Navigazione – Mappa del sito

HomeNumeri32la società italiana / Mutamento s...L’opinione pubblica italiana e la...

la società italiana / Mutamento sociale e ruolo internazionale delle Forze Armate Italiane

L’opinione pubblica italiana e la difesa

Fabrizio Battistelli
p. 8-36

Testo integrale

1. Premessa

1Nelle società complesse la difesa – sotto il duplice aspetto di funzione da esercitare e di istituzione che la esercita – è un fiume carsico che periodicamente appare per poi scomparire per intervalli di tempo più o meno lunghi e quindi riapparire con maggiore o minore impetuosità. Questo andamento irregolare ha cause oggettive e soggettive. Le prime si fondano sulla natura del fenomeno che essa deve gestire, la guerra, il quale è spiccatamente politico, o addirittura, comportando l’estrema applicazione del binomio amico-nemico, può essere descritto come l’essenza stessa del «politico» (Schmitt, 1972). Il secondo ordine di cause è invece soggettivo e rinvia alle complesse implicazioni psicologiche che la guerra comporta. Inestricabilmente intrecciata al concetto di morte (in particolare di morte intenzionale e violenta), la guerra rappresenta un tabù con il quale ben pochi soggetti, a livello tanto individuale quanto collettivo, scelgono di avere a che fare, a meno di esservi costretti.

2D’altro canto se – affermava Trotskij – tu puoi evitare di interessarti della guerra, prima o poi è la guerra che si interessa di te. In uno spazio e in un tempo circoscritti (l’Europa nel secondo dopoguerra) questa esperienza è stata risparmiata a una generazione fortunata: la nostra. Lo sprigionamento delle tensioni già tenute a freno dall’equilibrio del mondo bipolare ha, nelle crisi dell’Unione sovietica e della Jugoslavia, lambito ma non raggiunto i nostri confini. Quello che invece, come europei occidentali e come italiani, non abbiamo potuto evitare, è di essere investiti dall’ondata di informazione generata dalle guerre degli ultimi dodici anni: Golfo (1991), Kossovo (1999), Afganistan (2001), fino alla più recente e controversa: la guerra dell’Iraq (2003).

3Senza addentrarci in valutazioni politiche che esulano dagli scopi della nostra analisi, quella contro l’Iraq è stata giudicata da molti osservatori una guerra unilaterale (in quanto realizzata al di fuori del quadro delle Nazioni Unite) e preventiva (in assenza di un casus belli comprovato). Sociologicamente, il dato più rilevante è rappresentato dalla crescente importanza assunta da due attori, peraltro protagonisti non da oggi della scena interna e internazionale: i mass media e l’opinione pubblica. Per quanto riguarda in particolare quest’ultima, durante la campagna di guerra e ancora di più nella lunga vigilia di schermaglie diplomatiche che l’hanno preceduta, l’opinione pubblica si è confermata come un fattore cruciale nella determinazione delle decisioni politiche. All’apice delle mobilitazioni contro la guerra verificatesi un po’ in tutto il mondo nel febbraio 2003, dalla stampa americana l’opinione pubblica è stata definita «la seconda superpotenza mondiale», intendendosi descrivere così l’unica controparte di pari forza con cui, dopo la scomparsa dell’Unione sovietica, deve confrontarsi sull’arena internazionale la superpotenza planetaria, gli Stati uniti d’America.

4Ovviamente della centralità dell’opinione pubblica sono consapevoli i governi per primi, che nelle democrazie rappresentative dell’Occidente attribuiscono la massima priorità al consenso dei propri cittadini, adoperandosi per acquisirlo, mantenerlo e potenziarlo con tutti i mezzi e con tutte le risorse di cui dispongono. In attesa di tornare su questo punto, in termini generali va sottolineato come, in tema di politica estera e della difesa, gli studiosi di opinione pubblica abbiano nel corso degli anni modificato le proprie posizioni. Inizialmente, infatti, gli studi di settore tendevano a enfatizzare la specificità di queste tematiche, definite «esotiche» agli occhi del pubblico in quanto richiedenti competenze monopolizzate da grandi apparati specializzati (diplomazia, forze armate) e non in possesso del cittadino medio. Sia per questo motivo, sia per la percepita distanza dai propri interessi vitali, quest’ ultimo avrebbe fatto proprio un atteggiamento di indifferenza nei confronti delle problematiche in campo internazionale e strategico, salvo repentinamente infiammarsi di fronte a eventi che avessero chiamato in causa l’identità o la sicurezza nazionale (Almond, 19602; Converse, 1964). Rispetto alle analisi proposte nei primi anni Sessanta in riferimento a una società in cui i processi di mediatizzazione e di diffusione di bisogni e orientamenti di valore postmaterialisti (Inglehart, 1983; 1998) non si erano ancora manifestati o erano appena agli inizi, la posizione degli studiosi oggi è diversa. Come dimostrano le ricerche più aggiornate, infatti, l’opinione pubblica viene giudicata più attenta e meno volatile di quanto si pensava tradizionalmente, anche su temi complessi come quelli di cui stiamo trattando, mostrandosi in grado di elaborare valutazioni articolate e persistenti nel tempo (Isernia, 1996; Everts e Isernia, 2001).

5Delineata la centralità dell’opinione pubblica sui temi strategici, passeremo ad analizzare questo fenomeno nel caso italiano. Decisivo indicatore del rapporto che una società intrattiene con la funzione della difesa e con l’istituzione destinata a esercitarla, la rappresentazione che gli italiani condividono di questi aspetti presenta peculiarità che meritano di essere analizzate. A questo scopo riteniamo utile introdurre alcune distinzioni, sia in riferimento all’attore esaminato, sia in riferimento all’oggetto. Nel primo caso, nell’ambito dell’opinione pubblica distinguiamo tra le élites da un lato (tipicamente il ceto politico, ma anche gli operatori dei media e gli intellettuali) e, dall’altro, il pubblico in generale. Nel secondo caso, nel complessivo concetto di difesa distinguiamo tra l’ambito interno collegato ai mezzi (in particolare il sistema organizzativo costituito dalle Forze armate) e l’ambito esterno collegato ai fini (e quindi gli obiettivi e le strategie individuate dal Governo e dal Parlamento); il primo presenta una valenza prevalentemente sociale, il secondo una valenza prevalentemente politica. Peraltro, la distinzione non deve far dimenticare che su di un terreno come questo le due valenze sono fortemente compenetrate e aperte agli sconfinamenti reciproci.

2. Gli italiani e la difesa: un’eredità storica complessa

6Dovendo esaminare l’atteggiamento degli italiani nei confronti dei temi della difesa, bisogna distinguere fra opinione pubblica nel suo complesso ed élites, nel senso che in Italia si riscontra, come e più che in altri Paesi europei, una forte divaricazione fra le due categorie di attori. Tale divaricazione si esplica nel fatto che, pur appartenendo allo stesso contesto storico e sociale, da una parte emerge un’opinione pubblica che denota una certa flessibilità e capacità adattiva nel seguire le questioni della difesa e dall’altra le élites, che appaiono caratterizzate da un atteggiamento più dogmatico rispetto a quello dell’opinione pubblica in generale. Negli ultimi anni, infatti, si sono registrati nell’opinione pubblica italiana segnali di maggiore interesse verso i temi della difesa, i quali, pur non potendosi certo definire al centro della riflessione dei cittadini, hanno acquisito una visibilità di gran lunga superiore rispetto al passato.

  • 1 Per utilizzare la metafora formulata da un leader d’opinione intervistato nelle nostre ricerche, l’ (...)

7Questo mutamento si è manifestato dopo il 1989, e più precisamente all’inizio degli anni Novanta, quando l’Italia ha cominciato a essere impegnata in varie missioni di peacekeeping all’estero, in un arco di opzioni che va da operazioni esclusivamente umanitarie, come quella realizzata nel 1991-93 in Albania, fino alla partecipazione a vere proprie campagne belliche, come la guerra del Golfo del 1991 e la guerra del Kossovo del 1999. Agli occhi dell’opinione pubblica queste missioni hanno guadagnato una maggiore considerazione alle Forze armate italiane, in alcuni casi determinando addirittura la loro «scoperta»1.

8Al di là del fatto che su questi temi l’uomo della strada si è mosso con più tempestività, mentre le élites del mondo politico, mediatico e intellettuale lo hanno più o meno volentieri seguìto, nel parlare del rapporto degli italiani con le tematiche della difesa non si può evitare il riferimento all’esperienza storica del Paese, molto diseguale e complessivamente problematica. Il retroterra è rappresentato da millequattrocento anni di storia della Penisola dopo la caduta dell’impero romano, contrassegnati dalle ricorrenti scorrerie degli eserciti stranieri e dalla diretta o indiretta soggezione al potere di altre nazioni. Infatti, è soltanto nella seconda metà del Diciannovesimo secolo che l’Italia – ultima, insieme alla Germania, delle maggiori nazioni europee – perviene all’indipendenza nazionale e all’unità.

9Si tratta di una circostanza molto gravosa, che ha impedito al nostro paese l’appuntamento storico rappresentato dalla formazione dei grandi Stati-nazione che inizia dal Sedicesimo e si sviluppa nel Diciassettesimo secolo. In quel periodo non soltanto l’Italia non è una potenza, ma è essa per prima un oggetto della politica di potenza dei suoi vicini (ovvero, di volta in volta e a seconda delle aree di influenza, della Spagna, della Francia, dell’Impero). Questo indubbiamente ha indotto un forte scetticismo negli italiani, sia a livello popolare sia a livello di élites, nei confronti delle istituzioni, a cominciare da quella che si configura come la più politica fra le istituzioni politiche: il sistema preposto al monopolio della weberiana «violenza legittima».

10Le esperienze negative del passato – culminate nel tragico bluff militare del fascismo – non hanno rappresentato semplicemente un dato consegnato agli archivi e ai libri di storia, ma anche un rilevante fattore psicologico e culturale alla base della freddezza che le élites politiche e intellettuali nutriranno nel secondo dopoguerra nei confronti della funzione della difesa e delle istituzioni destinate a gestirla. Nello spiegare questa freddezza, c’è chi sottolinea l’influenza di due correnti ideologiche come quella cattolica, impersonata dalla Democrazia cristiana, da un lato, e dall’altro quella marxista, impersonata dal Partito comunista italiano. Secondo le critiche di parte liberal-conservatrice, si è trattato di due ideologie internazionaliste anziché nazionali, e quindi poco inclini a sostenere (e nel caso del Pci accusate addirittura di indebolire) la difesa nazionale (Panebianco, 1997).

11Al di là di polemiche ideologiche che oggi sono largamente superate, resta il fatto che l’Italia si è ritrovata per quasi cinquanta anni Forze armate che è possibile definire «invisibili» (Battistelli, 1996), in quanto estranee all’orizzonte del cittadino medio, il quale non necessariamente provava ostilità nei confronti di esse, quanto più semplicemente un atteggiamento di ritiro e di indifferenza. Né la situazione era migliorata dall’esistenza di una leva obbligatoria, che pure mobilitava ogni anno oltre duecentomila giovani e che quindi coinvolgeva all’incirca un milione di persone tra diretti interessati, genitori, fratelli e fidanzate. La leva tuttavia veniva vista ogni giorno di più come un rituale scontato e un sacrificio ingiustificato, rivelandosi quindi irrilevante (o addirittura controproducente) nella costruzione di un effettivo legame tra Forze armate e Paese.

3. La difesa nell’attenzione delle élites

12Ancora più profondo e persistente è il divario che si è creato tra la difesa come funzione e come istituzione e le élites della società italiana. Nei regimi democratici dell’Occidente le élites intellettuali – dagli operatori dei media al mondo accademico – esercitano un costante monitoraggio nei confronti delle istituzioni pubbliche e in particolare di quelle ad alta politicità quali sono gli apparati preposti alla difesa, alla sicurezza internazionale, alla sicurezza interna etc.

13Tutto questo fa parte del normale gioco democratico delle società pluraliste. La più pluralista fra le società occidentali, quella statunitense, ospita al proprio interno una molteplicità di attori, di rappresentanze di interessi, di poteri e contropoteri, rispetto ai quali nessun sistema pubblico, nessuna decisione pubblica, nessuna politica pubblica, è esente da controllo e da critiche. Tutto questo è stato vero solo in parte nell’Italia del secondo dopoguerra. Mentre nei Paesi anglosassoni esiste una lunga tradizione di diritto all’informazione e alla critica sul funzionamento delle istituzioni, in Italia abbiamo dovuto attendere la crisi dell’assetto internazionale bipolare perché prendesse forma un qualche dibattito sul ruolo internazionale del Paese, sui suoi interessi nazionali, sugli obiettivi politico-strategici, e infine sugli strumenti per conseguire questi obiettivi. Fino a quel momento esistevano da un lato una certa reattività da parte del sistema difesa che, non abituato ad affrontare le critiche, quando ne riceveva tendeva ad esorcizzarle come strumentali, e dall’altro un’opinione pubblica, nella duplice articolazione dei sentimenti popolari e degli orientamenti delle élites che dovrebbero guidarla, scarsamente preparata a formulare valutazioni di merito. Quindi, per tutta quella che viene chiamata giornalisticamente la «Prima Repubblica» si è verificata in Italia – sulla base di una comune indifferenza – una sorta di divisione del lavoro fra «il Palazzo» e «la Piazza». Mentre la Piazza – cioè i semplici cittadini – mostravano un atteggiamento di sostanziale disinteresse nei riguardi delle Forze armate e verso la funzione difesa tout court, dal canto suo la maggioranza di governo si caratterizzava per la ritualità nel sostegno delle istituzioni militari e nell’adesione alla politica estera del Paese, fondata sull’Alleanza Atlantica e sulla Comunità europea.

  • 2 È significativo che per quarantacinque anni la titolarità del ministero della Difesa (come per altr (...)

14Il problema era costituito non tanto dalla natura di queste scelte – condivise da un’ampia maggioranza nel Paese – quanto dalle modalità acritiche e formalistiche in cui venivano interpretate dalla classe politica. Durante la Prima Repubblica ogni ministro della Difesa2 e ogni presidente del Consiglio all’atto della loro designazione (evento che si presentava in Italia con una frequenza insolita negli altri paesi europei), nel loro primo discorso in Parlamento non mancavano di ribadire la fedeltà al Patto atlantico e alla scelta di campo occidentale dell’Italia, nonché il sostegno al processo d’integrazione europea. Raramente premier e ministri entravano nel merito dei problemi strategici e militari, né si spingevano a dichiarare quali priorità individuare, quali politiche realizzare, quali criteri seguire per implementare gli obiettivi, e così via. Dal canto suo l’opposizione, dopo le aspre contrapposizioni della guerra fredda, nell’era della distensione tra Est e Ovest tendeva a smussare le differenze sui grandi temi della politica estera e della difesa della Penisola, concentrandosi piuttosto sulle micropolitiche del personale, intorno alle quali era possibile trovare una convergenza tra maggioranza e opposizione (D’Amore, 2001).

15Con la fine del mondo bipolare si è registrato un crescente attivismo della politica estera e strategica dell’Italia, concretatosi sia nella promozione di autonome iniziative di intervento umanitario in aree la cui stabilizzazione veniva giudicata rilevante per il nostro Paese (missioni in Albania 1 e 2); sia nel contributo a operazioni di peacekeeping sotto l’egida dell’Onu (a loro volta articolate in un ventaglio di opzioni che vanno dall’aiuto umanitario, come in Kurdistan 1991, al peace enforcement in cui si trasformò l’intervento umanitario in Somalia, 1992-94, passando per il Mozambico, 1993-94, la Bosnia, dal 1995 a oggi, Timor Est, 1999); sia infine nella partecipazione a vere e proprie campagne belliche (sia pure con molte limitazioni nel numero e nella mission delle forze impiegate) come la guerra del Golfo nel 1991 e quella del Kossovo nel 1999.

  • 3 Ad esempio nel 1997 l’opposizione di centrodestra, in un momento di difficoltà del governo di centr (...)

16Tutti questi interventi hanno goduto, in misura più o meno esplicita, di un bipartisan consensus (Bellucci, 1998) da parte dei due schieramenti che si sono andati consolidando sulla scena politica italiana. La convergenza fra centro-destra e centro-sinistra – che talvolta ha preso corpo mediante l’emarginazione delle ali più radicali dei rispettivi schieramenti3 – si è potuta realizzare grazie alla concomitanza di varie circostanze. Cruciale, fra queste, la legittimazione offerta dalla comunità internazionale, espressa mediante il voto favorevole del Consiglio di sicurezza, di fronte a una palese violazione del diritto internazionale (invasione irachena del Kuwait) o, quando ciò non è accaduto o è accaduto in ritardo (Kossovo), espressa informalmente dalla diffusa condanna per la pulizia etnica intrapresa dal regime jugoslavo e, formalmente, dalle deliberazioni della Nato, presentatasi (a ragione o meno) come organizzazione regionale del sistema Onu.

17La situazione è apparsa più complicata quando la decisiva risorsa costituita dalla legittimazione internazionale non è stata disponibile o lo è stata in misura minore. È questo il caso della delicatissima fase apertasi l’11 settembre 2001, giorno dell’aggressione terroristica a New York e a Washington. Nel nuovo scenario internazionale scaturito dall’irruzione del terrorismo politico-religioso e dalle strategie di contrattacco messe in atto dagli Stati uniti a livello mondiale, il sistema politico italiano – già molto polarizzato tra destra e sinistra – rischia oggi un processo di ri-polarizzazione anche sui temi di politica estera e della difesa. Se la partecipazione all’operazione Isaf in Afganistan sotto l’egida dell’Onu all’inizio del 2002 non aveva suscitato obiezioni tranne che in Rifondazione Comunista, nell’autunno l’Ulivo ha espresso voto contrario all’invio disposto dal governo Berlusconi di 1.000 uomini nell’operazione Enduring Freedom (sempre in Afganistan), destinati a sostituire i soldati britannici mobilitati per la preparazione della guerra contro l’Iraq. Successivamente, nella lunga vigilia di schermaglie diplomatiche, di discussioni politiche e di mobilitazioni di movimenti che ha preceduto quest’ultima, sono emerse in tutta la loro portata le differenze politiche (ma anche psicologiche e culturali) che esistono tra centro-destra e centro-sinistra sui temi internazionali, della difesa e della sicurezza, non ricomposte nell’aprile 2003 nel voto parlamentare quasi-bipartisan sull’invio di un contingente italiano nell’Iraq del dopoguerra.

18Passando dalle elites politiche a quelle operanti nel campo culturale, in passato i militari hanno espresso insoddisfazione per la mancanza di comunicazione e di comprensione manifestata da parte degli ambienti accademici e, soprattutto, da parte dei mezzi di comunicazione di massa. È un’insoddisfazione che è possibile rilevare anche presso i militari di altri Paesi europei e perfino negli Stati Uniti, ma in Italia essa è stata manifestata in misura rimarchevole e con frequenza ricorrente. Tuttavia la situazione sta cambiando anche in questo ambito. Al vittimismo di alcuni anni or sono, si è andata sostituendo nelle Forze armate italiane una maggiore capacità di dialogo, fondata sull’apertura e sulla disponibilità a rendere pubbliche fonti e notizie che non siano esplicitamente classificate, così come una maggiore perizia nel dialogare da pari a pari con i mass media.

19Certamente alcuni aspetti permangono critici. Innanzitutto le élites accademiche si collocano meno «in prima linea» rispetto a quelle mediatiche. Mentre i giornalisti gestiscono la notizia, e quindi la rappresentazione pubblica di un determinato evento, gli accademici lavorano sul retroterra, su ciò che sta dietro e prima della notizia. Quindi, in questo senso, il loro ruolo è sicuramente meno diretto e meno esposto. Non sono mai esistite, nemmeno in passato, preclusioni o difficoltà nella cooperazione tra università e mondo della ricerca, da un lato, e istituzione militare dall’altro, per quanto riguarda le discipline scientifiche e tecnologiche. Ad esempio, si può ricordare il buon rapporto che esisteva tra gli enti per la ricerca civile sull’energia nucleare e il mondo militare fino a quando, negli anni Sessanta, l’Italia non decise prima di aderire al Trattato di non Proliferazione, e poi di rinunciare anche al nucleare civile come fonte energetica. Altre forme di collaborazione con la Difesa si sono registrate e si registrano in campo aerospaziale, elettronico, informatico, da parte dell’università o di enti di ricerca come il Consiglio Nazionale delle Ricerche.

20Più difficile è stata la collaborazione con le scienze umane, nel senso che da parte di queste vi è stata a lungo, almeno fino agli anni Ottanta, una sostanziale preclusione ad occuparsi di problemi militari, così come da parte dei militari vi è stata diffidenza nei confronti delle discipline umanistiche e sociali. Prima di allora, si poteva al massimo riscontrare qualche forma di collaborazione con esperti in campo psicologico, dato che questa disciplina può contribuire alla messa a punto di strumenti di selezione delle risorse umane. Dalla fine degli anni Ottanta (è del 1988 la fondazione del Cemiss, Centro Militare di Studi Strategici, vero e proprio «ponte» tra stati maggiori e ricerca universitaria nel campo delle scienze politiche e sociali), si assiste a una sorta di scoperta, da parte delle Forze armate, degli studi di carattere sociologico, dopo il lungo ostracismo dovuto alla fama di estremismo ideologico che accompagnava questa disciplina. In definitiva si può affermare che, nell’ultimo quindicennio, da un lato i militari hanno imparato a dialogare con la società civile, più o meno esaurientemente rappresentata dai mezzi d’informazione, dall’università e dai centri studi «laici» di relazioni internazionali, studi strategici, controllo degli armamenti etc., e dall’altro le élites intellettuali hanno imparato a conoscere meglio il mondo militare e ad apprezzarne alcune qualità. Esempi concreti di questo processo di reciproco scambio e collaborazione si possono riscontrare nelle sempre più diffuse convenzioni firmate dalle Forze armate con i vari atenei italiani per corsi di laurea ai vari livelli e per il riconoscimento come laurea universitaria dell’iter di formazione degli ufficiali nell’ambito delle accademie militari.

4. L’opinione pubblica italiana e gli aspetti sociali della difesa

21Un certo interesse viene riservato, sia nell’ambito politico che in quello mediatico, al ruolo e alle implicazioni sociali delle Forze armate, sebbene in forme abbastanza episodiche, legate a specifici eventi o aspetti «notiziabili», più che ispirate da un’attenzione strutturale ai problemi sociali delle Forze Armate.

22La questione più importante, e anche quella che ha ricevuto una discreta copertura giornalistica, è stata rappresentata dal formato di reclutamento da adottare. Nella seconda metà degli anni Novanta il Parlamento ha dedicato un’approfondita indagine conoscitiva al tema del passaggio dalla coscrizione obbligatoria al servizio militare volontario, raccogliendo in audizione il parere tanto delle autorità militari quanto di esponenti (studiosi, centri di ricerca, ong) della società civile (Camera dei Deputati, 1998; v. anche Spini e Isman, 1997). A livello internazionale, in materia di reclutamento la tendenza è al superamento degli eserciti di massa e alla loro sostituzione con forze più agili, snelle e proiettabili in contesti di crisi internazionali anche lontano delle patrie frontiere, composte da personale ben addestrato e, soprattutto, volontario. Le Forze Armate italiane hanno recepito questa spinta (Legge n. 331, 2000) condivisa da pressoché tutte le organizzazioni militari europee (Haltiner, 1998; Malešič, 2003) e dato inizio a un processo di professionalizzazione che entro il 2004 porterà al superamento della leva e a un drastico ridimensionamento degli organici, che passeranno dalle 250.000 unità del modello 1995 alle 190.000 del 2021.

  • 4 La lievissima ripresa dei favorevoli alla coscrizione obbligatoria, rilevata nel gennaio 2002, è pr (...)

23Dal 1861, data di nascita del Regno d’Italia, il sistema di reclutamento si era fondato sulla coscrizione obbligatoria, scelta che, ancora un secolo più tardi, incontrava l’approvazione della maggioranza assoluta degli italiani. A partire da allora, tuttavia, il sostegno alla leva è andato progressivamente scemando, fino a toccare, nell’ultimo triennio, minimi storici che oscillano tra il 5 e l’8%4 (v. fig. 1).

Fig. 1 Evoluzione delle opinion sul reclutamento delle Forze armate in Italia (1969-2002)

Fig. 1 Evoluzione delle opinion sul reclutamento delle Forze armate in Italia (1969-2002)

Fonte: 1969: Doxa; 1989: Mannheimer e Sani, 1992: Archivio Disarmo, 1993; 1994-2002: Archivio Disarmo, Difebarometro

24Indotto a livello di governo da ragioni politiche di ordine internazionale e interno, a livello di opinione pubblica l’abbandono della leva è stato soprattutto determinato dall’esaurimento di quelle funzioni latenti che la coscrizione obbligatoria aveva assicurato per circa un secolo, come ad esempio la socializzazione dei giovani, l’interazione tra ceti sociali differenti, l’alfabetizzazione e l’apprendimento di un mestiere, e infine una mobilità territoriale (da Sud a Nord, dalla campagna alla città) che in alcuni casi diveniva mobilità economico-sociale. Esauriti da tempo questi benefits, oggi si riscontra una crescente riluttanza da parte dei giovani a prestare un servizio (in particolare quello militare) su basi coercitive. Ciò è imputabile al diffondersi nell’ultimo trentennio di orientamenti di valore post-materialisti (Inglehart, 1977; 1996), alla cui base sono fortissimi i bisogni non soltanto di autorealizzazione ma anche di autodeterminazione (con la conseguente insofferenza verso i vincoli imposti), aspetti che collidono con i presupposti stessi del servizio militare obbligatorio. Ciò tuttavia non esclude che lo stesso servizio militare, quando volontario, possa assicurare il soddisfacimento di bisogni post-materialisti in ambito autorealizzativo, nel momento in cui offre forme di avventura, di vita dinamica e di azione, a chi si riconosce in aspirazioni di questo tipo (Ammendola, 1999). Di fronte a questa situazione le Forze armate si sono adeguate, con un entusiasmo che in taluni settori e specializzazioni è più spiccato che in altri, a un formato di reclutamento esclusivamente volontario.

  • 5 Come noto, esiste un rapporto inversamente proporzionale tra piena occupazione e propensione all’ar (...)
  • 6 Va almeno accennato che nel 1999 i Carabinieri, già prima Arma dell’Esercito, hanno ottenuto di div (...)

25Questo mutamento, indubbiamente il maggiore in campo organizzativo militare dell’ultimo decennio, non è esente da problemi. Si tratta infatti di sostituire un gettito di risorse umane sicuro sul piano quantitativo, come quello offerto dalla leva, con un reclutamento incomparabilmente più aleatorio, come quello volontario, che appare funzione di due fattori principali: a) normativi (quindi dipendenti dall’efficacia della legislazione in materia); b) socio-economici. A differenza dei fattori del primo tipo, solo una minoranza di quelli del secondo è controllabile dall’istituzione militare, mentre la maggior parte – come la congiuntura economica e l’andamento del mercato del lavoro – si colloca al di fuori della sua portata5. Tutto ciò fa sì che attualmente gli Stati Maggiori di Esercito, Marina e Aeronautica6 siano impegnati nello studio di appropriate strategie normative, economiche e comunicative per far fronte alle nuove esigenze del reclutamento volontario; ciò non tanto a livello di quadri ufficiali e sottufficiali, dove non esistono problemi seri, bensì a livello di volontari truppa, dove è assai più difficile arruolare giovani di qualità e in numero sufficiente per Forze Armate professionali.

26Collegata alla sospensione della leva, poi, vi è la questione della conseguente soppressione del servizio civile obbligatorio sostitutivo del servizio militare. Il riconoscimento dell’obiezione di coscienza, introdotto in Italia con la legge 772 del 1972, ha dato vita all’istituzione di un servizio civile sostitutivo, prestato presso ong e presso enti pubblici convenzionati. Dopo aver riguardato nel primo quindicennio un ristretto numero di giovani che oscillava tra poche centinaia e alcune migliaia, nel corso degli anni Novanta l’obiezione di coscienza è emersa come un fenomeno di massa che, coinvolgendo molte decine di migliaia di individui, è divenuto un poderoso competitor del servizio militare. L’equiparazione nel 1989 della durata dei due tipi di servizio (che inizialmente era superiore per il servizio civile), non bilanciata dall’introduzione di un periodo di formazione aggiuntiva per gli obiettori che pure era stato previsto, ha determinato un vero e proprio boom di domande. Nel 1999, a fronte di 80.000 posti disponibili, le domande di servizio civile hanno toccato il picco di 108.000, inducendo le autorità ad allargare massicciamente gli esoneri (v. fig. 2). Quest’ultimo provvedimento ha determinato, a partire dal 2000, un’inversione di tendenza – ultimamente un numero crescente di giovani non fa più né il servizio militare né il servizio civile (Sciré Ingastone, 2004) – fino a quando alle fine del 2004 la leva obbligatoria verrà definitivamente abbandonata e con essa si spegnerà anche il servizio civile sostitutivo.

Fig. 2. Domamde di obiezione di coscienza in Italia (1973-2001)

Fig. 2. Domamde di obiezione di coscienza in Italia (1973-2001)

Fonte: Righi, 2004, elaborazione su dati del Ministero della Difesa e dell’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile

27Le ong laiche e cattoliche, che basano una parte significativa delle loro attività nel sociale sul servizio prestato dagli obiettori, si sono rese conto, sia pure tardivamente, dell’intrinseco legame che univa il destino di coscritti e obiettori e nel 1999 hanno protestato contro l’abbandono della leva. Il patrimonio di attività e di competenze collegate al servizio civile, a questo punto, è effettivamente a rischio: la soluzione approntata è stata, nel 2001, l’istituzione di un servizio civile volontario per ragazze e ragazzi, che nelle aspettative di Governo e Parlamento dovrebbe coprire il vuoto che verrà lasciato dal servizio civile sostitutivo del militare.

  • 7 Va ricordato che a livello mediatico il tema ha destato un’attenzione molto vivace, superiore, graz (...)

28Un altro mutamento significativo per le Forze armate, tanto sul piano organizzativo quanto su quello sociale, è stato l’ingresso delle donne7. Per quanto riguarda l’opinione pubblica, questa si era pronunciata per l’apertura della carriera militare alle donne con una maggioranza che, ad esempio nel sondaggio effettuato da Archivio Disarmo nel 1997, era del 68% (di cui 70% uomini e 67% donne). Dando alle donne la possibilità di intraprendere il servizio militare volontario nelle varie categorie, la legge n. 380, 1999 ha consentito anche all’Italia di inserirsi nel trend inaugurato già da tempo dai Paesi appartenenti alla Nato. Il fatto che le Forze armate italiane si siano agganciate a questo processo tardivamente non è privo di vantaggi, come quello dell’«ultimo arrivato», in grado di avvalersi delle esperienze realizzate in altri Paesi (Battistelli, 1998a). Ad esempio non è stata neppure presa in considerazione, in quanto unamimemente giudicata superata, l’ipotesi della costituzione di un servizio femminile separato, essendosi preferito l’inserimento a pieno titolo nelle Forze armate con parità di diritti e di doveri rispetto alla componente maschile.

  • 8 Altresì ridotti i numeri che riguardano le altre categorie. Oltre alle allieve ufficiali e sottuffi (...)

29Il più efficace indicatore della popolarità del servizio militare femminile è peraltro costituito dalla numerosità delle domande presentate dalle donne. Dopo l’exploit dei primi due anni, ad esempio, l’andamento delle aspiranti ufficiali si va stabilizzando, passando dalle 5-6.000 domande per allievi nelle accademie del primo anno (2000) al migliaio circa (700 nel caso dell’accademia navale), pari al 20% circa del totale, dei due anni successivi (v. tabb. 1a, 1b, 1c, 1d). È presumibile che, esauritosi l’effetto novità (e anche l’effetto «tappo», che aggregava l’elevato numero di aspiranti allieve che attendevano da tempo), la quota di domande di donne si assesterà intorno al 10-15% del totale (con valori inferiori all’incirca di 1/3 per le effettivamente ammesse)8.

Tab. 1a. Esercito: domande e ammessi (di cui donne) all’Accademia (2000-02)

posti

(a)

Totale domande
(b)

di cui donne
(c)

c/b
%

Ammessi
(d)

di cui donne
(e)

e/d
%

2000

244

10.011

6.010

60,0

197

35

17,8

2001

245

6.422

1.639

25,5

245

18

7,3

2002

243

5.578

1.168

20,9

249

19

7,6

Tab. 1b. Marina: domande e ammessi (di cui donne) all’Accademia (2000-02)

Posti

(a)

Totale domande
(b)

di cui donne
(c)

c/b
%

Ammessi
(d)

di cui donne
(e)

e/d
%

2000

155

8.392

4.878

58,1

146

25

17,1

2001

155

2.869

704

24,5

142

31

21,8

2002

180

3.050

692

22,7

181

37

20,4

Tab. 1c. Aeronautica: domande e ammessi (di cui donne) all’Accademia (2000-02)

Posti

(a)

Totale domande
(b)

di cui donne
(c)

c/b
%

Ammessi
(d)

di cui donne
(e)

e/d
%

2000

136

13.231

6.682

50,5

136

24

17,6

2001

132

5.644

1.171

20,7

156

16

10,3

2002

136

5.119

929

18,1

132

10

7,6

Tab. 1d. Carabinieri: domande e ammessi (di cui donne) all’Accademia (2000-02)

Posti

(a)

Totale domande
(b)

di cui donne
(c)

c/b
%

Ammessi
(d)

di cui donne
(e)

e/d
%

2000

50

8.923

5.227

58,6

52

3

5,8

2001

50

3.675

992

27,0

55

4

7,3

2002

50

4.621

1.017

22,0

54

3

5,6

Ns. elaborazione su dati Stato Maggiore Difesa

30Un altro tema di cui recentemente si sono occupati gli organi di informazione riguarda l’eventualità di arruolare personale straniero nelle Forze armate. Storicamente l’Italia non ha mai avuto minoranze etniche di una certa rilevanza, né una politica di naturalizzazione di immigrati stranieri simile a quella perseguìta ad esempio dalla Francia, essendo stata nell’ultimo secolo piuttosto una nazione di emigranti. Al pari degli altri paesi europei, tuttavia, a partire dagli anni Ottanta del Ventesimo secolo l’Italia è divenuta gradualmente una società di immigrazione; è in questo contesto che va inquadrata l’affermazione (probabilmente più una provocazione al dibattito che un’effettiva dichiarazione di intenzioni) del ministro della Difesa Antonio Martino sull’eventualità di arruolare una «Brigata di albanesi» (La Repubblica, 22 febbraio 2002). In ogni caso, attualmente è allo studio la fattibilità di un reclutamento (individuale) di cittadini di origine straniera; un provvedimento che farà discutere ma che, anche, potrebbe offrire opportunità non trascurabili rispetto all’obiettivo di completare i ranghi ai livelli iniziali.

31Inoltre, alla fine degli anni Novanta l’attenzione del mondo politico e del media system si è diretta anche su problematiche relative ad episodi di devianza all’interno delle Forze armate, in particolare riconducibili al fenomeno del cosiddetto «nonnismo», cioè della gerarchia parallela esercitata dai coscritti «anziani» nei confronti delle reclute (Battistelli, 2000). Pur riguardando casi tutto sommato limitati di vessazioni, tali episodi hanno suscitato una vasta eco mediatica, soprattutto quando, come nel caso di un paracadutista a Livorno o di un fante di marina a Roma, si è dovuta lamentare la morte di un giovane, con il sospetto che al fatto non fosse estraneo il nonnismo. Di fronte a questa situazione lo Stato Maggiore dell’Esercito ha individuato nella prevenzione e nel contrasto del nonnismo una precondizione per il miglioramento dell’immagine dell’istituzione militare alla vigilia della sua trasformazione professionale. Altri fenomeni di devianza, come quelli relativi alle molestie sessuali, a tutt’oggi non sembrano rappresentare un problema per le Forze armate italiane, probabilmente grazie anche alla flessibilità culturale con cui questi aspetti vengono gestiti a livello interpersonale e in maniera informale.

32Infine, un tema che per ora resta confinato agli addetti ai lavori (associazioni e periodici promossi da appartenenti ai vari Corpi militari) è quello relativo alla sindacalizzazione delle Forze Armate. Si tratta di un tema relativamente marginale quando le truppe sono composte da coscritti, ma centrale in un contesto di progressiva professionalizzazione, in cui alla base della piramide organizzativa esiste un ampio strato di membri, permanenti o semi-permanenti, dotati di potere scarso o nullo, i cui interessi e diritti necessitano di essere rappresentati. La sindacalizzazione comporterà o il riconoscimento di tale forma associativa o una radicale riforma della rappresentanza militare, la quale attualmente è affidata a organi esclusivamente consultivi e dotati di competenze assai limitate.

33In conclusione, sebbene nell’ultimo quindicennio la visibilità delle Forze armate italiane sia, agli occhi dell’opinione pubblica e dei mezzi di informazione, significativamente aumentata, difficilmente il dibattito sugli aspetti interni della difesa supererà – tranne che nel caso di singoli episodi particolarmente eclatanti – i ristretti confini degli addetti ai lavori. Maggiore, invece, sarà l’attenzione suscitata dagli aspetti esterni della difesa, cioè quelli relativi a perché, dove e contro chi usare la forza: un ordine di problemi di cui l’opinione pubblica farebbe volentieri a meno ma con i quali, nell’attuale scenario internazionale, è probabile sia chiamata a fare di nuovo i conti.

5. L’opinione pubblica italiana e gli aspetti internazionali della difesa

34Se, come osservavamo all’inizio di queste note, le risorse e le modalità organizzative della difesa chiamano in causa la dimensione sociale, i suoi scopi e i suoi obiettivi chiamano in causa la dimensione politica. In ordine a questi ultimi aspetti, dunque, il ruolo dell’opinione pubblica è ancora più significativo e il coinvolgimento più appariscente.

35Parlando della concezione politica della difesa e, indirettamente, delle relazioni internazionali che ne costituiscono il retroterra, l’«ideologia» prevalente in Italia (nel significato debole che questo concetto assume in un mondo secolarizzato come quello contemporaneo) è il multilateralismo. A sua volta, il multilateralismo si articola in tre posizioni che si presentano non come antagoniste, bensì come complementari: l’internazionalismo giuridico, l’europeismo e l’atlantismo.

36Prima di esaminarle, bisogna almeno accennare alla debolezza o per meglio dire all’assenza dell’alternativa nazionalista. A causa dei motivi storici accennati nel primo paragrafo, a partire dal secondo dopoguerra tutto ciò che fa pensare anche lontanamente al nazionalismo, principale causa della catastrofe della seconda guerra mondiale, gode di scarso o nessun credito nel contesto italiano. Anche senza condividere l’interpretazione estrema di chi ha letto il drammatico epilogo del periodo bellico come la «morte della Patria» (Galli della Loggia, 1996), il rigetto degli italiani verso l’ideologia nazionalista aveva condotto al suo estremo opposto, che si manifestava sulla riduttiva ma diffusa equiparazione: «interesse nazionale = nazionalismo». È così che a lungo in Italia è stato difficile impostare una riflessione serena ed empiricamente fondata su quali fossero gli interessi del Paese e quali le strategie per perseguirli.

  • 9 La circostanza determinò un significativo contrasto all’interno dello stesso governo italiano, espr (...)

37Se questo è stato vero per gran parte della vita della Repubblica, bisogna anche rilevare che una riscoperta dei concetti di interesse nazionale, o anche basilarmente di identità nazionale, ha cominciato a manifestarsi a partire dalla metà degli anni Ottanta. Alcuni eventi, infatti, hanno contribuito a riportare in auge queste tematiche. A livello internazionale, ad esempio, è da sottolineare l’impatto che ha rivestito l’incidente occorso con gli americani a Sigonella nel 1985, quando l’aereo italiano che trasportava guerriglieri palestinesi responsabili del sequestro della nave passeggeri Achille Lauro (durante il quale era stato assassinato un cittadino americano di religione ebraica) fu intercettato da forze statunitensi che intendevano catturarli. La circoscritta ma palese violazione della sovranità nazionale ad opera di un paese estero, ancorché alleato, venne bloccata dagli automatismi di difesa dell’aeroporto siciliano. Naturalmente l’aspetto più interessante dell’episodio non riguarda la dimensione organizzativa, bensì quella politica, così come emerse dalle scelte del presidente del Consiglio dell’epoca, il socialista Bettino Craxi, che si assunse la responsabilità del comportamento dei Carabinieri e del locale Comando dell’Aeronautica militare, di cui difese apertamente l’operato di fronte agli Stati Uniti9.

38Tale prova di sovranità, inedita nel panorama italiano del secondo dopoguerra, segnala gli albori di una nuova percezione del concetto di interesse nazionale. Nel decennio successivo, invece, prenderà corpo un dibattito sul concetto di identità nazionale (Rusconi, 1993), indotto in questo caso da fattori interni, cioè dalle spinte centrifughe, e a volte secessioniste, di una nuova forza politica a base locale, la Lega Nord. Relativamente riassorbite in seguito sul piano politico, sul piano culturale tali spinte non sono estranee a una riflessione e a un confronto sulla natura del patto nazionale che lega assieme gli italiani. Questi diversi fattori contribuiscono a risvegliare uno spirito realista nella politica internazionale, richiamando l’attenzione sulla legittima esistenza di un interesse nazionale, e nell’utilità di affrontarne la discussione, pur nei vincoli e con le risorse di una «media potenza» (Santoro, 1991) in uno scenario turbolento e dominato da attori ben altrimenti assertivi.

39È comunque da sottolineare che anche la riscoperta di se stessi come nazione e il maggiore dinamismo della politica estera e strategica del Paese hanno preso corpo e si sono espressi essenzialmente all’interno di una visione multilateralista condivisa dalla maggioranza dei semplici cittadini come delle élites.

40La prima articolazione del multilateralismo è l’internazionalismo giuridico, che si esprime nel sostegno ai princìpi e all’azione della Nazioni Unite. Le linee guida della politica estera e strategica italiana, infatti, si sono incentrate sulla cooperazione internazionale in campo politico ed economico, sia privilegiando i mezzi politici e diplomatici nella gestione delle crisi, sia contribuendo allo sviluppo dei paesi del Terzo mondo. In concreto, l’Italia ha fornito un sostegno attivo all’Onu, configurandosi come uno dei Paesi contributori più significativi, sia sul piano finanziario che sul piano delle forze militari messe a disposizione delle operazioni di pace. Queste linee guida si esplicano a volte anche a scapito di visioni tradizionali di interesse nazionale «immediato», come ad esempio è avvenuto nel caso delle crisi balcaniche, dove l’Italia ha preferito evitare di riaprire con le Repubbliche ex-jugoslave confinanti il contenzioso relativo ai territori ex-italiani, nei quali sono tuttora presenti minoranze italiane (Istria).

  • 10 Ci si riferisce alla partecipazione italiane a missioni di peacekeeping fortemente patrocinate dal (...)

41L’internazionalismo giuridico dell’Italia si è inoltre tradotto in una strategia di ampliamento delle istanze decisionali delle Nazioni Unite. A fine anni Novanta il rappresentante italiano al Palazzo di Vetro ha animato una campagna internazionale per la riforma del Consiglio di Sicurezza nella direzione di un riequilibrio della rappresentanza fra continenti, in alternativa al quick fix costituito dalla pura e semplice ammissione di singole potenze (Germania, Giappone) rilevanti sul piano economico. In tale ottica va inquadrato l’«attivismo» delle Forze armate italiane in ambito Onu, non soltanto in riferimento a contesti significativi per l’Italia dal punto di vista geostrategico e storico come i Balcani o il Corno d’Africa, ma anche in contesti nei quali non sono rintracciabili implicazioni immediate per l’interesse nazionale italiano10.

42Quali che siano le motivazioni che vi convergono, è un fatto che l’Italia è da dieci anni uno dei maggiori contributori di truppe alle operazioni multinazionali di peacekeeping sotto l’egida dell’Onu. Oltre che sul piano quantitativo, anche su quello qualitativo i contingenti italiani forniscono un contributo apprezzato per la competenza, l’equilibrio e l’empatia con cui svolgono il proprio compito (Battistelli, 1996; Ammendola, 1999). Infine, non va dimenticato che, parallelamente o meno ai contingenti militari, in numerose aree di crisi l’Italia è presente mediante una miriade di grandi e piccole organizzazioni non governative, di ispirazione sia laica che religiosa, secondo modalità che, seppure meno strutturate e sostenute centralmente rispetto ad altre nazioni europee, sono comunque vivaci e ricche di iniziative.

43La seconda componente rintracciabile nella posizione degli italiani nella politica internazionale e della difesa è quella europeista. Prima ancora che un dato ideologico, il favore verso l’opzione europea è un atteggiamento radicato e che coinvolge l’intero Paese. Gradualmente anche nel campo strategico, come già era accaduto in altri fondamentali ambiti politici, economici e sociali, la realtà italiana è divenuta inseparabile dalla sua dimensione europea. Nello stesso tempo, va rilevato il divario che esiste tra il solido europeismo degli italiani e la complessiva difficoltà che tale europeismo trova a concretarsi su di un terreno tuttora evanescente come quello di una politica della difesa comune.

44Si tratta di un limite non solo italiano, ma insito nell’oggetto stesso. Gli ostacoli che l’Europa incontra nel concordare una politica estera e strategica confermano l’intuizione dei «padri fondatori», che avevano assunto una posizione pragmatica di fronte a una querelle che divideva gli animi. Ci riferiamo a esperienze storiche quali la Comunità europea di difesa, bocciata dall’Assemblea Nazionale francese nel 1953, così come alla dialettica tra due diversi approcci teorici: da una parte il federalismo, che si batteva per un rapido e drastico processo di integrazione delle nazioni europee, e dall’altra il funzionalismo, che invece si affidava a un processo più graduale basato sui meccanismi della cooperazione economica. Le vicende della Comunità, poi Unione europea, hanno dato ragione ai secondi, dimostrando che, nella costruzione dell’Europa, era un obiettivo troppo ambizioso pensare di partire dalla cuspide della piramide, cioè dalla quintessenza del «politico», rappresentata dalle decisioni strategico-militari.

45Come ben noto, il dibattito sulla capacità di agire sui temi della pace e della guerra e sull’opportunità di delegarla a, o almeno gestirla all’interno di, organismi sovranazionali si è riproposto dopo il 1989. Per ciò che concerne la cessione di quote di sovranità nazionale all’Unione europea, che muove oggi i primi passi su questo terreno, è possibile formulare alcune considerazioni.

46Il punto di partenza è che l’entusiasmo delle nazioni del Vecchio Continente a puntare sul processo di costruzione europea appare inversamente proporzionale al loro peso nei differenti settori. È nella logica dell’azione collettiva che un attore, razionalmente orientato a massimizzare il proprio utile, tenda a privilegiare strategie di cooperazione nei settori in cui è più debole, mentre preferisca giocare in proprio negli ambiti in cui è più forte. Da qui, ad esempio, è derivata la difficoltà di fare accettare l’abbandono della moneta nazionale a opinioni pubbliche che godevano (Germania) o godono tuttora (Regno Unito) di una divisa forte e prestigiosa. Analogamente in riferimento alle risorse (materiali e immateriali) disponibili in campo militare, mentre si è propensi a socializzarle quando sono limitate, presumibilmente si è meno propensi a farlo nel caso in cui esse sono rilevanti.

47Per ciò che riguarda il nostro discorso, in Europa vi sono Paesi con una tradizione militare importante, che sono riluttanti a cedere le quote di sovranità necessarie per dar vita a una politica estera, di sicurezza e di difesa comune. Questo è il caso dei britannici e dei francesi, pur con marcate differenze politiche tra loro: da un lato vi è il Regno Unito, la cui strategia è imperniata, al di là del colore politico dei governi, sulla special relationship con gli Stati Uniti; dall’altro vi è la Francia, paese di dichiarato europeismo, sia pure interpretato come leadership francese da assicurare nel processo di integrazione politica e condizionato dalle prerogative dello Stato nazionale. Dal canto loro, i paesi usciti sconfitti dalla Seconda Guerra Mondiale, come la Germania e l’Italia, sono ampiamente disponibili a socializzare politica estera e difesa.

48In particolare, nel caso dell’Italia i sondaggi di opinione mostrano il radicato europeismo degli italiani, e la spiccata disponibilità a mettere in comune istituzioni, risorse e politiche, non soltanto, come ovvio, negli ambiti classici della produzione e della libera circolazione delle persone, delle merci e dei capitali, ma anche in quelli «nuovi» rappresentati dalla costruzione di una politica estera e militare comune. Confermando una tendenza pluriennale, i dati Eurobarometro resi noti nella primavera 2003 (rilevati nell’autunno 2002) vedono gli italiani al primo posto nel sostegno a una politica estera comune con l’80% dei consensi rispetto a una media europea del 67%; seguono greci e lussemburghesi, tedeschi e spagnoli, rispettivamente con il 79-78% e con il 74-73%; quindi i francesi, nella media europea del 67%, e infine, all’ultimo posto, i britannici con il 38% (v. fig. 3).

Fig. 3. Contrari e favorevoli a una politica estera comune

Fig. 3. Contrari e favorevoli a una politica estera comune

Fonte: Eurobarometro, Inchiesta n. 58. 1. Rilevazione ottobre-novembre 2002

49Simile la distribuzione dei consensi relativamente alla politica della difesa. In questo caso gli italiani si collocano al secondo posto tra gli euroentusiasti con l’85% del favore (preceduti soltanto dai lussemburghesi), rispetto alla media europea del 73%; seguono gli spagnoli con il 79% e i francesi con il 77; distanziati gli inglesi, sia pure in misura proporzionalmente minore rispetto alla politica estera, con il 49% dei favorevoli (v. fig. 4).

Fig. 4. Contrari e favorevoli a una politica della difesa comune

Fig. 4. Contrari e favorevoli a una politica della difesa comune

Fonte: Eurobarometro, Inchiesta n. 58. 1. Rilevazione ottobre-novembre 2002

50Introducendo la terza articolazione del multilateralismo degli italiani – l’atlantismo – è da sottolineare come il loro europeismo non significhi distacco o polemica nei confronti dell’Alleanza atlantica e/o degli Stati Uniti. Dalle indagini demoscopiche dell’ultimo decennio emerge che il consenso nei confronti della Nato è largamente maggioritario. Nelle sue due varianti – quella «conservatrice», che sostiene l’Alleanza atlantica mantenendola così com’è, e quella «riformista», che sostiene l’Alleanza atlantica sviluppando una forza difensiva a comando europeo – l’atlantismo ottiene il favore di una percentuale di italiani che si aggira tra i 2/3 e i 3/4, mentre le altre opzioni (neutralismo o europeismo unilateralista senza gli americani) appaiono del tutto minoritarie (v. tab. 2).

Tab. 2. Evoluzione dell’atteggiamento italiano verso l’Alleanza Atlantica (%)

Atlantisti conservatori

Atlantisti
riformisti

Europei
stiunilateralisti

Neutralisti

Altro

Non
risponde

Dicembre 1955

33

4

21

19

23

Maggio 1957 (a)

43

4

21

15

17

Maggio 1957 (b)

39

5

26

12

18

Novembre 1957

39

4

18

21

18

Aprile 1980 (a)

32

17

25

12

13

Aprile 1980 (b)

24

30

17

8

3

18

Marzo 1981

30

37

15

2

16

Aprile 1984

33

34

7

20

6

Febbraio 1987

28

29

7

27

9

Settembre 1987

54

22

18

5

Ottobre 1987

30

32

8

21

9

Luglio 1988

47

26

20

8

Dicembre 1989

52

22

17

9

Giugno 1992

29

15

5

14

22

15

Novembre 1992

33

30

5

21

3

7

Gennaio 1994 (a)

35

30

8

18

9

Gennaio 1994 (b)

63

11

22

4

Aprile 1994

43

22

10

11

2

12

Dicembre 1994

31

35

7

20

1

5

Giugno 1995

31

37

5

20

1

6

Gennaio 1996

32

39

5

19

1

4

Luglio 1996

33

38

4

19

1

5

Giugno 1997 (a)

36

35

3

18

7

Giugno 1997 (b)

31

33

8

18

1

9

Aprile 1999

29

38

11

17

5

Novembre 1999

39

35

8

12

6

Gennaio 2002

31

47

5

9

5

Domanda: «Tra le seguenti soluzioni quale è la migliore per garantire la sicurezza dell’Italia? Atlantisti conservatori: «Rimanere membro della Nato così come è», Atlantisti riformisti: «Rimanere membro della Nato, ma creare al suo interno una forza difensiva a comando europeo»; Europeisti unilateralisti: «Ritirarsi dalla Nato e creare una forza difensiva europea, non alleata degli Stati Uniti»; Neutralisti: «Ritirarsi dalla Nato e diventare un paese neutrale».

Fonte: sino al novembre 1992 Usia tranne aprile 1980 (Eurobarometro); novembre 1992 Archivio Disarmo; gennaio 1994 P. Isernia-Cemiss; aprile 1994 P. Bellucci-Università del Molise; dicembre 1994, giugno 1995, gennaio e luglio 1996, giugno 1997, aprile 1999 (Difebarometro); novembre 1999 Circap-Università di Siena; gennaio 2002 Difebaromentro.

51Esaminando più da vicino l’atlantismo dell’opinione pubblica italiana è evidente che, alla base di esso, vi è la radicata amicizia nei confronti degli Usa. Questa è una costante dell’opinione pubblica italiana da quando, dalla metà degli anni Cinquanta, cominciano ad essere operate le prime indagini demoscopiche. Un dato cui dedicare attenzione è quello che mostra la distinzione, nelle opinioni del pubblico, tra i grandi temi dell’appartenenza in termini politici e culturali, e le valutazioni che di volta in volta vengono operate delle singole politiche o delle singole issues.

52In tal senso è possibile rilevare, in particolare dagli anni Ottanta, una crescente libertà di giudizio da parte dei cittadini italiani, i quali possono manifestare un’opinione nettamente favorevole nei confronti degli Usa o dell’adesione alla Nato, senza per questo rinunciare a esprimere critiche rispetto a singole policy adottate dagli Stati Uniti e dall’Alleanza atlantica. Una simile evidenza ha iniziato a manifestarsi a partire dai dati Eurobarometro relativi alla vicenda degli Euromissili (1982). In quella occasione la maggioranza degli italiani si mostrò diffidente nei confronti della logica dell’ammodernamento delle «armi nucleari di teatro» (come del resto accadde all’opinione pubblica tedesca e britannica), cioè nei confronti dello schieramento dei missili Pershing e Cruise in risposta agli ss-20 sovietici (Isernia, 1996). Questa riserva critica non condizionava in alcun modo l’appartenenza occidentale degli italiani né la loro lealtà verso gli Usa. Oggi, in uno scenario geostrategico completamente modificato dopo la fine della Guerra fredda e l’insorgenza di nuove minacce a cominciare da quella terroristica, i dati demoscopici confermano che l’opinione pubblica italiana è sia persistente negli atteggiamenti, sia articolata e autonoma nel giudizio.

53Questo è ciò che emerge dalle ricerche cross-national che hanno per oggetto l’opinione pubblica americana e quella dei paesi europei, tra cui l’Italia, dopo l’11 settembre. La fiducia espressa dagli italiani e dagli altri europei (in una misura superiore rispetto agli americani) nei confronti della diplomazia e della politica come mezzi privilegiati per la risoluzione delle crisi internazionali, e la conseguente maggiore riluttanza verso l’impiego della forza, non intaccano il senso di appartenenza al mondo occidentale e la solidarietà verso gli Stati Uniti. Dai sondaggi della Gallup analizzati da Everts e Isernia (2002) emerge che, all’indomani dell’attacco terroristico alle Torri Gemelle, si sono delineati nel mondo cinque gruppi di Paesi: i molto favorevoli alla risposta americana al terrorismo, gli abbastanza favorevoli, gli ambivalenti, i contrari, i molto contrari. Gli italiani – così come i francesi, gli inglesi, i tedeschi e altri – sono in maggioranza, senza riserve, al fianco degli Stati Uniti (v. tab. 3).

54Vicini agli Stati Uniti nel contrasto da opporre al terrorismo internazionale, ivi compreso l’attacco alle basi di Al Qaeda in Afganistan, invece i cittadini italiani si esprimono alquanto freddamente su una vicenda la cui connessione con la minaccia terroristica e la cui legittimità internazionale non sono apparse altrettanto evidenti: l’ipotesi di un attacco militare Usa all’Iraq (v. tab. 4).

Tab. 3. La geografia del sostegno alla risposta americana al terrorismo (settembre 2001)

Molto Favorevoli

(60-100)

Abbastanza Favorevoli
(50-60)

Ambivalenti

(40-50)

Contrari

(30-40)

Molto contrari

(0-30)

Canada

Albania

Finlandia

Austria

Argentina

Danimarca

Belgio

Georgia

Colombia

Azerbaigian

Francia

Repubblica Ceca

Irlanda

Croazia

Bolivia

Germania

Israele

Giappone

Hong Kong

Bosnia

India

Polonia

Kenya

Nigeria

Bulgaria

Italia

Portogallo

Corea

Filippine

Camerun

Kossovo

Romania

Kirghizistan

Spagna

Rep. Dominicana

Lussemburgo

Lettonia

Svizzera

Ecuador

Olanda

Lituania

Grecia

Norvegia

Repubblica Slovacca

Guatemala

Regno Unito

Svezia

Macedonia

Venezuela

Malaysia

Messico

Pakistan

Panama

Russia

Turchia

Uruguay

Jugoslavia

Zimbabwe

Fonte: Everts e Isernia (2002)

  • 11 Secondo Isernia (2002, 77), «A livello di pubblico generale, le popolazioni dai due lati dell’Atlan (...)

55Senza mostrare alcun tipo di simpatia nei confronti di Saddam Hussein e del suo regime, nell’estate 2002 gli italiani apparivano riluttanti verso l’uso dello strumento militare nei confronti dell’Iraq e disposti ad accettare un intervento bellico unicamente in presenza dell’autorizzazione delle Nazioni Unite e del consenso degli alleati. In questo essi non si discostavano da quanto espresso dalle opinioni pubbliche francesi, inglesi, tedesche e di altri paesi europei. Ma il dato forse più interessante è che – alla vigilia dello schieramento delle truppe ai confini iracheni deciso dal presidente Bush e della martellante campagna di persuasione intrapresa dall’amministrazione, coadiuvata dalla maggior parte dei media americani – da queste posizioni non si discostava neppure la maggioranza dei cittadini degli Stati Uniti! Pur con qualche pacifista in meno e qualche unilateralista in più, nell’estate 2002 l’opinione pubblica americana avrebbe acconsentito a un attacco all’Iraq solo se esso fosse stato approvato dall’Onu e sostenuto dagli alleati11.

Tab. 4. L’uso della forza contro l’Iraq (giugno 2002)

Gli Usa dovrebbero…

Francia

Germania

Gran
Bretagna

Italia

Olanda

Polonia

Europa

Usa

non invadere l’Iraq

27%

28%

20%

33%

18%

26%

26%

13%

invadere l’Iraq solo con l’approvazione delle Nu e l’appoggio degli alleati

63%

56%

69%

54%

70%

53%

60%

65%

invadere l’Iraq anche procedendo da soli

6%

12%

10%

10

11%

10%

10%

20%

Fonte: German Marshall Fund of the United States e The Chicago Council on Foreign Relations. Cit. in Everts e Isernia, 2002.
Dati ponderati secondo la popolazione dei sei paesi.

  • 12 Per una trattazione dell’argomento v. Isernia e Everts, 2003; Battistelli, 2004.

56Non è questa la sede per analizzare, come pure sarebbe interessante, i fattori che negli Stati uniti hanno consentito all’esecutivo di capovolgere l’ordine delle preferenze manifestate dal pubblico per la soluzione della crisi irachena12. Al di là di aspetti contingenti quali la determinazione particolarmente inflessibile mostrata dal presidente Bush e l’eccezionale dispiegamento di risorse politiche e mediatiche da lui intrapreso per convincere l’opinione pubblica americana della necessità della guerra, i fattori strutturali – e decisivi – sono quelli noti in letteratura in riferimento al contesto americano. Sinteticamente si tratta di due fenomeni: 1) la fiducia di cui godono le istituzioni, a cominciare dal presidente, le cui decisioni sono, fino a prova contraria, ritenute giuste da una vasta quota del pubblico; 2) quando la guerra inizia effettivamente, la maggioranza dei cittadini (compresi alcuni di coloro che erano inizialmente dissenzienti) si stringe intorno al presidente e alle forze armate (fenomeno del rallying around the flag).

6. Osservazioni conclusive

57Come abbiamo visto, in Italia la funzione difesa, nella duplice accezione dei mezzi approntati (dimensione sociale e organizzativa) e dei fini da perseguire (dimensione politica), ha alle spalle un rapporto non facile con l’opinione pubblica. Alle origini di tale difficoltà vi è l’esperienza storica di un popolo invaso e diviso, che per secoli ha visto nella forza uno strumento non di tutela nei confronti delle minacce esterne, bensì di dominio interno. Una rappresentazione che, migliorata lentamente e parzialmente nei primi sessant’anni dello Stato unitario, ha subìto una pesante battuta d’arresto con la débâcle del fascismo e della seconda guerra mondiale.

58Nella fase della ricostruzione, l’adesione dell’Italia al Patto atlantico e l’inserimento delle sue Forze armate nel dispositivo strategico della Nato hanno ritagliato per il nostro Paese un ruolo strategico defilato. Sul piano interno, la contrapposizione tra maggioranza e opposizione – le quali pure tendevano a evitare di trascinare le Forze armate nella polemica – ha avuto l’effetto di prevenire il dibattito franco e aperto sul merito di problemi. Ripiegando gli uni sulla difesa acritica dell’esistente e gli altri su posizioni di principio astrattamente «riformatrici» se non addirittura «rivoluzionarie», la politica della difesa ha presentato fino a tutti gli anni Sessanta un andamento alquanto routinario e burocratizzato, cui corrispondeva nell’opinione pubblica un’accettazione diffusa ma sostanzialmente passiva. La situazione inizia a cambiare nel decennio successivo, sotto la duplice influenza di un quadro internazionale dove il rapporto tra le due superpotenze passa dalle sfide della guerra fredda alle prove di dialogo della distensione, e di un quadro socio-politico interno in movimento. Qui, dopo aver investito le università, le scuole e le fabbriche, la generazione del ’68 porta nelle caserme, attraverso il servizio di leva, fermenti politici e una contestazione che è insieme generazionale e sociale. Prende così corpo un processo di democratizzazione dell’istituzione militare che coinvolgerà anche alcune categorie dei quadri e che si concluderà con l’approvazione della legge sui principi del 1978.

59La svolta definitiva, tuttavia, avrà luogo nel 1989 quando, in un contesto internazionale rivoluzionato dall’auto-dissolvimento dell’Unione Sovietica e del Patto di Varsavia, l’Italia inizierà a giocare un ruolo strategico più attivo. Il quadro delle alleanze rimane saldamente quello atlantico a guida americana, sul cui ambito reparti italiani prenderanno parte alle maggiori operazioni militari degli anni Novanta, dalla guerra del Golfo (1991) a quella del Kossovo (1999). Configurando un uso massiccio della forza, queste operazioni suscitano le critiche e l’opposizione di settori dell’opinione pubblica e dello schieramento politico nazionale (Rifondazione Comunista, gruppi cattolici e pacifisti). Fruendo di una più o meno esplicita autorizzazione della comunità internazionale, e facendo leva sulla loro relativa brevità, questi interventi bellici vengono accettati, o per meglio dire tollerati, dalla maggioranza dell’opinione pubblica italiana. Che riserva invece maggiore entusiasmo alle vere e proprie missioni di pace, nelle quali è nettamente prevalente, o esclusivo, l’aiuto umanitario.

  • 13 Già un decennio fa dalle rilevazioni di Difebaromentro emergeva la duplice, e solo apparentemente c (...)

60Al di là delle differenze politiche – che è indispensabile sottolineare analizzando ciascuna delle operazioni all’estero intraprese dall’Italia – rimane il fatto che tutte contribuiscono ad accreditare l’immagine di uno strumento militare che realizza in modo sostanzialmente soddisfacente i compiti che gli vengono affidati. Contemporaneamente, così come accade nella maggioranza dei paesi dell’Occidente, nell’opinione pubblica italiana è ormai definitivamente tramontata la visione del servizio militare come diritto-dovere connesso alla cittadinanza. In una cultura crescentemente individualista, dove alla partecipazione personale si va sostituendo la delega, il servizio militare viene ormai interpretato come una professione che, chi lo desidera, deve essere messo in condizioni di intraprendere. A sua volta, quest’ultimo aspetto presuppone una maggiore consapevolezza della necessità sociale e politica di una funzione difesa e degli oneri finanziari che ciò comporta13, così come un atteggiamento non pregiudiziale, bensì propenso a formulare valutazioni di merito, nei confronti dell’istituzione preposta a tale funzione.

61In questo come in altri ambiti, l’evoluzione pragmatica degli atteggiamenti dei cittadini porta questi ultimi a valutare sempre meno sulla base delle appartenenze (ideologiche) e sempre più sulla base dei problemi, i quali a loro volta non compaiono spontaneamente sulla scena bensì sono presentati dalle fonti istituzionali, selezionati dai decisori e veicolati dai media. Rispetto alla rappresentazione elaborata in passato dalla politica dei partiti, si tratta di un processo ambivalente, individualizzante anziché collettivizzante, con i vantaggi e gli svantaggi di una tale situazione. Se perde l’apporto di un’istanza partecipativa come quella assicurata dai partiti, tale processo guadagna in complessità e personalizzazione nell’elaborazione degli atteggiamenti. Certamente, questi ultimi sono soggetti ai pesanti condizionamenti del potere: agenzie governative, lobbies, mass media. Nelle democrazie pluralistiche, tuttavia, questi ultimi in particoalre hanno più successo nel definire l’agenda delle issues che nell’imporne i contenuti.

62Infine, anche all’interno di macro-tendenze che sono comuni a tutte le società dell’Occidente, sui temi della difesa l’opinione pubblica italiana mantiene, nel bene e nel male, caratteristiche proprie. Rispetto agli Stati Uniti, ad esempio, in Italia il governo non gode, in questo ambito come altrove, del patrimonio di fiducia a priori di cui gode il governo americano; piuttosto, nel nostro paese l’esecutivo ha dinanzi a sé di volta in volta il non facile compito di convincere i cittadini della validità delle scelte politiche operate. Mentre limita alcune capacità del governo, la natura condizionata del consenso costituisce un importante fattore di controllo e di bilanciamento nell’assunzione delle decisioni. Un chiaro esempio di ciò è stato rappresentato di recente dai riflessi interni della guerra irachena. A giudizio prevalente degli osservatori, nell’imminenza della guerra il presidente del consiglio Berlusconi avrebbe desiderato un ruolo più attivo dell’Italia, dal quale invece è stato dissuaso – oltre che da influenti prese di posizione come quelle del Papa e del Presidente della Repubblica – dalla contrarietà della grande maggioranza degli italiani attestata dai sondaggi di opinione.

63Nella politica estera e nella politica di difesa di «medie potenze» come l’Italia – che non sono predeterminate da interessi nazionali e da un ruolo geo-strategico esorbitanti – l’opinione pubblica può svolgere nei processi decisionali un ruolo preventivo più rilevante di quanto non accada a paesi con un sistema socio-culturale più rigido e interessi nazionali di portata mondiale. In questo quadro «l’etica della responsabilità», quale viene interpretata dal governo in carica, può venire agevolmente integrata da quel mix di «etica dei valori» e di comune buon senso che è elaborato da un’opinione pubblica oggi più preparata e più attenta. Ciò costituisce una delle caratteristiche politiche più interessanti delle società postmoderne, inducendo sul piano delle previsioni qualche elemento di ottimismo in un contesto che appare invece tendenzialmente critico.

Torna su

Bibliografia

Almond, G.A. (19602), The American People and Foreign Policy, New York, Praeger.

Ammendola T. (a cura di) (1999), Missione in Bosnia. Le caratteristiche sociologiche dei militari italiani, Milano, Angeli.

Battistelli F. (1996), Soldati. Sociologia dei militari italiani nell’era del peacekeeping, Milano, Angeli.

Battistelli F. (1998a), Introduzione. Le Forze armate italiane e il servizio militare femminile, in Battistelli F. (a cura di) (1998b), Donne e forze armate, Milano, Angeli, pp. 15-38.

Battistelli F. (a cura di) (2000), Anatomia del nonnismo. Cause e misure di contrasto del mobbing militare, Milano, Angeli.

Battistelli F. (2004), Gli italiani e la guerra. Tra senso di insicurezza e terrorismo internazionale, Roma, Carocci.

Bellucci P. (1998), Difesa, politica e società. La politica militare italiana tra obiezione di coscienza e professionalizzazione delle Forze Armate, Milano, Angeli.

Camera dei Deputati, Servizio Commissioni, Commissione iv (Difesa) (1998), Riforma della leva e nuovo strumento militare, Indagini conoscitive e documentazioni legislative n. 8, Atti parlamentari xiii legislatura, Roma, 2 voll.

Converse Ph. (1964), The Nature of Belief Systems in Mass Publics, in Apter D.A. (a cura di) (1964), Ideologies and Discontent, New York, The Free Press.

D’Amore C. (2001), Governare la difesa. Parlamento e politica militare nell’Italia repubblicana, Milano, Angeli.

European Commission (2003), Eurobarometer. Public Opinion in the European Union, Report, n. 38.

Everts Ph., Isernia P. (2001), Public Opinion and the International Use of Force, London and New York, Routledge.

Everts Ph, Isernia P. (2002), Reactions to the 9/11/2002 Terrorist Attack in Countries Outside the U.S., Centro Interdipartimentale di Ricerca sul Cambiamento Politico (Circap), Università di Siena, Working Paper n. 10.

Galli della Loggia E. (1996), La morte della patria. La crisi dell’idea di nazione tra Resistenza, antifascismo e Repubblica, Roma-Bari, Laterza.

Haltiner K.W. (1998), The Definite End of the Mass Army in Western Europe?, «Armed Forces and Society», 25, 1, pp. 7-36.

Inglehart R. (1977), The Silent Revolution: Changing Values and Political Styles, Princeton, Princeton University Press, trad. it. La rivoluzione silenziosa, Milano, Rizzoli, 1983.

Inglehart R. (1996), Modernization and postmodernization. Cultural, economic and political change in 43 societies, Princeton, Princeton University Press; trad. it. La società postmoderna, mutamento, ideologie e valori in 43 paesi, Roma, Editori Riuniti, 1998.

Isernia P. (1996), Dove gli angeli non mettono piede: opinione pubblica e politiche di sicurezza in Italia, Milano, Angeli.

Isernia P. (2002), Lontani ma vicini. Le opinioni pubbliche di Europa e Stati Uniti sulla politica internazionale, «Italianieuropei», n. 4, pp. 75-94.

Isernia P., Everts Ph. (2003), Uniti attorno alla bandiera. Le opinioni pubbliche di Europa e Stati Uniti di fronte alla guerra, «Italianieuropei», n. 2, pp. 49-78.

Male&ic M. (a cura di) (2003), Conscription vs. All-Volunteer Forces in Europe, Baden-Baden, Nomos.

Ministero della Difesa (2002), La Difesa. Libro Bianco 2002, Roma.

Panebianco A. (1997), Guerrieri democratici. Le democrazie e la politica di potenza, Bologna, Il Mulino.

Righi L. (a cura di) (2004), Giovani e servizio civile: uno strumento di cittadinanza sociale, Milano, Angeli.

Rusconi G.E. (1993), Se cessiamo di essere una nazione, Bologna, Il Mulino.

Santoro C.M. (1987), La politica estera di una media potenza, Bologna, Il Mulino.

Schmitt C. (1927), Begriff des Politischen, «Archiv fur Sozialwissenschaft und Sozialpolitik», lviii, 1927, trad. it. Il concetto del «politico», in Le categorie del «politico», Bologna, Il Mulino, 1972.

Sciré Ingastone S. (2004), Il fenomeno delle dispense dal servizio civile, in Righi L. (a cura di) (2004).

Spini V., Isman F. (1997), Naja? No grazie, Milano, Baldini e Castoldi.

Torna su

Note

1 Per utilizzare la metafora formulata da un leader d’opinione intervistato nelle nostre ricerche, l’atteggiamento degli italiani è quello di chi, avendo «posseduto per decenni un Tir che restava parcheggiato in garage», finalmente lo vede «correre a pieno carico sull’autostrada».

2 È significativo che per quarantacinque anni la titolarità del ministero della Difesa (come per altri versi di quello degli Esteri) sono sempre stati appannaggio della Democrazia cristiana o dei due piccoli partiti centristi (repubblicani e socialdemocratici), che sono stati i suoi più stretti alleati di governo.

3 Ad esempio nel 1997 l’opposizione di centrodestra, in un momento di difficoltà del governo di centrosinistra cui era venuto a mancare il voto di Rifondazione Comunista, aveva sostenuto con il suo voto la seconda missione in Albania (denominata Alba).

4 La lievissima ripresa dei favorevoli alla coscrizione obbligatoria, rilevata nel gennaio 2002, è presumibilmente contingente e riconducibile all’effetto «Twin Towers».

5 Come noto, esiste un rapporto inversamente proporzionale tra piena occupazione e propensione all’arruolamento. Non a caso le Forze armate italiane hanno il loro più ampio serbatoio di risorse umane volontarie nel Mezzogiorno, caratterizzato da forti tassi di disoccupazione, che nella classe di età 15-24 raggiungono il 31,2% della forza lavoro.

6 Va almeno accennato che nel 1999 i Carabinieri, già prima Arma dell’Esercito, hanno ottenuto di diventare Forza Armata autonoma, con implicazioni istituzionali importanti, ma la cui analisi esula dallo scopo di questo studio. Per quanto riguarda lo specifico tema del reclutamento, i Carabinieri non hanno mai avuto in passato, né hanno ora, problemi ad arruolare tutti i giovani di cui hanno bisogno. La domanda di arruolamento nei Carabinieri è anzi così elevata (come lo è del resto nella Polizia di Stato, a ordinamento civile) che lo Stato Maggiore della Difesa persegue da tempo l’obiettivo di ancorare l’arruolamento nei Carabinieri e negli altri Corpi di polizia alla prestazione, da parte dell’aspirante, di un periodo di ferma come volontario nelle Forze Armate.

7 Va ricordato che a livello mediatico il tema ha destato un’attenzione molto vivace, superiore, grazie al suo impatto di immagine, a quello suscitato dall’abolizione della leva.

8 Altresì ridotti i numeri che riguardano le altre categorie. Oltre alle allieve ufficiali e sottufficiali reclutate da tutte e tre le Forze Armate (più i Carabinieri), l’Esercito ha iniziato per primo ad arruolare soldate a livello di truppa, seguìto da Marina e Aeronautica. Nel 2002 le donne nelle Forze Armate italiane erano in totale 1.113.

9 La circostanza determinò un significativo contrasto all’interno dello stesso governo italiano, espresso su posizioni filoamericane dall’allora ministro della Difesa, il repubblicano Giovanni Spadolini.

10 Ci si riferisce alla partecipazione italiane a missioni di peacekeeping fortemente patrocinate dal mondo cattolico come il Mozambico nel 1993 o Timor Est nel 1999. Non si può dimenticare che l’Italia è il paese che ospita la Santa Sede e che quindi intrattiene un legame speciale con il mondo cattolico nella duplice accezione del Vaticano (e della sua diplomazia) e della rete ecclesiale e associazionistica attiva nella società italiana.

11 Secondo Isernia (2002, 77), «A livello di pubblico generale, le popolazioni dai due lati dell’Atlantico concordano su molti più temi di quanto si possa sospettare: europei ed americani hanno una visione delle sfide, minacce e priorità internazionali molto simile; non vedono il mondo in modo molto diverso, ed entrambi condividono la grande inquietudine nei confronti della minaccia costituita dal terrorismo internazionale; agli europei piacciono gli Stati Uniti e viceversa; ed entrambi approvano l’uso della forza quando le circostanze internazionali lo rendano necessario. Gli europei, come peraltro molti americani, sono in disaccordo su alcuni aspetti della politica estera degli Stati Uniti e su alcuni punti sono più vicini tra loro di quanto lo siano ai loro rispettivi governi».

12 Per una trattazione dell’argomento v. Isernia e Everts, 2003; Battistelli, 2004.

13 Già un decennio fa dalle rilevazioni di Difebaromentro emergeva la duplice, e solo apparentemente contraddittoria, tendenza degli italiani a preferire di non occuparsi in prima persona della difesa ma, anche, ad accettare di sostenere i costi affinché qualcuno lo faccia. Alla domanda sul modello di reclutamento auspicato, l’85% del campione indicava il modello misto o professionale e soltanto il 15% il modello fondato sulla leva. Il dato più interessante, tuttavia, è rappresentato dalla successiva risposta nella quale il 61% dei sostenitori di forze armate con molti o soli volontari affermavano di mantenere questa posizione anche se ciò avesse comportato un aumento delle spese militari (Difebarometro n. 1, 16.2.1995).

Torna su

Indice delle illustrazioni

Titolo Fig. 1 Evoluzione delle opinion sul reclutamento delle Forze armate in Italia (1969-2002)
Credits Fonte: 1969: Doxa; 1989: Mannheimer e Sani, 1992: Archivio Disarmo, 1993; 1994-2002: Archivio Disarmo, Difebarometro
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/1180/img-1.jpg
File image/jpeg, 152k
Titolo Fig. 2. Domamde di obiezione di coscienza in Italia (1973-2001)
Credits Fonte: Righi, 2004, elaborazione su dati del Ministero della Difesa e dell’Ufficio Nazionale per il Servizio Civile
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/1180/img-2.jpg
File image/jpeg, 328k
Titolo Fig. 3. Contrari e favorevoli a una politica estera comune
Credits Fonte: Eurobarometro, Inchiesta n. 58. 1. Rilevazione ottobre-novembre 2002
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/1180/img-3.jpg
File image/jpeg, 492k
Titolo Fig. 4. Contrari e favorevoli a una politica della difesa comune
Credits Fonte: Eurobarometro, Inchiesta n. 58. 1. Rilevazione ottobre-novembre 2002
URL http://journals.openedition.org/qds/docannexe/image/1180/img-4.jpg
File image/jpeg, 536k
Torna su

Per citare questo articolo

Notizia bibliografica

Fabrizio Battistelli, « L’opinione pubblica italiana e la difesa »Quaderni di Sociologia, 32 | 2003, 8-36.

Notizia bibliografica digitale

Fabrizio Battistelli, « L’opinione pubblica italiana e la difesa »Quaderni di Sociologia [Online], 32 | 2003, online dal 30 novembre 2015, consultato il 26 novembre 2020. URL: http://journals.openedition.org/qds/1180; DOI: https://doi.org/10.4000/qds.1180

Torna su

Autore

Fabrizio Battistelli

Università «La Sapienza», Roma

Articoli dello stesso autore

Torna su

Diritti d'autore

Licenza Creative Commons
Quaderni di Sociologia è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Torna su
  • Logo Rosenberg & Sellier
  • Logo DOAJ - Directory of Open Access Journals
  • OpenEdition Journals
Cerca su OpenEdition Search

Sarai reindirizzato su OpenEdition Search