Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri41il documento / Lo sviluppo umano,...Buoni propositi, risultati insuff...

il documento / Lo sviluppo umano, Rapporto 2005

Buoni propositi, risultati insufficienti

Alberto Martinelli
p. 161-164

Testo integrale

  • 1 Dal novembre 2006 è disponibile il nuovo Rapporto, L’acqua tra potere e povertà [N.d.E.].

1Il Programma per lo sviluppo delle Nazioni Unite (undp) pubblica annualmente a partire dal 1990 un approfondito rapporto sulle varie aree di problemi concernenti lo sviluppo umano, e gli obiettivi e le strategie delle politiche miranti a favorirlo. I titoli dei vari Rapporti, dal primo pubblicato nel 1990 (dedicato alle questioni metodologiche di definizione e di misurazione del concetto) all’ultimo che ha per titolo La cooperazione internazionale a un bivio (Rosenberg & Sellier, Torino, 2005)1, offrono già il quadro dei problemi considerati prioritari e delle strategie per affrontarli: «per una riforma della spesa sociale», «come ridurre le disuguaglianze mondiali», «decentrare per partecipare», «nuove sicurezze», «la parte delle donne», «il ruolo della crescita economica», «sradicare la povertà», «i consumi ineguali», «la globalizzazione», «i diritti umani», «come usare le nuove tecnologie», «la qualità della democrazia», «le azioni politiche contro la povertà».

2Si tratta di documenti interessanti e utili, che integrano opportunamente sia altri rapporti periodici di taglio prevalentemente economico come il World Development Report della Banca mondiale, sia rapporti di natura più contingente come il peraltro apprezzabile Rapporto della Commission on Africa istituita da Tony Blair al vertice del G8 del 2005.

3Il Rapporto 2005 sullo sviluppo umano si caratterizza per la centralità del concetto di sviluppo umano in alternativa al più antico e riduttivo concetto di prodotto interno lordo, la conseguente importanza attribuita alle variabili non economiche, la tendenza a ragionare per temi prioritari piuttosto che per macroprocessi, la ricchezza degli esempi illustrativi di un problema o di una politica, il linguaggio divulgativo. I suoi principali limiti sono la scarsa originalità, la preoccupazione di ottenere il più largo consenso, evitando le questioni più controverse (controllo delle nascite, corruzione delle classi governanti dei paesi in via di sviluppo, collusione di attori multinazionali, ecc.) e non approfondendo le contro argomentazioni alle tesi enunciate nel testo. Il Rapporto 2005, come e ancor più di quelli precedenti, è un essay in persuasion che è pur sempre il risultato di una serie di delicati compromessi tra una pluralità di attori rappresentati all’onu. Pur con questi limiti, si tratta di una lettura istruttiva e stimolante e va dato merito a Rosenberg & Sellier di offrirne una edizione italiana nel complesso ben tradotta, anche se con qualche refuso (come, a pagina 223, i 300 milioni di dollari, non 300.000!, stanziati dall’Unione Europea nel 2004 per creare una forza di intervento nelle crisi regionali, o a p. 228 lo 0,7%,e non il 7%!, del reddito nazionale lordo da destinare ai paesi inclini al conflitto da parte degli stati donatori).

4Il Rapporto 2005 si propone specificamente di valutare il grado di attuabilità entro il 2015 degli Obiettivi di sviluppo del Millennio proclamati solennemente nel 2000 e adotta al riguardo uno schema ormai consolidato, analizzando tre aree fondamentali nella analisi dello sviluppo: a) gli aiuti (e la connessa questione del debito), b) gli scambi commerciali, c) la sicurezza e i conflitti. Sia pur con tutti i limiti derivanti dal fatto che alcuni dati non sono disponibili e altri sono di qualità discutibile, una valutazione è possibile e abbastanza deludente; il Rapporto afferma infatti che «.. i risultati indicano senza ambiguità alcuna un ampio divario tra i traguardi degli Obiettivi di sviluppo del Millennio e gli effetti derivanti dalle tendenze attuali»(pp. 66-67).

5Val la pena di ricordare che i Millennium Development Goals riguardano 8 ambiti fondamentali, definendo per ognuno di essi sia il fine generale che un obiettivo specifico misurabile: 1) eliminare la fame e la povertà estreme, dimezzando la percentuale di persone il cui reddito ammonta a meno di 1 dollaro al giorno e dimezzare la malnutrizione. 2) Conseguire l’istruzione primaria universale, assicurando che i bambini di tutto il mondo siano in grado di completare un intero ciclo di istruzione primaria. 3) Promuovere l’uguaglianza di genere e l’empowerment delle donne, eliminando la disparità di genere nell’istruzione primaria e secondaria, preferibilmente entro il 2005 e non oltre il 2015. 4) Ridurre la mortalità infantile, diminuendo di due terzi il tasso di mortalità infantile sotto i cinque anni di età. 5) Migliorare la salute materna, riducendo il tasso di mortalità materna di tre quarti. 6) Combattere l’hiv/aids, la malaria e altre malattie, arrestando e iniziando l’inversione dell’incidenza dell’hiv/ aids e di altre malattie. 7) Assicurare la sostenibilità ambientale, dimezzando la percentuale di persone prive di accesso sostenibile ad acqua potabile pulita e a provvedimenti sanitari. 8) Sviluppare una partnership globale per lo sviluppo, riformando gli aiuti e il commercio con un trattamento speciale per i paesi poveri.

6A circa un terzo del cammino dei 15 anni previsti, si sono verificati dei miglioramenti indubbi, ma largamente insufficienti; se continuano le tendenze in atto infatti, ben 50 paesi (di cui la metà appartenenti all’Africa sub-sahariana) con una popolazione totale di 900 milioni di persone, stanno arretrando rispetto ad almeno uno di questi obiettivi; altri 65 paesi con una popolazione totale di 1,2 miliardi di persone non riusciranno a raggiungere almeno uno degli obiettivi. A parte l’obiettivo 1 (relativo al dimezzamento della percentuale di persone con redditi minimi) che può già dirsi raggiunto grazie al forte miglioramento di paesi come la Cina e l’India, la maggior parte degli altri obiettivi (come, ad esempio, il 2 relativo alla istruzione primaria universale) possono invece già dirsi mancati e richiedono molto più tempo (ad esempio, l’obiettivo 4 concernente la riduzione della mortalità infantile potrà esser raggiunto solo nel 2045 con trent’anni di ritardo).

7Alla luce di questa poco incoraggiante situazione il Rapporto esprime la speranza che nel vertice dell’onu del settembre 2005 i leader mondiali prendano coscienza di questi gravi ritardi e decidano di conseguenza. In realtà, sappiamo che, se lo scopo era quello di «tramutare impegni e promesse in azioni concrete miranti a sconfiggere la povertà nel mondo», il Vertice è stato un fallimento. Alla luce di quanto successo, il titolo del Rapporto 2005 La cooperazione internazionale a un bivio appare pretestuoso e velleitario; i leader mondiali che hanno partecipato al Vertice onu di New York non sembrano aver percepito di essere a un bivio, e se veramente si trattava di un bivio, dobbiamo dedurne che hanno imboccato la strada sbagliata.

8In realtà, proprio per la tendenza dei leader e delle opinioni pubbliche dei paesi più ricchi a sottovalutare la gravità del problema della disuguaglianza nel mondo globalizzato e ad assumere impegni che poi vengono spesso disattesi e per la inadeguatezza di molte classi dirigenti dei paesi più poveri, documenti come questo Rapporto svolgono un ruolo di sicura rilevanza per la ricchezza dei dati presentati, per l’approfondimento di molte importanti questioni e per la formulazione di una serie di raccomandazioni argomentate. Si vedano, a titolo di esempio, l’insistenza con cui vengono poste al centro della analisi le questioni dell’aumento delle disuguaglianze e della disparità di opportunità (con un approccio ispirato da Amartya Sen); si vedano le considerazioni relative alla esigenza non solo di aumentare la quantità, ma anche di migliorare la qualità, degli aiuti allo sviluppo; si veda la critica vigorosa alle barriere commerciali erette a danno di alcuni dei paesi più poveri del mondo («in media le barriere contro cui si scontrano i paesi in via di sviluppo per esportare verso i paesi ricchi sono quattro volte superiori a quelle incontrate dai paesi ricchi quando commerciano tra di loro», p. 31) e la conseguente critica delle trattative che hanno luogo nella Organizzazione Mondiale del Commercio; si veda la efficace analisi dell’intreccio nefasto tra povertà e violenza nei paesi meno sviluppati, della trasformazione nella natura dei conflitti (che tendono sempre più a essere conflitti locali e regionali combattuti in nazioni indebolite e allo sfascio, essenzialmente con armi leggere, facendo la maggior parte delle vittime tra la popolazione civile) e la denuncia della responsabilità di particolari flussi commerciali (l’esportazione di minerali e di altre risorse naturali non è di per sé causa di conflitti, ma sono i mercati delle risorse naturali e delle armi leggere che possono procurare i mezzi per finanziare i conflitti e la violenza).

9Può essere interessante rilevare che l’Italia non fa una bella figura nel Rapporto: il nostro paese è citato per uno dei più bassi livelli di aiuti in percentuale del pil tra i paesi sviluppati, per la tendenza a erogare aiuti vincolati all’acquisto di beni e servizi delle nostre imprese, e per essere tra i maggiori esportatori di armi leggere. Sarebbe ora di cambiare radicalmente la nostra politica.

10Una critica da muovere a questo, come alla maggior parte dei documenti concernenti lo sviluppo umano e la lotta contro la povertà e le disuguaglianze globali, è la sottovalutazione quando non addirittura la completa rimozione di alcuni aspetti del problema: in primo luogo, il problema demografico e delle politiche di controllo delle nascite. Si tratta di una «dimenticanza» che è dovuta al desiderio di non irritare istituzioni religiose e governi che subiscono forti influenze confessionali e che limita l’attendibilità delle soluzioni proposte. Secondo lo studio pubblicato dal Population Reference Bureau dal titolo Global Demographic Divide, infatti, il gruppo dei paesi a più forte incremento demografico equivale all’8% della popolazione mondiale nel 2005 ma conterà per il 20% nel 2050, anche assumendo un declino nella fertilità ( passerà cioè da 700 milioni a 1 miliardo e 900 milioni). La maggior parte di questo gruppo di paesi ha i più bassi livelli di alfabetizzazione e di reddito pro-capite e si concentra nell’Africa sub-sahariana. In secondo luogo, si trascura il problema della debolezza delle istituzioni politiche e della corruzione delle classi dirigenti dei paesi poveri. In terzo luogo, sarebbe necessaria una analisi più approfondita del coacervo di interessi nei paesi ricchi che ostacolano l’attuazione di politiche coerenti volte alla riduzione delle disuguaglianze su scala globale. Non mancano accenni nel Rapporto alla necessità di state building nei paesi poveri e alla responsabilità di alcuni attori globali, ma si tratta di riferimenti isolati e non sistematici. La «soluzione» del problema dello sviluppo umano è di conseguenza un po’ troppo lasciata alla «buona volontà» dei leader e dell’opinione pubblica dei paesi più ricchi.

Torna su

Note

1 Dal novembre 2006 è disponibile il nuovo Rapporto, L’acqua tra potere e povertà [N.d.E.].

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Alberto Martinelli, « Buoni propositi, risultati insufficienti »Quaderni di Sociologia, 41 | 2006, 161-164.

Notizia bibliografica digitale

Alberto Martinelli, « Buoni propositi, risultati insufficienti »Quaderni di Sociologia [Online], 41 | 2006, online dal 30 novembre 2015, consultato il 04 décembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1036; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1036

Torna su

Autore

Alberto Martinelli

Dipartimento di Studi Sociali e Politici ˗ Università di Milano

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search