Navigation – Plan du site

AccueilNuméros132-1VariaUn libellus poetico all’origine d...

Varia

Un libellus poetico all’origine dei Carmina Ratisponensia?

Una nuova proposta sulla genesi della raccolta
Martina Pavoni

Résumés

I Carmina Ratisponensia sono una raccolta di poesie e lettere d’amore in versi scambiate fra un maestro di Liegi e le sue allieve di una scuola monastica di Regensburg, disordinatamente trascritte in una miscellanea grammaticale del XII secolo (München, Bayerische Staatsbibliothek, Clm 17142). Il contributo, stringendo l’obiettivo sulla genesi della raccolta bavarese, intende dimostrare che questi carmi, spesso frammentari e di non facile comprensione, rappresentano i disiecta membra di un libello poetico perduto, probabilmente appartenuto al maestro stesso.

Haut de page

Notes de l’auteur

Vorrei ringraziare il prof. Paolo Garbini, costante guida e sostegno, per le lunghe e stimolanti conversazioni intorno a questi testi; il prof. Francesco Stella, al quale devo numerosi e preziosi suggerimenti, e il prof. Fulvio Delle Donne, per l’interesse dimostrato e gli utili consigli.

Texte intégral

1Nell’ambito di un convegno sui canzonieri tenutosi a Liegi nel 1989, Pascale Bourgain, nel suo intervento Les chansonniers lyriques latins, illustrava sapientemente in prospettiva diacronica la fisionomia delle raccolte poetiche mediolatine; in particolare, rilevando la straordinaria ricchezza del panorama lirico a partire dalla metà del XII secolo, sosteneva e argomentava anche l’esistenza e la circolazione di certi libelli poetici, di piccole dimensioni e generalmente monotematici, che sarebbero all’origine di raccolte poetiche più ampie e ibride, costituitesi per successiva giustapposizione di queste unità minime:

  • 1 Bourgain 1991, p. 73. Osserva ancora Bourgain 1991, p. 73-74: «Ce sont des libelli typiques, de pe (...)

Des propriétaires et de la circulation de ces livrets nous savons peu de chose. Leurs déplacements laissent supposer des étudiants allant de centre en centre scolaire, puis rentrant chez eux après leurs études, mais c’est pure hypothèse, appuyée seulement sur le caractère estudiantin de beaucoup des poèmes rythmiques1.

  • 2 Wattenbach 1873. Lo studioso ne pubblicava anche consistenti excerpta in prosa e in versi, offrend (...)
  • 3 Pavoni 2018. La bibliografia disponibile per questa raccolta è piuttosto esigua: fra i contributi (...)

2Una prova indiretta di quanto sostenuto da Bourgain sulla circolazione di questi libelli poetici si può con buona probabilità rintracciare in un manoscritto di Monaco della metà del XII secolo (München, Bayerische Staatsbibliothek, Clm 17142, qui siglato M), scoperto nel 1873 da Wilhelm Wattenbach2 e noto, per lo più, perché testimone unico di una raccolta di biglietti e lettere d’amore redatti in versi conosciuta con il nome di Carmina Ratisponensia (da qui in poi, per brevità, CR), della quale chi scrive ha curato una nuova edizione critica3.

  • 4 Dronke 1968, p. 221. Per una descrizione del codice vedi Halm et al. 1878, p. 83; Ebel 1970, p. 1- (...)
  • 5 Una descrizione dettagliata del quaderno è offerta in Ebel 1970, che pubblica buona parte del suo (...)
  • 6 Gli studiosi, a partire già da Wattenbach 1873, p. 717 hanno identificato la Vetula Capella menzio (...)
  • 7 Il dibattito sull’autenticità degli epistolari d’amore, che ha investito in varia misura tutte le (...)
  • 8 Dronke 1968, p. 422-447 e Carmina Ratisponensia 1979.

3Il monacense è un codice membranaceo composito, assemblato, come mostra la legatura, a Schäftlarn nel XV secolo, e ha una fisionomia così insolita che Peter Dronke, nella sua fondamentale monografia sulla poesia d’amore mediolatina – Medieval Latin and the rise of European love-lyric – lo aveva definito: «one of the strangest in the entire Middle Ages»4. La prima unità codicologica, dell’XI secolo, contiene un testo agiografico; la seconda, databile intorno alla metà del secolo successivo, è invece una miscellanea di opere in prosa e in versi riconducibile per contenuto all’ambiente scolastico. All’interno di questa seconda unità si trova una corposa sezione (ff. 83v-119v) che potrebbe essere descritta come un “quaderno d’appunti”, forse di un maestro o di uno studente, al cui interno si avvicendano, in modo del tutto caotico e senza ratio apparente, parti in prosa e versificate: si incontrano, fra le prime, etimologie di isidoriana memoria, excerpta grammaticali, accessus a opere di autori classici, digressioni mitologiche e commentari a testi sacri e profani; al secondo gruppo, anch’esso molto ampio e variegato, appartengono invece testi poetici di diversa estensione e natura: citazioni di autori classici, liste vertiginose di proverbi e sententiae, centoni di autori classici e medievali, indovinelli, componimenti poetici di carattere storico, religioso, erotico5. Fra questi ultimi, cioè i versi di carattere amoroso, è ben individuabile un consistente gruppo di carmi, tràditi solo da M, che gravitano tutti intorno a uno stesso ambiente – una scuola monastica di Regensburg – e che sono la testimonianza di rapporti affettivi intrecciati fra un maestro di Liegi e le sue giovani allieve6: si leggono, fra questi, biglietti di ringraziamento del magister per i doni ricevuti, allusioni al pagamento della retta scolastica, inviti a incontrarsi furtivamente presso la cappella antica della città (l’Alte Kapelle di Regensburg), richieste di correzione di versi e, ancora, appassionate dichiarazioni di devozione all’insegnante, amare gelosie, risentimenti per amori non ricambiati7. A questi carmi, pubblicati per la prima volta da Peter Dronke nel ’66 e poi di nuovo da Anke Paravicini più di dieci anni dopo, si dà il nome di Carmina Ratisponensia8.

  • 9 L’edizione di Dronke include infatti 50 carmi, contro i 68 pubblicati da Paravicini. Le strategie (...)
  • 10 Va osservato che questa specifica sezione del codice, strutturata in modo così singolare, non pres (...)

4Le due edizioni critiche attualmente disponibili presentano divergenze sostanziali, apprezzabili già nel differente numero di carmi che esse includono; tali difformità si spiegano facilmente tenendo presenti i peculiarissimi caratteri codicologici, circa i quali conviene ora entrare maggiormente nel dettaglio9. I CR, infatti, non sono stati trascritti dal copista in un unico blocco, ma sono – potremmo dire – disseminati variamente fra le pagine del “quaderno di appunti”, come è stato definito sopra10; si possono altresì individuare quattro blocchi principali, di varia estensione e dislocati in punti diversi del manoscritto, dove questi carmi sono trascritti l’uno di seguito all’altro, dunque non interrotti da altro materiale testuale.

  • 11 Da questo momento in poi si farà necessariamente riferimento ai numeri della nuova edizione curata (...)

5Di seguito è sintetizzata la disposizione in M dei blocchi e la loro consistenza11:

blocco ff. = CR
I 94v-95v 2-15
II 97r 20-25
III 104v-106v 30-44
IV 107v 45-46

6Ai carmi raccolti in questi quattro nuclei vanno aggiunti alcuni componimenti isolati, liberamente trascritti fuori dai blocchi qui individuati ma a essi inequivocabilmente legati da evidenti affinità di stile e contenuto.

7Sulla genesi di questo particolare quaderno si è pronunciato lo stesso Dronke, che, commentando con stupore e interesse questa sezione del manoscritto così particolare, scriveva:

  • 12 Dronke 1968, p. 221-222.

It seems that a scholar had left a mass of notes, private papers, and private correspondence in no particular order, and that perhaps some decades after his death someone was set the task of copying them, and being indifferent to or ignorant of their contents, or unable to put them in any order, copied them exactly in the chaos in which he found them. This explanation, which is substantially Wattenbach's, seems to me the only possible one12.

8L’ipotesi di Dronke – già anticipata da Wattenbach – appare, a mio avviso, del tutto verosimile. Tuttavia, le ultime ricerche sembrano aver portato a risultati nuovi.

9È necessaria, innanzitutto, una preliminare notazione paleografica. A vergare il quaderno di appunti (come pure tutta la seconda unità codicologica) è un'unica mano, alla quale si aggiungono gli interventi di una seconda, coeva, che opera in vario modo: glossa nell’interlinea alcuni termini latini con i corrispettivi lemmi in medio alto tedesco, colma diverse lacune testuali, corregge talvolta errori del copista. Spesso – e proprio qui vorrei portare l’attenzione – appone dei segni di paragrafo in prossimità di cambi di argomento o del passaggio dalla prosa alla poesia (e viceversa), mentre altre volte interviene per separare più carmi scritti consecutivamente.

10La visione diretta del manoscritto mi ha permesso di fare una ulteriore osservazione, che la semplice riproduzione digitale in bianco e nero del codice (liberamente accessibile on-line)13 non avrebbe invece consentito: una esigua porzione di questi segni di paragrafo (sei in totale) non è stata apposta dalla mano del revisore, ma dal copista stesso. È possibile affermare ciò sulla base di almeno tre elementi:

  1. il colore dell’inchiostro e lo spessore del tratto di questi sei segni sono identici a quelli che caratterizzano la scrittura del copista;
  2. la loro morfologia è diversa da quella che contraddistingue i segni di paragrafo apposti dal revisore;
  3. i sei segni sono stati vergati all’interno di uno spazio preciso ad essi deputato; al contrario, i segni di paragrafo del revisore si sovrappongono spesso al testo, a riprova del fatto che sono stati apposti sicuramente in un secondo momento.

Fig. 1 – Clm 17142, fol. 105v. Il cerchio in grigio scuro individua il segno di paragrafo apposto dal copista.

Fig. 1 – Clm 17142, fol. 105v. Il cerchio in grigio scuro individua il segno di paragrafo apposto dal copista.

Fig. 2 – Clm 17142, fol. 106r. Il cerchio in grigio chiaro individua il segno di paragrafo apposto dal revisore.

Fig. 2 – Clm 17142, fol. 106r. Il cerchio in grigio chiaro individua il segno di paragrafo apposto dal revisore.

Fig. 3 – Clm 17142, fol. 95r.

Fig. 3 – Clm 17142, fol. 95r.

11Questi sei segni, a differenza degli altri apposti dal revisore, si trovano unicamente all’interno dei quattro blocchi sopra menzionati, cioè dove il copista trascrive i CR, e sono disposti in modo tale da individuare delle sezioni di versi di varia ampiezza, secondo un procedimento sì irregolare, ma – come si vedrà – modulare.

  • 14 Per il contenuto del “quaderno” nelle sezioni qui discusse si rimanda ancora a Ebel 1970, che tras (...)

12Per chiarire meglio questo passaggio, si riassumono di seguito le diverse sezioni rilevate dai segni di paragrafo del copista (qui segnalati con la parentesi graffa), con l’indicazione esatta del numero di righe e dei carmi compresi al loro interno. Va però precisato che talvolta – come accade per buona parte del blocco III – il segno di paragrafo è stato apposto “sistematicamente” dal copista, e dunque apre e chiude regolarmente più sezioni successive; altre volte esso si trova all’inizio di un blocco (es. blocco I), senza però chiuderlo: in questo caso, la fine della sezione (alioquin conficieris) è comunque individuabile sulla base dell’explicit del carme, che coincide anche con un repentino cambio di argomento (caratteristica distintiva, come si è già visto, di questa miscellanea). Nell’ultimo caso, il segno di paragrafo del copista è assente: ciò accade, ad esempio, nel blocco II, dove però è ugualmente possibile isolare una sezione di 16 righe perché CR 20 (inc. Explorare mei…) e CR 25 (expl. concurrunt quoque puelle) sono rispettivamente preceduti e seguiti in M da materiale chiaramente estraneo ai nostri carmina, e cioè da testi in prosa14.

blocco inc. – expl. = CR tot. righe
I {Simia dicaris alioquin conficieris 2-15 34
II Explorare mei concurrunt quoque puelle 20-25 16
III G pro H positasors tua nec plus
{Monstrat Clionigra leguntur
{Salve mitto tibi horrida sorbet
{Si puer est talisillasque repellat
30-33
34-35
36-38
39-44
48
40
16
34
IV {Vos proficiscentes inde recepti
{Nobis Pieridesflos probitatis
45
46
6
6

13Ponendo attenzione al numero preciso di righe costitutive di ciascun blocco, si può riscontrare la presenza di un modulo costante di circa 8 righe: i multipli di questa unità minima talvolta sono esatti (es. 16, 48, 40); altre volte si osservano invece lievi oscillazioni (es. 6, 34). La mia ipotesi è che questa regolarità – seppure imperfetta – possa essere messa in relazione con il supporto scrittorio dal quale i carmina sono stati copiati: il modulo di 8 righe che si è rilevato in M corrisponderebbe, dunque, alla porzione di testo contenuta nel recto o nel verso della carta che il copista leggeva; le irregolarità numeriche, invece, si possono spiegare banalmente sulla base di eventuali oscillazioni o del modulo delle lettere o del numero di righe presenti nell’antigrafo.

14Sulla scorta di quanto si è appena osservato, si può supporre che i CR costituissero in origine un libellus poetico, verosimilmente allestito dal magister (o forse da una sua allieva?) non rilegato e di dimensioni molto piccole, che è confluito – smembrato, come si è visto, in due porzioni rilevanti insieme ad altre due più esigue (i “quattro blocchi” menzionati sopra) – all'interno del quaderno di appunti. L'impossibilità di ricondurre a strutture modulari altre sezioni del quaderno, nonché l'osservazione che i segni di paragrafo del copista si trovino solo qui forniscono un ulteriore, valido supporto a tale ipotesi.

  • 15 Si pensi, ad esempio, ai sei carmina amatoria della raccolta di Cambridge (Carmina Cantabrigiensia (...)
  • 16 Nicolau d’Olwer 1923, p. 10 e Cancionero de Ripoll 1986, p. 30 (attualmente, l’edizione di riferim (...)

15La sommaria ricostruzione di Wattenbach e Dronke, che in modo verosimile rendeva conto del caos testuale di questo strano quaderno bavarese (ignorandone, però, le ragioni), si arricchisce ora di dettagli e sfumature. Incrociando il dato testuale (il contenuto dei carmina) con quello codicologico e paleografico (la ricostruzione ideale di un libello poetico) si riescono a delineare i contorni di una storia che può – seppure solo in parte – spiegare la genesi di un manoscritto così particolare: in una scuola monastica di Regensburg, fra XI e XII secolo, un maestro, presumibilmente di una certa fama, intraprende uno scambio di audaci biglietti e lettere d’amore con le sue allieve, per poi raccogliere questa corrispondenza in un libello; in seguito, forse proprio una delle discipulae mette insieme tutte le carte appartenute al magister (compreso il libro di poesie) e le copia come meglio può: in modo disordinato, frammentario e lacunoso, spesso rinunciando a coglierne il senso, ma salvandole di fatto dall’oblio. Resta da capire – ma in questo caso difficilmente sarà possibile andare oltre la semplice ipotesi – perché l’ignoto copista, che non dimostra cura alcuna nell’ordinare il materiale che ha davanti, si preoccupi invece di segnalare attraverso segni di paragrafo (i sei che qui si sono ricondotti alla sua mano) i luoghi in cui trascrive le poesie che leggeva sulle carte sciolte del libello: probabilmente per facilitarne il reperimento nella magmatica situazione testuale del quaderno, o forse per cercare di mettere ordine ex post a materiale che era stato raccolto in maniera disordinata. Perché, invece, non ha preferito radunare fogli e fascicoli appartenuti al libellus per poi trascriverli in un unico blocco, così da agevolarne la consultazione? Si potrebbe pensare – ipotesi indubbiamente affascinante e ben fondata – che il copista abbia consapevolmente scelto di occultare gli audaci versi, sconvenienti per l’ambiente monastico nel quale furono prodotti, trascrivendoli in forma tale da passare inosservati a uno sguardo poco attento: come testimoniano, infatti, alcuni manoscritti erasi del Medioevo latino, non di rado la furia di ignoti lettori-censori si è abbattuta sui versi più licenziosi che coloravano le pagine di certi codici, di fatto condannando all’oblio buona parte di essi15; altre volte, alcuni espedienti usati dai copisti (si pensi, ad esempio, ai titoli “camuffati” – perché scritti al contrario – dei Carmina Rivipullensia) sono stati interpretati da alcuni studiosi come maldestri tentativi di celare il carattere erotico di alcuni componimenti16.

  • 17 Dronke 1968, p. 221.

16Che il monacense testimoni un tentativo di censura da parte del copista, non è possibile affermarlo con decisione; è certo, invece, che il manoscritto «fra i più strani di tutto il Medioevo»17 appare, oggi, forse meno oscuro.

Appendice

n. CR incipit – explicit ed. Dronke ed. Paravicini
1 Contemnens uvas … quibus aptius uti 1 1
2 Simia dicaris … moderamine comis 4 5
3 Mittit vestalis chorus … sibi reddat honestum 5 6
4 Corrige versiculos … preponas mihi Bertham 6 7
5 Gaude quod primam … vindictam dare culpis 7 8
6 Mens mea letatur..dignaris amare 8 9
7 Quos docuit virtus … et oris amice 9 10
8 Te cunctis <aliis> … me causa tuarum 10 11
9 Salva sis inmensa … per cuncta cavebo 11 12
10 Optat ut ista … littera scribi 12 13
11 Eice, Christe … querunt vestigia Verbi 12 14
12 Es dilecta mihi … semper habebis 13 15
13 En ego quem nosti … retegit tibi lectus 14 16
14 Prepostitus Vetule … vix placuisti 15 17
15 Domne lascive … alioquin conficieris 18
16 Prepono reliquis … bene servis 19
17 Cinthia quem tenerum … bonumque probate 20
18 Hunc mihi Mercurius … optat dona salutis 17 22
19 Christe, potestatem … fulgeo nomine solo 23
20 Explorare mei … me sedulo porta 18 24
21 Quas livor recoquit … compescere linguas 25
22 Sum merito tutus … vinco puellam 19 26
23 Anulus in donis … studeamus inire 20 27
24 Fedus quod narras … me discere morem 20 28
25 Non valeo crebrum … queque puelle 21 29
26 Quos docuit virtus … federe iungi 22 31
27 Nuper velate … levitatis omittant 32
28 Semipedes quod se … meminisse volo
29 Reddo vicem digne … sit queque nolle 25-26 34
30 G pro H posita … suavis odorem 35
31 Munere donatis … virtus debet amari 27 36
32 Carmine dives eram …par tibi litem 28 37
33 Quod me collaudas … sors tua nec plus 30 39
34 Monstrat Clio … modesta requirit 31 40
35 Non incauta tibi … nigra leguntur 41
36 Salve mitto tibi … felicia mittens 32 42
37 Tempus adest lacrimis … deteriora secuntur 43
38 Quid tibi precipue … febris horrida sorbet 33 44
39 Si puer est talis … noxia culpis 34 45
40 Est tibi vana fides … componere scires 34 46
41 Nolo meis culpis … me latuit reditus 35 47
42 Nomine quod resonat … solet esse lupus 36 48
43 Ut valeas animo … tua federa temptant 37 49
44 Me quia fecisti … illasque repellat 38 50
45 Vos proficiscentes … cantabitis inde recepti 39 51
46 Nobis Pierides … flos probitatis 40 52
47 Nos quibus ornatum … felle sagitte 41 53
48 Que mihi prima … filia dextre 42 54
49 Edita sub primis … mellis ad imum 55
50 Me tibi dantis … gaudia zona 43 56
51 Gaudet melodiis … turba Diane 43 56
52 Mercurii famule … lingua figuram 44 57
53 Cantio Fortune … sententia verbis 58
54 Nomen de pilo … vincar ab ullo 59
55 Hesperidum ramis … omnia victor 46 60
56 Hoccine pro scriptis … quicquid haberes 47 6
57 Nunc autem non re … teque relinquam 48 62
58 Iam felix valeas … cui decet esse 49 63
59 Non constat verbis … par tibi reddam 50 65
60 Compensent fidei … sociavit Bellerophonti 67
Haut de page

Bibliographie

Bibliografia primaria

Carmina Cantabrigiensia 2009 = Carmina Cantabrigiensia. Il canzoniere di Cambridge, a cura di F. Lo Monaco, Ospedaletto, 2009.
Carmina Ratisponensia 1979 = Carmina Ratisponensia, ed. A. Paravicini, Heidelberg, Winter, 1979.

Dronke 1968 = P. Dronke, Medieval latin and the rise of European love-lyric, 2 voll., 2ª ed., Oxford, Oxford University Press, 1968 (1ª ed. 1966), p. 422-447.

Ebel 1970 = A. Ebel, Clm 17142. Eine schäftlarner Miscellaneen-Handschrift des 12. Jahrhunderts, Monaco, Arbeo-Gesellschaft, 1970 (Münchener Beiträge zur Mediävistik und Renaissance-Forschung, 6).

Wattenbach 1873 = W. Wattenbach, Mitteilungen aus zwei Handschriften der k. Hof- und Staatsbibliothek, in Sitzungsberichte der königlich-bayerischen Akademie der Wissenschaften zu München, philosophisch-philologischen und historischen Classe, 3, 1873, p. 710-747.

Pavoni 2018 = M. Pavoni, I Carmina Ratisponensia: edizione critica e note di commento. Con gli altri carmi del Codex Latinus Monacensis 17142, tesi di dottorato, Società Internazionale per lo Studio del Medioevo Latino, 2018.


Bibliografia secondaria

Bergmann – Stricker 2005 = R. Bergmann – S. Stricker, Katalog der althochdeutschen und altsächsischen Glossenhandschriften, Berlino-New York, 2005, vol. 3.

Bourgain 1991 = P. Bourgain, Les chansonniers lyriques latins, in M. Tyssens (a cura di), Lyrique romane médiévale: la tradition des chansonniersActes du Colloque de Liège de 1989, Liegi, 1991, p. 61-84.

Brower 2014 = S.G. Brower, Twelfth-century Ovidianism in Baudri of Bourgueil's correspondence with Constance of Angers, in Classica et Mediaevalia, 65, 2014, p. 329-368.

Cancionero de Ripoll 1986 = Cancionero de Ripoll. Carmina Rivipullensia, texto, traducción, introducción y notas de J.-L. Moralejo, Barcellona, 1986.

Dronke 1979 = P. Dronke, The interpretation of the Ripoll love-songs, in Romance Philology, 33, 1979, p. 14-42.

Halm et al. 1878 = K. Halm et al., Catalogus Codicum Latinorum manu scriptorum Bibliothecae Regiae Monacensis, IV, 3 codd. lat. (Clm) 15121 - 21313, Wiesbaden-Monaco, 1878 (Nachdruck Wiesbaden 1969)

Kong 2010 = K. Kong, Lettering the self in medieval and early modern France, Cambridge, 2010.

Kretschmer 2015 = M.T. Kretschmer, The play of ambiguity in the medieval Latin love letters of the Ovidian Age (Baudri of Bourgeuil and Gerald of Wales), in C. Høgel, E. Bartoli (a cura di), Medieval letters: between fiction and document, Turnhout, 2015, p. 247-263.

Lea – Frings 1967 = E. Lea, T. Frings, Nachtrag und Bestätigung, in Beiträge zur Geschichte der deutschen Sprache und Literatur, 89, 1967, p. 282-289.

Lukas 2013 = V. Lukas (a cura di), Die jüngere Translatio s. Dionysii Areopagitae, Wiesbaden, 2013 (MGH, Scriptores rerum Germanicarum in usum scholarum separatim editi, 80).

Martínez Gázquez 2001 = J. Martínez Gázquez, «Amica/-us» en el poema 9 de los «Carmina Rivipullensia» y los «Carmina Ratisponensia», in B. Körkel, T. Licht, J. Wiendlocha (a cura di), «Mentis amore ligati». Lateinische Freundschaftsdichtung und Dichterfreundschaft in Mittelalter und NeuzeitFestgabe für Reinhard Düchting zum 65. Geburtstag, Heidelberg, 2001, p. 305-314.

Newman 2016 = B. Newman, Making love in the twelfth century. “Letters of two lovers” in context. A new translation with commentary, Philadelphia, 2016.

Nicolau d’Olwer 1923 = L. Nicolau d’Olwer, L’escola poètica de Ripoll en els segles X-XIII, in Anuari de l’Institut d’estudis Catalans, VI, 1915-20 (1923).

Ruhe 1975 = E.P. Ruhe, De amasio ad amasiam. Zur Gattungsgeschichte des mittelalterlichen Liebesbriefes, Monaco, 1975.

Sheffler 2008 = D.L. Sheffler, Schools and schooling in late medieval Germany: Regensburg, 1250-1500, Leida, 2008.

Stella 2006 = F. Stella, I canzonieri d'amore della poesia mediolatina: cicli narrativi non lineari, contesti epistolari, dimensione scolastica, in F. Lo Monaco, L.C. Rossi, N. Scaffai (a cura di), «Liber», «fragmenta», «libellus» prima e dopo Petrarca. Seminario internazionale in ricordo di D'Arco Silvio Avalle (Bergamo, Convento di S. Francesco, 23-25 ottobre 2003), Firenze, 2006, p. 35-53.

Tilliette 1995 = J.-Y. Tilliette, Le sens et la composition du florilège de Zurich (Zentralbibliothek, ms. C 58): hypothèses et propositions, in P. Stotz (a cura di), Non recedet memoria eius. Beiträge zur lateinischen Philologie des Mittelalters im Gedenken an Jakob Werner (1861-1944). Akten der wissenschaftlichen Tagung vom 9./10. September 1994 am Mittellateinischen Seminar der Universität Zürich, Berna, 1995, p. 147-167.

Haut de page

Notes

1 Bourgain 1991, p. 73. Osserva ancora Bourgain 1991, p. 73-74: «Ce sont des libelli typiques, de petit format, d'une seule main, d'une grande unité de conception […]. Mais si les libelli existants ont disparu, on se trouve vite en présence de copies conglomérées, ou bien interpolées avec des œuvres similaires». Sullo stesso argomento cf. anche Tilliette 1995.

2 Wattenbach 1873. Lo studioso ne pubblicava anche consistenti excerpta in prosa e in versi, offrendo una prima interpretazione del contenuto.

3 Pavoni 2018. La bibliografia disponibile per questa raccolta è piuttosto esigua: fra i contributi specifici si segnalano, oltre alla trascrizione di Wattenbach 1873 e alle due edizioni critiche ad oggi consultabili (Dronke 1968, p. 422-447 e Carmina Ratisponensia 1979), solo una nota in Lea – Frings 1967; una rapida presentazione in Ruhe 1975, p. 34-41; un breve saggio di Martínez Gázquez 2001, che introduce un confronto con i più noti Carmina Rivipullensia; una ricca panoramica in Stella 2006; infine, la recentissima traduzione con commento (ma solo di alcuni carmi) curata da Newman 2016.

4 Dronke 1968, p. 221. Per una descrizione del codice vedi Halm et al. 1878, p. 83; Ebel 1970, p. 1-41; Bergmann – Stricker 2005, p. 1186 (n. 623); Lukas 2013, p. 111-113.

5 Una descrizione dettagliata del quaderno è offerta in Ebel 1970, che pubblica buona parte del suo contenuto (sia le parti in prosa che quelle in versi) individuando, quando possibile, le fonti e offrendo anche una ricca bibliografia. Va specificato, per maggiore chiarezza, che Ebel è il cognome da nubile di Anke Paravicini, che nei suoi lavori alterna i due nomi.

6 Gli studiosi, a partire già da Wattenbach 1873, p. 717 hanno identificato la Vetula Capella menzionata in CR 16 e CR 17 (ed. Paravicini) con l’Alte Kapelle di Regensburg, uno dei più antichi luoghi di culto della Baviera. Carmina Ratisponensia 1979, p. 14, e più recentemente Sheffler 2008, p. 73, hanno ipotizzato che lo scambio di queste particolari lettere d’amore sia avvenuto in uno dei tre monasteri della città bavarese aperti alla frequentazione femminile, cioè Niedermünster, Obermünster e Mittelmünster. Del magister di questa scuola si sa ben poco: una fugace allusione in CR 40, 11 Erras nimirum nec habet te Legia natum (ed. Paravicini) lascia ipotizzare che l’uomo sia nativo di Liegi; diversi sono, inoltre, i possibili richiami onomastici disseminati qua e là nella raccolta: cf. ad es. CR 23, 2 Nunc fulgeo nomine solo (ed. Paravicini), che parrebbe alludere al nome Fulgentius, oppure CR 46, 2 qui fortis nomen tibi iunxit perdidit omen (ed. Paravicini), verso criptico sulla base del quale Dronke ha immaginato i nomi “Hartman” o “Kuonrat” (Dronke 1968, p. 446).

7 Il dibattito sull’autenticità degli epistolari d’amore, che ha investito in varia misura tutte le raccolte di lettere in prosa o in versi della mediolatinità (es. le epistole redatte in versi di Marbodo di Rennes e Balderico di Bourgueil; la raccolta di lettere di Tegernsee; le Epistolae duorum amantium; il carteggio fra Abelardo ed Eloisa), non sembra invece aver toccato i CR, unanimemente considerati uno scambio di versi reale fra un maestro di scuola e le sue allieve: cf. Kretschmer 2015, p. 248: «One such rare case of uncontestedly authentic love letters are some fifty poems known as the Regensburg letters […] the preservation of which – implying the passage from wax tablets to parchment – has been described as a stroke of luck». Per un approfondimento sul dibattito relativo all’autenticità degli epistolari e per ulteriore bibliografia, si veda almeno Newman 2016, che ha estesamente trattato la questione delle Epistolae duorum amantium ma si è soffermata anche sulle altre raccolte; per il carteggio fra Balderico e Costanza, si segnalano invece, fra gli studi più recenti, Kong 2010 e Brower 2014.

8 Dronke 1968, p. 422-447 e Carmina Ratisponensia 1979.

9 L’edizione di Dronke include infatti 50 carmi, contro i 68 pubblicati da Paravicini. Le strategie ecdotiche adottate dagli studiosi sono differenti: Dronke pubblica i testi in base a una selezione di tipo tematico, dunque includendo tutti i versi di contenuto amoroso; Paravicini, al contrario, dichiara di accogliere nella sua edizione i carmi tràditi solo dal monacense.

10 Va osservato che questa specifica sezione del codice, strutturata in modo così singolare, non presenta una fascicolazione irregolare o lacune meccaniche. Per la bibliografia relativa alla descrizione del manoscritto si veda qui la nota 4.

11 Da questo momento in poi si farà necessariamente riferimento ai numeri della nuova edizione curata da chi scrive: per comodità, sono indicate in una tabella sinottica posta in appendice al presente lavoro le corrispondenze fra questi carmi e il numero a essi attribuito nelle due precedenti edizioni.

12 Dronke 1968, p. 221-222.

13 La riproduzione digitale del manoscritto è disponibile all'indirizzo: https://daten.digitale-sammlungen.de/0002/bsb00026280/images/index.html?fip=193.174.98.30&id=00026280&seite=1 (consultato il 04/02/20).

14 Per il contenuto del “quaderno” nelle sezioni qui discusse si rimanda ancora a Ebel 1970, che trascrive, come si è già detto, buona parte anche dei testi in prosa di M.

15 Si pensi, ad esempio, ai sei carmina amatoria della raccolta di Cambridge (Carmina Cantabrigiensia 2009), quattro dei quali sono stati in buona parte erasi (due irrimediabilmente).

16 Nicolau d’Olwer 1923, p. 10 e Cancionero de Ripoll 1986, p. 30 (attualmente, l’edizione di riferimento per i Carmina Rivipullensia). Non è dello stesso avviso Dronke, che definisce questa peculiarità della raccolta «a private jeu d’esprit»: Dronke 1979, p. 22.

17 Dronke 1968, p. 221.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Clm 17142, fol. 105v. Il cerchio in grigio scuro individua il segno di paragrafo apposto dal copista.
URL http://journals.openedition.org/mefrm/docannexe/image/7072/img-1.png
Fichier image/png, 354k
Titre Fig. 2 – Clm 17142, fol. 106r. Il cerchio in grigio chiaro individua il segno di paragrafo apposto dal revisore.
URL http://journals.openedition.org/mefrm/docannexe/image/7072/img-2.png
Fichier image/png, 549k
Titre Fig. 3 – Clm 17142, fol. 95r.
URL http://journals.openedition.org/mefrm/docannexe/image/7072/img-3.png
Fichier image/png, 506k
Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Martina Pavoni, « Un libellus poetico all’origine dei Carmina Ratisponensia? », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge [En ligne], 132-1 | 2020, mis en ligne le 26 mars 2020, consulté le 25 septembre 2020. URL : http://journals.openedition.org/mefrm/7072 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefrm.7072

Haut de page

Auteur

Martina Pavoni

Università della Basilicata - martina.pavoni@gmail.com

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search