Navigation – Plan du site
Hospitalité de l’étranger au Moyen Âge et à l’époque moderne : entre charité, contrôle et utilité sociale. Italie Europe

Maestri, compagni, nemici

L’immigrazione qualificata e le Corporazioni nelle città dell’Italia tardo-medievale
Franco Franceschi
p. 505-515

Résumés

La forte mobilità geografica che caratterizzava il mondo del lavoro negli ultimi secoli del Medioevo portava in molte città italiane un numero consistente di artigiani qualificati in cerca di nuove occasioni di impiego. Il contributo prende in esame il rapporto fra questi migranti e i gruppi di mestiere locali nelle sue diverse declinazioni: l’accoglienza, la collaborazione, la rivalità, il conflitto aperto. Dall’indagine emerge la difficoltà di indicare un unico modello di relazioni o una chiara tendenza evolutiva nel tempo. Il comportamento degli artigiani e delle loro Corporazioni, infatti, dipendeva piuttosto dalle congiunture economiche generali, dalle condizioni del mercato del lavoro nel loro specifico ambito e dalla necessità di difendere la leadership dei maestri locali, ma era anche influenzato dalle politiche economiche sviluppate dai poteri municipali. Indubbiamente la ricerca è ancora incompleta e non permette conclusioni definitive, ma contribuisce a complicare un quadro forse dato troppo rapidamente per acquisito.

Haut de page

Texte intégral

A Firenze: muratori contro

  • 1 Manetti 1976, p. 96-97.

1Nella Vita di Filippo Brunelleschi Giorgio Vasari, riprendendo in forma colorita un passo di Antonio Manetti1, primo biografo del grande architetto, racconta un episodio accaduto sul cantiere della cupola del Duomo di Firenze:

  • 2 Vasari 1971, III-1, p. 174-175.

Erano già le catene finite intorno intorno all’otto facce, et i muratori inanimiti lavoravano gagliardamente; ma sollecitati da Filippo più che ‘l solito, per alcuni rabbuffi avuti nel murare e per le cose che accadevano giornalmente se lo erano recato a noia. Onde mossi da questo e da invidia, si strinseno insieme i capi facendo setta, e dissono che era faticoso lavoro e di pericolo, e che non volevon volgerla senza gran pagamento (ancora che più del solito loro fusse stato cresciuto), pensando per cotal via di vendicarsi con Filippo e fare a sé utile. Dispiacque agli Operai questa cosa, et a Filippo similmente; e pensatovi su, prese partito un sabato sera di licenziarli tutti. Coloro, vistosi licenziare, e non sapendo che fine avesse ad avere questa cosa, stavano di mala voglia, quando il lunedì seguente messe in opera Filippo dieci lombardi, e con lo star quivi presente dicendo: «fa’ qui così, e fa’ qua», gl’instruì in un giorno tanto, ch’e’ ci lavorarono molte settimane. Dall’altra parte i muratori, veggendosi licenziati e tolto il lavoro e fattoli quello scorno, non avendo lavori tanto utili quanto quello, messono mezzani a Filippo che ritornerebbono volentieri, raccomandandosi quanto e’ potevano. Così li tenne molti dì in su la corda del non gli voler pigliare; poi gli rimesse con minor salario che eglino non avevono inprima2.

  • 3 Anche se non trova riscontro nella documentazione esistente, l’episodio potrebbe essere effettivam (...)

2È difficile trovare una rappresentazione più chiara e pregnante del rapporto di concorrenza esistente fra i maestri locali, categoria corporata “protetta” – diremmo oggi – nonché un po’ indolente, e i lavoratori immigrati, più volenterosi, meno esigenti, e sempre pronti, pur di trovare un impiego, ad inserirsi negli interstizi che si aprivano nel mercato del lavoro accettando salari più bassi. Certo, il settore delle costruzioni, con tutte le specializzazioni che lo componevano, presentava dinamiche proprie, visto che esprimeva una richiesta di manodopera esterna talvolta molto pronunciata se in città erano aperti uno o più grandi cantieri; ma l’aneddoto, al di là di un certo compiacimento del Vasari («e così dove pensarono avanzare, persono»), è verosimile3 e la tentazione di generalizzare la vicenda facendone un paradigma del rapporto tra nostrales e forenses esiste, anche sulla scorta di certe suggestioni contemporanee.

  • 4 Si vedano Mazzaoui 1967-1968 e 1984, Casarino 1984 e 2018, Comba 1988, capp. 9-11, Greci 1994, Mol (...)
  • 5 Per un primo approccio a questa vasta letteratura si vedano almeno le indicazioni bibliografiche c (...)
  • 6 Ma cfr. ora, limitatamente all’ambito del lavoro edile, Terenzi in corso di stampa.
  • 7 Si vedano, per esempio, Belfanti 1991 e 1999, Chilese 2012, p. 59-61, Mastrodonato 2016, p. 295-30 (...)

3In realtà, se proviamo a circoscrivere e ad approfondire il discorso, resteremo sorpresi: lo studio della mobilità delle maestranze specializzate nelle città dell’Italia tardo-medievale ha ormai una tradizione piuttosto consolidata4, mentre una bibliografia ancora più vasta riguarda naturalmente le attività artigianali urbane ed il loro inquadramento corporativo5. E tuttavia i due filoni di ricerca presentano meno punti di contatto di quanto ci si potrebbe attendere: per quanto importante per comprendere la fisionomia del mondo del lavoro e più latamente della società, la questione non è mai stata indagata sistematicamente dai medievisti6 (mentre ha ricevuto una qualche attenzione dai modernisti)7.

  • 8 Pinto 1996, p. 46-47; Degrassi 2000, p. 24-25.
  • 9 Degrassi 1996, p. 138-139.

4L’ipotesi sul tappeto è quella di un’evoluzione nel tempo verso politiche sempre più restrittive. In sostanza, nella fase di maggior sviluppo dell’economia cittadina e del fenomeno corporativo le Arti avrebbero adottato una linea di sostanziale apertura nei confronti degli artigiani venuti da fuori, in questo uniformandosi alle direttrici di politica demografica perseguite dai Comuni, che per lo più favorivano l’immigrazione specializzata8. Nei confronti dei forestieri, infatti, non vi sarebbero state particolari limitazioni, se non l’obbligo di iscriversi all’associazione e di pagare una tassa di immatricolazione più elevata rispetto a quella imposta ai locali e talvolta di risiedere in città da qualche anno. Le cose, però, sarebbero cominciate a cambiare fra Due e Trecento con l’irrigidimento della struttura corporativa legato al rallentamento della dinamica economica e al fatto che in numerose città, nell’ambito dei governi popolari, le Arti assunsero un ruolo diretto nella vita politica fungendo anche da collegi elettorali. In una sorta di reazione difensiva e identitaria esse avrebbero cercato allora di limitare l’accesso ai loro ranghi tramite il prolungamento dei tempi dell’apprendistato, l’aumento delle tasse di iscrizione (cui facevano da contraltare le agevolazioni per i figli e i parenti dei maestri già iscritti), e naturalmente la riduzione degli spazi per i forestieri quando non la loro esclusione dall’immatricolazione9.

5Questo modello evolutivo appare senz’altro plausibile, ma è stato forse accettato un po’ troppo supinamente e dovrebbe essere sostanziato con nuove ricerche. Studiando da molti anni il mondo del lavoro e delle Corporazioni sono diventato scettico sull’univocità e il carattere durevole che si attribuisce a determinati processi storici: in realtà molto spesso i fenomeni sono ciclici o comunque dipendono da situazioni locali e congiunture, tanto più in un’epoca, come i due secoli finali del Medioevo, testimone di sconvolgimenti radicali delle strutture demografiche, economiche e sociali.

Forme di accoglienza, meccanismi di selezione

  • 10 Cfr. lo spoglio effettuato a suo tempo da Doren 1940, I, p. 160-161.
  • 11 La disposizione, contenuta nella rubrica Quod nisi sit oriundus de civitate vel comitatu Florentie (...)
  • 12 Degrassi 1996, p. 138; per Genova si veda Casarino 2018, p. 35; per Venezia, Mueller 1998, p. 42.
  • 13 Doren 1940, I, p. 161.
  • 14 Casarino 2018, p. 32.
  • 15 Doren 1940, I, p. 160-161, nota 1.

6Nell’esemplificazione che seguirà vorrei ripartire da Firenze. Qui, stando agli statuti trecenteschi e quattrocenteschi delle Corporazioni che ci sono pervenuti, non vi erano chiusure radicali10 nei confronti dei forestieri se non nella legislazione più antica dell’Arte del Cambio11, che inquadrava tuttavia un ambito molto differente da quello dei mestieri artigianali e che quindi non può essere assunta come riferimento tipico. Perlopiù si registravano limitazioni riguardanti l’importo della tassa d’ingresso, che, come avveniva altrove12, per i forenses era più elevata (spesso doppia rispetto a quella cui erano tenuti i fiorentini)13; una maggiorazione che in effetti – come ha osservato Giacomo Casarino a proposito di Genova – poteva costituire «un disincentivo sufficiente a scoraggiare afflussi forestieri troppo fuori misura»14. Alcune Arti invece, come quelle di Por Santa Maria, dei Vaiai e Pellicciai e dei Chiavaioli, non fissavano nessuna cifra, ma rimettevano la questione direttamente nelle mani dei loro rettori, che evidentemente preferivano riservarsi la prerogativa di decidere valutando la situazione del momento15.

  • 16 Doren 1940, I, p. 108-109; Franceschi 1993, p. 871-873.
  • 17 Caggese 1999, I, lib. V, rub. XXX, p. 217-219.
  • 18 Cfr. a questo proposito Caggese 1999, II, lib. III, rub. LXXXXVII, p. 228-231; lib. V, rub. LXX, p (...)
  • 19 Caggese 1999, II, lib. V, rub. LXX, p. 367-368.
  • 20 Caggese 1999, II, lib. V, rub. LXX, p. 368.

7Un discorso a parte va fatto per le Corporazioni operanti nei settori che il Comune considerava strategici, com’erano quelli dell’approvvigionamento alimentare e delle costruzioni. In questi ambiti infatti, più o meno a partire dall’ultima parte del XIII secolo, in coincidenza con l’imponente slancio demografico e costruttivo che avrebbe trasformato la facies urbana arricchendola di nuove mura, di una cattedrale più grande e del palazzo dei Priori, l’autorità pubblica, pur espressione del raggiunto potere delle Arti, intervenne per ridurre le prerogative di alcuni gruppi di mestiere16. Questa legislazione fu ripresa e sistematizzata negli statuti comunali del 1322-25, in base ai quali l’Arte dei Beccai dovette accettare il principio della libertà di importazione e vendita di ogni tipo di carne e il divieto di costringere i forestieri ad immatricolarsi e a sottostare conseguentemente agli oneri previsti17. Relativamente al comparto edilizio furono emanate norme che da un lato assoggettavano fornaciai, mattonai, lastraioli, muratori e manovali raccolti nell’Arte dei Maestri di pietra e legname ad una disciplina relativa a tutti i livelli della loro attività professionale (regolamenti di produzione, compensi, sistemi di controllo), dall’altro liberalizzavano il mercato del lavoro con l’obiettivo di mantenere alta e concorrenziale l’offerta di manodopera18. Tra questi ultimi provvedimenti spiccano quelli che permettevano ai maestri, quale che fosse la loro provenienza, di accettare da qualsiasi committente lavori a cottimo senza dover versare alcun tributo alla Corporazione, ai forestieri il diritto di svolgere liberamente la loro attività e ai locali di lavorare con compagni venuti da fuori; e ciò senza che l’Arte potesse costringerli a sottomettersi alla sua autorità e nonostante l’esistenza di norme corporative che andavano in direzione opposta rispetto a quelle del Comune, norme che conseguentemente non avevano alcun valore e dovevano essere addirittura cancellate19. La Corporazione edile fiorentina fu inoltre obbligata ad inserire le disposizioni tratte dalla silloge cittadina nei propri statuti ed i suoi iscritti a giurare di rispettarle20.

  • 21 Pinto 1978, p. 111; La Roncière 1982, p. 524.
  • 22 Benigno Falsini 1971, p. 466-482; Goldthwaite 2013, p. 732-735.
  • 23 Esso constava di ben 187 articoli, quasi 150 in più rispetto alla normativa degli anni Venti del T (...)

8Un ulteriore giro di vite si registrò alla metà del Trecento in seguito all’esperienza traumatica della carestia del 1346-1347 (già preceduta da analoghe crisi alimentari negli anni 1328-1330 e 1339-1341)21 e degli sconvolgimenti determinati dalla peste del 134822, cui si affiancarono con impressionante e sinistra sincronia “disastri” quali il fallimento delle grandi compagnie mercantili, il collasso delle finanze comunali, nonché forti perturbazioni del sistema monetario. Ad essere sottoposto a un puntuale controllo pubblico, realizzato tramite la redazione di un nuovo, specifico corpus normativo denominato Statutum bladi23, fu stavolta un più ampio ventaglio di beni, considerati – con parametri assai poco selettivi – di prima necessità.

  • 24 Masi 1934, rubb. CXLIX, p. 183 e CLV, p. 186-187.
  • 25 Masi 1934, rubb. CLV, p. 186-187 e CLXXIII, 200-201. Sintetizzo qui i risultati di un’analisi più (...)

9L’elemento portante dell’intera operazione è indivi­duabile nella notevolissima espansione delle competenze proprie della magistratura comunale dei Quattro del Biado, alla legislazione, ai poteri di controllo ed alla giurisdizione penale della quale venivano ora assoggettati, oltre che numerosi gruppi di mestiere non compresi in associazioni politicamente riconosciute (mugnai, barcaioli, facchini, vetturali), tutti gli addetti al vettovagliamento e all’edilizia, nonché categorie quali i sarti e i calzolai. L’autono­mia decisionale delle Arti di appartenenza, e in generale di tutte le Corporazioni minori, venne poi significativamente limitata da una serie di provvedimenti che, nell’intento di attrarre forza-lavoro ed evitare i pericoli del monopolio delle Arti in un momento di caos economico e di disarticolazione del mercato, autorizzavano il libero eserci­zio delle attività in esse inquadrate sciogliendo i nuovi artifices dall’obbligo di immatricolazione e dalla relativa subordinazione ai rispettivi Consoli, che venivano diffidati dall’esercitare contro di loro qualsiasi forma di pressione24. Le forti proteste che seguirono portarono quasi subito al ripristino della prassi che imponeva ai nuovi di entrare nell’organismo corporativo e alle Arti di accoglierli dietro il pagamento di una modesta tassa d’ingresso stabilita dal Comune. Per i forestieri, tuttavia, l’immatricolazione restò facoltativa: essi furono conseguentemente sottratti alla giurisdizione delle Corporazioni cui avrebbero dovuto afferire e sottoposti ai poteri coercitivi degli ufficiali del Biado25.

  • 26 Archivio di Stato di Firenze, Statuti del Comune di Firenze, 13 (Statuti del Capitano del Popolo, (...)
  • 27 Goldthwaite 1984, p. 369.

10Depurato da alcune disposizioni temporanee, lo Statutum bladi passò nella compilazione statutaria cittadina del 135526, che avrebbe sancito in maniera duratura i rapporti fra l’autorità comunale e un segmento importante del mondo corporativo; un assetto teso a trasfe­rire agli organi­smi centrali, sottraendole alle tendenze “par­ticolaristiche” delle relative Corporazioni, tutte quelle competenze utili ad intervenire nella regolamentazione del mercato dei beni di prima neces­sità, all’andamento del quale erano strettamente legati l’interesse dei consumatori e la situazione dell’ordine pubblico. Nel corso del Quattrocento, per esempio, il diritto al lavoro degli addetti all'edilizia forestieri venne spesso ribadito dalla legislazione comunale e i Maestri di Pietra e Legname furono più volte diffidati dall’imporre loro delle restrizioni27.

  • 28 Catoni 1972, p. 63.
  • 29 Balestracci 1988, p. 173 e nota 49.

11Se da Firenze ci spostiamo a Siena troveremo un panorama per molti aspetti simile: isolate rigidità, come quella dell’Arte dei Notai, che fin dal Duecento decretava in modo inequivocabile de non recipiendo forensem (ossia nessuno che non fosse stato senese o originario del contado di Siena o non lo fossero stati il padre o il nonno28), accanto ad un diffuso atteggiamento di sostanziale apertura. In effetti, quando soprattutto si trattava di manodopera specializzata che veniva in città con l’intenzione di mettervi radici, erano le stesse Corporazioni a farsi tramite dell’inserimento degli immigrati nel tessuto economico e sociale accogliendoli al loro interno. Tanto che in un superstite elenco di immatricolati del 1362 si contano una quarantina di artigiani forestieri distribuiti in 17 diverse Arti: una cifra non elevata, ma che rappresenta il numero di quanti sono riconoscibili attraverso le specificazioni di provenienza, e dunque certamente inferiore alla realtà delle presenze effettive29.

  • 30 Balestracci 1988, p. 169; Pinto 1982, p. 434-435; Giorgi-Moscadelli 2005, p. 260; Terenzi in corso (...)
  • 31 Pinto 1982, p. 427.
  • 32 Prunai 1934, p. 408.
  • 33 Zdekauer 1897, dist. I, rub. CCCCLXXXXV-DII, pp. 178-180.
  • 34 Zdekauer 1897, dist. I, rub. CCCCLXVIIII, p. 170.

12Il numero dei forenses, in risposta ad una domanda che veniva sia dalla città che dal suo territorio, era sicuramente rilevante nella Corporazione della Pietra, dove si segnalava una forte presenza di uomini provenienti dall’area dei laghi lombardi e dalla Valtellina30, anche se una parte della manodopera non mirava a stabilirsi in città in maniera durevole ma può essere considerata “fluttuante”31. La politica di quest’Arte, nel periodo di grande fervore edilizio corrispondente ai decenni centrali del Duecento, fu apparentemente di accoglienza, come si deduce dal passaggio di una delibera in cui si dice: si quis magister foretanus utinuerit in dicta arte, magistri dicte artis ipsum debeant sotiari32. È però quasi certo che anche a Siena la posizione ufficiale espressa nella documentazione duecentesca dei Maestri della pietra fosse più indotta che spontanea, visto che il Comune – come a Firenze – era intervenuto per regolamentare la qualità, la quantità e i prezzi dei materiali edilizi33 e a dettare norme sull’impiego della manodopera: fra queste vi era l’obbligo per l’Arte di accogliere tutti coloro che volevano immatricolarsi (non chiedendo più di 10 soldi) e comunque il divieto di impedire agli immatricolati di lavorare con i non iscritti34.

  • 35 Salem Elsheikh 2002, III, distinzione IV, rub. 71, p. 194.
  • 36 Archivio di Stato di Siena, Statuti di Siena, 26, distinzione III, rub. 157, c. 151r
  • 37 Lo statuto è pubblicato in Lusini 1904: per il trattamento dei forestieri cfr. p. 229-230.
  • 38 Balestracci 1976, p. XXIII.
  • 39 Lusini 1904, p. 234.
  • 40 Lusini 1904, p. 216.

13Negli anni successivi non si ravvisano mutamenti significativi: nel Costituto in volgare del Comune del 1309-1310, per esempio, si riafferma come «sia licito al maestro de la pietra et del legname, el quale dimora ne la città di Siena, liberamente potere fare l’arte sua sença alcuna contradictione d’alcuno maestro di pietra et di legname»35; e su questa medesima linea si attesta anche lo statuto cittadino del 1334-1344, detto del Buongoverno36. Un atteggiamento più prudente, che rimetteva ogni decisione alla discrezionalità della Corporazione, traspare invece dalla raccolta redatta dagli stessi artifices nel 1426, dove si legge che «qualunque maestro forestieri venisse a Siena o presso a Siena a X miglia, non possa fare bottiga né lavorare per maestro se prima non è approvato per tre maestri, et pagato el dritto al camarlengo chome uno maestro di Siena pagasse, ciò è libr. sei di denari»37. Un filtro non necessariamente insuperabile, ma pur sempre un filtro. Per spiegare questo cambiamento, naturalmente, potremmo riprendere lo schema evolutivo cui abbiamo accennato poco fa; o semplicemente constatare che molta acqua era passata sotto i ponti e che la Siena del primo Quattrocento non aveva certo il dinamismo economico ed edilizio del XIII secolo; o anche ricordare che la Corporazione che aveva dettato principi “liberistici” molti decenni prima non era più la stessa, visto che nel 1355 era stata inglobata d’autorità all’interno dell’Arte del Legname38 e che nel 1426 quella che era ormai l’Arte del Legname e della Pietra aveva a sua volta assorbito anche calcinaioli, gessaioli e fornaciai39. Resta il fatto che la disposizione del 1426 non piacque alla Mercanzia, espressione dell’élite mercantile-imprenditoriale cittadina e al tempo stesso istituzione pubblica di governo dell’economia, che ne dichiarò la nullità per i lombardi e rimise la decisione per gli altri ad una magistratura comunale, i Sei Bonificatori delle Arti40.

  • 41 Breve dell’arte dei tavernai 1857, rubb. XXXVIIII, XLI e XLIII, p. 1012-1013; Breve dell’arte dei (...)
  • 42 Statuto dei beccai 1961, rub. LVIIII, p. 242.
  • 43 Maitte 2007, p. 245.
  • 44 Garofalo 2010, p. 31.

14Prima di chiudere su questo punto è opportuno ricordare che qua e là, nella produzione statutaria dei corpi di mestiere, affiorano altri tipi di norme restrittive indipendenti dalla questione della matricola. A Pisa per esempio, secondo lo statuto dei tavernai del 1305, per entrare nella Corporazione i forestieri dovevano offrire un’adeguata garanzia in relazione all’acquisto della carne che avrebbero venduto nei loro locali, giurare dinanzi ai Consoli dell’Arte e pagare una tassa straordinaria al Comune e all’Opera della Terzana, l’arsenale cittadino; quest’ultima condizione era presente anche negli statuti dell’Arte dei calzolai del 133441. A Firenze i beccai, stando alle disposizioni del 1346, chiedevano a chi veniva da fuori una fideiussione di 50 lire42. A Venezia, a partire del 1469, i vetrai vennero ammessi all’esercizio del mestiere solo se risiedevano a Murano e godevano di qualche garanzia, e comunque furono esclusi dalla produzione del vetro cristallino, che restava nelle mani dei soli nativi dell’isola43. A Palermo, nel 1487, i fabricatores e i marmorai forestieri potevano lavorare solo dopo avere sostenuto un esame al cospetto dei Consoli e dei consiglieri dell’Arte ed avere effettuato un pagamento di dieci tarì44.

Compagni sì, purché non comandino in casa nostra

15Indipendentemente dal tipo di soluzione specifica adottata per consentire l’ingresso dei forestieri nelle associazioni di mestiere locali è necessario chiedersi se, una volta divenuti parte integrante di questi sodalizi, essi godessero effettivamente degli stessi diritti accordati ai membri di estrazione cittadina. La risposta della Corporazione dei chiavaioli di Siena è piuttosto chiara:

  • 45 Statuto dell’Arte de’ Chiavari 1871, par. I, rub. VI, p. 234.

Anco è statuto et ordinato, che niuno possa essere rectore o vero consegliere de la detta Arte, se non serà de’ maestri de la detta università, cioè de’ giurati e sottoposti de la detta università, e che sia scritto ne la matricola de la detta Arte. Ne la quale matricola sieno e debbiano essere scritti tutti e’ maestri e gignori de la detta università, che avaranno giurato a l’Arte. E che niuno forestiere, bene che sia maestro, possa essere rectore de la detta Arte, se prima non serà stato et abitato in Siena per X anni, o da X anni in suso45.

  • 46 Mezzera 1985-1986, p. 76, nota 3.
  • 47 Casarino 2018, p. 33.
  • 48 Brunacci 1934, p. 48-49.

16L’Arte della lana di Viterbo, stando al suo statuto del 1469, riservava questa possibilità solo a chi possedeva una certa quantità di beni immobili in città, ma alcuni anni dopo la norma venne sostituita con un’altra che precludeva totalmente gli uffici corporativi ai non nativi46. A Genova invece, al vertice di alcune Corporazioni, come quelle dei tessitori di lana nella prima decade del XV secolo e degli albergatori qualche anno dopo, troviamo Consoli lombardi e tedeschi senza che questo crei particolari tensioni47. Anche lo statuto dell’Arte dei calzolai, stagionatori e conciatori di Arezzo del 1472, che riproponeva il consueto rapporto di 1:2 nell’importo della tassa di immatricolazione (gli stanziali dovevano pagare 10 lire e 20 gli immigrati), assegnava ai maestri forestieri le stesse prerogative dei locali, compresa la possibilità di ricoprire le più alte cariche dell’Arte48, un diritto la cui importanza nei processi di radicamento e nello sviluppo di un network di relazioni più profondo ed esteso non deve essere sottovalutata.

  • 49 La vicenda può essere ricostruita grazie alla documentazione pubblicata in Calabresi 1995, p. 814- (...)
  • 50 Casalini 2006-2007, p. 24.

17Ma, sempre nel comparto della lavorazione dei pellami, ancora più interessante è l’evoluzione della legislazione su questi aspetti nel non lontano centro di Montepulciano, situato al confine fra la Valdichiana e la Valdorcia, dove lo statuto dei calzolai del 1330-1337 non prevedeva differenze fra cives e forenses né sul piano delle tasse di immatricolazione né su quello dei diritti goduti. In una delle successive riforme datata 1360, però, le cose cambiarono: la normativa sugli “ospiti” si fece più rigida ed essi non poterono più essere eletti alla dirigenza dell’Arte. Esattamente dieci anni dopo vi fu una nuova modifica che cancellò tutte le precedenti riforme – compresa l’abolizione dei capitoli che vietavano ai forestieri di essere eletti agli uffici dell’Arte – e stabilì la validità della stesura degli anni Trenta49. Qual è il senso di queste oscillazioni? Una puntuale capacità di adattamento della normativa corporativa alla realtà della domanda e dell’offerta di forza-lavoro specializzata? O vi erano altri motivi? Probabilmente sì, visto che la cancellazione delle norme restrittive del 1360 coincise con l’assoggettamento di Montepulciano ad Arezzo, evento che inaugurò anche una fase di convergenza fra la legislazione dei due centri…50.

  • 51 Molà – Mueller 1994, p. 846.
  • 52 Molà – Mueller 1994, p. 847.

18Non sempre, comunque, le cose andavano relativamente lisce come in questi ultimi esempi. La guida dei corpi di mestiere e l’importanza che i gruppi dirigenti assumevano nella politica delle Arti rendevano la questione degli uffici corporativi un nodo cruciale, intorno al quale poteva nascere una forte contrapposizione di interessi, soprattutto quando accanto ai lavoratori stanziali esistevano gruppi di artigiani la cui coesione era accresciuta dalla comune origine geografica. È quanto accadde a Venezia nella Corporazione dei Tessitori di seta, che nel 1476 era composta in massima parte di forestieri e in particolare di bergamaschi, una circostanza che metteva in forte allarme i tessitori veneziani. Sollecitata ripetutamente, nel 1491 l’autorità pubblica si convinse a intervenire limitando l'accesso alle dieci cariche principali dell'Arte ad un massimo di tre rappresentanti per ogni singola “nazione”. Ma i bergamaschi aggirarono la disposizione facendo eleggere i propri figli nati a Venezia, «dicendo esser viniziani». Il governo decise allora di tracciare una linea netta tra chi doveva essere ancora considerato legato alle proprie origini e chi poteva essere reputato veneziano ai fini dell’elezione nella Corporazione. A quest’ultima categoria sarebbero appartenuti solo i bergamaschi il cui padre e nonno fossero nati a Venezia51. Il braccio di ferro con le autorità proseguì per almeno tre decenni, tra disposizioni restrittive e ricorsi dei bergamaschi che nel 1520 erano ancora «in grandissimo numero rispetto alle altre nation», costringendo la magistratura di controllo ad intervenire nuovamente; le cariche della Corporazione furono allora portate a 11, così divise: 3 a persone nate a Bergamo, 2 a figli di bergamaschi nati a Venezia, 2 a forestieri di “nazioni” diverse da quella dei bergamaschi, 2 a veneziani figli di forestieri che non fossero di Bergamo, le ultime 2 a veneziani originari52.

  • 53 Garofalo 2010, p. 31.

19Come abbiamo già visto con i casi dei lavoratori delle costruzioni a Firenze e a Siena, per i forenses esisteva la possibilità di svolgere la propria attività senza dover necessariamente entrare a far parte delle Corporazioni locali; e anche altrove s’incontrano occasionalmente provvedimenti che permettevano alla manodopera di passaggio, o che si fermava per breve tempo, di lavorare pagando semplicemente una piccola cifra di carattere ricognitivo: è il caso dei Muratori e Falegnami di Cagliari, il cui statuto del 1473 non prevedeva, per i forestieri che restassero in città meno di un anno, l’ingresso nell’Arte ma li assoggettava unicamente al pagamento di un flori d’or53.

  • 54 Broglio d’Ajano 1959, p. 230-235; Molà 1994, p. 73-74, 167-169.
  • 55 Franceschi 2000, p. 406-407.

20In linea generale si trattava di una soluzione che non era ritenuta adatta per chi intendeva fermarsi per periodi lunghi. Abbiamo però testimonianze di comportamenti alternativi, in particolare quando determinate specializzazioni erano state attratte da governi e Arti o comunque erano considerate strategiche. Penso per esempio all’immigrazione dei lavoratori lucchesi della seta, che portò a Venezia alla formazione di associazioni professionali nuove, come l’Arte dei veluderi e la Corte della seta, prima riservata ai soli toscani e poi aperta anche ai veneziani54. A Firenze fu la composita Arte di Por Santa Maria ad ospitare fin dal primo Trecento un membrum con propri rappresentanti e consiglieri lucchesi, un organismo che visse qualche decennio ma non riuscì a consolidarsi55 anche per la diversa situazione che esisteva nella città toscana dove le Corporazioni avevano un peso politico molto superiore rispetto ai sodalizi di mestiere veneziani, esautorati di qualsiasi ruolo rappresentativo-istituzionale nell’ambito del governo della Serenissima.

Conflitti

  • 56 Casarino 1984, p. 456.

21Situazioni come quella appena descritta potevano facilmente degenerare in un clima di aperta ostilità fra le componenti autoctone e quelle allogene che travalicava l’ambito corporativo e chiamava in causa il ruolo di mediazione di altre istituzioni. A Genova, dove a partire dagli anni 1415-17, per promuovere la manifattura della seta, il governo aveva promesso vari tipi di incentivi per attirare artigiani specializzati, a lungo andare si era creata una frattura fra i tessitori arrivati in città e quelli locali: nel 1437 questi ultimi, lamentando di essere suppositi angariis […] et in paupertate reducti, chiedevano a loro volta a gran voce la concessione degli stessi sgravi fiscali56.

  • 57 Quod si aliquis forensis de dictis artibus venerit ad exercendum artem in civitate Tuscanelle debe (...)
  • 58 Vaquero Piñeiro 2007, p. 344.

22Una situazione conflittuale è anche quella di Tuscania, dove nel 1451 muratori, carpentieri e petrari dettero vita ad un unico organismo corporativo imponendo ai maestri forestieri di immatricolarsi all’Arte57; i lombardi però, cui si rivolgeva principalmente il provvedimento, si rifiutarono di obbedire e minacciarono di abbandonare la città se non fosse stato ritirato. Dopo un lungo braccio di ferro, in cui le autorità municipali si adoperarono per «trattenere una forza lavoro ormai quasi insostituibile, la discussa norma fu alla fine praticamente annullata»58.

  • 59 Molà 2000, 286.

23Niente, per la verità, al confronto di quanto sarebbe avvenuto più di un secolo dopo a Venezia. Nell’estate del 1576 la città era stata colpita da un’epidemia di peste che, fra le altre conseguenze, aveva decimato la forza lavoro mettendo in grave crisi le attività produttive e spingendo il Senato, nel 1577, a intervenire con una misura radicale: per i successivi tre anni qualsiasi lavoratore, che fosse veneziano o forestiero, sottoposto all’autorità della Serenissima o meno, si sarebbe potuto iscrivere alle Corporazioni veneziane senza sottostare alle abituali verifiche sulla sua competenza e senza pagare la tassa di immatricolazione. Di fronte all’afflusso di persone che seguì il provvedimento gruppi di artigiani locali sopravvissuti alla peste, irritati dalla possibilità di perdere i vantaggi economici che la scarsità di manodopera gli avrebbe assicurato, organizzarono delle vere e proprie spedizioni contro i migranti che furono insultati, picchiati e anche feriti con il chiaro proposito di intimidirli e farli tornare indietro59.

  • 60 Balestracci 1976, p. XXV-XXVI.
  • 61 Breve dell’Arte de’ Maestri di Pietra 1854, p. 130.

24Prima di concludere è opportuno tornare in Toscana, a Siena, dove – come abbiamo visto – i rapporti fra i maestri impegnati nelle costruzioni erano divenuti più difficili nel primo Quattrocento, in particolare fra i senesi e i “comacini”, che rappresentavano una componente importante della manodopera del settore. Ebbene, per ricomporre un dissidio che nei decenni successivi si era andato acuendo, nel 1473 fu formata una commissione di 8 locali e 9 lombardi (la proporzione è di per sé significativa) che giunse alla determinazione di affiancare al camarlingo locale dell’Arte del Legname e della Pietra un secondo funzionario lombardo, misura che non trova altri riscontri nella storia delle Corporazioni senesi. La soluzione, però, non riportò la pace all’interno dell’associazione, dalla quale si staccarono nel 1488 i muratori e i fornaciai mentre vi rimasero gli scalpellini: dietro quella che sembrava una divisione a base puramente professionale, tuttavia, rispuntava il problema delle provenienze, visto che gli scissionisti erano in maggioranza forestieri (di Alessandria, Como, Locarno, Piacenza)60. Ancora nel 1513 i maestri rimasti nel sodalizio originario scrivevano al governo per segnalare che la separazione aveva provocato la diminuzione delle entrate dell’Arte e la difficoltà di mantenere, con il decoro che sarebbe stato necessario, la cappella che questa possedeva in Duomo, anche perché «tutti li denari che solevano cogliere per conferire a detta cappella, se li cogliono fra loro e tutti li portano in Lombardia»61.

  • 62 Balestracci 1993, p. 32-33.

25Neppure l’altra Corporazione, tuttavia, viveva tranquilla, ancora una volta a causa dei dissapori fra i lavoratori locali e i forestieri: nel 1525 i muratori cittadini scrissero al governo stigmatizzando il fatto che la nuova Arte fosse sempre stata in mano ai non senesi – riecco quindi la questione della leadership – e rilanciando la tesi del danno economico che derivava, stavolta addirittura alle finanze statali, dalla fuga di denaro verso la Lombardia. Il conflitto continuò negli anni successivi finché, nel 1532, le autorità cittadine decisero che non si sarebbe più dovuto discriminare, per l’elezione alle cariche direttive della Corporazione, tra stantiales e forenses; che ognuno – scrivono – «indistintamente habbi a godere tutte le immunità, honori, pesi e gravezze che in essa Università […] è ordinato»62. Un provvedimento che, ancora una volta, considerato che siamo ormai in pieno Cinquecento, non giustifica l’ipotesi di una progressiva chiusura delle porte nei confronti dei forestieri, quanto un atteggiamento oscillante, contraddittorio, fatto di decisioni e ripensamenti, mediazioni e conflitti che in fondo dovrebbe apparirci abbastanza familiare.

  • 63 Casarino 2018, p. 34.

26Così come possiamo forse comprendere un’altra sfumatura dei rapporti fra i gruppi testimoniata sempre dalla documentazione sui lavoratori dell’edilizia, stavolta operanti a Genova: il conflitto tra artigiani di recente immigrazione, nel caso specifico i magistri antelami Lombardie, scultori in pietra ed in marmo, e i magistri antelami Januenses, ormai “naturalizzati” e dunque decisi a difendere gli spazi di manovra conquistati ed i diritti acquisiti63.


  • 64 Alla conclusione che l’incontro fra maestri locali e forestieri generava «esiti differenti a secon (...)

27Dall’indagine svolta, condotta confrontando diverse realtà urbane e varie specializzazioni, cercando di intrecciare il piano delle norme e quello delle pratiche, emerge la difficoltà di indicare un unico modello di relazioni o una chiara tendenza evolutiva nel tempo. Il comportamento degli artigiani e delle loro Corporazioni sembra piuttosto condizionato dalle congiunture economiche generali, dalle condizioni del mercato del lavoro nel loro specifico ambito, dalla necessità di difendere la leadership dei maestri locali, ma anche dalle politiche sviluppate dai poteri municipali in risposta agli stimoli che arrivavano dalla realtà economica64. Indubbiamente la ricerca è ancora incompleta e non permette conclusioni definitive, ma contribuisce a complicare un quadro forse considerato troppo rapidamente come acquisito.

Haut de page

Bibliographie

Bibliografia primaria

Breve dell’arte dei calzolai 1857 = Breve dell’arte dei calzolai (1334), in F. Bonaini (a cura di), Statuti inediti della città di Pisa dal XII al XIV secolo, III, Firenze, G.P. Vieusseux, 1857, p. 1019-1049. 

Breve dell’arte dei tavernai 1857 = Breve dell’arte dei tavernai (1305), in F. Bonaini (a cura di), Statuti inediti della città di Pisa dal XII al XIV secolo, III, Firenze, G.P. Vieusseux, 1857, p. 997- 1015.

Breve dell’Arte de’ Maestri di Pietra 1854= Breve dell’Arte de’ Maestri di Pietra senesi dell’anno MCCCCXLI, in G. Milanesi (a cura di) Documenti per la storia dell’arte senese, I, Secoli XIII e XIV, Siena, O. Porri, 1854, p. 105-135.

Caggese 1999 = R. Caggese (a cura di), Statuti della Repubblica fiorentina, nuova ed. a cura di G. Pinto, F. Salvestrini, A. Zorzi, 2 voll., Firenze, Olschki, 1999, II, Statuto del Podestà dell’anno 1325.

Camerani Marri 1955 = G. Camerani Marri (a cura di), Statuti dell'arte del cambio di Firenze (1299-1316), con aggiunte e correzioni fino al 1320, Firenze, Olschki, 1955.

Salem Elsheik 2002 = M. Salem Elsheik (a cura di), Il Costituto del Comune di Siena volgarizzato nel MCCCIX-MCCCX, 4 voll., Siena, 2002. 

Masi 1934 = G. Masi (a cura di), Statutum bladi Reipublicae florentinae (1348), Milano, Vita e Pensiero, 1934.

Catoni 1972 = G. Catoni (a cura di), Statuti senesi dell'arte dei giudici e notai del secolo XIV, Roma, Il Centro di ricerca, 1972.

Manetti 1976 = A. Manetti, Vita di Filippo Brunelleschi preceduta da La Novella del Grasso, a cura di D. De Robertis, G. Tanturli, Milano, Il Polifilo, 1976, p. 45-124.

Morandini 1960 = F. Morandini (a cura di), Statuti delle arti dei correggiai, tavolacciai e scudai, dei vaiai e pellicciai di Firenze (1338-1386), Firenze, Olschki, 1960.

Sartini 1940 = F. Sartini (a cura di), Statuto dell’arte dei rigattieri e linaioli di Firenze (1296-1340), Firenze, Le Monnier, 1940.

Statuto dell’arte de’ chiavari 1871 = Statuto dell'arte de’ chiavari di Siena (1323-1402), in L. Banchi, F. L. Polidori (a cura di), Statuti senesi scritti in volgare ne’ secoli XIII e XIV e pubblicati secondo i testi del R. Archivio di Stato in Siena, II, Bologna, Romagnoli, 1871, p. 229-270.

Statuto dell’Arte dei Muratori 1976 = Statuto dell’Arte dei Muratori (1626), Siena, Arteditoria Periccioli, 1976.

Statuto dei beccai 1961 = Statuto dei beccai (1346), in F. Morandini (a cura di), Statuti delle Arti degli oliandoli e pizzicagnoli e dei beccai di Firenze (1318-1346), Firenze, Olschki, 1961, p. 195-259.

Vasari 1971 = G. Vasari, Le vite de’ più eccellenti pittori scultori e architettori nelle redazioni del 1550 e 1568, testo a cura di R. Bettarini, commento secolare a cura di P. Barocchi, 6 voll., Firenze, Sansoni – S.P.E.S., 1971.

Zdekauer 1897 = LZdekauer (a cura di), Il Constituto del Comune di Siena dell'anno 1262, Milano, Hoepli, 1897.


Bibliografia secondaria

Balestracci 1976 = D. Balestracci, Introduzione, in Statuto dell’Arte dei Muratori (1626), Siena, 1976, p. v-xxx.

Balestracci 1988 = D. Balestracci, L’immigrazione di manodopera nella Siena medievale, in Forestieri e stranieri nelle città basso-medievali, Firenze, 1988, p. 163-180.

Balestracci 1993 = D. Balestracci, La Corporazione dei muratori dal XIII al XVI secolo, in M. Boldrini (a cura di), Il colore della città: Siena, Siena, 1993, p. 25-34.

Belfanti 1991 = C. M. Belfanti, Le corporazioni e i forestieri (Mantova, secoli XVII-XVIII), in Studi Storici L. Simeoni, 61, 1991, p. 85-102.

Belfanti 1994 = C. M. Belfanti, Mestieri e forestieri. Immigrazione ed economia urbana a Mantova fra Sei e Settecento, Milano, 1994.

Benigno Falsini 1971 = A. Benigno Falsini, Firenze dopo il 1348. Le conseguenze della peste nera, in Archivio storico italiano, CXXIX, 1971, p. 425-473

Braunstein 2016 = Ph. Braunstein, Les Allemands à Venise (1380-1520), Rome, 2016.

Broglio D’Ajano 1959 = R. Broglio D’Ajano, L’industria della seta a Venezia, in C.M. Cipolla (a cura di), Storia dell’economia italiana. Saggi di storia economica, I, Secoli settimo-diciassettesimo, Torino, 1959, p. 209-262.

Brunacci 1934 = G. Brunacci, Tre questioni corporative medievali dagli statuti dei lapicidi di Cortona (1414) e di Arezzo (1387), in Primo Annuario dell’accademia Etrusca di Cortona, 1, 1934, p. 5-66.

Calabresi 1995 = I. Calabresi, Glossario giuridico dei testi in volgare di Montepulciano. Saggio di un lessico della lingua giuridica italiana, IV, Pisa, 1995.

Casalini 2006-2007 = S. Casalini, Gli ordinamenti dei calzolai, stagionatori e conciatori di Arezzo (1472-1476), tesi di Laurea, Università di Siena, Facoltà di Lettere e Filosofia in Arezzo, a.a. 2006-2007.

Casarino 1984 = G. Casarino, Mondo del lavoro e immigrazione a Genova tra XV e XVI secolo, in R. Comba, G. Piccinni, G. Pinto, Strutture familiari, epidemie, migrazioni nell’Italia medievale, Napoli, 1984, p. 451-472.

Casarino 2018 = G. Casarino, Traestraneitàe cittadinanza. Migrazioni a Genova e ricambi demografici. XV-XVI secolo, ora in Id., Genova, solo mercanti? Artigiani, corporazioni e manifattura tra Quattro e Cinquecento, Roma, 2018, p. 21-58.

Chilese 2012 = V. Chilese, I mestieri e la città. Le corporazioni veronesi tra XV e XVIII secolo, Milano, 2012.

Chiovelli 2007 = R. Chiovelli, Tecniche costruttive murarie medievali. La Tuscia, Roma, 2007.

Comba 1988 = R. Comba, Contadini, signori e mercanti nel Piemonte medievale, Roma-Bari, 1988.

Degrassi 2000 = D. Degrassi, Organizzazioni di mestiere e istituzioni di potere alla fine del medioevo nell'Italia centro-settentrionale, in M. Meriggi, A. Pastore (a cura di), Le regole dei mestieri e delle professioni, Milano, 2000, p. 17-35.

Degrassi 1996 = D. Degrassi, L’economia artigiana nell’Italia medievale, Roma, 1996.

Doren 1940 = A. Doren, Le Arti fiorentine, trad. it., 2 voll., Firenze, 1940.

Franceschi 1993 = F. Franceschi, Intervento del potere centrale e ruolo delle Arti nel governo dell’economia fiorentina del Trecento e del primo QuattrocentoLinee generali, in Archivio storico italiano, CLI, 1993, p. 863-909.

Franceschi 1999 = F. Franceschi, I tedeschi e l’Arte della Lana a Firenze fra Tre e Quattrocento, in Dentro la città. Stranieri e realtà urbane nell’Europa dei secoli XII-XVI, seconda ed. riveduta e ampliata, Napoli, 1999, p. 277-300.

Franceschi 2000 = F. Franceschi, I forestieri e l’industria della seta fiorentina fra Medioevo e Rinascimento, in La seta in Italia dal Medioevo al Seicento. Dal baco al drappo, Venezia, 2000, p. 401-422.

Franceschi 2017 = F. Franceschi, Il mondo della produzione urbana: artigiani, salariati, Corporazioni, in Id. (a cura di), Storia del lavoro in Italia, II, Il Medioevo. Dalla dipendenza personale al lavoro contrattato, Roma, 2017, p. 374-421.

Franceschi – Taddei 2012 = F. Franceschi, I. Taddei, Le città italiane nel Medioevo (XII-XIV secolo), Bologna, 2012.

Garofalo 2010 = E. Garofalo, Solidarietà e contrapposizioni, in Ead., in Le arti del costruire. Corporazioni edili, mestieri e regole nel Mediterraneo aragonese (XV-XVI secolo), con contributi di M. Bernaus et al., Palermo, 2007, p. 28-39.

Giorgi – Moscadelli 2005 = A. Giorgi, S. Moscadelli, Costruire una cattedrale. L'Opera di Santa Maria di Siena tra XII e XIV secolo, Monaco di Baviera, 2005.

Goldthwaite 1984 = R.A. Goldthwaite, La costruzione della Firenze rinascimentale. Una storia economica e sociale, trad. it. Bologna, 1984.

Goldthwaite 2013 = R.A. Goldthwaite, L’economia della Firenze rinascimentale, trad. it., Bologna, 2013.

Greci 1994 = R. Greci, Immigrazioni artigiane a Bologna tra Due e Trecento, in R. Comba, I. Naso (a cura di), Demografia e società nell’Italia medievale. Secoli IX-XIV, Cuneo, 1994, p. 375-399.

Greci 1989 = R. Greci, Corporazioni e mondo del lavoro nell’Italia padana medievale, Bologna, 1989. 

Haines 2011-2012 = M. Haines, Myth and management in the construction of Brunelleschi's cupola, in I Tatti Studies in the Italian Renaissance, 14-15, 2011-2012, p. 47-101.

La Roncière 1982 = Ch. M. de La Roncière, Prix et salaires à Florence au XIVe siècle (1280-1380), Rome, 1982.

Lusini 1904 = V. Lusini, Dell’arte del legname innanzi al suo statuto del 1426, in Arte antica senese, Bullettino senese di storia patria, 11, 1904, p. 183-246.

Maitte 2007 = C. Maitte, L’arte del vetro: innovazione e trasmissione delle tecniche, in Ph. Braunstein, L. Molà, Il Rinascimento italiano e l’Europa, III, Produzione e tecniche, Treviso-Costabissara, 2007, p. 235-259.

Mastrodonato 2016 = A. Mastrodonato, La norma inefficace. Le corporazioni napoletane tra teoria e prassi nei secoli dell’età moderna, Palermo, 2016.

Mazzaoui 1967-1968 = M.F. Mazzaoui, The emigration of Veronese textile artisans to Bologna in the thirteenth century, in Atti e Memorie dell'Accademia di Agricoltura Scienze e Lettere di Verona, cl. VI, 19, 1967-1968, p. 275-321.

Mazzaoui 1984 = M.F. Mazzaoui, Artisan migration and technology in the Italian textile industry in the Late Middle Ages (1100-1500), in R. Comba, G. Piccinni, G. Pinto, Strutture familiari, epidemie, migrazioni nell’Italia medievale, Napoli, 1984, p. 519-534.

Mezzera 1985-1986 = A. Mezzera, Lo Statuto dell’Arte della lana di Viterbo (1511), in Biblioteca e società, 7-8, 1985-86, p. 75-81.

Molà 1994 = L. Molà La comunità dei Lucchesi a Venezia. Immigrazione e industria della seta nel tardo Medioevo, Venezia, 1994.

Molà 1999 = L. Molà, Oltre i confini della città. Artigiani e imprenditori fiorentini della seta all’estero, in F. Franceschi, G. Fossi (a cura di), La grande storia dell’artigianato, II, Il Quattrocento, Firenze, 1999, p. 90-99.

Molà 2000 = L. Molà, The silk industry of Renaissance Venice, Baltimora, 2000.

Molà – Mueller 1994 = L. Molà, R. C. Mueller, Essere straniero a Venezia nel tardo Medioevo: accoglienza e rifiuto nei privilegi di cittadinanza e nelle sentenze criminali, in S. Cavaciocchi (a cura di), Le migrazioni in Europa secc. XIII-XVIII. Atti della Venticinquesima Settimana di studi dell’Istituto internazionale di storia economica ‘F. Datini’, Prato, 3-8 maggio 1993, Firenze, 1994, p. 839-851.

Morello 2016 = M. Morello, L’organizzazione del lavoro nelle botteghe artigiane tra XIII e XV secolo. Il contratto di apprendistato, in Historia et ius, 10, 2016, p. 1-32.

Pinto 1978 = G. Pinto, Il libro del Biadaiolo. Carestie e annona a Firenze dalla metà del ‘200 al 1348, Firenze, 1978.

Pinto 1982 = G. Pinto, La Toscana nel tardo Medioevo. Ambiente, economia rurale, società, Firenze, 1982.

Pinto 1996 = G. Pinto, La politica demografica, in Città e spazi economici nell’Italia medievale, Bologna, 1996, p. 39-63.

Prunai 1934 = G. Prunai, Notizie sull’ordinamento interno delle Arti senesi, in Bullettino senese di storia patria, 41, 1934, p. 365-420.

Terenzi in corso di stampa = P. Terenzi, Maestranze locali e maestranze forestiere nell’Italia medievale, in F. Panero (a cura di), Le pietre delle città medievali. Materiali, uomini, tecniche (area mediterranea, secc. XIII-XV). Atti del Convegno internazionale, Torino-Cherasco, 20-22 ottobre 2017, Cherasco, in corso di stampa.

Tognetti 2017 = S. Tognetti, Geografia e tipologia delle attività urbane, in F. Franceschi (a cura di), Storia del lavoro in Italia, II, Il Medioevo. Dalla dipendenza personale al lavoro contrattato, Roma, 2017, p. 312-341.

Vaquero Piñeiro 2007 = M. Vaquero Piñeiro, Costruttori lombardi nell’edilizia privata romana del XVI secolo, in L’économie de la construction dans l’Italie moderne, in MEFRIM, 119-2, 2007, p. 341-362. 

Haut de page

Notes

1 Manetti 1976, p. 96-97.

2 Vasari 1971, III-1, p. 174-175.

3 Anche se non trova riscontro nella documentazione esistente, l’episodio potrebbe essere effettivamente ispirato a fatti reali: Haines 2011-2012, p. 69-70.

4 Si vedano Mazzaoui 1967-1968 e 1984, Casarino 1984 e 2018, Comba 1988, capp. 9-11, Greci 1994, Molà 1994 e 1999, Franceschi 1999 e 2000, Braunstein 2016; e, in questo stesso numero, il saggio di Beatrice del Bo.

5 Per un primo approccio a questa vasta letteratura si vedano almeno le indicazioni bibliografiche contenute in Greci 1989; Degrassi 1996; Franceschi – Taddei 2012; Franceschi 2017; Tognetti 2017.

6 Ma cfr. ora, limitatamente all’ambito del lavoro edile, Terenzi in corso di stampa.

7 Si vedano, per esempio, Belfanti 1991 e 1999, Chilese 2012, p. 59-61, Mastrodonato 2016, p. 295-300 e passim.

8 Pinto 1996, p. 46-47; Degrassi 2000, p. 24-25.

9 Degrassi 1996, p. 138-139.

10 Cfr. lo spoglio effettuato a suo tempo da Doren 1940, I, p. 160-161.

11 La disposizione, contenuta nella rubrica Quod nisi sit oriundus de civitate vel comitatu Florentie exerceat artem cambi, è la stessa nelle redazioni del 1300, 1313 e 1316: Camerani Marri 1955, p. 118, 187 e 230.

12 Degrassi 1996, p. 138; per Genova si veda Casarino 2018, p. 35; per Venezia, Mueller 1998, p. 42.

13 Doren 1940, I, p. 161.

14 Casarino 2018, p. 32.

15 Doren 1940, I, p. 160-161, nota 1.

16 Doren 1940, I, p. 108-109; Franceschi 1993, p. 871-873.

17 Caggese 1999, I, lib. V, rub. XXX, p. 217-219.

18 Cfr. a questo proposito Caggese 1999, II, lib. III, rub. LXXXXVII, p. 228-231; lib. V, rub. LXX, p. 367-369.

19 Caggese 1999, II, lib. V, rub. LXX, p. 367-368.

20 Caggese 1999, II, lib. V, rub. LXX, p. 368.

21 Pinto 1978, p. 111; La Roncière 1982, p. 524.

22 Benigno Falsini 1971, p. 466-482; Goldthwaite 2013, p. 732-735.

23 Esso constava di ben 187 articoli, quasi 150 in più rispetto alla normativa degli anni Venti del Trecento. Il testo è edito: Masi 1934.

24 Masi 1934, rubb. CXLIX, p. 183 e CLV, p. 186-187.

25 Masi 1934, rubb. CLV, p. 186-187 e CLXXIII, 200-201. Sintetizzo qui i risultati di un’analisi più articolata, alla quale rimando anche per i riferimenti bibliografici e archivistici: cfr. Franceschi 1993, p. 877-883.

26 Archivio di Stato di Firenze, Statuti del Comune di Firenze, 13 (Statuti del Capitano del Popolo, copia in volgare), lib. I, rubb. XIV-CLXXVIII, cc. 14v-36v.

27 Goldthwaite 1984, p. 369.

28 Catoni 1972, p. 63.

29 Balestracci 1988, p. 173 e nota 49.

30 Balestracci 1988, p. 169; Pinto 1982, p. 434-435; Giorgi-Moscadelli 2005, p. 260; Terenzi in corso di stampa.

31 Pinto 1982, p. 427.

32 Prunai 1934, p. 408.

33 Zdekauer 1897, dist. I, rub. CCCCLXXXXV-DII, pp. 178-180.

34 Zdekauer 1897, dist. I, rub. CCCCLXVIIII, p. 170.

35 Salem Elsheikh 2002, III, distinzione IV, rub. 71, p. 194.

36 Archivio di Stato di Siena, Statuti di Siena, 26, distinzione III, rub. 157, c. 151r

37 Lo statuto è pubblicato in Lusini 1904: per il trattamento dei forestieri cfr. p. 229-230.

38 Balestracci 1976, p. XXIII.

39 Lusini 1904, p. 234.

40 Lusini 1904, p. 216.

41 Breve dell’arte dei tavernai 1857, rubb. XXXVIIII, XLI e XLIII, p. 1012-1013; Breve dell’arte dei calzolai 1857, rub. XXI, p. 1036. Su questi aspetti si veda Morello 2016, p. 13-14.

42 Statuto dei beccai 1961, rub. LVIIII, p. 242.

43 Maitte 2007, p. 245.

44 Garofalo 2010, p. 31.

45 Statuto dell’Arte de’ Chiavari 1871, par. I, rub. VI, p. 234.

46 Mezzera 1985-1986, p. 76, nota 3.

47 Casarino 2018, p. 33.

48 Brunacci 1934, p. 48-49.

49 La vicenda può essere ricostruita grazie alla documentazione pubblicata in Calabresi 1995, p. 814-1015.

50 Casalini 2006-2007, p. 24.

51 Molà – Mueller 1994, p. 846.

52 Molà – Mueller 1994, p. 847.

53 Garofalo 2010, p. 31.

54 Broglio d’Ajano 1959, p. 230-235; Molà 1994, p. 73-74, 167-169.

55 Franceschi 2000, p. 406-407.

56 Casarino 1984, p. 456.

57 Quod si aliquis forensis de dictis artibus venerit ad exercendum artem in civitate Tuscanelle debeat se aggregare et astringere cum dictis artibus: cit. in Chiovelli 2007, p. 163, nota 152.

58 Vaquero Piñeiro 2007, p. 344.

59 Molà 2000, 286.

60 Balestracci 1976, p. XXV-XXVI.

61 Breve dell’Arte de’ Maestri di Pietra 1854, p. 130.

62 Balestracci 1993, p. 32-33.

63 Casarino 2018, p. 34.

64 Alla conclusione che l’incontro fra maestri locali e forestieri generava «esiti differenti a seconda delle realtà in cui realizzava» giunge anche Terenzi in corso di stampa.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Franco Franceschi, « Maestri, compagni, nemici », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge, 131-2 | 2019, 505-515.

Référence électronique

Franco Franceschi, « Maestri, compagni, nemici », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge [En ligne], 131-2 | 2019, mis en ligne le 19 décembre 2019, consulté le 28 février 2020. URL : http://journals.openedition.org/mefrm/6039 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefrm.6039

Haut de page

Auteur

Franco Franceschi

Università degli studi di Siena – Dipartimento di Scienze della formazione, Scienze umane e della comunicazione interculturale di Arezzo, franco.franceschi@unisi.it

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals