Navigation – Plan du site

AccueilNuméros132-1Atelier doctoral : Outils et méth...Il De episcoporum transmigratione...

Atelier doctoral : Outils et méthodes pour l’histoire des Églises entre Orient et Occident

Il De episcoporum transmigratione, le decretali pseudo-isidoriane e i dibattiti sul trasferimento e la deposizione dei vescovi tra la metà del IX e l’inizio del X secolo

Giulia

Résumés

Il De episcoporum transmigratione è una breve collezione canonica, composta da brani tratti dalle decretali pseudo-isidoriane, da testi cronachistici ed epistolari: prodotto probabilmente in occasione di un non meglio specificato conflitto riguardante i vescovi, questa collezione canonica fornisce una propria risposta e una formulazione sistematica della legittimità canonica del trasferimento di un vescovo da una sede all’altra e descrive le modalità di convocazione in giudizio qualora un prelato sia accusato di qualche reato. In questo contributo, oltre a una breve descrizione delle argomentazioni ecclesiologiche contenute nel testo, si discuterà della precedente attribuzione e datazione e si presenteranno la struttura della collezione canonica, le fonti utilizzate dal compilatore, le modalità di selezione dei brani.

Haut de page

Notes de l’auteur

Si presentano qui i risultati preliminari di un progetto di ricerca condotto nel biennio 2016-2018 presso l’Istituto Italiano per gli Studi Storici di Napoli. Una nuova edizione critica e un approfondito studio del testo sono in fase di preparazione.

Texte intégral

Introduzione e stato della questione

  • 1 Si adotta qui la datazione e l’identificazione del luogo di produzione proposte da Supino Martini (...)
  • 2 Una descrizione del codice e un dettagliato elenco dei testi frammentari trasmessi sono contenuti (...)

1Il De episcoporum transmigratione et quod non temere iudicentur regule quadraginta quattuor è una breve collezione canonica tematica, riguardante la possibilità di trasferimento di un vescovo da una sede all’altra e le modalità di convocazione in giudizio qualora un prelato sia accusato di un reato. L’opera è composta da estratti delle decretali pseudo-isidoriane, giustapposti fra di loro senza alcuna parte di commento o di introduzione e affiancati da brani provenienti da altre tipologie di testi, quali cronache e lettere. Il titolo dell’opera è attestato all’interno dell’unico manoscritto che lo conserva, il Tomo XVIII, conservato nella Biblioteca Vallicelliana di Roma e copiato nella provincia romana a metà del X secolo da diverse mani: poiché la carolina è la scrittura predominante e si mostra stentata e con forti influenze beneventane, è stato ipotizzato che il luogo di produzione del manoscritto sia uno scriptorium nel Lazio meridionale.1 Si tratta di un manoscritto miscellaneo: il De episcoporum transmigratione è il quarto testo trasmesso dal codice (fol. 143r-149v); è preceduto nella prima parte da alcune collezioni canoniche in forma epitomata (la Concordia canonum di Cresconio, la Collectio Hibernensis e la Collectio septuaginta duo capitulorum) ed è seguito da brevi estratti di testi di eterogenea natura (tra cui opere patristiche, canoni sinodali, testi cronachistici, estratti del Liber pontificalis).2

  • 3 Fournier 1916, p. 220-233. Il De episcoporum transmigratione sarebbe stato prodotto a margine dei (...)
  • 4 Patetta 1890.
  • 5 Pozzi 1958.
  • 6 Rotado, vescovo di Soissons, era entrato in conflitto con il proprio metropolita Incmaro di Reims, (...)
  • 7 Eminente personaggio nella Roma degli anni Sessanta e Settanta del IX secolo, fu un apprezzato tra (...)
  • 8 Lindemans 1962; per la vicenda di Attardo: Baudin 2011.
  • 9 Sommar 2002; sul conflitto tra i due Incmari: Devisse 1975-1976, II, p. 728-785; Hartmann 1989, p. (...)

2Il testo del De episcoporum transmigratione è chiaramente copiato da un antigrafo andato perduto, come testimoniato dai frequenti spazi bianchi lasciati dal copista (per esempio, nei fol. 147rb, 147va, 149rb). La redazione della collezione canonica risale quindi a un periodo precedente: non si è ancora giunti però a una definitiva e inconfutabile datazione. Si sono infatti contrapposte due diverse ipotesi: una che faceva risalire il testo ai primi decenni del X secolo, identificando la ragione della creazione di un simile collezione canonica con i problemi derivati dalla cosiddetta questione formosiana;3 l’altra, che lo retrodatava al terzo quarto del IX secolo, già ipotizzata alla fine del XIX secolo,4 è quella che si è dimostrata predominante, soprattutto dopo la pubblicazione della prima edizione critica a cura di Gian Pietro Pozzi.5 Lo studioso italiano infatti ipotizzò che il testo fosse stato redatto in occasione del conflitto e della deposizione (858-864) di Rotado di Soissons.6 Inoltre, egli, che non fu in grado di identificare la provenienza di tutti i brani confluiti all’interno del De episcoporum transmigratione, attribuì il testo ad Anastasio Bibliotecario.7 L’attribuzione proposta da Gian Pietro Pozzi è stata in linea di massima accettata dagli altri studiosi, spostando soltanto la datazione di qualche anno: infatti S. Lindemans datò l’opera all’871, cioè al momento dei dibattiti sulla legittimità del trasferimento di Attardo, vescovo di Nantes, dalla sua sede episcopale a Tours a causa delle incursioni normanne,8 mentre Mary E. Sommar propose l’872 come data di composizione e il conflitto tra Incmaro di Reims e Incmaro di Laon come occasione contingente per la produzione del testo.9

  • 10 Lohrmann 1968, p. 247; Fuhrmann 1972-1974, II, p. 290, n. 3; Scholz 1992, p. 135-136.
  • 11 Arnaldi 1964, p. 47, n. 2.
  • 12 Alcune utili riflessioni sul lavoro di edizione di una collezione canonica: Fuhrmann 1981; Hartman (...)
  • 13 Williams 1971; Fuhrmann 1972-1974; Richter 1976; Schon 1978; Hartmann – Schmitz 2002. Fondamentali (...)

3In realtà, una chiara e profonda discussione delle ipotesi avanzate da Pozzi non è mai stata compiuta e la datazione e l’attribuzione sono state riprese senza scendere nei dettagli dell’argomentazione;10 solo Girolamo Arnaldi ha manifestato alcune perplessità a riguardo, rimandando a un approfondimento che non ha avuto modo di portare a termine.11 Effettivamente, le ipotesi avanzate da Gian Pietro Pozzi mostrano alcune criticità. Prima di tutto, la stessa edizione non è stata condotta secondo criteri scientifici: infatti sono numerose le emendazioni e gli interventi a opera dell’editore, di cui però non si rende conto nell’apparato critico.12 Sono inoltre numerosi gli errori di trascrizione e l’identificazione delle fonti da cui sono stati tratti i brani non è completa. In secondo luogo, l’argomentazione su cui si basa l’attribuzione del testo è piuttosto debole: poiché la successione dei brani estratti dalle fonti genera un testo decisamente arido di notizie e riferimenti extra-testuali, all’interno della collezione canonica non esiste alcun accenno a eventi contingenti che possano spiegare la ragione della redazione di una simile collezione canonica, né tanto meno vi sono parti proemiali che forniscano elementi stilistici utili all’identificazione del collettore. Inoltre, l’analisi del De episcoporum transmigratione e della sua derivazione dalla collezione canonica delle decretali pseudo-isidoriane si basa su una bibliografia assai datata, che ovviamente non ha potuto prendere in considerazione l’incremento degli studi, sviluppatisi a partire dagli anni Settanta del XX secolo, il cui esito è stato un radicale mutamento del panorama delle conoscenze su questa vasta collezione canonica.13

  • 14 Reynolds 2008, p. 701: «Canonical text are “living” texts, that is, they are generally made for sp (...)
  • 15 A titolo di esempio di possono citare i casi della Collectio Anselmo dedicata (Besse 1960; Scarave (...)

4Di fronte a tutte queste considerazioni sugli studi riguardanti il De episcoporum transmigratione, si è manifestata la necessità di riconsiderare la questione della genesi e del contesto di fruizione di questo testo di innegabile rilevanza, prodotto certamente in occasione di uno dei conflitti riguardanti i trasferimenti, le deposizioni e le condanne vescovili che si manifestarono a partire dalla seconda metà del IX secolo. Infatti la redazione di una collezione canonica tematica è strettamente legata allo specifico e peculiare contesto di produzione.14 Anche il De episcoporum transmigratione risulta quindi essere espressione di un’esigenza argomentativa legata a peculiari contesti storici. Inoltre, la principale fonte utilizzata all’interno del De episcoporum transmigratione, cioè le decretali pseudo-isidoriane, assegna a questa collezione canonica un ruolo particolare: essa infatti testimonia una trasmissione epitomata e tematica di estratti dello Pseudo-Isidoro che, affiancati ad altri brani, veicolano una risposta al problema dei trasferimenti e delle condanne episcopali. Questo processo di selezione di estratti delle decretali pseudo-isidoriane non costituisce certamente una novità nel panorama della trasmissione e della fruizione della collezione canonica madre:15 il De episcoporum transmigratione rappresenta quindi un ulteriore esempio di questo fenomeno e costituisce un nuovo caso di studio utile per comprendere come processi di selezione e di epitomazione di una collezione canonica più vasta abbiano potuto condurre alla redazione di un nuovo testo originale, anche attraverso la scelta e la giustapposizione di estratti di testi di altra natura.

Struttura e contenuto

  • 16 Cap. 32: Ex vicesimo secundo capitulo Niceni concilii, que in greci voluminibus non <h>abentur. I (...)

5Il testo del De episcoporum transmigratione è diviso in 44 capitoli, così come già indicato dal titolo stesso. La delimitazione dei diversi capitoli è chiaramente indicata nel manoscritto dalla presenza pressoché sistematica delle rubriche, ciascuna delle quali contiene un breve riferimento alla specifica questione trattata e alla fonte da cui proviene l’estratto: uniche eccezioni sono il primo capitolo e i tredici finali, questi ultimi tratti dai canoni dello pseudo-concilio di Nicea e introdotti cumulativamente da una unica rubrica iniziale.16

  • 17 La divisione delle materie è massicciamente sbilanciata a favore della normativa a tutela del vesc (...)

6Questa precisa suddivisione del testo permette una prima indicazione delle tipologie di fonti selezionate per la creazione della collezione canonica: salvo due errori di attribuzione, sono indicate con discreta precisione le decretali usate, contenute nella prima e nella terza parte della collezione dello Pseudo-Isidoro, composta esclusivamente da epistole false. Si affiancano a queste brani provenienti da testi cronachistici (cap. 1, privo di rubrica, nonché cap. 4 e 5) ed estratti dichiarati come provenienti da opere di Agostino (cap. 30 e 31). La disposizione dei brani tende per lo più a essere tematica: nei primi capitoli (cap. 1-4 e 8) si tratta il trasferimento dei vescovi; a partire dal quinto, che rappresenta una sorta di cesura tematica, si affrontano tutti gli aspetti inerenti all’accusa, alla deposizione, alla spoliazione e alla riconciliazione dei vescovi.17 In questa macro-ripartizione tematica è interessante notare come la disposizione dei singoli capitoli tenda a rispettare un certo ordine tipologico e cronologico: l’esposizione inizia con la citazione di estratti provenienti da opere storiche (cap. 1 per il trasferimento; cap. 5 per la deposizione dei vescovi), per continuare con gli estratti provenienti dalle decretali, disposti per lo più nel medesimo ordine cronologico in cui sono trasmessi nella collezione completa dello Pseudo-Isidoro. Seguono poi i brani agostiniani e, nella parte finale, sono posti i canoni dello pseudo-concilio di Nicea, che, probabilmente considerati maggiormente autorevoli, dovevano donare un surplus argomentativo nella parte finale dell’opera.

  • 18 Per esempio, cap. 6: Necesse est enim, ut rectores a subditis timeantur; cap. 17: ab omnibus obedi (...)
  • 19 A questi aspetti sono dedicati gli interi cap. 11 e 13. Si tratta di un presupposto condiviso anch (...)
  • 20 Alle indagini preliminari sui testimoni e sugli accusatori sono dedicati i cap. 7, 14, 28 (citato (...)

7Tutti gli estratti confluiti all’interno del De episcoporum transmigratione si caratterizzano per una certa coerenza tematica: partendo dal presupposto che i fedeli debbano necessariamente obbedire al proprio vescovo e temerlo,18 si deduce che questi non possano agire ai suoi danni in nessun modo, come, per esempio, cacciandolo dalla città e della cattedra episcopale, accusandolo ingiustamente, perseguitandolo oppure falsificando i suoi scritti.19 Da questo fondamentale presupposto si articolano gli aspetti connessi ai due nuclei principali. In particolar modo, la questione dell’accusa dei vescovi è ampiamente trattata e sono descritte dettagliatamente le caratteristiche degli accusatori e dei testimoni: di fondamentale importanza è l’irreprensibilità di questi, la cui condotta deve essere indagata approfonditamente.20 Con ancora maggiore enfasi, nel capitolo 10, si ritorna sulle caratteristiche indispensabili perché un accusatore sia ritenuto valido:

Unde, si quis sunt vituperatores aut accusatores episcoporum vel reliquorum sacerdotum, non oportet eos a iudicibus ecclesie audiri, antequam eorum discutiatur estimationis suspicio vel opinio, qua intentione, qua fide, qua temeritate, qua vita, qua conscientia, quo merito, si pro Deo aut pro vana gloria aut inimicitia vel odio aut cupiditate ista suppresserint.

  • 21 Cap. 7, 12, 39, 44.
  • 22 Cap. 23: Et si qui episcopus, presbyter aut diaconus vel quilibet clericus aput episcopos, qui ali (...)

8L’elemento dell’inimicizia, qui come altrove,21 è fondamentale nella valutazione della fondatezza non solo delle accuse pervenute, ma anche delle testimonianze rese e delle decisioni deliberate dai giudici. Le stesse prove presentate contro un vescovo devono essere evidenti, palesi e inconfutabili:22 la presentazione di accuse non solidamente fondate espone l’accusatore e gli eventuali falsi testimoni alla scomunica, così come affermato nelle sanctiones di numerosi capitoli. L’imparzialità del giudizio, la necessità dell’evidenza delle prove e della validità dei testimoni sono elementi che non appartengono solo ai brani delle false decretali, ma ritornano anche negli estratti epistolari dei capitoli 30 e 31.

  • 23 Cap. 19: Ille vero, qui pulsatus fuerit, si iudicem suspectum habuerit, liceat appellare. Formulaz (...)
  • 24 Cap. 9, 20, 26, 29, 42. Estremamente significativa è la formulazione contenuta nel cap. 26: Ipsi v (...)

9In più occasioni, inoltre, si insiste su un’estrema forma di tutela per un vescovo accusato, condannato e deposto, cioè la possibilità di fare appello nel caso in cui si consideri vittima di un giudizio non imparziale.23 A fianco di queste affermazioni molto vaghe sulla possibilità di appello, sono presenti ulteriori riferimenti sulla giurisdizione della sede romana nel giudizio delle causae maiores.24

  • 25 Cap. 2 e 3. Inoltre, la rubrica del cap. 8 recita significativamente: Evaristi pape ut episcopis m (...)

10Di pertinenza esclusivamente papale sono anche i trasferimenti vescovili, ammissibili sono in caso di communis utilitas e necessitas:25 sono infatti da condannare tutti quei trasferimenti eseguiti per libitus, dominatio, voluntas, superbia, avaritia, praesumptio dello stesso prelato. L’argomentazione proposta dal De episcoporum transmigratione è piuttosto ridotta e non scende in ulteriori dettagli sulle possibili cause che rendano legittimo il trasferimento vescovile o, al contrario, che lo condannino: la questione occupa quindi uno spazio limitato, ma contemporaneamente lascia aperta una maggiore possibilità di intervento e di giustificazione per le decisioni prese da parte romana a riguardo.

Fonti e modalità di composizione del De episcoporum transmigratione

  • 26 Si tratta dei cap.: 1, 7, 10, 11, 13, 14, 17, 20, 21, 22, 27, 29, 30.
  • 27 Per esempio, concentrando l’attenzione esclusivamente sugli estratti delle decretali pseudo-isidor (...)
  • 28 Per esempio, il cap. 7 (Item Anacleti pape de accusatoribus episcoporum) è formato da ben sei bran (...)
  • 29 Per esempio, il cap. 22 (Fabiani pape ut nullus episcoporum accusandus sit quis non utitur) è comp (...)

11Il testo del De episcoporum transmigratione si dimostra ben ordinato e coerente nel suo insieme. La sua struttura però risulta essere molto più complessa rispetto a quanto descritto finora dalla storiografia: infatti, una puntigliosa analisi testuale ha messo in luce come 13 capitoli26 siano costituiti da diversi brani giustapposti, per lo più tratti dalla stessa fonte.27 Tuttavia, non mancano casi nei quali il collettore ha assemblato brani provenienti da diverse fonti, sia tratti da decretali di uno stesso papa,28 sia estratti da lettere attribuite a diversi pontefici.29

  • 30 Per una breve presentazione della struttura dei manoscritti delle decretali pseudo-isidoriane: Jas (...)
  • 31 Inoltre, circa il 35% degli estratti fa coincidere il proprio inizio con quello del capitolo della (...)
  • 32 A titolo di esempio si consideri il cap. 10 (De eadem re [i vescovi eletti e spogliati della caric (...)

12È legittimo chiedersi come l’anonimo collettore abbia assemblato i diversi estratti, cioè se egli abbia o meno selezionato i brani rispettando l’inizio e la fine di questi secondo la divisione in sezioni già contenuta in buona parte dei manoscritti delle decretali pseudo-isidoriane.30 È stato possibile individuare come siano rarissimi i casi nei quali il collettore abbia isolato un estratto facendolo coincidere con l’intero capitolo della fonte (circa il 10% dei casi), ma, anzi, sia molto più frequente (oltre il 40% dei casi) la scelta di estrapolare un brano indipendentemente dalla struttura originaria, citandolo dal bel mezzo del capitolo.31 Per di più, talvolta è stato possibile verificare come il collettore abbia selezionato l’estratto interrompendo un periodo: in questi casi, le selezioni risultano così studiate che quasi sempre non vi è nessun bisogno di interpolazione affinché il testo creato risulti fluente e corretto grammaticalmente e sintatticamente.32

  • 33 Per esempio, il soggetto implicito nel testo della decretale fonte (Ps.-Sisto II, Ep. 2, J3 †268, (...)
  • 34 Non è certo da escludere la possibilità che i materiali confluiti nel De episcoporum transmigratio (...)

13Solo eccezionalmente è presente l’intervento del collettore, seppur ridotto dal minimo.33 Nonostante questo, i capitoli del De episcoporum transmigratione non mostrano salti logici o sintattici e neppure lacune argomentative: questo dimostra una tecnica compositiva assai raffinata e un’estrema abilità da parte del collettore sia nella selezione sia nella giustapposizione degli estratti provenienti da fonti eterogenee e, soprattutto per quanto riguarda le decretali pseudo-isidoriane, assai ampie. Di fronte a questa evidenza è possibile affermare che il collettore34 abbia una familiarità con la collezione dello Pseudo-Isidoro tale da garantire una perfetta padronanza di una materia così vasta, ridondante e talvolta contraddittoria.

14Il rapporto tra il De episcoporum transmigratione e le decretali pseudo-isidoriane risulta così essere piuttosto chiaro; altrettanto invece non si può dire di altri capitoli (1, 4, 5, 30, 31).

  • 35 Cassiodori Epiphanii Historia ecclesiastica, XII, cap. 8, 5-6, p. 674, rr. 25-32.

15Il primo capitolo è composto da brani tratti dalla Historia tripartita di Cassiodoro35, narranti alcuni casi storici di trasferimenti vescovili, che si conclude in questo modo: Oportet ergo emendari quod inique factum est ne per talem exemplum vos aut successores vestri ledantur in posterum. Questa frase non ha alcuna attestazione all’interno della cronaca cassidorea e sembra rimandare, piuttosto, a una lettera, dove il mittente sta presentando casi storici di trasferimenti vescovili affinché essi siano un monito per il destinatario e per i suoi successori. Non è però stato possibile individuare quale sia la fonte epistolare, cioè se questo brano possa far parte di una lettera proemiale al De episcoporum transmigratione conservata epitomata nella successiva tradizione manoscritta oppure se il brano appartenga a una fonte non ancora identificata. Questa seconda ipotesi sembra quella più fondata: il brano costituisce il primo dei 44 capitoli della collezione canonica; se fosse appartenuto a una lettera proemiale, esso non avrebbe potuto configurarsi come un capitolo e la struttura del testo sarebbe stata mancante di una sezione.

  • 36 Cap. 4: Item unde supra ex chronica greca. Imperante igitur Romanorum secundo anno Arthemio, qui e (...)
  • 37 Anastasii Bibliothecarii Historiam tripertitam, p. 246, r. 31-p. 247, r. 7

16Allo stesso modo è difficoltosa l’individuazione della fonte del capitolo 4:36 si può affermare con ragionevole certezza che l’episodio narrato provenga dalla cronaca di Teofane il Confessore, ma il testo non corrisponde alla versione contenuta nella celeberrima traduzione latina di Anastasio Bibliotecario.37 È forse possibile che il testo latino sia una traduzione diversa, abbreviata, del racconto greco originale, ma non è dato sapere se il collettore stesso sia il traduttore dell’estratto, oppure se il brano provenga da un’ulteriore fonte non identificata o non identificabile perché perduta.

  • 38 Pari modo et Iohannes Chrisostomus a duabus synodis orthodoxorum episcoporum fuit iudicatus, sed i (...)
  • 39 Sui singoli casi dell’epoca tardoantica: Norton 2006; Leemans et al. 2011.

17Inoltre, un altro problema di identificazione è riscontrabile nel capitolo 5: si tratta di uno schematico elenco di casi di riconciliazione e di restituzione della cattedra episcopale di vescovi precedentemente deposti.38 Questi episodi si distribuiscono lungo un arco temporale piuttosto ampio, compreso tra la fine del IV secolo e agli anni Sessanta del IX secolo; si tratta di episodi attestati in svariate fonti (decretali pseudo-isidoriane, testi cronachistici, atti conciliari),39 in forme però assai più ampie e profondamente differenti dal sintetico elenco trasmesso dal De episcoporum transmigratione. La brevità e la schematicità di questo brano non consentono alcun tipo di analisi stilistica e non permettono di definire se il capitolo sia opera del collettore oppure se provenga da una fonte non ancora individuata.

  • 40 Cap. 30: Africani concilii et sancti Augustini dicta quid nec de incertis sit iudicandum nisi ordi (...)
  • 41 Hincmarus Rhemensis, Epistolae, n. 27, col. 177A-178A; una traduzione tedesca è contenuta in Grotz (...)

18Molto più chiara, invece, è l’origine dei capitoli 30 e 31, indicati dalla rubrica come passi agostiniani.40 In realtà, il primo di questi è introdotto dall’espressione Dicit Africanum concilium, seguita dalla citazione di un canone del settimo concilio di Cartagine e, solo in terza posizione, dal brano di Agostino. Tutto questo passo è attestato nella stessa identica forma in una lettera di Incmaro di Reims inviata a papa Adriano II nell’autunno 870;41 questa data diviene quindi termine post quem per la redazione della collezione canonica. Gli altri brani agostiniani citati sia nello stesso capitolo 30 sia nel 31 compaiono nella medesima lettera; nonostante l’assenza di elementi chiari che ne dimostrino inconfutabilmente la derivazione, si può supporre con ragionevole certezza che gli estratti costituenti questi due capitoli provengano tutti dal medesimo testo epistolare.

Conclusioni

19Il De episcoporum transmigratione è una collezione canonica redatta tra l’870 e i primi decenni del X secolo, molto probabilmente in occasione di un conflitto inerente al trasferimento, alla deposizione e alla condanna di uno o più vescovi. Così come emerso da una prima analisi, il testo è caratterizzato da una serrata successione di brani estratti da fonti estremamente diverse fra di loro, quasi tutte ora identificate: si tratta delle decretali pseudo-isidoriane, della Historia ecclesiastica di Cassiodoro e di altri testi cronachistici, di un’epistola di Incmaro di Reims. Tale struttura, che lascia minimi spazi di interpolazione e di intervento al collettore, non permette l’inserimento di alcun riferimento a eventi storici contemporanei; allo stesso modo, non è possibile isolare frammenti di testo redatti autonomamente abbastanza ampi per condurre un’analisi stilistica allo scopo di individuarne l’autore. Alla luce di questo, l’attribuzione ad Anastasio Bibliotecario proposta da Gian Pietro Pozzi e accolta da altri studiosi è da rifiutarsi.

  • 42 Si tratta di una tendenza piuttosto comune nella seconda metà del IX secolo, che rispecchia una ce (...)

20Il collettore dell’opera risulta, allo stato attuale delle ricerche, anonimo. Nonostante questo, una puntuale analisi del metodo di scelta ed epitomazione delle fonti ha reso possibile delinearne il profilo: si tratta certamente di un personaggio che poteva disporre all’interno del proprio ambiente di lavoro di numerosi testi, differenti per tipologia, verso i quali mostrava una spiccata familiarità, tale da permettere una selezione anche molto puntuale, precisa e raffinata dei brani necessari all’argomentazione del De episcoporum transmigratione. Le intenzioni sottese alla creazione di questa collezione canonica sono piuttosto chiare: attraverso l’unione e la reciproca integrazione di elementi pseudo-isidoriani, cronachistici, epistolari e patristici, il collettore mirava a creare una trattazione precisa e coerente di tutte le più gravi cause nelle quali un vescovo potesse essere coinvolto; da un lato, una spiccata difesa della fissità della cattedra episcopale e una definizione rigida, anche se tutto sommato piuttosto vaga e potenzialmente flessibile, delle condizioni preliminari e necessarie per un trasferimento; dall’altro, una strenua, forte e amplissima tutela dei vescovi oggetto di accuse, la cui citazione in giudizio risulta regolamentata da un sistema di norme così dettagliato da rendere il processo contro un prelato eseguibile solo in pochi e gravissimi casi.42 Il De episcoporum transmigratione mira quindi a fornire gli strumenti canonistici necessari affinché la stabilità della gerarchia ecclesiastica sia garantita in caso di contenziosi, mostrando una fortissima tensione verso la tutela dell’istituzione vescovile attraverso la regolamentazione e la condanna di tutti quegli eventi (trasferimenti, condanne, deposizioni, spoliazioni) che avrebbero potuto minare o sovvertire la struttura e la gerarchia ecclesiastiche.

Haut de page

Bibliographie

Bibliografia primaria

Anastasii Bibliothecarii Historiam tripertitam = Theophanis Chronographia. II. Theophanis vitas, Anastasii Bibliothecarii Historiam tripertitam dissertationem de codicibus operis Theophanei indices continens, ed. C.G. De Boor, Lipsia, B.G. Teubner, 1885.

Cassiodori Epiphanii Historia ecclesiastica = Cassiodori Epiphanii Historia ecclesiastica tripartita, ed. W. Jacob, R. Hanslik, Vienna, Hoelder, Pichler, Tempsky, 1952.

Decretales pseudo-isidoriane = Decretales pseudo-isidorianae et Capitula Angilramni, ed. P. Hinschius, Lipsia, B. Tauchnitz Verlag, 1863, rist. an. Aalen, Scientia Verlag, 1963.

Besse 1960 = J.-C. Besse, Histoire des textes du droit de l’église au Moyen Âge de Denys à Gratien. Collectio Anselmo dedicata. Étude et texte. Extraits, Parigi, Librairies Techniques, 1960.

Collectio Danieliana = Unbekannte Texte aus der Werkstatt Pseudoisidors: Die Collectio Danieliana, ed. K.-G. Schon, Hannover, Hahnsche Buchhandlung, 2006.

Hincmarus Rhemensis, Epistolae = Hincmarus Rhemensis archiepiscopus, Epistolae, in Patrologia Latina, CXXVI, Parigi, apud J.-P. Migne editorem, 1852, col. 9-279.

Projekt Pseudoisidor = K.-G. Schon (a cura di), Projekt Pseudoisidor, consultato il 12 marzo 2020: http://www.pseudoisidor.mgh.de.

Pseudo-Isidore = E. Knibb (a cura di), Pseudo-Isidore. An edition-in-progress of the False Decretals¸ consultato il 12 marzo 2020: https://pseudo-isidore.com.

Rebellische Kleriker = Rebellische Kleriker? Eine unbekannte kanonistisch-patristische Polemik gegen Bischof Hinkmar von Laon in Cod. Paris, BNF, nouv. acq. lat. 1746, ed. K. Zechiel-Eckes, Hannover, Hahnsche Buchhandlung, 2009.


Bibliografia secondaria

Arnaldi 1961 = G. Arnaldi, Anastasio Bibliotecario, in Dizionario biografico degli italiani, III, Roma, 1961, p. 25-37, ora riproposto con aggiornamenti bibliografici in Enciclopedia dei papi, I, Roma, 2000, p. 735-746.

Arnaldi 1964 = G. Arnaldi, Papato, arcivescovi e vescovi nell’età post-carolingia, in Vescovi e diocesi in Italia nel medioevo (sec. IX-XIII). Atti del secondo convegno di storia della Chiesa in Italia (Roma, 5-9 settembre 1961), Padova, 1964, p. 27-54.

Baudin 2011 = P. Baudin, En marge des invasions vikings: Actard de Nantes et les translations d’évêques propter infestationem paganorum, in Le Moyen Âge, 117-1, 2011, p. 9-21.

Devisse 1975-1976 = J. Devisse, Hincmar archevêque de Reims 845-882, Ginevra, 1975-1976.

Dold 1931 = A. Dold, Ein altes Kostanzer Handschriftenblatt des 9. Jahrhunderts mit Auszügen aus Pseudoisidor über des Verhalten der Bischöfe in Anklagefälle, in Archiv für katholisches Kirchenrecht, 111, 1931, p. 17-30.

Fournier 1916 = P. Fournier, Un groupe de recueils canoniques italiens des Xe et XIe siècles, in Mémoire de l’Institut national de France. Académie des inscriptions et belles-lettres, 40, 1916, p. 95-213, ora in Id., T. Kölzer (éd.), Mélanges de droit canonique. II. Études sur les diverses collections canonique, Aquisgrana, 1983, p. 213-241.

Fuhrmann 1972-1974 = H. Fuhrmann, Einfluß und Verbreitung der pseudoisidorischen Fälschungen von ihrem Auftauchen bis in die neuere Zeit, Stoccarda, 1972-1974.

Fuhrmann 1981 = H. Fuhrmann, Reflections on the principles of editing texts. The Pseudo-iIidorian decretals as an example, in Bulletin of medieval canon law, 11, 1981, p. 1-7.

Giorgetti Vichi – Mottironi 1961 = A. Giorgetti Vichi, S. Mottironi (a cura di), Catalogo dei manoscritti della Biblioteca Vallicelliana, Roma, 1961.

Gnocchi 1995 = C. Gnocchi, Ausilio e Vulgario. L'eco della «questione formosiana» in area napoletana, in Le particularisme napolitain au haut Moyen Âge, in MEFRM, 107-1, 1995, p. 65-75.

Grotz 1970 = H. Grotz, Erbe wider Willen. Hadrian II. (867-872) und seine Zeit, Vienna-Colonia-Graz, 1970.

Harder 2014 = C. Harder, Pseudoisidor und das Papsttum. Funktion und Bedeutung des apostolischen Stuhls in den pseudoisidorischen Fälschungen, Colonia-Weimar-Vienna, 2014.

Hartmann 1989 = W. Hartmann, Die Synoden der Karolingerzeit im Frankenreich und in Italien, Paderborn-Monaco-Vienna-Zurigo, 1989.

Hartmann 2002 = W. Hartmann, Schwierigkeiten beim Edieren. Gelungene und gescheiterte Editionen von groβen Kirchenrechtssammlungen, in W. Hartmann, G. Schmitz (a cura di), Fortschritt durch Fälschungen? Ursprung, Gestalt und Wirkungen der pseudoisidorischen Fälschungen. Beiträge zum gleichnamigen Symposium an der Universität Tübingen vom 27. und 28. Juli 2001, Hannover, 2002, p. 211-226.

Hartmann – Schmitz 2002 = W. Hartmann, G. Schmitz (a cura di), Fortschritt durch Fälschungen? Ursprung, Gestalt und Wirkungen der pseudoisidorischen Fälschungen. Beiträge zum gleichnamigen Symposium an der Universität Tübingen vom 27. und 28. Juli 2001, Hannover, 2002.

Heckmann 2012 = M.-L. Heckmann, Der Fall Formosus. Ungerechtfertigte Anklage gegen einen Toten, Leichenfrevel oder inszenierte Entheiligung des Sakralen?, in S. Weinfurter (a cura di), Päpstliche Herrschaft im Mittelalter. Funktionsweisen – Strategien – Darstellungsformen, Ostfildern, 2012, p. 223-238.

Heil 2017 = M.W. Heil, Bishop Leodoin of Modena and the legal culture of late ninth-century Italy, in Zeitschrift der Savigny-Stiftung für Rechtsgeschichte. Kanonische Abteilung, 103, 2017, p. 1-69.

Iogna-Prat 2009 = D. Iogna-Prat, Penser l’Église, penser la société après le Pseudo-Denys l’Aréopagite, in F. Bougard, D. Iogna-Prat, R. Le Jan (a cura di), Hiérarchie et stratification sociale dans l’Occident médiéval (400-1100), Turnhout, 2009, p. 55-81.

Knibbs 2013 = E. Knibbs, The interpolated Hispana and the origins of Pseudo-Isidore, in Zeitschrift der Savigny-Stiftung für Kirchengeschichte. Kanonische Abteilung, 99, 2013, p. 1-71.

Knibbs 2016 = E. Knibbs, Ebo of Reims, Pseudo-Isidore and the date of the False Decretals, in Speculum, 92-1, 2017, p. 144-183.

J3 = Regesta pontificum Romanorum ab condita ecclesia ad annum post Christum natum MCXCVIII, ed. P. Jaffé, sub auspicis K. Herbers, Gottinga, 2016-2017.

Jaspers – Fuhrmann 2001 = D. Jasper, H. Fuhrmann, Papal Letters in the Early Middle Ages, Washington D.C., 2001.

Leemans et al. 2011 = J. Leemans et al., Episcopal elections in late Antiquity, Berlino-Boston, 2011.

Lindemans 1962 = S. Lindemans, Auxilius et le manuscrit Vallicellan Tome XVIII, in Revue d’histoire ecclésiastique, 57-2, 1962, p. 470-484.

Lohrmann 1968 = D. Lohrmann, Das Register Papst Johannes’ VIII. (872-882). Neue Studien zur Abschrift Reg. Vat. I, zum verlorenen Originalregister und zum Diktat der Briefe, Tubinga, 1968.

Norton 2007 = P. Norton, Episcopal elections 250-600. Hierarchy and popular will in late Antiquity, Oxford, 2007.

Patetta 1890 = E. Patetta, Contributi alla storia del diritto romano nel medio evo, in Bullettino dell’Istituto di diritto romano, 3, 1890, p. 273-294.

Patzold 2008 = S. Patzold, Episcopus. Wissen über Bischöfe im Frankenreich das späten 8. bis frühen 10. Jahrhundert, Ostfildern, 2008.

Patzold 2015 = S. Patzold, Gefälschtes Recht aus dem Frühmittelalter: Untersuchungen zur Herstellung und Überlieferung der pseudoisidorischen Dekretalen, Heidelberg, 2015.

Pozzi 1958 = G.P. Pozzi, Le manuscrit Tomus XVIIIus de la Vallicelliana et le libelle «De episcoporum transmigratione et quod non temere judicentur regule quadraginta quattuor», in Apollinaris, 31, 1958, p. 313-350.

Reynolds 2008 = R.E. Reynolds, Challenges and problems in editing of the early medieval liturgico-canonical texts, in U.-R. Blumenthal, K. Pennington, A.A. Larson (a cura di), Proceedings of the twelfth international congress of medieval canon law (Washington, D.C. 1-7 august 2004), Città del Vaticano, 2008, p. 701-720.

Richter 1978 = J. Richter, Stufen pseudoisidorischen Verfälschung. Untersuchungen zum Konzilsteil der pseudoisidorischen Dekretalen, in Zeitschrift der Savigny-Stiftung für Rechtsgeschichte. Kanonistische Abteilung, 64, 1978, p. 1-72.

Savigni 2009 = R. Savigni, La communitas christiana dans l’ecclésiologie carolingienne, in F. Bougard, D. Iogna-Prat, R. Le Jan (a cura di), Hiérarchie et stratification sociale dans l’Occident médiéval (400-1100), Turnhout, 2009, p. 83-104.

Savigni 2014 = R. Savigni, L’episcopato nell’Europa carolingia e postcarolingia: reclutamento dei vescovi, rapporti con le élites locali e ricerca di una identità specifica, in Chiese locali e chiese regionali nell’alto medioevo. LXI Settimana di studio (Spoleto, 4-9 aprile 2013), Spoleto, 2014, p. 951-1035.

Scaravelli 2002 = I. Scaravelli, La collezione canonica «Anselmo dedicata»: lo status quaestionis nella prospettiva di un'edizione critica, in R. Delle Donne, A. Zorzi (a cura di), Le storie e la memoria. In onore di Arnold Esch, Firenze, 2002, p. 33-52.

Scholz 1992 = S. Scholz, Transmigration und Translation. Studien zum Bistumswechsel der Bischöfe von der Spätantike bis zum Hohen Mittelalter, Colonia-Weimar-Vienna, 1992.

Schon 1978 = K.-G. Schon, Eine Redaktion der pseudoisidorischen Dekretalen aus der Zeit der Fälschung, in Deutsches Archiv, 34, 1978, p. 500-511.

Schon 2010 = K.-G. Schon, Zur Frühgeschichte der Falschen Dekretalen Pseudoisidors, in P. Erdö, S.A. Szuromi (a cura di), Proceedings of the thirteenth international congress of medieval canon law (Esztergom, 3-8 August 2008), Città del Vaticano, 2010, p. 139-148.

Sommar 2002 = M.E. Sommar, Hincmar of Reims and the Canon Law of the Episcopal Translation, in The Catholic Historical Review, 88-3, 2002, p. 429-445.

Stone 2015 = R. Stone, Introduction: Hincmar’s world, in R. Stone, C. West (a cura di), Hincmar of Rheims. Life and work, Manchester, 2015, p. 1-43.

Supino Martini 1987 = P. Supino Martini, Roma e l'area grafica romanesca (secoli X-XII), Alessandria, 1987.

Ubl – Ziemann 2015 = K. Ubl, D. Ziemann (a cura di), Fälschung als Mittel der Politik? Pseudoisidor im Licht der neuen Forschung. Gedenkschrift für Klaus Zechiel-Eckes, Wiesbaden, 2015.

Williams 1971 = S. Williams, Codices Pseudo-Isidoriani. A palaegraphico-historical study, New York, 1971.

Zechiel-Eckes 2000 = K. Zechiel-Eckes, Zwei Arbeitshandschriften Pseudoisidors (Codd. St Petersburg F.v. I. 11 und Paris lat. 11611), in Francia, 27, 2000, p. 205-210.

Zechiel-Eckes 2001 = K. Zechiel-Eckes, Ein Blink in Pseudoisidors Werkstatt. Studien zum entstehungsprozess der Falschen Dekretalen. Mit einem exemplarischen editorischen Anhang (Pseudo-Julius an die orientalischen Bischöfe, JK †196), in Francia, 28, 2001, p. 37-90.

Zechiel-Eckes 2002 = K. Zechiel-Eckes, Auf Pseudoisidorspur. Oder: Versucht, einen dichten Schleier zu lüften, in W. Hartmann, G. Schmitz (a cura di), Fortschritt durch Fälschungen? Ursprung, Gestalt und Wirkungen der pseudoisidorischen Fälschungen. Beiträge zum gleichnamigen Symposium an der Universität Tübingen vom 27. und 28. Juli 2001, Hannover, 2002, p. 1-28.

Zechiel-Eckes 2011 = K. Zechiel-Eckes, Fälschung als Mittel politischer Auseinandersetzung, Ludwig der Fromme (814-840) und die Genese der Pseudoisidorischen Dekretalen, Paderborn, 2011.

Haut de page

Notes

1 Si adotta qui la datazione e l’identificazione del luogo di produzione proposte da Supino Martini 1987, p. 159-161; per le diverse ipotesi di datazione: ivi, in part. n. 41.

2 Una descrizione del codice e un dettagliato elenco dei testi frammentari trasmessi sono contenuti in Giorgetti Vichi – Mottironi 1961, p. 245-252.

3 Fournier 1916, p. 220-233. Il De episcoporum transmigratione sarebbe stato prodotto a margine dei dibattiti successivi alla condanna del pontefice Formoso, riguardanti sia l’elezione a papa considerata non canonica a causa del trasferimento dalla precedente sede vescovile di Porto a quella di Roma, sia, di conseguenza, la legittimità delle ordinazioni vescovili eseguite durante il pontificato; su questi conflitti: Gnocchi 1995; Heckmann 2012.

4 Patetta 1890.

5 Pozzi 1958.

6 Rotado, vescovo di Soissons, era entrato in conflitto con il proprio metropolita Incmaro di Reims, appellandosi al pontefice Niccolò I per la difesa delle proprie posizioni; su questa vicenda: Devisse 1975-1976, II, p. 583-600 e 650-651; Hartmann 1989, p. 313-316; Stone 2015, p. 13.

7 Eminente personaggio nella Roma degli anni Sessanta e Settanta del IX secolo, fu un apprezzato traduttore dal greco al latino e bibliothecarius della sede pontificia dall’867 fino alla sua morte (879 circa), nonché dictator delle lettere dei papi Niccolò I (858-867), Adriano II (867-872), Giovanni VIII (872-882) e dell’imperatore Ludovico II; per un profilo biografico: Arnaldi 1961.

8 Lindemans 1962; per la vicenda di Attardo: Baudin 2011.

9 Sommar 2002; sul conflitto tra i due Incmari: Devisse 1975-1976, II, p. 728-785; Hartmann 1989, p. 321-328; Stone 2015, p. 14-16.

10 Lohrmann 1968, p. 247; Fuhrmann 1972-1974, II, p. 290, n. 3; Scholz 1992, p. 135-136.

11 Arnaldi 1964, p. 47, n. 2.

12 Alcune utili riflessioni sul lavoro di edizione di una collezione canonica: Fuhrmann 1981; Hartmann 2002; Reynolds 2008.

13 Williams 1971; Fuhrmann 1972-1974; Richter 1976; Schon 1978; Hartmann – Schmitz 2002. Fondamentali si sono rivelati gli studi di Klaus Zechiel-Eckes, che hanno nettamente cambiato lo stato delle conoscenze: Zechiel-Eckes 2000; Zechiel-Eckes 2001; Zechiel-Eckes 2002; Zechiel-Eckes 2011. Questi contributi hanno alimentato nuovi filoni di ricerca (Schon 2010; Knibbs 2013; Harder 2014; Patzold 2015; Ubl – Ziemann 2015; Knibbs 2016), nonché l’impulso verso la preparazione di una nuova edizione critica della collezione canonica, che soppiantasse quella ottocentesca (Decretales pseudo-isidorianae), meritevole opera, ma con alcuni limiti: l’edizione Schon (Projekt Pseudoisidor), parziale e mai portata a compimento, sta per essere superata da quella curata da Eric Knibb (Pseudo-Isidore).

14 Reynolds 2008, p. 701: «Canonical text are “living” texts, that is, they are generally made for specific places and specific times for specific uses.»

15 A titolo di esempio di possono citare i casi della Collectio Anselmo dedicata (Besse 1960; Scaravelli 2002), oppure della Collectio Danieliana (Schon 2006), oppure, limitatamente alla questione dell’accusa di vescovi, la collezione trasmessa in un manoscritto conservato a Fribugo (Dold 1931), oppure la Collectio P parigina, editata e studiata in Zechiel-Eckes 2009, oppure, infine, il De accusatione episcoporum modenese (Heil 2017).

16 Cap. 32: Ex vicesimo secundo capitulo Niceni concilii, que in greci voluminibus non <h>abentur. I cap. 33-44, corrispondenti ciascuno ai diversi canoni conciliari, sono preceduti solo da kapitulum rubricato. Da qui in avanti non si citerà il testo a cura di Pozzi, ma l’edizione critica in preparazione.

17 La divisione delle materie è massicciamente sbilanciata a favore della normativa a tutela del vescovo chiamato in giudizio (quantificando numericamente, 39 capitoli su 44): la forma abbreviata del titolo dell’opera (De episcoporum transmigratione), comunemente diffusa e usata anche in questo contributo, rende quindi conto solo in modo parziale del contenuto della collezione.

18 Per esempio, cap. 6: Necesse est enim, ut rectores a subditis timeantur; cap. 17: ab omnibus obediendi et timendi et non dilacerandi aut detrahendi sunt.

19 A questi aspetti sono dedicati gli interi cap. 11 e 13. Si tratta di un presupposto condiviso anche nelle altre collezioni canoniche simili per tematica (cfr. n. 15), anche se con formulazioni di forma e ampiezza diverse.

20 Alle indagini preliminari sui testimoni e sugli accusatori sono dedicati i cap. 7, 14, 28 (citato quasi letteralmente nel cap. 39); molto significative le formulazioni contenute in cap. 16, citate quasi letteralmente nei cap. 24 e 33 (in accusatione Domini ministrorum primo persona, fides, vita et conversatio blasphemantium enucleatius perscrutetur), nonché nel cap. 25 (repperimus, statuimus, ut homicide, malefici, fures, sacrilegi, raptores, adulteri, incesti, venefici, suspecti, criminosi, domestici, periuri et qui raptum fuerit vel falsum testimonium dixerint seu qui ad sortilegos divinosque concurrerint similesque erunt nullatenus ad accusationem vel ad testimonium eorum ammittendi, quia infames sunt et iuste repellendi, quia funesta est vox eorum).

21 Cap. 7, 12, 39, 44.

22 Cap. 23: Et si qui episcopus, presbyter aut diaconus vel quilibet clericus aput episcopos, qui alibi non oportet, a qualibet persona, que rite recipienda est, fuerint accusati, quicumque fuerit sive ille sublimis vir honoris sive ullius alterius dignitatis, qui hoc genus illaudabilis intentionis arripuerit, noverit docenda probationis, probationis monstranda documentis se debere inferre. Formulazioni simili sono contenute nei cap. 14, 15 e 38.

23 Cap. 19: Ille vero, qui pulsatus fuerit, si iudicem suspectum habuerit, liceat appellare. Formulazioni molto simili sono contenute anche nei canoni trascritti nei cap. 41 e 43.

24 Cap. 9, 20, 26, 29, 42. Estremamente significativa è la formulazione contenuta nel cap. 26: Ipsi vero prime sedis ecclesie convocandarum generalium synodorum iura et iudicio episcoporum singulari privilegio evangelicis et apostolicis atque canonicis concessa sunt institutis, quia semper maiores cause ad sedem apostolicam seu multis etiam auctoritatibus referre precepte sunt, nec ullo modo potest maior a minore iudicari. Su questo aspetto: Fuhrmann 1972-1974; Harder 2014.

25 Cap. 2 e 3. Inoltre, la rubrica del cap. 8 recita significativamente: Evaristi pape ut episcopis mutetur de civitate in civitatem si inevitabilis necessitas fuerit. Sui trasferimenti vescovili, nonché sulle formulazioni precedenti e contemporanee sui concetti di necessitas e utilitas: Scholz 1992, p. 105-117.

26 Si tratta dei cap.: 1, 7, 10, 11, 13, 14, 17, 20, 21, 22, 27, 29, 30.

27 Per esempio, concentrando l’attenzione esclusivamente sugli estratti delle decretali pseudo-isidoriane, il cap. 11 (Alexandri pape) è costituito da due brani tratti da due paragrafi diversi della prima decretale dello pseudo-Alessandro (J3 †49): Ps.-Alessandro I, Ep. 1, 017.pdf, II, rr. 62-77 + 017.pdf, VI, rr. 204-214. Qui di seguito, in riferimento alle decretali pseudo-isidoriane non si utilizzerà l’edizione contenuta in Pseudo-Isidore, perché, per il momento, è limitata al ms. Vat. Lat. 630. Si darà invece conto dell’edizione Schon, dando la parte finale dell’indirizzo internet, da aggiungere al seguente link: http://www.pseudoisidor.mgh.de/austausch.

28 Per esempio, il cap. 7 (Item Anacleti pape de accusatoribus episcoporum) è formato da ben sei brani provenienti da due diverse lettere dello pseudo-Anacleto, la seconda (J3 †16) e la terza (J3 †17): Ps.-Anacleto, Ep. 2, 013.pdf, XIX, rr. 62-101 + XXI, rr. 168-177 + rr. 202-205 + rr. 216-219 + Ps.-Anacleto, Ep. 3, 014.pdf, XXXV, rr. 217-227 + XL, rr. 353-356.

29 Per esempio, il cap. 22 (Fabiani pape ut nullus episcoporum accusandus sit quis non utitur) è composto da un brano tratto dalla decretale falsa di papa Fabiano (J3 †190) e da un brano della prima lettera dello pseudo-Gaio (J3 †315): Ps.-Fabiano, Ep. 1, 042.pdf, XIX-XX, rr. 343-369 + Ps. Gaio, Ep. 1, 058.htm, IV.

30 Per una breve presentazione della struttura dei manoscritti delle decretali pseudo-isidoriane: Jaspers – Fuhrmann 2001, p. 153-159; per una sintesi più completa e aggiornata: Knibbs 2013.

31 Inoltre, circa il 35% degli estratti fa coincidere il proprio inizio con quello del capitolo della decretale, fermandosi però prima della fine della sezione della fonte; il 15%, invece, coincide con le righe finali.

32 A titolo di esempio si consideri il cap. 10 (De eadem re [i vescovi eletti e spogliati della carica] Evaristi pape): Non est itaque a plebe aut vulgaribus hominibus arguendus vel accusandus episcopus, licet sit inordinatus, quia insidiator sepissime solet convertere bonum in malum et inelectis ponit maculam. Il brano è composto da due estratti della medesima decretale (Ps.-Evaristo, Ep. 2, J3 †43, 016.pdf, IX, rr. 155-157 + IX-X, rr. 168-187), il primo fino a quia, il secondo, da insidiator in avanti. In questo caso la giustapposizione è profondamente studiata, perché unisce la parte iniziale di un periodo, compresa la congiunzione causale quia, e l’altro passo, che, estrapolato intatto dal suo contesto originario, costituisce la subordinata.

33 Per esempio, il soggetto implicito nel testo della decretale fonte (Ps.-Sisto II, Ep. 2, J3 †268, 050.pdf, VII, rr. 134-135: Et quamvis vera sint, non tamen credenda sunt) è esplicitato nel cap. 14: Crimina vero quamvis vera sint, non tamen credenda sunt. Nel cap. 20 (Preterea nuntiatum est sedi apostolice per apocrisiarios vestros), invece, per rendere più scorrevole il testo dell’estratto è stato aggiunto l’avverbio preterea al testo originale della decretale (Ps.-Zefirino, Ep. 2, J3 †152, 033.pdf, XI, r. 35: Nuntiatum est enim sedi apostolicae per apocrisiarios vestros). In alcuni casi invece il testo è semplificato, come nel caso del cap. 22, dove nella frase Quoniam semper fuit et est, ut mali bonos persequantur sono stati tralasciati alcuni incisi (Ps.-Fabiano, Ep. 1, J3 †190, 042.pdf, XIX, rr. 343-344: quoniam semper fuit et est, et, quod peius est, nimis viget, ut mali bonos persequantur). Allo stesso modo, nel cap. 27 la subordinata presente nella fonte (Ps.-Giulio I, Ep. 3, J3 †443, 133.htm, XIII, rr. 234-235: Quod enim scripsistis non eum posse a pauciore numero episcoporum restitui quam depositus fuerat) è eliminata: Quod enim scripsistis non posse eum a pauciori numero episcoporum restitui.

34 Non è certo da escludere la possibilità che i materiali confluiti nel De episcoporum transmigratione siano stati selezionati grazie al lavoro di un gruppo di persone, una sorta di commissione, magari coordinata da un’unica personalità: la mole stessa delle fonti consultate rende plausibile questa ipotesi. Purtroppo allo stato attuale delle ricerche non è possibile presentare prove certe a favore di questa ipotesi. Si continuerà quindi a parlare di un solo collettore.

35 Cassiodori Epiphanii Historia ecclesiastica, XII, cap. 8, 5-6, p. 674, rr. 25-32.

36 Cap. 4: Item unde supra ex chronica greca. Imperante igitur Romanorum secundo anno Arthemio, qui est et Anastasius, tercia decima indicione, undecima die mensis augusti, translatus est de metropoli Zizico Germanus archiepiscopus Constantinopolim, astante sanctae Romane et apostolice sedis apocrisiario reverentissimo presbitero Michaelio, consentientibus episcopis et omnibus presbiteris, diaconibus, subdiaconibus et cuncto clero vel senatui, quibus omnibus idem presbiter talem fecit sermonem: «Divina etenim gratia, que scit semper infirma erigere et incompleta complere, transtulit et ordinavit in sacratissimam sedem a Deo servate civitatis Constantinopolitane presentem Germanum sanctissimum archiepiscopum».

37 Anastasii Bibliothecarii Historiam tripertitam, p. 246, r. 31-p. 247, r. 7

38 Pari modo et Iohannes Chrisostomus a duabus synodis orthodoxorum episcoporum fuit iudicatus, sed iterum fuit restituitus ecclesie. Nec non et Marcellus episcopus Ancire Galatie depositus fuit, sed postmodum proprium recepit episcopatum. Asclepius item, iudicatus a synodo, ecclesiam suam postea recepit. Lucianus episcopus Adrianopolites, damnatus a papa Iulio, recepit ecclesiam sive episcopatus. Item Cyrillus Hierusolymitanus depositus fuit, postea reconciliatus est ecclesie sue. Simili modo et Polychronium eiusdem ecclesie Hierusolimitane pontificem Xistus papa damnavit et iterum ipse eum reconciliavit. Innocentius item papa Fotinum damnavit episcopum, sed ipse postea eum in proprio restituit loco ecclesie sue. Itemque Misenum episcopum a Felice papa successore illius excommunicavit et ecclesie sue restituit sacerdotem. Leontius autem, dum esset presbiter, depositus fuit, sed postea in Antiochia patriarcha extitit. Gregorius vero quartus papa Theodosium, quem Eugenius eius antecessor presbiterii honore privaverat, sancte ecclesie Signine consecravit episcopum. Ybas namque episcopus iudicatus fuit, sed sancta sinodus canonice suam illi restituit ecclesiam. Rothadum vero epicopum sancte Sessoniensis ecclesie a sinodo, cui Carolus interfuit rex, condemnatum et Soffrenum Plecentinum episcopum merito reprobatum Nicolaus papa una nobiscum reconciliavit.

39 Sui singoli casi dell’epoca tardoantica: Norton 2006; Leemans et al. 2011.

40 Cap. 30: Africani concilii et sancti Augustini dicta quid nec de incertis sit iudicandum nisi ordine iudicario sive canonice sive legaliter. Cap. 31: Item Augustini in una de octuaginta tribus questionibus.

41 Hincmarus Rhemensis, Epistolae, n. 27, col. 177A-178A; una traduzione tedesca è contenuta in Grotz 1970, p. 252-270. La lettera fu redatta in risposta all’epistola papale datata 27 giugno (J3 6249).

42 Si tratta di una tendenza piuttosto comune nella seconda metà del IX secolo, che rispecchia una certa evoluzione della percezione e della rappresentazione del ruolo e della posizione gerarchica dei vescovi; cfr. Patzold 2008, p. 221-226. In questi elementi è forse possibile leggervi una certa influenza dei trattati attribuiti allo Pseudo-Dionigi; a questo proposito, cfr. Iogna-Prat 2009; Savigni 2009; Savigni 2014 e bibliografia ivi indicata.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Giulia , « Il De episcoporum transmigratione, le decretali pseudo-isidoriane e i dibattiti sul trasferimento e la deposizione dei vescovi tra la metà del IX e l’inizio del X secolo », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge [En ligne], 132-1 | 2020, mis en ligne le 02 avril 2020, consulté le 30 septembre 2020. URL : http://journals.openedition.org/mefrm/7812 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefrm.7812

Haut de page

Auteur

Giulia

giulia.co@libero.it

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search