Navigazione – Mappa del sito
teoria e ricerca

L’intervista nella ricerca sociale

Sabrina Corrao
p. 147-171

Note della redazione

Nata nel 1966 a Foligno, Sabrina Corrao si è laureata in sociologia ad Urbino ed ha conseguito un dottorato in metodologia delle scienze sociali a Roma nel 1995. Nel 2001 è diventata ricercatrice nel settore scientifico-disciplinare sps/07 (sociologia generale) presso la facoltà di Scienze della formazione dell’Università di Torino. A parte numerose ricerche empiriche, il suo lavoro principale è una monografia sul Focus Group (Angeli, Milano).
L’articolo che segue è il primo capitolo di un libro sull’intervista nella ricerca sociale, che Sabrina intendeva pubblicare in previsione della conferma in ruolo. Su invito della rivista, Alberto Marradi e Maria Concetta Pitrone avevano rivisto il capitolo al fine di trasformarlo in articolo, nella speranza che Sabrina potesse almeno vederlo pubblicato in una sede adeguata.
Sabrina non ha potuto sfogliare questo fascicolo. Colpita da un male incurabile, contro cui ha lottato con coraggio sino all’ultimo, è scomparsa il 12 dicembre 2005.

Testo integrale

1. Una definizione di intervista

1Il mio interesse è limitato all’intervista nella ricerca sociale. Non mi occuperò allora dell’intervista in campo giornalistico, o in quello massmediatico più in generale, e nemmeno dell’intervista finalizzata alla selezione del personale, o a interventi terapeutici, o come strumento nelle professioni d’aiuto (educatori, assistenti sociali, ecc.): non di un’intervista, quindi, finalizzata alla valutazione di prestazione o al miglioramento di una situazione problematica, o con intenti legati al mondo dello spettacolo.

  • 1 Seguendo l’esempio di Marradi (1994, 140), preferisco usare, anziché il termine «oggetto», quello d (...)

2Tracciare dei confini, ponendo fuori di essi questi altri referenti1, che pure comunemente sono chiamati «intervista», non significa sminuirne l’importanza, né ritenere che siano completamente differenti dall’intervista nella ricerca sociale. Sicuramente ci sono molti aspetti comuni. Ritengo tuttavia che la diversità negli obiettivi che ci si pone quando si usa l’intervista in un ambito piuttosto che in un altro influisca fortemente su tanti fattori, dalle regole di conduzione all’elaborazione delle informazioni e alla diffusione dei risultati.

  • 2 Diadico o altro, ma sempre basato su un rapporto diadico.

3L’intervista cui faccio riferimento, quindi, è una tecnica di rilevazione di informazioni, usata per rispondere a interrogativi di ricerca, nel campo delle scienze sociali, basata su un rapporto diadico2 intervistatore-intervistato, nel quale il primo svolge il ruolo di porre interrogativi e l’altro di rispondervi attenendosi alle regole stabilite dal ricercatore.

4Questa definizione esplicita alcune precise posizioni, che illustro nelle sezioni seguenti.

1.1. La ricerca nelle scienze sociali

5Nella definizione da me proposta si parla di ricerca nelle scienze sociali. L’uso di quest’espressione deriva dalla convinzione che sia possibile parlare di ricerca sociale, trasversalmente per tutte le scienze sociali, senza bisogno di distinguere nettamente tra sociologia, psicologia, antropologia culturale, etc., né tra tipi di ricerca (ricerca di base, ricerca-azione, etc.). Ritengo che non sussistano sostanziali differenze in merito ai procedimenti di ricerca tra le discipline che si occupano dell’uomo e dei suoi rapporti con gli altri. Al di là dell’aspetto strettamente metodologico e dell’esistenza di comuni regole procedurali, penso che stabilire rigidi confini tra discipline e ambiti sia più dannoso che utile. Le scienze sociali inizialmente hanno avuto bisogno di ritagliarsi un proprio spazio specifico per emergere e acquisire dignità scientifica. Ora che non sussistono più problemi di riconoscimento, la chiusura entro qualche steccato rischia di provocare la compartimentalizzazione di studi che invece avrebbero tutto da guadagnare dall’essere condotti in una prospettiva ampia (Collins e Makowski, 1980, 15). Tale convinzione deriva anche dalla mia personale esperienza di ricerca in gruppi interdisciplinari, costituiti da persone con professionalità diverse, come sociologi, psicologi, antropologi culturali, pedagogisti, assistenti sociali, medici, etc.

1.2. L’intervista: una tecnica di rilevazione

6Diversamente da altri autori, ho definito l’intervista una tecnica di rilevazione, e non uno strumento, o un metodo, o una metodologia – termini, tra l’altro, spesso confusi tra loro.

7A mettere un po’ di ordine in questo campo è intervenuto Marradi (1987, 135-143), preoccupato della confusione terminologica, connessa non di rado con quella concettuale, vigente nelle scienze sociali. Al contrario di quanto si pensa di solito, il linguaggio scientifico non è più preciso di quello comune (Marradi, 1994, 171-173). I termini, anche quelli usati più frequentemente, non hanno un significato univoco, soprattutto nelle scienze umane e sociali: spesso succede che un referente sia connotato in modi diversi, e che un medesimo termine sia usato, da vari autori, ma talvolta anche dallo stesso autore, persino all’interno di un unico testo, per designare concetti differenti (Marradi, 1987, 136).

8Sono consapevole che un concetto è il risultato di un’operazione mentale, effettuata considerando globalmente un flusso di esperienze, e che il modo in cui si opera questo ritaglio non dipende dalle caratteristiche intrinseche del referente, pur non essendone del tutto indipendente, e può cambiare da persona a persona. Per comunicare il concetto si ricorre al linguaggio, verbale o non verbale e, se un concetto è considerato particolarmente utile, a un certo punto viene individuato un unico termine, per riferirsi a esso più sinteticamente (Marradi, 1980, 9-12). Per tale ragione – la necessità di un’etichetta verbale sintetica per comunicare più agevolmente – non è produttivo l’uso di termini diversi, per riferirsi allo stesso referente, da parte di vari autori (e naturalmente da parte di un unico autore). La conseguenza di tale situazione caotica è infatti un’estrema difficoltà a comunicare e il rischio di equivocare, a meno di esplicitare volta per volta il significato attribuito alle parole usate. Sarebbe perciò preferibile limitare la confusione terminologica e concettuale, trovando un accordo sui termini da usare tra quelli già esistenti per riferirsi agli stessi referenti, e cercando di evitare, per quanto possibile, la proliferazione di nuovi.

9Esaminiamo il caso dei termini cui si è accennato precedentemente: metodo, metodologia, tecnica, strumento. Tali termini sono spesso usati in modo intercambiabile per riferirsi a uno stesso referente (per es. l’intervista), o a referenti diversi, ma con combinazioni differenti (per es. intervista-metodologia e questionario-tecnica, o intervista-strumento e questionario-metodo), spesso senza un unico e preciso criterio di riferimento.

10Proviamo a chiarire il significato di ognuno di loro.

  • 3 Il termine «ricercatore», usato al singolare, non è del tutto adeguato, perché una ricerca rarament (...)

11Il termine «metodo» deriva dal greco μέθοδο῞ (composto da μετά e ỏδό῞) che vuol dire «strada con (la quale)». Sta dunque ad indicare un percorso, una successione di passi (Marradi, 1996, 72). Questo significato è rimasto nel linguaggio scientifico: quando si parla di metodo scientifico, infatti, si fa riferimento al procedimento seguito dal ricercatore, alla serie di passaggi messi in atto nel tentativo di rispondere a interrogativi conoscitivi. È però illusorio pensare che esista un pacchetto di regole pronte per l’uso, e che sia sufficiente applicarle pedissequamente e rigidamente per trovare una risposta alla nostra domanda iniziale. Il procedimento di ricerca comporta delle scelte (ivi, 77) e ogni passaggio è stabilito, volta per volta, dal ricercatore3. Conviene ovviamente procedere con sistematicità e fare tesoro di esperienze precedenti proprie e altrui, ma non esistono regole valide per tutte le situazioni di ricerca, capaci di risolvere magicamente il nostro problema, a patto di essere applicate con scrupolosa fedeltà e attenzione.

12Quando avviamo una ricerca, cosa abbiamo in realtà in mano? Una domanda alla quale vogliamo trovare una risposta, un bagaglio di studi sullo stesso tema o altri affini, una gamma di tecniche e a volte un po’ d’esperienza. Nient’altro. A questo punto dobbiamo decidere come procedere, cosa fare. Passo dopo passo. Dobbiamo scegliere. Può capitare anche di fare delle scelte sbagliate, che non ci fanno avanzare. Allora dobbiamo tornare sui nostri passi. E fare altri tentativi. E andare avanti, fino a che non raggiungiamo il nostro obiettivo. Spesso per partire di nuovo, con altre curiosità sorte nel percorso. Ma intanto abbiamo raggiunto un risultato, se pur provvisorio e suscettibile di essere messo in discussione, da noi stessi o da altri.

13Il metodo da noi seguito possiamo ricostruirlo ex-post. Anzi, dobbiamo ricostruirlo, ed esplicitarlo, per rendere conto di come abbiamo proceduto, per sostenere e dare credibilità a ciò che affermiamo (Campelli, 1991, 37; Statera, 1984, 8; Statera, 1997, 13). Non posso solamente comunicare dei risultati. Le persone interessate al mio studio devono avere degli elementi per decidere se fidarsi di questi risultati. E possono farlo se sanno come ho proceduto e se do loro la possibilità di conoscere le ragioni delle mie scelte. Perché ho usato una tecnica, e non un’altra? Perché ho consultato quella fonte, anziché un’altra? Posso giustificare le decisioni prese? In che modo? Su quali basi?

14Ogni ricercatore deve effettuare una serie di scelte, e le decisioni dipenderanno dagli obiettivi posti, dai vincoli e dalle risorse a sua disposizione, dalla formazione ricevuta, dalle sue preferenze personali, dai suoi valori. Non ci sono regole d’oro per prendere la decisione giusta. Ma il ricercatore è chiamato a esplicitare le sue scelte e le ragioni che le hanno guidate. Saranno poi le persone interessate ai suoi studi a stabilire se i suoi risultati sono affidabili, anche e soprattutto in base al procedimento seguito. Tale giudizio non è esclusivamente personale. C’è sovente, anche se a livelli diversi secondo la disciplina e del periodo storico, una serie di criteri condivisi da una comunità scientifica. Se pur si sia cercato di assolutizzarli e di considerarli validi in senso universale, essi sono stati sottoposti a discussione e modificati nel corso del tempo. Al di là dei cambiamenti e dei periodi di rivoluzione scientifica, esiste comunque un paradigma di riferimento, cioè una serie di concetti, tecniche, procedure, considerato valido e che serve come punto di riferimento per gli autori di una stessa disciplina (Statera, 1997, 58-60).

15Un metodo, quindi, si crea in corso d’opera, ed è poi ricostruito e descritto a conclusione del percorso. Nessuno può dirci in anticipo come trovare una soluzione al nostro problema. Può essere d’aiuto stilare un progetto di massima, per non procedere alla cieca e anche per concordare il percorso tra i vari componenti del gruppo di ricerca. Dobbiamo però essere consapevoli che la guida predisposta non è rigida, ma può e deve essere messa in discussione di fronte a ogni nuova scelta (Bezzi e Palumbo, 1995, 22). Perché il fine non è rimanere fedeli a tutti i costi al disegno stabilito a priori, ma prendere le decisioni giuste, che ci facciano avanzare nel raggiungimento del nostro obiettivo conoscitivo.

16Spetta quindi al ricercatore scegliere il percorso di volta in volta. Nella scelta può essere utile tener conto dei sentieri già battuti (Marradi, 1996, 83). Qui entra in gioco la metodologia. La «metodologia», da μέθοδο῞ e λόγο῞, è la riflessione, lo studio sul metodo. È una disciplina che si occupa specificamente del metodo: valuta i procedimenti usati e dà indicazioni, non in base a un modello astratto, ma alla pratica di ricerca. Coerentemente con quanto detto sopra, la metodologia non prescrive il Metodo, cioè l’insieme di regole che devono essere imprescindibilmente seguite, passo dopo passo. Cerca invece di tramandare quanto sembra aver funzionato, lasciando spazio anche all’innovazione, attraverso la sperimentazione di nuovi modi di procedere (ivi, 79-83).

17In base a quanto detto, dovrebbe risultare evidente quanto sia inopportuno chiamare l’intervista metodo e ancor di più metodologia: rispettivamente, perché l’intervista non è il percorso che porta da un iniziale interrogativo conoscitivo ai risultati di ricerca come tentativo di fornire una prima risposta, se pur provvisoria, alla domanda posta, e non è nemmeno una disciplina che si occupa del metodo.

18Ho preferito definire l’intervista una tecnica di rilevazione. Ma cosa vuol dire «tecnica di rilevazione»? Prendiamo in esame separatamente i due termini, «tecnica» e «rilevazione».

19Dal punto di vista etimologico, «tecnica» deriva dal greco τέχνη, che designa una capacità artistica, non quella individuale e irripetibile del genio, ma quella tramandabile dell’artigiano (ivi, 81). Il concetto di capacità tramandabile lo ritroviamo nella definizione di Gallino (1978, 712-713, corsivo aggiunto), secondo il quale una tecnica è un «complesso più o meno codificato di norme e modi di procedere, riconosciuto da una collettività, trasmesso o trasmissibile per apprendimento, elaborato allo scopo di svolgere una data attività manuale o intellettuale di carattere ricorrente».

  • 4 L’accettazione di un corpus di tecniche da parte di una comunità scientifica naturalmente non precl (...)

20In ambito scientifico, perciò, le tecniche sono specifiche procedure, considerate valide in un determinato momento storico da una comunità scientifica4, e quindi anche l’insieme di competenze pratiche per gestire gli strumenti di ricerca (Kaplan, 1964, 19; Marradi, 1996, 82).

21Sempre rimanendo nel campo delle tecniche usate nelle attività intellettuali, a fini conoscitivi possiamo distinguere tra tecniche di rilevazione (o raccolta) e tecniche di analisi: le prime servono a produrre i dati, le seconde a elaborarli (Gasperoni e Marradi, 1996, 627). In altre parole, le prime servono a raccogliere una serie di informazioni, che saranno sottoposte, con le seconde, a un processo di trattamento e analisi, per poter poi essere interpretate. L’intervista è la più diffusa fra le tecniche di rilevazione (o raccolta) delle scienze sociali.

22Solitamente i termini «rilevazione» e «raccolta» sono usati in modo intercambiabile. Entrambi, il secondo forse più del primo, risentono dell’influenza di un approccio realista, secondo il quale i dati esistono nella realtà, per cui basta raccoglierli attraverso strumenti adeguati, e registrarli.

23Il realismo presuppone una realtà esterna e indipendente dall’osservatore, che può, e deve, essere conosciuta mediante un atteggiamento neutrale, in modo da non essere «deturpata» (Baraldi, 1998, 33-36; Semprini, 2000, 86). La conoscenza scientifica è considerata come puro rispecchiamento obiettivo della realtà, senza interrogarsi sulla possibile influenza delle strutture della nostra percezione sensibile, dei modelli e dei valori (Crespi, 1985, 59). L’unico modo che abbiamo di studiare la realtà è tramite un procedimento di osservazione, che comporta una serie di scelte, a partire dalla definizione del problema d’indagine, alla costruzione degli strumenti, all’analisi dei dati, etc. Ogni osservazione costituisce inevitabilmente una selezione tra innumerevoli possibilità: la riduzione della complessità è una necessità operativa (Baraldi, 1998, 54; Crespi, 1986, 66, 73-74).

  • 5 La contrapposizione tra realismo e costruttivismo non è così netta come qui viene presentata: all’i (...)

24In più, l’osservatore è parte della realtà che osserva e questa sua posizione dentro la realtà osservata, secondo alcuni autori – detti «costruttivisti»5 perché sottolineano la dimensione della costruzione – influenza l’osservazione. Non possiamo sapere che cosa sia «oggettivamente» la realtà esterna; tutto ciò che possiamo dire di essa è una costruzione dell’osservatore. La realtà esiste, ma è inafferrabile. La conoscenza, perciò, è una costruzione. Una posizione del genere, se estremizzata, porta ad ammettere che, poiché l’oggettività non è raggiungibile, anything goes (Baraldi, 1998, 33-37; Semprini, 2000, 82-85), così che la scienza rischia di non avere più fondamenti e forse di perdere anche la sua ragione d’essere.

25Rispetto a questo dualismo, per «evitare le cadute nella morta gora dell’idealismo cognitivo che negano la validità della scienza, come pure le assolutizzazioni scientifiche del realismo», Cipolla propone un’epistemologia della tolleranza (Cipolla et al., 1998, 13; Cipolla, 1997). Essa consiste nel riconoscimento delle irriducibili categorie dell’osservatore e dell’osservato, della loro differenza, e della loro co-azione: ogni risultato di ricerca è il prodotto della relazione fra il ricercatore e l’oggetto della sua indagine (che nelle scienze sociali dovremmo chiamare (s)oggetto) (Cipolla et al., 1998, 13-14). Coerentemente con tale impostazione, Cipolla propone di chiamare la fase di reperimento dei dati «co-istituzione dell’informazione elementare». Il termine «co-istituzione» sottolinea la collaborazione del soggetto che guarda e oggetto – o (s)oggetto – guardato nella determinazione di ciò che viene effettivamente «visto». L’espressione «informazione elementare» esprime l’inevitabile interpretazione, da parte del ricercatore, del dato. Quest’ultimo non è autoevidente, non parla da sé (Cremonini, 1998, 67-68).

26Pur condividendo sostanzialmente la posizione di Cipolla, mi sembra che l’espressione «co-istituzione dell’informazione elementare» sia un po’ ingombrante. Continuerò perciò a usare l’espressione «tecnica di rilevazione» per riferirmi all’intervista, pur nella consapevolezza che non esistono dati già pronti nel mondo da prelevare e registrare, e dell’inevitabile selezione derivante dalla scelta dell’oggetto d’indagine, dagli obiettivi conoscitivi, dal particolare quadro concettuale, dalle decisioni adottate in ogni passaggio del percorso di ricerca.

27Da quanto detto sopra, quando ho definito la tecnica come specifica procedura e come insieme di competenze pratiche per gestire gli strumenti di ricerca, dovrebbe risultare chiaro come difficilmente possiamo chiamare l’intervista uno strumento. L’intervista è una tecnica, durante la quale ci si può avvalere di diversi strumenti di supporto per la conduzione e la registrazione delle informazioni. Durante l’intervista si possono usare, secondo il livello di strutturazione, tracce con aspetti del tema o domande aperte, oppure questionari; per la registrazione, oltre a materiale cartaceo, anche strumenti di audio o videoregistrazione.

1.3. Relazione intervistatore/intervistato

28Ho asserito che l’intervista è basata su un rapporto diadico intervistatore-intervistato, nel quale il primo svolge il ruolo di porre interrogativi e l’altro di rispondervi attenendosi alle regole stabilite dal ricercatore.

29Caratterizzare l’intervista per la presenza di una relazione diadica tra l’intervistatore e l’intervistato serve a distinguere questa tecnica di rilevazione da un’altra, il focus group. La distinzione si rivela necessaria perché spesso viene fatta confusione tra le due tecniche a livello sia terminologico sia sostanziale.

30Alcuni autori chiamano il focus group «intervista focus group» (Frey e Fontana, 1993, 29; Keown, 1983, 59; Mitchell, 1981, 36) o «intervista di gruppo in profondità» (Bellenger et al., 1976, 7; Goldman, 1962, 61), considerando spesso il focus group un tipo di intervista di gruppo.

31Peraltro molti autori, pur non discriminando a livello terminologico tra le due tecniche, ne sottolineano le differenze: ad esempio Cox et al. (1976, 77) e Morgan (1988, 9-10) chiariscono che nel focus group non c’è un’alternanza tra le domande di un intervistatore e le risposte degli intervistati, ma piuttosto una discussione tra un gruppo di persone stimolata da un moderatore.

32Ci si può chiedere se la confusione terminologica abbia influito su un altro livello, quello concettuale. Potrei dare una risposta positiva, nella credenza che il linguaggio contribuisca a modellare la percezione della realtà (Semprini, 2000, 69) e se tenessi conto del fatto che i termini rinviano a dei significati.

  • 6 La domanda chiusa prevede che l’intervistato scelga la risposta tra una serie prevista dal ricercat (...)

33Sta di fatto che spesso si registra una confusione a un livello più sostanziale. Recentemente l’espressione focus group è più usata di altre, però, analizzando le modalità di conduzione o gli strumenti adottati («tracce» lunghe pagine e pagine, con una serie infinita di domande, talvolta chiuse6), si ha l’impressione che, al di là dell’etichetta verbale, se pur si afferma di usare il focus group, si stiano effettuando interviste collettive. Queste ultime sono interviste rivolte a più persone contemporaneamente, ma si differenziano dai focus groups perché vengono poste delle domande per le quali si chiedono risposte individuali, che possono essere fornite oralmente o più spesso per iscritto (Trentini, 1995, 31). Quindi, se pur sono presenti più persone, l’intervista si svolge tramite una serie di domande e risposte tra l’intervistatore e l’intervistato. Anche nei focus groups talvolta vengono rivolte delle domande, ma a tutto il gruppo, senza richiedere ai partecipanti di dare obbligatoriamente una risposta. Nel focus group la rilevazione è basata sull’interazione tra i partecipanti, che invece è del tutto assente nell’intervista collettiva. Questo contraddistingue fortemente il focus group, rendendolo significativamente diverso da altre tecniche di rilevazione, tra cui l’intervista, e permette di ottenere risultati non raggiungibili in altro modo (Corrao, 2000, 14-17, 20-23, 75- 80).

34Considerate le differenze tra l’intervista e il focus group mi sembra che sarebbe preferibile tenere distinte le due tecniche, a cominciare dal nome con cui ci si riferisce a esse, avendo in mente le rispettive caratteristiche, con i vantaggi e limiti che ne derivano.

  • 7 Nell’intervista con un basso livello di strutturazione viene concessa maggiore libertà sia all’inte (...)

35Un altro aspetto esplicitato nella definizione che propongo è la circostanza che nell’intervista le regole dell’interazione sono fissate dal ricercatore. Anche nei casi di intervista meno strutturata7 e anche nel riconoscimento della negoziazione tra i due attori (intervistatore e intervistato) nella produzione delle risposte (Gobo, 1997, 186-187), non possiamo infatti disconoscere il fatto che è il ricercatore a dettare le regole.

36Se anche adottiamo un modello cognitivista anziché comportamentista (ivi, 15-16), dobbiamo ammettere la permanenza di una relazione asimmetrica tra l’intervistato e l’intervistatore, che rappresenta il gruppo di ricerca. A livelli diversi secondo il grado di strutturazione dell’intervista, è comunque il ricercatore che decide l’argomento dell’intervista, gli aspetti su cui focalizzare l’attenzione, le modalità di conduzione, i criteri in base ai quali decidere sull’adeguatezza delle risposte, e tutta una serie di altri aspetti che riguardano la gestione dell’intervista.

37Anche quando l’intervista è auto-somministrata, cioè quando l’intervistato legge da solo le domande e risponde autonomamente, come nelle interviste postali o collettive, l’intervistatore ha un grande peso nel determinare le modalità di risposta. Molto spesso sono infatti definite e comunicate le modalità di risposta attese, le regole da seguire nella compilazione del questionario o di un altro tipo di strumento somministrato, anche se non è scontato che l’intervistato le segua e l’intervistatore sovente non può controllare che lo faccia.

2. L’intervista in un percorso di ricerca

38Nella sezione precedente ho definito l’intervista una tecnica per rilevare informazioni, al fine di rispondere a interrogativi di ricerca.

39Non è possibile perciò parlare in astratto dell’intervista senza prima illustrare il procedimento di ricerca di cui costituisce un tassello. Di seguito cercherò di delineare le fasi di tale procedimento che descriverò, per esigenze espositive, come parti di una sequenza ordinata. In realtà, nella pratica, tale sequenza è solo relativamente ordinata (Campelli, 1991, 103-104) e il percorso di ricerca è tutt’altro che lineare, bensì circolare e ricorsivo. Alcune fasi si sovrappongono, mentre altre si svolgono parallelamente. Situazioni ed esiti imprevisti possono indurre a ripensamenti e retroazioni, nonché alla modifica delle scelte iniziali (Bezzi e Palumbo, 1995, 21-22). L’idea del procedimento di ricerca come una serie di fasi e di passaggi previsti in precedenza, ma sottoposti costantemente a una revisione, in base alla situazione specifica e contingente, ci richiama la visione del metodo scientifico cui aderiamo: non un insieme di regole fisse da seguire rigidamente in ogni situazione, bensì una successione di passi da un iniziale interrogativo conoscitivo a un tentativo di risposta, se pur provvisorio, costellata di scelte. Come ho sostenuto, sicuramente il ricercatore si rifà a una tradizione e alle esperienze precedenti, sue e di altri: non parte cioè dal nulla, ma deve ogni volta confrontarsi con la situazione del momento ed essere aperto alla soluzione che gli sembra più opportuna e produttiva per il raggiungimento del suo obiettivo conoscitivo, senza essere ancorato rigidamente a schemi e modi di procedere rigidi.

40Certamente non si può procedere alla cieca, sia perché una ricerca ha bisogno di sistematicità, sia per coordinare il lavoro di un gruppo di persone, visto che raramente si è soli in questo viaggio. È allora utile stilare un progetto di massima, che servirà da guida, per pianificare il lavoro, anche se poi dobbiamo essere pronti a rivedere le scelte iniziali. Tra l’altro, la stesura di un progetto, insieme alla presa di appunti passo dopo passo, renderà più agevole la ricostruzione e la scrittura del percorso seguito, che dovrà essere inserita nel rapporto di ricerca, per rendere conto ai lettori del procedimento, delle scelte effettuate e delle relative ragioni, in modo che possano giudicare l’affidabilità dei risultati anche e soprattutto in base a queste informazioni.

41Tenuto conto di tale premessa sulla non rigidità del metodo scientifico, illustrerò di seguito un ipotetico percorso di ricerca, risultato complesso del riferimento a studi sul tema e all’esperienza sul campo, in modo che il lettore possa avere alcune indicazioni su come poter procedere in un futuro lavoro di indagine, con la raccomandazione però di lasciare campo aperto a innovazioni che consentano l’adozione di decisioni più adeguate nella specifica situazione di ricerca.

42Un’indagine prende avvio da una domanda, da una curiosità scientifica. È il desiderio di rispondere a un interrogativo conoscitivo che spinge a iniziare una ricerca.

43Difficilmente tale interrogativo è ben delineato sin dall’inizio: si parte piuttosto da una situazione problematica «opaca», e la delimitazione del problema specifico costituisce già un primo prodotto del lavoro del ricercatore, che opera un ritaglio, una selezione di una fra altre, possibili, scelte. Si decide di privilegiare alcuni aspetti, e non altri, di soffermare la propria attenzione su particolari questioni, e non altre (Bentivegna, 1990, 10-11; Campelli, 1991, 100-102). Questa è una prima operazione di chiarimento, necessaria per non procedere alla cieca.

44Ma come prendere queste prime, importanti decisioni? In base a quali criteri effettuare le scelte? La presunzione induce talvolta a sentirsi autosufficienti. Si definisce il problema, si individuano i concetti rilevanti, e da qui alla costruzione dello strumento il passo è breve. Salvo poi accorgersi che già qualcun altro, prima di noi, o a volte contemporaneamente, sta indagando sullo stesso problema, magari perfino nello stesso contesto; e/o raccogliendo le informazioni. Possiamo così renderci conto di aver operato scelte non opportune riguardo alla costruzione del campione e alla modalità di contatto dei soggetti, o alla formulazione delle domande e al tipo di somministrazione dello strumento.

45Un po’ d’umiltà non guasterebbe e permetterebbe di evitare sprechi di tempo e di risorse. Chi ha un po’ di esperienza nella ricerca sul campo sa quanto può essere preziosa un’indagine preliminare (o, come altri preferiscono chiamarla, pilota, o di sfondo), finalizzata a raccogliere una prima serie di informazioni sulla situazione problematica che ci ha spinto ad avviare la ricerca, in base alle quali effettuare le scelte in modo più fondato anziché basandoci sulle nostre intuizioni e preferenze.

46La raccolta di materiale informativo può avvenire principalmente attraverso due strade, tra loro complementari: la consultazione di fonti e la ricognizione diretta sul campo (Losito, 1988, 33).

47Le fonti cui attingere possono essere le più diverse: statistiche, documentarie, bibliografiche (ivi, 34-41). Si tratta di cercare tutto ciò che è stato scritto sul problema che ci interessa o altri ad esso affini. In questo modo possiamo accorgerci che ci sono aspetti già approfonditi, altri ancora oscuri, altri ancora ai quali crediamo di poter dare un’interpretazione differente. In ogni caso possiamo partire da una base, per proseguire in una direzione già avviata, o tentare nuove strade; prendere spunti per la definizione della popolazione che sarà oggetto dello studio, per la scelta delle tecniche e la costruzione degli strumenti. Far tesoro dell’esperienza di altri, in sostanza.

48Nel fare una rassegna delle ricerche condotte sul tema che interessa, si tenga presente che non sempre i risultati sono pubblicati in libri o riviste. Vale la pena cercare anche rapporti di ricerca, talvolta sotto forma di semplici dattiloscritti. In ogni caso, non possiamo limitarci a leggere i risultati delle ricerche, che vanno vagliati alla luce del procedimento metodologico seguito: solo se riteniamo di poterci fidare del percorso e delle scelte adottate dal ricercatore, potremo allora tener conto dei risultati cui egli è pervenuto (Losito, 1988, 41; Losito, 1998, 242).

49Per fare una ricognizione diretta sul campo occorre ovviamente recarsi sui luoghi in cui si manifesta il fenomeno che ci interessa studiare: osservare, condurre colloqui, soprattutto con i cosiddetti «testimoni privilegiati», cioè persone che, per il particolare ruolo che ricoprono, possiedono informazioni che possono essere utili per la nostra indagine (Losito, 1988, 33; Losito, 1998, 242).

50Il materiale informativo raccolto è una base da cui partire per non fondare le nostre scelte, come detto sopra, esclusivamente sulle nostre intuizioni.

51Una prima decisione da prendere riguarda la definizione del problema e, conseguentemente, degli obiettivi conoscitivi che ci poniamo. In seguito all’indagine preliminare, possiamo esserci accorti che l’aspetto che volevamo approfondire è già stato affrontato pienamente e in modo soddisfacente, oppure può sembrarci più urgente risolvere prima un’altra sfaccettatura della questione.

52Dobbiamo, in ogni caso, chiarire che cosa vogliamo sapere, qual è la domanda cui vogliamo rispondere. Anche perché spesso si lavora in équipe, e questo può essere il primo momento in cui ci si confronta sugli interessi conoscitivi, di carattere generale e specifico. In questa fase non possiamo, invece, contrariamente a quanto molti sostengono, formulare ipotesi da sottoporre a controllo empirico (Marradi, 1980, 91-92).

53Superata questa fase, è il momento di fare le scelte operative. Le prime sono: qual è la popolazione a cui ci rivolgiamo, e quali tecniche useremo per raccogliere le nostre informazioni di base, che saranno poi trattate, elaborate e analizzate?

54Ovviamente anche in questo caso non partiamo dal nulla: abbiamo delle indicazioni di massima su cosa è opportuno fare, non in base a un modello astratto, bensì alla pratica di ricerca, nostra e di altri colleghi che ci hanno preceduto. Tuttavia, queste indicazioni non ci sollevano dal peso delle scelte, quelle che reputiamo le migliori in base alle risorse di cui disponiamo, ma anche dei vincoli e delle limitazioni poste dalla situazione e dai suoi vari attori: i risultati della ricerca dipenderanno infatti dalle decisioni che abbiamo preso in questo momento. Saremo costretti a scegliere tra possibilità diverse, tra differenti modi di procedere, scelte di cui il lettore (o ascoltatore) deve essere informato, anche per decidere se fidarsi dei risultati che legge o che ascolta.

55Un’altra tra le prime decisioni riguarda la definizione della popolazione da prendere in esame, e in particolare delle unità da cui rileviamo le informazioni, e di quelle cui riferiamo i dati. In linguaggio metodologico, si parla di «unità» di rilevamento e «unità» di riferimento. Nella maggior parte di volte, soprattutto quando la tecnica di rilevazione usata è l’intervista, l’unità è una persona.

56L’unità non va solamente identificata, ma anche definita con le sue caratteristiche per accertare quali unità faranno parte della nostra popolazione e per capire di volta in volta se un determinato elemento può essere considerato un’unità della nostra ricerca oppure no.

57Una decisione quasi contemporanea alla precedente riguarda la definizione dell’ambito spazio-temporale, cioè del luogo e del tempo in cui si svolgerà la rilevazione delle informazioni. Dove, in quale località precisa, o in quali località precise, raccoglierò le informazioni, e quindi contatterò le unità scelte? E in quale arco temporale? Posso considerare questa precisa persona un’unità della mia ricerca o, superato un determinato periodo, essa non può più essere ritenuta un’unità utile – ad esempio perché perderà certe caratteristiche?

58Una volta definita l’unità con le sue caratteristiche, e l’ambito spazio-temporale di riferimento, la popolazione della mia ricerca sarà costituita da tutte le persone che possiedono quelle caratteristiche, in quello spazio definito e in quel tempo fissato?

  • 8 Sui vantaggi e i problemi legati alle procedure di campionamento vedi Marradi (1997).

59Spesso queste persone sono troppe, oppure possiamo ritenere che per intervistarle tutte saremmo costretti a rinunciare ad approfondire il tema. Allora si decide di procedere ad un campionamento. Che cos’è un campionamento? È una procedura che permette di estrarre un certo numero di unità dalla nostra popolazione con l’ambizione di estendere i risultati ottenuti dal campione alla popolazione8.

60Esistono diversi tipi di campionamento. La maggiore suddivisione è tra campionamenti probabilistici e campionamenti non probabilistici. La differenza riguarda il procedimento di scelta delle unità, che può essere, come i termini suggeriscono, casuale o non casuale. In genere si fa molto affidamento sulle procedure casuali, sulla scorta di quanto avviene nelle scienze fisiche e naturali. In realtà, nelle scienze sociali, le persone non sono fungibili come atomi (Marradi, 1997): quelle estratte non sono perfettamente intercambiabili con le persone che non entrano a far parte del campione. Perché affidarsi allora a procedimenti casuali? Per evitare che il ricercatore interferisca pesantemente, anche senza accorgersene, nella scelta delle unità, scegliendone un certo tipo, ed evitandone un altro. Come sostiene Marradi, si tratta di una garanzia in negativo (1997).

61Talvolta, soprattutto quando si lavora in più persone e c’è un buon controllo reciproco su queste preferenze o esclusioni, può essere quindi preferibile usare procedimenti non probabilistici, come si fa nel campionamento a quote, in cui decidiamo di garantire la rappresentatività rispetto ad alcune – inevitabilmente poche – proprietà che consideriamo particolarmente importanti ai fini del nostro studio.

62Stabilito l’elenco di persone da contattare o le regole per decidere se inserire delle persone nel nostro campione, si può passare alla fase di rilevazione delle informazioni che ci servono. Ma prima occorre prendere delle decisioni sulle tecniche da usare e i relativi strumenti. Qui mi riferisco solo alle interviste, ma esistono altre tecniche che possono essere usate in concomitanza o in alternativa ad esse: la consultazione di fonti statistiche e di dati istituzionali, il focus group, l’analisi del contenuto, l’osservazione partecipante, etc.

63Non esistono tecniche migliori di altre in assoluto; la scelta di una o più di esse dipende dalla situazione, dagli obiettivi che ci poniamo, dalle risorse a disposizione, etc. La scelta può essere giudicata opportuna o no, anche da un lettore esterno dell’eventuale rapporto di ricerca, in base a questi elementi.

64La costruzione degli strumenti dipende strettamente dalla tecnica, o dalle tecniche, scelte. È una fase fondamentale, alla quale deve collaborare l’intero gruppo di ricerca, durante la quale conviene mettere alla prova gli strumenti predisposti, in modo da individuare i problemi da correggere prima dell’uso. Questa fase di prova, in termine tecnico, è chiamata pre-test. Permette di accertare se lo strumento o gli strumenti che vogliamo usare funzionano nel modo atteso e desiderato, o se c’è bisogno di apportare delle modifiche.

65Per trarre il massimo vantaggio dalla fase di pre-testing, gli strumenti vanno sottoposti a persone che hanno caratteristiche molto simili a quelle delle persone che comporranno il nostro campione. Introdurre eventuali cambiamenti non deve essere considerata una perdita di tempo, ma un arricchimento. Lo strumento modificato va sottoposto a nuovo pre-testing per vedere se così funziona o se ci sono altre correzioni da fare. È meglio riflettere e trovare errori in questa fase piuttosto che durante la rilevazione. Anche durante la fase dell’effettiva raccolta dei dati ci si può accorgere di eventuali errori e di modifiche da apportare. In questa fase la decisione di cambiar qualcosa è però particolarmente complessa perché incide sulla sistematicità della raccolta delle informazioni.

66Quando riteniamo che lo strumento o gli strumenti siano pronti, possiamo iniziare la raccolta di informazioni, che saranno poi sottoposte a elaborazione e analisi, a seconda della tecnica usata.

67Dall’interpretazione dei risultati dovremmo trovare alcune risposte alle domande che ci eravamo posti. Spesso nascono però anche nuove domande: la conoscenza di una questione può far sorgere il desiderio di un approfondimento ulteriore. Tale approfondimento potrà eventualmente riguardare un’altra ricerca; per il momento dovremo cercare di usare al meglio le informazioni raccolte e prodotte. Per fare ciò, potrebbe essere utile illustrare i risultati e chiedere un parere anche alle persone coinvolte nella ricerca e ad altre che potrebbero essere interessate. Anche questa è una manifestazione di umiltà, che può darci molte indicazioni sull’interpretazione dei risultati, farci notare eventuali errori commessi e permetterci talvolta di fare un passo indietro e raccogliere altre informazioni.

68Dalla diffusione dei risultati, soprattutto alle persone coinvolte nel problema trattato, potranno sorgere nuove domande, spesso collegate a quelle da noi poste. Potrà essere utile cogliere tali domande, per riflettere sulla nostra ricerca, ma anche per dare lo spunto per una nuova, collegata alla nostra, che può essere o no condotta dallo stesso gruppo di ricerca.

3. Tipi di intervista

3.1. Tipi di intervista diversi per numero di intervistati

  • 9 Talvolta le interviste differiscono anche per numero di intervistatori: ci sono casi in cui sono pr (...)

69Una prima distinzione tra i vari tipi di intervista è determinata dal numero di intervistati9 coinvolti nel corso di una sola intervista: essa è singola, come spesso succede, cioè rivolta a una sola persona per volta, o è rivolta a un piccolo gruppo, come una famiglia o un’équipe di lavoro, o a un gruppo più grande, come una classe scolastica? Gli ultimi due casi (piccolo o grande gruppo di persone) sono in genere dovuti all’esiguità di risorse a disposizione – pochi intervistatori, ad esempio – e a volte alla necessità di avere risultati in breve tempo. Gli strumenti vanno adeguati a queste situazioni. Mentre in un’intervista singola il rapporto tra intervistatore e intervistato permette di approfondire i vari argomenti trattati e quindi di utilizzare un’intervista poco strutturata, in un’intervista rivolta contemporaneamente a molte persone per volta (sottolineo intervista; in un focus group la situazione è diversa, poiché esso è basato proprio sull’interazione tra i partecipanti) spesso è necessario adottare uno strumento standardizzato, che gli intervistati possono leggere e compilare da soli. In questi casi l’intervistatore, se presente, illustra sovente le modalità di compilazione e rimane sul posto per eventuali chiarimenti. Se l’intervistatore non è presente, ci sarà una pagina introduttiva in cui tali modalità sono illustrate.

70I risultati che si ottengono sono ovviamente diversi. Nelle interviste singole, il maggiore rapporto con l’intervistato consente di controllare se questi ha compreso il testo delle domande, dà la possibilità di approfondire le sue risposte, di individuarne le motivazioni, etc. Questo tipo di interviste richiede però maggiori risorse (soprattutto per numero e qualità di intervistatori) e tempi più lunghi per la somministrazione e l’analisi.

3.2. Interviste a vari livelli di strutturazione

71Nelle pagine precedenti si è accennato alle interviste più o meno strutturate, confidando sulla conoscenza della lingua italiana. Se, infatti, consultiamo un dizionario, possiamo ricavare il significato di «strutturato» dal verbo «strutturare»: «impostare un lavoro... determinando[ne] gli elementi costitutivi» (Devoto e Oli, 1983, 1228).

72Nella metodologia della ricerca sociale, cosa significa intervista strutturata o intervista poco strutturata? Si fa riferimento anche qui al livello di strutturazione e poi al confronto fra le varie interviste, in particolare al testo delle domande e delle modalità di risposta. Le interviste, in particolare, sono fortemente strutturate, cioè sono fissate le loro parti costitutive, o invece sono poco strutturate, cioè le parti sono soggette a cambiamenti?

73La decisione dipende dal tipo di ricerca in atto: dagli obiettivi da raggiungere, dalle risorse a disposizione, sia come quantità sia come tipo (intervistatori ma anche analisti di interviste poco strutturate sono più difficili da trovare, perché devono avere maggiori competenze ed esperienze sul campo); dal tempo entro cui si devono fornire i risultati (le interviste meno strutturate richiedono più tempo per la somministrazione e ancora di più per essere analizzate e interpretate).

74Per maggiori dettagli, possiamo immaginare un continuum da un minimo a un massimo di strutturazione. Sul polo della minima strutturazione si pone l’intervista definita non strutturata, caratterizzata da un basso livello di standardizzazione: l’intervistatore (se presente, o il ricercatore per iscritto, ma è più difficile) pone una questione in modo abbastanza aperto e aspetta che l’intervistato esprima liberamente la sua opinione o posizione, senza avere troppi, o nessuno, limiti di risposta. L’andamento dell’intervista dipenderà grandemente dall’intervistato: ciò che dirà determinerà le ulteriori domande, il tema, e la direzione del successivo colloquio.

75Sul polo della massima strutturazione, l’intervista sarà caratterizzata dall’uso di uno strumento standardizzato, uguale per tutti gli intervistati, con pochissime (o nessuna) parti che consentano all’intervistato di esprimere liberamente la sua posizione. L’intervistato dovrà rispondere a un questionario, cioè a una serie di domande fisse e di risposte prestabilite tra cui sceglierne una, e quasi nessuna, o proprio nessuna, domanda aperta, cioè domanda cui può rispondere liberamente, senza attenersi a una gamma di possibili risposte previste dal ricercatore.

76Nel mezzo ci sono vari tipi di interviste, più o meno strutturate, quindi con uno strumento a vari livelli di standardizzazione, con alcune domande chiuse e altre aperte.

77Come accennato sopra, la scelta del livello di strutturazione dipende da vari fattori. Si parlava di risorse a disposizione: un’intervista poco strutturata, che richiede un intervento dell’intervistatore che deve essere approntato sul momento, in relazione a quello che l’intervistato dice, richiede un livello di competenza molto alto. L’intervistatore deve infatti essere in grado di decidere quando e come intervenire sul colloquio senza bloccare l’espressione dell’intervistato e senza suggerirgli in qualche modo la risposta. Una maggiore standardizzazione facilita la creazione di matrici dei dati e conseguenti analisi statistiche in tempi brevi; mentre un basso livello di standardizzazione dell’intervista richiede analisi ermeneutiche, in profondità, accessibili solo a analisti di grande competenza, e conoscenze sostanziali sul tema.

78La conduzione e l’analisi di interviste poco o per nulla strutturate richiedono inoltre un tempo più lungo per poter essere condotte e permettono anche una minore, o nulla, possibilità di confronto statistico tra le varie risposte dei soggetti intervistati. Se si vogliono adottare interviste con un basso livello di strutturazione, gli obiettivi non devono quindi richiedere confronti del genere, né tanto meno risultati in tempi brevi.

79Non si devono porre le interviste più o meno strutturate in un ordine di migliore o peggiore: in alcuni casi ci serve un calcolo di frequenze e un’analisi statistica dei risultati, in altre situazioni è invece più importante comprendere le motivazioni, i percorsi di vita, etc. Ognuno dei due tipi di intervista ha dei vantaggi e dei pregi, ma anche dei limiti. La scelta va fatta in base agli obiettivi, al livello di conoscenza del tema di ricerca e delle risorse a disposizione, soprattutto in termini di competenza degli operatori (intervistatori e analisti). È inutile ritrovarsi con le registrazioni di interviste, se poi non c’è nessuno nell’équipe di ricerca in grado di analizzarle, oppure con un gran numero di questionari compilati, e nessuno in grado di impostare l’analisi statistica dei dati.

3.3. Tipi di intervista diversi per modalità di somministrazione

80L’intervista maggiormente conosciuta è forse quella condotta personalmente da un intervistatore, spesso a un singolo intervistato. Nella ricerca sociale, in realtà, ci sono vari altri tipi di conduzione dell’intervista, alcuni dei quali non prevedono nemmeno la presenza fisica dell’intervistatore: pensiamo alle interviste postali, in cui un questionario arriva nella casa – o nel luogo di lavoro o in un altro luogo di ritrovo – delle persone che fanno parte del campione. In questo caso il questionario è accompagnato da una serie di istruzioni che aiutano l’intervistato a compilare il questionario e a rispondere alle domande.

81Anche quando l’intervistatore è presente, è possibile che ci siano allo stesso momento un certo numero di intervistati. In questo caso (l’intervista è chiamata collettiva quando gli intervistati presenti in ogni singola intervista sono più di uno) l’intervistatore può illustrare le modalità, talvolta anche leggere le domande, ma difficilmente potrà accettare risposte libere da parte degli intervistati. Più facilmente l’intervista dovrà prevedere una serie di risposte prefissate tra le quali l’intervistato dovrà sceglierne una – la più vicina a quella che sta pensando, la più vicina a quella che ritiene essere la sua posizione.

82Oltre all’invio per posta, spesso è usato il telefono e da qualche tempo, anche se in misura minore, il computer. Le interviste telefoniche permettono di raggiungere velocemente gli intervistati, e di risparmiare risorse. Come per quelle postali, il numero di cadute, cioè di rifiuti da parte degli intervistati, è però maggiore rispetto a quello delle interviste a contatto diretto. Le modalità di realizzazione sono ovviamente diverse: sia in quelle postali sia in quelle telefoniche è minore, nelle prime più che nelle seconde, l’interazione con l’intervistato. Le domande e le modalità di risposta, pertanto, dovranno essere più brevi come numero e più semplici come formulazione per limitare i problemi di comprensione. La mancanza di rapporto diretto con l’intervistatore diminuisce le possibilità di approfondimenti e chiarimenti, ma permette d’altra parte agli intervistati di rispondere quando hanno più tempo, soprattutto per le interviste postali.

83Va ricordato di adeguare gli strumenti alla forma di somministrazione, cercando ad esempio di evitare uno strumento poco strutturato, che richiederebbe un colloquio con l’intervistato, per questo genere di interviste. Anche l’argomento pesa sulla scelta della modalità: ci sono degli argomenti che richiedono un rapporto diretto, altri che sono talmente riservati che invece ottengono probabilmente un maggior numero di risposte se affrontati dagli intervistati da soli, nell’anonimato di una via postale ancor più che telefonicamente, per la riservatezza che si può ottenere.

84Soprattutto, le domande e le eventuali modalità di risposta devono essere facilmente comprensibili, specie nei casi in cui l’intervistatore non possa offrire spiegazioni. Deve essere assolutamente rispettata la garanzia dell’anonimato: non si può chiedere agli intervistati di firmare il questionario da rispedire o di scrivere il proprio nome.

85Un altro problema tipico delle interviste telefoniche o postali è la possibilità che a rispondere sia una persona diversa da quella scelta dal piano di campionamento, con caratteristiche differenti da quelle ricercate. Purtroppo tale eventualità spesso non può essere scoperta né controllata in alcun modo: se viene rispedito un questionario inviato per posta, come si fa a sapere se è stato compilato dalla persona estratta o comunque deputata a far parte del campione, o da un suo familiare o conoscente? A volte il questionario può essere compilato dalla persona cui era stato inviato, ma con l’aiuto di altre persone.

86Nonostante i problemi sopra descritti, comunque, è opportuno scegliere la modalità in base alle risorse a disposizione. L’importante è essere consapevoli dei limiti e dei vantaggi. Interviste telefoniche e postali permettono di risparmiare risorse, di interpellare un vasto numero di persone anche se non si dispone di intervistatori, o se questi sono pochi. Si possono raggiungere intervistati che abitano in località distanti tra loro o che vivono in zone difficili da raggiungere. L’importante è adeguare gli strumenti, in modo che siano comprensibili dalle persone che dovranno usarli, talvolta da soli, soprattutto nelle interviste postali.

87Nei sondaggi postali il problema maggiore è ovviamente l’alto numero di cadute: solitamente c’è un ritorno del 10%, ma ci sono casi in cui può essere molto più alto. In una ricerca sul commercio condotta nella provincia di Mantova c’è stato un ritorno certamente molto alto, del 44% dei questionari inviati. A cosa si deve un tasso così alto di rinvii? Evidentemente c’era un interesse dei cittadini nei confronti del tema, con posizioni discordanti tra i soggetti coinvolti. Il questionario inoltre prevedeva domande molto semplici.

88In quel caso la scelta della modalità di somministrazione è risultata adeguata, visto che le poche risorse a disposizione non avrebbero permesso l’uso di intervistatori che avrebbero dovuto raggiungere i soggetti da intervistare nelle varie zone della provincia. Come se non bastasse, si avevano tempi brevi per la consegna dei risultati al committente. Si è quindi cercato di adattare le modalità di raccolta delle informazioni alla situazione, cercando di curare al meglio la preparazione degli strumenti e delle varie procedure di attuazione. Questo è un ottimo esempio di come si possono ottenere ottimi risultati, nonostante la ristrettezza di risorse e il gran numero di persone da raggiungere, dislocate in ambienti lontani tra loro.

89Un altro strumento utilizzato di recente per contattare gli intervistati è il computer. In questo caso ci sono più o meno gli stessi vantaggi e limiti sopra riportati per le interviste postali: c’è un risparmio di risorse, per la possibilità di comunicare con gli intervistandi in tempi brevi e senza l’ausilio di intervistatori, anche in località difficili da raggiungere. Anche in questo caso, le persone possono rispondere quando preferiscono, ma rimane il rischio che le persone contattate non rispondano affatto o che siano aiutate nel farlo da altri, senza che sia possibile scoprirlo. In più, va tenuto presente che queste interviste possono raggiungere solo una popolazione particolare, costituita da persone che hanno familiarità con l’uso del computer: in alcuni casi, per certi argomenti, ciò potrà non essere un problema, per altri sì.

90Tornando al tipo di intervista somministrata personalmente a un singolo intervistato per volta, la conduzione dipende dallo strumento adottato per la registrazione. Se l’intervistatore deve sottoporre un’intervista poco strutturata, si avvarrà spesso di un registratore per registrare le risposte, in modo da essere libero di seguire con la massima attenzione ciò che l’intervistato sta dicendo, senza essere impegnato a scrivere. Se la maggior parte delle domande è chiusa, con una serie di risposte tra cui scegliere, l’intervistato può segnare da solo la risposta che ritiene più vicina al suo modo di pensare o di essere, oppure può farlo l’intervistatore. La decisione dipende spesso dal livello di riservatezza del tema: quanto più il tema è riservato, tanto più sarà preferibile che l’intervistato segni da solo le risposte. Si può prevedere anche che l’intervistatore legga le domande, e l’intervistato scelga da solo la risposta e segni la casella corrispondente, o scriva la risposta. A volte l’intervistatore può essere presente, ma l’intervistato legge anche le domande, oltre che le risposte, da solo, chiedendo chiarimenti solo se ha dubbi sulla comprensione del testo.

91Dall’illustrazione dei vari tipi di intervista e delle varie situazioni in cui ci si può trovare, dovrebbe essere chiaro che non è possibile stilare una graduatoria dei tipi, dalla migliore alla peggiore. Occorre scegliere l’intervista più adatta rispetto agli obiettivi, all’argomento, alle risorse; essere consapevoli di ciò che si può ottenere e di ciò che si perde; adeguare gli strumenti e le modalità organizzative anche alla modalità di somministrazione.

92A ciò si può collegare il fatto che non si parla qui di interviste «qualitative» o «quantitative». La dicotomia può far pensare che esistono interviste di qualità, e altre no, interviste che puntano alla quantità, e non alla qualità. Ovviamente non è così. I due termini fanno riferimento al tipo di strumento utilizzato: le interviste quantitative sarebbero quelle che usano strumenti standardizzati, rivolte anche per questo motivo a molte persone, mentre quelle qualitative sarebbero quelle condotte personalmente da un intervistatore attraverso colloqui, con strumenti poco standardizzati, e tracce di domande che lasciano agli intervistati la possibilità di esprimere liberamente la loro posizione.

93La qualità delle interviste dipende invece dalla buona scelta in base agli elementi della situazione: obiettivi (cosa vogliamo raggiungere? Il numero di persone che si pongono in una determinata posizione, che hanno compiuto una determinata azione, o comprendere le motivazioni personali, che hanno spinto a un certo comportamento?); risorse e tempi di consegna dei risultati, con tutti i vincoli che ne derivano. Le interviste saranno di qualità se abbiamo scelto il tipo di intervista migliore rispetto agli obiettivi della ricerca.

4. La costruzione dello strumento

94Lo strumento utilizzato durante l’intervista dipende in gran parte dal tipo di intervista che si è deciso di adottare, soprattutto dal suo livello di strutturazione.

95Il punto di partenza è sempre il macromodello, cioè l’insieme dei concetti rilevanti che vogliamo trattare nel corso dell’intervista (Marradi, 1980). Il modo di proporli all’intervistato dipende poi dal livello di strutturazione dell’intervista. In particolare, in un’intervista non strutturata o poco strutturata l’intervistatore si avvarrà di una traccia, mentre in un’intervista più strutturata utilizzerà un questionario, pressoché uguale per tutti gli intervistati, salvo che ci siano gruppi diversi ai quali proporre domande differenti. Nei paragrafi seguenti tratterò separatamente queste due situazioni.

4.1. Traccia per interviste non strutturate o poco strutturate

96Come accennato, nelle interviste non strutturate o poco strutturate l’intervistatore conduce il colloquio avendo in mano solamente un promemoria che gli serve per ricordarsi gli aspetti da trattare. Tale promemoria è solitamente chiamato traccia, perché sta appunto a indicare che l’intervistatore ha solamente una serie di punti da proporre all’intervistato.

97La traccia può essere più o meno dettagliata: in un’intervista per nulla strutturata l’intervistatore ha solamente una serie di punti da trattare nel corso dell’intervista; in una poco strutturata, ma più di quella precedente, l’intervistatore invece ha una serie di domande, per lo più aperte, cioè senza risposte prefissate, alle quali l’intervistato può rispondere liberamente. Questa lista di domande, di frequente, può essere posta in un ordine diverso da quello stabilito, perché l’intervista seguirà il corso indicato dall’intervistato: se questi anticipa un aspetto dell’argomento previsto dopo nella traccia, l’intervistatore si adeguerà in genere all’andamento suggerito dall’intervistato. Questo spostamento sarà più semplice e spontaneo quando solo l’intervistatore ha in mano la traccia, non l’intervistato. Quanto meno è strutturata e maggiore la responsabilità dell’intervistatore nel trattare gli aspetti, nel decidere l’ordine di presentazione etc., tanto più sarà opportuno avere a disposizione intervistatori competenti, a conoscenza del tema d’indagine e partecipi a tutto il lavoro di gestione della ricerca insieme, e più o meno allo stesso livello degli stessi ricercatori.

98L’intervista può essere condotta anche avvalendosi di una precisa lista di domande che possono essere poste dall’intervistatore, oppure date in lettura direttamente all’intervistato, che può rispondervi da solo per iscritto. Si sceglie questa via quando il tema d’indagine è particolarmente riservato, e si vuole che l’intervistato si senta libero di rispondere senza parlare con l’intervistatore, il quale interviene solo se l’intervistato ha bisogno di chiarimenti. L’eventualità che l’intervistato legga le domande e che risponda da solo è più frequente con domande chiuse (con una serie di risposte prefissate tra le quali sceglierne una o più), alle quali è più facile rispondere.

99Per una migliore conduzione dell’intervista e per un migliore rapporto con l’intervistato, è preferibile che l’intervistatore non sia occupato a scrivere le risposte, con il rischio, oltre che di disturbare il rapporto, di non riuscire a riportare esattamente ciò che l’intervistato ha dichiarato. Per questi motivi è consigliabile che l’intervista sia registrata, con il consenso dell’intervistato. Non si deve iniziare l’intervista registrando senza chiedere l’autorizzazione al soggetto. Si deve, invece, spiegare il perché della registrazione, assicurando la cancellazione del nastro una volta completata la trascrizione del testo. Questa promessa va poi rispettata.

100La registrazione cui si fa riferimento è quella audio, perché quella video serve solamente in casi particolari. Tra l’altro, la registrazione audio di solito è accettata e dimenticata dall’intervistato dopo i primi momenti – a meno che lo stesso intervistatore non si preoccupi continuamente del registratore. Per questa ragione è opportuno accertarsi, possibilmente prima dell’inizio dell’intervista e dell’arrivo dell’intervistato, che l’apparecchio funzioni regolarmente.

101La registrazione video può essere eventualmente utile quando l’intervista è collettiva e siamo interessati all’interazione tra gli intervistati. Ma in questo caso saremmo in un focus group, e non in un’intervista collettiva che, come detto precedentemente, è un’intervista rivolta a più persone contemporaneamente. Tra l’altro, anche di un focus group nella maggior parte dei casi è il testo audio che viene studiato, non le forme di espressione non verbale. La ripresa video può essere quindi un inutile impedimento e un impaccio per i soggetti presenti.

102Tutto ciò che viene utilizzato durante l’intervista va giustificato e approvato dall’intervistato. Se l’intervistato è imbarazzato dall’uso del registratore, l’intervistatore dovrà trovare una modalità sostitutiva per registrare le risposte, in questo caso dovrà scriverle verbatim durante l’intervista.

103È importante che l’intervistatore sia capace di creare un buon clima di interazione con l’intervistato. Il pre-test, cioè l’intervista di prova di cui si è già parlato precedentemente, serve, oltre che a provare lo strumento, anche a «provare» l’intervistatore, soprattutto se non ha molta esperienza. Anche un intervistatore esperto trae comunque indubbi vantaggi dallo sperimentare l’intervista e lo strumento che dovrà utilizzare, per provare se comprende il testo delle domande, se riesce a seguire il percorso indicato, e in generale a gestire il colloquio sullo specifico tema.

4.2. Il questionario per interviste strutturate

104Le interviste strutturate sono caratterizzate da un formato simile o uguale per tutti gli intervistati, e hanno una serie di domande e possibilità di risposte prefissate, tra cui il soggetto deve sceglierne una, o talvolta di più. Questo standard di domande e di risposte, valido per tutti gli intervistati, è chiamato questionario.

  • 10 In alcune modalità di somministrazione l’intervento chiarificatore dell’intervistatore non è possib (...)

105Solitamente il questionario è consegnato all’intervistato, oppure è tenuto dall’intervistatore che, oltre a leggere le domande, segna anche le risposte. Come si è detto, quando l’argomento appare riservato e si ritiene che il soggetto potrebbe essere più sincero se gestisce da solo l’intervista, gli viene affidato il questionario che legge e compila da solo. Anche in questo caso, comunque, la figura dell’intervistatore può essere utile, per eventuali chiarimenti delle domande o delle modalità di risposta10.

106Nella versione finale il questionario appare come una serie di domande, con una lista di risposte tra cui scegliere quella più vicina alla propria posizione. Si parla della più vicina, perché difficilmente si riesce ad indovinare la precisa posizione del soggetto. Al più si sarà preparata una lista di risposte che possono avvicinarsi a quelle dei soggetti rispondenti, ci si augura il più possibile.

107Come si arriva a questa serie, in modo che sia poi accettata dagli intervistati e che risulti comprensibile e vicina al loro modo di sentirsi e di essere?

108Si può tracciare un percorso di cui il questionario è il risultato. Nella sezione precedente si è parlato del macromodello, che è la lista di concetti rilevanti che vogliamo trattare nell’intervista. Nell’intervista non strutturata o poco strutturata basterà avere poi la lista di questi concetti, di cui tutt’al più si è stabilito l’ordine di presentazione. Dico «tutt’al più» perché l’ordine spesso è lasciato all’intervistato. In qualche caso, si preparano delle domande vere e proprie, dette «aperte», perché lasciano all’intervistato la possibilità di rispondere come vuole.

109Nell’intervista strutturata, invece, si parte dal macromodello per arrivare a una serie di domande e risposte uguali per tutti gli intervistati.

110I concetti inseriti nel macromodello sono chiamati in linguaggio metodologico proprietà e devono indicare singole caratteristiche legate al tema d’indagine, seppur collegate tra loro. Ogni singola proprietà, separatamente, va definita operativamente. La definizione operativa, come i termini suggeriscono, dovrebbe servire a definire ogni proprietà in base alle operazioni di ricerca che saranno utilizzate per rilevare le informazioni, e trasforma la proprietà in variabile.

111Soprattutto nelle scienze sociali talvolta non è possibile il passaggio diretto dalla proprietà alla definizione operativa, perché la proprietà non è in grado di suggerirla direttamente (Marradi, 1994). In questo caso si passa dalla proprietà agli indicatori, cioè concetti collegati alla proprietà capaci di suggerire le operazioni di rilevazione adeguate e opportune. Si parla di indicatori, al plurale, per una sola proprietà, perché una proprietà complessa difficilmente può essere tradotta in un solo indicatore, altrimenti si può utilizzare direttamente la proprietà più semplice. Se così fosse, dovremmo sostituire la prima proprietà più complessa con quella più semplice. Di solito la proprietà che ci interessa deriva dalla combinazione di più proprietà semplici, nel senso che suggeriscono le relative definizioni operative. Queste proprietà più semplici, come detto sopra, sono chiamate indicatori.

112In questi casi, la raccolta delle informazioni viene condotta a livello di indicatori, e poi bisognerà trovare il modo di combinare le informazioni in unico indice, che rappresenta la proprietà di partenza.

113Che rapporto c’è tra la proprietà di partenza e gli indicatori? C’è un rapporto di rappresentanza semantica: gli indicatori rappresentano, dal punto di vista del significato, la proprietà di partenza.

114Attraverso la definizione operativa, le proprietà che non hanno bisogno di indicatori, e gli indicatori che rappresentano semanticamente una proprietà complessa, sono trasformate in variabili, per poter essere poi inserite in una matrice di dati. Una matrice di dati è l’insieme di tutte le variabili su cui si sono raccolte le informazioni nella ricerca, per tutti i soggetti intervistati. Serve a raccogliere sinteticamente tutte le informazioni per sottoporle poi ad analisi.

115Quali operazioni facciamo per trasformare le proprietà in variabili? A questo punto può essere utile distinguere i vari tipi di proprietà e di variabile. Le variabili cardinali sono quelle che più legittimamente possono essere sottoposte a calcoli matematici ma sono rare nelle scienze sociali. Derivano da proprietà misurabili perché disponiamo di un’unità di misura: pensiamo all’età, che deriva dalla misurazione del tempo, o a qualche altra proprietà collegata con la misurazione del tempo, come gli anni di lavoro in una certa impresa, ad esempio. La definizione operativa, in questo caso, deve indicare i passaggi tecnici.

116Alcune tecniche di scaling, in particolare le scale auto-ancoranti, permettono di produrre variabili che Marradi (1995) definisce quasi-cardinali, perché nelle scienze umane sono una buona approssimazione ai procedimenti di misurazione. Lo scaling è un’operazione più complessa, perché nasce dal tentativo di trasformare una proprietà continua non osservabile, solitamente un atteggiamento, di precipuo interesse nelle scienze sociali, in una variabile che, pur non disponendo di unità di misura vere e proprie, cioè convenzionali, possa essere analizzata con le stesse sofisticate tecniche statistiche cui sottoponiamo le variabili cardinali.

Torna su

Bibliografia

Baraldi C. (1998), L’orientamento epistemologico della ricerca empirica, in Cipolla C. (a cura di), Il ciclo metodologico della ricerca sociale, pp. 29-62.

Bellenger D.N., Bernhardt K.L. e Goldtucker J. L (1976), Qualitative Research in Marketing, Chicago, American Marketing Association.

Bentivegna S. (1990), Logica dell’indagine e disegni di ricerca sociologica, Milano, Franco Angeli.

Bezzi C. e Palumbo M. (1995), Questionario e dintorni, Firenze, Arnaud-Gramma.

Campelli E. (1991), Il metodo e il suo contrario. Sul recupero della problematica del metodo in sociologia, Milano, Franco Angeli.

Cipolla C. (1997), Epistemologia della tolleranza, Milano, Franco Angeli, 5 voll.

Cipolla C. (a cura di) (1998), Il ciclo metodologico della ricerca sociale, Milano, Franco Angeli.

Cipolla C., Gemini L. e Russo G. (1998), Un filo sottile e tenace: verso una rete creativa e mutevole, in Cipolla C. (a cura di), Il ciclo metodologico della ricerca sociale, cit., pp. 13-28.

Collins R. e Makowski M. (1980), Storia delle teorie sociologiche, Bologna, Zanichelli.

Corrao S. (2000), Il focus group, Milano, Franco Angeli.

Cox K. K., Higginbotham J.B. e Burton J. (1976), Applications of Focus Group Interviews in Marketing, «Journal of Marketing», 40, pp. 77-80.

Cremonini F. (1998), Il ciclo metodologico dell’informazione scientifica, in Cipolla C. (a cura di), Il ciclo metodologico della ricerca sociale, cit., pp. 63-89.

Crespi F. (1985), Le vie della sociologia, Bologna, Il Mulino.

Devoto G. e Oli G. C. (1983), Vocabolario illustrato della lingua italiana, Milano, Selezione del Reader Digest.

Fideli R. e Marradi A. (1996), Intervista, in Enciclopedia delle Scienze Sociali, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, v, pp. 71-82.

Frey J.H. e Fontana A. (1993), The Group Interview in Social Research, in Morgan D.L. (a cura di), Successful Focus Group. Advancing the State of Art, cit., pp. 20-34.

Furlotti R. (1998), L’intervista come relazione significativa, in Cipolla C. (a cura di), Il ciclo metodologico della ricerca sociale, cit., pp. 164-212.

Gallino L. (1978), Dizionario di Sociologia, Torino, Utet.

Gasperoni G. e Marradi A. (1996), Metodo e tecniche nelle scienze sociali in Enciclopedia delle scienze sociali, Roma, Istituto della Enciclopedia Italiana, v, pp. 624-643.

Gobo G. (1997), Le risposte e il loro contesto. Processi cognitivi e comunicativi nelle interviste standardizzate. Milano, Angeli.

Goldman A. E. (1962), The Group Depth Interview, «Journal of Marketing», 26, pp. 61-68.

Kaplan A. (1964), The Conduct of Inquiry, San Francisco, Chandler.

Keown Ch. (1983), Focus Group Research: Tool for the Retailer, «Journal of Small Business Management», 21, pp. 59-65.

Livolsi M. e Rositi F. (a cura di) (1988), La ricerca sull’industria culturale, Roma, nis.

Losito G. (1998), Sociologia. Un’introduzione alla teoria e alla ricerca sociale, Roma, Carocci.

Losito G. (1988), Metodi e tecniche della ricerca sociale empirica sull’emittenza, in Livolsi M. e Rositi F. (a cura di), La ricerca sull’industria culturale, cit., pp. 31-55.

Marradi A. (1980), Concetti e metodo per la ricerca sociale, Firenze, La Giuntina.

Marradi A. (1987), Linguaggio scientifico o torre di Babele?, «Rivista Italiana di Scienza Politica», xvii, 1, pp. 135-156.

Marradi A. (1992) L’analisi monovariata, Milano, Angeli, 2ª ed. 1995.

Marradi A. (1994), Referenti, pensiero e linguaggio: una questione rilevante per gli indicatori, «Sociologia e ricerca sociale», 43, pp. 137-207.

Marradi A. (1996), Metodo come arte, «Quaderni di Sociologia», 10, pp. 71-92.

Marradi A. (1997), Casuale e rappresentativo: ma cosa vuol dire?, in Ceri P. (a cura di), Politica e sondaggi, Torino, Rosenberg & Sellier, pp. 23-87.

Mitchell E. Jr. (1981), Improving employee relations with focus group, «Business Magazine», pp. 36-38.

Morgan D. L. (1988), Focus Group as Qualitative Research, London, Sage.

Morgan D. L. (a cura di) (1993), Successful Focus Group. Advancing the State of Art, London, Sage.

Semprini A. (2000), Il multiculturalismo. La sfida della diversità nelle società contemporanee, Milano, Franco Angeli.

Statera G. (1984), Metodologia e tecniche della ricerca sociale, Palermo, Palumbo.

Statera G. (1997), La ricerca sociale. Logica, strategie, tecniche, Roma, Seam.

Trentini G. (1995), Fondamenti istituzionali del colloquio e dell’intervista, in Trentini G. (a cura di), Manuale del colloquio e dell’intervista, Torino, Utet, pp. 1-46.

Torna su

Note

1 Seguendo l’esempio di Marradi (1994, 140), preferisco usare, anziché il termine «oggetto», quello di «referente», per indicare qualsiasi cosa cui si pensi, tangibile o meno, al di là del fatto che se ne parli oppure no.

2 Diadico o altro, ma sempre basato su un rapporto diadico.

3 Il termine «ricercatore», usato al singolare, non è del tutto adeguato, perché una ricerca raramente è condotta da una sola persona. Più frequentemente si lavora in gruppo, ognuno con le proprie competenze, e anche la direzione e la supervisione sono spesso condivise. Per comodità espositiva, tuttavia, continuerò a usare questo termine, più sintetico rispetto all’espressione «gruppo di ricerca».

4 L’accettazione di un corpus di tecniche da parte di una comunità scientifica naturalmente non preclude l’innovazione e la sperimentazione di procedure nuove, che, come detto sopra, costituisce uno degli obiettivi della ricerca metodologica.

5 La contrapposizione tra realismo e costruttivismo non è così netta come qui viene presentata: all’interno dei due schieramenti esistono diverse posizioni (Baraldi, 1998, 34). Ai nostri fini, tuttavia, non interessa entrare nel dettaglio di tale dibattito epistemologico.

6 La domanda chiusa prevede che l’intervistato scelga la risposta tra una serie prevista dal ricercatore.

7 Nell’intervista con un basso livello di strutturazione viene concessa maggiore libertà sia all’intervistato sia all’intervistatore, che usa, a supporto della conduzione, uno strumento che prevede solamente una lista di aspetti del tema da trattare o una serie di domande aperte, alle quali cioè l’intervistato può rispondere liberamente, senza attenersi a una serie di risposte previste dal ricercatore.

8 Sui vantaggi e i problemi legati alle procedure di campionamento vedi Marradi (1997).

9 Talvolta le interviste differiscono anche per numero di intervistatori: ci sono casi in cui sono presenti più intervistatori contemporaneamente, anche con un solo intervistato. Sovente ognuno ha un compito diverso: uno pone le domande e l’altro le registra, scrivendole o segnando la casella corrispondente. Non considero questo caso, che ritengo se possibile da evitare, perché aumenta il grado di asimmetria tra intervistatore e intervistato, già presente nei rapporti uno a uno, per la diversità dei ruoli. Nelle interviste collettive, rivolte a tante persone, la situazione è diversa, perché ci può essere bisogno di una persona che sia ad esempio di aiuto nella somministrazione dei questionari. È opportuno però ricordare il possibile disturbo dell’interazione tra intervistatore e intervistati.

10 In alcune modalità di somministrazione l’intervento chiarificatore dell’intervistatore non è possibile; ad esempio se si è optato per interviste postali il ricercatore non è ovviamente presente. Qualunque difficoltà dovrà essere risolta in solitudine dall’intervistato.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Sabrina Corrao, « L’intervista nella ricerca sociale », Quaderni di Sociologia, 38 | 2005, 147-171.

Notizia bibliografica digitale

Sabrina Corrao, « L’intervista nella ricerca sociale », Quaderni di Sociologia [Online], 38 | 2005, online dal 30 novembre 2015, consultato il 15 décembre 2019. URL : http://journals.openedition.org/qds/1058 ; DOI : 10.4000/qds.1058

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals