Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri39teoria e ricercaA cosa servono le associazioni

teoria e ricerca

A cosa servono le associazioni

Davide La Valle
p. 73-97

Testo integrale

1. Introduzione

1Nello studio delle associazioni ha spesso prevalso la prospettiva «macro»: quel tipo di prospettiva, cioè, che guarda alle funzioni sistemiche svolte da questi gruppi sociali, soprattutto in campo economico e politico. Il filone principale della tradizione liberale, per esempio, è stato portato a giudicare in maniera negativa le associazioni proprio perché temeva gli effetti del loro operare sul funzionamento del mercato e così sull’economia. Mentre un altro filone della stessa tradizione, da Tocqueville in avanti, ha messo in rilievo gli aspetti positivi di questi gruppi per il sistema politico.

2La prospettiva macro prevale anche nella letteratura che si è sviluppata recentemente. Lo si può vedere in particolare nei lavori sul capitale sociale (a partire da Putnam 1997, 2000 e 2002); ma anche in quelli che erano stati dedicati a neocorporativismo e concertazione sociale, alla democrazia associativa, alla società civile.

3Meno si è guardato, e si guarda, alla dimensione micro. Forse perché è facile pensare che a questo livello la domanda «a cosa servono le associazioni?» non abbia una risposta di carattere generale, valida cioè per l’insieme di queste organizzazioni. In effetti, diversi tipi di associazioni servono agli individui per cose diverse: un sindacato per difendere i propri interessi di lavoratore, un gruppo di volontariato per aiutare gli altri, un’associazione di sportivi per praticare un’attività.

4Esistono però anche risposte micro che hanno carattere generale. Nella prima parte dell’articolo sviluppo una risposta di questo tipo, mentre nella seconda parte presento un test empirico dell’ipotesi teorica.

2. L’ipotesi teorica: associazioni, approvazione sociale e rispetto di sé

  • 1 Il precursore di questa scuola è Shaftesbury (1962 [1699]); il suo principale esponente è Hutcheson (...)

5Se cerchiamo nella storia del pensiero sociale il punto di partenza della prospettiva che voglio sviluppare, lo troviamo nella scuola dei sentimenti morali, nata nel Settecento per criticare le tesi utilitariste di Hobbes1. A interessarci è un aspetto particolare del lavoro di questa scuola: l’aver sottolineato come l’approvazione sociale sia un bene importante per gli individui, anche perché collegato alla stima di sé.

6D. Hume (1997 [1751], 175) ha notato come la dimensione morale dell’esistenza abbia una fonte sociale, legata al bisogno dell’individuo di vedere confermato dall’approvazione degli altri il giudizio che ha di se stesso. Chi non rispetta le regole della morale, rischia di perdere la fiducia e la considerazione degli altri e in questo modo di sacrificare «il godimento inestimabile della reputazione, quanto meno di fronte a se stessi» (187). Anticipando una tesi che sarà ripresa dalla sociologia, Hume ritiene che gli altri siano lo «specchio» in cui possiamo vederci; è la costante abitudine di guardarci in questo specchio che «mantiene vivi tutti i sentimenti del giusto e dell’ingiusto e produce, nelle nature nobili, quel certo rispetto per se stessi e per gli altri, che è il custode più sicuro di ogni virtù» (174).

7A. Smith (1981 [1759]) ha affinato quest’analisi rilevando come non tutta l’approvazione sociale abbia lo stesso valore. Scrive Smith (ma cfr. anche Hume, 1971 [1739], 337-338) che fonte di piacere per l’individuo non è qualsiasi tipo di approvazione ma l’approvazione che lo stesso soggetto, sulla base dei suoi criteri interni, ritiene appropriata. Ha particolare valore quell’approvazione che nasce da ciò che Smith, assieme al suo amico Hume, chiamava «simpatia»: quell’approvazione, cioè, che nasce da una genuina condivisione dei motivi che hanno generato l’agire. Perché l’approvazione di alter che non ha come origine i criteri di valutazione che sono anche di ego, ha meno importanza per quest’ultimo? Appunto perché è solo attraverso questa coincidenza che l’approvazione degli altri diventa una forma di validazione sociale del sé. In effetti, se sentiamo che gli altri ci lodano per qualità che sappiamo di non possedere, l’approvazione ricevuta potrà forse esserci utile ma non è fonte di quella soddisfazione che ci procurano le lodi degli altri che sappiamo meritate: proprio perché solo quest’ultima accresce – scrive Smith – la nostra «autostima», agendo quale forma di sostegno del sé.

8Quest’analisi ha aperto la strada alla comprensione dell’importanza che ha per l’individuo la disponibilità di relazioni sociali basate su standard culturali (in particolare valori, criteri di giudizio) condivisi. È in questa condizione, infatti, che l’interazione sociale dispensa – in maniera pressoché automatica – sostegni al sé: perché l’agire di ego che segue i criteri interiorizzati a formare la sua identità è destinato a incontrare l’approvazione degli altri (mentre, se i criteri non sono condivisi, l’agire di ego guidato dai propri standard è probabile susciterà la disapprovazione di alter). Un’idea che è contenuta – in maniera talora esplicita, talora implicita – in diversi filoni della teoria sociale contemporanea.

  • 2 Anche Taylor (1993, 43) ritiene che, poiché l’identità è plasmata dal riconoscimento, «un riconosci (...)

9Il primo di questi filoni è centrato sulla nozione di riconoscimento, interpretato come condizione di formazione dell’identità personale (gli autori principali che hanno lavorato a questo approccio sono Pizzorno, per esempio 2000; Taylor, 1993 [1992]; Honneth 2002 [1992]). Honnet in particolare, richiamandosi a Mead, scrive che è all’esperienza del riconoscimento da parte degli altri che corrisponde quella modalità dell’autorelazione «per la quale l’individuo può sentirsi sicuro del valore sociale della propria identità» (99)2.

  • 3 La proposta di Honneth ha elementi in comune con alcuni rami di ricerca della psicologia sociale: i (...)

10Questo nesso che lega la solidità del sé all’approvazione da parte degli altri, è usato da Honneth per spiegare diverse forme di partecipazione degli individui alla vita pubblica. Secondo Honneth, infatti, a essere in gioco nei conflitti e movimenti sociali della modernità sono quei principi che sostengono l’identità personale attraverso la distribuzione della stima sociale: la posta è costituita dai criteri di valutazione in base ai quali agli individui è attribuita considerazione. La capacità di azione collettiva dei gruppi serve ad accrescere «il valore o la considerazione dei loro membri nella società» (secondo Honneth, dato il forte nesso che collega reddito e stima sociale, pure i conflitti economici fanno parte della lotta per il riconoscimento; 154). Attraverso l’impegno in gruppi che si formano attorno a idee e valori condivisi, gli individui ottengono quella considerazione degli altri che contribuisce alla solidità del sé3.

11L’altro filone della letteratura contemporanea che ha applicato le intuizioni della scuola dei sentimenti morali alla dimensione associativa ha origine in Rawls (1982 [1971]; qui la mediazione principale è rappresentata da J. S. Mill, in particolare 1991 [1861], cap. 3; cfr. Rawls, 1982, 377). Nella Teoria della giustizia Rawls nota come un bene importante, forse «il bene principale più importante» (362) per gli individui, sia appunto il rispetto di sé. È un bene vitale perché, quando manca, ogni altra cosa perde valore per la persona: «in sua assenza può sembrare che niente meriti di essere fatto, oppure, se ci sono cose che hanno valore per noi, ci manca la volontà di lottare per ottenerle. Tutti i desideri e le attività diventano vuote, inutili …» (362; anche Elster – 1987, 22 – ha scritto che senza la stima di sé «nient’altro ha molto valore … la stima di sé è indispensabile per avere una motivazione ad andare avanti col mestiere di vivere»).

  • 4 Un termine, quello di «associazione», che Rawls usa nella sua accezione più vasta; per comprendere, (...)

12Come otteniamo questo bene? Per averlo, continua Rawls, è necessario che le persone che noi stimiamo e di cui amiamo la compagnia, apprezzino e convalidino ciò che facciamo. Da un certo punto di vista, è necessario che le persone traggano piacere da ciò che facciamo; appunto perché gli altri tendono a valutarci positivamente «soltanto se quello che facciamo suscita la loro ammirazione o procura loro piacere» (362). Da qui, per Rawls, l’importanza dei legami associativi4: della disponibilità, per ciascuna persona, di «qualche associazione (una o più di una) a cui essa appartiene e all’interno della quale le attività razionali per lei siano pubblicamente confermate dagli altri» (363).

13Non è necessario che l’attività dell’individuo raggiunga livelli di eccellenza; «quello che conta è che la vita interna di queste associazioni sia convenientemente regolata sulla base delle abilità e delle esigenze di coloro che vi appartengono, e che fornisca una solida base per il senso di valore personale dei loro membri. Il livello assoluto di realizzazione … è irrilevante» (363). «Quello che è necessario … è che ci sia per ciascuna persona almeno una comunità di interessi condivisi alla quale essa appartenga e dove i suoi tentativi siano convalidati dai suoi consociati» (363).

14Quest’idea di Rawls – l’ambito associativo ci serve perché fornisce la disponibilità di altri sui quali «… facciamo affidamento per una conferma del senso del nostro valore personale» (Rawls, 1982, 365) – è stata ripresa da N. Rosenblum (1998; anche da Warren, 2001): nelle associazioni gli individui trovano un luogo dove le loro concezioni di ciò che costituisce una «vita buona» sono sostenute dagli altri e dove per questo gli attori possono ottenere conferme all’immagine che hanno di loro stessi (Rosenblum, 1998, 61; Rosenblum chiarisce come non sia la semplice identificazione con l’associazione a essere fonte del rispetto di sé; lo è invece la partecipazione personale, l’impegno attivo; la stima degli altri è infatti funzione del contributo che il soggetto dà alla realizzazione degli obiettivi del gruppo).

15Questo ruolo delle associazioni assume una valenza particolare nella società moderna. Caratteristica della moderna democrazia pluralista è l’esistenza di una molteplicità di associazioni, che hanno fini diversi e chiedono cose differenti agli individui; questa molteplicità di associazioni accresce la capacità delle persone di trovare ambiti sociali «dove le loro specifiche capacità e talenti sono apprezzati» (Warren, 2001, 61). Nei sistemi sociali in cui opera un gran numero di associazioni esiste cioè una corrispondente «grande varietà di arene al cui interno ciascuna abilità può essere apprezzata e riconosciuta dagli altri» (74). La libertà di associazione che caratterizza la democrazia aumenta così gli spazi in cui le persone possono ottenere riconoscimento: la probabilità che ha ogni individuo di trovare un contesto sociale atto a nutrire la soddisfazione di sé.

16L’importanza delle associazioni è poi accentuata da un altro aspetto della modernità: lo sviluppo dell’economia di mercato. Il mercato è un meccanismo che produce, oltre che ricchezza, anche diseguaglianze. Queste disuguaglianze sono più sopportabili dagli individui in una società ricca di associazioni (63): perché queste ultime rappresentano reti di relazioni sociali che, proponendo scale di valutazione e così gerarchie interne di status basate non sul reddito ma sui criteri attorno a cui l’associazione ha avuto origine, possono agire come un fattore di compensazione.

17Si pensi per esempio a un’associazione sindacale: un sindacato è anche un sistema di relazioni dove i partecipanti ottengono dai compagni stima e rispetto in cambio del loro impegno. Un sindacato è dunque un ambito sociale dove certi torti percepiti nell’ambiente di lavoro possono non intaccare la percezione complessiva del proprio valore personale, proprio perché sono compensati da queste altre forme di riconoscimento. Anche un partito politico spesso è un ambito sociale dove valori e idee che non trovano realizzazione nel sistema sociale esterno, sono usati – in quanto condivisi dai membri – per la distribuzione della status interno; dunque un ambito dove chi crede in questi valori e agisce in modo a essi coerente, trova l’approvazione degli altri.

18Gli autori che ho citato notano peraltro come questo ruolo caratterizzi anche altri tipi di associazioni: per esempio un gruppo di sportivi, oppure di amanti della letteratura o ancora di persone che si dedicano al volontariato. Anche questi gruppi, in effetti, costituiscono ambiti sociali nei quali il senso del proprio valore personale può essere sostenuto; ambiti dove, attraverso la condivisione di determinati standard, idee e valori, si ottengono dagli altri forme di apprezzamento che alimentano la stima di sé. Un’associazione sportiva si forma perché i suoi membri hanno in comune la passione per una certa attività; proprio perché condivisa, all’interno dell’associazione quella passione è positivamente valutata; quel gruppo costituisce così un ambito di relazioni dove il sé dell’individuo trova negli altri una positiva sanzione sociale. Lo stesso accade in un’associazione di persone che condividono la passione per l’arte, la musica o la letteratura.

19Questo non vuol dire che un sindacato e un’associazione sportiva siano la stessa cosa (c’è una differenza in particolare che va tenuta presente: sindacati e partiti sono anche strumenti per cercare di non subire passivamente ciò che è percepito come un’ingiustizia prodotta dal mercato; al contrario, un’associazione sportiva forse può rendere più sopportabili ma non può eliminare le offese al sentimento di sé provocate dalle disuguaglianze economiche). Ciononostante, quello messo in rilievo non è un aspetto secondario del fenomeno associativo; ne è anzi un elemento costitutivo. Le associazioni sono gruppi caratterizzati dal fatto che – come scrivono i manuali di sociologia – i membri «ne condividono i fini, sentendoli come propri, dal momento che corrispondono a propri ideali o interessi» (Bagnasco, Barbagli e Cavalli, 1997, 103). Ciò che definisce un’associazione è proprio questa condivisione dei fini: che rende un sindacato e un’associazione sportiva da questo punto di vista simili tra loro e diversi da altri tipi di gruppi. Diversi in particolare dalle organizzazioni economiche: il fine di un’impresa – per ipotesi, ottenere il massimo profitto possibile da distribuire agli azionisti – non coincide con quello dei suoi operai (il cui contributo all’organizzazione è solo un mezzo per ottenere un salario; questo tipo di strumentalità è decisivo nel plasmare i caratteri dell’organizzazione economica).

20Se ammettiamo che centrale nella definizione del fenomeno associativo è la condivisione dei fini, centrale è anche ciò che ne deriva: il costituire le associazioni ambiti di relazioni sociali nei quali la partecipazione e l’impegno – poichè rappresentano comportamenti che producono un doppio vantaggio per l’attore: quello di seguire criteri in cui crede e di ottenere, per questa via, l’approvazione degli altri – forniscono sostegni all’identità personale.

3. Un test empirico

21Queste ipotesi permettono, tra l’altro, di affrontare il problema olsoniano dell’azione collettiva: poiché i sostegni all’identità personale forniti dalle associazioni rappresentano benefici di carattere selettivo – non potendo essere ottenuti dai membri senza dare un contributo effettivo alla realizzazione dei fini del gruppo – possono spiegare la partecipazione di attori razionali alla produzione di beni pubblici. Nel caso di un sindacato, per esempio, possono spiegare la partecipazione a un’azione collettiva il cui risultato è un miglioramento delle condizioni di lavoro che andrà a beneficio sia di chi ha partecipato sia di chi non ha partecipato.

22In effetti, le associazioni sono attori particolarmente attrezzati per produrre beni pubblici; sono organizzazioni in grado di realizzare forme di cooperazione sociale che l’interazione tra gli individui non è in grado di produrre spontaneamente, proprio perché dispongono di questo particolare incentivo.

  • 5 Sono anche ipotesi teoriche coerenti a un certo tipo di dati; in Italia, per esempio, le zona dove (...)

23Quelle presentate sono poi ipotesi che arricchiscono la nozione di capitale sociale: segnalando un tipo di risorse tratto dalle relazioni sociali – appunto quel sostegno al sé che deriva dall’approvazione degli altri – la cui importanza rischia spesso di essere trascurata5.

24Nonostante il loro interesse, a queste ipotesi non sono però seguiti precisi test empirici che possano corroborarle. Una mancanza che probabilmente deriva dalla difficoltà a tradurre nell’indagine empirica un concetto chiave della teoria: la stima di sé. Anche se questa difficoltà è reale, non giustifica la completa rinuncia alla ricerca empirica; che può comunque essere utile per avviare una, magari provvisoria, valutazione della teoria.

  • 6 Le tabelle che seguono riportano quindi dati tratti dal file Istat Multiscopo 2002, a eccezione di (...)

25Mi propongo di condurre un test di questo genere, utilizzando i dati della ricerca Istat Multiscopo-Aspetti della vita quotidiana (è una ricerca che l’Istituto italiano di statistica conduce intervistando ogni anno su un ampio arco di temi un campione di oltre 50.000 soggetti). Utilizzerò l’indagine del 2002 sia perché è l’ultima disponibile in file, sia perché il questionario di quell’anno, come è accaduto solo nell’indagine 1997, contiene una sezione che approfondisce alcuni aspetti della partecipazione alle associazioni utili al nostro test. In alcuni casi dovrò però utilizzare l’indagine precedente, appunto quella del 1997, perché in essa è presente una variabile (il reddito familiare) che l’Istat ha eliminato nel questionario degli anni successivi6.

26La teoria ipotizza l’esistenza di un’associazione a segno positivo tra la partecipazione ad associazioni e la stima di sé; l’ipotesi è che la prima variabile sia in grado di sostenere la seconda, agendo in particolare come fattore di compensazione di altri tipi di diseguaglianza sociale. Poiché attribuisce all’impegno nelle associazioni questo ruolo di compensazione, la teoria incorpora l’assunzione che anche altri fattori siano responsabili della soddisfazione di sé; ciò che ci aspettiamo di trovare nei dati non è dunque la determinazione della stima di sé ad opera della partecipazione associativa, ma l’esistenza di un nesso tra le due variabili.

27Della partecipazione alle associazioni i dati Istat forniscono buone misure. L’indagine Multiscopo valuta infatti:

    • 7 Manca il riferimento esplicito in particolare ad associazioni sportive – che costituiscono una part (...)

    la partecipazione a riunioni di 1. partiti politici 2. organizzazioni sindacali 3. associazioni o gruppi di volontariato 4. associazioni ecologiche, per i diritti civili e la pace 5. associazioni culturali, ricreative o di altro tipo 6. associazioni professionali o di categoria7;

  1. lo svolgimento di attività gratuita 1. per un’associazione di volontariato 2. per un’associazione non di volontariato 3. per un partito 4. per un sindacato.

  • 8 Di quattordici anni e oltre; l’Istat esclude da queste domande gli intervistati con età inferiore.
  • 9 Di solito la fine dell’anno.

28Le domande dell’Istat colgono l’aspetto della dimensione associativa che più ci interessa: non la generica adesione del soggetto a un’associazione ma la sua partecipazione attiva (quale si esprime appunto nella presenza a riunioni e nello svolgimento di attività gratuita). Poiché la nostra ipotesi si applica alle associazioni nel loro complesso – non solo, per esempio, ai sindacati o ai gruppi di volontariato – per la valutazione della teoria da questi dieci indicatori è stato tratto un indice sintetico: che misura la percentuale di persone8 che, nei dodici mesi precedenti la data in cui si è svolta la rilevazione9, hanno partecipato ad almeno una delle dieci attività associative sopra elencate. La variabile indipendente, di tipo dicotomico, distingue dunque tra persone che hanno partecipato e persone che non hanno partecipato a qualche attività associativa.

  • 10 Il questionario comprende anche una domanda sulla soddisfazione del proprio lavoro: questa non è st (...)
  • 11 La variabile è costruita sommando il numero di volte in cui l’intervistato sceglie «molto» o «abbas (...)
  • 12 Nella letteratura esistono già risultati di ricerca che confermano l’esistenza di una relazione tra (...)

29Come detto, la variabile dipendente – la stima o rispetto di sé – è più difficile da misurare. In effetti, nel questionario dell’Istat non troviamo indicatori che coincidano con questo concetto. Alcune domande del questionario possono però fornirne una buona approssimazione. L’indagine Multiscopo propone infatti una batteria di domande che valutano la soddisfazione dell’intervistato per la propria condizione su un ampio ventaglio di temi: la soddisfazione 1. della propria situazione economica 2. del proprio stato di salute 3. delle proprie relazioni familiari 4. delle proprie relazioni con amici 5. del proprio tempo libero10. Anche se la soddisfazione della propria condizione non coincide con la stima di sé, è ragionevole aspettarsi (ed è confermato dalla ricerca empirica; cfr. Diener, 1984, 552, 558; 1994, 115; Diener e Emmons, 1985; Fordyce, 1988; Argyle, 1988) che le persone complessivamente più soddisfatte della propria condizione lo siano anche di sé stesse; possiamo allora presumere che la soddisfazione complessiva del soggetto, anche se non coglie esattamente il concetto della teoria, a quest’ultimo sia connessa (fortemente connessa, secondo gli autori che si sono occupati dell’argomento; cfr. in particolare Myers e Diener, 1995). Questo rende possibile utilizzare come variabile dipendente un indicatore11 che misura la soddisfazione dell’intervistato sull’insieme degli item proposti dall’Istat12.

Tabella 1 Partecipazione associativa e soddisfazione della propria condizione

Persone
insoddisfatte
% V.A.

Abbastanza
soddisfatte
% V.A.

Soddisfatte
% V.A.

Totale
% V.A.

Non partecipano

13,2

4627

51,1

17973

35,8

12589

100,0

35179

Partecipano

7,5

847

48,4

5463

44,1

4988

100,0

11298

Totale

11,8

5474

50,4

23426

37,8

17577

100,0

46477

Gamma = 0,19**

** = statisticamente significativo a livello dello 0,01

Fonte: elaborazione da file Istat Multiscopo 2002.

30La Tabella 1 presenta i primi risultati del test, incrociando partecipazione associativa e soddisfazione complessiva della propria condizione.

31In coerenza alle ipotesi teoriche formulate, i dati segnalano l’esistenza di una relazione a segno positivo tra le due variabili: tra le persone attive nelle associazioni la percentuale di non soddisfatti è il 7,5 per cento, contro il 13,2 che si riscontra tra le persone che non partecipano (mentre i soddisfatti sono il 44,1 tra i partecipanti e il 35,8 per cento tra i non partecipanti).

32La relazione, comunque, non è molto stretta: l’indice gamma (una misura per variabili di tipo ordinale che varia da +1 a -1) ha valore 0,19. La cosa non sorprende: come detto, l’idea che la soddisfazione di sé dipenda anche da altri fattori è incorporata nella teoria che stiamo valutando.

  • 13 L’esistenza di un’associazione tra due variabili, inoltre, non dice nulla riguardo alla direzione i (...)

33L’esistenza di un’associazione tra le nostre variabili, però, non basta a testare l’ipotesi teorica. La relazione potrebbe essere spuria13. In effetti, se – come recita la nostra ipotesi – la soddisfazione è influenzata da altri fattori, potrebbero essere questi ultimi a favorire la partecipazione alle associazioni.

  • 14 Perché un titolo di studio elevato favorisce la partecipazione? La spiegazione che si è da tempo co (...)

34Uno dei più importanti fattori di questo tipo, in grado di incidere contemporaneamente sulla soddisfazione per la propria condizione e sulla partecipazione associativa, è il livello di scolarità. Chi ha un titolo di studio elevato, la laurea per esempio, è più probabile sia soddisfatto della propria condizione di chi ha ottenuto solo la licenza elementare. Allo stesso tempo, però, è anche più probabile sia impegnato in un’associazione (il legame tra la disponibilità di capitale culturale, quale misurata in primo luogo dal titolo di studio, e impegno nelle associazioni è uno dei risultati più solidi raggiunti dalla ricerca empirica in questo campo)14. Allora, poiché il titolo di studio può orientare sia la soddisfazione personale sia la partecipazione, potrebbe essere il vero responsabile del nesso riscontrato nella Tabella 1.

35In effetti, anche i dati Multiscopo 2002 confermano come la frequenza di partecipazione sia collegata al titolo di studio: tra gli italiani che hanno un titolo universitario partecipano il 48,3 per cento, mentre la percentuale scende al 32,8 tra coloro che hanno un diploma di media superiore, al 22,7 tra coloro che hanno la licenza media e al 10,8 tra coloro che non sono andati oltre la licenza elementare. Per valutare se la relazione che ci interessa abbia carattere spurio, è allora necessario verificare se il legame tra partecipazione alle associazioni e soddisfazione personale persista a parità di titolo di studio conseguito.

36Come si può vedere nella Tabella 2, il controllo è positivo per la teoria. I dati mostrano come, anche a parità di titolo di studio conseguito, gli insoddisfatti siano di più tra le persone che non partecipano alle associazioni che non tra quelle che partecipano.

37La Tabella fornisce anche un’altra informazione utile al nostro test: la relazione tra partecipazione alle associazioni e soddisfazione personale opera tra i soggetti socialmente sfavoriti mentre è pressoché inesistente tra quelli più fortunati. Tra le persone che non sono andate oltre la licenza elementare, il fatto di partecipare/non partecipare a un’associazione incide sulla soddisfazione/insoddisfazione più di quanto incida tra le persone che hanno conseguito la licenza media; tra queste ultime, inoltre, incide più di quanto accada tra coloro che hanno il diploma superiore; tra coloro che hanno un diploma, infine, incide più che tra coloro che hanno un titolo universitario. Lo possiamo vedere in maniera sintetica attraverso il valore gamma, che decresce in maniera regolare nelle quattro categorie: la forza dell’associazione tra le due variabili passa da un valore 0,32 per la licenza elementare a 0,13 per la licenza media, a 0,05 per il diploma superiore sino a 0,00 per la laurea.

38Dunque, è soprattutto tra le persone socialmente svantaggiate che la partecipazione alle associazioni aumenta la soddisfazione personale. Coloro che hanno un titolo di studio elevato in genere sono già soddisfatti della propria condizione; è possibile che per questo abbiano meno bisogno di quell’effetto compensativo che la teoria ipotizza agire attraverso la partecipazione.

Tabella 2 Titolo di studio, partecipazione associativa e soddisfazione della propria condizione

Persone che non sono andate oltre la licenza elementare

Persone
insoddisfatte
% V.A.

Abbastanza
soddisfatte
% V.A.

Soddisfatte

% V.A.

Totale

% V.A.

Non partecipano

20,8

2505

50,8

6127

28,5

3438

100,0

12070

Partecipano

9,3

136

47,6

692

43,1

627

100,0

1455

Totale

19,5

2641

50,4

6819

30,1

4065

100,0

13525

Gamma = 0,32**

Persone con la licenza di scuola media inferiore

Persone
insoddisfatte
% V.A.

Abbastanza
soddisfatte
% V.A.

Soddisfatte

% V.A.

Totale

% V.A.

Non partecipano

11,0

1260

52,5

6007

36,5

4174

100,0

11441

Partecipano

8,2

276

48,8

1639

43,0

1447

100,0

3362

Totale

10,4

1536

51,7

7646

38,0

5621

100,0

14803

Gamma = 0,13**

Persone con il diploma di scuola media superiore

Persone
insoddisfatte
% V.A.

Abbastanza
soddisfatte
% V.A.

Soddisfatte

% V.A.

Totale

% V.A.

Non partecipano

7,5

746

50,6

5012

41,9

4156

100,0

9914

Partecipano

6,9

336

48,6

2354

44,4

2151

100,0

4841

Totale

7,3

1082

49,9

7366

42,7

6307

100,0

14755

Gamma = 0,05**

Persone con un titolo di studio universitario

Persone
insoddisfatte
% V.A.

Abbastanza
soddisfatte
% V.A.

Soddisfatte

% V.A.

Totale

% V.A.

Non partecipano

6,6

116

46,6

817

46,8

821

100,0

1754

Partecipano

6,0

99

47,4

778

46,5

763

100,0

1640

Totale

6,3

215

47,0

1595

46,7

1584

100,0

3394

Gamma = 0,00

** = statisticamente significativo a livello dello 0,01

Fonte: elaborazione da file Istat Multiscopo 2002.

  • 15 Se guardiamo alla letteratura, troviamo che la relazione tra soddisfazione personale e reddito gene (...)

39Non è solo il titolo di studio, comunque, la variabile da tenere sotto controllo. L’altro decisivo fattore che può essere correlato sia alla soddisfazione che alla partecipazione, è il reddito: maggiore la disponibilità economica del soggetto, più probabile la soddisfazione per la propria condizione15 e allo stesso tempo la partecipazione (pure in questo caso l’ipotesi è quella della centralità sociale, confermata dai dati Multiscopo: tra gli intervistati partecipano il 30,6 per cento di coloro che hanno un reddito familiare netto oltre le 2.500.000 lire mensili e solo il 12,5 di coloro che hanno un reddito non superiore a 1.500.000 lire). La Tabella 3 controlla allora se il nesso tra partecipazione e soddisfazione permanga a parità di reddito disponibile.

40In parte come effetto della connessione che esiste tra titolo di studio e reddito, questa Tabella mostra risultati simili a quella precedente. Il reddito incide in maniera consistente sulla soddisfazione personale: nella categoria delle persone economicamente più fortunate i soddisfatti sono il 39,4 per cento contro il 19,0 di quella delle persone meno fortunate (gli insoddisfatti sono rispettivamente l’8,2 e il 22 per cento). Questo, però, non annulla la relazione a segno positivo tra partecipazione e soddisfazione, che permane all’interno di ognuna delle diverse categorie di reddito individuate. Anche in questo caso, peraltro, il legame tra le due variabili è più stretto nelle categorie svantaggiate: l’indice gamma declina dal valore 0,28 a 0,15 e poi a 0,13 nel passaggio dal gruppo delle persone con il reddito più basso a quello delle persone con il reddito più alto.

  • 16 Colpite da una o più delle principali malattie croniche: diabete, infarto, angina, bronchite cronic (...)

41Oltre a titolo di studio e reddito, c’è un terzo fattore il cui effetto è opportuno controllare. Poiché l’indicatore di soddisfazione/insoddisfazione utilizzato comprende una domanda che verte sullo stato di salute del soggetto e poiché è probabile che le persone in salute siano contemporaneamente più soddisfatte della propria condizione e più disponibili a (o più in grado di) partecipare, è possibile che il risultato delle Tabelle precedenti sia inquinato da questa influenza. Fortunatamente il questionario Multiscopo comprende una batteria di domande che permette di distinguere tra persone malate16 e persone in buona salute, rendendo possibile questo ulteriore controllo.

Tabella 3 Reddito disponibile, partecipazione associativa e soddisfazione della propria condizione

Persone con reddito familiare mensile netto non oltre 1.500.000 lire

Persone
insoddisfatte
% V.A.

Abbastanza
soddisfatte
% V.A.

Soddisfatte

% V.A.

Totale

% V.A.

Non partecipano

23,6

1882

58,4

4670

18,0

1439

100,0

7991

Partecipano

11,7

144

62,9

775

25,4

313

100,0

1232

Totale

22,0

2026

59,0

5445

19,0

1752

100,0

9223

Gamma = 0,28**

Persone con reddito familiare mensile netto tra 1.500.001 e 2.500.000 lire

Persone
insoddisfatte
% V.A.

Abbastanza
soddisfatte
% V.A.

Soddisfatte

% V.A.

Totale

% V.A.

Non partecipano

13,6

1644

58,7

7066

27,7

3336

100,0

12046

Partecipano

9,5

328

56,8

1962

33,7

1164

100,0

3454

Totale

12,7

1972

58,2

9028

29,0

4500

100,0

15500

Gamma = 0,15**

Persone con reddito familiare mensile netto oltre 2.500.000 lire

Persone
insoddisfatte
% V.A.

Abbastanza
soddisfatte
% V.A.

Soddisfatte

% V.A.

Totale

% V.A.

Non partecipano

9,4

1421

53,1

8042

37,6

5692

100,0

15155

Partecipano

5,9

453

50,9

3892

43,2

3302

100,0

7647

Totale

8,2

1874

52,3

11934

39,4

8994

100,0

22802

Gamma = 0,13**

** = statisticamente significativo a livello dello 0,01

Fonte: elaborazione da file Istat Multiscopo 1997.

42La Tabella 4 conferma che le persone insoddisfatte della propria condizione sono di più tra i malati (e i soddisfatti tra i non malati), dunque tra coloro che partecipano meno frequentemente alla vita delle associazioni. Ciononostante, il ruolo positivo che la partecipazione esercita sulla soddisfazione personale non viene meno: sia tra i non malati che i malati, chi partecipa è più probabile sia soddisfatto di chi non partecipa. Peraltro, pure in questo caso sono le persone nella condizione svantaggiata a fruire in misura maggiore dell’effetto positivo.

Tabella 4 Stato di salute, partecipazione associativa e soddisfazione della propria condizione

Persone non malate

Persone
insoddisfatte
% V.A.

Abbastanza
soddisfatte
% V.A.

Soddisfatte

% V.A.

Totale

% V.A.

Non partecipano

8,0

1818

50,2

11367

41,7

9440

100,0

22625

Partecipano

5,8

485

47,3

3957

46,9

3923

100,0

8365

Totale

7,4

2303

49,4

15324

43,1

13363

100,0

30990

Gamma = 0,11**

Persone malate

Persone
insoddisfatte
% V.A.

Abbastanza
soddisfatte
% V.A.

Soddisfatte

% V.A.

Totale

% V.A.

Non partecipano

22,7

2762

52,5

6385

24,8

3010

100,0

12157

Partecipano

12,5

351

51,7

1455

35,9

1011

100,0

2817

Totale

20,8

3113

52,4

7840

26,9

4021

100,0

14974

Gamma = 0,27**

** = statisticamente significativo a livello dello 0,01

Fonte: elaborazione da file Istat Multiscopo 2002.

43Dopo aver controllato il ruolo che ognuno di questi fattori (titolo di studio, reddito e stato di salute) esercita sul legame tra partecipazione associativa e soddisfazione di sé, può essere utile valutare l’influenza che essi esercitano assieme. A questo fine riporto in Appendice (dato il carattere tecnico dell’analisi) all’articolo i risultati di un modello di regressione multipla. Una prima valutazione può comunque essere ottenuta anche semplicemente confrontando le due categorie poste ai poli del continuum che ci interessa: quella delle persone in assoluto più favorite (coloro cioè che contemporaneamente hanno un titolo di studio a livello universitario, un reddito della categoria superiore e non sono malate) e quella delle persone in assoluto più sfavorite (coloro che hanno un titolo di studio non oltre la licenza elementare, un reddito di non più di 1.500.000 al mese e sono malate).

  • 17 Come varia la relazione tra partecipazione e soddisfazione nelle diverse categorie di associazioni? (...)

44Tra le persone più fortunate su tutti e tre gli item, la soddisfazione è elevata (la percentuale di insoddisfatti è minima: il 4,9 per cento contro il 42,7 di soddisfatti); qui la relazione tra soddisfazione e partecipazione viene meno (l’indice gamma misura 0,03). Al contrario, tra le persone più sfortunate (dove i soddisfatti sono solo il 17,7 per cento e gli insoddisfatti ben il 30,2), la partecipazione alle associazioni incide in misura consistente sulla soddisfazione. In questo caso il valore gamma sale a 0,32; la percentuale di insoddisfatti tra coloro che partecipano è quasi la metà di quella che si riscontra tra coloro che non partecipano17.

Tabella 5 Stato di salute, titolo di studio, reddito, partecipazione associativa e soddisfazione della propria condizione

Persone più favorite (con titolo di studio universitario, reddito oltre 2.500.000 di lire al mese e non malate)

Persone
insoddisfatte
% V.A.

Abbastanza
soddisfatte
% V.A.

Soddisfatte

% V.A.

Totale

% V.A.

Non partecipano

5,2

52

52,7

522

42,1

417

100,0

991

Partecipano

4,5

44

52,2

509

43,3

422

100,0

975

Totale

4,9

96

52,4

1031

42,7

839

100,0

1966

Gamma = 0,03

Persone più sfavorite (con titolo di studio che non va oltre la licenza elementare, reddito non oltre 1.500.000 di lire al mese e malate)

Persone
insoddisfatte
% V.A.

Abbastanza
soddisfatte
% V.A.

Soddisfatte

% V.A.

Totale

% V.A.

Non partecipano

31,2

1044

52,0

1738

16,8

563

100,0

3345

Partecipano

17,1

46

54,6

147

28,3

76

100,0

269

Totale

30,2

1090

52,2

1885

17,7

639

100,0

3614

Gamma = 0,32**

** = statisticamente significativo a livello dello 0,01

Fonte: elaborazione da file Istat Multiscopo 1997.

4. L’effetto delle cariche sociali

45Le associazioni costituiscono reti organizzate di relazioni sociali che contribuiscono a produrre un bene importante per gli individui: quelle forme di riconoscimento sociale che sostengono la stima di sé. Questa ipotesi teorica che ho presentato nelle pagine precedenti, può essere sviluppata notando come in genere questo bene non sia comunque distribuito in maniera egualitaria dalle associazioni: i membri non ricevono tutti la stessa misura di considerazione. Di solito si forma una graduatoria nella distribuzione del riconoscimento; il leader, o chi ha funzioni direttive dentro l’associazione, non è sullo stesso piano del semplice partecipante: fruisce di una misura di considerazione superiore. Generalmente sono gli incarichi direttivi interni a esprimere questa gerarchia nella distribuzione del riconoscimento sociale.

46Se questo sviluppo dell’ipotesi teorica è corretto, dovremmo trovare nei dati Multiscopo frequenze di soddisfazione più elevate non solo, come abbiamo visto nella sezione precedente, tra chi partecipa rispetto a chi non partecipa, ma anche tra chi, all’interno dell’associazione per la quale svolge attività gratuita, ricopre una carica sociale o ha incarichi direttivi rispetto a chi, pur partecipando, non ha incarichi di questo tipo.

47Purtroppo, i dati Istat non permettono di testare quest’ipotesi per l’insieme delle associazioni (perché il questionario standard delle indagini Multiscopo non comprende domande su questo punto). L’indagine del 2002 e quella del 1997 contengono però una sezione che approfondisce alcuni aspetti della partecipazione al volontariato; una sezione nella quale si chiede all’intervistato se, dentro l’associazione in cui svolge attività volontaria gratuita, «ricopre una carica sociale» e/o «lavora in direzione/ amministrazione».

48La Tabella 6 presenta allora il confronto delle percentuali di insoddisfatti/soddisfatti tra tre categorie: a. quella di chi non partecipa ad alcuna associazione b. quella di chi svolge attività gratuita in un’associazione di volontariato c. quella di chi, oltre a svolgere quest’attività gratuita, ricopre una carica sociale e/o lavora in direzione-amministrazione (questi due ultimi indicatori, anche se nella Tabella occupano righe separate, possono essere considerati analoghi ai nostri fini).

Tabella 6 Partecipazione, cariche sociali e soddisfazione della propria condizione

Persone
insoddisfatte
% V.A.

Abbastanza
soddisfatte
% V.A.

Soddisfatte

% V.A.

Totale

% V.A.

Tra chi non partecipa ad alcuna associazione

13,2

4627

51,1

17973

35,8

12589

100,0

35179

Tra chi svolge attività grat. in ass. volontariato

7,1

292

44,8

1833

48,0

1965

100,0

4090

Tra chi ricopre carica sociale in ass. volontariato

5,2

27

42,5

220

52,3

271

100,0

518

Tra chi lavora direz/amm in ass. volontariato

4,4

11

40,6

99

54,9

134

100,0

244

Fonte: elaborazione da file Istat Multiscopo 2002.

49Se tra chi non partecipa ad associazioni le persone insoddisfatte sono il 13,2 per cento e quelle soddisfatte il 35,8, tra chi svolge attività gratuita in un gruppo di volontariato la prima percentuale scende al 7,1 e la seconda sale al 48,0: soprattutto, però, tra chi ricopre una carica o svolge una funzione direttiva dentro l’associazione la quota di insoddisfatti scende ulteriormente (arrivando al 5,2 e 4,4 per cento) mentre quella dei soddisfatti sale (al 52,3 e 54,9 per cento) rispetto a quanto accade tra i semplici partecipanti.

50Ricoprire una carica sociale o svolgere funzioni direttive dentro l’associazione è dunque collegato a frequenze di soddisfazione personale più elevate di quelle che caratterizzano il gruppo di coloro che si limitano a offrire attività. Anche in questo caso, è comunque opportuno controllare la relazione tra partecipazione e soddisfazione per titolo di studio, reddito e condizione di salute: perché è possibile che a ricoprire cariche sociali e svolgere incarichi direttivi nell’associazione siano le persone con i titoli di studio e i redditi più elevati (oltre che in salute); dunque individui che per questi motivi tendono a essere più soddisfatti degli altri.

Tabella 7 Partecipazione, cariche sociali e soddisfazione della propria condizione per titolo di studio, reddito e salute

Tra chi non partecipa ad alcuna associazione % V.A.

Tra chi svolge attività grat. in ass. volontariato % V.A.

Tra chi ricopre carica sociale in ass. volontariato % V.A.

Tra chi lavora direz/amm in ass. volontariato % V.A.

Insoddisfatti

Licenza elementare

20,8

2505

9,7

54

4,4

2

0,0

0

Licenza media

11,0

1260

8,3

102

4,2

5

7,8

4

Diploma superiore

7,5

746

6,1

110

6,4

17

4,2

6

Titolo universitario

6,6

116

5,1

26

3,5

3

2,8

1

Abbastanza soddisfatti

Licenza elementare

50,8

6127

43,1

240

46,7

21

42,9

6

Licenza media

52,5

6007

45,1

558

43,3

52

39,2

20

Diploma superiore

50,6

5012

45,6

816

40,8

109

38,5

55

Titolo universitario

46,6

817

43,2

219

44,2

38

50,0

18

Soddisfatti

Licenza elementare

28,5

3438

47,2

263

48,9

22

57,1

8

Licenza media

36,5

4174

46,6

576

52,5

63

52,9

27

Diploma superiore

41,9

4156

48,3

864

52,8

141

57,3

82

Titolo universitario

46,8

821

51,7

262

52,3

45

47,2

17

Insoddisfatti

Reddito =<
1.500.000

23,6

1882

7,7

29

3,2

1

0,0

0

Tra 1.500.000
e 2.500.000

13,6

1644

7,0

77

4,9

8

5,1

5

Oltre 2.500.00

9,4

1421

4,8

117

2,9

10

1,4

3

Abbastanza soddisfatti

Reddito =<
1.500.000

58,4

4670

62,6

236

58,1

18

61,9

13

Tra 1.500.000
e 2.500.000

58,7

7066

54,1

593

54,3

88

48,0

47

Oltre 2.500.00

53,1

8042

48,2

1186

55,3

193

44,9

97

Soddisfatti

Reddito =<
1.500.000

18,0

1439

29,7

112

38,7

12

38,1

8

Tra 1.500.000
e 2.500.000

27,7

3336

38,9

426

40,7

66

46,9

46

Oltre 2.500.00

37,6

5692

47,1

1160

41,8

146

53,7

116

Insoddisfatti

Non malati

8,0

1818

5,6

170

3,4

13

5,0

9

Malati

22,7

2762

11,8

122

10,4

14

3,2

2

Abbastanza soddisfatti

Non malati

50,2

11367

43,3

1324

39,3

151

39,2

71

Malati

52,5

6385

49,2

509

51,5

69

44,4

28

Soddisfatti

Non malati

41,7

9440

51,1

1562

57,3

220

55,8

101

Malati

24,8

3010

39,0

403

38,1

51

52,4

33

Fonte: elaborazione da file Istat Multiscopo 1997 e 2002.

51Anche questo confronto, presentato nella Tabella 7, è positivo per la teoria: mostra come tra gli intervistati con titolo di studio e redditi più bassi la quota di insoddisfatti diminuisca (nel caso del titolo di studio addirittura da 20,8 a 0,0 per cento) e quella di soddisfatti aumenti (da 28,5 a 57,1 per cento) regolarmente nel passaggio tra le tre categorie che ci interessa paragonare; risultati analoghi si ottengono con riferimento alla condizione di salute. Ricoprire una carica sociale o svolgere funzioni direttive dentro un’associazione agisce sulla soddisfazione personale più di quanto faccia la semplice partecipazione, anche a parità di titolo di studio e reddito.

52Per valutare il peso che la partecipazione esercita sulla soddisfazione, è di rilievo il fatto che nel gruppo di persone che non sono andate oltre la licenza elementare, ma ricoprono una carica o hanno compiti direttivi in un’associazione di volontariato, la percentuale di insoddisfatti sia inferiore (e la percentuale di soddisfatti superiore) a quella che si riscontra nel gruppo di persone che hanno raggiunto il livello più alto dei titoli di studio ma non partecipano alla vita di alcuna associazione.

53È poi degno di nota che questa diminuzione e quest’aumento si riscontrino, sia pure con minore regolarità, anche nelle altre classi, quelle delle persone con titoli di studio e redditi più elevati: in particolare, tra chi ha conseguito un titolo universitario, gli insoddisfatti passano da 6,6 a 5,1 a 3,5 e 2,8 per cento; tra chi ha un reddito oltre 2.500.000 da 9,4 a 4,8 a 2,9 a 1,4 per cento. Dunque, quella forma organica di partecipazione cui è connesso un incarico direttivo nell’associazione può avere effetti positivi sul sentimento di soddisfazione personale anche tra le persone che appartengono alle categorie sociali più fortunate.

5. Conclusione

54La stima di sé è un bene importante; perché, come ci hanno ricordato diversi studiosi, quando manca ogni altra cosa rischia di perdere valore per le persone. Poiché la stima di sé trova sostegno nella considerazione che riceviamo dagli altri, è un bene spesso collegato alla disponibilità di relazioni sociali in cui operano criteri culturali condivisi.

55Le associazioni, proprio perché sono reti di relazioni che si formano attorno alla condivisione di determinati standard, sono particolarmente attrezzate per fornire agli individui questo bene particolare.

56Nell’articolo ho proposto un test empirico di quest’ipotesi. I dati mostrano come la soddisfazione per la propria condizione sia collegata a diversi fattori: hanno un peso rilevante il capitale economico (connesso al titolo di studio) e le condizioni di salute; accanto a questi ha però rilievo anche la risorsa costituita dalle relazioni associative.

57Più precisamente, l’analisi ha mostrato come il nesso tra partecipazione e soddisfazione personale sia consistente soprattutto tra le persone che appartengono alle categorie sociali meno fortunate. Per chi ha un titolo di studio e un reddito elevato, è quel tipo di partecipazione che sfocia in una posizione di rilievo all’interno della gerarchia organizzativa, ad essere connesso ad un aumento delle frequenze di soddisfazione.

Torna su

Bibliografia

Argyle M. (1988 [1987]), Psicologia della felicità, Cortina, Milano.

Bagnasco A., Barbagli M., Cavalli A. (1997), Corso di sociologia, il Mulino, Bologna.

Biorcio R. (2003), Sociologia politica. Partiti, movimenti sociali e partecipazione, il Mulino, Bologna.

Diener E. (1984), Subjective Well-Being, «Psychological Bullettin», vol. 95, pp. 542-575.

Id. (1994), Assessing Subjective Well-Being: Progress and Opportunities, «Social Indicators Research», vol. 31, pp. 103-157.

Diener E., Emmons R. (1985), The Independence of Positive and Negative Affect, «Journal of Personality and Social Psychology», vol. 47, pp. 1105-1117.

Elster J. (1987), Esiste (o dovrebbe esistere) un diritto al lavoro?, «Stato e mercato», n. 19.

Festinger L. (1950), Informal Social Communication, «Psychological Review», vol. 57, pp. 271-282.

Id. (1954), A Theory of Social Comparison Processes, «Human Relations», vol. 7, pp. 117-140.

Festinger L., Schachter S., Back K. (1950), Social Pressures in Informal Groups, Harper & Row, New York.

Fordyce M.W. (1988), A Review of Research on the Happiness Measures: A Sixty Second Index of Happiness and Mental Health, «Social Indicators Research», vol. 20, pp. 355-381.

Honneth A. (2002 [1992]), Lotta per il riconoscimento. Proposte per un’etica del conflitto, il Saggiatore, Milano.

Hume D. (1997 [1751]), Ricerca sui principi della morale, Laterza, Bari.

Id. (1971 [1739-1740]), Trattato della natura umana, in Id., Opere, Vol. 1, Laterza, Bari.

Hutcheson F. (2000 [1725]), Ricerca sull’origine delle nostre idee di bellezza e di virtù, Baldini e Castoldi, Milano.

Joas H. (1985 [1980]), G.H. Mead. A Contemporary Re-examination of his Thought, Polity Press, Cambridge.

La Valle D. (1998), L’organizzazione come denaro. Lo scambio sociale nelle associazioni, «Quaderni di sociologia», vol. 42, n. 18.

Id. (2004), La partecipazione alle associazioni nelle regioni italiane (1993-2001), «Polis», n. 3, a. xviii, pp. 445-476.

Id. (2005), Identità e riconoscimento. Prima della sociologia, «Rassegna italiana di sociologia», n. 3.

Myers D.G., Diener E. (1995), Who is Happy?, «Psychological Science», vol. 6, n. 1, pp. 10-19.

Mill J.S. (1991 [1861]), L’utilitarismo, Sugarco, Milano.

Pizzorno A. (2000), Risposte e proposte, in Della Porta D., Greco M., Szakolczai A. (a cura di), Identità, riconoscimento, scambio, Laterza, Bari, pp. 197-245.

Pisati M. (2003), L’analisi dei dati, il Mulino, Bologna.

Putnam R.D. (1997 [1993]), La tradizione civica nelle regioni italiane, Mondadori, Milano.

Id. (2000), Bowling Alone. The Collapse and Revival of American Community, Simon and Schuster, New York.

Id. (2002) (a cura di), Democracies in Flux. The Evolution of Social Capital in Contemporary Society, Oxford University Press, New York.

Raniolo F. (2002), La partecipazione politica, il Mulino, Bologna.

Rawls J. (1982 [1971]), Una teoria della giustizia, Feltrinelli, Milano.

Rosenblum Nancy L. (1998), Membership and Morals. The Personal Uses of Pluralism in America, Princeton University Press, Princeton New Jersey.

Shaftesbury (Third Earl of) (1962 [1699]), Saggio sulla virtù e il merito, in Scritti morali, a cura di Casini P., Laterza, Bari, pp. 95-198.

Smith A. (1981 [1759]), Teoria dei sentimenti morali, Istituto della Enciclopedia Italiana, Roma.

Tajfel H., Turner J.C. (1979), An Integrative Theory of Intergroup Conflict, in Austin W.G., Worchel S. (a cura di), The Social Psychology of Intergroup Relations, Brooks/Cole, Monterey Calif.

Id. (1985), The Social Identity Theory of Intergroup Behaviour, in Worchel S., Austin W.G. (a cura di), Psychology of Intergroup Relations, Nelson-Hall, Chicago, pp 7-24.

Taylor C. (1993 [1992]), Multiculturalismo. La politica del riconoscimento, Anabasi, Milano.

Turner John C. (1987), Rediscovering The Social Group. A Self-Categorization Theory, Blackwell, Oxford e New York.

Veenhoven R. (1996), Developments in Satisfaction-Research, «Social Indicators Research», vol. 37, pp. 1-46.

Verba S., Schlozman K.L., Brady H.E. (1995), Voice and Equality. Civic Voluntarism in American Politics, Harvard University Press, Cambridge-Mass.

Warren M.E. (2001), Democracy and Association, Princeton University Press, Princeton New Jersey.

Torna su

Allegato

Nel testo ho valutato il nesso che lega singole variabili (titolo di studio, reddito, condizione di salute) alla soddisfazione personale. Può però essere utile valutare l’influenza che questi diversi fattori esercitano assieme sulla variabile dipendente. Per farlo lo strumento migliore è la regressione multipla, che permette di misurare il peso di un fattore esplicativo al netto degli effetti di tutti gli altri. Nel nostro caso si tratta di scegliere tra la regressione multipla lineare e la regressione logistica. Quest’ultima ha il vantaggio di poter trattare variabili dipendenti di tipo categoriale; un vantaggio cui però si affiancano costi rilevanti, in particolare la meno agevole interpretazione dei risultati (poiché l’esito dell’equazione è il logit – il logaritmo del rapporto di probabilità – i coefficienti B non possono essere direttamente interpretati come misure degli effetti causali; Pisati, 2003, 4). Da questo punto di vista è preferibile la regressione lineare, che richiede una variabile dipendente quantitativa. Nel nostro caso, anche se le singole domande sulla soddisfazione propongono una scala ordinale, è possibile costruire un indice con le caratteristiche delle variabili quantitative. Questo indice è stato costruito attribuendo, su tutte e cinque le domande relative alla soddisfazione (a. per la condizione economica b. per la salute c. per le relazioni con i familiari d. per le relazioni con amici e. per il tempo libero) punteggio 0 alla risposta «per niente soddisfatto», 1 alla risposta «poco soddisfatto», 2 alla risposta «abbastanza soddisfatto», 3 alla risposta «molto soddisfatto». Il punteggio è stato poi sommato per ogni soggetto, ottenendo una variabile i cui valori vanno da un minimo di 0 (5 risposte «per niente soddisfatto») a un massimo di 15 (5 risposte «molto soddisfatto»). La Tabella 8 presenta un modello di regressione multipla che utilizza questa variabile dipendente.

Nella parte destra dell’equazione compaiono variabili (nominali e ordinali), trattate in forma di dummy. Questa tecnica, definita anche «aov (Analysis-Of-Variance) models» permette di valutare in maniera immediata il peso relativo dei regressori; un coefficiente +2, per esempio, indica che quel regressore genera un aumento medio di 2 punti del punteggio di soddisfazione al netto dell’effetto degli altri fattori. Le dummy, che indicano la presenza (1) o l’assenza (0) di una determinata caratteristica, sono: a. partecipazione (1 = partecipa ad almeno una delle 10 attività associative valutate dall’Istat; vedi l’elenco a p. 6); b. carica sociale (1 = ricopre una carica sociale nell’associazione cui partecipa) c. incarico direttivo (1 = svolge un incarico di tipo direttivo nell’associazione cui partecipa) d. titolo di studio 1 (1 = ha conseguito il diploma di scuola media inferiore; la categoria di confronto è «nessun titolo o non oltre la licenza elementare») e. titolo di studio 2 (1 = ha conseguito il diploma di scuola media superiore) f. titolo di studio 3 (1 = ha conseguito un titolo di studio universitario; g. reddito 1 (1 = reddito mensile netto tra 1.500.000 e 2.500.000; la categoria di confronto è «meno di 1.500.000») h. reddito 2 (1 = reddito mensile netto oltre 2.500.001); i. malattia (1 = colpito da una delle principali malattie croniche; elenco a p. 11); l. amici 1 (1 = vede gli amici tutti i giorni o più di una volta la settimana; la categoria di confronto è «non ha amici» o «non vede mai amici»). m. amici 2 (1 = vede gli amici una volta la settimana o qualche volta al mese); n. amici 3 (1 = vede gli amici qualche volta l’anno). Poiché l’analisi svolta precedentemente ha segnalato che la relazione tra partecipazione e soddisfazione è più forte tra le persone con i titoli di studio più bassi, il modello comprende anche l’interazione tra questo fattore e la partecipazione.

Tabella 8 Fattori associati all’indice di soddisfazione in un modello di regressione multipla (stima ols)

Coefficienti B

Err. standard

t

Sign.

Costante

7,6

0,05

159,66

0,000

Partecipazione

0,5

0,05

9,35

0,000

carica sociale

0,2

0,09

2,28

0,023

incarico direttivo

0,5

0,12

3,87

0,000

titolo di studio 1

0,1

0,03

2,23

0,026

titolo di studio 2

0,2

0,03

6,00

0,000

titolo di studio 3

0,2

0,06

3,32

0,001

reddito 1

0,5

0,03

16,10

0,000

reddito 2

0,8

0,03

27,54

0,000

malattia

-0,7

0,02

-30,11

0,000

amici 1

2,1

0,04

47,66

0,000

amici 2

1,5

0,04

34,58

0,000

amici 3

0,9

0,05

16,65

0,000

interazione

-0,2

0,07

-2,34

0,019

partec. tit. di studio 1

interazione

-0,4

0,06

-6,68

0,000

partec. tit. di studio 2

interazione

-0,4

0,09

-4,87

0,000

partec. tit. di studio 3

r2 corretto = .14 F = 494.25 (sig. = .000)

Fonte: elaborazione da file Istat Multiscopo 1997.

Il primo elemento da notare è che le variabili entrano nel modello con il segno previsto dalle ipotesi teoriche: negativo nel caso della malattia (che riduce il livello di soddisfazione), positivo per gli altri casi e in particolare per le variabili di partecipazione (che dunque sono connesse a un aumento della soddisfazione personale). Il secondo aspetto da notare è la ridotta misura della variazione spiegata (r2=0,14). Anche se questo dato può sorprendere, data l’importanza delle variabili indipendenti utilizzate e in primo luogo del reddito, si tratta di un risultato coerente a quanto già riscontrato dalla letteratura (cfr. Veerhoven, 1996; studi che, tra l’altro, confermano la validità degli indicatori di soddisfazione derivati da survey analoghi al nostro; anche Myers e Diener, 1995, 11). La spiegazione sta nel fatto che una parte consistente delle variazioni nella soddisfazione è legata a variabili di personalità (attributi quali l’ottimismo e l’estroversione, l’assertiveness e la good empathy, oltre a quelli che la letteratura definisce life-events). Il ridotto valore r2 può comunque segnalare problemi di specificazione del modello; in particolare la mancanza di variabili importanti, che deve indurci a valutare con cautela i risultati della regressione.

Come vanno interpretate le misure dei coefficienti B? Il valore della costante (7,6) misura il livello medio di soddisfazione (sul punteggio da 0 o 15) delle persone che non partecipano ad associazioni, rientrano nella categoria di reddito più bassa, hanno un titolo di studio non superiore alla licenza elementare, non hanno amici (o, se li hanno, non li vedono mai) e non sono malate. I coefficienti B indicano l’aumento (o la diminuzione, nel caso il segno sia negativo) in media nel punteggio di soddisfazione generato dal relativo regressore: la presenza di una malattia, per esempio, riduce la soddisfazione di 0,7 punti. Dal modello emerge come la variabile che più influisce sulla soddisfazione personale sia la frequenza degli incontri con gli amici: vedere gli amici tutti i giorni o comunque più volte la settimana, incrementa la soddisfazione di 2,1 punti; frequentarli anche solo una volta la settimana o qualche volta al mese lo aumenta di 1,5 punti. Viene poi la disponibilità economica, che incrementa la soddisfazione di 0,5 nel passaggio dalla categoria di reddito più bassa a quella intermedia e di 0,8 nel passaggio alla categoria superiore. Il titolo di studio, al netto degli altri fattori, ha invece un peso minore; probabilmente perché un titolo di studio elevato aumenta anche le aspettative del soggetto, producendo, a parità di altri fattori e in particolare di reddito, una minore soddisfazione (tra due persone che hanno lo stesso reddito, una laureata e una con solo la licenza elementare, è probabile sia più soddisfatta la seconda della prima: perché il titolo di studio elevato, innalzando le aspettative, può incidere in maniera negativa sulla soddisfazione). Le tre variabili di partecipazione, infine, a sostegno dell’ipotesi teorica, entrano nell’equazione con segno positivo; stando a questo modello, se sommiamo i tre coefficienti, otteniamo un aumento di soddisfazione generato da questo fattore (per le persone che non sono andate oltre la licenza elementare) di 1,2 punti. Come già notato nell’articolo, il segno positivo del regressore partecipazione rimane al crescere del titolo di studio conseguito, ma il peso diminuisce in maniera consistente18.

Torna su

Note

1 Il precursore di questa scuola è Shaftesbury (1962 [1699]); il suo principale esponente è Hutcheson (2000 [1725]); ne hanno proseguito l’impostazione Hume (1971 [1739-1740]; 1997 [1751]); e Smith (1981 [1759]); cfr. La Valle (2005).

2 Anche Taylor (1993, 43) ritiene che, poiché l’identità è plasmata dal riconoscimento, «un riconoscimento adeguato non è soltanto una cortesia che dobbiamo ai nostri simili: è un bisogno umano vitale».

3 La proposta di Honneth ha elementi in comune con alcuni rami di ricerca della psicologia sociale: in particolare la «social comparison theory» (Festinger, 1950; 1954; Festinger et al., 1950) e la «social identity theory» (su cui cfr. in particolare Tajfel e Turner, 1979; 1985; Turner, 1987).

4 Un termine, quello di «associazione», che Rawls usa nella sua accezione più vasta; per comprendere, ma non limitarsi, alle associazioni quali gruppi organizzati che si diffondono nella democrazia pluralista.

5 Sono anche ipotesi teoriche coerenti a un certo tipo di dati; in Italia, per esempio, le zona dove più frequente è l’impegno nelle associazioni sono la provincia di Bolzano e, poi, le regioni a tradizioni politica bianca e rossa (cfr. La Valle, 2004). Perché? Una possibilità è che l’esistenza in queste aree di specificità culturali accresca l’importanza per l’individuo delle relazioni associative quali fonti di sostegno all’identità personale.

6 Le tabelle che seguono riportano quindi dati tratti dal file Istat Multiscopo 2002, a eccezione di quelle tabelle o parti di tabella in cui compare la variabile reddito: queste ultime si basano sui dati del file Istat Multiscopo 1997. Là dove è stato possibile comparare i risultati 2002 con quelli 1997, comunque, non risultano differenze di rilievo; in rapporto alle ipotesi teoriche che ci interessa valutare, i risultati delle due indagini, 1997 e 2002, sono per lo più intercambiabili; è possibile utilizzare l’una o l’altra indagine senza che i risultati subiscano cambiamenti di sostanza.

7 Manca il riferimento esplicito in particolare ad associazioni sportive – che costituiscono una parte quantitativamente rilevante dell’universo associativo – e religiose; la partecipazione a questi tipi di associazioni può essere catturata, in parte, dal riferimento ad associazioni «ricreative o di altro tipo».

8 Di quattordici anni e oltre; l’Istat esclude da queste domande gli intervistati con età inferiore.

9 Di solito la fine dell’anno.

10 Il questionario comprende anche una domanda sulla soddisfazione del proprio lavoro: questa non è stata utilizzata nella costruzione dell’indicatore perché esclude una parte molto ampia del campione (appunto quella di chi non ha un’occupazione retribuita: studenti, casalinghe, disoccupati, pensionati).

11 La variabile è costruita sommando il numero di volte in cui l’intervistato sceglie «molto» o «abbastanza» come modalità di risposta alle cinque domande sulla soddisfazione personale; una ricodifica ha poi diviso tra persone soddisfatte (coloro che su tutti e cinque gli item si dichiarano molto o abbastanza soddisfatti; sono il 37,8% del campione), mediamente soddisfatte (tre o quattro ricorrenze della scelta molto o abbastanza sodddisfatto; 50,4% del campione) insoddisfatte (non più di due ricorrenze della scelta molto o abbastanza soddisfatto; 11,8% del campione).

12 Nella letteratura esistono già risultati di ricerca che confermano l’esistenza di una relazione tra partecipazione associativa e life-satisfaction (cfr. Diener, 1984, 556; Argyle, 1988, 98-99; Veenhoven, 1995, 26; Putnam, 2000).

13 L’esistenza di un’associazione tra due variabili, inoltre, non dice nulla riguardo alla direzione in cui opera il nesso causale, direzione che potrebbe essere diversa da quella ipotizzata dalla teoria: potrebbe cioè essere la soddisfazione per la propria condizione a favorire l’impegno nelle associazioni, non viceversa. Anche se di primo acchito quest’ipotesi alternativa non sembra probabile (in genere si ritiene sia l’insoddisfazione, non la soddisfazione, a favorire la partecipazione associativa; si pensi per esempio a sindacati e partiti), il problema non è risolvibile in maniera definitiva con i dati disponibili: per verificare la direzione della causalità sarebbe necessario disporre dei risultati di una ricerca longitudinale, in grado di seguire i soggetti nel tempo.

14 Perché un titolo di studio elevato favorisce la partecipazione? La spiegazione che si è da tempo consolidata è quella cosiddetta della «centralità sociale» (per una formulazione e verifica recente cfr. Verba et al., 1995; più in generale Raniolo, 2002; Biorcio, 2003): un elevato capitale culturale, ma più in generale una posizione socialmente centrale, forniscono sia le competenze e le capacità che servono alla partecipazione, sia le occasioni e i contatti sociali che la rendono più probabile.

15 Se guardiamo alla letteratura, troviamo che la relazione tra soddisfazione personale e reddito generalmente è più forte di quella tra soddisfazione e titolo di studio (si vedano anche i risultati del modello econometrico riportato in Appendice): probabilmente perché un titolo di studio elevato innalza anche le aspettative del soggetto, condizionando, questa volta in maniera negativa, la soddisfazione di sé.

16 Colpite da una o più delle principali malattie croniche: diabete, infarto, angina, bronchite cronica, asma bronchiale, tumore, ulcera gastrica, calcolosi del fegato, cirrosi epatica, calcolosi renale, artrosi, artrite, osteoporosi.

17 Come varia la relazione tra partecipazione e soddisfazione nelle diverse categorie di associazioni? I dati, che qui non riporto per ragioni di spazio, mostrano che a essere più legata al sentimento di soddisfazione personale è a. la partecipazione ad associazioni o gruppi di volontariato e b. quella ad associazioni culturali-ricreative. Il legame si riduce nel caso dei partiti, delle associazioni professionali e soprattutto dei sindacati (senza peraltro annullarsi neppure in questi casi). Perché la partecipazione ad attività sindacali incide sulla soddisfazione personale meno positivamente di quanto accada per gli altri tipi di associazioni? La risposta va cercata nel fatto che la partecipazione sindacale è negativamente connessa alla soddisfazione per la propria condizione economica; poiché questo è uno degli item che compongono l’indicatore di soddisfazione complessiva, ciò che ne deriva è la riduzione del nesso tra partecipazione e soddisfazione nel caso dei sindacati. Anche questo tipo di partecipazione, però, innalza sensibilmente la soddisfazione per altri aspetti della propria condizione: in particolare la soddisfazione per le proprie relazioni con amici. Quest’ultimo è l’aspetto della soddisfazione personale che più è influenzato positivamente dalla partecipazione ad associazioni (non solo quelle sindacali; sono anzi quelle di volontariato e culturali-ricreative a essere in cima a questa classifica): un risultato che conferma l’importanza dei beni di natura relazionale tratti dalla partecipazione alle associazioni.

18 Non modifica sostanzialmente questi risultati del modello l’inserimento di altre variabili indipendenti: in particolare la condizione occupazionale (occupato, disoccupato, studente, casalinga, ritirato dal lavoro), la circoscrizione territoriale (Nord ovest, Nord est, Centro, Sud e Isole), il genere e l’età.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Davide La Valle, «A cosa servono le associazioni»Quaderni di Sociologia, 39 | 2005, 73-97.

Notizia bibliografica digitale

Davide La Valle, «A cosa servono le associazioni»Quaderni di Sociologia [Online], 39 | 2005, online dal 30 novembre 2015, consultato il 25 janvier 2021. URL: http://journals.openedition.org/qds/1015; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1015

Torna su

Autore

Davide La Valle

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale -Università di Trento

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search