Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri33la società italiana / No global i...Presentazione

la società italiana / No global in Italia: identità, opposizione, progetto

Presentazione

Paolo Ceri
p. 3-4

Testo integrale

1È stato detto, con qualche ragione, «movimento dei movimenti», a indicare il confluire in una comune mobilitazione di istanze e soggetti aventi basi sociali diverse. A segnare cioè il passaggio dai monomovimenti ai plurimovimenti, dai movimenti a base categoriale ai movimenti multi e transcategoriali: a base categoriale come il movimento operaio e il movimento studentesco; multicategoriali come il movimento per i diritti civili; transcategoriali come il movimento delle donne e il movimento dei consumatori.

2C’è voluta la globalizzazione neoliberale, con la sua forza di trasformazione e il suo estremismo ideologico, per associare in lotte comuni movimenti categoriali, movimenti pluricategoriali e movimenti transcategoriali. A dimostrazione di come – passando dal piano descrittivo a quello analitico – nel movimento globale convivano due anime, due tipi di movimento: un movimento sociale e un movimento storico. Legato il primo alle trasformazioni del tipo di società (dalla società industriale a quella postindustriale o dalla società contadina a quella industriale), il secondo ai nuovi caratteri del processo di sviluppo capitalistico. Nel tempo – in realtà nel volgere di pochi anni a giro di millennio – il secondo carattere, guerra in Afghanistan e in Iraq aiutando, è diventato preminente. Fino a trasformare per molti versi il movimento anti-globalizzazione in un movimento pacifista e a ridare credito in alcuni suoi settori a ideologie morte, tornate in circolo sulla scia del crescente anti-americanismo (distinto dall’anti-bushismo). Non è detto si tratti di un’evoluzione irreversibile, come non è detto che tale sia la crisi attuale della globalizzazione.

3Per tutte queste caratteristiche ed evoluzioni, un movimento tanto composito è soggetto all’operare sia di forze centripete, che di forze centrifughe. Tradotto sul piano politico: soggetto ad alleanze e a divisioni, a solidarietà più o meno strategiche e a conflitti interni. Se di ciò si è molto parlato sulla stampa e nel dibattito politico, assai poco si è indagato. A capire cosa – di là dalle differenze – tenga insieme la galassia dei movimenti e cosa ne segni o ne annunci le linee di frattura, contribuiscono pochi studi condotti con metodo e basso tasso di ideologia. Di essi meritano attenzione quelli proposti nel presente fascicolo dei «Quaderni di Sociologia».

4Dopo essersi cimentati con acribia e successo nell’analisi della struttura della rappresentanza e dei processi decisionali interni al movimento globale (in P. Ceri, a cura di, La democrazia dei movimenti. Come decidono i no global, Rubbettino, Soveria Mannelli, 2003), gli autori – sei valenti giovani ricercatori: tre sociologi e tre storici del pensiero politico – ritornano sulle medesime reti associative per sondarne la dimensione ideologica e culturale. Improntati, ciascuno con una propria specificità, al noto schema tourainiano di analisi della coscienza dell’attore collettivo, i sei studi qui presentati compongono un quadro tanto concettualmente omogeneo, quanto empiricamente articolato, dei principali valori, orientamenti d’azione e razionalizzazioni presenti nel movimento italiano. Delle reti associative esaminate – Social Forum, Disobbedienti, Attac-Italia, Anarchici, Black bloc, Commercio equo e solidale, Lilliput – vengono rilevate le tre serie di elementi formativi della coscienza collettiva: l’identità, l’opposizione, il progetto. Quanto all’identità, conta rilevare come ciascun soggetto risponda – attraverso l’azione, i dibattiti interni, le dichiarazioni e i documenti – a questioni quali: da dove veniamo; cosa ci distingue; di cosa siamo parte; che cosa ci accomuna; cosa non siamo; cosa non dobbiamo diventare. Circa l’opposizione, i quesiti rilevanti sono: a chi/cosa ci opponiamo: chi sono i nostri avversari; chi si oppone a noi; come ci opponiamo; come non ci dobbiamo opporre. Il progetto è un orizzonte ideale che richiede di essere sondato rispetto a diversi temi, con quesiti quali: per quale tipo di economia lottiamo; per quale tipo di giustizia sociale; per quale tipo di convivenza interculturale, interetnica, di genere; per quale tipo di democrazia; per quale tipo di governo della globalizzazione. Assieme al loro livello di sviluppo e di coerenza, gli specifici contenuti (le specifiche risposte) decidono dell’esistenza o meno nei diversi casi (e nelle diverse fasi) dei caratteri propri di un movimento e, con essa, della possibilità di tenuta unitaria del movimento globale nel tempo.

5Pur nei limiti propri di un singolo contesto nazionale, quello italiano, gli studi qui presentati forniscono per buona parte delle questioni indicate risposte aventi un interesse più generale. Quali considerazioni o conclusioni d’insieme trarne non spetta, in questa sede, al curatore dire, bensì al lettore.

Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Paolo Ceri, «Presentazione»Quaderni di Sociologia, 33 | 2003, 3-4.

Notizia bibliografica digitale

Paolo Ceri, «Presentazione»Quaderni di Sociologia [Online], 33 | 2003, online dal 30 novembre 2015, consultato il 26 janvier 2021. URL: http://journals.openedition.org/qds/1156; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1156

Torna su

Autore

Paolo Ceri

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search