Skip to navigation – Site map

HomeNuméros19Comptes rendusAndré Laks, The Concept of Presoc...

Comptes rendus

André Laks, The Concept of Presocratic Philosophy. Its Origins, Development and Significance, translated by Glenn Most

Princeton University Press, Princeton & Oxford 2018, 152 p., ISBN pb 978-0-69119-148-5 / E-book 978-1-40088-791-0.
Roberta Ioli
p. 167-170
Bibliographical reference

André Laks, The Concept of Presocratic Philosophy. Its Origins, Development and Significance, translated by Glenn Most, Princeton University Press, Princeton & Oxford 2018, 152 p., ISBN pb 978-0-69119-148-5 / E-book 978-1-40088-791-0.

Full text

1Con The Concept of Presocratic Philosophy viene pubblicata la traduzione inglese, curata da Glenn Most, di un breve e densissimo saggio di André Laks, apparso in Francia nel 2006 per Presses Universitaires de France con il titolo Introduction à la “philosophie présocratique”.

2La finalità del libro, come l’autore sottolinea nella Prefazione, è di indagare le circostanze intellettuali e culturali che hanno fatto sì che alcuni pensatori d’età arcaica, dal profilo tutt’altro che omogeneo, fossero indicati come “presocratici” all’interno di una tradizione di studi longeva, se pensiamo che vorsokratische Philosophie è espressione utilizzata per la prima volta da J.-A. Eberhard nel 1788, e ancor oggi in uso. Solo retrospettivamente questi pensatori furono detti “filosofi” e “presocratici”, ma è importante chiedersi se e fino a che punto tale designazione sia legittima, e quali ne siano i presupposti metodologici e filosofici.

3Che il problema sia tuttora oggetto di un acceso dibattito è evidente nel panorama degli studi più recenti. Nell’edizione di J. Mansfeld e O. Primavesi (Die Vorsokratiker, Stuttgart, 2011), i sofisti sono esclusi dalla collezione dei presocratici (e così pure in Die Vorsokratiker di L. Gemelli Marciano), mentre nell’edizione di A. Laks e G. Most (Les Débuts de la philosophie, Paris, 2016 / Early Greek Philosophy, Cambridge, MA 2016), che utilizza con estrema parsimonia il termine “presocratici”, vengono inclusi i sofisti, e Socrate tra di loro. Molti studiosi si sono interrogati sull’opportunità del definire filosofi i pensatori d’età arcaica, privilegiando ora il termine “saggi”, ad esempio a proposito di Pitagora, Eraclito e Senofane, ora “scienziati”, per Anassimandro e Anassimene, ora “sciamani”, in riferimento a Empedocle e Parmenide. Infine, i più recenti contributi di Livio Rossetti (tra cui La filosofia non nasce con Talete e neppure con Socrate, Bologna, 2015) invitano a ripensare la filosofia prima di Platone e il suo statuto “virtuale”, con una rilettura anche del ruolo di Socrate all’interno del contesto culturale nel quale ha operato.

4Fin dal primo capitolo, Presocratics: Ancient Antecedents, Laks problematizza alcuni termini cruciali come physis, di cui distingue un’accezione più ampia e una circoscritta all’indagine dei naturalisti, e soprattutto la nozione di “presocratico”, il cui significato oscilla tra una designazione cronologica e una categoria storiografica più fluida. Sulla base delle interpretazioni antiche, vengono riconosciuti due principali orientamenti: secondo la tradizione socratico-ciceroniana, che privilegia il contenuto del pensiero, la filosofia abbandona con Socrate lo studio della natura per abbracciare quello dell’uomo, mentre seguendo la tradizione platonico-aristotelica, attenta soprattutto al metodo di indagine, Socrate rappresenta il passaggio da una filosofia delle cose a una dei concetti. Il Socrate di Aristotele, primo “filosofo della definizione”, è dunque iscritto all’interno di una tradizione che egli stesso contribuisce a rigenerare.

5A dominare nella storia del pensiero è stato il primo modello interpretativo, responsabile di una lettura dogmatica che attribuisce omogeneità alla filosofia presocratica, separandola nettamente da ciò che ne è seguito. Pur riconoscendo tutta l’ambiguità e insidiosità del termine “presocratico”, Laks ne segnala comunque l’utilità in quanto permette di assegnare lo stesso dominio a tutti i pensatori che hanno preceduto quell’innegabile spartiacque intellettuale che fu Socrate (ma proprio questo è un punto di vulnerabilità interpretativa su cui gli studiosi non concordano). Inoltre, ad accomunare i presocratici è per Laks la condizione frammentaria in cui sono giunti a noi il loro pensiero e le loro opere.

6Nel capitolo 2, Presocratics: The Modern Constellation, l’autore analizza le diverse accezioni in cui il pensiero moderno e contemporaneo ha inteso la parola “presocratico”. In modo particolare, viene approfondita la lettura di Nietzsche, che può essere considerato non solo l’inventore della moderna categoria storiografica dei presocratici, ma anche un’influente fonte di ispirazione per la successiva riflessione heideggeriana. A Nietzsche si deve soprattutto il superamento di un’interpretazione radicata nell’ambiguità del prefisso pre- che, oltre a presentare una valenza cronologica di per sé discutibile, ha soprattutto un valore teleologico, secondo cui il “dopo” è l’adempimento di un “prima” che ne è solo la preparazione.

7Recenti e opposte ipotesi interpretative sono discusse anche nel sesto e ultimo capitolo del libro, What Is at Stake. Il modello discontinuista è qui rappresentato dall’approccio fenomenologico di Gadamer, che emancipa il concetto di origine della filosofia dall’ipoteca di una lettura evoluzionista, rifiutando sia l’interpretazione aristotelica sia quella hegeliana. Il punto di fragilità riscontrato da Laks consiste nel fatto che Gadamer abbia quasi interamente trascurato il ruolo e la vitalità della dialettica e del confronto anche polemico esistente tra i presocratici.

8All’opposto si colloca la lettura di Cassirer, considerata da Laks come una delle migliori introduzioni alla filosofia presocratica sia per ricchezza di informazioni sia per pertinenza interpretativa. Cassirer è esponente di un atteggiamento storicista, che legge hegelianamente la storia della filosofia come storia dell’autocoscienza del logos, e individua nella vorattiche Philosophie la vitalità di alcune tappe fondamentali: se la filosofia ionica si sviluppa come “sostanzialista”, in una tensione dialettica tra universalità e immanenza, la riflessione “strutturalista” di Pitagora ed Eraclito tematizza, secondo Cassirer, il logos ora come misura, ora come armonia; se l’eleatismo è ontologia e, insieme, filosofia del logos, con i pensatori post-parmenidei si assiste alla conciliazione tra indagine sulla physis e riflessione su logos e verità.

9Il cuore del libro ruota attorno ai capitoli 3 e 5. Il capitolo 3, Philosophy, si interroga su una questione fondamentale per il pensiero antico, quella dello statuto della filosofia in quanto disciplina autonoma. Laks affronta il problema analizzando due polarità ricorrenti nell’interpretazione dei presocratici: quella tra mythos e logos da un lato, e tra razionalità scientifica e filosofica dall’altro. L’autore respinge le teorie illuministico-evolutive che sostengono una frattura inconciliabile tra mythos e logos e un esito teleologicamente compiuto nel trionfo del modello razionale. Inoltre, pur ammettendo il passaggio da una fase arcaica di non differenziazione tra i due discorsi (entrambi in grado di indicare sia il vero sia il falso) a una fase successiva in cui le due nozioni si ridispongono secondo il binomio narrazione/argomentazione, finzione/verità, Laks legge il paradigma della differenza in termini di distinzione funzionale, non sostanziale.

10Prima di Platone, anche la differenza tra scienza e filosofia era flessibile. Intorno a questa polarità si sono affermati due principali orientamenti, a seconda che si collochi la specializzazione della filosofia rispetto alla scienza intorno alla fine del VI secolo a.C., o invece si consideri tale separazione arbitraria e a posteriori. Si può tuttavia concordare sul fatto che solo con Platone “filosofia” diventi una disciplina specifica e dallo statuto autonomo, definito in opposizione ad altre forme di sophia. La difficoltà risiede principalmente nell’individuazione di uno specifico oggetto di interesse della filosofia, inafferrabile o difficilmente determinabile, a differenza di quanto avviene con la matematica, la medicina o l’astronomia.

11L’assenza di un’autoriflessione sul proprio statuto epistemico o di un termine distintivo per indicare una disciplina non significa che quella disciplina non esistesse. Filosofico - come opportunamente nota Laks - può dunque essere definito un particolare approccio intellettuale, ben prima dell’emergere del concetto corrispondente e della parola che lo definisce. I due parametri che per Laks caratterizzano, anche in età arcaica, una riflessione di tipo filosofico sono l’indagine sulla natura, condotta con un approccio “totalizzante”, e la prevalenza di un modello esplicativo razionale che si esprime preferibilmente nella forma dell’argomentazione. Inoltre, analizzando tre importanti testimonianze provenienti da ambiti concettuali diversi (Ippocrate, VM 20, Gorgia, Hel. 13 e Platone, Eutyd. 305c), Laks conclude che già in età preplatonica, e comunque intorno all’ultimo quarto del V secolo a.C., doveva esistere un’idea di filosofia come disciplina dallo statuto fluido eppure riconoscibile, associabile ora allo studio della natura, ora a un’attività di tipo dialettico o puramente teorico.

12Nel capitolo 4, Rationality, interrogandosi sull’essenza specifica della razionalità greca, Laks prende le distanze dalla posizione di J.-P. Vernant (Les Origines de la pensée grecque, Paris, 1962), per il quale l’origine della polis fu l’evento decisivo per la nascita del pensiero razionale. Laks non concorda sulla riduzione della razionalità alla categoria del politico, simboleggiata per Vernant dal kosmos di Anassimandro, paradigma perfetto della geometria della città. Infine, se per Vernant la politica funziona soprattutto come cornice o spazio pubblico che ha permesso alla razionalità greca di esprimersi, per Laks tale spazio funzionale allo sviluppo fu non solo politico, ma anche antipolitico (si pensi ad Eraclito), o transpolitico (come suggerisce il fenomeno del panellenismo, su cui molto ha scritto Gregor Nagy).

13Il capitolo 5, Origins, illustra con ricchezza di riferimenti la polisemia della nozione di “origine”, a seconda che sia intesa come punto di partenza, cioè fonte originaria di un fenomeno, omogenea al fenomeno stesso, o invece come suo principio e causa normativa. Il tema delle origini (o degli inizi, se si preferisce) è complesso e genera una varietà di ipotesi condizionate anche dalla definizione di filosofia via via proposta e dalla priorità attribuita, per citare solo un paio di esempi, ora a Talete, se si segue l’impostazione aristotelica, ora a Pitagora, in quanto fu il primo ad impiegare il termine philosophia. Resta costante, nella diversità delle posizioni, la questione storiografica di ciò che “segna un’epoca”, cioè ne interrompe la continuità a vantaggio di una nuova età. E allora Laks sembra inizialmente preferire, rispetto alla portata eroica della nozione di “inizi”, il concetto di limes proposto da H. Blumenberg (Die Legitimität der Neuzeit, Frankfurt am Main, 1966) che sostituisce, alla fissità granitica dei “punti di origine”, il valore di punti di riferimento più fluidi. D’altra parte, recuperando la riflessione di E. W. Saïd (Beginnings: Intentions and Methods, Baltimore, 1975), nel finale del capitolo Laks torna a sostenere la legittimità della nozione di “inizi”, assunta non in maniera normativa, ma come riconoscimento di una serie di eventi cruciali per la storia del pensiero di cui, se è impossibile stabilire un preciso incipit, è però possibile misurare la potenza degli effetti.

14Discutendo delicati nodi storiografici e metodologici, analizzando ambiguità e ricchezza di alcuni termini cruciali soprattutto per le conseguenze filosofiche della loro applicazione, The Concept of Presocratic Philosophy rilegge con acutezza gli aspetti problematici di una tradizione che attinge agli antichi ma rimane vitale per la filosofia contemporanea. La riflessione di Laks è rigorosa, circostanziata, e le sue risposte restituiscono, mai dogmaticamente, la complessità di un dibattito fondamentale non solo per la storia della filosofia, ma anche per il senso del fare filosofia oggi. Sullo sfondo resta la sottile nostalgia per la ricostruzione di un pensiero in gran parte perduto, ma ancora vivo per le questioni che ci pone e per le vie di ricerca che, come mostra Laks, restano tuttora inesplorate.

Top of page

References

Bibliographical reference

Roberta Ioli, “André Laks, The Concept of Presocratic Philosophy. Its Origins, Development and Significance, translated by Glenn Most”Philosophie antique, 19 | 2019, 167-170.

Electronic reference

Roberta Ioli, “André Laks, The Concept of Presocratic Philosophy. Its Origins, Development and Significance, translated by Glenn Most”Philosophie antique [Online], 19 | 2019, Online since 25 January 2019, connection on 24 February 2021. URL: http://journals.openedition.org/philosant/1861; DOI: https://doi.org/10.4000/philosant.1861

Top of page

About the author

Roberta Ioli

Università di Bologna/Università di Roma Tor Vergata

Top of page

Copyright

Licence Creative Commons
La revue Philosophie antique est mise à disposition selon les termes de la Licence Creative Commons Attribution - Pas d'Utilisation Commerciale - Pas de Modification 4.0 International.

Top of page
Search OpenEdition Search

You will be redirected to OpenEdition Search