Navigazione – Mappa del sito

HomeRichiesta di contributiRichiesta di contributi - chiusoCall Mimesis Journal

Call Mimesis Journal

Drammaturgia, Teatro, Danza, Performance LGBTQ+ in Italia.

È stato ampiamente dimostrato che il genere è un utile strumento epistemologico per la storiografia dello spettacolo, da un lato perché la costruzione storica, culturale e sociale delle caratteristiche del maschile e del femminile passa attraverso la dimensione performativa [J. Butler, Questione di genere. Il femminismo e la sovversione dell’identità (1990), Laterza, Roma-Bari 2013]; dall’altro perché il genere è una categoria in grado di mettere in discussione i saperi storici consolidati e la loro trasmissione, relativizzando lo sguardo e smascherando le posizioni ideologiche.

Partendo dalla convinzione che la problematica dell’identità di genere «opera come una categoria ordinatrice e organizzatrice delle relazioni sociali» [P. Di Cori, Introduzione, in Ead. a cura di), Altre storie. La critica femminista alla storia, Clueb, Bologna 1996, p. 27] ed è una prospettiva di ricerca decisamente aperta e disponibile a cogliere un continuum sempre problematico e in divenire dei processi di costruzione identitaria all’interno della società, ci si domanda come essa abbia influito sulle forme storiche e contemporanee dello spettacolo.

La presenza di temi, persone e storie LGBTQ+ nello spettacolo dal vivo in Italia è un campo che deve essere ancora analizzato e discusso. Sebbene l’esperienza del teatro militante sia già stata oggetto di ricerche documentali e riflessioni teoriche, un quadro più articolato dei rapporti tra produzione teatrale, drammatica, danza e performance con la presenza omosessuale è tuttavia assente.

Lo spettacolo dal vivo sì è spesso intrecciato in modo significativo con la vita delle persone omosessuali. Nel Novecento è stato spesso un luogo in cui riconoscersi, uno spazio di riflessione, una tribuna per affermare le proprie libertà. In alcuni casi la tematica omosessuale è stata oggetto di discussione palese, in altri si è trattato magari di sottintesi o accenni rivolti a un pubblico capace di comprenderli.

Il gioco del travestimento, la messa in gioco del modello virile o femminile, la parodia dei generi, possono essere segnali di un codice che, anche in anni più lontani, il palcoscenico (tra prosa, danza, varietà, ecc.) si mostrava permeabile al discorso sull’omosessualità. Quali sono gli eventi significativi in questo contesto? Quale è stata la ricezione da parte del pubblico?

La stagione della liberazione omosessuale ha prodotto un vero e proprio filone di teatro LGBTQ+? Esiste un teatro queer nello spettacolo dal vivo in Italia? Possiamo riconoscere i codici di una cultura elaborata nella comunità LGBTQ+ all’interno delle performance del secolo appena passato?

La presenza omosessuale nel Novecento italiano, al di là delle opere, delle figure e degli spettacoli sui quali la saggistica ha concentrato la propria attenzione, rappresenta una questione vasta, ma solo parzialmente indagata.

Mimesis Journal invita a inviare proposte per interventi in lingua italiana di natura storica (non solo in prospettiva contemporaneista) e/o teorica su questi temi. Gli articoli saranno raccolti in un numero monografico (dicembre 2021) curato da Antonio Pizzo.

Inviare la proposta a mimesis@unito.it, in forma di una breve sintesi i(300 parole circa) corredata da una breve nota biografica dell’autore/autrice.

La scadenza per presentazione delle proposte è 30 dicembre 2020.

Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search