBo, Consigli minori, reg. 210, cc. 262r-268r.

57 ASBo, Consigli minori, reg. 210, c. 265r/v.

58 ASBo, Riformagioni, reg. 152, c. 192r.

59 Vitale 1901, pag. 88.

60 ASBo, Consigli minori, reg. 212, c.52r/52v. In quegli stessi mesi fu bandito anche l’eroe dei tumulti contro i Lambertazzi, Giovanni da Somma detto il Barisello. ASBo, Giudici del Capitano, reg. 424, cc. 50r e seguenti. Il volume 212 dei Consigli minori conserva per quasi ogni mese i nomi delle balìe: ASBo, Consigli minori, reg. 212 c. 57r, 63r/v 70v.

61 Il volume 212 dei Consigli minori conserva per quasi ogni mese i nomi delle balìe: ASBo, Consigli minori, reg. 212 c. 57r, 63r/v 70v. Sugli eventi del periodo si veda Vallerani 2012, p. 279-289.

62 ASBo, Riformagioni, reg. 156, c. 55r.

63 ASBo, Consigli minori, reg. 212, c. 59r

64 ASBo, Consigli minori, reg. 212, cc. 55v, 87r/v, 88v, 184r, 194r, 234v.

Inizio pagina

Per citare questo articolo

Riferimento elettronico

Daniele Bortoluzzi, « Governare l’emergenza: il caso di Bologna alla fine del XIII secolo », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge [Online], 130-2 | 2018, Messo online il 02 mai 2018, consultato il 23 septembre 2019. URL : http://journals.openedition.org/mefrm/4154 ; DOI : 10.4000/mefrm.4154

Inizio pagina

Autore

Daniele Bortoluzzi

Università degli Studi di Firenze, daniele.bortoluzzi@unifi.it

Inizio pagina

Diritti d'autore

© École française de Rome

Inizio pagina
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals