Navigation – Plan du site

AccueilPrésentationInvito a contribuireQuestioni di stile

Questioni di stile

Invito a contribuire Perspectives médiévales n. 43

Texte intégral

1Il prossimo numero di Perspectives médiévales si concentrerà sugli studi di stile nei testi medievali. Non si tratterà di ripercorrere una storia di della questione, ma di riprenderla interamente.
L'interrogazione di Robert Martin, molto cauta pero senza appello, nel suo recente articolo sul posto da riservare agli studi di stile nelle edizioni testuali potrebbe ben servire come preliminare a quest'invito a contribuire:

In totale, una sezione stilistica ha un posto nella pubblicazione di testi? Assolutamente si: mostrando come la scrittura è messa al servizio di uno scopo, un approccio di questo tipo può portare al cuore del testo. Se gli piace all'editore, può così dare un contributo illuminante. (“Une place pour la stylistique dans les éditions de texte”, in Fr. Duval, C. Guillot-Barbance, F. Zinelli, dir., Les Introductions linguistiques aux éditions de texte, Paris, Classiques Garnier, 2019, p. 323)

2È infatti ai medievalisti, ma anche e oltre agli stilisti interessati al Medioevo, che si rivolge quest'invito.
Vorremmo poter rendere conto della molteplicità dei punti di vista esistenti sul modo di considerare le questioni di stile, sul loro interesse o sulla loro efficacia nell'entrare nel vivo del testo, dove vediamo che la forma e il significato sono certamente legati profondamente, anche in epoca medievale, quando la stilistica diventa “il luogo privilegiato dove la storia letteraria può diventare storia di forme, generi e problemi estetici, potendo contare sull'analisi linguistica dei testi” (Fr. Rastier, “Vers une linguistique des styles”, L'Information grammaticale, 89, 2001, p. 3). In che modo gli studi di stile sui testi medievali possono essere una risorsa per far emergere una lettura, un significato e una rappresentazione del mondo offerti dalla scrittura?
Tra i percorsi possibili ma non esaustivi, la riflessione, teorica e pratica, sincronica e diacronica, potrebbe essere orientata in quattro direzioni.

3Storia e teoria
Lo stile dei testi medievali può essere apprezzato in termini di stilistica storica. L'esame dei trattati di grammatica e retorica, eventualmente di dialettica, che scandiscono il periodo medievale è favorevole alla conoscenza dell'estetica dominante in sincronia; confrontando queste opere tra loro o con le loro fonti si evidenziano le evoluzioni in atto nella diacronia. Inquadrando e orientando la scrittura verso luoghi auspicati, suggeriti, possibili, anche teoricamente vietati, con originalità ristretta o dispiegata, questi trattati consentono di cogliere lo stile collettivo in quanto fondato su una base di precetti comunemente insegnati e codificati per specifici lettori. Saremo interessati non solo alle formulazioni o agli approcci un po' stereotipati che ne derivano nella pratica dei testi, ma anche ai generi letterari espliciti o sottesi a cui si rivolge, al di là del necessario passaggio da operare, talvolta, dal latino al volgare; potremmo chiederci se questo passaggio è facile, se necessario, se richiede aggiustamenti, se è semplicemente impossibile...
Assi previsti:

  • esame e confronto di trattati di grammatica e retorica, anche di dialettica, in diacronia e sincronia;

  • luoghi teorici auspicati, suggeriti, vietati; estetica dominante o minoritaria; stile collettivo;

  • generi letterari mirati, espliciti o sottesi;

  • multilinguismo, circolazione tra latino e volgare.

4Studio della varianza testuale
A metà tra l'asse precedente e il successivo, il movimento manoscritto scaglionato nel tempo potrebbe costituire un secondo angolo di attacco, perché il suo esame è in grado di offrire preziose indicazioni non solo sul target di riferimento, sul o sui copisti, ma anche sulle variazioni dei modi di estetica calibrati sugli insegnamenti, su un modo di scrivere o di pronunciare in un dato momento, sul gioco delle lettere e dei suoni o, più sottilmente, sugli influssi che un testo copiato all'interno della stessa raccolta manoscritta subisce dagli altri testi che vi sono copiati: pur alimentando la stilistica storica, tali opere consentono di individuare e rimuovere i vari filtri che ci allontanano dalle scelte iniziali dello scrittore, di accedere allo stile di un autore o genere e di comprendere le diverse letture che possono essere state fatte da testi medievali in epoca medievale.
Assi previsti:

  • movimento manoscritto (in diacronia);

  • modi e maniere di scrivere (in sincronia);

  • luogo e ruolo del copista nella formazione dello stile;

  • ortografia, oralità e vocalità;

  • stile dell'autore, genere, raccolta;

  • varianti e ricezione.

5Strumenti e criteri
In una prospettiva plurale, capace di aggirare oltre che di svelare le distorsioni metodologiche che sembrano impedire un consenso, vorremmo dare ascolto a casi di studio basati sulla filologia, sulla conoscenza della lingua, e realizzati secondo diverse tipologie di stili, che saranno idonei ad evidenziare, da un lato, forme marcate, individuabili per la loro rilevanza qualitativa o quantitativa nel discorso, e, dall'altro, la necessità, magari, di strumenti specifici o mirati per ottenere i benefici desiderati quando avvicinarsi da un punto di vista stilistico a un testo medievale: se il riconoscimento degli stili dei generi prevale nelle opere rispetto a quello degli stili degli autori, i due sono tuttavia effettivamente interdipendenti, lo sviluppo dello stile individuale, che si sente nella convergenza di alcune forme portatrici di significato, essendo favorito da alcuni generi più di altri.
Assi previsti:

  • casi di studio;

  • strumenti stilistici contemporanei efficaci o carenti;

  • analisi quantitative e qualitative;

  • stile di genere, stile d'autore.

6Stilistica del verso e della prosa
Le forme di scrittura in versi e in prosa possono orientare la riflessione. Per quanto riguarda i versi, i filologi e gli editori di testi sanno bene che l'esame della metrica o della rima fornisce preziosi insegnamenti sugli insegnamenti che possono essere attribuiti all'autore, piuttosto che al copista, e aiuta a identificare un'area geografica, in un momento della storia. Tuttavia, i medievalisti hanno la tendenza a fare affidamento su studi ormai antichi che è importante aggiornare, confermare o invalidare, integrare e chiarire su grandi corpora. Saranno quindi ben accetti studi, preferibilmente in prospettiva e ricontestualizzati, relativi al metro, alle rime, alla rottura di distici ottosillabici, alle sequenze, alle forme fisse, ai fenomeni ritmichi basati sulla sillabazione, sui tagli o su uno spartito musicale. Dal lato della prosa, il confronto tra prosa “nativa” (nata come tale) e prosa “di derivazione” (parafrasi di un testo in versi) ci permette di affinarne la comprensione e l'analisi? La lingua e le sue strutture agiscono discriminantemente sui versi e sulla prosa al punto che si possono distinguere non solo stili, ma anche stilistiche differenziate dal verso e dalla prosa? In diacronia, come fanno le evoluzioni del linguaggio tra il XIII e il XV secolo a modulare e riorientare le pratiche di scrittura? La formattazione materiale dei testi in prosa e in versi, le loro modalità di lettura e ricezione, influenzano la distinzione tra stile del verso e stile della prosa?
Assi previsti:

  • contesto materiale, condizioni di ricezione del testo e costruzione dello stile;

  • studio di metri, rime, forme fisse, rotture di distici, ritmi, pause, ecc.;

  • manoscritti musicali e interazioni tra musica e prosodia;

  • interazioni e confini tra verso e prosa, esame della parafrasi.

7I progetti di articoli (tra 6000 e 8000 caratteri + bibliografia) devono essere inviati congiuntamente entro il 1° ottobre 2021 a:

8Gli articoli possono essere scritti in francese, inglese o italiano. La procedura di selezione è descritta qui.
Calendario:

  • 1° ottobre 2021: presentazione della proposta.

  • 1° dicembre 2021: parere del comitato scientifico della rivista.

  • 1° marzo 2022: presentazione dell'articolo da sottoporre al comitato scientifico per la correzione.

  • 1° maggio 2022: restituzione dell'articolo esaminato dal comitato scientifico.

  • 1° giugno 2022: consegna della versione finale dell'articolo.

  • 1° luglio 2022: pubblicazione del numero online sul sito internet della rivista.

Haut de page

Pour citer cet article

Référence électronique

« Questioni di stile »Perspectives médiévales [En ligne], Invito a contribuire, mis en ligne le 15 juillet 2021, consulté le 18 octobre 2021. URL : http://journals.openedition.org/peme/42790

Haut de page

Droits d’auteur

© Perspectives médiévales

Haut de page
Rechercher dans OpenEdition Search

Vous allez être redirigé vers OpenEdition Search