Navigation – Plan du site
Hospitalité de l’étranger au Moyen Âge et à l’époque moderne : entre charité, contrôle et utilité sociale. Italie Europe

Stranieri e dominanti

Alcune iniziative di tutela e assistenza alle donne degli spagnoli a Napoli tra Cinque e Seicento
Vittoria Fiorelli
p. 485-494

Résumés

Le istituzioni spagnole per la tutela delle donne a Napoli in epoca vicereale sono l’argomento di questo saggio che indaga, attraverso la concessione del privilegio dell’assistenza, le dinamiche della protezione identitaria nazionale e i canali di connessione tra il tessuto sociale della capitale del Regno e la comunità degli stranieri definiti “dominanti” in quanto rappresentanti della Corona e della potenza imperiale della monarchia degli Austrias. Al centro della ricerca sono soprattutto i ceti medi e l’impianto confraternale come fulcro laico della rete di connessione delle comunità che convivevano in un unico spazio urbano.

Haut de page

Texte intégral

  • 1 Miccio, p. 42-43.

1Il 10 giugno 1600, firmando la dedica al conte di Lemos premessa alla sua Vita di don Pedro de Toledo, Scipione Miccio tracciava un percorso ideale di continuità tra i due viceré che, a suo modo di vedere, avevano dato forma moderna alla presenza spagnola a Napoli, rinnovando e consolidando la struttura di governo e la configurazione della capitale senza re1. Tra gli elementi che ne caratterizzavano personalità e azione politica figurava una sezione intitolata Della pietà e cura circa i poveri che richiamava il valore che la cultura sociale del tempo attribuiva all’impegno a favore delle fasce deboli della comunità.

2Questa tutela, oltre a essere esercitata nel quadro del potenziato apparato di giustizia, principale espressione del potere statale, era stata affidata dal marchese di Villafranca a un articolato sistema ospedaliero nel quale convergevano molteplici funzioni, la riorganizzazione e il rafforzamento di istituzioni esistenti e la fondazione di nuove strutture destinate a dare forma nuova e moderna a quella “Napoli fedelissima” che, già in epoca medioevale, aveva tra le sue specificità la rete capillare di opere pie destinate a governare debolezze e marginalità che ne minavano il profilo “nobilissimo”.

  • 2 Sulla cultura della fedeltà di età vicereale si veda almeno Galasso 1998, Muto 2017. Nel 1650, sug (...)

3Che la questione dell’assistenza fosse una delle componenti fondamentali della tenuta degli assetti sociali, sia in chiave di controllo dell’ordine che di consolidamento della gerarchia e dei rapporti tra i ceti, è tema noto e ampiamente indagato dalla storiografia. Per Napoli, tutela e protezione non solo militare erano anche parte integrante di quella cultura politica della fedeltà che, tra Cinque e Seicento, caratterizzava il rapporto di Madrid con le élite del Regno2. In questo fondamentale canale della contrattazione tra il sovrano e i suoi sudditi, nel quale le categorie teoriche della relazione politica e le dinamiche di collisione e collusione che ne costituivano una componente essenziale tendevano ad acquisire contorni molto concreti, un ruolo non secondario avevano le iniziative di patronage promosse dalla Corona e dalla comunità iberica.

4All’interno di uno spazio iconicamente segnato dalla rappresentatività del sistema spagnolo, gli emissari del re ausente avevano ripensato una porzione della capitale nella quale ai territori assegnati alle necessità militari e ai luoghi simbolo del potere sovrano facevano da corona le residenze delle élite trasferitesi nel Regno, ma anche le strutture che qualificavano l’azione di governo, marcando canali di compenetrazione con la popolazione locale.

  • 3 Per il nesso tra urbanistica e ideologia del potere Pessolano 2013. Sullo sviluppo di Napoli capit (...)

5Così, un’ampia zona contigua alla ciudad antigua e al porto, protetta dai castelli e dagli acquartieramenti militari, isolata dai divieti di edificabilità, determinava una frontiera interna per l’espansività abitativa dei napoletani schiacciati tra gli emblemi del potere degli “stranieri dominanti” e l’ininterrotto afflusso dei regnicoli verso la capitale3. Una pressione che, nella più popolosa città europea dopo Parigi, trovava nelle strutture di assistenza uno spazio di conciliazione e di rafforzamento del legame tra i rappresentanti del monarca e i sudditi: un laboratorio politico e sociale nel quale l’attaccamento identitario alla patria di provenienza si rifletteva anche nella determinazione a segnare una porzione centrale del tessuto urbano attraverso la proiezione semantica affidata tanto alla densità abitativa nazionale che alla presenza di istituzioni di matrice spagnola aperte alla città come spazi di contrattazione politica e di condivisione del privilegio assistenziale originariamente destinato agli “stranieri dominanti”.

  • 4 Una visione meno economicista in Calabi – Turk Christensen 2007; Trivellato – Halevi – Antunes 201 (...)

6Come è noto, l’approccio storiografico degli ultimi anni, incentrato su di una prospettiva transnazionale e transculturale prodotta da una modernità vivacemente policentrica, attento a cogliere le disomogeneità e il gioco di specchi tra centro e periferia, si è da tempo orientato allo studio della condivisione di spazi politici, religiosi e intellettuali indagati non solo attraverso le strutture d’identificazione del diverso, ma anche a partire dai meccanismi determinati dai forestieri per riconoscersi come gruppo nei luoghi del loro nuovo radicamento4.

  • 5 Cfr. Conforti – Sánchez de Madariaga 2007, Fiorelli 2015, Cabibbo – Serra 2017.

7Diversamente, obiettivo delle pagine che seguono è analizzare alcune istituzioni destinate alle donne spagnole come elemento nevralgico di quelle che potremmo definire comunità “di frontiera”, proiettate come avamposti identitari, riferimento duraturo e riconoscibile per tutti gli “stranieri” costretti ad assimilarsi a contesti che, nonostante la rigidità degli assetti formali, nella pratica consentivano inaspettati margini di discrezionalità e di negoziazione e costituivano il perno per l’attivazione di strategie di contatto e di interrelazione tra gruppi nazionali all’interno di spazi urbani almeno in parte condivisi5.

  • 6 Musi 1982, Muto 1982. Per un riferimento d’insieme sulla storia del Regno di Napoli si veda Galass (...)
  • 7 Canepari – Mésini – Mourlane 2016 e, al femminile, Canepari 2014.

8Il saggio suggerisce una duplice prospettiva che inserisce le iniziative assistenziali in quel laboratorio mediterraneo dell’accoglienza costruito nelle città meridionali. Le opere pie, lungi dallo strutturare un sistema di equità, dispensavano privilegi e cure per rafforzare il modello di società stratificata dai ceti e distribuivano solidarietà e salvaguardie in base alla categorizzazione tanto dei beneficiati che delle criticità indicate dai benefattori, legittimata dalla rigida applicazione di meccanismi identitari, comprese le appartenenze nazionali6. In questo quadro, gli “stranieri” si preoccupavano di programmare le reti di protezione per le loro donne percepite non solo come parte del profilo morale della loro comunità, ma come elemento essenziale, attraverso la gestione degli assetti familiari e domestici, del processo di mediazione con i luoghi di trasferimento e snodo delle reti emotive e organizzative, talvolta economiche, di collegamento con le patrie, o con i componenti dei ceppi familiari e nazionali che migravano verso altre destinazioni7.

  • 8 Ventura 2018 e, per l’impostazione di metodo, Rovinello 2009, Zaugg 2011.

9Da un lato si è riflettuto sulle emergenze femminili e sulle destinatarie della tutela verificando logiche di distinzione, per esempio, tra le spagnole e le donne che godevano del privilegio di essere incluse nel sistema di assistenza riservato alla rete di governo per legami acquisiti o per consanguineità, in un quadro sempre attento alla crescita del numero dei nuclei familiari ascrivibili alla comunità nazionale perseguita anche con la distribuzione di maritaggi riservati. Una questione che mette in luce quella, fondamentale, della stanzialità, oltre che della nascita, nei processi di concessione della cittadinanza in epoca moderna8.

  • 9 Cfr. per esempio Musi 2016.

10L’altro aspetto ci riporta alle relazioni tra le due sponde del Mediterraneo governate dallo stesso sovrano, dando per acquisite, in un quadro storiografico nel quale i processi di centralizzazione e nation building hanno costituito uno dei riferimenti della modernità, le questioni dell’inventio intellettuale della nazione napoletana e dell’appartenenza spagnola, ma anche gli aspetti connessi alla rilevanza identitaria della cerimonialità e le inferenze delle iniziative caritative nel contemporaneo sforzo di disciplinamento degli Stati e della Chiesa9.

11Enfatizzando i percorsi di inclusione rintracciabili in questo aspetto vitale e pervasivo delle comunità occidentali, da una prospettiva bottom up accolta all’interno dei meccanismi compositi della costruzione sociale è emersa la persistenza strategica dello snodo confraternale nella gestione di ospedali, conservatori e monti, tutti strumenti essenziali di integrazione culturale, oltre che politica ed economica. Questo meccanismo, legato a un associazionismo identitario, garantiva la matrice laica delle istituzioni tramite un presidio maggioritario nella governance sancito dalla normativa statutaria e veicolava la credibilità politica delle fasce sociali intermedie qualificandone il ruolo politico all’interno della comunità urbana. Dallo studio di questa longeva impalcatura comunitaria emergono dinamiche di reciproca contaminazione tra gli “stranieri dominanti” e la popolazione della capitale del Regno, ma anche un più incisivo controllo delle appartenenze nei canali di accesso alle iniziative destinate alle donne.

  • 10 Cfr. Salvemini 1999 e Fiorelli 2018a. Per Roma e Madrid, sedi di poteri che eccedevano la dimensio (...)

12Analizzare l’impianto istituzionale delle opere pie attraverso l’impulso performativo impresso alle loro attività dall’indirizzo delle culture al potere che le avevano promosse e che, spesso, le finanziavano con continuità ha tradizionalmente orientato gli studi verso la lettura della documentazione ordinamentale o alla ricostruzione delle reti istituzionali di legittimazione. Un contributo diverso potrebbe invece venire dal tentativo di fare emergere i percorsi attuativi di quelle disposizioni e la verifica dei differimenti e delle trasformazioni, spesso frutto della negoziazione di prassi consolidatesi nel tempo, che registravano una evidenza politica e sociale più duttile, fatta di compromessi e di composizioni. Una storia di lungo periodo, nella quale l’ostensione pubblica di identità nazionali dominanti, nella dimensione territoriale dei reinos come nella proiezione imperiale del sistema spagnolo, non combaciava in pieno con la formalizzazione fissata dai linguaggi giuridici e statutari, integrata in quelle strategie dispiegate dalle monarchie composite per produrre reti identitarie transnazionali secondo la linea indicata da Galasso nel consolidamento del profilo politico unitario dei domini italiani degli Austrias10.

13In questo quadro, le strutture assistenziali assumevano il valore di una potente arma di governo, funzionale alla costruzione di una rete di coesione e di stabilità veicolata dalla fondazione contemporanea, nei regni, di molti istituti destinati alla salvaguardia dei soldati, cellula identitaria fondamentale del radicamento della Corona nei suoi domini. Se i militari erano particolarmente esposti al rischio della povertà e della marginalità, infatti, proprio lo spessore semantico nazionale assunto dalla loro presenza nei contesti “stranieri” nei quali rappresentavano la Monarquía rendeva prioritario il sostegno per loro e le loro famiglie.

  • 11 ASNa, Cappellano maggiore, b. 1200, fasc. 41, ff. 1-8. Sulla magitratura del Cappellano maggiore s (...)

14Emblematiche le Capitulaciones del Monte de Santiago y Vittoria con Inbocation de la Misericordia, consegnate nel 1606 al Cappellano maggiore dai maestri dell’ospedale spagnolo di Napoli per l’istituendo “monte de enpeños” destinato alla tutela “nazionale” dei beni dei militari di stanza nella capitale11:

Considerando los SS.res Maestros del Real Hospital de Santiago y Vittoria desta ciudad de Napoles la necessidad que ordinariamente corre entre los soldados y entretenidos y otras personas de la Nacion española causada de algunos trabassos y dilaciones de pagamentos y enfermedades y que muchas veçes son necesitados hombres principales de la Nacion vender sus haciendas por mucho menos de lo que valen de suerte que totalmente quedan inposibilitados de poder parecer ante quien los conosca de lo que resulta que algunas beces haçen actiones yndinas y contra el serviçio de nuestro señor.

  • 12 Araldo, ff. 169r e 220v. per la comunità dei genovesi Brancaccio 2001.

15A Napoli, dove l’incremento demografico aveva composto crescita e immigrazione, le opere pie ricoprivano un ruolo strategico nella saldatura tra società e politica e, inserendosi in modo visibile nel tessuto locale, offrivano lo spazio materiale e immateriale per il riconoscimento pubblico delle patrie. Le chiese nazionali, poi, collegavano alla ritualità identitaria una assistenza ospedaliera, regolata da meccanismi di inclusione selettiva, nella quale prima accoglienza e cura si confondevano in prassi informali non sempre facili da documentare. Sappiamo, per esempio, che la chiesa di S. Anna de’ Lombardi fu progettata in un «luogo libero et proprio per potervi edificare lo spedale per l’infermi di essa natione» e che quella di S. Giorgio dei Genovesi fu costruita da «governatori desiderosi d’ampliarsi et edificarvi uno spedale» aperto a tutti al quale era stato affiancato un monte per i maritaggi per «3 povere donzelle figlie però degli stessi genovesi»12.

  • 13 Parrino, I, p. 30-33; Mineo 2014.

16Una fonte interessante per analizzare le istituzioni spagnole nella capitale è il Teatro eroico pubblicato da Parrino alla fine del Seicento. Per quanto tarde per il periodo che stiamo analizzando, in quelle pagine, con un tono definito da Croce “bassamente adulatorio”, dunque certamente di parte e disinteressato a fornire il quadro complesso degli intrecci cittadini, è testimoniata la persistenza del sistema di valori politici e morali citato in apertura che aveva attribuito all’impegno laico e civile dei ceti urbani a favore del bene comune la cifra principale della nobiltà della capitale13.

  • 14 Otre all’Annunziata, agli Incurabili e al San Giacomo, egli ricordava gli ospedali di Sant’Angelo (...)

17Nelle pagine iniziali, dopo aver dato spazio a monasteri e conservatori istituiti dai gruppi professionali per le loro figlie, Parrino si soffermava sui grandi ospedali, accantonando le numerose strutture assistenziali di piccola dimensione e di diversa specializzazione disseminate sul territorio urbano14. Di seguito, egli elencava le iniziative per la protezione delle donne come elemento qualificante dello spessore civico di Napoli capitale, a cominciare dal finanziamento delle «doti delle Zitelle» presentato come elemento strategico per la tenuta dell’intera comunità. I maritaggi erano distinti tra quelli riservati dalle famiglie di élite alle loro discendenti e quelli finanziati da elemosine e lasciti testamentari a favore delle fanciulle povere affidati a congregazioni, cappelle e luoghi pii o a “cittadini particolari”.

18Questa persistente presenza dei laici nella fase fondativa e, poi, nella struttura gestionale delle opere pie napoletane, oltre a confermare l’importanza della componente civica e il legame con i ceti urbani della capitale per ogni luogo della carità secondo caratteristiche affini a quelle della grande tradizione assistenziale dell’Italia centro-settentrionale, testimoniava l’intreccio sistemico, tipicamente moderno, tra direttrici orizzontali, proiettate a una solidarietà di mutua assistenza, e iniziative di beneficenza verso i più deboli finanziate dalle élite.

19Solo nei profili dei singoli viceré erano registrate, quasi sempre in modo frettoloso, fondazioni di conventi, iniziative in epoche di carestia, l’accoglienza dei pellegrini, il radicamento degli stranieri, l’assistenza per vedove, orfani e infanzia abbandonata, quasi che la qualità della capitale fosse soprattutto collegata ai complessi multifunzionali di servizi cresciuti attorno agli ospedali, veri centri della pietà spagnola, mentre la protezione femminile manteneva un intenso legame con lo sviluppo della comunità.

20Non possiamo purtroppo soffermarci su questa costruzione delle priorità civiche e morali che apre uno spaccato molto interessante sulla cultura sociale e politica accreditata nella Napoli vicereale, ma possiamo seguire questa traccia per ragionare, senza alcuna pretesa di completezza, su qualche iniziativa destinata alle donne della comunità iberica con uno sguardo attento soprattutto alla fascia sociale intermedia favorita dal rilievo che la matrice confraternale ha mantenuto nella lunga storia di queste istituzioni.

  • 15 Per una visione d’insieme si vedano i saggi raccolti in Galasso – Valerio 2001.

21Tralasceremo dunque le strutture monastiche, luoghi di contaminazione tra fanciulle della nobiltà locale e aristocrazia iberica, ma anche i conventi e i conservatori che l’élite spagnola destinava all’accoglienza delle donne a rischio appartenenti alle fasce marginali della popolazione, organici al processo di profilazione sociale impresso dalle culture dominanti per garantire assetti urbani e controllo pubblico15.

  • 16 Notizie e citazioni in Madalena, ff. 1r-2r. Da rilevare l’impegno a non trasformare il conservator (...)

22Era il caso, per esempio, del progetto di «Recogimiento de mujeres peccadoras […] desengannadas del mundo de su vanidad peligros y perdicion» del convento per le pentite spagnole intitolato a Maria Maddalena, iniziato dal viceré conte di Olivares e portato a compimento dalla figlia contessa di Monterey. Il matronage della contessa di Lemos aveva successivamente alimentato l’illusione di una stabilizzazione di questo ricovero, ma, mancando alla sua partenza una dotazione finanziaria, l’opera pia era decaduta fino a quando «Ysabel de Ripa vidua noble y virtuosa» affittò una casa da destinare alle pentite sollecitando la viceregina a farsene carico16. La nuova istituzione, legittimata da un breve di Urbano VIII che riprendeva quello indirizzato nel 1583 «a los Maestros de Santyago para fundar un convento de arrepentidas espanolas» trasformava l’accoglienza laica nel progetto di un monastero di clausura nel quale governatori di nomina vicereale avrebbero gestito le rendite e vigilato perché si accogliessero donne native spagnole o discendenti da spagnoli per via maschile.

  • 17 D’Engenio, p. 541: per «ricevere alcune figliole vergini della loro Natione com’hoggi dove di prese (...)

23A questo luogo, al quale la matrice vicereale e l’appartenenza nazionale assegnavano un denso valore semantico, si affiancava la fondazione del monastero di Santa Maria della Concezione nel cuore dell’insula spagnola. Voluto dai governatori del San Giacomo per accogliere le figlie dell’élite amministrativa e per offrire a una quota di fanciulle della propria comunità monacazioni esenti dalla dote, il convento costituiva un tassello importante del sistema assistenziale gestito direttamente dai rappresentanti della Corona17.

  • 18 La storia dell’ospedale napoletano si trova dispersa in molte ricerche di storia politica e delle (...)

24Anche a Napoli, dunque, analogamente a quanto accadeva in altri domini degli Austrias, all’apostolo protettore “della Nazione Spagnuola” era intitolato un complesso sistema di attività economiche e assistenziali che affiancavano l’esercizio del potere politico. Le strutture aggregate alla fondazione voluta da Pedro de Toledo, luogo-simbolo della rappresentanza nella capitale del re ausente, spaziavano dalle carceri ai nosocomi, includevano banchi, confraternite, monasteri e conservatori, segno tangibile della forza della Corona impegnata a definire uno spazio politico ad alta densità sociale, economica e cerimoniale nel cuore della nuova urbanizzazione della capitale. In questo ventaglio composito di forme di sostegno la traccia della cura femminile era parcellizzata e non sempre si saldava a quella destinazione non esclusiva alla fruizione nazionale, perno della contrattazione sociale e politica che si svolgeva anche attraverso l’estensione del privilegio assistenziale dagli spagnoli ai nativi. Un sistema pensato per scongiurare il rischio di ogni marginalità per i membri della nazione dominante che, pur aprendosi agli abitanti della capitale napoletana, lasciava margini più stretti per le donne, garanti della crescita e del radicamento della comunità nazionale18.

  • 19 ASDN, Sante visite, 1599, ff. 263v-264r. Per le riflessioni successive si vedano Fiorelli c.d.s.

25La bolla Rationi congruit del 3 novembre 1534 con la quale Paolo III autorizzava la fondazione di «unum hospitale sub dicta invocatione S. Jacobi Apostolj pro eiusdem nationis pauperibus et aliis miserabilibus personis suscipiendi ac charitative tractandi» conteneva un chiaro riferimento all’apertura non esclusivamente nazionale della struttura spagnola. La conferma, inclusa nella bolla Apostolici muneris solicitudo del 15 marzo 1583, oltre a richiamare l’impegno della Corona «pro pauperibus et miserabilibus personis Nationis Hispaniae» precisava che il finanziamento delle attività assistenziali spettavano al Regio Erario e alle contribuzioni dei militari, ma faceva un chiaro riferimento alla complessità della struttura che, oltre all’attività di cura, assumeva l’onere della protezione dei destini femminili. Priorità assoluta di un sentire sociale che, anche nella matrice nazionale e nella chiusura corporativa, trovava il senso della costruzione di una comunità custode del profilo pubblico di tutti i suoi componenti, ma anche della promozione e della tutela dei sistemi familiari, fondamento degli assetti sociali: «quibuscumque aliis egenis, calamitosis, et infirmis personis ad illa dietim confluentibus alendis, medicamentisque etiam curandis ac honestis Puellis nuptui tradendis exerceri»19.

26Spesso presentato come una specificità della Penisola e come espressione della necessità di tutelare l’onore delle donne inteso come manifestazione tangibile della qualità morale dell’intera comunità, il finanziamento delle doti era largamente praticato in tutti i sistemi assistenziali moderni, organico a quel criterio di azioni, ammantate di carità cristiana, finanziate dalle élites per garantire il consolidamento del legame sociale fondato sulla ferrea gerarchizzazione della popolazione in base alle appartenenze professionali, di ceto e alle determinazioni nazionali.

  • 20 D’Engenio, p. 529-540.

27Secondo la testimonianza di D’Engenio, il San Giacomo distribuiva a fanciulle non solo spagnole, ma onorate e legate alla rete confraternale, 22 maritaggi di 80 ducati ogni anno e lo stesso faceva, pro quota, la Confraternita spagnola del SS. Sacramento dei nobili spagnoli, collettore di lasciti e donazioni e strumento di governance laica delle attività caritative concentrate nella struttura ospedaliera20.

  • 21 Raimondi 1975, p. 147. La documentazione più tarda relativa ai maritaggi è una delle poche superst (...)

28Ancora negli ultimi decenni del secolo XVIII, anche ben oltre la fine del governo degli Austrias, le attività di questo sodalizio proseguivano la loro attrattività a matrice identitaria. Così Gaspare Delgado nel 1641 istituiva un Monte per finanziare 4 doti annue di 50 ducati per «donzelle legittime e naturali figlie di Spagnuoli … purchè stanziano e facciano habitatione qui in Napoli», nel 1695 Tomaso Carbonel finanziava «ogni anno un maritaggio in persona di una donzella vergine figlia di spagnoli che sia povera, honorata e che non sia stata a servizio di altri» e lo stesso faceva Giuseppe Attegui nel 1698 e Domenico Sandalines ancora nel 170921.

29Una disamina degli statuti di altre confraternite aggiungerebbe certamente molti tasselli a questo panorama, ma è più interessante dare qui spazio a due monti spagnoli non direttamente ascrivibili alla promozione di matrice governativa.

  • 22 Capitoli del Monte d’Ascoli, p. 57. La citazione precedente si trova ivi, p. 2.

30Nel 1648 il principe Antonio Luigi de Leyva moriva disponendo che, alla morte del figlio naturale Giuseppe, dal suo patrimonio italiano si costituisse un Monte per finanziare «l’opra di riparare alla fragilità del sesso donnesco e particolarmente delle donzelle che con la fievolezza della natura tengono al fianco l’acuti sproni della povertà che l’incaminano al precipitio e baratro delle lascivie». Tralasciando ancora una volta l’analisi delle tracce di cultura sociale che emergono tra le pieghe del rigido linguaggio statutario, va rilevata la destinazione del beneficio riservata dal testatore a «Donzelle zite povere et orfane senza padre e per le due parti di natione Spagnuola, e per la terza parte di donzelle Vergini orfane di Napoli, Ascoli, San Germano e Gaeta» anche se nate da forestieri che soggiornavano in quei luoghi22. Una beneficenza non ignara del privilegio nazionale, ma soprattutto attenta a legare alla memoria del principe le popolazioni dei territori che avevano composto il suo patrimonio signorile attraverso un’opera pia nella quale convergevano tanto l’identità spagnola che quella aristocratica.

  • 23 Ristretto del Testamento di D. Giovanni Ortiz de Salazar tradotto dall’idioma spagnolo, in ASNa, C (...)

31Diverso il tributo dato alla presenza nazionale in terra napoletana dalle disposizioni testamentarie di Christoval Ortiz y Villalobos23. Il facoltoso ufficiale, morto nel 1631, era esponente di quella dirigenza militare che, come si è detto, costituiva l’ossatura del sistema imperiale spagnolo mantenendo stretti legami con la terra di provenienza. Egli aveva disposto che, alla morte della moglie Francisca de Ludegno, il suo patrimonio finanziasse un’opera pia riservata ai connazionali in difficoltà con il mantenimento di quattro letti nell’ospedale e la destinazione di sussidi e maritaggi annui per tre orfane.

  • 24 ASNa, Cappellano Maggiore, b. 1197, fasc. 5, doti accordate 1726-1730. Per esempio quella a Gertru (...)

32L’affidamento alla Congregazione dell’Immacolata Concezione dei cavalieri spagnoli nella chiesa di S. Francesco Saverio della Compagnia di Gesù, poi sostituita da quella del SS. Sacramento in San Giacomo, aggregazioni a carattere identitario promosse dagli ambienti vicereali presso luoghi di culto che avevano composto il teatro cultuale e cerimoniale della presenza spagnola nella capitale, conferma l’organicità dei quadri militari alla cultura imperiale del potere. La lunga durata di questo impegno caritativo, poi, ci permette di registrare, ancora in pieno Settecento, la presenza a Napoli di famiglie di soldati provenienti da diverse regioni della Spagna, tutti residenti nella zona degli acquartieramenti militari del centro, come attestano i documenti allegati alle richieste di dote prodotti dai parroci e dalle ottine24.

33La parte più consistente di quell’eredità fu destinata a istituzioni per l’assistenza delle donne: la “Casa di Nostra Signora della Solitaria della nazione spagnola” e, con la somma derivante dalla vendita degli arredi e delle rendite depositate nei banchi, la “Casa delle Retirate spagnole di questa Città”.

  • 25 Il differimento tra l’ideazione e la messa a regime dell’attività caritativa e le difficoltà del s (...)

34Il Conservatorio de Nuestra Señora de la Soledad è forse l’esempio che meglio riassume le considerazioni svolte fin qui. Il finanziamento, diviso tra i militari e la Corona, insieme al controllo gestionale da parte dell’apparato vicereale ne ha garantito il profilo laico e questo ha consentito una presenza longeva nel tessuto urbano napoletano nonostante l’erroneo accorpamento alle strutture religiose che ne impose la soppressione durante il Decennio francese e lo spostamento, alla riapertura in epoca borbonica, nel convento di Santa Caterina da Siena25.

  • 26 È noto l’impegno del viceré Juan de Zúñiga per la rete caritativa di matrice spagnola. Parrino, I, (...)
  • 27 Regole della casa, Amministrazione B 1/4, ff. 4r-v: «La Casa Santa della Solitaria sino dalla sua (...)

35La letteratura ha fissato al 1589 la fondazione della struttura attribuendola al cappuccino Pedro Trigoso e al capitano di campo Luis Enriquez. Collocato all’interno del teatro urbano vicereale e approvato da un breve del 1590, l’istituto, di patronato regio, era esentato dalla sorveglianza della diocesi e portava a compimento il progetto di Juan de Zúñiga che, nel 1580, lo aveva posto nell’alveo della omonima confraternita spagnola del convento domenicano di Santo Spirito di Palazzo26. Il capitale, garantito dai vertici della comunità spagnola e dai militari, aveva consentito l’accoglienza iniziale per «12 figliole con una Maestra, una Rettora una Vicaria una torniera o portiera una cuoca et una refettoriera»27.

  • 28 L’8 settembre 1629 i governatori scrivevano al viceré rappresentandogli le difficoltà delle accogl (...)

36Lo scopo caritativo non era originale e non lo erano neanche i meccanismi per l’accoglienza delle fanciulle che, a differenza delle giovinette “in educazione” alle quali era sufficiente pagare una retta, dovevano appartenere a famiglie spagnole e avere un’età compresa tra i cinque e i dodici anni senza essere mai state a servizio né potevano essere destinate ad altro che al matrimonio o al convento. Dalla corrispondenza con il Regio Consiglio emerge la rigidità con cui i maestri applicavano tali regole, rifiutando ogni deroga anche in occasione di pressioni di alto profilo, se non in casi di ospitalità temporanea di nobildonne in difficoltà familiare o di salute28.

  • 29 Il Libro de la Confradia registra al f. 10r l’elenco dei Maestros de la venerabile confraria de no (...)

37Interessante è la massiccia presenza femminile tra i membri della Confraria de la Soledad, la confraternita dalla quale nacque il ritiro. Nella Platea della nuova istituzione iniziata nel marzo del 1580 sono andate perdute le prime carte con le notizie delle origini. Se l’elenco dei sostenitori, purtroppo mutilo, include esponenti dell’alta nobiltà spagnola insieme alle loro mogli, le rubriche dei confratelli, per i quali non sono però registrati date di affiliazione e provenienze, sono suddivise tra hombres et mujeres e registrano la presenza predominante delle donne che, da un controllo a campione, risultano quasi tutte spagnole29.

38In chiusura, credo che questo breve percorso attraverso alcune istituzioni laiche predisposte dagli spagnoli a tutela delle loro donne possa confermare l’importanza, all’interno delle reti nazionali, del principio di solidarietà che, determinando iniziative di reciproco sostegno, alimentava un comune senso di appartenenza. La matrice confraternale e l’attenta profilazione dei governatori laici, responsabili della gestione del patrimonio e garanti dei principi ispiratori delle opere pie, facilitava il consenso sociale e incrementava la fiducia e la visibilità necessarie a generare i flussi di finanziamento ai quali era affidata la sopravvivenza economica e la sostenibilità politica di quelle iniziative.

39In questo assetto generale, la condivisione, con i sudditi napoletani, del privilegio dell’assistenza predisposta per gli spagnoli trasferiti nella capitale può essere considerata strumento di governo largamente utilizzato nei domini degli Austrias dai rappresentanti della Corona. Se la negoziazione permanente con la comunità napoletana aveva aperto le porte delle opere pie vicereali, si conservava una parziale restrizione di accesso alle tutele riservate alle donne direttamente o indirettamente ascrivibili alla comunità iberica alle quali veniva riconosciuto un ruolo strategico nel radicamento del gruppo straniero nella capitale del re ausente e la tutela demografica della presenza nazionale in terra straniera.

Haut de page

Bibliographie

Fonti

Araldo = F. Divenuto (a cura di), Napoli l’Europa e la Compagnia di Gesù nella “Cronica” di Francesco Araldo, Napoli, 1998.

Capitoli del Monte d’Ascoli = Capitoli, stabilimenti, instruttioni, e formalita ordinate per l'erettione et administratione del Monte del Sig. q. Principe d’Ascoli D. Antonio de Leyva, Napoli, dopo il 1652.

D’Engenio = C. D’Engenio, Napoli sacra, Napoli, Beltrano, 1623.

Libro de la Confradia = Libro de la Confradia de Nostra Senora de la Soledad la qual senpeso en el mese de marzo de 1580, ASRCS, Amministrazione B 1/3.

Libro de ordenes = Libro de ordenes mandatas villettes memoriales y relaciones de SC […] que se embian de Nostra Santa Casa a palacio y de los effettos que dellos resulta, ASRCS, Amministrazione B 1/3.

Madalena = Fundacion orden y estatutos del Recogimiento y Convento de las Arrepentitas espanolas de la Madalena desta Ciudad de Napoles, 1634, BNN, San Martino 204, fasc. 1.

Miccio = S. Miccio, Vita di don Pedro de Toledo, in F. Palermo (a cura di), Narrazioni e documenti sulla storia del Regno di Napoli dall’anno 1522 al 1667, Archivio Storico Italiano, IX ,1846, p. 2-85.

Parrino = D.A. Parrino, Teatro eroico, e politico dei governi de' viceré del regno di Napoli, 3 vol., Napoli, Parrino e Mutii, 1692-1694.

Soledad Palermo = Obblighi della Regal cappella di S. Maria la Soledad fondata nella città di Palermo per li nob. officiali militari e nob. politici spagnoli, SNSP, Fondo Cuomo, ms. 1.6.9.

Rubino = A. Rubino, Notitia di quanto è occorso in Napoli dall’anno 1648 per tutto l’anno 1657. SNSP, ms. XXIII D 14.


Bibliografia secondaria

Bianchi – Maffi – Stumpo 2008 = P. Bianchi, D. Maffi, E. Stumpo (a cura di), Italiani al servizio straniero in età moderna, Guerra e pace in età moderna. Annali di storia militare europea, I, Milano, 2008.

Borrelli 1903 = R. Borrelli, Memorie storiche della Chiesa di San Giacomo dei nobili spagnoli e sue dipendenze, Napoli, 1903.

Brancaccio 2001 = G. Brancaccio, Nazione genovese. Consoli e colonia nella Napoli moderna, Napoli, 2001.

Broggio – Guarnieri Calò Carducci – Merluzzi 2017 = P. Broggio, L. Guarnieri Calò Carducci, M. Merluzzi (a cura di), Europa e America allo specchio. Studi per Francesca Cantù, Roma, 2017.

Cabibbo – Serra 2017 = S. Cabibbo, A. Serra (a cura di), Venire a Roma, restare a Roma. Forestieri e stranieri fra Quattro e Settecento, Roma, 2017.

Calabi – Turk Christensen 2007 = D. Calabi, S. Turk Christensen (a cura di), Cities and cultural exchange in Europe, 1400-1700, III, Cultural exchange in early modern Europe, Cambridge, 2007.

Canepari – Mésini – Mourlane 2016 = E. Canepari, B. Mésini, S. Mourlane (a cura di), Mobil hom(m)es. Formes d’habitats et moders d’habiter la mobilité (XVIe-XXIe siècle), La Tour d’Aigues, 2016.

Canepari 2014 = E. Canepari, “In my home town I have”. Migrant woman and multi-local ties (Rome, 17th-18th centuries), in Genesis, XIII-1, 2014, p. 11-30.

Carboni 2017 = L. Carboni, L'Archivio del Pontificio y Real Hospital de los Italianos en Madrid, in https://www.asei.eu/it/2017/10/larchivio-del-pontificio-y-real-hospital-de-los-italianos-en-madrid-di-luca-carboni/.

Carrió Invernizzi 2014 = D. Carrió Invernizzi, Santiago de los Espanoles en Plaza Navona (siglos XVI-XVII), in F. Bernard (a cura di), Piazza Navona ou Place Navone la plus belle et la plus grande : du stade de Domitien à la place moderne, histoire d’une évolution urbaine, Rome, 2014, p. 635-655.

Conforti – Sánchez de Madariaga 2007 = C. Conforti, E. Sánchez de Madariaga, Churches and confraternities, in Calabi – Turk Christensen 2007, p. 349-360.

Croce 2006 = B. Croce, Un paradiso abitato da diavoli, Milano, 2006.

Fiorelli 2015 = V. Fiorelli, Reti della dedizione e identità senza Stato, in R.M. Delli Quadri (a cura di), Storia e identità storica nello spazio euromediterraneo, Napoli, 2015, p. 51-64.

Fiorelli 2018a = V. Fiorelli, Class privilege and the public good. The Monti for dowries in early modern Naples, in A. Bellavitis, B. Zucca Micheletto (a cura di), Gender, law and economic well-being in Europe from the fifteenth to the nineteenth century. North versus South?, Londra-New York, 2018, p. 121-135.

Fiorelli c.d.s. = V. Fiorelli, Pour la gloire de Dieu et pour l'aide des âmes. Charité et modes d’entrée dans les couvents à Naples au cours de l'Ancien Régime, in A. Burkardt, A. Roger (a cura di), L’exception et la règle. Les pratiques d’entrée et de sortie des couvents de la fin du Moyen Âge au XIXe siècle, in corso di stampa.

Franzese 1994 = P. Franzese, Cappellania maggiore, in Stato e chiesa nel Mezzogiorno. Testimonianze archivistiche. Mostra documentaria, Napoli, 1994.

Galasso 1998 = G. Galasso, Da “Napoli gentile” a “Napoli fedelissima”, in Id., Napoli capitale. Identità politica e identità cittadina, Napoli, 1998, p. 61-110.

Galasso 2006-2011 = G. Galasso, Storia del Regno di Napoli, Torino, 2006-2011.

Galasso – Valerio = G. Galasso, A. Valerio, Donne e religione a Napoli. Secoli XVI-XVIII, Milano, 2001.

Garcìa - Recia Morales 2014 = B.J. Garcìa Garcìa, O. Recia Morales (a cura di), Las corporaciones de nación en la Monarquía Hispánica (1580-1750). Identidad, patronazgo y redes de socialidad, Madrid, 2014.

Hernando Sànchez 1994 = C.J. Hernando Sànchez, Castilla y Nàpoles en el siglo XVI. El virrey Pedro de Toledo liniaje, estado y cultura (1532-1553), Salamanca, 1994.

Mazza 2017 = M. Mazza (a cura di), L’Archivio storico del Real conservatorio della Solitaria, Napoli, 2017.

Mineo 2014 = I. Mineo, Caritas e bene comune, in Storica, 59, 2014, p. 7-56.

Musi 1982 = A. Musi, Pauperismo e assistenza negli antichi stati italiani, in G. Politi, M. Rosa, F. Della Peruta (a cura di), Timore e carità: i poveri nell'Italia moderna, Cremona, 1982, p. 259-273.

Musi 2013 = A. Musi, L’impero dei viceré, Bologna, 2013.

Musi 2016 = A. Musi, Mito e realtà della nazione napoletana, Napoli, 2016.

Muto 1982 = G. Muto, Forme e contenuti economici dell'assistenza nel Mezzogiorno moderno: il caso di Napoli, in G. Politi, M. Rosa, F. Della Peruta (a cura di), Timore e carità: i poveri nell'Italia moderna, Cremona, 1982 p. 237-258.

Muto 2017 = G. Muto, Fedeltà e patria nel lessico politico napoletano della prima età moderna, in A. Merola et al. (a cura di), Storia sociale e politica. Omaggio a Rosario Villari, Milano, 2017, p. 495-522.

Novi 2017 = E. Novi Chavarria, Forme e simboli dell’universalismo ispanico: il processo di integrazione tra le «nazioni» della Monarchia attraverso la rete assistenziale (1578-1598), in Rivista Storica Italiana, CXXIX-I, 2017, p. 5-46.

Pessolano 2013 = M.R. Pessolano, L’“addizione” di Pedro de Toledo e la “ciudad antigua de Nápoles”, in A.E. Denunzio et al. (a cura di), Dimore signorili a Napoli. Palazzo Zevallos Stigliano e il mecenatismo aristocratico dal XVI al XX secolo, Napoli, 2013, p. 49-64.

Raimondi 1975 = R. Raimondi, Real Arciconfraternita e Monte del SS. Sacramento dei Nobili Spagnoli, Napoli, 1975.

Rivero Rodríguez 2012 = M. Rivero Rodríguez, El Hospital de los Italianos de Madrid y el Consejo de Italia en el Reinado de Felipe IV: Consejos territoriales y representación de los Reinos, in A. Jiménez Estrella, J.J. Lozano Navarro (a cura di), Actas de la XI reunión científica de la Fundación Española de Historia Moderna, I, El Estado Absoluto y la Monarquía, Granada, 2012, p. 1141-1152.

Roviello 2009 = M. Roviello, Cittadini senza nazione. Migranti francesi a Napoli (1793-1860), Firenze, 2009.

Salvemini 1999 = R. Salvemini, Gli Spagnoli a Napoli al tempo dei Napoleonidi (1806-1815). Le ragioni di una débâcle economica e politica, in MEFRIM, 111-2, 1999, p. 683-719.

Salvemini 2018 = R. Salvemini, «Que ninguno spañol vaya pidiendo limosina». Evoluzione di un progetto economico-assistenziale per gli spagnoli nella Napoli del viceregno, in C. Villanueva Marte, A. Conejo da Pena, R. Villagrasa Elías (a cura di), Redes hospitalarias: historia, economia y sociología de la sanidad, Saragozza, 2018.

Santangelo 2019 = M. Santangelo, La nobiltà di Seggio napoletana e il riuso dell’antico tra Quattro e Cinquecento, Napoli, 2019.

Trivellato – Halevi – Antunes 2014 = F. Trivellato, L. Halevi, C. Antunes (a cura di), Religion and trade: cross-cultural exchanges in world history, 1000-1900, Oxford, 2014.

Valerio 2006-2007 = A. Valerio (a cura di), I luoghi della memoria, 2 vol., Napoli, 2006-2007.

Ventura 2018 = P. Ventura, La capitale dei privilegi, Napoli, 2018.

Zaugg 2011 = R. Zaugg, Stranieri di antico regime. Mercanti, giudici e consoli nella Napoli del Settecento, Roma 2011. 

Haut de page

Notes

1 Miccio, p. 42-43.

2 Sulla cultura della fedeltà di età vicereale si veda almeno Galasso 1998, Muto 2017. Nel 1650, sugli apparati effimeri della processione di S. Giovanni, emblema del potere del Seggio del popolo: «Amore con la testa coronata et con un cornicopio in mano […] significando l’amore con che ci governa la Monarchia Spagnuola, à sinistra stava la statua della Fedeltà con uno scudo in mano ove era dipinta l’impresa del Popolo sotto la quale stava dinotando la fedeltà Napolitana verso i suoi cattolici regi», Rubino, p. 36. Un informato profilo dei Seggi in Santangelo 2019, p. 172-182. Di collisione/collusione ha parlato Musi in molti suoi lavori, di recente Musi 2013.

3 Per il nesso tra urbanistica e ideologia del potere Pessolano 2013. Sullo sviluppo di Napoli capitale Galasso 1998.

4 Una visione meno economicista in Calabi – Turk Christensen 2007; Trivellato – Halevi – Antunes 2014; Broggio – Guarnieri Calò Carducci – Merluzzi 2017.

5 Cfr. Conforti – Sánchez de Madariaga 2007, Fiorelli 2015, Cabibbo – Serra 2017.

6 Musi 1982, Muto 1982. Per un riferimento d’insieme sulla storia del Regno di Napoli si veda Galasso 2006-2011.

7 Canepari – Mésini – Mourlane 2016 e, al femminile, Canepari 2014.

8 Ventura 2018 e, per l’impostazione di metodo, Rovinello 2009, Zaugg 2011.

9 Cfr. per esempio Musi 2016.

10 Cfr. Salvemini 1999 e Fiorelli 2018a. Per Roma e Madrid, sedi di poteri che eccedevano la dimensione statuale, Carrió Invernizzi 2014, Garcìa – Recia Morales 2014. Così l’Ospedale degli Italiani a Madrid, fondato nel 1579 per le nazioni rappresentate nel Consiglio d’Italia e gli italiani trasferitisi a Corte: Rivero Rodríguez 2012; Carboni 2017.

11 ASNa, Cappellano maggiore, b. 1200, fasc. 41, ff. 1-8. Sulla magitratura del Cappellano maggiore si veda Franzese 1994, p. 15-19. Cfr. Bianchi – Maffi – Stumpo 2008.

12 Araldo, ff. 169r e 220v. per la comunità dei genovesi Brancaccio 2001.

13 Parrino, I, p. 30-33; Mineo 2014.

14 Otre all’Annunziata, agli Incurabili e al San Giacomo, egli ricordava gli ospedali di Sant’Angelo a Nido, della Pace e della Misericordia, S. Eligio e la Cesarea. Parrino, p. XXVII. Va ricordato che il longevo ospedale degli Incurabili, fondato dalla catalana Maria Longo, e la breve esperienza del San Gioacchino, poi noto come San Diego, edificato nel 1514 da Giovanna Castriota, erano comunque riconducibili al matronage di dame spagnole legate alla Corte vicereale. Araldo, f. 168r; D’Engenio, p. 484.

15 Per una visione d’insieme si vedano i saggi raccolti in Galasso – Valerio 2001.

16 Notizie e citazioni in Madalena, ff. 1r-2r. Da rilevare l’impegno a non trasformare il conservatorio in luogo di accoglienza per anziane o «mujer que tiene hacienda» (ff. 2v-4r) dopo avere chiuso l’attività che rileva la presenza femminile attiva nel radicamento degli immigrati spagnoli. Per il ruolo della marchesa di Valle Croce 2006, p. 40; Valerio 2006-2007, II, p. 375-379.

17 D’Engenio, p. 541: per «ricevere alcune figliole vergini della loro Natione com’hoggi dove di presente si riceveno 18 monache gratis e senza dote alcuna figliuole de padri ch’habbiano servito la Maestà del Rè in carrichi importanti […] e lo spedale [san Giacomo] dona alle monache (che sono di numero 80) quanto giornalmente hanno bisogno». L’esenzione dal controllo diocesano è registrata negli atti della visita del cardinale Gesualdo. ASDN, Sante visite, 1599, v. 3, ff. 263r-270v.

18 La storia dell’ospedale napoletano si trova dispersa in molte ricerche di storia politica e delle istituzioni. Tra le fonti un rilievo particolare ha la relazione scritta da Lope de Guzmán dopo la sua negli anni 1581-1584 (AGS, Visita d’Italia, leg. 23). Cfr. Borrelli 1903; Raimondi 1975; Hernando Sànchez 1994. Per l’aspetto economico Salvemini 2018.

19 ASDN, Sante visite, 1599, ff. 263v-264r. Per le riflessioni successive si vedano Fiorelli c.d.s.

20 D’Engenio, p. 529-540.

21 Raimondi 1975, p. 147. La documentazione più tarda relativa ai maritaggi è una delle poche superstiti dell’Archivio del San Giacomo ancora conservata dalla Confraternita.

22 Capitoli del Monte d’Ascoli, p. 57. La citazione precedente si trova ivi, p. 2.

23 Ristretto del Testamento di D. Giovanni Ortiz de Salazar tradotto dall’idioma spagnolo, in ASNa, Cappellano Maggiore, b. 1197, fasc. 1. Le Condiciones para la fundacion del Monte que funda el capitan D. Chirtoval Ortiz de Villalobos y estan contenidas en su testamento furono trasmesse al Collaterale il 22 aprile 1634, ivi, b. 1196, fasc. 48.

24 ASNa, Cappellano Maggiore, b. 1197, fasc. 5, doti accordate 1726-1730. Per esempio quella a Gertrude Anastasia Romero figlia di Matias Romero e Maria de Sevir della Villa de Agreda, battezzata in San Marco di Palazzo; quella di Angela Michela Gregoria Bassi, orfana di Bartolomeo, proveniente da Alicante, che abitava in casa del cognato nell’ottina di Santo Spirito di Palazzo; di Carmina Lucia Lamberto di anni 16, figlia di Michele “magliorchino” e di Maria Montuoro residenti a S. Anna di Palazzo, o di Florentina Geronima Baso, di anni 26, con casa nell’ottina di Santo Spirito, figlia del capitano Gio. Andrea e di Stefania Casorla di Cartagena.

25 Il differimento tra l’ideazione e la messa a regime dell’attività caritativa e le difficoltà del secolo XIX hanno causato la dispersione di parte della documentazione delle origini. Mazza 2017.

26 È noto l’impegno del viceré Juan de Zúñiga per la rete caritativa di matrice spagnola. Parrino, I, p. 348-360, Novi 2017. La Soledad era intitolazione ricorrente per le iniziative caritative laiche promosse dagli spagnoli nei Regni, ma non corrispondeva a un unico assetto istituzionale. Cfr. Soledad Palermo. Per Napoli: ASDN, Sante visite, 1599, ff. 288r- 291v. Valerio 2006-2007, I, p. 241-245.

27 Regole della casa, Amministrazione B 1/4, ff. 4r-v: «La Casa Santa della Solitaria sino dalla sua prima eretione dell’anno 1589 fu instituita per ricovero et aiuto di povere figlie di Spagnoli che restano orfane in questo Regno et secondo l’elemosine che all’hora si raccoglievano dalla carità de militari […] dopo molto tempo scorso dalla sua fondatione che fu l’anno 16 per cedula de S. Maestà che sta in cielo fu stabilita la detta elemosina per d. 200 il mese e situata per peso forzoso nella Cassa militare per tutto quello che potesse importare l’elemosina che da la fanteria cavalleria e trattenuti a danno et utile della Real azienda». La qualità dell’accoglienza è testimoniata dall’incremento delle ospiti e dal personale in servizio: «ciascheduna figlia della casa è puntualmente assistita di tutto il necessario cossì di vitto come di vestiti vi sono poi le spese di spetiarie, medico, chirurgo, sagnatore, maestri di musica, confessori et altri officiali et anco delle create che l’assisteno».

28 L’8 settembre 1629 i governatori scrivevano al viceré rappresentandogli le difficoltà delle accoglienze provvisorie: «es notorio Ill.mo y Ex.mo S.r los inconvenientes que ay y se pueden offrecer de que en esta Santa Casa de la Soledad entre tantas donzellas […] a V.Ex. ha parecido referir las personas que despues que se fundo han entrado en ella por ordenes tan precisos respecto de las causas que ha parecido a los SS.es virreyes suplendolas mandandolas executar en esta manera». Libro de ordenes, f. 1r. Di seguito sono annotate alcune istanze rigettate tra cui quella dell’11 ottobre 1630 per Anna Maria de Solo raccomandata dalla regina di Ungheria che la aveva avuta a servizio durante il soggiorno napoletano.

29 Il Libro de la Confradia registra al f. 10r l’elenco dei Maestros de la venerabile confraria de nostra Señora e la Soledad en el ano 1582, tutti apparentemente ufficiali dell’esercito. Tra i sostenitori, il viceré duca de Osuna con la moglie, il conte de Haro Juan Hernandez de Velasco con la contessa, doña Leonor de Velasco. La rilevanza della presenza femminile risulta nella rubrica alfabetica ripartita tra hombres/mujeres: per la lettera A 14/24, B 27/31, C 33/35, D 37/39, E 41/45, F 47/52, G 54/58, I 60/67, L 69/73, M 75/81, N 87/89, O 91/92, P 93/ 97, R 102/104, S 106/110, T 117/114, V 116/116, X 120 (f. 13r).

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Vittoria Fiorelli, « Stranieri e dominanti », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge, 131-2 | 2019, 485-494.

Référence électronique

Vittoria Fiorelli, « Stranieri e dominanti », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge [En ligne], 131-2 | 2019, mis en ligne le 26 juillet 2019, consulté le 28 février 2020. URL : http://journals.openedition.org/mefrm/5974 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefrm.5974

Haut de page

Auteur

Vittoria Fiorelli

Università degli studi Suor Orsola Benincasa, vittoria.fiorelli@unisob.na.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals