Skip to navigation – Site map

HomeNuméros26Comptes rendusDario Brancato, Il Boezio di Bene...

Comptes rendus

Dario Brancato, Il Boezio di Benedetto Varchi. Edizione critica del volgarizamento della « Consolatio Philosophiae » (1551), Florence, Leo S. Olschki, 2018 (Biblioteca di « Lettere Italiane ». Studi e testi, 77), 491 pages, ISBN 978-88-222-6557-9, 49 €.

Margherita Belli

Index terms

Geographical index:

Italie, Europe

Chronological index:

Renaissance
Top of page

Full text

1Dal 1980 in poi, il progresso degli studi boeziani è stato scandito dalla pubblicazione di raccolte di contributi che hanno posto le linee di tendenza che sarebbero state sviluppate nei decenni successivi, quali Boethius. His Life, Thought and Influence (a c. di M.T. Gibson, Oxford, Blackwell, 1981), Boethius in the Middle Ages. Latin and Vernacular Traditions of the Consolatio Philosophiae (a c. di M. J. F. M. Hoenen e L. Nauta, Leiden-New York NY-Köln, Brill, 1997), Boèce ou la chaîne des savoirs (a c. di A. Galonnier, Louvain-la-Neuve/Paris, Institut Supérieur de Philosophie/Peeters, 2003), New Directions in Boethian Studies (a c. di N. H. Kaylor Jr. e P. E. Phillips, Kalamazoo MI, Western Michigan University, 2007), The Cambridge Companion to Boethius (a c. di J. Marenbon, Cambridge, Cambridge University Press, 2009), Boethius Christianus? Transformationen der Consolatio Philosophiae in Mittelalter und Früher Neuzeit (a c. di R. F. Glei, N. Kaminski e F. Lebsanft, Berlin-New York NY, de Gruyter, 2010), A Companion to Boethius in the Middle Ages (a c. di N. H. Kalyor Jr. e P. E. Phillips, Leiden-Boston MA, Brill, 2012). Tra queste linee di tendenza è compresa la fortuna della Philosophiae consolatio nel Rinascimento; una tendenza che è stata pioneristicamente posta da A. Grafton con l’articolo Boethius in the Renaissance (in Boethius. His Life, Thought and Influence, p. 410418) e che, successivamente, altri studiosi hanno portato avanti secondo tre direzioni diverse, le quali non di rado si incrociano tra di loro: le edizioni latine e le traduzioni della Consolatio nelle diverse lingue nazionali, i commenti latini e volgari alla Consolatio e la Consolatio intesa come mezzo di espressione di temi fondamentali della cultura rinascimentale. Alle traduzioni inglesi e spagnole sono stati dedicati soltanto i contributi di B. Donaghey  The Post-Medieval English Translations of the De Consolatione Philosophiae of Boethius, 1500-1800 », in The Medieval Translator. Preceedings of the International conference of Conques (2629 July 1993), a c. di R. Ellis e R. Tixier, Turnhout, Brepols, 1996, p. 302321) e di P. A. Cavallero (« Grecia y el griego en las glosas a la traducción castellana medieval de la Consolatio de Boecio: Sobre el humanismo en la Castilla del XV », Studia Hispanica Medievalia, 3, 1995, p. 2150). Di contro, le edizioni latine e le traduzioni fiamminghe, insieme ai relativi commenti, sono state oggetto degli innovativi articoli di M. Goris (« Het metrum in de gedichten van de Getse Boethius vertaling uit 1485. Een evaluatie van een methode », Tijdschrift voor Nederlandse Taal- en Letterkunde, 110, 1994, p. 115128), di L. Nauta (« A Humanist Reading of Boethius’s Consolatio Philosophiae: The Commentary by Murmellius and Agricola (1514) », in Between Demonstration and Imagination. Essays in the History of Science and Philosophy Presented to John D. North, a c. di L. Nauta e A. Vanderjagt, Leiden-Boston MA, Brill, 1999, p. 313318) e di Goris e Nauta (« The Study of Boethius’s Consolatio in the Low Countries around 1500: The Ghent Boethius (1485) and the Commentary by Agricola/Murmellius (1514) », in Northern Humanism in European Context, 1469-1625. From the “Adwert Academy” to Ubbo Emmius, a c. di F. Akkerman, A. J. Vanderjagt e A. van der Laan, Leiden, Brill, 1999, p. 109129), dai quali emerge quanto il neoplatonismo boeziano, riscoperto sotto la spinta di quello di Marsilio Ficino, abbia potuto confliggere con il cristianesimo. Questo accadde perché le edizioni latine commentate furono soprattutto testi destinati all’apprendimento della lingua latina da parte degli studenti che frequentavano le scuole pre-universitarie, secondo una teoria che, sia pur rispetto a studenti di età leggermente inferiore, è stata confermata e più largamente articolata dal saggio di R. Black e G. Pomaro, La « Consolazione della filosofia » nel Medioevo e nel Rinascimento italiano. Libri di scuola e glosse nei manoscritti fiorentini (Firenze, SISMEL, 2000). E se alle traduzioni tedesche della Consolatio sono stati rivolti gli studi di M. Reinhart  De Consolatione philosophie in Seventh-Century Germany: Translation and Reception », Daphnis, 21, 1992, p. 6594) e di C. Henle (« Boethius’s Influence on German Literature to c. 1500 », in A Companion to Boethius in the Middle Ages, p. 255318), le traduzioni italiane della Consolatio e i commenti in lingua italiana alla Consolatio richiedono un discorso più ampio.

2I volgarizzamenti tardo-medievali italiani della Consolatio non affondano le loro radici nell’alto medioevo, come il volgarizzamento alto-inglese del cosiddetto Re Alfredo (849-899) o quello alto-tedesco del benedettino Notkero Labeone (950 ca. -1022). Tantomeno, essi sono riferibili a figure che hanno svolto un ruolo fondamentale nella letteratura francese e inglese, come Jean de Meung (1250-1305) e Geoffrey Chaucer (1343-1400). Sui volgarizzamenti tardo-medievali italiani della Consolatio sono stati condotti importanti studi filologici prima da Anna Maria Babbi, poi da Silvia Albesano e da Serena Lunardi. Questi volgarizzamenti si segnalano per le tecniche di traduzione impiegate, ma non sembra che essi abbiano portato qualcosa di nuovo nella teoria della lingua italiana oppure nella maniera di interpretare il testo boeziano, al di là di spunti presenti nei commenti latini medievali del benedettino Remigio di Auxerre (inizi X secolo), dello chartriano Guglielmo di Conches e del domenicano Nicholas Trivet (intorno al 1300), fedele seguace di Tommaso d’Aquino. I commenti rinascimentali italiani alla Consolatio, invece, hanno inciso in tutt’altro modo sulla interpretazione del neoplatonismo di Boezio, ancora una volta sotto la spinta del complesso neoplatonismo ficiniano. Dopo i noti studi di L. Panizza (« Italian Humanists and Boethius: Was Philosophy for or against Poetry? », in New Perspectives on Renaissance Thought. Essays in the History of Science and Philosophy in Memory of Charles B. Schmitt, a c. di J. Henry e S. Hutton, London, Duckworth / Istituto Italiano per gli Studi Filosofici, 1990, p. 4867) e di H. Óbis (« Le fonti principali del De libero arbitrio di Lorenzo Valla », Acta classica Universitatis Scientiarum Debreceniensi, 3435, 1998-1999, p. 91101), D. Brancato (« Readers and Interpreters of the Consolatio in Italy, 1300-1550 », in A Companion to Boethius in the Middle Ages, p. 357411) ha portato avanti questo filone degli studi boeziani, attraverso un’indagine sistematica sulla fortuna della Consolatio nel Rinascimento italiano. Brancato ha affiancato una serie di articoli sulle tecniche di traduzione della Consolatio impiegate da Anselmo Tanso (1520), da Ludovico Domenici (1550), da Cosimo Bartoli (1551 [1552]) e da Benedetto Varchi (1551) ad un articolo, scritto in collaborazione con M. Vanhaelen (« Francesco Cattani da Diacceto and Boethius: a Neoplatonic reading of the Consolatio in 16thcentury Florence », Accademia, 15, 2017, p. 142), sulla novità dell’interpretazione del neoplatonismo boeziano da parte di Francesco Cattani da Diacceto, « allievo prediletto di Ficino ».

3Il contesto storiografico che è stato appena tratteggiato a grandi linee, costituisce il background in cui si inscrive il volume Il Boezio di Benedetto Varchi di Brancato, edito nel 2018 dall’editore fiorentino Olschki. Questo volume segna sia un’altra tappa nello studio delle traduzioni rinascimentali della Consolatio, sia un traguardo nello studio della ricezione del capolavoro di Boezio nel Rinascimento italiano. Rivolgendosi alla tradizione latina, a quella volgare e alla Consolatio intesa come mezzo di espressione di temi fondamentali della cultura rinascimentale, la poliedricità de Il Boezio di Benedetto Varchi non è esaurita dalla sua divisione in due parti: Parte prima. Il Boezio di Varchi. Traduzione e invenzione linguistica nella Firenze di Cosimo I e Parte seconda. Della consolazione della filosofia (edizione critica). Dietro l’influenza dell’Accademia degli infiammati e di Sperone Speroni, infatti, Varchi concepì il volgare italiano come « una lingua veicolare del sapere ». Grazie a traduzioni, parafrasi e commenti, il volgare italiano poteva diventare potenzialmente più ricco della lingua latina, così da operare un rinnovamento della filosofia e delle scienze della natura tale da « estirpare l’ignoranza e perciò il vivere corrotto ». Si tratta di una rinnovata translatio studiorum che induce Brancato a considerare parallelamente la tradizione volgare e la tradizione latina, rispetto alla quale vengono da lui elencate le 135 edizioni della Consolatio che hanno seguito l’editio princeps del 1473 fino al 1550 (p. 148153). Quest’elenco, i cui records sono stati individuati attraverso l’incrocio di banche dati cartacee e on-line, è funzionale all’identificazione delle edizioni latine impiegate da Varchi per la realizzazione della sua traduzione della Consolatio, che con grande probabilità sono Boetius de consolatione (Venetiis, per Ioannem de Forlivio et Gregorium fratres, 1491) per il primo libro e Boetius de consolatione cum tabula (Venetiis, mandato et expensis... Luce Antonii de Giunta, 1523) per gli altri quattro libri. Rispetto alla tradizione volgare, invece, Brancato inserisce la traduzione di Varchi da una parte in continuità con il corpus del Boezio volgare, costituito dalle traduzioni della Consolatio di Alberto della Piagentina e di Tanzi, dall’altra in connessione con le traduzioni della Consolatio di Bartoli e di Domenici. Tanto queste ultime, quanto quella di Varchi vennero composte per soddisfare una identica finalità: produrre una versione della Consolatio capace di soddisfare una richiesta dell’imperatore Carlo V d’Asburgo. Stante il richiedente, il committente non poteva essere che il duca Cosimo I de’ Medici. Le testimonianze di Bernardo de’ Medici e di Baccio Valori attestano che, delle tre traduzioni, la traduzione di Varchi fu quella approvata da Cosimo e più gradita a Carlo, in una gara che è tutt’altro che una curiosità erudita, sia pur ricostruita da Brancato attraverso epistolari inediti (p. 1524). Perché tale gara è soprattutto la concretizzazione di due opposte teorie su quale dovesse essere la natura della lingua italiana, ovvero, il bembismo eterodosso di Varchi e il classicismo di Bartoli e dei cosiddetti Aramei. Il bembismo di Varchi, aperto all’influenza di Dante, della prosa latina di Petrarca e della lingua parlata (p. 6774), si esprime anche nella maniera in cui Varchi risolve il problema della resa in lingua italiana dei metri della Consolatio. Dopo aver scartato tanto la terza rima di Alberto, quanto gli schemi rimati adottati da Tanzi, Varchi decise di impiegare tutti (o quasi) i metri classificati da Bembo, proprio come lo stesso suo bembismo lo determinò ad adottare altre precise tecniche di traduzione: il riuso di materiali della tradizione letteraria e soprattutto di hapax legomenoi e di sintagmi provenienti da Dante, Petrarca e Bembo; l’impiego delle rime identiche e di altri procedimenti della poesia didascalica; la traduzione glossata di termini tecnici della medicina e della filosofia; l’attualizzazione di termini giuridici e di toponimi appartenenti alla storia antica; la compresenza di due diversi termini volgari per tradurre uno stesso termine latino; l’assimilazione di caratteristiche sintattiche appartenenti alla lingua parlata; e, infine, l’indebolimento della concinnitas latina. Ne risultò una lingua capace di bilanciare latino e volgare, nuovo e vecchio, colto e popolare e per la quale l’aspetto linguistico della traduzione di Varchi eclissò quello della ricezione del neoplatonismo boeziano. Né sarebbe potuto accadere il contrario, dal momento che la filosofia e la scienza propugnate da Varchi e che egli intendeva « fare volgari » non erano platoniche, bensì aristoteliche. Coerentemente con la sua teoria sulla natura della lingua italiana, infatti, Varchi rifiutò l’aristotelismo scolastico cristianizzato, per rivolgersi a quello pagano peripatetico di Alessandro di Afrodisia e di Temistio, diffuso dalla Scuola padovana e capace di aggirare la tradizione scolastica, per accedere direttamente a quella greca.

4L’edizione critica della traduzione della Consolatio di Varchi è stata realizzata da Brancato sulla base dell’esemplare dell’editio princeps del 1551 conservato presso la Thomas Fisher Rare Book Library di Toronto, emendato mediante il ms. II.VIII.134, custodito dalla Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze. La precisa enunciazione di dieci criteri di edizione del testo varchiano è fondata su una dettagliata e complessa analisi dei manoscritti e dell’editio princeps, nonché del metodo di lavoro di Ser Benedetto, con particolare attenzione al delicato passaggio dal manoscritto all’editio princeps. Anche questa parte filologica viene trattata da Brancato rispetto alla duplice tradizione volgare e latina, dal momento che il testo della traduzione di Varchi viene da lui definito come « la risultante della sovrapposizione di più testi » (p. 130): il Commentum dello Pseudo-Tommaso e le traduzioni della Consolatio di Alberto e di Tanzi. N. F. Palmer (« The German Boethius Translation Printed in 1473 in Its Historical Context », in Boethius in the Middle Ages. Latin and Vernacular Traditions of the Consolatio Philosophiae, p. 287‑302) data il Commentum pseudo-tommasiano alla prima metà del XV secolo. L’autore del più completo studio sul Commentum, invece, A. Galonnier (« Le Commentum in Boethii De consolatione Philosophiae du Pseudo-Thomas d’Aquin : contenu, sources et influence », 2017, URL : < https://hal.archives-ouvertes.fr/​hal-01494811> [consultato il 9/8/2019]), lo data al primo quarto del XIV secolo, probabilmente il 1317, preponendolo a quello di Trevet. Brancato accoglie la datazione di Palmer, che gli consente di considerare l’Exposicio di Trevet come una fonte del Commentum dello Pseudo-Tommaso. E siccome sembra che il Commentum sia stato anche una fonte di Tanzi, Brancato dedica la Tavola XII alla Presenza del Commentum dello Pseudo-Aquinate nel Boezio e la tavola XIII alla Presenza di Alberto, Tanzi e del Commentum nel Boezio per isolare tutti quei casi in cui è difficile stabilire con esattezza quale dei tre autori sia la fonte della traduzione della Consolatio di Varchi. I rapporti di quest’opera con la tradizione volgare precedente di Alberto e di Tanzi sono analizzati da Brancato attraverso le tavole X e XI, dedicate – rispettivamente – alla Presenza di Alberto della Piagentina nel Boezio e alla Presenza di Anselmo Tanzi nel Boezio. Dalla duplice prospettiva della tradizione latina e della tradizione volgare è possibile considerare anche quella che è la novità introdotta negli studi boeziani dal Il Boezio di Benedetto Varchi. Pur limitatamente alle conoscenze di chi scrive, sembra si possa affermare che fino ad oggi i volgarizzamenti italiani della Consolatio erano stati studiati o dal punto di vista filologico o da quello filosofico. Ne erano stati ricostruiti gli stemmi dei testimoni e vagliate le fonti filosofiche, senza che ci fosse alcuna attenzione per l’aspetto linguistico. Brancato riserva, invece, una lunga sezione del suo volume alla lingua di Varchi, che egli esamina sotto l’aspetto della Grafia, della Fonetica, della Morfologia, della Sintassi, della Deissi, dei Segnali discorsivi e della Formazione delle parole. Se questo nuovo approccio disciplinare alle traduzioni italiane della Consolatio interessa primariamente la linguistica, secondariamente esso investe anche altri approcci: compreso quello filosofico, mettendo in correlazione la maniera in cui certi concetti filosofici latini vengono resi in volgare. Nella Formazione delle parole, l’analisi della suffissazione e della prefissazione è fondamentale per cogliere come Varchi cerchi di bilanciare i latinismi, traducendo uno stesso termine latino con più termini volgari, moltiplicati attraverso prefissi e suffissi. La medesima tendenza all’equilibrio tra latino e volgare opera anche all’interno del prezioso Glossario al quale Brancato attribuisce la triplice funzione di « evidenziare il rapporto tra latino e volgare nel processo di traduzione », di « rendere conto dei neologismi lessicali e semantici coniati da Varchi » e di segnalare il contributo fornito da Varchi « alla letteratura minore ». Siccome nel Glossario ciascun termine italiano viene ricondotto al termine latino corrispondente, il duplice riferimento alla tradizione volgare e alla tradizione latina gli appartiene strutturalmente, mentre si presenta molto interessante l’esame dei neologismi coniati da Varchi. Nel Glossario essi sono segnalati da un punto che precede l’entrata di un termine. In perfetta corrispondenza con la sua concezione del volgare, Varchi coniò almeno 66 neologismi, 8 dei quali hanno una valenza filosofica, quali concatenazione, immutabilità, immutare, inefficace, involvere, padrone di sé, preconoscenza e traviamento.

  • 1 Memini publie ce compte rendu à titre posthume, car son auteure nous a hélas ! quitté il y a un peu (...)

5Il Boezio di Benedetto Varchi di Brancato da una parte è l’effetto delle tendenze in atto negli studi sulla fortuna della Consolatio nel Rinascimento, dall’altra introduce un nuovo e promettente approccio disciplinare allo studio dei volgarizzamenti italiani. Tenendo conto delle consolidate tendenze nello studio della fortuna della Consolatio in generale, il volume di Brancato avrebbe corrisposto anche a queste se l’autore avesse dedicato un paragrafo alla descrizione del bel frontespizio dell’editio princeps della traduzione della Consolatio di Varchi. Non è escluso, tuttavia, che egli lo faccia in un prossimo articolo, dal momento che ne Il Boezio di Benedetto Varchi il frontespizio in questione viene identificato come « identico a quello adoperato per le Vite di Vasari » e giudicato « carico di simbologie medicee ». Lo stemma ducale, la tartaruga sormontata da una vela gonfiata dal vento e il diamante tagliato a piramide, che è incastonato in un anello artigliato da un falco, attendono una spiegazione unitaria. Una spiegazione che li sappia ricondurre ai membri della famiglia medicea di cui essi sono emblemi e all’accreditamento di Lorenzo Torrentino come stampatore ducale, nonché alla grandiosa visione che il duca Cosimo I ebbe di Firenze e che, nelle di lui intenzioni, la traduzione della Consolatio di Varchi doveva contribuire a costituire1.

Top of page

Notes

1 Memini publie ce compte rendu à titre posthume, car son auteure nous a hélas ! quitté il y a un peu plus d’un an, le 10 septembre 2019, des suites d’une soudaine maladie. Le comité de rédaction remercie Madame Giacinta Spinosa, collègue et amie de Margherita Belli, d’avoir exhumé le compte rendu de l’ordinateur de son ancienne élève et de l’avoir soumis à la rédaction de Memini, qui est heureuse de le publier en mémoire de cette infatigable chercheuse, décédée prématurément.

Top of page

References

Electronic reference

Margherita Belli, “Dario Brancato, Il Boezio di Benedetto Varchi. Edizione critica del volgarizamento della « Consolatio Philosophiae » (1551), Florence, Leo S. Olschki, 2018 (Biblioteca di « Lettere Italiane ». Studi e testi, 77), 491 pages, ISBN 978-88-222-6557-9, 49 €.”Memini [Online], 26 | 2020, Online since 24 December 2020, connection on 19 May 2022. URL: http://journals.openedition.org/memini/1586; DOI: https://doi.org/10.4000/memini.1586

Top of page

About the author

Margherita Belli

Università degli Studi di Cassino et del Lazio Meridionale

Top of page

Copyright

Tous droits réservés

Top of page
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search