Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri41teoria e ricercaReality Blog. Strategie dell’aute...

teoria e ricerca

Reality Blog. Strategie dell’autenticità fra reality Tv e interazione on-line

Maurizio Torchio
p. 115-136

Testo integrale

Tanto più conviene osservare l’uomo nel rischio e nel pericolo, e nelle avversità riconoscere chi sia; perché al lora finalmente si cavano dal fondo del cuore parole vere e la maschera [persona] è strappata, resta la realtà.

Lucrezio, De Rerum Natura, Libro III.

1Due retoriche dell’autenticità si confrontano, e si integrano, nella reality Tv: autenticità come capacità di restare se stessi e autenticità come impossibilità di continuare a fingere.

2La prima celebra un sé immutabile ed univoco, refrattario all’assunzione di ruoli, immediato, irriflessivo, ostentatamente indifferente allo sguardo e al giudizio sociali. La seconda condivide l’assunto che il vero sé sia immutabile e presociale, ma l’eroe non è più l’individuo che resiste alle pressioni del gruppo, bensì la comunità che, amplificando tecnologicamente le sue pressioni, lo smaschera.

3L’enfasi si sposta così dall’immediatezza alla mediazione. Nei format successivi al Grande Fratello persino la diretta – spesso indicata come il vero centro rituale della televisione, l’ideologia necessaria ad occultarne la complessità, la natura di strumento – passa in secondo piano ogniqualvolta altre forme di narrazione – dal ruolo terapeutico del conduttore all’utilizzo massiccio ed esplicito di materiali registrati e montati – sembrino un grimaldello più adatto ad aprire varchi di autenticità.

4Il vero sé è sempre rappresentato come composto essenzialmente di emozioni. Ma per accedervi non è più sufficiente perseguire l’ «intimità (vicinanza emotiva) attraverso l’immediatezza (vicinanza temporale)» (Kavka e West, 2004; Lundt, 2004). Occorrono – e vengono esibite – tecnologie che favoriscano la perdita dell’autocontrollo.

5Analizzando il contenuto di Vero Amore – versione italiana di Temptation Island –, e soprattutto le modalità con cui viene trascritto, riassunto, commentato e parodiato on-line dai blogger appassionati di reality, diviene possibile articolare nel dettaglio tanto le differenti retoriche dell’autenticità, quanto le strategie che gli attori mettono in atto per smentirle/confermarle.

6Non solo. Se i reality portano alle estreme conseguenze l’idea di una televisione sempre più autocontenuta ed autoreferenziale (Taggi, 2000), la loro fruizione – o, quanto meno, la fruizione da parte di quel particolare tipo di audience attiva che sono i reality blogger – si muove in direzione opposta. L’autenticità dei concorrenti viene vagliata e discussa attraverso un’inchiesta collettiva, uno sforzo di contestualizzazione che deborda dalla televisione alla ricerca di indizi e testimonianze di prima mano.

7I fan, soprattutto se organizzati, spesso incarnano il paradosso di essere «consumatori che producono, lettori che scrivono, spettatori che partecipano» (Jenkins, 1992a). I fan dei reality sono un particolare tipo di fan senza divi.

8Studiarli offre spunti per chiarire la posta in gioco del loro attivismo. In primo luogo la competenza: la conoscenza delle regole della mediazione come sostituto dell’immediatezza. In secondo luogo la dissacrazione, l’ironia che permette di fruire senza sensi di colpa un contenuto mediale altrimenti stigmatizzato. Questi primi due punti, questi due modi complementari di prendere le distanze, segnano un ulteriore arretramento per l’ideologia della diretta. Talvolta la fruizione dei commenti e delle parodie arriva a sostituire quella del programma. Infine, in terzo luogo, la celebrità. Non la celebrità dei divi, qui del tutto assenti, ma quella dei fan, che diventano famosi – localmente ma stabilmente famosi – perché competenti dissacratori di personaggi provvisoriamente famosi.

1. Autenticità come indifferenza allo sguardo

9La verità dei reality sta nell’autenticità dei partecipanti. «Qui non ci sono regole», dichiara la conduttrice italiana del Grande Fratello, «se non quella di essere se stessi» (Demaria, Grosso e Spaziante, 2002, 251).

10È un’autenticità retoricamente antiteatrale, che rifiuta i ruoli sociali. Preoccupata di riconoscere e preservare la verità del sé prima e al di là delle maschere imposte dall’interazione. «Essere se stessi» non è un’ideale normativo, né un progetto. Non richiede particolari presupposti sociali, cognitivi, o – tanto meno – esistenziali. È legato alla sincerità più che all’autonomia e alla consapevolezza. «Essere se stessi» significa comportarsi nello stesso modo in pubblico o in privato, con un interlocutore o un altro. Rimanere se stessi, innanzitutto. Non cambiare, in particolare, di fronte alle tentazioni della celebrità.

11La popolarità dei petomani – una popolarità trasversale rispetto ai format e ai paesi – incarna un estremo di questo modello di schiettezza venato di anti-intellettualismo. Il concorrente ideale è indifferente allo sguardo, si comporta di fronte a milioni di telespettatori come fosse da solo.

  • 1 Si farà riferimento, da qui in avanti, alla prima edizione di Vero Amore, in onda in prima serata, (...)

12In Vero Amore1 – versione italiana del format Temptation Island – cinque coppie vengono tenute separate, per tre settimane, in due diversi villaggi vacanze. I maschi trovano ospitalità al «villaggio dei fidanzati», abitato da tredici «single tentatrici». Le femmine, specularmente, vengono messe alla prova da tredici tentatori.

13Spiega la conduttrice: «Francesca ha questo timore, che Giuseppe non sia innamorato. Decide di partecipare a questo programma per guardare in faccia la realtà e per vedere come lui intende comportarsi».

14Per verificare l’amore di Giuseppe, Francesca sceglie di farlo ingelosire. Per questo si chiude ogni notte nella camera di Cristiano, l’unico posto del villaggio dove le telecamere non possono arrivare. Francesca ritiene che la rettitudine – invisibile – del suo comportamento la esoneri dal dover salvare le apparenze.

15Katrina, una delle fidanzate al villaggio con lei, la critica:

Katrina: Per me, i discorsi che tu fai, a volte, sul rispetto che ti deve dare Giuseppe, sul fatto che lui si comporti male… non li puoi fare! in determinate circostanze, se tu, in primis, non dai rispetto a lui, davanti a milioni di italiani. Questa è la mia idea […] Se tu ti arrabbi per l’esterna di Giuseppe, che non c’era assolutamente niente di male, Giuseppe, secondo te, cosa dovrebbe pensare?
Francesca: Ma quello che penserà lo saprà lui, a me non interessa neanche quello che pensa, pensa un po’!

16Siamo agli antipodi della candid-camera – esposizione inconsapevole – come della web-cam – esposizione totale. Se l’esposizione è inconsapevole – se manca la tentazione di mettersi in posa – viene meno l’intero gioco dell’autenticità. Se l’esposizione è totale, viene meno il problema della fiducia, e i dilemmi legati al binomio: comportarsi correttamente/apparire corretti.

17Francesca ostenta indifferenza verso l’opinione pubblica come verso l’opinione del fidanzato Giuseppe. O del single Cristiano.

Cristiano: Dimmi se sei innamorata o no…
Francesca: Io non ti devo dire niente a te, come non devo dire niente a nessuno di voi!

18Questa impermeabilità alle influenze sociali può richiamare l’ideale di un sé integro, duraturo e autonomo, capace di opporre la sua forza centripeta alle tendenze centrifughe e disgreganti della modernità, al moltiplicarsi dei mondi vitali e degli stili di vita (Giddens, 1991; Voskuil, 2004). Ma richiama anche il timore adolescenziale di perdere il proprio «vero sé» nel momento in cui la società impone di differenziare il comportamento in funzione delle occasioni e degli interlocutori. Gli psicologi dello sviluppo caratterizzano l’ossessione per l’autenticità come fenomeno tipicamente adolescenziale, che precede la capacità di riconoscersi autentici in una molteplicità di ruoli (Harter, 2002).

19Per questo – oltre che per l’afflato vocazionale di format come Amici o Saranno Famosi – la reality Tv è una televisione adolescenziale.

20Quanto questo tipo di fedeltà a sé stessi rappresenti un positivo fattore di emancipazione rispetto a conformismo e tradizionalismo, e quanto invece una chiusura narcisista, è problema dibattuto non solo in filosofia politica (Taylor, 1992; Ferrara, 1998; Anton, 2001), ma dallo stesso Cristiano, il single tentatore, nel proseguimento del già citato dialogo sul «non devo dire niente a nessuno di voi»:

Francesca: io faccio quello che mi pare, sempre e comunque nella vita.
Cristiano: allora stai bene da sola. Perché se vuoi stare con un’altra persona la devi rispettare.

21Il fascino dell’autenticità come indifferenza allo sguardo e alle convenzioni sociali si scontra dunque, all’interno del programma, con le esigenze del riconoscimento.

22La fiducia – fra i beni più preziosi, anche nel mondo dei reality – richiede garanzie supplementari.

2. Autenticità come perdita dell’autocontrollo

23Giuseppe non crede a Francesca, è offeso. Le rimprovera di non aver tenuto in nessun conto la sua sensibilità – e la sua reputazione. Nella serata conclusiva, in diretta tv, Giuseppe lascia Francesca per Erminia, una delle single tentatrici.

24Francesca, fra le lacrime, dichiara la sua dolorosa soddisfazione:

Sono entrata qui, ho messa in gioco tutta me stessa. Avevo un obiettivo, l’ho raggiunto. Bene o male che sia stato, per me, ho capito quello che Giuseppe era veramente, quello che Giuseppe veramente provava, e sono sicura che lui non è mai stato innamorato di me.

25Anche Giuseppe è soddisfatto:

Conduttrice: com’è andata?
Giuseppe: benissimo per me, perché sono felice per me stesso. […] È un’esperienza dove emergono i valori di una persona, cioè dove non puoi fingere, devi essere una persona vera. Se sei una persona buona risulterà che sei una persona buona, diversamente, se sei cattiva, risulterà che sei cattiva. Se fingi potrai fingere i primi giorni, ma dopo di che non ce la fai più a reggere al gioco.

26Giuseppe e Francesca concordano su un punto: il sé che emerge dall’esperienza del reality è costante. Se Giuseppe ha dimostrato di non amare Francesca, è perché «non è mai stato innamorato». Analogamente: «se sei una persona buona, risulterà che sei una persona buona». La prova del reality non modifica, rivela.

27Ma cosa provoca la rivelazione? E cosa ne garantisce l’autenticità? «Se fingi potrai fingere i primi giorni, ma dopo di che non ce la fai più a reggere».

28L’autenticità è quel che resta dopo il crollo delle finzioni. L’autenticità come capacità di restare se stessi viene sopravanzata dall’autenticità come incapacità di continuare a fingere. Ad un’autenticità attiva, che resiste alle pressioni, si sostituisce un’autenticità passiva, che si rivela proprio in ragione di una molteplicità di pressioni.

29Entrambi i tipi di autenticità sono centrali nell’ideologia dei reality, ma la seconda ha il vantaggio di prestarsi a maggiori esercizi di verifica. E di essere più spettacolare.

30Tuttavia il tempo, da solo, non basta.

31John De Mol – fondatore della Endemol e creatore del format Big Brother – indica nelle dinamiche di gruppo il reagente che, mescolato al tempo, ha il potere di sciogliere ogni patina di artificialità:

È impossibile che una persona possa sostenere una maschera, un personaggio, più di due settimane. Il gruppo ti smaschera. L’ho visto in ogni versione di Big Brother.

(Demaria, Grosso e Spaziante, 2002, 247)

32Ma affinché il gruppo possa operare deve trattarsi di un gruppo chiuso, costretto a un’interazione continua, con margini di privacy estremamente limitati. Il tipo di controllo esercitato dalle comunità tradizionali deve venire ricreato in laboratorio. L’artificialità dell’ambiente è funzionale a far emergere la natura dei partecipanti.

33Sempre De Mol, dichiarò che a ispirare il Grande Fratello fu Biosphere 2, controverso progetto di mesocosmo autosufficiente: una bolla grande 25 ettari, trasparente e perfettamente sigillata, costruita in mezzo al deserto dell’Arizona. Otto persone – e numerose altre specie animali e vegetali – vi rimasero chiuse due anni, dal settembre 1991 al settembre 1993 (Kangas, 2003).

34I partecipanti ai reality soggiornano per tempi molto più brevi in ambienti molto meno ermetici. Assomigliano a turisti, più che a cavie da laboratorio. Ma, come i reclusi di Biosphere 2, agiscono fuori contesto.

35Gli ambienti servono da scenografia e a generare prove, non a definire l’identità di chi li abita.

36Delle tre dimensioni che Augé (1992) utilizza per distinguere i luoghi dai non luoghi – relazioni, storia, identità – gli ambienti dei reality sembrano rinunciare alle ultime due, per potenziare la prima. Dai luoghi e dalle comunità tradizionali – o meglio, dall’ideale antropologico dei luoghi e delle comunità tradizionali – ereditano la vocazione alla chiusura e all’autosufficienza.

37Solo nei format basati sullo scambio – di partner, di classe sociale – il contesto diviene parte del gioco. Ma, anche in questo caso, i protagonisti agiscono in un habitat che non è il loro. Hanno a che fare con regole e culture che non padroneggiano. Sono a disagio, impreparati, spesso inopportuni.

38Il disagio e l’impreparazione si aggiungono così alle dinamiche di gruppo e allo scorrere del tempo per favorire la perdita del controllo.

39Anche il trionfo del dilettantismo – aspiranti cantanti che debuttano di fronte a milioni di persone; cantanti professionisti che pescano, costruiscono capanne, accendono il fuoco – può venir letto in questa chiave. Non è solo un livellamento verso il basso, utile a favorire l’identificazione, ad alleviare i sensi di inferiorità dell’audience – come nella «Fenomenologia di Mike Bongiorno» (Eco, 1963) – e/o illuderla sull’accessibilità della fama.

40Il dilettantismo favorisce la perdita dell’autocontrollo. Il dilettante non è in grado di padroneggiare pienamente la situazione, piegandola ai suoi fini. Mostra cose che un professionista riuscirebbe a tenere nascoste. È più facile, attraverso un dilettante, spiare dietro le quinte. Cogliere, fra le crepe di un ruolo sottoposto a forti pressioni, l’autenticità del soggetto:

Audiences look for the moment of authenticity when real people are ‘really’ themselves in an unreal environment… [Capitalising] on the tension between performance and authenticity, [the programmes] ask contestants and viewers to look for the ‘moment of truth’ in a highly constructed and controlled television environment.

(Hill, 2002, 324)

41Già Goffman (1959) sottolineava il valore di verità normalmente attribuito agli aspetti meno controllabili del comportamento, alle informazioni lasciate trasparire più che comunicate intenzionalmente. Gli aspetti meno manipolabili vengono usati per giudicare l’attendibilità di quelli più manipolabili. Una nota stonata all’interno di una performance la compromette nella sua interezza. Gli attori sociali, naturalmente, lo sanno, e dedicano particolare attenzione all’osservazione, gestione ed eventuale dissimulazione dell’ «incontrollato» – spesso, ma non sempre, coincidente con la comunicazione non verbale.

  • 2 A puro titolo esemplificativo, fra i molti luoghi della rete dedicati al riassunto e alla discussio (...)

42Per Goffman, l’innaturale coerenza ed omogeneità espressiva richiesta alle nostre performance sociali richiama una «crucial discrepancy between our all-too-human selves and our socialized selves» (Goffman, 1959, 56). Ma è proprio sulle tracce del «troppo umano» – e sulla loro valutazione – che si misurano gli appassionati di reality2:

Giuseppe e Francesca, troppo finta lei, ha fatto benissimo lui. Quello che si ricorderà di lei è il fatto che le piaceva farsi vedere, vedi le camminate che ha fatto ieri in studio. Le sue lacrime, o presunte tali, si vedevano lontano un miglio che erano finte. Giuseppe ha fatto bene a piantare lei (con Erminia poi si vedrà come andrà a finire, se ce lo faranno sapere).

(marcoilcugginodigiorgio su Reality Blog, 6 giugno 2005)

Francesca è da OSCAR!!! Da notare che se si ascoltava solo l’audio sembrava che stesse piangendo disperata, specialmente quando hanno fatto vedere il fuori studio, se però si guardava il video, il pianto disperato è stato riassunto in 2 (contate) lacrime...

(Mukka su Reality Blog, 3 giugno 2005)

Francesca è un attricetta da quattro soldi.. appena entrata in trasmissione faceva come i bambini capricciosi: si sforzava per far venire fuori due lacrime... Rientra in trasmissione con lenti a contatto verdi e occhi tutti pesti come se avesse pianto... Cara mia non incanti nessuno sei una FARSA!!!

(Lilla su Daveblog, 14 giugno 2005)

43Nel Grande Fratello, la televisione potenziava la capacità di osservazione degli spettatori, non dei partecipanti. Parte del piacere della fruizione stava proprio in questo surplus di conoscenza. Chi guarda da casa può avere la sensazione di conoscere la verità delle dinamiche di gruppo meglio di chi sta in televisione. Solo dopo l’eliminazione i concorrenti assistono, in studio, a un filmato che ne ricapitola l’esperienza.

44Nei reality successivi, invece, la potenza analitica della telecamere sempre più spesso viene reinserita all’interno della narrazione, orientandone lo sviluppo.

45Dopo la prima edizione del Grande Fratello si diffuse la percezione che i partecipanti avessero perso la loro verginità mediatica, non fossero più pienamente dilettanti, agissero tenendo conto della televisione – e cercando di piegarne, a loro vantaggio, i meccanismi.

46La televisione sembra aver assimilato questo aumento di consapevolezza cambiando di segno alle tecnologie. Se fingere immediatezza non è più possibile, tanto vale valorizzare la mediazione, esibirne tutti gli artifici – a cominciare dal montaggio – mettendoli al servizio, ancora una volta, della perdita del controllo.

47«Ora ti faccio vedere la sua settimana», dice la conduttrice di Vero Amore a Giuseppe. Il grosso dello schermo è occupato dalle immagini in differita di Francesca, mentre un riquadro in basso a sinistra mostra il primissimo piano del volto di Giuseppe, in diretta, in studio. In sovrimpressione scorre la scritta: «Giuseppe guarda la sua fidanzata Francesca intrattenersi con il single Cristiano». Il montaggio sceglie i momenti più intimi. L’accompagnamento musicale li sottolinea. L’estetica è da videoclip, da video matrimoniale, da soap-opera. Nulla richiama gli effetti amatoriali (camera a mano; inquadrature fisse e a bassa definizione, stile web-cam o video sorveglianza) della tv-verità.

48La comunità degli spettatori, in studio e da casa, guarda Francesco che guarda. Spia i muscoli che guizzano sotto le guance, gli sbotti, la crescente difficoltà a star fermo, e, finalmente, lo sfogo contro Francesca.

49La reality Tv diventa una televisione di reazioni, più che di azioni.

50Subito dopo, Giuseppe esce dallo studio, entra Francesca.

51«Dieci minuti fa Giuseppe era qui – annuncia la conduttrice – Ha visto un rvm che ti riguarda, e ha fatto [sic] un video messaggio». Giuseppe ha visto Francesca attraverso una registrazione. Francesca vede Giuseppe attraverso un video messaggio, ulteriormente e dichiaratamente mediato dalla conduttrice, che sceglie di trasmetterne «soltanto metà», e di raccontarne a parole il rimanente, «per non ferirti troppo».

52Quest’intercambiabilità fra registrazioni e conduttrice è costante. All’inizio di un nuovo programma, ad esempio, la scheda che riassume la vita e il carattere dei partecipanti – la scheda che inizia a caratterizzarli in quanto personaggi – può essere affidata indifferentemente alle une o all’altra, o a entrambe. Conduttrice e registrazioni importano altri tempi ed altri luoghi, in nome del fine superiore della perdita del controllo e del manifestarsi delle emozioni – al quale la stessa diretta, e la clausura, erano finalizzate.

53È uno spostamento di accenti di una certa rilevanza.

54La diretta è stata considerata come un’«ideologia della televisione», utile a naturalizzare e occultare la frammentazione e la complessità di produzione e programmazione (Feuer, 1983). Ovvero come la categoria rituale che permette alla società dei guardanti di raccogliersi intorno ad un unico centro (Couldry, 2003 e 2004). La reality Tv, perseguendo «intimacy (emotional closeness) through immediacy (temporal closeness)» si collocherebbe all’interno di questa tradizione, rinnovandola e potenziandola (Kavka e West, 2004, 137; Lundt, 2004).

55Nei reality post-Grande Fratello, invece, come si è cercato di mostrare, è la mediazione, non l’immediatezza, il grimaldello capace di far saltare finzioni e convenzioni sociali, permettendo di accedere al vero sé.

56Nel video messaggio, come nel racconto della conduttrice, Giuseppe è furibondo. Francesca sembra apprezzarlo:

Ha avuto una reazione quindi, a qualcosa che ha visto… bene! […] Sono contenta. Sono contenta Maria [la conduttrice], era quello che volevo, volevo una sua reazione… l’ha avuta.

57Il male peggiore è non mostrare ciò che si prova. «The very validation of individual feeling requires that it should be disclosed, preferably in public» (Furedi, 2004, 40). In una società segnata dalla «cultura della terapia» (Furedi, 2004) il parlare di sé, mostrare le proprie emozioni, è considerato il primo, indispensabile passo verso la cura della sofferenza – quale che ne sia l’origine – e la reintegrazione sociale.

58La ricerca del vero sé, finisce col risolversi nella ricerca di emozioni vere:

There can be little doubt that in any modern society there will be an aspiration for authenticity. Social fragmentation and fluidity, individuation and change constantly throw up questions like ‘who I am?’ and ‘where do I belong?’. In such circumstances there is a considerable temptation to go beyond self reflection and to regard one’s feeling as the only genuine source of authenticity. Moreover, in a world where everything appears fluid and ephemeral, the belief that there is a stable innate self offers a degree of comfort to otherwise anxious individuals. The ‘true self’, with all its passion and emotions, tends to become the focus for the uncertain imagination. The belief that spontaneous and natural emotions can only be defiled by the demands of society for self-control, autonomy and reason often follow from this outlook. This is why modern culture has continually celebrated the genuine, natural and spontaneous emotion.

(Furedi, 2004, 39)

59Vedremo più avanti come questo «riduzionismo emotivo» non sia universalmente applicabile. Ci sono indagini collettive intorno all’autenticità dei partecipanti dove le emozioni hanno soltanto valore indiziario, nel quadro di una più ampia ricostruzione di contesti. Ma l’enfasi sulla spontaneità e sulle emozioni – e sulla loro possibile falsificazione – resta comunque fortissima.

60La conduttrice interpreta un importante ruolo di counseling e di incentivo ad aprirsi. Dopo il video messaggio, Francesca vede Giuseppe attraverso la sintesi della settimana:

Maria [la conduttrice] sottopone Francesca ad un tour de force di rvm: Giuseppe ed Erminia, Erminia e Giuseppe, Erminia su Giuseppe, etc etc. La reazione della nostra è più che prevedibile: muso imbronciato, scuote la testa come in un cerimoniale ossessivo. […] Francesca finge frustrazione e insofferenza. Dichiara (sempre oscillando il capo): «Non ce la faccio più. Maria, non ce la faccio più».

(daveblog su Daveblog, 9 Giugno 2005)

61Notiamo, per inciso, la curiosa parabola di un termine come rvm (Registrazioni Video Magnetiche), un tempo riservato agli addetti ai lavori, e allargatosi al grande pubblico proprio quando gli rvm, come ogni supporto magnetico, hanno cominciato ad estinguersi. Ma il pubblico dei reality ha fame di termini tecnici, una fame che scaturisce dal desiderio di appropriarsi delle regole della televisione e dei meccanismi della celebrità.

62Cosa vede Francesca? Giuseppe è stato fatto uscire dal villaggio dei fidanzati per portare Erminia – la single tentatrice – a visitare la casa dove è nato e cresciuto. Nel riquadro grande, in differita, Erminia piange, commossa perché Giuseppe ha voluto condividere con lei una parte del suo passato. Nel riquadro piccolo, in diretta, Francesca piange per lo stesso motivo.

63Grazie al «tour de force» di rvm, e al lavoro emotivo della conduttrice, Francesca ha finalmente perso il controllo. Lacrime vere? Finte? La loro decifrazione è parte del piacere collettivo della visione.

64Quando piange, Francesca cerca di voltarsi lontano dalle telecamere, nascondendo il volto con le mani. Giuseppe ed Erminia, invece, inforcano occhiali da sole. Ma una lacrima spunta lo stesso da sotto le lenti, e scorre lungo la guancia.

65È di questa incontenibilità che vive la poetica di Vero Amore. Ed è questa perdita del controllo nonostante gli sforzi in senso contrario che spiano con avidità gli spettatori in cerca di «flickers of authenticity» – baluginii di autenticità (Kilborn, 2003, 160). Il peto, come indifferenza alle regole della messa in scena, non può assurgere a simbolo definitivo di autenticità. Manca la tensione, la lotta fra spontaneità e ruolo, esibizione e pudore. Manca il momento catartico – e atteso – del crollo.

3. L’indagine sull’autenticità come ricostruzione collettiva di contesti

Ma qual è il tuo problema??? francesca a giuseppe piaceva e anche tanto, quindi per lui era bellissima, come lo è per noi, che con i suoi difetti e pregi continuiamo a sostenerla, perché vera, isterica come dici tu, ma vera!! e come fai a giudicare erminia così che l’hai vista tre volte in vero amore, non sai nemmeno come sia in realtà, francy si è esposta molto di più, per questo si è fatta conoscere. e poi ricordati che le persone apparentemente più calme sono quelle più pericolose...

(Polena su Forum Uomini e Donne, 2 luglio 2005)

66Francesca è «isterica ma vera». O vera perché isterica, dunque incontrollata.

67È vera perché «si è esposta molto di più». Autentico è chi non è apocrifo, chi non si nasconde (kryptein) al tutto (apò). Chi non rifugge lo sguardo della comunità, e così dimostra di non aver nulla da nascondere.

68Ma la maggior esposizione di Francesca, oltre che un tratto caratteriale, è un fatto mediatico. Non si può giudicare Erminia – osserva Polena – dopo averla vista tre sole volte in Vero amore. Si possono giudicare Francesca e Giuseppe perché la coppia che ora la televisione mette alla prova è nata in televisione, in un precedente reality: Uomini e Donne – stessa rete, stessa conduttrice. L’origine televisiva di una coppia suscita sospetti, ma offre l’occasione di un allargamento di campo:

Francesca, boh, non so se sia sincera, e in effetti le lacrime stentavano un po’ ad uscire... però mi sembrava abbastanza. delusa... c’è da dire che questa coppia è stata «costruita» a uomini e donne, quindi non so quanto sia reale!

(barmic su Reality Blog, 3 giugno 2005)

69La segregazione spazio temporale è uno dei meccanismi utilizzati per inibire la capacità di impersonare ruoli. Ma chi guarda desidera collocare i lampi di autenticità che così si manifestano all’ interno di un orizzonte più ampio. Trovare conferme. Costruire storie. Dà pertanto inizio a un’opera di ricontestualizzazione. La singola apparizione viene confrontata e integrata con notizie su altri luoghi, tempi, e relazioni.

Io penso che Giuseppe sia uscito dal programma da grande pallone gonfiato quale si è dimostrato da Uomini e donne. Legittima la scelta di lasciare Francesca, ma non avrebbe dovuto assolutamente fare la sua orrenda dichiarazione ad Erminia..prima di parlare con quella che era ancora la ragazza. E per che donna poi.!. Patetico..

(cryp su Daveblog, 17 giugno 2005)

70Il flusso televisivo aiuta a interpretare i comportamenti. Passate apparizioni spiegano il comportamento di Giuseppe. Future apparizioni spiegano il comportamento strategico – e inautentico – di Erminia:

una che si fa attrarre da quell’omino della Michelin [Giuseppe] può anche essere «molto donna» e/o intelligente, ma ha indubbiamente qualcosa che non va. La risposta mi colpisce come la mela caduta dall’albero: vuole il trono! Dannazione, come ho fatto a non pensarci prima? Stasera la posta in palio è molto, molto alta: la ragazza scartata da Giuseppe salirà sul trono di Uomini e Donne a settembre, cosa scommettiamo?

(daveblog su Daveblog, 9 Giugno 2005)

71Questo lavorio dell’audience – e il suo utilizzo da parte dell’industria culturale – è già stato studiato in relazione al divismo (Dyer, 1986; Ellis, 1992). È un bisogno di tridimensionalità che porta ad una accumulazione di punti di vista: il divo parla di sé alla radio; pubblicizza un prodotto in televisione; la stampa scandalistica ne racconta la vita privata; i fan magazine lo ritraggono sul set di un film in lavorazione; il divo si racconta in una biografia autorizzata; una biografia non autorizzata racconta il divo; merchandising del divo; interviste sulla stampa generalista, etc.

72Il desiderio di cogliere il vero divo al di sotto e al di là della molteplicità delle apparizioni ne alimenta la circolazione intertestuale e intermediale dell’immagine. Le riviste di gossip vivono del desiderio di scoprire cosa accade fra un’apparizione e l’altra, negli spazi d’ombra fra i riflettori, dietro le quinte, sotto la superficie. La passione per il privato dei personaggi pubblici, trovando fili che collegano apparizioni diverse, dà stabilità ontologica a un divenire altrimenti caleidoscopico.

73Ma il trasferimento di questi meccanismi ai reality impone una revisione delle teorie classiche della celebrità.

74Il divismo cinematografico si riteneva avesse un centro, e una gerarchia. È il film a superare e sintetizzare le tracce disseminate nello spazio pubblico. La circolazione dell’immagine serve come invito – o marketing – del cinema:

The star image is paradoxical and incomplete so that it functions as an invitation to cinema […] It proposes cinema as the completion of its lacks, the synthesis of its separate fragments.

(Ellis, 1992, 93)

75È sul grande schermo – grande come dimensioni, definizione, completezza sensoriale, durata – che meglio si possono cogliere l’imprevedibile, l’inintenzionale, il non verbale. Paradossalmente, è nella recitazione, più che in un’intervista, che si manifestano quei guizzi di autenticità di cui abbiamo visto essere ghiotto anche il pubblico dei reality:

Acres of writing have been produced to celebrate this or that phenomen in such or such a star: Garbo’s laugh, Cary Grant’s eyes, the way Rock Hudson bites his lips in All That Heaven Allows (1955)… The journalistic apotheosis of these moments witnesses the feeling that the star is caught unawares in them. They mark the absorption of the star into the fictional character. The star seems to be feeling the emotion of the role at that point as his or her own emotion. The star is not performing here, so much as ‘being’. In other words, what the film performance permits is moments of pure voyeurism for the spectator, the sense of overlooking something which is not designed for the onlooker but passively allows itself to be seen.

(Ellis, 1992, 99)

76Ma anche l’appagamento offerto dal film è incompleto. Il divismo vive del continuo rimando, e contrasto, fra presenza e assenza («effetto fotografia»); ordinario e straordinario; disponibilità e inattingibilità.

77Il circolo della celebrità, per alimentarsi, richiede dei paradossi.

78La televisione, con la sua pretesa di immediatezza, familiarità, quotidianità, può creare personaggi, non star (Ellis, 1992; Marshall, 1997; Turner, 2004). A maggior ragione i reality, che dell’ordinarietà fanno una bandiera.

79Eppure la circolazione intertestuale e intermediale dell’immagine dei partecipanti ai reality, seppur più effimera, è paragonabile a quella delle star del cinema (Holmes, 2004). Non solo: è essenziale all’effetto realtà.

80Il gusto per la scoperta del «vero» sé, al di sotto e al di là di una molteplicità di apparizioni, non è dunque più spiegabile con la straordinarietà di un carisma, o la sacralità di un’aura. Non è indispensabile la Garbo per alimentare la ricerca intorno a un nocciolo premoderno del sé, e/o dar corpo a un’ideologia dell’individualismo (Dyer, 1986).

81Passioni da detective story sembrano sufficienti a metter in moto un processo collettivo di raccolta e interpretazione di tracce, indizi, moventi; è il gusto di smascherare gli imbroglioni, di ristabilire la verità.

82Anche l’esistenza di un medium privilegiato viene messa in discussione.

83La reality Tv non porta a compimento l’utopia neotelevisiva di una televisione perfettamente autocontenuta ed autoreferenziale (Taggi, 2000).

84Dove cercare la vera Francesca? In televisione, sulle riviste, su internet, nel mondo?

SOLO GLI STOLTI NEGANO L’EVIDENZA, INFATTI TUTTI QUELLI CHE VEDONO GIUSEPPE ED ERMINIA AL DI FUORI DELLA TV ASSERISCONO CHE SI PIACCIONO E FORSE STA NASCENDO QUALCOSA DI MOLTO PROFONDO! L’UNICA COSA CHE PUO’ FARE LA VOSTRA «SIGNORA MORANA» [Francesca] PER APPARIRE ANCORA IN TV E SULLE RIVISTE È SALIRE AL TRONO [cioè tornare a «Uomini e donne»], ......PURTROPPO COSA CHE AVVERA’

(consuelo su Forum Uomini e donne, 8 giugno 2005)

85Le riviste qui vengono poste sullo stesso versante della televisione, complici di una strategia dell’apparire. Per giudicare dell’autenticità bisogna uscire dai media. O quantomeno testimoniarne direttamente.

io difendo fra [Francesca] perché mi immedesimo in lei,e penso a quanto stia soffrendo vedendo quei due ........ che si stanno facendo risate alle sue spalle. io ho assistito alla trasmissione uomini e donne ,e ti posso assicurare che fra non è falsa! tra tutte quelle che corteggiavano giu [Giuseppe] lei era l’unica persona vera tra tutte quelle oche. addirittura prima che iniziasse la trasmissione lei tremava al solo pensiero di rivedere giu.

(Lisa su Forum Uomini e Donne, 4 luglio 2005)

86Il tremore – indizio non verbale di perdita del controllo – come prova di autenticità. Un tremore che precede l’inizio della trasmissione.

87L’uscita dalla comunicazione di massa può essere ancora più netta:

Ragazzi, arrivo sul mio terreno! Ieri sera, vi dico soltanto, ho ricevuto chiamate ed sms da gente che non vedevo da minimo 5 anni tutti conoscenti della scimmietta [Francesca]! Tutti ridevano come dei matti! La serata è stata esilarante, lei è esilarante: è riuscita a farsi scaricare in televisione da uno come Giuseppe, esattamente come l’hanno scaricata in tanti nella vita reale! Ho una scenetta da ricordare che posterò tra poco sul mio blog...

(RobertaRo su Daveblog, 10 giugno 2005)

88La potenza indagatrice è data non solo dalla tecnologia del laboratorio televisivo, ma dalla molteplicità degli sguardi. La forza del passaparola moltiplica le occasioni per ricostruire il passato e la coerenza di chi è comparso in Tv. L’inchiesta intorno all’autenticità è un’opera collettiva. Testimonianze su fatti accaduti fuori dalla televisione, e prima della televisione, vengono raccolte attraverso comunicazioni individuali (telefonate e sms), e successivamente pubblicate su internet.

89Francesca «prima della tv» viene anticipata su Daveblog, accessibile a tutti. Ma per conoscere l’intera storia bisogna spostarsi su RobertaRo, gratuito ma protetto da password, a inviti. Il segreto come strategia pubblicitaria. Teasing.

90La popolarità dei reality è stata trasformata, lavorata, arricchita, per dirottare un po’ di pubblico verso Daveblog prima, RobertaRo poi.

4. Reality blogger: ironia ed economia informale della celebrità

91Il dibattito americano sulla natura disgregatrice (Cavender, 2004), immorale (Fuss-Reineck, 2003), o addirittura antidemocratica (Prose, 2004) del modello di comunità messo in scena dalla reality Tv, sembra fuori luogo, oltre che fuori misura. Se esiste una dimensione comunitaria – o disgregatrice – dei reality, questa va cercata innanzitutto nel pubblico (Foster, 2004), non fra i partecipanti.

92Il pubblico in studio è parte della scenografia televisiva; di più: parte delle tecnologie che favoriscono la perdita del controllo. Il pubblico in studio applaude a un’idea e al suo contrario. Incita un personaggio e il suo antagonista. Sottolinea e amplifica, per aumentare la temperatura emotiva. Più folla che pubblico.

93Del pubblico a casa sappiamo poco. L’interattività determinata dal coinvolgimento attraverso il voto – meccanismo che peraltro non si applica a tutti i reality – non va sopravvalutata (Tincknell e Raghuram, 2004). Se è vero che i reality sono watercooler tv (Holmes e Jermyn, 2004), ovvero una televisione da macchinetta del caffè, basata sulla capacità di generare socialità e discussioni (Demaria, Grosso e Spaziante, 2002), allora è lì che va studiato il suo pubblico.

94Un sottoinsieme di queste discussioni avviene su internet.

95Nei blog e nei forum dedicati ai reality ci si sfoga, si riassume, si commenta, si esorcizza, si tifa, si interpreta, si scommette. Chi vi partecipa, vive il paradosso dei fan: «consumers who also produce, readers who also write, spectators who also partecipate» (Jenkins, 1992a, 208). Una peculiarità che, associata a quelle dell’interazione on-line (Hine, 2000; Bird, 2003), impone estrema cautela nelle generalizzazioni, ma può offrire indicazione utili a capire le modalità di fruizione e interazione di particolari tipologie di audience attiva.

96I blogger condividono con i partecipanti ai reality il desiderio di celebrità. L’ossessione per la politica dei link e dei commenti – commento te, se commenti me; rimando a te, se rimandi a me – conferma come a motivare questo tipo di produzione culturale non sia esclusivamente una ricerca di espressività, ma di popolarità. Un diario on-line è un diario che reclama una fetta di visibilità. RobertaRo non è l’unica a usare i reality per tentare di catturare una frazione di notorietà:

Ciao, complimenti. Vi invito sul mio blog www.ilmioreality.splinder. com per rivelarvi i nomi dei naufraghi de L’isola dei famosi 3 (esclusivaaaaaa)

(www.ilmioreality.splinder.com su RealityBlog, 18 giugno 2005)

97Più che di textual poachers (De Certeau, 1980; Jenkins, 1992b) – bracconieri che si appropriano, senza autorizzazione, dei prodotti delle élites culturali, trafugandoli dal contesto originario e modificandoli per meglio adattarli ai propri bisogni – o di una «shadow cultural economy» (Fiske, 1992, 30) – che vive all’ombra, e in simbiosi, con l’ufficialità del capitale socioculturale (Bourdieu, 1979) – per spiegare i commentatori di reality, e probabilmente anche molti altri tipi di fandom e di audience attiva, conviene rifarsi a quella che potremmo chiamare un’economia informale della celebrità.

98L’economia della celebrità, di norma, accentua le disuguaglianze. Lievi differenze di performance si traducono in enormi differenze di status. La celebrità tende a creare mercati dove il «vincitore prende tutto» (Ackerman, 2000).

  • 3 Documentario, regia di Roger Nygard, 93 minuti, Usa 2004.

99Ma è anche possibile rinvenire, in funzione redistributiva, l’equivalente di un indotto della celebrità. In Trekkies 23 una coppia di fan di Star Trek, durante una convention, si avvicina a Barbara Adams per chiedere un autografo. Lei firma con consumata condiscendenza. La coppia, emozionata, balbetta apprezzamenti. Barbara Adams non è un’attrice di Star Trek, e non ha nulla a che fare con la produzione. È una fan divenuta celebre perché, convocata come giudice popolare al processo Whitewater, si presentò vestita in uniforme spaziale.

100È celebre in quanto fan e, come tale, ha i suoi fan. Fan di fan.

101C’è chi accusa i partecipanti ai reality di essere famosi solo perché famosi, cioè famosi senza competenze. È un argomento che risale perlomeno alle origini della televisione e dei timori legati alla «cultura di massa» – cfr. ad esempio Boorstin (1961, 58): «the celebrity is a person who is well-known for his well-knowness».

102L’economia informale della celebrità, invece – informale perché al di fuori della contabilità dell’industria culturale – rende famosi – localmente famosi, ma i circuiti locali della celebrità non vanno sottovalutati – perché competenti di personaggi famosi.

103Dave, o Lupina, lo sono:

non posso dire altro se non che sei un grande…come fai poi a cogliere tutti qsti aspetti, anche qlli nascosti?!?! Complimenti

(angela su DaveBlog, 6 ottobre 2005)

dave sei su libero…sei grande dave ti amiamo…www.bloggers.it/ferrari

(mirko su DaveBlog, 6 ottobre 2005)

104«Sei su Libero» significa che il riassunto di Dave è stato segnalato da LiberoBlog4, antologia quotidiana a cura del portale Libero. Una quota di attenzione fluisce da Libero a Dave, e da Dave a RobertaRo. I mille rivoli in cui la fama si divide, si moltiplica, viene rielaborata, raffinata, e rivenduta con sovrapprezzo, sono ancora in gran parte da mappare.

105Certo, il bracconiere testuale di De Certeau, che ignora le recinzioni fra bassa e alta cultura, e consuma anche ciò a cui non avrebbe diritto, ha un fascino romantico che manca agli industriosi «sweat shop» dell’economia informale della celebrità. Ma la trasformazione e l’integrazione dei testi – o la creazione di nuovi, a partire dal repertorio di temi e personaggi offerto da una determinato evento mediale – non serve solo a soddisfare bisogni di consumo, o di espressione, che non riescono a trovare soddisfazione all’interno dei circuiti culturali ufficiali. Serve anche a creare plus-celebrità.

106Le creazioni di queste audience attive spesso puntano più sul valore di scambio dei loro prodotti che su una gratificazione immediata, legata all’uso. Difficile spiegare altrimenti le energie impegnate nel riassunto e commento on-line di ogni puntata di ogni reality. È vero che, talvolta, il lavoro degli uffici stampa si intreccia a quello dei fan. Ma una forte componente di spontaneismo sembra innegabile. Il riassunto può limitarsi a tre, quattro cartelle, ma spesso supera le quindici, include la sbobinatura di interi dialoghi, è fitto di rimandi a riassunti precedenti dello stesso o di altri autori.

107Commentatori esperti possono addirittura anticipare nel riassunto, drammatizzandoli, aspetti di quell’indagine collettiva intorno alla verità dei protagonisti che abbiamo visto operare, di norma, in un secondo momento. Così Estee include nel suo riassunto la ricostruzione di un dialogo con Devious Weasel – un altro membro di realitytvworld5 –, che le suggerisce dove cercare informazioni sul passato di TJ, protagonista di un contestatissimo reality della Fox6.

108L’indagine collettiva intorno alla verità diviene parte della narrazione:

Psst!
Huh?
Psst! Estee! Over here!
…who?
It’s me, Devious Weasel.
Oh. Um… DW – how did you get into my apartment?
I didn’t. You’re fictionalizing an Email exchange we had the other day into a conversation for purposes of information relay.
…right. If you say so. Is there some reason you’re breaking into the middle of what’s promising to be my worst summary to date?
That would really be saying something.
Thanks.
I just wanted to tell you TJ wasn’t being completely honest about her job history.
She hasn’t worked at Belly’s?!?
Better than that. I checked salon.com and the summary article Webby posted, and got the real dirt. Go over to her website for a minute and surf around.
Okay – loading it up – oh.
See? She’s a low-tier softcore porn star. Kind of D-list for the hard R stuff and single-X stuff.

(Estee su Realitytvworld, 9 gennaio 2005)

109Estee mette le mani avanti: questo rischia di essere il suo «peggior riassunto» di sempre.

110Ogni riassunto è una performance che sarà giudicata dal gruppo dei pari.

111Iwannabearealitystar premette alla sua opera prima un «Welcome to my “Virgin Summary”. Be gentle...». È un riassunto di iniziazione. Nell’approvarlo, gli utenti più esperti ricapitolano le caratteristiche di un buon riassunto:

Let’s see...Funny? Check. Informative? Check. Sucks up to the moderators? Check. Yup, that’s a fine first-time summary. The bad news? Now you have no excuse for not signing up for more. J

(Bebo su Realitytvworld,14 luglio 2005)

OMG! [Oh my god!] This is the best summary! I made the mistake of reading it at work, and couldn’t help but laugh out loud many, many times! I have to admit, I’d actually seen the episode myself, so I know that you captured the essence of it perfectly, while making it funnier than I ever imagined. I can’t stop laughing over the «Girls Gone Wild» image. You hit it right on the money! Thanks for the great job! Please say you’ll sign up for more of these. You’ve got the gift, believe me!

(Palmselfish su Realitytvworld, 19 luglio 2005)

112«You’ve got the gift, believe me!». Scrivere riassunti divertenti e informativi è un’arte. Il materiale grezzo su cui si esercita, invece, è un consumo mediale fortemente stigmatizzato, suscitatore di sensi di colpa. «I have to admit, I’d actually seen the episode myself», ovvero:

Beh, lo confesso, ieri sera l’ho visto anche io...

(Mukka su RealityBlog, 3 giugno 2005)

113Persino fra appassionati, vedere una puntata è una colpa da confessare in modo solo parzialmente ironico. Grazie al lavoro di chi riassume/commenta il momento del dibattito può sganciarsi dalla visione del programma. Il riassunto non solo integra e distorce, ma può arrivare a sostituire il programma da cui è germogliato:

se non fosse per lupina l’isola per me manco esisterebbe :P

(klio su RealityBlog, 6 ottobre 2005)

lupina, non si tratta di complimenti. Io non sono molto paziente e non reggo tutta la trasmissione: me la registro e me la gusto poi maggiormente DOPO aver letto i tuoi post.
Anzi suggerirei a tutti questa tecnica.

(Anonimo su RealityBlog, 6 ottobre 2005)

La mia tecnica è ancora meglio: solo Lupina. Godo molto, faccio altre cose ed è come esserci stata...

(Pirula su RealityBlog, 6 ottobre 2005)

114«Godo molto, faccio altre cose ed è come esserci stata». Il senso della diretta, con il suo presunto valore rituale, ne esce ulteriormente ridimensionato. Qui è la mediazione che conta, l’assimilazione all’interno della comunità dei fan.

115Per lo spettatore isolato, il pianto è la strategia retorica più adatta a esorcizzare la visione:

  • 7 Maria Vittoria, 35 anni, bancaria, Domodossola. Colloquio con l’autore.

Quando guardo Maria De Filippi mi viene da piangere: come mi sono ridotta, a 35 anni, a guardare queste cose?7

116Per il gruppo invece – anche il gruppo asincrono e ipermediato dei blog –, subentra la carta del divertimento:

Oh! Io ieri la puntata l’ho vista, ma non mi sono mica pisciato sotto dal ridere come leggendo la tua trash-cronaca!

(Leo su Daveblog, 6 ottobre 2005)

Dave stasera che ti guardi? Così lo guardo anche io e domani rido !

(antonella su Daveblog il 6 ottobre 2005)

117Difficile stabilire se questo riso assomigli più alla «truffa operata ai danni della felicità» denunciata da Horkheimer e Adorno (1947, 150), oppure a un modo per trasformare spettatori passivi e isolati in un’attiva comunità di dissacratori.

118Qui ci limitiamo a segnalare il ruolo del divertimento nel giustificare un consumo mediatico stigmatizzato; la temporalità che ne deriva – guardare una cosa stasera, per riderne domani; e come il «puro» divertimento si intrecci fin da subito con altre modalità di distanziamento: l’ironia e la critica.

119Sono pochi, infatti, gli anti-fan che «amano odiare», e traggono piacere non tanto dal consumo dello show, quanto dalla sua denigrazione verbale (Foster, 2004):

io credo che la sig.ra de filippi potrebbe benissimo essere paracadutata in irak, cosi la smette con tutte queste pantomime finte e gira un reality utile e vero. le sue trasmissioni , ad esclusione forse di «c’è posta per te» sono una cosa devastante per il morale e l’intelletto del telespettatore, si critica smack down [programma di wrestling] perché violento !? a parer mio è molto peggio ciò che fà questa signora in tv,creando programmi idioti fatto da persone che non fanno nulla perché incapaci di fare qualcosa. cosa insegnano i suoi programmi? solo che se sei figo, non sei utile alla società perché non sai fare niente, e sei una persona che si fà sbattere facilmente fai cariera in tv, allora rispondete cosa ha a che vedere questo con la realtà di oggi. mi stupisco che ci sia chi guarda questa trasmissione.

(daniele su RealityBlog, 3 giugno 2005)

120Questo tipo di attacchi offre lo spunto per meglio precisare la norma delle critiche on-line:

noi qui il programma lo guardiamo. con spirito critico, ironia, cattiveria, quello che vuoi, ma lo guardiamo. altrimenti dave non potrebbe scrivere quelle perle di sintesi e perfidia che sono le trashcronache, e noi non sapremmo come commentarle…cia cia

(Sarabobina su Daveblog il 15 giugno 2005)

121Se i reality democratizzano il protagonismo, il commento ai reality democratizza l’opinionismo.

122La rete – ma probabilmente anche gli altri gruppi informali di discussione – si affolla di «suocere di Aldo Grasso»:

Minchia ma chi sei? La suocera di Aldo Grasso [critico televisivo del Corriere della Sera]?Mi hai fatto sbellicare, complimenti.

(ale su Daveblog il 6 ottobre 2005)

123Suocere con l’obbligo dell’ironia, caratteristica onnipresente nel fandom on-line (Baym, 2000). I pochi indignati sono autori grezzi, che godono di scarsa popolarità. Il commentatore esperto condivide con le riviste di gossip il «piacere dell’incredulità» (Fiske, 1989, 215), sa riconoscere il «trash», e usa il cinismo come indicatore di competenza – una tecnica utilizzata anche all’interno delle organizzazioni, cfr. ad esempio Kunda (1992).

124La competenza può spingersi oltre. I confini fra produttori e consumatori sfumano:

devo dire che gli ascolti hanno strapremiato questo programma... e il fatto che tutti qui ne parlino è esemplare... grazie a tutti

(creativamente su Dave Blog, 10 giugno 2005)

@creativamente: mi sa che hai una visione dell’auditel tutta tua. dire che gli ascolti hanno «strapremiato» questo «programma» (gli apici su programma sono miei...) è davvero esagerato. se non ricordo male con le prime due puntate avete fatto un ascolto molto al di sotto delle aspettative, se non erro di un punto solo superiore alla diretta concorrenza. ed è molto di più di quanto meritavate, per la mancanza di idee, la mosciaggine e la lentezza di un prodotto che nemmeno io credevo così brutto. alla defilippa [conduttrice] non si puo’ non riconoscere di saperci fare, con la tv. ma stavolta ha davvero toppato. il programma era NOIOSO. tutto qui. senza rancore

(azzurra su Dave Blog, 10 giugno 2005)

@Azzurra: Non per difendere creativamente, ma considerando che il periodo pre-estivo non offre niente di buono e che la gente preferisce uscire piuttosto che rincoglionirsi a guardare la tv, i risultati delle prime due puntate sono stati più che ottimi. È l’audience totale delle reti che è basso. Di conseguenza anche lo share che uno si aspetta non è così alto come quando si è in pieno periodo di guerra degli ascolti. Oramai che guerra ci sta?

(Italian Psycho su Dave Blog, 11 giugno 2005)

125Più dell’incontro fra due mondi a lungo rimasti impermeabili – quello di chi trasmette e quello di chi riceve – colpisce la diffusione di temi, interessi, e vocabolario per addetti ai lavori presso il grande pubblico. La conoscenza delle regole della mediazione, come sostituto dell’immediatezza. Da questo punto di vista, i blog non sono che la punta di un iceberg. I dati sull’audience, e i retroscena del mercato televisivo, fanno quotidianamente notizia sui principali mezzi di comunicazione di massa.

126Per iniziare a spiegare questo fenomeno, conviene ricordare che la televisione, per quanto costantemente impersonata, resa familiare, ricontestualizzata, è pur sempre un sistema astratto, uno dei più potenti agenti di disembedding – «<lifting out> of social relations from local contexts of interaction and their restructuring across indefinite spans of time-space.» (Giddens, 1990, 21) – della modernità. È allora possibile estendere alla televisione quello sforzo di riappropriazione che Giddens ha visto all’opera verso altri sistemi astratti, come la scienza medica, o l’organizzazione del lavoro (Giddens, 1991, 137-142). Apprendere una parte delle regole e delle tecniche della televisione – e, più in generale, dei meccanismi della celebrità, percepiti come sempre più importanti nel decidere dei destini e della convivenza sociale – diventa una strategia di emancipazione, più o meno velleitaria, attraverso la quale moltitudini di «dilettanti» cercano di riappropriarsi di quote di controllo su di un sistema vissuto come cruciale per le proprie vite.

Torna su

Bibliografia

Ackerman F. et al. (a cura di) (2000), The political economy of inequality, Washington DC, Island Press.

Adorno T. W., Horkheimer M. (1947), Dialektik der Aufklärung. Philosophische Fragmente, Amsterdam, Querido (trad. it.: Dialettica dell’illuminismo, Torino, Einaudi, 1966).

Anton C. (2001), Selfhood and Authenticity, Albany, Suny Press.

Augé M. (1992), Non-lieux: introduction à une anthropologie de la surmodernité, Paris, Seuil.

Baym N. K. (2000), Tune In, Log On: Soaps, Fandom and Online Community, London, Sage.

Bird E. (2003), The Audience in Everyday Life: Living in a Media World, London, Routledge.

Boorstin D. J. (1961), The Image, or What Happened to the American Dream, London, Weidenfeld and Nicolson.

Bourdieu P. (1979), La Distinction: critique sociale du jugement, Paris, Éditions de Minuit.

Cavender G. (2004), In search of community on Reality TV: America’s Most Wanted and Survivor, in Holmes S., Jermyn D. (a cura di), Understanding Reality Television, London, Routledge.

Couldry N. (2003), Media Rituals, London, Routledge.

Couldry N. (2004), Liveness, ‘Reality’, and the Mediated Habitus from Television to the Mobile Phone, «The Communication Review», 7, 353-361.

De Certeau M. (1980), L’invention du quotidien, Paris, Union generale d’editions.

Demaria C., Grosso L., Spaziante L. (2002), Reality Tv. La televisione ai confini della realtà, Roma, Rai-Eri.

Dyer R. (1986), Heavenly Bodies: Film Stars and Society, Oxford, MacMillan (2a ed., London, Routledge, 2004).

Eco U. (1963), Diario minimo, Milano, Mondadori.

Ellis J. (1992), Visible Fictions: Cinema, Television, Video, London, Routledge.

Ferrara A. (1998), Reflective Authenticity : Rethinking the Project of Modernity, London, Routledge.

Feuer J. (1983), The Concept of Live Television: Ontology as Ideology, in Kaplan E. A. (a cura di), Regarding Television, Frederick, University Publications of America.

Fiske J. (1989), Reading the Popular, London, Routledge.

Fiske J. (1992), The Cultural Economy of Fandom, in Lewis L.A. (a cura di), Adoring Audience: Fan Culture and Popular Media, London, Routledge.

Foster D. (2004), ‘Jump in the pool’: the competitive culture of Survivor fan networks, in Holmes S., Jermyn D. (a cura di), Understanding Reality Television, London Routledge.

Furedi F. (2004), Therapy Culture, London, Routledge.

Fuss-Reineck M. (2003), The Communication Ethics of Survivor, in Smith M. J., Wood A. F. (a cura di), Survivor Lessons: Essays on Communication and Reality Television, Jefferson, McFarland.

Giddens A. (1990), The consequences of modernity, Cambridge, Polity Press.

Giddens A. (1991), Modernity and Self-Identity. Self and Society in the Late Modern Age, Cambridge, Polity Press.

Goffman E. (1959), The Presentation of Self in Everyday Life, New York, Doubleday.

Harter S. (2002), Authenticity, in Snyder C. R., Lopez S. J. (a cura di), Handbook of Positive Psychology, Oxford, Oxford University Press.

Hill A. (2002), Big Brother: The Real Audience, «Television and New Media», 3, 3, 323-41.

Hine C. (2000), Virtual Ethnography, London, Sage.

Holmes S. (2004), ‘All you’ve got to worry about is the task, having a cup of tea, and doing a bit of sunbathing’. Approaching celebrity in Big Brother, in Holmes S., Jermyn D. (a cura di), Understanding Reality Television, London, Routledge.

Holmes S., Jermyn D. (2004), Introduction, in Holmes S., Jermyn D. (a cura di), Understanding Reality Television, London, Routledge.

Kangas P. C. (2003), Ecological Engineering, Boca Raton, crc Press.

Kavka M., West A. (2004), Temporalities of the real: conceptualizing time on reality tv, in Holmes S., Jermyn D. (a cura di), Understanding Reality Television, London Routledge.

Kilborn R. (2003), Staging the Real. Factual TV Programming in the Age of Big Brother, Manchester, Manchester University Press.

Kunda G. (1992), Engineering culture: control and commitment in a high-tech corporation, Philadelphia, Temple university press.

Jenkins H. (1992a), ‘Strangers No More, We Sing’: Filking and the Social Construction of the Science Fiction Fan Community, in Lewis L. (a cura di), The Adoring Audience, London, Routledge.

Jenkins H. (1992b), Textual Poachers: Television Fan and Participatory Culture, London, Routledge.

Lunt P. (2004), Liveness in Reality Television and Factual Broadcasting, «The Communication Review», 7, 329-335.

Marshall D. P. (1997), Celebrity and Power: Fame in Contemporary Culture, Minneapolis University of Minnesota Press.

Prose F. (2004), Voting Democracy Off the Island: Reality TV and the Republican Ethos, «Harper’s Magazine», March, 58-64.

Taggi P. (2000), Vite da format. La TV nell’era del grande fratello, Roma, Editori Riuniti.

Taylor C. (1992), The Ethics of Authenticity, Cambridge, Mass., Harvard University Press.

Tincknell E., Raghuram, P. (2004), Big Brother: reconfiguring the ‘active’ audience of cultural studies?, in Holmes S., Jermyn D. (a cura di), Understanding Reality Television, London, Routledge.

Turner G. (2004), Celebrity, London, Sage.

Voskuil L. M. (2004), Acting Naturally: Victorian Theatricality and Authenticity, Charlottesville, University of Virginia Press.

Torna su

Note

1 Si farà riferimento, da qui in avanti, alla prima edizione di Vero Amore, in onda in prima serata, su Italia 1, dal 19/05/2005 al 16/06/2005.

2 A puro titolo esemplificativo, fra i molti luoghi della rete dedicati al riassunto e alla discussione collettiva dei reality: www.realitytvworld.com [link non raggiungibile 27/12/2016]; www.realityblurred.com [link non raggiungibile 27/12/2016]; www.fansofrealitytv.com [link non raggiungibile 27/12/2016]; www.orwellproject.com [link non raggiungibile 27/12/2016]; http://annalupini.blog.kataweb.it/reality_blog/ [link non raggiungibile 27/12/2016]; www.daveblog.net/ [link non raggiungibile 27/12/2016]; http://loxalgrandefratello.splinder.com/ [link non raggiungibile 27/12/2016].

3 Documentario, regia di Roger Nygard, 93 minuti, Usa 2004.

4 http://liberoblog.libero.it/.

5 http://www.realitytvworld.com.

6 In Whose your daddy? una ragazza adottata doveva riconoscere il suo vero padre biologico fra sei pretendenti. La Fox ne ha trasmesso soltanto la puntata pilota, nel gennaio 2005.

7 Maria Vittoria, 35 anni, bancaria, Domodossola. Colloquio con l’autore.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Maurizio Torchio, « Reality Blog. Strategie dell’autenticità fra reality Tv e interazione on-line »Quaderni di Sociologia, 41 | 2006, 115-136.

Notizia bibliografica digitale

Maurizio Torchio, « Reality Blog. Strategie dell’autenticità fra reality Tv e interazione on-line »Quaderni di Sociologia [Online], 41 | 2006, online dal 30 novembre 2015, consultato il 04 décembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1032; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1032

Torna su

Autore

Maurizio Torchio

Prima Facoltà di Architettura ˗ Politecnico di Torino

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search