Navigation – Plan du site
Usages contemporains de Descartes

Figure di Descartes nell’opera di Benedetto Croce

Figures of Descartes in the works of Benedetto Croce
Giuliano Gasparri

Résumés

Dans son Esthétique (1902-1908), Benedetto Croce présente Descartes comme la figure emblématique d’un courant rationaliste qui exclut l’imagination poétique de la pensée philosophique et empêche de reconnaître l’intuition comme mode de connaissance esthétique spécifique. Pour lui, les conséquences néfastes de l’esprit mathématique diffusé en France par le cartésianisme se retrouvent chez Locke, Leibniz, Wolff et Baumgarten, et il n’y a guère à la même époque que chez « l’italiano Giambattista Vico » que l’on peut parler d’une véritable science esthétique. Au cours des années où prend corps sa Philosophie de l’esprit, Croce est amené à plusieurs reprises à stigmatiser l’intellectualisme de Descartes, le caractère abstrait de sa science et de sa morale ainsi que son ignorance de l’histoire. Si sa lecture est dépourvue d’originalité et dénote l’influence sur lui du climat culturel de son temps (l’idéalisme ; Francesco De Sanctis), elle s’appuie néanmoins sur une conception de l’art fortement novatrice et dont l’influence sera décisive dans la première moitié du XXe siècle. Un examen plus détaillé de l’œuvre vaste et complexe de Croce montre que sa lecture de Descartes révèle une connaissance profonde de l’histoire de la philosophie : Croce est capable à la fois de corriger les interprétations simplificatrices de certains aspects de la pensée cartésienne de la part de Vico, Hegel ou Valéry, et de reconnaître sa dette à l’égard de la théorie cartésienne de l’erreur. Certes, ses schématisations excessives donnent parfois lieu à quelque malentendu, par exemple sur le thème des passions de l’âme. Dans les écrits de Croce postérieurs à la Première guerre mondiale, la figure de Descartes commence à jouer un rôle différent. Le philosophe napolitain éprouve alors le besoin de réagir aux irrationalismes, aux vitalismes et aux nationalismes qui ont conduit au conflit, à la décadence de la culture européenne (allemande in primis) et mèneront à la seconde guerre mondiale. Il importe désormais de défendre la raison, dont Descartes reste le champion. Le philosophe français redevient pour lui le chef de file de la tendance fondamentale de la philosophie moderne. Loin de signifier un changement dans sa conception des axes primaires de la philosophie de l’esprit, ce déplacement d’accent reflète au contraire l’aptitude de la pensée de Croce à intégrer les exigences toujours nouvelles que l’histoire fait apparaître dans son développement.

Haut de page

Texte intégral

Introduzione

1Nella sua Estetica, Benedetto Croce (1866-1952) fa della figura di Descartes il prototipo di una tendenza razionalista che esclude l’immaginazione poetica dal pensiero filosofico, impedendo, così, di riconoscere la specificità del fatto estetico e la sua irriducibilità a ogni classificazione di genere.

2Nel corso degli anni in cui dà corpo alla propria « filosofia dello spirito », Croce torna più volte a stigmatizzare l’intellettualismo di Descartes, il carattere astratto della sua scienza e della sua morale, la sua ignoranza della dimensione storica. Si tratta di una lettura priva di originalità funzionale agli intenti di Croce, costruita sulle critiche di Giambattista Vico al cartesianismo e influenzata dall’idealismo di Francesco De Sanctis. Su questa lettura, tuttavia, poggia una concezione dell’arte fortemente innovativa, che ha esercitato un influsso decisivo sull’estetica della prima metà del Novecento.

3Un esame più approfondito dell’opera vasta e complessa di Croce mostra che la sua lettura di Descartes poggia su una conoscenza non superficiale della storia della filosofia, che gli permette di ridimensionare interpretazioni giudicate semplicistiche di alcuni aspetti del pensiero cartesiano, avanzate da Vico stesso, da Hegel, da De Sanctis e dal contemporaneo Paul Valéry, come anche di riconoscere il proprio debito nei confronti di Descartes per quanto riguarda la teoria della genesi pratica dell’errore teorico. Allo stesso tempo, schematizzazioni forzate danno luogo in Croce a qualche malinteso, per esempio sul tema delle passioni dell’anima.

Il ruolo del cartesianismo nella « filosofia dello spirito »

  • 1 Benedetto Croce (1965), Estetica come scienza della espressione e linguistica generale, XI edizione (...)

4L’Estetica come scienza della espressione e linguistica generale, uscita in prima edizione nel 1902 (importanti modifiche furono introdotte nella terza edizione, del 1908), è divisa in due parti, una « Teoria » e una « Storia ». Il quarto capitolo della parte storica è intitolato « Le idee estetiche nel cartesianesimo e nel leibnizianismo e l’Aesthetica del Baumgarten »1. Qui Croce condanna la scelta di Descartes di relegare il mondo dell’immaginazione poetica al di fuori dell’ambito della filosofia :

  • 2 Benedetto Croce (1965), Estetica, p. 224. Cfr. Descartes a Balzac, 15 aprile 1631, in René Descarte (...)

« pur non condannando del tutto la poesia, l’ammetteva solo in quanto fosse regolata dall’intelligenza […]. La tollerava, ecco tutto; ed era disposto a non rifiutarle “aucune chose qu’un philosophe lui puisse permettre sans offenser sa conscience” »2.

5Croce mette quindi in luce i limiti delle estetiche geometrizzanti di matrice cartesiana :

  • 3 Benedetto Croce (1965), Estetica, p. 224-225.

« lo spirito matematico, diffuso in Francia dal cartesianismo, toglieva la possibilità di una seria considerazione della poesia e dell’arte »3.

6Tipico rappresentante di questo orientamento, prosegue Croce, è Nicolas Boileau-Despréaux, « equivalente estetico dell’intellettualismo cartesiano ». L’autore dell’Art poétique (1674) traeva dal Discours de la méthode la concezione dell’evidenza razionale come unico e universale metro di giudizio, e l’estendeva all’ambito dell’espressione artistica. Egli proponeva quindi una nozione di bello universale coincidente da un lato con il vero e dall’altro con la natura stessa, sicché la bellezza della poesia doveva rispondere innanzitutto al canone dell’imitazione della natura. La creazione artistica, di conseguenza, veniva sottomessa a regole e classificazioni di genere, cosa che Croce deplora: il filosofo napoletano, infatti, mira a liberare il campo della critica dalla questione del genere letterario di appartenenza di un’opera e del suo maggiore o minore grado di rispondenza a tale genere. Proprio l’esigenza di emancipare l’arte dal pensiero classificatorio rappresenta uno dei contributi dell’estetica crociana destinati ad avere maggiore risonanza.

  • 4 Benedetto Croce (1965), Estetica, p. 228.
  • 5 Benedetto Croce (1965), Estetica, p. 229.
  • 6 Benedetto Croce (1965), Estetica, p. 237-242. Un ruolo chiave, per Croce, « l’italiano » Vico lo sv (...)

7Le conseguenze nefaste dello spirito matematico diffuso in Francia dal cartesianismo si prolungano, secondo Croce, in Leibniz, Wolff e Baumgarten. La filosofia di Leibniz ha portato dei progressi rispetto a quella di Descartes, poiché ha accolto al proprio interno « tutta quella folla di fatti psichici, che l’intellettualismo cartesiano allontanava da sé con orrore »4, ovvero l’ambito di ciò che è chiaro senza essere distinto. In tale ambito rientra anche quel nescio quid che caratterizza i fatti estetici e di cui gli stessi artisti non sanno rendere ragione. Ma nel sistema di Leibniz continuano ad avvertirsi gli effetti limitanti delle premesse cartesiane. La legge del continuo che governa la realtà leibniziana, infatti, fa sì che la conoscenza chiara ma confusa debba essere intesa come un grado quantitativamente inferiore di quella stessa conoscenza che al suo grado più alto, ovvero intellettuale, deve diventare distinta, correggendo e inverando le percezioni e i giudizi confusi degli artisti5. Leibniz, dunque, non giunge a mettere a fuoco ciò che i fatti estetici hanno di peculiare. Queste premesse intellettualistiche non fanno che accentuarsi in Wolff e, secondo Croce, si ritrovano anche in Baumgarten, costringendo la sua riflessione in uno stadio ancora pre-estetico. Nemmeno Baumgarten, infatti, ha attribuito alla cognizione sensitiva (confusa) la sua differenza specifica, facendone qualcosa di positivo, dal momento che considera ancora la verità o la facoltà conoscitiva estetica come inferiore a quella intellettuale. La verità più alta si presenta come metafisica, oggettiva, razionale, mentre le verità di ordine estetico non sono che verisimilia. Così, alla nuova disciplina dell’estetica Baumgarten ha dato il nome, ma non l’ha ancora fondata: è solo con « l’italiano Giambattista Vico » che si giunge, finalmente, a scoprire la scienza estetica6. Vico svincola la produzione dell’arte dall’intera tradizione che, sulla scorta di Aristotele, imponeva di giustificarla in base alla verisimiglianza, per porre invece al centro della riflessione estetica la fantasia, potenza dello spirito umano dotata di una verità propria e forma autonoma di conoscenza.

8Dopo l’uscita dell’Estetica, Croce approfondirà lo studio della filosofia di Vico, dando corpo all’omonima monografia pubblicata nel 1911. Poiché l’intera gnoseologia vichiana gli appare costruita in diretta antitesi con il pensiero cartesiano, nei primi due capitoli del libro Croce torna a diffondersi sul cartesianismo, e riprende le critiche dell’autore della Scienza nuova a Descartes :

  • 7 Benedetto Croce (1997), La filosofia di Giambattista Vico, a cura di F. Audisio, Napoli, Bibliopoli (...)

« tutto quel sapere non ancora ridotto o non riducibile a percezione chiara e distinta e a deduzione geometrica, perdeva ai suoi occhi valore e importanza. Tale la storia, che si fonda sulle testimonianze; l’osservazione naturalistica, non ancora matematizzata; la saggezza pratica e l’eloquenza, che si valgano dell’empirica conoscenza del cuore umano; la poesia, che offre immagini fantastiche. Piuttosto che sapere, codesti prodotti spirituali erano per Cartesio illusioni e torbide visioni: idee confuse, destinate o a farsi chiare e distinte e perciò a svestire la loro anteriore forma di esistenza, o a trascinare un’esistenza miserabile, indegna dell’attenzione del filosofo. »7

9Anche l’accusa di mancanza di senso della storia, spesso rivolta a Descartes e ai cartesiani, Croce la trovava tematizzata in Vico, il quale,

  • 8 « Differenza dello storicismo hegeliano dallo storicismo nuovo » (1942), in Benedetto Croce (2011), (...)

« contro Cartesio e l’incipiente razionalismo matematizzante e antistoricistico, stabiliva che si conosce solo ciò che si fa, e che l’uomo, facendo la sua storia, ha di essa intrinseca e reale conoscenza, diversa in ciò da quella del matematico che conosce solo le finzioni che egli stesso per suo comodo foggia »8.

10Questo giudizio rimarrà sostanzialmente inalterato anche nel Croce più tardo, che non cesserà di apprezzare la lettura critica di Descartes da parte di Vico. Si pensi ad esempio a quanto scrive sui Quaderni della “Critica” nel 1947 :

  • 9 « Il primato del fare » (1947), in Benedetto Croce (2005), Filosofia e storiografia, a cura di S. M (...)

« L’opposizione risoluta a Cartesio segna nel Vico, mercé della netta antitesi, l’avviamento nuovo che la filosofia doveva prendere, perché Cartesio rappresenta, in verità, non propriamente l’inizio di questa filosofia (come si suole convenzionalmente dire da quegli idealisti che stanno tra il nuovo e il vecchio), ma anzi l’ultima sebbene più raffinata forma della filosofia della contemplazione o, se si vuole, il momento critico di questa, e molto ancora scolastico era il suo criterio dell’evidenza e la sua conferma ultima nella fede […]. La confutazione che di lui fece il Vico fu bene giudicata da De Sanctis « completa, l’ultima parola della critica » »9.

  • 10 « In Bacone e in Cartesio […] il mondo moderno si scioglie da tutti gli elementi scolastici e misti (...)

11Si vede qui come tale interpretazione dipenda esplicitamente da Francesco De Sanctis, punto di riferimento fondamentale nella formazione di Croce. È ben vero che De Sanctis assegnava a Descartes un ruolo da protagonista nel processo storico che aveva condotto alla crisi della filosofia scolastica e alle origini di quella moderna10. Croce, invece, pur riconoscendo a Descartes il merito di aver combattuto il giogo dell’autorità, ritiene che, per altri versi, il filosofo francese appartenesse ancora alla scolastica, dal momento che non si era liberato del tradizionale impianto metafisico-teologico, ovvero non aveva saputo risolvere il problema dell’unità concreta di Dio e mondo (ci torneremo). Ma già De Sanctis, nel momento stesso in cui rilevava l’importanza di Descartes, la leggeva in modo alquanto irriverente, legandola piuttosto all’efficacia di uno stile – a una «superficialità» tutta francese – che al valore intrinseco della sua speculazione filosofica :

  • 11 Francesco De Sanctis (1964), Storia della letteratura italiana, p. 719-720.

« Cartesio, che era un matematico, introduce nella filosofia la forma geometrica, credendo che in virtù della forma entrasse nel mondo metafisico quella evidenza ch’era nel mondo matematico. Era un’illusione, il cui benefizio fu di cacciar via definitivamente le forme scolastiche e aprire la strada a quella forma naturale di discorso, di cui Machiavelli aveva dato esempio, ed egli medesimo nel suo mirabile Metodo. Queste idee non erano nuove in Italia, anzi erano volgari a tutti gli uomini nuovi ; ma, naufragate in vaste sintesi immature e senza eco, rimanevano sterili. Qui le vedi a posto, staccate, rilevate, formulate con chiarezza ed energia, e parvero una rivelazione. […] Aggiungi la sua superficialità, l’estrema chiarezza, la forma accessibile, quel presentare poche idee e nette innanzi alle moltitudini: si rivelava già lo spirito francese volgarizzatore e popolare. »11

  • 12 In generale sul rapporto di Croce con la cultura francese contemporanea, v. G. Galasso (2015), La m (...)
  • 13 Benedetto Croce (1948-1949), Nuove pagine sparse, Napoli, Ricciardi, II, p. 129.
  • 14 Benedetto Croce (1948-1949), Nuove pagine sparse, I, p. 215.
  • 15 Il problema di pensare correttamente i concetti di forma e contenuto dell’opera d’arte, nonché il l (...)
  • 16 Benedetto Croce (1948-1949), Nuove pagine sparse, p. 215-216 ; v. ancora ivi, p. 221.
  • 17 Benedetto Croce (1953), La poesia. Introduzione alla critica e storia della poesia e della letterat (...)

12Lo spirito cartesiano, agli occhi di De Sanctis come a quelli di Croce, rappresenta una sorta di difetto strutturale che vizia ancora la cultura francese contemporanea12. Il rappresentante dell’intellettualismo cartesiano più deteriore, per Croce, è Paul Valéry, attaccato a più riprese perché, «seguendo una tradizione del suo paese, aveva posto a ideale del conoscere il non-conoscere, il costruire della matematica»13. Mallarmé, Valéry e i teorici della «poesia pura» appaiono a Croce « privi del concetto serio di ciò che è proprio della poesia »14. Scindendo in maniera illegittima forma e contenuto dell’opera d’arte15, essi giungono all’idea di una nuova poesia libera dall’impurità della materia – cioè, secondo Croce, senza fantasia, ispirazione e passione.16 D’altro canto essi continuano ad attribuire alla poesia stessa « un contenuto pratico, affettivo o concettuale », anche se prescrivono che tale contenuto non venga « espresso », ma solo « suggerito ». Così, proprio mentre si sforzano con le loro negazioni di ribellarsi alla tradizione letteraria francese, di fatto riaffermano « la tradizione stessa, razionalistica e intellettualistica, che già nei Descartes e nei Malebranche si dimostrò poco amica e poco intelligente della poesia e della fantasia »17. Per Croce la poesia è «identità di contenuto e forma, espressione di piena umanità, visione del particolare nell’universale», i simbolisti invece, temendo che esprimere un contenuto sentimentale o concettuale significhi confondere la poesia con la letteratura, sostituiscono l’espressione poetica con la «suggestione» ad opera di suoni che non significano nulla di determinato.

13Ma ciò che più ci interessa, in questa sede, è la convinzione di Croce che il cartesiano Valéry non abbia capito in cosa consiste davvero l’importanza di Descartes. Valéry compendia la grandezza di Descartes in due punti, il primo dei quali è che egli « si rifiuta di attribuire al linguaggio un valore che gli venga dalle persone o dai libri e scopre che il suo io, il suo pensiero, ha il sopravvento ». Una scoperta, secondo Croce, tutt’altro che rivoluzionaria, giacché tutti, quando pensano, fanno così. Non sarebbe possibile saltare al di là del proprio pensiero, nemmeno per accettare l’autorità altrui. Il secondo punto è questo :

  • 18 « Valéry e Cartesio » (1947), in Benedetto Croce (1948-1949), Nuove pagine sparse, I, p. 260.

« Descartes non concepisce altro mondo se non quello “penetrato dalle applicazioni della misura”, da “determinazioni numeriche”, e che per lui “ogni conoscenza non misurabile è disprezzabile”. E certo questo concetto è nel Descartes, ma non è già qui la sua “grandezza”, sibbene il suo limite, contro il quale la posteriore critica diè un urto e l’abbatté. Se Descartes non fosse altro che uno che ha affermato l’unica autorità del pensiero stesso e che ha limitato questo pensiero alla costruzione matematica cioè al non pensiero, sarebbe stato nient’altro che un revulsivo filosofico. Ma veramente egli fu qualcosa di più e di meglio, e più e meglio ha operato storicamente. E quel suo ritratto, con quelle due sole tinte, conviene non a lui, ma al suo tardo e imperterrito scolaro Valéry. »18

  • 19 Il metodo, afferma Valéry, « implica una fede e una fiducia di fondo in se stessi, vale a dire altr (...)
  • 20 « A me pare che [Sartre] come altri pensatori del lignaggio al quale appartiene, tra i quali lo Hus (...)
  • 21 « Ogni volta che mi si mette davanti una pagina del Valéry sono indotto a stupire dell’ammirazione (...)

14Non che Croce non veda l’importanza dell’attacco sferrato da Descartes contro l’autorità delle dottrine tradizionali. Ma l’insistenza di Valéry sul metodo va a discapito del contenuto della metafisica cartesiana19, che per Croce, pur con i suoi limiti, evidentemente non può essere trascurata, anzi, come vedremo, rappresenta in se stessa un’acquisizione ineliminabile dello spirito umano. Si aggiunga che la storia, poi, è andata avanti, mentre i francesi come Valéry, in un certo senso, sono rimasti « fermi a Descartes », o continuano a « ripartire da Descartes », dando mostra di ignorare la filosofia italiana e tedesca del Settecento e dell’Ottocento (Vico, Kant, Hegel). Di questa pecca Croce accusa anche Sartre e gli esistenzialisti, che gli paiono fermi a dilemmi come quello tra ateismo e non ateismo, o tra esistenza e essenza, che il pensiero dialettico aveva da tempo superato, cogliendo l’unità di Dio e del mondo in cui Dio si realizza. Nell’atteggiamento antistoricistico e astratto di questi autori Croce vede anche una certa « angustia nazionalistica »20. E certo i toni sprezzanti usati da Croce con alcuni intellettuali francesi21, di contro alla sua ammirazione per la cultura tedesca, e la sua polemica continua nei confronti di simbolismo, esistenzialismo e decadentismo non possono aver giovato alla fortuna della sua opera in Francia.

15Il nesso tra razionalismo astratto, metodo cartesiano e spirito francese è svolto chiaramente anche nella Logica come scienza del concetto puro (1909), dove Croce torna a spiegare in cosa consista il vizio dell’intellettualismo : a partire dal Rinascimento, con Leonardo, poi con Galileo e, soprattutto, con Descartes e i suoi « prosecutori » Spinoza e Leibniz,

« il concetto puro si venne malamente identificando con il concetto astratto, il razionalismo speculativo prese forma di razionalismo matematico, e l’ideale della filosofia si confuse con l’ideale della scienza esatta ».

16Croce non manca di riconoscere gli avanzamenti che il pensiero filosofico ha compiuto in tale epoca (« crebbe la coscienza dell’interiorità filosofica con Cartesio, dell’unità del reale mercé il concetto spinoziano di sostanza, dell’attività spirituale mercé il dinamismo leibniziano »), ma quei filosofi non sono riusciti ad andare oltre la vecchia logica, perché hanno asserito la purezza dei concetti a discapito della loro concretezza, dunque non hanno raggiunto quella pienezza del concetto che è data dall’unità di universale e individuale. Un vizio che impronterà di sé il Settecento in generale, e in particolare quello francese :

  • 22 Benedetto Croce (1996), Logica, p. 360-361.

« Il secolo decimottavo, matematico, astrattista, intellettualista, raziocinatore, antistorico, illuminista, riformista e in ultimo giacobino, è il figlio legittimo di codesta filosofia cartesiana, che scambia la logica della filosofia con la logica della matematica, la ragion ragionante con la ragion raziocinante e calcolante. La Francia, che fu il paese in cui nacque e si radicò più profondamente e si sparse più largamente, deve a essa, più forse che non alla Scolastica, l’impronta mentale che ancora serba e che il forte influsso germanico, fattosi sentire anche nella cultura francese durante il secolo decimonono, non è valso a mutare. »22

  • 23 Geneviève Rodis-Lewis (1993), Regards sur l’art, préface de J.-R. Armogathe, Paris, Beauchesne, p. (...)
  • 24 Geneviève Rodis-Lewis (1993), Regards sur l’art, p. 151-153. Sul tema v. anche Brigitte Van Wymeers (...)

17Secondo lo schema crociano, come si è detto, Descartes esclude dall’orizzonte della conoscenza l’immaginazione poetica, per sottolineare il rapporto esclusivo dell’intelletto alla verità. Tale impostazione, nelle estetiche cartesiane come quella di Boileau, si traduce in precettistiche del verisimile e classificazioni di genere. Al di là dell’interpretazione di Croce, però, va osservato che Descartes non ignorava affatto che la potenza della poesia risiede piuttosto nell’espressione spontanea che nel rispetto delle regole. È vero che il filosofo francese non aveva sviluppato una vera e propria filosofia dell’arte, ma di quest’ultima aveva un concetto molto più vicino a quello di Croce che a quello del « législateur du Parnasse » Boileau. Come ha messo in luce Geneviève Rodis-Lewis, infatti, dalle riflessioni sparse di Descartes sull’arte letteraria e sull’estetica musicale emerge che egli aveva ben presente la distinzione fra il vero e il bello, il cui sentimento correlava alla complessità delle passioni, dunque al problema dell’unione di anima e corpo. Per questo egli approderà alla convinzione che non si possano applicare all’arte regole formali23. I passi più significativi in questo senso sono da ricercarsi nella corrispondenza, ma Geneviève Rodis-Lewis mobilita testi che si estendono su tutta la produzione di Descartes, dal Compendium musicae (1618, la prima opera di Descartes) fino alle Passions de l’âme, giungendo alla conclusione che Descartes, pur senza negare l’utilità di alcune regole, ha sempre privilegiato nell’arte la soggettività del gusto e la spontaneità dell’ispirazione e che finirà, con gli anni, per rinunciare a stabilire una correlazione scientifica rigorosa tra la musica e le passioni24.

  • 25 Benedetto Croce (1996), Filosofia della pratica. Economica ed etica, a cura di M. Tarantino, Napoli (...)

18Proprio rispetto alla teoria cartesiana delle passioni, d’altronde, Croce mostra qualche incomprensione, che oggi – dato il crescente interesse che si è registrato attorno a questi temi nella storiografia cartesiana – riuscirebbe difficile giustificare. Nella Filosofia della pratica, Croce attacca le Passions de l’âme come esempio, assieme alla teoria delle passioni di Spinoza e Kant, Aristotele e Teofrasto, di « descrittive pratiche», che riducono i fatti spirituali in gruppi, classificazioni e regole empiriche, e poi le trasformano in principi filosofici25. Le descrittive pratiche dei filosofi, secondo Croce, vagano nel generico e si rivelano inferiori alle riflessioni di certi moralisti, meno sistematici ma più legati al particolare delle condizioni storiche e sociali concrete. In un saggio su Corneille, pubblicato sulla Critica nel 1920, Croce torna ad appiattire la posizione di Descartes su quella di Spinoza, attribuendo a entrambi l’idea che le passioni debbano semplicemente essere superate e dissolte dall’intelletto puro :

  • 26 Benedetto Croce (1920), « L’ideale del Corneille », La Critica, 18, p. 19.

«Nel Descartes, come poi nello Spinoza, la tendenza era verso il superamento delle passioni mercè l’intelletto o la mente pura, che col conoscerle e pensarle le discioglie e dissipa»26.

  • 27 René Descartes, Passions de l’âme, § 211, AT, XI, p. 485-486 : « nous voyons qu’elles sont toutes b (...)
  • 28 Benedetto Croce (1996), Filosofia della pratica, p. 202. Del resto qui fa ostacolo l’articolazione (...)

19Sembra allora che Croce non abbia colto ciò che distingue la trattazione delle passioni di Descartes dalla tradizione dei moralisti precedenti, e non abbia riconosciuto il peso che vi si dà alla funzione naturale delle passioni stesse, che per il filosofo francese vanno controllate e ben utilizzate, non cancellate alla maniera degli stoici, né « dissolte » in alcun modo. Nella Filosofia della pratica Croce cita proprio uno dei passi delle Passions de l’âme che vanno in questa direzione27, ma ne ritiene il concetto che per Descartes le passioni siano « moralmente indifferenti », cosa che non condivide, come non condivide l’opinione che le passioni possano «preparare» o «causare» le virtù28. Così, Croce non ha avvertito la fecondità di alcuni temi, come quello della passione-virtù della générosité, che a partire dagli ultimi vent’anni del secolo scorso hanno risvegliato nuovo interesse e ispirato interpretazioni originali da parte di alcuni fra i maggiori studiosi della filosofia cartesiana (si pensi a Geneviève Rodis-Lewis, Jean-Luc Marion, Denis Kambouchner).

Croce con Descartes

20Si è visto dunque come Croce legga e riproponga la storia della filosofia in modo funzionale alle esigenze della propria speculazione. I materiali storici che sorreggono le tesi delle sue opere maggiori risultano talvolta costretti a forza dentro certi schemi, che Croce presenta attraverso

  • 29 Michele Maggi (1998), La filosofia di Benedetto Croce, Napoli, Bibliopolis, p. 12.

« esposizioni rapide e concentrate impostate in modo da convergere nella collocazione di un dato pensiero in una linea privilegiata di perfezionamento dei concetti culminante con la loro formulazione più adeguata e moderna, quale appunto Croce ritiene di dare »29.

21La sua conoscenza della storia della filosofia, tuttavia, è tutt’altro che superficiale e gli permette, alla bisogna, di rettificare quelle interpretazioni troppo riduttive del pensiero cartesiano che incontra nelle proprie fonti e nei propri interlocutori. Così Croce stesso, nel Saggio sullo Hegel (1912), rimprovera a Hegel di aver fatto un uso distorto della storia della filosofia, piegandola agli schemi della propria dialettica. Il disegno di Hegel è quello per cui, allo scopo di sostenere la verità della propria posizione, considera semplicemente erronee tutte le altre interpretazioni, dalle quali poi, in modo provvidenziale, si genererebbe la sua. Ma Hegel, in questo modo, degrada a errori verità autentiche, anche se parziali. «Il problema della Logica hegeliana», spiega Croce, è che essa intende

  • 30 Benedetto Croce (2006), Saggio sullo Hegel, a cura di A. Savorelli, Napoli, Bibliopolis, p. 77.

« fare una critica di tutte le forme della filosofia per dimostrare, mercé le difficoltà e le contraddizioni di esse, la verità di quella filosofia che considera l’Assoluto come Spirito o Idea; dimostrando insieme che in questa concezione trovano la loro giustificazione gli aspetti di verità messi in luce dalle altre filosofie, e che perciò quella filosofia, com’è stata l’aspirazione, così è la risultante di tutti gli sforzi del pensiero umano. »30

  • 31 « La verità, tutta la verità, è in Hegel come fu già tutta in Fichte o in Kant o in Leibniz o in Ca (...)
  • 32 Benedetto Croce (2006), Saggio sullo Hegel, p. 83.

22La pretesa di Hegel che il pensiero abbia raggiunto con la sua filosofia, e solo con essa, tutta la verità è infondata, giacché i risultati che la filosofia raggiunge – anche quella di Croce stesso – sono sempre aperti e provvisori31. Il filosofo tedesco sottopone i contenuti concreti tratti dalla storia della filosofia a un « ordinamento violento e arbitrario, imposto dalla falsa idea di una deduzione a priori degli errori », sicché « l’ordinamento danneggia il contenuto »32.

  • 33 Benedetto Croce (2006), Saggio sullo Hegel, p. 75. Cfr. la recensione di Croce all’articolo di Hein (...)
  • 34 Benedetto Croce (2006), Saggio sullo Hegel, p. 76.
  • 35 « Per Cartesio materia ed estensione si congiungono in Dio, in maniera incomprensibile » (Benedetto (...)

23Uno dei luoghi nei quali Croce misura i limiti dell’approccio hegeliano è proprio la valutazione del ruolo svolto da Descartes nella storia del pensiero. Secondo Hegel, il contributo del pensatore francese al processo storico dello spirito consisterebbe di fatto in un errore, quello di aver posto la distinzione della sostanza pensante da quella estesa, destinato ad essere superato col pensare l’unità concreta di quelle due forme. Secondo Croce, invece, l’errore di Descartes non sta nella distinzione delle due sostanze, ma nel non averne trovato la sintesi dialettica, giacché le due sostanze cartesiane, come i due attributi paralleli della sostanza in Spinoza, non sono mediati e risolti nel concreto processo spirituale. Come l’essere non si genera dal non-essere, per Croce, così la verità non si genera dall’errore, bensì dagli aspetti di verità che quelle filosofie mettevano in luce. Quindi il ruolo di Descartes è quello, positivo, di aver fermato la distinzione delle due sostanze, senza la quale, come senza il parallelismo degli attributi di Spinoza, non sarebbe stato possibile pensarne l’unità concreta33. Di più, secondo Croce, « nel parallelismo cartesiano e spinoziano la distinzione dello spirito dal corpo, e del pensiero dall’estensione, è, almeno in certo senso, vera ». Falsa, semmai, è « l’affrettata teoria metafisica, che spiega quei due termini col farne due manifestazioni di Dio o due attributi della sostanza, e dà come soluzione il problema stesso »34; il problema, cioè, di riuscire a pensare Dio adeguatamente, e non come mero garante dell’unità o dell’armonia delle due sostanze35, secondo l’abitudine, corrente ancora nel Settecento, di risolvere tutte le contraddizioni in Dio.

  • 36 Benedetto Croce (1965), La storia come pensiero e come azione, p. 62.
  • 37 Francesco De Sanctis, Storia della letteratura italiana, p. 740, dove cita Giambattista Vico, Princ (...)

24Senza la filosofia di Descartes, d’altronde, non sarebbe stata possibile neanche quella di Vico, che, osserva Croce, « riceveva in sé Cartesio e, col combatterlo, lo approfondiva »36. Il che non vuol dire che a un certo punto Vico stesso si fosse fatto cartesiano, come aveva suggerito De Sanctis. Quest’ultimo, trovando riutilizzati in passaggi importanti della Scienza nuova sia il dubbio cartesiano, sia il cogito, cioè il fatto di porre la mente umana come prima verità della scienza, aveva affermato che Vico subiva l’influenza di Descartes e che alla base della sua nuova scienza c’era Descartes, con il suo scetticismo e con il suo cogito37. Croce gli risponde che si può ben dire che Vico, adottando una gnoseologia di tipo soggettivista, entri nella corrente della filosofia moderna inaugurata da Descartes, e « in questo significato del tutto generico può dirsi, anche lui, cartesiano ». Ma Vico, precisa Croce, pone il soggettivismo gnoseologico a fondamento non di tutta la scienza, bensì solo di quella del mondo umano, e in questo è « inferiore » a Descartes. D’altro canto, sempre secondo Croce, Vico approda a una scienza superiore a quella di Descartes, perché basata su una nozione di verità che, proprio in quanto prodotta dall’uomo, è dinamica e non statica. Anche il momento scettico del dubbio ha in Vico una valenza diversa da quella che aveva in Descartes :

  • 38 Benedetto Croce (1997), La filosofia di Giambattista Vico, p. 34-35.

« Per quel che concerne poi l’esortazione a far conto come se non vi fossero mai stati libri al mondo né placiti di filosofi e di filologi, essa non importa altro se non che bisogni spogliarsi di ogni pegiudizio, di ogni comune invecchiata anticipazione, di ogni corpulenza proveniente da fantasia o da memoria, per ridursi “in istato di puro intendimento, informe di ogni forma particolare”, com’è indispensabile per la scoperta e l’apprendimento di ogni nuova verità, e tanto poco qui l’esortazione ha il significato cartesiano e malebranchiano di un rifiuto dell’erudizione e dell’autorità, che, per non dir altro, nel medesimo luogo al quale si è alluso sopra, si trova avvertito che la Scienza nuova “suppone una grande e varia così dottrina come erudizione”, dalle quali prende le verità come già conosciute per valersene da termini per fare le sue proposizioni. »38

  • 39 Benedetto Croce (1997), La filosofia di Giambattista Vico, p. 46.
  • 40 « La polemica di Cartesio contro l’autorità si era provata, per alcuni rispetti, benefica, avendo s (...)
  • 41 « Aesthetica in nuce » (1928), in Benedetto Croce (1951), Filosofia, poesia, storia, Napoli, Riccia (...)

25Nello studio monografico su La filosofia di Giambattista Vico, il giudizio sul « philosophus italicus » come fondatore della filosofia moderna appare già attenuato rispetto a quanto si leggeva nell’Estetica. Croce valuta in modo più critico le acquisizioni del suo pensiero e precisa che egli può essere considerato lo scopritore della scienza estetica solo « con le riserve cui è sempre soggetta la determinazione delle scoperte e degli scopritori »39. Parallelamente, anche l’immagine di Descartes acquisisce maggiore spessore. Croce sottolinea l’importanza del fatto che il filosofo francese abbia incentrato l’analisi sul soggetto pensante e sulla sua autonomia, riconosce quanto tale passo sia stato determinante per scuotere il giogo del principio di autorità40, infine mette in luce come il soggettivismo cartesiano abbia giovato, indirettamente, proprio al sorgere di una scienza estetica. La filosofia moderna, con Descartes, comincia a spostarsi dall’ontologia alla psicologia e dalla metafisica alla filosofia dello spirito. In estetica, questo significa portare in primo piano l’indagine sulla potenza creativa dello spirito e sul piacere del gusto in quanto moto psichico41. Da questo punto di vista, la filosofia dell’arte non nasce da una rottura, ma da uno sviluppo relativamente continuo che va da Descartes a Vico, passando per gli scritti dei teorici della poesia italiani attivi a cavallo tra Sei e Settecento, che ebbero influenza anche sull’estetica svizzera e tedesca :

  • 42 « Aesthetica in nuce » (1928), in Filosofia, poesia, storia, p. 220.

« La nuova filosofia di Cartesio, se in lui e nei suoi prossimi successori si atteggiò ostile alla poesia e alla fantasia, per un altro lato, cioè, come si è detto, con l’indagine che promoveva del soggetto o dello spirito, aiutò questi sparsi conati a comporsi in sistema e a ricercare un principio a cui ricondurre le arti; e anche qui gl’italiani, accogliendo bensì il metodo ma non il rigido intellettualismo di Cartesio né il suo disdegno verso la poesia, le arti e la fantasia, con Calopreso (1691), col Gravina (1692, 1708), col Muratori (1704), e con altri, dettero le prime Poetiche nelle quali dominò o ebbe parte rilevante il concetto di Fantasia […]. Il pensatore, nel quale tutti questi minori teorici misero capo, fu G. B. Vico. »42

  • 43 « Gianvincenzo Gravina, l’Accademia dei Luminosi, e l’anticasistica » (1925), « Decadenza italiana  (...)
  • 44 Cfr. Fabrizio Lomonaco (2003), « Croce e l’estetica di Gravina », in Croce filosofo. Atti del Conve (...)
  • 45 « L’Arcadia », in Benedetto Croce (1951), Filosofia, poesia, storia, p. 950-951.

26La figura di Gian Vincenzo Gravina è occasione per Croce di riflettere sul portato del cartesianismo nella cultura italiana anche al di là del mero ambito della speculazione teoretica. In una serie di saggi negli anni ’20 sul Seicento in Italia43, Croce da un lato rileva l’inferiorità del Gravina teorico della poesia rispetto a Vico, dall’altro evidenzia la funzione positiva del suo « atteggiamento cartesiano » nella lotta contro il gesuitismo e l’aristotelismo dell’epoca della Controriforma, in cui la centralità dell’autorità della Chiesa aveva costretto la penisola alla decadenza44. L’influsso benefico del razionalismo cartesiano in Italia è visibile negli ultimi trent’anni del Seicento in vari fenomeni culturali, letterari, sociali, finanche di costume (la sostituzione della moda francese a quella spagnola). In tutti questi ambiti il cartesianismo alimentò aspirazioni di semplicità e di chiarezza, spinse al distacco dallo scolasticismo, all’interesse per le matematiche, alle istanze di riforma, fu un «principio di risorgimento nazionale». E uno dei motori di questo movimento di riscatto culturale, sottolinea Croce, fu l’Accademia dell’Arcadia, fondata da Gravina e « alunna di Cartesio »45.

  • 46 Sul tema v. Francesca Rizzo (2003), « La teoria dell’errore in Benedettto Croce », in Croce filosof (...)

27Ma per capire meglio l’importanza strutturale di certi motivi cartesiani nell’opera di Croce, occorre tornare ancora alla «filosofia dello spirito» e, in particolare, al confronto con la dialettica hegeliana. Abbiamo già visto come Croce avesse preso le distanze dall’opinione di Hegel sul posto occupato da Descartes nella storia della filosofia. Questa presa di distanze non trova le sue ragioni soltanto in una più accurata lettura del pensiero cartesiano e del suo ruolo storico. Secondo Croce lo sbaglio di Hegel nasce da una concezione filosofica dell’errore in generale, che Croce non condivide e che rappresenta un motivo di polemica montante anche nei confronti di Giovanni Gentile46. Il filosofo napoletano vi oppone la teoria dell’origine pratica (o volontaria) dell’errore, che va maturando negli anni tra l’Estetica, la Logica e la Filosofia della pratica, e che in quest’ultima opera giunge a maturazione. La fonte più significativa di questa teoria dell’errore è indicata da Croce proprio in Descartes.

  • 47 Benedetto Croce (1996), Filosofia della pratica, p. 61.

28L’errore è privo di verità, e non può essere trasportato in essa, come abbiamo visto fare Hegel. Di converso, il pensiero logico, ovvero lo spirito teoretico, per Croce è « incorrotto e incorruttibile »47. Esso non può generare l’errore, che quindi deve essere opera dello spirito pratico. L’errore è dovuto, come in Descartes, alla fretta, alla mancanza di attenzione, a una deviazione della volontà. Si erra, dunque, solo perché «si vuole errare», giacché « nella cerchia del puro spirito » l’errore non può nascere :

  • 48 Benedetto Croce (1996), Filosofia della pratica, p. 60.

« perché si affermi di aver raggiunto un risultato che il testimonio della coscienza dice che non è stato raggiunto, deve intervenire qualcosa di estraneo allo spirito teoretico, e che perciò non può essere altro se non un atto pratico, che simuli quello teoretico […]. L’affermazione erronea è resa possibile, perché alla vera affermazione, che è puramente teoretica, succede qualcos’altro, che impropriamente si dice affermazione in senso pratico, laddove è soltanto comunicazione, la quale può sostituirsi in misura più o meno larga alla verità e mentirne l’esistenza. »48

  • 49 Benedetto Croce (1996), Filosofia della pratica, p. 122-123.
  • 50 « L’affermazione era, per Cartesio, atto di volontà, nel che è forse lo sbaglio di lui e di coloro (...)

29Nella Filosofia della pratica, tra i precedenti storici cui Croce riconduce le proprie tesi sull’origine pratica dell’errore teoretico, oltre a Platone, sono citati Descartes, Schleiermacher, Baader e Rosmini49. Fra questi, è proprio in Descartes che Croce trova « le più acute osservazioni intorno alla natura pratica dell’errore ». Il filosofo francese, tuttavia, avrebbe sbagliato a sua volta nell’identificare l’affermazione con un atto di volontà: nel meccanismo dell’errore, infatti, ciò a cui la volizione mette capo non è vera affermazione (atto cognitivo, teoretico), ma solo comunicazione, cioè un’azione pratica, che consiste in un abuso della parola, o dell’espressione in genere, piegata per fini utilitari a simulare la verità50.

  • 51 Ricordando quegli anni, nell’avvertenza alla seconda edizione delle sue Pagine sulla guerra (1927), (...)
  • 52 Si vedano ad es. « Il posto di Hegel nella storia della filosofia », in Benedetto Croce (1991), Il (...)
  • 53 Si veda ad es. La storia come pensiero e come azione (1938) : « Gran parte del fastidio che si avve (...)

30Con il passare degli anni, Croce vede la figura di Descartes in modo sempre più favorevole. È il clima venutosi a creare durante la Grande Guerra, forse, a spingerlo gradualmente verso la rivalutazione di una certa forma di razionalismo. Il pensatore napoletano, infatti, sente l’urgenza di tenere sveglio l’uso critico della ragione per contrastare, innanzitutto, le falsificazioni della realtà architettate dalla propaganda dei paesi belligeranti. D’altro canto, egli ritiene necessario smascherare quelle distorsioni della verità ad opera degli intellettuali che in Francia, a guerra finita, saranno stigmatizzate nel modo più clamoroso da Julien Benda51. Così, nei saggi scritti da Croce negli anni intorno alla Seconda Guerra Mondiale, Descartes torna a ricoprire il ruolo di iniziatore di quella tendenza fondamentale della filosofia moderna che conduce a Hegel e alla stessa «filosofia dello spirito»52. Al centro della politica cuturale del filosofo napoletano, in questa fase, c’è la volontà di reagire agli irrazionalismi, ai vitalismi e ai nazionalismi che hanno condotto alla prima guerra, alla decadenza della cultura europea (tedesca in primis), al fascismo, poi alla seconda guerra53. Ciò che più conta, ora, è difendere la ragione, e Descartes ne è un alfiere. In questo quadro, appare rivalutata persino quella connotazione matematizzante della ragione cartesiana che all’inizio del secolo, nell’Estetica e nella Logica, avevamo visto disprezzata :

  • 54 « Note di storia della filosofia », in Benedetto Croce (2011), Discorsi di varia filosofia, II, p. (...)

« In Cartesio l’importanza del cogito ergo sum non sta nel valore che questo abbia di principio gnoseologico (che il Vico criticò in modo definitivo, contrapponendogli il « verum est factum »), ma nel rapporto in cui è messo con quel metodo razionalistico-matematico di conoscere che doveva improntare di sé per circa un secolo e mezzo il pensiero europeo e che fu fecondo non solo per l’azione esercitata ma anche per la reazione eccitata e suscitata. »54

  • 55 « La filosofia ha sempre l’origine sua nel moto della vita » (« Suggestioni dell’estetica per rifor (...)

31Lungi dall’essere indice di un cambiamento di opinione rispetto agli assi portanti della filosofia dello spirito, questo spostamento di accento – quasi un rovesciamento di prospettiva – riflette l’attitudine programmatica del pensiero di Croce a raccogliere le istanze sempre nuove che si originano nello sviluppo storico della vita55. Il nesso con tale sviluppo è evidente nello stesso concetto crociano di « filosofia moderna ». In una postilla su «Filosofia moderna e filosofia dei tempi», pubblicata sulla Critica nel 1940, Croce scrive :

  • 56 « Filosofia moderna e filosofia dei tempi », in Benedetto Croce (1991), Il carattere della filosofi (...)

« « Filosofia » moderna si suol chiamare quella che va dal Rinascimento o da Cartesio fino ai giorni nostri. Ma noi abbiamo adoperato questa parola nel senso di filosofia che sia adeguata a risolvere il complesso dei problemi di natura speculativa che sono stati agitati, o anche risoluti ma in modo meno coerente col tutto, nel corso della storia della filosofia. La prova di questa sua adeguatezza è offerta da ciò, che essa rende giustizia a tutte le altre filosofie, collocando ai loro luoghi le verità che hanno affermate o le esigenze di verità, laddove le altre non sono in grado di adempiere il medesimo dovere e scoprono rispetto a lei la loro maggiore o minore inferiorità con la sterilità delle loro negazioni. S’intende poi che la qualificazione di « moderna », riferita come è nel nostro caso a un momento o a un’età, la più recente o la presente, della storia della filosofia, si sposta di continuo col seguirsi dei momenti e delle età che richiedono nuovi sforzi e nuovi acquisti speculativi »56.

32La filosofia moderna, in questa accezione, si contrappone alla « filosofia dei tempi », che è ad essa contraria, anzi, secondo Croce, non è nemmeno filosofia, sebbene di fatto domini il mondo :

  • 57 Benedetto Croce (1991), Il carattere della filosofia moderna, p. 242.

« Non più domina l’idea della ragione come virtù superiore e direttrice, né della coscienza morale ardente e scrupolosa ed evangelicamente sempre pavida, né quella del rispetto alla persona altrui e pertanto della libertà generatrice di sempre più alto costume, ma vi tiene il campo l’émpito meramente vitale e vi si celebra il culto dell’irrazionale e vi si vagheggia un misto di violenza e di cieca sottomissione e vi si applaude e vi si ammira ciò che è cospicuo e anche a suo modo grandioso, ma intimamente arido e senza amore. »57

Conclusione

  • 58 Su quest’ultimo punto cfr. anche Gregorio Piaia, « Noterelle su Croce storico della filosofia », in (...)

33Tanto basta per rendersi conto che i toni un po’ scostanti dell’esaltazione della figura dell’« italiano Vico » da cui eravamo partiti, così come la polemica degli anni ’10 e ’20 con alcuni esponenti della cultura francese, non preludevano ad alcun cedimento, da parte di Croce, ad atteggiamenti nazionalistici, e nemmeno alla seduzione del concetto di una « filosofia nazionale »58. È sufficiente citare, fra i tanti possibili, un giudizio che riguarda proprio la Francia e la filosofia, formulato da Croce nel 1948 a commento di una « esaltazione dell’ingegno filosofico italiano » e «menomazione di quello francese» trovata in Gabriel Naudé, in una premessa alla raccolta degli Opuscula moralia et poetica di Agostino Nifo (1645). Secondo Naudé, il genio francese sarebbe stato più adatto agli studi giuridici che a quelli filosofici :

  • 59 « La grande superiorità della filosofia italiana del Rinascimento rispetto alla francese, secondo G (...)

« Non commenterò quest’ultimo giudizio, che ribadisce la sfiducia nell’ingegno filosofico francese pure ammettendo eccezioni individuali, tra le quali eccezioni era, tra l’altro, Renato Descartes, che già da quasi un decennio aveva pubblicato quel Discours de la méthode, che iniziò una rivoluzione filosofica e dominò per un secolo e mezzo la filosofia europea e in questa conferì allora il primato alla Francia : tanto in siffatti giudizi generali sui popoli bisogna andar piano o, piuttosto, da essi è prudente astenersi. »59

34Ad imporre questa prudenza era un equilibrio, teoretico e pratico insieme, laboriosamente raggiunto al termine di due guerre mondiali. Durante la prima di esse, nel 1916, Croce enunciava in termini cartesiani quale fosse, in simili temperie, il compito del filosofo :

  • 60 « Il nuovo concetto della vita », in Benedetto Croce (1928), Pagine sulla guerra, Bari, Laterza, p. (...)

«Al proprio popolo che è, in misura più o meno grande, conturbato da idee fallaci o confuse, si rende servigio solo col correggere le idee fallaci e chiarire le confuse »60.

  • 61 Fabio Fernando Rizi (2016), « Antifascismo », in Lessico crociano. Un breviario filosofico-politico (...)

35Tale fu l’atteggiamento che Croce mantenne durante gli anni della dittatura e della seconda guerra mondiale, e fu proprio la sua coerenza a farne un’autorità morale di grande valore simbolico agli occhi dell’Italia antifascista e del mondo61. Il nesso che si avverte qui tra il pensiero e la vita ebbe dunque ricadute storicamente importanti. Allo stesso modo, è un fatto storicamente rilevante che il pensiero di Descartes, apparentemente estraneo a ogni dimensione storica e politica, sia divenuto una delle bandiere della lotta della ragione contro i mostri del Novecento, giocando un ruolo per certi versi simile a quello che, secondo Croce, aveva già svolto nella lotta del riformismo pre-illuministico contro l’arretratezza dell’Italia di fine Seicento.

Haut de page

Bibliographie

Antoni, Carlo (1964), Commento a Croce, Venezia, Neri Pozza.

Croce, Benedetto (1920), « L’ideale del Corneille », La Critica 18, p. 12-24.

— (1928), Pagine sulla guerra, Bari, Laterza.

— (1948-1949), Nuove pagine sparse, Napoli, Ricciardi.

— (1951), Filosofia, poesia, storia, Napoli, Ricciardi.

— (1951), Primi saggi, III edizione, Bari, Laterza.

— (1953), La poesia. Introduzione alla critica e storia della poesia e della letteratura, V edizione, Bari, Laterza.

— (1965), Estetica come scienza della espressione e linguistica generale, XI edizione, Bari, Laterza.

— (1965), La storia come pensiero e come azione, VII edizione, Bari, Laterza.

— (1991), Il carattere della filosofia moderna, a cura di M. Mastrogregori, Napoli, Bibliopolis.

— (1996), Filosofia della pratica. Economica ed etica, a cura di M. Tarantino, Napoli, Bibliopolis.

— (1996), Logica come scienza del concetto puro, a cura di G. Sasso, Napoli, Bibliopolis.

— (1997), La filosofia di Giambattista Vico, a cura di F. Audisio, Napoli, Bibliopolis.

— (2005), Filosofia e storiografia, a cura di S. Maschietti, Napoli, Bibliopolis.

— (2006), Saggio sullo Hegel, a cura di A. Savorelli, Napoli, Bibliopolis.

— (2011), Discorsi di varia filosofia, a cura di A. Pignani, Napoli, Bibliopolis.

De Sanctis, Francesco (1964), Storia della letteratura italiana, a cura di M.T. Lanza, Milano, Feltrinelli.

Descartes, René (1964-1974), Œuvres, éd. par Ch. Adam et P. Tannery, nouv. présent. par J. Beaude, P. Costabel, A. Gabbey et B. Rochot, 11 vols., Paris, Vrin.

Galasso, Giuseppe (2015), La memoria, la vita, i valori. Itinerari crociani, Bologna, Il Mulino.

Lomonaco, Fabrizio (2003), « Croce e l’estetica di Gravina », in Croce filosofo. Atti del Convegno internazionale di studi in occasione del 50° anniversario della morte, a cura di G. Cacciatore, G. Cotroneo e R. Viti Cavaliere, Soveria Mannelli, Rubbettino, II, p. 455-474.

Maggi, Michele (1998), La filosofia di Benedetto Croce, Napoli, Bibliopolis.

Piaia, Gregorio (2003), « Noterelle su Croce storico della filosofia », in Croce filosofo. Atti del Convegno internazionale di studi in occasione del 50° anniversario della morte, a cura di G. Cacciatore, G. Cotroneo e R. Viti Cavaliere, Soveria Mannelli, Rubbettino, II, p. 723-731.

Rizi, Fabio Fernando (2016), « Antifascismo », in Lessico crociano. Un breviario filosofico-politico per il futuro, a cura di Rosalia Peluso, Napoli, La scuola di Pitagora, p. 57-99.

Rizzo, Francesca (2003), « La teoria dell’errore in Benedettto Croce », in Croce filosofo. Atti del Convegno internazionale di studi in occasione del 50° anniversario della morte, a cura di G. Cacciatore, G. Cotroneo e R. Viti Cavaliere, Soveria Mannelli, Rubbettino, II, p. 533-555.

Rodis-Lewis, Geneviève (1993), Regards sur l’art, préface de J.-R. Armogathe, Paris, Beauchesne.

Valéry, Paul (2007), Varietà, a cura di S. Agosti, Milano, SE.

Van Wymeersch, Brigitte (1996), « L’esthétique musicale de Descartes et le cartésianisme », Revue Philosophique de Louvain 94, 2, p. 271-293.

Haut de page

Notes

1 Benedetto Croce (1965), Estetica come scienza della espressione e linguistica generale, XI edizione, Bari, Laterza, p. 224-241.

2 Benedetto Croce (1965), Estetica, p. 224. Cfr. Descartes a Balzac, 15 aprile 1631, in René Descartes (1964-1974), Œuvres, éd. par Ch. Adam et P. Tannery, nouv. présent. par J. Beaude, P. Costabel, A. Gabbey et B. Rochot, 11 vols., Paris, Vrin (=AT), I, p. 199. Ma letteralmente è dei sensi (« mes sens ») e non della poesia che Descartes qui sta parlando. In nota Croce rimanda genericamente alle lettere di Descartes a Balzac e alla principessa Elisabetta. Se avesse considerato altri testi, come vedremo più avanti, sarebbe potuto giungere a conclusioni diverse.

3 Benedetto Croce (1965), Estetica, p. 224-225.

4 Benedetto Croce (1965), Estetica, p. 228.

5 Benedetto Croce (1965), Estetica, p. 229.

6 Benedetto Croce (1965), Estetica, p. 237-242. Un ruolo chiave, per Croce, « l’italiano » Vico lo svolge non solo nell’estetica, ma nella filosofia in generale, cfr. Benedetto Croce (1996), Logica come scienza del concetto puro, a cura di G. Sasso, Napoli, Bibliopolis, p. 361 : « L’opposizione all’astrattismo non fu rappresentata nel secolo decimosettimo, e per gran parte del decimottavo, se non da pensatori poco sistematici […]. Un solo profondo e sistematico pensatore rappresentò l’opposizione all’astrattismo e al cartesianismo, l’italiano Giambattista Vico, il quale, prima e più chiaramente dello Hamann, intravide l’unità di filosofia e storia ».

7 Benedetto Croce (1997), La filosofia di Giambattista Vico, a cura di F. Audisio, Napoli, Bibliopolis, p. 13-14. L’attacco a Descartes e Malebranche perché concepiscono la fantasia come una potenza che insidia l’intelletto, sulle orme di Vico, è anche in « La storia considerata come scienza » (1902), in Benedetto Croce (1951), Primi saggi, Bari, Laterza, p. 173.

8 « Differenza dello storicismo hegeliano dallo storicismo nuovo » (1942), in Benedetto Croce (2011), Discorsi di varia filosofia, a cura di A. Pignani, Napoli, Bibliopolis, I, p. 119.

9 « Il primato del fare » (1947), in Benedetto Croce (2005), Filosofia e storiografia, a cura di S. Maschietti, Napoli, Bibliopolis, p. 16.

10 « In Bacone e in Cartesio […] il mondo moderno si scioglie da tutti gli elementi scolastici e mistici, da tutt’i preconcetti, e si afferma in forme nette e recise. Perciò Galileo, Bacone, Cartesio sono i veri padri del mondo moderno, la coscienza della nuova scienza. […] Cartesio col suo “de omnibus dubitandum” riassume il lato negativo del nuovo movimento, togliendo ogni valore all’autorità e alla tradizione; e col suo “cogito, ergo sum” pone la prima pietra alla costruzione dell’edificio, inizia l’affermazione » (Francesco De Sanctis (1964), Storia della letteratura italiana, a cura di M.T. Lanza, Milano, Feltrinelli, II, p. 718-719). Croce curò la prima edizione critica della Storia della letteratura italiana di De Sanctis (Bari, Laterza, 1912).

11 Francesco De Sanctis (1964), Storia della letteratura italiana, p. 719-720.

12 In generale sul rapporto di Croce con la cultura francese contemporanea, v. G. Galasso (2015), La memoria, la vita, i valori. Itinerari crociani, Bologna, Il Mulino, p. 329-363.

13 Benedetto Croce (1948-1949), Nuove pagine sparse, Napoli, Ricciardi, II, p. 129.

14 Benedetto Croce (1948-1949), Nuove pagine sparse, I, p. 215.

15 Il problema di pensare correttamente i concetti di forma e contenuto dell’opera d’arte, nonché il loro rapporto, è uno dei nuclei tematici dell’estetica che Croce tornò più spesso a rielaborare, cfr. Carlo Antoni (1964), Commento a Croce, Venezia, Neri Pozza, p. 156-172.

16 Benedetto Croce (1948-1949), Nuove pagine sparse, p. 215-216 ; v. ancora ivi, p. 221.

17 Benedetto Croce (1953), La poesia. Introduzione alla critica e storia della poesia e della letteratura, V edizione, Bari, Laterza, p. 58.

18 « Valéry e Cartesio » (1947), in Benedetto Croce (1948-1949), Nuove pagine sparse, I, p. 260.

19 Il metodo, afferma Valéry, « implica una fede e una fiducia di fondo in se stessi, vale a dire altrettante condizioni indispensabili per distruggere la fede e la fiducia nell’autorità delle dottrine istituite », e in questo risiede « un interesse più reale e un’importanza attuale (o, piuttosto, di perenne attualità) maggiore di quanto io non ne abbia trovata nell’esame e nell’approfondimento della metafisica cartesiana » (« Immagine di Descartes », in Paul Valéry (2007), Varietà, a c. di S. Agosti, Milano, SE, p. 50-51).

20 « A me pare che [Sartre] come altri pensatori del lignaggio al quale appartiene, tra i quali lo Husserl e lo Heidegger, siano indagatori spesso sottili delle operazioni dell’anima, ma storicamente, per così dire, “spaesati”. Per loro, la rivoluzione filosofica che, iniziata in Italia ai primi del settecento, più intensamente si svolse dal Kant allo Hegel, è come se non fosse stata: essi riprendono quei problemi da capo, o, magari, come fa il Sartre, riattaccandosi al solo Cartesio, nel che c’è dell’angustia nazionalistica » (« Impressioni su Sartre », in Benedetto Croce (1948-1949), Nuove pagine sparse, II, p. 126). L’importanza dei filosofi italiani e tedeschi trascurati dagli esistenzialisti sta nel fatto che «in essi la mente umana si avviò verso una spiritualità che unifica terra e cielo, ideale e reale nella concezione della storia, e a tal fine venne tentando una nuova logica, che si chiamò dapprima la sintesi a priori kantiana e poi la dialettica hegeliana: tutte cose delle quali Cartesio non sapeva nulla » (ibid.).

21 « Ogni volta che mi si mette davanti una pagina del Valéry sono indotto a stupire dell’ammirazione che egli suscita come profondo pensatore » (« Valéry e Cartesio », in Benedetto Croce (1948-1949), Nuove pagine sparse, I, p. 260).

22 Benedetto Croce (1996), Logica, p. 360-361.

23 Geneviève Rodis-Lewis (1993), Regards sur l’art, préface de J.-R. Armogathe, Paris, Beauchesne, p. 102.

24 Geneviève Rodis-Lewis (1993), Regards sur l’art, p. 151-153. Sul tema v. anche Brigitte Van Wymeersch (1996), « L’esthétique musicale de Descartes et le cartésianisme », Revue Philosophique de Louvain 94, 2, p. 271-293.

25 Benedetto Croce (1996), Filosofia della pratica. Economica ed etica, a cura di M. Tarantino, Napoli, Bibliopolis, p. 85-86. Sono cioè, in quanto strumenti adatti a fini, come la classificazione e l’ordinamento delle esperienze, da ascrivere all’attività pratica dello spirito, quindi «pseudoconcetti» e non concetti puri, ovvero filosofici.

26 Benedetto Croce (1920), « L’ideale del Corneille », La Critica, 18, p. 19.

27 René Descartes, Passions de l’âme, § 211, AT, XI, p. 485-486 : « nous voyons qu’elles sont toutes bonnes de leur nature, et que nous n’avons rien à éviter que leurs mauvais usages ou leurs excès ».

28 Benedetto Croce (1996), Filosofia della pratica, p. 202. Del resto qui fa ostacolo l’articolazione profondamente diversa del rapporto fra passioni e volontà nel pensiero di Croce, per il quale la volontà, in virtù dell’unità e concretezza dello spirito, in ultima analisi è essa stessa passione (ivi, p. 158).

29 Michele Maggi (1998), La filosofia di Benedetto Croce, Napoli, Bibliopolis, p. 12.

30 Benedetto Croce (2006), Saggio sullo Hegel, a cura di A. Savorelli, Napoli, Bibliopolis, p. 77.

31 « La verità, tutta la verità, è in Hegel come fu già tutta in Fichte o in Kant o in Leibniz o in Cartesio o in Aristotele o in Platone; e non si fermò in nessuno di costoro, come (checché pensino gli hegeliani ortodossi) non si è fermata in Hegel, esonerando i posteri del dovere di pensare e dando loro tutt’al più quello di ripensare il pensato e di commentarlo » (Benedetto Croce (2006), Saggio sullo Hegel, p. 163). Cfr. anche Benedetto Croce (1991), Il carattere della filosofia moderna, a cura di M. Mastrogregori, Napoli, Bibliopolis, p. 7 : « il pensatore, finché vive e pensa, non coglie se non un fuggevole respirio di riposo, ed è presto richiamato al suo tormento e alla sua gioia, al lavoro della critica e del pensiero, che fu dei suoi predecessori, che sarà dei suoi successori ».

32 Benedetto Croce (2006), Saggio sullo Hegel, p. 83.

33 Benedetto Croce (2006), Saggio sullo Hegel, p. 75. Cfr. la recensione di Croce all’articolo di Heinz Heimsoeth « Zur Ontologie des Realitätsschichten in der französischen Philosophie » (Blätter zur deutschen Philosophie, 1939, 13, p. 251-276), in La Critica, 39, 1941, p. 300 : « Se il Descartes non avesse rigidamente contrapposto la realtà pensante alla raltà estesa, non avrebbe dato principio, nella filosofia dei due secoli seguenti, alla ricerca del rapporto tra pensiero ed estensione, che via via si è tramutata e inverata nell’altra, di carattere logico, del rapporto di filosofia e scienza ».

34 Benedetto Croce (2006), Saggio sullo Hegel, p. 76.

35 « Per Cartesio materia ed estensione si congiungono in Dio, in maniera incomprensibile » (Benedetto Croce (2006), Saggio sullo Hegel, p. 36).

36 Benedetto Croce (1965), La storia come pensiero e come azione, p. 62.

37 Francesco De Sanctis, Storia della letteratura italiana, p. 740, dove cita Giambattista Vico, Principi di scienza nuova, I, 11.

38 Benedetto Croce (1997), La filosofia di Giambattista Vico, p. 34-35.

39 Benedetto Croce (1997), La filosofia di Giambattista Vico, p. 46.

40 « La polemica di Cartesio contro l’autorità si era provata, per alcuni rispetti, benefica, avendo scosso la troppo vile servitù di star sempre sopra l’autorità » (Benedetto Croce (1997), La filosofia di Giambattista Vico, p. 19).

41 « Aesthetica in nuce » (1928), in Benedetto Croce (1951), Filosofia, poesia, storia, Napoli, Ricciardi, p. 217 ; « Iniziazione all’estetica del Settecento » (1933), in Filosofia, poesia, storia, p. 404.

42 « Aesthetica in nuce » (1928), in Filosofia, poesia, storia, p. 220.

43 « Gianvincenzo Gravina, l’Accademia dei Luminosi, e l’anticasistica » (1925), « Decadenza italiana » (1925), « Vita morale italiana del Seicento » (1928), ma anche « L’Arcadia » (1945), tutti raccolti in Benedetto Croce (1951), Filosofia, poesia, storia.

44 Cfr. Fabrizio Lomonaco (2003), « Croce e l’estetica di Gravina », in Croce filosofo. Atti del Convegno internazionale di studi in occasione del 50° anniversario della morte, a cura di G. Cacciatore, G. Cotroneo e R. Viti Cavaliere, Soveria Mannelli, Rubbettino, II, p. 471-472.

45 « L’Arcadia », in Benedetto Croce (1951), Filosofia, poesia, storia, p. 950-951.

46 Sul tema v. Francesca Rizzo (2003), « La teoria dell’errore in Benedettto Croce », in Croce filosofo, II, p. 554.

47 Benedetto Croce (1996), Filosofia della pratica, p. 61.

48 Benedetto Croce (1996), Filosofia della pratica, p. 60.

49 Benedetto Croce (1996), Filosofia della pratica, p. 122-123.

50 « L’affermazione era, per Cartesio, atto di volontà, nel che è forse lo sbaglio di lui e di coloro che l’hanno seguìto in questa teoria (come il Rosmini): nell’avere, cioè, scambiato l’affermazione, che è teoretica, con la comunicazione, che è pratica » (Filosofia della pratica, p. 122). Qui Croce cita Descartes, Méditations métaphysiques, AT, IX, p. 45 («Car par l’entendement seul je n’assure ni ne nie aucune chose, mais je conçois seulement les idées des choses, que je puisse assurer où nier») e AT, IX, p. 46 (« D’où est-ce donc que naissent mes erreurs ? C’est à savoir de cela seul que, la volonté étant beaucoup plus ample et plus étendue que l’entendement, je ne la contiens pas dans les mêmes limites, mais que je l’étends aussi aux choses que je n’entends pas ; auxquelles étant de soi indifférente, elle s’égare fort aisément, et choisit le mal pour le bien, ou le faux pour le vrai. Ce qui fait que je me trompe et que je pèche »).

51 Ricordando quegli anni, nell’avvertenza alla seconda edizione delle sue Pagine sulla guerra (1927), Croce indicherà i motivi che lo animavano nella « difesa del comune patrimonio civile e della comune opera del pensiero e dell’arte tra i contrasti e le lotte politiche e guerresche dei popoli. Congiunta a quel motivo andava l’indignazione contro gli uomini di scienza, che presero allora a falsificare la verità sotto pretesto di servir la patria o il partito politico, ma in effetto per loro piccolezza di mente e bassezza d’animo, e iniziarono quel mal abito, che grava ora dappertutto, e contro il quale è stata testé coniata la formula fortunata della trahison des clercs ».

52 Si vedano ad es. « Il posto di Hegel nella storia della filosofia », in Benedetto Croce (1991), Il carattere della filosofia moderna, p. 46 ; « Soliloquio di un vecchio filosofo », in Benedetto Croce (2011), Discorsi di varia filosofia, a cura di A. Penna e G. Giannini, Napoli, Bibliopolis, II, p. 288 ; « Note di logica », in Discorsi di varia filosofia, II, p. 327.

53 Si veda ad es. La storia come pensiero e come azione (1938) : « Gran parte del fastidio che si avverte oggi contro la razionalità, si deve appunto a questo affetto per il torbido, per il sensuale, per il bestiale e belluino, ad una sorta d’idoleggiata ribellione del basso verso l’alto dell’uomo. Tenendosi lungi non meno da siffatta odierna sostituzione della ragione col libito, come da quella settecentesca che metteva in suo luogo il più o meno vacuo formalismo raziocinante, sarà, dunque, da rendere omaggio alla Ragione […] e rimettere nel dovuto onore la parola “razionalismo” » (Benedetto Croce (1965), La storia come pensiero e come azione, p. 219). Cfr. su questo anche Michele Maggi (1998), La filosofia di Benedetto Croce, p. 270.

54 « Note di storia della filosofia », in Benedetto Croce (2011), Discorsi di varia filosofia, II, p. 501.

55 « La filosofia ha sempre l’origine sua nel moto della vita » (« Suggestioni dell’estetica per riforme in altre parti della filosofia », in Benedetto Croce (1991), Il carattere della filosofia moderna, p. 80).

56 « Filosofia moderna e filosofia dei tempi », in Benedetto Croce (1991), Il carattere della filosofia moderna, p. 241.

57 Benedetto Croce (1991), Il carattere della filosofia moderna, p. 242.

58 Su quest’ultimo punto cfr. anche Gregorio Piaia, « Noterelle su Croce storico della filosofia », in Croce filosofo, II, p. 723-731.

59 « La grande superiorità della filosofia italiana del Rinascimento rispetto alla francese, secondo Gabriele Naudé », in Benedetto Croce (1948-1949), Nuove pagine sparse, I, p. 268.

60 « Il nuovo concetto della vita », in Benedetto Croce (1928), Pagine sulla guerra, Bari, Laterza, p. 145.

61 Fabio Fernando Rizi (2016), « Antifascismo », in Lessico crociano. Un breviario filosofico-politico per il futuro, a cura di Rosalia Peluso, Napoli, La scuola di Pitagora, p. 71.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

Giuliano Gasparri, « Figure di Descartes nell’opera di Benedetto Croce », Methodos [En ligne], 18 | 2018, mis en ligne le 12 mars 2018, consulté le 24 avril 2018. URL : http://journals.openedition.org/methodos/5056 ; DOI : 10.4000/methodos.5056

Haut de page

Auteur

Giuliano Gasparri

Université de Enna « Kore »

Haut de page

Droits d’auteur

Licence Creative Commons
Les contenus de la revue Methodos sont mis à disposition selon les termes de la Licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Haut de page
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • Logo UMR Savoirs, Textes, Langage
  • Logo CNRS - INSHS
  • Logo Université de Lille
  • OpenEdition Journals