Navigazione – Mappa del sito
la società italiana / Calciopolitiche

Gli ultrà: origini, storia e sviluppi recenti di un mondo ribelle

Carlo Balestri e Gabriele Viganò
p. 37-49

Testo integrale

Le origini

1Il biennio 1968-69 porta con sé una spinta di radicale cambiamento e viene percepito, anche nel nostro Paese, come spartiacque dal quale i rapporti, le relazioni sociali nel loro complesso usciranno mutate.

  • 1 Nel 1968 la «Fossa dei Leoni» del Milan, nel 1969 i «Boys» dell’Inter, gli «Ultras» Sampdoria e gli (...)
  • 2 Nascono nel 1971 le «Brigate Gialloblù» del Verona, nel 1972 gli «Ultrà» Napoli ed i «Boys» della R (...)

2Quanto accade in molte sfere della società e della politica si ripercuote anche nell’ambito del tifo sportivo. Sugli spalti prende fisicamente corpo una rivolta dello stile, un rigetto degli standard comuni a vantaggio di modi e forme di tifare anticonformiste e ribelli: nascono così, proprio alla fine degli Anni Sessanta, i primi gruppi ultrà1, dando inizio ad un processo che negli Anni Settanta si propaga rapidamente contagiando anche molte città di provincia2.

3Queste nuove azioni collettive si distinguono per alcune specifiche caratteristiche:

  • il coinvolgimento di ragazzi molto giovani (mediamente dai 14 ai 18 anni e normalmente legati da un preesistente rapporto amicale) che prendono possesso delle zone più popolari dello stadio (spesso si tratta delle «curve») e cominciano a seguire abitualmente la propria squadra anche in trasferta;

  • la ricerca di visibilità, di protagonismo, di riconoscimento che si esprime delle nuove e diverse pratiche di tifo, a livello collettivo (grandi striscioni con il nome del proprio gruppo, maxi-bandiere e primi accenni di spettacoli coreografici, sostegno corale continuo con voce, tamburi, trombe, ecc.) e individuale (look militante ed aggressivo con abbondante uso di gadget della propria squadra, quali sciarpe, cappelli, maglie, distintivi, ecc.). Queste azioni degenerano talvolta in comportamenti aggressivi o apertamente violenti;

  • la contaminazione di tali idee con le esperienze politiche o pre-politiche del tempo. La dimestichezza con i principi basilari dell’organizzazione ed il senso della militanza (talvolta anche totalizzante) consentono a questi gruppi di radicarsi prima, e di crescere notevolmente poi, da un punto di vista quantitativo e qualitativo. Le etichette politico-ideologiche dei primi gruppi ultrà si rivelano in molti casi decisive per articolare una prima, complessa, rete di inimicizie e di rivalità tra tifoserie che in pochi anni coinvolgerà l’intero panorama nazionale del tifo.

4La comparsa degli ultrà nello scenario degli stadi italiani può essere certo intesa come una sorta di evoluzione e rielaborazione di quella piccola-grande tradizione di tifo che si era affermata con i club organizzati nati, spesso su iniziativa delle stesse società calcistiche, nel corso degli Anni Sessanta. Il modello ultrà è tuttavia radicale e si è caratterizzato sin dagli esordi da una continua ricerca di differenziazione e di competizione:

  • di differenziazione: anzitutto nei confronti del pubblico non ultrà che, continuando a rivolgere l’attenzione prevalentemente alla partita e non ai riti ed alle pratiche del tifo, spesso è considerato con ostilità o estrema freddezza da parte di questi nuovi «supertifosi»;

  • di competizione con i tifosi avversari: il tifo serve non solo per aiutare la propria squadra ad avere la meglio sul campo (missione originaria), ma ben presto, quando la proliferazione dei gruppi ultrà li mette ripetutamente a confronto, diventa anche una perenne sfida tra opposte tifoserie, consumata sul piano dell’incitamento vocale o spettacolare, dell’intimidazione, dell’aggressività e del confronto fisico tout court.

5Le ricadute si hanno quindi, nel volgere di poco tempo, anche sul piano dell’ordine pubblico. L’indole radicale di questi gruppi e la sistematicità delle occasioni di incontro tra tifoserie stimolano l’emergere di una violenza calcistica assai diversa da quella «tradizionale», affatto sporadica negli anni passati. Gli incidenti che hanno luogo dentro e, in un secondo tempo, soprattutto fuori degli stadi sono sempre meno legati alle sorti sportive delle rispettive squadre e si scatenano più spesso per rivalità formate sul piano esclusivo del tifo – quindi in larga parte coscientemente alimentate.

Piccoli ultrà crescono

6Agli anni della prima formazione seguono quelli dell’apprendistato, durante i quali i primi gruppi ultrà assumono sempre più le caratteristiche di un’organizzazione stabile, capace non solo di sopravvivere ma anche di radicarsi e di crescere. Essi diventano così un punto di riferimento e di emulazione.

7Durante gli Anni Ottanta il fenomeno assume una dimensione nazionale e di massa, contagiando le tifoserie delle squadre di categorie inferiori e mostrandosi capace di coinvolgere ogni domenica migliaia di persone. Anche in altre discipline sportive, come ad esempio il basket, il modello ultrà prende piede in modo significativo.

8Il livello di organizzazione interna ai gruppi diventa tale da rendere possibile un deciso miglioramento dell’estetica del tifo e una crescita numerica dei partecipanti alle trasferte. Un’accurata attività di autofinanziamento (produzione di materiale da stadio personalizzato con il nome ed il simbolo dei gruppi ultrà), fa inoltre diventare le curve delle piccole-grandi potenze economiche.

9È verso la fine degli anni Ottanta che il fenomeno raggiunge il proprio apice, anche se questa crescita impetuosa lascia intravedere non poche ombre e contraddizioni.

  • 3 Intervista ai «Viking» Juventus, «Supertifo», Marzo 1991.

10Il ricambio generazionale, in particolare, si manifesta tutt’altro che semplice. Alcuni ultrà di lungo corso si fanno da parte, alle curve si avvicinano molti giovanissimi, spesso con motivazioni decisamente superficiali. In particolare, appare evidente una diversa e più effimera percezione dell’identità e dei legami di gruppo. Si palesa inoltre una ricerca di gloria e protagonismo individuale, forse anche influenzata dall’attenzione che i mass-media dedicano sistematicamente al fenomeno, anche se solitamente solo per evidenziarne gli aspetti più negativi. Insomma, in questa fase di transizione generazionale fanno da catalizzatore gli aspetti esteriori e ludici del modello ultrà: «ultras da tre ore» (Roversi, 1992), «…masse mal educate a valori e ideali (…) abituate al suono più che al significato delle parole»3.

  • 4 Nel 1978, prima del derby Roma-Lazio, muore Vincenzo Paparelli colpito da un razzo sparato dalla cu (...)
  • 5 Questo è il nome, in gergo, dato ai giovani che non si riconoscono in nessuno dei gruppi presenti i (...)

11La ripetizione di incidenti anche molto gravi tra tifosi (tra il 1978 ed il 1989 si contano ben cinque vittime ed altri episodi di estrema gravità4) è anche conseguenza di questo panorama in contraddittorio mutamento. Gli incidenti, che ormai accadono quasi esclusivamente fuori degli stadi, spesso sono frutto non più di scontri gruppo-contro-gruppo (quelli che nell’immaginario collettivo degli ultrà sono ricordati come i tempi delle «sane scazzottate»), ma dell’iniziativa di piccoli gruppi di «cani sciolti»5, non controllati né controllabili dai nuclei storici del tifo.

 

12Proprio affrontando il tema del teppismo calcistico, il dibattito mediatico ha spesso equiparato l’ultrà nostrano all’hooligan inglese e nordeuropeo, con buona pace di una vasta letteratura sociologica che ne sottolineava le profonde differenze (Balestri e Roversi, 1999).

  • 6 Non a caso molte delle squadre inglesi rivelano una chiara origine operaia: ad esempio il West Ham (...)

13Un parallelismo tra i diversi fenomeni appare, infatti, problematico. In Inghilterra la passione per questo spettacolo sportivo ha coinvolto, sino a tempi recenti, prevalentemente membri della classe operaia6. Proprio per queste origini e questo legame, come riferiscono gli studi condotti in Inghilterra, il modello di football hooliganism britannico si è manifestato come una sorta di estensione del tradizionale schema comportamentale della rough working class.

  • 7 Studi recenti hanno comunque dato dei risultati diversi, dai quali emerge un allargamento della bas (...)

14Il gruppo hooligan proviene solitamente dagli strati più bassi della società7, adotta quello che è stato definito lo Stile Maschio Violento, aggregandosi per tifare durante la partita e per aggredire i tifosi avversari. Esibisce inoltre forme poco sviluppate e durevoli di coordinamento, di gestione e di promozione delle attività legate al tifo.

15In Italia, al contrario, il legame tra calcio e classe operaia è sin dalle origini molto più labile: qui la passione per il calcio è sempre stata contraddistinta da una trasversalità socio-economica. Tale tendenza vale anche per il gruppo ultrà. Pur rifacendosi sotto molti punti di vista sin dalle origini al modello/mito del tifo inglese, gli ultrà italiani presentano una composizione sociale tendenzialmente interclassista, con una rilevante presenza femminile al loro interno.

16Queste differenze hanno portato a due modelli profondamente diversi sul piano delle pratiche del tifo e, soprattutto, nella definizione di un’identità/cultura specifica:

  • il modello inglese contempla una serie di attività che esaltano il senso di gruppo, ma che non comportano un particolare e durevole impegno al di fuori della partita;

  • i gruppo ultrà italiani sono invece più protesi verso l’esterno; essi sono inoltre in grado di realizzare, grazie ad articolate strutture organizzative, manifestazioni coreografiche di tifo che coinvolgono l’intera curva e richiedono un forte impegno economico, di lavoro e di coordinamento.

17Ne consegue che anche la stessa violenza ha avuto un peso differente nei due modelli. Se per gli hooligan inglesi essa è il principale motivo di aggregazione ed unione, per gli ultrà italiani, influenzati dalla visione politica della violenza come strumento e non come fine, essa ha rappresentato solo una delle opzioni del gruppo. Lo riconoscono anche i più autorevoli studiosi italiani del fenomeno: «L’attività degli ultrà italiani […] è deviante solo in modo marginale» (Dal Lago e Moscati, 1992).

18Il gruppo ultrà italiano, dunque, affidava ed affida il proprio senso di comunità ed identità anzitutto ad altre attività, variamente in grado di assumere e trasmettere un valore simbolico distintivo: l’organizzazione di coreografie e trasferte, la produzione di materiale da tifo e di strumenti di comunicazione, la partecipazione militante alle riunioni infrasettimanali, ecc.

19Proprio in virtù di questa complessa natura associativa, il repertorio di norme non scritte che regolano e controllano il comportamento dei membri del gruppo ultrà riguardo alla violenza non può esaurirsi in quanto delineato da Marsh et al. (1980) sui comportamenti degli hooligan inglesi. Secondo un codice, non scritto ma conosciuto e riconosciuto nell’ambiente ultrà, una sorta di «etica del combattente» (Dal Lago e Moscati, 1992), la violenza veniva praticata solo in determinati casi e contro omologhi gruppi di ultrà. Le persone che coordinavano e gestivano le attività del gruppo (il cosiddetto «direttivo») decidevano se ed in che modo praticare violenza, mentre i più giovani potevano partecipare agli scontri solo se considerati affidabili. Secondo tali norme è proibito coinvolgere negli scontri persone estranee alla logica ultrà e compiere atti di vandalismo gratuito, come i danneggiamenti a treni, autobus, auto, i saccheggi di negozi ed autogrill, ecc..

20È comunque vero che il meccanismo di riproduzione dei gruppi ultrà italiani ha presentato alcuni tratti comuni al modello hooligan. Anche in Italia, infatti, lo stadio ha sempre rappresentato la tappa conclusiva di un processo di socializzazione alla vita di gruppo nato e consolidato altrove (sede del club, ritrovi di quartiere, bar, compagnie di amici, centri giovanili, gruppi politici). La curva (come i football ends inglesi) diventava luogo e momento di apprendimento, da parte del giovane, di quella «grammatica etico normativa» (Salvini, 1988) consistente nel mostrare doti di affidabilità, coraggio, solidarietà e durezza, grazie alle quali il giovane alla fine era considerato uno del gruppo. La cultura ultrà dei gruppi storici, dunque, è stata per lungo tempo capace di trasformare la curva in un territorio in cui per tutti i tifosi valevano le medesime regole e norme, al di là della provenienza sociale, delle motivazioni, e dei differenti stili di vita. Per questo il panorama ultrà italiano ha assunto le caratteristiche di un microcosmo autosufficiente e totalizzante, capace di integrare emotivamente ogni membro nel proprio ruolo, nei propri doveri e nel senso di appartenenza ad una dimensione collettiva, nonché di imporre per diversi anni una sorta di monopolio all’uso ed alle pratiche della violenza.

  • 8 La Legge n. 401 del 1989 è il primo provvedimento ad hoc emanato per contrastare la violenza dei ti (...)
  • 9 Lo spirito di questi nuovi gruppi o gruppetti, basato sul culto della durezza e su un’organizzazion (...)

21Sul finire degli anni Ottanta, come si è visto, questo scenario entra in profonda crisi. Nonostante la crescente militarizzazione degli stadi ed i primi interventi legislativi speciali8, in questo periodo cominciano a moltiplicarsi gli episodi di violenza, spesso molto cruenti anche a causa dell’ uso di armi di vario genere: bastoni, catene, razzi, armi da taglio. Gli episodi più gravi sembrano caratterizzati da una violenza anomica, fine a se stessa, praticata spesso individualmente o in piccoli gruppi. Talvolta essa è addirittura anteposta allo stesso obiettivo di tifare per la propria squadra. Alla difficoltà dei gruppi storici9 di convivere con queste novità si aggiunge l’effetto dirompente delle prime «leggi speciali» (1989 e 1994) . A farne le spese sono spesso i direttivi dei gruppi degli ultrà. Indeboliti, essi non sono più in grado di gestire quel «disordine regolamentato» che da sempre aveva contraddistinto l’agire ultrà.

22Non è casuale se alcuni importanti gruppi optano proprio in questo periodo per lo scioglimento: è il caso ad esempio delle Brigate Gialloblù Verona nel 1991, della Fossa Lariana Como nel 1992 e soprattutto della Fossa dei Grifoni Genoa nel 1993 – dopo un’esaltante stagione negli stadi di mezza Europa.

23Anche senza arrivare ad esiti così radicali, comunque, al di là del buono o cattivo stato di salute dei singoli gruppi, emerge sovente una riflessione diffusa sul movimento, sulle contraddizioni e sulle prospettive future.

24Sono indicative in proposito le riflessioni dell’Onda d’Urto Fiorentina: «Il movimento ultrà, lo dico con molta tristezza, se continuerà su questo percorso finirà in un tunnel senza uscita e potrebbe addirittura morire. […] Sembra di essere in un’altra dimensione, troppo lontana da quella che ha dominato gli ultimi venti anni» (Ondata viola, «Supertifo», Maggio 1993).

25Altro esempio interessante (ma non certo per il controllo della sintassi della lingua italiana) arriva dalla Fossa dei Leoni del Milan: «Come premessa bisogna dire che in qualsiasi tipo di contesto un allargamento delle dimensioni del fenomeno genera una caduta di qualità, soprattutto in questo campo, cioè l’ultrà, dove il fenomeno è vissuto su matrici di moda, di esteriorità, facendo perdere quell’essenza spesso barattata con una concezione numerica. Da ciò ne deriva un calo a livello qualitativo, come etica di comportamenti, come gestione nella sua integrità. Adesso per esempio si vedono delle coreografie faraoniche che nel passato non si vedevano, ma è un dato oggettivo che il peggioramento e l’impoverimento dei valori del movimento ultrà non è compensabile con il guadagno o la popolarità in termini di immagine» (La Sud in paradiso – La Fossa, «Supertifo», Giugno 1993).

Gli ultimi anni

26Nel 1995 una potente scossa risveglia il movimento da una sorta di inerzia o rassegnazione collettiva. Il 29 gennaio 1995, infatti, prima della partita Genoa-Milan, viene accoltellato a morte un giovane tifoso rossoblù, Vincenzo «Claudio» Spagnolo, detto «Spagna».

  • 10 In Inghilterra, quando la repressione della polizia si fece progressivamente più soffocante ed effi (...)

27Colpiscono soprattutto le modalità che hanno condotto ad esiti tanto gravi. L’omicida è un ragazzo di soli 18 anni, che da qualche mese frequenta la curva rossonera e che si è recato a Genova insieme a circa altre 70 persone delle cosiddette «Brigate 2», gruppo nato in seguito ad una scissione interna alle «Brigate Rossonere». Proprio per farsi conoscere e rispettare viene pianificata un’azione «spettacolare» in occasione della trasferta di Genova. Emulando alla perfezione lo stile casual inglese10, infatti, i tifosi delle Brigate 2 arrivano su un normale treno di linea, senza le sciarpe della propria squadra per non essere riconosciuti da polizia ed avversari. Molti sono armati di coltello perché decisi ad attaccare i genoani. Si tratta di un obiettivo non casuale: i genoani formavano una tifoseria determinata e «tosta», che aveva interrotto in malo modo il gemellaggio che la univa agli stessi rossoneri. Giunti nel capoluogo ligure, il gruppo di tifosi arriva indisturbato sotto la gradinata dei tifosi di casa, li provocano per attirarne l’attenzione e poi scatenano la rissa che ha esiti fatali. Vincenzo Spagnolo affronta gli avversari a mani nude, secondo la logica ultrà, ma viene colpito da una coltellata in pieno petto e muore poco dopo in ospedale, mentre gli aggressori fuggono nel settore ospite unendosi al resto della tifoseria. Al diffondersi della notizia si scatena la rabbia degli ultrà genoani, che prima obbligano l’arbitro a sospendere la partita e poi assediano fino a tarda notte i tifosi rossoneri, ingaggiando una violenta guerriglia con le forze dell’ordine fuori lo stadio.

28Le conseguenze di questo tragico episodio sono la sospensione di tutte le competizioni sportive la domenica successiva e un ulteriore inasprimento delle normative antiviolenza. Una terza conseguenza investe dall’interno il mondo ultrà.

29Sette giorni dopo la morte di Vincenzo Spagnolo, infatti, su iniziativa dei leader delle due tifoserie di Genova (Genoa e Sampdoria), viene organizzato un raduno nazionale tra ultrà, per riflettere sul loro mondo e sui cambiamenti che ne avevano stravolto la fisionomia. Lo scopo era tentare di porre dei limiti alla violenza e istituire almeno alcune regole per un mondo che sembrava non averne più.

30A Genova giungono rappresentanti di quasi tutti i gruppi ultrà italiani. Pur tra contraddizioni e differenze, l’incontro produce un risultato importante: un comunicato, sottoscritto dalla maggior parte dei presenti, dal titolo «Basta lame basta infami». Nel documento si può leggere, tra l’altro: «Basta con questi ultrà che ultrà non sono, che cercano proprio a spese del mondo ultrà di fare notizia, di diventare grandi ignorando il male fatto (come in questo caso irreparabile). Basta con la moda dei 20 contro 2 o delle molotov e dei coltelli».

31Questo appello ad essere ultrà secondo certe regole viene criticato dalla maggior parte dell’opinione pubblica, dai giornali e dalle forze politiche italiane. Il documento manifesta un preoccupato, seppur tardivo, riconoscimento della crisi in atto all’interno del mondo ultrà e contiene una severa autocritica. Quasi nessuno, dall’esterno, coglie tuttavia l’importanza di queste novità.

32Gli effetti del raduno di Genova sono stati complessivamente positivi. Negli anni immediatamente successivi la maggior parte dei gruppi si è attenuta alle indicazioni del documento. Alcuni sono arrivati persino a sconfessare la violenza come metodo lecito d’azione. Altri gruppi, più o meno velatamente, non hanno invece condiviso, e non hanno quindi accettato, il divieto di usare armi. In generale, comunque, dal allora in poi gli atti di violenza sono diminuiti, così come i feriti da arma da taglio. nella maggior parte dei casi questi ultimi continuano ad essere vittime dei cosiddetti «cani sciolti».

33Al ridimensionarsi, in percentuale sul totale annuale, degli episodi di violenza tra tifosi fa da contraltare invece il costante incremento degli incidenti che coinvolgono ultrà e forze dell’Ordine.

34La tabella 1 mostra come sono ripartiti in termini assoluti e percentuali gli incidenti da stadio verificatisi dal campionato 1991/92 al 1998/99.

35A questi vanno aggiunti i dati più recenti diramati ogni anno dal Ministero degli Interni. Sono dati non completi e non omogenei perché di anno in anno i consulenti del Ministero cambiano i parametri nella valutazione degli incidenti. Possono comunque aiutarci nella nostra riflessione. I dati del Ministero mostrano, infatti, come nel corso del campionato 2000/2001 vi siano stati 176 incidenti con feriti a fronte dei 127 incidenti della stagione 2001/02 (– 26%) ed un aumento degli incidenti nel corso del 2002/03 (+ 28%) tale da riportarci allo stesso livello di due anni prima. Altro dato interessante riguarda il numero di uomini impiegati dalle forze dell’ordine ogni domenica dentro e attorno agli stadi. Nel 1994, secondo i dati forniti dal Centro Studi di Polizia, gli uomini impiegati erano 5.500; nel 2002, a fronte di un notevole calo degli spettatori, il numero è quasi raddoppiato: 10.300.

Tab. 1. Incidenti avvenuti in Italia dentro e fuori i campi di calcio in corrispondenza alle partite di campionato, dal 1991/92 al 1998/99. Valori assoluti e percentuali

Tab. 1. Incidenti avvenuti in Italia dentro e fuori i campi di calcio in corrispondenza alle partite di campionato, dal 1991/92 al 1998/99. Valori assoluti e percentuali

Fonte: Centro Nazionale Studi di Polizia (Marinelli e Pili, 1999)

  • 11 Causa scatenante fu l’esposizione dello striscione «Onore alla Tigre Arkan» da parte dei sostenitor (...)

36Questi dati si accompagnano ad una forte azione repressiva anche a livello legislativo. Nel 2000 i provvedimenti che vietano l’allestimento di treni speciali e la vendita dei biglietti per i tifosi ospiti il giorno della partita; nel 2001 la normativa contro i cosiddetti «striscioni violenti»11 ed i cori razzisti; sempre nel 2001 la legge n. 377 che ha incrementato le pene per i cosiddetti reati da stadio (diffida per un massimo di tre anni, eventuale obbligo di firma, ecc.) ed introdotto nuovi divieti; nel 2003 la Legge Pisanu ha ulteriormente inasprito le pene. È stato introdotto l’arresto in quasi-flagranza di reato e previsto l’arresto da tre a diciotto mesi per il semplice possesso di materiale pirotecnico di ogni tipo – compresi gli inoffensivi fumogeni.

37È tuttavia evidente che la crescente militarizzazione degli stadi e un’azione legislativa sempre più punitiva non siano state in grado di debellare il fenomeno. La violenza negli stadi non è né diminuita né aumentata, si è solo trasformata. È diventata sempre più violenza del ribelle che si sente braccato ed emarginato, è diventata violenza contro le «istituzioni repressive» che allo stadio sono rappresentate dalle forze dell’ordine. Un esempio significativo da questo punto di vista è rappresentato dagli incidenti del settembre 2003 prima della partita Avellino-Napoli: un tifoso napoletano, in circostanze ancora non del tutto chiare, ha perso la vita cadendo da un’altezza di dieci metri e un centinaio di tifosi partenopei ha sfogato la sua ira dando la caccia ai pochi poliziotti presenti.

38Forse, per limitare il fenomeno della violenza negli stadi sarebbe ora che, anche in Italia si seguissero anche altre strade, alternative o almeno complementari a quelle repressive. Forse una presenza più discreta e meno visibile delle forze dell’ordine, così come è ormai prassi consolidata in molti paesi del Nord Europa, contribuirebbe a rendere meno pesante il clima che si respira oggi intorno ad uno stadio.

39Forse, invece di varare ulteriori ed inutili leggi ultra repressive, alle misure punitive bisognerebbe affiancare misure di carattere sociale, non volte a reprimere e controllare, ma capaci di valorizzare le energie positive presenti nel mondo delle curve e di lavorare sulla mediazione dei conflitti.

40Riprendiamo ora il nostro resoconto sull’evoluzione del mondo ultrà italiano.

  • 12 Nel 1998 fu intrapresa la prima azione di protesta comune e coordinata contro le Leggi repressive e (...)

41Dopo il raduno di Genova nel 1995, che ha rappresentato un punto di svolta, si sono ripetute negli anni successivi occasioni di dialogo, confronto ed iniziativa comune tra gruppi ultrà. Dal 1998, in particolare, grazie anche all’attività del Progetto Ultrà, tali iniziative sono diventate pratica comune per un numero sempre più ampio di gruppi. Sono state in particolare affrontate le questioni dei diritti dei tifosi e la difesa della cultura popolare del tifo di fronte all’avanzata dell’industria del calcio12.

42È quindi in atto da alcuni anni il tentativo dei tifosi di riproporsi, con più forza, come una vera e propria agenzia di socializzazione. Anche da questo punto di vista, oltre che per le profonde ragioni solidaristiche che da sempre animano il mondo ultrà, si spiegano le tante iniziative benefiche organizzate dalle e nelle curve negli ultimi anni: dall’iniziativa nazionale di sostegno al Telefono Azzurro, agli aiuti umanitari per l’ex Jugoslavia, passando per una miriade di iniziative locali.

43Queste iniziative sono certo dirette a limitare il numero di violenze e di incidenti negli stadi. Lo scopo è anche reagire alle critiche provenienti dalla opinione pubblica e alle richieste di maggiore repressione da parte delle autorità istituzionali. Negli ultimi anni assumono inoltre maggior importanza le iniziative di protesta nei confronti di un’industria calcistica che tende a sottrarre significato alla pratica del tifo militante e a relegare il frequentatore dello stadio al ruolo di un semplice consumatore dell’evento sportivo.

44Paradossalmente, proprio nel momento di maggior debolezza interna, i gruppi ultrà si sono scoperti capaci di trovare punti di contatto e di azione comune. Si tratterebbe, da questo punto di vista, di una lotta contro il tentativo di imborghesire il fenomeno del tifo calcistico e di distruggere quella cultura popolare di cui gli ultrà italiani si sentono i legittimi depositari.

  • 13 Dal 2002 si è creato un vero e proprio coordinamento nazionale che si è dato questo nome.

45Nonostante le differenze sociali, culturali e politiche, gli ultrà italiani hanno continuato ad incontrarsi e a discutere. Si è fatta strada una consapevolezza nuova: che esiste, per tutti i gruppi, un’unità di fondo e di grado più alto rispetto alle differenze che li dividono. Questa convinzione ha dato anzitutto luogo a raduni ultrà, con la partecipazione di piccole delegazioni di ogni tifoseria. La constatazione di questo spirito di appartenenza e di comunanza «oltre i colori» ha persino indotto il Movimento Ultrà13 a ipotizzare vere e proprie manifestazioni di piazza a sostegno delle proprie rivendicazioni.

  • 14 L’organizzazione della manifestazione è stata disturbata da dissidi intervenuti tra gli ultrà lazia (...)

46Una prima iniziativa è stata realizzato nella primavera del 2002 a Brescia, per iniziativa degli ultrà locali. Per buona parte della stagione sportiva 2002/2003 si sono succedute riunioni preparatorie per una manifestazione nazionale. Originariamente fissata per il 4 aprile 2003 a Roma, la manifestazione ha visto alla fine una discreta presenza numerica di tifosi, in rappresentanza di uno spettro relativamente contenuto di gruppi14.

47Ben diversa è stata invece la partecipazione alla manifestazione nazionale svoltasi il 22 giugno 2003 a Milano, alla quale hanno aderito ben 72 diversi gruppi ultrà (alcuni anche stranieri). Nonostante il caldo torrido, il capoluogo lombardo ha visto sfilare circa 5000 persone, che hanno cercato di fare sentire, con forza ma anche con compostezza, la propria voce contro la repressione, il «calcio moderno» e le pay-tv. Uno sforzo notevole, che non hanno tuttavia indotto i vertici del calcio e delle istituzioni a cambiare orientamento.

48Proprio il caos legato ai ripescaggi della serie B ha infine offerto l’occasione per una duplice manifestazione di protesta. La prima si è svolta il 29 agosto 2003 sotto la sede milanese della Lega Calcio. Un numero più contenuto (anche per puntare su un effetto-sorpresa) di tifosi appartenenti a gruppi storicamente rivali ha protestato, animato dalla stessa indignazione contro il «Palazzo», con le stesse parole d’ordine. La seconda azione collettiva si è svolta durante la partita Italia-Galles, disputata a settembre a S. Siro: in più settori dello stadio sono stati esposti diversi striscioni di protesta, ottenendo una discreta visibilità mediatica.

49Durante la stagione 2003/2004 i gruppi aderenti al Movimento Ultrà hanno continuato ad incontrarsi per mettere a punto, dopo la fase della protesta, una piattaforma rivendicativa. Lo scopo è indicare una prospettiva di rinascita «dal basso» al calcio italiano. Un impegno non semplice, cui si affianca lo sforzo di coinvolgere anche chi non si è sinora impegnato in queste iniziative e, più in generale, di quanti preferiscono ancora il «freddo gradino» dello stadio al comfort della pay-tv.

Torna su

Bibliografia

Oltre a costituire il corredo bibliografico di questo articolo, questo elenco intende offrire al lettore un panorama dei lavori pubblicati sull’argomento in Italia e altrove.

AA.VV. (1990), Football: i domini del calcio, Firenze, Artificio.

Armstrong G. (1998), Football Hooliganism, Oxford, Berg.

Balestrini N. (1994), I Furiosi, Milano, Bompiani.

Balestri C. e Roversi A. (1990), Ultras oggi: declino o cambiamento?, «Polis», 3,99, Bologna, Il Mulino.

Balloni A. e Bisi R. (a cura di) (1993), Sportivi, tifosi, violenti, Bologna, Clueb.

Barbieri D. e Mancini R. (1996), E lo sport si fece mondo, Firenze, La Nuova Italia.

Beha O. (1987), Anni di cuoio: l’Italia di oggi allo specchio del calcio, Roma, Newton Compton.

Borghini F. (1987), La violenza negli stadi, Firenze, Manzuol.

Borri A. (a cura di) (1990), Sport e mass-media, Roma-Bari, Laterza.

Boys Parma (1997), Boys 1977-1997: 20 anni di tradizione, Parma.

B.N.A. (1997), Brigate Nero-azzurre Atalanta, vent’anni di storia, Bergamo.

Bruno F. (1992), Vita da ultrà. Dentro le curve d’Europa, Conti, Bologna.

Cametti S. (1997), I guerrieri di Verona-Brigate gialloblu’ dal 1971 ad oggi, Verona, Sport Communication.

Collettivo Autonomo Curva Nord Ancona (1997), 1987-1997, Un guerriero non si ferma mai, Ancona.

C.U.C.S. (1998), Commando Ultra’, Roma, Multimedia.

Dal Lago A. (1990), Descrizione di una battaglia, Bologna, Il Mulino.

Dal Lago A. e Moscati R. (1992), Regalateci un sogno, Milano, Bompiani.

De Biasi R. ( a cura di) (1998), You’ll never walk alone, Milano, Shake ed.

De Luca D., Colombo D. (1996), Fanatics, Roma, Castelvecchi.

Dionesalvi C. (1997), Comunicazione e potere nello spettacolo calcistico, Cosenza, Satem.

Ferrarotti F. (1983), All’ultimo stadio, Milano, Rusconi.

Flamigni P. (1995), Genoa-Sampdoria, il derby delle parole, Genova, Erga.

Fugardi A. (1973), Il calcio dalle origini ad oggi, Rocca San Casciano, Cappelli.

Ghirelli A. (1967), Storia del calcio in Italia, Torino, Einaudi.

Grozio R. (a cura di) (1990), Catenaccio e contropiede, Roma, Antonio Pellicani.

Kerr J.H. (1994), Understanding Soccer Hooliganism, Buckingham, Open University Press.

Labos (1988), Giovani e violenza, Roma, ter.

Lanfranchi P. (a cura di), Il calcio e il suo pubblico, Napoli, esi.

Libanora R. e Carioli F. (1996), Sport e società, oltre ogni violenza, Roma, Centro Studi Kerr.

Marchi V. (1993), Blood and Honour, Roma, Koinè.

Id. (1994), Stile Maschio Violento, Genova, Costa e Nolan.

Id. (a cura di) (1994), Ultrà, Roma, Koinè.

Marsh P. et al. (1980), The rules of disorders (social worlds of childwood), London-New York, Routledge.

Marinelli M. (1991), La violenza negli stadi : cause e rimedi, Brescia, csp.

Id. (1996), Ultimo Stadio, Bergamo, Centro Studi Polizia.

Minerva L. (1990), Il pallone nella rete, Roma, Nuova Eri.

Papa A. e Panico G. (1993), Storia sociale del calcio in Italia, Bologna, Il Mulino.

Pivato S. (1990), I terzini della Borghesia, Milano, Leonardo.

Roversi A. (1990), Calcio e violenza in Europa, Bologna, Il Mulino.

Id. (1992), Calcio, tifo e violenza, Bologna, Il Mulino.

Roversi A. e Triani G. (a cura di) (1995), Sociologia nello sport, Napoli, esi.

Ruello N. (1984), Fossa dei Grifoni – Il vento della Nord, Genova, Mengotti,.

Salvini A. (1988), Il rito aggressivo, dall’aggressività simbolica al comportamento violento: il caso dei tifosi ultras, Firenze, Giunti.

Segre D. (1979), Ragazzi di stadio, Milano, Mazzotta.

Sollier P. (1976), Calci, sputi e colpi di testa, Milano, Gammalibri.

Taylor I. (1969), Hooligans: soccer’s resistance movement, London, New Society.

The Baba’s group (1996), Orgogliosi, Roma, Ediz: Lazio.

Triani G. (1990), Mal di stadio. Storia del tifo e della passione per il calcio, Roma, Edizioni Associate.

Id. (1994), Bar sport Italia, Milano, Eleuthera.

Id. (a cura di) (1994), Tifo e supertifo, Napoli, Esi.

Usvardi G. (1986), La violenza delegata, Roma, aics.

Viganò G. (1994), Tranquilli oggi non vi picchiamo, Viterbo, Ed. Millelire.

Torna su

Note

1 Nel 1968 la «Fossa dei Leoni» del Milan, nel 1969 i «Boys» dell’Inter, gli «Ultras» Sampdoria e gli «Ultras» del Toro.

2 Nascono nel 1971 le «Brigate Gialloblù» del Verona, nel 1972 gli «Ultrà» Napoli ed i «Boys» della Roma, nel 1973 gli «Ultras» della Fiorentina e la «Fossa dei Grifoni» del Genoa, nel 1974 gli «Ultras» del Bologna, nel 1975 i «Fighters» della Juve, nel 1976 le «Brigate Neroazzurre» Atalanta, ecc.

3 Intervista ai «Viking» Juventus, «Supertifo», Marzo 1991.

4 Nel 1978, prima del derby Roma-Lazio, muore Vincenzo Paparelli colpito da un razzo sparato dalla curva giallorossa; nel 1983 a margine di scontri con la polizia dopo il derby Triestina-Udinese, muore Stefano Furlan; nel 1984 è accoltellato a morte Marco Fonghessi nel dopo-partita di Milan-Cremonese; nel 1988 una rissa tra tifosi Interisti e Ascolani è fatale al marchigiano Nazareno Filippini; nel 1989 muore Antonio De Falchi, romanista, colpito da una crisi cardiaca mentre veniva aggredito da ultrà milanisti.

5 Questo è il nome, in gergo, dato ai giovani che non si riconoscono in nessuno dei gruppi presenti in curva e che, spesso senza esperienza, si rendono protagonisti di azioni violente o atti vandalici gratuiti e pericolosi, senza considerare, né tantomeno conoscere, la storia e le regole del movimento ultrà.

6 Non a caso molte delle squadre inglesi rivelano una chiara origine operaia: ad esempio il West Ham (fondato da un gruppo di operai del settore delle acciaierie), lo Sheffield United (nato per volere di alcuni artigiani che lavoravano i coltelli), il Manchester United (costituitosi grazie alla volontà degli operai che costruivano la rete ferroviaria), ecc. Su questo argomento cfr, Taylor I., Hooligans: Soccer’s Resistance Movement, «New Society», 7 August 1969, pp. 204-6.

7 Studi recenti hanno comunque dato dei risultati diversi, dai quali emerge un allargamento della base sociale degli hooligan. Cfr Kerr (1994) e Armstrong (1998).

8 La Legge n. 401 del 1989 è il primo provvedimento ad hoc emanato per contrastare la violenza dei tifosi. Nella formulazione originaria, che negli anni verrà ulteriormente modificata in senso repressivo, la novità più rilevante era rappresentata dell’interdizione ai luoghi delle manifestazioni sportive di persone ritenute responsabili di atti definiti genericamente violenti (è la c.d. «diffida»).

9 Lo spirito di questi nuovi gruppi o gruppetti, basato sul culto della durezza e su un’organizzazione paramilitare, prepara il terreno ad un fertile inserimento anche di atteggiamenti razzisti e xenofobi.

10 In Inghilterra, quando la repressione della polizia si fece progressivamente più soffocante ed efficace, molti gruppi di holigans per non essere individuati e controllati abbandonarono ogni look aggressivo o militante (in particolare quello dello skinhead) e le prassi delle trasferte organizzate, optando invece per spostamenti autonomi (auto, treni di linea) ed un abbigliamento normale (talvolta anche griffato) senza simboli e colori calcistici.

11 Causa scatenante fu l’esposizione dello striscione «Onore alla Tigre Arkan» da parte dei sostenitori romani, a ricordo del nazionalista serbo (ex-capo ultrà della Stella Rossa Belgrado e criminale di guerra nel conflitto che aveva dilaniato la ex-Yugoslavia (Lazio-Bari del 30/1/2000).

12 Nel 1998 fu intrapresa la prima azione di protesta comune e coordinata contro le Leggi repressive e la loro applicazione eccessivamente discrezionale: molte tifoserie esposero uno striscione con scritto «Liberò cittadino? No, ultras!». L’iniziativa si è ripetuta in forme analoghe nel 2000 (striscione «Leggi speciali: oggi per gli ultrà, domani per tutta la città!») e nel 2003 (striscione «A voi i soldi a noi la repressione!»).

13 Dal 2002 si è creato un vero e proprio coordinamento nazionale che si è dato questo nome.

14 L’organizzazione della manifestazione è stata disturbata da dissidi intervenuti tra gli ultrà laziali e buona parte degli altri gruppi aderenti a Movimento Ultras.

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Tab. 1. Incidenti avvenuti in Italia dentro e fuori i campi di calcio in corrispondenza alle partite di campionato, dal 1991/92 al 1998/99. Valori assoluti e percentuali
Credits Fonte: Centro Nazionale Studi di Polizia (Marinelli e Pili, 1999)
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/1135/img-1.jpg
File image/jpeg, 92k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Carlo Balestri e Gabriele Viganò, « Gli ultrà: origini, storia e sviluppi recenti di un mondo ribelle », Quaderni di Sociologia, 34 | 2004, 37-49.

Notizia bibliografica digitale

Carlo Balestri e Gabriele Viganò, « Gli ultrà: origini, storia e sviluppi recenti di un mondo ribelle », Quaderni di Sociologia [Online], 34 | 2004, online dal 30 novembre 2015, consultato il 16 février 2020. URL : http://journals.openedition.org/qds/1135 ; DOI : https://doi.org/10.4000/qds.1135

Torna su

Autori

Carlo Balestri

uisp Emilia –Romagna

Gabriele Viganò

uisp Emilia –Romagna

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals