Navigation – Plan du site

AccueilNuméros28Comptes rendusGeneviève Dumas, « Ymage de vie »...

Comptes rendus

Geneviève Dumas, « Ymage de vie ». Spéculation et expérimentation dans un traité d’alchimie médiévale, Montpellier, Presses universitaires de la Méditerranée, 2019 (Histoire et sociétés), 293 pages, ISBN 978-2-36781-323-3, 21 €.

Chiara Crisciani

Entrées d’index

Géographique :

Europe

Index chronologique :

Moyen Âge
Haut de page

Texte intégral

1Geneviève Dumas padroneggia i problemi sollevati dalla storiografia più recente circa i rapporti, nel tardo medioevo, tra teoria e pratica, tra esperienza e tradizione in ambiti scientifici quali astrologia, medicina, chirurgia, alchimia, discipline dove l’aspetto esperienziale (osservativo e operativo) deve coordinarsi con teorie di carattere più generale ; teorie che, a loro volta, emergono in parte dalla concreta pratica e dalle singole operazioni, ma, spesso, elaborano il portato di una tradizione la cui ricchezza non può essere trascurata. Gli intrecci tra operazione manuale e teoria, tra strumenti tecnici e spiegazione dottrinale, tra tradizione e innovazione, tra pratica e intento didattico costituiscono lo sfondo della analisi di Dumas nella sua ampia introduzione al testo. Altrettanto bene esposte da Dumas sono le problematiche relative al volgarizzamento e assemblaggio di testi tecnici : si tratta di aspetti che sono costitutivi dei caratteri innovativi della ricerca scientifica tra tardo medioevo e prima età moderna. Tali innovazioni si possono riassumere così : raccolta di dati ; accurata descrizione ; collezione in unità di spezzoni di saperi diversi ; infine, forme di circolazione di sapere che implicano e segnalano destinatari e fruitori diversi e nuovi. Tutti questi aspetti sono presenti nell’Ymage de vie, e sono molto ben individuati da Dumas : e dunque sono informate e assai utili, su queste importanti questioni di fondo, le prime sezioni del volume, dedicate a problemi di metodo e a un’illustrazione succinta dell’andamento dell’alchimia latina tra XII e XV secolo.

2Sicuramente, sotto vari aspetti, il sec. XV presenta notevoli novità nell’andamento dell’alchimia latina, ed è in questo periodo appunto che si colloca il testo edito e commentato nel volume. Si tratta di un periodo che, nel fiorire recente di studi sull’alchimia latina rimane ancora poco studiato ; eppure si tratta di un periodo di transizione che vede –per la ricerca alchemica – la presenza di non poche novità : si moltiplicano infatti i testi in volgare, siano essi volgarizzamenti o stesure in volgare di opere originali, o meglio ancora volgarizzamenti-compedi ; è evidente l’affermarsi di una sincretistica piattaforma dottrinale, assai diffusa e condivisa, che coniuga le principali proposte e vedute dello pseudo-Lullo e del Geber latino, con la prevalenza dell’influenza di quest’ultimo, spesso tramite però la mediazione di testi in volgare attribuiti ad Arnaldo da Villanova ; si segnala il presentarsi della ricerca alchemica come ‘normale’, e, a detta di alcuni autori coevi, come fin troppo diffusa, tanto da rischiare di perdere specificità e forse anche il livello teorico che aveva caratterizzato alcune impostazioni e grandi opere dei secoli XIII e XIV. Si verifica soprattutto l’articolarsi degli obiettivi della ricerca alchemica in filoni diversi : l’alchimia medicale, l’alchimia metallurgica, i testi alchemici allegorici di orientamento anche politico e religioso, quelli invece più vicini a ricerche artigianali e alla ‘scienza dei segreti’ ; per non dimenticare infine l’originale filone – erudito e con connessioni inedite con la magia – degli ‘alchimisti da biblioteca’, estranei al laboratorio e intenti al recupero e intarsio di tradizioni e testi alchemici diversi.

3Il testo esaminato da Dumas fa parte di questo movimentato contesto e contribuisce alla nostra conoscenza di un periodo della ricerca alchemica latina ricco di proposte e orientamenti tra i più vari. L’Ymage de vie afferisce decisamente alla ricerca di tipo metallurgico, a ulteriore testimonianza che l’obiettivo della trasmutazione non è stato affatto soppiantato dal successo dell’alchimia medicale dell’elixir.

4L’opera si caratterizza, oltre che per l’accuratezza nell’elencare sequenze di operazioni e procedure, e per la minuziosa dettagliata descrizione degli strumenti tecnici e degli apparati di laboratorio, per un mirabile corredo iconografico : testimonianza di un intento chiaramente ‘didattico’ e prescrittivo. Questi vari aspetti molto interessanti del testo sono accuratamente analizzati da Dumas. Alcune sue analisi e considerazioni confermano, proprio anche tramite questo scritto, alcune valutazioni già presenti nella storiografia sulla fisionomia dell’alchimia quattrocentesca. Si tratta : 1) della indubbia dominanza e della fortuna della Summa dello pseudo-Geber ; 2) e però anche dell’affermarsi della figura e opera dello pseudo-Arnaldo come punto di riferimento obbligato ; 3) della diffusione di queste ricerche in contesti culturali anche di non elevato livello ; 4) dell’abbassamento quindi dell’audacia e del tono teorico-scientifico che avevano caratterizzato le proposte degli alchimisti latini, specie del sec. XIV. Si conferma che la compilazione, il compendio/volgarizzamento (cioè l’accumulo di dati, la fissazione accurata nello scritto e l’attenzione didattica per la trasmissione di dati) sono la forma che assume la trasmissione del sapere in questo periodo di larga diffusione di prospettive alchemiche. Tale constatazione apre la via a riflessioni sul circuito tra orale e scritto, e tra livelli di cultura (più elitaria, o più legata a saperi artigianali) – riflessioni, queste, che in più punti Dumas felicemente espone.

5Più in generale, infine, anche dall’analisi dell’Ymage de vie esce confermata una complessiva valutazione : il progetto alchemico, qualunque sia il suo obiettivo, si caratterizza per una cosiddetta surdeterminazione dell’esperienza, nel senso che è l’opus (da farsi o progettato) che determina la scelta delle linee nella tradizione da seguire, e condiziona così anche la messa in atto di specifiche strumentazioni razionali : insomma ratio e traditio, sempre dichiarate – anche in questo testo – quali componenti essenziali della ricerca dell’alchimista sono fortemente orientate e condizionate dall’assoluto rilievo del ‘saper fare’, dell’experientia, che risalta in primo piano.

6Anche nell’Ymage de vie questa surdeterminazione è evidente : l’operatività anzi determina anche e proprio il programma editoriale. Le brevi sezioni teoriche iniziali sono troppo generiche, così come lo sono i fugaci accenni teorici che talvolta aprono le sequenze operative : difficile individuare qui una linea operativa e precise sequenze di operazioni coordinate da una teoria e orientate a puntuali obiettivi. Si può dire, anzi, che il contributo principale di questo scritto siano i disegni e le procedure elencate, che costituiscono dunque una specie di manuale-ricettario. A differenza di altri ricettari, più casuali e disordinati, questo ricettario ha un fine, ma questo propriamente non è la trasmutazione o la confezione del lapis : la stessa organizzazione non sequenziale delle procedure lo dimostra. E dunque per questo motivo si può affermare anche che l’Ymage de vie non è del tutto e propriamente un testo alchemico, e mi pare più opportuno definirlo come una sorta di manuale tecnico-artigianale. Il fine che l’autore si prefigge è infatti proprio lo stesso elenco delle procedure e degli strumenti in quanto tale.

7Pertanto, mancando la sequenza e un obiettivo e un fine conclusivi e concreti, non si dovrebbe forse parlare di un programma operativo alchemico quanto – come Dumas stessa ottimamente suggerisce – di un ampio glossario, o meglio di un protocollo tecnico, che è inteso e costruito per servire a qualunque operatore voglia intraprendere una ricerca con e su i metalli, sia essa metallurgica o anche medicale o di oreficeria. Per meglio dire, l’Ymage de vie appare essere un ricco, analitico prontuario, un preambolo tecnico, indispensabile per qualunque ricerca possibile in laboratorio. Tanto è vero che la stessa Dumas ammette che manca appunto un’ipotesi/progetto unitario e complessivo, più o meno teorico, che dia senso alchemico alle procedure così accuratamente descritte e selezionate, e molte delle procedure stesse possono servire anche a svariati programmi operativi : alchemici, ma anche generalmente tecnico-metallurgici, farmaceutici, orafi, ‘fabrili’ in senso lato. Si tratta comunque di programmi volti a perfezionare, a migliorare in vario modo la natura, a intervenire su di essa e a facilitare la vita dell’uomo artefice.

8Questi caratteri non sminuiscono il ruolo e il valore dell’Ymage de vie, anzi : si conferisce a questo scritto un posto significativo ad un livello particolare, quello delle regole dell’arte, dei canoni indispensabili per procedere nell’operare. Infine, anche questo scritto mostra che l’alchimista-operatore presenta, rispetto ad altri artefici, una specificità: forse più di altri, l’alchimista deve infatti innanzitutto costruire i suoi strumenti e apparati, e proprio nella loro materialità. Dall’Ymage de vie emerge dunque una figura di artefice particolarmente ricca di sfaccettature e aperta a vari impegni e obiettivi, che – come conclude giustamente Dumas – sa coordinare fare e sapere, didattica e laboratorio, lavoro delle mani e dottrina.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Chiara Crisciani, « Geneviève Dumas, « Ymage de vie ». Spéculation et expérimentation dans un traité d’alchimie médiévale, Montpellier, Presses universitaires de la Méditerranée, 2019 (Histoire et sociétés), 293 pages, ISBN 978-2-36781-323-3, 21 €. »Memini [En ligne], 28 | 2022, mis en ligne le 27 décembre 2022, consulté le 04 juin 2023. URL : http://journals.openedition.org/memini/2114 ; DOI : https://doi.org/10.4000/memini.2114

Haut de page

Auteur

Chiara Crisciani

Università di Pavia

Haut de page

Droits d’auteur

Tous droits réservés

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search