Navigation – Plan du site

AccueilNuméros133-1VariaSignori rurali e piccole comunità...

Résumés

L’articolo prende in esame una signoria minore di Terra d’Otranto, la baronia di Segine (oggi Acaya), comprendente, oltre all’omonimo casale, i centri di Vanze, Strudà, Vernole, Galugnano e parte di San Cesario, infeudata nel XV secolo ai Dell’Acaya, col fine di ricostruire il significato economico e sociale del possesso feudale di piccole comunità rurali. Fino al 1463, anno di morte del principe di Taranto, Giovanni Antonio Orsini del Balzo, la baronia di Segine fu un suffeudo della contea di Lecce, per poi essere elevata, come tutti gli ex domini orsiniani che non rientrarono nel regio demanio, a feudo in capite a rege. I registri dell’amministrazione principesca e i dati forniti da due inventari «de omnibus et singulis iuribus, redditibus, rationibus et proventibus», redatti nel 1502 per volere di Alfonso Dell’Acaya (uno relativo al casale di Segine, l’altro a Strudà), consentiranno, rispettivamente, di precisare i termini della relazione vassallatica di secondo livello, che legava i suffeudatari al principe di Taranto, e di conoscere, nel dettaglio, le forme della dipendenza personale dei vassalli (servizi obbligatori gratuiti e retribuiti) e le differenti tipologie del prelievo signorile (diritti gravanti sulle risorse agricole e sui commerci, erbatica e carnatica sulla produzione zootecnica, diritti giurisdizionali e fiscali, monopoli bannali sugli impianti produttivi ecc.). Alla luce delle fonti indagate, si cercherà inoltre di cogliere l’eventuale nesso tra mutamento degli assetti feudali della provincia idruntina, intervenuto a seguito della scomparsa del principe Orsini e della disgregazione del suo “Stato” in più complessi signorili di media, piccola e piccolissima estensione, e progressivo aggravio delle condizioni di dipendenza delle comunità sottoposte al dominio feudale.

Haut de page

Notes de l’auteur

La cartografia pubblicata a corredo è a cura di Antonio Magurano - Università del Salento. Si precisa che l’uso del corsivo indica i toponimi scomparsi.

Texte intégral

Introduzione

  • 1 Carocci 2014, p. 18. Sul rinnovamento storiografico stimolato nella medievistica meridionale dal v (...)
  • 2 Si segnalano, in merito, i contributi di Massaro 2016, p. 21-32; Massaro 2018, p. 1439-1464; e Sen (...)
  • 3 Carocci 2014, p. 531.

1Negli ultimi anni, grazie anche alle sollecitazioni offerte da importanti studi come il volume di Sandro Carocci dedicato alle Signorie di Mezzogiorno nei secoli XII e XIII1, la ricerca sulla signoria in Italia meridionale sta apportando nuovi e interessanti sviluppi, sia nella direzione di una più chiara visione delle società rurali bassomedievali – connotate spesso da un sorprendente dinamismo e capaci, non di rado, di resistere con efficacia alla pressione aristocratica -, sia in merito alle forme e al grado di dipendenza personale dei vassalli2. Tuttavia, la varietà dei servizi imposti alla popolazione rurale del Regno in età angioina e aragonese (epoca in cui le concessioni dei sovrani ampliarono le facoltà signorili di prelievo e quelle giurisdizionali)3, rappresentando un limite alla determinazione di un modello unico di signoria meridionale, rende utile, se non necessario, un approccio al tema da un’angolazione mirata e circoscritta, ma certo rappresentativa di una più ampia realtà feudale.

  • 4 Collavini 2011, p. 303.
  • 5 Carocci 2014, p. 265-310; e Senatore cds.

2Prima di entrare in argomento, si ricorda che, al pari di altri contesti geografici, anche nel Regno il fenomeno signorile, benché inglobato in una costruzione politica unitaria e soggetto alle interferenze del potere regio e dei suoi apparati, esprimeva «una pluralità di esiti e forme»4, riconducibili sostanzialmente a due tipologie, coesistenti e tra loro interagenti. C’erano le signorie “territoriali”, più o meno estese e compatte, controllate da potenti dinastie e nate spesso dall’accorpamento di vari complessi feudali, articolati, a loro volta, in suffeudi; e c’erano le signorie “personali” (laiche o ecclesiastiche), esercitate per consuetudine su gruppi di famiglie contadine (e non) soggette a prestazioni e obblighi, anche ereditari, più o meno gravosi. In quest’ultimo caso le facoltà di comando e di prelievo dei signori non ricadevano uniformemente su base territoriale, ma erano calibrate sulla scorta di variabili locali (consuetudini, pattuizioni speciali, riconoscimenti di franchigia) e individuali (condizione socio-economica dei sottoposti, rapporti personali di subordinazione, ampiezza e produttività delle terre date in concessione, disponibilità di animali da lavoro o altro ancora)5.

  • 6 Sin dall’età normanna il barone, a differenza del cavaliere, esercitava poteri territoriali e di c (...)

3Oggetto della nostra indagine è la baronia di Segine (oggi Acaya) nell’antica provincia di Terra d’Otranto, situata a circa 12 km dalla città di Lecce in direzione sud-est e a 5 km dalla costa adriatica, grazie allo studio della quale, oltre a cogliere le trasformazioni dell’assetto feudale intervenute nella penisola salentina a partire dalla seconda metà del XV secolo, si potranno chiarire i termini della relazione vassallatica di secondo livello che legava i suffeudatari al principe di Taranto, titolare di un dominio di tipo territoriale, e ricostruire i rapporti di dipendenza economica e sociale dei sottoposti all’interno di una signoria rurale di tipo feudale (giacché esercitata da un feudatario/barone)6, qualificabile per certi versi come “personale”.

  • 7 ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi feudali e informazioni, n. 95, ms., cc. 71r-92v e 99r-134 (...)
  • 8 La quota da versare era pari dalla metà delle rendite percepite nell’anno precedente a quello in c (...)
  • 9 Oltre a quelli esaminati in questa sede, l’incartamento includeva anche gli inventari relativi ai (...)

4Relativamente a questo secondo aspetto, le informazioni giungono da due inventari inediti, uno riguardante il centro di Segine (oggi Acaya), l’altro il vicino casale di Strudà, redatti nella primavera del 1502 e trascritti nel volume n. 95 dei Relevi dell’Archivio di Stato di Napoli7; un fondo che accoglie le richieste di successione inoltrate alla Regia Camera della Sommaria da tutti i feudatari in morte dei loro predecessori, con relativi elenchi delle entrate signorili, risultati di inchieste ricognitive, deposizioni di testimoni e inventari, appunto, utili a stabile l’ammontare della tassa da corrispondere per il relevio8. Entrambi gli inventari sopraindicati rientravano nell’incartamento dei documenti fiscali esibiti presso la Regia Camera nel gennaio del 1522 da Gian Giacomo Dell’Acaya, barone di Segine, a seguito della morte del padre Alfonso9. Essi contengono l’elenco minuzioso dei beni e dei diritti signorili gravanti sulla popolazione dei casali riguardo soprattutto allo sfruttamento della terra, delle risorse e delle attività produttive del territorio.

  • 10 Si rinvia, in particolare, al volume miscellaneo a cura di Gamberini – Pagnoni 2019, che ha scanda (...)
  • 11 Figliuolo 2017; Catone 2005; Catone 2013; Catone 2017; Macchione 2017; e Senatore cds.

5Tale documentazione permette di ricostruire la dimensione socio-economica di una signoria rurale del Quattrocento meridionale, e di definire le modalità di riscossione e il peso del prelievo signorile. Su questi aspetti, ma in relazione ad altre aree della Penisola, importanti risultati sono stati raggiunti a seguito delle ricerche condotte nell’ambito del PRIN 2015, intitolato La signoria rurale nel XIV-XV secolo: per ripensare l’Italia tardomedievale10. Sulla scorta delle suggestioni emerse dal più recente dibattito, il saggio indaga, come caso di studio, la signoria dei Dell’Acaya su due dei casali inclusi nella baronia di Segine, scelta, com’è ovvio, in ragione della disponibilità delle fonti, ciò nondimeno esemplificativa di un modello di gestione del feudo e di esercizio dei diritti signorili sulle terre e sugli uomini ampiamente diffuso nelle regioni del Mezzogiorno tardomedievale11.

Il casale di Segine: un suffeudo della contea di Lecce

  • 12 Kölzer 1983, n. 39, p. 140; Poso 1988, p. 66.
  • 13 Barone 1926, p. 127-139: 138; Cubellis 2002, p. 217-222: 219. La cedula o cedola era la pergamena, (...)
  • 14 Infantino 1634, p. 144.
  • 15 Foscarini 1903, p. 69.

6Proviamo, innanzitutto, a ricostruire brevemente la storia del feudo di Segine. Il casale è attestato per la prima volta sul finire del XII secolo, quando risulta incluso nel territorio della contea di Lecce12. Nel 1276 è censito nella cedola per l’imposta ordinata da Carlo I d’Angiò per la distribuzione della nuova moneta (Cedula taxationis de distributione nove monete)13. Qualche anno più tardi, stando al racconto di Giulio Cesare Infantino, lo stesso sovrano avrebbe concesso Segine, con Galugnano e parte di San Cesario, a Gervasio de Laya o de la Haya, poi Dell’Acaya, cavaliere di origine francese14, o come ritiene il Foscarini, proveniente dalla Grecia15.

  • 16 Vallone 1999, p. 35.

7Le carenze documentarie impediscono una ricostruzione esaustiva delle vicende familiari dei Dell’Acaya tra XIII e XIV secolo, come altrettanto difficile risulta risalire all’origine dei rapporti di dipendenza tra i discendenti di Gervasio e i titolari della contea di Lecce, dai quali sarebbe derivato per i Dell’Acaya il possesso in suffeudo del casale di Segine. Il suffeudo era infatti un feudo «ottenuto immediatamente da altro feudale», e che veniva in seguito confermato dall’assenso regio16.

  • 17 Minieri Riccio 1877, p. 198.
  • 18 ASN, Regia Camera della Sommaria, Diversi, II numerazione, Reg. 239, ms., cc. 2r-4r. Per l’edizion (...)

8Nel 1320 Segine è incluso tra i centri della provincia di Terra d’Otranto tassati per la sovvenzione generale, anche se il mancato richiamo al nome del feudatario accanto a quello del casale induce a ritenere che all’epoca lo stesso non fosse subinfeudato, ma rientrasse nel diretto dominio dei conti di Lecce17. Dall’inventario dei diritti signorili, fatto redigere nel 1396 da Raimondo Orsini del Balzo, conte di Soleto e associato maritali nomine della moglie, Maria D’Enghien, al governo della contea di Lecce, sappiamo che gli abitanti del casale di Segine, come quelli di altri centri del territorio comitale, pagavano la fida al futuro principe di Taranto per pascolare e abbeverare il bestiame nella foresta di Lecce18.

  • 19 Coco 1915, p. 16-28.
  • 20 Ibid., p. 23.

9La prima notizia certa che lega il feudo di Segine ai Dell’Acaya è contenuta in una nota al margine aggiunta posteriormente ai Cedularia Terrae Idronti del 1378, riguardanti la riscossione dell’adoha, vale a dire l’importo versato in denaro dai feudatari della corona quale corrispettivo del servizio militare non prestato19. La nota si riferisce ai casali di Vanze e di Strudà (distanti poco meno di 3 km da Segine) infeudati a Loysio Dell’Acaya «una cum Calunniano (Galugnano), Sangine (Segine) et certa parte casalis Sancti Cesarii», per il possesso dei quali il signore doveva al sovrano il servizio di un soldato, così come previsto nel regio privilegio del 21 novembre 141220.

  • 21 Sull’argomento si veda Vallone 1999, p. 48-49.
  • 22 Vallone 1999, p. 38-42.

10Si ricorda che l’ammontare del tributo era calcolato sulla base della rendita feudale, proporzionale alla densità della popolazione residente all’interno di un feudo. Per la corresponsione del servitium, l’unità di misura fiscale era costituita dalla prestazione di un miles, devoluto al feudatario dal quale si era ricevuto il feudo o al sovrano che aveva confermato la subinfeudazione21. Il feudo, o suffeudo, in grado di fornire un miles, o il suo corrispettivo in denaro, come nel caso della signoria di Loysio Dell’Acaya, rendeva annualmente venti once d’oro (o più), elemento che qualificava lo stesso come feudo “nobile”22, abitato da almeno una ottantina di famiglie (1 miles = 20 once; 1 oncia = 4 famiglie).

  • 23 Simone 1874, p. 186; Foscarini 1903, p. 69.

11Si delinea così nel primo ventennio del XV secolo il nucleo originario della baronia di Segine, comprendente, oltre all’omonimo casale, i centri di Strudà, Vanze, Galugnano e parte di San Cesario. Di lì a breve la contessa di Lecce, Maria d’Enghien, avrebbe disposto a favore di Loisio Dell’Acaya anche la donazione del feudo di Pisanello, con i casali di Pisanello, Pisignano, Vernole, Specchiarosa e Carbieno, detto quest’ultimo anche casale di San Cosma23.

Il principe di Taranto e i suffeudatari

  • 24 Massaro 2014, p. 170-171. Per contesti estranei al Regno, si veda Chittolini 1989, p. 101-133. Ric (...)

12In merito alle relazioni di clientela, patronato e ‘amicizia’ intercorse tra i signori di Lecce (Maria d’Enghien e il primogenito Giovanni Antonio, principe di Taranto dal 1420 al 1463) e i loro suffeudatari, la frammentarietà delle fonti ne condiziona l’approfondimento, sebbene appaia evidente quanto il successo politico e la riuscita sociale di singoli personaggi o di interi nuclei familiari fossero direttamente riconducibili al grado di fiducia accordato dal principe e dalla contessa sua madre, alla possibilità di entrare nelle loro grazie e di intervenire al loro fianco nella varie manifestazioni della vita pubblica. Concessioni feudali, potere e prestigio si acquisivano attraverso il servizio prestato alla famiglia Orsini del Balzo, sia in qualità di membri dell’entourage di corte (familiares e consiglieri), sia in qualità di ufficiali con competenze in ambito giuridico, amministrativo e militare. Il reclutamento ai vertici dell’apparato burocratico principesco innescava accelerati processi di ascesa sociale, aumentava la possibilità di essere investiti di importanti feudi e incideva in maniera rilevante sulla fisionomia cetuale dei gruppi familiari convolti. Il conferimento di una carica, soprattutto se elevata, assumeva il valore di un atto liberale dell’Orsini per le prove di lealtà del proprio vassallo, base di partenza, fra l’altro, per entrare nella cerchia dei suoi più stretti collaboratori, ai quali era tributata una condizione di privilegio sociale e di prestigio che investiva spesso la famiglia d’origine, o addirittura, l’intera comunità di appartenenza24.

13Questa politica clientelare fondata sul legame vassallatico di secondo livello faceva sì che all’interno di un dominio territorialmente ben definito, come poteva essere lo “Stato” orsiniano, aggregato feudale costituito da più potentati (il principato di Taranto, la contea di Lecce e quella di Soleto), si innervasse una fitta maglia di medie, piccole e piccolissime signorie, baronali o ecclesiastiche, i cui titolati (suffeudatari del principato o delle contee) esercitavano, dietro investitura, il dominio diretto sulle terre e il potere giurisdizionale con il diritto di esazione sulla popolazione sottoposta. Tranne rare eccezioni, si trattava prevalentemente di signorie poco estese, che inglobavano insediamenti rurali di modesta dimensione (casali e castelli) o quota parte degli stessi, i cui abitanti erano tenuti all’assolvimento di oneri e di prestazioni personali.

  • 25 Sotto il governo di Giovanni Antonio Orsini del Balzo (1420-1463) il principato di Taranto attrave (...)
  • 26 Carocci 2014, p. 265.

14L’inclusione del casale di Segine e degli altri centri dell’omonima baronia tra i domini del principe di Taranto rende sicuramente più agevole la ricerca sul mondo dei diritti e della subordinazione contadina25, dal momento che la documentazione prodotta dall’ufficialità orsiniana facilita l’individuazione di quelle situazioni di «compresenza di rapporti di dipendenza diversi», di tipo “territoriale” e di tipo “personale” appunto26. In merito a ciò, è possibile innanzitutto distinguere differenti forme di prelievo signorile gravanti sugli abitanti delle comunità subinfeudate.

  • 27 Il diritto di incamerare i cespiti della tassazione diretta era stato concesso all’Orsini già al t (...)

15I funzionari del principe, gli erari, riscuotevano i tributi prettamente fiscali, vale a dire le imposte dirette (focatico, tassa sul sale e collette) di pertinenza regia, ma che l’Orsini incamerava nei suoi feudi quale corrispettivo del mantenimento di condotte militari al servizio della corona27; gli stessi erari esigevano anche delle somme aggiuntive pro errore foculariorum, l’annuale dono consueto e contribuzioni straordinarie, richieste dal principe in circostanze particolari. Il baiulo invece, nominato, come vedremo, dal suffeudatario, prelevava i diritti del signore sulla produzione agricola, quelli di privativa sulla gestione di mulini, frantoi, forni e taverne, e quelli giurisdizionali limitatamente alle cause civili di primo grado.

  • 28 Nel 1461/1462, ad esempio, erano suffeudatari del principe di Taranto i Maramonte (Cursi de Maremo (...)
  • 29 Ibid., c. 13v. Per l’edizione del Registro, si rinvia a Morelli 2013b, p. 29-108.
  • 30 Sull’ufficio di capitania, si veda Massaro 2014, p. 154-155.

16La situazione delineata trova un chiaro riscontro – si diceva – nei registri dell’amministrazione orsiniana. Ne è un chiaro esempio il quaderno del notaio Nucio Marinacio, erario generale di Terra d’Otranto (da Lecce fino a Santa Maria di Leuca) nell’anno indizionale 1461/62, che censisce per ogni centro del distretto di competenza, inclusi i casali subinfeudati come Segine, i proventi fiscali di varie voci d’imposta incamerati dalla curia principis28. La riscossione riguarda le collette (calcolate nella misura di un ducato d’oro per fuoco); il focatico (corrisposto nella misura di 1 tarì e 4 grani a fuoco); l’imposta sul sale; l’apprezzo (vale a dire la registrazione nel catasto per la ripartizione dei carichi fiscali); le spese occorse per la stesura di cedole e di apodisse, che erano a carico delle comunità; e il contributo richiesto per il vitto del giustiziere (o capitano) preposto all’amministrazione della giustizia penale29. Quest’ultimo tributo era versato da tutti i centri del principato, e soprattutto dai più piccoli, privi di capitanìa, per coprire le spese sostenute dall’ufficiale che, nell’espletamento delle proprie funzioni, affrontava spesso anche lunghi viaggi30.

17Nella rendicontazione erariale sono censite anche le comunità rurali costituenti la baronia dei Dell’Acaya (eccetto i feudi rustici di Pisanello, Specchiarosa e Carbieno): Segine (tassata per 18 fuochi), Strudà (per 29 fuochi), Vanze (21), Vernole (11), San Cesario, per la sola parte infeudata ai Dell’Acaia (10 fuochi), Pisignano (4) e Galugnano (29); per un totale 122 fuochi.

18Se quanto descritto rispondeva, in termini prettamente fiscali, ai diritti esatti dall’Orsini in tutti i centri del principato e dalle contee di Lecce e di Soleto, inclusi – come già detto – quelli subinfeudati, presso questi ultimi, al signore, legato da vincolo vassallatico al principe, spettavano altri cespiti, che possiamo dividere sotto tre principali voci: le entrate provenienti dalla produzione agricola, le entrate bannali e quelle giurisdizionali (limitatamente al civile).

  • 31 I De Noha, signori dell’omonimo casale già sul finire del XIII secolo, sono censiti nel Cedulario (...)
  • 32 ASN, Regia Camera della Sommaria, Diversi, II numerazione, Reg. 242, ms., cc. 381r-383v.
  • 33 Massaro 2018, p. 1419.

19Sulla struttura e sulla composizione della rendita signorile nei piccoli casali subinfeudati, in assenza di evidenze specifiche per Segine, così come per altri centri dell’omonimo feudo, ci viene incontro la documentazione riguardante un’altra baronia di Terra d’Otranto, quella dei De Noha, comprendente i casali di Noha, Merine, Francavilla e Padulano de comitatu Licii e il casale di Giurdignano principatus Taranti31. Si tratta di un estratto della contabilità dei baiuli del feudo di Noha nel triennio 1456/57-1458/59 esibita al principe per il relevio dal suffeudario, l’allora minorenne Antonello De Noha, erede del miles Rauccio De Noha, e rappresentato dal legum doctor Francesco De Noha, suo congiunto. La richiesta di relevio e la relativa documentazione sono trascritte in un quaterno declaracionum dei razionali orsiniani32. Qui vengono rendicontate le entrate e le uscite della curia baronale dei De Noha nell’omonimo casale, dalle quali si evince che il suffeudatario deteneva, come tutti i possessori di domini feudali, un bancum iustitie al quale demandava la riscossione di vari censi in denaro, come lo ius affide o extalei, dovuto da circa una trentina di vassalli in relazione alla consistenza dei beni in dotazione, e il corrispettivo, sempre in moneta, della decima parte del raccolto o di altre porzioni (non specificate) da quanti coltivavano giardini e clausoria nel suddetto casale. A tutti i vassalli che possedevano delle vigne nel territorio di Noha era richiesta una gallina o un pollastro e la decima sul vino mosto. I seminantes nel territorio di pertinenza della baronia, attestati anche presso altri centri della provincia, e che pare avessero un rapporto meno stabile e duraturo con la terra coltivata33, dovevano pro iure decimae un censo in natura (in frumento, orzo, miglio, canapa, lino, fave, agli, cipolle, vino mosto e olio). Inoltre, per i clausoria che i vassalli concedevano in fitto a terzi, il signore richiedeva la decima parte del prezzo di locazione. Gli allevatori di ovini e di caprini erano tenuti a corrispondere l’herbaticum e il carnaricum. Infine, tra le entrate bannali rientrava il diritto proibitivo del mulino, che gravava su tutti gli abitanti del casale (superato il terzo anno di vita) nella misura di 6 grani a testa.

20Per quanto sintetiche, altrettanto interessanti si rivelano le uscite dell’ufficio baiulare annotate per il triennio. È attestata la decima al clero, versata nello specifico all’arcidiacono di Lecce e corrisposta solo in frumento e orzo; e sono attestate le spese occorse per affrontare lavori agricoli e non, come la macinatura del grano e delle fave, l’aratura e la potatura delle vigne, la riparazione dei mulini del signore e la corresponsione del salario agli stessi baiuli e ai raccoglitori di decime e vettovaglie.

21In assenza di inventari dei diritti signorili esatti dai suffeudatari del principe Orsini all’interno dei loro domini, le nostre conoscenze sulla rendita feudale e sul rapporto signore rurale-piccole comunità si limitano ai dati richiamati, che, per quanto concisi, rivelano tuttavia la preminenza delle entrate ricavate dai diritti gravanti sulla produzione agricola, come censi, terraggi e decime, rispetto ad altre fonti di reddito.

  • 34 Giovanni Antonio Orsini del Balzo muore ad Altamura la notte tra il 14 e il 15 novembre del 1463. (...)
  • 35 Angilberto del Balzo, figlio del duca d’Andria Francesco del Balzo e di Sancia Chiaromonte, nipote (...)
  • 36 Si conservano tre inventari riguardanti omnia iura et redditus riscossi negli anni 1483-1485 da Lu (...)
  • 37 ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi feudali e informazioni, n. 95, ms., cc. 71r-92v e 99r-134 (...)
  • 38 Volpicella 1926, p. 305-329. Col termine Universitas si indica comunemente un ente collettivo capa (...)
  • 39 Del passaggio dalla giurisdizione baronale a quella regia è fatta menzione in ASN, Regia Camera de (...)
  • 40 Vallone 2008, p. 39; Petracca 2019, p. 113-139.
  • 41 Sul concetto di microsignoria o “microfeudo”, si veda Galasso 1992, p. 34.
  • 42 Petracca 2019, p. 132-133. È possibile riscontrare situazioni analoghe anche in altre province del (...)

22Per maggiori ragguagli sulle tipologie del prelievo e sulle forme della dipendenza personale che legavano la popolazione sottoposta al signore rurale, si dovrà attendere la documentazione prodotta in età post-orsiniana, ovvero dopo il 146334. I primi esemplari di inventari redatti per conto di signori per così dire “minori”, che erano stati suffeudatari del principe di Taranto, datano infatti a partire dagli anni Ottanta del Quattrocento, come quelli relativi alle contee di Ugento e di Castro (infeudate ad Angilberto del Balzo)35, al casale di Maglie (feudo di Luigi Lubello)36 o alla stessa baronia di Segine, riguardo alla quale saranno presi in esame gli inventari, già richiamati, del 150237. Ma, la realtà descritta da queste fonti riguarda ormai una nuova stagione della storia feudale di Terra d’Otranto. Il 15 novembre 1463 era morto il principe di Taranto, Giovanni Antonio Orsini del Balzo. La sua scomparsa, in assenza di eredi legittimi, aveva sciolto i suffeudatari dal vincolo vassallatico. Università e signori erano accorsi per prestare omaggio a Ferrante, con l’evidente preoccupazione di salvaguardare i propri beni e i privilegi goduti e con l’auspicio, magari, di ampliarli e rafforzarli38. Si stava per attuare lo smembramento dei grandi potentati signorili (il principato di Taranto, la contea di Lecce e la contea di Soleto), solo in parte incamerati dalla corona39, e la successiva riorganizzazione dei quadri territoriali della provincia idruntina tramite nuove concessioni ed elevazione dei suffeudi a feudi in capite a Rege, direttamente dipendenti dal sovrano40. Ciò determinò l’istaurazione di un gran numero di medie e piccole unità feudali, ma, soprattutto, la proliferazione di microsignorie, con conseguenti mutamenti nei rapporti feudatario-vassalli e feudatario-comunità41. In linea generale, si può dire che il sovrano procedette, relativamente ai feudi minori e a quelli posseduti da baroni reputati fedeli, nel rispetto delle precedenti investiture, accordando nella gran parte dei casi il proprio assenso; tuttavia, l’urgenza di ripristinare l’ordine e di incrementare il numero dei sostenitori favorì spesso anche il rafforzamento delle prerogative signorili, attraverso la concessione di maggiori privilegi e di diritti di giustizia, come l’attribuzione del doppio imperio anche a coloro i quali avevano esercitato fino a quel momento la sola giustizia civile42.

La baronia Segine alla fine del Quattrocento: le forme della dipendenza

  • 43 Il giramento di fedeltà al sovrano è pronunciato il 21 dicembre del 1463 (Volpicella 1926, p. 318- (...)

23Tra coloro che nell’autunno-inverno del 1463-1464 giurano fedeltà a Ferrante, compare anche il barone di Segine, Giovanni Dell’Acaya, signore dell’omonimo feudo, dei casali di Strudà, Vernole, Vanze, Galugnano, di parte di San Cesario e dei feudi rustici di Specchiarosa, Tramacere, Planzano (o Palanzano) e Casale Guarino (o Castrì Guarino, oggi Castrì di Lecce), il quale ottiene la conferma dei suddetti domini, accordati ora in capite a rege43.

  • 44 Sul particolare momento, si rinvia al saggio di Scarton 2011, p. 213-290.
  • 45 ASN, Regia Camera della Sommaria, Diversi, II numerazione, Reg. 257 I, ms., cc. 2r-8r. Tra le sign (...)
  • 46 La contea di Alessano includeva all’epoca la città di Alessano, le terre di Specchia e Montesardo, (...)
  • 47 La signoria dei Maramonte includeva anche i casali abitati di Santa Maria di Novoli (Novoli), Cast (...)

24Nella geografia del possesso feudale di Terra d’Otranto, così come venutasi a delineare nella seconda metà del XV secolo, e in particolar modo dopo l’arresto dei principali cospiratori della seconda rivolta baronale – per intenderci, quella consumatasi tra il 1485 e il 148744 – la signoria dei Dell’Acaya si attesta tra le più redditizie della provincia. Nel Cedularium medietatis iuris adohe provinciarum Terre Bari et Idrontis del 1488, che censisce 162 titolari di feudi laici e 9 feudi ecclesiastici45, tra i 146 signori i cui domini risultano concentrati in Terra d’Otranto, gli eredi di Giovanni Dell’Acaya, che versano al fisco 174 once, sono preceduti solamente da due baroni tenuti a corrispondere un tributo maggiore: Raimondo del Balzo, conte di Alessano (che versa 282 once)46, e Raffaele Maramonte, signore di Campi (che ne versa 244)47.

  • 48 ASN, Regia Camera della Sommaria, Diversi, I numerazione, Reg. 175, ms., cc. 14r-17v.
  • 49 Anche in questo caso le signorie ecclesiastiche più dotate si confermano il monastero di Santa Cat (...)
  • 50 Queste si concentrano nell’alta Terra d’Otranto, dove insisteva una rete insediativa a maglie larg (...)
  • 51 Si tratta ancora del conte di Alessano Giovanni Francesco del Balzo (succeduto al padre Raimondo n (...)
  • 52 Visceglia 1988, p. 184-185.
  • 53 Vallone 2008, p. 25-26.

25La situazione muta in parte alle soglie del nuovo secolo. Nel Cedularium totius adohe provincie Terre Idronti, redatto nel 150048, che registra la presenza di 135 feudatari laici e di 7 feudi ecclesiastici49, la baronia di Segine non compare più tra le signorie maggiori, tra l’altro di più recente investitura50, né tra quelle in grado di versare per l’adoha una cifra annuale compresa tra le 600 e le 300 once51. Alfonso Dell’Acaya corrisponde al fisco 262 once, a fronte delle 348 (annuali) versate dagli eredi di Giovanni Dell’Acaya nel 1488. La minore rendita è sicuramente da collegare al sistema di trasmissione dei beni feudali, che prevedeva la divisione tra gli eredi e la successione per via femminile52. Tale prassi, congiunta alla crescita demografica di fine Quattrocento, ha inciso in maniera preponderante sulla composizione dei patrimoni, generando una diffusa parcellizzazione dei corpi feudali unici, scissi, di conseguenza, in più unità signorili53.

26Sulla base dei dati forniti dagli inventari di Segine e di Strudà, proviamo ora a vedere in quali termini il barone Alfonso Dell’Acaya esercitava il suo potere sulla popolazione, in gran parte contadina, a lui sottoposta.

Fig. 1 – Acaya – Baronia di Segine.

Fig. 1 – Acaya – Baronia di Segine.

Uomini, risorse del territorio, prelievo signorile

  • 54 Liber focorum regni Neapolis del 1443/’47, edito in Da Molin 1979, p. 76-78; e in Cozzetto 1986; A (...)
  • 55 Presso entrambi di casali, tra i possessori di beni feudali dati in concessione dalla curia barona (...)
  • 56 I dati del 1508 sono in Visceglia 1988, p. 78.
  • 57 ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi feudali e informazioni, ms., n. 95, cc. 76r-89r. Dati int (...)

27Per ricostruire le condizioni di vita all’interno di una comunità rurale infeudata, il primo dato da considerare è quello demografico, desumibile solo in parte dalle fonti fiscali. Intorno alla metà del Quattrocento, come già anticipato, la popolazione fiscale del casale di Segine si componeva di 18 fuochi, mentre a Strudà raggiungeva i 29 fuochi54. La mancata corrispondenza tra la cifra dei fuochi e la reale consistenza demica delle comunità soggette a tassazione si evince con chiarezza dal contenuto degli inventari. L’elenco dei vassalli residenti in entrambi i centri, in numero di 44 a Segine e di 50 a Strudà55, è prova di un evidente scarto, confermato anche dai dati relativi ai diritti bannali sui mulini, imposti dal signore a tutta la popolazione del casale di Segine a partire dal terzo anno di vita. A fronte dei 18 fuochi fiscali censiti nel Liber focorum regni Neapolis e nella documentazione d’età orsiniana – ridottisi a 15 nel 150856 -, l’inventario di Segine del 1502 registra una popolazione di 145 persone, che versano lo ius molendini57.

  • 58 Visceglia 1988, p. 80.
  • 59 ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi feudali e informazioni, ms., n. 95, cc. 102r-134r.

28Per Strudà, invece, dove in assenza di impianti dominicali, il signore non godeva, di conseguenza, del monopolio sui mulini, i dati demografici restano più incerti. Si passa dai 29 fuochi fiscali del Quattrocento ai 41 del 150858, mentre l’inventario del 1502 registra, come già detto, le generalità di 50 vassalli autoctoni e di 23 forestieri59.

  • 60 Carocci 2014, p. 380; Visceglia 1981, p. 50-52.

29L’organizzazione dell’assetto agrario che traspare dagli inventari non differisce da quella comune ad altri contesti rurali del Mezzogiorno tardomedievale. Lo spazio coltivato, destinato prevalentemente alla produzione cerealicola e alle colture arbustive dell’olivo e della vite, si presentava distinto essenzialmente in due comparti: i fondi della riserva signorile e quelli detenuti in concessione o come allodi da famiglie contadine e non. Sotto il diretto controllo del signore, e grazie al supporto di fidati amministratori, la riserva era gestita in proprio (in economia) o tramite contratti di vario tipo60. Essa occupava la porzione più cospicua del territorio, coltivabile e non, mentre la restante parte era divisa in piccoli lotti.

  • 61 ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi feudali e informazioni, ms., n. 95, c. 74v.

30In entrambi gli inventari, ampio spazio è riservato all’elenco dei vassalli, residenti a Segine e a Strudà, ma anche exteri, che godevano della concessione «in feudum et feudi nomine» di alcuni o più beni dati a censo, come abitazioni urbane (hospicia, domus palaciate, domus cum furno, curti et orto o semplici domuncule) ed extraurbane (casili), terreni, non necessariamente contigui, destinati al seminativo o ad altre colture (oliveto, vigna e orto), piccole aree recintate con giardino coltivabile o complessi masseriali. Nell’area circostante la città di Lecce e nei territori più a sud, la masseria costituiva un’unità fondiaria di medie dimensioni a coltura promiscua. In quest’ultimo caso, i beneficiari erano spesso membri della stessa famiglia Dell’Acaya (il magnifico Giacomo Dell’Acaya e domina Maria Dell’Acaya) o appartenevano comunque ai ceti elevati (erano nobili come Nicola Coniger e Giovanni de Lucugnano, o esponenti del mondo delle professioni, come Nitio di magistro Angelo di Strudà)61. Di tutti gli immobili sono indicati i confini, così come per i terreni, per i quali è specificato anche il nome della località e, alcune volte, l’estensione.

  • 62 Massaro 2000, p. 29-41; Massaro 2018, p. 1411-1423.

31La concessione di benefici d’uso della terra, di strutture abitative o di unità di produzione incluse nel territorio o tenimento del signore, autorizzava il titolare del corpo feudale all’imposizione di censi e di oneri, variabili in base alla consuetudine e alla natura del rapporto contrattuale signore-vassallo. La popolazione contadina di entrambi i casali non risulta distinta in particolari categorie (vassalli demaniali, franchi, affidati, extaleati o angariarii), come invece riscontrato da Carmela Massaro per altri centri di Terra d’Otranto62.

  • 63 ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi feudali e informazioni, ms., n. 95, cc. 72r e 99v. A Vern (...)

32In generale, a Segine come a Strudà, i possessori di beni e di terreni inclusi nel demanio feudale erano tenuti a corrispondere canoni in denaro, donativi in natura (una gallina l’anno) e servitù di decima (ma anche di ottava e di settima) gravante sul suolo e sui diversi prodotti del coltivo: olio, vino mosto, cereali (come frumento, orzo, biada), leguminose, zafferano, lino e ogni altro frutto della terra63.

  • 64 Nel primo Cinquecento oltre al peso del prelievo, anche altri indicatori concorreranno a confermar (...)
  • 65 Massaro 2000, p. 29-41; Visceglia 1981, p. 44-46.
  • 66 I centri della contea di Soleto (Galatina, Soleto, Cutrofiano, Sogliano e Zollino), ad esempio, er (...)

33L’imposizione del prelievo decimale – ma anche di quote maggiori al decimo – sugli spazi agricoli e su tutte le colture impiantate rappresenta la spia di un sensibile aggravio delle condizioni di dipendenza cui era sopposta la popolazione rurale64. Il dato, riscontrabile a partire dal secondo Quattrocento presso diversi casali infeudati della provincia idruntina65, acquisisce maggiore significato soprattutto se messo a confronto con quanto previsto da alcune franchigie accordate in età orsiniana (che escludevano dalla tassazione, ad esempio, il suolo e, in qualche caso, perfino la produzione olearia66), o concesse dal sovrano alle comunità annesse al regio demanio dopo il 1463.

  • 67 Massaro 2013, p. 359- 361; e Massaro 2014, p. 151.
  • 68 Tra le comunità gravate, ad esempio, dal prelievo decimale sulle olive e sull’olio, rientravano i (...)
  • 69 L’intervento grazioso del principe nei confronti delle comunità, oltre ad alleggerire la quota del (...)

34Relativamente ai domini del principe di Taranto, le ricerche dell’ultimo decennio hanno messo in evidenza una geografia del prelievo alquanto diversificata, che contrappose a distretti socialmente ed economicamente più ricchi (come la Terra di Bari) – oltre che di più recente acquisizione – in cui venivano riscossi soprattutto i diritti sul commercio, aree colpite da un prelievo molto più pesante (decime, diritti proibitivi, terraggi e prestazioni personali)67. Ad essere maggiormente gravati dalla servitù di decima, come da altri oneri, furono in particolar modo i piccoli centri e quelli inclusi da più lungo tempo nella signoria orsiniana, situati a sud di Lecce68. In alcuni casi, tuttavia, ricorrendo alla gratia del principe, le comunità economicamente e politicamente più vivaci erano riuscite ad ottenere un alleggerimento della pressione fiscale, che si era tradotto in una riduzione della quota del prelievo (variabile fino alla ventesima parte del raccolto) o addirittura nella franchigia per alcuni prodotti69.

  • 70 Massaro 2018, p. 1428.
  • 71 Papuli 1971, p. 430-471. Sulla supplica, strumento di comunicazione e di contrattazione nelle rela (...)

35Morto il principe di Taranto, fu soprattutto la convalida dello stato di demanialità, costantemente presente nelle petizioni esibite a Ferrante dai centri inclusi negli ex domini orsiniani, a consentire l’emancipazione dal potere feudale, che spesso mortificava le istanze e le aspettative delle comunità. Alcune invocarono l’annullamento di servizi, donativi e tributi, come l’herbaticum e il carnaticum, altre si spinsero fino a richiedere l’abolizione del prelievo decimale sui prodotti agricoli, e in particolare sulle olive che costituivano un’imposizione più recente70. Le istanze erano ovviamente formulate dalle università dei centri maggiori e più avveduti, i quali, già investiti di funzioni amministrative, giurisdizionali e fiscali, oltre a rappresentare il luogo ideale per lo sviluppo di processi di crescita socio-economica, avevano acquisito incisività politica, segno di una raggiunta capacità contrattuale nei confronti della corona. Ne sono prova i numerosi privilegi, i capitoli “supplicatori” e tutte le scritture normative volte a circoscrivere e a definire competenze e prerogative71.

  • 72 Sul concetto di “pervasività” del potere signorile, si rimanda a Carocci 2014, p. 61-62 e 458.

36Se il placet regio in alcuni casi alleggerì, senza tuttavia eliminare, il carico del prelievo, nei piccoli casali infeudati come Segine e Strudà, abitati da una popolazione contadina che si mostrava debole sul piano socio-economico e di conseguenza priva, su quello della contrattazione, degli strumenti della negoziazione politica, le condizioni della dipendenza, già rilevanti (come del resto nella gran parte del sud Salento), non solo non migliorarono, ma al contrario si acuirono. Il controllo attento e minuto che il signore rurale esercitava sulle piccole comunità ne accresceva il grado di “pervasività”, amplificato dalla conoscenza diretta di uomini e di terre, ma anche da una più assidua frequentazione dei centri infeudati, presso i quali, non di rado, stabiliva la propria residenza72.

  • 73 ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi feudali e informazioni, n. 95, ms., cc. 76r-89r.
  • 74 Ibid., cc. 89v-92v.
  • 75 Ibid., cc. 102r-134r.

37In entrambi i casali della baronia di Segine è attestata la generalizzazione del prelievo decimale sui seminativi, i vigneti e l’olivicoltura, ampiamente diffusa nei terreni circostanti l’abitato e settore trainante dell’economia locale. Negli appezzamenti stabilmente condotti da vassalli o da agricoltori fittavoli, gli alberi di olivo convivono con i campi destinati alla semina, e la proprietà degli uni è il più delle volte separata da quella del suolo coltivabile. All’interno di un medesimo clausorium, infatti, il concessionario era spesso tenuto alla prestazione di servizi diversi: la servitù di decima per le olive e quella dell’ottava per il terreno. Assai di frequente, però, le porzioni maggiori del prelievo colpivano proprio i titolari di alberi di olivo. Su 44 vassalli residenti nel casale di Segine (tra i quali compare anche la chiesa di Santa Maria di Segine, gravata ugualmente da terratici), in 19 corrispondono una servitù maggiore della decima, come l’ottava, quasi sempre gravante sull’oliveto73; mentre su 22 vassalli forestieri, in 12 versano un terratico equivalente all’ottava parte del raccolto e in 4 la settima74. Quest’ultima servitù, che interessa soprattutto i coltivatori del casale di Strudà, dove sono censiti 73 vassalli, tra autoctoni e forestieri (inclusa la chiesa intitolata a Santa Maria e a Sant’Antonio), sembra colpire in prevalenza il seminativo e i prodotti ortofrutticoli75. Le quote sulla produzione e il raccolto delle olive, come di altre colture, potevano essere corrisposte in natura o in denaro. Nel primo caso la riscossione del contributo sarebbe spettata ai protigiatores, addetti alla raccolta delle decime e delle scorte alimentari, nel secondo caso invece al baiulo.

  • 76 Ibid., cc. 72r e 100r.

38Tra le varie forme di prelievo signorile, sono da considerare anche i diritti di erbatica (pari al contributo di un agnello l’anno) e di carnatica (un porcello o più per ogni parto di scrofa in base alle esigenze della corte feudale) esatti da tutti gli allevatori di ovini e di suini, inclusi i forestieri alloggiati in loco per tre notti. Si precisa che, l’intervento grazioso del barone, spia forse di un’attenzione al potenziamento della produzione zootecnica del territorio, esonerava dal carnaticum quanti avessero posseduto una scrofa per la prima volta76.

  • 77 Ibid., cc. 73rv e100v.
  • 78 Ibid., cc. 73r e 100v.

39Ai profitti derivanti dal lavoro agricolo e dall’allevamento, si aggiungevano le entrate (difficili da quantificare sulla base delle informazioni in nostro possesso) connesse al controllo delle attività economiche, all’occupazione di spazi aperti e all’uso dell’incolto. Il barone di Segine riscuoteva lo ius plateatium su tutti i beni di consumo venduti al minuto nella piazza del mercato77. Era inoltre richiesto lo ius scaniatici sulla macellazione degli animali. Il personale di servizio presso la curia baronale aveva facoltà di acquistare ovini, suini, castrati, selvaggina e pesce ad un prezzo agevolato rispetto a quello di mercato, tanto dagli operatori locali quanto dai forestieri che avessero macellato e venduto il loro bestiame entro i confini del feudo78.

  • 79 Sappiamo in realtà che nel 1452 Giovanni Dell’Acaya aveva concesso le paludi di Segine e di Vanze (...)
  • 80 ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi feudali e informazioni, n. 95, ms., c. 73v.

40Anche la pesca, praticata nelle paludi circostanti il casale di Segine, dove si aprivano ampi specchi d’acqua, era soggetta a prelievo, variabile in base alla natura del luogo sfruttato79. I pescatori, che con cornacchia o con rete optavano per località macchiose, corrispondevano la ventesima parte del pescato, mentre chi preferiva le acque di più facile accesso, per l'uso delle quali era tuttavia necessario il consenso del barone, doveva una porzione superiore, pari alla decima80.

  • 81 Ibid., c. 72v.
  • 82 Ibid., c. 100r.

41Come in precedenza anticipato, i signori rurali esigevano spesso dalle comunità sottoposte, e soprattutto da coloro che risiedevano presso gli insediamenti minori, incapaci di opporre resistenza alla pressione feudale, alcuni diritti proibitivi, come, ad esempio, quello di banno sui mulini, riscosso dall’intera popolazione di Segine. Qui Alfonso Dell’Acaya disponeva di due impianti di macinazione, di cui curava periodicamente la manutenzione, per l’uso dei quali esigeva 6 grani annui a testa da tutti gli abitanti, sia uomini sia donne, dai tre anni in su81. L’esazione di questo diritto di privativa, oltre a restituire, come già ricordato, l’effettiva consistenza demica del casale (con la sola esclusione della popolazione infantile al di sotto del terzo anno di vita), è indice di una gestione totalizzante e incisiva del territorio, delle attività produttive e della società locale. L’azione di controllo del signore sugli impianti di molitura era esercitata anche in assenza di strutture di proprietà della curia baronale, come a Strudà, dove a tutti i possessori di mulini e a coloro i quali ne avessero avviato la costruzione veniva imposto il tributo di due tarì82. Dai mulini derivava infatti una quota importante dei redditi monetari della signoria.

Beni e diritti signorili. Servizi e prestazioni dei sottoposti

  • 83 La restante parte della masseria de Scatamusca era stata ereditata da domina Maria Dell’Acaya. Tan (...)
  • 84 La masseria de Sancto Petro, situata nel territorio di Segine, comprendeva diversi terreni recinta (...)
  • 85 ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi feudali e informazioni, n. 95, ms., c. 75r.

42A Segine il signore possedeva un castello, residenza saltuaria o abituale della famiglia Dell’Acaya, in prossimità del quale si estendeva un giardino con alberi ornamentali e da frutto, oliveti e vigneti. Rientravano nelle sue proprietà una domus impalatiata, sei abitazioni, alcune dotate di corte e di orto, venti clausoria, due mulini, un frantoio (tarpetum), un pozzo (in comune con Evangelista Longo di Strudà), tre masserie (una nominata de Scatamusca, di cui aveva ereditato due parti dalla nonna Giovannella De Senis83, l’altra nominata de Sancto Petro84, mentre la terza sorgeva nei pressi di un’area palustre), e diversi territori aperti, alcuni macchiosi e paludosi, altri coltivati, che gestiva in proprio utilizzando, come si dirà più avanti, il lavoro degli abitanti del casale85.

  • 86 Ibid., c. 101v.

43A Strudà, invece, i beni della curia baronale includevano un frantoio, costruito per volere dello stesso Alfonso, un esteso oliveto, un casile murato con giardino, corte e orto, ancora un giardino con diversi alberi di fico, e vari terreni privi di recinsione, che erano stati acquistati da Giovanni Dell’Acaya86.

  • 87 Nel corso del XV secolo si registra un potenziamento delle facoltà giurisdizionali della feudalità (...)
  • 88 BSNSP, XXXVIII B 19, ms., p. 161.

44In entrambi i casali e nei rispettivi territori il signore amministrava la giustizia civile e penale, detenendo il doppio imperio, anche se gli inventari in esame non ne esplicitano i proventi87. Alfonso esercitava questo diritto sin dal 1488, quanto dietro versamento di 200 ducati, aveva ottenuto da Ferrante la titolarità del «mero e misto imperio cum iurisdictione criminali [...] pro se et suis» su tutti gli uomini che abitavano nei casali di Segine, Strudà, Galugnano, Vanze e Vernole, incluso il feudo di Specchiarosa88. I diritti giurisdizionali ricadevano anche su quanti avessero scelto di trasferire la propria residenza nel suddetto territorio, ai quali sarebbe stato inoltre possibile concedere terre e beni in feudo.

45Il signore aveva facoltà di designare annualmente il baiulo, che lo stesso sceglieva tra i vassalli e gli abitanti del luogo. Le competenze dell’ufficio riguardavano sostanzialmente due ambiti: quello prettamente giurisdizionale e quello fiscale. Al baiulo, che presiedeva un bancum iustitie cui spettava giudicare le cause civili di primo grado, era demandata infatti anche la riscossione dei diritti e delle prerogative signorili che colpivano vari aspetti del quotidiano, dalle attività agricole a quelle economiche e commerciali, dalla produzione zootecnica alla macellazione del bestiame, dalla pesca all’uso dell’incolto, considerato riserva signorile. Lo stesso ufficiale vigilava sull’andamento delle accise su pesi e misure e si occupava della rendicontazione degli introiti. Anche in questo caso, però, i dati forniti dagli inventari non consentono di quantificare le entrate dell’ufficio e di cogliere la capacità produttiva del feudo nel suo complesso.

  • 89 ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi feudali e informazioni, ms., n. 95, c. 71r: «qui pro suo (...)
  • 90 ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi feudali e informazioni, ms., n. 95, c. 99r.

46Se a Segine, in cambio del servizio prestato in qualità di baiulo («pro suo labore»), al vassallo era rimessa in forma di beneficio la metà di quanto avrebbe dovuto versare al signore, in denaro o in natura, in ragione del pheudum (podere) concesso89, a Strudà, invece, l’ufficiale percepiva un salario annuo di nove tarì. Sempre a Strudà, nel caso in cui il baiulo avesse ricoperto per volere del signore anche la carica di protigiatore avrebbe beneficiato dell’ulteriore compenso annuo di un tarì90.

  • 91 Ibid., cc. 73v e 101r.

47Oltre all’ufficio baiulare, i vassalli erano tenuti ad esercitare anche altre cariche, non sempre retribuite. Alle rispettive università era demandato, ad esempio, il compito di selezionare tra i vassalli alcuni uomini idonei a ricoprire la magistratura di sindaco e a svolgere le funzioni di auditores91. La scelta finale sarebbe però spettata al signore, che, tra gli eletti, esprimeva la sua preferenza, dettata, com’è facile intuire, da esigenze pratiche, ma anche dal proprio vantaggio e da logiche di tipo clientelare.

  • 92 Ibid., cc. 71r e 99v.
  • 93 Ibid., cc. 71v e 99r.

48Le stesse università avevano l’onere di nominare annualmente due granecteros, uno per il frumento e l’altro per l’orzo, scelti tra gli abitanti delle due comunità a partire da un determinato punto («strata») dell’abitato, e via via proseguendo, in modo tale da far svolgere a tutti i vassalli il dovuto servizio. Il compito dei granecteri, che non prevedeva retribuzione, era quello di raccogliere le vettovaglie prodotte nel territorio dei casali di competenza, riporle in appositi spazi e darne conto alla curia signorile. Solo per il trasporto delle stesse a Segine, centro dell’omonima baronia, i granecteri percepivano 1 tarì e 5 grani l’anno92. I protigiatores, invece, nominati dal signore all’interno di ciascuna comunità in numero di due per dividere e ripartire le vettovaglie incamerate dalla curia, così come i custodi dell’aia dove si eseguiva la trituratura (si separava, cioè, la granella del frumento e degli altri cereali dalla paglia e dalla pula), che avevano il compito di sorvegliare le granaglie fino alla consegna ai granettieri, percepivano il compenso di 1 tarì l’anno93.

  • 94 Ibid., cc. 71v e 99v.

49All’obbligo di ricoprire particolari cariche per conto del signore, si aggiungeva quello di prestare servizi agricoli obbligatori, come la trituratura, la ventilatura e l’annectactione dei cereali. Si trattava di operazioni che consentivano di separare il grano dalle scorie: per ogni centenaro (o cantaro, l’equivalente di 100 rotoli) di grani grossi di frumento ripulito il signore corrispondeva 4 tarì; mentre tutte le altre tipologie di cereali (orzo, miglio, avena e segale) fruttavano solo 2 tarì a centenaro. Tutti i vassalli e i laborantes nel territorio feudale, inclusi i forestieri, erano tenuti a trasportare a proprie spese nell’aia della curia baronale la parte del raccolto destinata al signore. Era inoltre vietato avviare le operazioni di trituratura delle vettovaglie prima di aver corrisposto il dovuto terraggio in natura94.

  • 95 Ibid., cc. 72v e 100rv.

50La richiesta di servizi obbligatori collettivi non si limitava alla sola produzione cerealicola. Dagli inventari, come già detto, traspare la ricca varietà di colture che caratterizzava il paesaggio agrario del territorio incluso nella baronia di Segine, tipico della provincia idruntina e più in generale dell’intera area mediterranea. Oltre al seminativo, infatti, mentre orti e giardini occupavano gli spazi adiacenti alle abitazioni o erano spesso inclusi all’interno dei complessi edilizi, le colture legnose della vite e dell’olivo si estendevano copiose appena fuori l’abitato. Tra i servizi richiesti a tutti i vassalli rientravano le prestazioni d’opera presso le vigne della curia domini. Si trattava, in realtà, di lavori retribuiti, che venivano tuttavia imposti secondo le esigenze del signore. Per potare le viti, l’operazione più delicata dalla quale dipendeva l’esito della produzione, i vassalli percepivano 10 grani al giorno; per zappare la vigna 9 grani al giorno; per battere il terreno al fine di mantenerlo umido più a lungo 7 grani al giorno; per mondare e raccogliere l’uva al momento della vendemmia 5 grani al giorno; mentre per svolgere lavori agricoli di vario genere si rimandava alla consuetudine («secondo è solito farese per lo passato») e all’andamento del prezzo dei salari («secondo curreno li tempi»)95.

  • 96 Tra Tre-Quattrocento diversi sono gli statuti e i capitoli che contemplano dei provvedimenti in di (...)
  • 97 ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi feudali e informazioni, ms., n. 95, cc. 72v e 101r.

51Trattandosi di una coltura specializzata e “protetta” a molteplici livelli, la vigna non solo era praticata in appezzamenti difesi da muri (clausure) e chiusi al pascolo, ma era anche tutelata da una regolamentazione, mirata a punire gli allevatori che avessero invaso i vigneti con le loro greggi96. I danni arrecati ai vigneti, ma anche ad altri tipi di colture, erano puniti col pagamento di una multa. Nelle terre date in concessione e per le quali il signore richiedeva la prestazione di servizi e il versamento di censi, era sua facoltà riscuotere, a Segine, la decima parte del risarcimento corrisposto ai vassalli che avessero subito danno alle colture o ai raccolti, mentre a Strudà incamerava una porzione variabile dalla decima alla settima parte97. Il bestiame responsabile di aver danneggiato i campi coltivati veniva temporaneamente custodito in una corte ad uso della curia, circondata da muri perimetrali e ubicata nelle prossimità del castello di Segine, in attesa che i proprietari saldassero la multa. Questi, in caso di mancata denuncia da parte di terzi, avrebbero corrisposto al signore 2 grani, se vassalli, e 5 grani, se forestieri, per ogni animale di grossa taglia; mentre, qualora denunciati, lo stesso signore si riservava il diritto di imporre, a sua discrezione, oltre al versamento di 2 o 5 grani ad esemplare, anche una sanzione aggiuntiva. L’ammontare di questa multa riparatrice veniva calcolato sia in base alla grandezza del bestiame, sia in base alla stagione nel corso della quale veniva commessa l’infrazione. Per tal motivo la quota da versare lievitava sistematicamente nei periodi in cui il passaggio degli animali danneggiava la vendemmia o il raccolto.

Conclusioni

52Gli inventari esaminati, contenenti l’elenco dei diritti signorili di pertinenza del barone Alfonso Dell’Acaya e parte dei relativi importi esatti o da esigere, stabiliti sulla scorta delle consuetudini locali, hanno permesso di approfondire le pratiche di gestione del potere feudale all’interno di una delle tante signorie rurali del Mezzogiorno tardomedievale. La redazione di queste scritture pragmatiche, funzionali al monitoraggio di beni, uomini, censi, obblighi e servizi, e preceduta da inchieste ricognitive condotte in loco, rispondeva chiaramente all’esigenza di salvaguardare la rendita feudale, di censire il patrimonio e di garantirne la trasmissione agli eredi, ma si rivelava altresì funzionale a circoscrivere lo spazio politico ed economico della signoria e a regolamentare i rapporti con i vassalli. Il contenuto degli inventari di Segine e di Strudà ha fatto emergere soprattutto i termini della relazione di dipendenza e di subordinazione che legava la popolazione rurale dei casali infeudati al titolare della baronia.

  • 98 Per esempi analoghi in altre province del Regno, si rinvia a Brancaccio 2011, p. 85-102.

53A tal riguardo, e per concludere, sono essenzialmente tre gli aspetti che meritano di essere richiamati, e che sembrano caratterizzare la tipologia di dominio signorile maggiormente diffusa in Terra d’Otranto sul finire del Quattrocento, quando, a seguito della devoluzione del principato di Taranto alla Corona e della sua conseguente disgregazione, si assiste alla massiccia proliferazione di micro-nuclei di potere signorile98.

54In primo luogo, in continuità con le forme di gestione del dominio feudale tipiche dei secoli precedenti, perdurano le richieste a carico dei sottoposti di censi (in natura e monetari), di donativi, più o meno gravosi, e di prestazioni personali di vario genere (lavori agricoli obbligatori, ma retribuiti, servizi di trasposto gratuiti o retribuiti, esercizio di particolari cariche), fondate sulla consuetudine e, alle volte, commutate in denaro.

55Un secondo aspetto, comune a diverse signorie meridionali del tardo Quattrocento – e non soltanto alle maggiori -, riguarda l’ampliamento delle facoltà giurisdizionali del signore, estese ora anche alla sfera penale grazie all’attribuzione del mero e misto imperio; sebbene la documentazione esaminata non abbia consentito di quantificare le entrate derivanti dalle prerogative giurisdizionali del barone di Segine.

  • 99 Massaro 2018, p. 1439-1464. Questa tendenza era stata già evidenziata negli anni Settanta e Ottant (...)

56Sono infine da considerare la tipologia e il livello quantitativo del prelievo, in particolare di quello riscosso sui raccolti e sul lavoro contadino, che rappresentava la principale fonte di reddito della signoria rurale del Mezzogiorno tardomedievale. Recenti ricerche sulla composizione della rendita signorile in Terra d’Otranto nel XV secolo hanno infatti confermato la prevalenza delle entrate ricavate dai diritti esatti sulla produzione agricola (censi, terraggi e decime) a fronte della scarsa incidenza dei diritti giurisdizionali e proibitivi sul reddito feudale complessivo99. Ebbene, tra le varie forme di prelievo sulla terra, la prestazione decimale si conferma nelle nostre fonti la più diffusa, quella in grado di incidere maggiormente sul volume delle entrate signorili. Ed è proprio in relazione ai diritti esatti sull’agricoltura, che possiamo osservare un sensibile aggravio degli oneri imposti alla popolazione rurale. Si attesta, innanzitutto, la generalizzazione del prelievo decimale, dal momento che tale servitù interessa ormai tutti i settori del coltivo, anche quelli che la consuetudine medievale aveva protetto tramite la concessione di franchigie.

  • 100 Sull’economia prevalentemente di sussistenza tipica dei centri rurali del Regno di Napoli nel XVI (...)

57Dati interessanti emergono anche dalle variabili del livello quantitativo del prelievo esatto sul raccolto. La quota del decimo, ammontare piuttosto modesto e parametro comune a tutte le signorie tre-quattrocentesche di area idruntina (dai principi di Taranto ai feudatari minori, laici o ecclesiastici), è sempre più spesso sostituita da prelievi più elevati, che raggiungono la porzione dell’ottava e anche della settima parte del raccolto. Un tale incremento non poteva che incidere negativamente sul bilancio delle famiglie contadine assoggettate al potere feudale, giacché riduceva il volume dei proventi agricoli destinati al consumo o da immettere sul mercato100.

58Quanto descritto anticipa al secondo Quattrocento la sperimentazione di quel progressivo irrigidimento delle forme della dipendenza contadina, peculiarità che, in certa misura, andrà a caratterizzare le signorie feudali del Mezzogiorno moderno. Intanto il dominio dei Dell’Acaya offre prova di una sempre più radicata e incisiva presenza signorile sul territorio infeudato. Da ciò ne deriva che, in quanto a grado di “pervasività”, si evinca una forte e reale incidenza del signore sulla vita economica e sociale dei sottoposti. Ma, se le piccole comunità rurali si rivelano prive di quelle risorse politiche, culturali ed economiche, che avrebbero consentito loro di reagire alla pressione feudale, il potere signorile, dal canto suo, appare come paralizzato in un stato di torpore, incapace di sfruttare al meglio i propri mezzi e le proprie risorse. In altre parole, sulla scorta delle informazioni in nostro possesso, le scelte gestionali del signore non sembrano incidere in termini di crescita sulla rendita agricola e sull’economia locale, non promuovono significativi investimenti infrastrutturali. L’incremento della rendita signorile continua a derivare sostanzialmente dall’inasprimento della pressione fiscale sugli homines e dal rafforzamento delle prerogative e dei privilegi feudali. Ad emergere dagli inventari è dunque una gestione del dominio signorile che potremmo definire di tipo “classico”, feudale appunto, entro i confini del quale il signore impone obblighi e servizi ai propri uomini, a lui legati da vincoli di dipendenza personale, riscuote censi e tributi di varia natura – che in alcuni casi raggiungono livelli particolarmente gravosi –, controlla, anche attraverso l’esercizio della giurisdizione, civile quanto penale, ogni aspetto dell’economia e dalla società locale.

  • 101 Carocci 2014, p. 520-521.

59In questa realtà signorile la ricchezza, la vivacità, l’autonomia e il dinamismo che avevano caratterizzato, secondo la lettura proposta da Sandro Carocci, i mondi rurali del Mezzogiorno normanno-svevo e primo-angioino101, sono stati bruscamente ridimensionamenti e compromessi dall’affermazione del potere feudale, cui contribuirono le numerose concessioni accordate dai sovrani aragonesi, e dall’accresciuta capacità degli stessi signori, ora più potenti, più radicati nel tempo e nel territorio – e più pervasivi -, di controllare e di condizionare la vita delle comunità sottoposte.

Haut de page

Bibliographie

Archivi

ASN = Archivio di Stato di Napoli.

BSNSP =: Biblioteca della Società Napoletana di Storia Patria.


Bibliografia Primaria

Barone 1926 = N. Barone, La cedola per l’imposta ordinata da re Carlo I d’Angiò nel 1276 per la circolazione della nuova moneta di denari in Terra d’Otranto, in Studi di storia napoletana in onore di Michelangelo Schipa, Napoli, I.T.E.A. Editrice, 1926.

Coco 1915 = A.P. Coco, Cedularia Terrae Idronti 1378, con note di geografia, demografia e paleontologia linguistica di Terra d’Otranto, Taranto, A. Lodeserto, 1915.

Cozzetto 1986 = F. Cozzetto, Mezzogiorno e demografia nel XV secolo, Soveria Mannelli, Rubbettino, 1986.

Cubellis 2002 = M. Cubellis, I registri della cancelleria angioina ricostruiti da Riccardo Filangieri con la collaborazione degli archivisti napoletani, XLVI (1276-1294), Napoli, Accademia Pontaniana, 2002.

Da Molin 1979 = G. Da Molin, La popolazione del regno di Napoli a metà Quattrocento, Bari, Adriatica Editrice, 1979.

Kölzer 1983 = Th. Kölzer, Costantiae imperatricis et reginae Siciliae diplomata (1195-1198), in Codex diplomaticus Regni Siciliae, Series secunda, Diplomata regum e gente Suevorum, t. I/2, Colonia-Vienna, Böhlau,1983.

Minieri Riccio 1877 = C. Minieri Riccio, Notizie storiche tratte da 62 registri angioini dell’Archivio di Stato di Napoli, Napoli, Tip. di R. Rinaldi e G. Sellitto, 1877.

Morelli 2013b = S. Morelli, Il quaderno di Nucio Marinacio, erario del principe Giovanni Antonio Orsini da Lecce a Santa Maria di Leuca, anno 1461-1462, Napoli, Paparo, 2013.

Palumbo 1997 = P.F. Palumbo (a cura di), Libro Rosso di Lecce (Liber Rubeus Universitatis Lippiensis), I, Fasano, Schena Editore, 1997.

Papuli 1971 = G. Papuli, Documenti editi ed inediti sui rapporti tra le università di Puglia e Ferdinando I alla morte di Giovanni Antonio del Balzo Orsini, in Studi di storia pugliese in onore di Nicola Vacca, Galatina, Congedo, 1971, p. 430-471.

Parisi 2014 = I. Parisi (a cura di), La corrispondenza italiana di Joan Ram Escrivà ambasciatore di Ferdinando il Cattolico (3 maggio 1484-11 agosto 1499), Battipaglia, Laveglia&Carlone, 2014.

Pepe 1888 = L. Pepe (a cura di), Il Libro Rosso della città di Ostuni. Codice diplomatico compilato nel MDCIX da Pietro Vincenti, Valle di Pompei, B. Longo, 1888.

Petracca 2013 = L. Petracca, Gli inventari di Angilberto del Balzo, conte di Ugento e duca di Nardò. Modelli culturali e vita di corte nel Quattrocento Meridionale, Roma, Istituto Storico Italiano per il Medio Evo, 2013.

Scarton – Senatore 2018 = E. Scarton, F. Senatore, Parlamenti generali a Napoli in età aragonese, Napoli, Federico II University Press, 2018.

Speranza 2014 = V. Speranza, Edizione e studio di fonti per la storia della Puglia nel periodo di Alfonso il Magnanimo, Tesi di Dottorato, Universitat de Barcelona, 2014.

Volpicella 1926 = L. Volpicella, Un registro di ligi omaggi al re Ferdinando d’Aragona, in Studi di storia napoletana in onore di Michelangelo Schipa, Napoli, I.T.E.A. Editrice, 1926.


Bibliografia Secondaria

Airò 2009 = A. Airò, «Cum omnibus eorum cautelis, libris et scripturis». Privilegi di dedizione, scritture di conti, rendicontazioni e reti informative nella dissoluzione del Principato di Taranto (23 giugno 1464-20 febbraio 1465), in Reti Medievali, 10, 2009, http://www.retimedievali.it.

Brancaccio 2011= G. Brancaccio, Economia e rendita feudale negli Abbruzzi e nel Molise (secoli XVI-XVII), in A. Musi, M.A. Noto (a cura di), Feudalità laica e feudalità ecclesiastica nell’Italia Meridionale, Palermo, 2011, p. 85-102.

Carocci 2014 = S. Carocci, Signorie di Mezzogiorno. Società rurali, poteri aristocratici e monarchia (XII-XIII secolo), Roma, 2014.

Catone 2005 = E. Catone, La famiglia d’Alemagna. Una casata nobile della Buccino medievale, Salerno, 2005. 

Catone 2013 = E. Catone, Le signorie feudali (XIII-XVI sec.), in R. Luongo (a cura di), Storia di Campagna, 1, Dalla nascita dell’insediamento urbano (sec. XI) all’istituzione della Diocesi (1525), Campagna, 2013, p. 104-143.

Catone 2017 = Ancora sui signori feudali di Campagna nel Quattrocento. Note e documenti inediti, in Identità campagnese. Cultura, religione, società. Fonti e Documenti. Storia di Campagna, 5, 2017, p. 335-366. 

Castelnuovo 2006 = G. Castelnuovo, Uffici e ufficiali nell’Italia del basso Medioevo (metà Trecento-fine Quattrocento), in F. Salvestrini, F. Cengarle (a cura di), L’Italia alla fine del Medioevo: i caratteri originali nel quadro europeo, vol. II, Firenze, 2006, 1, p. 295-332.

Cernigliaro 1983 = A. Cernigliaro, Sovranità e feudo nel Regno di Napoli, I, Napoli, 1983.

Chittolini 1989 = G. Chittolini, L’onore dell’ufficiale, in S. Bertelli, N. Rubinstein, C.H. Smyth (a cura di), Florence and Milan: comparisons and relations, Acts of two Conference at Villa I Tatti in 1982-1984, Florence, 1989, p. 101-133.

Ciarleglio 2013 = M.N. Ciarleglio, I Feudi del Contado di Molise. Inventario analitico dei relevi molisani nell’Archivio di Stato di Napoli (XV-XVIII sec.), Campobasso, 2013.

Cirillo 2011 = G. Cirillo, La cartografia della feudalità del Regno di Napoli nell’età moderna: dai grandi stati feudali al piccolo baronaggio, in A. Musi, M.A. Noto (a cura di), Feudalità laica e feudalità ecclesiastica nell’Italia Meridionale, Palermo, 2011, p. 17-54.

Collavini 2011 = S.M. Collavini, I signori rurali in Italia centrale (secoli XII-metà XIV): profilo sociale e forme di interazione, in MEFRM, 123-2, 2011, p. 301-318.

Collavini 2012 = S.M. Collavini, Signoria ed élites rurali (Toscana, 1080-1225 c.), in MEFRM, 124-2, 2012, p. 479-493.

Corfiati 2009 = C. Corfiati, Il principe e la Regina. Storie e letteratura nel Mezzogiorno aragonese, Firenze, 2009.

D’Arcangelo cds = P. D’Arcangelo, Il signore va alla Camera. I relevi dell’archivio della Regia Camera della Sommaria (secoli XV-XVII), in F. Senatore (a cura di), La signoria rurale nell’Italia del tardo medioevo. Archivi e poteri feudali nel Mezzogiorno (XIV-XVI sec.), in corso di stampa.

De Simone 1874 = L.G. De Simone, Lecce e i suoi monumenti: descritti e illustrati, I, Lecce, 1874.

Esposito 2014 = L. Esposito, Il primo sconosciuto matrimonio di Raimondo del Balzo Orsini principe di Taranto. Alle origini dei suoi possessi negli Inventaria del 1396 e del 1402, in G.T. Colesanti (a cura di), “Il re cominciò a conoscere che il principe era un altro re”. Il principato di Taranto e il contesto mediterraneo (secc. XII-XV), Roma, 2014, p. 123-128.

Faraglia 1880 = N. Faraglia, Giovancarlo Tramontano, conte di Matera, in Archivio storico per le province napoletane, 5 (1880), p. 96-118.

Figliuolo 2017 = Il Molise nel quadro dell’amministrazione del Regno di Sicilia in età aragonese, in I. Lazzarini, A. Miranda, F. Senatore (a cura di), Istituzioni, scritture, contabilità. Il caso molisano nell’Italia tardomedievale, Roma, 2017, p. 23-35.

Foscarini 1903 = A. Foscarini, Armerista e notiziario delle famiglie nobili, notabili e feudatarie di Terra d’Otranto, Lecce 1903 (rist. anast. Bologna, 1979).

Galasso 1992 = G. Galasso, Economia e società nella Calabria del Cinquecento, Napoli, 1992.

Galasso 2010 = G. Galasso, Sviluppo e vicende dell’agricoltura e delle manifatture nei secoli XVI e XVII, in G. Galasso, Storia del Regno di Napoli, VI, Società e cultura del Mezzogiorno moderno (secoli XVI-XIX), Torino, 2010.

Gamberini – Pagnoni 2019 = A. Gamberini, F. Pagnoni (a cura di), La signoria rurale nell’Italia del tardo medioevo, 1. Gli spazi economici, Milano-Torino, 2019.

Infantino 1634 = G.C. Infantino, Lecce Sacra, Lecce, Pietro Micheli, 1634 (ed. anast. Bologna, 1973).

Macchione 2017 = A. Macchione, Dinamiche familiari ed esercizio del potere in una signoria di Calabria. I Ruffo di Sinopoli, Bari, 2017.

Massaro 2000 = C. Massaro, Uomini e terre di un casale di Terra d’Otranto nella seconda metà del secolo XV, in C. Massaro, Società e istituzioni nel Mezzogiorno tardomedievale. Aspetti e problemi, Galatina, 2000, p. 45-64.

Massaro 2004 = C. Massaro, Potere politico e comunità locali nella Puglia tardomedievale, Galatina, 2004.

Massaro 2013 = C. Massaro, Il principe e le comunità, in L. Petracca, B. Vetere (a cura di), Un principato territoriale nel Regno di Napoli? Gli Orsini del Balzo principi di Taranto (1399-1463), Atti del Convegno di Studi (Lecce, 20- 22 ottobre 2009), Roma, 2013, p. 334-384.

Massaro 2014 = C. Massaro, Amministrazione e personale politico nel principato orsiniano, in G.T. Colesanti (a cura di), «Il re cominciò a conoscere che il principe era un altro re». Il principato di Taranto e il contesto mediterraneo (secc. XII-XV), Roma, 2014, p. 139-188.

Massaro 2016 = C. Massaro, Centri minori tra potere regio, potere signorile ed egemonie urbane: il caso di Oria e Avetrana nel XV secolo, in Itinerari di Ricerca Storica, 30-2, 2016, n.s., p. 21-32.

Massaro 2018 = C. Massaro, Uomini e poteri signorili nelle piccole comunità rurali del principato di Taranto nella prima metà del Quattrocento, in A. Ambrosio, R. Di Meglio, B. Figliuolo (a cura di), Ingenita curiositas. Studi medievali in onore di Giovanni Vitolo, Battipaglia, 2018, p. 1439-1464.

Morelli 2013a = S. Morelli, Aspetti di geografia amministrativa nel Principato di Taranto alla metà del XV secolo, L. Petracca, B. Vetere (a cura di), Un principato territoriale nel Regno di Napoli? Gli Orsini del Balzo principi di Taranto (1399-1463), Atti del Convegno di Studi (Lecce, 20-22 ottobre 2009), Roma, 2013, p. 199-245.

Musi 2015 = A. Musi, Tra conservazione e innovazione. Studi recenti sulla feudalità nel Mezzogiorno moderno, in R. Cancila, A. Musi (a cura di), Feudalesimi nel Mediterraneo moderno, I, Palermo, 2015, p. 185-206.

Paone 1973 = M. Paone, Arte e cultura alla corte di Giovanni Antonio Orsini del Balzo, in M. Paone (a cura di), Studi di storia pugliese di Giuseppe Chiarelli, II, Galatina, 1973.

Petracca 2015 = L. Petracca, Un ricco e innovativo lavoro sulla signoria meridionale: "Signorie di Mezzogiorno" di Sandro Carocci, in Itinerari di ricerca storica, 29-1, 2015, n.s., p. 151-161.

Petracca 2017 = L. Petracca, Un borgo nuovo angioino in Terra d’Otranto: Francavilla Fontana (secc. XIV-XV), Galatina, 2017.

Petracca 2019 = L. Petracca, Politica regia, geografia feudale e quadri territoriali in una provincia del Quattrocento meridionale, in Itinerari di Ricerca Storica, 33-2, 2019, n.s., p. 113-139.

Poso 1988 = C. D. Poso, Il Salento normanno. Territorio, istituzioni, società, Galatina, 1988.

Scarton 2011 = E. Scarton, La congiura dei baroni del 1485-87 e la sorte dei ribelli, in F. Senatore, F. Storti (a cura di), Poteri, relazioni, guerra nel Regno di Ferrante d’Aragona. Studi sulle corrispondenze diplomatiche, Napoli, 2011, p. 213-290.

Senatore 2009 = F. Senatore, Gli archivi delle Universitates meridionali: il caso di Capua ed alcune considerazioni generali, in A. Bartoli Langeli, A. Giorgi, S. Moscadelli (a cura di), Archivi e comunità tra Medioevo ed Età Moderna, Roma 2009, p. 447-520.

Senatore 2010 = F. Senatore, Parlamento e luogotenenza generale. Il Regno di Napoli nella Corona d’Aragona, in J. Ángel Sesma Muñoz (a cura di), La Corono de Aragón en el centro de su historia 1208-1458. La Monarquía aragonesa y los reinos de la Corona, Saragozza, 2010, p. 435-478. 

Senatore 2012 = F. Senatore, Cedole e cedole di tesoreria. Note documentarie e linguistiche sull’amministrazione aragonese nel Quattrocento, in Rivista Italiana di Studi Catalani, 2, 2012, p. 127-156. 

Senatore 2016 = F. Senatore, Forme testuali del potere nel Regno di Napoli. I modelli di scrittura, le suppliche (XV-XVI sec.), in Rassegna Storica Salernitana, 33-2, 66, 2016, n. s., p. 31-70. 

Senatore cds = F. Senatore, Signorie personali nel Mezzogiorno (XIV-XVI sec.), in A. Fiore, L. Provero (a cura di), La signoria rurale nell’Italia del tardo medioevo. Azione politica locale nelle campagne dell’Italia tardomedievale, Firenze, in corso di stampa. 

Somaini – Vetere 2009 = F. Somaini, B. Vetere (a cura di), Geografie e linguaggi politici alla fine del Medio Evo. I domini del principe di Taranto in età orsiniana (1399-1463), Galatina, 2009.

Vallone 1985 = G. Vallone, Iurisdictio domini. Introduzione a Matteo d’Afflitto e alla cultura giuridica meridionale tra Quattro e Cinquecento, Lecce, 1985.

Vallone 1999 = G. Vallone, Istituzioni feudali dell’Italia meridionale tra Medioevo ed Antico Regime. L’area salentina, Roma, 1999.

Vallone 2008 = G. Vallone, Terra, feudo, castello, in V. Cazzato, V. Basile (a cura di), Dal castello al palazzo baronale. Residenze nobiliari nel Salento dal XVI al XVIII secolo, Galatina, 2008, p. 12-43.

Vallone 2010 = G. Vallone, La costituzione medievale tra Schmitt e Brunner, in Quaderni fiorentini per la storia del pensiero giuridico moderno, 39, 2010, p. 387-403. 

Vallone 2013 = G. Vallone, Le terre orsiniane e la costituzione medievale delle terre, in L. Petracca, B. Vetere (a cura di), Un principato territoriale nel Regno di Napoli? Gli Orsini del Balzo principi di Taranto (1399-1463), Atti del Convegno di Studi (Lecce, 20-22 ottobre 2009), Roma, 2013, p. 247-334

Vallone 2018 = G. Vallone, Interpretare il Liber Augustalis, in Historia et ius. Rivista di storia giuridica dell’età medievale e moderna, 13, 2018, p. 1-74.

Vantaggiato – Vassallo 2019 = L. Vantaggiato, M.R. Vassallo, Produzione, qualità, circolazione dell’olio salentino al tempo degli Orsini del Balzo (1399-1463), in Itinerari di Ricerca Storica, 33-2, 2019, n.s., p. 45-76.

Vassallo 2009 = M. R. Vassallo, «Postquam civitas Licii devenit ad dominum incliti regis domini Ferdinandi». Lecce e la contea nella transizione dagli Orsini del Balzo agli Aragona, in F. Somaini, B. Vetere (a cura di), Geografie e linguaggi politici alla fine del Medio Evo. I domini del principe di Taranto in età orsiniana (1399-1463), Galatina, 2009, p. 185-197.

Visceglia 1980 = M.A. Visceglia, Rendita feudale e agricoltura in Puglia nell’Età moderna (XVI-XVIII secolo), in Società e Storia, 9, 1980, p. 537-738.


Visceglia 1981 = M.A. Visceglia, L’azienda signorile in Terra d’Otranto, in A. Massafra (a cura di), Problemi di storia delle campagne meridionali nell’età moderna e contemporanea, Bari, 1981, p. 39-60.

Visceglia 1986 = M.A. Visceglia, Comunità, signori feudali e officiales in Terra d’Otranto tra XVI e XVII secolo, in Archivio storico per le province napoletane, 106, 1986, p. 260-268.

Visceglia 1988 = M.A. Visceglia, Territorio, feudo e potere locale. Terra d’Otranto tra Medioevo ed Età Moderna, Napoli, 1988.

Haut de page

Notes

1 Carocci 2014, p. 18. Sul rinnovamento storiografico stimolato nella medievistica meridionale dal volume di Sandro Carocci, si rimanda a Petracca 2015.

2 Si segnalano, in merito, i contributi di Massaro 2016, p. 21-32; Massaro 2018, p. 1439-1464; e Senatore cds.

3 Carocci 2014, p. 531.

4 Collavini 2011, p. 303.

5 Carocci 2014, p. 265-310; e Senatore cds.

6 Sin dall’età normanna il barone, a differenza del cavaliere, esercitava poteri territoriali e di comando sugli uomini, usufruendo di un particolare tipo di concessione in feudo (feudum in baronia o quaternato), all’interno del quale, previa autorizzazione sovrana, godeva di alcuni diritti demaniali o fiscali. Cfr. Carocci 2014, p. 233; e Vallone 2018, p. 33-34. A metà Quattrocento il termine barone, nell’uso napoletano come altrove, comprendeva oramai tutte le tipologie e i gradi del potere signorile e feudale. Sull’argomento si rimanda a Senatore 2010, p. 451-452.

7 ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi feudali e informazioni, n. 95, ms., cc. 71r-92v e 99r-134r.

8 La quota da versare era pari dalla metà delle rendite percepite nell’anno precedente a quello in cui veniva formulata la richiesta di successione, dal cui importo andavano però dedotte le uscite e la somma annuale dovuta per l’adoha, il tributo corrisposto dai feudatari per l’assoldamento dell’esercito. Per una breve storia del relevio nel Regno di Napoli, si rimanda a Ciarleglio 2013, p. 21-34; e D’Arcangelo cds.

9 Oltre a quelli esaminati in questa sede, l’incartamento includeva anche gli inventari relativi ai casali di Vernole e di Vanze, redatti rispettivamente nel 1510 e nel 1513 (ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi feudali e informazioni, n. 95, ms., cc. 138r-161r e 168r-198v). Le differenti datazioni (dal 1502 al 1513) e il fatto che gli inventari risalgano ai due decenni precedenti la morte di Alfonso, avvenuta nel 1521, rivelano come fosse poco frequente l’aggiornamento di queste scritture.

10 Si rinvia, in particolare, al volume miscellaneo a cura di Gamberini – Pagnoni 2019, che ha scandagliato la dimensione politica e gli spazi economici del dominio signorile nella Lombardia viscontea-sforzesca. Per il Mezzogiorno, sempre nell’ambito del medesimo PRIN, sono attualmente in corso le ricerche coordinate da Francesco Senatore, responsabile dell’unità napoletana, impegnata nel censimento della maglia signorile in tutte le province del Regno.

11 Figliuolo 2017; Catone 2005; Catone 2013; Catone 2017; Macchione 2017; e Senatore cds.

12 Kölzer 1983, n. 39, p. 140; Poso 1988, p. 66.

13 Barone 1926, p. 127-139: 138; Cubellis 2002, p. 217-222: 219. La cedula o cedola era la pergamena, la scheda o il foglio sul quale veniva registrato l’atto contabile da parte dei funzionari regi deputati alla riscossione di tributi (ordinari o straordinari). Dalla cedola deriva il cedolarium, vale a dire il registro contenente le cedole da archiviare. Si veda, in merito, Senatore 2012, p. 127-156.

14 Infantino 1634, p. 144.

15 Foscarini 1903, p. 69.

16 Vallone 1999, p. 35.

17 Minieri Riccio 1877, p. 198.

18 ASN, Regia Camera della Sommaria, Diversi, II numerazione, Reg. 239, ms., cc. 2r-4r. Per l’edizione, si rinvia a Esposito 2014, p. 123-128: 125.

19 Coco 1915, p. 16-28.

20 Ibid., p. 23.

21 Sull’argomento si veda Vallone 1999, p. 48-49.

22 Vallone 1999, p. 38-42.

23 Simone 1874, p. 186; Foscarini 1903, p. 69.

24 Massaro 2014, p. 170-171. Per contesti estranei al Regno, si veda Chittolini 1989, p. 101-133. Ricco di suggestioni sull’argomento è anche il saggio di Castelnuovo 2006, p. 295-332.

25 Sotto il governo di Giovanni Antonio Orsini del Balzo (1420-1463) il principato di Taranto attraversò un periodo di prosperità e conobbe una notevole espansione territoriale, culminata nel 1446, anno in cui furono annesse al dominio orsiniano le contee di Lecce e di Soleto, la città di Castro e le terre di Mesagne, Carovigno, Roca, Corigliano, Gagliano e Tricase, ereditate dalla madre Maria d’Enghien. Il vasto feudo si estendeva sulla quasi totalità dell’antica provincia di Terra d’Otranto, su buona parte della Terra di Bari, e includeva possedimenti anche in Capitanata, Basilicata e Terra di Lavoro. Sull’estensione geografica dei domini orsiniani, si rimanda a Somaini – Vetere 2009, in part. le p. 24-28.

26 Carocci 2014, p. 265.

27 Il diritto di incamerare i cespiti della tassazione diretta era stato concesso all’Orsini già al tempo di Giovanna II, quando fu ordinato ad Antonio Petrarolo di Ostuni, commissario regio deputato alla riscossione in Terra d’Otranto, di attribuire per il quadriennio 1423-1427 l’intero ricavato al principe. Si vedano Pepe 1888, p. 120-125; e Morelli 2013a, p. 208-209.

28 Nel 1461/1462, ad esempio, erano suffeudatari del principe di Taranto i Maramonte (Cursi de Maremonte, Castrignano de Maremonte, Minervino de Maremonte), i Gesualdo (Cursi de Gesulado), i Securo (Corsano de Securo), i Bellante (Corsano de Bellante), i Protonobilissimo, detti Floremonte (Muro Floremontis), i Prato (Minervino de Prato), i Guarino (Castrì e San Cesario de Guarino), i De Noha (San Cesario de Noha) e i Del Balzo (Tutino de Baucio). ASN, Regia Camera della Sommaria, Diversi, I numerazione, Reg. 131/I, ms., cc. 3rv, 7r, 8v, 13rv.

29 Ibid., c. 13v. Per l’edizione del Registro, si rinvia a Morelli 2013b, p. 29-108.

30 Sull’ufficio di capitania, si veda Massaro 2014, p. 154-155.

31 I De Noha, signori dell’omonimo casale già sul finire del XIII secolo, sono censiti nel Cedulario del 1320, che menziona un Guglielmo De Noha (Minieri Riccio 1877, p. 197). Il 9 agosto 1439 Alfonso d’Aragona accorda il suo assenso alla subinfeudazione del casale di Giurdignano, che la contessa Maria d’Enghien aveva concesso a Baucio De Noha (BSNSP, XXVIII B 19, ms., p. 79-80).

32 ASN, Regia Camera della Sommaria, Diversi, II numerazione, Reg. 242, ms., cc. 381r-383v.

33 Massaro 2018, p. 1419.

34 Giovanni Antonio Orsini del Balzo muore ad Altamura la notte tra il 14 e il 15 novembre del 1463. Sulle oscure circostanze della sua morte e sulle diverse letture in merito, si rinvia a Corfiati 2009, in part. p. 45-80.

35 Angilberto del Balzo, figlio del duca d’Andria Francesco del Balzo e di Sancia Chiaromonte, nipote del principe di Taranto in quanto figlia della sorella Caterina Orsini del Balzo, a seguito del matrimonio (celebrato intorno alla metà del XV secolo) con Maria Conquesta Orsini del Balzo, figlia naturale dello stesso principe, aveva ottenuto in dote dalla moglie le contee di Ugento e di Castro. Sulla signoria di Angilberto, si veda Petracca 2013.

36 Si conservano tre inventari riguardanti omnia iura et redditus riscossi negli anni 1483-1485 da Luigi Lubello nel casale di Maglie (ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi, Reg. 195, ms., cc. 1r-12v, 20r-32v e 293r-305r). Per l’edizione dell’inventario del 1483, cfr. Massaro 2000, p. 45-64.

37 ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi feudali e informazioni, n. 95, ms., cc. 71r-92v e 99r-134r.

38 Volpicella 1926, p. 305-329. Col termine Universitas si indica comunemente un ente collettivo capace di autogovernarsi entro certi limiti imposti da un’autorità superiore. La costituzione in Universitas della cittadinanza attiva, attestata nel Mezzogiorno sia presso i centri urbani maggiori sia presso le piccole realtà rurali, demaniali o infeudate, attribuiva alla collettività dei cives la capacità di svolgere funzioni amministrative, giurisdizionali e fiscali. Cfr. Senatore 2009, p. 447-448.


39 Del passaggio dalla giurisdizione baronale a quella regia è fatta menzione in ASN, Regia Camera della Sommaria, Diversi, II Numerazione, Reg. 253, ms., c. 55v. Sul particolare momento, si rinvia ad Airò 2009; e Vassallo 2009, p. 185-197.

40 Vallone 2008, p. 39; Petracca 2019, p. 113-139.

41 Sul concetto di microsignoria o “microfeudo”, si veda Galasso 1992, p. 34.

42 Petracca 2019, p. 132-133. È possibile riscontrare situazioni analoghe anche in altre province del Regno. Cfr. Catone 2005, p. 77 e 87; Speranza 2014, p. 193 e 309; Catone 2017, p. 335-366; e Macchione 2017.

43 Il giramento di fedeltà al sovrano è pronunciato il 21 dicembre del 1463 (Volpicella 1926, p. 318-319). Per i feudi inclusi nella baronia di Giovanni Dell’Acaya, e che furono ereditati da Alfonso, unitamente ad alcune masserie, cfr. BSNSP, XXXVIII B 19, ms., p. 161-162. Si ha inoltre notizia del fatto che, nel 1478, Giovanni Dell’Acaya, chiamato a corrispondere l’adoha «per soy feudi», abbia inoltrato al sovrano la richiesta di escludere dalla tassazione la terra di Sternatia «et altri feudi, li quali de presente dice non possidere, et non è iusto che, per quelli che in tempo del presente adoho non possede, haia pagare» (ASN, Regia Camera della Sommaria, Partium, n. 39, ms., cc. 61v-63r).

44 Sul particolare momento, si rinvia al saggio di Scarton 2011, p. 213-290.

45 ASN, Regia Camera della Sommaria, Diversi, II numerazione, Reg. 257 I, ms., cc. 2r-8r. Tra le signorie ecclesiastiche maggiori, in grado di corrispondere una cifra superiore alle 150 once, si attestano quelle facenti capo alla Mensa arcivescovile della città di Taranto (con 171 once) e all’ospedale di Santa Caterina di Galatina (con 153 once).

46 La contea di Alessano includeva all’epoca la città di Alessano, le terre di Specchia e Montesardo, i casali di San Dana, Valiano (Baliano), Maturiano, parte dei casali di Sogliano, Castrignano, Patù, Giuliano, Barbarano, Triarano, Tutino, Caprarica del Capo, Neviano, Melissano, Montesano, Ruffano, Morciano, Salve, Presicce, Cutrofiano, Arigliano e Ruggiano. Raimondo del Balzo aveva ereditato dal padre anche il feudo disabitato di San Chirico, in Capitanata.

47 La signoria dei Maramonte includeva anche i casali abitati di Santa Maria di Novoli (Novoli), Castrignano dei Greci, Cursi, Minervino e Casamassella, i feudi di Murtule e Malvicino (presso Minervino), e i casali disabitati di Bagnara (presso Squinzano), Agliolo e Fermigliano (presso Campi). Nel 1520, morto senza eredi Giovanni Maramonte, il casale di Novoli è incamerato dalla corona (ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi, Reg. 160, ms., cc. 82r-95v).

48 ASN, Regia Camera della Sommaria, Diversi, I numerazione, Reg. 175, ms., cc. 14r-17v.

49 Anche in questo caso le signorie ecclesiastiche più dotate si confermano il monastero di Santa Caterina di Galatina (con 306 once) e la Mensa arcivescovile di Taranto (con 208 once).

50 Queste si concentrano nell’alta Terra d’Otranto, dove insisteva una rete insediativa a maglie larghe con agglomerati urbani di media grandezza. Si tratta della contea di Matera, infeudata dal 1497 a Giovancarlo Tramontano, e della signoria di Joan Escrivà, oratore in Spagna di Federico d’Aragona, investito, nello stesso anno, della città di Ostuni e delle terre di Grottaglie, nel tarantino, e di Torre a Mare, nel barese. Sul Tramontano, maestro della Zecca e organizzatore di varie campagne militari in difesa della Corona, si rinvia a Faraglia 1880, p. 96-118. Per le infeudazioni di Ostuni e Grottaglie, cfr. Parisi 2014, Appendice I, doc. n. III, p. 99-103, e doc. n. IV, p. 103-106.

51 Si tratta ancora del conte di Alessano Giovanni Francesco del Balzo (succeduto al padre Raimondo nel 1491), e del barone di Campi Bellisario Maramonte, ai quali si aggiungono Bernardo Granai Castriota (dal 1496 conte di Copertino), Bellisario Acquaviva (duca di Nardò dal 1497), gli eredi di Gabriele Guarino (barone di Poggiardo) e Antonio Grisono (signore di Ginosa dal 1497).

52 Visceglia 1988, p. 184-185.

53 Vallone 2008, p. 25-26.

54 Liber focorum regni Neapolis del 1443/’47, edito in Da Molin 1979, p. 76-78; e in Cozzetto 1986; ASN, Regia Camera della Sommaria, Diversi, I numerazione, Reg. 131/I, c. 13v; Morelli 2013b, p. 74-75.

55 Presso entrambi di casali, tra i possessori di beni feudali dati in concessione dalla curia baronale dei Dell’Acaya, compaiono anche le locali istituzioni religiose: la chiesa di Santa Maria di Segine e la chiesa di Strudà, intitolata a Santa Maria e a Sant’Antonio (ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi n. 95, cc. 89r e 130r).

56 I dati del 1508 sono in Visceglia 1988, p. 78.

57 ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi feudali e informazioni, ms., n. 95, cc. 76r-89r. Dati interessanti emergono anche in relazione alla composizione dei nuclei familiari, sebbene dal computo vadano esclusi i minori al di sotto dei tre anni. Su 43 famiglie censite, 7 sono composte da un solo componente, 8 da una coppia, 9 da tre componenti, 8 da quattro, 5 da cinque, 4 da sei componenti e soltanto 2 famiglie raggiungono i sette membri.

58 Visceglia 1988, p. 80.

59 ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi feudali e informazioni, ms., n. 95, cc. 102r-134r.

60 Carocci 2014, p. 380; Visceglia 1981, p. 50-52.

61 ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi feudali e informazioni, ms., n. 95, c. 74v.

62 Massaro 2000, p. 29-41; Massaro 2018, p. 1411-1423.

63 ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi feudali e informazioni, ms., n. 95, cc. 72r e 99v. A Vernole, a differenza di quanto accadeva presso gli altri casali, per il donativo in natura gli abitanti dovevano al signore tre galline l’anno (Ibid., c. 140r).

64 Nel primo Cinquecento oltre al peso del prelievo, anche altri indicatori concorreranno a confermare un incremento della pressione signorile. A Vanze, ad esempio, secondo l’inventario del 1513, il Dell’Acaya, in aggiunta a quanto imposto agli abitanti degli altri casali, esigeva anche una tassa sulle nuove costruzioni e sulla realizzazione delle cisterne per il deposito delle provviste. Vietava inoltre l’alienazione di beni concessi in feudo «sine expressa licentia ipsius curie» e incamerava quelli dei trasgressori e di chiunque avesse abbandonato il casale (ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi feudali e informazioni, ms., n. 95, cc. 170v-171r). Per una prospettiva più ampia del fenomeno, si rimanda a Musi 2015, p. 

65 Massaro 2000, p. 29-41; Visceglia 1981, p. 44-46.

66 I centri della contea di Soleto (Galatina, Soleto, Cutrofiano, Sogliano e Zollino), ad esempio, erano riusciti a strappare al principe il privilegio di escludere l’olio dai prodotti soggetti al prelievo decimale. Nel 1447 la comunità di Galatina aveva ottenuto il rinnovo del privilegio di franchigia, accordato dagli antenati di Giovanni Antonio Orsini del Balzo, solo dopo un lungo contenzioso col principe e dietro il versamento di ben mille ducati. Sull’argomento, si vedano Paone 1973, p. 97-98; Massaro 2004, p. 64-65; e Massaro 2013, p. 368. Sulla produzione olearia al tempo della signoria orsiniana, si rimanda invece a Vantaggiato – Vassallo 2019, p. 45-76.

67 Massaro 2013, p. 359- 361; e Massaro 2014, p. 151.

68 Tra le comunità gravate, ad esempio, dal prelievo decimale sulle olive e sull’olio, rientravano i casali di Carmiano (13 fuochi), Magliano (10 fuochi), Martignano (36 fuochi), Borgagne e Pasolo (tassati insieme per 34 fuochi) e le terre a forte produzione oleicola, come Sternatia (148 fuochi) e Mesagne (277 fuochi). In ciascun centro, tuttavia, in relazione alla capacità di contrattazione nei confronti del principe, la tassazione assumeva forme differenti: a Sternatia la decima era riscossa sia sulle olive che sull’olio; a Carmiano solo sulle olive; a Magliano e a Martignano era richiesta una quota in proporzioni variabili; mentre a Borgagne la decima colpiva solo l’olio. Sulle decime nell’antica provincia di Terra d’Otranto, si veda ancora Massaro 2018, p. 1427-1430. Utili spunti sull’argomento anche in Visceglia 1981, p. 41-71; e Visceglia 1980, p. 537-738.


69 L’intervento grazioso del principe nei confronti delle comunità, oltre ad alleggerire la quota del prelievo decimale, accordò in alcuni casi l’esenzione dai terraggi, dal diritto di tratta per l’esportazione delle derrate o dallo ius exiture che colpiva l’esportazione dell’olio, riconobbe franchigie di fiera e consentì il libero uso dell’incolto o altre facilitazioni.

70 Massaro 2018, p. 1428.

71 Papuli 1971, p. 430-471. Sulla supplica, strumento di comunicazione e di contrattazione nelle relazioni tra corona e sudditi, si rinvia a Senatore 2016, p. 53-65.

72 Sul concetto di “pervasività” del potere signorile, si rimanda a Carocci 2014, p. 61-62 e 458.

73 ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi feudali e informazioni, n. 95, ms., cc. 76r-89r.

74 Ibid., cc. 89v-92v.

75 Ibid., cc. 102r-134r.

76 Ibid., cc. 72r e 100r.

77 Ibid., cc. 73rv e100v.

78 Ibid., cc. 73r e 100v.

79 Sappiamo in realtà che nel 1452 Giovanni Dell’Acaya aveva concesso le paludi di Segine e di Vanze all’Università di Lecce al fine di introdurre liberamente in città duecento barili di vino e alcuni quantitativi di pane (Palumbo 1997, doc. n. 23, p. 67-71).

80 ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi feudali e informazioni, n. 95, ms., c. 73v.

81 Ibid., c. 72v.

82 Ibid., c. 100r.

83 La restante parte della masseria de Scatamusca era stata ereditata da domina Maria Dell’Acaya. Tanto la masseria quanto i terreni di pertinenza, circondati da muri a secco (clausoria clausa), dovevano un censo (non sappiamo se in denaro o in natura) alla chiesa di San Giovanni Evangelista di Lecce (ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi e Informazioni, n. 95, c. 74v).

84 La masseria de Sancto Petro, situata nel territorio di Segine, comprendeva diversi terreni recintati e aperti, sia coltivati sia macchiosi, abitazioni, un pozzo e alcune corti. Confinava con la masseria di Giacomo Dell’Acaya e con quella del signore di Lucugnano.

85 ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi feudali e informazioni, n. 95, ms., c. 75r.

86 Ibid., c. 101v.

87 Nel corso del XV secolo si registra un potenziamento delle facoltà giurisdizionali della feudalità. Se in età federiciana essa beneficiò solo in via eccezionale della concessione del potere giudicante (sempre limitatamente al civile), dopo la guerra del Vespro, nel 1282, in ragione della stessa investitura, ad ogni feudale fu riconosciuta la giurisdizione civile nel suo feudo. L’attribuzione del doppio imperio, invece, non rara già nel corso della prima età angioina, si fece sempre più frequente a partire dalla seconda metà del XIV secolo. In seguito, col Parlamento di San Lorenzo nel 1443, Alfonso accordò la concessione del mero e misto imperio a «tutti li baroni», sebbene con tale definizione ci si riferisse solo ai più potenti. Si vedano, sull’argomento, Scarton – Senatore 2018, p. 122. Fondamentale è il rinvio agli studi di Vallone 1985, p. 13-17 e 129-133; Vallone 2010, p. 387-403; Vallone 2013, p. 247-334; Cernigliaro 1983, p. 249-250; e Cirillo 2011, p. 25.

88 BSNSP, XXXVIII B 19, ms., p. 161.

89 ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi feudali e informazioni, ms., n. 95, c. 71r: «qui pro suo labore habere debet servitutem medietatis pheudi consistentem tam in pecunia quam in frumento et ordeo et aliis leguminibus». Il fenomeno della remissione di parte degli oneri signorili a chi svolgeva funzioni di ufficiale minore all’interno di un feudo è ampiamente attestato fin dai secoli XII e XIII anche in altre aree della Penisola, come, ad esempio, in Toscana. Cfr. Collavini 2012, p. 479-493: 484-485.

90 ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi feudali e informazioni, ms., n. 95, c. 99r.

91 Ibid., cc. 73v e 101r.

92 Ibid., cc. 71r e 99v.

93 Ibid., cc. 71v e 99r.

94 Ibid., cc. 71v e 99v.

95 Ibid., cc. 72v e 100rv.

96 Tra Tre-Quattrocento diversi sono gli statuti e i capitoli che contemplano dei provvedimenti in difesa dei raccolti. Un esempio interessate è offerto da I capitoli della bagliva di Galatina, editi in Massaro 2014, p. 129-145: 136-137. Sull’argomento si vedano anche Visceglia 1988, p. 129-130; e Petracca 2017, p. 156-157. 

97 ASN, Regia Camera della Sommaria, Relevi feudali e informazioni, ms., n. 95, cc. 72v e 101r.

98 Per esempi analoghi in altre province del Regno, si rinvia a Brancaccio 2011, p. 85-102.

99 Massaro 2018, p. 1439-1464. Questa tendenza era stata già evidenziata negli anni Settanta e Ottanta del secolo scorso dai modernisti. Cfr. Visceglia 1981, p. 39-60; Visceglia 1980, p. 527-560; e Visceglia 1986, p. 260-268.

100 Sull’economia prevalentemente di sussistenza tipica dei centri rurali del Regno di Napoli nel XVI secolo, e che solo in parte coincideva con un regime di autoconsumo, cfr. Galasso 2010, p. 293-294.

101 Carocci 2014, p. 520-521.

Haut de page

Table des illustrations

Titre Fig. 1 – Acaya – Baronia di Segine.
URL http://journals.openedition.org/mefrm/docannexe/image/8681/img-1.jpg
Fichier image/jpeg, 1,2M
Haut de page

Pour citer cet article

Référence papier

Luciana Petracca, « Signori rurali e piccole comunità nel Quattrocento meridionale », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge, 133-1 | 2021, 219-236.

Référence électronique

Luciana Petracca, « Signori rurali e piccole comunità nel Quattrocento meridionale », Mélanges de l’École française de Rome - Moyen Âge [En ligne], 133-1 | 2021, mis en ligne le 01 juin 2021, consulté le 03 décembre 2021. URL : http://journals.openedition.org/mefrm/8681 ; DOI : https://doi.org/10.4000/mefrm.8681

Haut de page

Auteur

Luciana Petracca

Università del Salento – luciana.petracca@unisalento.it

Articles du même auteur

Haut de page

Droits d’auteur

© École française de Rome

Haut de page
  • Logo École française de Rome
  • OpenEdition Journals
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search