Navigazione – Mappa del sito
teoria e ricerca

La definizione di un problema sociale: vittimizzazione e riconoscimento sociale dei bambini soldato

Katia Pilati
p. 133-145

Testo integrale

Introduzione

  • 1 Secondo la legge italiana n. 49 del 1987 sulla cooperazione allo sviluppo, l’azione umanitaria indi (...)

1A partire dagli anni Novanta l’attenzione delle organizzazioni internazionali è stata caratterizzata da una fase di transizione da discorsi e pratiche sullo sviluppo sociale ed economico verso analisi e interventi centrati sulle conseguenze provocate da catastrofi, carestie o conflitti che caratterizzano propriamente l’azione umanitaria1. Tale transizione è evidente sia considerando la proliferazione degli studi e dei rapporti delle organizzazioni internazionali che analizzano situazioni di emergenza, sia in seguito all’aumento delle risorse finanziarie e degli interventi in questo settore (Perrot, 1994; Wieviorka, 1998; Brousse, 1993; Hermet, 1993; Boltanski, 2000, 285). Tuttavia, nonostante l’improvvisa attenzione verso l’azione umanitaria, queste emergenze non sono peculiari dello scorso decennio. La novità non sembra tanto il loro recente emergere e l’esistenza di specifiche condizioni oggettive che le generano, quanto la capacità di renderle socialmente visibili. Altrimenti non si spiegherebbe perché certi fenomeni abbiano più risonanza sociale di altri che, pur essendo definibili problematici per la presenza di simili caratteristiche, non riescono a ottenere lo stesso interesse e considerazione nella sfera pubblica.

  • 2 Questo processo è stato definito in vari modi dagli studiosi: «riconoscimento esterno» (Pizzorno, 1 (...)

2L’obiettivo di questo scritto è di studiare le modalità attraverso le quali un certo evento è definito e percepito collettivamente come un problema sociale. Priorità e rappresentazioni diverse di ciò che può essere considerato tale, possono infatti competere in una stessa arena in cui l’oggetto della contesa diventa precisamente l’identificazione del problema (Blumer, 1971; Spector e Kitsuse, 1977; Hilgartner e Bosk, 1988; Schneider, 1985). Attori con interessi diversi partecipano al processo di definizione collettiva del problema le cui dinamiche riguardano, di conseguenza, il riconoscimento sociale di una particolare prospettiva e di specifici interessi. Categorie socialmente costruite diventano le categorie di riferimento convenzionalmente accettate nello spazio simbolico e socio-politico, modi «universali» di percepire e orientare l’azione (Bourdieu, 1994, 1998; Pizzorno, 1996; Guizzardi, 2002; Best, 1989)2. Concetti che risalgono ad attori che selezionano determinati tratti per definire esperienze e fatti sociali, finiscono per essere trattati universalmente come reali e oggettivi. Ciò permette la «naturalizzazione» dell’arbitrario culturale facendo apparire naturali eventi che in realtà sono riconducibili a prospettive particolaristiche (Bourdieu, 1998, 12). Vari fattori contribuiscono a questo passaggio. In tale sede, analizzeremo in modo particolare come l’emotività, la sensibilità e il senso di pietismo evocati da un approccio vittimistico e dalla descrizione di alcuni avvenimenti in termini drammatici, possano infondere una presunta neutralità a interpretazioni specifiche che riescono così ad ottenere il riconoscimento collettivo.

  • 3 Hanna Arendt ha denominato queste dinamiche «politica della pietà», cioè un tipo di politica che si (...)

3Il caso empirico che mi permette di illustrare tali dinamiche è offerto dall’analisi dei bambini soldato in Repubblica Democratica del Congo (rdc). Presentando due prospettive, la lettura del fenomeno da parte delle istituzioni internazionali e le rappresentazioni locali, cercherò di mettere in luce le modalità attraverso le quali l’approccio istituzionale, che sottolinea una concezione vittimistica dei bambini soldato, emerge come la lettura convenzionalmente accettata del fenomeno. Tali dinamiche non implicano solamente la selezione di una specifica interpretazione della realtà ma anche un insieme di conseguenze a livello politico. Le pratiche e le politiche sociali tendono infatti a essere orientate dagli interessi degli attori istituzionali le cui definizioni vengono riconosciute, soprattutto in quanto, sottomessa all’urgenza della sofferenza che si evince dai termini utilizzati, l’azione esige l’impegno immediato (Arendt, 1999 [1963]; Boltanski, 2000, 49, 53)3.

4Svilupperò l’analisi del riconoscimento sociale attraverso la vittimizzazione. Non mi propongo quindi di indagare l’insieme delle condizioni, socio-economiche e culturali, che permettono di affermare una specifica prospettiva. In tal senso, lo studio potrebbe certamente estendersi alla disponibilità di risorse finanziarie e umane da parte degli attori istituzionali, del prestigio sociale e dell’autorità necessari per condurre ricerche approfondite sul campo e garantire analisi comparative sistematiche che permettono di affermare le loro definizioni. L’approfondimento di questi temi tuttavia aprirebbe spazi di discussione, per esempio sui rapporti di potere tra le organizzazioni di sviluppo e i governi donatori, che non rientrano negli obiettivi di tale scritto.

  • 4 Questo scritto è in continuità con le mie ricerche precedenti all’Istituto Universitario di Studi d (...)

5Nella prima parte dell’elaborato presenterò la prospettiva istituzionale attraverso le definizioni dei principali strumenti giuridici e dei rapporti elaborati dalle organizzazioni che finanziano i programmi di aiuto allo sviluppo (Brett, 1998; Malsen, 1997; McConnan e Uppard, 2001; Cohn e Goodwin-Gill, 1995; ilo, 2003; Human Rights Watch, 1994). Successivamente, analizzerò i dati relativi a due ricerche empiriche condotte in Repubblica Democratica del Congo nel dicembre del 2000 e nel 2002 per chiarire la seconda possibile lettura del fenomeno attraverso le percezioni locali (ilo, 2003; fafo/ipec, 2002; Pilati, 2001)4. Infine, argomenterò le modalità della vittimizzazione e del riconoscimento sociale dei bambini soldato che favoriscono il consenso sulle scelte e sugli interventi delle istituzioni (Willame, 1999; De Boeck e Honwana, 2000; Mahimbo Mdoe, 1999; Alou, 2000; Delville, 2000; Uvin, 2000; Duclos, 1995).

1. La definizione istituzionale dei bambini soldato

  • 5 La definizione è dell’unicef (unesco, ginie, Child and Young Adult Soldiers : International Guideli (...)

6Con l’espressione «bambino soldato» si intende definire ogni persona al di sotto dei 18 anni che appartiene a una forza armata regolare o irregolare e che occupa posizioni incluse, anche se non limitate, a quelle di cuoco, trasportatore, messaggero, oltre a tutti coloro che accompagnano questi gruppi al di fuori dei membri della famiglia. La definizione di bambino soldato è molto ampia e comprende anche le ragazze reclutate a scopo sessuale che accompagnano i militari come spose, spesso costrette forzatamente al matrimonio. Tale definizione è condivisa dalle maggiori organizzazioni internazionali che lavorano con i bambini soldato (Brett, 1998; Malsen, 1997; hrw, 1994; McConnan e Uppard, 2001; Cohn e Goodwin-Gill, 1995; ilo, 2003)5.

  • 6 Manier specifica che le negoziazioni sul limite dell’età da adottare sono state ostacolate soprattu (...)

7Il più importante strumento legislativo che cerca di inquadrare tali pratiche è la Convenzione Internazionale sui Diritti del Fanciullo del 1989, la più ratificata al mondo, per la quale un bambino è definito come ogni individuo che abbia meno di 18 anni e il reclutamento nelle forze armate o la partecipazione diretta alle ostilità sono espressamente vietati a tutti coloro che abbiano meno di 15 anni (art. 38)6. È soprattutto verso la fine degli anni Novanta che si assiste alla moltiplicazione delle normative specifiche in materia. Nel luglio del 1998 lo Statuto della Corte di Giustizia Internazionale di Roma stabilisce che la coscrizione o l’arruolamento nelle forze armate e la partecipazione attiva ai conflitti da parte di bambini sotto i 15 anni siano da considerare crimini di guerra. Successivamente, la Convenzione n. 182 dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro del 1999 dispone che la condizione del bambino soldato sia da ritenersi una delle peggiori forme di lavoro minorile, fissando a 18 anni il limite di età minima per il reclutamento. Infine il Protocollo Opzionale alla Convenzione Internazionale sui Diritti del Fanciullo relativo al coinvolgimento dei minori nei conflitti armati in vigore dal 12 febbraio 2002, innalza a 18 anni il limite dell’età per la partecipazione diretta alle ostilità o la coscrizione.

8In generale, nel rispetto di alcuni diritti dell’infanzia assunti e riconosciuti come universali, tutti i maggiori strumenti legislativi vietano l’arruolamento nei gruppi militari agli individui al di sotto di un’età che varia tra i 15 anni o i 18 anni, esortando le parti firmatarie all’adozione di misure atte all’eliminazione di tali pratiche.

9Conformemente al quadro giuridico presentato, negli anni Novanta le organizzazioni internazionali danno inizio agli interventi contro la diffusione delle pratiche che non rientrano nel modello di infanzia prospettato nel diritto internazionale. In particolare, il primo rapporto elaborato per le Nazioni Unite che apre la strada all’intervento delle diverse organizzazioni di sviluppo nel settore dei bambini soldato, è presentato nel 1996 da Graça Machel, ex-ministro dell’educazione del Mozambico. Il rapporto enfatizzava in modo particolare alcune situazioni considerate di estrema gravità come i bambini rifugiati, i bambini profughi e i bambini soldato, predisponendo alcune raccomandazioni e linee strategiche per proteggere tali popolazioni a rischio. I successivi rapporti delle organizzazioni internazionali, seppure analizzando fenomeni che si sviluppano nei contesti socio-culturali più eterogenei, illustrano in maniera pressoché standardizzata e uniforme le caratteristiche principali e il percorso di vita dei bambini soldato. Basti pensare che il concetto di bambino soldato denota realtà che variano dalle pratiche di arruolamento volontario dei ragazzi diciassettenni nell’esercito della Germania ai lanciatori di pietre in Palestina che combattono contro l’esercito israeliano, alla partecipazione di giovani dodicenni nei gruppi armati del Burundi.

  • 7 un Special Representative to the Secretary General for Children in Armed Conflicts, <www.un.org/special-rep/children-armed-conflicts/> [link non ragg</www> (...)

10Secondo le stime presentate alla conferenza Internazionale sui bambini coinvolti nei conflitti armati, tenutasi in Canada nel settembre del 2000, più di 300.000 bambini partecipavano al tempo a gruppi o forze armate. Attualmente, la loro presunta proliferazione tocca diversi paesi dell’Asia, dell’America Latina e dell’Africa. In rdc, la quantità dei bambini soldato è stimata tra le 5.000 e le 15.000 unità. I fattori principali ritenuti responsabili del reclutamento sono l’arruolamento diretto da parte dei gruppi armati per aumentarne gli effettivi, la coscrizione legale al di sotto dei 18 anni e, infine, la partecipazione volontaria. Condizioni socio-economiche, influenze culturali o manipolazioni politico-ideologiche rendono molti giovani vulnerabili all’arruolamento, soprattutto quelli appartenenti alle fasce più povere della popolazione. La disgregazione familiare, l’assenza di infrastrutture educative e sanitarie, la mancanza di lavoro, elementi che catalizzano disuguaglianze e tensioni sociali, inducono molti giovani a scegliere di arruolarsi. La possibilità di avere un pasto regolare, un alloggio nonché un salario mensile e, in generale, la possibilità di appropriarsi di beni altrimenti inaccessibili, trascinano facilmente molti bambini nei gruppi armati. Una volta arruolati, essi svolgono tutti i ruoli cui i militari sono addestrati e non godono di nessun privilegio rispetto al personale adulto. Nonostante alcune posizioni come, per esempio il messaggero o la spia, siano destinate specificamente ai più giovani, questi sono sfruttati anche come combattenti attivi in prima fila. Le violenze e gli abusi subiti dai giovani in seguito alla partecipazione ai gruppi armati sono gravi e molteplici sia a livello fisico che psico-sociale. Il senso di tragicità sollevato dalla descrizione di bambini che vivono in situazioni di conflitto è emblematico delle sofferenze vissute: «oggi, in circa 50 paesi del mondo, i bambini stanno vivendo i conflitti armati o soffrendone i postumi. I bambini sono uccisi, mutilati, rimangono orfani, sono sradicati dalle loro famiglie, sono violentati e vittime di abusi sessuali, privati dell’educazione e delle cure sanitarie, sfruttati come bambini soldato e abbandonati con ferite e traumi profondi. Queste sono le molteplici facce della sofferenza dei bambini che vivono in contesti di guerra»7. È contro tali conseguenze che si concentrano la maggior parte degli interventi degli organismi internazionali. I programmi infatti comprendono tre fasi: un processo di prevenzione e la sponsorizzazione di campagne promozionali per sensibilizzare i locali al fenomeno; la riabilitazione attraverso il rintracciamento delle famiglie e la transizione temporanea in centri specializzati per la cura di invalidità psico-fisiche; infine, il settore in cui si concentrano maggiormente gli inteventi, la reintegrazione socio-economica e l’inserimento dei giovani nelle infrastrutture scolastiche o in programmi di formazione professionale (Human Rights Watch, 1994; Brett, 1996; Malsen, 1997).

2. I bambini soldato in Repubblica Democratica del Congo

  • 8 Le condizioni a Kinshasa nel dicembre 2000 (un mese prima dell’assassinio di L. D. Kabila e della c (...)
  • 9 La raccolta dei dati è stata condotta da ricercatori locali.

11Accanto alla lettura delle organizzazioni internazionali, i dati di due ricerche empiriche condotte in rdc (ilo, 2003; fafo/ipec, 2002; Pilati, 2001), illustrano l’interpretazione del fenomeno da parte della popolazione locale. Soprattutto, il caso presentato permette di evidenziare le motivazioni soggettive dei bambini soldato che decidono di arruolarsi. Nella prima ricerca condotta nel dicembre del 2000 a Kinshasa, i dati sono stati raccolti attraverso l’osservazione diretta e alcune interviste non strutturate a rappresentanti di vari organismi internazionali e locali8. La seconda ricerca, coordinata dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ilo) nel 2002, ha utilizzato dati raccolti attraverso 175 questionari qualitativi distribuiti in 5 siti del paese e indirizzati a 6 gruppi di intervistati (bambini soldato, ex-bambini soldato e bambini che non avevano mai partecipato ai gruppi armati, genitori di bambini soldato, genitori di ex-bambini soldato e genitori di bambini che non avevano mai partecipato ai gruppi armati), 40 focus groups con i bambini soldato ed 85 interviste semi strutturate a testimoni privilegiati locali tra cui alcuni comandanti dell’esercito, il personale dei centri di riabilitazione e i capi di alcune comunità locali9.

  • 10 Il controllo delle ricchezze naturali della rdc (tra cui diamanti e coltan, minerale utilizzato per (...)

12In Repubblica Democratica del Congo, i bambini soldato diventano protagonisti delle vicende politiche che investono il paese soprattutto nella seconda metà degli anni Novanta10. Il reclutamento minorile nei gruppi armati è evidente soprattutto in seguito alla partecipazione in massa all’esercito di liberazione, l’afdl, Alleanza delle Forze Democratiche per la Liberazione del Congo-Zaire, guidato da L.D. Kabila che, nel 1996-1997, si mobilita contro le autorità governative di Mobutu. Si calcola che l’afdl, denominato l’«esercito dei bambini», abbia reclutato circa 10.000 bambini tra i 7 e i 16 anni. Le stesse parti firmatarie dell’accordo dell’afdl erano, insieme a Kabila, D. Bugera e il comandante Kisage Ndangu, capi rispettivamente dei Banyamulenge, per la maggior parte composti da giovani combattenti tutsi congolesi, e di una banda di circa 600 giovani congolesi e ugandesi (Willame, 1998, 72).

13Prelevati per la maggior parte nelle province dell’Est della rdc, soprattutto in Katanga, provincia di cui L.D. Kabila era originario, e nel Kivu, i giovani congolesi dell’afdl entrano trionfanti a Kinshasa dopo 25 anni di governo di Mobutu, stravolgendo le sorti politiche del paese. François Misser riporta che questi giovani provenivano dall’estremo nord del Kivu dove venivano chiamati «les Abakambois», i liberatori (citato in Willame, 1999, 59). Denominati «kadogos», piccoli in lingua swahili, per l’età e per la loro statura, i bambini soldato diventano, grazie al coraggio dimostrato, il simbolo nazionale del trionfo di L.D. Kabila. Lo stesso Kabila li definiva i «suoi bambini». Quando un amico straniero lo mise in guardia contro una loro eventuale rivolta, Kabila esclamò: «Ma no! Non mi faranno mai niente. Stanno con me fin dall’inizio. Questi sono i miei bambini!» (Smith e Glazer, 2001). Tuttavia, sarà proprio uno dei giovani della guardia presidenziale, Rachidi Kasereka, a essere successivamente accusato dell’assassinio dello stesso Presidente L.D. Kabila nel gennaio del 2001.

  • 11 I ribelli sono ripartiti in tre fazioni principali: il Rassemblement Congolais pour la Démocratie ((...)

14Il secondo reclutamento in massa risale al 1998, in seguito allo scoppio di un’insurrezione nella parte orientale del paese tra i gruppi ribelli e le forze governative11. Il 7 agosto dello stesso anno, un annuncio ufficiale alla radio incitava i giovani tra i 12 e i 20 anni ad arruolarsi con l’esercito presidenziale. Tra i 4 mila e i 6 mila giovani risposero alla chiamata (ilo, 2003, 6-7). In tal modo i bambini soldato contribuiscono, nel giro di pochi anni, alla transizione dal governo dittatoriale di Mobutu ai governi di Laurent Desiré Kabila e a quello del suo successore Joseph Kabila.

15I dati a disposizione indicano che più del 50% dei giovani reclutati hanno tra i 12 e i 14 anni e, nonostante almeno il 60% frequenti la scuola (ilo, 2003, 37), è significativo che agli studenti delle scuole superiori alla ricerca di una qualche forma di remunerazione economica, il governo locale di Bukavu, nella regione orientale del paese, non abbia proposto che le seguenti alternative: arruolarsi nella polizia comunale, nell’esercito o nei servizi di sicurezza (Willame, 1998, 77). Secondo Willame, questi giovani rappresenterebbero una forma di banditismo sociale inserito in un contesto di progressiva diminuzione delle risorse in cui le armi diventerebbero il primo, se non il solo, strumento di promozione sociale (Willame, 1999, 129). Per molti giovani di un paese i cui conflitti, a partire dal 1996, deteriorano una situazione in cui prevale una cronica precarietà socio-economica, l’arruolamento sarebbe quindi una tra le poche e possibili strategie di integrazione sociale.

16Nonostante il 36% dei giovani sia reclutato o rapito forzatamente, la partecipazione volontaria nei gruppi armati rimane la causa primaria dell’arruolamento. Per ben il 64% dei partecipanti ai gruppi armati, il reclutamento è infatti una decisione personale le cui motivazioni sono molteplici (figura 1). Sia condizioni materiali che valori ideali orientano le strategie dei giovani che partecipano ai gruppi armati. Questi diventano infatti non solamente uno spazio di appartenenza politica ma anche di inclusione sociale e di soddisfazione di interessi, materiali soprattutto, che l’assetto istituzionale non fornisce o permette di soddisfare. In particolare, il 34% tra coloro che si arruolano volontariamente risponde che la ragione primaria del coinvolgimento nei gruppi armati è legata a bisogni primari quali cibo ed alloggio. Basti ricordare il rischio di cedere all’arruolamento da parte dei circa 20.000 bambini di strada che, secondo la Croce Rossa Internazionale vivono a Kinshasa, i quali, una volta nell’esercito, hanno la possibilità di ottenere almeno un letto e un pasto quotidiano.

  • 12 In alcuni gruppi dell’Africa dell’Est, i Samburu in Kenya per esempio, esistono rituali di iniziazi (...)

17Il 21% della partecipazione volontaria è dettato da ideologie legate alla liberazione del paese. Questi giovani si considerano difensori delle terre congolesi, combattenti contro i paesi confinanti invasori, soprattutto il Rwanda, e protettori delle gerarchie tradizionali. In particolare, la regione del Kivu nell’Est del paese, luogo in cui avvenne l’insurrezione nel 1998, è un’area dove la tensione tra coloro che si designano congolesi autentici e coloro che sono considerati stranieri è, da trent’anni a questa parte, molto alta. Uno dei gruppi armati accusati di reclutare bambini soldato, i Mayi-Mayi, rappresenterebbe infatti bande di giovani ribelli originari di questa zona che, nel contesto di forti tensioni identitarie, cercherebbe di impadronirsi delle proprie terre (Willame, 1999, 128). Il reclutamento rappresenta in tal modo anche un processo di iniziazione al ruolo di difensore che molti giovani assumono nei loro villaggi di origine, un processo di apprendimento e di maturazione necessario per legittimarsi di fronte alla propria comunità12. Come accennato, i Mayi-Mayi vogliono infatti difendere la dignità dei capi autoctoni contro gli stranieri tutsi e la loro partecipazione al gruppo armato confermerebbe l’appartenenza a cerchie sociali tradizionali. La vita stessa all’interno del gruppo armato è costellata da altri rituali locali: «Ogni giorno a mezzanotte tutti noi, giovani reclute, stavamo in piedi intorno ad un fuoco. Indossavamo foglie di palma come abito di iniziazione. Il capo del gruppo iniziava a predicare e noi dovevamo ripetere in gruppo le sue parole» (discussione di gruppo a Kisangani, giugno 2002, ilo, 2003, 42). Altri riti prolungano l’effetto dell’iniziazione: «Per non rompere il patto concluso durante l’iniziazione, noi, i Mayi-Mayi, dovevamo rispettare alcune regole durante il combattimento: non rubare, non toccare nessuna donna, non avere monete in tasca, non mangiare carne se non solamente arrostita, non mangiare la zucca, non scappare dal nemico o voltargli le spalle, urlare con trionfo ad ogni vittoria» (discussione di gruppo con ex-bambini soldato a Kisangani, giugno 2002, ilo, 2003, 45).

18Per un altro 15% degli intervistati, la partecipazione volontaria è dettata dal prestigio sociale attribuito all’esercito. Spesso, il ruolo del soldato identifica un modello da imitare per poter appropriarsi dello status a cui questa posizione dà accesso. Il prestigio è confermato dal supporto e dall’ammirazione con cui le famiglie stesse appoggiano i giovani. «I nostri genitori ci dissero che stavamo andando a difendere una causa nobile» afferma un bambino soldato di Kisangani, rdc, nel giugno del 2002 (ilo, 2003, 31). E un altro: «È mio padre che mi ha informato del messaggio trasmesso alla radio e della possibilità di arruolarmi nell’esercito» (ex-bambino soldato, maggio 2002, ilo, 2003).

19Infine, l’11% partecipa per il desiderio di lasciare la famiglia. Il gruppo militare diventa in questo caso un sostituto della cerchia famigliare, grazie alla sicurezza e protezione che conferisce a giovani che, spesso, hanno perso tutti i legami parentali. «La mia famiglia era appena stata massacrata. Mi sono arruolato per potermi salvare. Appena entrato mi sono sentito nuovamente vivo. Era la mia nuova famiglia», afferma un ex-bambino soldato nel dicembre del 2002 (ilo, 2003, 39). Il rientro dei bambini soldato è talvolta perfino osteggiato dai membri delle comunità locali come dimostra il racconto di un genitore di un ex-bambino soldato: «prima della guerra mio figlio era indisciplinato ma ora è diventato cattivo. In casa si comporta come se fosse il capo e gli altri non possono contraddirlo. Fa quello che vuole. Cosa posso fare con un bambino che si comporta come un leone? Sto ad aspettare...» (ilo, 2003, 56). In alcune aree rurali i bambini soldato sono perfino considerati stregoni, arrivati dalla foresta equatoriale con poteri magici che permettono di trasformare le pallottole delle armi in acqua (Willame, 1999, 128).

20Per il 10% dei giovani infine, la partecipazione volontaria è indotta dal desiderio di vendicarsi e per il 9% dei giovani, dalla paura (ilo, 2003, 26, 29).

Fig. 1 Motivazioni dei bambini soldato alla partecipazione volontaria nei gruppi armati

Fig. 1 Motivazioni dei bambini soldato alla partecipazione volontaria nei gruppi armati

Fonte: ilo, 2003

3. La vittimizzazione dei bambini soldato e le sue conseguenze

21Se l’approccio istituzionale veicola un’immagine in cui i bambini soldato risultano essere l’oggetto delle violenze più disparate e attraverso la quale essi sono riconosciuti come delle vittime, l’analisi del ruolo giocato dalla partecipazione volontaria sembra piuttosto testimoniare la preoccupazione di questi giovani di divenire soggetti e protagonisti delle vicende del loro paese. Le motivazioni che orientano la decisione personale di arruolarsi sottolineano la loro necessità di riconoscersi, di essere riconosciuti e di sentirsi integrati nei processi di mutamento sociale attraverso la partecipazione ai gruppi armati.

22La vittimizzazione, l’innocenza e la vulnerabilità risultano tuttavia le sole definizioni che emergono nella maggior parte dei rapporti internazionali. In seguito all’impossibilità di contraddire le tragedie sofferte da questi giovani, le categorie istituzionali finiscono per diventare la lettura convenzionalmente accettata del fenomeno. I termini tragici e persuasivi utilizzati dagli organismi internazionali sono infatti risorse per costruire e imporre definizioni autorevoli (Hilgartner e Bosk, 1988, 61). L’innocenza delle vittime, che non può essere dimostrata attraverso atti logici e razionali, è accettata come un atto di fede e tale prospettiva non necessita di giustificazioni per razionalizzare la normalità che definisce (Arendt, 1999 [1963], 92; Pizzorno, 1994, 13-14; Guizzardi, 2002, 16). I bambini soldato sono percepiti come individui deboli e indifesi, privati della possibilità di condurre una vita che permetta loro di usufruire dei privilegi della loro età. I luoghi naturali per una crescita adeguata sono la famiglia e la scuola, non certamente il gruppo armato (Manier, 1999). In quanto vittime innocenti, essi necessitano di protezione, cura, assistenza e l’arruolamento minorile risulta inaccettabile (Best, 1989; Hilgartner e Bosk, 1988; Spector e Kitsuse, 1977; Schneider, 1985). I bambini soldato diventano in tal modo un problema sociale cui far fronte rapidamente. La descrizione di sofferenza vissuta rende urgente la necessità di provvedere a un’immediata mobilitazione di risorse umane e finanziarie per intervenire contro l’intollerabilità di tali pratiche. L’aspetto drammatico della situazione rende plausibile ogni condotta che tenti di ripristinare la dignità e il rispetto di migliaia di vite innocenti minacciate dai conflitti. La liceità di azioni il cui obiettivo è il miglioramento delle condizioni di vita dei bambini soldato è moralmente e giuridicamente giustificata e, in tale ottica manichea, non è immaginabile contraddire l’urgenza di far fronte alle atrocità descritte e vissute da questi giovani.

23Nonostante il caso in rdc illustri chiaramente come le cause del reclutamento colpiscano i bambini delle fasce più povere, soprattutto per carenze e insoddisfazioni relative ai bisogni primari, gli interventi istituzionali si focalizzano soprattutto sulla reintegrazione sociale, seppur in un contesto in cui le condizioni di partenza, rimaste immutate, implicano il rischio di un ulteriore reclutamento dei giovani smobilitati. I programmi di reinserimento contano tuttavia sul riconoscimento dei presupposti ideologici istituzionali grazie ai quali essi sono mediati e giustificati: la necessità di agire nell’immediato porta infatti a concentrarsi sulla reintegrazione piuttosto che sulla prevenzione, sui risultati raggiungibili nell’immediato e a breve termine piuttosto che sul perseguimento di obiettivi di sviluppo socio-economico a lungo termine, spostando le risorse intellettuali e finanziarie in progetti che, pur risolvendo l’emergenza, allontanano paradossalmente l’azione dalle cause principali dell’arruolamento minorile.

  • 13 Non intendo affermare che altri fenomeni di disuguaglianza sociale non siano socialmente riconosciu (...)

24Trasmettere un certo tipo di messaggio sembra quasi indispensabile alla missione delle organizzazioni umanitarie per supportare la presenza stessa di un certo tipo di azione (Uvin, 2000, 139). Gli attori che non trovano legittimità nell’uso delle proprie interpretazioni rischiano così di essere esclusi anche dal processo decisionale sulle scelte e azioni da intraprendere13.

Torna su

Bibliografia

Alou M.T. (2000), Les paradoxes de la surproduction de la connaissance en sciences sociales, in Jacob J.-P. (a cura di) (2000), Sciences sociales et coopération en Afrique: les rendez-vous manqués, «Nouveau Cahiers de l’iued», 10, pp. 57-67.

Arendt H.(1963), Sulla rivoluzione, Torino, Edizioni di Comunità, 1999.

Best J. (1989), Images of issues- Typifying contemporary social problems, New York, Aldine de Gruyter.

Blumer H. (1971), Social problems as collective behaviour, «Social problems», 18, pp. 298-306.

Boltanski L. (1993), Lo spettacolo del dolore: morale umanitaria, media e politica, Milano, Cortina, 2000.

Bourdieu P. (1994), Raisons pratiques - Sur la théorie de l’action, Paris, Seuil.

Id. (1998), La domination masculine, Paris, Seuil.

Braeckman C. (1999), L’enjeu Congolais - L’Afrique Centrale après Mobutu, Paris, Librairie Arthème Fayard.

Brett R., McCallin M. e O’Shea R. (1996), Children: the invisible soldiers - Report on the participation of children in armed conflicts and internal disturbances and tensions for the United Nations Study on the Impact of Armed Conflict on Children, Geneva, Quaker un, International Catholic Child Bureau, April.

Brubaker R. e Cooper (2000), Beyond «identity», «Theory and Society», 29, pp. 1-47.

Cohn I. e Goodwin-Gill G. (1995), Enfants Soldats - Le rôle des enfants soldats dans les conflits armés, Québec, Méridien Droits et Libertés.

De Boeck F. e Honwana A. (a cura di) (2000), Enfants, jeunes et politique, «Politique Africaine», 80, Décembre.

Delville P. (2000), Impasses cognitives et expertise en sciences sociales. Réflexions à propos du développement rural en Afrique, in Jacob J.-P. (a cura di) (2000), Sciences sociales et coopération en Afrique: les rendez-vous manqués, «Nouveau Cahiers de l’iued», 10, pp. 69-98.

Duclos L.J. (1995), Les enfants et la violence politique, «Cultures et conflits», 18, été.

fafo, Institut for Applied International Studies/ipec-bit (2002), L’utilisation des enfants dans les conflits armés en Afrique centrale, Manuel pour l’évaluation rapide, Genève, bit.

Guichaoua A. e Goussault Y. (1993), Sciences sociales et développement, Paris, Armand Colin Editeur.

Guizzardi G. (a cura di) (2002), La scienza negoziata. Scienze biomediche nello spazio pubblico, Bologna, Il Mulino.

Hermet G. (1993), Triomphe ou déclin de l’humanitaire ?, «Culture et conflits», 11, automne.

Hilgartner S. e Bosk C.L. (1988), The rise and fall of social problems: a public arenas model, «American Journal of Sociology», 94, 1, pp. 53-78.

Human Rights Watch, hrw/Africa (1994), Easy Prey. Child Soldiers in Liberia, New York, Human Rights Watch.

ilo, International Labour Office (2003), Wounded childhood - the use of children in Armed Conflict in Central Africa, Washington dc, Vanguard Communications.

Kipuka K. Deki (1999), Étude du secteur emploi: état des lieux, Organisation International du Travail, Bureau de Zone de Kinshasa, septembre (non pubblicato).

Mahimbo Mdoe (1999), Enfants vulnérables de Kinshasa, Rapport de Recherche mars/juin 1999, Save the children (uk) Democratic Republic of Congo, Kinshasa Programme (non pubblicato).

Malsen S. (1997), The reintegration of war-affected youth: The experience in Mozambique, ilo Action Programme on Skills and Entrepreneurship Training for Countries Emerging from Armed Conflict, Geneva, ilo, August.

Manier B. (1999), Le travail des enfants dans le monde, Coll. Repères, Paris, La Découverte.

McConnan I. e Uppard S. (2001), Children not soldiers, London, Save the Children.

Peemans J. P (1997), Crise de la modernisation et pratiques populaires au Zaïre et en Afrique, Coll. Zaïre- Histoire et Société, Paris, Montréal, L’Harmattan.

Perrot M.D. (a cura di) (1994), Dérives humanitaires - Etats d’urgence et droit d’ingérence, «Nouveaux Cahiers de l’iued», 1.

Pilati K. (2001), Les enfants soldats objets de discours et sujets oubliés, «Etudes Courtes», 4, Genève, iued, Institut Universitaire d’Etudes du Développement.

Pizzorno A. (1996), Decisioni o interazioni? La micro-descrizione del cambiamento sociale, «Rassegna Italiana di Sociologia», xxxvii, 1.

Schneider J.W. (1985), Social problems theory: the constructionist view, «Annual Review of sociology», 11, pp. 209-229.

Smith S. e Glaser A. (2001), Ces enfants qui ont tué Kabila, «Le Monde», vendredi 9 février.

Spector M. e Kitsuse J.I. (1977), Costructing social problems, Menlo Park, California, Cummings.

Uvin P. (2000), Rwanda, aide au développement, voile d’ignorance et génocide, in Jacob J.-P. (a cura di) (2000), Sciences sociales et coopération en Afrique: les rendez-vous manqués, «Nouveaux Cahiers de l’iued», 10, pp. 121-142.

Wierviorka M. (1998), Un nouveau paradigme de la violence, «Conflits et cultures», 29-30.

Willame J.C. (1998), Laurent Désiré Kabila: Les origines d’une anabase, «Politique Africaine», 72, pp. 68-80.

Id. (1999), L’odyssée Kabila - Trajectoire pour un Congo nouveau?, Paris, Karthala.

Torna su

Note

1 Secondo la legge italiana n. 49 del 1987 sulla cooperazione allo sviluppo, l’azione umanitaria indica gli «interventi straordinari destinati a fronteggiare crisi di calamità e situazioni di denutrizione e di carenze igienico-sanitarie che minacciano la sopravvivenza di popolazioni» (artt. 2 e 11, L. 49/1987). Per una rassegna delle prospettive teoriche sullo sviluppo si veda Guichaoua e Goussault (1993).

2 Questo processo è stato definito in vari modi dagli studiosi: «riconoscimento esterno» (Pizzorno, 1996), «imposizione categoriale» (Bourdieu, 1998), «categorizzazione o identificazione esterna» (Brubaker e Cooper, 2000). Pizzorno discute del riconoscimento di origine esterna per indicare i casi in cui il riconoscimento non è «il risultato di una ricerca attiva di senso, bensì della ricezione passiva dei modi di classificare la realtà sociale imposti da altri, […] un processo oggettivo di “attribuzione”, di cui gli altri sono i soggetti attivi» (Pizzorno, 1996, 124). Brubaker e Cooper (2000, 15) sottolineano nell’identificazione esterna il processo attraverso il quale le istituzioni con autorità e potere contribuiscono all’identificazione formalizzata e codificata attraverso un sistema oggettivo di categorizzazione.

3 Hanna Arendt ha denominato queste dinamiche «politica della pietà», cioè un tipo di politica che si appropria della sofferenza per farne l’argomento politico per eccellenza. Per la politica della pietà, l’urgenza dell’azione da condurre per far cessare le sofferenze dimostrate prevale sempre sulla considerazione della giustizia (Boltanski, 2000, Prefazione, 53; Arendt, 1999 [1963]). Boltanski discute di «topica del sentimento»: «il momento in cui la pietà si specifica in intenerimento dà inizio a un percorso che, distogliendosi dalla ricerca di un persecutore e, di conseguenza, dall’accusa, orienta l’attenzione verso la possibilità di una beneficenza compiuta da un benefattore» (Boltanski, 2000, 121).

4 Questo scritto è in continuità con le mie ricerche precedenti all’Istituto Universitario di Studi dello Sviluppo a Ginevra, iued (Pilati, 2001) e all’Organizzazione Internazionale del Lavoro (fafo/ilo, 2002; ilo, 2003). Per questa versione, ringrazio in particolar modo i suggerimenti della dott.ssa Margherita Sabrina Perra e del prof. Mario Diani.

5 La definizione è dell’unicef (unesco, ginie, Child and Young Adult Soldiers : International Guidelines <www.ginie1.sched.pitt.edu/ginie-crisis-links/childsoldiers/basic.html> [link non raggiungibile 29/12/2016]). Le agenzie delle Nazioni Unite che, per la natura del loro mandato, si occupano dei bambini soldato sono principalmente l’unicef e l’ilo (Organizzazione Internazionale del Lavoro) con il Programma Internazionale per l’Abolizione del Lavoro Minorile (ipec). Nel 1998 il segretario delle Nazioni Unite ha istituito un’agenzia specializzata nelle situazioni riguardanti i bambini coinvolti nei conflitti armati (un Special Representative to the Secretary General for Children and Armed Conflicts, unsrcac). Altre organizzazioni internazionali impegnate nel settore sono il Comitato Internazionale per la Croce Rossa, la Coalizione «Stop all’uso dei Bambini soldato» che raggruppa sei delle maggiori organizzazioni non governative, tra cui International Save the Children Alliance, Amnesty International e Human Rights Watch.

6 Manier specifica che le negoziazioni sul limite dell’età da adottare sono state ostacolate soprattutto dagli Stati che al tempo presentavano la possibilità di arruolarsi a 16 anni (Germania, Grecia, Colombia, Pakistan, Perù) o a 15 anni (Stati Uniti, Nicaragua, Norvegia). Tutti gli Stati tranne gli Stati Uniti e la Somalia hanno ratificato tale Convenzione (Manier, 1999, 88).

7 un Special Representative to the Secretary General for Children in Armed Conflicts, <www.un.org/special-rep/children-armed-conflicts/> [link non raggiungibile 29/12/2016].

8 Le condizioni a Kinshasa nel dicembre 2000 (un mese prima dell’assassinio di L. D. Kabila e della caduta del suo governo) non mi hanno permesso di condurre nessuna intervista in profondità direttamente ai bambini soldato.

9 La raccolta dei dati è stata condotta da ricercatori locali.

10 Il controllo delle ricchezze naturali della rdc (tra cui diamanti e coltan, minerale utilizzato per la fabbricazione di aerei e microprocessori), concentrate prevalentemente nella parte orientale del paese, è una delle cause del conflitto con i paesi confinanti. La crisi socio-economica era già iniziata negli anni ’70 quando, in seguito ai processi di negoziazione con le istituzioni di Bretton Woods tra il 1974 e il 1979, le spese in materia di educazione e di sanità erano giunte ad un livello insignificante. La parte del budget statale destinato all’educazione era passata, tra il 1972 e il 1990, dal 15,1% all’1,4% e quelle relative alla sanità dal 2,4% allo 0,7% (Peemans, 1997). Nel 1994 l’inflazione raggiunse un tasso del 9000% e tutti i settori produttivi furono colpiti dalla crisi. Il malcontento della popolazione si rese evidente nei ripetuti saccheggi che ebbero luogo a Kinshasa nel 1991 e nel 1993 (Kipuka, 1999; Peemans, 1997; Willame, 1998, 1999; Braekmann, 1999).

11 I ribelli sono ripartiti in tre fazioni principali: il Rassemblement Congolais pour la Démocratie (rcd) a Uvira e Goma, sostenuto dal Rwanda e dal Burundi, il Rassemblement Congolais pour la Démocratie (rcd) a Kisangani-Bunia, sostenuto dall’Uganda, il Movimento per la Liberazione mlc di Jean-Pierre Bemba, nella regione dell’Equatore. Nel 1999 a Lusaka sono stati firmati gli accordi di cessazione delle ostilità, tuttavia, il conflitto continua a protrarsi nella parte dell’est e del nord della rdc.

12 In alcuni gruppi dell’Africa dell’Est, i Samburu in Kenya per esempio, esistono rituali di iniziazione che prescrivono il passaggio dei giovani allo status di «guerriero» (i morani) il cui ruolo è l’isolamento in gruppo dalla comunità e la difesa dei villaggi (ricerca etnografica in Kenya, ott.-nov. 1998).

13 Non intendo affermare che altri fenomeni di disuguaglianza sociale non siano socialmente riconosciuti. Quello su cui vorrei porre l’accento è piuttosto l’attenzione accordata ad alcuni aspetti specifici a discapito di altri e le conseguenze che questo può provocare sugli attori le cui definizioni non sono riconosciute.

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Fig. 1 Motivazioni dei bambini soldato alla partecipazione volontaria nei gruppi armati
Credits Fonte: ilo, 2003
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/1056/img-1.jpg
File image/jpeg, 41k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Katia Pilati, « La definizione di un problema sociale: vittimizzazione e riconoscimento sociale dei bambini soldato », Quaderni di Sociologia, 38 | 2005, 133-145.

Notizia bibliografica digitale

Katia Pilati, « La definizione di un problema sociale: vittimizzazione e riconoscimento sociale dei bambini soldato », Quaderni di Sociologia [Online], 38 | 2005, online dal 30 novembre 2015, consultato il 15 décembre 2019. URL : http://journals.openedition.org/qds/1056 ; DOI : 10.4000/qds.1056

Torna su

Autore

Katia Pilati

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale - Università di Trento

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals